Corso di COMUNICAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di COMUNICAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA"

Transcript

1 Università degli Studi di Napoli Parthenope Corso di COMUNICAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA Prof. Loris LANDRIANI a. a

2 info Sito Orario dei corsi Programma Mail docente Ricevimento Libri di testo Modalità d esame

3 Libri di testo: CORVI E. (2000), Comunicazione d impresa e investor relation, Ed. Egea, Milano La gestione della comunicazione economico-finanziaria BERETTA S. (2007, a cura di) No news bad news, Ed. Egea Milano Perché e come comunicare informazioni economico finanziarie su base volontaria

4

5 La strategia aziendale SISTEMA COMPETITIVO SISTEMA SOCIALE Strategia competitiva Strategia sociale SISTEMA DI PRODOTTO STRUTTURA PROSPETTIVE OFFERTE / CONTRIBUTI RICHIESTI

6

7 INFORMAZIONI INTERNE PREVENTIVE BUDGET CONTROLLO DI GESTIONE ESTERNE CONSUNTIVE RAGIONERIA BILANCIO

8 GOVERNANCE VALORI CULTURA MISSION STRATEGIA POLITICA RAZIONALITA DECISIONI VISION

9 BILANCIO E STAKEHOLDER Bilancio d esercizio Bilancio consolidato Bilancio abbreviato Bilancio interno Bilancio fiscale Bilancio intermedio Bilancio straordinario Bilancio di fusione Bilancio di liquidazione Bilancio certificato Bilancio pubblico Bilancio ambientale Bilancio sociale Bilancio di missione Bilancio di mandato E Q U I L I B R I O Azionisti Manager Imprenditore Dipendenti Fornitori Clienti Banche Fisco EELL Stato Associazioni Comunità Concorrenti Risparmiatori Authority..

10 BILANCIO Strumento informativo MODELLO DI COMPORTAMENTO

11 I CRITERI DI VALUTAZIONE OIC 1-5 CNDC-R TUIR Codice Civile (art ) D.lgs 6/03 IASC 1-41 (IAS) IASB 1-8 (IFRS)

12 L APPLICAZIONE DEGLI IAS IN ITALIA (semplificato) Anno Bilancio Categoria Adozione IAS 2005 Consolidato Banche, assicurazioni, quotate, gruppi, finanziarie Obbligatorio esercizio Banche, assicurazioni, quotate, gruppi, finanziarie Facoltativo 2006 esercizio Banche, assicurazioni, quotate, gruppi, finanziarie Obbligatorio 2006 esercizio Per tutti gli altri In attesa di decreto 2006 esercizio Bilancio abbreviato Esclusi

13 Implicazione della transizione agli IAS (sintesi) cambia la filosofia del bilancio mutano gli obiettivi assegnati al bilancio si ampliano i destinatari dell informativa di bilancio si modifica la composizione del bilancio vi è un nuovo impianto normativo

14

15

16

17

18

19

20

21 BANCHE CONCORRENTI AZIONISTI PROPRIETA CLIENTI AZIENDA BILANCIO FORNITORI DIPENDENTI STATO ENTI LOCALI COMUNITA

22 Le informazioni che derivano dal bilancio d esercizio sono per loro natura: statiche (si riferiscono al passato); prestabilite, nella loro forma, dalle leggi; solo di carattere quantitativo; soggettive, cioè realizzate dall arbitrio di chi ne ha la responsabilità formale e sostanziale, seppur nell ambito delle leggi vigenti. Quindi: disponiamo di informazioni limitate!!!

23 L analisi di bilancio, con varie tecniche e strumenti, si pone l obiettivo di superare alcuni dei limiti che ci derivano dalle informazioni provenienti dai bilanci civilistici. La logica su cui si basa quest analisi è quella sistemica. AZIENDA SISTEMA BILANCIO ANALISI DI BILANCIO ANALISI DELL AZIENDA ANALISI SISTEMICA

24 Obiettivi dell analisi di bilancio I bilanci, di per sé, non rappresentano uno specchio ottimale delle dinamiche gestionali e dei loro risultati. IL NOSTRO OBIETTIVO NON E LEGGERE IL BILANCIO, MA LEGGERE LA GESTIONE ATTRAVERSO IL BILANCIO GESTIONE si riflette nel BILANCIO Capacità di lettura potenziata INTERPRETAZIONI metodologie di analisi lettura INFORMAZIONI

25 Le modalità dell analisi di bilancio possono essere suddivise in tre gruppi: attraverso le riclassificazioni attraverso gli indici attraverso i flussi e puntano ad avere le seguenti informazioni: economiche obiettivo redditività patrimoniali obiettivo solidità finanziarie obiettivo liquidità

26 Le informazioni economiche attengono a costi, ricavi, ecc. Le informazioni patrimoniali attengono a fonti, impieghi, ecc. Le informazioni finanziarie attengono a crediti, debiti, ecc Vantaggi delle riclassificazioni: i prospetti contabili (SP, CE) sono ri-aggregati per voci omogenee Vantaggi dell analisi per indici: i dati assoluti forniti dai bilanci divengono relativi Vantaggi dell analisi per flussi: i dati che si ottengono sono depurati da manovre di bilancio

27 Gli strumenti dell analisi di bilancio: per flussi rendiconto finanziario cash flow per indici redditività liquidità struttura durata produttività CE costi e ricavi della produzione venduta valore aggiunto per riclassificazione margine operativo lordo (MOL) pertinenza gestionale SP liquidità esigibilità funzionale

28 L analisi della dinamica finanziaria Lo studio della dinamica finanziaria consente di rispondere a due quesiti: qual è il quantitativo di risorse monetarie complessivamente movimentato nel corso del periodo di osservazione; qual è la provenienza e quale la destinazione delle risorse monetarie.

29 Riclassificazione del CONTO ECONOMICO secondo il MOL VALORE DELLA PRODUZIONE - TOT. COSTI FATTORI ESTERNI VALORE AGGIUNTO - SPESE PER IL PERSONALE MARGINE OPERATIVO LORDO (EBITDA) - AMMORTAMENTI, ACCANTONAMENTI, SVALUTAZIONI, ecc. MARGINE OPERATIVO NETTO = REDDITO OPERATIVO (EBIT) SALDO GESTIONE FINANZIARIA, STRAORDINARIA, FISCALE UTILE (O PERDITA) D ESERCIZIO

30 Riclassificazione STATO PATRIMONIALE, secondo il criterio FUNZIONALE Crediti di esercizio + ratei attivi Rimanenze di esercizio Capitale circolante lordo (debiti a breve, compresi TFR, ratei pax) (fondi svalutazione specifici) (fondi spese future) CAPITALE CIRCOLANTE COMMERCIALE NETTO Imm. Materiali nette imm. Immateriali nette imm. Finanziarie nette CAPITALE FISSO OPERATIVO Imm. Materiali Extra operative nette imm. Immateriali operative nette imm. Finanziarie operative nette CAPITALE FISSO EXTRAOPERATIVO CAPITALE FISSO NETTO (T.F.R. ed altre pass.tà non finan. a medio termine) (Fondo imposte) CAPITALE INVESTITO AL NETTO DELLE PASSIVITA' DI FUNZIONAMENTO (tot. ATTIVO)

31 debiti finanziari (liquidità) (crediti finanziari) POSIZIONE FINANZIARIA NETTA capitale sociale utile a nuovo fondi riserve reddito netto PATRIMONIO NETTO TOTALE FONTI (tot. PASSIVO)

32 Riclassificazione secondo il criterio di liquidità / esigibilità Schema ATTIVITA' PASSIVITA' ATTIVITA' A BREVE ATTIVITA' CONSOLIDATE Liquidità immediata Debiti verso banche Cassa - C/c Fornitori Titoli negoziabili Debiti tributari PASSIVITA'... Rate in scadenza dei mutui A BREVE Liquidità differite Quote TFR da liquidare Crediti commerciali Cambiali attive.. Disponibilità Scorte Mutui Anticipi a fornitori Debiti consolidati... Prestiti obbligazionari (fondi di pertinenza) Fondo TFR PASSIVITA' Immobilizzazioni tecniche CONSOLIDATE impianti Macchinari Immobili Immobilizzazioni finanziarie Azioni Quote societarie Altri titoli Immobilizzazioni immateriali Capitale sociale Marchi Riserve CAPITALE Brevetti Utili (perdite) NETTO Spese di ricerca e sviluppo (fondi di pertinenza) ATTIVITA' NETTA PASSIVITA' E CAPITALE NETTO

33 Riclassificazione secondo il criterio della pertinenza gestionale Schema Scorte Crediti verso clienti Anticipi a fornitori Altre attività correnti... (Fondi di pertinenza) Macchinari e impianti Attrezzature Brevetti Spese di R&S Partecipazioni operative... (Fondi di pertinenza) ATTIVITA' CORRENTI ATTIVITA' NON CORRENTI OPERATIVE ATTIVITA' OPERATIVE Debiti vs fornitori Fondo TFR Debiti tributari Anticipi da clienti... Debiti vs banche Mutui Obbligazioni Prestiti da soci Altri debiti finanziari... PASSIVITA' CORRENTI PASSIVITA' NON CORRENTI (O FINANZIARIE) Titoli negoziabili Titoli a reddito fisso Immobili non operativi C/c bancari e postali... (Fondi di pertinenza) ATTIVITA' NON OPERATIVE Capitale sociale Riserve Utili (o perdite)... CAPITALE NETTO

34 INDICI DI REDDITIVITA ROI (return on investment) = REDDITO OPERATIVO/K investito nella gest. caratteristica ROE (return on equity) = UTILE/CAPITALE NETTO ROS (return on sales) = REDDITO OPERATIVO/RICAVI DI VENDITA ROA (return on asset) = REDDITO OPERATIVO/TOT. K investito

35 Il ROI può essere anche calcolato come: (REDDITO OPERATIVO/VENDITE) x (VENDITE/K gest. caratt.), cioè come prodotto tra il ROS ed il tasso di rigiro del capitale investito nella gestione caratteristica, cioè quante volte nell arco dell anno, il capitale investito si è trasformato in risorse finanziarie Problemi del ROI: individuazione del capitale investito nella sola gestione caratteristica individuazione del tempo in cui rilevare la consistenza del capitale Problemi del ROE: al denominatore del rapporto deve essere compreso l utile di periodo? Quando possiamo affermare che il ROI ed il ROE sono soddisfacenti?

36 LE ALTRE LEVE LEVA OPERATIVA MARGINE DI CONTRIBUZIONE*/REDDITO OPERATIVO LEVA STRUTTURALE - COSTI FISSI/REDDITO OPERATIVO A quanto ammonta la differenza in valore assoluto tra le due leve? *Margine di contribuzione: ricavi costi variabili

37 INDICI DI LIQUIDITA CURRENT RATIO (indice di disponibilità) = ATTIVITA CORRENTI/PASSIVITA CORRENTI QUICK RATIO (Acid test, indice di liquidità) = (ATTIVITA CORRENTI SCORTE)/PASSIVITA CORRENTI

38 INDICI DI STRUTTURA Margine di struttura I (primario) CAPITALE PROPRIO/IMMOBILIZZAZIONI Margine di struttura II (secondario) (CAPITALE PROPRIO + DEBITI M/L)/IMMOBILIZZAZIONI Margine di tesoreria ATTIVITA A BREVE PASSIVITA A BREVE Coefficiente di indebitamento (elasticità delle fonti) CAPITALE PROPRIO/CAPITALE DI TERZI Elasticità degli impieghi IMMOBILIZZAZIONI/CAPITALE CIRCOLANTE

39 INDICI DI PRODUTTIVITA complessiva VALORE AGGIUNTO/VALORE DEL PRODOTTO del lavoro VALORE AGGIUNTO/COSTI DEL LAVORO del capitale VALORE AGGIUNTO/CAPITALE INVESTITO

40 INDICI DI DURATA - ROTAZIONE TEMPO MEDIO DI INCASSO CREDITI VS CLIENTI/FATTURATO GIORNALIERO TEMPO MEDIO DI PAGAMENTO DEBITI VS FORNITORI/ACQUISTI GIORNALIERI TEMPO MEDIO GIACENZA SCORTE GIACENZE DI MAGAZZINO/ ACQUISTI GIORNALIERI Cosa dovrebbe fare un buon imprenditore?

41 La redditività: la relazione tra ROE, ROI e struttura finanziaria - S.P IMPRESA A Impieghi Capitale Netto Indebitamento Totale attivo Totale passivo Tasso di interesse sul prestito pari al 10% IMPRESA B Impieghi Capitale Netto Indebitamento Totale attivo Totale passivo Tasso di interesse sul prestito pari al 10%

42 La redditività: la relazione tra ROE, ROI e struttura finanziaria - C.E Impresa A Impresa B Reddito operativo 500 Reddito operativo oneri finanziari oneri finanziari Utile ante-imposte 400 Utile ante-imposte Imposte (50%) Imposte (50%) Utile netto 200 Utile netto 150 ROI 16,7% ROI 16,7% ROE 10,0% ROE 15,0%

43 Impresa A (Se il tasso di interesse passa dal 10 al 20%) Impresa B Reddito operativo 500 Reddito operativo oneri finanziari oneri finanziari Utile ante-imposte 300 Utile ante-imposte Imposte (50%) Imposte (50%) - 50 Utile netto 150 Utile netto 50 ROI 16,7% ROI 16,7% ROE 7,5% ROE 5,0%

44 Destinatari e Attori della comunicazione economico- finanziaria Prof. Loris Landriani

45 I destinatari della comunicazione economico-finanziaria Lavoratori dirigenti dipendenti Azionisti di comando di minoranza attivi dormienti Clienti/Fornitori cassettisti speculatori

46 I destinatari della comunicazione economico-finanziaria Pubbliche autorità Fisco-Consob Borsa valori Banca d Italia Investitori potenziali individuali istituzionali Studiosi/Analisti/Mass media/associazioni di categoria/società di rating Collettività

47 Gli investitori potenziali -Creditori finanziari Investitori potenziali individuali -Potenziali azionisti di controllo -Potenziali azionisti di minoranza istituzionali -Banche -Intermediari finanziari

48 I creditori finanziari I creditori finanziari di un impresa possono essere rappresentati da: istituti di credito; obbligazionisti; lavoratori.

49 Studiosi, Analisti, Mass media, Società di rating, intermediari finanziari Domanda di informazioni primarie Intermediari della CEF Offerta di informazioni Al mercato Alle imprese emittenti Agli investitori finali Primarie Secondarie Alla collettività Ai clienti

50 I gap informativi gap istituzionale: tra la valutazione aziendale e la valutazione degli investitori; gap di mercato: tra la valutazione aziendale e la valutazione di mercato; gap strutturale: tra la valutazione degli investitori e la valutazione di mercato.

51 Le informazioni nelle scelte di investimento crescita di mercato; sviluppo di nuovi prodotti; investimenti in R&S; qualità dei prodotti; raggiungimento degli obiettivi strategici; costi; andamento del settore; quota di mercato; qualità dei processi; utili; flussi di cassa.

52 Strumenti per la valutazione dell investimento analisi fondamentale; dividend discount model.

53 Gli Attori della comunicazione economico-finanziaria Per gestire l attività di comunicazione l impresa ha tre alternative: svolgere al proprio interno tutte le attività; delegare tutte le attività di comunicazione a professionisti esterni; dotarsi all interno della struttura aziendale di figure che operino a contatto con professionisti esterni.

54 Gli attori aziendali presidente; amministratore delegato; direttore finanziario; direttore del personale; direttore amministrativo; responsabile ufficio soci; responsabile relazioni esterne; investor relations.

55 Il rapporto tra attori aziendali e destinatari Attori aziendali Direttore finanziario Direttore del personale Responsabile ufficio soci Responsabile relazioni esterne Investor relations Destinatari Banche Dipendenti Azionisti Mass Media Investitori istituzionali, privati, risparmiatori

56 Investor relations La funzione di investor relations consiste nella comunicazione efficace e tempestiva di informazioni favorevoli e sfavorevoli sull impresa al mercato azionario e a particolari target, affinché gli investitori possano formulare valutazioni più complete e corrette sui prezzi delle azioni. Il ruolo centrale dell Investor relation si sostanzia nel mantenimento di un adeguata domanda di titoli a un prezzo che rifletta il suo reale potenziale, ovvero nella riduzione del gap di mercato.

57 L Investor relations aziendale L investor relations può essere una funzione interna, di solito posta nell area finanza o in posizione di staff dell alta direzione, composta da un gruppo di risorse specializzate nel rapporto con gli attori del mercato finanziario. Nelle funzioni di Investor relations si cumulano spesso competenze finanziarie e gestionali con competenze di marketing e relazionali.

58 Le fasi dell Investor relations analisi e valutazione della situazione attuale; fissazione degli obiettivi che si intendono raggiungere; pianificazione di un programma di comunicazione; controllo e valutazione dei risultati.

59 I livelli e le tipologie di comunicazione Comunicazione primaria dovuta; comunicazione primaria voluta; comunicazione secondaria derivata.

60 Gli Attori della comunicazione derivata Mass media; Analisti; Intermediari finanziari; Società di rating.

61 La comunicazione obbligatoria Prof. Loris Landriani

62 Norme di riferimento Codice Civile; Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria (d. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58); Regolamento Consob n del 1 luglio 1998; Regolamento Borsa Italiana.

63 T.U.F. Art. 114, c. 1 informare il pubblico dei fatti idonei ad influenzare sensibilmente i prezzi degli strumenti finanziari (price sensitive); Art 114, c. 5 la CONSOB può richiedere altre notizie e documenti; Art. 114, c.6 possibilità di reclamo; Art. 116, c.1 applicazione delle disposizioni dell art 114 anche alle società non quotate emittenti strumenti finanziari diffusi in modo rilevante;

64 T.U.F. Art. 94 comunicazione alla CONSOB, con allegato il prospetto informativo destinato a pubblicazione, per le società che intendono effettuare una sollecitazione all investimento; Art. 102 comunicazione alla CONSOB, con allegato il documento destinato a pubblicazione, per le società che intendono lanciare un Offerta Pubblica di Acquisto (OPA) o un Offerta Pubblica di Scambio (OPS); Art. 113 regolamentazione del prospetto di quotazione.

65

66

67

68

69 CONSOB Regolamenta - la prestazione dei servizi di investimento; - gli obblighi informativi delle società quotate; - le offerte al pubblico di strumenti finanziari. Autorizza la pubblicazione dei prospetti informativi relativi a offerte pubbliche di scambio/acquisto; l esercizio dei mercati regolamentati; la iscrizione agli albi delle imprese di investimento, dei promotori finanziari e delle società di revisione.

70 CONSOB Inoltre vigila sulla società di gestione dei mercati e sulla trasparenza ed ordinato svolgimento delle negoziazioni, nonché sulla trasparenza e correttezza dei comportamenti degli intermediari e dei promotori finanziari; sanziona i soggetti vigilati, direttamente o formulando una proposta al Ministero dell economia e delle finanze; controlla le informazioni fornite al mercato dalle società quotate e da chi promuove offerte pubbliche di strumenti finanziari; accerta eventuali andamenti anomali delle contrattazioni sui titoli quotati.

71 Regolamento Borsa Italiana Disciplina le condizioni e modalità di ammissione, esclusione e sospensione degli strumenti finanziari dalle negoziazioni; le condizioni e modalità di ammissione, esclusione e sospensione degli operatori dalle negoziazioni; le condizioni e modalità di svolgimento delle negoziazioni e di funzionamento dei servizi ad esse strumentali; le modalità di accertamento, pubblicazione e diffusione dei prezzi e delle informazioni.

72 Il sistema delle norme Società non quotate Modello del Codice Civile - Bilancio (art ss) Modello Istituzionale Periodica Episodica Grandi società non quotate e società quotate - Relazione degli amministratori (art. 2428) - Verbali di assemblea (art. 2375) - Bilancio consolidato (d. lgs. 127/1991) -Trasformazione, Fusione, Scissione (art quater) - Prospetto informativo -Relazione semestrale -Relazione trimestrale - Partecipazioni - Patti di sindacato - Modifica azionista di controllo - Modifica oggetto sociale - Assoggettamento a procedure concorsuali - Operazioni sul capitale - Fusioni/Scissioni -Acquisto o Alienazione di partecipazioni o ramo d azienda -Price sensitive

73 Il bilancio Il bilancio costituisce lo strumento di rappresentazione della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda ad una certa data. Il bilancio è disciplinato dal codice civile che ne stabilisce: principi di redazione; struttura; contenuto; criteri di valutazione.

74 La nota integrativa La nota integrativa assolve a finalità informative che tendono a soddisfare un duplice ordine di esigenze: illustrare nel dettaglio il contenuto delle varie poste dello stato patrimoniale e del conto economico, fornendo al lettore strumenti narrativi più analitici per descrivere ed interpretare le modalità di formazione dei valori sintetici accolti nei prospetti; riportare i dati e le notizie mancanti, nonché le informazioni complementari ed integrative a quelle riportate nei prospetti del reddito e patrimonio, svolgendo una funzione specificamente informativa.

75 La relazione sulla gestione La relazione sulla gestione è un documento che, pur non facendo parte integrante del bilancio, lo completa. L art c.c. prevede che in tale relazione vengano fornite informazioni su: situazione della società ed andamento della gestione; attività di ricerca e sviluppo; rapporti con imprese controllate, collegate, controllanti; numero e valore nominale delle azioni proprie possedute e alienate;

76 La relazione sulla gestione i fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio; l evoluzione prevedibile della gestione. se la società possiede degli strumenti finanziari, dovrà fornire informazioni su: gli obiettivi e le politiche della società in materia di gestione del rischio finanziario, compresa la politica di copertura per ciascuna operazione; l esposizione della società al rischio di prezzo, al rischio di credito, al rischio di liquidità e al rischio di variazione dei flussi finanziari.

77 La relazione semestrale e trimestrale Le società quotate, inoltre, devono redigere la relazione semestrale entro 3 mesi dalla fine del primo semestre e le relazioni trimestrali entro 45 giorni dalla fine di ogni trimestre. I criteri di redazione delle relazioni semestrali e trimestrali sono stabiliti dalla CONSOB con apposito regolamento. Queste relazioni contengono informazioni sugli andamenti economici, finanziari e patrimoniali della società.

78 Verbali di assemblea Le assemblee degli azionisti rappresentano il momento nel quale il management dell impresa dà conto della propria attività e della redditività di quest ultima a coloro che vi hanno investito il proprio denaro. Ai sensi dell art. 2375, il verbale di assemblea deve essere redatto senza ritardo, nei tempi necessari per la tempestiva esecuzione degli obblighi di deposito o di pubblicazione.

79 Eventi straordinari Per eventi straordinari si intendono le fusioni, le trasformazioni, le scissioni, le acquisizioni, il lancio di offerte pubbliche d acquisto, la quotazione in borsa, ecc. In tali circostanze, la comunicazione economicofinanziaria serve a: stimolare all interno dell organizzazione un forte senso di appartenenza ed una cultura unica; creare all esterno dell organizzazione un immagine forte e attrattiva.

80 La price sensitive information T.U.F., art. 114, c. 1 fermi gli obblighi di pubblicità previsti da specifiche disposizioni di legge, gli emittenti quotati e i soggetti che li controllano comunicano al pubblico, senza indugio, le informazioni privilegiate di cui all art. 181 che riguardano direttamente detti emittenti e le società controllate. T.U.F., art. 181, c. 1 per informazione privilegiata si intende un informazione di carattere preciso, che non è stata resa pubblica, concernente, direttamente o indirettamente, uno o più emittenti strumenti finanziari o uno o più strumenti finanziari che, se resa pubblica, potrebbe influire in modo sensibile sui prezzi di tali strumenti.

81 La quotazione in borsa La quotazione in borsa permette alle aziende di ottenere maggiore visibilità esterna. di conseguenza maggiore impegno nella comunicazione economicofinanziaria; maggiore impegno nelle altre aree della comunicazione; maggiore fabbisogno di integrazione della comunicazione

82 Le fasi del processo di quotazione Attività Delibera del CdA Nomina dello sponsor/sponsor meeting Attività di due diligence Attivazione contatti con istituzioni Stesura prospetti informativi Valutazione dell impresa Preparazione comfort letter parere società di revisione Delibera assemblea straordinaria Premarketing bookbuilding Domanda di ammissione alla quotazione Road show Costituzione del consorzio di collocamento Informativa CONSOB Pubblicazione del prospetto informativo Fissazione del prezzo di collocamento Comunicazione risultati dell offerta, verifica del flottante, ammissione alla contrattazione Comunicazione commerciale X X X Comunicazione economico-finanziaria X X X X X X X X X X X

83

84

85

86 CIRCUITI impresa Azionisti Lavoratori Clienti Fornitori Investitori Pubblica autorità Analisti Intermediari Finanziari Società di rating Mass media collettività offerta domanda

87 LA DOMANDA DI COMUNICAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA Dirigenti Attivi Lavoratori Dipendenti Dormienti Azionisti Di comando Di minoranza Clienti fornitori Fisco- Consob Pubbliche autorità Borsa valori Banca d Italia Creditori finanziari Istituti di credito Obbligazionisti Investitori potenziali Individuali Potenziali azionisti di controllo Potenziali azionisti di minoranza Lavoratori Istituzionali Banche Intermediari finanziari Società di intermediazioni finanziaria Studiosi Analisti Mass media Associazioni di categoria Società di rating Fondi comuni di investimento Società assicurative Collettività Corvi, 2007

88 Il processo della comunicazione aziendale Ricerca Programmazione Comunicazione Valutazione

89 La produzione delle informazioni Naturale esistenza di asimmetrie nella distribuzione delle informazioni Possibilità di ottenere informazioni indirette Necessità di effettuare un analisi costi/benefici

90 La produzione delle informazioni La direzione aziendale La tipologia d impresa I destinatari L oggetto della comunicazione L intermediazione

91 Obiettivi - ottenere capitali per espansione aziendale - massimizzare prezzo di collocamento e sostenere l azione - farsi accettare dalla comunità finanziaria - raggiungere un clima favorevole delle azioni - aumentare volumi scambi - migliorare la credibilità - prevenire o facilitare OPA

92 La funzione della comunicazione economico-finanziaria L allocazione ottimale delle risorse in relazione alle opportunità di investimento Gestione del rischio

93 Il mercato efficiente Assenza di costi di transazione per gli scambi Informazioni gratuite e disponibili Immediato adeguamento dei prezzi alle informazioni Medesima valenza per le informazioni In un mercato efficiente non esiste il problema della comunicazione

94 I livelli di efficienza di un mercato Efficienza forte Efficienza semi-forte Efficienza debole Qualora gli operatori più informati effettuino le proprie scelte di investimento prima che il prezzo delle attività finanziarie incorpori in modo completo gli effetti delle informazioni già in loro possesso, è possibile ottenere dei rendimenti superiori a quelli del mercato

95 Asimmetrie informative e conflitti d interesse: la teoria dell agenzia Proprietà/management Azionisti/creditori Holdup Moral hazard Incertezza sulla qualità della controparte

96 Possibili soluzioni Contratti di allineamento degli interessi Presenza di un consiglio di amministrazione Regolamentazione delle informazioni esterne Fattori di mercato: Modello di business Opportunità di sviluppo Efficienza Processi produttivi

97 Le variabili di contesto che influenzano la comunicazione Uncertainty avoidance Individualism Power distance Masculinity La situazione italiana Limitata protezione delle minoranze azionarie Concentrazione della proprietà Ridotto sviluppo del mercato

98 Fattori che influenzano la comunicazione economico finanziaria - dimensione aziendale - risorse di cui impresa dispone in modo autonomo - settore e gruppo strategico di appartenenza - normativa esistente - efficienza del mercato finanziario - diffusione dell azionariato - livello di diffusione dell investimento nel capitale di rischio delle imprese presso piccoli risparmiatori - peso della presenza di istituzioni finanziarie nel capitale delle imprese - fattori storici e culturali

99 Corporate governance e comunicazione Presenza di amministratori indipendenti Presenza di personalità dominanti Interlocking directors Background professionale Sistema di auditing

100 Tentativi di regolamentazione dei mercati Standard contabili comuni Supporto strumentale agli intermediari finanziari Incentivazione al management

101 4 Svizzera 12 Irlanda 5 Svezia 11 Hong Kong 12 Sudafrica 9 Giappone 14 USA 6 Germania 11 Spagna 9 Francia 12 Singapore 11 Finlandia 10 Olanda 13 Danimarca 9 Norvegia 11 Corea 13 Nuova Zelanda 13 Canada 4 Italia 11 Belgio 12 UK 14 Australia RATING PAESE RATING PAESE

102 L intervento aziendale, volto a differenziare l offerta per migliorare la gestione della propria immagine L intervento pubblico, volto a garantire una maggiore trasparenza del mercato, a vantaggio di imprese e consumatori

103 Valore dell impresa/valore di Borsa Livello di pay-out Emissione nuovi titoli Aumenti di capitale Rapporti di concambio Take over ostili

104 Fabbisogno di comunicazione Diffuso STAKEHOLDERS Pochi AZIONARIATO Elevato Medio-alto Concentrato Medio-basso Basso

105 Fabbisogno di comunicazione Elevata Azionariato diffuso Intangibles alti Molti stakeholders QUALITA QUANTITA Elevato Bassa Pochi azionisti Medio-basso Bassa Intangibles bassi Pochi stakeholders Medio-alto Basso

106 La scelta del mercato Tempi e costi di ammissione Dimensione del mercato Efficienza e trasparenza del mercato Specializzazione del mercato I fattori di mercato incidono per il 52% nella variabilità delle quotazioni I fattori settoriali incidono per il 28% I fattori specifici incidono solo per il 20%

107 La comunicazione volontaria: il bilancio di sostenibilità Prof. Loris Landriani 1

108 La Triple Bottom Line Prosperità economica Qualità ambientale Equità sociale

109 Comunicazione aziendale Il bilancio civilistico non è più l unico strumento attraverso cui l azienda comunica i propri risultati Valore Bilancio Ambientale Bilancio Sociale Profitto Bilancio Civilistico

110 La rendicontazione della CSR I Documenti Codice etico; bilancio sociale; Il bilancio di sostenibilità bilancio ambientale. 4

111 La rendicontazione della CSR Il codice etico Il codice etico è una sorta di carta dei diritti e dei doveri morali, dedita alla definizione delle responsabilità etiche e sociali di tutti coloro che partecipano all attività economica dell azienda, per cercare di prevenire comportamenti illeciti o irresponsabili, introducendo una chiara ed esplicita definizione delle responsabilità etiche e sociali dei dirigenti, dei quadri, dei dipendenti ed anche dei fornitori nei confronti dei differenti gruppi di stakeholder. 5

112 La rendicontazione della CSR La struttura del codice etico principi etici generali (mission e modalità di realizzazione); norme etiche per le relazioni dell azienda con gli stakeholder; standard etici di comportamento (trasparenza, imparzialità, tutela della persona e dell ambiente, ecc.); sanzioni interne per la violazione del codice; definizione degli strumenti di attuazione. 6

113 La rendicontazione della CSR Il bilancio sociale Il bilancio sociale è uno strumento di conoscenza e di comunicazione che mira a determinare la produzione d azienda di natura meta-economica e a comunicare agli stakeholder i risultati in termini sociali dell attività dell azienda. Lo scopo del bilancio sociale è di esplicitare le conseguenze sociali delle scelte economiche, al fine di costituire una coscienza sociale per l azienda. 7

114 La rendicontazione della CSR Obiettivi del bilancio sociale esprimere i valori e la cultura d azienda; far emergere, contemperare e soddisfare le aspettative degli stakeholder; rendere strutturale la strategia del dialogo con gli stakeholder. 8

115 La rendicontazione della CSR Le funzioni del bilancio sociale strumento di accountability; strumento di management; strumento di governance e gestione del consenso. 9

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE

I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE 1 Bilancio e comunicazione aziendale Vi sono diverse tipologie di bilanci: Obbligatori: quando sono previsti da norme di legge (bilancio d esercizio,

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

L informativa obbligatoria

L informativa obbligatoria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB L informativa obbligatoria Anno Accademico 2009-2010 1 INFORMATIVA OBBLIGATORIA Il sistema

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

Investimenti e Sviluppo spa

Investimenti e Sviluppo spa Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo S.p.A.: approvata la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2009; Paolo Bassi nominato consigliere per cooptazione; la società partecipata I Pinco Pallino

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

La comunicazione economico-finanziaria

La comunicazione economico-finanziaria La comunicazione economico-finanziaria Università di Urbino La comunicazione economico-finanziaria E il complesso delle comunicazioni effettuate attraverso qualsiasi canale di diffusione dalla direzione

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo Memorandum sul Sistema di di gestione Format esemplificativo Settembre 2011 Borsa Italiana S.p.A. Tutti i diritti riservati. Ai sensi della legge sui diritti d autore e del codice civile è vietata la riproduzione

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98)

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) INDICE PREMESSA... 4 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015... 5 HIGHLIGHTS DEL PERIODO... 6

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Company Profile. www.irtop.com

Company Profile. www.irtop.com Company Profile www.irtop.com 2 > Valori > Mission > Profilo > Obiettivi > Servizi di consulenza > Track record > Pubblicazioni > Contatti 3 VALORI Passione Crediamo nelle storie imprenditoriali dei nostri

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Come tradurre la strategia in azione a cura di Alessandro Saviotti - saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Costi Cash Flow EVA Return on investmen

Dettagli

Salvatore Ferragamo S.p.A.

Salvatore Ferragamo S.p.A. COMUNICATO STAMPA Salvatore Ferragamo S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 Continua la crescita dei Ricavi e dei Profitti del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Cagliari, 14 novembre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Ricavi netti 3.875 migliaia ( 3.164 migliaia al 30 giugno 2014)

Dettagli

Analisi economico-finanziaria delle PMI

Analisi economico-finanziaria delle PMI Università degli Studi "Magna Græcia" di Catanzaro Analisi economico-finanziaria delle PMI Simona Catuogno GIORNI DI LEZIONE Marzo 1,2 8,9 15,16 22,23 29, 30 Aprile 12,13 ==== ==== ==== ==== ORARIO DELLE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO Le ipotesi di miglioramento individuate lo scorso anno nel nostro primo Bilancio Sociale tracciano le linee di un percorso che abbiamo intrapreso nel 2002 e che intendiamo proseguire

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione 74 ESERCIZIO 6 INDIRIZZO Igea Mercurio Classe 5ª Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione di GIULIANO PAGANIN L attività aziendale può essere sostenuta attraverso le fonti, generatrici di

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione Le problematiche organizzative e manageriali Milano, 30 maggio 2001 Agenda Sessione I INTRODUZIONE 3 Sessione II MANAGEMENT

Dettagli

Gli strumenti della comunicazione finanziaria applicabili alle PMI

Gli strumenti della comunicazione finanziaria applicabili alle PMI Gli strumenti della comunicazione finanziaria applicabili alle PMI Fiorenzo Tagliabue SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali Bari, 16 novembre 2001 Perché occuparsi di comunicazione? Perché la comunicazione

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

La pianificazione strategica

La pianificazione strategica Esempio budget 1 Obiettivi 1. Capire cosa si intende per pianificazione strategica e in quale contesto si inserisce il processo di formazione del budget 2. Capire perché le aziende preparano il budget

Dettagli

GUIDA PER L INFORMAZIONE AL MERCATO

GUIDA PER L INFORMAZIONE AL MERCATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 PERIODO: II TRIMESTRE

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo Giuridico Economico Aziendale (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali del progetto Sirio ) Tema di economia aziendale

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI COMUNICATO STAMPA YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Parte ordinaria: Approva il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 Approva la prima sezione della Relazione sulla Remunerazione Approva il

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli