La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin"

Transcript

1 La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin

2

3

4

5

6

7 Il livello di conoscenza del sistema di offerta La rilevazione Piani di zona riguarda tutti gli interventi sociali e sociosanitari erogati nel territorio di riferimento, sia da soggetti pubblici sia da soggetti privati. Rileva info su modalità di gestione, risorse e utenza Dati scaricati entro il 31 agosto Sono stati descritti quasi tutti gli interventi in modo completo Sono stati descritti quasi tutti gli interventi, riportando la maggior parte delle informazioni richieste Sono stati descritti gran parte degli interventi riportando parte delle informazioni richieste Sono stati descritti alcuni interventi riportando alcune delle informazioni richieste Nessun intervento descritto La copertura della rilevazione dei dati

8 Articolazione dei risultati Un quadro d insieme Le risorse economiche a sostegno del sistema complessivo, pubblico e privato, degli interventi sociali e socio-sanitari (fonti di finanziamento e aree di intervento) Le aree di intervento ANZIANI DISABILI MINORI GIOVANI E FAMIGLIA SALUTE MENTALE DIPENDENZE MARGINALITA SOCIALE IMMIGRAZIONE Alcune caratteristiche del sistema di offerta che caratterizza ciascuna area interventi fonti di finanziamento modalità di gestione Gli interventi Centro di servizi per anziani non autosufficienti Centro diurno per anziani non autosufficienti Comunità educativa per minori Asilo nido Centro diurno per disabili Comunità alloggio per disabili Comunità terapeutica residenziale protetta Servizi residenziali per le dipendenze Indicazioni per singola tipologia di intervento: Costi Fonti di finanziamento Modalità di gestione

9 Il valore del piano di zona Aulss7: distribuzione per area di intervento delle risorse pubbliche e private (es. compartecipazione dell utenza) Finanziamento complessivo: 102,7 mln di euro Anziani 58% Minori Giovani e famiglia 13% Generale 2% Immigrazione 1% MarginalitàDipendenze 1% 4% Disabili 12% Salute Mentale 9% Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) Le risorse economiche a sostegno dei servizi sociali e socio-sanitari

10 Il valore del piano di zona Aulss Che cosa influenza queste differenze? Le dimensioni dei territori I bisogni Il sistema di offerta Il sistema di finanziamento Il modello di welfare? Risorse pro-capite REGIONE VENETO AULSS Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) Le risorse economiche a sostegno dei servizi sociali e socio-sanitari

11 AREA DI INTERVENTO: ANZIANI

12 Area ANZIANI RISORSE ECONOMICHE PER RESIDENTE IN ETÀ 65anni e oltre Risorse complessive (Regione, Comune, Partecipazione Utenza, ecc.) Risorse che provengono da soggetti pubblici (Regione, Comuni, ecc.) aulss5 aulss9 AULSS aulss77 aulss1 aulss3 aulss2 Fonti: per le risorse economiche la fonte di riferimento è la Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008); per i dati sulla popolazione residente la fonte di riferimento è l ISTAT (www.demoistat.it) AULSS7 Fonti di finanziamento Regione Comune/I Utenza Altri enti Risorse area anziani 52% 7% 39% 2% 60,7 mln di euro Territori di riferimento: aulss1, aulss2, aulss3, aulss5, aulss7, aulss9 Gli interventi analizzati non comprendono i servizi di assistenza specialistica e i progetti Le risorse complessive comprendono tutti finanziamenti ottenuti, comprensivi in alcuni casi (interventi residenziali) anche della compartecipazione dell utenza. Quante risorse vengono erogate per rispondere ai bisogni degli anziani? Più o meno che in altri territori?

13 Area ANZIANI AULSS7: GLI INTERVENTI DELL AREA ANZIANI Interventi di Segretariato sociale/porta unitaria per l'accesso ai servizi consulenza e per Servizio sociale professionale l accesso Attività di supporto per il reperimento di alloggi Interventi residenziali Centro di servizi per persone anziane non auto (con sez. Autosuff.) SAPA (Sezione Alta Protezione Alzheimer) SVP (Stati Vegetativi Permanenti) Casa albergo mini alloggi per anziani HOSPICE Retta e trasferimenti per utenti in strutture Interventi semiresidenziali Centro diurno per persone anziane non autosufficienti Interventi per la A.D.I.- Assistenza domiciliare integrata con servizi sanitari domiciliarità Assegnazioni economiche per il sostegno della domiciliarità Assistenza domicilare socio-assistenziale Distribuzione pasti e/o lavanderia a domicilio Trasporto sociale Telesoccorso e teleassistenza Contributi economici Contributi economici e trasferimenti Altri interventi Interventi per l'integrazione sociale dei soggetti deboli o a rischio Attività ricreative di socializzazione Altro Gli interventi analizzati non comprendono i servizi di assistenza specialistica e i progetti * Finanziamento complessivamente ottenuto, comprensivo nel caso di int. Residenziali anche della compartecipazione dell utenza Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) N ude Presenti in altri territori Presenti in altri territori Quali interventi vengono erogati per gli anziani secondo quanto descritto nei piani di zona?? Risorse* PESO 0% 1% 0% 74% 1% 1% 4% 1% 8% 4% 1% 1% 0% 0% 1% 0% 1% 3%

14 Area ANZIANI Distribuzione delle risorse PUBBLICHE per tipo di intervento Territori di riferimento: aulss1, aulss3, aulss5, aulss7, aulss9, aulss22 contributi economici 24% 15% 25% 10% 29% 26% accesso interventi semiresidenziali interventi domiciliari 72% 80% 72% 86% 66% 70% interventi residenziali AULSS 7 (33,5 mln di euro) Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) Come risultano distribuite le risorse pubbliche (regione, comune/i, ecc.) tra gli interventi? Similmente agli altri territori o in modo diverso?

15 Area ANZIANI Finanziamento utilizzato per interventi domiciliari e interventi residenziali proveniente da fonti pubbliche (Regione, Comune/i, altri enti pubblici) Risorse Pubbliche per residente in età 65 anni e oltre 800 interventi domiciliari AULSS interventi residenziali Fonti: per le risorse economiche la fonte di riferimento è la Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008); per i dati sulla popolazione residente la fonte di riferimento è l ISTAT (www.demoistat.it) In particolare, qual è il rapporto tra le risorse pubbliche destinate alla domiciliarità e quelle destinate alla residenzialità?

16 Area ANZIANI Posti autorizzati per anziano residente in età 65 anni e oltre 4,00% Aulss 7 - Pieve di Soligo 0,20% 3,30% 0,20% 3,00% 0,10% Aulss 7 - Pieve di Soligo 2,80% 0,10% 2,70% 0,10% 2,60% 0,10% 2,50% 0,00% Centro di servizi per nonauto Centro diurno per nonauto Fonti: per le risorse economiche la fonte di riferimento è la Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008); per i dati sulla popolazione residente la fonte di riferimento è l ISTAT (www.demoistat.it) Qual è La dimensione degli interventi? rispetto agli altri territori c è una disponibilità minori o maggiore di posti?

17 Area ANZIANI Numero di unità di offerta rendicontate per modalità di gestione e territorio Modalità di gestione delle U.d.O. (centro di servizi non-auto, case di riposo autosufficienti,centro diurno non-auto, SVP, SAPA, Hospice) Strutture gestite direttamente da enti pubblici (IPAB, Comune, Aulss, Altri enti) Strutture a gestione mista/indiretta: Pubblico Privato no profit (terzo settore ed istituti religiosi) Strutture a gestione mista/indireta: Pubblico Privato profit Strutture gestite direttamente dal Privato no profit (terzo settore ed istituti religiosi) Strutture gestite direttamente de enti privati AULSS7 AULSS5 Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) AULSS22 AULSS3 A chi viene affidata la gestione degli interventi? Il livello di sussidierietà del sistema è simile o diverso da quello degli altri territori?

18 Area ANZIANI CENTRO di SERVIZI PER NON AUTO Costo per gg. di presenza in euro ( media, min, mx e valori anomali o outliers) 200,00 180,00 160,00 140,00 120,00 100,00 80,00 92,50 83,11 87,50 98,83 93,31 60,00 40,00 20,00 0,00 Aulss 1 (N ude=13) Aulss 3 (N ude=18) Aulss 7 (N ude=13) Aulss 9 (N ude=23) Aulss 22 (N ude=22) Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) Il costo che caratterizza i 5 centri rilevati risultano molto differenziato e merita approfondimenti Quanto costano gli interventi nel territorio dell Aulss7? Più o meno che in altri territori?

19 Area ANZIANI CENTRO DIURNO PER NON AUTO Costo per gg. di presenza in euro ( media, min, mx e valori anomali o outliers) Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) Il costo che caratterizza i 5 centri rilevati risultano molto differenziato e merita approfondimenti Quanto costano gli interventi nel territorio dell Aulss7? Più o meno che in altri territori?

20 Area ANZIANI Le tendenze in atto emerse dalle Relazioni Valutative anno 2008 Aumento del numero di anziani over 75 Aumento del numero di persone anziane con minor grado di autosufficienza Aumento della tendenza delle famiglie a mantenere, se possibile, l anziano a domicilio Aumento delle liste d attesa per la residenzialità, Aumento delle richieste di ricoveri temporanei programmati; Aumento delle richieste di interventi domiciliari; Difficoltà di sostegno delle rette residenziali da parte dei Comuni e delle Famiglie Necessità di maggiore flessibilità nella gestione delle risorse Necessità di continuare a riflettere sul tema della sostenibilità per trovare il giusto equilibrio evidenziati con decisione nella Relazione valutativa dell aulss7

21 Scenari futuri Area ANZIANI La popolazione anziana è in aumento Territorio Aulss 7, anno 2008: 2,8 posti autorizzati per 100 persone in età 65 e oltre Per mantenere la stessa offerta di quanto dovrebbero aumentare i posti, e le risorse? n residenti in età 65 e oltre n residenti in età 75 e oltre Indice di dipendenza anziani 32% 32% 34% n posti autorizzati Risorse totali annue risorse necessarie (espresse su base 2008) ,5 116,6 Fonti: per le risorse economiche la fonte di riferimento è la Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008); per i dati relativi alle Previsioni sulla popolazione residente la fonte di riferimento è l ISTAT (www.demoistat.it) SCENARIO DI CONTINUITÀ tasso di istituzionalizzazione COSTANTE (stesso rapporto tra il n di anziani e il n di posti autorizzati) costo dell intervento COSTANTE

22 Scenari futuri Area ANZIANI SONO POSSIBILI ALTRI SCENARI? 1. È possibile trovare delle strategie che permettano di ridurre i costi degli interventi residenziali rivolti alla popolazione anziana non-auto? Quali? 2. Il sistema di offerta può essere cambiato? Come? 3. Ci sono interventi alternativi a quelli residenziali per rispondere ai bisogni degli anziani non autosufficienti? Rispetto agli interventi residenziali si tratta di interventi più o meno efficaci? Rispetto agli interventi residenziali si tratta di interventi più o meno efficienti? 4. È possibile prevenire il bisogno di interventi residenziali? Come?

23 AREA DISABILI

24 Area DISABILI RISORSE ECONOMICHE PER RESIDENTE con DISABILITÀ* Risorse complessive (Regione, Comune, Partecipazione Utenza, ecc.) Risorse che provengono da soggetti pubblici (Regione, Comuni, ecc.) Aulss Fonti: per le risorse economiche la fonte di riferimento è la Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008); per i dati sulla popolazione residente la fonte di riferimento è l ISTAT (www.demoistat.it) AULSS7 Fonti di finanziamento Regione Comune/I Utenza Altro Risorse area disabili 51% 40% 6% 3% 11, 7 mln di euro Territori di riferimento: aulss1, aulss3, aulss7, aulss9, aulss22 Gli interventi analizzati non comprendono i servizi di assistenza specialistica e i progetti Le risorse complessive comprendono tutti finanziamenti ottenuti, comprensivi in alcuni casi (interventi residenziali) anche della compartecipazione dell uten *IL NUMERO DI PERSONE DISABILI DI CIASCUN TERRITORIO È STATO CALCOLATO APPLICANDO IL TASSO STIMATO DALL ISTAT NEL : 4,8% CIRCA DELLE PERSONE CON PIÙ DI 6 ANNI CHE VIVONO IN FAMIGLIA Quante risorse vengono erogate per rispondere ai bisogni dei disabili? Più o meno che in altri territori?

25 Area DISABILI AULSS7: GLI INTERVENTI DELL AREA DISABILI Interventi a supporto della A.D.I. domiciliarità Assegnazioni economiche per domiciliarità Assistenza domicilare socio-assistenziale Distribuzione pasti e/o lavanderia a domicilio Telesoccorso e teleassistenza Trasporto sociale Interventi residenziali Comunità alloggio per persone con disabilità Gruppo appartamento per persone con dis. Retta per prestazioni residenziali RSA per persone con disabilità Altri servizi residenziali Comunità familiare o residenziale Trasferimenti per servizi residenziali extraulss Interventi semi-residenziali Centro diurno per persone con disabilità o a ciclo diurno Retta per centri diurni Trasferimenti per servizi semi-resid. extraulss Interventi per l'integrazione Attività ricreative di socializzazione Sostegno socio-educativo scolastico Supporto all'inserimento lavorativo Interventi per l'accesso ai servizi Segretariato sociale/porta unitaria Sportelli sociali tematici Attività di supporto reperimento alloggi Servizio sociale professionale Contributi economici Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) Gli interventi analizzati non comprendono i servizi di assistenza specialistica e i progetti * Finanziamento complessivamente ottenuto, comprensivo talvolta anche di eventuali contributi dell utenza N ude Finanziamento Peso % % % % 3 n.d % % % % % % non descritti ma presente in altri territori % % % % % % % % non descritti ma presente in altri territori non descritti ma presente in altri territori % % % Quali interventi vengono erogati per i disabili secondo quanto descritto nei piani di zona??

26 Area DISABILI Distribuzione delle risorse PUBBLICHE per tipo di intervento Territori di riferimento :aulss1, aulss3, aulss7, aulss9 Contributi economici Interventi per l'integrazione 13% 16% 10% 13% 16% 19% 19% 5% Interventi per l'accesso ai servizi Interventi a supporto della domiciliarità 21% 32% 31% 43% Interventi residenziali Interventi semi-residenziali o a ciclo diurno 43% 40% 31% 29% Aulss 7 (10,9 mln) Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) Come risultano distribuite le risorse pubbliche (regione, comune/i, ecc.) tra gli interventi? Similmente agli altri territori o in modo diverso?

27 Area DISABILI Posti autorizzati per residente con disabilità* 3,3% 1,0% 3,1% 0,8% 3,0% 0,6% 2,9% 0,6% Aulss 7 - Pieve di Soligo 2,8% 2,7% 2,7% 1,8% Aulss 7 - Pieve di Soligo 0,5% 0,4% 0,3% 1,6% 0,3% Centro diurno Comunità alloggio Fonti: per le risorse economiche la fonte di riferimento è la Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008); per i dati sulla popolazione residente la fonte di riferimento è l ISTAT (www.demoistat.it) *IL NUMERO DI PERSONE DISABILI DI CIASCUN TERRITORIO È STATO CALCOLATO APPLICANDO IL TASSO STIMATO DALL ISTAT NEL : 4,8% CIRCA DELLE PERSONE CON PIÙ DI 6 ANNI CHE VIVONO IN FAMIGLIA Qual è La dimensione degli interventi? rispetto agli altri territori c è una disponibilità minori o maggiore di posti?

28 Area DISABILI Numero di unità di offerta rendicontate per modalità di gestione e territorio Modalità di gestione delle U.d.O. (centro diurno, comunità residenziale, comunità alloggio, Rsa) Strutture gestite direttamente da enti pubblici (IPAB, Comune, Aulss, Altri enti) Strutture a gestione mista: Pubblico Privato no profit (terzo settore ed istituti religiosi) Strutture gestite direttamente dal Privato no profit (terzo settore ed istituti religiosi) AULSS8 AULSS5 AULSS7 AULSS15 AULSS22 Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) AULSS10 AULSS9 A chi viene affidata la gestione degli interventi? Il livello di sussidierietà del sistema è simile o diverso da quello degli altri territori?

29 Area DISABILI COMUNITA ALLOGGIO Costo per gg. di presenza in euro ( media, min, mx e valori anomali o outliers) Fonte: Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008) Il costo che caratterizza le 3 comunità risultano molto differenziati tra loro e meritano approfondimenti Quanto costano gli interventi nel territorio dell Aulss7? Più o meno che in altri territori?

30 Area DISABILI Le tendenze in atto emerse dalle Relazioni Valutative anno 2008 Forte impegno nel potenziamento della rete dei servizi residenziali, soprattutto per specifiche tipologie di utenza Aumento delle richieste legate a persone in età evolutiva con disabilità grave Necessità di supportare maggiormente la permanenza a domicilio attraverso il potenziamento della rete di offerta per la domiciliarità e l alleggerimento del carico di cura per la famiglia Necessità di riflettere sulla sostenibilità del potenziamento del sistema di offerta evidenziati con decisione nella Relazione valutativa dell aulss7 Inoltre si sottolinea l importanza di far rientrare le persone che usufruiscono di strutture extraulss La necessità di promuovere un maggior coordinamento tra l area disabilità e l area salute mentale

31 AREA DI INTERVENTO: IMMIGRAZIONE

32 Area IMMIGRAZIONE Risorse economiche assorbite Peso % dell ammontare del Finanziamento rispetto al totale dell area Aulss 7 interventi per l'accesso ai servizi 31% interventi di supporto 3% contributi economici 66% Totale risorse Risorse per residente straniero 46,0 Le fonti di finanziamento Comune/i 47% Regione 53% Sono considerati tutti gli interventi per cui è disponibile l ammontare complessivo del finanziamento Regione, risorse per straniero 3 60 Fonti: per le risorse economiche la fonte di riferimento è la Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008); per i dati sulla popolazione straniera residente la fonte di riferimento è l ISTAT (www.demoistat.it) Quante risorse vengono erogate per rispondere ai bisogni degli immigrati? Più o meno che in altri territori?

33 Area IMMIGRAZIONE Risorse pro-capite e incidenza della popolazione straniera risorse per residente provenienti da paesi stranieri 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 0,0% 4,0% 8,0% 12,0% 16,0% % di residenti provenienti da paesi stranieri Fonti: per le risorse economiche la fonte di riferimento è la Rilevazione piani di zona, anno 2009 (interventi realizzati nel 2008); per i dati sulla popolazione straniera residente la fonte di riferimento è l ISTAT (www.demoistat.it) Rispetto alla presenza di stranieri e alla risorse destinate all immigrazione come si colloca il territorio dell aulss7?

34 Area IMMIGRAZIONE Le tendenze emerse dalle relazioni valutative aumento della presenza di stranieri presenti in tutto il territorio regionale; crescente difficoltà di individuare le caratteristiche di una utenza frammentata fra diverse etnie difficoltà ad individuare interlocutori stabili ed effettivamente rappresentativi delle varie comunità aumento dei problemi abitativi e di reddito in seguito alla crisi economica in atto Necessità di potenziare le risposte Necessità di un maggior coordinamento e collaborazione tra i diversi livelli di governo Necessità di intervenire sulle persone immigrate di seconda generazione Necessità di lavorare sulla valorizzazione della donna straniera Per l area immigrazione la aulss 7 sembra puntare molto sul lavoro nelle scuole e con l associazionismo. Lo scopo è riuscire a per rafforzare le fasce più deboli, quali le donne e gli adolescenti immigrati, attraverso la partecipazione attiva delle municipalità e dell AULSS. Altro obiettivo è la predisposizione di un coordinamento operativo che favorisca le azioni e lo scambio di informazioni nel territorio.

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Ministero Lavoro e le Politiche sociali Conferenza le Regioni e le Province Autonome Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 SEGRETO STATISTICO, OBBLIGO DI

Dettagli

Idee e proposte dall ASP Giovanni XXIII

Idee e proposte dall ASP Giovanni XXIII ISTRUTTORIA PUBBLICA PER LA DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE Bologna, 21 Settembre 2010 Idee e proposte dall ASP Giovanni XXIII 1 IL CONTESTO In questi anni a Bologna abbiamo assistito a: aumento del

Dettagli

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI 2 MICRO 2007 1. Ente Comune: Denominazione RIMINI Ente Associato: Denominazione PREVENTIVO PER MICROAREE 2007 Dati identificativi

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante.

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante. Dati identificativi MICRO 1. Ente Comune: Denominazione Soliera Ente Associato: Denominazione Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella

Dettagli

Report Piani di Zona dati web. mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5

Report Piani di Zona dati web. mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5 Report Piani di Zona dati web mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5 Comune San Bonifacio Cod Area Macrotipologia Microtipologia Nome precedent Nome Finalità resp gestione Soggetti erogatori D5 Disabili

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

L offerta dei servizi sociali, sociosanitari e lavorativi nell Ambito territoriale di Mola di Bari. Azione n. 3

L offerta dei servizi sociali, sociosanitari e lavorativi nell Ambito territoriale di Mola di Bari. Azione n. 3 L offerta dei servizi sociali, sociosanitari e lavorativi nell Ambito territoriale di Mola di Bari Azione n. 3 Progetto RIPSO - Ricerca, Innovazione, Povertà Sociale Codice POR 06032 c 0022 POR PUGLIA

Dettagli

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale INDICE Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale Cod. Clas. AREA WELFARE D'ACCESSO A1 A1 Segretariato Sociale A2 D1 Servizio Sociale Professionale

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI - ANNO 1 Indice delle tavole statistiche A) Spesa a livello regionale per interventi e servizi sociali dei comuni singoli e associati Tavola

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini Simona Benedetti Persone Persone assistite assistite In aumento anziani, famiglie e minori seguiti Anno 2007 2008 2009 2010 Anziani 1475 1718

Dettagli

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana Allegato parte integrante Allegato 2 1. ATTIVITA SOCIO-ASSISTENZIALI DI LIVELLO LOCALE 1.1 Corrispettivi per i servizi di livello locale erogati nel 2012 Corrispettivo giornaliero o orario da applicare

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA IN TRENTINO

GLI INTERVENTI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA IN TRENTINO Convegno Interventi per la non autosufficienza: bilancio e prospettive per il futuro Bolzano, 16 giugno 2011 GLI INTERVENTI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA IN TRENTINO Dott. Michele Bardino 1 ARGOMENTI 1. Situazione

Dettagli

9. Il contesto di riferimento: i dati dell Ambito Territoriale di Monza

9. Il contesto di riferimento: i dati dell Ambito Territoriale di Monza 9. Il contesto di riferimento: i dati dell Ambito Territoriale di Monza A. DATI DEMOGRAFICI Tab. 1 Composizione popolazione residente 0 3 952 3.304 335 4.591 4 10 2778 9.096 1.023 12.897 11 13 960 3.364

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza:

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Ruolo e prospettive degli operatori del settore socio-sanitario 30 Marzo 2011 A cura di Chiara Bartolini DATI NAZIONALI E CONFRONTI REGIONALI SULLA NON

Dettagli

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

Allegato A alla Convenzione Costitutiva ALLEGATO A VALDARNO INFERIORE PARTE I - convenzione della Società della Salute Art. 5, comma 1, lettera d) e art.19, comma 1- ATTIVITA DELL AREA SOCIO ASSISTENZIALE da ricomprendere nella descrizione delle

Dettagli

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale)

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) 1. GENERALITÁ Nel Modulo Servizi svolti Parte II, si chiede la quantificazione dei principali servizi svolti nell anno di rilevazione

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Torino: servizi agli anziani

Torino: servizi agli anziani Torino: servizi agli anziani Cruscotto di indicatori A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano Indice Cruscotto di sintesi pag. 3 Trend demografici e servizi

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine. Relazione, ai sensi dell art. 20 dello Statuto Comunale, sulla situazione e sullo stato di bisogno dei cittadini più in difficoltà. Anno di riferimento: 2009 Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA ANZIANI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Giovinale Nino Sassi Una giornata particolare INDICE Interventi di accesso, consulenza

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

CERGAS Obiettivi e forme d intervento in ambito di long term care

CERGAS Obiettivi e forme d intervento in ambito di long term care CERGAS Obiettivi e forme d intervento in ambito di long term care di Francesco Longo Milano, 25 settembre 2013 Agenda : I DATI DI SISTEMA LE PRINCIPALI CRITICITÀ DI POLICY LE POSSIBILI VISIONI PER UNO

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento tariffario degli Interventi alla persona

Regolamento tariffario degli Interventi alla persona Regolamento tariffario degli Interventi alla persona Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.44 del 10.07.2003 In vigore dal 01.01.2004 Modificato con deliberazione della Giunta comunale n.15

Dettagli

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna 1 Gestione delle CRA (Casa Residenza Anziani) Gestione di ricoveri temporanei di sollievo per famiglie che assistono un anziano al domicilio Gestione dei CD

Dettagli

MacroFramiglia Tipologia servizio Denominazione Indirizzo Comune Prov ATS Telefono1 Fax Email Posti Autor.

MacroFramiglia Tipologia servizio Denominazione Indirizzo Comune Prov ATS Telefono1 Fax Email Posti Autor. 61139 Sociale Interventi Informazione, orientamento, 6114 Sociale Interventi Informazione, orientamento, 61141 Sociale Interventi Informazione, orientamento, Sportelli di Segretariato Sociale SEGRETARIATO

Dettagli

CONVEGNO IL NUOVO ISEE Quale impatto sulle famiglie e gli enti locali? Firenze, 14 luglio 2015

CONVEGNO IL NUOVO ISEE Quale impatto sulle famiglie e gli enti locali? Firenze, 14 luglio 2015 CONVEGNO IL NUOVO ISEE Quale impatto sulle famiglie e gli enti locali? Firenze, 14 luglio 2015 GLI EFFETTI DELLA RIFORMA SULLE FAMIGLIE TOSCANE Letizia Ravagli e Nicola Sciclone Sulla crisi, il welfare

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

The social landscape in Bologna: problems and policies

The social landscape in Bologna: problems and policies The social landscape in Bologna: problems and policies Alessandro Martelli University of Bologna Faculty of Political Science Forlì, Department of Sociology DRAFT PLEASE DO NOT QUOTE! a.martelli@unibo.it

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale

Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale o Tutelare quantità e qualità delle prestazioni sociali di fronte alle trasformazioni del contesto politico e finanziario, e della struttura

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

Conferenza dei Sindaci ambito territoriale afferente. all Az. Ulss n. 19

Conferenza dei Sindaci ambito territoriale afferente. all Az. Ulss n. 19 Conferenza dei Sindaci ambito territoriale afferente all Az. Ulss n. 19 SOMMARIO - FAMIGLIA, INFANZIA, ADOLESCENZA, MINORI IN CONDIZIONE DI DISAGIO, GIOVANI; - PERSONE ANZIANE; - DISABILITÀ; - DIPENDENZE;

Dettagli

SOFTWARE per la gestione degli ospiti. Cartella Utente WEB

SOFTWARE per la gestione degli ospiti. Cartella Utente WEB SOFTWARE per la gestione degli ospiti Cartella Utente WEB MODULO RENDICONTAZIONI SOSIA Le SOSIA ( Scheda di osservazione intermedia assistenza) è stata creata solo per la Regione Lombardia nel 2003, rivista

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it Hai un familiare anziano o con disabilità gravissima che assisti a domicilio e ritieni di avere bisogno di essere sostenuto / aiutato? Regione Lombardia mette a disposizione dei servizi per aiutarti nel

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE

R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE di R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ ASSESSORATO AL WELFARE GLI INVESTIMENTI PER QUALIFICARE L OFFERTA DI STRUTTURE PER LE PERSONE

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA

II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA 1. SERVIZI E RISORSE 1.1 L ASSISTENZA TERRITORIALE I servizi che il territorio riminese è in grado di offrire ai diversi target di

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Allegato A C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax 0558451414 - e-mail: sds.mugello@asf.toscana.it Indirizzi per la ripartizione dei finanziamenti,

Dettagli

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE - Attività e Servizi - I Servizi Sociali del Comune di Cinto Caomaggiore operano nel territorio offrendo ai cittadini informazione e sponsorizzazione dei servizi presenti e si

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: Sportello amico_garanzia Giovani ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Assistenza (Riferita alla tutela dei diritti sociali e ai servizi alla persona)

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2082 del 03 agosto 2010 pag. 1/44

ALLEGATOA alla Dgr n. 2082 del 03 agosto 2010 pag. 1/44 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2082 del 03 agosto 2010 pag. 1/44 DOCUMENTO REGIONALE DI INDIRIZZO PER LA PROGRAMMAZIONE DI ZONA 2011-2015 ANNO 2010 ALLEGATOA alla Dgr n. 2082 del

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

IL SUPPORTO ISTITUZIONALE: l'esempio del Comune di Milano

IL SUPPORTO ISTITUZIONALE: l'esempio del Comune di Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO TEMPO PER LAVORARE E TEMPO PER VIVERE, STRUMENTI DI SOSTEGNO PER LE FAMIGLIE IL SUPPORTO ISTITUZIONALE: l'esempio del Comune di Milano Anita Sonego Presidente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti Paola Maccani Direttore Integrazione socio sanitaria APSS Valeria

Dettagli

NOMENCLATORE NAZIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI

NOMENCLATORE NAZIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI NOMENCLATORE NAZIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI REGIONE LOMBARDIA VER. 21-03-09 Vista l urgenza che si è venuta a determinare in merito alla diffusione/pubblicazione del documento, le integrazioni

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 1. SCOPO DEL REGOLAMENTO L I.S.E.E. è lo strumento di valutazione

Dettagli

Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali

Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali 28 Sistema informativo locale 2008 3.2.7. Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali Il sistema informativo delle politiche sociali insegue da tempo una definizione esaustiva, articolata

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE SPESA SOCIALE DEI COMUNI IN GESTIONE SINGOLA E ASSOCIATA DEL PIANO DI ZONA CONSUNTIVO 2012

GUIDA ALLA COMPILAZIONE SPESA SOCIALE DEI COMUNI IN GESTIONE SINGOLA E ASSOCIATA DEL PIANO DI ZONA CONSUNTIVO 2012 Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato GUIDA ALLA COMPILAZIONE SPESA SOCIALE DEI COMUNI IN GESTIONE SINGOLA E ASSOCIATA DEL PIANO DI ZONA CONSUNTIVO 2012 INDICE DEL DOCUMENTO PREMESSA...

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE ANNO 2013

ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE ANNO 2013 ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE ANNO 2013 1. Avvertenze generali... 3 2. L organizzazione dei dati... 4 3. Unità di Offerta e Insiemi complessi di Prestazioni... 5 3.1 Tipo di intervento... 5 3.2 Dati identificativi,

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI Affari Generali e Controlli interni 1) affari generali: a. gestione amministrativa di tutto il personale della Direzione Centrale, sulla base delle attestazioni

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere (dal Bilancio Sociale di sistema del Consorzio Comunità Brianza 2012)

Dettagli

Area promozione e protezione sociale 28/10/2005

Area promozione e protezione sociale 28/10/2005 Area promozione e protezione sociale 28/10/2005 1 Il primo PIANO DI ZONA cittadino Trieste, 26 ottobre 2005 28/10/2005 2 TAVOLO DI PROGRAMMAZIONE/ PROGETTAZIONE -Area disabili 28/10/2005 3 1.Di chi ci

Dettagli

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE Francesco Longo Bologna, 29 maggio 2015 1 Struttura della

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

2.1.2 Servizi sociali

2.1.2 Servizi sociali 2.1.2 Servizi sociali Roma Capitale, nell ambito delle proprie competenze, assicura alle persone e alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali con livelli quantitativi e qualitativi

Dettagli

PIANO DI ZONA 2011-2013

PIANO DI ZONA 2011-2013 PIANO DI ZONA 2011-2013 NOMENCLATORE INTERREGIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI In.Re.Te. C.I.S.S-AC Codice Denominazione Descrizione tot parz Non tot parz Non X X A1 Segretariato sociale/porta

Dettagli