Rassegna Stampa del 21/09/ :08

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa del 21/09/2007 09:08"

Transcript

1 SICT Rassegna Stampa del 21/09/ :08 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 21/09/2007 Il Resto del Carlino Ambiente, un'etica per proteggerlo 21/09/2007 Il Resto del Carlino I grandi temi scientifici salgono in cattedra 20/09/2007 Il Gazzettino Gli Ordini a Roma: «Corsie vuote? Rivedere il numero dei medici in base alle necessità delle regioni» 21/09/2007 ItaliaOggi Stabilizzazione per pochi 21/09/2007 Corriere Adriatico Alla Carbon ci sarà lavoro per i nostri "cervelli? 21/09/2007 Corriere dell'alto Adige Utopia /09/2007 Gazzetta del Sud Il ruolo significativo di Agraria al workshop agroalimentare 21/09/2007 La Nuova Ferrara «I libri sono stati perduti, non rubati» 21/09/2007 La Nuova Ferrara Premio Carife letteratura la giuria scalda i motori 21/09/2007 La Nuova Ferrara Cellule staminali, speranze e realtà 21/09/2007 La Nuova Ferrara Costi del dentista e guardia festiva 21/09/2007 La Nuova Ferrara D'Agostino nuovo preside 21/09/2007 La Nuova Ferrara Scienza al servizio dell'uomo 21/09/2007 Il Mondo La vacanza non va mai in vacanza

3 21/09/2007 Il Mondo AAA Alloggio equo canone cercasi 21/09/2007 Il Mondo Eccellente, è il voto dell'europa 21/09/2007 Il Mondo Attenta Milano, stiamo arrivando... 21/09/2007 Il Mondo Fondazioni universitarie alla ricerca del rilancio 20/09/2007 Il Sole 24 Ore Online A Catania, nei laboratori dell'st Microelectronics,

4 AZIENDA USL DI FERRARA 21/09/2007 Il Resto del Carlino Sicurezza, una scuola guida anche per i portalettere 21/09/2007 La Nuova Ferrara «Guida sicura», uno stage per i postini AZIENDA USL FERRARA LOCALI 21/09/2007 Il Resto del Carlino Anziani truffati mentre sono in coda all' ospedale 21/09/2007 Il Resto del Carlino Nuova casa per Ado: «Più vicini ai malati» 21/09/2007 La Nuova Ferrara Operatori sociali, compito difficile 21/09/2007 La Nuova Ferrara Stand antifumo per controllare il respiro SCENARIO SANITA E SALUTE 21/09/2007 La Repubblica Il cordone ombelicale potrà essere "firmato" 21/09/2007 Il Resto del Carlino Si è già acceso il motore della ricerca 21/09/2007 Il Resto del Carlino E domani brindisi della speranza a Meldola Nasce il gioiello oncologico di Romagna UNIVERSITA E RICERCA 21/09/2007 Corriere della Sera Atenei, la lotteria dei test d'ingresso 21/09/2007 Il Sole 24 Ore Scandalo test, Mussi accelera 43 44

5 UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 19 articoli

6 21/09/2007 Il Resto del Carlino Pag. XI FERRARA Ambiente, un'etica per proteggerlo Conferenze tra politici e premi Nobel Di FRANCESCO NERI FERRARA sarà il teatro in cui scienziati, filosofi, politi e premi Nobel si confronteranno in una 'tre giorni' di confronti e proposte per discutere il futuro dell'ambiente. Il forum su 'Etica e scienza per l'ambiente' si propone di sviscerare tematiche come lo sfruttamento e il crescente impoverimento della risorse naturali,la lotta per la supremazia a tutti i livelli sociali e il progressivo deterioramente climatico - ambientale. La peculiarità degli incontri, in programma da domenica prossima a martedì, sarà quella di analizzare i problemi da diversi punti di vista nel tentativo di formulare un'etica di tutela dell'ambiente condivisa sia dal mondo scientifico sia da quello filosofico umanistico. «Gli incontri rappresenteranno un ' R-day' in cui 'R' significa responsabilità, tanto per usare un termine noto in questi giorni - afferma Francesco Dondi dell'università di Ferrara -. Tutti gli incontri saranno aperti a tutti i cittadini interessati anche non addetti ai lavori, perchè uno dei nostri obiettivi è quello di aprirci alla città e cercare di sensibilizzare le persone ai temi ambientali». IL PRIMO appuntamento si terrà al Teatro Comunale, alle 16.30, con la partecipazione straordinaria del premio Nobel per la chimica Richard Ernst sulla 'responsabilità degli scienziati', a cui seguiranno gli interventi di Mario Miegge dell'ateneo ferrarese sulle 'responsabilità dei filosofi' e di Tullio Regge sulla 'scienza come speranza'. a cui seguirà un concerto offerto dall'accademia Mahler. «Il problema - aggiunge Hartmut Frank dell'università di Bayreuth - è che la scienza non è in grado di risolvere i più grandi problemi dell'ambiente. I progressi scientifici e tecnici che mirano a produrre grandi vantaggi sociali, troppo spesso dimenticano che siamo individui, esseri viventi che necessitano di una dimensione umana e non scientifica della vita. Per questo è fondamentale creare un'etica ed un'educazione in grado di responsabilizzare i cittadini sull'impatto ambientale, che anche il singolo all'interno della propria città compie ogni giorno». Il secondo incontro di lunedi, che si terrà presso il dipartimento invece, vedrà la partecipazione dell on.le Nando Dalla Chiesa dedicato al progetto 'Ethicamente' proposto dal Mur. «La diversa provenienza culturale dei relatori - continua Francesco Dondi - è voluta per dare un timbro di interculturalità all'evento, inoltre la presenza di un premio Nobel dona all'evento un'importanza di calibro europeo». L'ultimo appuntamento di martedì sarà dedicato a fornire una panoramica sul concetto di ambiente nella pluralità delle culture ( cinese, buddista, ebraico - cristiana) e sul ruolo delle culture stesse sul diritto dell'ambiente in una società multiculturale. IL FORUM si concluderà con una tavola rotonda sulle prospettive di una ricerca europea fondata su basi etiche. Quindi la cultura come strumento per cambiare le cose, o per educare le persone ad un rispetto ambientale reale e concreto. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 6

7 21/09/2007 Il Resto del Carlino Pag. XI FERRARA I grandi temi scientifici salgono in cattedra Cooperazione tra gli atenei di tutta Europa L'ATENEO FERRARESE al centro di un dibattito europeo per l'ambiente. Già, perchè gli incontri del 'forum etica e scienza per l'ambiente' sarà attuato con la cooperazione con le università di Bayreuth (Germania), Torun (Polonia), Innsbruck (Austria) e Burgos (Spagna). Ma sarà l'università di Ferrara ad ospitare la prima edizione, e sempre nell'ateneo cittadino, per la prima volta in tutta Italia, si porterà avanti un serio lavoro sul ruolo della mediazione etica nei grandi temi scientifici. Questo oltre a donare lustro ai docenti interessati ed organizzatori, rappresenta una vetrina molto importante in cui poter mostrare i risultati ottenuti, oltre a poterli condividere e discutere all'interno di un dibattito interculturale. QUINDI FERRARA protagonista di una tematica, quella ambientale, molto seria e urgente che in breve tramuterà anche i possibili 'piani di studio' scelti dagli studenti dell'ateneo, inquanto è prevista una vera e propria integrazione di queste tematiche nei corsi di studi proposti. Educare all'ambiente per ritrovarne i valori e l'importanza è compito delle facoltà e delle scuole in generale «al forum - commenta Francesco Dondi - potranno partecipare non solo gli studenti universitari ma anche gli alunni delle scuole medie superiori in modo da presentare ai coloro che saranno il futuro le grandi tematiche a cui si andrà in contro. Impegni come questo devono essere delle priorità per le». UNIVERSITÀ e città intrecciate culturalmente, in un contesto europeo. Sembra essere questo il futuro verso cui si stà muovendo l'università di Ferrara, e non solo, magari nella speranza di far nascere all'interno delle università stesse un movimento europeo a tutela dell'ambiente. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 7

8 20/09/2007 Il Gazzettino Pag. 11 ED. NAZIONALE Gli Ordini a Roma: «Corsie vuote? Rivedere il numero dei medici in base alle necessità delle regioni» Venezia «È urgente un correttivo». Gli Ordini dei medici non hanno dubbi, se in corsia i camici bianchi scarseggiano, significa che qualcosa non sta funzionando per il verso giusto e che è diventato indispensabile porre mano al sistema. E la prima proposta è arrivata proprio ieri da Roma. «Il numero chiuso è sacrosanto, ma è mal distribuito ed è anche per questo che le cose non funzionano - sottolinea il vicepresidente nazionale della Fnomceo (la Federazione degli Ordini dei medici) Maurizio Benato, padovano - Il Veneto ad esempio, ha esigenze che sono sicuramente diverse da quelle di molte altre regioni. Il numero dei medici va necessariamente ricalibrato sulle necessità regionali e saranno poi le regioni a riunirsi e discutere collegialmente le singole necessità». Se non si cambia il meccanismo, il sistema rischia di implodere. E sono i numeri a dimostrarlo. Il prossimo anno le Scuole di Specialità di Padova e Verona "sforneranno" ad esempio 2 o 3 oculisti per coprire le esigenze di tutta la regione. «Ma facciamo il caso dei pediatri - aggiunge Benato - In Italia sono 7mila e la quasi totalità andrà in pensione entro il prossimo decennio. Come pensiamo di sostituirli? Con la ventina che escono ogni anno?» Il sistema scricchiola ed è pieno di incongruenze. «Guardiamo i numeri - sottolinea Benato - Nonostante i criteri d'accesso alla Facoltà di Medicina non ci convincano, ogni anno agli Ordini si iscrivono 5mila nuovi medici. Non sono pochi, ma sono mal distribuiti. Ci sono ingolfamenti nelle Università del Sud, mentre il Nord che poi esprime il sistema sanitario più capillare ed evoluto, è sottostimato. Ecco da dove nascono i problemi. L'Università di Padova, ad esempio, è penalizzata di almeno un buon 20 per cento rispetto a quelle siciliane o campane o altre del meridione». A questo meccanismo perverso si aggiunge poi un esame di accesso alla Facoltà che gli stessi medici, con le Università, ritengono non essere adeguato, da qui la proposta di modifica che verrà presentata al Ministro. «Si tratta di studiare un accesso alla Facoltà di Medicina che superi il test e tenga conto del voto di Maturità, di una media delle materie ritenute importanti per il percorso di studio scelto, il tutto moderato sulla base di un voto ponderato per istituto - aggiunge Benato - Questo potrebbe rendere il sistema più equo». Ma non è la sola risposta, anche le Università si sono mosse. «Le Università hanno una loro autonomia - spiega il professor Giorgio Palù, preside della Facoltà di Medicina di Padova - Noi ci siamo già mossi per chiedere al Ministero di poter elevare il numero degli accessi. Abbiamo due corsi di laurea, altri due sono stati deliberati e diventeranno operativi il prossimo anno. Questo significa che diventerà possibile elevare il numero dei posti, oggi a 267 (239, più 18 destinati agli stranieri) a 320». È un primo passo, ma che potrebbe essere fondamentale. «Non è facile fare previsioni sui bisogni - aggiunge Palù - La tecnologia e la scienza in ambito biomedico subiscono delle modificazioni e delle crescite che sono poco programmabili - Non è facile valutare cosa avverrà fra 10 anni e soprattutto di quali figure ci sarà necessità più di altre. Una cosa che però si potrebbe fare subito per ovviare alle carenze che lamentano gli ospedali, è ad esempio aprire il valore del test a livello nazionale e non solo in sede locale. È ovvio che chi si trova a concorrere in una Facoltà molto richiesta come Padova, fa sicuramente più fatica di chi si presenta ad esempio a Ferrara dove il numero dei concorrenti è di granlunga inferiore». Gli Ordini dei medici stanno poi intervenendo anche in altri ambiti, come ad esempio dando vita ad una ricognizione per verificare quanti di coloro che si sono specializzati, poi effettivamente si sono UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 8

9 20/09/2007 Il Gazzettino Pag. 11 ED. NAZIONALE impiegati in quel campo. «Attraverso le Società scientifiche, 200 iscritte alla Federazione italiana delle società mediche e 200 libere, stiamo cercando di attivare un attento monitoraggio dal quale dovremmo essere in grado di calcolare quanti sono le necessità reali di specialisti». Insomma il sistema non sta immobile e cerca di superare la difficoltà del momento che a quanto pare è un problema quasi esclusivo delle regioni del Nord. D'altro canto la stessa Fnomceo ammette che il numero dei medici stranieri che cominciano ad affiancarsi ai reparti è senza dubbio in crescita. «Sono soprattutto specialisti provenienti dal Sud America o dai Paesi dell'est - spiega Benato - Devono fare alcuni esami integrativi e chiedere l'equipollenza della laurea. Ma sono forse lavoro che in molti ambiti adesso possono servire». Come si affaccia il modello anglosassone che vede una sostanziale rimodulazione delle mansioni infermieristiche. «Certo non si tratterà di affidare a infermieri i compiti che sono dei medici - conclude Benato - Ma piuttosto di ricalibrare il sistema in modo che il medico possa diventare un manager e gestire un sistema complesso».daniela Boresi UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 9

10 21/09/2007 ItaliaOggi Pag. 31 NUMERO 224 Professori, ricercatori e co.co.co. restano fuori Stabilizzazione per pochi UNIVERSITA '/ Un parere della Funzione pubblica sulla legge finanziaria Antonio G. Paladino Università, la stabilizzazione ex comma 519 non potrà riguardare professori e ricercatori universitari nonché tutte le tipologie dei contratti riconducibili alle collaborazioni coordinate e continuative e al lavoro interinale. Lo chiarisce il dipartimento della funzione pubblica, Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni (Uppa) nel testo del parere n. 13/2007, recentemente pubblicato sul sito internet istituzionale con il quale si forniscono interessanti delucidazioni sulla applicabilità al comparto università delle disposizioni contenute nel comma 519 della legge finanziaria per il Il parere emesso dall'ufficio diretto da Francesco Verbaro, infatti, è stato reso a seguito di apposita richiesta da parte della Conferenza dei rettori propria sulla portata del comma in esame ed evidenzia come la ratio del legislatore, sia stata proprio quella di «definire con un riferimento cardine, i contorni del lavoro precario». Per quanto riguarda le università, rileva il parere, l'applicazione del comma 519 necessita di una duplice precisazione. Da un lato, infatti, occorrerà specificare la platea dei destinatari, considerato che nell'ambito universitario convivono diverse tipologie di lavoratori pubblici. Ecco che, «almeno in questa fase», la stabilizzazione riguarderà soltanto il personale il cui rapporto di lavoro è riconducibile alla disciplina prevista dall'articolo 2, comma 2 del dlgs n. 165/2001, quindi con esplicita esclusione del personale (professori e ricercatori universitari) il cui rapporto d'impiego resta disciplinato dalle disposizioni vigenti. Pertanto, tiene a precisare la nota Uppa, ogni rapporto di tipo flessibile riconducibile all'ordinamento del personale docente o dei ricercatori, vale a dire ad esempio contratti di lavoro a tempo determinato, dottorati di ricerca, titolari di assegno di studio, non rientrano nella fattispecie definita dal comma 519. Una volta verificata la sussistenza giuridica e temporale dei requisiti (tre anni di servizio al 29/9/2006 anche non continuativi nel quinquennio) la tipologia cui andranno riferite le disposizioni ex comma 519 è quella del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato. Appare chiara, rileva la nota, l'esclusione dei contratti di collaborazione coordinata e continuativa e del lavoro interinale. La particolare autonomia ordinamentale e organizzativa (anche in materia di dotazioni organiche) delle Università porta ad evidenziare un altro aspetto, quello dei vincoli finanziari. Non vi è dubbio, rimarca la nota, che la stabilizzazione «alla stregua di qualsiasi assunzione a tempo indeterminato» dovrà essere compatibile con quanto disposto dall'articolo 51 della legge n. 449/97 (Finanziaria 1998), secondo cui le spese fisse e obbligatorie per il personale di ruolo delle università statali non possono eccedere il 90% dei trasferimenti statali sul fondo per il finanziamento ordinario. Quanto poi alla ventilata ipotesi che al personale in possesso dei requisiti previsti dalle legge finanziaria possa essere disposta una proroga dei contratti in essere, almeno sino alla conclusione delle procedure di stabilizzazione, la nota Uppa nulla vieta. Anzi, è facoltà delle università considerare la citata proroga quale «anticamera di un'assunzione a tempo indeterminato e quindi di ingresso nei ruoli», sempre che ciò sia compatibile con gli obblighi derivanti dalla programmazione triennale del fabbisogno e ferma restando «l'invalicabilità» del vincolo finanziario del citato art. 51, della legge n. 449/97. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 10

11 21/09/2007 ItaliaOggi Pag. 31 NUMERO 224 riproduzione riservata UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 11

12 21/09/2007 Corriere Adriatico Pag. 3 Potranno essere coinvolti nel polo di ricerca altrimenti continueranno a migrare fuori dalla comunità Alla Carbon ci sarà lavoro per i nostri "cervelli? * presidente della Provincia l'intervento ASCOLI - Non sono sorpreso della lettera aperta del rettore di Camerino perché conosco personalmente la tensione che lo anima verso una sfida che coinvolge sia le nostre responsabilità di amministratori sia, prima di tutto, la nostra coerenza di uomini e cittadini. Non sono sorpreso perché condivido quanto sostiene ed anche quel disagio e frustrazione per un apparente abbassamento dell'entusiasmo verso le prospettive ipotizzate e condiviso con le categorie, i lavoratori, le rappresentanze sindacali e l'azienda, oltre che con Comune e Regione. Nel mio intervento in consiglio comunale, quando forse per altri impegni si era appena allontanato, ho voluto ancora ribadire quanto creda nel processo avviato, rinnovando la mia piena disponibilità pur condividendo alcune preoccupazioni, perché anche per me è difficile accettare atteggiamenti di scetticismo, nonostante possano essere in parte giustificati dall'ambizioso traguardo da conseguire.ho ribadito la mia convinzione e condivisione in quelle tesi che mi hanno portato, alla prima ora, insieme a Esposito, a Bagnoli oppure a Ferrara alla ricerca del coinvolgimento di Patrizio Bianchi, Rettore di quella Università, noto economista industriale per convincerlo a collaborare nella prospettiva di trasformare la protezione dell'esistente in proiezione dell'intero territorio verso le dinamiche di una nuova economia da sostenere nella sfida dell'innovazione e della qualità. Da quei giorni non abbiamo mutato ragioni e convinzioni che,anzi, si sono rafforzate nei confronti degli interlocutori privilegiati e dei soggetti interessati.l'obiettivo è quello di suggerire interventi, in un sito delicato per la sua collocazione, capaci di rappresentare anche l'idea di un polo di sviluppo occupazionale a sostegno del territorio: è un contributo che offriamo a chi dovrà decidere senza la presunzione di "ingabbiare? percorsi, ma con la ferma volontà di operare perché la "vicenda Carbon? si risolva in fattore di rilancio complessivo dell'economia provinciale. Ripensare le nostre produzioni, innervarle di saperi e di qualità, intercettare nuovi segmenti produttivi di beni e servizi, accettare la sfida delle nuove energie che si pone come una necessità, coniugare la presenza dell'università con le esigenze del territorio, sono tutti elementi che ci incoraggiano e stimolano nel pensare alla rifunzionalizzazione dell'area come opportunità in cui ci sarà lavoro anche per i nostri "cervelli? che, altrimenti, continueranno a migrare ed affermarsi fuori dalla nostra comunità.il suo intervento è per questo ben accetto, anzi gradito, perché anch'io mi auguro che possa rilanciare nuovi stimoli in quanti sono chiamati ad attivare le scelte concrete e definitive, scelte e processi, il cui coordinamento non rientra nelle mie competenze, ma che mi troveranno sempre disponibile ed appassionato nel sostenere, migliorare, allargare e partecipare alla comunità locale un percorso condiviso destinato a segnare il volto di una città, dell'economia e del benessere di un intero territorio. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 12

13 21/09/2007 Corriere dell'alto Adige Pag. 12 TRENTO L'ex ministro ospite a Levico del Centro studi sulla storia dell'europa orientale Utopia 1968 Ripa di Meana ricorda il movimento «Apprezzai la sua natura iconoclasta» di ALESSANDRO DE BERTOLINI LEVICO - A caldo, di prima mano, Jürgen Habermas scriveva nel 1969, in un'opera pubblicata in Germania su La crisi della razionalità nel capitalismo maturo, che «oggi, difficoltà che solo due o tre anni fa sarebbero passate per questioni private - conflitti fra studenti e insegnanti, tra lavoratori e datori di lavoro, tra coniugi, o tra individui - rivendicano un significato politico e chiedono di essere giustificati in termini politici». A caldo, in prima persona, Habermas si affacciava al Sessantotto. Ma il filosofo tedesco, classe 1929, seppe guardare alla contestazione studentesca senza i fremiti dell'entusiasmo, senza gli eccessi dell'amore a prima vista. Aveva quarant'anni, lui. Da almeno dieci non era più uno studente. Gli slogan parigini del maggio francese - sii realista, chiedi l'impossibile, è proibito proibire - mostravano insieme i limiti e le virtù della nuova stagione politica. Ma certo per gli studenti non vi erano che le virtù. Ai quarant'anni di Habermas, più maturi, mancava invece la passione dell'infatuazione così che il fenomeno, qualunque esso fosse, gli apparve nella sua interezza tanto dal lato buono che da quello cattivo. Classe 1929, come Habermas, anche per Carlo Ripa di Meana è stato così. Dice di «amare più la dimensione "Adorno" del Sessantotto che quella dei comitati, dei soviet e della tentazione leninista». In altre parole, «ho apprezzato di quel movimento la natura iconoclasta della messa in questione delle vecchie regole pietrificate, della richiesta di ridurre le deleghe, della spinta verso un nuovo sistema di rappresentanza e di democrazia diretta. Molto meno ho apprezzato gli esami collettivi, il voto politico, l'ossessione del decentramento e la condivisione del modello sovietico». Aveva quarant'anni, anche Ripa di Meana, e da almeno dieci non faceva più lo studente. «Ho vissuto quegli anni con un stato d'animo misto. Non di incondizionato sostegno - ricorda - ma neppure di rigetto». Curiosità tanta, per l'ex ministro, e condivisione dei postulati di base e gli ideali posti a fondamento, ma non abbandono acritico verso spensierate posizioni di consenso. Sulle derive del totalitarismo di sinistra, per esempio, Ripa di Meana è chiarissimo. «Con espressione tipica romana definirei il Sessantotto un po' loffio. Perlomeno per quanto riguarda la sua incapacità di comprendere i limiti dell'impero sovietico, di accorgersi che esso era tutto fuorché un'altra Atene». All'indomani della primavera di Praga, delle prime manifestazioni degli studenti nelle piazza italiane, tedesche, europee, americane, Habermas e Ripa di Meana compivano quarant'anni. Oggi, anche quegli avvenimenti stanno per celebrare il loro quarantesimo anniversario. Per ricordarlo, con il titolo de L'anno delle utopie, il Centro studi sulla storia dell'europa orientale (Csseo) promuove per le giornate di oggi e domani un convegno nella sala Giannettini dell'hotel Romanda di Levico Terme. E alle 21 di questa sera al teatro dell'oratorio è previsto l'incontro con Ripa di Meana su Cinquant'anni di storia, vita politica e cultura in Italia. Al dibattito con l'ex parlamentare, che sul finire degli anni Sessanta conobbe in prima linea la contestazione nella figura di segretario del Club Turati di Milano, partecipano Andrea Iannuzzi, Salvatore Sechi e il presidente del Csseo Fernando Orlandi. Al convengo - introdotto da Massimo Libardi alle 15 di oggi - sono invitati ricercatori e storici dalle università di Pavia, Chieti, Ferrara, Torino e dalla Sorbona. Tra gli altri interverranno Giovanni Pellegrino, già presidente della Commissione stragi del Parlamento, l'editore Angelo Quattrocchi, il saggista Attilio Mangano, Piergiorgio Rauzi e Carla Gubert dall'università di Trento. Dal maggio francese al Vietnam, dalla Cina di Mao ai disordini di Città del Messico, dagli «studenti di Praga» fino al Sessantotto trentino il convegno raccoglie oltre una quindicina di contribuiti, altrettante relazioni e UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 13

14 21/09/2007 Corriere dell'alto Adige Pag. 12 TRENTO la proiezione di un documentario. Sulle pagine trentine della contestazione, oltre che sul più ampio panorama europeo, si soffermerà Ripa di Meana. «A Trento l'inizio fu molto impetuoso. Il clima fu all'inizio assai fecondo ma poi, con le vicende del terrorismo, gli ambienti trentini andarono via via col sovrapporsi ai fatti violenti di Curcio e della Cagol. Di lì in seguito Trento venne vista quasi come una trincea estremistica». Per quanto riguarda invece il rapporto tra il movimento in Italia e quelli che crebbero in Europa, Ripa di Meana sottolinea, in particolare, la differenza «culturale» che vi fu tra le assemblee milanesi e quelle pargine. «A Parigi - dice - fu più profondo lo sforzo teorico. Lo spirito del tempo fu segnato dai leader di Parigi più che da quelli italiani». A Trento all'inizio il clima fu fecondo, ma con il terrorismo e con le vicende di Curcio e Cagol la città fu vista come trincea estremistica UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 14

15 21/09/2007 Gazzetta del Sud ED. NAZIONALE Il ruolo significativo di Agraria al workshop agroalimentare Sarah Incamicia Si sono conclusi ieri i lavori del workshop organizzato nell'ambito del dottorato internazionale di ricerca in "Chimica e tossicologia degli alimenti" e del dottorato nazionale di ricerca in "Salubrità degli alimenti", promosso dalla sede consorziata dell'università "Mediterranea" di Reggio che prende il nome di Distafa. L'iniziativa scientifica aveva preso il via lunedì scorso nel Centro di ricerca agroalimentare, nell'area industriale lametina. Nei quattro giorni di studio hanno partecipato diversi scienziati e personalità del mondo accademico provenienti da numerosi atenei italiani e stranieri. L'iniziativa si è articolata in una serie di lezioni magistrali e resoconti di ricerca per approfondire le problematiche inerenti la salubrità dei prodotti alimentari. Sono stati affrontati temi come le proprietà del prodotto alimentare, la contaminazione radiochimica e da micotossine negli alimenti, gli integratori e gli alimenti funzionali, lo studio di prodotti tipici come il riso o il fico di Cosenza, e l'approfondimento sulla nutrigenomica e nuovi metodi per garantire l'autenticità delle produzioni olearie attraverso l'approfondimento dei rapporti tra acidi grassi essenziali ed espressione genica, o l'enantiomeria acilglicerolica nell'accertamento della qualità dell'olio d'oliva. O ancora lo studio dei marcatori molecolari di cultivars dell'olio d'oliva e l'applicazione di sistemi olfattivi artificiali per il controllo di qualità alimentare. Il workshop testimonia l'evoluzione in campo scientifico raggiunta dalle strutture di ricerca del sistema regionale calabrese operanti nel comparto agroalimentare. Hanno partecipato all'evento delegazioni provenienti da prestigiosi atenei come le università di Cork (Irlanda), Perugia, Trieste, Valencia (Spagna), Cagliari e Ferrara. «Una partecipazione - ha sottolineato la dottoressa Russo, coordinatrice dell' iniziativa - che si inquadra in un processo di collaborazioni e partnership che la nostra regione, per il tramite dell' Università "Mediterranea" di Reggio, in particolare della facoltà di agraria e quindi dei laboratori di ricerca inseriti a pieno titolo nell'attività del Centro agroalimentare di Lamezia, dove sono concentrati tre corsi di laurea triennale». La professoressa ha aggiunto che «l'ateneo sta portando avanti con profitto queste ricerche, con riconoscimenti sostanziali che devono fare riflettere il mondo istituzionale locale sull'opportunità di sostenere il sapere applicato alle produzioni agricole e agroalimentari locali». «Siamo soddisfatti - ha aggiunto la coordinatrice dell'incontro lametino - dell'esito positivo del workshop e pronti a continuare il nostro lavoro di ricerca in sinergia con i nostri partner scientifici e accademici». UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 15

16 21/09/2007 La Nuova Ferrara Pag. 27 ED. NAZIONALE Argenta. Decine di volumi scomparsi nei traslochi degli ultimi dieci anni. Parte una verifica sul materiale mancante «I libri sono stati perduti, non rubati» L'assessore Antonellini sugli ammanchi alla biblioteca comunale - Presentata richiesta di finanziamento per la catalogazione della dotazione libraria ARGENTA. Nessun furto di libri alla biblioteca comunale bensì volumi spariti nella confusa gestione dovuta ai traslochi susseguitisi negli ultimi 10 anni. Testi scomparsi dalla circolazione, che sono stati oggetto nel 2003 di una denuncia ai carabinieri ma che poi, sono riapparsi mentre si stavano riordinando alcuni spazi di servizio del Convento dei Cappuccini di Argenta. E' questa la sintesi della risposta che l'assessore Adamo Antonellini ha dato nell'ultimo consiglio comunale ad una interrogazione del consigliere Paolo Bolognesi(Fi). L'azzurro, infatti, era giunto in possesso di una nota interna al Comune (datata 1997) che segnalava l'assenza di 33 volumi del Fondo Antico e anche della scomparsa di altri libri e documenti dall'archivio storico del Comune di Argenta. Di qui la richiesta se la sparizione sia dovuta ad un furto, quale l'esito della denuncia ai carabinieri e quali provvedimenti per evitare che capitino altri ammanchi. L'assessore Antonellini, con una dettagliata risposta, ha confermato la denuncia ai carabinieri nel 2003 perché conseguente a un controllo relativo al trasloco del Fondo Antico. Le ricerche iniziate nel 1997 sono proseguite per parecchio tempo ma compatibilmente alla disponibilità del personale. Ricerche difficili, non sistematiche per il susseguirsi di ingressi nel convento dei Cappuccini, ultimo dei quali l'università. C'è stato chi, comunque, ha ritrovato documenti importanti. Antonellini ha aggiunto che è stata presentata un'istanza all'istituto dei Beni Culturali per un finanziamento mirato alla catalogazione del materiale librario. «Entro breve tempo - scrive l'assessore - contiamo di poter procedere ad un verifica sistematica del materiale documentario e archivistico, di recuperarne una parte e di procedere con oculate denunce per gli eventuali documenti mancanti». Il futuro è nella digitalizzazione di tutto il patrimonio ma costa troppo. Giorgio Carnaroli UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 16

17 21/09/2007 La Nuova Ferrara Pag. 23 ED. NAZIONALE Selezionate le opere che saranno valutate dagli studenti Premio Carife letteratura la giuria scalda i motori CENTO. E ora tocca ai giovanissimi. Fra pochi giorni i settemila, e forse più, scolari e studenti che fanno parte della giuria popolare del Premio "Fondazione Cassa di Risparmio di Cento" di letteratura per i ragazzi inizieranno a leggere i volumi finalisti della 29ª edizione. La Giuria tecnica ha infatti scelto la terna per le scuole elementari e la terna per le scuole medie fra i 119 libri iscritti al concorso. Nella sezione scuola primaria hanno prevalso Ermanno Detti (giornalista, scrittore, docente universitario e già maestro) con "Il furto della gazza ladra" edito da Manni, Mario Lodi (uno dei nomi più noti e amati della letteratura per i ragazzi, già vincitore del "Cento") con "Il cielo che si muove" (Editoriale Scienza) e Sebastiano Ruiz Mignone, affermato autore anche di commedie radiofoniche, oltre che di sceneggiature, che ha presentato "Pelù il goleador" (Einaudi Ragazzi). Per la sezione scuola secondaria (ex medie inferiori) sono risultati finalisti il celebrato autore inglese Philip Pullman con "Lo spaventapasseri e il suo servitore" edito da Salani; lo scrittore veneto Guido Sgardoli con "Kaspar, il bravo soldato" edito da Giunti junior; l'americano Jordan Sonnenblick (al suo secondo libro) con "Una chitarra per due" edito da Mondadori. I libri finalisti saranno ora valutati da due giurie popolari composte da oltre 400 classi scolastiche di molte regioni italiane e di comunità italiane all'estero (Slovenia, Croazia, San Marino, Svizzera, Germania, Olanda) che con il voto determineranno le graduatorie conclusive. La selezione delle opere è stata effettuata dalla giuria tecnica composta dalle giornaliste Rai Tiziana Ferrario (TG1) e Fulvia Sisti (TG3), dagli scrittori Guido Clericetti, Marcello D'Orta, Giuseppe Pederiali, Folco Quilici e Mario Schiavato, dai docenti Franco Frabboni, Giovanni Genovesi e Paolo Valentini. Il Premio è promosso e organizzato da Fondazione Carice, Cassa di Risparmio di Cento, Università e Ufficio provinciale scolastico di Ferrara. Si stanno intanto chiudendo le iscrizioni alla giuria popolare; gli insegnanti che vogliano far partecipare le proprie classi possono telefonare alla segreteria (051/ ). UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 17

18 21/09/2007 La Nuova Ferrara Pag. 18 ED. NAZIONALE CONFERENZA Cellule staminali, speranze e realtà Per oggi alle 17 la Società Naturalisti Ferraresi propone nella propria sede in corso Ercole I d'este 32, nell'aula 1/A del Dipartimento di Biologia ed Evoluzione dell'università degli Studi di Ferrara, una conferenza sul tema: «Cellule staminali: speranze e realtà». Le cellule staminali rappresentano una interessante speranza per il trattamento di molte patologie. A che punto è la ricerca sulle cellule staminali? Quali applicazioni hanno oggi le cellule staminali? Cosa ci possiamo realmente aspettare per il futuro? Ne parlerà il dott. Gian Matteo Rigolin, Ricercatore presso la Sezione di Ematologia del Dipartimento di Scienze Biomediche delluniversità di Ferrara. Ingresso libero. FONDO RENO Musica Nell'ambito degli appunatenti «Fondo Reno Friday», stasera al circolo Arci di Fondo Reno (Via Civetta 63-65), concerto dei Kodama alle 21. A seguire dj set France+Guest. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 18

19 21/09/2007 La Nuova Ferrara Pag. 17 ED. NAZIONALE LA REPLICA/1 Costi del dentista e guardia festiva Chiedo cortesemente un po' di spazio per poter replicare ai contenuti dei due articoli pubblicati nei giorni scorsi e riguardanti il costo del dentista all'estero e il mal di denti di sabato scorso. Cerco di andare in ordine: * come Associazione di Categoria (A.N.D.I. Ass.ne Naz.le Dentisti italiani) siamo a conoscenza della (relativamente) nuova moda di recarsi all'estero per poter risparmiare sulle prestazioni odontoiatriche; siamo anche consapevoli del fatto che le nostre cure e le nostre riabilitazioni protesiche hanno dei costi che non tutti possono permettersi. Ma vorremmo precisare che non sono i dentisti italiani ad essere cari, ma è l'odontoiatria italiana che è cara. Di ciò, infatti, ne è ben cosciente soprattutto il Servizio Sanitario Nazionale che da sempre non se ne occupa - salvo rare e virtuose realtà - che in modo marginale, perché, se dovesse offrire le stesse prestazioni che offrono i dentisti privati, il già enorme buco economico della Sanità pubblica si allargherebbe spaventosamente. A Ferrara, fino a qualche anno fa, l'odontoiatria pubblica si svolgeva presso gli ambulatori di via Cassoli. Negli ultimi anni, si effettuavano poche prestazioni e l'attività di ortodonzia. Sono stati chiusi e, per poter continuare ad erogare un servizio pubblico, ora ubicato in via Montebello, l'azienda USL e l'azienda Universitaria-Ospedaliera hanno dovuto far ricorso ad un accordo con un imprenditore privato. In altre occasioni e in altre sedi abbiamo manifestato le nostre perplessità in merito a questo accordo che grava - a nostro avviso troppo - sulle tasche dei cittadini ferraresi. Altre valutazioni sono state più volte espresse, mediante interventi sulla stampa locale, dagli utenti che si sono rivolti a questa nuova struttura. * Il livello qualitativo medio dell'odontoiatria italiana è tra i migliori del mondo, secondo, forse, solo a quello degli Stati Uniti d'america dove, guarda il caso, le prestazioni odontoiatriche costano parecchio. Il costo della vita nel nostro Paese è ben noto; è ovvio che nei Paesi dell'est europeo e in quelli in via di sviluppo esso è più contenuto e, di conseguenza, anche i prezzi delle prestazioni odontoiatriche. Non credo che i dipendenti dello Stato italiano, per contribuire a ridurre il deficit pubblico, gradirebbero di aver uno stipendio mensile equiparato a quello dei loro analoghi colleghi rumeni, ungheresi o croati. * Per quanto concerne la qualità delle prestazioni e il livello di sicurezza degli studi odontoiatrici - aspetti che chi non è addetto ai lavori difficilmente può valutare - anche in questo campo l'odontoiatria italiana è all'avanguardia. Il quotidiano «L'Adige», il 25 novembre 2006, riportò la notizia di un paziente deceduto per una setticemia fulminante: si era recato in Romania per cure odontoiatriche. Eventi di questo tipo, fortunatamente, da noi non si sono mai verificati. Siamo stati tra i primi operatori sanitari a prendere tutte le precauzioni necessarie per evitare la trasmissione delle infezioni crociate. * Se una protesizzazione o una cura non sono soddisfacenti, il professionista serio e deontologicamente corretto si impegna a trovare le soluzioni del problema. Se questo dovesse capitare per prestazioni effettuate all'estero, per quanto possa essere piacevole fare un viaggio, non riteniamo che sia molto pratico e, alla lunga, anche economicamente vantaggioso. * In molti casi i promotori di queste trasferte oltre confine, sono degli odontotecnici che, come dovrebbe essere ben noto, non possono praticare alcuna manovra, ancorché incruenta, nel cavo orale dei pazienti. In pratica, quello che li spinge ad attivarsi è semplicemente un interesse commerciale. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 19

20 21/09/2007 La Nuova Ferrara Pag. 17 ED. NAZIONALE * Sappiamo anche che laboratori odontotecnici cinesi ed indiani stanno proponendo delle protesi a costi irrisori (loro non devono rispettare il D.Lgs 46/97 che ha recepito la Direttiva CEE 93/42) e che consentirebbero ai dentisti italiani di essere meno cari. Ma i professionisti seri e coscienziosi che le hanno provate, le hanno subito gettate nel pattume per le evidenti carenze qualitative e di sicurezza per i pazienti che hanno evidenziato. * Pur augurando a coloro che si sono rivolti ai dentisti (nella speranza che siano veramente tali, dal momento che proprio nei Paesi dell'est europeo abbondano le lauree fasulle e/o non riconoscibili dallo Stato italiano e la Croazia - con Rijeka, ex Fiume - ne sa qualcosa) dei suddetti Paesi che tutto vada per il meglio, vorremmo ricordare che alcuni anni or sono andava di moda l'olanda. I dentisti italiani ancora oggi continuano a ringraziare quel Paese e le sue succursali aperte in Italia, perché per molti anni hanno lavorato per rimediare ai danni provocati da quei manufatti protesici. * Per quanto concerne il «mal di denti di sabato», ci teniamo a far presente che molti anni or sono, un collega ferrarese, fu incaricato di attivarsi presso le strutture pubbliche per valutare la loro disponibilità ad organizzare un servizio di reperibilità odontoiatrica pre-festiva e festiva. Alcuni dentisti privati erano già pronti ad effettuare, gratuitamente, dei turni presso le strutture pubbliche per poter offrire anche questo servizio. Purtroppo le risposte furono negative, in quanto non potevano mettere a disposizione del dentista del personale ausiliario in grado di aiutarlo e di assisterlo nei periodi richiesti. Quindi, in modo del tutto autonomo, la sezione ferrarese dell'a.n.d.i. (Ass.ne Naz.le Dentisti Italiani), da alcuni anni ha attivato la reperibilità odontoiatrica che viene effettuata nei giorni festivi e prefestivi e che prevede un modesto pagamento (ma il tenere aperto uno studio ha i suoi non trascurabili costi). Nonostante non poche difficoltà per riuscire a pubblicizzare tale iniziativa, sono state fornite diverse centinaia di prestazioni di urgenza (per ulteriori informazioni si può contattare la sede ANDI allo ). Spero di aver fatto chiarezza e di essermi reso utile per portare a conoscenza dei cittadini di alcuni aspetti spesso poco noti. Dott. Cesare Brugiapaglia Past-President Andi Ferrara UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 20

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli