Rassegna Stampa del 21/09/ :08

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa del 21/09/2007 09:08"

Transcript

1 SICT Rassegna Stampa del 21/09/ :08 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 21/09/2007 Il Resto del Carlino Ambiente, un'etica per proteggerlo 21/09/2007 Il Resto del Carlino I grandi temi scientifici salgono in cattedra 20/09/2007 Il Gazzettino Gli Ordini a Roma: «Corsie vuote? Rivedere il numero dei medici in base alle necessità delle regioni» 21/09/2007 ItaliaOggi Stabilizzazione per pochi 21/09/2007 Corriere Adriatico Alla Carbon ci sarà lavoro per i nostri "cervelli? 21/09/2007 Corriere dell'alto Adige Utopia /09/2007 Gazzetta del Sud Il ruolo significativo di Agraria al workshop agroalimentare 21/09/2007 La Nuova Ferrara «I libri sono stati perduti, non rubati» 21/09/2007 La Nuova Ferrara Premio Carife letteratura la giuria scalda i motori 21/09/2007 La Nuova Ferrara Cellule staminali, speranze e realtà 21/09/2007 La Nuova Ferrara Costi del dentista e guardia festiva 21/09/2007 La Nuova Ferrara D'Agostino nuovo preside 21/09/2007 La Nuova Ferrara Scienza al servizio dell'uomo 21/09/2007 Il Mondo La vacanza non va mai in vacanza

3 21/09/2007 Il Mondo AAA Alloggio equo canone cercasi 21/09/2007 Il Mondo Eccellente, è il voto dell'europa 21/09/2007 Il Mondo Attenta Milano, stiamo arrivando... 21/09/2007 Il Mondo Fondazioni universitarie alla ricerca del rilancio 20/09/2007 Il Sole 24 Ore Online A Catania, nei laboratori dell'st Microelectronics,

4 AZIENDA USL DI FERRARA 21/09/2007 Il Resto del Carlino Sicurezza, una scuola guida anche per i portalettere 21/09/2007 La Nuova Ferrara «Guida sicura», uno stage per i postini AZIENDA USL FERRARA LOCALI 21/09/2007 Il Resto del Carlino Anziani truffati mentre sono in coda all' ospedale 21/09/2007 Il Resto del Carlino Nuova casa per Ado: «Più vicini ai malati» 21/09/2007 La Nuova Ferrara Operatori sociali, compito difficile 21/09/2007 La Nuova Ferrara Stand antifumo per controllare il respiro SCENARIO SANITA E SALUTE 21/09/2007 La Repubblica Il cordone ombelicale potrà essere "firmato" 21/09/2007 Il Resto del Carlino Si è già acceso il motore della ricerca 21/09/2007 Il Resto del Carlino E domani brindisi della speranza a Meldola Nasce il gioiello oncologico di Romagna UNIVERSITA E RICERCA 21/09/2007 Corriere della Sera Atenei, la lotteria dei test d'ingresso 21/09/2007 Il Sole 24 Ore Scandalo test, Mussi accelera 43 44

5 UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 19 articoli

6 21/09/2007 Il Resto del Carlino Pag. XI FERRARA Ambiente, un'etica per proteggerlo Conferenze tra politici e premi Nobel Di FRANCESCO NERI FERRARA sarà il teatro in cui scienziati, filosofi, politi e premi Nobel si confronteranno in una 'tre giorni' di confronti e proposte per discutere il futuro dell'ambiente. Il forum su 'Etica e scienza per l'ambiente' si propone di sviscerare tematiche come lo sfruttamento e il crescente impoverimento della risorse naturali,la lotta per la supremazia a tutti i livelli sociali e il progressivo deterioramente climatico - ambientale. La peculiarità degli incontri, in programma da domenica prossima a martedì, sarà quella di analizzare i problemi da diversi punti di vista nel tentativo di formulare un'etica di tutela dell'ambiente condivisa sia dal mondo scientifico sia da quello filosofico umanistico. «Gli incontri rappresenteranno un ' R-day' in cui 'R' significa responsabilità, tanto per usare un termine noto in questi giorni - afferma Francesco Dondi dell'università di Ferrara -. Tutti gli incontri saranno aperti a tutti i cittadini interessati anche non addetti ai lavori, perchè uno dei nostri obiettivi è quello di aprirci alla città e cercare di sensibilizzare le persone ai temi ambientali». IL PRIMO appuntamento si terrà al Teatro Comunale, alle 16.30, con la partecipazione straordinaria del premio Nobel per la chimica Richard Ernst sulla 'responsabilità degli scienziati', a cui seguiranno gli interventi di Mario Miegge dell'ateneo ferrarese sulle 'responsabilità dei filosofi' e di Tullio Regge sulla 'scienza come speranza'. a cui seguirà un concerto offerto dall'accademia Mahler. «Il problema - aggiunge Hartmut Frank dell'università di Bayreuth - è che la scienza non è in grado di risolvere i più grandi problemi dell'ambiente. I progressi scientifici e tecnici che mirano a produrre grandi vantaggi sociali, troppo spesso dimenticano che siamo individui, esseri viventi che necessitano di una dimensione umana e non scientifica della vita. Per questo è fondamentale creare un'etica ed un'educazione in grado di responsabilizzare i cittadini sull'impatto ambientale, che anche il singolo all'interno della propria città compie ogni giorno». Il secondo incontro di lunedi, che si terrà presso il dipartimento invece, vedrà la partecipazione dell on.le Nando Dalla Chiesa dedicato al progetto 'Ethicamente' proposto dal Mur. «La diversa provenienza culturale dei relatori - continua Francesco Dondi - è voluta per dare un timbro di interculturalità all'evento, inoltre la presenza di un premio Nobel dona all'evento un'importanza di calibro europeo». L'ultimo appuntamento di martedì sarà dedicato a fornire una panoramica sul concetto di ambiente nella pluralità delle culture ( cinese, buddista, ebraico - cristiana) e sul ruolo delle culture stesse sul diritto dell'ambiente in una società multiculturale. IL FORUM si concluderà con una tavola rotonda sulle prospettive di una ricerca europea fondata su basi etiche. Quindi la cultura come strumento per cambiare le cose, o per educare le persone ad un rispetto ambientale reale e concreto. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 6

7 21/09/2007 Il Resto del Carlino Pag. XI FERRARA I grandi temi scientifici salgono in cattedra Cooperazione tra gli atenei di tutta Europa L'ATENEO FERRARESE al centro di un dibattito europeo per l'ambiente. Già, perchè gli incontri del 'forum etica e scienza per l'ambiente' sarà attuato con la cooperazione con le università di Bayreuth (Germania), Torun (Polonia), Innsbruck (Austria) e Burgos (Spagna). Ma sarà l'università di Ferrara ad ospitare la prima edizione, e sempre nell'ateneo cittadino, per la prima volta in tutta Italia, si porterà avanti un serio lavoro sul ruolo della mediazione etica nei grandi temi scientifici. Questo oltre a donare lustro ai docenti interessati ed organizzatori, rappresenta una vetrina molto importante in cui poter mostrare i risultati ottenuti, oltre a poterli condividere e discutere all'interno di un dibattito interculturale. QUINDI FERRARA protagonista di una tematica, quella ambientale, molto seria e urgente che in breve tramuterà anche i possibili 'piani di studio' scelti dagli studenti dell'ateneo, inquanto è prevista una vera e propria integrazione di queste tematiche nei corsi di studi proposti. Educare all'ambiente per ritrovarne i valori e l'importanza è compito delle facoltà e delle scuole in generale «al forum - commenta Francesco Dondi - potranno partecipare non solo gli studenti universitari ma anche gli alunni delle scuole medie superiori in modo da presentare ai coloro che saranno il futuro le grandi tematiche a cui si andrà in contro. Impegni come questo devono essere delle priorità per le». UNIVERSITÀ e città intrecciate culturalmente, in un contesto europeo. Sembra essere questo il futuro verso cui si stà muovendo l'università di Ferrara, e non solo, magari nella speranza di far nascere all'interno delle università stesse un movimento europeo a tutela dell'ambiente. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 7

8 20/09/2007 Il Gazzettino Pag. 11 ED. NAZIONALE Gli Ordini a Roma: «Corsie vuote? Rivedere il numero dei medici in base alle necessità delle regioni» Venezia «È urgente un correttivo». Gli Ordini dei medici non hanno dubbi, se in corsia i camici bianchi scarseggiano, significa che qualcosa non sta funzionando per il verso giusto e che è diventato indispensabile porre mano al sistema. E la prima proposta è arrivata proprio ieri da Roma. «Il numero chiuso è sacrosanto, ma è mal distribuito ed è anche per questo che le cose non funzionano - sottolinea il vicepresidente nazionale della Fnomceo (la Federazione degli Ordini dei medici) Maurizio Benato, padovano - Il Veneto ad esempio, ha esigenze che sono sicuramente diverse da quelle di molte altre regioni. Il numero dei medici va necessariamente ricalibrato sulle necessità regionali e saranno poi le regioni a riunirsi e discutere collegialmente le singole necessità». Se non si cambia il meccanismo, il sistema rischia di implodere. E sono i numeri a dimostrarlo. Il prossimo anno le Scuole di Specialità di Padova e Verona "sforneranno" ad esempio 2 o 3 oculisti per coprire le esigenze di tutta la regione. «Ma facciamo il caso dei pediatri - aggiunge Benato - In Italia sono 7mila e la quasi totalità andrà in pensione entro il prossimo decennio. Come pensiamo di sostituirli? Con la ventina che escono ogni anno?» Il sistema scricchiola ed è pieno di incongruenze. «Guardiamo i numeri - sottolinea Benato - Nonostante i criteri d'accesso alla Facoltà di Medicina non ci convincano, ogni anno agli Ordini si iscrivono 5mila nuovi medici. Non sono pochi, ma sono mal distribuiti. Ci sono ingolfamenti nelle Università del Sud, mentre il Nord che poi esprime il sistema sanitario più capillare ed evoluto, è sottostimato. Ecco da dove nascono i problemi. L'Università di Padova, ad esempio, è penalizzata di almeno un buon 20 per cento rispetto a quelle siciliane o campane o altre del meridione». A questo meccanismo perverso si aggiunge poi un esame di accesso alla Facoltà che gli stessi medici, con le Università, ritengono non essere adeguato, da qui la proposta di modifica che verrà presentata al Ministro. «Si tratta di studiare un accesso alla Facoltà di Medicina che superi il test e tenga conto del voto di Maturità, di una media delle materie ritenute importanti per il percorso di studio scelto, il tutto moderato sulla base di un voto ponderato per istituto - aggiunge Benato - Questo potrebbe rendere il sistema più equo». Ma non è la sola risposta, anche le Università si sono mosse. «Le Università hanno una loro autonomia - spiega il professor Giorgio Palù, preside della Facoltà di Medicina di Padova - Noi ci siamo già mossi per chiedere al Ministero di poter elevare il numero degli accessi. Abbiamo due corsi di laurea, altri due sono stati deliberati e diventeranno operativi il prossimo anno. Questo significa che diventerà possibile elevare il numero dei posti, oggi a 267 (239, più 18 destinati agli stranieri) a 320». È un primo passo, ma che potrebbe essere fondamentale. «Non è facile fare previsioni sui bisogni - aggiunge Palù - La tecnologia e la scienza in ambito biomedico subiscono delle modificazioni e delle crescite che sono poco programmabili - Non è facile valutare cosa avverrà fra 10 anni e soprattutto di quali figure ci sarà necessità più di altre. Una cosa che però si potrebbe fare subito per ovviare alle carenze che lamentano gli ospedali, è ad esempio aprire il valore del test a livello nazionale e non solo in sede locale. È ovvio che chi si trova a concorrere in una Facoltà molto richiesta come Padova, fa sicuramente più fatica di chi si presenta ad esempio a Ferrara dove il numero dei concorrenti è di granlunga inferiore». Gli Ordini dei medici stanno poi intervenendo anche in altri ambiti, come ad esempio dando vita ad una ricognizione per verificare quanti di coloro che si sono specializzati, poi effettivamente si sono UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 8

9 20/09/2007 Il Gazzettino Pag. 11 ED. NAZIONALE impiegati in quel campo. «Attraverso le Società scientifiche, 200 iscritte alla Federazione italiana delle società mediche e 200 libere, stiamo cercando di attivare un attento monitoraggio dal quale dovremmo essere in grado di calcolare quanti sono le necessità reali di specialisti». Insomma il sistema non sta immobile e cerca di superare la difficoltà del momento che a quanto pare è un problema quasi esclusivo delle regioni del Nord. D'altro canto la stessa Fnomceo ammette che il numero dei medici stranieri che cominciano ad affiancarsi ai reparti è senza dubbio in crescita. «Sono soprattutto specialisti provenienti dal Sud America o dai Paesi dell'est - spiega Benato - Devono fare alcuni esami integrativi e chiedere l'equipollenza della laurea. Ma sono forse lavoro che in molti ambiti adesso possono servire». Come si affaccia il modello anglosassone che vede una sostanziale rimodulazione delle mansioni infermieristiche. «Certo non si tratterà di affidare a infermieri i compiti che sono dei medici - conclude Benato - Ma piuttosto di ricalibrare il sistema in modo che il medico possa diventare un manager e gestire un sistema complesso».daniela Boresi UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 9

10 21/09/2007 ItaliaOggi Pag. 31 NUMERO 224 Professori, ricercatori e co.co.co. restano fuori Stabilizzazione per pochi UNIVERSITA '/ Un parere della Funzione pubblica sulla legge finanziaria Antonio G. Paladino Università, la stabilizzazione ex comma 519 non potrà riguardare professori e ricercatori universitari nonché tutte le tipologie dei contratti riconducibili alle collaborazioni coordinate e continuative e al lavoro interinale. Lo chiarisce il dipartimento della funzione pubblica, Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni (Uppa) nel testo del parere n. 13/2007, recentemente pubblicato sul sito internet istituzionale con il quale si forniscono interessanti delucidazioni sulla applicabilità al comparto università delle disposizioni contenute nel comma 519 della legge finanziaria per il Il parere emesso dall'ufficio diretto da Francesco Verbaro, infatti, è stato reso a seguito di apposita richiesta da parte della Conferenza dei rettori propria sulla portata del comma in esame ed evidenzia come la ratio del legislatore, sia stata proprio quella di «definire con un riferimento cardine, i contorni del lavoro precario». Per quanto riguarda le università, rileva il parere, l'applicazione del comma 519 necessita di una duplice precisazione. Da un lato, infatti, occorrerà specificare la platea dei destinatari, considerato che nell'ambito universitario convivono diverse tipologie di lavoratori pubblici. Ecco che, «almeno in questa fase», la stabilizzazione riguarderà soltanto il personale il cui rapporto di lavoro è riconducibile alla disciplina prevista dall'articolo 2, comma 2 del dlgs n. 165/2001, quindi con esplicita esclusione del personale (professori e ricercatori universitari) il cui rapporto d'impiego resta disciplinato dalle disposizioni vigenti. Pertanto, tiene a precisare la nota Uppa, ogni rapporto di tipo flessibile riconducibile all'ordinamento del personale docente o dei ricercatori, vale a dire ad esempio contratti di lavoro a tempo determinato, dottorati di ricerca, titolari di assegno di studio, non rientrano nella fattispecie definita dal comma 519. Una volta verificata la sussistenza giuridica e temporale dei requisiti (tre anni di servizio al 29/9/2006 anche non continuativi nel quinquennio) la tipologia cui andranno riferite le disposizioni ex comma 519 è quella del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato. Appare chiara, rileva la nota, l'esclusione dei contratti di collaborazione coordinata e continuativa e del lavoro interinale. La particolare autonomia ordinamentale e organizzativa (anche in materia di dotazioni organiche) delle Università porta ad evidenziare un altro aspetto, quello dei vincoli finanziari. Non vi è dubbio, rimarca la nota, che la stabilizzazione «alla stregua di qualsiasi assunzione a tempo indeterminato» dovrà essere compatibile con quanto disposto dall'articolo 51 della legge n. 449/97 (Finanziaria 1998), secondo cui le spese fisse e obbligatorie per il personale di ruolo delle università statali non possono eccedere il 90% dei trasferimenti statali sul fondo per il finanziamento ordinario. Quanto poi alla ventilata ipotesi che al personale in possesso dei requisiti previsti dalle legge finanziaria possa essere disposta una proroga dei contratti in essere, almeno sino alla conclusione delle procedure di stabilizzazione, la nota Uppa nulla vieta. Anzi, è facoltà delle università considerare la citata proroga quale «anticamera di un'assunzione a tempo indeterminato e quindi di ingresso nei ruoli», sempre che ciò sia compatibile con gli obblighi derivanti dalla programmazione triennale del fabbisogno e ferma restando «l'invalicabilità» del vincolo finanziario del citato art. 51, della legge n. 449/97. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 10

11 21/09/2007 ItaliaOggi Pag. 31 NUMERO 224 riproduzione riservata UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 11

12 21/09/2007 Corriere Adriatico Pag. 3 Potranno essere coinvolti nel polo di ricerca altrimenti continueranno a migrare fuori dalla comunità Alla Carbon ci sarà lavoro per i nostri "cervelli? * presidente della Provincia l'intervento ASCOLI - Non sono sorpreso della lettera aperta del rettore di Camerino perché conosco personalmente la tensione che lo anima verso una sfida che coinvolge sia le nostre responsabilità di amministratori sia, prima di tutto, la nostra coerenza di uomini e cittadini. Non sono sorpreso perché condivido quanto sostiene ed anche quel disagio e frustrazione per un apparente abbassamento dell'entusiasmo verso le prospettive ipotizzate e condiviso con le categorie, i lavoratori, le rappresentanze sindacali e l'azienda, oltre che con Comune e Regione. Nel mio intervento in consiglio comunale, quando forse per altri impegni si era appena allontanato, ho voluto ancora ribadire quanto creda nel processo avviato, rinnovando la mia piena disponibilità pur condividendo alcune preoccupazioni, perché anche per me è difficile accettare atteggiamenti di scetticismo, nonostante possano essere in parte giustificati dall'ambizioso traguardo da conseguire.ho ribadito la mia convinzione e condivisione in quelle tesi che mi hanno portato, alla prima ora, insieme a Esposito, a Bagnoli oppure a Ferrara alla ricerca del coinvolgimento di Patrizio Bianchi, Rettore di quella Università, noto economista industriale per convincerlo a collaborare nella prospettiva di trasformare la protezione dell'esistente in proiezione dell'intero territorio verso le dinamiche di una nuova economia da sostenere nella sfida dell'innovazione e della qualità. Da quei giorni non abbiamo mutato ragioni e convinzioni che,anzi, si sono rafforzate nei confronti degli interlocutori privilegiati e dei soggetti interessati.l'obiettivo è quello di suggerire interventi, in un sito delicato per la sua collocazione, capaci di rappresentare anche l'idea di un polo di sviluppo occupazionale a sostegno del territorio: è un contributo che offriamo a chi dovrà decidere senza la presunzione di "ingabbiare? percorsi, ma con la ferma volontà di operare perché la "vicenda Carbon? si risolva in fattore di rilancio complessivo dell'economia provinciale. Ripensare le nostre produzioni, innervarle di saperi e di qualità, intercettare nuovi segmenti produttivi di beni e servizi, accettare la sfida delle nuove energie che si pone come una necessità, coniugare la presenza dell'università con le esigenze del territorio, sono tutti elementi che ci incoraggiano e stimolano nel pensare alla rifunzionalizzazione dell'area come opportunità in cui ci sarà lavoro anche per i nostri "cervelli? che, altrimenti, continueranno a migrare ed affermarsi fuori dalla nostra comunità.il suo intervento è per questo ben accetto, anzi gradito, perché anch'io mi auguro che possa rilanciare nuovi stimoli in quanti sono chiamati ad attivare le scelte concrete e definitive, scelte e processi, il cui coordinamento non rientra nelle mie competenze, ma che mi troveranno sempre disponibile ed appassionato nel sostenere, migliorare, allargare e partecipare alla comunità locale un percorso condiviso destinato a segnare il volto di una città, dell'economia e del benessere di un intero territorio. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 12

13 21/09/2007 Corriere dell'alto Adige Pag. 12 TRENTO L'ex ministro ospite a Levico del Centro studi sulla storia dell'europa orientale Utopia 1968 Ripa di Meana ricorda il movimento «Apprezzai la sua natura iconoclasta» di ALESSANDRO DE BERTOLINI LEVICO - A caldo, di prima mano, Jürgen Habermas scriveva nel 1969, in un'opera pubblicata in Germania su La crisi della razionalità nel capitalismo maturo, che «oggi, difficoltà che solo due o tre anni fa sarebbero passate per questioni private - conflitti fra studenti e insegnanti, tra lavoratori e datori di lavoro, tra coniugi, o tra individui - rivendicano un significato politico e chiedono di essere giustificati in termini politici». A caldo, in prima persona, Habermas si affacciava al Sessantotto. Ma il filosofo tedesco, classe 1929, seppe guardare alla contestazione studentesca senza i fremiti dell'entusiasmo, senza gli eccessi dell'amore a prima vista. Aveva quarant'anni, lui. Da almeno dieci non era più uno studente. Gli slogan parigini del maggio francese - sii realista, chiedi l'impossibile, è proibito proibire - mostravano insieme i limiti e le virtù della nuova stagione politica. Ma certo per gli studenti non vi erano che le virtù. Ai quarant'anni di Habermas, più maturi, mancava invece la passione dell'infatuazione così che il fenomeno, qualunque esso fosse, gli apparve nella sua interezza tanto dal lato buono che da quello cattivo. Classe 1929, come Habermas, anche per Carlo Ripa di Meana è stato così. Dice di «amare più la dimensione "Adorno" del Sessantotto che quella dei comitati, dei soviet e della tentazione leninista». In altre parole, «ho apprezzato di quel movimento la natura iconoclasta della messa in questione delle vecchie regole pietrificate, della richiesta di ridurre le deleghe, della spinta verso un nuovo sistema di rappresentanza e di democrazia diretta. Molto meno ho apprezzato gli esami collettivi, il voto politico, l'ossessione del decentramento e la condivisione del modello sovietico». Aveva quarant'anni, anche Ripa di Meana, e da almeno dieci non faceva più lo studente. «Ho vissuto quegli anni con un stato d'animo misto. Non di incondizionato sostegno - ricorda - ma neppure di rigetto». Curiosità tanta, per l'ex ministro, e condivisione dei postulati di base e gli ideali posti a fondamento, ma non abbandono acritico verso spensierate posizioni di consenso. Sulle derive del totalitarismo di sinistra, per esempio, Ripa di Meana è chiarissimo. «Con espressione tipica romana definirei il Sessantotto un po' loffio. Perlomeno per quanto riguarda la sua incapacità di comprendere i limiti dell'impero sovietico, di accorgersi che esso era tutto fuorché un'altra Atene». All'indomani della primavera di Praga, delle prime manifestazioni degli studenti nelle piazza italiane, tedesche, europee, americane, Habermas e Ripa di Meana compivano quarant'anni. Oggi, anche quegli avvenimenti stanno per celebrare il loro quarantesimo anniversario. Per ricordarlo, con il titolo de L'anno delle utopie, il Centro studi sulla storia dell'europa orientale (Csseo) promuove per le giornate di oggi e domani un convegno nella sala Giannettini dell'hotel Romanda di Levico Terme. E alle 21 di questa sera al teatro dell'oratorio è previsto l'incontro con Ripa di Meana su Cinquant'anni di storia, vita politica e cultura in Italia. Al dibattito con l'ex parlamentare, che sul finire degli anni Sessanta conobbe in prima linea la contestazione nella figura di segretario del Club Turati di Milano, partecipano Andrea Iannuzzi, Salvatore Sechi e il presidente del Csseo Fernando Orlandi. Al convengo - introdotto da Massimo Libardi alle 15 di oggi - sono invitati ricercatori e storici dalle università di Pavia, Chieti, Ferrara, Torino e dalla Sorbona. Tra gli altri interverranno Giovanni Pellegrino, già presidente della Commissione stragi del Parlamento, l'editore Angelo Quattrocchi, il saggista Attilio Mangano, Piergiorgio Rauzi e Carla Gubert dall'università di Trento. Dal maggio francese al Vietnam, dalla Cina di Mao ai disordini di Città del Messico, dagli «studenti di Praga» fino al Sessantotto trentino il convegno raccoglie oltre una quindicina di contribuiti, altrettante relazioni e UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 13

14 21/09/2007 Corriere dell'alto Adige Pag. 12 TRENTO la proiezione di un documentario. Sulle pagine trentine della contestazione, oltre che sul più ampio panorama europeo, si soffermerà Ripa di Meana. «A Trento l'inizio fu molto impetuoso. Il clima fu all'inizio assai fecondo ma poi, con le vicende del terrorismo, gli ambienti trentini andarono via via col sovrapporsi ai fatti violenti di Curcio e della Cagol. Di lì in seguito Trento venne vista quasi come una trincea estremistica». Per quanto riguarda invece il rapporto tra il movimento in Italia e quelli che crebbero in Europa, Ripa di Meana sottolinea, in particolare, la differenza «culturale» che vi fu tra le assemblee milanesi e quelle pargine. «A Parigi - dice - fu più profondo lo sforzo teorico. Lo spirito del tempo fu segnato dai leader di Parigi più che da quelli italiani». A Trento all'inizio il clima fu fecondo, ma con il terrorismo e con le vicende di Curcio e Cagol la città fu vista come trincea estremistica UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 14

15 21/09/2007 Gazzetta del Sud ED. NAZIONALE Il ruolo significativo di Agraria al workshop agroalimentare Sarah Incamicia Si sono conclusi ieri i lavori del workshop organizzato nell'ambito del dottorato internazionale di ricerca in "Chimica e tossicologia degli alimenti" e del dottorato nazionale di ricerca in "Salubrità degli alimenti", promosso dalla sede consorziata dell'università "Mediterranea" di Reggio che prende il nome di Distafa. L'iniziativa scientifica aveva preso il via lunedì scorso nel Centro di ricerca agroalimentare, nell'area industriale lametina. Nei quattro giorni di studio hanno partecipato diversi scienziati e personalità del mondo accademico provenienti da numerosi atenei italiani e stranieri. L'iniziativa si è articolata in una serie di lezioni magistrali e resoconti di ricerca per approfondire le problematiche inerenti la salubrità dei prodotti alimentari. Sono stati affrontati temi come le proprietà del prodotto alimentare, la contaminazione radiochimica e da micotossine negli alimenti, gli integratori e gli alimenti funzionali, lo studio di prodotti tipici come il riso o il fico di Cosenza, e l'approfondimento sulla nutrigenomica e nuovi metodi per garantire l'autenticità delle produzioni olearie attraverso l'approfondimento dei rapporti tra acidi grassi essenziali ed espressione genica, o l'enantiomeria acilglicerolica nell'accertamento della qualità dell'olio d'oliva. O ancora lo studio dei marcatori molecolari di cultivars dell'olio d'oliva e l'applicazione di sistemi olfattivi artificiali per il controllo di qualità alimentare. Il workshop testimonia l'evoluzione in campo scientifico raggiunta dalle strutture di ricerca del sistema regionale calabrese operanti nel comparto agroalimentare. Hanno partecipato all'evento delegazioni provenienti da prestigiosi atenei come le università di Cork (Irlanda), Perugia, Trieste, Valencia (Spagna), Cagliari e Ferrara. «Una partecipazione - ha sottolineato la dottoressa Russo, coordinatrice dell' iniziativa - che si inquadra in un processo di collaborazioni e partnership che la nostra regione, per il tramite dell' Università "Mediterranea" di Reggio, in particolare della facoltà di agraria e quindi dei laboratori di ricerca inseriti a pieno titolo nell'attività del Centro agroalimentare di Lamezia, dove sono concentrati tre corsi di laurea triennale». La professoressa ha aggiunto che «l'ateneo sta portando avanti con profitto queste ricerche, con riconoscimenti sostanziali che devono fare riflettere il mondo istituzionale locale sull'opportunità di sostenere il sapere applicato alle produzioni agricole e agroalimentari locali». «Siamo soddisfatti - ha aggiunto la coordinatrice dell'incontro lametino - dell'esito positivo del workshop e pronti a continuare il nostro lavoro di ricerca in sinergia con i nostri partner scientifici e accademici». UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 15

16 21/09/2007 La Nuova Ferrara Pag. 27 ED. NAZIONALE Argenta. Decine di volumi scomparsi nei traslochi degli ultimi dieci anni. Parte una verifica sul materiale mancante «I libri sono stati perduti, non rubati» L'assessore Antonellini sugli ammanchi alla biblioteca comunale - Presentata richiesta di finanziamento per la catalogazione della dotazione libraria ARGENTA. Nessun furto di libri alla biblioteca comunale bensì volumi spariti nella confusa gestione dovuta ai traslochi susseguitisi negli ultimi 10 anni. Testi scomparsi dalla circolazione, che sono stati oggetto nel 2003 di una denuncia ai carabinieri ma che poi, sono riapparsi mentre si stavano riordinando alcuni spazi di servizio del Convento dei Cappuccini di Argenta. E' questa la sintesi della risposta che l'assessore Adamo Antonellini ha dato nell'ultimo consiglio comunale ad una interrogazione del consigliere Paolo Bolognesi(Fi). L'azzurro, infatti, era giunto in possesso di una nota interna al Comune (datata 1997) che segnalava l'assenza di 33 volumi del Fondo Antico e anche della scomparsa di altri libri e documenti dall'archivio storico del Comune di Argenta. Di qui la richiesta se la sparizione sia dovuta ad un furto, quale l'esito della denuncia ai carabinieri e quali provvedimenti per evitare che capitino altri ammanchi. L'assessore Antonellini, con una dettagliata risposta, ha confermato la denuncia ai carabinieri nel 2003 perché conseguente a un controllo relativo al trasloco del Fondo Antico. Le ricerche iniziate nel 1997 sono proseguite per parecchio tempo ma compatibilmente alla disponibilità del personale. Ricerche difficili, non sistematiche per il susseguirsi di ingressi nel convento dei Cappuccini, ultimo dei quali l'università. C'è stato chi, comunque, ha ritrovato documenti importanti. Antonellini ha aggiunto che è stata presentata un'istanza all'istituto dei Beni Culturali per un finanziamento mirato alla catalogazione del materiale librario. «Entro breve tempo - scrive l'assessore - contiamo di poter procedere ad un verifica sistematica del materiale documentario e archivistico, di recuperarne una parte e di procedere con oculate denunce per gli eventuali documenti mancanti». Il futuro è nella digitalizzazione di tutto il patrimonio ma costa troppo. Giorgio Carnaroli UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 16

17 21/09/2007 La Nuova Ferrara Pag. 23 ED. NAZIONALE Selezionate le opere che saranno valutate dagli studenti Premio Carife letteratura la giuria scalda i motori CENTO. E ora tocca ai giovanissimi. Fra pochi giorni i settemila, e forse più, scolari e studenti che fanno parte della giuria popolare del Premio "Fondazione Cassa di Risparmio di Cento" di letteratura per i ragazzi inizieranno a leggere i volumi finalisti della 29ª edizione. La Giuria tecnica ha infatti scelto la terna per le scuole elementari e la terna per le scuole medie fra i 119 libri iscritti al concorso. Nella sezione scuola primaria hanno prevalso Ermanno Detti (giornalista, scrittore, docente universitario e già maestro) con "Il furto della gazza ladra" edito da Manni, Mario Lodi (uno dei nomi più noti e amati della letteratura per i ragazzi, già vincitore del "Cento") con "Il cielo che si muove" (Editoriale Scienza) e Sebastiano Ruiz Mignone, affermato autore anche di commedie radiofoniche, oltre che di sceneggiature, che ha presentato "Pelù il goleador" (Einaudi Ragazzi). Per la sezione scuola secondaria (ex medie inferiori) sono risultati finalisti il celebrato autore inglese Philip Pullman con "Lo spaventapasseri e il suo servitore" edito da Salani; lo scrittore veneto Guido Sgardoli con "Kaspar, il bravo soldato" edito da Giunti junior; l'americano Jordan Sonnenblick (al suo secondo libro) con "Una chitarra per due" edito da Mondadori. I libri finalisti saranno ora valutati da due giurie popolari composte da oltre 400 classi scolastiche di molte regioni italiane e di comunità italiane all'estero (Slovenia, Croazia, San Marino, Svizzera, Germania, Olanda) che con il voto determineranno le graduatorie conclusive. La selezione delle opere è stata effettuata dalla giuria tecnica composta dalle giornaliste Rai Tiziana Ferrario (TG1) e Fulvia Sisti (TG3), dagli scrittori Guido Clericetti, Marcello D'Orta, Giuseppe Pederiali, Folco Quilici e Mario Schiavato, dai docenti Franco Frabboni, Giovanni Genovesi e Paolo Valentini. Il Premio è promosso e organizzato da Fondazione Carice, Cassa di Risparmio di Cento, Università e Ufficio provinciale scolastico di Ferrara. Si stanno intanto chiudendo le iscrizioni alla giuria popolare; gli insegnanti che vogliano far partecipare le proprie classi possono telefonare alla segreteria (051/ ). UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 17

18 21/09/2007 La Nuova Ferrara Pag. 18 ED. NAZIONALE CONFERENZA Cellule staminali, speranze e realtà Per oggi alle 17 la Società Naturalisti Ferraresi propone nella propria sede in corso Ercole I d'este 32, nell'aula 1/A del Dipartimento di Biologia ed Evoluzione dell'università degli Studi di Ferrara, una conferenza sul tema: «Cellule staminali: speranze e realtà». Le cellule staminali rappresentano una interessante speranza per il trattamento di molte patologie. A che punto è la ricerca sulle cellule staminali? Quali applicazioni hanno oggi le cellule staminali? Cosa ci possiamo realmente aspettare per il futuro? Ne parlerà il dott. Gian Matteo Rigolin, Ricercatore presso la Sezione di Ematologia del Dipartimento di Scienze Biomediche delluniversità di Ferrara. Ingresso libero. FONDO RENO Musica Nell'ambito degli appunatenti «Fondo Reno Friday», stasera al circolo Arci di Fondo Reno (Via Civetta 63-65), concerto dei Kodama alle 21. A seguire dj set France+Guest. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 18

19 21/09/2007 La Nuova Ferrara Pag. 17 ED. NAZIONALE LA REPLICA/1 Costi del dentista e guardia festiva Chiedo cortesemente un po' di spazio per poter replicare ai contenuti dei due articoli pubblicati nei giorni scorsi e riguardanti il costo del dentista all'estero e il mal di denti di sabato scorso. Cerco di andare in ordine: * come Associazione di Categoria (A.N.D.I. Ass.ne Naz.le Dentisti italiani) siamo a conoscenza della (relativamente) nuova moda di recarsi all'estero per poter risparmiare sulle prestazioni odontoiatriche; siamo anche consapevoli del fatto che le nostre cure e le nostre riabilitazioni protesiche hanno dei costi che non tutti possono permettersi. Ma vorremmo precisare che non sono i dentisti italiani ad essere cari, ma è l'odontoiatria italiana che è cara. Di ciò, infatti, ne è ben cosciente soprattutto il Servizio Sanitario Nazionale che da sempre non se ne occupa - salvo rare e virtuose realtà - che in modo marginale, perché, se dovesse offrire le stesse prestazioni che offrono i dentisti privati, il già enorme buco economico della Sanità pubblica si allargherebbe spaventosamente. A Ferrara, fino a qualche anno fa, l'odontoiatria pubblica si svolgeva presso gli ambulatori di via Cassoli. Negli ultimi anni, si effettuavano poche prestazioni e l'attività di ortodonzia. Sono stati chiusi e, per poter continuare ad erogare un servizio pubblico, ora ubicato in via Montebello, l'azienda USL e l'azienda Universitaria-Ospedaliera hanno dovuto far ricorso ad un accordo con un imprenditore privato. In altre occasioni e in altre sedi abbiamo manifestato le nostre perplessità in merito a questo accordo che grava - a nostro avviso troppo - sulle tasche dei cittadini ferraresi. Altre valutazioni sono state più volte espresse, mediante interventi sulla stampa locale, dagli utenti che si sono rivolti a questa nuova struttura. * Il livello qualitativo medio dell'odontoiatria italiana è tra i migliori del mondo, secondo, forse, solo a quello degli Stati Uniti d'america dove, guarda il caso, le prestazioni odontoiatriche costano parecchio. Il costo della vita nel nostro Paese è ben noto; è ovvio che nei Paesi dell'est europeo e in quelli in via di sviluppo esso è più contenuto e, di conseguenza, anche i prezzi delle prestazioni odontoiatriche. Non credo che i dipendenti dello Stato italiano, per contribuire a ridurre il deficit pubblico, gradirebbero di aver uno stipendio mensile equiparato a quello dei loro analoghi colleghi rumeni, ungheresi o croati. * Per quanto concerne la qualità delle prestazioni e il livello di sicurezza degli studi odontoiatrici - aspetti che chi non è addetto ai lavori difficilmente può valutare - anche in questo campo l'odontoiatria italiana è all'avanguardia. Il quotidiano «L'Adige», il 25 novembre 2006, riportò la notizia di un paziente deceduto per una setticemia fulminante: si era recato in Romania per cure odontoiatriche. Eventi di questo tipo, fortunatamente, da noi non si sono mai verificati. Siamo stati tra i primi operatori sanitari a prendere tutte le precauzioni necessarie per evitare la trasmissione delle infezioni crociate. * Se una protesizzazione o una cura non sono soddisfacenti, il professionista serio e deontologicamente corretto si impegna a trovare le soluzioni del problema. Se questo dovesse capitare per prestazioni effettuate all'estero, per quanto possa essere piacevole fare un viaggio, non riteniamo che sia molto pratico e, alla lunga, anche economicamente vantaggioso. * In molti casi i promotori di queste trasferte oltre confine, sono degli odontotecnici che, come dovrebbe essere ben noto, non possono praticare alcuna manovra, ancorché incruenta, nel cavo orale dei pazienti. In pratica, quello che li spinge ad attivarsi è semplicemente un interesse commerciale. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 19

20 21/09/2007 La Nuova Ferrara Pag. 17 ED. NAZIONALE * Sappiamo anche che laboratori odontotecnici cinesi ed indiani stanno proponendo delle protesi a costi irrisori (loro non devono rispettare il D.Lgs 46/97 che ha recepito la Direttiva CEE 93/42) e che consentirebbero ai dentisti italiani di essere meno cari. Ma i professionisti seri e coscienziosi che le hanno provate, le hanno subito gettate nel pattume per le evidenti carenze qualitative e di sicurezza per i pazienti che hanno evidenziato. * Pur augurando a coloro che si sono rivolti ai dentisti (nella speranza che siano veramente tali, dal momento che proprio nei Paesi dell'est europeo abbondano le lauree fasulle e/o non riconoscibili dallo Stato italiano e la Croazia - con Rijeka, ex Fiume - ne sa qualcosa) dei suddetti Paesi che tutto vada per il meglio, vorremmo ricordare che alcuni anni or sono andava di moda l'olanda. I dentisti italiani ancora oggi continuano a ringraziare quel Paese e le sue succursali aperte in Italia, perché per molti anni hanno lavorato per rimediare ai danni provocati da quei manufatti protesici. * Per quanto concerne il «mal di denti di sabato», ci teniamo a far presente che molti anni or sono, un collega ferrarese, fu incaricato di attivarsi presso le strutture pubbliche per valutare la loro disponibilità ad organizzare un servizio di reperibilità odontoiatrica pre-festiva e festiva. Alcuni dentisti privati erano già pronti ad effettuare, gratuitamente, dei turni presso le strutture pubbliche per poter offrire anche questo servizio. Purtroppo le risposte furono negative, in quanto non potevano mettere a disposizione del dentista del personale ausiliario in grado di aiutarlo e di assisterlo nei periodi richiesti. Quindi, in modo del tutto autonomo, la sezione ferrarese dell'a.n.d.i. (Ass.ne Naz.le Dentisti Italiani), da alcuni anni ha attivato la reperibilità odontoiatrica che viene effettuata nei giorni festivi e prefestivi e che prevede un modesto pagamento (ma il tenere aperto uno studio ha i suoi non trascurabili costi). Nonostante non poche difficoltà per riuscire a pubblicizzare tale iniziativa, sono state fornite diverse centinaia di prestazioni di urgenza (per ulteriori informazioni si può contattare la sede ANDI allo ). Spero di aver fatto chiarezza e di essermi reso utile per portare a conoscenza dei cittadini di alcuni aspetti spesso poco noti. Dott. Cesare Brugiapaglia Past-President Andi Ferrara UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 20

Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03

Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03 Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03 Presenti: Sebastiano Bagnara, Politecnico Milano; Giovanni Bechelloni, Università di Firenze; Alessandro Bianchi, Rettore Università Mediterranea

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO Per diventare professionisti del microcredito Perché un Master in Finanza per lo Sviluppo? Per offrire un percorso di specializzazione che mette insieme due mondi apparentemente

Dettagli

Dalla ricerca, i professionisti della crescita

Dalla ricerca, i professionisti della crescita AL Dalla ricerca, i professionisti della crescita Agrisystem Scuola di Dottorato per il Sistema Agroalimentare Piacenza scuoledidottorato.unicatt.it/agrisystem INTERNATIO MULTI SECTO 8 RESEARCH AR L Università

Dettagli

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori 6ª edizione Turismo culturale per lo sviluppo dei territori Siracusa, 17 ottobre / 19 novembre 2011 PROFILO DEL CORSO 1. OBIETTIVI E METODI DELLA SCUOLA La Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Con RoboCom i migliori amici dell uomo saranno i robot il progetto a leadership italiana Robot Companions for Citizens - RoboCom

COMUNICATO STAMPA Con RoboCom i migliori amici dell uomo saranno i robot il progetto a leadership italiana Robot Companions for Citizens - RoboCom COMUNICATO STAMPA Con RoboCom i migliori amici dell uomo saranno i robot Presentato all Unione Europea il progetto a guida italiana che mira a creare una nuova generazione di robot che sappiano convivere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

KARA EUROPA. NEWSLETTER N. 15 (27 Dicembre 2006)

KARA EUROPA. NEWSLETTER N. 15 (27 Dicembre 2006) Servizio di informazione sulle opportunità di mobilità e volontariato in Europa promosso dalla in collaborazione con Coop. sociale Kara Bobowski NEWSLETTER N. 15 (27 Dicembre 2006) Indice 1. CORSO DI PERFEZIONAMENTO

Dettagli

Polo funzionale 11 Università

Polo funzionale 11 Università Polo funzionale 11 Università Comune: Ravenna Fig.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 11-1 Fig.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r. 20/2000):

Dettagli

Giorgio Calcagnini Idee per la Facoltà di Economia dei prossimi anni.

Giorgio Calcagnini Idee per la Facoltà di Economia dei prossimi anni. Giorgio Calcagnini Idee per la Facoltà di Economia dei prossimi anni. Vorrei iniziare questo breve documento con il quale presento la mia candidatura alla Presidenza della Facoltà notando con una certa

Dettagli

12.09.2013 La Stampa (p.19) Dal campo all'azienda. Così Harvard scopre la lezione di sir Alex 39

12.09.2013 La Stampa (p.19) Dal campo all'azienda. Così Harvard scopre la lezione di sir Alex 39 Universita' - Scenari e commenti 18.09.2013 Panorama (p.108) Fanno bene i voti agli atenei? Valutazoni non sempre trasparenti ma 1 i ranking restano fondamentali 12.09.2013 Repubblica (p.26) Il nostro

Dettagli

Questionario Insegnante Matematica

Questionario Insegnante Matematica Anno Scolastico 2014-2015 Questionario Insegnante Matematica ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il presente questionario è rivolto agli insegnanti di Italiano e Matematica delle classi del

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO

LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO La tanto attesa e temuta classifica Censis relativa alla valutazione degli Atenei italiani è stata di recente pubblicata

Dettagli

Linee guida per la l efficienza della gestione la trasparenza e la prevenzione della corruzione 2014-2016

Linee guida per la l efficienza della gestione la trasparenza e la prevenzione della corruzione 2014-2016 Linee guida per la l efficienza della gestione la trasparenza e la prevenzione della corruzione 2014-2016 1.- Premessa La legge 6.11.2012 n. 190 ed in particolare il decreto legislativo 14.3.2013, n. 33

Dettagli

Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo

Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo All interno del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione

Dettagli

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori 9ª edizione Turismo culturale per lo sviluppo dei territori Siracusa, 27 ottobre / 6 dicembre 2014 PROFILO DEL CORSO 1. OBIETTIVI E METODI DELLA SCUOLA La Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

RASSEGNA STAMPA - WEB - TV

RASSEGNA STAMPA - WEB - TV In collaborazione con CONFINDUSTRIA-AICA, ANA, CONFCOPERATIVE, EHMA, FEDERTERME, FIAVET, SISTUR, FEDERALBERGHI Napoli, FEDERCONGRESSI Campania, CONFESERCENTI Campania, UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DI NAPOLI

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Nomina Presidente Eugenio Gaudio

RASSEGNA STAMPA. Nomina Presidente Eugenio Gaudio RASSEGNA STAMPA Nomina Presidente Eugenio Gaudio Data: 06/03/2014 Media: Quotidiano online Economia: Gaudio neo presidente Associazione Progresso Mezzogiorno 17:07 MILANO (MF-DJ)--L'assemblea ordinaria

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

CURRICULUM VITAE ANDREA MAGGI

CURRICULUM VITAE ANDREA MAGGI CURRICULUM VITAE ANDREA MAGGI DATI PERSONALI nome e cognome: Andrea Maggi luogo e data di nascita: Ferrara, 18 gennaio 1959 sede ufficio:: Università degli Studi di Ferrara via Ariosto 35, 44121 Ferrara

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

PROF.SSA IDA ANGELA NICOTRA

PROF.SSA IDA ANGELA NICOTRA PROF.SSA IDA ANGELA NICOTRA CON DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (6 GIUGNO 2013) È STATA NOMINATA COMPONENTE DELLA COMMISSIONE PER LE RIFORME COSTITUZIONALI 1. POSIZIONE ACCADEMICA: a)

Dettagli

Nome TOMIO PATRIZIA Indirizzo Via Calepina, 14-38122 Trento - Italia Telefono 0461/281144 Fax 0461/281247 E-mail patrizia.tomio@unitn.

Nome TOMIO PATRIZIA Indirizzo Via Calepina, 14-38122 Trento - Italia Telefono 0461/281144 Fax 0461/281247 E-mail patrizia.tomio@unitn. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TOMIO PATRIZIA Indirizzo Via Calepina, 14-38122 Trento - Italia Telefono 0461/281144 Fax 0461/281247 E-mail

Dettagli

L esperienza delle Scuole di Specializzazione all Insegnamento Secondario Claudio Bernardi (Sapienza, Università di Roma)

L esperienza delle Scuole di Specializzazione all Insegnamento Secondario Claudio Bernardi (Sapienza, Università di Roma) L esperienza delle Scuole di Specializzazione all Insegnamento Secondario Claudio Bernardi (Sapienza, Università di Roma) la SSIS è stata attiva dal 1999 al 2009 ripensiamo in maniera serena a questi 10

Dettagli

17 maggio 2011 la Repubblica Bologna

17 maggio 2011 la Repubblica Bologna 17 maggio 2011 la Repubblica Bologna 19 maggio 2011 Modena Qui Modena Qui "Per creare un'ottima impresa non serve essere studenti da 110 e lode" «Per creare unottima impresa non serve essere studenti da

Dettagli

21 Giugno 2011 Estratto pag. 13 Sezione Salerno Il tema di quest anno è L innovazione tra rischio e opportunità e l evento è promosso dal Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Salerno,

Dettagli

Dal sapere al saper fare. La professione medica: sguardo al futuro

Dal sapere al saper fare. La professione medica: sguardo al futuro Dal sapere al saper fare La professione medica: sguardo al futuro Da grande.. vorrei fare il medico.. Un sogno che coinvolge circa 166mila giovani iscritti alle facoltà di medicina tra statali e private.(

Dettagli

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA.

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. All.4 POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. In linea con quanto programmato negli anni accademici precedenti, l Ateneo intende riaffermare il ruolo centrale di istituzione scientifica

Dettagli

Roma 2015. Rassegna Stampa. VII edizione

Roma 2015. Rassegna Stampa. VII edizione Roma 2015 Rassegna Stampa VII edizione Nel mondo che cambia sempre più velocemente cercando con fatica di riprendersi dalla crisi, aumentano le sfide, la paura, le incertezze. La domanda che da sempre

Dettagli

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di Verbale 5 Pag. n. 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ATTI della Riunione di consultazione del Comitato di indirizzo della Facoltà di Medicina e Chirurgia L anno 2010 (Duemiladieci) in questo giorno di

Dettagli

SSAS Scuola superiore di studi avanzati

SSAS Scuola superiore di studi avanzati SSAS Scuola superiore di studi avanzati a.a. 2015/2016 1 Scuola Superiore di Studi Avanzati Ogni Allievo è seguito sia da un tutor che da un relatore specializzato per l approfondimento di un progetto

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale Cattedra Edoardo Garrone 3ª edizione

Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale Cattedra Edoardo Garrone 3ª edizione Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale Cattedra Edoardo Garrone 3ª edizione Costruire reti cooperanti di turismo e cultura Siracusa, 13 ottobre - 22 novembre 2008 1) GLI OBIETTIVI Il progetto

Dettagli

STATUTO DELL'ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS-FERRARA 1391. D.R. Rep. n. 588/2008 Prot. n. 8465 del 4 aprile 2008

STATUTO DELL'ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS-FERRARA 1391. D.R. Rep. n. 588/2008 Prot. n. 8465 del 4 aprile 2008 STATUTO DELL'ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS-FERRARA 1391 SENATO ACCADEMICO 18 marzo 2008 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 28 marzo 2008 DECRETO RETTORALE Entrata in vigore Statuto: 1 maggio

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II Presentazione Un Master per i mestieri della cultura Un anno dopo la triennale, con una forte componente professionale,

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E PREMESSA Il tema dei costi della politica e della qualità della spesa pubblica assume una importanza strategica, in momento come quello attuale

Dettagli

II EDIZIONE DEL MASTER INTERUNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Sviluppo Competitivo Sostenibile E Responsabilita Di Impresa

II EDIZIONE DEL MASTER INTERUNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Sviluppo Competitivo Sostenibile E Responsabilita Di Impresa II EDIZIONE DEL MASTER INTERUNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Sviluppo Competitivo Sostenibile E Responsabilita Di Impresa Atenei che collaborano in regime di convenzione: Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Fism. Le sezioni primavera senza finanziamenti statali La denuncia della Federazione delle scuole materne

Fism. Le sezioni primavera senza finanziamenti statali La denuncia della Federazione delle scuole materne TUTTOSCUOLA.COM Fism. Le sezioni primavera senza finanziamenti statali La denuncia della Federazione delle scuole materne La FISM (Federazione Italiana delle Scuole Materne) denuncia la mancanza totale

Dettagli

DOSSIER. Laurea Magistrale in

DOSSIER. Laurea Magistrale in DOSSIER Laurea Magistrale in Biologia e Tecnologie Cellulari Siti attuali: http://elearning2.uniroma1.it/course/index.p hp?categoryid=640 http://corsidilaurea.uniroma1.it/biologia-etecnologie-cellulari/il-corso

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia MISSION E STORIA La nostra Mission: La Scienza per l Uomo L Università Campus Bio-Medico di Roma promuove strutture integrate d insegnamento, ricerca e assistenza sanitaria, perseguendo come fine ultimo

Dettagli

COSP-CENTRO DI SERVIZIO DI ATENEO PER L ORIENTAMENTO ALLO STUDIO E ALLE PROFESSIONI

COSP-CENTRO DI SERVIZIO DI ATENEO PER L ORIENTAMENTO ALLO STUDIO E ALLE PROFESSIONI Newsletter orientamento UniMi Anno accademiico 2011-2012 Ai Presidi e ai Delegati per l orientamento Gentili Professori, segnaliamo le iniziative di orientamento promosse dal Cosp e organizzate in collaborazione

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

Calendario dello studente

Calendario dello studente Unità Orientamento e Tutorato Via Savonarola 11 44121 Ferrara Tel. 0532 293395-96 Fax 0532 293333 Web: www.unife.it/orientamento Email: orientamento@unife.it Università degli Studi di Ferrara Anno Accademico

Dettagli

Relazione riassuntiva

Relazione riassuntiva RELAZIONE RIASSUNTIVA dei lavori svolti dalla commissione giudicatrice della procedura di valutazione comparativa a 1 posto di ricercatore universitario, indetta con D.R. 13223 del 23.12.2009, pubblicato,

Dettagli

LIUC Master universitari

LIUC Master universitari REGOLAMENTO DELMASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN HUMAN RESOURCES MANAGEMENT & ORGANIZATIONAL LEARNING HUREMOL Articolo 1 Istituzione del Master È istituita presso l Università Carlo Cattaneo -

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

IL PROGRAMMA ERASMUS+ Mobilità a fini di studio Tutto quello che si deve sapere sull Erasmus (o quasi)

IL PROGRAMMA ERASMUS+ Mobilità a fini di studio Tutto quello che si deve sapere sull Erasmus (o quasi) IL PROGRAMMA ERASMUS+ Mobilità a fini di studio Tutto quello che si deve sapere sull Erasmus (o quasi) Che cosa è il Programma Erasmus+? L'Erasmus+ è il programma di mobilità voluto e finanziato dall Unione

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Master di primo livello biennale in Bioetica e Etica applicata Anno accademico 2010/2011 e 2011/2012

Master di primo livello biennale in Bioetica e Etica applicata Anno accademico 2010/2011 e 2011/2012 Master di primo livello biennale in Bioetica e Etica applicata Anno accademico 2010/2011 e 2011/2012 Presentazione Struttura del master Calendario Docenti Iscrizioni Modulo d iscrizione Brochure Presentazione

Dettagli

ROMPERE LE BARRIERE E INCROCIARE ESPERIENZE E COMPETENZE DIVERSE DAL 2009 AD OGGI RIDUZIONE DEL 70% DEI FONDI

ROMPERE LE BARRIERE E INCROCIARE ESPERIENZE E COMPETENZE DIVERSE DAL 2009 AD OGGI RIDUZIONE DEL 70% DEI FONDI Angelo Morselli, Presidente di ASVM Associazione Servizio Volontariato Modenese che gestisce Volontariamo - Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Modena. La premessa è quella che oggi stiamo

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI ALTA MATEMATICA FRANCESCO SEVERI

ISTITUTO NAZIONALE DI ALTA MATEMATICA FRANCESCO SEVERI Senato della Repubblica VII Commissione Audizione Prof. Vincenzo Ancona 27 febbraio 2014 L Istituto Nazionale di Alta Matematica-INdAM L INdAM è l Istituto nazionale della matematica italiana. La specificità

Dettagli

Newsletter n. 102 del 30 aprile 2015 Facciamo il punto sulla legge per la Scuola

Newsletter n. 102 del 30 aprile 2015 Facciamo il punto sulla legge per la Scuola Newsletter n. 102 del 30 aprile 2015 Facciamo il punto sulla legge per la Scuola L'arrivo in Commissione del disegno di legge 2994 sulla scuola sta consentendo quel confronto parlamentare che è stato alla

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA, NUTRIRE LA CIVILTÀ L EDUCAZIONE ENERGIA PER LA VITA. con il patrocinio di

NUTRIRE IL PIANETA, NUTRIRE LA CIVILTÀ L EDUCAZIONE ENERGIA PER LA VITA. con il patrocinio di CONVEGNO 2015 NUTRIRE IL PIANETA, NUTRIRE LA CIVILTÀ L EDUCAZIONE ENERGIA PER LA VITA con il patrocinio di L'Associazione Rete Montessori, costituitasi nel giugno 2011, ha sviluppato una serie di attività

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN INGEGNERIA DEL FOTOVOLTAICO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN INGEGNERIA DEL FOTOVOLTAICO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN INGEGNERIA DEL FOTOVOLTAICO STATUTO Art. 1 Istituzione È istituito presso il Dipartimento di Ingegneria Elettronica dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata,

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA RISTORAZIONE

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA RISTORAZIONE CARATTERISTICHE DEL CORSO DI STUDIO Obiettivi formativi generali e specifici Il corso di laurea in Scienze e Tecnologie della Ristorazione si pone l obiettivo di preparare laureati con conoscenze e capacità

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

DATA: 05 Luglio 2014 PAGINA: 4

DATA: 05 Luglio 2014 PAGINA: 4 DATA: 05 Luglio 2014 PAGINA: 4 DATA: 05 Luglio 2014 pag. 22 DATA: 05 Luglio 2014 pag. 11 ANSA DATA: 04 Luglio (ANSA) - TREVISO, 4 LUG - E' stato presentato oggi, a Treviso, un progetto di formazione pilota

Dettagli

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Il 26 marzo 2014 con l approvazione della legge regionale : - Disposizioni in materia di esercizio di attività professionale da parte del personale di

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

ERASMUS PLUS STUDIO DIPARTIMENTO DI LETTERE E FILOSOFIA

ERASMUS PLUS STUDIO DIPARTIMENTO DI LETTERE E FILOSOFIA LINEE GUIDA STUDENTI ERASMUS PLUS STUDIO DIPARTIMENTO DI LETTERE E FILOSOFIA Sommario 1 Partecipazione... 3 2 Bando e candidatura... 3 3 Selezione e graduatoria... 3 4 Rinunce... 3 5 Adempimenti degli

Dettagli

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 100 E LODE VIGLIANI VALENTINA 5B 100/100 GATTUSO GIANLUCA 5 A PERRERO JESSICA 5 B CARIGNANO SILVIA 5 C 100/100 CIVIDINO DAVIDE 5C CIELO ANDREA 5 D RIZZA DAVIDE 5 D

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio

Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio Master Courses 2012/2013 Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio Istituto Europeo di Design Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio OBIETTIVI I profondi mutamenti sociali

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Direzione per la didattica e le attività post-lauream Settore Post-lauream/Scuole di Specializzazione

Università degli Studi di Cagliari Direzione per la didattica e le attività post-lauream Settore Post-lauream/Scuole di Specializzazione D. R. n. 1 Del 2/10/2006 ATTIVAZIONE DEL CORSO SPECIALE PRESSO L UNIVERSITÀ DI CAGLIARI PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE O DELL IDONEITA ALL INSEGNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009. Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale

Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009. Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009 Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale 1) Breve storia di Atri e dei corsi L Università degli studi di Teramo

Dettagli

possono l arte e la cultura contribuire alla crescita e allo sviluppo della città?

possono l arte e la cultura contribuire alla crescita e allo sviluppo della città? possono l arte e la cultura contribuire alla crescita e allo sviluppo della città? Fare dell arte un veicolo a disposizione dell aggregazione sociale. Creare contaminazioni tra mondi diversi, favorendo

Dettagli

GIOVANI: A ROMA FORUM INTERNAZIONALE, PER FUTURO E LAVORO

GIOVANI: A ROMA FORUM INTERNAZIONALE, PER FUTURO E LAVORO GIOVANI: A ROMA FORUM INTERNAZIONALE, PER FUTURO E LAVORO (ANSA) - ROMA, 22 APR - Dal 27 al 29 aprile l'acsig, Associazione Culturale per lo Sviluppo dell'inventiva Giovanile, in partnership con l'università

Dettagli

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità.

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità. Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione Master Management e Sanità III edizione La Scuola Quattro sono le fonti dell apprendimento Un quarto colui

Dettagli

IL SALONE DELLE OPPORTUNITA I NAPOLI 2015 17 19 NOVEMBRE MOSTRA D OLTREMARE. Martedì 17

IL SALONE DELLE OPPORTUNITA I NAPOLI 2015 17 19 NOVEMBRE MOSTRA D OLTREMARE. Martedì 17 IL SALONE DELLE OPPORTUNITA I NAPOLI 2015 17 19 NOVEMBRE MOSTRA D OLTREMARE Martedì 17 H. 9.00 - SALA ITALIA INAUGURAZIONE DI ORIENTASUD 2015 E SALUTI ISTITUZIONALI Presentazione della XVI edizione di

Dettagli

sabato 21 gennaio 2012, alle ore 10.30 presso il Teatro dal Verme, via S. Giovanni sul Muro

sabato 21 gennaio 2012, alle ore 10.30 presso il Teatro dal Verme, via S. Giovanni sul Muro Caro collega, come sai, da tempo assistiamo con preoccupazione ad un vero e proprio attacco al sistema delle professioni, spesso rappresentate all'opinione pubblica come un blocco sociale chiuso in se

Dettagli

Dipartimento Economia e Impresa

Dipartimento Economia e Impresa Dipartimento Economia e Impresa 1 Dipartimento Economia e Impresa Il Dipartimento Economia e Impresa dell Università di Catania articola la propria offerta formativa in corsi di laurea, corsi di laurea

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XI edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente di

Dettagli

SEZIONE OFFERTA FORMATIVA UNIVERSITARIA

SEZIONE OFFERTA FORMATIVA UNIVERSITARIA SEZIONE OFFERTA FORMATIVA UNIVERSITARIA In questa sezione si indicano alcuni siti istituzionali per acquisire informazioni sulle Università della Lombardia, sulle Facoltà, Corsi di Laurea e Insegnamenti.

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

Il volume con gli abstract dei lavori presentati al Congresso può essere scaricato su: http://www.fridericiana.it/schedanew.asp?

Il volume con gli abstract dei lavori presentati al Congresso può essere scaricato su: http://www.fridericiana.it/schedanew.asp? Gentili colleghe, Cari colleghi, Il 29 Settembre si è concluso a Napoli il XV Congresso annuale della nostra sezione. Al convegno hanno partecipato 340 colleghi. Vi sono stati presentati 41 simposi e 86

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna

I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna Andrea Cammelli A dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna e ad otto dall avvio della riforma universitaria nel nostro paese, è possibile

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa Adunanza del 10.02.2012 Il giorno 10 Febbraio 2012 alle ore 11.30 a Palermo presso l aula

Dettagli

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II Presentazione Un Master per i mestieri della cultura Un anno dopo la triennale, con una forte componente professionale,

Dettagli

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale Forum di settore e incontro conclusivo anni 2013/2014 Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale FORUM di SETTORE e INCONTRO CONCLUSIVO Nell ambito

Dettagli

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014]

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014] 2014 A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia Paolo Genco [ Saluti e discorso introduttivo 2014] Acireale 29 novembre Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Raspanti, vescovo di Acireale 2 Gentili Signore

Dettagli

rassegna stampa 'La formazione continua nel settore turistico e le sfide dei nuovi mercati Catania, 15 aprile 2013 Gran Hotel Sheraton

rassegna stampa 'La formazione continua nel settore turistico e le sfide dei nuovi mercati Catania, 15 aprile 2013 Gran Hotel Sheraton Newooma Giornalismo srl Info (+39) 328.41.70.177 (+39) 338.36.19.802 redazione@newooma.com newooma.com 'La formazione continua nel settore turistico e le sfide dei nuovi mercati Catania, 15 aprile 2013

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI nascita Nome Luogo e data di Indirizzo Cellulare E-mail CUOMO ALESSANDRA PROFILO PROFESSIONALE Laureata in Filosofia

Dettagli

La più importante manifestazione dedicata all Orientamento, la Scuola, la Formazione, il Lavoro

La più importante manifestazione dedicata all Orientamento, la Scuola, la Formazione, il Lavoro XIX mostra convegno nazionale FIERA DI VERONA 26-28 novembre 2009 ore 9.00-18.30 ingresso libero La più importante manifestazione dedicata all Orientamento, la Scuola, la Formazione, il Lavoro SEZIONI

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli