IL SE E L ALTRO- Cinzia Mion. il volto dell altro mi interpella E.Levinas

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SE E L ALTRO- Cinzia Mion. il volto dell altro mi interpella E.Levinas"

Transcript

1 IL SE E L ALTRO- Cinzia Mion il volto dell altro mi interpella E.Levinas Mi piace iniziare il presente commento di riflessione sul campo di esperienza Il sé e l altro, incluso nelle recenti Indicazioni per il curricolo per la scuola dell infanzia, con la citazione riportata di Levinas, filosofo lituano di origine ebraica. Levinas ha presente il volto nudo e indifeso dell uomo oppresso, sofferente, per cui richiama alla co-responsabilità irrecusabile gli altri esseri umani che dovrebbero da esso sentirsi interpellati, chiamati in modo pregnante, quasi viscerale, a non restare indifferenti e ad intervenire. Intendo dare perciò un taglio di etica pubblica, e non solo, al mio commento, segnalando la grande preoccupazione che trapela da parecchie fonti per la deriva collettiva che sta prendendo la società occidentale, attraverso una progressiva dissolvenza, fino alla cancellazione implicita ed esplicita, della categoria dell alterità. L indifferenza diffusa verso gli altri che le ricerche sociologiche sulle relazioni interpersonali denunciano, per cui solo la convenienza individuale spesso sorregge la ricerca di rapporti sociali, ne è la dimostrazione lampante. La scuola, intesa nel senso di grande opportunità di laboratorio sociale, ha un compito molto importante da realizzare nella direzione di ricostruire un tessuto di relazioni significative, dove tutti gli altri possano essere riconosciuti e valorizzati come uguali e insieme diversi. Accanto a questa grande finalità mettiamo anche quella di aiutare bambini e bambine a maturare delle identità, dal punto di vista psicologico, solide ma flessibili. La flessibilità è infatti la condizione per l apertura verso gli altri ma d altro canto soltanto un IO solido può crescere disponibile agli altri perché non teme di essere invaso o di perdere i suoi confini. La solidità dell io si costruisce attraverso il pensiero non solo riflettente, che ripete il pensiero degli altri, ma soprattutto riflessivo, vale a dire che brilla di luce propria. Questo tipo di pensiero se curato a scuola, come raccomandano vivamente le indicazioni in più parti, costruisce oltre al pensiero critico anche il senso dell autoefficacia e dell autostima, ed evita contemporaneamente le secche del dogmatismo che risulta invece essere alla base dell io rigido e non solido. Il sé e l altro in Cultura, scuola, persona Il senso dell importanza che il testo delle indicazioni dà al tema dell identità e dell alterità va ricercato in tutti i capitoli, a partire dall introduzione, nota ormai sotto il nome di documento Ceruti. 1

2 A proposito di questo mi ha colpito subito il termine ambivalenza che a dire il vero viene riferito a rischi ed opportunità, ma che personalmente rilevo ed estendo alla tematica prettamente psicologica che si interessa dell evoluzione dei soggetti intenti alla maturazione della loro identità, pertanto non solo occupati ad apprendere ma anche a crescere. Val la pena sottolineare infatti come l ambivalenza sia una costante del mondo interno di tutti noi: meglio esserne consapevoli e tenerne conto che lasciarci disorientare da essa. Questo vale per gli adulti come per i bambini e i ragazzi. Il tema dell identità perciò è molto delicato e non va assunto con leggerezza oppure con l intento manipolatorio di chi intende usare l appartenenza, di qualsiasi appartenenza si tratti, come un abito rigido e indiscusso. Il paradigma della complessità, molto caro a M.Ceruti e prima di lui a E.Morin, compare subito quando più avanti si legge la necessità di dare piena attuazione alla libertà e uguaglianza coniugate con le differenze e le identità di ciascuno. Mettere insieme il valore freddo del diritto che parla di uguaglianza con il valore caldo dell identità e dell appartenenza che parla di differenza, come direbbe Alain Touraine, è proprio del pensiero riflessivo della complessità che ospita la multilogica ed induce operazioni mentali di coniugazione e non semplicemente di inclusione od esclusione logiche. Soltanto questo percorso può formare saldamente ogni persona sul piano cognitivo e culturale, affinché possa affrontare positivamente l incertezza e la mutevolezza degli scenari sociali e professionali presenti e futuri. Al tema che stiamo analizzano appartiene pertanto anche ogni riferimento all intercultura in quanto la presenza di bambini e adolescenti con radici culturali diverse è un fenomeno ormai strutturale per cui bisogna sostenere la loro interazione e la loro integrazione in un confronto che non eluda questioni quali le convinzioni religiose, i ruoli familiari, le differenze di genere. Mi sembra molto interessante che prima di parlare di integrazione si faccia riferimento all interazione. Risulta infatti indispensabile favorire la conoscenza reciproca, la comunicazione, lo scambio, il confronto altrimenti l integrazione può essere scambiata con la semplice e fuorviante assimilazione che negherebbe ogni peculiarità dell altro, che pur chiede di essere conosciuto e valorizzato. Nessuno osa affermare che questo percorso sia facile. ma la strada non può che essere questa. Il confronto può avvenire sui grandi problemi dell attuale condizione umana perchè sono questi che possono spianare la strada per l identità terrestre, come auspica E.Morin. Nella scuola dell infanzia 2

3 Nella scuola dell infanzia il tema dell identità costituisce una delle grandi finalità generali insieme all autonomia e alla competenza, riprese dal testo degli Orientamenti del 1991, cui è stata aggiunta la cittadinanza. Il tema dell identità è legato a quello delle appartenenze, non a caso oggi si parla di Io plurimo e nel testo si fa riferimento, parlando appunto dell identità, all importanza di imparare a conoscersi e a sentirsi riconosciuti come persona unica ed irripetibile ma vuol dire anche sperimentare ruoli diversi e diverse forme di identità: figlio, alunno, compagno, maschio o femmina, abitante di un territorio, appartenente a una comunità Più avanti invece, parlando della cittadinanza, si introduce la tematica dell altro : Educare alla cittadinanza significa scoprire gli altri, i loro bisogni e la necessità di gestire i contrasti attraverso regole condivise che si definiscono attraverso le relazioni, il dialogo, l espressione del proprio pensiero, l attenzione al punto di vista dell altro, il primo riconoscimento dei diritti e dei doveri; significa porre le fondamenta di un abito democratico, eticamente orientato, aperto al futuro e rispettoso del rapporto uomonatura. Anche nel capitolo l ambiente per l apprendimento si riconosce nell organizzazione del contesto, finalizzato allo scambio e alla comunità di pratiche, il valore della diversità come stimolo all arricchimento personale, anche quando la diversità può essere data dal bambino con fragilità e difficoltà nonché dal bambino in situazione di handicap con i suoi diritti speciali. Campo di esperienza: Il sé L analisi del campo di esperienza che ha per titolo Il sé e l altro raccoglie in sintesi tutte le indicazioni utili a sviluppare la tematica in questione e ci permette meglio di approfondire, con qualche osservazione metodologica, la sua complessità. L incipit del testo risulta subito molto impegnativo: I bambini formulano le grandi domande esistenziali sul mondo e cominciano a riflettere sul senso e sul valore morale delle loro azioni, prendono coscienza della propria identità, scoprono le diversità e apprendono le prime regole necessarie alla vita sociale Questa premessa si declina poi attraverso i traguardi di sviluppo delle competenze, che già nella loro espressione contengono l idea del processo, che non avviene in modo spontaneo, bensì sarà agevolato dai diversi contesti di apprendimento, in situazione sociale e interattiva con i pari e con gli adulti, all interno di più relazioni significative, contrassegnate dalla cura. Tutte queste espressioni meriterebbero una esplicitazione più puntuale, attraverso argomentazioni attinte dalla psicologia dell educazione, ma non è questo l intento del presente contributo. 3

4 Proviamo invece almeno ad investigare il percorso della nascita dell identità, tralasciando suggestioni psicoanalitiche, che pur sarebbero necessarie ma soffermandoci invece sulla semplice ma indispensabile osservazione che il processo identitario si costruisce attraverso l identificazione con i simili ma anche la differenziazione dai diversi, attraverso una lenta e continua scoperta ed assunzione di analogie e differenze. Risulta pertanto lampante che per qualsiasi percorso, sia quello riferito all appartenenza di genere, come a quello culturale-antropologico o religioso, si può parlare di identità solo in presenza del confronto con la diversità o la differenza altrimenti si è di fronte semplicemente ad un processo di identificazione-assimilazione. Bisogna anche tenere presente che la ricerca oggi di identità è uno dei caratteri culturali e sociali della cultura della complessità. Per reggere infatti gli urti della cultura disorientante del post-moderno, che ha spazzato via le vecchie certezze, la nuova identità deve essere solida ma anche coesa, per evitare il rischio della frantumazione. La coesione dà il senso dell identità, perché permette di tenere insieme le varie parti del sé e garantisce il primato libidico, sulla ambivalenza sopraccitata, evitando il disimpasto pulsionale e la liberazione dell aggressività allo stato puro. La maturazione dell identità, pertanto, consiste in un graduale ed interminabile processo di maturazione, intrecciato di aspettative, proprie ed altrui, personali e sociali che sono presupposto ma anche traguardo per la crescita di ognuno di noi. E l altro Dopo aver tentato di accennare al percorso di formazione del sé proviamo a capire come si struttura l immagine dell altro. Oggi abbiamo a disposizione anche la scoperta, da parte delle neuroscienze, dei cosiddetti neuroni specchio, che ci spiegano come la stessa soggettività nasca, per mezzo di meccanismi cerebrali, quindi corporei, attraverso la relazione con l altro, attraverso quindi l intersoggettività. Quest ultima perciò risulta essere originaria, preverbale e prelogica. Prima delle neuroscienze anche Merlau-Ponty sosteneva l originarietà della relazione corporea, ma ciò oggi è dimostrato attraverso le scienze sperimentali e lo studio del cervello. Un conto però è sapere come nasce la reciprocità, da cui scaturisce anche la famosa empatia, un conto è avviarne la consapevolezza e la consuetudine educativa. Sappiamo tutti come i bambini all età della scuola dell infanzia siano caratterizzati da un notevole egocentrismo e come l altro sia presto vissuto come un limite ai propri bisogni e desideri; come sia difficile accettare che gli 4

5 altri, i pari, abbiano gli stessi diritti e come queste spiegazioni ed argomentazioni siano dure da digerire per chi poco tempo prima, in famiglia, aveva intorno a sé più di un adulto che si faceva in quattro per anticipare, non solo accontentare, ogni sua richiesta. Il testo delle indicazioni, in uno dei traguardi di sviluppo, infatti, recita che il bambino dovrebbe raggiungere una prima consapevolezza dei propri diritti e dei diritti degli altri, dei valori, delle ragioni e dei doveri che determinano il suo comportamento. Se intendiamo però indirizzare questo piccolo essere autocentrato verso la crescita progressiva di un soggetto in grado di decentrarsi, di mettere a fuoco l altro da sé, di assumere anche doveri e non solo rivendicare diritti, di capire che i vari comportamenti sottendono dei valori, bisogna lavorare molto sia sulla realizzazione dei contesti interattivi, come raccomanda Vygotskij, ma anche utilizzando tutte le occasioni per insegnare a mettersi nei panni degli altri. Cosa vedono gli altri da un altro punto di vista, intendendo veramente un altra visuale; cosa pensano gli altri di fronte ad avvenimenti che toccano interessi diversi, per esempio i partecipanti a dei giochi di squadra che si misurano reciprocamente; cosa sentono gli altri quando sono messi a dura prova da qualche situazione dolorosa, per esempio un cucciolo ad essere portato lontano dalla propria mamma, un virgulto ad essere strappato dal ramo oppure un bambino ad essere preso in giro o peggio fatto oggetto di prevaricazione e prepotenze. Per quanto riguarda la richiesta del traguardo Riflette, si confronta, discute con gli adulti e con gli altri bambini, si rende conto che esistono punti di vista diversi e sa tenerne conto è l approccio socioculturale della psicologia dell educazione, divulgato in Italia da C. Pontecorvo. P.Boscolo e A.M.Ajiello che suggerisce le didattiche più adeguate per avviare a questa essenziale competenza, fondamento della democrazia. Infatti i contesti sociali organizzati come spazi e tempi stimolanti, come comunità di pratiche, di dialogo e di diversità, permettono la co-costruzione della conoscenza, attraverso la discussione con gli adulti e con i pari, perché discutendo si impara; sollecitano la riflessione e l assunzione dei punti di vista diversi attraverso il confronto; permettono l apprendimento della argomentazione e della controargomentazione, dando spiegazione delle proprie affermazioni ma imparando anche a sollevare dubbi e a sostenerli, sapendo anche fare domande interessanti dettate dalla costante ricerca di senso. Si afferma poi che tra le domande di senso sorgono interrogativi sui temi esistenziali tra cui, l esperienza insegna, compare il tema della malattia e della morte, perché dimensioni ineludibilmente legate alla pratica degli affetti e della vita. Mi sembra meno probabile invece che compaiano interrogativi su ciò che è bene e ciò che è male come afferma il testo. Ritengo infatti che valori così assoluti siano un po lontani dal mondo dei bambini che invece saranno 5

6 sensibili a valutare, in riferimento a comportamenti, le categorie di correttezza o scorrettezza, obbedienza o disobbedienza, o al massimo parleranno di soggetti buoni o cattivi. Merita invece un discorso a parte il problema della giustizia. Bisogna tener presente che alla scuola dell infanzia si vive la prima esperienza di essere trattati, in modo corretto o scorretto, come titolari di diritti uguali per tutti. Se, invece, la scuola diventa il luogo, nella mentalizzazione dei bambini, dove si compiono ingiustizie (subite direttamente o dai compagni) incomincia il rifiuto delle istituzioni e del loro modo di operare. L Identità di genere sensibili a valutare, in riferimento a comportamenti, le categorie di Tra le differenze da rispettare, di cui si diventa consapevoli a scuola, dovrebbero esserci anche quelle di genere che il testo però trascura. Compare, a proposito del Corpo e movimento una laconica espressione del tipo, a proposito dei traguardi di sviluppo delle competenze: Conosce il proprio corpo, le differenze sessuali come se maturare l identità di genere significasse semplicemente prendere atto delle differenze anatomofisiologiche! Successivamente ogni tanto compare il termine genere ma non all interno di una sollecitazione esplicita rivolta al corpo docente a farsi carico della maturazione dell identità, prima di maschietti e femminucce e poi di ragazze e ragazzi, affinchè crescano uomini e donne il più possibile scevri da vecchi stereotipi e all interno di una relazione che riconosca e renda operative le pari opportunità. Compare, per esempio, a proposito della scuola del primo ciclo, all interno del paragrafo Elaborare il senso dell esperienza, la frase : (La scuola) segue con attenzione le diverse condizioni di sviluppo e di elaborazione dell identità di genere, che nella adolescenza ha la sua stagione cruciale. Sfido chiunque a capire che seguire con attenzione, significa intervenire perché vengano intaccati gli stereotipi sessisti che non permettono sia a maschi che a femmine di essere avviati contemporaneamente sia alla autorealizzazione che alla relazione. Generalmente infatti succede ancora che la nostra cultura di appartenenza, composta di pratiche di accudimento genitoriale, interventi educativi non oculati, esperienze generazionali vissute in famiglia, stereotipi acriticamente trasmessi anche da docenti, non invitati espressamente ad autopercepirsi e ad autointerrogarsi, si mantenga ancora su di un piano tradizionale ormai superato. Non sempre infatti c è consapevolezza, rispetto alla tematica che stiamo investigando, del rischio di trasmettere stereotipi smaccatamente antiquati. Spesso i maschi vengono indotti ancora solo all autorealizzazione, e viene trascurata la considerazione per il loro mondo interno, con il risultato di una grave ripercussione sulla loro competenza emozionale. Le femmine, invece, vengono educate alla considerazione di tutti 6

7 gli aspetti che migliorano la relazione, perché storicamente deputate al lavoro di cura, ma ciò si accompagna spesso per loro ad una implicita svalutazione dell autorealizzazione, se questa distrae dalla famiglia. Si dimentica pertanto sia per maschi che per femmine che oggi c è bisogno per entrambi i generi della doppia dimensione. Questa nuova progettualità, frutto della cultura della complessità, prevede che la scuola lavori in funzione delle pari opportunità, nella fattispecie uomodonna e non si può nemmeno lontanamente pensare che questo sia un lavoro automatico per cui sia sufficiente l elaborazione della tematica del genere. Possiamo dire, nella migliore delle ipotesi, che il testo delle indicazioni, sfiorando alcune tematiche, ci autorizza ad aprire delle finestre di approfondimento tutte da esplorare. Il disagio maschile e il bullismo Intorno all identità femminile e al suo riscatto, nonostante le pari opportunità non siano di sicuro raggiunte, si sono però avviati parecchi progetti ed inoltre risultano efficaci in modo pregnante gli esempi offerti in casa, alle bambine e alle adolescenti, dell emancipazione femminile conquistata dalle madri che in gran parte ormai lavorano anche fuori casa. Queste ultime dimostrano infatti ogni giorno notevoli competenze organizzative nel gestire la loro giornata connotata dalla doppia presenza ma rappresentano anche un immagine femminile che ha già sfatato molti stereotipi riferiti alla propria identità. Sanno prendere decisioni importanti, sanno assumere iniziative, sanno governare la responsabilità in posti di lavoro apicali: competenze un tempo riconosciute solo al genere maschile. Le donne però nell interpretare questa nuova dimensione che va oltre gli stereotipi, che E.Badinter chiama umanità riconciliata, tengono insieme sia autorevolezza che notevole competenza relazionale attenta ai bisogni degli altri. Che cosa è successo nel frattempo all identità maschile? Nei suoi aspetti del cosiddetto machismo, è stata messa in crisi dalla donna rinnovata e più consapevole del suo valore: l uomo è stato costretto a dire addio al patriarcato- almeno nei suoi aspetti giuridici, perché nei fatti non si può dire che esso sia morto del tutto- ma ben poco è stato fatto, da parte dei maschi, per ripensare alla loro identità nuova, Sono vissuti troppo a lungo di rendita dei privilegi del patriarcato e molti non hanno rielaborato in tempo un idea di loro stessi come compagni della nuova donna. Il disagio dell uomo adulto ha spesso quindi questa origine ma tale ritardo si ripercuote in modo più tangibile sulle nuove generazioni di adolescenti. Se oggi le cosiddette agenzie formative, scuola e famiglia, non interverranno in tempo a farsi carico del tema dell identità di genere, ma continueranno ad identificarla con la semplice differenza sessuale, cioè con 7

8 un dato biologico e non con un vissuto sociale, credo che anche il fenomeno del bullismo diventerà sempre più difficile da debellare. Sappiamo infatti che la moderna embriologia ha scoperto che tutti i mammiferi, compreso l essere umano, hanno una intrinseca tendenza allo sviluppo in senso femminile. In altri termini la femminilità è il programma di base ed occorre fare qualcosa in più affinché la maschilità prenda forma. Questa consapevolezza si aggiunge alla difficoltà dovuta al fatto che il processo di identificazione con la figura primaria, che è la madre, agevola le femminucce ma non i maschietti che, appena diventati consapevoli della loro appartenenza al genere maschile, devono mettere in atto un processo di differenziazione che quasi sempre si connota per negazione. Per esempio- Sei un maschio, non devi aver paura, non devi piangere, non sei una femminuccia!!! Ma ciò è difficile perché la gestalt materna è penetrata in loro attraverso il grembo che li culla, la voce che li avvolge, tutti i sistemi sensoriali e mentali che li impregnano. Inoltre, sempre la Badinter aggiunge: Egli (il maschio) può esistere solo opponendosi alla madre, alla propria femminilità, alla propria condizione di bebè passivo. A tre riprese, per esprimere la sua identità maschile, dovrà convincersi e convincere gli altri di non essere una donna, di non essere un bebè, di non essere un omosessuale. La difficoltà ad assumere l identità maschile, adeguata ai tempi, esplode nell adolescenza, quando la domanda che ogni giovane maschio farà a se stesso sarà- Sono un vero maschio? E più difficile che la giovane donna si faccia la domanda speculare anche perché ha un forte segnale corporeo mensile che sottolinea la sua appartenenza. Paradossalmente è proprio aver intaccato a livello sociale gli stereotipi, che facevano un tempo dell uomo il sesso forte, senza però che i maschi adulti li abbiano sostituiti con una ricerca pertinente, che ha creato il disorientamento. Qualche volta allora gli adolescenti più sbandati e più fragili riempiono il loro vuoto identitario, per avere l antico potere, con la scorciatoia delle prepotenze, soprattutto nei confronti dei più deboli. Le prepotenze, che vanno ormai sotto il nome di bullismo, sono diventate ormai argomento dominante sulle pagine dei giornali che scelgono tematiche scandalistiche per parlare di scuola e dei giovani. Secondo me sarà perciò prima di tutto attraverso una oculata ed attenta educazione ad assumere una rinnovata identità di genere che si potrà debellare questa forma di bullismo, ed altre forme di violenza, e che si potrà pensare di raggiungere una sostanziale pari opportunità. Il percorso riguarda però prima di tutto gli adulti e richiede pertanto una formazione personale seria. Il sé e l errore 8

9 Tornando all analisi delle indicazioni, rispetto al campo di esperienza che qui ci interessa, mi sembra degno di nota il rilievo dato dal testo, nel capitolo L ambiente di apprendimento del primo ciclo, al fatto che per imparare ad imparare è fondamentale sapere riconoscere le difficoltà e le strategie adottate per superarle, prendere atto degli errori commessi e comprendere le ragioni di un insuccesso nonché rendersi conto del proprio stile di apprendimento e conquistare la propria autonomia nel metodo di studio per giungere all autovalutazione. E importante sapere che fra le caratteristiche dei nuovi bambini c è spesso anche quella che non accettano di sbagliare, incalzati come sono da genitori della società della competizione, preoccupati di metterli in pista al più presto possibile. Ben venga pertanto l elogio dell errore che permette di fare esperienza e di apprendere da questa. Sappiamo tutti che lo spirito della ricerca si regge sull accettazione dell errore e sulla fiducia in se stessi che permette il successivo aggiustamento. Purtroppo però la scuola tradizionale poco si affida alla problematizzazione, molto invece alla esercitazione, spostando in questo modo l attenzione dall errore allo sbaglio. Sono importanti anche le esercitazioni ma non possono assorbire tutta la didattica, trascurando lo spazio da dedicare all investigare problematico. A dire il vero la scuola dell infanzia per fortuna si salva da tali osservazioni perché al suo interno l attività più frequente è la rielaborazione delle esperienze, che poggia sulle riflessioni interattive. Quando si sottolinea poi che l alunno deve rendersi consapevole del proprio stile di apprendimento e sviluppare la propria autonomia nello studio viene valorizzato tutto il tema della metacognizione, così caro al sociocostruttivismo, e così importante per l identità dei soggetti che apprendono. Il sé e l altro nelle varie aree disciplinari. La tematica che stiamo analizzando è veramente trasversale a tutte le indicazioni, è basilare perciò la formazione che viene perseguita già a partire dalla scuola dell infanzia. Senza estrapolare tutti i riferimenti dal testo possiamo dire che ogni volta che compare l argomento dell intercultura siamo di fronte alla tematica del sé e l altro, nel senso delle diversità culturali. Ciò si manifesta già a partire dall area linguistico-artistico-espressiva dove, essendo questo l ambito dei linguaggi, si evidenziano differenti esperienze culturali che condizionano la percezione, la sensibilità, la gestione del corpo e dello spazio e dove compare, in riferimento alla lingua italiana, la necessità di imparare a negoziare. La negoziazione diventa indispensabile nel confronto che deve avvenire fra opinioni diverse, per poter arrivare al passaggio all azione, in qualsiasi 9

10 decisione partecipata da prendere. Oggi imparare a negoziare diventa sempre più importante per cui è essenziale riuscire a fare quello che M. Sclavi chiama assumere che l altro ha ragione. Solo in questo modo l opinione dell altro viene presa in seria considerazione al fine di una eventuale contestazione o riconoscimento, senza correre il rischio di scartare il punto di vista degli altri solo perché non è uguale al nostro. L area definita del Corpo Movimento Sport sottolinea come nell attività motoria e sportiva il soggetto, sperimentando la vittoria o la sconfitta, apprende a modulare e controllare le proprie emozioni e impara anche il rispetto per sé e per l avversario. Il tema delle emozioni è troppo importante per liquidarlo con due righe, va senz altro ripreso ed ampliato. L area storico-geografico-sociale si presta in modo particolare a far emergere le diversità e i continui rimescolamenti di genti e di culture, che ci consentono di capire i profondi intrecci che si stabiliscono fra le genti del mediterraneo e le popolazioni dei continenti europei, asiatici e africani. L attenzione all aspetto appena descritto dovrebbe dare la consapevolezza di tali storici meticciamenti e potrebbe tornare utile ad aiutare a vincere la diffidenza che esiste nei confronti dei recenti flussi migratori. Per finire troviamo nei traguardi di sviluppo, al termine della scuola secondaria di primo grado, per quanto attiene l area scientifica, un paio di riferimenti pertinenti. Il primo riguarda la visione organica del proprio corpo che aiuta a cogliere la propria identità giocata tra permanenza e cambiamento tra potenzialità e limiti. Il secondo recita: (l alunno) comprende il ruolo della comunità umana nel sistema e adotta atteggiamenti responsabili verso i modi di vita e l uso delle risorse. Come abbiamo potuto constatare possiamo assumere il sé e l altro come il filo conduttore della valenza trasversale formativa di tutte le indicazioni, dove non sempre possiamo trovare ciò che ci piacerebbe, ma dove niente esclude che possiamo provare ad individuare la parola chiave che ci crea l accesso per esplorare insieme altre opportunità. Bibliografia Badinter E.-XY L identità maschile.longanesi, Milano, 1993 Boscolo P.- Psicologia dell apprendimento scolastico. Aspetti cognitivi e motivazionali, UTET, Torino,1997 Crepault C.- Dal seme di Eva. Franco Angeli, Milano, 1989 Levinas.E.-Totalità e Infinito. tr.it.joka Book, Milano, 1980 Merleau-Ponty- Fenomenologia della percezione, Il Saggiatore, 1965 Morin E.- Le vie della complessità, in (a cura di Bocchi e Ceruti) La sfida della complessità, Feltrinelli, Milano,

11 Morin E.- I sette saperi necessari all educazione al futuro, Raffaello Cortina, 2001 Pontecorvo C.,Ajello A.M.,Zucchermaglio C.- Discutendo si impara, Carocci, Roma, 1991 Rizzolatti G.,Sinigaglia C.,- So quel che fai.il cervello che agisce e i neuroni specchio, Raffaello Cortina, 2006 Sclavi M.- Arte di ascoltare e mondi possibili.come si esce dalle cornici di cui siamo parte, Mondadori Bruno, Milano, 2003 Touraine A.- Libertà, uguaglianza, diversità, Il Saggiatore,

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 IL TESTO SLIDE 3 A CURA DELLA DOTT.SSA GIOVANNA GRISETA

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 IL TESTO SLIDE 3 A CURA DELLA DOTT.SSA GIOVANNA GRISETA INDICAZIONI NAZIONALI 2012 IL TESTO SLIDE 3 A CURA DELLA DOTT.SSA GIOVANNA GRISETA Quali le novità più evidenti? FINALITA GENERALI : Scuola, Costituzione, Europa; Profilo dello studente(nuovo) L ORGANIZZAZIONE

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Bambine e Bambini costruttori di pace

Bambine e Bambini costruttori di pace Istituto Comprensivo V. Tortoreto SCUOLA PRIMARIA Delia e Filippo Costantini Passo San Ginesio Bambine e Bambini costruttori di pace anno scolastico 2004-05 DATI IDENTIFICATIVI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA PREMESSA La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti, va

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013

Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013 Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013 LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA" Obiettivo Convergenza - Progetto nell'ambito dell'obiettivo C: "Migliorare i livelli

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Indicazioni nazionali per il curricolo

Indicazioni nazionali per il curricolo Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento

Dettagli

EDUCAZIONE AFFETTIVA

EDUCAZIONE AFFETTIVA PER LE SCUOLE MATERNE PROPOSTA PEL 'ANNO SCOLASTICO 2015-2016 EDUCAZIONE AFFETTIVA a cura della dott.ssa Giulia Disegna psicologa clinica EMOZIONI, CICOGNE, CAVOLI ED ALTRI ORTAGGI Come educare all affettività

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Introduzione Facendo seguito alle Indicazioni per il curricolo per la scuola d infanzia e per il primo ciclo di istruzione del Ministro della Pubblica Istruzione (settembre 2007)

Dettagli

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO Scuole dell Infanzia I.C. Igea Marina Anno scolastico 2014/2015 Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico una scuola è uno spazio speciale in cui gli esseri

Dettagli

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE 1 CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE Percorsi educativi per l affermazione di una cultura di genere Contro ogni forma di violenza e discriminazione Piena cittadinanza delle differenze A cura dell Associazione

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE 0. Premessa La violenza sulle donne è un fenomeno sempre più drammaticamente presente nel nostro

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

Progetto di sperimentazione di Cittadinanza e Costituzione IO E NOI NEL MONDO

Progetto di sperimentazione di Cittadinanza e Costituzione IO E NOI NEL MONDO PROT. N. 4157/B32 L Istituzione A. S. 2009-2010 Classi o Scuola A. Frank Panzano Maggiolino Gaggio Picasso Castelfranco Castelfranco E. Progetto di sperimentazione di Cittadinanza e Costituzione sezioni

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

CENTRO FEDERATO INER VERONA

CENTRO FEDERATO INER VERONA CENTRO FEDERATO INER VERONA Via Seminario, 8 37129 Verona Referente: Giancarla Stevanella Segreteria :da Lunedì a Venerdì dalle 9,30 alle 14,00 Tel. 045 9276227 - fax 045 9276226 e mail: iner.verona@fecunditas.it

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

VALORE. AI tuoi PERCORSI. integritá, obiettivi, passi, limiti, sale, qui&ora, autenticitá

VALORE. AI tuoi PERCORSI. integritá, obiettivi, passi, limiti, sale, qui&ora, autenticitá ascolto, consapevolezza, noi, esperienze, conoscersi, espressione, esserci, apertura, case, condivisione, vedere, sostegno, desideri, ricerca, anima, futuro, sbocciare, bisogni, progetti, io&te, viaggio,

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

Istituto Comprensivo Ugo Betti - Piano dell Offerta Formativa

Istituto Comprensivo Ugo Betti - Piano dell Offerta Formativa SCUOLA DELL INFANZIA Dimensione didattico - pedagogica La scuola dell infanzia, liberamente scelta dalle famiglie, si rivolge a tutti i bambini dai 2,5 ai 6 anni di età ed è la risposta al loro diritto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area EUCAZIONE CITTADINANZA COSTITUZIONE

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S. A.S. 2013-2014 CURRICOLO VERTICALE PER ALUNNI CON DISABILITÀ La scuola è luogo di apprendimento e di costruzione dell identità personale, civile e sociale. Nessuno, questo è l obiettivo, deve rimanere

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA A.S.2010/2011 APPROVATA NEL COLLEGIO

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016 Finalità della Scuola del primo ciclo Compito fondamentale della scuola del primo ciclo d istruzione, che comprende la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado, è la promozione del pieno sviluppo

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

Poffetto scuola primaria

Poffetto scuola primaria Poffetto scuola primaria Via Lamarmora Largo Baccelli a.s. 2015/2016 LA SCUOLA PRIMARIA E LA SUA SPECIFICITA' 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Anno Scolastico 2013-2014 SITUAZIONE MOTIVANTE In una società dove le immagini proposte dai mass-media hanno un

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA

ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA CORSO CISL SCUOLA SALERNO ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA Terza parte prof.ssa Carla Romano dirigente scolastico Gli studi sull'adolescenza si sono sviluppati in Europa

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano I PRIMI PASSI DELLA RIFORMA SCOLASTICA IN PROVINCIA DI BOLZANO Per la scuola in lingua italiana della provincia autonoma di Bolzano, da un lato, abbiamo voluto evitare un atteggiamento attendista, che

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

-Ma come la Scuola dell Infanzia si inserisce in un discorso così complesso dalle varie sfaccettature pedagogiche, sociali, politiche?...

-Ma come la Scuola dell Infanzia si inserisce in un discorso così complesso dalle varie sfaccettature pedagogiche, sociali, politiche?... RELAZIONE : Ispettrice LUCILLA D ANTONIO. LA PRECOCITA DELL INTERVENTO A PARTIRE DALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L attività educativa nei confronti dei bambini in difficoltà è talmente articolata che affrontarla

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

Presentazione del programma. Pratiche narrative e formazione del Sé professionale. L identità del Sé personale e professionale

Presentazione del programma. Pratiche narrative e formazione del Sé professionale. L identità del Sé personale e professionale Presentazione del programma Pratiche narrative e formazione del Sé professionale L identità del Sé personale e professionale 1. L identità semplessa (testo di F. Pulvirenti) 2. L identità narrativa (testo

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

TELEFONO ROSA DI TORINO Via Assietta 13/a - 10128 Torino Tel. 011.530666 - Fax 011.549184 http: www.mandragola.com/tel_rosa e.mail: tel_rosa@show.

TELEFONO ROSA DI TORINO Via Assietta 13/a - 10128 Torino Tel. 011.530666 - Fax 011.549184 http: www.mandragola.com/tel_rosa e.mail: tel_rosa@show. TELEFONO ROSA DI TORINO Via Assietta 13/a - 10128 Torino Tel. 011.530666 - Fax 011.549184 http: www.mandragola.com/tel_rosa e.mail: tel_rosa@show.it PRESENTAZIONE Nel corso della 3 giorni del volontariato

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

Come avviare una consulenza al ruolo?

Come avviare una consulenza al ruolo? Come avviare una consulenza al ruolo? Alcune riflessioni a cura di Daniela Patruno 1. La settimana scorsa ho visto un film appena uscito: Le coach, del regista di O. Doran, con Richard Berry nel ruolo

Dettagli