Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Produzione e tasso di cambio nel breve periodo"

Transcript

1 Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato della attività Un modello di breve periodo dell equilibrio sia del mercato dei beni che del mercato delle attività Effetti di variazioni temporanee e permanenti della politica fiscale e della politica monetaria.

2 Determinanti della domanda aggregata La domanda aggregata è la quantità aggregata di beni e servizi che le persone vogliono acquistare: 1. spesa per consumo 2. spesa per investimento 3. spesa pubblica 4. spesa netta da parte di stranieri: conto corrente.

3 Determinanti della domanda aggregata spesa per consumi Tra le determinanti della spesa per consumi vi sono: Reddito disponibile: reddito della produzione (Y) meno le tasse (T). dc dy 0 ma dc dy 1 dc dt 0 Trascuriamo Effetto tassi d interesse: decisioni di risparmio e credito al consumo, probabilmente dc dr 0 Effetto ricchezza dc dw 0 6-3

4 Determinanti della domanda aggregata G, T, I Per semplicità, ipotizziamo che fattori politici esogeni determinino la spesa pubblica G e il livello di tassazione T. Per semplicità, per ora ipotizziamo che la spesa per investimento I sia determinata esogenamente. Un modello più complicato mostra che l investimento dipende dal costo di prendere a prestito per l investimento, ovvero dal tasso di interesse. 6-4

5 Determinanti della domanda aggregata Conto corrente Tra le determinanti del conto corrente vi sono: Tasso di cambio reale: prezzi dei prodotti esteri rispetto ai prezzi dei prodotti domestici, entrambi misurati in valuta domestica: EP*/P Al crescere dei prezzi dei prodotti stranieri rispetto a quelli dei prodotti domestici, la spesa in prodotti domestici aumenta e la spesa nei prodotti stranieri si riduce. Reddito disponibile: un reddito disponibile maggiore implica una maggior spesa in prodotti esteri (importazioni) 6-5

6 Come variazioni del tasso di cambio reale influenzano il conto corrente Il conto corrente misura il valore delle esportazioni rispetto al valore delle importazioni: CA = EX IM. EP * Se il prezzo dei beni stranieri rispetto al P prezzo dei beni domestici aumenta Il volume delle importazioni diminuisce Il volume delle esportazioni aumenta

7 Come variazioni del tasso di cambio reale influenzano il conto corrente Cosa accade al valore delle stesse? Prendiamo le importazioni Il volume diminuisce ma il prezzo aumenta (in termini di moneta domestica) cosa succede al loro valore (ovvero alla somma spesa per acquistare le importazioni)? Prendiamo le esportazioni Il volume aumenta ma il prezzo diminuisce (in termini di moneta domestica) cosa succede al loro valore? Domina l effetto volume o l effetto valore?

8 Come variazioni del tasso di cambio reale influenzano il conto corrente Se i volumi di importazioni ed esportazioni non cambiano molto, l effetto valore potrebbe dominare l effetto volume quando il tasso di cambio reale varia. Lo stesso vale per la domanda di un bene domestico (p.e. benzina) Tutto dipende dall elasticità delle domande al prezzo L effetto volume domina se le domande di esportazioni e importazioni sono sufficientemente elastiche Marshall-Lerner condition (MLC) Una svalutazione del tasso di cambio porterà ad un miglioramento del CA se la somma delle elasticità della domanda di esportazioni e della domanda di esportazioni e maggiore di uno In quel che segue immagineremo che un aumento del tasso di cambio reale migliori il CA e quindi supporremo che valga la MLC

9 Determinanti della domanda aggregata Conto corrente Tra le determinanti del saldo del conto corrente vi sono: Tasso di cambio reale: un aumento del tasso di cambio reale fa aumentare il saldo del conto corrente. Reddito disponibile: un aumento del reddito disponibile fa diminuire il saldo del conto corrente. 6-9

10 Determinanti della domanda aggregata La domanda aggregata è perciò espressa come: D = C(Y T) + I + G + CA(EP*/P, Y T) Consumo in funzione del reddito disponibile Investimento e spesa pubblica, entrambi esogeni Conto corrente in funzione del tasso di cambio reale e del reddito disponibile O più semplicemente: D = D(EP*/P, Y T, I, G) 6-10

11 Determinanti della domanda aggregata Tasso di cambio reale: un aumento del tasso di cambio reale fa crescere il saldo del conto corrente, e perciò provoca un aumento della domanda aggregata di prodotti domestici. Reddito disponibile ( Y-T ): un aumento del reddito disponibile accresce il consumo, ma riduce il saldo del conto corrente. Poiché la spesa totale per consumi è solitamente maggiore della spesa in prodotti esteri, il primo effetto domina il secondo. All aumentare del reddito, dato il livello di tassazione, il consumo aggregato e la domanda aggregata crescono meno del reddito. 6-11

12 Equilibrio di breve periodo per la domanda aggregata e la produzione L equilibrio è raggiunto quando il valore della produzione Y (e il reddito derivante dalla produzione) è uguale alla domanda D. Y = D(EP*/P, Y T, I, G) Valore della produzione, reddito da produzione. Domanda aggregata in funzione del tasso di cambio reale, del reddito disponibile, dell investimento e della spesa pubblica. 6-12

13 Equilibrio di breve periodo per la domanda aggregata e la produzione La domanda aggregata è maggiore della produzione: le imprese aumentano la produzione La produzione è maggiore della domanda aggregata: le imprese riducono la produzione 6-13

14 Equilibrio di breve periodo e tasso di cambio: la curva DD Come il tasso di cambio influenza l equilibrio di breve periodo della domanda aggregata e della produzione? Con livelli dei prezzi, domestici ed esteri, fissi, un aumento del tasso di cambio nominale rende i beni e i servizi stranieri più cari rispetto a quelli domestici. Un aumento del tasso di cambio (un deprezzamento della valuta domestica) fa aumentare la domanda aggregata di prodotti domestici. In equilibrio, la domanda aggregata è uguale alla produzione

15 Equilibrio di breve periodo e tasso di cambio: la curva DD Effetti di un deprezzamento della valuta sulla produzione con prezzi dei prodotti fissi. Una crescita del tasso di cambio da E 1 a E 2 (un deprezzamento della valuta) aumenta la domanda aggregata fino a domanda aggregata (E 2 ) e la produzione fino a Y 2,, a parità di altre condizioni.

16 Equilibrio di breve periodo e tasso di cambio: la curva DD Esiste una relazione positiva fra E e Y Derivazione della curva DD. La curva DD (rappresentata nel grafico inferiore) è inclinata positivamente, poiché un aumento del tasso di cambio da E 1 a E 2, a parità di altre condizioni fa aumentare la produzione da Y 1 a Y 2.

17 Equilibrio di breve periodo e tasso di cambio: la curva DD Curva DD Mostra le combinazioni di produzione e tasso di cambio in cui il mercato dei beni è in equilibrio di breve periodo (domanda aggregata = produzione aggregata). Inclinata positivamente perché un aumento del tasso di cambio provoca un aumento della domanda aggregata e della produzione aggregata. 6-17

18 Spostamento della curva DD Variazioni del tasso di cambio generano movimenti lungo la curva DD. Altre variazioni causano uno spostamento della DD In generale tutti i cambiamenti che fanno aumentare la DA sposteranno la DD verso dx 6-18

19 Spostamento della curva DD AD Aumenta G La domanda aggregata aumenta e la retta si sposta verso l alto E DD DD Y per ogni livello di E ci sarà un livello di Y superiore perché un altra componente della DA è cresciuta E Y una maggiore spesa pubblica fa crescere la domanda aggregata e la produzione in equilibrio. La produzione aumenta per ogni tasso di cambio: la curva DD si sposta verso destra.

20 Spostamento della curva DD AD La DD si sposta a dx anche se E E DD DD Y aumenta I diminuisce T aumenta P*/P aumenta C aumenta la preferenza per i beni interni rispetto a quelli esteri Y

21 Spostamento della curva DD AD La DD si sposta a sx se diminuisce G diminuisce I E DD Y aumenta T diminuisce P*/P DD diminuisce C E diminuisce la preferenza per i beni interni rispetto a quelli esteri Y

22 Equilibrio di breve periodo per il mercato dei beni: la curva DD La curva DD mostra le combinazioni di E e Y che mantengono in equilibrio il mercato dei beni Y E Alla sinistra della curva DD, la produzione è minore della domanda aggregata La produzione di conseguenza aumenta DD Alla destra della curva DD, la produzione è maggiore della domanda aggregata La produzione si riduce di conseguenza

23 Equilibrio di breve periodo per le attività Quando consideriamo l equilibrio del mercato delle attività Consideriamo due mercati: 1. Mercato dei cambi La parità dei tassi di interesse determina l equilibrio: r= r* + (E e E)/E 2. Mercato monetario L offerta e la domanda reale di moneta determinano l equilibrio: M s /P = L(r, Y) Un aumento del reddito e della produzione provoca un aumento della domanda reale di moneta. 6-23

24 Equilibrio di breve periodo per le attività Mercato dei cambi E 1 Rendimenti in valuta interna di depositi in valuta estera Mercato della moneta M S P r L(Y 1, r) Offerta di moneta r Domanda di moneta

25 Equilibrio di breve periodo per le attività Mercato dei cambi E 1 Perché sia preservato l equilibrio sul mercato delle attività un aumento della produzione E 2 Mercato della moneta M S P r L(Y 1, r) r L(Y 2, r) deve essere accompagnato da una rivalutazione del tasso di cambio a parità di tutte le altre condizioni

26 Equilibrio di breve periodo per le attività Quando reddito e produzione aumentano, la domanda di moneta aumenta, portando ad un aumento del tasso di interesse domestico, portando ad un apprezzamento della valuta domestica. Ricorda: Un apprezzamento della valuta domestica è una riduzione di E. Al contrario: quando reddito e produzione diminuiscono, la valuta domestica si deprezza ed E aumenta. 6-26

27 Equilibrio di breve periodo per le attività: la curva AA La relazione inversa tra produzione e tassi di cambio necessaria per mantenere il mercato dei cambi e il mercato monetario in equilibrio è sintetizzata dalla curva AA. La curva AA. E La curva AA dell equilibrio sul mercato delle attività è inclinata negativamente poiché un aumento nella produzione, a parità di altre condizioni, provoca un aumento del tasso di interesse interno e un apprezzamento della valuta domestica AA Y

28 Equilibrio di breve periodo per le attività: la curva AA La curva AA mostra le combinazioni di E e Y che mantengono in equilibrio il mercato delle attività finanziarie e della moneta Al di sopra della curva AA, il tasso di cambio è maggiore di quello che garantirebbe l equilibrio, E i rendimenti dei depositi in valuta interna > rendimenti in valuta estera E immediatamente diminuisce AA E immediatamente si apprezza Y

29 Equilibrio di breve periodo per le attività: la curva AA La curva AA mostra le combinazioni di E e Y che mantengono in equilibrio il mercato delle attività finanziarie e della moneta Al di sotto della curva AA, il tasso di cambio è minore di quello che garantirebbe l equilibrio, E i rendimenti dei depositi in valuta interna < rendimenti in valuta estera E immediatamente aumenta AA E immediatamente si deprezza Y

30 Spostamento della curva AA Un aumento dell offerta di moneta riduce i tassi di interesse, causando un deprezzamento della valuta domestica (un aumento di E) per ogni Y: la curva AA si sposta verso l alto (destra). Mercat o dei cambi E2 E 1 Rendimenti in valuta interna di depositi in valuta estera Mercat o della moneta M S P r L(Y 1, r) Offerta di moneta r Domanda di moneta

31 Spostamento della curva AA aumenta l offerta di moneta interna Per ogni livello di Y ci sarà un E maggiore E 1 2 AA (M S ) AA (M s ) Y 1 Y 2 Y 6-31

32 Spostamento della curva AA Un aumento del tasso d interesse estero aumenta r* (una diminuzione dell offerta estera di moneta) aumenta il rendimento dei depositi in valuta estera. aumenta il tasso di cambio a parità di Y Mercato dei cambi Mercato della moneta E 2 E 1 M S P r La AA si sposta verso l alto E e E r*' E E e E r * E r L(Y, r) Offerta di moneta Domanda di moneta

33 Spostamento della curva AA aumenta il tasso d interesse estero (diminuisce l offerta estera di moneta) Per ogni livello di Y ci sarà un E maggiore E 1 2 AA (r* ) AA (r*) Y 1 Y 2 Y 6-33

34 Spostamento della curva AA Un aumento del livello interno dei prezzi riduce la offerta di moneta aumentando r diminuisce il tasso di cambio a parità di Y Mercato dei cambi E 1 La AA si sposta verso l alto E 2 E r * e E E Mercato della moneta M S P' M S P r L(Y, r) Offerta di moneta r Domanda di moneta

35 Spostamento della curva AA aumenta il livello dei prezzi interno Per ogni livello di Y ci sarà un E minore E 1 2 AA (P) AA (P ) Y 1 Y 2 Y 6-35

36 Spostamento della curva AA Variazioni di E e : se gli operatori del mercato si aspettano un deprezzamento della valuta domestica in futuro, i depositi in valuta estera diventano più attraenti, e ciò provoca il deprezzamento della valuta domestica (un aumento di E): la curva AA si sposta verso l alto (destra). Variazioni della domanda reale di moneta : se i residenti desiderano detenere saldi monetari reali inferiori, i tassi di interesse scendono, portando ad un deprezzamento della valuta domestica (un aumento di E): la curva AA si sposta verso l alto (destra). 6-36

37 Equilibrio generale: le curve DD e AA Un equilibrio di breve periodo è definito da un tasso di cambio nominale e da un livello di produzione tali che: 1. Il mercato dei beni è in equilibrio: la domanda aggregata è uguale alla produzione aggregata. 2. Il mercato dei cambi è in equilibrio: vale la parità dei tassi di interesse. 3. Il mercato monetario è in equilibrio: l offerta reale di moneta è uguale alla domanda reale di moneta. 6-37

38 Equilibrio generale: le curve DD e AA L equilibrio di breve periodo corrisponde all intersezione tra le curve DD e AA Il mercato dei beni è in equilibrio sulla curva DD Il mercato delle attività è in equilibrio sulla curva AA

39 Equilibrio generale: le curve DD e AA Equilibrio di breve periodo: l intersezione delle curve DD e AA. L equilibrio di breve periodo dell economia si trova nel punto 1, dove il mercato dei beni (i cui punti di equilibrio sono sintetizzati dalla curva DD) e quello delle attività (i cui punti di equilibrio sono sintetizzati dalla curva AA) sono simultaneamente in equilibrio. E 1 DD AA Y

40 Equilibrio generale: le curve DD e AA Se fossimo nel punto 2 E 2 DD Il tasso di cambio si aggiusta immediatamente 3 si passa al punto 3 poi più lentamente la produzione si aggiusta per soddisfare la domanda fino ad arrivare all equilibrio 1 1 AA Y

41 Politiche monetarie e fiscali temporanee Politica monetaria: politica con cui la banca centrale influenza l offerta di moneta. La politica monetaria influenza principalmente i mercati delle attività. Politica fiscale: politica con cui i governi (autorità fiscali) influenzano l ammontare della spesa pubblica e delle imposte. La politica fiscale influenza principalmente la domanda aggregata e la produzione. Ci si aspetta che manovre politiche temporanee siano abbandonate in un vicino futuro e perciò non influenzano le aspettative sui tassi di cambio nel lungo periodo. 6-41

42 Cambiamenti temporanei della politica monetaria Un aumento del livello di moneta provoca la riduzione dei tassi di interesse, provocando il deprezzamento della valuta domestica (un aumento di E). La curva AA si sposta verso l alto (destra). I prodotti domestici sono più economici perciò la domanda aggregata e la produzione aumentano fino a che viene raggiunto un nuovo equilibrio di breve periodo. 6-42

43 Cambiamenti temporanei della politica monetaria (segue) 6-43

44 Cambiamenti temporanei della politica fiscale Un aumento della spesa pubblica o una diminuzione delle imposte fa aumentare la domanda aggregata e la produzione. La curva DD si sposta verso destra. Una maggiore produzione fa aumentare la domanda reale di moneta, facendo aumentare di conseguenza i tassi di interesse, provocando l apprezzamento della valuta domestica (una riduzione di E). 6-44

45 Cambiamenti temporanei della politica fiscale (segue) 6-45

46 Politiche per il mantenimento del pieno impiego Le risorse usate nel processo produttivo possono essere sovra-occupate o sotto-occupate. Quando le risorse sono occupate al loro livello normale (o di lungo periodo), l economia opera a livello di piena occupazione. Quando l occupazione è al di sotto della piena occupazione, il lavoro è sotto-impiegato: alta disoccupazione, poche ore lavorate, produzione inferiore al normale. Quando l occupazione è al di sopra del pieno impiego, il lavoro è sovra-impiegato: bassa disoccupazione, molte ore di straordinario, produzione superiore al normale. 6-46

47 Politiche per il mantenimento del pieno impiego (segue) Politiche per il mantenimento del pieno impiego dopo una riduzione temporanea della domanda mondiale per i prodotti nazionali. Una riduzione temporanea della domanda mondiale sposta la DD 1 a sinistra fino a DD 2, diminuendo la produzione da Y f a Y 2 e causando un deprezzamento della valuta da E 1 a E 2 (punto 2). Un espansione fiscale temporanea può riportare alla piena occupazione (punto 1) spostando la curva DD nella sua posizione iniziale. Un espansione monetaria temporanea può ristabilire la piena occupazione (punto 3) spostando la AA 1 in AA 2. Le due politiche differiscono nei loro effetti sul tasso di cambio: la politica fiscale riporta la valuta al suo valore iniziale (E 1 ); la politica monetaria causa un ulteriore deprezzamento fino a E 3. Una politica fiscale temporanea può invertire la riduzione della domanda aggregata e della produzione Una riduzione temporanea della domanda mondiale di prodotti domestici riduce la produzione al di sotto del suo livello normale. Un espansione monetaria temporanea può far deprezzare la valuta domestica 6-47

48 Politiche per il mantenimento del pieno impiego (segue) Politiche per il mantenimento del pieno impiego dopo un aumento temporaneo della domanda di moneta. Dopo un aumento temporaneo della domanda di moneta (rappresentato dallo spostamento da AA 1 ad AA 2 ), sia un incremento dell offerta di moneta che un espansione fiscale temporanea possono essere usati per ripristinare la piena occupazione. Le due politiche hanno conseguenze diverse sul tasso di cambio: la politica monetaria riporta il tasso di cambio al livello E 1, mentre la politica fiscale causa un ulteriore apprezzamento (E 3 ). Una politica fiscale temporanea può far aumentare la domanda aggregata e la produzione Una politica monetaria temporanea può incrementare l offerta di moneta per assecondare la domanda di moneta. L aumento della domanda di moneta fa aumentare i tassi di interesse e fa apprezzare la valuta domestica. 6-48

49 Politiche per il mantenimento del pieno impiego (segue) Le politiche per il mantenimento del pieno impiego possono sembrare semplici in teoria, ma sono difficili in pratica. 1. Abbiamo ipotizzato che i prezzi e le aspettative non varino, ma le persone potrebbero anticipare gli effetti degli interventi di politica e modificare il proprio comportamento. I lavoratori potrebbero richiedere salari maggiori se si aspettano straordinari e facile occupazione, e i produttori potrebbero aumentare i prezzi se si aspettano salari alti e una forte domanda dovuti alla politica monetaria e fiscale. La politica monetaria e la politica fiscale potrebbero perciò generare variazioni dei prezzi e inflazione impedendo perciò un elevata produzione e un elevata occupazione: inflation bias. 6-49

50 Politiche per il mantenimento del pieno impiego (segue) 2. I dati economici sono difficili da misurare e da capire. Le autorità di politica non possono interpretare con certezza i dati sui mercati delle attività e sulla domanda aggregata e talvolta commettono errori. 3. Le manovre di politica richiedono del tempo per essere implementate e per influenzare l economia. Poiché sono lente, le politiche potrebbero influenzare l economia dopo che gli effetti di uno shock sono svaniti. 4. Talvolta le politiche sono influenzate da interessi politici o burocratici. 6-50

51 Politiche monetarie e fiscali permanenti Cambiamenti permanenti della politica modificano le aspettative sui tassi di cambio nel lungo periodo. 6-51

52 Cambiamenti permanenti della politica monetaria Un aumento permanente del livello di offerta di moneta riduce i tassi di interesse e genera aspettative di deprezzamento futuro della valuta domestica, provocando l aumento del rendimento atteso dei depositi in valuta estera. La valuta domestica si deprezza di più (E aumenta di più) rispetto al caso in cui le aspettative sono constanti (risultati del capitolo 4). La curva AA si sposta verso l alto (destra) in misura maggiore rispetto al caso di aspettative costanti. 6-52

53 Effetti di cambiamenti permanenti della politica monetaria nel breve periodo Effetti di breve periodo di un incremento permanente dell offerta di moneta. Un aumento permanente dell offerta di moneta, che sposta la AA 1 in AA 2 e fa muovere l economia dal punto 1 al punto 2, ha effetti più forti sul tasso di cambio e sulla produzione rispetto ad un incremento equivalente ma temporaneo dell offerta di moneta, che sposta l economia solo sul punto 3. Un aumento permanente dell offerta di moneta fa diminuire i tassi di interesse e causa aspettative di un deprezzamento futuro, portando ad un ampio deprezzamento effettivo. 6-53

54 Effetti di cambiamenti permanenti della politica monetaria nel lungo periodo Con occupazione ed ore lavorate superiori al loro livello normale, c è una tendenza all aumento dei salari nel tempo. Con una forte domanda di beni e con salari crescenti, i produttori sono incentivati ad aumentare i prezzi dei beni nel tempo. Sia maggiori salari che maggiori prezzi dei beni si riflettono in un più elevato livello dei prezzi. Quali sono gli effetti di prezzi crescenti? 6-54

55 Effetti di cambiamenti permanenti della politica monetaria nel lungo periodo (segue) Aggiustamento di lungo periodo a un aumento permanente dell offerta di moneta. A seguito di un aumento permanente dell offerta di moneta, un costante incremento del livello dei prezzi sposta verso sinistra le curve DD e AA fino a che non si raggiunge un nuovo equilibrio di lungo periodo (punto 3). Nel lungo periodo, la produzione ritorna al suo livello normale e assistiamo anche ad overshooting: E 1 < E 3 < E 2 Prezzi maggiori rendono più cari i prodotti domestici rispetto ai beni stranieri: riduzione della domanda aggregata. Prezzi maggiori riducono l offerta reale di moneta, incrementando i tassi di interesse e portando ad un apprezzamento della valuta domestica. 6-55

56 Effetti di cambiamenti permanenti della politica fiscale Un aumento permanente della spesa pubblica o una riduzione permanente delle imposte Fa aumentare la domanda aggregata genera aspettative di apprezzamento della valuta domestica nel breve periodo dovuto ad una accresciuta domanda aggregata, riducendo quindi il rendimento atteso sui depositi in valuta estera e facendo apprezzare la valuta domestica. Il primo effetto accresce la domanda aggregata di prodotti domestici, il secondo effetto riduce la domanda aggregata di prodotti domestici (rendendoli più cari). 6-56

57 Effetti di cambiamenti permanenti della politica fiscale (segue) Se ci si aspetta che la manovra di politica fiscale sia permanente, il primo ed il secondo effetto si compensano esattamente, perciò la produzione rimane al suo livello normale o di lungo periodo. Diciamo che un aumento della spesa pubblica spiazza completamente le esportazioni nette, a causa degli effetti di una valuta domestica apprezzata. 6-57

58 Effetti di cambiamenti permanenti della politica fiscale (segue) Effetti di un espansione fiscale permanente. Poiché un espansione fiscale di carattere permanente modifica le aspettative sul tasso di cambio, essa sposta la AA 1 verso sinistra e la DD 1 verso destra. L effetto sulla produzione è nullo (punto 2) se l economia parte dal suo equilibrio di lungo periodo. Un analoga espansione fiscale di carattere temporaneo, invece, porterebbe l economia nel punto 3. Un aumento della spesa pubblica accresce la domanda aggregata. Esito di un espansione fiscale temporanea. Quando l aumento della spesa pubblica è permanente ci si aspetta un apprezzamento della valuta domestica, che quindi si apprezza. 6-58

59 Politiche macroeconomiche e saldo del conto corrente Per determinare l effetto della politica monetaria e della politica fiscale sul saldo del conto corrente, deriviamo la curva XX per rappresentare le combinazioni di produzione e tassi di cambio in cui il saldo del conto corrente è al livello desiderato. All aumentare del reddito e della produzione, il saldo del conto corrente si riduce, a parità di altre condizioni. Per mantenere il saldo del conto corrente al suo livello desiderato, la valuta domestica si deve deprezzare all aumentare di reddito e produzione: la curva XX deve essere inclinata positivamente. 6-59

60 Politiche macroeconomiche e saldo del conto corrente (segue) Come le politiche macroeconomiche influenzano il saldo del conto corrente. Lungo la curva XX il saldo del conto corrente è costante al livello CA = X. Un espansione monetaria sposta l economia al punto 2 e quindi aumenta il saldo del conto corrente. Una politica fiscale espansiva e temporanea sposta l economia nel punto 4; in ogni caso, il saldo del conto corrente peggiora. 6-60

61 Politiche macroeconomiche e saldo del conto corrente (segue) La curva XX è inclinata positivamente ma è più piatta della curva DD. La DD rappresenta i valori di equilibrio della domanda aggregata e della produzione domestica. All aumentare del reddito e della produzione interna, il risparmio domestico aumenta e ciò implica che la domanda aggregata (la disponibilità a spendere) da parte dei residenti non aumenta così rapidamente come il reddito e la produzione. 6-61

62 Politiche macroeconomiche e saldo del conto corrente (segue) All aumentare del reddito interno e della produzione domestica, la valuta si deve deprezzare per indurre gli stranieri ad aumentare la domanda di prodotti domestici al fine di mantenere il saldo del conto corrente (solo una componente della domanda aggregata) al suo livello desiderato sulla curva XX. All aumentare del reddito interno e della produzione domestica, la valuta si deve deprezzare più rapidamente per indurre gli stranieri ad aumentare la domanda di prodotti domestici al fine di mantenere la domanda aggregata (da parte dei residenti e degli stranieri) uguale alla produzione sulla curva DD. 6-62

63 Politiche macroeconomiche e saldo del conto corrente (segue) Le politiche economiche influenzano il saldo del conto corrente attraverso gli effetti sul valore della valuta domestica. Un aumento dell offerta di moneta fa deprezzare la valuta domestica e spesso fa aumentare il saldo del conto corrente nel breve periodo. Un aumento della spesa pubblica o una diminuzione delle imposte fa apprezzare la valuta e spesso riduce il saldo del conto corrente. 6-63

64 Politiche macroeconomiche e saldo del conto corrente (segue) Come le politiche macroeconomiche influenzano il saldo del conto corrente. Lungo la curva XX il saldo del conto corrente è costante al livello CA = X. Un espansione monetaria sposta l economia al punto 2 e qindi aumenta il saldo del conto corrente. Una politica fiscale espansiva e temporanea sposta l economia nel punto 4; in ogni caso, il saldo del conto corrente peggiora. Poiché anche la curva AA si sposta, un espansione fiscale permanente fa diminuire ulteriormente il CA. Un aumento dell offerta di moneta sposta verso l alto la curva AA e fa deprezzare la valuta domestica, facendo aumentare il saldo del conto corrente al di sopra della XX. Una espansione fiscale temporanea sposta la DD e fa apprezzare la valuta domestica, riducendo il CA al di sotto della XX. 6-64

65 Effetto valore, effetto volume e la curva J Se il volume di importazioni ed esportazioni è fisso nel breve periodo, un deprezzamento della valuta domestica non influenzerà il volume di importazioni o esportazioni, ma farà aumentare il valore/prezzo delle importazioni in valuta domestica e diminuire il saldo del conto corrente: CA EX IM. il valore delle esportazioni in valuta domestica non varia. Il saldo del conto corrente può diminuire immediatamente dopo un deprezzamento della valuta, quindi aumentare gradualmente ma mano che l effetto volume comincia a dominare l effetto valore. 6-65

66 Effetto valore, effetto volume e la curva J (segue) L effetto volume domina l effetto valore Effetto immediato del deprezzamento reale sul CA Curva J: l effetto valore domina l effetto volume 6-66

67 Effetto valore, effetto volume e la curva J (segue) Il grado di aggiustamento (pass through) dal tasso di cambio ai prezzi delle importazioni misura la percentuale di aumento dei prezzi delle importazioni quando la valuta domestica si deprezza dell 1%. Nel modello DD-AA, il grado di aggiustamento è del 100%: i prezzi delle importazioni in valuta domestica compensano esattamente il deprezzamento della valuta domestica. In realtà, il grado di aggiustamento dei prezzi potrebbe essere inferiore al 100% a causa della discriminazione di prezzo nei diversi paesi. Le imprese che stabiliscono i prezzi potrebbero decidere di non compensare le variazioni del tasso di cambio con cambiamenti dei prezzi dei prodotti esteri denominati in valuta domestica. 6-67

68 Effetto valore, effetto volume e la curva J (segue) Se i prezzi in valuta domestica dei prodotti stranieri non cambiano molto a causa di un grado di aggiustamento inferiore al 100%, allora il valore delle importazioni non aumenta di molto dopo un deprezzamento della valuta domestica e il saldo del conto corrente non si riduce di molto: ciò diminuisce l effetto curva J. il volume di importazioni ed esportazioni non si modifica molto nel tempo poiché i prezzi in valuta domestica cambiano poco. Un grado di aggiustamento dei prezzi inferiore al 100% riduce l effetto di un deprezzamento o apprezzamento sul saldo del conto corrente. 6-68

69 Il modello IS-LM Nel modello DD-AA, abbiamo ipotizzato che la spesa per investimenti fosse esogena. In realtà, l ammontare della spesa per investimenti dipende dal tasso di interesse. i progetti di investimento spesso usano fondi presi a prestito, e il tasso di interesse è il costo del prestito. un tasso di interesse maggiore porta ad una spesa per investimenti inferiore. Il modello IS-LM dice che la spesa per investimenti è negativamente correlata al tasso di interesse. 6-69

70 Il modello IS-LM (segue) Il modello IS-LM permette anche che la spesa per consumo e la spesa in importazioni dipendano dal tasso di interesse. Un tasso di interesse maggiore rende il risparmio più attraente e il consumo meno attraente. Tuttavia, l effetto del tasso di interesse è molto più forte sugli investimenti piuttosto che sul consumo e sulle importazioni. 6-70

71 Il modello IS-LM (segue) Il modello IS-LM esprime così la domanda aggregata: D = C(Y T, R-π e ) + I(R-π e )+ G + CA(EP*/P, Y T, R-π e ) Consumo in funzione del reddito disponibile e del tasso di interesse realer-π e Investimento in funzione del tasso di interesse reale R-π e O più semplicemente: La spesa pubblica è esogena D = D(EP*/P, Y T, R-π e, G) Saldo del conto corrente in funzione del tasso di cambio reale, del reddito disponibile e del tasso di interesse reale R-π e 6-71

72 Il modello IS-LM (segue) Invece di mettere in relazione tassi di cambio e produzione, il modello IS-LM mette in relazione tassi di interesse e produzione. In equilibrio, produzione aggregata = domanda aggregata Y = D(EP*/P, Y T, R-π e, G) In equilibrio, vale la parità dei tassi di interesse R = R* + (E e -E)/E E(1+R) = ER* + E e E(1+R R*) = E e E = E e /(1+R R*) 6-72

73 Il modello IS-LM (segue) Y = D(E e P*/P(1+R R*), Y T, R-π e, G) Questa equazione descrive la curva IS: combinazioni di tassi di interesse e produzione tali che la domanda aggregata è uguale alla produzione, dati i valori delle variabili esogene: E e,p*,p, R*,T, π e e G. Tassi di interesse inferiori incrementano la domanda di investimento (e la domanda di consumo e di importazioni), portando ad una maggiore domanda aggregata e ad una produzione maggiore in equilibrio. La curva IS è inclinata negativamente. 6-73

74 Il modello IS-LM (segue) In equilibrio, l offerta reale di moneta è uguale alla domanda reale di moneta : M s /P = L(R,Y) Questa equazione descrive la curva LM: combinazioni di tassi di interesse e produzione tali che il mercato monetario è in equilibrio, dati i valori delle variabili esogene P e M s. Un reddito maggiore porta a una maggior domanda reale di moneta e a tassi di interesse maggiori nel mercato monetario. La curva LM è inclinata positivamente. 6-74

75 Il modello IS-LM (segue) I mercati dei beni sono in equilibrio Tasso di interesse, R R 1 1 Il mercato monetario è in equilibrio LM Sia i mercati dei beni che il mercato monetario sono in equilibrio in R 1 e Y 1 Y 1 Produzione, Y 6-75

76 Effetti di cambiamenti temporanei dell offerta di moneta (segue) Rendimento atteso sui depositi in valuta estera Tasso di interesse, R LM 1 Aumento temporaneo dell offerta di moneta 1 R 1 1 LM R 2 E 2 Tasso di cambio, E E 1 ( crescente) Y 1 Y 2 Produzione, Y

77 Effetti di cambiamenti permanenti dell offerta di moneta nel breve periodo Rendimento atteso sui depositi in valuta estera Tasso di interesse, R LM 1 Aumento permanente dell offerta di moneta 1 1 LM 2 3 R 1 R 3 R Ci si aspetta che la valuta domestica si deprezzi E 3 E 2 E 1 Y 1 Y 2 Y 3 Produzione, Y Tasso di cambio, E ( crescente) 6-77

78 Effetti di cambiamenti temporanei della politica fiscale Rendimento atteso sui depositi in valuta estera 2 Tasso di interesse, R R 2 2 LM Espansione fiscale temporanea 1 R 1 1 E 1 E 2 Y 1 Y 2 Produzione, Y Tasso di cambio, E ( crescente) 6-78

79 Effetti di cambiamenti permanenti della politica fiscale Rendimento atteso sui depositi in valuta estera 2 Tasso di interesse, R R 2 2 LM Espansione fiscale permanente 1 3 R 1 1 Ci si aspetta che la valuta domestica si apprezzi Tasso di cambio, E E 1 E 2 E 3 ( crescente) Y 1 Y 2 Produzione, Y 6-79

80 Sommario 1. La domanda aggregata è influenzata dal reddito disponibile e dal tasso di cambio reale. 2. La curva DD mostra le combinazioni di tassi di cambio e produzione in cui domanda aggregata = produzione. 3. La curva AA mostra le combinazioni di tassi di cambio e produzione in cui il mercato dei cambi ed il mercato monetario sono in equilibrio. 6-80

81 Sommario (segue) 4. Nel modello DD-AA, ipotizziamo che un deprezzamento della valuta domestica porti ad un aumento del saldo del conto corrente e della domanda aggregata. 5. Ma la realtà è più complicata, e la curva J mostra che l effetto valore all inizio domina l effetto volume. 6-81

82 Sommario (segue) 6. Un aumento temporaneo dell offerta di moneta fa aumentare la produzione e deprezzare la valuta domestica. 7. Un aumento permanente genera entrambi gli effetti con maggiore intensità nel breve periodo, ma nel lungo periodo la produzione ritorna al suo livello normale. 8. Un aumento temporaneo della spesa pubblica fa aumentare la produzione e fa apprezzare la valuta domestica. 9. Un aumento permanente della spesa pubblica spiazza completamente le esportazioni nette, e perciò non ha effetti sulla produzione. 6-82

83 Sommario (segue) 10. Il modello IS-LM confronta i tassi di interesse con la produzione. 11. La curva IS mostra le combinazioni di tassi di interesse e produzione in cui domanda aggregata = produzione. 12. La curva LM mostra le combinazioni di tassi di interesse e produzione in cui il mercato monetario è in equilibrio. 13. Il modello IS-LM può essere usato con il modello del mercato dei cambi per confrontare produzione, tassi di interesse e tassi di cambio. 6-83

84 6-84

85 6-85

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana

Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana di Riccardo Faini (Università di Roma Tor Vergata e CEPR) e André Sapir (Université Libre de Bruxelles e CEPR) Maggio 2005 Questo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA CONCETTO PAOLO VINCI * 1. Introduzione Sebbene si possa obiettare che è ancora troppo presto per formulare un giudizio su alcune misure in particolare

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere 1 La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione. Appendice A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere IPI, 2009 Sono vietate le riproduzioni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY)

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) CICLO DI LEZIONI per Progetto e Gestione della Qualità Facoltà di Ingegneria CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo e-mail: cnoe@liuc.it 1 CAPACITÀ DI PROCESSO Il

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli