Sodalitas, tre oscar vanno al food

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sodalitas, tre oscar vanno al food"

Transcript

1 GREEN Emanuela Taverna Sodalitas, tre oscar vanno al food ALLA 12ª EDIZIONE DEI SOCIAL AWARD, LE AZIENDE ALIMENTARI HANNO BEN PERFORMATO IN DIVERSE CATEGORIE, PORTANDO A CASA TRE RICONOSCIMENTI E VARIE MENZIONI SPECIALI S alute e sicurezza, pari opportunità, partnership con il non profit, tutela dell ambiente: le aziende alimentari sono in prima fila in tutte queste aree. Almeno così sembra dalla dodicesima edizione dei Sodalitas Social Award, il premio per la sostenibilità d impresa assegnato da Fondaziona Sodalitas lo scorso 26 maggio. Le aziende alimentari e della gdo si sono piazzate tra i finalisti di molte categorie, in tre casi aggiudicandosi il podio più alto grazie a progetti innovativi, che dimostrano come il settore del food stia bruciando le tappe anche nel mondo della sostenibilità. Hanno, infatti, portato a casa l ambito riconoscimento Barilla, Bolton Alimentari e Nordiconad. Il leader della pasta ha vinto nella categoria Occupazione dei giovani e promozione dell autoimprenditorialità, grazie al progetto di finanziamento di dieci percorsi formativi con rilevanza sociale e ambientale. Nell ambito delle celebrazioni per il centena- EXPO 2015, ECCO COME NUTRIRE IL PIANETA All interno del Sodalitas Social Award porta a casa il premio speciale Expo 2015 Bolton Alimentari, per il progetto Best Food Generation. Si tratta di un programma per diffondere la cultura dell alimentazione coinvolgendo insegnanti e genitori in un progetto didattico a lungo termine. Dal 2011, Best Food Generation ha coinvolto scuole e 200mila bambini per edizione. Agli istituti in tutto sono stati distributi kit didattici. Altri due finalisti dei progetti per Expo 2015 sono stati Ikea Italia Retail con un progetto contro lo spreco alimentare e Comunità del Mais spinato per un iniziativa di marketing del turismo enogastronomico e tutela della biodiversità. 136 FOOD Maggio 2014 rio dalla nascita di Pietro Barilla, infatti, il gruppo, in collaborazione con Centromarca e Unione parmense degli industriali, ha lanciato ad aprile 2013 un programma per finanziare borse di studio da 40mila euro l una per promuovere la formazione di ragazzi tra i 18 e i 28 anni residenti in Italia. Le idee presentate sono state 400: ogni candidato doveva elaborare un progetto per il futuro e il corrispettivo percorso formativo a sostegno. Il programma avrà una seconda edizione, che sarà estesa a livello internazionale e focalizzata sul comparto agroalimentare. Saranno infatti finanziate le idee con implicazioni ambientali, sociali e nutrizionali. Originale anche l idea di Nordiconad, che a Modena ha creato l emporio solidale Portobello. Si tratta di un negozio che regala generi alimentari alle famiglie in difficoltà momentanea. I servizi sociali del comune di Modena, infatti, segnalano le persone e i punti loro assegnati in base alla composizione del nucleo famigliare. Alla cassa, non si paga in euro, ma in punti a scalare dal proprio codice fiscale, utilizzabili per un periodo massimo di sei mesi. Chi beneficia del servizio è invitato a impegnarsi in attività di volontariato a supporto del supermercato stesso. Nordiconad ha donato gran parte dei beni alimentari in vendita e gli arredi del locale. Attualmente Portobello serve 280 famiglie e raggiunge 31 organizzazioni di volontariato e parrocchie, è gestito da 140 volontari con prodotti provenienti da 23 promotori e 48 partner e donatori delle istituzioni, delle imprese e dell associazionismo. 280 NUMERO DI FAMIGLIE SERVITE DA PORTOBELLO, L EMPORIO SOLIDALE DI NORDICONAD Si tratta di un negozio che regala generi alimentari alle famiglie in momentanea difficoltà economica

2

3 ECO NOVITÀ Anna Simone Le ambientali fanno il pieno DAI CICLI INDUSTRIALI AI PRODOTTI COMMERCIALIZZATI, IL MONDO DELLE CERTIFICAZIONI GREEN CRESCE ANCHE NEL COMPARTO ALIMENTARE, MA LA STRADA NON È ANCORA IN DISCESA S e il mercato europeo chiede prodotti di qualità a basso impatto per l ambiente l Italia risponde. È in atto un trend green che spinge le imprese, nazionali ed estere, a fare business senza inquinare e a certificare la propria sostenibilità. Il che oltre a trasmettere una buona immagine industriale, porta benefici economici. Tuttavia, le difficoltà non mancano, a iniziare da quali certificazioni scegliere per avere un miglior rapporto costi/benefici. Nel comparto della trasformazione alimentare si possono identificare molti strumenti legati alla misura, alla gestione e alla comunicazione della sostenibilità. Oltre alle certificazioni di sistema di gestione ambientale - strumento ormai consolidato per dare garanzia agli stakeholder dell impegno dell azienda a minimizzare i propri impatti sull ecosistema e a dimostrare il continuo miglioramento delle prestazioni aziendali in senso green stanno acquisendo rilevanza ulteriori forme di certificazione o di verifica di terza parte, come le impronte ambientali (footprint). Tra le più diffuse spiccano la Lca-Life cycle assessment che analizza l impatto ambientale dei prodotti lungo l intero ciclo di vita, la carbon footprint che quantifica l impronta di carbonio mi- 138 FOOD Giugno 2014 surando le emissioni di gas serra generati, la water footprint o impronta idrica, che calcola i volumi di acqua dolce consumati nell ambito dello sviluppo di un determinato prodotto o servizio. Questi strumenti rispondono all esigenza espressa a chiare lettere dai recenti indirizzi dell Unione europea di ridurre i consumi energetici e gli sprechi di risorse naturali, aspetti che d altra parte interessano in maniera crescente il consumatore, oggi incline a compiere scelte di acquisto in linea con tali valori osserva Claudia Gistri, direttore area ambiente, sicurezza e qualità di Certiquality. Essere sostenibili, oltre a dare una buona immagine aziendale, porta benefici economici Gli standard cui riferirsi sono numerosi: dalla Iso per l inventario delle emissioni di gas a effetto serra di un organizzazione, e Iso per la quantificazione del carbon footprint di prodotto, agli strumenti europei Product environmental footprint (Pef) e Organisation environmental footprint (Oef) - metodologie che regolamentano rispettivamente l impronta ambientale delle merci e delle organizzazioni senza dimenticare le dichiarazioni Environmental product declarations (Epd), che riassumono a livello internazionale le informazioni sugli impatti ecologici dei prodotti. A intraprendere questo tipo di percorsi sono soprattutto aziende di trasformazione alimentare, dalle multinazionali alle piccole e medie imprese, per andare incontro alle richieste della distribuzione, per lo più estera spiega Carmine Lamanna, food&beverage manager di Dnv Gl Italia -. Possiamo stimare che almeno il 20% delle organizzazioni presenti sul territorio nazionale siano fortemente impegnate in tal senso, e in larga parte interessate alla misurazione dell impronta di carbonio di prodotto e alla quantificazione dell impronta idrica. Per quanto riguarda gli aspetti energetici, per alcuni comparti del food assumono valori ri- Carmine Lamanna, food&beverage manager di Dnv Gl Italia Claudia Gistri, direttore area ambiente, sicurezza e qualità di Certiquality

4 GREEN FOOD levanti (per esempio nel settore conserviero o in quello dolciario) così le imprese sono sempre più attente a strutturare e certificare il proprio sistema di gestione dell energia (Iso 50001) per individuare risparmi energetici di un certo peso. Problemi da affrontare e futuro del settore Navigare nel mare magnum delle numerose certificazioni ambientali non è semplice, servono rotte percorribili e mete allettanti. Le difficoltà principali sono dovute all approccio e alla comunicazione afferma Michele Crivellaro, marketing e business development di Csqa. L approccio di Lca-Life cycle assessment racchiude una visione olistica poiché legata al ciclo di vita, quindi possono mutare in maniera significativa le questioni e gli impatti ambientali chiave dell organizzazione. Intervenire lungo la catena di distribuzione è più impegnativo che ridurre l impatto ambientale nel proprio sito produttivo, anche se vari studi dimostrano i benefici a livello di innovazione, di comunicazione e di vantaggio competitivo, quest ultimo dipendente da un miglioramento nell uso efficiente delle risorse. L altro aspetto è relativo alla comunicazione, che non deve far cadere l azienda nel greenwashing, ovvero nell ingiustificata appropriazione di virtù ambientaliste per inventare un immagine positiva delle proprie attività industriali. Rischio che si riduce notevolmente con l uso delle certificazioni di parte terza. Ulteriori problematiche derivano dalla trappola della confusione. I mercati internazionali spesso richiedono che i prodotti alimentari vengano accompagnati da certificazioni di eco sostenibilità, ma nella maggior parte dei casi non esprimono richieste univoche, così a seconda dei paesi sono valorizzati schemi diversi di certificazioni. A ciò si aggiunge l affanno per le piccole imprese constata Gistri nel comprendere quali siano le scelte di sostenibilità ambientale più premianti ai fini del proprio business. Senza tralasciare che in generale all interno delle aziende mancano le competenze per poter operare in autonomia sul fronte delle certificazioni, e l aggravante peso della crisi economica e della necessità di concentrarsi sui risultati di breve periodo finiscono per ostacolare la gestione strategica di questi aspetti, afferma Lamanna. Per il futuro, tuttavia, si possono ipotizzare degli incoraggianti scenari di diffusione dello Latteria Montello, il green è certificato Il proposito di rispettare e di tutelare l ambiente Latteria Montello lo mette in pratica ricorrendo a imballaggi riciclabili, a energia pulita, a un impianto di trattamento dei reflui industriali, nonché calcolando e minimizzando la quantità di anidride carbonica immessa in atmosfera lungo la filiera produttiva. Nel 2012 l azienda leader in Italia nel segmento stracchini con oltre 27 milioni di pezzi prodotti all anno e 90 milioni di fatturato ha partecipato a un bando del ministero dell Ambiente per un progetto finalizzato a quantificare e mitigare l Impronta di carbonio di quattro prodotti caseari freschi. Lo scorso anno l indagine ha portato a risultati che sono stati verificati dall ente Csqa, che ha certificato la carbon footprint a fronte del Ghg protocol, uno dei più importanti standard a livello internazionale per il calcolo, la gestione e il reporting in materia di gas serra. Inoltre, Latteria Montello ha ottenuto le certificazioni Uni En Iso 14001/2004, per quanto riguarda la gestione degli aspetti ambientali dello stabilimento, e la Iso 9001/2008 per la gestione generale del sito produttivo spiega Michele De Noni, responsabile del sistema di gestione qualità e ambiente di Latteria Montello. RACCOLTA DIFFERENZIATA:oltre il 60% degli imballaggi prende la via del recupero VASCHETTA RICICLABILE: il packaging interno dei formaggi è 100% riciclabile RISPARMIO ENERGETICO gli indicatori di processo monitorano i consumi di acqua, gas ed energia elettrica per evitare sprechi DEPURATORE: i reflui vengono depurati e impiegati in agricoltura DIMINUIZIONE DI CO2: riduzione durante i processi aziendali e riduzioni del traffico veicolare, acquisto di crediti ambientali A cui c è da aggiungere la certificazione di prodotto Sgs process control, che garantisce le attività di costante controllo di tutte le fasi di produzione dei formaggi molli. Da non tralasciare che la nostra azienda sottolinea De Noni è certificata per due standard della distribuzione europea, infatti lo stabilimento principale e il sito produttivo del marchio Nonna Rina sono certificati da Csqa ai sensi dello standard Ifs, che ha lo scopo di favorire l efficace selezione dei fornitori food a marchio della gdo, e ai sensi dello standard Brc, nato per dare risposta alla richiesta di garanzie della gdo internazionale in materia di sicurezza igienico-sanitaria dei materiali a contatto con gli alimenti. La certificazione si traduce quindi in un sistema di qualità strettamente controllato che se da una parte ottimizza i processi riducendo i costi, dall altra dà plusvalore ai prodotti dell azienda. Siamo soddisfatti conclude De Noni poichè con il passare del tempo l attenzione a tenere in considerazione parametri qualitativi elevati ai fini della certificazione è diventata una finalità per migliorare di continuo la qualità del funzionamento aziendale. Auspico che i consumatori apprezzino gli sforzi che le aziende come la nostra fanno per certificarsi, perché vuol dire maggiore garanzia di prodotto e di rispetto dell ambiente. FOOD Giugno

5 ECO NOVITÀ strumento delle certificazioni, ma molto dipende da quanto si concretizzerà il circolo virtuoso di costruzione di un mercato unico dei prodotti verdi proposto nel 2013 dall Unione europea e basato sull impronta ecologica di prodotto (Pef) e di organizzazione (Oef) commenta Crivellaro. Non dimentichiamo che finora l Ecolabel ha escluso i prodotti agroalimentari da una etichettatura omogenea a livello comunitario. Lo Stivale si confronta con l Europa Sarà vero che l erba del vicino, in questo caso europea, è sempre più verde? Negli ultimi due anni la sensibilità delle imprese italiane verso le certificazioni green è cresciuta a vista d occhio constata Carmine Lamanna grazie anche all impegno del ministero dell Ambiente che ha avviato programmi di incentivazione che hanno portato un considerevole numero di organizzazioni sia pubbliche sia private a impegnarsi nella quantificazine dell impronta idrica o di carbonio e a intraprendere progetti che ne consentano la riduzione. Così il Belpaese non si discosta molto dai primi della classe, Michele Crivellaro, marketing e business development di Csqa in materia di sostenibilità ambientale, ossia Francia, Regno Unito, Spagna e Germania. In particolare, le aziende italiane del settore alimentare risultano attive sul fronte delle footprint. Infatti, considerate le caratteristiche di eccellenza che contraddistinguono le imprese nazionali rileva Claudio Gistri a poter essere parte attiva nella definizione delle regole che caratterizzano le categorie di prodotto dal punto di vista ambientale non potrà che rafforzare l immagine e la qualità della loro offerta, anche rispetto ai competitor europei. 20% PERCENTUALE DI AZIENDE ITALIANE INTERESSATE A CERTIFICAZIONI GREEN Danone, progetti a 360 gradi Dall acquisizione di materie prime selezionate allo smaltimento delle confezioni passando per l ottimizzazione dei processi industriali, l obiettivo di Danone è migliorare la sostenibilità a 360 gradi. In questa cornice green si inserisce la politica industriale del gruppo volta a omogeneizzare le certificazioni ambientali delle diverse unità produttive, nel continuo rispetto delle stringenti normative europee in materia di produzione alimentare. In Italia, nel 1999, lo stabilimento di Casale Cremasco ha ottenuto la certificazione Iso 14001, adottando un sistema integrato di gestione ambientale che ha contribuito negli anni al raggiungimento dei traguardi stabiliti commenta Giacomo Vailati, quality assurance & h.s.e. carbon master manager, Danone Italia.Tra il 2008 e il 2012 la divisione italiana ha ridotto le emissioni complessive di CO2 del 32%, superando l obiettivo del 30% fissato per quel periodo. L impronta ecologica è scesa grazie alla misurazione e all analisi di tutte le attività, lavorando sull ottimizzazione degli approvvigionamenti di materie prime, della produzione, della logistica e così via. Danone ha deciso, inoltre, di acquistare solo energia verde per alimentare gli stabilimenti e le sedi, e ha migliorato il packaging degli yogurt utilizzando plastiche più sostenibili per i vasetti ed eliminando gli imballi in cartoncino. Mentre, per quanto riguarda la Responsabilità sociale COMBATTERE IL RISCAL- DAMENTO GLOBALE: ridurre la Co2 e la dipedenza dai combustibili fossili PROTEGGERE LE RISORSE IDRICHE: Drop, strumento per rilevare il consumo di acqua, e Spring, strumento per definire gli standard di gestione dell acqua di fonte imbottigliata PACKAGING: trasformare i rifiuti in risorse e sviluppare materiali rinnovabili con la riduzione degli imballi e lo sviluppo del riciclo AGRICOLTURA: sostegno per implementare l agricoltura integrata o biologica per un minor impatto ambientale BIODIVERSITÀ: protezione e conservazione di particolari habitat, specie animali e vegetali d impresa al termine del 2010 Danone Italia ha adottato lo standard Iso definendo una serie di linee guida per migliorare il funzionamento dei processi interni, della supply chain e delle relazioni nei diversi mercati. Continueremo in questa direzione aggiunge Vailati abbiamo definito i nuovi obiettivi da raggiungere entro il 2020, che vedono l azienda impegnata a ridurre l impatto delle proprie attività e di alcuni processi esterni, primo fra tutti la produzione di latte con l impiego di metodologie avanzate per un agricoltura sostenibile. Un lavoro che va a vantaggio dell ambiente, della salute dei consumatori, degli dipendenti e che ripaga a livello economico. Tra i benefici spiccano, infatti, una maggiore efficienza quindi ridotti costi di gestione, e l opportunità di creare sinergie più proficue tra le diverse funzioni aziendali coinvolte nei percorsi di certificazione, contribuendo al miglioramento della comunicazione interna e alla costruzione di una cultura della sostenibilità più solida e diffusa. A ciò si aggiunge conclude Vailati un ritorno positivo sulla reputazione dell azienda che tutela in modo migliore i propri marchi e offre ai consumatori superiori garanzie di qualità e sicurezza. 140 FOOD Giugno 2014

6 GREEN FOOD Viva, il vino sostenibile Il tema della sostenibilità è diventato centrale nelle strategie di promozione del settore vitivinicolo, alla luce della crescente attenzione dei consumatori su questo fronte e alla possibilità di valorizzare il meglio della produzione italiana. Tra le iniziative recenti merita una menzione V.I.V.A. (Valutazione dell impatto della vitivinicoltura sull ambiente), un progetto realizzato dal ministero dell Ambiente, con la collaborazione di operatori del mondo dell università, della ricerca, oltre che di importanti aziende italiane e dell ente di certificazione Dnv Gl. Attraverso questa iniziativa sono stati sviluppati indicatori di misurazione della performance di sostenibilità specifici, ai quali le aziende possono far riferimento per valutare l impatto ambientale e socioeconomico e pianificare azioni riduttive e correttive. Elaborati sulla base di standard e linee guida internazionali, gli indicatori tengono conto del fatto che l industria del vino italiana è molto variegata e che ogni azienda è condizionata dall ambiente in cui opera. In particolare, sono quattro le aree considerate: aria (che misura il totale delle emissioni di gas ad effetto serra associate, direttamente e indirettamente, al ciclo di vita di una bottiglia di vino da 0,75 l), acqua (indica il volume di acqua dolce consumata per la produzione di una bottiglia delle medesime dimensioni), vigneto (considera le pratiche di gestione agronomica, dall uso degli agrofarmaci alla concimazione) e territorio (valuta le conseguenze delle attività aziendali dal punto di vista della tutela della biodiversità e della salvaguardia). Per ciascun elemento, è stato sviluppato un disciplinare tecnico che ne definisce le metodologie di monitoraggio e rendicontazione, oltre ai sistemi di controllo che le aziende vitivinicole devono adottare. Le aziende che rispettano i principi indicati potranno, dopo verifica di terza parte, fregiarsi dell etichetta V.I.V.A. sulla bottiglia, al momento conquistata da Castello Montevibiano Vecchio, F.lli Gancia & Co, Marchesi Antinori, Masi Agricola, Michele Chiarlo, Planeta, Tasca d Almerita e Venica&Venica. LA PRIMA FIERA SUL VINO DEDICATA ESCLUSIVAMENTE AL B2B NOVEMBRE 2014 FIERA DI ROMA NASCE UN NUOVO APPUNTAMENTO NEL MONDO DEL VINO A ROMA, INTERAMENTE DEDICATO AL BUSINESS E PUNTO DI RIFERIMENTO PER LE AZIENDE VITIVINICOLE E GLI OPERATORI DEL SETTORE. Consolidare il mercato attuale del vino e far breccia in quelli che stanno nascendo. Sono questi gli obiettivi su cui si fonda la sinergia tra il brand Vinòforum e Fiera Roma. Vinòforum Trade, questo il nome del nuovo format fieristico, che nasce per avvicinare piccoli e medi produttori, senza tralasciare i grandi, ai buyers nazionali ed esteri con l intento di valorizzare ed esporre in una vetrina internazionale il vino italiano di qualità. Vinòforum Trade vuole infatti offrire alle aziende produttrici nuovi strumenti capaci di penetrare con più incisività i mercati in fase di sviluppo, capaci di assicurare nei prossimi anni uno sbocco di grande interesse per i vini italiani. E i dati incoraggianti sull export italiano di vino, che supera nel 2013 i 5 miliardi di euro di valore complessivo, rafforzano la scelta strategica di Vinòforum Trade di proporsi come strumento complementare alle azioni promosse a sostegno dell internazionalizzazione del comparto vitivinicolo. La riduzione dei consumi interni appare bilanciata dallo sviluppo di nuovi mercati, che si affiancano ai tradizionali maggiori clienti rappresentati da USA, Germania e Regno Unito. Infatti, nei nuovi centri di riferimento dei mercati mondiali, quali quelli rappresentati da Hong Kong, Singapore, Thailandia e Corea del Sud, l Italia non ha ancora assunto le quote di mercato che le competono, nonostante si tratti di paesi capaci di incrementare con grande velocità le importazioni di vino. In altri paesi, come l India, la Cina e la stessa Australia, i consumi crescono costantemente, orientati tra l altro verso prodotti di qualità, tanto da rappresentare uno sbocco naturale per la produzione nazionale. UN AGENDA PERSONALIZZATA PER INCONTRARE I BUYER INTERNAZIONALI PIU INFLUENTI In questo contesto e sulla base di approfondite analisi, Vinòforum Trade favorirà l incoming di operatori provenienti da quei Paesi che rappresentano un opportunità sia per il consolidamento sia per l apertura di canali di commercializzazione rilevanti, selezionando i 100 più influenti che, per l occasione, saranno ospitati dall organizzazione e potranno confrontarsi con gli espositori su qualità dei prodotti e opportunità offerte dai mercati. Grazie alla piattaforma tecnologica di Vinòforum Trade ogni azienda potrà pianificare preventivamente un agenda personalizzata di appuntamenti con i buyer individuati provenienti dai mercati internazionali più attivi. A Vinòforum Trade si affiancherà la Roma Wine Week, un fuori salone che coinvolgerà gli appassionati dell enogastronomia dal 10 al 15 novembre, prolungando al contempo le occasioni di networking per gli operatori e dove saranno protagoniste le cantine presenti in Fiera. Per informazioni food-mezza-verticale-146x286.indd 1 22/05/14 11:13

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale

Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale Martina Hauser Segreteria Tecnica del Ministro Task Force per la valutazione dell impronta ambientale dei sistemi e dei modelli di produzione

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CONTESTO - SCENARIO STRUMENTI NORMAZIONE E CERTIFICAZIONE 3 FOOD E GHG 4 2001 - LIBRO VERDE

Dettagli

DNV Business Assurance

DNV Business Assurance DNV Business Assurance Sicurezza alimentare e Sostenibilità: la sfida nel packaging Marco Omodei Salè AIBO: Desenzano del Garda 27 giugno 2013 Agenda Chi è DNV Business Assurance Scenario Food Supply Chain

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Qualità e Sostenibilità nel settore agroalimentare

Qualità e Sostenibilità nel settore agroalimentare BUSINESS ASSURANCE Qualità e Sostenibilità nel settore agroalimentare Il ruolo degli Organismi di Parte Terza dr.ssa Franca Ballaben 13 maggio 2014 1 DNV GL 2013 13 maggio 2014 SAFER, SMARTER, GREENER

Dettagli

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione Laura Marchelli Barilla HSE&E Manager Agenda 1 Lo strumento LCA e i KPI utilizzati 2 Il percorso verso la sostenibilità 3 Obiettivi

Dettagli

Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale

Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale Programma italiano per la valutazione dell impronta ambientale Roberta Ianna Direzione generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e dell Energia del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Dettagli

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade.

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. Cloros è una società certificata ISO 9001 e UNI CEI 11352, che ha

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI Isabella d Adda QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING Arezzo, 28 Settembre 2012 Fatturato di 127 miliardi

Dettagli

Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità?

Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità? Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità? 18 Novembre Franca Ballaben SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL Con l obiettivo di salvaguardare la vita, la proprietà e l ambiente,

Dettagli

Best-practices italiane (links)

Best-practices italiane (links) Best-practices italiane (links) 1 Sodalitas 2012: migliore iniziativa a favore dell ambiente video: http://www.youtube.com/watch?v=n4qesikp_wu Ikea Premio Sodalitas 2011 per la migliore iniziativa nell

Dettagli

Innovazione e qualità

Innovazione e qualità Innovazione e qualità La filosofia dell azienda si basa fin dagli anni 70 sulla ricerca della qualità per garantire al consumatore finale un prodotto fresco e sano TEDALDI L azienda Tedaldi, con sede principale

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE:

EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE: EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE: Australia, Brasile, Canada, Cina e Hong Kong, Corea

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI Conegliano, 20 febbraio 2014 DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI I temi di approfondimento

Dettagli

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio.

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici Andrea Ronchi Business Development Manager Torino, 4 Dicembre 2013 www.ecoway.it Member of: EcoWay L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli

Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli va letto tramite CRITERI OGGETTIVI che si esprimono nelle Certificazioni/Strumenti individuati dal VI programma d Azione per l Ambiente UE (2002 2012) e e dalla Nuova

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe?

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Simona Gullace CERTIFICAZIONE Procedura volontaria mediante la quale una terza

Dettagli

BUSINESS ASSURANCE DNV GL SAFER, SMARTER, GREENER. 15 October, 2014 DNV GL 2013

BUSINESS ASSURANCE DNV GL SAFER, SMARTER, GREENER. 15 October, 2014 DNV GL 2013 BUSINESS ASSURANCE DNV GL 1 15 October, 2014 SAFER, SMARTER, GREENER Chi siamo SUSTAINABLE BUSINESS PERFORMANCE Tra i principali Enti di certificazione a livello mondiale, DNV GL - Business Assurance supporta

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

TERRA MADRE - Torino 24 ottobre 2014 Seminario sul tema : Iniziative per la sostenibilità delle filiere agroindustriali La filiera del vino

TERRA MADRE - Torino 24 ottobre 2014 Seminario sul tema : Iniziative per la sostenibilità delle filiere agroindustriali La filiera del vino TERRA MADRE - Torino 24 ottobre 2014 Seminario sul tema : Iniziative per la sostenibilità delle filiere agroindustriali La filiera del vino Prof. Maurizio Cellura Prof. Maurizio Cellura Torino, 24 ottobre

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI 27 febbraio 2015 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

attività da loro intraprese.

attività da loro intraprese. IMQ Green Network IMQ Green Network Sempre più il green sembra andare di pari passo con la redditività. Lo ha dimostrato anche l edizione 2011 del Carbon Disclosure Project Global 500. Il Rapporto annuale

Dettagli

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it POSITION PAPER Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE 1 La sostenibilità ambientale della carta prodotta da fibre vergini o riciclate è oggi uno dei fattori in grado di

Dettagli

SNAM. Conferenza Sostenibilità. FEEM Milano, Novembre 2011. Area CSR FEEM

SNAM. Conferenza Sostenibilità. FEEM Milano, Novembre 2011. Area CSR FEEM SNAM Conferenza Sostenibilità Area CSR FEEM FEEM Milano, Novembre 2011 ARGOMENTI Sostenibilità: dal concetto alla prassi Sostenibilità e Responsabilità sociale delle imprese (CSR) I temi principali: o

Dettagli

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI ci prendiamo cura dell ambiente in cui viviamo e abbiamo i numeri per farlo GLI OBIETTIVI DI ECODOM Eccellenza ambientale, efficienza operativa ed economica sono i

Dettagli

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ Contributo allo sviluppo sostenibile Finmeccanica interpreta il concetto di sostenibilità come capacità di un organizzazione di generare valore nel tempo. Il

Dettagli

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO 29-30 NOVEMBRE - 1 DICEMBRE 2014 CENTRO LE CIMINIERE - CATANIA www.expofoodandwine.com LE STRADE LA STRADA DEL VINO Area dedicata alle aziende vitivinicole,

Dettagli

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI Fiorella Perrucci Centro Studi Area Prevenzione CONAI 7 ottobre 2014 Il Sistema CONAI, Consorzio

Dettagli

Salone internazionale del Gusto e Terra Madre. Partner istituzionali

Salone internazionale del Gusto e Terra Madre. Partner istituzionali Salone internazionale del Gusto e Terra Madre Partner istituzionali L iniziativa fa parte del Calendario di Torino World Design Capital 2008 Salone Internazionale del Gusto e Terra Madre, coerentemente

Dettagli

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 CLIENTI AMBIENTE COMUNITÀ

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 CLIENTI AMBIENTE COMUNITÀ BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 Collaboratori AMBIENTE CLIENTI COMUNITÀ indicatori di sintesi 2013 COLLABORATORI - INDICATORI DI SINTESI 2013 Δ 2013/2012 Profilo Collaboratori (n.) 9.266-2,3% Contratti

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO. Cremona 22 Ottobre 2014

LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO. Cremona 22 Ottobre 2014 LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO Cremona 22 Ottobre 2014 Standard sicurezza alimentare: trend nazionale e internazionale PREMESSA Certificazione nel settore agro-alimentare

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

Il nostro impegno verso la sostenibilità

Il nostro impegno verso la sostenibilità 1 Il nostro impegno verso la sostenibilità IT 2013 2 APPROCCIO DI DANI ALLA SOSTENIBILITÀ APPROCCIO DI DANI ALLA SOSTENIBILITÀ Nato come piccola conceria a conduzione familiare nel 1950, il gruppo Dani

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Recycling & Horticultural Packaging Systems

Recycling & Horticultural Packaging Systems Recycling & Horticultural Packaging Systems 1 Overview AMP Recycling - Ferrara Fondazione 1962 Dipendenti 570 Fatturato 2012 195 M (+10%) Fatturato 2013 200 M (+2,5%) ILIP e MP3 - Valsamoggia Loc. Bazzano

Dettagli

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro.

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro. Denis Pantini e Paolo Bono, Nomisma Wine Monitor denis.pantini@nomisma.it paolo.bono@nomisma.it Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi

Dettagli

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità L importanza della certificazione del vino biologico la garanzia di qualità, sicurezza e autenticità () Alessandro Barbieri - Antonio

Dettagli

PROGETTO CARTA DEI PRINCIPI

PROGETTO CARTA DEI PRINCIPI Città di Portogruaro Assessorato all Ambiente PROGETTO CARTA DEI PRINCIPI PREMESSA Questa Carta dei Principi nasce da un anno di lavoro sul progetto Vivere con Stile, promosso dall Amministrazione Comunale

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

INNOVAZIONE, AMBIENTE & ICT QUALI FATTORI DI COMPETITIVITA DELL IMPRESA

INNOVAZIONE, AMBIENTE & ICT QUALI FATTORI DI COMPETITIVITA DELL IMPRESA INNOVAZIONE, AMBIENTE & ICT QUALI FATTORI DI COMPETITIVITA DELL IMPRESA Maurizio Mariani Sotral Spa Torino 19 Marzo 2009 IL CAMBIO GENERAZIONALE Dal 1982 al 2003 GESTIONE FAMILIARE, I FONDATORI INIZIANO

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

Dichiarazione di Verifica (Verification Statement)

Dichiarazione di Verifica (Verification Statement) Dichiarazione di Verifica (Verification Statement) A seguito dell attività di verifica condotta ai sensi della norma UNI ISO 14064-3:2006, si rilascia la presente Dichiarazione alla società: (After the

Dettagli

F&B PACKAGING. Food and Beverage Packaging I punti chiave

F&B PACKAGING. Food and Beverage Packaging I punti chiave F&B PACKAGING Food and Beverage Packaging I punti chiave PREMESSA La presente linea guida fornisce indicazioni generali sulle questioni fondamentali che caratterizzano la filiera del packaging, con un

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

La gestione ambientale di un evento (specie se complesso e della durata di anni) fa parte integrante della sua progettazione, della sua

La gestione ambientale di un evento (specie se complesso e della durata di anni) fa parte integrante della sua progettazione, della sua SPUNTI E RIFERIMENTI PERLA GESTIONE AMBIENTALE DEI GRANDI EVENTI (proposte per Milano Expo 2015) Premessa La gestione ambientale di un evento (specie se complesso e della durata di anni) fa parte integrante

Dettagli

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea - CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it ggarcea@ccpb.it Chi Siamo Bologna 1988 Bologna 2004 Certificazione Prodotti

Dettagli

Audizione presso la X commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica

Audizione presso la X commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica Audizione presso la X commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica DDL A.S. 2085 Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Roma, 18 novembre 2015 CORIPET: la missione Di recente

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale Milano 9 Luglio 2013 Relatore Lorenzo Leone Gruppo Arcese: chi siamo Arcese Trasporti è stata fondata nel 1966. In oltre 40

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Avviso 1.2014 Fondimpresa. Proposte percorsi Formativi AMBIENTE

Avviso 1.2014 Fondimpresa. Proposte percorsi Formativi AMBIENTE Avviso 1.2014 Fondimpresa Proposte percorsi Formativi AMBIENTE Queste sono alcune delle proposte possibili; qualora siano individuate dalle aziende ulteriori necessità si prega di contattare l Ufficio

Dettagli

Progetto di legge n. 83/9^

Progetto di legge n. 83/9^ Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Progetto di legge n. 83/9^ Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS), dei gruppi organizzati per la domanda offerta, e la promozione

Dettagli

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 3x3 buone ragioni per Emas Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INDICE INTRODUZIONE 3X3 BUONE RAGIONI PER EMAS INTRODUZIONE pag. 1 EMAS

Dettagli

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati La nuova qualità nel settore delle carni Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati Roberta Moruzzo Dipartimento di Produzioni Animali, Università di Pisa robemoru@vet.unipi.it

Dettagli

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni Michela Gallo Bologna, 26 novembre 2007 1 Primati del RINA Il RINA, da sempre promotore di schemi

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto Sodalitas Social Solution www.sodalitas.socialsolution.it Sodalitas Social Solution è l Osservatorio on line sulla Responsabilità e la Sostenibilità delle Aziende,

Dettagli

CATALOGO CORSI 2015. In.Co.S srl International Consultant Service Via Guastalla 6 10124 Torino Italy info@incos-consulting.com Mob: +39 349 2577085

CATALOGO CORSI 2015. In.Co.S srl International Consultant Service Via Guastalla 6 10124 Torino Italy info@incos-consulting.com Mob: +39 349 2577085 CATALOGO CORSI 2015 INDICE CORSI APPROVATI DA ENTE DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ACCREDITATO ISO/IEC 17024... 3 ISO 9001:08 SISTEMI DI GESTIONE QUALITÀ... 4 ISO 22000:05 SISTEMI DI GESTIONE DELLA

Dettagli

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Introduzione ai marchi ed etichette ambientali e climatiche

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Introduzione ai marchi ed etichette ambientali e climatiche PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Introduzione ai marchi ed etichette ambientali e climatiche 1 Questo documento è stato realizzato nell ambito del progetto LIFE07ENV/IT/000357 LACRe, www.lacre.eu

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE 2013. [redatto il 24 febbraio 2014] falpi tutela l ambiente

BILANCIO AMBIENTALE 2013. [redatto il 24 febbraio 2014] falpi tutela l ambiente BILANCIO AMBIENTALE 2013 [redatto il 24 febbraio 2014] COS È E PERCHÈ REDIGERE IL BILANCIO AMBIENTALE. La crescente attenzione dell opinione pubblica e dei Governi alle problematiche ambientali legate

Dettagli

Carta di qualità per la rete d imprese

Carta di qualità per la rete d imprese Carta di qualità per la rete d imprese L esposizione internazionale EXPO è un opportunità unica ed irripetibile per l economia dei nostri comuni che da secoli sono protagonisti nella produzione del patrimonio

Dettagli

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Il Gruppo Dani 2010 Profilo aziendale Fatturato Addetti Struttura produttiva 120 milioni

Dettagli

1 SAFETY FOR FOOD (S4F)

1 SAFETY FOR FOOD (S4F) 1 SAFETY FOR FOOD (S4F) Cisco Systems Italy srl e Penelope SpA, hanno studiato lo stato dell arte del settore industriale agroalimentare attraverso l analisi del contesto socio-economico, l approfondimento

Dettagli

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO 07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO Perché Certificarsi Ottemperare agli obblighi di legge Soddisfare le richieste dei clienti Perché

Dettagli

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, 12-13 settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA:

Dettagli

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby.

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. Il riciclo che vale Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. chi è GARBY L obiettivo: evolvere la raccolta testata e certificata di qualità. Garby organizza, attraverso tecnologie innovative e automatiche,

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI Temi della presentazione 1. Politica Ambientale e Certificazioni 2. Studio LCA sui prodotti Olio Extra Vergine di Oliva 3.

Dettagli

Lavorare con il vino. degustare comunicare vendere

Lavorare con il vino. degustare comunicare vendere Lavorare con il vino degustare comunicare vendere IL CORSO Lavorare con il vino Degustare, comunicare, vendere Lavorare con il vino è un corso professionale proposto da Gambero Rosso che permette di compiere

Dettagli

Manifesto della sostenibilità per la moda italiana. Promosso da Camera Nazionale della Moda Italiana

Manifesto della sostenibilità per la moda italiana. Promosso da Camera Nazionale della Moda Italiana Manifesto della sostenibilità per la moda italiana. Promosso da Camera Nazionale della Moda Italiana Milano, 13 giugno 2012 0. PREMESSA L obiettivo del Decalogo sulla Responsabilità sociale e ambientale

Dettagli

Scheda Aziendale. IN.AL.PI. S.p.A. 2009, 43 anni dopo: 34.840 mq di superficie con 15.000 mq coperti, destinati a diventare entro la fine dell anno

Scheda Aziendale. IN.AL.PI. S.p.A. 2009, 43 anni dopo: 34.840 mq di superficie con 15.000 mq coperti, destinati a diventare entro la fine dell anno IN.AL.PI. S.p.A. 14 settembre 1966: un camioncino, ottocento metri quadrati di coperto. 2009, 43 anni dopo: 34.840 mq di superficie con 15.000 mq coperti, destinati a diventare entro la fine dell anno

Dettagli

La Piattaforma la Piattaforma La Piattaforma

La Piattaforma la Piattaforma  La Piattaforma In un mercato globale è sempre più importante conoscere ciò che si sta per acquistare, la provenienza delle materie prime e la catena produttiva (o filiera di produzione) associata al prodotto che si intende

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

EXPO incontra le imprese Mercoledì 25 Gennaio 2012 Confindustria, Sala Pininfarina Roma

EXPO incontra le imprese Mercoledì 25 Gennaio 2012 Confindustria, Sala Pininfarina Roma EXPO incontra le imprese Mercoledì 25 Gennaio 2012 Confindustria, Sala Pininfarina Roma Intervento di Shelly Sandall Direttore Marketing & Corporate Partners Expo 2015 S.p.A. Expo Milano 2015 un Evento

Dettagli

MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE

MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE 20 MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE 4 UN MONDO NUOVO 5 VISION Sogniamo un mondo nuovo,

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

AUDIZIONE Indagine conoscitiva sullo stato e sulle prospettive della green economy

AUDIZIONE Indagine conoscitiva sullo stato e sulle prospettive della green economy AUDIZIONE Indagine conoscitiva sullo stato e sulle prospettive della green economy in Italia Commissioni riunite VIII (Ambiente, territorio e lavori pubblici) e X (Attività produttive) Camera dei Deputati

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

La certificazione del processo e le certificazioni di parte terza

La certificazione del processo e le certificazioni di parte terza BUSINESS ASSURANCE La certificazione del processo e le certificazioni di parte terza Francesco Barreca 18/07/2014 1 lug. 14 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL Con l obiettivo di salvaguardare la vita, la proprietà

Dettagli