avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza"

Transcript

1 Il Protesto della cambiale e dell'assegno avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata / Partial or total reproduction and trasmission is forbidden Febbraio, Titoli di Credito: cambiale ed assegno I titoli di credito, così come disciplinati dagli articoli 1992 e successivi del codice civile, sono degli strumenti predisposti dal legislatore per agevolare, velocizzare e regolamentare la movimentazione del credito all'interno del sistema economico italiano. Della famiglia dei titoli di credito fanno parte la cambiale e l assegno, che contengono la promessa o l'ordine di pagare una certa somma, ad una determinata scadenza, in un certo luogo, a favore di chi risulta legittimamente possessore del titolo. 2. Conseguenze del mancato pagamento Se questi titoli di credito non vengono onorati e quindi il creditore non ottiene quanto dovuto, si procede con il protesto che costituisce l atto pubblico con cui l Ufficiale Giudiziario constata la mancata accettazione o il mancato pagamento della cambiale o dell assegno. Per le cambiali a vista il protesto deve essere effettuato entro 1 anno dalla data di emissione, mentre per quelle a "data certa" entro uno dei due giorni feriali successivi alla scadenza. Per gli assegni il protesto deve essere chiesto entro la scadenza utile dello stesso termine di presentazione, 8 giorni se è pagabile nello stesso Comune in cui fu emesso e 15 giorni in altro Comune. Una volta effettuato il protesto questo viene trasmesso al Presidente della Camera di Commercio competente per territorio il giorno successivo alla fine di ogni mese. La pubblicazione nell Elenco Ufficiale dei Protesti ha luogo nei 10 giorni successivi. Pagina 1

2 3. Protesto della cambiale Il "protesto" della cambiale (con un bollo applicato, pari al 12 per mille dell'importo facciale), costituisce titolo esecutivo per l ammontare non pagato. Il protesto deve essere fatto nel luogo e contro le persone indicate, pur se queste sono assenti o decedute. I pubblici ufficiali che hanno effettuato la "levata del protesto" provvederanno ad annotarlo nel loro repertorio, sul bollettino dei protesti cambiari tenuto presso la Camera di Commercio e su appositi elenchi tenuti dalla cancelleria del tribunale accessibili a tutti. Il beneficiario ovvero il "portatore" al momento dell'incasso della cambiale potrà comunque richiedere (art. 55 Regio Decreto n. 1669/1933) come risarcimento per il mancato puntuale pagamento della stessa: L'ammontare non pagato della cambiale. Gli interessi al tasso legale dal giorno della presentazione. Le spese per il protesto. 4. Azioni cambiarie In caso di mancato pagamento della cambiale il beneficiario, possessore della cambiale, ha la possibilità di agire giudizialmente scegliendo tra due tipi di azioni cambiarie (artt Regio Decreto n. 1669/1933): L'azione diretta: rivolta contro gli obbligati principali, ossia l'emittente nel pagherò è il trattarioaccettante nella tratta, oppure contro l'avallante dell'emittente o del trattario-accettante. L'azione di regresso: rivolta contro gli obbligati di regresso, ossia i giranti nel caso del pagherò e il traente ed i giranti nel caso della tratta, il creditore potrà rivolgersi sia all'ultimo girante sia ad uno qualunque dei giranti che appaiono sulla cambiale, scegliendo chi gli dà più affidamento per una rapida riscossione. Le azioni cambiarie hanno un termine di prescrizione (artt Regio Decreto n. 1669/1933) entro le quali posso essere effettuate, pena l'inefficacia delle stesse, ovvero: 1. Le azioni cambiarie dirette si prescrivono in 3 anni, a decorrere dalla data della scadenza della cambiale. 2. Le azioni cambiarie di regresso si prescrivono in un 1 anno dalla data di protesto o da quella della scadenza del titolo se è presente la clausola "senza spese". 3. Le azioni dei giranti gli uni contro gli altri e quelle contro il traente si prescrivono in 6 mesi a decorrere dal giorno in cui il girante ha pagato la cambiale o dal giorno in cui l'azione di regresso è stata promossa contro di lui. 5. Atto di precetto e atto di pignoramento Con l'azione cambiaria diretta il possessore può iniziare immediatamente l'esecuzione forzata sul patrimonio del debitore, saltando la fase dell accertamento da parte del giudice. L'azione che permette di aggredire "giuridicamente" i beni del proprio debitore ha inizio con l'atto di precetto. Con l'atto di precetto, predisposto da un legale, si intima al debitore di eseguire entro un termine perentorio (non inferiore a 10 giorni) il pagamento della somma dovutagli in base al titolo stesso, nonché degli eventuali Pagina 2

3 interessi e spese di protesto contenute nell'atto di precetto. Decorso il termine perentorio indicato nell'atto di precetto, il creditore potrà iniziare l'esecuzione forzata. Quindi procederà a notificare l'atto di pignoramento che costituisce il secondo passo per ottenere la soddisfazione del credito attraverso una esecuzione mobiliare (che andrà' a colpire i beni mobili del debitore) o una esecuzione immobiliare (che andrà invece a colpire gli immobili di proprietà del debitore). 6. Azioni giudiziarie Nel caso in cui non si riesca ad espletare l'azione cambiaria nei confronti del debitore si può scegliere di effettuare le seguenti azioni giudiziali: 1) Il procedimento per ingiunzione. Il procedimento di ingiunzione (artt. 633 e segg. del codice procedura civile) è un procedimento speciale con il quale si ottiene rapidamente un provvedimento (decreto ingiuntivo) da parte del Giudice. Condizione necessaria e sufficiente per l ottenimento di tale titolo esecutivo è che il credito sia certo, liquido ed esigibile. 2) Il procedimento di cognizione. Con il procedimento di cognizione si richiede al Giudice l'accertamento giudiziale dell'esistenza del credito, qualora non si sia in possesso di un titolo esecutivo e non ci siano elementi per ottenere un decreto ingiuntivo. Il giudice dovrà accertare l'esistenza e l'ammontare del credito e conseguentemente con una sentenza dovrà condannare il debitore a pagare. 3) L'azione di arricchimento. Con l'azione di arricchimento regolata dall'art del c.c. il possessore di una cambiale - che abbia perduto la possibilità di esercitare l azione cambiaria (perché prescritta) e non possa esercitare neppure le altre azioni - può ottenere dal traente (se cambiale tratta) o dall emittente (se pagherò cambiario) o dall accettante o dal girante la somma di cui costoro si siano ingiustamente arricchiti a suo danno. 7. Registro informatico dei protesti Il registro informatico dei protesti è il registro nazionale sul quale le camere di Commercio pubblicano gli elenchi dei soggetti protestati in ciascuna provincia (persone fisiche e giuridiche). Tale elenco contiene i protesti levati fino al giorno 26 di ciascun mese, comprendendo comunque anche quelli relativi al mese anteriore levati dal giorno 27 in poi. La Camera di Commercio pubblica gli elenchi entro dieci giorni dalla ricezione da parte dei pubblici ufficiali che hanno levato il protesto. Per ciascun soggetto protestato nel registro compaiono i seguenti dati: Dati identificativi del soggetto protestato. Natura del titolo di credito. Data ed il luogo di levata. Data di scadenza, se prevista. Pagina 3

4 Ammontare della somma dovuta. Motivi del rifiuto di pagamento. Il registro informatico dei protesti è accessibile al pubblico per consultazioni tramite i terminali della Camera di Commercio (visura protesti), che a richiesta rilascia la certificazione dell'esito della ricerca. E' possibile ottenere la cancellazione dal registro informatico dei protesti nei seguenti casi: 1. Cancellazione per avvenuto pagamento del titolo cambiario. Il debitore che entro 12 mesi dalla data di levata del protesto ha provveduto al pagamento della cambiale, oltre agli interessi ed alle spese per il protesto, ha diritto di ottenere la cancellazione dal registro presentando apposita istanza alla Camera di Commercio. 2. Cancellazione per illegittimità od erroneità del protesto. Il debitore può richiedere la cancellazione delle iscrizioni presentate dai pubblici ufficiali incaricati della levata del protesto, ovvero dalle aziende di credito quando si sia proceduto illegittimamente od erroneamente a levare il protesto stesso. 3. Cancellazione per riabilitazione. Il Presidente del Tribunale competente per territorio, ai sensi dell'art. 17 della Legge 108/96, su istanza dell interessato, può concedere con decreto il provvedimento di riabilitazione a favore del soggetto che abbia subito protesto, quando siano trascorsi 12 mesi senza che siano intervenuti ulteriori protesti e purché l'obbligazione sia stata adempiuta. 8. La Centrale d'allarme Interbancaria Scopriamo ora cosa succede nei casi in cui il pagamento di un assegno presentato per l incasso non avvenga a causa di: - Mancanza di provvista sul conto corrente. - Mancata autorizzazione a emettere assegni. Questi due casi in passato erano sanzionati dalla legge come reati. La recente normativa sull'assegno (Decreto Legislativo n. 507/99) ha trasformato questi reati in illeciti amministrativi. Per i soggetti responsabili di questi due illeciti, oltre all'applicazione delle sanzioni amministrative, la legge prevede per 6 mesi la "revoca di sistema", con due conseguenze: - Divieto di emettere assegni presso qualunque banca o ufficio postale. - Iscrizione nella Centrale d'allarme Interbancaria (CAI). Se un soggetto è segnalato nella CAI, nessuna banca né ufficio postale può stipulare nuove convenzioni di assegno, né pagare assegni da lui emessi, né rilasciargli nuovi libretti. L'assegno senza provvista Si dirà che un assegno è privo di provvista quando lo stesso non è coperto da fondi, nel momento in cui viene presentato alla banca per il pagamento. In questo caso la banca scrive al cliente inviandogli un "preavviso di revoca" con il quale lo avverte che, se non pagherà entro 60 giorni dalla scadenza del termine di presentazione dell'assegno dovrà iscriverlo nella CAI.. Scaduti i 60 giorni il cliente deve restituire tutti gli assegni che gli ha rilasciato la banca o la posta. Pagina 4

5 L'assegno senza autorizzazione Se una persona non è autorizzata ad emettere assegni, viene iscritta nella CAI entro 20 giorni dalla presentazione dell'assegno per il pagamento. Riguardo alle azioni giudiziarie esperibili per il recupero delle somme portate dall assegno si rinvia a quanto già detto per la cambiale. Diamo alcune indicazioni relativamente alla Centrale d'allarme Interbancaria che è stata istituita il 4 giugno 2002 presso la Banca d Italia. La CAI è un archivio informatizzato dove sono registrati i nominativi di tutti coloro che hanno emesso assegni senza autorizzazione o senza provvista. Le evidenze ed i dati registrati nell'archivio CAI sono: - Generalità di coloro che hanno emesso assegni bancari o postali senza autorizzazione o senza provvista; - Assegni; - Assegni non restituiti alle banche e agli uffici postali dopo la revoca dell'autorizzazione; - Assegni di cui sia stato denunciato il furto o lo smarrimento. - Generalità dei titolari di carte di pagamento a cui sia stata revocata l'autorizzazione all'utilizzo; - Carte revocate, smarrite e rubate. Chi viene iscritto nella CAI può accedere alle informazioni che lo riguardano ed esercitare gli altri diritti previsti dalle vigenti disposizioni in materia di protezione dei dati personali (legge Privacy), rivolgendosi alle banche, agli uffici postali o alle filiali della Banca d'italia. 9. Alcune riflessioni Anche se oggi parlare di cambiali o di assegni sembri una cosa molto retrò, tali titoli di credito sono ancora fortemente utilizzati nel nostro sistema economico. Forse perché dopo decenni di disciplina il meccanismo di tali titoli di credito è ben oleato, tanto che ancora oggi vengono quotidianamente utilizzati. Basti ricordare, a mero titolo statistico, che nel 2012 sono stati levati ben protesti su cambiali ordinarie, tratte e assegni per un controvalore di 3,4 miliardi. Un dato di forte impatto economico, che dimostra come in Italia sia ancora difficile attenuare l utilizzo della cambiale e degli assegni a favore dei mezzi elettronici di pagamento. Questi ultimi di certo favoriscono una rapida circolazione del danaro, ma allo stato attuale non si dispone ancora un sistema garantistico che è proprio dei loro diretti ascendenti. Chissà se nel futuro si riuscirà a modificare tale realtà ma per il momento la situazione rimane quella sopra descritta. Riferimenti normativi e fonti di consultazione: - Regio Decreto n.1669/1933 "Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario" - Regio Decreto n del 21 dicembre 1933 "Legge sull'assegno" - Codice civile, Titolo V, art e segg. ("Dei titoli di credito") - Codice civile Art c.c. - Codice di procedura civile - artt. 633 e segg. - Legge 12/6/1973 n.349 "Modificazioni alle norme sui protesti delle cambiali e degli assegni bancari" - Legge 7/3/1996, n.108 "Disposizioni in materia di usura" (artt. 17 e 18) come modificato dall art. 3, della L. n. 235 del 18/8/00 Pagina 5

6 - Legge 18 agosto 2000, n.235 "Nuove norme in materia di cancellazione dagli elenchi dei protesti cambiari" - Legge 12 Dicembre 2002, n.273 "Misure per favorire l'iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza" - Tribunale di Brescia - riabilitazione del protestato - Camera di Commercio di Brescia - cancellazione dal registro dei protesti Pagina 6

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura PERUGIA ASSEGNI POSTALI PROTESTATI: NOTE INFORMATIVE Nel caso venga emesso un assegno postale senza la necessaria copertura finanziaria nel conto

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI AZIONI CAMBIARIE E AZIONI EXTRACAMBIARIE PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE AZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria Stampa Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria admin in A circa sei anni dalla introduzione della nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali (d.lgs n. 507 del 30

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

La pubblicità dei protesti di assegni, cambiali e tratte accettate. Come cancellarli dal Registro informatico dei protesti

La pubblicità dei protesti di assegni, cambiali e tratte accettate. Come cancellarli dal Registro informatico dei protesti La pubblicità dei protesti di assegni, cambiali e tratte accettate Come cancellarli dal Registro informatico dei protesti Funzioni della Camera di Commercio La Camera di Commercio pubblica entro i primi

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI (DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.272 DEL 29 OTTOBRE 2008) TITOLO PRIMO DOMANDE DI CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DEI PROTESTI A SEGUITO

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

LA TUTELA NELLA CIRCOLAZIONE DELL'ASSEGNO BANCARIO

LA TUTELA NELLA CIRCOLAZIONE DELL'ASSEGNO BANCARIO STUDIO LEGALE ASSOCIATO AVVOCATI SGUERSO Avv. Mario Sguerso Avv. Chiara Sguerso Avv. Filippo Sguerso Avv. Elisabetta Menegazzi Avv. Cristina Mori Avv. Luca Maria Paganucci Avv. Manuela Roggero Avv. Claudio

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Rev. 2 del 05.11.2014 Sommario PARTE PRIMA Protesti e relativa cancellazione 4 1. Titoli di credito e protesti 5 1.1 Titoli di credito 5 1.2

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.2011 REGOLAMENTO GENERALE SUL REGISTRO DEI PROTESTI PREMESSA Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 19 luglio 2010 Emendato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

EFFETTI AL DOPO INCASSO Foglio informativo

EFFETTI AL DOPO INCASSO Foglio informativo Informazioni sulla Banca Caratteristiche e rischi tipici del servizio Struttura e funzione economica Con questo servizio la banca cura per conto del Cliente l incasso di effetti, ricevute e documenti presentati.

Dettagli

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO

MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO DECRETO 9 agosto 2000, n. 316 Regolamento recante le modalita' di attuazione del registro informatico dei protesti, a norma dell'articolo 3-bis

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti. Versione 1.01 del 20/09/2013 SOMMARIO

Guida alla cancellazione dei protesti. Versione 1.01 del 20/09/2013 SOMMARIO Versione 1.01 del 20/09/2013 SOMMARIO SOMMARIO... 2 TITOLI DI CREDITO E PROTESTI La Cambiale... 4 L'assegno... 5 Il Protesto... 6 IL REGISTRO INFORMATICO DEI PROTESTI E LA TENUTA DEL REGISTRO Il Registro...

Dettagli

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta ALLEGATO TARIFFA (PARTE I) Articolo della tariffa Indicazione degli atti soggetti ad imposta 1. 1. Atti rogati, ricevuti o autenticati da notai o da altri pubblici ufficiali e certificati, estratti di

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI

ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI 1 Scelta multipla Indica con una crocetta la risposta esatta. a) È u strumento di pagamento a iniziativa del venditore: 1. il rilascio di un asseg bancario

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA 1 CAMBIALE Contenuto Pagherò cambiario Cambiale tratta Scadenza Garanzie e pagamento Contenuto ASSEGNO Assegno bancario Assegno circolare Garanzie

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi DFA Studio Legale Associato In materia di «titoli di credito» possiamo considerare due macro aree: Paesi di Common

Dettagli

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE E AVALLO PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 L'ACCETTAZIONE

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE

SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE 1 FOGLIO INFORMATIVO SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel.

Dettagli

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato

Dettagli

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Pagina 1 di 7 Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SCONTO DI PORTAFOGLIO FINANZIARIO E/O AGRARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO SCONTO DI PORTAFOGLIO FINANZIARIO E/O AGRARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Flumeri soc. coop. Via Olivieri - 83040 Flumeri (AV) Tel.: 0825/443227- Fax: 0825/443480 Email: bcc@bccflumeri.it Sito internet: www.bccflumeri.it

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 Con l entrata in vigore della riforma del processo esecutivo ex D.L. 132/2014, limitatamente agli aspetti pratici e in attesa di

Dettagli

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Roma Società Cooperativa fondata nel 1954 Sede Legale, Presidenza e Direzione Generale in Via Sardegna, 129-00187 Roma Tel. 06 5286.1 - Fax 06 5286.3305

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO

DEPOSITO A RISPARMIO 1 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel. 0883/683620

Dettagli

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni)

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni) Testo Decreto Delegato Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1 (Definizioni) 1. Ai fini del presente decreto delegato si intendono per: a) Assegno

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI...

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI... Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 24.9.2015 La Nuova Procedura Civile, 3, 2015 Editrice ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE CONTRO IL TERZO PROPRETARIO

Dettagli

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art.

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. 1 Alle disposizioni contenute nel codice di commercio concernenti

Dettagli

SIC - sistemi. di informazioni creditizie.

SIC - sistemi. di informazioni creditizie. Giornate formative UNIREC 2009 SIC - sistemi 1 blocchetto di informazioni creditizie. Segretario Nazionale ADICONSUM Con il patrocinio di: Cosa sono i SIC. Banche dati private che gestiscono informazioni

Dettagli

I PROTESTI DI CAMBIALI, ASSEGNI E TRATTE ACCETTATE

I PROTESTI DI CAMBIALI, ASSEGNI E TRATTE ACCETTATE I PROTESTI DI CAMBIALI, ASSEGNI E TRATTE ACCETTATE Notizie utili per la cancellazione dal Registro Informatico dei protesti A cura dell'u.o. Altri Servizi di Regolazione del Mercato Informazioni utili

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Gennaio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI. (In calce a citazione di sfratto)

DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI. (In calce a citazione di sfratto) DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI (In calce a citazione di sfratto) Ai sensi e per gli effetti di cui alla L. 23/12/1999 n.488 e succ. mod. si dichiara che il valore della presente controversia è

Dettagli

Foglio Informativo. SERVIZI INCASSI E PAGAMENTI per tipi di documenti cartacei non disciplinati dal D.LGS. n.11/2010 ( PSD ) e servizi vari

Foglio Informativo. SERVIZI INCASSI E PAGAMENTI per tipi di documenti cartacei non disciplinati dal D.LGS. n.11/2010 ( PSD ) e servizi vari Foglio Informativo SERVIZI INCASSI E PAGAMENTI per tipi di documenti cartacei non disciplinati dal D.LGS. n.11/2010 ( PSD ) e servizi vari INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale ed Artigiana Banca di Credito

Dettagli

Normativa sulla Trasparenza Bancaria. (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione)

Normativa sulla Trasparenza Bancaria. (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) G GARANZIE RICEVUTE FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA FOGLIO INFORMATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

verifiche di ingresso

verifiche di ingresso 114 PARTE TERZA erifiche di ingresso ed esercizi riepilogativi ERIICHE DI INGRESSO NOTA BENE: 1 2 3 Il diverso grado di difficoltà degli esercizi è così contrassegnato: livello di difficoltà basso livello

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA

TRIBUNALE DI BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO DI AUTOVEICOLO EX. ART. 521 BIS C.P.C. Il Sig. (creditore) nato a. il.. e residente in...., via.. n.. C.F.. elettivamente domiciliato in Bologna via.. n, presso

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

CR E T O S I B I S S I. Copyright@ avv. Alessandro Cretosi Bissi Pag. 1 di 5

CR E T O S I B I S S I. Copyright@ avv. Alessandro Cretosi Bissi Pag. 1 di 5 CR E T O S I B I S S I S T U D I O L E G A L E c.so Mazzini 55 I 47121 Forlì (FC) tel. 0543-31039 - 34394 fax 0543 21433 www.cretosi.com @ info@cretosi.com AVV. ALESSANDRO CRETOSI BISSI ATTIVITÀ DI RECUPERO

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Febbraio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono E-mail Qualifica

Nome e Cognome Indirizzo Telefono E-mail Qualifica FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITI A RISPARMIO LIBERI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cassano delle Murge e Tolve S.C. Via Bitetto n. 2, - 70020 Cassano delle Murge (Ba) Tel. 0803467511

Dettagli

Assegni: quando l emissione diventa illecito

Assegni: quando l emissione diventa illecito Prefettura di Lecce Assegni: quando l emissione diventa illecito Breve vademecum al corretto uso degli assegni INDICE Introduzione pag. 3 Crisi economica e contrazione del credito: la stretta in cui si

Dettagli

OPERAZIONI NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO E OPERAZIONI PER SPECIFICHE RICHIESTE

OPERAZIONI NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO E OPERAZIONI PER SPECIFICHE RICHIESTE FOGLIO INFORMATIVO Decorrenza: 10 novembre 2015 OPERAZIONI NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO E OPERAZIONI PER SPECIFICHE RICHIESTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Bolzano SpA. - Societa'

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

Circolare N.131 del 7 ottobre 2011. Protesto. Dal 6 ottobre 2011 all impugnazione dei provvedimenti si applica il rito del lavoro

Circolare N.131 del 7 ottobre 2011. Protesto. Dal 6 ottobre 2011 all impugnazione dei provvedimenti si applica il rito del lavoro Circolare N.131 del 7 ottobre 2011 Protesto. Dal 6 ottobre 2011 all impugnazione dei provvedimenti si applica il rito del lavoro Protesto: dal 6 ottobre 2011 all impugnazione dei provvedimenti si applica

Dettagli

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Il Sig., nato a il, (c.f.: ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio dell Avv. (c.f.: pec: - fax ) che lo rappresenta e difende

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 INDICE-SOMMARIO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. 2. LE GARANZIE PREVISTE DAL NOSTRO ORDINAMENTO. 2.1 Privilegi 2.2 Garanzie reali 3. LE GARANZIE

Dettagli

COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) E DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (T.A.R.S.U.). Approvato

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore.

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore. DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO GIUSEPPE TONIOLO Via Sebastiano Silvestri n.113 - cap 00045 - Genzano di Roma (RM) Capitale e riserve al 31/12/2013-34.368.294

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO CODICE CIVILE - LIBRO SESTO/TITOLO IV TITOLO IV DELLA TUTELA GIURISDIZIONALE DEI DIRITTI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 2907 ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE Alla tutela giurisdizionale

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

REGOLAMENTO DI PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

REGOLAMENTO DI PRESTITO OBBLIGAZIONARIO REGOLAMENTO DI PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Società "Terremerse Soc. Coop. Art. 1 - Importo e tagli Il prestito obbligazionario " Terremerse Soc. Coop 2013/2016 - Tasso 4,00 % è emesso dalla Società" Terremerse

Dettagli

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 18 DEL 18 MARZO 2008 Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (art.

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE. INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Via G.Garibaldi, 46 - C.P. 47-31010 Orsago TV- Tel. 0438/9931

Dettagli

Giustizia, litigiosità, criminalità

Giustizia, litigiosità, criminalità Giustizia, litigiosità, criminalità Procedimenti civili esauriti con sentenza Procedimenti di cognizione ordinaria La rilevazione sui singoli procedimenti di cognizione ordinaria è stata condotta dall

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELLA SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA

BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELLA SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELLA SOPRINTENDENZA

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA L azienda può finanziare lo svolgimento della propria attività produttiva mediante: a) CAPITALE PROPRIO: si tratta di mezzi finanziari apportati dal proprietario o dai soci;

Dettagli

PRESENTAZIONE ONORARI APPROVATI DAL CONSIGLIO MODALITA DI OPINAMENTO CONVENZIONI PROMOSSE DALL ASSOCIAZIONE

PRESENTAZIONE ONORARI APPROVATI DAL CONSIGLIO MODALITA DI OPINAMENTO CONVENZIONI PROMOSSE DALL ASSOCIAZIONE Commissione n 6 AGGIORNAMENTI TARIFFARI, VIDIMAZIONE PARCELLE PRESENTAZIONE ONORARI APPROVATI DAL CONSIGLIO MODALITA DI OPINAMENTO CONVENZIONI PROMOSSE DALL ASSOCIAZIONE Reggio Emilia, 02 Febbraio 2011

Dettagli

LIBRETTI NOMINATIVI LIBRETTI AL PORTATORE FOGLIO INFORMATIVO DR NOMINATIVO VINCOLATO INFORMAZIONI SULLA BANCA

LIBRETTI NOMINATIVI LIBRETTI AL PORTATORE FOGLIO INFORMATIVO DR NOMINATIVO VINCOLATO INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale ed Artigiana Banca di Credito Cooperativo di FISCIANO Soc. Coop. a.r.l. Sede legale in Fisciano (SA), fraz. Lancusi, 84080 Corso san Giovanni Tel.: +39 089/9971000

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FOGLIO INFORMATIVO relativo al INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE ED ARTIGIANA DELL AGRO PONTINO BANCA DI SOCIETA COOPERATIVA CREDITO COOPERATIVO Sede Legale e Direzione Generale Via Filippo Corridoni,

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO DI PORTAFOGLIO SCONTO COMMERCIALE

CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO DI PORTAFOGLIO SCONTO COMMERCIALE FOGLIO INFORMATIVO SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo Società Cooperativa a responsabilità limitata fondata nel 1918 Sede legale:

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Avv. Angelo Cugini www.iuslaw.it . La PEC è uno strumento che, al pari della posta elettronica ordinaria consente la trasmissione un documento informatico composto dal testo

Dettagli

Avv. Rossella D Onofrio

Avv. Rossella D Onofrio Avv. www.weblegale.com L attività dell Avv. si svolge dinanzi ai Tribunali di Lecce, Brindisi e Taranto. Si caratterizza per una struttura organizzativa idonea ad assicurare la consulenza ed assistenza,

Dettagli

SCONTO PORTAFOGLIO COMMERCIALE

SCONTO PORTAFOGLIO COMMERCIALE 1/5 INFORMAZIONI SULLA BANCA B.C.C. DEL VELINO VIA BACUGNO 12/A 02019 POSTA (RI) Tel.: 0746-251438 Fax: 0746-251568 Email: bccvelino@bccvelino.it / sito internet: www.bccvelino.it Registro delle Imprese

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTRATTO DI CREDITO RIMBORSABILE MEDIANTE RILASCIO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO PRO-SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE

Dettagli

Aggiornato al 1 Luglio 2015 PORTAFOGLIO SCONTO

Aggiornato al 1 Luglio 2015 PORTAFOGLIO SCONTO Pag. 1 / 6 Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it/sito internet www.mps.it).

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca)

RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca) PAG 1/5 RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca) Spettabile IWBank Private Investments Luogo e data

Dettagli

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze CONVENZIONE per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze TRA - L Azienda Regionale per il Diritto allo Studio

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per le banche

Istruzioni di Vigilanza per le banche BANCA D ITALIA Istruzioni di Vigilanza per le banche Circolare n. 229 del 21 aprile 1999 13 Aggiornamento del 10 aprile 2007 Indice: pag. 17 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE RIEPILOGO AGGIORNAMENTI

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Attenzione! le condizioni riportate nel SECCI potranno comunque essere modificate, a seguito della valutazione del merito creditizio e della consultazione delle banche dati effettuabile solo dopo la sottoscrizione

Dettagli

Schema della procedura d esecuzione

Schema della procedura d esecuzione Schema della procedura d esecuzione Soggetto responsabile per la fase Creditore Debitore Ufficio d esecuzione Giudice P I G N O R A M E N T O E S E C U Z I O N E Pagamento Avviso di pignoramento Esecuzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI

REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI Ambito di applicazione Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 della legge n. 289 del 27 dicembre 2002,

Dettagli

FINANZIAMENTO CAMBIARIO NON CONSUMATORI OLTRE 18 MESI MEDIANTE UTILIZZO DI CAMBIALE

FINANZIAMENTO CAMBIARIO NON CONSUMATORI OLTRE 18 MESI MEDIANTE UTILIZZO DI CAMBIALE 1 FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO CAMBIARIO NON CONSUMATORI OLTRE 18 MESI MEDIANTE UTILIZZO DI CAMBIALE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale:

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CONTRATTO ATTO DI

Dettagli

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati 24.01.2012 Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio Varie Il comma 1 dell'articolo 12 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 ha previsto

Dettagli