PRATICA COSPLAY E DIMENSIONI DI PERSONALITÀ: UNO STUDIO PILOTA. Daniela Cantone, Anna Teresa Laudanno, Luca Bellavita e Paolo Cotrufo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRATICA COSPLAY E DIMENSIONI DI PERSONALITÀ: UNO STUDIO PILOTA. Daniela Cantone, Anna Teresa Laudanno, Luca Bellavita e Paolo Cotrufo"

Transcript

1 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32, 1, PRATICA COSPLAY E DIMENSIONI DI PERSONALITÀ: UNO STUDIO PILOTA Daniela Cantone, Anna Teresa Laudanno, Luca Bellavita e Paolo Cotrufo Introduzione L attuale condizione adolescenziale, caratterizzata dalla fragilità del senso di appartenenza al gruppo familiare e dalla difficoltà a simbolizzare il corpo, presenta anticipi e prolungamenti significativi: la fase di latenza sembra quasi sparita, mostrandoci piccoli adulti dal falso Sé; la genitalità matura non appare più riscontrabile in adulti esposti a continui cambiamenti di ambiente e di relazioni (Ferruta 2010, pp. 3-4). Il corpo, iperinvestito narcisisticamente, diviene spazio privilegiato delle trasformazioni e mezzo di comunicazione del disagio. É un corpo fluttuante che si presta a espressioni a volte creative e originali, più spesso bizzarre, sempre sotto il dominio dei mezzi mediatici (Carau e Fusacchia 2010); il corpo deve essere bello ma, soprattutto, deve essere guardato, fotografato e visto da tutti attraverso internet, video e foto. Scrivono Carau e Fusacchia (2010): Qualcosa non risuona nello psichico, non è rappresentato né rappresentabile, il corpo si trova così nella necessità di dare agli arnesi psichici una qualche contorta forma di visibilità. Il corpo al posto della parola, al posto dell organizzazione simbolica (p. 14). Alcuni autori (Birraux 1990; Brusset 1998) parlano di ancoraggio corporeo dell identità in alcune fasi della vita o in alcune patologie: Un ancoraggio privilegiato come contenitore di angosce altrimenti non controllabili, come luogo verso cui precipitano contenuti psichici non governabili, sia per la novità pubertaria, sia perché i riferimenti psichici possono venire a mancare o sono in via di ridefinizione (Carau e Fusacchia 2010, p.12-13). È come se ogni rappresentazione cortocircuitasse, collassasse sul corpo reale che diventa così luogo di espressione diretta dei fantasmi. Da diversi anni, ormai, si assiste a una diffusione crescente delle body modifi cations, termine con il quale si indicano tutti quegli interventi finalizzati alla modificazione più o meno permanente del proprio corpo come tatuaggi, piercing, body implantation, scarificazioni, mutilazioni, tongue splitting, extreme make-up, body building, self cutting ed una infinità di altre pratiche agite sul soma per assecondare una richiesta di chi lo abita. Tra questi tentativi di figurazione, come li definisce Chabert (2000), alcuni autori includono anche la body art. Ci siamo chiesti se la pratica cosplay, da alcuni equiparata a una performance art in cui un individuo o un gruppo imitano uno più personaggi artificiali o immaginari (Gn 2011), e considerata in Giappone una delle espressioni di ribellione o disagio giovanile 1, possa 1 In Giappone le espressioni giovanili di ribellione assumono, sostanzialmente, tre forme: i Cosplayer, che si incontrano in gruppo con altri cosplayer e vivono, attraverso l imitazione di personaggi fantastici, un pezzo di mondo virtuale al di fuori della vita reale che loro sentono pressante e noiosa; i Neets, giovani che non lavorano e trascorrono tutta la giornata insieme ad altri Neets facendo rientro la sera in famiglia, dalla quale vengono economicamente mantenuti; gli Hikikomori che rifiutano le relazioni, vivono in camera in totale isolamento e SOTTOMESSO NOVEMBRE 2012, ACCETTATO MAGGIO Giovanni Fioriti Editore s.r.l.

2 Pratica cosplay e dimensioni di personalità: uno studio pilota rappresentare anch essa una ricerca di sé e definizione della propria identità attraverso il corpo. Nello specifico, ipotizziamo che la pratica cosplay possa essere legata al senso di un identità inconsistente e a un sé poco coeso che, attraverso l imitazione di un personaggio fantastico troverebbe, anche solo temporaneamente, una pausa alle proprie angosce. Il cosplay, termine abbreviato di costume play, è la pratica di travestirsi da personaggi tratti da storie di fantasia (film, serie televisive, videogames e fumetti) durante eventi associati a tali produzioni culturali, come le fiere del fumetto (Vanzella 2005). Nato in Giappone nel 1980 in seguito allo sviluppo delle industrie di animazione e di videogiochi (Wang 2010) ha assunto, dagli anni novanta, una crescente importanza anche in Occidente dove, a livello europeo, Italia e Francia organizzano il maggior numero di eventi e il livello tecnico dei costumi è più sofisticato. Il termine cosplay indica sia l azione di travestirsi che il costume e identifica quella categoria di appassionati di anime e manga che desiderano simulare fedelmente l immagine del proprio personaggio preferito, traendo da questa identificazione un intenso piacere (Gn 2001, Xu 2008). Chen JS (2007) giunge a paragonare tale pratica alle rappresentazioni teatrali. I personaggi scelti sono soprattutto eroi degli anime e dei manga ma vengono imitati anche personaggi classici dell animazione e dei fumetti e, più di recente, i protagonisti di pellicole cinematografiche di successo in Occidente, e gruppi rock, marionette e burattini del teatro tradizionale in Oriente (Chen JS 2007). Cosplayer o coser è la persona che pratica abitualmente cosplay partecipando alle fiere e alle sfilate-concorsi che in esse si svolgono (Vanzella 2005, Wang 2010). La partecipazione alla sfilata-concorso, in Occidente e soprattutto in Italia, costituisce il momento cruciale della pratica cosplay: andare sul palco è un modo per mostrare la propria esistenza a tutti i partecipanti di una fiera ma anche per presentarsi agli altri cosplayer e dimostrare di essere un membro attivo della comunità cosplay (Vanzella 2005). Il fenomeno è in rapida espansione in tutto il mondo. Se in Italia nel 2005 si stimava una presenza di circa 1200 cosplayer (Vanzella 2005), nel 2011 a Lucca Comics and Games, la più importante manifestazione italiana del settore, si è registrata una partecipazione di oltre 5000 cosplayer. Questi hanno un età tra i 15 e i 35 anni, con una incidenza maggiore tra i 18 ed i 25 anni. Sono soprattutto donne, con un titolo di studio elevato (diploma o laurea) e, se occupati, svolgono prevalentemente un lavoro dipendente. Usano abitualmente internet, hanno un intensa vita on-line e dedicano il loro tempo libero quasi esclusivamente a questa pratica non apparendo interessati ad altre sottoculture a parte quelle strettamente correlate, con cui spesso condividono i luoghi di ritrovo (Vanzella 2005). In generale, l appartenenza alle comunità di fan è stata considerata espressione di una presunta disfunzione sociale (Jenson 1992); Kinsella (2000) e Njubi (2001), ad esempio, associano la sottocultura cosplay, come quella hip hop, ad agiti violenti e all uso di droga. Altri autori, invece, mettendo l accento sulla capacità dei fan di assimilare, elaborare e dare vita creativamente alle produzioni di cui sono appassionati, escludono di poterli considerare disadattati sociali (Jenkins 1992a, 1992b). Secondo questa prospettiva, la produzione creativa assumerebbe invece una funzione positiva per l autoregolazione del sé e la modulazione degli affetti (Chen JS 2007, Chen HP 2011). All interno della comunità cosplay, i praticanti acquisterebbero sicurezza e trarrebbero soddisfazione dall interagire e comunicare non usano alcun messo di comunicazione. A differenza di questo ultimo gruppo, i primi due sono generalmente accettati perché non interrompono la comunicazione sociale, anche se questa avviene di fatto quasi esclusivamente all interno dei loro gruppi (Ricci 2008). Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,1 19

3 Daniela Cantone et al. con persone che condividono valori e interessi simili ai propri (Wang 2010). La letteratura sulla pratica cosplay prende in considerazione prevalentemente la dimensione sociale del fenomeno e manca una valutazione di eventuali dimensioni di personalità associate a questo particolare comportamento. Il presente studio si propone di descrivere il fenomeno cosplay, ancora poco noto nella letteratura psicologica, e di valutare le dimensioni di personalità di un gruppo di cosplayer attraverso il confronto con studenti universitari e attori teatrali professionisti, allo scopo di descrivere le variabili di personalità associate a tale pratica. Ipotizziamo, in particolare, che la pratica cosplay che si esprime nel piacere del travestimento-imitazione, sia mossa da dimensioni di personalità differenti da quelle coinvolte nell identificazione con un personaggio, implicita nella recitazione teatrale. Materiali e metodi Campione Il campione è costituito da due gruppi di soggetti: un campione di ricerca, composto di soggetti partecipanti alla manifestazione Comicon svoltasi a Napoli nel maggio 2012 che si autodefiniscono cosplayer; un campione di confronto, omogeneo per sesso ed età, suddiviso in studenti universitari reclutati presso la Seconda Università di Napoli e attori professionisti reclutati presso compagnie e laboratori teatrali. Tutti i soggetti sono stati informati circa la metodologia e gli scopi della ricerca ed hanno acconsentito a partecipare allo studio. Inoltre, è stato garantito loro l anonimato attraverso l utilizzo di un codice alfanumerico. Gli strumenti sono stati presentati a ciascun soggetto con la semplice consegna di rispondere alle domande senza limiti di tempo. I confronti tra medie sono stati effettuati utilizzando l ANOVA uni variata (p<.05). Il calcolo dei coefficienti di correlazione tra le variabili è stato eseguito con il coefficiente r di Pearson e al fine di verificare eventuali differenze relative alla distribuzione delle variabili della scheda demografica è stato utilizzato il test CHI-quadrato. Strumenti A tutti i soggetti sono stati somministrati: - una scheda socio demografica costruita ad hoc che ha permesso di ottenere informazioni su: sesso, età, titolo di studio, impiego, orientamento sessuale, uso di stupefacenti, uso di alcolici; - l Assessment of DSM-IV Personality Disorders Questionnaire (ADP-IV) di Schotte et al. (1998), versione italiana (Pedone et al. 2005). Il questionario ADP-IV è una misura selfreport per la valutazione dei criteri diagnostici dei disturbi di personalità descritti nell Asse II del DSM-IV. Lo strumento si compone di 94 item: 80 indagano i criteri delle 10 categorie specifiche di disturbi di personalità Paranoid (PAR), Schizoid (SZ), Schizotypal (ST), Antisocial (AS), Borderline (BDL), Histrionic (HIS), Narcissistic (NAR), Avoidant (AV), 20 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,1

4 Pratica cosplay e dimensioni di personalità: uno studio pilota Dependent (DEP) Obsessive-Compulsive (O-C)] e 14 quelli delle 2 categorie aspecifiche Depressive (NOS-DE) e Passive-Aggressive (NOS-PA). Lo strumento permette di effettuare una valutazione sia categoriale che dimensionale della personalità. Nel presente studio abbiamo utilizzato la sola valutazione dimensionale perché la nostra finalità non è diagnostica ma descrittiva. La valutazione dimensionale fornisce tre diversi punteggi di tratto: uno relativo a ciascuna delle dodici categorie di disturbi di personalità, un punteggio sui tre cluster del DSM-IV, e un punteggio totale, ottenuto sommando i punteggi di tipicità riportati ai 94 item; - ai soli cosplayer è stata somministrata una parte supplementare della scheda socio demografica che ci ha consentito di raccogliere informazioni sulla pratica cosplay: la frequenza di partecipazione a eventi, informazioni sul confezionamento del costume, la fonte prevalente di ispirazione per la scelta del personaggio, il genere sessuale del personaggio solitamente scelto. Risultati Il campione è composto di 277 soggetti (128 maschi e 159 femmine), con un età compresa tra i 18 e i 30 anni ( ᶬ = 22,2 +/- 2,8). Il gruppo di cosplayer (N=115) è composto di 54 maschi e 61 femmine, con età media di 20,6 anni (+/- 2,4). Di questi, il 73,0% ha un diploma di scuola media superiore, il 7,8% è laureato, il 19,1% ha la licenza media inferiore. Alla domanda sull impiego, il 72,2% si dichiara studente, l 11,3% lavoratore dipendente, il 7,8% disoccupato, il 3,5% lavoratore a progetto, lo 0,9% lavoratore autonomo e il 4,3% ha risposto altro. L 87,8% dei cosplayer si dichiara eterosessuale, il 10,4% bisessuale e l 1,7% omosessuale. Il 91,3% dichiara di non usare stupefacenti, il 7,8% dichiara di usarli occasionalmente e lo 0,9% abitualmente; infine, il 57,4% sostiene di non usare alcolici, il 38,3% dichiara di usarli occasionalmente e il 4,3% abitualmente. Il gruppo di studenti universitari (N=100) è composto di 50 maschi e 50 femmine, con età media di 22,1 anni (+/- 3,0). L 86,0% ha un diploma di scuola media superiore, il 13% ha una laurea triennale, l 1% la licenza media inferiore. Alla domanda circa l impiego lavorativo il 90% si dichiara studente, il 3% lavoratore dipendente, il 2% lavoratore autonomo, il 4% disoccupato, l 1% ha risposto altro e nessuno svolge lavoro a progetto. Il 96% si dichiara eterosessuale, il 3% bisessuale e l 1% omosessuale. Il 79% degli studenti sostiene di non usare stupefacenti, il 14% dichiara di usarli occasionalmente e il 7% abitualmente; infine, il 38% sostiene di non usare alcolici, il 56% dichiara di usarli occasionalmente e il 6% abitualmente. Il gruppo di attori (N=62) è composto di 24 maschi e 38 femmine, con età media di 23,9 anni (+/_ 3,0). Il 64,5% ha un diploma di scuola media superiore, il 32,3% è laureato, il 3,2% ha la licenza media inferiore. Alla domanda circa l impiego lavorativo il 71% si dichiara studente, l 8,1% lavoratore dipendente, lo 8,1% lavoratore autonomo, l 8,1% disoccupato, il 3,2% lavoratore a progetto e l 1,6% ha risposto altro. Il 95,2% è risultato eterosessuale, il 3,2% omosessuale e l 1,6% bisessuale. L 80,6 % degli attori dichiara di non usare sostanze stupefacenti, il 14,5% dichiara di usarli occasionalmente e il 4,8% abitualmente; infine, il 37,1% sostiene di non usare alcolici, il 61,3% dichiara di usarli occasionalmente e l 1,6% abitualmente. Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,1 21

5 Daniela Cantone et al. Non esistono differenze significative tra cosplayer e non cosplayer relativamente all orientamento sessuale né per quanto riguarda l uso dichiarato di sostanze e di alcol. Limitatamente al gruppo di cosplayer, la seconda sezione della scheda socio demografica ha permesso di fotografare i comportamenti relativi alla pratica, come mostra la tabella 1. In generale, i soggetti intervistati partecipano nel 67% dei casi a un numero di eventi che varia da due a cinque all anno, nel 49,6% dei casi cuciono personalmente il costume, attività particolarmente apprezzata nella comunità cosplay, nel 66,1% dei casi scelgono di interpretare personaggi del loro stesso sesso e nel 60% dei casi traggono ispirazione da fumetti e animazione giapponesi. Allo scopo di verificare la differenza di medie relative ai punteggi sulle scale dell ADP-IV tra i tre gruppi interni al nostro campione è stata eseguita una Anova univariata. I risultati, riportati in tabella 2, indicano una differenza significativa (F (2,274) = 3,905, p<.05) tra le medie dei punteggi dei tre gruppi considerati: i cosplayer riportano punteggi più elevati nel totale di cluster C (ᶬ = 67,19) sia rispetto al gruppo di studenti universitari (ᶬ = 60.24) che rispetto al gruppo di attori (ᶬ = 60,01). Inoltre, si evidenziano differenze significative relativamente alle sottoscale Schizotypal Tabella 1. Numero e percentuale delle risposte alle domande sulla pratica cosplay Frequenza partecipazione eventi cosplay N = 115 % Una volta all anno 30 27,1 Da due a cinque volte l anno Da sei a dieci volte l anno Oltre le dieci volte l anno Fabbricazione costume % Abitualmente lo cucio io Lo cucio sempre io Mi servo di abiti già confezionati Genere sessuale del personaggio interpretato % Del mio sesso Dell altro sesso Di un genere sessuale indefinito Non presto attenzione al genere Dove traggo ispirazione per personaggio interpretato % Disegni animati, fumetti, videogiochi e telefilm giapponesi Fumetti telefilm o film occidentali Videogiochi o disegni animati occidentali Altro Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,1

6 Pratica cosplay e dimensioni di personalità: uno studio pilota (F (2,274) = 4,394, p<.05); Narcissistic (F (2,274) = 3,066, p<.05); Avoidant (F (2,274) = 5,881, p<.05); Histrionic (F (2,274) = 3,165, p<.05). I confronti post hoc indicano le seguenti differenze: - scala Avoidant (evitante): la media dei punteggi riportata dai cosplayer (ᶬ = 20,47) è significativamente maggiore sia di quella riportata dagli studenti universitari (ᶬ = 17,46) che dagli attori (ᶬ = 16,59); - scala Schizotypal (schizotipica): la media dei punteggi riportati dai cosplayer (ᶬ = 24,00) è significativamente maggiore di quella riportata dagli studenti universitari (ᶬ = 20,46). - scala Narcissistic (narcisistica): la media dei punteggi riportati dai cosplayer (ᶬ = 24,86) è significativamente maggiore di quella riportata dagli studenti universitari (ᶬ = 22,06). - scala Histrionic (istrionica): la media dei punteggi riportati dagli attori (ᶬ = 22,85) è significativamente maggiore di quella riportata dagli studenti universitari (ᶬ = 19,64). Nel gruppo di cosplayer non sono emerse differenze statisticamente significative nelle scale dell ADP-IV in relazione alle variabili socio demografiche e ai comportamenti legati alla pratica. Tabella 2. Punteggi ottenuti dai cosplayer, dagli studenti e dagli attori al questionario ADP-IV Dimensioni di personalità ADP- IV COSPLAYER (media e DS punteggi) STUDENTI (media e DS punteggi) ATTORI (media e DS punteggi) PAR (+/_8.6) (+/_ 6.4) (+/_ 6.6) SZ (+/_ 7.1) (+/_5.7) (+/_5.5) ST (+/_ 9.6) (+/_ 7.5) 22,41 (+/_ 8.8) AS 16,69 (+/_ 7.9) (+/_ 5.7) (+/_ 7.1) BDL (+/_ 11.4) (+/_ 8.9) (+/_9.1) HIS (+/_ 8.6) (+/_ 6.7) (+/_8.3) NAR 24.86(+/_10.3) (+/_ 7.0) (+/_ 7.2) AV (+/_ 9.4) (+/_ 7.0) (+/_7.1) DEP (+/_ 8.8) (+/_ 7.1) (+/_ 7.9) O_C (+/_ 9.1) (+/_ 6.4) (+/_ 7.3) NOS_DE (+/_ 9.9) (+/_ 7.0) (+/_ 6.9) NOS_PA (+/_ 7.9) (+/_ 5.6) (+/_ 5.9) CLU_A (+/_ 22.5) (+/_ 15.3) (+/_ 17.6) CLU_B (+/_ 32.9) (+/_ 23.2) (+/_ 24.7) CLU_C (+/_ 24.8) (+/_ 17.6) (+/_ 17.7) TOT_CLU (+/_74.1) (+/_ 49.2) (+/_ 51.8) Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,1 23

7 Daniela Cantone et al. Discussione e conclusioni I cosplayer del nostro campione sono in prevalenza donne, con diploma di scuola media superiore e attualmente inseriti in un percorso di studi universitario. Usano sostanze stupefacenti e alcol in misura non statisticamente differente dagli studenti e degli attori. Questo risultato sembra non confermare il dato della letteratura che associa tale pratica all uso di droghe (Kinsella 2000, Njubi 2001). Altri risultati invece sembrano suggerire un associazione con alcuni studi che considerano l alterazione dell immagine corporea data dal travestimento precursore di una possibile devianza sessuale (Napier 2002). Ci riferiamo, in particolare, alla percentuale di bisessuali dichiarati nel gruppo dei cosplayer (10,4%) che, seppur in misura non statisticamente significativa, appare maggiore di quella rilevata negli altri due gruppi (studenti e attori, rispettivamente 3% e 1,6%) e potrebbe indicare la tendenza a una maggiore indefinitezza dell identità sessuale, tendenza che troverebbe riscontro anche nella percentuale di soggetti che dichiara di non prestare attenzione al genere sessuale del personaggio scelto (28,7%) o di scegliere volutamente personaggi di genere sessuale indefinito (2,6%). Si tratta, naturalmente, di una semplice suggestione che necessiterebbe di ulteriori approfondimenti anche in funzione dell evidenza di una scarsa presenza nel nostro campione del fenomeno del crossplay, molto diffuso in Giappone, in cui il sesso del personaggio interpretato è volutamente in contrasto con il sesso biologico del soggetto. Solo il 2,6% dei cosplayer intervistati, infatti, dichiara di interpretare un personaggio di sesso opposto al proprio. I risultati ottenuti dalla somministrazione dell ADP-IV descrivono i cosplayer come soggetti con dimensioni della personalità mediamente più patologiche di quelle rilevate negli studenti universitari e, in misura minore, negli attori. Come si evince dai confronti effettuati sui tre gruppi, i cosplayer riportano punteggi significativamente elevati rispetto agli altri due gruppi nel totale di Cluster C che raggruppa disturbi caratterizzati da tratti associati all ansia e alla paura. L elevazione nei punteggi del cluster C è dovuta in particolare ai punteggi riportati dai cosplayer nella scala Avoidant che descrive un quadro di inibizione sociale, difficoltà nelle relazioni interpersonali, sentimenti di inadeguatezza ed ipersensibilità al giudizio altrui. Le difficoltà nelle relazioni interpersonali appaiono confermate anche dall elevazione nella scala Schizotypal che descrive una generale carenza nell ambito della relazionalità del soggetto, in particolar modo nelle relazioni strette e modalità di rapporti sociali deficitari e improntati al distacco emotivo; tali caratteristiche possono accompagnarsi sia a distorsioni cognitive e/o percettive sia a comportamenti strani, eccentrici o peculiari. Questa scala distingue in maniera statisticamente significativa i cosplayer dagli studenti universitari ma non dagli attori, analogamente alla scala Narcissistic che descrive fantasie grandiose di sé e il bisogno continuo di ammirazione. Elevazioni si rilevano infine alla scala Histrionic in cui il gruppo di attori si differenzia in maniera statisticamente significativa dagli studenti universitari ma non dai cosplayer. La scala descrive una modalità di funzionamento caratterizzata da emotività eccessiva e manifestata in modo superficiale e mutevole, ricerca eccessiva di attenzione, e modalità drammatiche e teatrali di comunicazione (Gabbard 2005). Questi risultati, pur se emersi da uno studio pilota, sembrano indicare che dimensioni personologiche orientate all evitamento e all inadeguatezza del senso di sé sottostanno alla pratica del travestimento e dell imitazione di un personaggio artificiale quale 24 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,1

8 Pratica cosplay e dimensioni di personalità: uno studio pilota è il cosplay. In alcuni contributi il cosplay viene paragonato alla recitazione. Chen JS (2007) asserisce che il cosplay è una performance art molto simile a un dramma teatrale; la differenza tra le due pratiche sarebbe rappresentata dal fatto che i cosplayer scelgono attivamente il personaggio da interpretare al contrario degli attori cui vengono assegnati i ruoli da portare in scena. Anche Gn (2011) ha confrontato il cosplay e la recitazione asserendo che, a differenza degli attori che interpretano dei personaggi rispettando la narrazione della storia che portano in scena, i cosplayer pongono un accento maggiore sulla somiglianza estetica al personaggio interpretato: nel cosplay è il corpo del soggetto, il costume, l interpretazione e la somiglianza al personaggio a fare spettacolo mentre nelle rappresentazioni teatrali è la storia narrata dai personaggi che assume un ruolo di primo piano. Facendo riferimento ai risultati ottenuti all ADP-IV possiamo sostenere che il travestimento adottato dai cosplayer e la ricerca dell imitazione di un personaggio fantastico e/o artificiale risponde a dimensioni personologiche solo parzialmente sovrapponibili a quelli rilevate negli attori. In particolare, l aspetto evitante appare significativamente peculiare per il gruppo di cosplayer e fa ipotizzare che il travestimento da loro adottato possa essere un modo particolare per far fronte all ansia sociale che verrebbe in questo caso evitata o negata. Il travestimento assumerebbe così il ruolo di facilitatore sociale offrendo libertà di azione e permettendo di mettere in atto comportamenti che nella realtà non si riuscirebbe ad agire per paura del giudizio altrui. Diversamente, negli attori sembra prevalere una modalità estrovertita di affermazione di sé che nella recitazione troverebbe la via privilegiata d espressione. In sintesi, il quadro personologico emerso sembra descrivere, in riferimento ai cosplayer, una popolazione di adolescenti e postadolescenti caratterizzata dalla precarietà dell immagine di sé, dall evitamento e dal ritiro della relazione avvertita come pericolosa e confondente. Il ricorso al travestimento e all imitazione con il personaggio, ricercata e agita con una cura maniacale, e sostenuta dalle spinte narcisistiche, sembrerebbe un tentativo di compensare difficoltà nella sfera identitaria e sociale. Entro i limiti di una semplice suggestione, e pur nella differenza di prospettive, linguaggi e metodi di indagine, tali ipotesi richiamano alla mente il concetto di adolescenza prolungata (Bernfeld 1923; Blos 1962, 1967). In essa, l elaborazione dei processi evolutivi propri di questo periodo viene rimandata e la perseverazione del processo adolescenziale rappresenta una sorta di insuccesso evolutivo che rimanda a costellazioni dinamiche eterogenee sotto il segno della patologia narcisistica (Blos 1979). Particolare attenzione bisogna però porre nel generalizzare questi dati. Il presente studio presenta i limiti dovuti alla scarsa numerosità del campione inoltre, l utilizzo di uno strumento orientato alle categorie nosografiche del DSM pone interesse prevalentemente verso quei segni e sintomi patognomici che possono essere inquadrati in determinate patologie ma lascia del tutto inesplorate le dinamiche intrapsichiche sottostanti e il significato attribuito al corpo ed alle sue modificazioni non permanenti ottenute attraverso il mascheramento e l imitazione. Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,1 25

9 Daniela Cantone et al. Riassunto Parole chiave: cosplay, dimensioni di personalità, identità, corpo, imitazione Il cosplay è la pratica di travestirsi da personaggi tratti da storie di fantasia durante eventi dedicati come le fiere del fumetto. Equiparata da alcuni autori a una performance art, in Giappone è considerata una delle espressioni di ribellione o disagio giovanile. Può, al pari delle body modification, rappresentare una ricerca di sé e definizione della propria identità attraverso il corpo? Il nostro studio si propone di descrivere il fenomeno cosplay, ancora poco noto nella letteratura psicologica, e di valutare, attraverso il questionario ADP-IV, una misura self-report per la valutazione dei criteri diagnostici dei disturbi di personalità descritti nell Asse II del DSM-IV, le dimensioni di personalità di un gruppo di cosplayer attraverso il confronto con studenti universitari e attori teatrali professionisti. I risultati sembrano indicare che dimensioni personologiche orientate all evitamento e all inadeguatezza del senso di sé sottostanno alla pratica del cosplay. Il ricorso al travestimento e all imitazione con il personaggio, ricercata e agita con una cura maniacale, e sostenuta dalle spinte narcisistiche, sembrerebbe un tentativo di compensare difficoltà nella sfera identitaria e sociale. THE COSPLAY PRACTICE AND PERSONALITY DIMENSIONS: A PILOT STUDY Abstract Key words: cosplay, personality dimensions, identity, body, imitation Cosplay is the practice of dressing up as characters from fantasy stories during dedicated events as the comics fairs. It is compared to an art performance by some authors, but in Japan is considered as an expression of rebellion or juvenile distress. Could it be considered, as for body modification, an expression of self-seeking and identity definition through the body? Our study aims to describe the cosplay phenomenon, as still little is known in psychological literature, and to assess, through the ADP-IV questionnaire (a self-report measure for the assessment of the diagnostic criteria of personality disorders described in the Axis II of the DSM-IV), the personality dimensions of a group of cosplayers by comparison with university students and professional theater actors. The results seem to indicate that avoidant personality dimensions and an inadequate sense of self underlie the cosplay practice. The use of disguise and imitation of the character, sought and acted with maniacal care, and supported by narcissistic impulses, seems to be an attempt to compensate for difficulties within the social and the identity sphere. Bibliografia American Psychiatric Association (1994). Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-IV). American Psychiatric Association, Washington, DC. Tr. it. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-IV). Masson, Milano 1996 Bernfeld S (1923). Uber eine typische From der männlichen Pubertät. Imago 9. Tr. ingl. A typical form of male puberty (1995). Adolescent Psychiatry 20. Birraux A (1990). L adolescent face à son corps. Editions Universitaires, Paris. Tr. it. L adolescente 26 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,1

10 Pratica cosplay e dimensioni di personalità: uno studio pilota e il suo corpo. Borla, Roma Blos P (1962). On adolescence. A psychoanalytic interpretation. The Free Press, New York. Tr. it. L adolescenza, una interpretazione psicoanalitica, Franco Angeli, Milano Blos P (1967). The second individuation process of adolescence. Psychoanalytic Study of the Child 22, Blos P (1979). The adolescent passage. Developmental issues. Int. Universities Press, New York. Trad. it. L adolescenza come fase di transizione: aspetti e problemi del suo sviluppo, Armando, Roma Brusset B (1998). Psychopathologie de l anorexie mentale. Dunod, Parigi. Tr. it. Psicopatologia dell anoressia mentale. Borla, Roma Carau B, Fusacchia MG (2010). Metapsicologia del corpo in adolescenza. In P Carbone (a cura di) L adolescente prende corpo, pp Il Pensiero Scientifico Editore, Roma. Chabert C (2000). Le passage à l acte: un tentative de figuration? Adolescence, Monographie ISAP, Chen HP (2011). The significance of Manga in the identity-construction of young American adults: a Lacanian approach. Dissertation Abstracts International Section A: Humanities and Social Sciences 72, 3-A, 809. Chen JS (2007). Study of Fan Culture: Adolescent Experiences with Animé/manga Doujinshi and Cosplay in Taiwan. Visual Arts Research 33, 1, 64, Ferruta A (2010). Introduzione. In P Carbone (a cura di) L adolescente prende corpo, pp.3-8. Il Pensiero Scientifico Editore, Roma. Gabbard GO (2000). Psychodynamic Psychiatry in Clinical Practice. American Psychiatric Press, Inc. Tr. it. Psichiatria Psicodinamica. Raffaello Cortina, Milano Gn J (2011). Queer simulation: The practice, performance and pleasure of cosplay. Continuum 25, 4, Jenkins H (1992a). Textual poachers: Television fans and participatory culture. Routledge, New York. Jenkins H (1992b). Strangers no more, we sing : Filking and the social construction of the science fiction fan community. In L Lewis (Ed) Adoring audience, Routledge, New York. Jenson J (1992). Fandom as pathology: The consequences of characterization. In L Lewis (Ed) Adoring audience, Routledge, New York. Kinsella S (2000). Adult manga. University of Hawaii Press, Honolulu. Napier S (2002). When the machines stop: fantasy, reality, and terminal identity in Neon Genesis Evangelion and Serial Experiments Lain. Science Fiction Studies 29, Njubi FN (2001). Rap, race, and representation. In M Oliker & WP Krolikowski (Ed) Popular culture as educational ideology, pp Peter Lang, New York. Pedone R, Cosenza M, Nigro G (2005). Un contributo all adattamento italiano dell Assessment of DSM-IV Personality Disorders Questionnaire (ADP-IV). Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sperimentale dell AIP, Cagliari, settembre Riassunti delle comunicazioni, Nuove Grafiche Puddu, Otracecus (CA). Ricci C (2008). Hikikomori: adolescenti in volontaria reclusione. Franco Angeli, Milano. Schotte CKW, De Doncker DAM, Vankerckhoven C, Vertommen H, Cosyns, P. (1998). Self-report assessment of the DSM-IV personality disorders. Measures of trait and distress characteristics: The ADP-IV. Psychological Medicine 28, Vanzella L (2005). Cosplay Culture. Fenomenologia dei costume players italiani. Tunué, Latina. Wang K (2010). Cosplay in China: popular culture and youth community. Master thesis, Lund University. Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,1 27

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO

LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO CORSO FAD LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO ID ECM: 4252-145859 CREDITI 12 CREDITI ECM DESTINATARI Psicologi, Psicoterapeuti, Educatori professionali DURATA Data di inizio 1 gennaio 2016 Data di fine

Dettagli

Classificazioni delle disfunzioni sessuali. Dr. Antonio La Torre

Classificazioni delle disfunzioni sessuali. Dr. Antonio La Torre Classificazioni delle disfunzioni sessuali Dr. Antonio La Torre Che cosa si intende con il termine di disfunzione sessuale? Questo termine compare all interno delle due principali classificazioni internazionali

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione

Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione Sara Manzoni e Alessandro Antonietti Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione valentiniregina@yahoo. it Nell indagine dei correlati emotivi dei disturbi

Dettagli

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE:

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: Convegno SIMPe SS La sfida del terzo millennio La Medicina delle Persone Sane LA SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: un progetto di intervento Prof. Roberta Giommi Direttore Istituto Internazionale di sessuologia

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

T. Fera, C. Laglia, P. Mallozzi, F. Martucci, F. Moroni, G. Pellecchia, M. Procacci Terzo Centro di Psicoterapia Cognitiva - Roma Disturbo d ansia sociale Dsm IV- TR A. Paura marcata e persistente di una

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

Prevalenza e fattori correlati dell Uso Problematico di Internet in una popolazione studentesca del pinerolese (TO)

Prevalenza e fattori correlati dell Uso Problematico di Internet in una popolazione studentesca del pinerolese (TO) - Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze, Regione Piemonte - Dipartimento Patologia delle Dipendenze, ASL TO3 Prevalenza e fattori correlati dell Uso Problematico di Internet in una popolazione studentesca

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

La diagnosi in psicologia dinamica: un approfondimento

La diagnosi in psicologia dinamica: un approfondimento La diagnosi in psicologia dinamica: un approfondimento Come un navigatore senza sestante, un clinico che si avventurasse a veleggiare nelle acque scure dell inconscio senza una teoria di riferimento, si

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri:

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri: Studio Materiali e Metodi 38 Materiali e Metodi A. Campione Il campione clinico utilizzato nello studio è costituito da pazienti in età evolutiva giunti a consultazione neuropsichiatrica infantile presso

Dettagli

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Michele Sanza Bologna 11 febbraio 2011 Lo skills Training della DBT nel trattamento integrato del Disturbo Borderline di Personalità 1 Il decorso

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA Interpretazione dei DSA: dai documenti di consenso al DSM-5 Dott.ssa Rosalba Carnevale Clinica delle difficoltà e dei

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM Obiettivi Obiettivi L obiettivo

Dettagli

XXVI CONGRESSO AIP SEZIONE DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE PREATTI

XXVI CONGRESSO AIP SEZIONE DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE PREATTI XXVI CONGRESSO AIP SEZIONE DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE PREATTI Università Cattolica del Sacro Cuore Milano, 19-21 settembre 2013 XXVI CONGRESSO AIP SEZIONE DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

Dettagli

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Studi in Psichiatria Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Agenda 1 Assistenza psichiatrica in Italia 2 Strumenti di valutazione 3 Aspetti pratici 4 Conclusioni 1 Assistenza psichiatrica in

Dettagli

L Uso Problematico di Internet tra gli studenti delle scuole superiori dell area geografica del pinerolese (TO): prevalenza e fattori correlati

L Uso Problematico di Internet tra gli studenti delle scuole superiori dell area geografica del pinerolese (TO): prevalenza e fattori correlati - Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze, Regione Piemonte - Dipartimento Patologia delle Dipendenze, ASL TO3 L Uso Problematico di Internet tra gli studenti delle scuole superiori dell area geografica

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

COME RILEVARE INFORMAZIONI TRAMITE QUESTIONARI

COME RILEVARE INFORMAZIONI TRAMITE QUESTIONARI COME RILEVARE INFORMAZIONI TRAMITE QUESTIONARI Dott.ssa Annalisa Iovine Corso di Docimologia Prof. Antonella Poce FASI DELLA RICERCA Ipotesi di ricerca Interpreta zione dei risultati Disegno di ricerca

Dettagli

LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012

LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012 LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012 OSSERVAZIONI CLINICHE - MOTIVO DELLA CONSULTAZIONE : DISTURBO

Dettagli

Osservare: sembra facile!

Osservare: sembra facile! Milano 7 maggio 2011 Strumenti di valutazione funzionale nei percorsi di vita delle persone con autismo. Introduzione Susanna Villa IRCCS Eugenio Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano (TV).

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

L UNIVERSITA COME POSSIBILE SBOCCO, FUSARO- I.T.C.G. PAOLINI CLASSE 4AR

L UNIVERSITA COME POSSIBILE SBOCCO, FUSARO- I.T.C.G. PAOLINI CLASSE 4AR L UNIVERSITA COME POSSIBILE SBOCCO, FUSARO- I.T.C.G. PAOLINI CLASSE 4AR INTRODUZIONE La mia intenzione, riguardante gli studi universitari, è diretta verso la facoltà di psicologia, nella sede di Bologna.

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE (DA) Disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati al controllo del peso corporeo, che danneggiano in modo significativo

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015 MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM NOVITAʼ: Analisi e studio

Dettagli

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva Problemi internalizzanti Tratti salienti: 1. Sintomi di ipercontrollo 2. Sviluppo e manifestazione

Dettagli

La depressione. A cura di Roberta Longo

La depressione. A cura di Roberta Longo La depressione A cura di Roberta Longo Etimologicamente, il termine depressione proviene dal latino depressio, che indica uno stato di abbattimento o infossamento. In relazione ai disturbi dell umore,

Dettagli

Casino Nobile Musei di Villa Torlonia

Casino Nobile Musei di Villa Torlonia Data 10/11/2011 Indagini di Customer Satisfaction Casino Nobile Musei di Villa Torlonia Settembre Ottobre 2011 2 Indice Il documento si articola nei seguenti capitoli: Premessa e nota metodologica Sintesi

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

PERSONALITÀ (PD): FUNZIONAMENTO INTERPERSONALE.

PERSONALITÀ (PD): FUNZIONAMENTO INTERPERSONALE. L INIBIZIONE NEI DISTURBI DI PERSONALITÀ (PD): CORRELAZIONE CON I SINTOMI E IL FUNZIONAMENTO INTERPERSONALE. RAFFAELE POPOLO CENTRO DI TERAPIA METACOGNITIVA INTERPERSONALE www.centrotmi.com Giancarlo Dimaggio

Dettagli

DISTURBI AUTISTICI LA DIAGNOSI

DISTURBI AUTISTICI LA DIAGNOSI DISTURBI AUTISTICI LA DIAGNOSI GIUSEPPE MAURIZIO ARDUINO- Psicologo Dirigente responsabile Centro Autismo ASL CN 1 Mondovì PROVINCIA DI MILANO Formazione in service Autismo Promuovere lo sviluppo delle

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico UNIVERSITÀ DI PADOVA Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico TESI DI SPECIALIZZAZIONE Relatore Prof. Daniela

Dettagli

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI (2002) DEVELOPMENTAL assessment individuale; valutazione disturbi di apprendimento;

Dettagli

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1.1. Verso una definizione della psicologia clinica Definire che cosa si intenda per psicologia clinica non è compito facile in quanto essa è una materia

Dettagli

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO Ricerca Commissionata da Lottomatica Group spa Claudio Barbaranelli Sapienza Università di Roma Centro Interuniversitario per la Ricerca

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Giornata Europea sulla Depressione

Giornata Europea sulla Depressione Giornata Europea sulla Depressione Giornate europee sulla Depressione: ottobre 2011 Programma Titolo Progetto Mandato di Ricerca internazionale Depressione: identikit & arresto! Convegno sulla solitudine

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Telefono 02 48952957 Fax E-mail dani.albero@tiscali.it ESPERIENZA LAVORATIVA

INFORMAZIONI PERSONALI. Telefono 02 48952957 Fax E-mail dani.albero@tiscali.it ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ALBERO DANIELA 33, P.ZA NAPOLI,, 20146, MILANO, ITALIA Telefono 02 48952957 Fax E-mail dani.albero@tiscali.it

Dettagli

Master in Counseling per Migranti

Master in Counseling per Migranti sispi attività - a.a. 2012-13 PROGETTO MIGRANTI Master in Counseling per Migranti corso annuale 210 ore Scuola accreditata S.I.Co. Società Italiana Counseling Via C.Menotti 11/c, Milano P.za Ruggero di

Dettagli

Conoscerla per viverla in salute

Conoscerla per viverla in salute PAGANOTTI, Claudio MENOPAUSA Conoscerla per viverla in salute La Compagnia della Stampa Massetti Rodella Editori Roccafranca - Brescia 136 p.; 21 cm ISBN: 978-88-8486-245-7 Claudio Paganotti MENOPAUSA

Dettagli

MASCHI CONTRO FEMMINE

MASCHI CONTRO FEMMINE MASCHI CONTRO FEMMINE OBIETTIVO Analizzare le immagini stereotipate legate all appartenenza di genere, riflettere sulle motivazioni dei diversi comportamenti di uomini e donne e sulla propria identità

Dettagli

I minori e l'identitàdi genere

I minori e l'identitàdi genere I minori e l'identitàdi genere Genova, 18 maggio 2010 Dott. Massimo Lavaggi Psicologo Psicoterapeuta massimo.lavaggi@transgenere.it Dott.ssa Chiara Dalle Luche- Psicologo Psicoterapeuta chiara.dalleluche@transgenere.it

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA TESI DI LAUREA IN PSICOLOGIA DINAMICA CORSO PROGREDITO PREADOLESCENTI NEI TEST DISEGNO DELLA FAMIGLIA E FAMIGLIA DEGLI ORSI Relatrice Prof.ssa

Dettagli

PROGETTO ALBA. Territorio/i di attuazione del progetto formativo

PROGETTO ALBA. Territorio/i di attuazione del progetto formativo PROGETTO ALBA FINANZIATO DAL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI SULLA PRIMA ASSISTENZA ALLE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE E STALKING MATERA - POLICORO Progetto ALBA

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Lo sviluppo adolescenziale tra patologia e creatività, tra bisogno di appartenere e di diventare unico

Lo sviluppo adolescenziale tra patologia e creatività, tra bisogno di appartenere e di diventare unico Lo sviluppo adolescenziale tra patologia e creatività, tra bisogno di appartenere e di diventare unico Dott.ssa Elisabetta Conte Psicologa-Psicoterapeuta Non si diventa uomini completi da soli ma unicamente

Dettagli

Laureati Pre-Riforma. Sbocchi occupazionali dei laureati nel 2007 dell Università degli Studi di Cagliari ad un anno dalla laurea

Laureati Pre-Riforma. Sbocchi occupazionali dei laureati nel 2007 dell Università degli Studi di Cagliari ad un anno dalla laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Orientamento e Comunicazione Sbocchi occupazionali dei laureati nel 2007 dell Università degli Studi di Cagliari ad un anno dalla laurea Laureati Pre-Riforma

Dettagli

Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993

Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993 Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993 Nel 1985 Reiss e collaboratori reinterpretarono la paura della paura come dovuta ad una sensibilità specifica all ansia. Valuta

Dettagli

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Andrea Gaddini *, Lilia Biscaglia *, Francesco Franco *, Salvatore Cappello **, Giovanni Baglio *, Domenico Di Lallo *, Gabriella Guasticchi * Introduzione

Dettagli

6 edizione 20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2015 - Gennaio 2016

6 edizione 20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2015 - Gennaio 2016 6 edizione MILANO Novembre 2015 - Gennaio 2016 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM NOVITA : Analisi

Dettagli

Cocaina e il mondo della notte

Cocaina e il mondo della notte Cocaina e il mondo della notte Gruppo di ricerca formato da : Fabio Mariani e Claudio Marinelli Cooperativa Progetto sul cocainismo - Seconda Annualità anno 2009 FINALITA Emersione del cosiddetto sommerso

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

Il Consultorio Giovani OPEN G G

Il Consultorio Giovani OPEN G G La richiesta d aiuto d del genitore per il figlio adolescente Il Consultorio Giovani OPEN G G Dr. Fiorello Ghiretti,, psicologo OPEN G G IL CONSULTORIO GIOVANI istituito nel 1990 è un servizio di prevenzione

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

Il mercato del lavoro a Messina

Il mercato del lavoro a Messina COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO DI STATISTICA Dirigente: Dott. Nunzia Crisafulli 2009 Il mercato del lavoro a Messina Relazione a cura del: Dott. Maurizio Mondello Dipartimento di Statistica Comune di Messina

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT Cagliari Iglesias - Olbia NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ IN ETÀ EVOLUTIVA Dr.ssa Sabrina Cesetti Qualsiasi bambino (e la gran parte degli adulti) tende a distrarsi e a commettere

Dettagli

PERCHÉ LA SESSUALITÀ?

PERCHÉ LA SESSUALITÀ? PERCHÉ LA SESSUALITÀ? Dello stesso Editore APRILE Psicologia dell educazione ARBINGER INSTITUTE Leadership e autoinganno. Come uscire dalla scatola ATKINSON/HILGARD Introduzione alla psicologia AUBIN Il

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

Corso di laurea: Scienze della Formazione Primaria - Didattiche aggiuntive per l integrazione scolastica di alunni in situazione di handicap

Corso di laurea: Scienze della Formazione Primaria - Didattiche aggiuntive per l integrazione scolastica di alunni in situazione di handicap Corso di laurea: Scienze della Formazione Primaria - Didattiche aggiuntive per l integrazione scolastica di alunni in situazione di handicap Denominazione insegnamento: Psicopatologia dello Sviluppo Denominazione

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE LO YOGA Nel novembre del 2013 è stato attivato un corso sperimentale di YOGA presso il presidio di Chiari. Il corso si è svolto presso l Aula Magna dell Azienda, al di fuori dell orario di servizio. Sono

Dettagli

Problemi della sfera sessuale

Problemi della sfera sessuale Problemi della sfera sessuale L APPROCCIO DELLA SCHEMA THERAPY ALL ASSESSMENT E TRATTAMENTO Seminario con il Prof. Eshkol Rafaeli e Dr. Offer Maurer Per il Progresso nella Pratica e nella Ricerca in Psicoterapia

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

INDICE: 1. Obiettivi, Campione, Strumenti 2. Risultati

INDICE: 1. Obiettivi, Campione, Strumenti 2. Risultati INDICE: 1. Obiettivi, Campione, Strumenti 2. Risultati 2.1. Ricerca A 2.1.1. Formazione (acquisita e desiderata) 2.1.2. Rappresentazione del clima relazionale e della cooperazione sul posto di lavoro 2.1.3.

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Umane L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini L AUTISMO: COS È Disturbo dell Interazione Disturbo della Comunicazione Ridotto repertorio di attività

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Curriculum vitae di Manuela Rijillo

Curriculum vitae di Manuela Rijillo Curriculum vitae di Manuela Rijillo Informazioni personali Istruzione Nazionalità: Italiana Data di nascita: 23 Settembre 1977 Luogo di nascita: Catanzaro Residenza: Modena 1996 Liceo Scientifico Wiligelmo

Dettagli

Dott.ssa G. Barbero. Dott.ssa M.Colombo

Dott.ssa G. Barbero. Dott.ssa M.Colombo Dott.ssa G. Barbero Dott.ssa M.Colombo DSM I : 1952 DSM II : 1968 DSM III : 1980 DSM III- R : 1987 DSM IV : 1994 DSM IV TR : 2000 DSM V Versione inglese: maggio 2013 www.dsm5.org versione italiana prevista

Dettagli

Indagini di Customer Satisfaction. Museo Napoleonico. Settembre Ottobre 2011. Data 13/11/2011

Indagini di Customer Satisfaction. Museo Napoleonico. Settembre Ottobre 2011. Data 13/11/2011 Data 13/11/2011 Indagini di Customer Satisfaction Museo Napoleonico Settembre Ottobre 2011 Indice Il documento si articola nei seguenti capitoli: Premessa e nota metodologica Sintesi dei risultati Medie

Dettagli

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società Cooperativa Sociale Sette COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società cooperativa Sociale sette ONLUS Cascina Segrona, Mairano di Noviglio 20082 (MI) Tel: 02.900.61.32 Fax:

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Sistemi Internazionali di classificazione dei disturbi mentali Il

Dettagli

La qualità della vita lavorativa nei call center

La qualità della vita lavorativa nei call center La qualità della vita lavorativa nei call center Obiettivi, metodologia di ricerca e descrizione del campione di Sergio Mauceri (Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Sapienza Università di Roma)

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Giovanna Sasso Via Diomede n 16, 71036 Lucera (FG) Telefono 0881/547964 cell. 347 6940923-389/3453916

Dettagli

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L.

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Conferenza L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa 29/03/2012 Auditorium Aldo Moro Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Rivolta Recapiti Dottor Roberto Bonacina, urologo

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli