Anno scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno scolastico 2011-2012"

Transcript

1 Anno scolastico DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE VA LINGUISTICO Parte A - Informazioni e valutazioni del Consiglio di classe A1 Notizie sulla composizione e sulla storia della classe Presentazione della classe - dimensioni e composizione: N alunni: 22 Maschi: 2 Femmine: 20 Percorso formativo Anno Scolastico Iscritti allo stesso corso Provenienti da altro corso, da altro indirizzo o da altro istituto Ripetenti Promossi Non Promossi Ritirati o trasferiti IA IB IIA IIB IIIA IVA Eventuali note: Come si evince dalla tabella, l attuale classe V è il risultato dell accorpamento di due classi seconde avvenuto nel 3 anno Modalità di recupero attivate dall Istituto e/o dal Consiglio di Classe nel corso della classe 5ª: Materie Corso di recupero Sportello didattico Altre modalità* Italiano SI Latino Inglese SI Francese SI Tedesco SI Scienze SI Fisica SI Matematica SI Educazione fisica Disegno Storia Filosofia SI *Recupero in itinere e studio individuale 1

2 Composizione del Consiglio di Classe e continuità didattica Materia Docente Continuità didattica nel triennio 3 anno 4 anno 5 anno IRC Casali Marco Italiano Zanini Silvia Latino Zanini Silvia Inglese Gentili Daniela Storia Luzzago Francesco Filosofia Luzzago Francesco Scienze Peschiera Maria Antonella Fisica Tegazzini Claudio Matematica Tegazzini Claudio Educazione fisica Tagliani Marina Disegno Moretti Michelina Francese Desenzani Giuliana Tedesco Comunian Fiorenza 1. Situazione della classe A2 Notizie sulla programmazione PERCORSO FORMATIVO Obiettivi trasversali comportamentali individuati dal C.d.C. e loro raggiungimento: Obiettivi Impegno Frequenza Interesse Partecipazione Legenda: 1= marcatamente discontinuo; 2= discontinuo ; 3= accettabile ; 4= buono ; 5= ottimo 2. Obiettivi trasversali cognitivi individuati dal C.d.C. e loro raggiungimento : Conoscenze Abilità Competenze Acquisizione di contenuti, cioè teorie e principi, concetti, termini, argomenti, regole, procedure, metodi Applicazione di conoscenze per portare a termine compiti e risolvere problemi Utilizzazione delle conoscenze e abilità acquisite per eseguire specifici compiti e/o risolvere situazioni problematiche anche in contesti nuovi Legenda: 1= gravemente insufficiente; 2= insufficiente ; 3= sufficiente ; 4= discreto ; 5= buono ; 6= ottimo 2

3 Criteri di valutazione concordati dal Consiglio di classe in riferimento a quelli approvati dal Collegio dei docenti Griglia di valutazione approvata ed utilizzata dal Consiglio di Classe per la normale valutazione curricolare e per le simulazioni delle prove d'esame Voto in Descrizione Giudizio /10 / Profondità dei concetti esposti, spiccata e sicura capacità di argomentazione supportata da buona documentazione. Esposizione completa, rielaborazione personale e critica. Profondità dei concetti esposti, spiccata capacità di argomentazione supportata da buona documentazione. Esposizione completa e rielaborazione personale. Conoscenze approfondite, sicurezza nell'esposizione, competenza concettuale. Buone capacità di rielaborazione personale e di argomentazione. Abilità e conoscenze previste conseguite con una certa sicurezza nelle applicazioni; capacità di argomentazione e chiarezza espositiva. lavoro diligente. Possesso dei requisiti di base di ogni disciplina. Capacità di procedere nelle applicazioni pur con qualche errore o imprecisione. Esposizione accettabile. Incerta acquisizione di elementi essenziali, competenze non del tutto consolidate con presenza di lacune e/o insicurezze. Argomentazione talvolta incompleta, qualche difficoltà nell'esposizione. Mancata acquisizione di alcuni elementi essenziali; competenze poco consolidate con lacune e marcate insicurezze. Argomentazione parziale o difficoltosa. Mancata acquisizione degli elementi essenziali; competenze del tutto inadeguate, difficoltà nelle applicazioni con risultati erronei e gravi lacune. Processo di apprendimento non in atto, competenze inconsistenti o nulle. Mancato svolgimento o rifiuto e indisponibilità a verifiche o interrogazioni. Eccellente Ottimo Buono Discreto Sufficiente Insufficiente Gravemente insufficiente Totalmente insufficiente A3 Notizie sulle attività educativo-didattiche integrative svolte Attività svolte Viaggio di istruzione Partecipazione a conferenze Partecipazione a spettacoli / Film Progetti GLES Progetti POF Orientamento Descrizione Istituzioni europee con tappe a Strasburgo, Bruxelles, Amsterdam e Norimberga. Incontro con il critico letterario Salvatore Nigro: Il principe fulvo. Incontro sulle foibe. Incontro per la presentazione del libro Il Risorgimento italiano a cura di G. Spini. Spettacolo in lingua inglese: The importance of being Earnest. Visione film Paragraph 175 in occasione della Giornata della memoria. Incontro con rappresentanti AVIS Andiamo a teatro Incontro Informagiovani : possibilità lavorative all estero. Alpha test 3

4 A4 Simulazione delle prove d esame Scheda informativa relativa alle prove integrate svolte durante l anno Il C.d.C. ha progettato e somministrato agli studenti una proposta di simulazione delle tre prove scritte d'esame con il seguente calendario: Data Durata Tipologia della prova Discipline coinvolte 16/04/12 6 ore Prima prova 17/04/12 6 ore Seconda prova Lingua straniera 20/04/12 2h30 Terza prova (tipologia B) Matematica, filosofia, due lingue straniere (diverse dalla lingua scelta per la seconda prova) In allegato: - I testi delle prove - Le griglie di valutazione delle singole prove 4

5 Parte B - Informazioni e valutazioni dei singoli docenti Per tutte le discipline la legenda relativa alle valutazioni medie è la seguente: 1= gravemente insufficiente; 2= insufficiente ; 3= sufficiente ; 4= discreto ; 5= buono ; 6= ottimo DISCIPLINA:ITALIANO DOCENTE: SILVIA ZANINI N ore settimanali: 4 N 101 ore effettivamente svolte al 15 maggio nell'a.s : OBIETTIVI DIDATTICI CONSEGUITI MEDIAMENTE DALLA CLASSE Conoscenze acquisite Apprendimento dei contenuti disciplinari x Acquisizione del lessico proprio della disciplina x Approccio critico ai testi letterari x Abilità sviluppate Sviluppo delle doti di analisi critica x Comprensione del significato del messaggio letterario e della sua funzione Espressione del proprio pensiero con rigore logico e proprietà di lessico x x Competenze raggiunte Adeguamento del registro linguistico a situazioni diverse x Conduzione dell'analisi di un testo letterario in relazione agli aspetti stilistici,strutturali e di contenuto x Formulazione di ipotesi interpretative e loro giustificazione x Legenda: 1 = gravemente insufficiente; 2 = insufficiente; 3 = sufficiente; 4 = discreto; 5 = buono; 6 = ottimo. 5

6 CONTENUTI Quadro di riferimento dell età napoleonica: Strutture politiche, sociali ed economiche; le ideologie; gli intellettuali; Neoclassicismo e Preromanticismo. AUTORE: UGO FOSCOLO Lettura analisi Dei sepolcri. Quadro di riferimento del Risorgimento: aspetti generali del Romanticismo europeo; lettura di un microsaggio sul romanzo nero ; la concezione dell arte e della letteratura nel Romanticismo europeo; il movimento romantico in Italia e la polemica classicoromantica. AUTORE: MADAME DE STAEL Lettura e analisi del testo Sulla maniera e l utilità delle traduzioni. AUTORE: PIETRO GIORDANI Lettura e analisi del testo Un italiano risponde al discorso della Staël. AUTORE: GIOVANNI BERCHET Lettura e analisi del testo La poesia popolare. AUTORE: ALESSANDRO MANZONI Vita e pensiero poetica dell autore; Lettera sul Romanticismo Lirica patriottica e civile: Il cinque maggio ; Marzo 1821 Coro dell atto III de l Adelchi. AUTORE: GIACOMO LEOPARDI Vita opere pensiero e poetica; Dallo Zibaldone: la poetica del vago e dell'indefinito La teoria del piacere. Dalle Operette morali: Dialogo della natura e di un islandese ; Dialogo di Tristano e di un amico. Dai Canti: L' infinito A Silvia ; La quiete dopo la tempesta ; Il sabato del villaggio ; Il passero solitario ; A se stesso. Quadro di riferimento dell età postunitaria: Strutture politiche, sociali ed economiche; le ideologie; posizione sociale e ruolo degli intellettuali; la lingua. - LA Scapigliatura: microsaggio sulla bohème parigina. 6

7 AUTORE: IGINO UGO TARCHETTI Lettura integrale di Fosca. Naturalismo francese e Verismo italiano AUTORE: GIOVANNI VERGA La poetica del Verismo italiano; la tecnica narrativa di Verga; l ideologia verghiana; il verismo di Verga e il naturalismo zoliano; lo svolgimento dell opera verghiana; microsaggio su lo straniamento ; Prefazione Amante di gramigna ; Rosso malpelo ; La lupa ; riassunto de I Malavoglia e lettura ed analisi della Prefazione e dei capitoli I, IV, I e V del romanzo. Microsaggio Lotta per la vita e darvinismo sociale. Quadro i riferimento del Decadentismo: l origine del termine decadentismo; la visione del mondo decadente; la poetica del decadentismo; temi della letteratura decadente. AUTORE: GABRIELE D ANNUNZIO Vita dell autore; l estetismo e la sua crisi; le Laudi ; lettura della novella Dalfino tratta da Terra vergine ; un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Muti e una fantasia in bianco maggiore tratte da Il piacere ; La sera fiesolana ; La pioggia nel pineto ; La prosa notturna. AUTORE: GIOVANNI PASCOLI Vita dell autore, la poetica, le raccolte poetiche; Arano ; L assiuolo ; agosto ; Il vischio ; La digitale purpurea ; Il gelsomino notturno ; lettura del microsaggio La vegetazione malata del decadentismo. AUTORE: ITALO SVEVO Vita dell autore; la cultura di Svevo; riassunto dei romanzi Una vita e Senilità ; lettura integrale de La coscienza di Zeno. AUTORE: LUIGI PIRANDELLO Vita dell autore; la poetica: l umorismo; Il treno ha fischiato ; La cariola. Lettura integrale del Il fu Mattia Pascal. Quadro di riferimento dei primi anni del novecento. La stagione delle avanguardie: I futuristi. AUTORE: FILIPPO TOMMASO MARINETTI II manifesto tecnico della letteratura futurista La lirica del primo novecento. L'Ermetismo 7

8 AUTORE: SALVATORE QUASIMODO Ed è subito sera ; Alle fronde dei salici. AUTORE: UMBERTO SABA Vita dell autore;la linea antinovecentista, carattteristiche formali della produzione poetica; i temi della sua poesia; A mia moglie ; Città vecchia ; Amai ; La capra. AUTORE: GIUSEPPE UNGARETTI Vita dell autore; La rivoluzione metrica. In memoria ; Veglia ; San Martino del Carso ; Soldati ; Il porto sepolto ; Mattina. AUTORE: EUGENIO MONTALE I limoni ; Non chiederci parola ; Spesso il male di vivere ho incontrato Cigola la carrucola del pozzo ; Primavera hitleriana. DIVINA COMMEDIA PARADISO : canti Riassunto canto 12. METODI DI INSEGNAMENTO Lezione frontale,lettura analisi e commento di testi letterari. Lettura guidata e individuale di testi di critica letteraria,conversazioni guidate, discussioni, collegamenti interdisciplinari. MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO Libri di testo, fotocopie. VERIFICA E VALUTAZIONE Nella formulazione del giudizio valutativo si è considerato il livello di partenza delll'alunno, gli obiettivi prefissati, l'interesse, la partecipazione al dialogo educativo. La quantificazione dei voti è stata condotta secondo i criteri fissati nel POF. TESTI IN ADOZIONE Baldi- Giusso-Razetti-Zaccaria La letteratura vol Paravia 8

9 DOCENTE: SILVIA ZANINI DISCIPLINA:LATINO N ore settimanali: 3 N 48 ore effettivamente svolte al 15 maggio nell'a.s : OBIETTIVI DIDATTICI CONSEGUITI MEDIAMENTE DALLA CLASSE Conoscenze acquisite Conoscenza delle strutture della lingua latina x Conoscenza del mondo e della civiltà latina attraverso testi d' autore x abilità maturate Competenza di resa in italiano dopo opportuno orientamento nel testo x Competenza riespositiva in rapporto alla comprensione, al riassunto e al commento dei testi in latino o in traduzione proposti x Competenze raggiunte Saper operare confronti e collegamenti x Saper cogliere nei testi l'originalità e il valore sul piano storico, nonché i tratti specifici della personalità dell'autore Saper riconoscere i rapporti del mondo latino con la cultura moderna x x Legenda: 1 = gravemente insufficiente; 2 = insufficiente; 3 = sufficiente; 4 = discreto; 5 = buono; 6 = ottimo. CONTENUTI Secondo le indicazioni del programma Brocca e stato individuato un percorso tematico che prevede la trattazione del testo filosofico attraverso una scelta antologica di opere(in originale e in traduzione) di Lucrezio, Seneca, Agostino. Gli autori trattati sono stati opportunamente inseriti nelle linee generali della storia e della letteratura latina. 9

10 AUTORE: LUCREZIO Il profilo dell autore: la vita, l opera. l epicureismo di Lucrezio, le fonti e i modelli la poetica, la lingua e lo stile. De Rerum Natura : Dal I libro, 1-20, Inno a Venere, la dea dell amore che muove la natura; Dal I libro, 21-43, Venere e il suo divino amante; Dal I libro, 62-79, Epicuro, «soccorritore» degli uomini; Dal I libro, , Ifigenia, vittima della superstizione; Dal II libro, 1-46, Il saggio epicureo: contemplare il naufragio della terraferma; Dal VI libro, , La peste di Atene. AUTORE: SENECA Il quadro storico: la dinastia giulio-claudia, l età dei Flavi e gli imperatori di adozione. Il profilo dell autore: la vita, le opere, l opera e l ambiente, la lingua e lo stile. Percorsi e testi svolti: Primo percorso Il perfezionamento individuale. - Da le Epistulae ad Lucilium, I lettera, Vindica te tibi; - Da le Epistulae ad Lucilium, VII lettera, 6-9, Recede in te ipse; - Da le Epistulae ad Lucilium, CI, 8-10, Saldare ogni giorno i conti con la vita; - Dal De ira, III libro, 1-2, Vincere la passione; - Dal De brevitate vitae, 14-15, La conquista della serenità. Secondo percorso Il rapporto con gli altri. Da le Epistulae ad Lucilium, VI lettera, 1-4, La volontà di giovare; Da le Epistulae ad Lucilium, VII lettera, 1-5, Il contagio della folla; Da le Epistulae ad Lucilium, VL lettera, 1-5, Gli schiavi: servi sunt, immo homines; Da le Epistulae ad Lucilium, VIIL lettera, 16-21, Gli schiavi: un problema di finezza morale. (solo traduzione) AUTORE: AGOSTINO Il quadro storico: un secolo di disordine e anarchia, la crisi del III secolo e la tarda antichità. Nascita e diffusione del cristianesimo: le origini del cristianesimo e la reazione al cristianesimo. La letteratura latina cristiana: la latinizzazione del cristianesimo, l apologetica e lo sviluppo della letteratura e del pensiero cristiano nella patristica. Il profilo dell autore: la vita, le opere, il pensiero: una sintesi di paganesimo e cristianesimo, la lingua e lo stile. Percorsi e testi svolti dalle Confessiones: 10

11 Primo percorso Peccati e miserie di gioventù. - Dal II libro, 4,9 e 6,12, Una bravata di Agostino ragazzo: il furto delle pere; - Dal III libro, 1,1, Voglia di amare. Secondo percorso Dall insoddisfazione di sé alla conquista della fede. - Dal III libro, 4,7, Come la lettura di un testo pagano può avviare alla conversione; - Dal VIII libro, 12,28-29, La scena del giardino. METODI DI INSEGNAMENTO Lezione frontale, lettura collettiva, traduzione e analisi guidata, discussione guidata. MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO Libri di testo, fotocopie,dizionario. VERIFICA E VALUTAZIONE Sono state effettuate verifiche scritte ed orali. Per verifiche scritte sono state proposte sia la traduzione di un testo noto d'autore, sia questionari a risposta aperta, per misurare non tanto l'abilità traduttiva quanto la capacità di orientarsi nell'analisi di un testo(individuazione della struttura compositiva, riflessione sugli argomenti formali e sulle caratteristiche del genere letterario), la capacità di collocarlo in un preciso contesto storico e all'interno di un percorso tematico. I voti, dall'uno al dieci sono stati stabiliti secondo i criteri di valutazione del POF. TESTI IN ADOZIONE Roncoroni-Gazich, Exempla humanitatis,carlo Signorelli editore. 11

12 DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: N ore settimanali: 3 N ore effettivamente svolte al 15 maggio nell'a.s : 75 OBIETTIVI DIDATTICI CONSEGUITI MEDIAMENTE DALLA CLASSE Conoscenze acquisite Conoscere i principali eventi, problemi, processi e la loro articolazione all interno del periodo storico analizzato utilizzando il linguaggio storico specifico. Conoscere le strutture storiche fondamentali e la loro articolazione all interno del periodo storico studiato: società e politica, mentalità, idee e valori economia, tecnica e innovazioni territorio e popolazione. Conoscere le istituzioni e i fondamenti della vita sociale, civile e politica del periodo analizzato. Abilità sviluppate Classificare dati e eventi riferendoli alle strutture storiche Ricostruire lo sviluppo diacronico e le connessioni sincroniche relative ai problemi storici studiati Competenze raggiunte Saper usare in modo corretto le terminologia specifica attraverso la quale esporre e discutere in maniera coerente fatti, idee e problemi relativi al periodo storico studiato Saper leggere un documento rintracciandovi le informazioni principali Legenda: 1 = gravemente insufficiente; 2 = insufficiente; 3 = sufficiente; 4 = discreto; 5 = buono; 6 = ottimo. CONTENUTI Moduli essenziali: per i riferimenti specifici si rimanda al programma dell anno depositato in segreteria 12

13 MODULI Modulo 1 La seconda rivoluzione industriale e la preparazione alla I guerra mondiale Prima guerra mondiale Modulo 2 Il fascismo in Italia Modulo 3 Europa e mondo tra le due guerre Il nazionalsocialismo in Germania Modulo 4 La seconda guerra mondiale Modulo 5 Il mondo dopo la guerra Il nostro tempo CONCETTI ESSENZIALI Classe operaia e socialismo - Borghesia e nazionalismo - L imperialismo - L età giolittiana Gli esordi della guerra - L intervento dell Italia - Guerra rivoluzione - Un difficile dopoguerra La presa del potere La costruzione dello stato totalitario Il partito nazionale fascista Cultura e società La politica economica La politica estera Il Giappone La Cina Il mondo coloniale La guerra di Spagna Il New Deal Il nazismo Lo stalinismo L attacco nazista L Italia in guerra La guerra totale I lager e lo sterminio degli Ebrei Prime sconfitte dell asse Il crollo del fascismo La resistenza La guerra fredda - La bomba atomica e l equilibrio del terrore L Italia della ricostruzione - Decolonizzazione e sviluppo - I due blocchi Nuove gerarchie mondiali METODI DI INSEGNAMENTO Il metodo è stato fondato su due direttrici: Lezioni frontali e/o lezioni partecipate e attività di approfondimento con lavori di gruppo. MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO Utilizzo del libro di testo, fotocopie articoli, con materiale audiovisivo e navigazione su Internet. 13

14 VERIFICA E VALUTAZIONE Interrogazione orale formativa e/o sommativa, verifica scritte a risposta chiusa ed aperta, tavola rotonda. Valutazione su tabella con voti da uno a dieci TESTI IN ADOZIONE Valerio Castronovo Un mondo al plurale vol. 3a 3b La nuova italia DISCIPLINA: FILOSOFIA DOCENTE: Francesco Luzzago N ore settimanali: 3 N ore effettivamente svolte al 15 maggio nell'a.s : 68 OBIETTIVI DIDATTICI CONSEGUITI MEDIAMENTE DALLA CLASSE Conoscenze acquisite Conoscere i principali autori, correnti, scuole di pensiero e la loro articolazione all interno del periodo filosofico analizzato Conoscere le strutture filosofiche fondamentali e la loro articolazione all interno della storia della filosofia: società e politica, mentalità, idee e valori esistenziali Conoscere il significato dei termini specifici del linguaggio filosofico e gli strumenti specifici della disciplina: testi di autori, opere di critica Abilità sviluppate Riproporre il percorso di riflessione filosofica proposto dagli autori esaminati Descrivere e spiegare in modo coerente e organico, collocandoli nel loro contesto, la vita e le opere degli autori studiati Competenze raggiunte Saper usare in modo corretto le terminologia specifica attraverso la quale esporre e discutere in maniera coerente fatti, idee e problemi relativi all argomento filosofico studiato Saper leggere un testo rintracciandovi i collegamenti logico critici principali Legenda: 1 = gravemente insufficiente; 2 = insufficiente; 3 = sufficiente; 4 = discreto; 5 = buono; 6 = ottimo. 14

15 CONTENUTI Moduli essenziali: per i riferimenti specifici si rimanda al programma dell anno depositato in segreteria MODULIEI Modulo 1: La filosofia dell'illuminismo I. Kant Sensibilità, intelletto, ragione Morale Sentimento Modulo 2: L idealismo J. Fichte W.J.Shelling TEMI FONDAMENTALI E CONCETTI ESSENZIALI Modulo 3: La filosofia come attività chiarificatrice Modulo 4: La filosofia del comunismo Modulo 5: Il positivismo, lo spiritualismo Modulo 6: Il pensiero filosofico tra 800 e 900 I parte Modulo 7: Il pensiero filosofico tra 800 e 900 II parte Modulo 7: Esempi di filosofia del 900 G.W. Hegel L idea come sviluppo della libertà Nascita e sviluppo della dialettica Limiti del sistema idealistico A. Schopenhauer Sensazioni, volontà e pessimismo S. Kierkegaard Esistenza e angoscia K. Marx Il manifesto del partito comunista La concezione materialistica della storia Il plusvalore La rivoluzione proletaria Il socialismo scientifico A. Comte La classificazione delle scienze La nascita della sociologia F. Nietzsche Apollineo e dionisiaco Il nichilismo La morte di Dio Il Superuomo M. Heidegger Il primo Heidegger e l'esistenzialismo K. Popper La nuova filosofia della scienza 15

16 METODI DI INSEGNAMENTO Il metodo è stato fondato su due direttrici: Lezioni frontali e/o lezioni partecipate e attività di approfondimento con lavori di gruppo. MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO Utilizzo del libro di testo, fotocopie articoli, con materiale audiovisivo e navigazione su Internet. VERIFICA E VALUTAZIONE Interrogazione orale formativa e/o sommativa, verifica scritte a risposta chiusa ed aperta, tavola rotonda. Valutazione su tabella con voti da uno a dieci TESTI IN ADOZIONE N. Abbagnano G. Fornero Il nuovo protagonisti e testi della filosofia voll. 3A/3b Paravia 16

17 DISCIPLINA: INGLESE DOCENTE: DANIELA GENTILI N ore settimanali: 3 (*) N ore effettivamente svolte al 15 maggio nell'a.s : 80 (*) di cui una in compresenza con Docente Madrelingua OBIETTIVI DIDATTICI CONSEGUITI MEDIAMENTE DALLA CLASSE Conoscenze acquisite Conoscenza del lessico e delle strutture morfo-sintattiche della lingua, riferiti a diverse situazioni comunicative e a diversi contesti. Conoscenza dei metodi e della terminologia dell analisi testuale, anche applicata a testi di carattere letterario. Conoscenza degli argomenti affrontati durante l anno e in particolare dei periodi, degli autori, delle tematiche e delle opere analizzate. Abilità sviluppate Comprensione globale, mirata e specifica di testi orali e scritti di vario genere riferiti a contesti noti o alle tematiche affrontate. Capacità di comunicare in maniera adeguata agli interlocutori e al contesto per riferire, descrivere, argomentare. Capacità di produrre testi scritti articolati e precisi per riassumere, esporre, esprimere opinioni, sostenere una tesi. Competenze raggiunte Capacità di riflettere su situazioni e fenomeni per analizzare, operare confronti, fare collegamenti. Capacità di decodificare e rielaborare in modo personale in attività guidate o in relazione ad argomenti noti. Capacità di trasferire quanto appreso a contesti diversi sotto la guida dell insegnante. Legenda: 1 = gravemente insufficiente; 2 = insufficiente; 3 = sufficiente; 4 = discreto; 5 = buono; 6 = ottimo. 17

18 CONTENUTI A. LETTERATURA The Victorian Age The historical context The Victorian Compromise, The Age of Expansion and Reforms The literary context The Victorian Novel, Aestheticism and Decadence Charles Dickens R.L. Stevenson Thomas Hardy Suicide Oscar Wilde The Modern Age Hard Times Trama e personaggi principali; Letture: A Town of Red Brick, A Man of Realities Oliver Twist Trama e personaggi principali; Film di Roman Polanski, 2005 The Strange Case of Dr Jekyll and Mr Hyde Trama e personaggi principali; Lettura: Jekyll s Experiment Jude the Obscure Trama e personaggi principali; Lettura: The Picture of Dorian Gray, Trama e personaggi principali; Lettura dell opera. The historical context Two World Wars and After The literary context The Modern Novel and the Stream of Consciousness D.H. Lawrence Sons and Lovers, Trama e personaggi principali; Letture: Mr and Mrs Morel, Mother and Son James Joyce Dubliners, Struttura dell opera; Lettura: Eveline Ulysses Struttura dell opera; Letture: The Funeral, Molly s Monologue (esempio di tecnica narrativa) Virginia Woolf To the Lighthouse Trama e personaggi principali; Lettura: My Dear stand Still Mrs Dalloway, Trama e personaggi principali; Lettura: Clarissa and Septimus War Poets Rupert Brooke, The Soldier Wilfred Owen, Dulce et Decorum est William Butler Yeats The Second Coming T.S. Eliot The Waste Land Struttura dell opera; Letture da: The Burial of the Dead, The Fire Sermon, What the Thunder Said George Orwell Animal Farm Trama e personaggi principali 1984 Temi B. DOCENTE MADRELINGUA Le ore in compresenza con la docente Madrelingua sono state dedicate a vari temi di attualità, prendendo spunto da notizie, filmati, articoli che sono stati analizzati considerando sia gli aspetti linguistico-lessicali che culturali. I testi proposti sono serviti ad approfondire la conoscenza di argomenti di attualità, ma anche per svolgere attività di comprensione e per esercitarsi nella produzione scritta e orale, in particolare su testi espositivi e argomentativi. Nel secondo quadrimestre sono state analizzate alcune poesie contemporanee: Ted Hughes, The Thought-Fox, Hawk Roosting Maria Mazziotti Gillan, Public School # 18: Paterson, New Jersey, I Dream of my Grandmother E. E. Cummings, bright e alcune scene dal film The Great Gatsby (1974) METODI DI INSEGNAMENTO E stata usata prevalentemente la lezione frontale con dialogo. Ci si è avvalsi sia del metodo induttivo che deduttivo. In ogni modulo di letteratura si è partiti da una breve introduzione storica per passare alla presentazione degli argomenti tramite testi, ascolti o filmati. Si è quindi proceduto alla comprensione di ciascun testo mediante lettura estensiva e intensiva, analisi dettagliata con sintesi e collegamenti extratestuali di tipo storico, sociale e letterario. In varie occasioni si è cercato di affiancare alla scelta 18

19 antologica offerta dal libro di testo altri materiali, per fornire agli studenti un quadro più ampio e più completo sulle opere, gli autori, le tematiche. MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO I testi in adozione sono stati integrati da altri materiali reperiti in Internet o da altri testi. Molte lezioni sono state svolte in classe con videoproiettore: questo ha consentito di usufruire di materiali audio, video, on-line. VERIFICA E VALUTAZIONE La verifica è stata svolta attraverso interrogazioni orali o prove scritte elaborate per lo più secondo la tipologia delle prove d esame. La valutazione è stata formulata tenendo in considerazione: il livello di conoscenza degli argomenti, il livello di comprensione del messaggio, l uso appropriato del lessico e del registro, la correttezza morfosintattica, l abilità produttiva, la capacità di autocorrezione. Per quanto riguarda il recupero, le ore dedicate alla revisione delle strutture linguistiche e alla revisione del testo scritto sono servite per il recupero in itinere. Erano disponibili le ore dello Sportello didattico, ma nessun allievo si è avvalso di tale opportunità. TESTI IN ADOZIONE Spiazza, Tavelli, Lit & Lab, Ed. Zanichelli Yule, Oxford Practice Grammar Advanced, Oxford U.P. 19

20 DISCIPLINA: FRANCESE (TERZA LINGUA) DOCENTE: GIULIANA DESENZANI N ore settimanali: 4 (*) N ore effettivamente svolte al 15 maggio nell'a.s : 107 (*) di cui una in compresenza con Docente Madrelingua OBIETTIVI DIDATTICI CONSEGUITI MEDIAMENTE DALLA CLASSE Conoscenze acquisite Conoscenza del lessico e delle strutture morfo-sintattiche della lingua, riferiti a diverse situazioni comunicative e a diversi contesti. Conoscenza dei metodi e della terminologia dell analisi testuale, anche applicata a testi di carattere letterario. Conoscenza degli argomenti affrontati durante l anno e in particolare dei periodi, degli autori, delle tematiche e delle opere analizzate. Abilità sviluppate Comprensione globale, mirata e specifica di testi orali e scritti di vario genere riferiti a contesti noti o alle tematiche affrontate. Capacità di comunicare in maniera adeguata agli interlocutori e al contesto per riferire, descrivere, argomentare. Capacità di produrre testi scritti articolati e precisi per riassumere, esporre, esprimere opinioni, sostenere una tesi. Competenze raggiunte Capacità di riflettere su situazioni e fenomeni per analizzare, operare confronti, fare collegamenti. Capacità di decodificare e rielaborare in modo personale in attività guidate o in relazione ad argomenti noti. Capacità di trasferire quanto appreso a contesti diversi sotto la guida dell insegnante. Legenda: 1 = gravemente insufficiente; 2 = insufficiente; 3 = sufficiente; 4 = discreto; 5 = buono; 6 = ottimo. GRAMMATICA: E stato completato lo studio(iniziato nel terzo anno)dei fondamentali contenuti morfo-sintattici e lessicali della lingua francese in modo da mettere l alunno in grado di reimpiegare le strutture in modo autonomo ed in risposta a richieste differenziate. TESTO IN ADOZIONE: Nouveau Prisme vol.2 ed. ZANICHELLI 20

21 LETTERATURA: La scelta degli autori è stata fatta all inizio dell anno scolastico tenendo conto non soltanto della rappresentatività degli stessi nell ambito delle diverse correnti letterarie che hanno caratterizzato il panorama francese nonché europeo negli ultimi due secoli, ma anche per esigenze di interdisciplinarietà. La lezione è stata prevalentemente incentrata sull analisi globale e analitica di testi letterari scelti tra i più rappresentativi della letteratura francese analizzandoli e collocandoli nel contesto storico-culturale, in un ottica comparativa con analoghe esperienze di lettura di testi italiani e delle altre letterature straniere studiate. In particolare si è dato spazio alle seguenti correnti letterarie: Romantisme, Réalisme, Naturalisme, Parnasse, Symbolisme, Décadentisme per quanto riguarda il I secolo. Per quanto riguarda il secolo, è stato dato uno sguardo più generale sulla letteratura francofona(durante l ora di conversazione )e sono stati approfonditi alcuni autori altamente rappresentativi quali Proust, Camus(con la lettura integrale del romanzo L Etranger )e Ionesco. * segue in allegato il programma dettagliato dei testi e dei brani analizzati in classe TESTI IN ADOZIONE: Doveri, Jeannine Au fil des pages ed. EUROPASS Doveri Anthologie de la diversité ed. EUROPASS METODI DI INSEGNAMENTO Funzionale-comunicativo Lezione frontale con dialogo Analisi guidate di testi letterari Ricerca individuale MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO I testi in adozione sono stati integrati da materiali videoregistrati o reperiti in altri testi e forniti alla classe su fotocopia. VERIFICA E VALUTAZIONE La verifica è stata svolta attraverso interrogazioni orali o prove scritte elaborate secondo la tipologia delle prove d esame (seconda e terza prova, tipologia A e B) affiancate, nel primo periodo dell anno scolastico, a verifiche di accertamento delle conoscenze grammaticali. Tempi e modalità di valutazione sono stati conformi alle deliberazioni del Consiglio di Classe ed ai criteri concordati dagli insegnanti di lingue straniere nel corso delle riunioni di dipartimento. La valutazione è stata formulata tenendo in considerazione: il livello di conoscenza degli argomenti, il livello di comprensione del messaggio, l uso appropriato del lessico e del registro, la correttezza morfosintattica, l abilità produttiva, la capacità di autocorrezione, la partecipazione alle lezioni con interventi pertinenti e costruttivi. Il recupero delle carenze è stato effettuato in itinere mediante la regolare correzione in classe dei testi delle verifiche con revisione delle strutture linguistiche e la correzione individuale di lavori di produzione scritta presentati dagli alunni stessi. 21

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli