ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO"

Transcript

1 ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO 1. Introduzione Quota e livello sono termini generici riferiti alla posizione verticale di un aereo in volo che indicano, a seconda dei casi, un altezza, un altitudine o un livello di volo. L altezza è la distanza verticale di un aereo misurata da un riferimento posto su uno specifico punto dell aeroporto; una eguale misura à chiamata altitudine quando la distanza è riferita al livello medio del mare (MSL, Mean Sea Level). Il livello di v olo, a completamento dei tre valori impiegati nelle procedure di volo, indica approssimativamente l altezza tra due isobare, quella sulla quale si trova a volare l aeromobile e l altra di riferimento avente valore standard di 1013 hpa. Lo strumento di cui si serve il pilota per stabilire la propria quota è, generalmente, l altimetro barometrico. 2. L altimetro L'altimetro barometrico più diffuso è costituito da un involucro il quale, attraverso la presa statica del tubo di Pitot, è in comunicazione con l'ambiente aria nel quale l'aeromobile vola. Entro l'involucro è posta una capsula aneroide, associata ad una molla antagonista; al suo interno è stato fatto il vuoto. La capsula ha una delle sue facce fissata all'involucro, mentre l'altra è libera di espandersi e comprimersi in funzione della pressione esterna: quando l aeromobile sale la pressione atmosferica diminuisce e pertanto la capsula si dilata: invece, quando l aeromobile scende la pressione atmosferica aumenta e la capsula si contrae fino a raggiungere la condizione di riposo quando l aeromobile si trova sulla superficie isobarica presa a riferimento (QNH, QFE o hpa). Il valore che si legge nelle finestrelle degli altimetri (disposte in basso o, nei sistemi moderni, su un lato del quadrante), indica la pressione barometrica sulla quale è regolato lo strumento (inserita attraverso un apposito pomello dello strumento). L'altimetro ha tre indici (normalmente lancette) che ruotano man mano che la capsula si dilata o si comprime. La lancetta più lunga segna le CENTINAIA di piedi, e fa un giro del quadrante ogni piedi. La lancetta più corta ha un rapporto di trasmissione demoltiplicato di 10 volte rispetto a quella più lunga, per cui segna le MIGLIAIA di piedi. Essa compie un giro mentre la lancetta delle centinaia ne fa dieci. La terza lancetta, più sottile e terminante con un triangolino, segna le DECINE DI MIGLIAIA di piedi essendo il suo rapporto di trasmissione ulteriormente demoltiplicato di 10 volte rispetto alla lancetta delle migliaia (vedi disegno). L altimetro barometrico

2 DEFINIZIONI ALTEZZA (HEIGHT) - Distanza v erticale di un l ivello, un pu nto o un o ggetto c onsiderato c ome pu nto, misurata da uno specifico dato di riferimento. ALTITUDINE (ALTITUDE) - Distanza verticale di un livello, un punto o un oggetto considerato come punto, misurata dal livello medio del mare (MSL). ELEVAZIONE (ELEVATION) - Distanza verticale di un punto o di un livello che si trova sulla superficie della terra o è vincolato ad essa, misurata dal livello medio del mare. ELEVAZIONE AEROPORTUALE (AERODROME ELEVATION) - Elevazione del punto più alto dell'area di atterraggio. REGOLAGGIO ALTIMETRICO STANDARD (STANDARD ALTIMETER SETTING) - Regolazione della scala barometrica di un altimetro di precisione sul valore di hpa, che porterà l'indice dello strumento ad indicare zero al livello medio del mare ed in atmosfera standard ICAO. LIVELLO (LEVEL) - Termine generico riferito alla posizione verticale di un ae romobile in volo che indica indifferentemente altezza, altitudine o livello di volo. LIVELLO DI VOLO (FLIGHT L EVEL) - Superficie di pr essione at mosferica c ostante r iferita ad un o specifico valore di pressione, hectopascals (hpa), e separata da altre analoghe superfici da specifici intervalli di pressione. LIVELLO DI CROCIERA (CRUISING LEVEL) - Livello mantenuto per una parte significativa del volo. ALTITUDINE DI TRANSIZIONE (TRANSITION A LTITUDE) - Altitudine a lla q uale o a l di s otto della quale la posizione verticale di un aeromobile è espressa in termini di altitudini. LIVELLO DI TRANSIZIONE (TRANSITION LEVEL) - Il livello di volo più basso che può essere utilizzato al di sopra dell altitudine di transizione. STRATO DI TRANSIZIONE (TRANSITION LAYER) - Spazio aereo compreso tra l'altitudine di transizione ed il livello di transizione. 3. Regolaggio dell altimetro Generalità - Regolare un altimetro significa inserire nell'altimetro un dato di pressione per avere la corrispondente lettura di distanza verticale che può essere espressa in termini di altezza, altitudine o livello di volo, come già specificato in precedenza. Gli altimetri barometrici aeronautici, allo scopo di evitare operazioni di conversione di pressioni in altezze, forniscono direttamente la distanza verticale dell'aeromobile rispetto al dato di riferimento (QNH, QFE oppure 1013,2 hpa). Inserire uno dei suddetti dati di riferimento nello strumento significa operare un "regolaggio". È opportuno notare che le operazioni di regolaggio altimetrico si ottengono mediante la taratura degli altimetri e visto che nella realtà la variazione della pressione atmosferica con l'altezza non è costante, viene stabilita, ai fini della suddetta taratura, una relazione fissa "pressione - altezza" basata su una "atmosfera tipo". L'atmosfera tipo è una atmosfera rappresentativa della media delle differenti condizioni atmosferiche trovate nelle varie parti del mondo. Internazionalmente, essa è definita come quella atmosfera in cui alle medie latitudini (circa 45 ): a) l'aria è completamente secca; b) la temperatura al livello del mare è di 15 C (59 F); c) la pressione al livello del mare è di 760 millimetri (29,92 pollici) di mercurio (1013,2 hpa); d) il decremento verticale della temperatura è di 6,5 per ogni metri fino alla temperatura di -56,5. Tipi di regolaggio - Per predisporre l'altimetro affinché consenta di leggere il tipo di distanza verticale desiderata si deve inserire il relativo dato di pressione, identificato con le abbreviazioni, derivate dal codice Q, QFE, QNH e Standard hpa. In base a tali valori si hanno tre tipi di regolaggio: - Regolaggio QFE; - Regolaggio QNH; - Regolaggio Standard.

3 Regolaggio QFE: pressione atmosferica al livello ufficiale dell'aeroporto. Inserendo nell'altimetro tale dato, quando l aeromobile è in volo nelle vicinanze dell aeroporto si leggono altezze; sulla pista si legge zero. Regolaggio QNH: pressione esistente sulla stazione meteorologica designata a fornire tale dato, ricondotta al livello del mare con tabelle di aria standard. Inserendo nell'altimetro questa pressione, in volo si leggerà l'altitudine dell'aeromobile rispetto al livello del mare; quando l'aeromobile è sull'aeroporto si leggerà l'elevazione dell'aeroporto. Se la stazione è al livello del mare il QNH corrisponde al QFE. Regolaggio Standard: pressione ideale esistente al livello del mare. Inserendo nell'altimetro tale dato in volo si leggono altitudini di pressione. Mantenendo costante l'altitudine di pressione si segue un livello di volo. L aeromobile, seguendo una parallela dell'isobara 1013,2 hpa ad un determinato livello di volo, procederà lungo un percorso modulato, senza avere però la possibilità di conoscere riferimenti diversi dalla distanza verticale dal livello di volo zero. Il regolaggio standard, tuttavia, offre il grande vantaggio di essere sempre lo stesso nel tempo e nello spazio, per cui è di utile impiego per quelle procedure, quale la separazione verticale degli aeromobili, nelle quali non è essenziale la distanza verticale dell'aeromobile dalla superficie terreste, bensì la distanza tra un aeromobile ed un altro. Questo regolaggio trova applicazione, al di sopra dell'altitudine di transizione, ove istituita, e, ove questa non fosse istituita, ad una quota superiore ai piedi al di sopra del terreno o dell acqua. Esso trova applicazione, inoltre, per atterrare su aeroporti con elevazione superiore alla capacità che ha la scala barometrica dell'altimetro di essere impostata su valori di pressione (QFE) corrispondenti a tali elevazioni (come, ad esempio, per gli aeroporti di Lima, Città del Messico, Addis Abeba). Sistema dei livelli di volo - Per livello di v olo si intende una superficie di pressione atmosferica costante riferita alla superficie isobarica di 1013,25 hpa. Per livelli d i v olo si intendono superfici di pressione atmosferica costante riferiti alla superfice isobarica di 1013,25 hpa e distanziati tra loro da specifici intervalli di pressione. Il minimo intervallo di pressione corrisponde a 500 ft. Il livello di volo zero è posto in corrispondenza della superficie di pressione di hpa ed i successivi livelli di volo sono separati da intervalli di pressione corrispondenti a 500 ft in aria tipo. I livelli di volo sono numerati come da seguente specchio; a fianco di ciascun livello è indicata, in piedi, la corrispondente altezza in atmosfera standard. NUMERO LIVELLO DI VOLO ALTEZZA IN ATMOSFERA STANDARD Piedi (Feet) Metri (Metres) (300) (450) (600) (750) (900) (1050) (1200) (1350) (1500) (3050) (4550) (6100) (15250)

4 4. Procedure per il regolaggio degli altimetri Generalità - Le procedure trattate successivamente descrivono i metodi in uso per assicurare una adeguata separazione verticale tra aeromobili ed una adeguata separazione verticale dagli ostacoli durante tutte le fasi del volo. Tali metodi si basano sui seguenti principi: - durante il volo in rotta, un aeromobile vola per livelli di volo, ottenuti con regolaggio altimetrico standard: conseguentemente durante questa fase di volo la posizione verticale dell'aeromobile è espressa in termini di livelli di volo; - durante il volo in ambito aeroportuale, il pilota deve poter disporre del QNH o, a richiesta, del QFE. Impiegando livelli di volo in rotta, il problema che si pone nell'ambito aeroportuale è la transizione dal regolaggio di rotta a quello di avvicinamento e atterraggio, e viceversa. In queste transizioni entrano in gioco l'altitudine di transizione, il livello di transizione e lo strato di transizione. Altitudine di transizione - Per ogni aeroporto deve essere specificata un'altitudine di transizione che deve essere pubblicata nell'aip ed indicata nella cartina di avvicinamento strumentale. L'altitudine di transizione è l'altezza al disopra dell'altitudine dell'aeroporto in corrispondenza della quale ed al disotto della quale la separazione verticale degli aeromobili è riferita in termini di altitudini. Tale altitudine deve essere la più bassa possibile, tenendo presente tutte le considerazioni di carattere operativo; essa è pubblicata in AIP, parte ENR 1.7, per ciascun aeroporto aperto al traffico aereo commerciale internazionale. In Italia l altitudine di transizione non può essere inferiore a 3000 ft. Livello di transizione - E' il più basso livello di volo usabile al disopra dell'altitudine di transizione. La separazione verticale degli aeromobili al disopra di tale livello è espressa in termini di livelli di volo. Il livello d i tr ansizione in uso viene determinato per ciascun aeroporto in base al QNH locale del momento e, normalmente, viene comunicato agli aeromobili nelle autorizzazioni all'avvicinamento ed all'atterraggio emesse dagli Enti ATC. Strato di transizione - È lo spazio compreso tra il livello e l'altitudine di transizione. Quando l'aeromobile attraversa, in salita, lo strato di transizione la sua posizione dovrà essere espressa in termini di livelli di volo, mentre se in discesa, dovrà essere espressa in altitudini. Passaggio dai livelli di volo alle altitudini e viceversa - Durante la salita, attraversando lo strato di transizione, si passa dal regolaggio QNH a quello Standard; mentre per la discesa, attraversando lo strato di transizione, si passa dal regolaggio Standard a quello QNH. Procedure di regolaggio dell altimetro per il decollo e la salita - II valore del QNH, ed a richiesta del pilota quello del QFE, viene comunicato agli aeromobili nelle autorizzazioni di rullaggio o decollo. Nella fase di salita, la posizione dell'aeromobile deve essere espressa in altitudini fino all'altitudine di transizione ed in livelli di volo al disopra. Procedure di regolaggio dell altimetro in rotta - La separazione verticale degli aeromobili in rotta è valutata in termini di livelli di volo. Nelle comunicazioni T/B/T la posizione degli aeromobili nel piano verticale durante i voli in rotta deve essere espressa in termini livelli di volo. I voli in rotta, quando condotti al disopra di una altitudine di 3000 piedi, od un'altezza di 1000 piedi, quale delle due è la più alta, devono essere condotti ad un livello di volo appropriato alla rotta magnetica dell'aeromobile, così come riportato nelle apposite tavole VFR e IFR dei livelli di crociera (vedi Scienze della navigazione, Volume Primo, Le regole del volo a vista e Le regole del volo strumentale).

5 Livello di transizione, altitudine di transizione e strato di transizione Procedure di regolaggio dell altimetro durante l avvicinamento e l atterraggio - Quando viene rilasciata l'autorizzazione all'avvicinamento e all'atterraggio viene comunicato il QNH. A richiesta dei piloti viene comunicato il QFE. Nella fase di discesa la posizione dell'aeromobile deve essere espressa in livelli di volo fino al livello di transizione; al di sotto del livello di transizione deve essere espressa in altitudini. Mancato avvicinamento e separazione dagli ostacoli - In caso di mancato avvicinamento devono essere applicate le appropriate procedure contenute nei precedenti paragrafi. Presso gli Enti ATS sono sempre disponibili sia per la pianificazione che per la trasmissione agli aeromobili in volo, che ne facciano richiesta per la determinazione del minimo livello di volo che assicuri una adeguata separazione dal terreno, i valori del QNH e della temperatura di specificate stazioni meteorologiche riportate in AIP (ENR 1.7). Le altitudini di transizione ed i livelli di transizione degli aeroporti italiani sono indicati nella tabella sottostante, ripresa da AIP-Italia, ENR 1.7.

6 ALTITUDINI E LIVELLI DI TRANSIZIONE DEGLI AEROPORTI ITALIANI

7

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA misura della pressione atmosferica: barometri barometro a mercurio (Torricelli( Torricelli) è il più accurato necessita di correzioni per: altitudine

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

SETTAGGIO ALTIMETRO ALTIMETER SETTING

SETTAGGIO ALTIMETRO ALTIMETER SETTING AIP - Italia ENR 1.7-1 ENR 1.7 SETTAGGIO ALTIMETRO ALTIMETER SETTING 1 PROCEDURE PER IL REGOLAGGIO ALTIMETRI 1 ALTIMETER SETTING PROCEDURES 1.1. Introduzione 1.1 Introduction Le procedure in uso per il

Dettagli

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 1 - DEFINIZIONE - COMPOSIZIONE TEMPERATURA - PRESSIONE - DENSITÀ RELAZIONE PRESSIONE - QUOTA - TEMPERATURA SUPERFICI ISOBARICHE - ATMOSFERA STANDARD ICAO SISTEMI

Dettagli

SETTAGGIO ALTIMETRO ALTIMETER SETTING

SETTAGGIO ALTIMETRO ALTIMETER SETTING AIP - Italia ENR 1.7-1 ENR 1.7 SETTAGGIO ALTIMETRO ALTIMETER SETTING 1 PROCEDURE PER IL REGOLAGGIO ALTIMETRI 1 ALTIMETER SETTING PROCEDURES 1.1. Introduzione 1.1 Introduction Le procedure in uso per il

Dettagli

Cockpit di un aereo da turismo (Cessna 172)

Cockpit di un aereo da turismo (Cessna 172) 1 di 7 12/06/2006 16.32 Cockpit di un aereo da turismo (Cessna 172) CTA Adriano GANDINI Click su uno strumento per leggerne la spiegazione Immagine tratta da "Flight Unlimited III" - Looking Glass Studios

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

Strumenti di Guida e Pilotaggio

Strumenti di Guida e Pilotaggio Unità 1 Strumenti di Guida e Pilotaggio 1.1 Strumenti di guida e pilotaggio Qualunque sia il velivolo considerato, gli strumenti di bordo si classificano in base alla funzione che ognuno è preposto a svolgere

Dettagli

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP IBN EDITORE prof. Francesco Iaccarino 1 PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP Stabilire l aeroporto di partenza e di arrivo. Individuare le frequenze di comunicazione e di navigazione (DME, ADF, VOR, ILS). Effettuare

Dettagli

ANS Training Aeromobili

ANS Training Aeromobili ALTIMETRO L altimetro barometrico è lo strumento che indica la distanza verticale di un punto dalla superficie isobarica di riferimento in precedenza stabilita e in ogni caso variabile in un campo che

Dettagli

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a TRAFFICO AEREO S.A.T. Security air traffic E il traffico operativo militare svolto per la sicurezza nazionale ; comprende

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014 ATC nell area di Milano Voghera 26 Gennaio 2014 AIP Italia Struttura AIP Italia: È composta da 3 parti ognuna delle quali a sua volta è suddivisa in paragrafi che scendono nei particolari degli argomenti

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 5 - OPERAZIONI ED ATTERRAGGI DI EMERGENZA 1 Se una situazione d emergenza richiede un atterraggio con vento in coda, il pilota deve

Dettagli

25 TROFEO CITTA DI LUGO

25 TROFEO CITTA DI LUGO 25 TROFEO CITTA DI LUGO Aeroporto Lugo di Romagna (LIDG) 08-09-10-11 Luglio 2010 Gara di acrobazia aerea Per i giudici di gara Per i partecipanti 1 NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO 2 PARTE PRIMA NORME PER

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

SCUOLA DI VOLO Treviso F.T.O. I-045. Associazione Sportiva Dilettantistica

SCUOLA DI VOLO Treviso F.T.O. I-045. Associazione Sportiva Dilettantistica SCUOLA DI VOLO Treviso F.T.O. I-045 Associazione Sportiva Dilettantistica QUESTIONARIO Per il conseguimento della Licenza di Volo PPL(A) Pag. 1 Pag. 2 I N D I C E 1 - Regolamentazione Aeronautica 2 - Nozioni

Dettagli

ELEMENTI DI TEORIA DEL VOLO E CULTURA AERONAUTICA

ELEMENTI DI TEORIA DEL VOLO E CULTURA AERONAUTICA ELEMENTI DI TEORIA DEL VOLO E CULTURA AERONAUTICA Esercitazioni Dopo avere letto attentamente il testo rispondi alle domande di seguito elencate scegliendo la risposta che ritieni corretta. In alcuni casi

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI 1. LE CARTE AEROPORTUALI. le carte aeroportuali individuano le aeree e gli spazi entro i quali i velivoli di varie categorie possono manovrare, decollare

Dettagli

DEFINIZIONE DI WIND SHEAR

DEFINIZIONE DI WIND SHEAR DEFINIZIONE DI WIND SHEAR Una variazione nella velocità e/o nella direzione del vento, includendo correnti ascendenti o discendenti. La definizione è tratta dalla Circolare ICAO 186 del 1987, che descrive

Dettagli

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ) ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS SEZIONE DI PALERMO Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Dettagli

L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato

L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato per guidare gli aeromobili nella fase finale di un

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA

REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA Il seguente regolamento interno per l attività di allenamento alla acrobazia in aliante fa riferimento al Regolamento Tecnico Attività Acrobatica Aliante edizione

Dettagli

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding Training su LIRP Col presente documento si vuol cercare di aiutare i piloti virtuali alle prime armi che si cimentano a volare Online su IVAO ad effettuare correttamente procedure IFR pubblicate, holding,

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC Letter Of Agreement Treviso APP - Padova ACC Aprile 2012 Marco Milesi - LIPP-CH Massimo Soffientini - LIPP-ACH Simone Amerini - IT-AOAC INDICE: 1. Generalità 1.1 - Scopo 2. Area di responsabilità e delega

Dettagli

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO REV. 0 PAG. 1/ DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO INDICE 6.0 SCOPO... 3 6.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 6.2 RIFERIMENTI... 5 6.3 RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ... 6 6.4 Eventi per

Dettagli

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione PRESSIONE: La pressione è una grandezza fisica, definita come il rapporto tra la forza agente ortogonalmente 1 su una superficie e la superficie stessa. Il suo opposto (una pressione con verso opposto)

Dettagli

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria Aeroporto di Lugo Modifiche alle regole dell aria Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito GDL SERA ENAV-ENAC-AM

Dettagli

REGOLAMENTO METEOROLOGIA PER LA NAVIGAZIONE AEREA

REGOLAMENTO METEOROLOGIA PER LA NAVIGAZIONE AEREA REGOLAMENTO METEOROLOGIA PER LA NAVIGAZIONE AEREA Edizione n 1 approvata con delibera CdA n 36/2009 del 30 luglio 2009 Regolamento Meteorologia per la navigazione aerea Ed. 1 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento

Dettagli

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino TURIN FLYING INSTITUTE Il piano di volo Navigazione Aerea Carlo Molino 1.1 Il piano di volo: Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all autorità dell aviazione nazionale (in Italia

Dettagli

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Edizione 4 approvata con delibera CdA n 38/06 del 19/06/2006 Elenco delle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA NI-2012-016 del 4 dicembre 2012 NOTA INFORMATIVA REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014 Le note informative contengono informazioni attinenti l area della

Dettagli

VOLANDO IL TERRITORIO

VOLANDO IL TERRITORIO VOLANDO IL TERRITORIO I droni nella professione del Geometra e del Perito Agrario Acquisiamo le competenze e le abilità per utilizzare i droni. Brevetto da Pilota per l attività professionale PROGRAMMA

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 Tipo dell aeromobile e volo Boeing 737-800, volo THY 1874. Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del

Dettagli

Marco Fantauzzi 2010 - Mondo Gino Lisa - www.ginolisa.it

Marco Fantauzzi 2010 - Mondo Gino Lisa - www.ginolisa.it ANALISI DATI METAR AEROPORTO GINO LISA FOGGIA Introduzione I dati Metar (METeorological Aerodrome Report) sono messaggi meteorologici relativi ad un aeroporto che contengono le seguenti informazioni: 1.

Dettagli

Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA. Elab. F.Tinarelli

Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA. Elab. F.Tinarelli Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA Elab. F.Tinarelli 1. INTRODUZIONE Il complesso delle norme istituite allo scopo di garantire la sicurezza e la regolarità dei voli viene definito "Regole dell'aria". Queste

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Scienze e tecnologie applicate DOCENTE: Messina Marco CLASSE II SEZ. A A.S.2015_ /2016

Dettagli

CITTÀ DI MESAGNE MAPPE DI VINCOLO DELL AEROPORTO DI BRINDISI

CITTÀ DI MESAGNE MAPPE DI VINCOLO DELL AEROPORTO DI BRINDISI CITTÀ DI MESAGNE ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO UFFICIO DEL PIANO URBANISTICO GENERALE MAPPE DI VINCOLO DELL AEROPORTO DI e relative limitazioni agli ostacoli ed ai potenziali pericoli

Dettagli

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h).

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h). LA PISTA Un pilota, nel pianificare il suo volo, deve scegliere un aerodromo di destinazione con caratteristiche fisiche che soddisfino le esigenze del suo aeromobile. E abbastanza facile intuire che un

Dettagli

EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. DURANTE LA DISCESA A circa 70-80NM il controllo di centro potrebbe farci cambiare frequenza sull avvicinamento, se on-line.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

Comunicazioni aeronautiche

Comunicazioni aeronautiche Comunicazioni aeronautiche Uso della radio Propagazione in linea ottica Uso dello squelch per ascoltare transmissione debole. Parlare nel microfono Premere il pulsante PTT (Push To Talk) poi aspettare

Dettagli

Aero Circolo Centrale di Volo a Vela Ettore Muzi

Aero Circolo Centrale di Volo a Vela Ettore Muzi Sondaggi aggiornati ogni 6-12 ore. Sondaggi Termodinamici Atmosfera Si ringrazia il Il DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL'ATMOSFERA DELLA FACOLTA' DI INGEGNERIA DELL' UNIVERSITÀ DEL WYOMING USA per consentirci

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo L 80/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo (Testo rilevante

Dettagli

Controllo del traffico Aereo

Controllo del traffico Aereo All epoca del debutto dell aeronautica alla fine del diciannovesimo secolo, non ci si preoccupava di organizzare e controllare il traffico Aereo. L obiettivo era quello semplicemente di crearlo un Traffico

Dettagli

DOC TRA 01 DEFINIZIONI ICAO

DOC TRA 01 DEFINIZIONI ICAO DOC TRA 01 DEFINIZIONI ICAO Il glossario che segue illustra il significato delle principali espressioni usate in campo aeronautico, tratte da documenti ICAO e dalla regolamentazione nazionale. Dopo il

Dettagli

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali a) Il piano di volo può essere presentato senza preavviso per le seguenti categorie di voli: 1) antincendio;

Dettagli

How to fly it Cessna 172 Skyhawk

How to fly it Cessna 172 Skyhawk How to fly it Cessna 172 Skyhawk Manuale di volo base per X-Plane 7.10 - Realizzazione febbraio 2004 - SBP Perchè questo manuale e a chi è destinato Ho conosciuto tante persone, appassionate di computer

Dettagli

AEROPORTO DI MALPENSA. D. Lgs. 194/05

AEROPORTO DI MALPENSA. D. Lgs. 194/05 AEROPORTO DI MALPENSA Mappatura acustica dell infrastruttura aeroportuale D. Lgs. 194/05 Mappatura acustica ex D.Lgs 194/05 a cura di SEA Aeroporti di Milano Data: 29 giugno 2012 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM

INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM Tipo dell aeromobile e marche Beech 36 (BE36), marche N767CM. Data e ora 15 giugno 2005, ore 14.45 3. Località dell evento Descrizione dell evento Aeroporto

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Istituto Tecnico dei Trasporti e della Logistica

FONDAZIONE MALAVASI. Istituto Tecnico dei Trasporti e della Logistica FONDAZIONE MALAVASI Istituto Tecnico dei Trasporti e della Logistica PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Logistica DOCENTE: Chiovaro Lorenzo CLASSE III A.S.2014 /2015 1. ANALISI INIZIALE

Dettagli

ENTE INFORMAZIONI VOLO AEROPORTUALE (AFIU)

ENTE INFORMAZIONI VOLO AEROPORTUALE (AFIU) Capitolo 9 ENTE INFORMAZIONI VOLO AEROPORTUALE (AFIU) Elab. C.Scatigno 1. OPERATORE AFIU L AFIU fornisce il servizio informazioni volo ed il servizio di allarme al traffico di aeroporto. In base alle

Dettagli

T-TOUCH II Istruzioni per l'uso

T-TOUCH II Istruzioni per l'uso T-TOUCH II Istruzioni per l'uso Ringraziamenti Ci congratuliamo con Lei per aver scelto un orologio TISSOT, una delle marche svizzere più prestigiose al mondo. Il Suo orologio T-TOUCH beneficia di tutte

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE

INTRODUZIONE INTRODUZIONE Navigazione La Pianificazione del Volo La preparazione del piano di volo. Utilizzo delle procedure standard per la partenza e l avvicinamento. INTRODUZIONE Con il presente inserto, intendiamo introdurre

Dettagli

1.ore 9: una corona a due posizioni carica il movimento e regola l ora.

1.ore 9: una corona a due posizioni carica il movimento e regola l ora. Génie 02 Air: Spiega le ali e vola in alto! Il Breva Génie 02 Air combina la sconvolgente sofisticatezza di un orologio meccanico meravigliosamente creato a mano con la praticità di un altimetro ad alta

Dettagli

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Capitolo 18 SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Elab. D. Colella INDICE Prefazione e Generalità 1. Generalitá 1.1 Responsabilità per la fornitura del Servizio di controllo di avvicinamento 2. DIVISIONE

Dettagli

Capitolo 20 AUTORIZZAZIONI. Elab. G. Bevilacqua

Capitolo 20 AUTORIZZAZIONI. Elab. G. Bevilacqua Capitolo 20 AUTORIZZAZIONI Elab. G. Bevilacqua Premessa Nella documentazione italiana ed internazionale, e particolarmente in quella a carattere normativo, si incontra sia l espressione "autorizzazione

Dettagli

D I R I T T I E T A R I F F E

D I R I T T I E T A R I F F E DIRITTI E TARIFFE Edizione Dicembre 2013 DEFINIZIONE DEI TERMINI Definizione dei termini Società il soggetto cui spetta l esecuzione delle operazioni aeroportuali. Vettore la persona giuridica che svolge

Dettagli

Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) 1 del 4 maggio 1981 (Stato 1 aprile 2011) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl L aeroporto di Bergamo Orio al Serio insiste sul territorio dei comuni di Orio al Serio, di Grassobbio e di Seriate, e si trova a pochi chilometri dal centro di Bergamo. Lo sviluppo programmato a partire

Dettagli

Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale

Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale Enti in causa delle comunicazioni radio Pilota = Pil1.(..Pil2.Pil3.) Torre = ATC Avvicinamento (Approch) / Radar = Avv. AWACS

Dettagli

Interazione tra Aeroporto e Territorio: Mappe di Vincolo e procedure di mitigazione. Ing. Galileo Tamasi Program Manager

Interazione tra Aeroporto e Territorio: Mappe di Vincolo e procedure di mitigazione. Ing. Galileo Tamasi Program Manager Interazione tra Aeroporto e Territorio: Mappe di Vincolo e procedure di mitigazione Ing. Galileo Tamasi Program Manager Contents - Introduzione - Lo schema logico della procedura di mitigazione - La costruzione

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-170

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-170 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-170 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Febbraio, 2006 PARTE 1: GLI SPAZI AEREI In questa sezione cercheremo di spiegare come è strutturato il cielo per chi lo percorre a bordo di un aeromobile. Non può e non

Dettagli

PROCEDURE RADIOTELEFONICHE

PROCEDURE RADIOTELEFONICHE Capitolo 24 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE Elab. F. Tinarelli CAPITOLO 24 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE 1 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE 1.1 TECNICA DELLE COMUNICAZIONI 1.1.1 Le trasmissioni devono essere effettuate

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTI CLASSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA X LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO SCIENZE DELLA NAVIGAZIONE AEREA Buonincontri

Dettagli

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU In questo tutorial ci limiteremo ad una descrizione generale ed alla pianificazione di un volo in IFR internazionale (Genova Valencia) indicando le varie fasi e procedure

Dettagli

Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA. 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni

Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA. 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni 12 3.1 Peso dell aria I corpi solidi hanno un loro peso, ma anche i corpi gassosi e quindi l aria,

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 03 REQUISITI DI UN AREA AEROPORTUALE

Dettagli

Appendice D. Unità di misura adottate in navigazione aerospaziale

Appendice D. Unità di misura adottate in navigazione aerospaziale Appendice D. Unità di misura adottate in navigazione aerospaziale D.1. Introduzione Nel 1960, durante l undicesima Conferenza internazionale dei pesi e delle misure a Sèvres (Francia), furono definite

Dettagli

TEORIA CINETICA DEI GAS

TEORIA CINETICA DEI GAS TEORIA CINETICA DEI GAS La teoria cinetica dei gas è corrispondente con, e infatti prevede, le proprietà dei gas. Nella materia gassosa, gli atomi o le molecole sono separati da grandi distanze e sono

Dettagli

Emergenze e Contingency

Emergenze e Contingency Capitolo 23 Emergenze e Contingency Elab. F. Mancinelli CAPITOLO 23 PROCEDURE DI EMERGENZA 1.1 GENERALITÀ Il termine emergenza evoca l idea di un evento disastroso, e può far pensare alla probabilità che

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

Regolamento Regole dell Aria

Regolamento Regole dell Aria Regolamento Regole dell Aria Edizione 1 approvata con delibera CdA n 48/06 del 3/10/2006 Elenco delle Edizioni del Regolamento Regole dell Aria N. Data di emissione N. Data di emissione 1 3 ottobre 2006

Dettagli

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP LETTERA DI ACCORDO virtuale Tra ACC Brindisi e Pescara APP Lo scopo della seguente lettera di accordo è quello di stabilire le procedure operative che devono essere applicate tra Brindisi e Pescara nella

Dettagli

ANS Training Compendio ATC

ANS Training Compendio ATC 1. INTRODUZIONE Storicamente, la necessità di istituire un ente dei Servizi di Traffico aereo al suolo, nacque con l esigenza di: assicurare un servizio sicuro e regolare che informasse i piloti circa

Dettagli

APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE

APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE LINEAMENTI DI NAVIGAZIONE AEREA Parte II a a cura del Comandante Pilota Leonardo LELLA La navigazione aerea,

Dettagli

Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia

Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia Traduzione 1 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia 0.748.127.194.541 Conchiuso a Roma il 4 giugno 1956 Approvato dall Assemblea federale il 4 marzo 1957 2 Entrato in vigore il

Dettagli

ANS Training Navigazione

ANS Training Navigazione CAPITOLO 7 LE CARTE AERONAUTICHE Cartografia: Arte e scienza della rappresentazione del territorio. La carta è una rappresentazione piana e ridotta della superficie terrestre. Quindi, per arrivare alla

Dettagli

PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING

PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING 1. Dove si trova il centro di gravità longitudinale dell elicottero? Per la soluzione utilizzare il formulario annesso. R22 Beta I, S/N 2120, massa

Dettagli

Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED

Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED O ABUNIALURED TELESCOPICA 4+4 CONFORME A: D.LGS. 81/08 ART. 113 EDIZIONE SETTEMBRE 2014 R1 1 MANUALE D USO E MANUTENZIONE Il presente

Dettagli

Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124

Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124 Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124 04:37:57 CIT Approach good morning, Charlie India Tango one two four, we are descending to flight level niner zero (Avvicinamento buongiorno, CIT 124, stiamo scendendo

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

AEROPORTO DI LINATE. D. Lgs. 194/05

AEROPORTO DI LINATE. D. Lgs. 194/05 AEROPORTO DI LINATE Mappatura acustica dell infrastruttura aeroportuale D. Lgs. 194/05 Mappatura acustica ex D.Lgs 194/05 a cura di SEA Aeroporti di Milano Data: 29 giugno 2012 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

TEST TECNICO PER ALLIEVO UFFICIALE DI COPERTA

TEST TECNICO PER ALLIEVO UFFICIALE DI COPERTA TEST TECNICO PER ALLIEVO UFFICIALE DI COPERTA 1. Quale strumento risulta determinante per calcolare la longitudine? A Sestante X Cronometro C Orologio D Barometro 2. Tipologia di Errori nelle misure di

Dettagli

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. CONTATTO RADIO SU UNICOM A circa 130NM/100NM di distanza dall aeroporto di destinazione dovremmo iniziare la nostra discesa (dipende

Dettagli

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007 Prefattibilità dell Aeroporto di Latina Latina, 28/02/2007 Attività svolte 1. Definizione dello scenario di riferimento 2. Identificazione dei fattori di successo dell aeroportualità minore a livello europeo

Dettagli

Il volo in formazione

Il volo in formazione Il volo in formazione Questo tutorial si prefigge di fornire i rudimenti di base preliminari al volo in formazione ed è quindi necessaria la sua lettura prima di iniziare ad effettuare i primi voli. L

Dettagli

Flight Plan & Self Briefing

Flight Plan & Self Briefing Flight Plan & Self Briefing Rieti, 5 Dicembre 2014 Introduzione Nell ambito della riorganizzazione dei Servizi ARO-AIS/MET, l ENAV ha interpretato al meglio il concetto dell ATS Reporting Office (ARO),

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza (trattata nella parte I) il wind shear (trattato

Dettagli

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME In questo documento verranno affrontate tre manovre molto ricorrenti nell ambito del volo IFR, le holding, le virate di procedura e gli archi di DME,

Dettagli

Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche

Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche A cura di Fabio Turetti Leggiamo spesso nelle previsioni e in articoli di meteorologia il termine geopotenziale. Vediamo di chiarire un

Dettagli

Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna

Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna Società o Associazione che propone i commenti ANACNA Data 1 13/02/13 1. N 2. Riferimento Circolare

Dettagli