DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO LICEO CLASSICO D.A.AZUNI CLASSE 5 G

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO LICEO CLASSICO D.A.AZUNI CLASSE 5 G"

Transcript

1 DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO LICEO CLASSICO D.A.AZUNI CLASSE 5 G

2 SINTETICA DESCRIZIONE DELLA CLASSE La classe 5 G è composta da 25 alunni (14 femmine e 11 maschi), tutti provenienti dalla 4 G. Gli alunni evidenziano nel complesso buone basi, soddisfacenti capacità e conoscenze, discreta propensione al dialogo culturale. Una sostanziale continuità didattica (venuta meno solo per la lingua inglese) ha favorito dinamiche di apprendimento piuttosto solide e un metodo di lavoro in classe condiviso. Tra le attività formative che hanno concorso ad un potenziamento delle loro competenze, va segnalata la partecipazione dell'intera classe al progetto didattico-formativo ideato da L'Unione Sarda (di cui la nostra è stata scuola-pilota). Dopo aver assistito, durante le ore curricolari, ad una serie di lezioni di scrittura giornalistica, tenute in classe da un capo-servizi dell'unione, gli alunni hanno pubblicato ( il ) su detta testata, articoli incentrati sulla realtà sassarese. La classe, inoltre, ha sempre aderito al progetto Monumenti Aperti, che ha impegnato gli studenti, dopo una fase di preparazione, come guide presso siti di interesse storico-artistico della città. Inoltre, per quanto riguarda l'area scientifica, la docente negli anni scolastici 2012/13 e 2013/14 ha svolto attività extracurricolari quali la Manifestazione La Scienza in Piazza, piccola fiera di esperimenti scientifici realizzati dagli studenti di varie scuole della città..il progetto ha esaltato le attitudini dei singoli alunni, ha rafforzato il loro grado di socializzazione, ha affinato la capacità di cooperazione, ha insegnato loro ad utilizzare correttamente le proprie conoscenze teoriche, a saper prevedere lo svolgimento di un azione, ad usare la terminologia scientifica e a predisporre un piano di lavoro, ad individuare tra fonti diverse quella utile e specifica per il lavoro loro affidato e a comunicare i dati attraverso forme di espressione orale, scritta e grafica. Quest ultimo anno scolastico quattro allievi della classe (Stefano De Camillis, Paolo Manca, Gabriela Pinna e Patrick Rogerson ) hanno partecipato al Progetto LISS Corso Pilota Didattico sullo Spazio - Lessons on International Space Station in collaborazione con l ASI ( Agenzia Spaziale Italiana ),l ESA ( Ente Spaziale Europeo ) e con il Dipartimento di Scienze Biomediche dell Università degli Studi di Sassari, in occasione della Missione Futura che ha portato la prima astronauta italiana Samantha Cristoforetti nella ISS ( Stazione Spaziale Internazionale). Lo scopo del progetto è quello di comprendere l ambiente spaziale, ma anche di scoprire gli effetti di questo sugli esseri viventi e capire come l alimentazione influenzi il corpo umano sulla terra e nello spazio. La classe ha partecipato ad un Conferenza sul tema dell Evoluzione dell uomo, tenuta dal Prof. Paolo Francalacci, docente del Dipartimento di Zoologia e Genetica evoluzionista dell Università degli Studi di Sassari, in questa occasione il professore ha anche illustrato agli studenti i suoi studi recenti sulla variabilità del DNA mitocondriale e del cromosoma Y in popolazioni umane. In ottemperanza agli ordinamenti del Miur, nota 4969 del 25 luglio 2014, è stato svolto un modulo scientifico (DNL) secondo la metodologia CLIL, per i quali contenuti si rimanda alla specifica relazione disciplinare. Da segnalare, inoltre, la partecipazione dell'alunno Manca Paolo alla selezione regionale delle Olimpiadi di Lettere Classiche (sezione saggio breve sulla civiltà greco-latina) classificandosi al secondo posto, nonché la partecipazione sempre del suddetto alunno al Certamen Senecanum di Bassano del Grappa (sezione B- traduzione più saggio breve) ottenendo la menzione d'onore. Lo scorso anno, l'alunna Cossu Elena è stata premiata dall'associazione Garden Club di Sassari per aver scritto un elaborato incentrato sull'eredità culturale trasmessaci dalla botanica sassarese Evelina Mameli Calvino. Nel complesso gli alunni hanno mostrato una buona motivazione allo studio, che si è accompagnata ad un impegno adeguato da parte del maggior numero di loro. Per quanto riguarda l'autonomia nello studio e nella gestione di sé la situazione è alquanto diversificata: ad un buon numero di alunni che aveva già pienamente conseguito tali obbiettivi, se ne affiancano altri che mostrano un livello sufficiente, mentre solo pochi presentano l'esigenza di essere guidati in maniera più o meno diretta e solo due/tre studenti manifestano qualche difficoltà seria in alcune discipline.

3 Il livello di socializzazione all'interno della classe è migliorato via via nel corso del quinquennio, l'attenzione è adeguata e l'interazione con i docenti è generalmente positiva. ELENCO ALUNNI 1. Abis Giorgia 2. Angius Sara 3. Boatto Federica 4. Bruno Mauro 5. Casu Sara 6. Cesaraccio Luigi 7. Chessa Nicole 8. Cossu Elena 9. Curcio Francesco 10.Decamillis Stefano 11.Garau Cristina 12.Idile Angela 13.Idini Alessandra 14.Koohestani Gabriele 15.Manca Paolo 16.Mannironi Antonio 17.Marras Andrea 18. Murineddu Federica 19.Natale Giovanni 20.Pain Alice 21.Pietri Angelo 22.Pinna Gabriela 23.Puggioni Angela 24.Rogerson Patrik 25.Tala Ilaria

4 Il Liceo Classico "D. A. Azuni" di Sassari è nato nel 1852, dopo che i moti del 1848 avevano posto fine alla secolare gestione ecclesiastica dell'istruzione cittadina, affidata ai Padri Gesuiti e ai Padri Scolopi. Nel 1861, con il conseguimento dell'unita d'italia, divenne Regio Liceo Classico enel 1865 venne intitolato all'illustre giurista sassarese Domenico Alberto Azuni. La sede del Liceo Classico era situata originariamente nello stabile di via Canopolo confinante con il Convitto Canopoleno, fino al 1933 anno in cui fu inaugurato l'attuale edificio, di considerevole pregio storico-artistico (l'aula Magna è decorata da dipinti di Mario Delitala). Hanno studiato al Liceo Azuni i due Capi di Stato Antonio Segni e Francesco Cossiga, due segretari del Partito Comunista Italiano quali Palmiro Togliatti e Enrico Berlinguer e moltissimi parlamentari isolani, intellettuali come Attilio Deffenu, Camillo Bellieni, artisti celebri tra cui si possono ricordare i pittori Filippo Figari e Giuseppe Biasi e gli scrittori Sebastiano Satta, Salvator Ruju, Salvatore Mannuzzu e Gavino Ledda.

5 AZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA REALIZZATA NELL ULTIMO ANNO DI CORSO Sintesi della programmazione impostata DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI a)obiettivi dell'area cognitiva Acquisizione di conoscenze complete, coordinate e ampliate Potenziamento delle capacità logiche e critiche Comprensione e utilizzo dei linguaggi specifici di ogni disciplina Potenziamento dell'educazione visiva Potenziamento delle capacità di analisi di un testo letterario e non Perfezionamento delle capacità di produzione di testi scritti di diversa tipologia b) Obiettivi dell'area non cognitiva Miglioramento delle capacità di relazione Consolidamento di un gruppo-classe attivo e propositivo Rafforzamento delle capacità di collaborazione e di assunzione delle responsabilità individuali c) Obiettivi di orientamento Partecipare attivamente alla vita di classe e della scuola sviluppando la comprensione di sé e degli altri per essere consci delle proprie inclinazioni, in modo da poter compiere scelte mature e consapevoli sia nell'immediato che nel futuro Liceo classico indirizzo tradizionale classe III G (V.O.) Materie Italiano 4 Latino 4 greco 3 Lingua straniera 3 Storia 3 Filosofia 3 Scienze naturali, chimica e geografia 2 matematica 2 Fisica 3 Storia dell'arte 2 Educazione civica 2 Religione o attività alternative 1 ore

6 ORGANIZZAZIONE DEI CONTENUTI a) Modalità di organizzazione dei contenuti per unità didattiche per moduli b) Criteri di scelta finalizzati all esame di stato utilità significatività interesse Obiettivi raggiunti Si veda la descrizione della classe. Metodologie utilizzate a) Metodologie da privilegiare lezione frontale lezione interattiva ricerche lavori di gruppo risoluzione di problemi centralità del testo b) Mezzi e strumenti da utilizzare libri di testo fotocopie audiovisivi supporti informatici, LIM Contenuti del percorso formativo Si vedano i programmi allegati Criteri e strumenti di valutazione adottati a) Oggetto della valutazione Conoscenze Capacità Competenze Interesse e partecipazione b) Modalità di osservazione dei processi di apprendimento. Verifiche in itinere e sommative c) Strumenti della verifica e della valutazione Interrogazione orale Prove strutturate e semistrutturate

7 Test a risposta multipla e/o chiusa Relazioni scritte e orali Test di laboratorio Test motori Informazioni sulla terza prova e simulazioni effettuate Si allega il materiale delle due simulazioni effettuate. 1) Tipologia B (quesiti a risposta aperta: massimo 10 righe). Cinque discipline coinvolte: greco, inglese, filosofia, fisica, scienze. Dieci domande (due per disciplina). Tempo previsto: 120 minuti 2) Tipologia B (quesiti a risposta aperta: massimo 10 righe). Cinque discipline coinvolte: greco, inglese, storia, matematica, scienze. Tempo previsto: 120 minuti. 3) Griglie di valutazione 4) Articoli pubblicati sull' Unione Sarda.

8 DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI CLASSE Nicola CADONI Greco e Latino Antonietta BUZZERIO (coordinatrice) Italiano Luigi CANALIS Filosofia e Storia Giovanni PAGLIARULO Matematica e Fisica Donatella PIRAS Inglese Giovanna PIRAS Scienze Rossana MUNDULA Storia dell arte Ivana SIDDI Educazione fisica Maria Angelica SOLINAS Religione LA COORDINATRICE (prof.ssa Buzzerio A.) IL DIRIGENTE SCOLASTICO (prof. Massimo Sechi) ALLEGATI Programmi e relazioni finali delle singole discipline Griglie di valutazione adottate Prove integrate (simulazioni di III prova) Articoli giornalistici pubblicati dall' Unione Sarda

9 RELAZIONI DISCIPLINARI ANNO SCOLASTICO CLASSE 5 G

10 PROGRAMMA DI ITALIANO Docente: prof.ssa Antonietta Buzzerio Libro di testo adottato: Baldi, Giusto, Razetti, Zaccaria, Dal testo alla storia dalla storia al testo, vv , Paravia. Obiettivi conseguiti: Sono stati conseguiti gran parte degli obiettivi pianificati. Attraverso un impegno costante e partecipe i discenti sono in grado di interpretare analiticamente sia un testo in prosa che poetico, di storicizzarlo, di individuare analogie e differenze col passato nonché la persistenza di elementi tematici comuni nella cultura attuale. Sono, altresì, in grado di inquadrare l avvenimento letterario in una densa trama di rapporti interdisciplinari, in quanto durante l anno scolastico in corso l approccio metodologico della suddetta docente, in accordo coi colleghi del consiglio di classe, è sempre stato mirato in tal senso. Dal punto di vista metodologico si è attuata la centralità del testo, punto di partenza, dopo accurata analisi testuale, per il dibattito letterario. A tale momento ho sempre fatto seguire, attraverso la lezione dialogata, un collegamento tra le soluzioni stilistiche adottate dai singoli autori ed il loro pensiero. Accanto allo studio del panorama letterario, con eventuali riferimenti alla contemporanea situazione europea, e all'abitudine all'analisi e all'interpretazione testuale, il mio lavoro si è rivolto anche alla produzione scritta, nella fattispecie alle tipologie di prove presenti all'esame di stato. A tale proposito sono state effettuate sempre le simulazioni della prima prova (grazie anche alla collaborazione e disponibilità del c.d.c.) Inoltre, al fine di potenziare le competenze nella scrittura giornalistica, nel corso dell'anno scorso, tutti gli alunni hanno scritto articoli,poi pubblicati, sull'unione Sarda, grazie al prezioso contributo del capo servizi Roberto Ripa, che per una ora alla settimana,in compresenza con la suddetta docente, ha tenuto lezioni di giornalismo. Oltre ad avere sempre manifestato interesse per la disciplina in questione i discenti hanno via via sviluppato interesse per varie manifestazioni culturali (lettura, cinema, teatro, musica, attualità, arte), segno evidente del raggiungimento di un buon livello di maturazione personale e del saper vivere.

11 PROGRAMMA SVOLTO MODULO 1 Laboratorio di scrittura Tipologia A (analisi del testo); tipologia B (saggio breve e articolo d opinione); tipologia C (tema di storia); tipologia D (tema di ordine generale) MODULO 2 GIACOMO LEOPARDI Leopardi e il Romanticismo classicismo romantico Dallo Zibaldone tutti i pensieri antologizzati Le Operette morali dialoghi satirici alla maniera di Luciano Dialogo della Natura e di un islandese Primi idilli L'Infinito La sera del dì di festa Grandi idilli: Il sabato del villaggio; A Silvia; La quiete dopo la tempesta MODULO 3 La seconda metà dell'ottocento Naturalismo e Verismo: differenze Il positivismo Carducci: San Martino Pianto antico MODULO 4 LA RINUNCIA ALLA METAFISICA Giovanni Verga: vita e opere Rosso malpelo (lettura integrale) Le tecniche narrative veriste: l abolizione della messa in scena ; l artificio della regressione; l artificio dello straniamento; l impersonalità e la focalizzazione esterna. Prefazione all amante di Gramigna

12 Prefazione ai Malavoglia I vinti e la fiumana del progresso Fantasticheria (lettura integrale) MODULO 5 LA CRISI DEL POSITIVISMO La crisi dell oggettività nel romanzo del Novecento Le nuove tecniche narrative: monologo interiore e flusso di coscienza MODULO 6 LA NEVROSI DEL BORGHESE NEL NOVECENTO LA FIGURA DELL INETTO Italo Svevo: vita e opere La coscienza di Zeno (lettura integrale) Luigi Pirandello: la formazione, le varie fasi dell attività artistica, la vita e le opere La differenza fra umorismo e comicità: l esempio della vecchia imbellettata Il fu Mattia Pascal (lettura integrale) con particolare attenzione alla teoria dello strappo nel cielo di carta e a quella della Lanterninosofia. MODULO 7 FREUD E LA PSICANALISI Le due pulsioni dell'inconscio: sessuale e aggressiva L'apparato psichico: ES, SUPER IO, IO. L'origine delle nevrosi: conflitto tra pulsioni e divieti La funzione dell' IO Morale eteronoma e morale autonoma MODULO 8 DECADENTISMO Sono l impero alla fine della decadenza Visione del mondo decadente Poetica del decadentismo Temi e miti della letteratura decadente Decadentismo e romanticismo Decadentismo e naturalismo Decadentismo e novecento MODULO 9 PASCOLI Simbolismo I temi della poesia pascoliana Le soluzioni formali La vita La poetica (Il fanciullino e critica al Sabato del villaggio) Da Myricae

13 Temporale, X Agosto, Lavandare Da Canti di Castelvecchio Il gelsomino notturno Nebbia MODULO 10 IL NOVECENTO Giuseppe Ungaretti Da l'allegria: San Martino del Carso Mattina Soldati Da Il dolore: Non gridate più MODULO 11 L'Ermetismo Salvatore Quasimodo Da Acque e terre: Ed è subito sera Da Giorno dopo giorno: Alle fronde dei salici MODULO 12 Eugenio Montale Da Ossi di seppia: Spesso il male di vivere ho incontrato Non chiederci la parola Da Le occasioni:non recidere, forbice, quel volt MODULO 13 Dal dopoguerra ai giorni nostri La ricostruzione del dopoguerra e il boom Il consumismo L'emigrazione interna e l'urbanesimo Gli anni novanta e la svolta del millennio Il pubblico e l'editoria I giornali MODULO 14 DANTE E IL TRASUMANAR PARADISO: CANTO I (vv.1-81) PARADISO: CANTO III (vv.1-57) e il mito di Narciso PARADISO: CANTO XI

14 PARADISO: CANTO XVII (vv ) PARADISO: CANTO XXXIII (vv.1-39) METODI MEZZI E STRUMENTI VERIFICHE Lezione frontale Libro di testo, video-proiettore, lavagnaluminosa. Dvd. Indagine in itinere con verifiche informali Lezione dialogata Dizionari Interrogazioni orali Raccordi interdisciplinari Schede riassuntive o esplicative Verifiche strutturate con risposte aperte o chiuse Problem-solving.Recensioni, articoli, saggi critici. Elaborati sotto forma di temi, analisi testuali, saggi Libri consigliati Attualizzazione degli argomenti esaminati. Approfondimenti ; saggi brevi, articoli giornalistici Simulazione prima prova (18/ ; 20/05/2015) Programma di Chimica Organica Biochimica e Biotecnologie- Scienze della

15 Terra Classe 5 G a. s. 2014/2015 Prof.ssa Giovanna Piras Chimica organica Dal carbonio agli idrocarburi Il carbonio, elemento della vita; l ibridazione del carbonio( sp, sp 2, sp 3 ); gli idrocarburi saturi ed insaturi; la nomenclatura degli idrocarburi saturi ed insaturi; definizione di isomeria; isomeria di struttura, cenni sull isomeria ottica; l isomeria geometrica degli alcheni ( cis e trans ); proprietà fisiche e chimiche degli idrocarburi saturi ed insaturi; Gli idrocarburi aromatici; utilizzo e tossicità dei composti aromatici. Dai gruppi funzionali ai polimeri I gruppi funzionali; gli alogeno derivati: utilizzo e tossicità; Alcoli, fenoli ed eteri ( nomenclatura e proprietà fisiche ); alcoli e fenoli di particolare interesse; Aldeidi e chetoni ( nomenclatura e proprietà fisiche ); Gli acidi carbossilici nel mondo biologico; cenni sugli esteri, ammine, composti eterociclici. Le basi della biochimica Le biomolecole; i carboidrati, classificazione: monosaccaridi, disaccaridi e polisaccaridi; le formule di proiezione di Fischer; gli anomeri; i lipidi: classificazione; i lipidi saponificabili e i lipidi non saponificabili; Gli amminoacidi, i peptidi e le proteine; la struttura delle proteine e la loro attività biologica; le biomolecole nell alimentazione; Gli enzimi: i catalizzatori biologici; nucleotidi e acidi nucleici; DNA ed RNA; la duplicazione del DNA; il codice genetico e la sintesi proteica. Metabolismo Le trasformazioni chimiche all interno della cellula; anabolismo e catabolismo ( vie divergenti, convergenti e cicliche ); L ATP: la principale fonte di energia per le reazioni metaboliche; il metabolismo dei carboidrati; glicolisi e fermentazione ( caratteri generali ); il metabolismo terminale; ciclo dell acido citrico e il trasporto degli elettroni ( caratteri generali ); la regolazione delle attività metaboliche: il controllo della glicemia.

16 Biotecnologie classiche e nuove biotecnologie; la tecnologie delle colture cellulari; le cellule staminali: adulte ed embrionali; l ingegneria genetica e gli OGM. Biotecnologie Scienze della terra Le rocce Le rocce: definizione; classificazione; il processo magmatico; le rocce magmatiche effusive e rocce magmatiche intrusive; le rocce sedimentarie; il processo sedimentario; le rocce metamorfiche; il processo metamorfico; tipi di metamorfismo: contatto, dinamico e regionale; il ciclo delle rocce. I fenomeni vulcanici Vulcani e plutoni; i corpi magmatici intrusivi; i vulcani e i prodotti della loro attività; gli edifici vulcanici; le diverse modalità di eruzione; il vulcanesimo secondario; la distribuzione geografica dei vulcani. I fenomeni sismici I terremoti: le cause; la teoria del rimbalzo elastico; le onde sismiche; sismografi e sismogrammi; intensità e magnituto dei terremoti. La struttura e le caratteristiche fisiche della terra Come si studia l interno della terra; le superfici di discontinuità il modello della struttura interna della terra. La tettonica a zolle Le caratteristiche delle zolle; margini convergenti,divergenti e conservativi; il motore della tettonica a zolle. CLIL

17 Biochemistry and Biotechnology Microorganism and Biotechnology; history of gene technology; viral structure; viral infection; bacterial cells bacterial cell shapes. Cloning and cell culture and genetic manipulation Stem cell technology; producing GMOs; restriction enzymes; gene cloning; vectors of gene cloning; transgenic mice; PCR. Relazione finale La classe 5 G è composta da 25 studenti ( 11 maschi e 14 femmine ), Si tratta di una buona classe sia sotto il profilo disciplinare che del profitto. Conosco gli studenti dall anno scolastico 2011/12 e ho notato immediatamente, soprattutto da parte di alcuni, disponibilità, interesse e curiosità nell affrontare lo studio delle materie scientifiche. Gli studenti hanno mostrato interesse per il lavoro didattico, la partecipazione è stata sempre costante soprattutto da parte di un gruppo numeroso di allievi che ha dimostrato di possedere ottime conoscenze, competenze ed abilità. Nel corso di questi anni ho potuto constatare da parte di tutta la classe, se pur con modalità e tempi differenti, crescita personale, curiosità verso gli argomenti scientifici, autonomia, miglioramento nel metodo di studio e di lavoro. I contenuti svolti durante l anno scolastico sono stati individuati in relazione agli obiettivi educativi e didattici indicati nella programmazione annuale. Nel presentare gli argomenti ho mirato a sviluppare le loro capacità di riflessione, di analisi, a far acquisire capacità di astrazione e di generalizzazione. Spesso i contenuti sono stati visualizzati mediante schemi, disegni e immagini in modo da semplificarli; utilissimo l uso della LIM. Ho applicato sia il metodo induttivo che quello deduttivo in modo da portare gli allievi al passaggio dalla realtà concreta ai passaggi logici astratti con l attività ragionata e non con sterili processi mnemonici. Le verifiche sono state orali e scritte, prove simulate, interventi e discussioni. La valutazione è stata effettuata con le scadenze temporali previste dal calendario scolastico ed è stata articolata in diversi momenti: -valutazione iniziale effettuata prima di progettare il curricolo; -valutazione intermedia per raccogliere informazioni sul processo di apprendimento di ogni studente rispetto agli obiettivi fissati e quindi consente di intervenire con attività di recupero; -valutazione finale o sommativa che si esprime attraverso un giudizio complessivo sugli obiettivi raggiunti dagli allievi alla fine dell intero anno scolastico. E stato svolto anche un breve modulo relativo alle recenti tecniche di Biologia molecolare, secondo la metodologia CLIL, l argomento è stato concordato insieme agli studenti. Posso pertanto affermare che nel corso dell'anno scolastico 2014/2015 gli alunni della 5'G hanno manifestato nel complesso un buon livello di interesse e tenuto un comportamento corretto. L'impegno e la partecipazione sono stati costanti. Gli alunni hanno raggiunto, seppur con gradi diversi, gli obiettivi prefissati

18 STORIA DELL ARTE Pro.ssa Rossana Mundula _1 OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Conoscenze relative all arte italiana ed europea dal Settecento alla prima metà del Novecento. Capacità di lettura di manufatti artistici nella loro realtà storica e culturale; Abilità di distinguere generi e tecniche; Capacità di operare confronti tra opere dello stesso periodo e/o di periodi ed autori diversi; Capacità di lavorare sia autonomamente sia in gruppo; Consapevole acquisizione di competenza nell uso del linguaggio specifico e nel metodo di studio. Rafforzamento delle capacità critiche individuali. Consolidamento delle capacità di rielaborazione, analisi e sintesi 2.CRITERI DIDATTICI SEGUITI E stato utilizzato il metodo STORICISTICO, per una presentazione alla classe delle condizioni storiche e culturali del prodursi di un opera ( lezione frontale). Successivamente gli alunni posti di fronte alle immagini( è stata utilizzata spesso la LIM ) hanno imparato a decifrare il linguaggio visivo a partire dalle strutture fondamentali per arrivare al significato intrinseco dell opera( metodi ICONOGRAFICO e ICONOLOGICO) ( lezione interattiva ). LIBRO DI TESTO :Demartini-Gatti-Tonetti-Villa Il nuovo VIVERE L ARTE vol.3 _Ed. Bruno Mondadori. CONTENUTI ILNEOCLASSICISMO I teorici del Neoclassicismo; Winckelmann. Canova Amore e Psiche; Monumento funebre di Clemente XIV; Monumento funebre di Maria Cristina d Austria; David Il giuramento degli Orazi; L assassinio di Marat. Il ROMANTICISMO Il pittoresco e il sublime.

19 Il paesaggio romantico Friedrich Il monaco in riva al mare. Turner L incendio della Camera dei Lords e dei Comuni il 16 ottobre Constable Il mulino di Flatford. Il romanticismo francese Géricault La zattera della Medusa ; Delacroix Il massacro di Scio La Libertà che guida il popolo. Il Romanticismo in Italia. Hayez Il bacio. Il REALISMO G. Courbet Funerale a Ornans; Gli Spaccapietre, L atelier L IMPRESSIONISMO Manet La colazione sull erba; Olympia; Bar delle Folies-Bergères. Degas La classe di danza; L assenzio. Monet Donne in giardino; Regata ad Argenteuil; Impressione: levar del sole; La Cattedrale di Rouen;.

20 Renoir Ballo al Moulin de la Galette; Il POSTIMPRESSIONISMO Cézanne La casa dell impiccato a Auvers-sur-Oise; Tavolo di cucina; Le grandi bagnanti. Seurat Un bagno ad Asnières ; Una domenica pomeriggio alla Grande Jatte. Gauguin La visione dopo il sermone; Ia orana Maria; Manao Tupapau; Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?.. Van Gogh* Autoritratto (1887) ; I mangiatori di patate; Vaso con girasoli; Notte stellata. LE SECESSIONI * Klimt * IL bacio* Munch* Il grido.* argomenti non ancora svolti l 8/ 05 /2015 RISULTATI CONSEGUITI Le numerose interruzioni, dovute ad attività extra curricolari non hanno consentito a chi scrive di svolgere alcuni contenuti previsti in sede di programmazione. Risulta, comunque, più che soddisfacente il livello complessivamente raggiunto dagli alunni, che, tuttavia, hanno risposto in toni differenti sul piano dell interesse e su quello dell impegno. Una buona parte della classe dispone di un adeguata strumentazione critica, è in grado di decifrare il linguaggio visivo, di contestualizzare l opera d arte in senso storico e culturale e di affrontare le questioni metodologiche connesse. Alcuni alunni hanno, anche, messo in evidenza capacità davvero eccellenti nell operare collegamenti e riflessioni autonome. L altra parte, meno consistente, ha acquisito sufficienti o discrete competenze sotto il profilo espressivo ma presenta uno stile cognitivo più manualistico. Numerosi alunni, infine, hanno partecipato nel ruolo di ciceroni alla Manifestazione Monumenti aperti

21 Programma di Religione Prof.ssa Angelica Solinas Chi sono? Il cammino verso la realizzazione personale. I luoghi della crisi: Vuoto( Christian F., Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino pp ) Coazione( I.Svevo, La coscienza di Zeno, p.10) Scissione( R.L. Stevenson, Dott. Jekyll e mister Hyde. P.110) Smarrimento( D. Alighieri, Divina Commedia, InfernoI, 1-27). Solitudine( Lupo Alberto, n.143,1997) Sballo( note di pastorale giovanile, n.8,1999) Depressione( Dimensioni nuove,ottobre 97). La rinuncia al significato: Il suicidio, la droga. Alla ricerca del senso della vita. Film: Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino. Le relazioni: dall innamoramento all amore. L amore nella cultura classica greca e latina. Lettere e canzoni d amore. L arte e l amore. L arte di amare: Buber,levinas, Fromm, M Caterina Jacobelli. L amore nell Antico Testamento. L amore nel Nuovo Testamento. L amore tra uomo e donna nella Genesi. L amore e la sessualità: il cammino verso l affettività matura secondo Freud, smascherare i miti, le dimensioni della sessualità e dell amore, alcuni principi etici di riferimento secondo il magistero della Chiesa. La Chiesa e il sacramento del matrimonio: il fidanzamento, il matrimonio nella Bibbia, il matrimonio nel magistero della chiesa. Sessualità e aborto. Film: Le pagine della nostra vita.

22

23 Anno scolastico Docente: Luigi Canalis Programma di storia e filosofia svolto nella classe VG Premesse: La necessità di adeguare la programmazione alle indicazioni nazionali, che prevedono come periodo storico di riferimento per la classe terza il Novecento, mi ha indotto a seguire un percorso didattico integrato nel quale le due discipline sono state sviluppate il più possibile con un andamento parallelo e convergente. In questo contesto, ho individuato un filo conduttore nell indagine sullo sviluppo delle vicende storiche e sull evoluzione del pensiero nel XX secolo. Ho, inoltre, collegato a questo filo conduttore anche alcuni filosofi di epoche precedenti, essenziali e non ancora sviluppati negli anni scorsi. Il riferimento comune che ho individuato è quello del trionfo della tecnica come chiave di lettura delle vicende storiche e dell evoluzione del pensiero umano nel secolo appena trascorso. Consapevole della parzialità del punto di osservazione e della difficoltà di una metodologia del genere, che può facilmente indurre confusione e sovrapposizioni, ritengo, comunque, legittima tale operazione anche perché stimola l acquisizione di un metodo di studio interdisciplinare, critico e attento ai nessi e alle conseguenze dei fatti storici. Nello presentazione dei contenuti, di conseguenza, le due discipline si sono intrecciate di continuo, proprio per cercare di realizzare quanto detto in premessa. Programmazione didattica: Inquadramento storico complessivo del Novecento Lo snodo fondamentale della II rivoluzione industriale: evoluzione degli assetti proprietari, ovvero, l affermarsi delle multinazionali, delle grandi imprese delle S.p.A.; evoluzione dell organizzazione interna della fabbrica, ovvero, taylorismo e fordismo Società di massa e processo di riduzione del fine (l uomo) a mezzo: il consumismo La Critica della Ragion Pratica, con particolare riferimento al tema della strumentalità nel rapporto con gli altri uomini e in collegamento col tema del trionfo della tecnica. Il Romanticismo e la critica all illuminismo Fichte e la dialettica soggetto- oggetto: la critica al dualismo kantiano e il primato del soggetto. La centralità dell io puro e la libertà dell uomo. Il rapporto tra individuo e società, ovvero, la dialettica tra il tutto e le parti in Hegel. Il sistema filosofico hegeliano. Innovazioni tecnico-scientifiche e conflitto sociale: partiti e sindacati di massa. L Italia post-unitaria e le tra grandi questioni: la questione cattolica, la questione

24 meridionale e la fragilità della democrazia. Innovazioni tecnico-scientifiche e politiche di potenza: dal nazionalismo ai fascismi Innovazione tecnico-scientifica e politiche di potenza 2: il colonialismo diventa imperialismo e prepara la globalizzazione La prima guerra mondiale: cause, schieramenti, vicende essenziali ed esiti Dal socialismo utopico al marxismo: capitalismo e alienazione; l uomo appendice della macchina La rivoluzione russa e l avvento del socialismo. Gli effetti sull Europa: il biennio rosso e la divisione della sinistra. Trionfo della tecnica e stalinismo Trionfo della tecnica e nazismo L Italia fascista tra istanze di modernizzazione e tradizionalismo. Il colonialismo italiano. La crisi del 29: dal crollo del paradigma liberista all affermarsi di quello keynesiano; modulo di economia politica. Keynesismo e crisi economica attuale Nietzsche e la critica alla società di massa. Freud e la scoperta dell inconscio nell orizzonte della crisi della razionalità occidentale. La riflessione di Emmanuel Levinas sulla inconoscibilità e la distanza incolmabile dall Altro. La dittatura fascista in Italia Il fascismo in Europa e la guerra civile spagnola. Innovazione tecnico-scientifica e seconda guerra mondiale: la contabilità dello sterminio e la negazione della persona nei campi di concentramento e nei bombardamenti sui civili. La bomba atomica e l apoteosi- fine (?!) della modernità. La Shoah e il tema della responsabilità nella riflessione filosofica di Karl Jaspers Fine della guerra e guerra fredda: trionfo della tecnica e corsa agli armamenti Modulo di diritto sull Italia repubblicana L Italia dal boom economico al terrorismo rosso, passando per il Sessantotto e la strategia della tensione. Nuovi assetti politici e nuovi equilibri economici dopo la caduta del muro di Berlino

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano GO FAR! Comenius Regio Project La matematica ci fa andare lontano MA QUALE DISTANZA? IL PARTERNARIATO ITALIANO USR-EMILIA ROMAGNA DS Rosanna Rossi Coordinator Prof. Annalisa Martini Collaborator Dr. Monica

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli