DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO LICEO CLASSICO D.A.AZUNI CLASSE 5 G

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO LICEO CLASSICO D.A.AZUNI CLASSE 5 G"

Transcript

1 DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO LICEO CLASSICO D.A.AZUNI CLASSE 5 G

2 SINTETICA DESCRIZIONE DELLA CLASSE La classe 5 G è composta da 25 alunni (14 femmine e 11 maschi), tutti provenienti dalla 4 G. Gli alunni evidenziano nel complesso buone basi, soddisfacenti capacità e conoscenze, discreta propensione al dialogo culturale. Una sostanziale continuità didattica (venuta meno solo per la lingua inglese) ha favorito dinamiche di apprendimento piuttosto solide e un metodo di lavoro in classe condiviso. Tra le attività formative che hanno concorso ad un potenziamento delle loro competenze, va segnalata la partecipazione dell'intera classe al progetto didattico-formativo ideato da L'Unione Sarda (di cui la nostra è stata scuola-pilota). Dopo aver assistito, durante le ore curricolari, ad una serie di lezioni di scrittura giornalistica, tenute in classe da un capo-servizi dell'unione, gli alunni hanno pubblicato ( il ) su detta testata, articoli incentrati sulla realtà sassarese. La classe, inoltre, ha sempre aderito al progetto Monumenti Aperti, che ha impegnato gli studenti, dopo una fase di preparazione, come guide presso siti di interesse storico-artistico della città. Inoltre, per quanto riguarda l'area scientifica, la docente negli anni scolastici 2012/13 e 2013/14 ha svolto attività extracurricolari quali la Manifestazione La Scienza in Piazza, piccola fiera di esperimenti scientifici realizzati dagli studenti di varie scuole della città..il progetto ha esaltato le attitudini dei singoli alunni, ha rafforzato il loro grado di socializzazione, ha affinato la capacità di cooperazione, ha insegnato loro ad utilizzare correttamente le proprie conoscenze teoriche, a saper prevedere lo svolgimento di un azione, ad usare la terminologia scientifica e a predisporre un piano di lavoro, ad individuare tra fonti diverse quella utile e specifica per il lavoro loro affidato e a comunicare i dati attraverso forme di espressione orale, scritta e grafica. Quest ultimo anno scolastico quattro allievi della classe (Stefano De Camillis, Paolo Manca, Gabriela Pinna e Patrick Rogerson ) hanno partecipato al Progetto LISS Corso Pilota Didattico sullo Spazio - Lessons on International Space Station in collaborazione con l ASI ( Agenzia Spaziale Italiana ),l ESA ( Ente Spaziale Europeo ) e con il Dipartimento di Scienze Biomediche dell Università degli Studi di Sassari, in occasione della Missione Futura che ha portato la prima astronauta italiana Samantha Cristoforetti nella ISS ( Stazione Spaziale Internazionale). Lo scopo del progetto è quello di comprendere l ambiente spaziale, ma anche di scoprire gli effetti di questo sugli esseri viventi e capire come l alimentazione influenzi il corpo umano sulla terra e nello spazio. La classe ha partecipato ad un Conferenza sul tema dell Evoluzione dell uomo, tenuta dal Prof. Paolo Francalacci, docente del Dipartimento di Zoologia e Genetica evoluzionista dell Università degli Studi di Sassari, in questa occasione il professore ha anche illustrato agli studenti i suoi studi recenti sulla variabilità del DNA mitocondriale e del cromosoma Y in popolazioni umane. In ottemperanza agli ordinamenti del Miur, nota 4969 del 25 luglio 2014, è stato svolto un modulo scientifico (DNL) secondo la metodologia CLIL, per i quali contenuti si rimanda alla specifica relazione disciplinare. Da segnalare, inoltre, la partecipazione dell'alunno Manca Paolo alla selezione regionale delle Olimpiadi di Lettere Classiche (sezione saggio breve sulla civiltà greco-latina) classificandosi al secondo posto, nonché la partecipazione sempre del suddetto alunno al Certamen Senecanum di Bassano del Grappa (sezione B- traduzione più saggio breve) ottenendo la menzione d'onore. Lo scorso anno, l'alunna Cossu Elena è stata premiata dall'associazione Garden Club di Sassari per aver scritto un elaborato incentrato sull'eredità culturale trasmessaci dalla botanica sassarese Evelina Mameli Calvino. Nel complesso gli alunni hanno mostrato una buona motivazione allo studio, che si è accompagnata ad un impegno adeguato da parte del maggior numero di loro. Per quanto riguarda l'autonomia nello studio e nella gestione di sé la situazione è alquanto diversificata: ad un buon numero di alunni che aveva già pienamente conseguito tali obbiettivi, se ne affiancano altri che mostrano un livello sufficiente, mentre solo pochi presentano l'esigenza di essere guidati in maniera più o meno diretta e solo due/tre studenti manifestano qualche difficoltà seria in alcune discipline.

3 Il livello di socializzazione all'interno della classe è migliorato via via nel corso del quinquennio, l'attenzione è adeguata e l'interazione con i docenti è generalmente positiva. ELENCO ALUNNI 1. Abis Giorgia 2. Angius Sara 3. Boatto Federica 4. Bruno Mauro 5. Casu Sara 6. Cesaraccio Luigi 7. Chessa Nicole 8. Cossu Elena 9. Curcio Francesco 10.Decamillis Stefano 11.Garau Cristina 12.Idile Angela 13.Idini Alessandra 14.Koohestani Gabriele 15.Manca Paolo 16.Mannironi Antonio 17.Marras Andrea 18. Murineddu Federica 19.Natale Giovanni 20.Pain Alice 21.Pietri Angelo 22.Pinna Gabriela 23.Puggioni Angela 24.Rogerson Patrik 25.Tala Ilaria

4 Il Liceo Classico "D. A. Azuni" di Sassari è nato nel 1852, dopo che i moti del 1848 avevano posto fine alla secolare gestione ecclesiastica dell'istruzione cittadina, affidata ai Padri Gesuiti e ai Padri Scolopi. Nel 1861, con il conseguimento dell'unita d'italia, divenne Regio Liceo Classico enel 1865 venne intitolato all'illustre giurista sassarese Domenico Alberto Azuni. La sede del Liceo Classico era situata originariamente nello stabile di via Canopolo confinante con il Convitto Canopoleno, fino al 1933 anno in cui fu inaugurato l'attuale edificio, di considerevole pregio storico-artistico (l'aula Magna è decorata da dipinti di Mario Delitala). Hanno studiato al Liceo Azuni i due Capi di Stato Antonio Segni e Francesco Cossiga, due segretari del Partito Comunista Italiano quali Palmiro Togliatti e Enrico Berlinguer e moltissimi parlamentari isolani, intellettuali come Attilio Deffenu, Camillo Bellieni, artisti celebri tra cui si possono ricordare i pittori Filippo Figari e Giuseppe Biasi e gli scrittori Sebastiano Satta, Salvator Ruju, Salvatore Mannuzzu e Gavino Ledda.

5 AZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA REALIZZATA NELL ULTIMO ANNO DI CORSO Sintesi della programmazione impostata DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI a)obiettivi dell'area cognitiva Acquisizione di conoscenze complete, coordinate e ampliate Potenziamento delle capacità logiche e critiche Comprensione e utilizzo dei linguaggi specifici di ogni disciplina Potenziamento dell'educazione visiva Potenziamento delle capacità di analisi di un testo letterario e non Perfezionamento delle capacità di produzione di testi scritti di diversa tipologia b) Obiettivi dell'area non cognitiva Miglioramento delle capacità di relazione Consolidamento di un gruppo-classe attivo e propositivo Rafforzamento delle capacità di collaborazione e di assunzione delle responsabilità individuali c) Obiettivi di orientamento Partecipare attivamente alla vita di classe e della scuola sviluppando la comprensione di sé e degli altri per essere consci delle proprie inclinazioni, in modo da poter compiere scelte mature e consapevoli sia nell'immediato che nel futuro Liceo classico indirizzo tradizionale classe III G (V.O.) Materie Italiano 4 Latino 4 greco 3 Lingua straniera 3 Storia 3 Filosofia 3 Scienze naturali, chimica e geografia 2 matematica 2 Fisica 3 Storia dell'arte 2 Educazione civica 2 Religione o attività alternative 1 ore

6 ORGANIZZAZIONE DEI CONTENUTI a) Modalità di organizzazione dei contenuti per unità didattiche per moduli b) Criteri di scelta finalizzati all esame di stato utilità significatività interesse Obiettivi raggiunti Si veda la descrizione della classe. Metodologie utilizzate a) Metodologie da privilegiare lezione frontale lezione interattiva ricerche lavori di gruppo risoluzione di problemi centralità del testo b) Mezzi e strumenti da utilizzare libri di testo fotocopie audiovisivi supporti informatici, LIM Contenuti del percorso formativo Si vedano i programmi allegati Criteri e strumenti di valutazione adottati a) Oggetto della valutazione Conoscenze Capacità Competenze Interesse e partecipazione b) Modalità di osservazione dei processi di apprendimento. Verifiche in itinere e sommative c) Strumenti della verifica e della valutazione Interrogazione orale Prove strutturate e semistrutturate

7 Test a risposta multipla e/o chiusa Relazioni scritte e orali Test di laboratorio Test motori Informazioni sulla terza prova e simulazioni effettuate Si allega il materiale delle due simulazioni effettuate. 1) Tipologia B (quesiti a risposta aperta: massimo 10 righe). Cinque discipline coinvolte: greco, inglese, filosofia, fisica, scienze. Dieci domande (due per disciplina). Tempo previsto: 120 minuti 2) Tipologia B (quesiti a risposta aperta: massimo 10 righe). Cinque discipline coinvolte: greco, inglese, storia, matematica, scienze. Tempo previsto: 120 minuti. 3) Griglie di valutazione 4) Articoli pubblicati sull' Unione Sarda.

8 DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI CLASSE Nicola CADONI Greco e Latino Antonietta BUZZERIO (coordinatrice) Italiano Luigi CANALIS Filosofia e Storia Giovanni PAGLIARULO Matematica e Fisica Donatella PIRAS Inglese Giovanna PIRAS Scienze Rossana MUNDULA Storia dell arte Ivana SIDDI Educazione fisica Maria Angelica SOLINAS Religione LA COORDINATRICE (prof.ssa Buzzerio A.) IL DIRIGENTE SCOLASTICO (prof. Massimo Sechi) ALLEGATI Programmi e relazioni finali delle singole discipline Griglie di valutazione adottate Prove integrate (simulazioni di III prova) Articoli giornalistici pubblicati dall' Unione Sarda

9 RELAZIONI DISCIPLINARI ANNO SCOLASTICO CLASSE 5 G

10 PROGRAMMA DI ITALIANO Docente: prof.ssa Antonietta Buzzerio Libro di testo adottato: Baldi, Giusto, Razetti, Zaccaria, Dal testo alla storia dalla storia al testo, vv , Paravia. Obiettivi conseguiti: Sono stati conseguiti gran parte degli obiettivi pianificati. Attraverso un impegno costante e partecipe i discenti sono in grado di interpretare analiticamente sia un testo in prosa che poetico, di storicizzarlo, di individuare analogie e differenze col passato nonché la persistenza di elementi tematici comuni nella cultura attuale. Sono, altresì, in grado di inquadrare l avvenimento letterario in una densa trama di rapporti interdisciplinari, in quanto durante l anno scolastico in corso l approccio metodologico della suddetta docente, in accordo coi colleghi del consiglio di classe, è sempre stato mirato in tal senso. Dal punto di vista metodologico si è attuata la centralità del testo, punto di partenza, dopo accurata analisi testuale, per il dibattito letterario. A tale momento ho sempre fatto seguire, attraverso la lezione dialogata, un collegamento tra le soluzioni stilistiche adottate dai singoli autori ed il loro pensiero. Accanto allo studio del panorama letterario, con eventuali riferimenti alla contemporanea situazione europea, e all'abitudine all'analisi e all'interpretazione testuale, il mio lavoro si è rivolto anche alla produzione scritta, nella fattispecie alle tipologie di prove presenti all'esame di stato. A tale proposito sono state effettuate sempre le simulazioni della prima prova (grazie anche alla collaborazione e disponibilità del c.d.c.) Inoltre, al fine di potenziare le competenze nella scrittura giornalistica, nel corso dell'anno scorso, tutti gli alunni hanno scritto articoli,poi pubblicati, sull'unione Sarda, grazie al prezioso contributo del capo servizi Roberto Ripa, che per una ora alla settimana,in compresenza con la suddetta docente, ha tenuto lezioni di giornalismo. Oltre ad avere sempre manifestato interesse per la disciplina in questione i discenti hanno via via sviluppato interesse per varie manifestazioni culturali (lettura, cinema, teatro, musica, attualità, arte), segno evidente del raggiungimento di un buon livello di maturazione personale e del saper vivere.

11 PROGRAMMA SVOLTO MODULO 1 Laboratorio di scrittura Tipologia A (analisi del testo); tipologia B (saggio breve e articolo d opinione); tipologia C (tema di storia); tipologia D (tema di ordine generale) MODULO 2 GIACOMO LEOPARDI Leopardi e il Romanticismo classicismo romantico Dallo Zibaldone tutti i pensieri antologizzati Le Operette morali dialoghi satirici alla maniera di Luciano Dialogo della Natura e di un islandese Primi idilli L'Infinito La sera del dì di festa Grandi idilli: Il sabato del villaggio; A Silvia; La quiete dopo la tempesta MODULO 3 La seconda metà dell'ottocento Naturalismo e Verismo: differenze Il positivismo Carducci: San Martino Pianto antico MODULO 4 LA RINUNCIA ALLA METAFISICA Giovanni Verga: vita e opere Rosso malpelo (lettura integrale) Le tecniche narrative veriste: l abolizione della messa in scena ; l artificio della regressione; l artificio dello straniamento; l impersonalità e la focalizzazione esterna. Prefazione all amante di Gramigna

12 Prefazione ai Malavoglia I vinti e la fiumana del progresso Fantasticheria (lettura integrale) MODULO 5 LA CRISI DEL POSITIVISMO La crisi dell oggettività nel romanzo del Novecento Le nuove tecniche narrative: monologo interiore e flusso di coscienza MODULO 6 LA NEVROSI DEL BORGHESE NEL NOVECENTO LA FIGURA DELL INETTO Italo Svevo: vita e opere La coscienza di Zeno (lettura integrale) Luigi Pirandello: la formazione, le varie fasi dell attività artistica, la vita e le opere La differenza fra umorismo e comicità: l esempio della vecchia imbellettata Il fu Mattia Pascal (lettura integrale) con particolare attenzione alla teoria dello strappo nel cielo di carta e a quella della Lanterninosofia. MODULO 7 FREUD E LA PSICANALISI Le due pulsioni dell'inconscio: sessuale e aggressiva L'apparato psichico: ES, SUPER IO, IO. L'origine delle nevrosi: conflitto tra pulsioni e divieti La funzione dell' IO Morale eteronoma e morale autonoma MODULO 8 DECADENTISMO Sono l impero alla fine della decadenza Visione del mondo decadente Poetica del decadentismo Temi e miti della letteratura decadente Decadentismo e romanticismo Decadentismo e naturalismo Decadentismo e novecento MODULO 9 PASCOLI Simbolismo I temi della poesia pascoliana Le soluzioni formali La vita La poetica (Il fanciullino e critica al Sabato del villaggio) Da Myricae

13 Temporale, X Agosto, Lavandare Da Canti di Castelvecchio Il gelsomino notturno Nebbia MODULO 10 IL NOVECENTO Giuseppe Ungaretti Da l'allegria: San Martino del Carso Mattina Soldati Da Il dolore: Non gridate più MODULO 11 L'Ermetismo Salvatore Quasimodo Da Acque e terre: Ed è subito sera Da Giorno dopo giorno: Alle fronde dei salici MODULO 12 Eugenio Montale Da Ossi di seppia: Spesso il male di vivere ho incontrato Non chiederci la parola Da Le occasioni:non recidere, forbice, quel volt MODULO 13 Dal dopoguerra ai giorni nostri La ricostruzione del dopoguerra e il boom Il consumismo L'emigrazione interna e l'urbanesimo Gli anni novanta e la svolta del millennio Il pubblico e l'editoria I giornali MODULO 14 DANTE E IL TRASUMANAR PARADISO: CANTO I (vv.1-81) PARADISO: CANTO III (vv.1-57) e il mito di Narciso PARADISO: CANTO XI

14 PARADISO: CANTO XVII (vv ) PARADISO: CANTO XXXIII (vv.1-39) METODI MEZZI E STRUMENTI VERIFICHE Lezione frontale Libro di testo, video-proiettore, lavagnaluminosa. Dvd. Indagine in itinere con verifiche informali Lezione dialogata Dizionari Interrogazioni orali Raccordi interdisciplinari Schede riassuntive o esplicative Verifiche strutturate con risposte aperte o chiuse Problem-solving.Recensioni, articoli, saggi critici. Elaborati sotto forma di temi, analisi testuali, saggi Libri consigliati Attualizzazione degli argomenti esaminati. Approfondimenti ; saggi brevi, articoli giornalistici Simulazione prima prova (18/ ; 20/05/2015) Programma di Chimica Organica Biochimica e Biotecnologie- Scienze della

15 Terra Classe 5 G a. s. 2014/2015 Prof.ssa Giovanna Piras Chimica organica Dal carbonio agli idrocarburi Il carbonio, elemento della vita; l ibridazione del carbonio( sp, sp 2, sp 3 ); gli idrocarburi saturi ed insaturi; la nomenclatura degli idrocarburi saturi ed insaturi; definizione di isomeria; isomeria di struttura, cenni sull isomeria ottica; l isomeria geometrica degli alcheni ( cis e trans ); proprietà fisiche e chimiche degli idrocarburi saturi ed insaturi; Gli idrocarburi aromatici; utilizzo e tossicità dei composti aromatici. Dai gruppi funzionali ai polimeri I gruppi funzionali; gli alogeno derivati: utilizzo e tossicità; Alcoli, fenoli ed eteri ( nomenclatura e proprietà fisiche ); alcoli e fenoli di particolare interesse; Aldeidi e chetoni ( nomenclatura e proprietà fisiche ); Gli acidi carbossilici nel mondo biologico; cenni sugli esteri, ammine, composti eterociclici. Le basi della biochimica Le biomolecole; i carboidrati, classificazione: monosaccaridi, disaccaridi e polisaccaridi; le formule di proiezione di Fischer; gli anomeri; i lipidi: classificazione; i lipidi saponificabili e i lipidi non saponificabili; Gli amminoacidi, i peptidi e le proteine; la struttura delle proteine e la loro attività biologica; le biomolecole nell alimentazione; Gli enzimi: i catalizzatori biologici; nucleotidi e acidi nucleici; DNA ed RNA; la duplicazione del DNA; il codice genetico e la sintesi proteica. Metabolismo Le trasformazioni chimiche all interno della cellula; anabolismo e catabolismo ( vie divergenti, convergenti e cicliche ); L ATP: la principale fonte di energia per le reazioni metaboliche; il metabolismo dei carboidrati; glicolisi e fermentazione ( caratteri generali ); il metabolismo terminale; ciclo dell acido citrico e il trasporto degli elettroni ( caratteri generali ); la regolazione delle attività metaboliche: il controllo della glicemia.

16 Biotecnologie classiche e nuove biotecnologie; la tecnologie delle colture cellulari; le cellule staminali: adulte ed embrionali; l ingegneria genetica e gli OGM. Biotecnologie Scienze della terra Le rocce Le rocce: definizione; classificazione; il processo magmatico; le rocce magmatiche effusive e rocce magmatiche intrusive; le rocce sedimentarie; il processo sedimentario; le rocce metamorfiche; il processo metamorfico; tipi di metamorfismo: contatto, dinamico e regionale; il ciclo delle rocce. I fenomeni vulcanici Vulcani e plutoni; i corpi magmatici intrusivi; i vulcani e i prodotti della loro attività; gli edifici vulcanici; le diverse modalità di eruzione; il vulcanesimo secondario; la distribuzione geografica dei vulcani. I fenomeni sismici I terremoti: le cause; la teoria del rimbalzo elastico; le onde sismiche; sismografi e sismogrammi; intensità e magnituto dei terremoti. La struttura e le caratteristiche fisiche della terra Come si studia l interno della terra; le superfici di discontinuità il modello della struttura interna della terra. La tettonica a zolle Le caratteristiche delle zolle; margini convergenti,divergenti e conservativi; il motore della tettonica a zolle. CLIL

17 Biochemistry and Biotechnology Microorganism and Biotechnology; history of gene technology; viral structure; viral infection; bacterial cells bacterial cell shapes. Cloning and cell culture and genetic manipulation Stem cell technology; producing GMOs; restriction enzymes; gene cloning; vectors of gene cloning; transgenic mice; PCR. Relazione finale La classe 5 G è composta da 25 studenti ( 11 maschi e 14 femmine ), Si tratta di una buona classe sia sotto il profilo disciplinare che del profitto. Conosco gli studenti dall anno scolastico 2011/12 e ho notato immediatamente, soprattutto da parte di alcuni, disponibilità, interesse e curiosità nell affrontare lo studio delle materie scientifiche. Gli studenti hanno mostrato interesse per il lavoro didattico, la partecipazione è stata sempre costante soprattutto da parte di un gruppo numeroso di allievi che ha dimostrato di possedere ottime conoscenze, competenze ed abilità. Nel corso di questi anni ho potuto constatare da parte di tutta la classe, se pur con modalità e tempi differenti, crescita personale, curiosità verso gli argomenti scientifici, autonomia, miglioramento nel metodo di studio e di lavoro. I contenuti svolti durante l anno scolastico sono stati individuati in relazione agli obiettivi educativi e didattici indicati nella programmazione annuale. Nel presentare gli argomenti ho mirato a sviluppare le loro capacità di riflessione, di analisi, a far acquisire capacità di astrazione e di generalizzazione. Spesso i contenuti sono stati visualizzati mediante schemi, disegni e immagini in modo da semplificarli; utilissimo l uso della LIM. Ho applicato sia il metodo induttivo che quello deduttivo in modo da portare gli allievi al passaggio dalla realtà concreta ai passaggi logici astratti con l attività ragionata e non con sterili processi mnemonici. Le verifiche sono state orali e scritte, prove simulate, interventi e discussioni. La valutazione è stata effettuata con le scadenze temporali previste dal calendario scolastico ed è stata articolata in diversi momenti: -valutazione iniziale effettuata prima di progettare il curricolo; -valutazione intermedia per raccogliere informazioni sul processo di apprendimento di ogni studente rispetto agli obiettivi fissati e quindi consente di intervenire con attività di recupero; -valutazione finale o sommativa che si esprime attraverso un giudizio complessivo sugli obiettivi raggiunti dagli allievi alla fine dell intero anno scolastico. E stato svolto anche un breve modulo relativo alle recenti tecniche di Biologia molecolare, secondo la metodologia CLIL, l argomento è stato concordato insieme agli studenti. Posso pertanto affermare che nel corso dell'anno scolastico 2014/2015 gli alunni della 5'G hanno manifestato nel complesso un buon livello di interesse e tenuto un comportamento corretto. L'impegno e la partecipazione sono stati costanti. Gli alunni hanno raggiunto, seppur con gradi diversi, gli obiettivi prefissati

18 STORIA DELL ARTE Pro.ssa Rossana Mundula _1 OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Conoscenze relative all arte italiana ed europea dal Settecento alla prima metà del Novecento. Capacità di lettura di manufatti artistici nella loro realtà storica e culturale; Abilità di distinguere generi e tecniche; Capacità di operare confronti tra opere dello stesso periodo e/o di periodi ed autori diversi; Capacità di lavorare sia autonomamente sia in gruppo; Consapevole acquisizione di competenza nell uso del linguaggio specifico e nel metodo di studio. Rafforzamento delle capacità critiche individuali. Consolidamento delle capacità di rielaborazione, analisi e sintesi 2.CRITERI DIDATTICI SEGUITI E stato utilizzato il metodo STORICISTICO, per una presentazione alla classe delle condizioni storiche e culturali del prodursi di un opera ( lezione frontale). Successivamente gli alunni posti di fronte alle immagini( è stata utilizzata spesso la LIM ) hanno imparato a decifrare il linguaggio visivo a partire dalle strutture fondamentali per arrivare al significato intrinseco dell opera( metodi ICONOGRAFICO e ICONOLOGICO) ( lezione interattiva ). LIBRO DI TESTO :Demartini-Gatti-Tonetti-Villa Il nuovo VIVERE L ARTE vol.3 _Ed. Bruno Mondadori. CONTENUTI ILNEOCLASSICISMO I teorici del Neoclassicismo; Winckelmann. Canova Amore e Psiche; Monumento funebre di Clemente XIV; Monumento funebre di Maria Cristina d Austria; David Il giuramento degli Orazi; L assassinio di Marat. Il ROMANTICISMO Il pittoresco e il sublime.

19 Il paesaggio romantico Friedrich Il monaco in riva al mare. Turner L incendio della Camera dei Lords e dei Comuni il 16 ottobre Constable Il mulino di Flatford. Il romanticismo francese Géricault La zattera della Medusa ; Delacroix Il massacro di Scio La Libertà che guida il popolo. Il Romanticismo in Italia. Hayez Il bacio. Il REALISMO G. Courbet Funerale a Ornans; Gli Spaccapietre, L atelier L IMPRESSIONISMO Manet La colazione sull erba; Olympia; Bar delle Folies-Bergères. Degas La classe di danza; L assenzio. Monet Donne in giardino; Regata ad Argenteuil; Impressione: levar del sole; La Cattedrale di Rouen;.

20 Renoir Ballo al Moulin de la Galette; Il POSTIMPRESSIONISMO Cézanne La casa dell impiccato a Auvers-sur-Oise; Tavolo di cucina; Le grandi bagnanti. Seurat Un bagno ad Asnières ; Una domenica pomeriggio alla Grande Jatte. Gauguin La visione dopo il sermone; Ia orana Maria; Manao Tupapau; Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?.. Van Gogh* Autoritratto (1887) ; I mangiatori di patate; Vaso con girasoli; Notte stellata. LE SECESSIONI * Klimt * IL bacio* Munch* Il grido.* argomenti non ancora svolti l 8/ 05 /2015 RISULTATI CONSEGUITI Le numerose interruzioni, dovute ad attività extra curricolari non hanno consentito a chi scrive di svolgere alcuni contenuti previsti in sede di programmazione. Risulta, comunque, più che soddisfacente il livello complessivamente raggiunto dagli alunni, che, tuttavia, hanno risposto in toni differenti sul piano dell interesse e su quello dell impegno. Una buona parte della classe dispone di un adeguata strumentazione critica, è in grado di decifrare il linguaggio visivo, di contestualizzare l opera d arte in senso storico e culturale e di affrontare le questioni metodologiche connesse. Alcuni alunni hanno, anche, messo in evidenza capacità davvero eccellenti nell operare collegamenti e riflessioni autonome. L altra parte, meno consistente, ha acquisito sufficienti o discrete competenze sotto il profilo espressivo ma presenta uno stile cognitivo più manualistico. Numerosi alunni, infine, hanno partecipato nel ruolo di ciceroni alla Manifestazione Monumenti aperti

21 Programma di Religione Prof.ssa Angelica Solinas Chi sono? Il cammino verso la realizzazione personale. I luoghi della crisi: Vuoto( Christian F., Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino pp ) Coazione( I.Svevo, La coscienza di Zeno, p.10) Scissione( R.L. Stevenson, Dott. Jekyll e mister Hyde. P.110) Smarrimento( D. Alighieri, Divina Commedia, InfernoI, 1-27). Solitudine( Lupo Alberto, n.143,1997) Sballo( note di pastorale giovanile, n.8,1999) Depressione( Dimensioni nuove,ottobre 97). La rinuncia al significato: Il suicidio, la droga. Alla ricerca del senso della vita. Film: Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino. Le relazioni: dall innamoramento all amore. L amore nella cultura classica greca e latina. Lettere e canzoni d amore. L arte e l amore. L arte di amare: Buber,levinas, Fromm, M Caterina Jacobelli. L amore nell Antico Testamento. L amore nel Nuovo Testamento. L amore tra uomo e donna nella Genesi. L amore e la sessualità: il cammino verso l affettività matura secondo Freud, smascherare i miti, le dimensioni della sessualità e dell amore, alcuni principi etici di riferimento secondo il magistero della Chiesa. La Chiesa e il sacramento del matrimonio: il fidanzamento, il matrimonio nella Bibbia, il matrimonio nel magistero della chiesa. Sessualità e aborto. Film: Le pagine della nostra vita.

22

23 Anno scolastico Docente: Luigi Canalis Programma di storia e filosofia svolto nella classe VG Premesse: La necessità di adeguare la programmazione alle indicazioni nazionali, che prevedono come periodo storico di riferimento per la classe terza il Novecento, mi ha indotto a seguire un percorso didattico integrato nel quale le due discipline sono state sviluppate il più possibile con un andamento parallelo e convergente. In questo contesto, ho individuato un filo conduttore nell indagine sullo sviluppo delle vicende storiche e sull evoluzione del pensiero nel XX secolo. Ho, inoltre, collegato a questo filo conduttore anche alcuni filosofi di epoche precedenti, essenziali e non ancora sviluppati negli anni scorsi. Il riferimento comune che ho individuato è quello del trionfo della tecnica come chiave di lettura delle vicende storiche e dell evoluzione del pensiero umano nel secolo appena trascorso. Consapevole della parzialità del punto di osservazione e della difficoltà di una metodologia del genere, che può facilmente indurre confusione e sovrapposizioni, ritengo, comunque, legittima tale operazione anche perché stimola l acquisizione di un metodo di studio interdisciplinare, critico e attento ai nessi e alle conseguenze dei fatti storici. Nello presentazione dei contenuti, di conseguenza, le due discipline si sono intrecciate di continuo, proprio per cercare di realizzare quanto detto in premessa. Programmazione didattica: Inquadramento storico complessivo del Novecento Lo snodo fondamentale della II rivoluzione industriale: evoluzione degli assetti proprietari, ovvero, l affermarsi delle multinazionali, delle grandi imprese delle S.p.A.; evoluzione dell organizzazione interna della fabbrica, ovvero, taylorismo e fordismo Società di massa e processo di riduzione del fine (l uomo) a mezzo: il consumismo La Critica della Ragion Pratica, con particolare riferimento al tema della strumentalità nel rapporto con gli altri uomini e in collegamento col tema del trionfo della tecnica. Il Romanticismo e la critica all illuminismo Fichte e la dialettica soggetto- oggetto: la critica al dualismo kantiano e il primato del soggetto. La centralità dell io puro e la libertà dell uomo. Il rapporto tra individuo e società, ovvero, la dialettica tra il tutto e le parti in Hegel. Il sistema filosofico hegeliano. Innovazioni tecnico-scientifiche e conflitto sociale: partiti e sindacati di massa. L Italia post-unitaria e le tra grandi questioni: la questione cattolica, la questione

24 meridionale e la fragilità della democrazia. Innovazioni tecnico-scientifiche e politiche di potenza: dal nazionalismo ai fascismi Innovazione tecnico-scientifica e politiche di potenza 2: il colonialismo diventa imperialismo e prepara la globalizzazione La prima guerra mondiale: cause, schieramenti, vicende essenziali ed esiti Dal socialismo utopico al marxismo: capitalismo e alienazione; l uomo appendice della macchina La rivoluzione russa e l avvento del socialismo. Gli effetti sull Europa: il biennio rosso e la divisione della sinistra. Trionfo della tecnica e stalinismo Trionfo della tecnica e nazismo L Italia fascista tra istanze di modernizzazione e tradizionalismo. Il colonialismo italiano. La crisi del 29: dal crollo del paradigma liberista all affermarsi di quello keynesiano; modulo di economia politica. Keynesismo e crisi economica attuale Nietzsche e la critica alla società di massa. Freud e la scoperta dell inconscio nell orizzonte della crisi della razionalità occidentale. La riflessione di Emmanuel Levinas sulla inconoscibilità e la distanza incolmabile dall Altro. La dittatura fascista in Italia Il fascismo in Europa e la guerra civile spagnola. Innovazione tecnico-scientifica e seconda guerra mondiale: la contabilità dello sterminio e la negazione della persona nei campi di concentramento e nei bombardamenti sui civili. La bomba atomica e l apoteosi- fine (?!) della modernità. La Shoah e il tema della responsabilità nella riflessione filosofica di Karl Jaspers Fine della guerra e guerra fredda: trionfo della tecnica e corsa agli armamenti Modulo di diritto sull Italia repubblicana L Italia dal boom economico al terrorismo rosso, passando per il Sessantotto e la strategia della tensione. Nuovi assetti politici e nuovi equilibri economici dopo la caduta del muro di Berlino

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Premessa metodologica L insegnamento della Storia dell Arte mira a fare conoscere le diverse forme espressive dell arte, la cui fruizione

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE NATURALI CHIMICA GEOGRAFIA GENERALE Anno scolastico 4/5 Docenti: Tiziana Duranti, Antonella Marmora, PatriziaPetrini, Roberta Pratesi,

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 LICEO CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE PLAUTO PREMESSA L insegnamento delle Scienze naturali ha il fine di far acquisire allo studente conoscenze disciplinari e metodologie

Dettagli

Programma delle singole materie

Programma delle singole materie Programma delle singole materie Materia: Storia dell'arte Anno scolastico 2011-2012 Libro di testo Comunicarte, Omar Calabrese, Ed. Le Monnier, (voll. 5 e 6) Altri strumenti didattici Proiettore; L.I.M.;

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE Programmazione didattica-educativa Bienno-triennio a.s. 2013/2014 Premessa Sulla base di una scelta didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2012/2013 CLASSE V SEZIONE B. PROGRAMMA di Storia dell Arte Prof. Carlo Bianchi Libro/i di testo in adozione: Itinerario nell Arte. Autori: Cricco-Di Teodoro Editore:

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO: 2008/09 CLASSE: IV A MATERIA:Chimica Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTE: Benedet Giuseppe SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE NELLA

Dettagli

VITTORIO EMANUELE II

VITTORIO EMANUELE II LICEO CLASSICO STATALE VITTORIO EMANUELE II DISTRETTO SCOLASTICO N 1/39 PALERMO SEDE CENTRALE : VIA SIMONE DI BOLOGNA SUCCURSALE : VIA DEL GIUSINO P IANO DELL O FFERTA 2011-2012 F ORMATIVA Conoscenza

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO Liceo Scientifico Statale Vito Volterra - Ciampino PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 Finalità - Comprensione del testo e sua utilizzazione come strumento conoscitivo - Sviluppo

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

CURRICULUM DISEGNO E STORIA DELL ARTE

CURRICULUM DISEGNO E STORIA DELL ARTE CURRICULUM E Finalità L insegnamento del Disegno e della Storia dell Arte nei Licei Scientifici istituiti dalla Riforma, si propone di definire il ruolo storico-culturale della materia oggetto di studio,

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore Italiano prima lingua 1. Dotazione ore 4 H 5H 6H Materia fondamentale 4 4 4 2. Considerazioni didattiche e obiettivi di formazione generali secondo il PQ MP 12 L insegnamento della prima lingua nazionale

Dettagli

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE 5 SEZ. B. INDIRIZZO ling. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Cristina Conti Lingua Inglese - Spiazzi-Tavella, ONLY CONNECT-New directions, Vol.2-3

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Materia: BIOLOGIA Classe: 2E Docente: Toccoli Simona Livelli di partenza Per verificare i livelli di partenza è stato svolto un colloquio

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. V Sezione D Liceo Scientifico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. V Sezione D Liceo Scientifico ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO SCIENTIFICO LUCIO PICCOLO Con annessa sezione del LICEO CLASSICO Via Consolare Antica 98071 Capo d Orlando Tel. (0941) 902103 Fax (0941) 912533 Distretto Scolastico

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2012/2013 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Paciolo D Annunzio liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Sede 2 Sede: Via Alfieri 43036 Fidenza(PR) tel +039 0524 526102 www.paciolo-dannunzio.gov.it VISITE GUIDATE (su prenotazione) MICROSTAGE

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V sez. B corso Odontotecnico Redatto il 10/05/2013 Anno scolastico 2012/2013 1 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI SOCIALI GALILEO GALILEI DI ORISTANO CLASSE 5 A ODONTOTECNICO

Dettagli

Indice. Presentazione del corso 7. 1 Organizzazione dei volumi e del progetto didattico 10. 2 Proposte per una programmazione personalizzata 12

Indice. Presentazione del corso 7. 1 Organizzazione dei volumi e del progetto didattico 10. 2 Proposte per una programmazione personalizzata 12 Indice Presentazione del corso 7 Parte 1 Strumenti per la didattica 3 1 Organizzazione dei volumi e del progetto didattico 10 2 Proposte per una programmazione personalizzata 12 3 Le verifiche delle unità

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 - Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2015/2016 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

Programmazione didattico-educativa di Italiano 4 anno (Liceo Classico)

Programmazione didattico-educativa di Italiano 4 anno (Liceo Classico) Premessa Liceo Classico Altavilla Palermo Anno Scolastico 2008/2009 Prof. Paolo Monella Programmazione didattico-educativa di Italiano 4 anno (Liceo Classico) Lo studio dell Italiano nel triennio del Liceo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

LICEO STATALE. Olgiate comasco

LICEO STATALE. Olgiate comasco LICEO STATALE Olgiate comasco LICEO STATALE G. TERRAGNI Il Liceo Terragni di Olgiate Comasco è autonomo dal 1987 ed è l unica scuola superiore autonoma dell intera area sud-occidentale della provincia

Dettagli

PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE

PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE Via Bisceglie s.n.c. 76123 - Andria (BT) PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 elaborato secondo le indicazioni

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LA NOSTRA IDENTITÀ Liceo Linguistico Regina Mundi Siamo una scuola cattolica e questa appartenenza ci definisce come uomini e professionisti Siamo impegnati a verificare

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli