Allenamento: il primo macrociclo di lavoro (girone d andata) per una squadra della categoria Allievi.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allenamento: il primo macrociclo di lavoro (girone d andata) per una squadra della categoria Allievi."

Transcript

1 N.59 DICEMBRE 2008 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI BOZZANO (LU) TEL FAX DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO SETTORE GIOVANILE articolo 16 Allenamento: il primo macrociclo di lavoro (girone d andata) per una squadra della categoria Allievi. A cura di ERNESTO MARCH Mesocicli di mantenimento, mesocicli pre-competitivi, mesocicli competitivi e mesocicli di sostegno: come preparare un efficace programma di lavoro. METODOLOGIA DI LAVORO. La programmazione di lavoro che andiamo ad esporre viene elaborata, e poi proposta, tenendo conto del calendario agonistico che una squadra dovrà affrontare durante la stagione. In tale contesto avremo pertanto: mesocicli di mantenimento (blocchi di partite ritenute meno importanti, in cui è possibile usare carichi di lavoro più elevati); mesocicli pre/competitivi (mesocicli antecedenti quelli competitivi, con funzione propedeutica a questi ultimi); mesocicli competitivi (blocchi di partite più importanti, con utilizzo di carichi di lavoro medio, maggiormente finalizzati alla variabile intensità); mesocicli di sostegno (periodi di lavoro finalizzati al recupero fisico e psicologico; carichi i lavoro bassi; mesocicli utilizzati prima di quelli di mantenimento). Vediamo ora come andare a programmare i nostri mesocicli di lavoro tenendo conto delle partite e delle squadre che dovremo affrontare. Gli incontri indicati si riferiscono al calendario del girone di andata. I nomi delle squadre sono presi solo a titolo di esempio e riguardano gli avversari della nostra compagine (Sparta). Queste le partite che dovremo disputare nel girone di andata: Sparta- Casale Galliate- Sparta Sparta- Pro Vercelli Arona- Sparta Borgomanero- Sparta Piemonte sport- Sparta Sparta- Pro Belvedere Scuole Cristiane- Sparta Sparta- Novara

2 Vediamo adesso di abbinare ad ogni incontro/periodo il carico di lavoro, in Quantità ed Intensità. Questo in base, a come detto in precedenza, alla valutazione delle squadre e dei blocchi di partite da affrontare: Sparta - Casale Q medio-alta - I medio-alta Galliate - Sparta Q alta - I media Sparta - Pro Vercelli Q media - I alta Arona - Sparta Q bassa - I max Borgomanero Sparta Q bassa - I max Piemonte sport Sparta Q minima - I media Sparta - Pro Belvedere Q media - I media Scuole Cristiane Sparta Q bassa - I alta Sparta Novara Q bassa - I max distribuzione del carico livelli intensità quantità casale galliate pro verc. arona borgom. piem.sport pro belved. scuole cris. novara partite Per terminare inseriamo ora ogni gara all interno di una tipologia di mesociclo: Sparta - Casale Q medio-alta - I medio-alta 1 mesociclo di mantenimento Galliate - Sparta Q alta - I media 1 mesociclo di mantenimento Sparta - Pro Vercelli Q media - I alta 1 mesociclo pre-competitivo 2 Arona - Sparta Q bassa - I max 1 mesociclo competitivo Borgomanero Sparta Q bassa - I max 1 mesociclo competitivo Piemonte sport Sparta Q minima - I media 1 mesociclo di sostegno

3 Sparta - Pro Belvedere Q media - I media 2 mesociclo di mantenimento Scuole Cristiane Sparta Q bassa - I alta 2 mesociclo pre-competitivo Sparta Novara Q bassa - I max 2 mesociclo competitivo Passiamo a vedere nel dettaglio i programmi di allenamento. I MESOCICLI DI LAVORO. Primo mesociclo di mantenimento Primo microciclo Allenamento N 1 generale misto (13 ) Corsa lenta + esercizi (08 ). Stretching (05 ). Resistenza alla forza veloce (20 ) Circuito a 4 stazioni; 3 x ogni stazione con 2 di recupero nel passaggio tra le stesse: a) serie di scatti con utilizzo di un giubbotto zavorrato sui 20 metri; b) salti a piedi pari continui, a ginocchia semi-bloccate di 5 ostacolini OVER + scatto. c) salti a piedi continui, con maggiore piegamento delle ginocchia di 5 ostacoli di altezza media + scatto; d) salto frontale di un ostacolo di altezza media + salto laterale (dx- sx) di un ostacolino over + salto frontale di un ostacolo di altezza media. Tecnica analitica (14 ) Esercizi di sensibilizzazione; serie di conduzioni con SALTELLO RITMICO: a) esterno - esterno ad 1 colpo; b) esterno - esterno a 2 colpi; c) collo - collo ad 1 colpo; d) collo - collo a 2 colpi; e) interno esterno; f) pianta verso l interno - pianta verso l esterno; g) pianta - pianta frontale. Situazioni di gioco (18 ) 8>6; difesa in inferiorità numerica; palla giocata dal centrale di centrocampo offensivo all esterno alto a differenti livelli di campo; ricerca continua di sovrapporsi da parte degli esterni bassi offensivi. Potenza aerobica (13 ) Per il gruppo tra 2600/2700 metri nel test di Cooper: 2 serie da 10 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 42 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 42 metri; recupero tra le serie 3. Per il gruppo < = 2500 metri nel test di Cooper: 2 serie da 10 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 39 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 39 metri; recupero tra le serie 3. Esercitazioni a tema (25 ) Gabbia a tocco libero con regola della metà campo; squadre da 3 giocatori 3

4 l una e mini/partite della durata di Allenamento N 2 1) Esercizi con la palla (12 ). Esercizi a coppie per il passaggio al volo dopo controllo (passaggi con le mani); 2 di lavoro per ogni componente della coppia: a) testa/testa; b) collo/interno; c) petto/interno.. 1) Forza veloce (14 ) Stato/dinamico ad 1 tempo: ad ogni ripetizione assumere la posizione di ½ SQUAT per 4-5 dopo di che effettuare un salto verso l alto; 4 blocchi da 10 ripetizioni l una con 2 di recupero tra gli stessi. 1) Situazioni di gioco (18 ) 8>6 sempre con attaccanti in superiorità numerica; ricerca dei movimenti giusti in fase offensiva: a) DAI E VAI con gioco a 2 tra i 2 esterni (sovrapposizioni esterne ed interne); b) partenza sempre esterna; palla all esterno basso, movimento ad allungare dell esterno alto ed a venire incontro della punta; passaggio alla punta, sponda per il centrocampista centrale e cambio di gioco per l esterno basso dall altro lato (con movimento a tagliare dell esterno alto); i 2 esterni bassi in questo modo in fase offensiva dovranno agire tutti e 2 larghi, anche quello sistemato dal lato opposto. 4 2) Tecnica in situazione (20 ) Tre gruppi: a) GIRATE AL VOLO/PUNTE; serie da 10 ripetizioni l una per ogni giocatore alternandone una di destro ed una di sinistro; b) COLPI DI TESTA IN ELEVAZIONE/CENTRALI; 10 ripetizioni per ogni giocatore in arretramento ed in avanzamento con compagno fermo a fare da ostacolo; c) CROSS IN CORSA SENZA CONTROLLO/ESTERNI; passaggio lungo linea di un compagno, rasoterra e con palla veloce. 1) Lavoro lattacido (13 ) Per il gruppo tra 2600/2700 metri nel test di Cooper; 2 serie da 10 ripetizioni con 10 al 115% della VAM, percorrendo 46 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 46 metri; recupero tra le serie 3. Per il gruppo < = 2500 metri nel test di Cooper; 2 serie da 10 ripetizioni con 10 al 115% della VAM, percorrendo 42 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 42 metri; recupero tra le serie 3. 1) Partita di allenamento (25 ) Allenamento n 3 1) Giochi con la palla (10 ) PALLA IN META con inserimento; 2 tocchi; per guadagnare 1 punto bisognerà riuscire a lanciare un compagno che si sarà sganciato nello spazio di meta; quest ultimo dovrà riuscire ad arrestare la palla al volo perfettamente, al max in 2

5 dall ingresso nello spazio di meta stesso.. 1) Rapidità reattività (14 ) Gioco: GUARDIANO DEL PONTE ; divisi in 2 squadre; una squadra a difesa di una porta di metri (un giocatore per volta) con davanti un area semicircolare; l altra squadra, sempre con un giocatore per volta, dovrà, per guadagnare 1 punto, attraversare la porta stessa senza farsi toccare dal guardiano. 1) Schemi di gioco (20 ) Situazioni di palla inattiva; calci d angolo e punizioni in zona cross a favore. 2) Tecnica in situazione (20 ) Tiri in porta effettuati ad alta velocità; calciare in corsa, di destro e di sinistro, una palla passata rasoterra dall allenatore in verticale; ogni giocatore dovrà partire da fermo e dopo una repentina accelerazione calciare in porta (nel frattempo alcuni giocatori si eserciteranno, calciando dei palloni fermi a giro dal limite dell area, cercando l incrocio dei pali, simulando delle punizioni in zona tiro, senza barriera). 1) Rapidità reattività (07 ) QUADRATO PSICOCINETICO ; quadrato di 3 mt. di lato, ai cui vertici saranno collocati cinesini o casacche di colore diverso; squadra suddivisa in 4 gruppi, i cui elementi, uno per volta, partendo dal centro del quadrato dovranno per 10, ad ogni ripetizione, direzionarsi verso il vertice del colore chiamato dall allenatore fino a sfiorarlo con le mani; ogni giocatore dovrà effettuare 7 ripetizioni. 1) Esercitazione a tema (20 ) Partita a 2 tocchi e un 1 tocco con obbligo di giocare palla a terra. Secondo microciclo Allenamento N 4 1) generale misto (08 ).. 1) Test (30 ). 2) Test di Cooper. 1) Tecnica analitica (32 ) Tiri in porta curando la precisione nelle conclusioni sia sul 1 che sul 2 palo; piantare un palo alto all interno del palo sulla riga di porta, a creare uno spazio ridotto, in modo da costringere i giocatori ad effettuare dei tiri di precisione, centrando la porticina così ottenuta; esercizio diviso in 2 parti: a) da dx, tiri di destro a centrare la porticina sul 2 palo, tiri di sinistro a stringere cercando di centrare la porticina sul 1 palo b) da sx, tiri di sinistro a centrare la porticina sul 2 palo, tiri di destro a stringere cercando di centrare la porticina sul 1 palo. 1) Esercitazione a tema (25 ) 5

6 a) Partita a 2 tocchi con obbligo di tenere la palla a terra; rete segnata riuscendo a superare la linea di meta ed arrestando la palla sotto la pianta del piede; le 2 linee di meta saranno ottenute prolungando con dei cinesini le linee costituenti l area di rigore. 1) Reattività rapidità (09 ) Esercizi con i cerchi; 3 esercizi della durata di 3 ciascuno (figura 1). b) Partita a 2 tocchi con rete valida se realizzata al volo di testa o di piede all interno di una porta di larghezza regolamentare ottenuta con dei pali alti (sempre sistemata sulla linea dell area di rigore) Allenamento N 5 1) Esercizi con la palla (10 ) a) A coppie passaggi al volo di testa. b) A coppie passaggi al volo di piede. 1) Reattività reattività (08 ) Esercizi di LINE/STEP (in ogni cerchio doppio appoggio con entrambi i piedi sia in quelli frontali che in quello laterale con incrocio dei piedi) con utilizzo di cerchi; 2 sequenze da 4 l una, con squadra suddivisa in 2 gruppi: a) sequenza con 2 cerchi sistemati uno davanti all altro, uno a destra e così via; b) sequenza uguale alla precedente ma con cerchi laterali sistemati a sinistra. 1) Situazioni di gioco (18 ) 3>2 con attaccanti in superiorità numerica su una metà campo; 2 attaccanti larghi ed uno centrale in possesso palla (3 coppie di difensori e 3 coppie di attaccanti). 6 Fig. 1 1) Situazioni di gioco (15 ) 8>4; curare le posizioni delle catene laterali, le sovrapposizioni alte degli esterni bassi ed i cambi di gioco per gli inserimenti dell altro esterno basso. 2) Partita di allenamento (30 ) Allenamento N 6 1) Giochi vari (12 ) Possesso palla a 2 tocchi: GIOCO DEI 10 PASSAGGI 1) Reattività rapidità (07 ) Andature. 1) Schemi di gioco (40 ) Falli laterali, calci d angolo a favore, punizioni in zona cross, punizioni in zona tiro.

7 2) Tecnica analitica (20 ) Tiri in porta da posizione frontale, dopo finta a piacere su un cono sistemato centralmente. 3) Esercitazioni a tema (15 ) Partita ad 1/2 tocchi. Primo mesociclo pre competitivo Primo microciclo Allenamento N 7 1) generale misto (13 ) Corsa lenta + esercizi (08 ). Stretching (05 ). 1) Test (50 ) 2) ERGO/JUMP CMJ: 2 prove x ogni giocatore (15 ) 3) Test sui 20 metri: 3 prove x ogni giocatore (15 ) 4) Test sui 10+10: 2 prove per lato x ogni giocatore (20 ) 1) Situazioni di gioco (20 ) 8>6; esercitazione per la difesa con cross dalle fasce laterali e marcature in area dei difensori (i 2 centrali e l esterno basso sistemato dall altro lato) dopo rientro in diagonale; l esterno basso che subirà la sovrapposizione alta dei 2 esterni avversari, sarà in un primo momento semi/attivo, poi sul lancio diverrà attivo, cercando di disturbare il cross; in area per la squadra che attacca entreranno le 2 punte, l esterno alto opposto ed il centrocampista centrale, anch esso sistemato nell emicampo opposto. 2) Esercitazioni a tema (20 ) Partita a tutto campo con obbligo, per lanciare nella metà campo offensiv, di servire una punta; qualora si voglia passare la palla ad un altro giocatore si dovrà effettuare un lancio di prima intenzione dopo aver effettuato una sponda, anch essa di prima intenzione; mancando i portieri la rete sarà valida se effettuata al volo; ci sarà la regola della metà campo Allenamento N 8 1) Esercizi con la palla (15 ) Palleggi individuali: a) alternato; b) con saltello ad ogni tocco; c) testa. 1) Forza veloce (10 ) Stato/dinamico ad 1 tempo: ad ogni ripetizione assumere la posizione di ½ SQUAT per 4-5 d opo di che effettuare un salto verso l alto; 3 blocchi da 10 ripetizioni l una con 2 di recupero tra gli stessi. 1) Situazioni di gioco (18 ) 3>2 con attaccanti in superiorità numerica; l esterno alto parte in conversione centrale palla al piede; sull uscita di uno dei 2 difensori centrali, i 2 attaccanti devono incrociare; a quel punto l esterno potrà scegliere se lanciare una delle 2 punte oppure se andare lui stesso alla conclusione. 7

8 1) Resistenza allo scatto (08 ) 8x30 metri, recupero 30, macropausa 2 ; 8x20 metri recupero 25 (carico 400 metri). 2) Tecnica in situazione (20 ) Esercizio che coinvolgerà tutti i reparti contemporaneamente; centrali di centrocampo che effettueranno dei lanci lunghi in diagonale sulla corsa degli esterni; questi ultimi effettueranno dei cross in area per 2 attaccanti, marcati a uomo da 2 difensori centrali (presenza attiva del portiere). 2) Partita di allenamento (20 ) Allenamento N 9 1) Giochi vari (15 ) GIOCO DELLE PORTE MULTIPLE sistemate in ordine sparso sul campo di gioco; le porte dovranno essere una in più rispetto ai componenti di ogni singola squadra; per realizzare 1 punto la palla dovrà attraversare una delle porticine ed essere arrestata dall altra parte da un compagno di squadra. 1) Rapidità reattività (07 ) Esercizio PSICOCINETICO; con un pallone a testa, conduzione veloce verso un palo alto sistemato a 7/8 metri di distanza; giunti in prossimità di quest ultimo, con una finta portarsi velocemente verso uno dei 2 pali alti, corrispondente al colore chiamato dall allenatore (i 2 pali di diverso colore saranno sistemati in diagonale rispetto al palo centrale). 8 1) Tecnica in situazione (10 ) Squadra divisa in 2 gruppi di colore diverso che si muoveranno all interno di uno spazio delimitato, con presenza contemporanea di 4 o 5 palloni; bisognerà passare la palla ad un compagno di diverso colore ed andarlo a pressare; quest ultimo dovrà effettuare un triangolo con un compagno di squadra dello stesso colore e così via. 1) Rapidità reattività (10 ) Gioco a squadre IL GUARDIANO DEL PONTE. 1) Situazioni di gioco (18 ) Uscite manovrate dalla metà campo difensiva da parte dei 4 difensori + 2 centrocampisti centrali contro una squadra avversaria schierata con il che ostacolerà gli avversari con i 4 centrocampisti e le 2 punte; obiettivo da parte della squadra in possesso palla di eludere il pressing degli avversari, cercando di condurre la stessa oltre la linea di centrocampo, oppure lanciare una punta, con precisione, che verrà a trovarsi nella metà campo offensiva. 2) Esercitazioni a tema (25 ) Partita a 2 tocchi su una metà campo, su 2 porte regolamentari difese da 2 portieri; obiettivo è quello di cercare di arrivare al tiro velocemente con grande intensità. Primo mesociclo competitivo Primo microciclo Allenamento N 10

9 1) generale misto Corsa lenta + esercizi (05 ). 3) Andature e brevi esercizi di LINESTEP (05 ) 1) Test 2) Tapping (15 ) 1) Tecnica analitica (16 ) Esercizi per il passaggio lungo d interno collo a coppie; 4 per esercizio: a) con contro/effetto radente il terreno arto dominante; b) come l esercizio precedente con l altro arto; c) lancio parabolico con arto dominante; d) come il precedente con l altro arto. 1) Resistenza alla velocità (15 ) Solite accelerazioni con cambi di senso e direzione; 8x60 metri, micropausa 40, macropausa 3 ; 4x50 metri micro pausa 35. 1) Situazioni di gioco (15 ) 6>4 con difensori in inferiorità numerica; far partire un centrale di centrocampo della squadra offendente palla al piede e linea difensiva molto alta; la linea difensiva dovrà indietreggiare e quando il centrale difensivo dal lato della palla, deciderà di uscire, dovrà salire all unisono tutta la linea difensiva; solo a quel punto il centrocampista centrale in possesso palla potrà eventualmente decidere di passare la palla. 2) Esercitazioni a tema (30 ) Gabbia, con porte piccole; regola della metà campo; squadre da 3 giocatori; mini/partite da 1 15 l una Allenamento N 11 1) Esercizi con la palla (15 ) Esercizi di sensibilizzazione; palleggi vari in forma individuale; 5 esercizi della durata di 3 ciascuno: a) collo/interno arto dominante; b) collo/interno arto non-dominante; c) collo/esterno arto dominante; d) collo/esterno arto non-dominante; e) interno/esterno arto dominante. 1) Resistenza allo scatto (10 ) Serie di scatti con continui cambi di senso e direzione; 8x30 metri, micro pausa 25, macropausa 3 ; 8x20 metri, nicropausa 20. 1) Tecnica in situazione (40 ) A gruppi di 3 giocatori alla volta, eseguire il seguente esercizio, con combinazione dei gesti tecnici del tiro in porta e del cross (a metà tempo variare la sequenza): a) al segnale dell allenatore i 3 giocatori sistemati fuori area (figura 2), calceranno la palla davanti a loro, innescando la seguente sequenza: il giallo calcerà in porta la palla del rosso con utilizzo del piede destro, dopo di che il rosso andrà a recuperare la palla del giallo andando ad effettuare un cross di sinistro a centro area per i giocatori giallo e bianco; alla fine il bianco andrà a recuperare la palla calciata da lui stesso che nel frattempo si sarà fermata, andando a crossare di destro a centro per i giocatori rosso e 9

10 giallo (20 ); ripetere la sequenza dall altra parte, cominciando con il tiro di sinistro da parte del giocatore del giocatore bianco Allenamento N 12 1) Giochi vari (12 ) Partita a 2 tocchi, su 2 porte con regola della metà campo; rete valida se realizzata al volo di testa o di piede. 1) Rapidità reattività (07 ) Fig. 2 b) lavoro a nastro (figura 3), con suddivisione delle gestualità tecniche in base ai ruoli di appartenenza: centrali di centrocampo a lanciare dal cerchio di centrocampo stesso gli esterni (bassi e alti) sulle loro fasce di competenza che dovranno crossare in area, dopo arresto a seguire, per una coppia di attaccanti marcati a uomo da 2 difensori centrali (20 ). 1 Esercizi di LINESTEP: a) serie di skip bassi, lungo una fila di cerchi, in posizione frontale, con doppio appoggio dei piedi all interno di ciascun cerchio; b) andatura laterale all interno di una fila di cerchi, con incrocio degli arti inferiori e doppio appoggio dei piedi all interno di ciascun cerchio. 1) Schemi di gioco (18 ) 8>0; lo schema partirà dal centrocampista centrale che, dopo la sponda con la punta, potrà avvalersi di diverse opzioni: a) lancio per una delle 2 punte che dovranno incrociare; b) lancio per l esterno alto che avrà effettuato un taglio centrale; c) lancio per l esterno basso che si sarà inserito nello spazio lasciato libero dall esterno alto sistemato sulla stessa fascia di competenza (figura 4). Fig ) Resistenza allo scatto (08 ) Serie di scatti con continui cambi di senso e direzione; 6x30 metri, micro pausa 25, macropausa 3 ; 6x20 metri, micro pausa 20. A A C B 1) Partita di allenamento (30 ) 10 Fig. 4

11 1) Rapidità reattività (07 ) Esercizio di croce con cinesini disposti a rombo ed uno centrale, in modo tale da poter eseguire degli otto muovendosi in avanti/indietro e degli otto muovendosi in scivolata laterale; la distanza tra un cinesino e l altro sarà di circa 3 metri; gruppi di 4 giocatori l uno, in modo tale da ottenere 1 tempo di lavoro ed uno di recupero. 1) Esercitazioni a tema (40 ) GABBIA con sponde; 2 squadre in campo ed una fuori (1 sponda laterale e sponde di fianco ad ogni porta) che si alterneranno in mini/partite della durata di 6 ciascuna; porte regolari difese da 2 portieri; campo largo quanto l area di rigore e lungo una trentina di metri; i giocatori in campo giocheranno a 2 tocchi, le sponde fuori ad 1 solo tocco; qualora si riesca a fare gol di prima intenzione, dopo sponda sempre di prima intenzione con uno dei giocatori sistemati dietro la linea di fondo campo, esso avrà valore doppio (20 ). Partitella veloce su una metà campo, con porte regolari difese da portieri; 2 tocchi e cercare di andare al tiro il più velocemente possibile (20 ). Secondo microciclo Allenamento N 13 1) generale misto Corsa lenta + esercizi (07 ). 1) Forza veloce (16 ) Circuito a 4 stazioni, con squadra suddivisa in 4 gruppi; tempo di lavoro 2 30, tempo di recupero 2 : a) scatti con giubbotti zavorrati su una distanza di 10/15 metri; b) ostacoli di altezza media 3 ostacoli + scatto; c) ostacolini over 3 ostacoli + scatto; d) ostacolo medio da saltare frontale + ostacolino over da saltare lateralmente + scatto. 1) Situazioni di gioco (16 ) 6>4 per puntualizzare meglio i movimenti dei 4 dietro; i 2 centrali di centrocampo della squadra offendente avranno solo la funzione di far girar palla e non potranno penetrare in area ad esclusione dei cross dal fondo degli esterni alti; curare in modo particolare: a) i movimenti ad accorciare dei centrali difensivi sui movimenti a venire incontro delle punte, con relative coperture di doppia diagonale; b) i movimenti di aiuto e nello stesso tempo di anticipo dei centrali difensivi con palla esterna; c) la posizione del corpo dei difendenti in area durante la marcatura degli avversari. 1) Potenza aerobica (08 ) CCVV; esercizio con utilizzo della palla, strutturando ogni 30 di lavoro in questo modo: a) 15 corsa lenta con conduzione della palla; b) 10 allungo sempre con conduzione della palla; c) 5 scatti in varie direzioni senza palla, nelle immediate vicinanze della stessa. 1) Esercitazione a tema (40 ) a) Partita con 4 porticine (2 da attaccare + 2 da difendere); 2 tocchi; obbligo di mantenere la palla a terra (20 ). b) Partita con obbligo, per lanciare nella metà campo offensiva, di servire una 11

12 punta (2 per squadra) o di effettuare una sponda di prima, con lancio stesso di prima intenzione a favore di un compagno qualsiasi (20 ) Allenamento N 14 1) Esercizi con la palla (10 ) Esercizi a coppie per il controllo orientato ed il passaggio rasoterra; un pallone e 2 cinesini per coppia, sistemati in modo tale da costituire un ostacolo: a) controllo a seguire verso destra di esterno destro e passaggio rasoterra d interno sempre con il piede destro; b) ripetere dall altra parte in modo che la sequenza possa essere eseguita con il piede sinistro; c) controllo a seguire verso destra d interno sinistro e passaggio d interno piede destro; d) ripetere dall altra parte in modo che il controllo possa avvenire d interno destro ed il passaggio d interno sinistro; ogni esercizio avrà una durata di 2 30 ciascuno. 1) Resistenza allo scatto (10 ) Serie di scatti con continui cambi di senso e direzione; 8x30 metri, micro pausa 25, macropausa 3 ; 8x20 metri, micro pausa 20. 1) Tecnica in situazione (20 ) Serie di combinazioni per il tiro in porta a pressione con gruppi da 3 giocatori l uno (figura 5): a) il giocatore verde passa la palla all allenatore bianco; quest ultimo gli farà scorrere la sfera in diagonale, in modo tale che possa calciare il pallone di sinistro dopo essere passato attorno all allenatore stesso; 12 b) dopo il tiro del verde i giocatori rosso e giallo giocheranno la palla davanti a loro in modo che il rosso vada a calciare di sinistro la palla giocata dal giallo ed il giallo vada a calciare di destro la palla giocata dal rosso (nel frattempo fermata dal verde; il portiere dovrà quindi, ad ogni ripetizione, cercare di parare in sequenza 3 tiri effettuati appunto dai giocatori verde-rossogiallo; ripetere dopo 10 la sequenza dall altro lato, in modo da poter effettuare 2 tiri di destro ed 1 di sinistro. Fig. 5 1) Resistenza allo scatto (08 ) 1 Serie di scatti con continui cambi di senso e direzione; 6x30 metri, micro pausa 25, macropausa 3 ; 6x20 metri, micro pausa 20. 1) Situazioni di gioco (40 ) 10>6; i 10 giocatori, facendo partire l azione da dietro, dovranno far girar palla, cercando sul disturbo attivo degli altri 6, di andare a concludere l azione sull altra porta (20 ). 2) Partita di allenamento (20 ) Secondo mantenimento M mesociclo

13 Primo microciclo Allenamento N 15 1) generale misto Corsa lenta + esercizi (07 ). 1) Resistenza alla forza veloce (16 ) Circuito a 4 stazioni; 2 30 x ogni stazione con 2 di recupero nel passaggio tra le stesse: a) serie di scatti con utilizzo di un giubbotto zavorrato sui 20 metri; b) ostacolino over; partendo davanti allo stess, effettuare un salto all indietro, quindi un salto in avanti + scatto di 20 metri; c) sempre con ostacolino over, come nell esercizio precedente, ma effettuando 2 salti laterali prima dello scatto di 20 metri; d) salti in affondo laterale di 4 cerchi, che via via si stringono fino a ricompattare l appoggio dei piedi + scatto di 20 metri. 1) Tecnica analitica (18 ) Colpi di testa in elevazione staccando ad un piede; gruppi di 3; un giocatore fermo con funzione di ostacolo, uno a lanciare la palla con le mani per un terzo giocatore che staccando con un piede dovrà saltare sopra il compagno fermo e dovrà colpire la palla di testa; 3 serie di lavoro per ogni giocatore della durata di 2 ciascuna. 2) Situazioni di gioco (18 ) 8>6 difesa in inferiorità numerica; palla giocata dal centrale di centrocampo offensivo all esterno alto a differenti livelli di campo; ricerca continua di sovrapposizioni da parte degli esterni bassi offensivi. 1) Potenza aerobica (15 ) Per il gruppo tra 2600/2700 metri nel test di Cooper: 2 serie da 8 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 42 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 42 metri; recupero tra le serie 3. Per il gruppo > = 2800 metri nel test di Cooper: 2 serie da 8 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 45 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 45 metri; recupero tra le serie. 1) Esercitazioni a tema (20 ) Partita su una metà campo, con porte ridotte; 2 tocchi; palla a terra; regola della metà campo, cercando sempre una forte pressione sul portatore di palla; la rete per essere valida dovrà essere effettuata con palla rasoterra Allenamento N 16 1) Esercizi con la palla (12 ) Esercizi a gruppi per il passaggio al volo; suddividere la squadra in 4 gruppi che lavoreranno a 2 a 2, uno di fronte all altro; passaggi di prima e dopo il tocco ogni giocatore si porterà in fondo alla propria fila di appartenenza: a) piede; b) testa. 1) Forza veloce (14 ) Stato/dinamico ad 1 tempo; ad ogni ripetizione assumere la posizione di ½ squat per 4-5 dopo di che effettuare 13

14 un salto verso l alto; 4 blocchi da 10 ripetizioni l una con 2 di recupero tra gli stessi. 1) Tecnica in situazione (20 ) I 2 giocatori dovranno al segnale dell allenatore calciare la loro palla in avanti; il rosso andrà a calciare in porta la palla del giallo, per poi portarsi in area a ricevere il cross del giocatore giallo che, nel frattempo, si sarà portato sul fondo a crossare appunto la palla del giocatore rosso; ripetere sia da destra che da sinistra (figura 6) Allenamento N 17 1) Giochi con la palla (10 ) Possesso palla a 2 tocchi; 10 passaggi un punto; si potrà ripassare la palla anche al compagno da cui la si avrà ricevuta. 1) Rapidità reattività (08 ) Lavoro di FEETWORK con utilizzo di cerchi (figura 7). 1 Fig. 6 Fig. 7 1) Lavoro lattacido (15 ) Per il gruppo tra 2600/2700 metri nel test di Cooper: 2 serie da 8 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 44 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 44 metri; recupero tra le serie 3. Per il gruppo > = 2800 metri nel test di Cooper: 2 serie da 8 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 47 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 47 metri; recupero tra le serie 3. 1) Partita di allenamento (20 ) 14 1) Situazioni di gioco (18 ) 6>7 curando la fase difensiva; provare i 2 centrali di centrocampo e la linea difensiva. 1) Rapidità reattività (10 ) 1>1 in posizione frontale tipo shootout. 1) Situazioni di gioco (15 ) 10>6 curando la fase offensiva, da area ad area, per la costruzione del gioco; analizzare i movimenti degli esterni alti e delle punte in particolare.

15 2) Esercitazioni a tema (20 ) Partita a 2 tocchi. Secondo mesociclo competitivo Primo microciclo Allenamento N 18 1) generale misto Corsa lenta + esercizi (05 ) 1) Rapidità (10 ) Esercizi di LINESTEP, con utilizzo di cerchi (croce); squadra suddivisa in 2 gruppi; ogni ripetizione sarà strutturata nel modo seguente: partire davanti al cerchio verde ed eseguire la sequenza frontale in doppio appoggio entrando in successione nel verde, blu, nero; a quel punto tornare indietro nel blu ed incrociare sempre con doppio appoggio, passando nel rosso, poi ancora nel blu ed infine nel giallo, prima di uscire; ogni gruppo si eserciterà con un giocatore per volta (figura 8). Esercizi per la circolazione della palla, con lancio d'interno/collo a gruppi di 3 giocatori; 2 giocatori fermi alle estremità che dovranno giocar palla a quello in mezzo; quest'ultimo andando incontro dovrà effettuare un arresto a seguire, per poi lanciare appunto d'interno/collo al compagno; ogni giocatore dovrà restare in mezzo 3' x 2 tipologie di esercizio: a) arresto a seguire d'interno con il piede più lontano e lancio con l'altro; b) arresto a seguire d'interno/collo con movimento ad angolo della palla a venire dietro e lancio con lo stesso piede. 1) Resistenza alla velocità (15 ) Solite accelerazioni con cambi di senso e direzione; 8x60 metri, micro pausa 40, macropausa 3 ; 4x50 metri, micropausa 35. 1) Situazioni di gioco (15 ) 8>6 con squadra in attacco schierata con 8 giocatori, con modulo ; tenere i 2 centrali di centrocampo molto vicini alla linea difensiva per non concedere spazio vantaggioso alle 2 mezzepunte; utilizzare i 2 esterni bassi nella marcatura delle 2 mezzepunte in aiuto ai 2 centrali difensivi; il vertice basso del loro centrocampo a 3 verrà preso in considerazione dalla nostra punta più arretrata. 2) Esercitazione a tema (20 ) Fig. 8 Gabbia allargata, senza sponde, ma con tanti palloni da rimettere subito in gioco al fine di ridurre i tempi morti; porte piccole; regola della metà campo; 2 tocchi. 1) Tecnica analitica (18 ) Allenamento N 19 15

16 1) Esercizi con la palla (10 ) Palleggi al volo a gruppi di 3 o 4 giocatori. 1) Resistenza allo scatto (10 ) Serie di scatti con continui cambi di senso e direzione; 8x30 metri, micro pausa 25, macropausa 3 ; 8x20 metri, micro pausa 20. 1) Tecnica in situazione (20 ) Due file, una centrale, l altra laterale; il 1 della fila centrale dovrà calciare in porta dopo aver effettuato una triangolazione con l allenatore; a quel punto partirà il 1 della fila laterale, per effettuare un cross a favore dello stesso giocatore che avrà calciato in porta dalla posizione centrale. 1) Forza veloce (16 ) Serie di accelerazioni (10 metri), curando i primi 2 o 3 appoggi; 4 stazioni di lavoro della durata di 2 30 ciascuna; recupero 2 : a) scatti con giubbotto zavorrato; b) scatti con partenza su 4 appoggi, con arti inferiori divaricati; c) scatti con partenza in divaricata sagittale; sollevare un arto da terra, oscillarlo indietro per poi slanciarlo in avanti in affondo; dopo averlo appoggiato a terra scattare in avanti; d) scatti simulando una partenza dai blocchi. 1) Situazioni di gioco (15 ) 8>6 con squadra in attacco schierata con 8 giocatori, con modulo ; 16 tenere i 2 centrali di centrocampo molto vicini alla linea difensiva per non concedere spazio vantaggioso alle 2 mezzepunte; utilizzare i 2 esterni bassi nella marcatura delle 2 mezzepunte in aiuto ai 2 centrali difensivi; il vertice basso del loro centrocampo a 3 verrà preso in considerazione dalla nostra punta più arretrata. 2) Partita a tema (30 ) Allenamento N 20 1) Giochi vari (12 ) Possesso palla a 2 squadre; per realizzare 1 punto bisognerà riuscire ad effettuare un lancio lungo che dovrà essere arrestato al volo da un compagno di squadra. 1) Rapidità (05 ) Esercizi di LINESTEP con utilizzo di cerchi; a gruppi di 3 giocatori con un cerchio; entrare nel cerchio, uscire davanti e ripetere la sequenza all indietro per tornare nel punto di partenza. 1) Situazioni di gioco (18 ) Squadra difendente schierata con 4 difensori e 3 centrocampisti; squadra offendente schierata con 8 giocatori; provare i movimenti offensivi per mettere in difficoltà il dispositivo della che si affronterà in campionato (disposta con il ). 1) Rapidità (05 ) Esercizi di LINESTEP con utilizzo di cerchi; a gruppi di 3 giocatori con un

17 cerchio; entrare nel cerchio lateralmente con incrocio dei piedi, uscire dall altro lato e ripetere la sequenza in senso opposto per tornare nel punto di partenza. 1) Schemi di gioco (18 ) Provare le situazioni di palla inattiva: a) calci d angolo; b) punizioni in zona cross. 2) Esercitazioni a tema (20 ) Partita in spazio ridotto con porticine e tocchi limitati; 1 tocco e 2 tocchi. Terzo mesociclo mantenimento Primo macrociclo Allenamento N 21 1) generale misto Corsa lenta + esercizi (07 ). 1) Resistenza alla forza veloce (16 ) Circuito a 4 stazioni; 2 30 x ogni stazione con 2 di recupero nel passaggio tra le stesse: a) serie di scatti con utilizzo di un giubbotto zavorrato sui 20 metri; 10 metri correndo all indietro + 10 metri correndo in avanti; b) ostacolo medio, partendo davanti allo stesso, in posizione di ½ squat, saltarlo e dopo l atterraggio effettuare uno scatto di 20 metri; c) 5 ostacolini over, effettuare dei salti a ginocchia semi-bloccate e dopo aver saltato l ultimo, effettuare uno scatto di 20 metri; d) saltare 2 ostacoli di altezza media partendo in posizione laterale, per sollecitare maggiormente gli adduttori, alternando ad ogni ripetizione una volta a destra ed una a sinistra + scatto di 20 metri. 1) Situazioni di gioco (32 ) a) Su 2 metà campo far girare la palla a 4 giocatori a 2 tocchi e ad un tocco (14 ). b) 6>4 con centrocampisti offendenti che fanno girar palla ed attaccanti centrali che effettuano continuamente movimenti a venire incontro (una volta serviti effettueranno delle sponde di prima a favore dei centrocampisti); questi movimenti serviranno per verificare fondamentalmente le diagonali di copertura dei 4 difensori; al segnale dell allenatore gli attaccanti cercheranno di andare alla conclusione (18 ). 1) Potenza aerobica (15 ) Per il gruppo tra 2600/2700 metri nel test di Cooper: 2 serie da 8 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 42 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 42 metri; recupero tra le serie 3. Per il gruppo > = 2800 metri nel test di Cooper: 2 serie da 8 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 45 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 45 metri; recupero tra le serie 3. 1) Esercitazioni a tema (20 ) Partita su una metà campo, con porte ridotte; 2 tocchi; palla a terra; regola della metà campo; la rete per essere valida dovrà essere effettuata o nella porticina centrale al volo oppure in una 17

18 delle porticine laterali di prima intenzione Allenamento N 22 1) Esercizi con la palla (12 ) Conduzioni della palla a slalom: a) interno/interno; b) esterno/esterno; c) interno/esterno arto dominante; d) interno/esterno arto non dominante. 1) Forza veloce (10 ) Stato/dinamico a 2 tempi; ad ogni ripetizione assumere la posizione prima di ¼ di squat, poi di ½ squat per 3-4 ciascuna, dopo di che effettuare un salto verso l alto; 4 blocchi da 8 ripetizioni l una con 2 di recupero tra gli stessi. 1) Schemi di gioco (20 ) Calci d angolo sia da destra che da sinistra, con gruppo di difensori ed attaccanti, per esercitare i portieri all interno di situazioni reali di gioco. 2) Tecnica in situazione (20 ) Tiri in porta dopo finte estremamente rapide di fronte ad un palo alto in posizione centrale, alternando con l arto dominante e non: a) forbice esterna + interno/esterno dello stesso piede ; b) forbice interna + forbice esterna dello stesso piede + forbice esterna dell altro + esterno del piede con cui si sarà cominciata la sequenza. 1) Lavoro lattacido (15 ) Per il gruppo tra 2600/2700 metri nel test di Cooper: 2 serie da 8 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, 18 percorrendo 44 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 44 metri; recupero tra le serie 3. Per il gruppo > = 2800 metri nel test di Cooper: 2 serie da 8 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 47 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 47 metri; recupero tra le serie 3. 1) Partita di allenamento (20 ) Allenamento N 23 1) Giochi con la palla (10 ) Gioco tipo pallamano ma con passaggi realizzati con i piedi al volo, o direttamente, oppure dopo aver fermato la palla con le mani. 1) Rapidità reattività (08 ) Lavoro di FEETWORK con utilizzo di cerchi; il giocatore giallo dovrà effettuare un giro di 360 gradi correndo in avanti attorno ad un cerchio, quindi un giro di 360 sempre correndo in avanti, attorno ad un cono e concludere scattando fino ad attraversare una piccola porticina, costituita con l ausilio di 2 cinesini (figura 9) Fig. 9

19 Ripetere la sequenza effettuando dei giri di 360 correndo all indietro. 1) Situazioni di gioco (18 ) 10>0 curando i movimenti offensivi; strutturare con dei cinesini una linea a metri dalla porta; i 10 giocatori schierati a partire dalla metà campo difensiva ed a ridosso del centrocampo, dovranno far girare palla, curando le posizioni prestabilite nella fase di costruzione del gioco, fino a cercare al momento del segnale dell allenatore la profondità, ed andare alla conclusione nello spazio finale, oltre la linea di demarcazione costituita dai cinesini sistemati appunto a metri dalla porta avversaria. 1) generale misto Corsa lenta + esercizi (07 ). 1) Rapidità (11 ) Esercizi di LINESTEP: dividere la squadra in 3 gruppi; i componenti di ogni gruppo agiranno individualmente, nell esecuzione di 4 esercizi, ciascuno della durata di 2 ; dopo ogni esercizio pausa di 1 (figura 10): 1) Rapidità reattività (10 ) 1>1 in posizione frontale tipo shootout; l attaccante per dare tempo al difensore di portarsi al limite dell area, arrivando dal fondo del campo, dovrà, prima di poter affrontare il difensore al limite dell area, effettuare uno slalom, conducendo palla, lungo una fila di cinesini. 1) Schemi di gioco (15 ) Punizioni in zona cross. 2) Esercitazioni a tema (20 ) Partita a 2 tocchi/1 tocco con obbligo di tenere la palla a terra. Terzo mesociclo competitivo Primo microciclo Allenamento N 24 Fig. 10 a) partenza dal cono giallo; effettuare un otto in avanti, tornare all indietro verso il bianco ed effettuare un otto laterale; b) partenza dal verde; effettuare un otto all indietro, tornare in avanti verso il bianco ed effettuare un otto laterale; c) partenza dal rosso; effettuare un otto laterale procedendo verso destra, tornare sempre avanzando lateralmente verso il bianco, correre in avanti verso il verde ed effettuare un otto correndo all indietro verso il giallo; d) partenza dal cono blu; effettuare la stessa sequenza già prevista, partendo dal cono rosso, ma al contrario. 1) Tecnica in situazione (20 ) Tiri in porta con passaggio sul taglio; 19

20 in metà tempo effettuare l esercizio come da disegno, passaggio di sinistro del giocatore giallo e tiro di destro del bianco; nell altra metà il passaggio verrà eseguito di destro ed il tiro di sinistro (figura 11) Allenamento N 25 1) generale misto (20 ) Corsa lenta + esercizi (05 ). Stretching (05 ). 1 Esercizi con la palla (10 ). Due gruppi, divisi a loro volta in altri 2 sottogruppi, disposti uno di fronte all altro a breve distanza; tenere la palla in volo con tocchi di prima intenzione, scalando in fondo alla fila del proprio sottogruppo di appartenenza. Fig. 11 1) Situazioni di gioco (20 ) 1) Resistenza alla velocità (10 ) Solite accelerazioni con cambi di senso e direzione; 6x60 metri, micro pausa 40, macropuasa 3 ; 4x50 metri, micro pausa 35. 1) Situazioni di gioco (18 ) 6>4 in funzione difensiva; i 6 attaccanti dovranno far girare la palla con movimenti a venire incontro delle 2 punte; curare i movimenti dei difensori (movimenti ad accorciare dei centrali sulle punte e movimenti in diagonale spostandosi centralmente in copertura dei centrali); al segnale dell allenatore i 6 attaccanti cercheranno di finalizzare l azione). Tiri in porta da posizione decentrata, divisi in 3 gruppi; il giocatore verde passerà la palla al giallo che nel frattempo sarà venuto incontro; quest ultimo, girandosi a sinistra lascerà scorrere la palla (velo) a favore del giocatore bianco che dovrà a sua volta chiudere il triangolo a favore del giallo, per una conclusione i porta di destro; i giocatori dei 3 gruppi, ruoteranno nelle 3 posizioni nel modo seguente: il giallo al posto del verde, il verde del bianco ed il bianco del giallo; ipetere la sequenza anche dall altro lato (figura 12). 1 2) Esercitazioni a tema (30 ) GABBIA abbastanza allargata; porticine e regola della metà campo; squadre composte da 3 giocatori, con partite della durata di 1 20 circa ciascuna. 20 Fig. 12

21 1) Resistenza allo scatto (08 ) Serie di scatti con continui cambi di senso e direzione; 6x30 metri, micro pausa 25, macropausa 3 ; 6x20 metri, micro pausa 20. Ad esempio facendo indirizzare il gioco sul centrale difensivo A o sul centrale di centrocampo C per poi partire con il pressing. 1 1) Situazioni di gioco (18 ) A B 8>6; squadra in attacco schierata con il modulo , ma con 8 giocatori; curare in particolare le scalate dei 2 centrocampisti centrali difendenti, per non concedere spazio ai movimenti della mezzapunta tra le 2 linee; questa esercitazione in funzione del modulo di gioco della squadra chi si andrà ad incontrare come prossimo avversario di sabato: a) con palla centrale, per non concedere spazio al trequartista, tenere la linea difensiva molto vicina ai 2 centrocampisti centrali; b) con palla esterna si occuperà del trequartista avversario, il centrocampista centrale sistemato nell emicampo opposto a quello di presenza della palla. 2) Situazioni di gioco (18 ) Transizione positiva; pressing ultraoffensivo ad invito sui giocatori più scarsi tecnicamente o per lo meno dotati di minor personalità (giocatori avversari sui quali, invito, si cercherà di far partire l azione) (figura 13a e 13b). Fig. 13a C A 1 B D Fig. 13b C 3) Partita di allenamento (20 ) Allenamento N 26 1) Giochi vari (10 ) Gioco di meta a 2 tocchi; per realizzare 1 punto bisognerà riuscire a servire, con un lancio lungo parabolico, un compagno che, sganciandosi nello spazio di meta, dovrà riuscire ad arrestare perfettamente al volo la palla; srutturare i 2 spazi di meta all interno delle 2 aree di rigore. 1) Rapidità (07 ) Andature combinate su diversi piani, su 2 tratti di 5 metri circa + scatto di 10 metri. 1) Situazioni di gioco (18 ) Squadra schierata secondo il modulo di gioco previsto, con occupazione di tutto il campo; sistemare 4 pali alti, rappresentanti i 4 difensori avversari, D 21

22 predisponendoli ad un altezza di campo diversa, in base a quale reparto l allenatore giocherà la palla (uno dei 4 difensori oppure i centrali di centrocampo); obiettivo dell esercizio sarà l immediata verticalizzazione da parte del giocatore che riceverà il pallone da parte dell allenatore; curare gli equilibri di squadra nella ricerca della finalizzazione che garantiscano dai rischi di una contro-ripartenza avversaria. 1) Rapidità (09 ) Esercizi con utilizzo di cerchi; 3 esercizi della durata di 3 ciascuno. 1) Schemi di gioco (25 ) 2) Situazioni di palla inattiva (05 ) a) calci d angolo con utilizzo di blocchi; il giocatore giallo dovrà effettuare un blocco per il compagno blu o verde, mentre il rosso lo effettuerà per il rosa; se il calcio d angolo sarà battuto corto anche il giocatore rosso si girerà e si butterà in area (figura 14); Fig. 14 3) Esercitazioni a tema (20 ) 22 1 b) punizioni in zona tiro, con portieri, con lo scopo di sensibilizzare il piede (15 ); c) punizioni in zona cross, con giro a rientrare su entrambe le fasce (05 ). Partita a 2 tocchi su una metà campo, con porte regolamentari difese da portieri. Quarto mesociclo mantenimento Primo microciclo Allenamento N 27 1) generale misto (12 ) Corsa lenta + esercizi (07 ). Stretching (05 ). 1) Resistenza alla forza veloce (20 ) Circuito a 5 stazioni; all interno di ogni stazione 2 serie da 10 ripetizioni concedendo 1 tra le serie e 2 di recupero nel passaggio da una stazione all altra: a) CMJ con utilizzo del giubbotto zavorrato; b) ½ SJ; c) CMJ con un solo arto (sx); d) CMJ con un solo arto (dx); e) divaricata in affondo frontale; 10 ripetizioni verso sx e 10 verso dx. 1) Situazioni di gioco (18 ) Esterni offensivi sulle 2 fasce a crossare dopo conduzione, a centro area, per una coppia di attaccanti, marcati individualmente da 2 difensori; finalità: migliorare la visione periferica dei difendenti e la gestione del contatto fisico. 1) Potenza aerobica (15 ) Per il gruppo tra 2600/2700 metri nel test di Cooper: 2 serie da 10 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 42 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 42 metri; recupero tra le serie 3.

23 Per il gruppo < = 2500 metri nel test di Cooper: 2 serie da 10 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 39 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 39 metri; recupero tra le serie 3. 1) Tecnica analitica (18 ) Esercizi di sensibilizzazione per l uso del piede non dominante: a) passaggi d interno piede rasoterra con giocatori sistemati ad una distanza media; b) interno-collo con traiettoria parabolica; c) colpo sotto di collo. 1) Tecnica in situazione (20 ) Il giocatore giallo dovrà passare la palla al verde, sistemato spalle alla porta; quest ultimo dovrà girarsi controllando la palla di esterno sinistro ed andare al tiro di destro; dopo aver calciato in porta il verde dovrà allargarsi in area, per ricevere il cross del rosso; i giocatori dovranno ruotare in senso anti-orario (figura 15). 1 2) Esercitazione a tema (20 ) Partita normale su una metà campo; per ogni squadra una coppia di difensori dovrà marcare a uomo una coppia di attaccanti Allenamento N 28 1) generale misto (12 ) Corsa lenta + esercizi (07 ). Stretching (05 ). 1) Forza veloce (15 ) Stato/dinamico a 2 tempi sottoforma di circuito: a) ½ squat per 3 + 1/4 di squat per 3 + salto verso l alto a carico naturale; b) come prima, stessa sequenza con giubbotto zavorrato; c) come l esercizio a con l arto destro; d) come il precedente esercizio con l arto inferiore sinistro; e) divaricata sagittale; piegare l arto inferiore avanzato negli stessi angoli di lavoro degli esercizi precedenti + salto finale; 10 ripetizioni per ogni esercizio; concedere 2 di recupero nel passaggio da una stazione all altra. Fig. 15 2) Tecnica in situazione (20 ) Tiri in porta di prima intenzione all altezza del dischetto del rigore, su cross dal fondo rasoterra; cross di sinistro + conclusione di sinistro, cross di destro + conclusione di destro. 1) Lavoro lattacido (15 ) Per il gruppo tra 2600/2700 metri nel test di Cooper: 2 serie da 10 ripetizioni con 10 al 105% della VAM,percorrendo 44 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 44 metri; recupero tra le serie 3. Per il gruppo > = 2800 metri nel test di Cooper: 2 serie da 10 ripetizioni con 10 al 105% della VAM, percorrendo 47 metri + 17 al 65% della VAM sempre percorrendo 47 metri; recupero tra le serie 3. 23

24 1) Partita di allenamento (20 ) Allenamento N 29 1) Giochi vari (10 ) Pallamano con rete valida se realizzata al volo; passaggi di piede al volo direttamente oppure lasciando cadere dalle mani dopo averla fermata. 2) Stretching (05) 1) Rapidità reattività (08 ) Lavoro di FEETWORK; 4 esercizi della durata di 2 ciascuno: a) 2 coni; effettuare dei giri di 360 correndo all indietro; b) 3 coni a costituire 2 tratti da 5 metri l uno; scatto avanti + scatto all indietro + scatto avanti; c) sempre con 3 coni, posizionati come nell esercizio precedente; correndo sempre in avanti scattare verso il 2 cono effettuare un cambio di senso di 180 gradi, stessa cosa attorno al 1, quindi attorno al 3 per poi rapidamente ritornare nel punto di partenza; d) sempre con 3 coni; con scivolata laterale effettuare un giro di 360 attorno al cono centrale e terminare sul 3. 1) Tecnica analitica (16 ) Esercizi di sensibilizzazione per il tocco di palla con l arto non dominante, a coppie: a) controbalzo di collo lasciando cadere la palla con le mani; b) colpo sotto di collo; c) internocollo rasoterra con contro-effetto; d) interno-collo con traiettoria parabolica. 1) Rapidità reattività (15 ) 24 1>1 a squadre, costringendo l attaccante ad effettuare uno slalom con conduzione della palla, prima di poter affrontare il difensore, in arrivo velocemente, da una posizione frontale. 1) Tecnica in situazione (15 ) Su 2 porte, difese da portieri, effettuare in successione dal limite dell area una serie di tiri in porta a giro, d internocollo cercando di mirare l incrocio dei pali. 2) Esercitazione a tema (15 ) Partita con porte regolamentari difese da portieri, con obbligo dei 2 tocchi. Secondo microciclo Allenamento N 30 1) generale misto (10 ) Corsa lenta + esercizi (05 ). Stretching (05 ). 1) Resistenza alla forza veloce (20 ) Circuito a 5 stazioni; all interno di ogni stazione 2 di lavoro, concedendo 2 di recupero nel passaggio da una stazione all altra: a) serie di accelerazioni su una distanza di 10 metri con utilizzo del giubbotto zavorrato; b) partendo dalla posizione di ½ squat saltare un ostacolo di altezza media ed effettuare uno scatto; c) rimbalzi reattivi tra una fila di 4 ostacolini over, cercando di piegare il meno possibile le ginocchia; d) saltare un ostacolo frontalmente ed uno lateralmente di altezza media;

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

Esercizi aerobici con palla

Esercizi aerobici con palla Esercizi aerobici con palla Passaggio, conduzione, cross, colpo di testa, dribbling, tiro e difesa individuale sono gli aspetti tecnici stimolati dal circuito. Forza veloce, agilità e forza pliometrica

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2 PASSAGGIO ESERCITAZIONE 1 - I giocatori vengono divisi in 3 gruppi di diverso colore. 1A) Con le mani passare la palla al colore diverso 1B) Con i piedi passare la palla al colore diverso 2A) Con le mani

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno JSS Coach Comito Date N Players 10 Where Torino Conduzione N TG 53 Conduzione veloce verso Sec Conduzione con cambi di direzione Giochi individuali con mani e piedi in uno spazio delimitato. Lanci e prese.

Dettagli

Giovanissimi fascia B

Giovanissimi fascia B Giovanissimi fascia B Stagione calcistica 2012-13 Preparazione precampionato Allenatore: Erbetta Maurizio La preparazione proposta è relativa agli allenamenti precampionato della squadra giovanissimi 99

Dettagli

Allenare il possesso palla con le partite a tema.

Allenare il possesso palla con le partite a tema. N.30 APRILE 2006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE

Dettagli

ALLIEVI. Programma MILAN LAB

ALLIEVI. Programma MILAN LAB ALLIEVI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO ALLIEVI CAPACITÀ MOTORIE 100% CAPACITÀ COORDINATIVE 10% 90% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità/Velocità 20% Resistenza 30% Forza (didattica) 20% Flessibilità

Dettagli

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 IMPARARE LA TECNICA CON IL GIOCO Stefano Faletti FONDAMENTALI TECNICI RICEVERE CONTROLLARE COLPIRE lo STOP GUIDA DELLA PALLA DRIBBLING PASSAGGIO TIRO COLPO

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete Smarcamento Mini partite 3>3 su un quadrato di 15x15. Goal valido solo dopo aver effettuato uno stop agli angoli del campo di gioco. 4>2 su un quadrato di 15x15. Il goal viene realizzato su stop su uno

Dettagli

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi Categoria Esordienti Guida e Dominio della palla Guida e Dominio della palla Stefano Bellinzaghi A B C I giocatori distribuiti nelle 4 file eseguono conduzioni, cambi di direzione e combinazioni tra guida

Dettagli

GUIDA DELLA PALLA. L'esercizio poi continua con gli altri partecipanti. Dopo un certo numero di prove in un senso, si deve cambiare il verso.

GUIDA DELLA PALLA. L'esercizio poi continua con gli altri partecipanti. Dopo un certo numero di prove in un senso, si deve cambiare il verso. GUID DELL PLL 1 1 2 2 GUID DI PLLONI DIVERSI 4 giocatori posizionati con la palla sul vertice di un quadrato di 15 mt di lato, partono in guida della palla verso il vertice seguente dove lasciano la propria

Dettagli

Preparazione precampionato: il programma di lavoro per una squadra di categoria Juniores/Berretti/Primavera.

Preparazione precampionato: il programma di lavoro per una squadra di categoria Juniores/Berretti/Primavera. N.55 LUGLIO-AGOSTO 2008 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno JSS Coach Muscella Date N Players 10 Where Torino Goals Tec Training Guide JSS - Juventus 2-3 Anno Conduzione Age Range 2 Anno N TG 31 Goals Tactic Concetto di fase offensiva Goals Tec Sec Project JSS

Dettagli

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica Da 3 contro 3 a 1 contro 1 Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo - Ho il pallone / non ho il pallone / recupero il pallone/ perdo il pallone Sviluppo attraverso la creazione di superiorità

Dettagli

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi.

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi. N. FEBBRAIO 006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE VIA E.FRANCALANCI

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi Premessa Si presentano N 21 sedute allenanti comprensive di N 4 partite amichevoli e la 1^ di campionato, suddivise in

Dettagli

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri Federazione Italiana Pallacanestro Settore Giovanile Minibasket e Scuola Lezioni Integrate Minibasket I Fondamentali con palla Traguardi di Competenza. Partiamo dalle linee guida: Motorio/funzionale padronanza,

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

Prima esercitazione... Percorso coordinativo

Prima esercitazione... Percorso coordinativo Prima esercitazione.... Percorso coordinativo Alla partenza, il bambino dovrà prendere un cinesino posto vicino, passare sotto l ostacolo strisciando al suolo, correre tra i coni, inserire il cinesino

Dettagli

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti!

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! AncheiopossoAllenare.com allenare online con gli info-prodotti di ancheiopossoallenare.com presenta: Marco Mirisola 15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! Salve a tutti e benvenuto/a oggi

Dettagli

Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato

Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato SECONDO PERIODO COMPETITIVO Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato 89 19 SETTIMANA DI LAVORO 58 ALLENAMENTO seduta unica 15 minuti Resistenza: metodo intermittente. 3 Intermittente (45

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI)

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) 10.00 12.00 ALLENATORE Guido Cantamesse ASSISTENTi Nazareno Lombardi Carlo Grassi PREP. FISICO Cosimo De Milo ******************** ATTIVAZIONE

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE Corso MSTER nno 2000 / 2001 L DIDTTIC DELL DIFES TRE di DVIDE BLLRDINI relatori : prof. prof. Roberto Clagluna Franco Ferrari 1 INDICE : PREMESS 4 LE CRTTERISTICHE DEI DIFENSORI 6 L DIDTTIC. 7 CONCLUSIONI.

Dettagli

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero GIOCHI MINIBASKET Questi giochi sono stati tratti da alcuni libri e talvolta modificati per adattarli al nostro gioco. Adatti per diverse età. Buon lavoro. 1) Il gioco dei nomi Obiettivi: conoscere i compagni,

Dettagli

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure.

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. GUIDA GEOMETRICA Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. I bambini conducono la palla attorno a diverse figure geometriche. vince chi

Dettagli

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina.

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina. PARTITA BOWLING si gioca una partita normale con due o più palloni. Chi abbatte il cono lascia il pallone agli avversari e corre verso la propria porta a sistemare il cono in linea con gli altri. Vince

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli

La preparazione precampionato di una formazione di Serie C1.

La preparazione precampionato di una formazione di Serie C1. N.44 LUGLIO - AGOSTO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey > Abilità nei giochi 8ª Classe Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey La valutazione dell abilità nei giochi avviene durante e al termine processo d apprendimento. Giochi Pallacanestro Calcio Pallamano

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 Mesociclo: settembre/ottobre Obiettivo motorio/coordinativo: sviluppo cap. oculo-manuale, oculo-podale, di anticipazione e scelta

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 INTRODURRE LA DIFESA DI SQUADRA NEL PRIMO ANNO DI ATTIVITA GIOVANILE: la proposta deve essere divertente ed allettante

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

www.mistergatti.it - 30 minuti di tecnica ( passaggi a due o tre - rasoterra - mezza altezza - palleggi- colpi di testa)

www.mistergatti.it - 30 minuti di tecnica ( passaggi a due o tre - rasoterra - mezza altezza - palleggi- colpi di testa) 20/08/2012 Preparazione precampionato categoria giovanissimi 1 settimana -10 minuti di corsa lenta - 5 allunghi sui 30 mt con recupero di 20 secondi dopo ogni allungo - 30 minuti di tecnica ( passaggi

Dettagli

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO SCHEDE ESERCIZI categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO TECNICA GIOCO DI POSSESSO PALLA: 8 10 PASSAGGI autore / docente / tutor: PROF. MARCHI ERNESTO WWW..CENTROSTUDICALCIO..IT

Dettagli

La preparazione precampionato per la categoria Promozione, e le categorie I, II e III.

La preparazione precampionato per la categoria Promozione, e le categorie I, II e III. N.22 LUGLIO-AGOSTO 2005 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2011 FASE REGIONALE SEGRATE CENTRO SPORTIVO DON GIUSSANI Via Donizzetti Redecesio di Segrate 5 GIUGNO 2011

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2011 FASE REGIONALE SEGRATE CENTRO SPORTIVO DON GIUSSANI Via Donizzetti Redecesio di Segrate 5 GIUGNO 2011 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2011 FASE REGIONALE SEGRATE CENTRO SPORTIVO DON GIUSSANI Via Donizzetti Redecesio di Segrate 5 GIUGNO 2011 Ogni squadra dovrà partecipare obbligatoriamente con 14 giocatori

Dettagli

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3.

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3. N.26 DICEMBRE 2005 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO

Dettagli

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite ASSOCIAZIONE SVIZZERA DI FOOTBALL Dipartimento tecnico Servizio istruzione Modulo di perfezionamento 2015/16 Giocare meglio - Giochi e esercizi Giocare meglio Giochi e esercizi Calcio di base Calcio d

Dettagli

divertire USCITA ALTA

divertire USCITA ALTA INTRODUZIONE In questo mio piccolo e modesto pensiero di lavoro, vorrei farvi partecipi della mia realtà (oppure da condividere), dove essendo l unico nella mia zona che si preoccupa della cura tecnica

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!.

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. Dopo avere dedicato ampio spazio nei precedenti interventi al modello culturale del nostro Minibasket raccontando l esperienza finlandese, ora vorrei rivolgere

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Al Corso per l abilitazione ad Allenatore di base svoltosi a Perugia

Al Corso per l abilitazione ad Allenatore di base svoltosi a Perugia PROPOSTE ESEMPLIFICATIVE DI UNITÀ DI LAVORO PER LA FORMAZIONE DEL GIOVANE CALCIATORE di Biagio Savarese* Nel contesto dei corsi periferici Uefa B per l abilitazione ad allenatori di giovani e dilettanti

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 2 CONTRO 2 Esercizio n 1: 2 contro 2 + 2 jolly ( difensore centrale e centravanti 9 ) Obiettivi: insegnare passaggi filtranti e appoggi Misure campo: 12

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile TECNICA DELL ATTACCO Fondamentale importante in quanto presente in entrambe le fasi del gioco, spesso conclude l azione. A livello statistico

Dettagli

Novara Calcio TRAINING GUIDE - 2003-2004 JSS COACH: Enrico Mordillo Age range: 2003-2004 N 1 Date: 3-9-2012 N Players: Where: Novarello Project: Goals: g 1) 2) 3) 4) 5) Coordinative program 1-2 speed ladder

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

La scuola Calcio Barcellona

La scuola Calcio Barcellona La scuola Calcio Barcellona di Raffaele Barra Istruttore CONI FIGC, laureando in Comunicazione, dopo varie esperienze in altre società (nelle categorie pulcini ed esordienti) da 2 anni milita nel Sottomarina

Dettagli

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 LA FORAZIONE DELLE ABILITA TECNICHE 47 6.1 GESTO TECNICO E ABILITA OTORIE I gesti tecnici sono abilità fondamentali nel gioco del calcio da svilupparsi nel tempo mediante progressioni didattiche

Dettagli

IL MINIBASKET in ITALIA :

IL MINIBASKET in ITALIA : IL MINIBASKET in ITALIA : l Emozione, la Scoperta e il Gioco. I primi intervento per l angolo tecnico del nostro sito li voglio prendere da una delle esperienze professionalmente più gratificanti della

Dettagli

Corso di perfezionamento I giochi di transizione

Corso di perfezionamento I giochi di transizione Contenuto della lezione pratica Osservazioni preliminari Corso di perfezionamento I giochi di transizione La durata del gioco dipende dall intensità. L allenatore deve controllare lo stato fisico dei suoi

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

CATEGORIA PULCINI. Si passera dalla fase del essere POTER giocare, alla fase del SAPER giocare.

CATEGORIA PULCINI. Si passera dalla fase del essere POTER giocare, alla fase del SAPER giocare. Dagli 8 ai 10 ani anni il ragazzo apprende il linguaggio del proprio corpo ed è in grado di rapportarsi con l attrezzo palla. Io, il mio corpo,la palla, sono quelle le parole che il ragazzo utilizzerà.

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

Traduzione a cura della FIGH su testi EHF - riproduzione vietata -

Traduzione a cura della FIGH su testi EHF - riproduzione vietata - Federazione Italiana Giuoco Handball HANDBALL Il gioco Uno sguardo alle regole Pallllamano Diisciiplliina Olliimpiica 1 PRINCIPI DI BASE DELLA PALLAMANO La Pallamano è uno sport di squadra basato sui principi

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE ALLENAMENTO 1D FEMMINILE Corsisti: Ballardini Samuele, Ceccarini Barbara, Rossi Giacomo INTRODUZIONE Nelle ultime partite la squadra allenata (1 divisione femminile) ha avuto un'efficacia in attacco del

Dettagli

COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A

COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT Scuola Calcio Tecnica PROBLEMA: COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A cura di Ernesto Marchi WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT

Dettagli

GIOCHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCIO

GIOCHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCIO GICHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCI MAG LIBER: un bambino è il mago deve rincorrere e toccare i suoi compagni, quando vieni preso ti devi fermare mantenendo una posizione decisa dall istruttore. Se un

Dettagli

IL GIOCO NEL MINIBASKET

IL GIOCO NEL MINIBASKET 88 Premessa IL GIOCO NEL MINIBASKET Inizierò con un gioco di collaborazione e di rapidità per immergerci subito nel cuore di questa lezione. Poichè l argomento è Il Gioco nel Minibasket, vorrei partire

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

Possesso palla in allenamento

Possesso palla in allenamento Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Il possesso palla inteso come esercitazione sta assumendo un importanza sempre maggiore nelle sedute

Dettagli

Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES

Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES PREPARAZIONE PRECAMPIONATO Obiettivi prima settimana Incremento di capacità e potenza aerobica Miglioramento della capacità di

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012 INDICAZIONI GENERALI (Categoria e ) Nelle attività del nuovo progetto tecnico, il numero dei giovani coinvolti è sempre di 14 giocatori per squadra () e 12 giocatori per

Dettagli

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Modugno 14 maggio 2006 In generale, per organizzazione del processo di allenamento, s'intende:

Dettagli

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI ARGOMENTO DIFENSIVO: logiche del gioco; sviluppo mobilità laterale e in arretramento; capacità di combinazione e dissociazione. OBIETTIVO: passaggio (anticipazione

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

LA PIRAMIDE DEL MOVIMENTO: educhiamo gli schemi motori di base per ottenere abilità motorie. LEZIONE bambini 6/8 anni

LA PIRAMIDE DEL MOVIMENTO: educhiamo gli schemi motori di base per ottenere abilità motorie. LEZIONE bambini 6/8 anni LA PIRAMIDE DEL MOVIMENTO: educhiamo gli schemi motori di base per ottenere abilità motorie LEZIONE bambini 6/8 anni ( adattamento allo spazio) Muoversi liberamente nella palestra palleggiando, Cambiare

Dettagli

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA (A cura di Paolo Ligas) SCHEDA N 1 Percorso 3/4 Pallavolando Il primo giocatore di ogni squadra al Via parte esegue 2 rotolamenti su un materassino, salta l ostacolo,

Dettagli

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" 2014-15

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA Sei Bravo a... Scuola di Calcio 2014-15 CRITERI GENERALI - Le squadre devono presentarsi con almeno 14 giocatori. - 14 Bambini iscritti nella lista dovranno cimentarsi nei 3 giochi previsti e nel gioco partita 7c7. - La durata di ciascuna "partita

Dettagli

Allenare nel settore giovanile

Allenare nel settore giovanile ALLENARE NEL SETTORE GIOVANILE: la sovrapposizione, sviluppo tattico offensivo ANDREA PAGAN Allenatore di BASE diploma B UEFA PREMESSA Credo che la programmazione e l allenamento della fase offensiva sia

Dettagli

VADEMECUM DELLA PALLAVOLO

VADEMECUM DELLA PALLAVOLO VADEMECUM DELLA PALLAVOLO A. Il campo Il campo della pallavolo misura 18x9 metri ed é diviso in due metá uguali dalla linea di metá campo sopra la quale corre le rete. La linea di metá campo appartiene

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Calciare( modalità, passaggio, tiro) Conduzione palla ( in forma libera, con avversario

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Un Metodo Allenante Per i Piccoli Amici

Un Metodo Allenante Per i Piccoli Amici Un Metodo Allenante Per i Piccoli Amici di Maurizio Calamita Ex giocatore di calcio professionista Ha allenato il Torino calcio categoria allevi nazionali Patentino di Seconda Categoria Quando vuoi allenare

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Premessa Per attività programmata s intende partire da un analisi della situazione, stabilire gli obiettivi

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli