Catania lezione 1 1. Che cosa significa fotografare?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catania lezione 1 1. Che cosa significa fotografare?"

Transcript

1 Catania lezione 1 1. Che cosa significa fotografare? Fotografare significa scrivere con la luce. Come qualsiasi altra forma di scrittura anche la fotografia possiede una propria grammatica ed un proprio lessico, che bisogna conoscere. 2. Che cosa è la fotografia? La fotografia è un procedimento ottico-chimico atto a fissare un immagine, attraverso il meccanismo della camera oscura, su uno schermo adatto. L invenzione della fotografia fu messa a punto negli anni trenta del XIX secolo ad opera di un francese, Nicephore Niepce, che da anni sperimentava la capacità di alcune sostanze di reagire all azione della luce. Sfruttando le conoscenze secolari sulle proprietà della camera obscura, Niepce perfezionò un sistema di sensibilizzazione di una lastra di stagno mediante l utilizzo di Bitume di Giudea. L invenzione di Niepce fu perfezionata negli anni successivi dal lavoro congiunto con Louise Daguerre, altro inventore francese, ritenuto da Niepce un esperto di ottica, famoso per avere sperimentato qualche anno prima il diorama. Ai due francesi, dobbiamo aggiungere l inglese Henry Fox-Talbot, che negli stessi anni, e in assoluta indipendenza, compiva le stesse scoperte, giungendo ad un risultato molto simile al procedimento odierno (negativo-stampa). Dalla collaborazione dei due nacque un procedimento fotografico, su rame, definito in un secondo momento Dagherrotipo, che presto ebbe una larghissima diffusione in tutto il mondo, dando a Daguerre un enorme notorietà e relegando Niepce, a causa della sua prematura scomparsa, nel dimenticatoio. Fotografia come magia La fotografia, concepita come autoritratto della natura, nasceva non più dall abilità del pittore ma dalle possibilità di quei mezzi tecnici che avrebbero cambiato l immagine per sempre. Fino ad allora l immagine era stata considerata sempre un artificio, per quanto fatto ad arte. Con l invenzione della fotografia aumentò la fiducia dell uomo nella sua possibilità di comprendere e domare la natura, conferendo al suo prodotto una dose maggiore di naturalità. La fotografia creò un assoluta rivoluzione nel campo delle arti figurative: a) Che cosa sarà d ora in poi la somiglianza? b) Quando la fotografia potrà diventare creativa al pari della pittura? c) Potrà mai essere considerata arte? Queste erano le prime domande che investirono il mondo della fotografia, alle quali ne seguiranno molte altre. Secondo Andrè Bazin: tutte le arti sono fondate sulla presenza dell uomo; solo nella fotografia ne godiamo l assenza. I fotografi da sempre hanno cercato di riempire il vuoto causato da questa assenza, aggirando il carattere marginale del loro contributo al risultato finale, tentando di ridurre il coefficiente di indeterminazione, tipico della fotografia, giungendo spesso a risultati che tradiscono lo specifico fotografico Le scelte operative del fotografo Secondo i benpensanti la fotografia non poteva essere accolta nell elite delle arti visive perché fortemente dominata del suo aspetto meccanico (Croce). Svalutata e ridotta a mestiere praticato dai delusi della pittura (Baudelaire), la fotografia pian piano seppe conquistarsi il posto di riguardo che le spettava nel panorama delle arti figurative. Ben presto, infatti, vennero comprese tutte le sottili e importanti scelte operative che il fotografo era tenuto a compiere per far sì che il suo prodotto visivo fosse grammaticalmente e sintatticamente corretto. Sotto il nome di scelte operative del fotografo vanno le seguenti operazioni: a) Scelta dello strumento fotografico (tipo di macchina fotografica); b) Scelta dell ottica (tipo di obiettivo); c) Scelta della pellicola (tipologia, formato e sensibilità della pellicola); d) Scelta del punto di vista (posizionamento del fotografo rispetto al soggetto); e) Disposizione degli elementi (inquadratura e composizione); f) Interventi successivi allo scatto (fotomontaggi, ritocchi manuali o digitali); g) Formato di stampa (possibilità di effettuare ingrandimenti); Gli strumenti della fotografia: obiettivi Lunghezza Focale La lunghezza focale è la distanza fra il centro ottico dell obiettivo e il piano della pellicola quando l obiettivo proietta l immagine di un punto così lontano per cui anche le radiazioni più esterne del primo cono luminoso si possono considerare parallele fra loro. La lunghezza focale è, in pratica, la minima distanza fra obiettivo e pellicola, è espressa in mm e definisce l angolo di ripresa dell obiettivo. Obiettivi Normali: I cosiddetti normali sono quegli obiettivi che hanno una lunghezza focale pari alla lunghezza della diagonale della pellicola corrispondente. Esempio: 24x36 = 50mm; 6x6 = 80mm; 6x7 = 90mm Sono degli obiettivi di norma molto luminosi e otticamente corretti, che conferiscono alla fotografia una distribuzione dei piani del tutto simile a quella percepita dall occhio umano ed hanno un angolo di campo di circa 45. Obiettivi Grandangolari: Si definiscono grandangolari tutti quegli obiettivi che hanno lunghezza focale inferiore a quella dell obiettivo normale di riferimento. Esempio: Per il sistema fotografico che adotta la pellicola 135 (24x36) gli obiettivi grandangolari più diffusi sono: 35mm, 28mm, 24mm, 20mm etc. Sono degli obiettivi di norma molto luminosi ma otticamente non sempre corretti, che conferiscono alla fotografia una distribuzione dei piani allungata rispetto a quella percepita normalmente dall occhio umano ed hanno un angolo di campo superiore ai 45 (fino a 180 ed oltre). Teleobiettivi: Si definiscono teleobiettivi tutte quelle ottiche fotografiche che hanno lunghezza focale superiore a quella dell obiettivo normale di riferimento. Esempio: Per il sistema fotografico che adotta la pellicola 135 (24x36) i teleobiettivi più diffusi sono: 85mm, 135mm, 180mm, 300mm, 400mm etc. Sono degli obiettivi di norma poco luminosi ma otticamente abbastanza corretti, che conferiscono alla fotografia una distribuzione dei piani schiacciata rispetto a quella percepita normalmente dall occhio umano ed hanno un angolo di campo inferiore ai 45 (fino a 4 ed oltre).

2 Apertura Massima del Diaframma La massima apertura del diaframma indica il valore massimo che compare sull apposita ghiera posta su qualsiasi obiettivo (eccezion fatta per quelli di ultimissima generazione in cui detta ghiera è assente). Questa caratteristica è legata alla possibilità di scattare fotografie in presenza di poca luce e perciò viene anche definita come la massima luminosità dell obiettivo. Tempi e diaframmi Le condizioni di luce che trova un fotografo nelle diverse situazioni di ripresa sono infinite (luce del sole, pioggia, nebbia, interni luminosi e interni bui). E necessario per ottenere una fotografia correttamente esposta regolare il passaggio della quantità di luce attraverso l obiettivo, azionando un apposito meccanismo a lamelle chiamato diaframma. Oltre la quantità di luce che andrà ad impressionare la pellicola dobbiamo tener conto del tempo in cui questa quantità data di luce colpirà la pellicola. Lo strumento che regola il tempo di esposizione si trova all interno della macchina fotografica e si chiama otturatore. Quando sulla nostra pellicola giunge la giusta quantità di luce la fotografia sarà correttamente esposta. Se giungerà una quantità minore della luce necessaria la fotografia si dirà sottoesposta, in caso contrario, la fotografia si dirà sovraesposta. La scelta della coppia giusta fra le due variabili dell esposizione (tempo e diaframma) è regolata dall esposimetro (sistema elettronico di controllo luminoso posto internamente alla macchina fotografica), una volta che abbiamo impostato la sensibilità della pellicola (terza variabile dell esposizione). La scelta di un diaframma più o meno chiuso o più o meno aperto inciderà direttamente sulla profondità di campo (valori numerici del diaframma indicati dalla lettere f: 1,8 2,8 4 5, ). La scelta di un tempo più o meno lungo o più o meno breve inciderà direttamente sulla resa dinamica del soggetto ripreso (valori numerici dei tempi di otturazione espressi in frazioni di secondo: ). Profondità di campo Definiamo campo di una fotografia lo spazio in essa rappresentato, da quello più vicino a quello più lontano. Immaginiamo una semiretta che, lungo l asse di ripresa, arrivi all infinito: si definisce profondità di campo la zona che, lungo questa immaginaria semiretta, apparirà esattamente nitida nella foto. L estensione della profondità di campo, cosa diversa dalla messa a fuoco, si determina diaframmando. A valori aperti di diaframma corrisponderà una scarsa profondità di campo, a valori chiusi corrisponderà un elevata profondità di campo. Gli strumenti della fotografia: pellicole Le pellicole sono i supporti su cui si imprime l immagine fotografica. Sono costituiti da un sottile strato plastico emulsionato con sostanze fotosensibili e differiscono per : a)tipologia (negativo bianconero, negativo colore, diapositiva a colori); b)sensibilità (da 25 a 3200 ISO ed oltre); c)formato (135, 120, APS, Pellicola Piana). La luce in fotografia Le sorgenti luminose utilizzabili in fotografia sono: a. Luce solare; b. Luce continua; c. Luce flash. Al momento di realizzare una fotografia dobbiamo sempre tenere conto della o delle sorgenti luminose presenti, valutandone l intensità, la direzione e la temperatura colore. La luce ha sempre un colore, anche quando non ce ne accorgiamo. Tale colorazione si chiama dominante cromatica ed è un fattore di cui tener conto al momento dello scatto. La temperatura colore si misura in gradi Kelvin (K). Una luce neutra, con nessuna colorazione in particolare, corrisponde a circa K La luce continua L illuminazione continua è utilizzata di norma in sala di posa ed è creata per mezzo di illuminatori specifici con lampade al tungsteno con temperatura colore compresa tra 3400 e 3200 K. Esistono in commercio da alcuni anni degli illuminatori a tubi fluorescenti, con temperatura colore di 5500 K. L effetto di tutte le fonti di luce continua può essere direzionato, amplificato o ammorbidito per mezzo di paraluce, bank, softbox e pannelli riflettenti La luce flash L illuminazione flash è utilizzata sia in sala di posa che in esterno. Esistono due tipi di flash quelli a torcia, strettamente collegati con la macchina fotografica (potenza espressa in NG) e quelli professionali da studio (potenza espressa in w/s). Conoscendo il NG dei flash a torcia e impostato il tempo sincro nella macchina fotografica possiamo ricavarci l ultimo parametro necessario con questa semplice formula: f = NG/m L effettiva luce emessa dai flash professionali da studio (espressa in w/s) si misura con degli strumenti specifici chiamati esposimetri. Come con le lampade a luce continua anche la luce dei flash può essere direzionata e ammorbidita con l utilizzo di parabole, softbox e ombrelli. Primi utilizzi professionali della fotografia Determinante alla rapida diffusione della fotografia fu la voglia, tutta borghese, di possedere una propria immagine lasciata come un impronta dei propri tratti, dettagliata, sicura, precisa. Intesa come rappresentazione e soprattutto auto-rappresentazione di quella classe sociale in crescita di aspirazioni, presenza e potere. Già negli anni quaranta del XIX secolo aprirono i battenti nelle grandi città atelier fotografici dedicati esclusivamente al ritratto. Questi ambienti, confacenti al decoro borghese, si arricchirono sempre più di mezzi tecnici per la produzione seriale delle immagini. Dove non esistono atelier permanenti, passano con regolarità fotografi itineranti che impiantano improvvisati studi fotografici, nei quali comincia a sfilare una clientela sempre più allargata e sempre più popolare. In tale situazione il canone estetico diventa la fretta. Si lascia poco spazio alla rappresentazione accademica e, molto semplicemente, i corpi si stagliano su sfondi uniformi e neutri, privi di riferimenti pregnanti e caratterizzati grazie all ausilio di quei pochi oggetti che il modello porta con sé. Sono questi gli anni dei grandi sommovimenti sociali, ideologici e culturali che attraversano tutta l Europa. Questi cambianti investono anche la fotografia, contribuendo, ulteriormente, alla sua diffusione Il primo ritratto pubblicitario Nel 1875 il filantropo inglese Thomas John Barnardo, per promuovere l attività dell orfanotrofio da lui diretto, sperimentò una sottile forma di pubblicità, ritraendo i suoi giovani ospiti sia al momento dell arrivo che al momento dell adozione.

3 La straight photography Con The Steerage Alfred Stieglitz propone una visione fotografica diretta e spoglia, asciutta al limite della brutalità, documentaria come atto di registrazione: assolutamente e unicamente pura. Il modernismo fotografico Il modernismo imboccò la strada dell attenzione estrema alla forma, che passa attraverso la forzatura, sia tecnica, sia dello sguardo, per evidenziare posizioni e sperimentare nuovi modi di visione del mondo. La fotografia cominciava a scardinare la sua immagine tradizionale, passando attraverso l accentuazione del suo carattere frammentario, rifiutando la centratura dell immagine, evidenziando il taglio che esclude e non circoscrive. L immagine non fu più concepita come ricerca compositiva mirante all armonia estetica interna, ma come luogo di confronto di forze e di forme, che da loro contrasto disarmonico suggeriscono rapporti nuovi tra le forme stesse. Prevale la frammentazione del corpo, realizzata attraverso tagli molto ravvicinati e arditi. Le parti del corpo evidenziate vengono sovraccaricate visivamente, eroticamente e esteticamente. Fotografia e Pop-Art Gli anni sessanta sono il decennio del consumo e dell immaginario. A livello artistico trionfa la Pop Art che assume come proprio argomento le immagini del consumo, il consumo stesso e i meccanismi di produzione. La fotografia divenne uno dei medium privilegiati, un oggetto fra gli oggetti del consumo di massa. Il maggior esponente dell arte pop fu Andy Warhol. Nascono i sex-simbol così come le pin-up: la seduzione è il mezzo, la vendita è lo scopo, la merce è la forma. Il corpo è al centro, ogni immagine sembra rimandare ad esso. Le copertine delle riviste e la pubblicità diffondono l immagine di una donna desiderabile, il cui corpo si offre, nudo almeno in parte, frammentato nel gioco della seduzione che mostra, scopre e nasconde con malizia. L esempio più conosciuto in quest ambito è quello di Playboy e delle sue playmate. La fotografia e il postmoderno Secondo Lyotard il postmoderno segna la fine dei grandi racconti, dei sistemi di pensiero, per dare spazio ai piccoli racconti, fatti di affermazioni e verità circoscritte e non sistematizzabili. In quest ambito, il corpo proposto, secondo Perniola, è un corpo superficie e inorganico, strumento di una sessualità neutra, senza vita e senza anima. E un corpo in tempo reale, non è più l immagine ad assomigliare al corpo, ma sempre più il corpo ad assomigliare a un immagine La fotografia e il postorganico Secondo Teresa Macrì: i nuovi processi di ridefinizione dell identità passano per l innovazione tecnologica in tutte le sue smisurate ellissi. Il corpo in costruzione è un ibridazione fantastica tra organico e inorganico, tra materia particellare e chip al silicio. Quello che il presente ci prospetta è un corpo dalle contaminazioni molteplici e dalle funzionalità imprevedibili. Fotografia come linguaggio Intesa come medium, cioè come linguaggio comunicativo, la fotografia possiede una sua grammatica intrinseca, che la rende, quando questa viene applicata correttamente, un linguaggio universalmente comprensibile. Fotografare, etimologicamente, significa scrivere con la luce. Come qualsiasi altra forma di scrittura, allora, anche la fotografia, per comunicare, cioè per fare comune, necessita dell utilizzo di alcune semplici regole morfologico-sintattiche. Dal punto di vista lessicale, i suoi segni, o le sue parole, non vengono stabilite per convenzione, ma sono diretta emanazione degli oggetti e dei soggetti ripresi e catturati dall apertura dell otturatore, infatti, secondo Roland Barthes: la fotografia è costituita dal fatto bruto del suo statuto di prova, di testimonianza muta su cui non c è niente da aggiungere. Durante le riprese fotografiche si utilizza il termine esposizione (dal latino ex-porre) che esprime benissimo l idea del porre fuori qualcosa da un determinato contesto, in maniera tale che la cosa, intesa come porzione della realtà, acquisti quella rilevanza che in precedenza, confusa tra il gruppo, non poteva certo vantare, così che, strappata ai suoi normali rapporti di significazione, la cosa si risemantizza. Fotografia e perdita dell aura Lo stretto rapporto tra oggetto e sua rappresentazione fotografica è stato materia di attenzione da parte di Walter Benjamin che, partendo dalle condizioni fotografiche di riproduzione meccanica, formulò, in L opera d arte nell epoca della sua riproducibilità tecnica, la famosa teoria della perdita dell aura, dando origine al relativismo storico della nozione estetica di originale. L aura costituisce la dimensione dell autonomia dell opera in rapporto al mercato e in rapporto al valore di scambio. Privata dell aura e quindi della sua autonomia estetica, un opera d arte diviene un mero oggetto di scambio, prodotto per il consumo di massa. Che cos è esattamente l aura? Essa è un singolare intreccio di spazio e di tempo: l apparizione unica di una lontananza. [ ] Ora, il bisogno di avvicinare le cose a se stessi, o meglio alle masse, è intenso quanto quello di superare l irripetibile e unico, in ogni situazione, mediante la sua riproduzione. Giorno per giorno si fa valere sempre più incontestabilmente il bisogno di impadronirsi dell oggetto da una distanza minima, nell immagine o meglio nella riproduzione. Benjamin, in accordo con il pensiero di Brecht, poneva attenzione all avvento delle nuove tecniche e al loro carattere di massa, da un angolo visuale per cui tale processo è considerato non solo inevitabile, ma largamente positivo, in quanto pone termine a una concezione aristocratica dell arte. Fotografia come segno Per Saussure tutti i sistemi culturali sono insieme di segni. Saussure stesso definì il segno come l unione di un significante e di un significato. Nel caso della fotografia il significante è l immagine visiva, il significato è l immagine mentale. La fotografia è comunque un sistema particolare di segni, che esprimono contorni e non concetti. L aspetto denotativo (la proprietà dei segni di designare un referente) è preminente rispetto a quello connotativo (un significato secondario che si aggiunge a quello primario, che consente di dilatare l area di significazione di un segno). Per mettere ordine all interno del mondo dei segni il semiologo Charles Peirce operò una classificazione sulla base delle relazioni tra segno e cosa: a) icona (rappresenta l oggetto per somiglianza); b) indice (indica contiguità o connessione fisica e naturale); c) simbolo (contiguità stabilita convenzionalmente). Fotografia: messaggio senza codice Secondo la classificazione peirceana la fotografia rientra nel secondo gruppo di segni: gli indici. L immagine fotografica di un oggetto o di una persona è la traccia indicale dell oggetto o della persona rappresentati. I contorni di luce dell immagine fotografica sono la diretta emanazione della realtà.

4 Sulla base di tali affermazioni Roland Barthes definì lo statuto della fotografia, come quello di un messaggio senza codice. Se la fotografia è una traccia, non esiste un codice sovrastrutturale che serva a tradurre i segni contenuti, ma gli stessi segni sono la spiegazione di loro stessi. L immagine di un oggetto è l analogon del reale, ma non è il reale stesso, non si sostituisce mai all oggetto Infatti l immagine fotografica opera per sottrazione: è un operazione di tipo selettivo. Un frammento di spazio e di tempo viene immobilizzato e tagliato fuori, attraverso l inquadratura, da tutto il resto. Fotografia come messaggio Il paradosso fotografico consisterebbe nella coesistenza di due messaggi: uno senza codice (l analogo fotografico) e l altro con un codice (la retorica della fotografia). Strutturalmente il paradosso non consiste nella collusione di un messaggio denotato e di un messaggio connotato. Il messaggio connotato si sviluppa a partire da un messaggio senza codice. Essendo costruita su un messaggio non codificato la fotografia, secondo Barthes, finirebbe per presentarsi quale enigmatica ed inspiegabile collusione di naturale e culturale. Se non c è codice non c è intervento umano, dunque il messaggio sarebbe di tipo naturale, viceversa nel momento in cui scatta la connotazione c è intervento dell uomo e allora il messaggio diviene culturale. Fotografia come messaggio Alla percezione dell immagine fotografica dà un grosso contributo la semiotica planare, che analizza i linguaggi che fanno uso di un supporto bidimensionale. Secondo la semiotica planare il testo visivo opera su due livelli: a) figurativo, che determina la riconoscibilità delle rappresentazioni di oggetti e persone, in relazione alla densità figurativa; b) plastico, che determina le forme e i colori come si danno nella raffigurazione e nella disposizione spaziale. Per analizzare il livello plastico bisogna tenere conto di tre categorie: a) topologiche (la disposizione degli elementi); b) eidetiche (riguardano le forme degli oggetti, che a loro volta rimandano a convenzioni sociali di senso. Le linee curve richiamano il femminile, quelle dritte il maschile, le oblique il dinamismo o la caduta); c) cromatiche (organizzate a partire dai tre colori primari - giallo, rosso e blu -da cui si generano tutti gli altri, oppure dall interazione del bianco e del nero). Le idee centrali della fotografia La fotografia, come possibilità di rappresentazione e di espressione, può essere utilizzata per riprendere un infinità di fatti naturali o artificiali. Ma al numero infinito di cose fotografabili non si accoppia un numero infinito di idee da rappresentare. Una buona norma di qualsiasi forma di arte visiva, per evitare di distrarre il fruitore, è quella di utilizzare una sola idea per volta. Per mettere ordine nell infinita possibilità di idee, utilizzeremo lo schema proposto da Nazareno Taddei, che ha semplificato la materia come segue: 1. Idea documentaria; 2a. Idea narrativa-tematica; 2b. Idea narrativa-artistica; 3. Idea creativa Idea documentaria Le cose fotografate mantengono tutto il loro significato, si possono considerare come COSE- OGGETTO. Il fotografo non è interprete, inventore o artista, ma è testimone. Protagonisti delle fotografie di documentazione sono le cose e i fatti. Questa possibilità di rendere credibili cose e fatti attraverso una rappresentazione fotografica è forse l unico primato, e per di più difficile da raggiungere, che la fotografia possiede. Idea narrativa Le cose fotografate mantengono in parte il loro significato, si possono considerare come COSE- STRUMENTO. Il fotografo intende raccontare a modo proprio, esprimere giudizi, fare valutazioni, indicare preferenze estetiche, proporre opinioni. Protagonista delle fotografie narrative è il fotografo. Presentata così, però, l idea narrativa assume contorni troppo vaghi, è dunque necessaria una ulteriore distinzione in: idea narrativa-tematica e idea narrativa-artistica. Con l idea narrativa-tematica il fotografo cercherà di evidenziare idee che gli appartengono (valutazioni, considerazioni, punti di vista, etc.). Con l idea narrativa-artistica il fotografo cercherà di evidenziare caratteristiche che appartengono alle cose fotografate o alla loro disposizione nell immagine (forme, colori, geometrie, accostamenti, equilibri etc.). Si noti come nei due casi l idea di fondo resta la medesima: raccontare qualcosa sviluppando caratteristiche latenti o evidenti della cose fotografate, che però mantengono anche nell immagine una parte dei loro significati diretti. Idea creativa Le cose fotografate sono occasioni per esprimere idee che con le cose stesse non hanno nulla a che fare, le cose fotografate si possono infatti considerare COSE-PRETESTO. Il fotografo è un operatore di creatività nella ricerca di forme non preesistenti, nella proposta di concettualità, nell invenzione di colori, nella magia di grafismi, collage, elaborazioni al computer, etc. Protagonista di questo tipo di fotografia è appunto la creatività, ma intesa come valore in sé, anche se, ovviamente, facente parte della fantasia del fotografo. I tre livelli di significato 1 LIVELLO Lettura dell informazione materiale L informazione materiale di una fotografia evidenzia l eventuale importanza della cosa fotografata. Questa informazione materiale non va confusa con le foto fatte apposta per informare o documentare: tutte le fotografie infatti, anche le più fantasiose, ci fanno conoscere qualcosa riferito a ciò che nell immagine è rappresentato. Il livello dell informazione materiale, con il peso che il tipo di foto gli assegnerà (massimo, elevato, scarso, medio, nullo) contribuirà a rendere evidente l idea centrale della fotografia e quindi il suo significato di comunicazione. 2 LIVELLO Lettura del significato della fotografia Il fotografo ha rappresentato il soggetto (cosa) in un certo modo affinché proprio attraverso il modo (come) si arrivi a capire il significato (cosa + come = perché) della fotografia. Questo livello di lettura è il sostanziale punto di arrivo della lettura intesa come comunicazione. Con questa lettura comprenderemo l idea che l autore ha voluto comunicare, e quindi il segno fotografia avrà adempiuto il suo compito. 3 LIVELLO Lettura di un significato libero e personale Succede spesso che una fotografia comunichi qualcosa oltre a ciò che l autore desiderava comunicare. Il colpevole è il lettore, che nella fotografia riconoscerà alcune cose che l autore ha

5 inserito senza rendersene conto. Tali cose sono capaci di suscitare nel lettore sensazioni personali. Questo livello può gratificare il lettore, ma spesso può allontanarci dalla comunicazione. Indice e fotografia Interessato all indicalità dell arte del XX secolo fu anche lo studioso dei media Philippe Dubois, che identificò una coesistenza, alla tradizione estetica della mimesis, di un estetica dell indice, cioè l impossibilità di concepire il prodotto artistico senza includervi anche il processo di cui è frutto. Ma l indice, per Dubois, si ferma allo stadio dell è stato, non si riempie di un vuol dire. La referenzialità non esprime nessuna potenza di verità. Per la sua genesi, la fotografia necessariamente testimonia. Attesta ontologicamente l esistenza di ciò che fa vedere. [ ] Ma ciò non implica di per sé che essa significhi [ ] La fotografia non spiega, non interpreta, non commenta. Essa è muta e nuda, piatta e opaca. Proseguendo nella sua ricerca Dubois si propose di dimostrare che una parte molto importante dell arte contemporanea [ ] può essere considerata [ ] come un evoluzione verso una radicalizzazione della logica indicale, come se la fotografia, passato il tempo della sua affermazione e della sua diffusione, una volta ben radicata la logica profonda e latente che la definiva, si fosse messa a rivelare, a impregnare, a nutrire gli artisti. Secondo il pensiero di Franco Vaccari, il prodotto della macchina fotografica, l immagine per intenderci, è sempre un segno già codificato, perché si tratta di un segno strutturato dall inconscio tecnologico del mezzo, per la costruzione del quale intervengono, al momento dello scatto, oltre all inconscio tecnologico di cui si è fatta già menzione, anche l inconscio sociale, l inconscio del fotografo ed anche, invadente e rumorosa, la motivazione personale cosciente. A questa logica del segno il belga Henri Van Lier obietterà addirittura l inconsistenza del suo carattere di atto umano. Quella che noi chiamiamo fotografia è innanzitutto un impronta, una traccia prodotta da forze fisico-chimiche, è una grafia della luce ad opera della luce stessa, che l uomo può soltanto raccogliere e provocare. I segni per Van Lier, analogici o digitali, sono sempre segnali intenzionali, convenzionali e sistematici. Gli indici sono un particolare tipo di segni, minimali, perché in sé non designano nulla, ma indicano soltanto. Per questa ragione Van Lier, superando la tassonomia peirciana, parla, in riferimento alle impronte fotoniche di indizi, cioè di effetti fisici di una causa, non intenzionali, né convenzionali, né appartenenti ad alcun sistema che non sia quello fisico, e per questo non classificabili come segni. Di natura assolutamente diversa sono le riflessioni di Jean-Marie Schaeffer, che pur riconoscendo all immagine fotografica il suo valore indicale di corrispondenza proiettiva punto per punto fra oggetto impressore e impronta fotonica, le attribuisce un soverchiante aspetto iconico di rappresentazione visiva. Schaeffer mise in rilievo non tanto l atto di produzione, quanto l atto di ricezione, non tanto il come fotografiamo quanto il come guardiamo una fotografia. Secondo Jean-Claude Lemagny la fotografia non è segno e messaggio, e l arte non è concetto e materializzazione, ma entrambe sono riproposizioni della muta e opaca presenza delle cose. Se un ruolo l Arte Concettuale e le ricerche semiotiche hanno avuto, è stato quello di demistificare l arte come comunicazione di un significato [ ] e di far capire che la fotografia, in quanto arte, sfugge a un approccio concettuale e semiotico. Lemagny sostituì alla lettura semiologica della fotografia quella estetica, non intendendo la fotografia come atto comunicativo, ma come atto artistico: l arte non riduce a pezzettini le cose reali per farle entrare nel tritatutto di un codice che le ributterà fuori dall altra parte. Le opere d arte possono trasmettere informazioni, ma [ ] in quanto opere d arte, esse non comunicano mai niente a nessuno. [ ] Dove c è la comunicazione, non c è più l arte. E l ideologia della comunicazione che infesta l arte. [ ] L arte è contraria a qualsiasi comunicazione perché non mira, come suo effetto, né al potere, né all appropriazione, né all uso strumentale. [ ] L arte non è il sapere La concettualità della fotografia La presenza della fotografia nell attuale congiuntura artistica segnala l ennesimo spostamento della ricerca verso il polo della concettualità e rilancia questo valore per ciò che riguarda l identità stessa della fotografia. La concettualità si pone come elemento dialettico rispetto al polo della formalità. La formalità equivale al primato dell opera materialmente intesa, mentre la concettualità si definirà per differenza rispetto ad essa. La categoria della concettualità va concepita come variabile e non bloccata, storicamente mutabile. Esiste una differenza sostanziale di possibilità concettuale fra fotografia in bianconero e fotografia a colori. La fotografia in bianconero è già un astrazione in sé. L assenza del colore indica un notevole scarto dalla realtà. Non è un caso che molti fotografi non utilizzino il bianconero perché non reale. Quanto sopra affermato non vuol dire che tutte le fotografie in bianconero siano concettuali e che quelle a colori non lo siano. Esistono esempi di bianconero ricco e sontuoso e casi di concettualismo fotografico espresso attraverso il colore. L Estetico e la fotografia L estetico è descrivibile come una particolare forma di artisticità che l esclude l opera, richiamandone tutte le caratteristiche senza che queste poi confluiscano e si concretizzino nella produzione di un manufatto. L atteggiamento estetico si ferma al livello del comportamento, del coinvolgimento sensoriale. Appare chiaro che la fotografia occupi un ruolo mediano tra praticità ed arte del tutto simile a quello attribuito all estetico. La fotografia ha innegabilmente posto il problema di un artisticità allargata, quotidiana, domestica. Nell ambito dell artisticità delle immagini dobbiamo distinguere tre categorie differenti: 1) Manuali (pitture e immagini affini); 2) Mediali non sintetiche (fotografia, cinema e video); 3) Mediali sintetiche (digitali). La fotografia digitale Il suo avvento ha destabilizzato la nostra idea di immagine, determinando la venuta meno della contrapposizione tra pensiero concettuale e pensiero visivo, tra astratto e analitico. La generazione della nuova immagine è determinata adesso dalla risoluzione, cioè da un calcolo numerico bidimensionale e tridimensionale. Tra i teorici prevale l idea che il legame tra tecnologia chimica ad impronta e realtà, sia completamente venuto meno con la tecnologia digitale a traduzione numerica. Ogni barriera è stata abbattuta, anche quella della classificazione segnica. Le immagini digitali hanno perso lo statuto di analogon del reale e pertanto non possono essere classificate come indici, ma come icone indicali. Gianfranco Bettetini ha tracciato una classificazione delle immagini di sintesi: a) riproduzione di immagini (trasformazione digitalizzata di un immagine) ; b) rielaborazione di immagini (trasformazione di un immagine digitalizzata in un altra immagine); c) integrazione (composizione di una nuova immagine utilizzando più immagini);

6 d) produzione di immagini-oggetto (creazione di un immagine derivata da un programma matematico, che non ha un referente di partenza). Con il superamento del sistema chimico cessa il principio della referenzialità di ferro, nata con l invenzione di Niepce e Daguerre. Nella fotografia tradizionale si ha a che fare con una superficie emulsionata di materiale foto sensibile (il negativo) capace di registrare l azione della luce riflessa dai corpi che si trovano di fronte all obiettivo. Nella fotografia digitale questa azione viene raccolta da un componente elettronico a forma rettangolare denominato CCD (Charge Copuled Device). La superficie del CCD è disseminata di milioni di piccolissimi elementi sensibili alla luce (pixel), che trasformano la luce in corrente elettrica, più o meno intensa a seconda della quantità di luce ricevuta. Il negativo chimico rappresenta in maniera analogica un certo soggetto, risultando sulla sua superficie una traccia continua di variazioni tonali del tutto analoga alla continuità che la materia presenta nel reale. Il negativo elettronico rappresenterà il medesimo soggetto in digitale, cioè in modo discontinuo rispetto alla continuità della materia stessa, secondo un codice numerico binario (0/1). Secondo Manzini la questione delle immagini sintetiche sta nel rapporto con una particolare dimensione del reale precedentemente inesistente. La conseguenza più rilevante di tutti i fenomeni collegati all immagine sintetica è il superamento della necessità dell en plein air. Nel virtuale, infatti, tutto si può fare come se, senza necessariamente essere in contatto autentico con le cose. Come ha sottolineato Jean Louis Weissberg: il virtuale non rimpiazza il reale: ne diventa una forma di percezione, in un mixage dove entrambe le entità sono contemporaneamente necessarie. Il riconoscimento di questa connessione tra reale e virtuale prevede per forza di cose la consapevolezza della simulazione e se virtuale e reale sono due facce della stessa questione il come se di cui sopra non può avvenire in stato di narcosi ma nella consapevolezza piena e totale della finzione. Il digitale può aver cambiato qualcosa dal punto di vista sintattico ma non certo da quello pragmatico, perché chimica o numerica una fotografia rimane una fotografia, continua a funzionare nella logica del come se. Si pensi al caso storico del fotomontaggio, praticato già vent anni dopo l invenzione della fotografia, anch esso privo di un referente diretto. Il fotomontaggio appare addirittura più avanzato del digitale perché non può vantare nemmeno una referenza numerica, eppure funziona in senso referenziale. La referenzialità era la condizione della sua stessa esistenza. La falsa rivoluzione del digitale Il digitale si presenta come una rivoluzione tangibile sul piano del mercato. Infatti con esso ci si trova per la prima volta dinnanzi ad un vero e proprio sistema multimediale domestico, dal momento che l utilizzo di una macchina fotografica digitale o di uno scanner è strettamente connesso al possesso ed all uso di un PC sul quale scaricare, selezionare, archiviare, inviare e manipolare le immagini. Claudio Marra si pone alcune domande: a) l avvento della tecnologia digitale ha effettivamente prodotto un cambio di identità nello statuto della fotografia? b) per quale motivo questo eventuale cambio è stato e continua ad essere salutato con tanto entusiasmo dai teorici che credono d averlo rilevato? Che la fotografia digitale sfugga al principio dell indice, allo stato attuale, è pura fantateoria, alla quale facciamo finta di credere. Ma alcuni dubbi sono legittimi: a. Se anche ragionassimo in termini puramente tecnici è possibile dire che il processo digitale non sia anch esso un processo da indice genuino? In definitiva il principio dell impronta rimane. La differenza c è perché abbiamo visto che si passa da un impronta tale e quale nel chimico ad una numerica nel digitale; b. La fotografia digitale rimane un processo indicale perché comunque fondata su un principio di relazione in presenza. Nessuno può contestare il fatto che per realizzare un immagine digitale occorra essere materialmente in faccia al soggetto. Il principio barthesiano dell è stato è salvo e confermato; c. Nell uso una fotografia rimane una fotografia, sia essa analogica o digitale. Una volta stabilitasi una convenzione culturale rimane tale a prescindere dalla forma materiale che la incarna. I generi fotografici Esistono vari tipi di fotografia, per esigenze di sintesi ci limiteremo a tre grandi categorie: a) fotografia giornalistica (secondo Lambert è lo specchio su cui si iscrivono i miti della nostra società, è la forma di fotografia più innamorata del reale); b) fotografia artistica (in cui sono più evidenti i valori dello stile, fra reale e astrazione); c) fotografia pubblicitaria (serve per vendere un prodotto astratto dandogli vita reale in una messa in scena che crea un immagine verosimile). Catania lezione 2 I generi fotografici Esistono vari tipi di fotografia, per esigenze di sintesi ci limiteremo a tre grandi categorie: a) fotografia giornalistica (secondo Lambert è lo specchio su cui si iscrivono i miti della nostra società, è la forma di fotografia più innamorata del reale); b) fotografia artistica (in cui sono più evidenti i valori dello stile, fra reale e astrazione); c) fotografia pubblicitaria (serve per vendere un prodotto astratto dandogli vita reale in una messa in scena che crea un immagine verosimile). La moda La moda, come fenomeno mutevole dell epoca in cui viviamo, riguarda tutta l esistenza sovrastrutturale dell uomo, dalla politica all arte, dalla letteratura alle maniere di pensare. Gli abiti sono sempre stati usati come strumenti sociali allo scopo di affermare come status symbol le particolari condizioni economiche e i ruoli determinati, rivelando, nel contempo, la nostra weltanschauung e gli umori fondamentali della vita sociale. La moda, strumento di piacere e di fascino visuale il cui valore è determinato dalla sua capacità conativa e seduttiva, può essere adeguatamente compresa solo in rapporto ad un determinato contesto sociale. Dal punto di vista della psicologia sociale, la moda è, fra i fenomeni collettivi, ciò che ci rivela, nel modo più immediato, la presenza della dimensione sociale nell ambito dei nostri comportamenti. La moda riguarda l individuo e i gruppi sociali ed esiste solo in quanto vi è reazione dell individuo in rapporto al mondo esterno.

7 La propagazione della moda I modelli esplicativi della propagazione della moda sono: a) a goccia (Simmel), che presuppone la società simile a una piramide dove le mode derivano dell alto per gocciolamento: al vertice della società, per qualsiasi ragione, si impone una regola del gusto, cui segue un graduale adeguamento della massa sociale (andamento verticale); b) inseguimento e fuga (McCraken), che presuppone l esistenza di una classe elitaria che crea tendenze e una massa che cerca di imitarle inseguendo i continui mutamenti dell avanguardia sociale (andamento orizzontale). Tali tentativi di modellizzazione, largamente condivisi per decenni, sono ampiamente contraddetti dalla pratica quotidiana degli ultimi dieci-quindici anni delle ricerche di moda. Le tendenze più seguite, infatti, vengono dalla strada e segnano il tramonto del total look e il trionfo del melting pop vestimentario. La moda del resto è il regime del mutamento obbligatorio del gusto: qualche cosa che ieri non piaceva ancora e domani non piacerà più, oggi riscuote l approvazione generale. Lo sviluppo contemporaneo della moda non avrebbe potuto prodursi senza l esistenza di uno strettissimo rapporto tra domanda e offerta, che colloca la moda stessa nel più ampio regime della produzione di massa, secondo le norme dell economia di mercato. I continui cambiamenti determinati dalla moda hanno causato un profondo mutamento dei suoi valori fondativi, trasferendola dall ambito del superfluo e dell ornamentale ad un ambito primario nell esistenza quotidiana degli individui (toglietemi tutto ma non il mio Breil). La fotografia di moda è una menzogna, che acquista realtà solo sulla carta stampata. Chris Von Waggenheim Il mondo della fotografia di moda è una fonte sorprendente di piacere e fascino visuale. Alexander Liberman La moda rappresenta lo specchio rivelatore della società Giuliana Scimè La moda, avendo trovato nella fotografia il principale mezzo di diffusione e di affermazione, non può fare assolutamente a meno di essa. Sulla scorta dell affermazione precedente, non bisogna credere che la moda si identifichi tout court con l immagine fotografica, ma senza di essa resterebbe assolutamente separata dalla comunicazione. Tale rapporto privilegiato, tra moda e fotografia, ebbe inizio nei primi del Novecento, dando origine ad alcuni degli esiti creativi di maggior rilievo del secolo scorso. La fotografia di moda, soddisfacendo le naturali tendenze dell uomo all evasione, ha avuto un processo evolutivo parallelo e di pari dignità agli sviluppi estetici dell immagine fotografica. Con il ritratto la fotografia aveva dissacrato e distrutto il concetto di immagine tramandata solo dai ricchi e dai nobili. Con la moda la rivoluzione operata dalla fotografia è stata ancora più radicale e violenta. Il rapporto tra moda, fotografia e mass media è oggi considerato strettissimo. Stranamente, però, il genere fotografia di moda è fra i più tardi a comparire e svilupparsi. Ragioni tecniche di riproduzione sulla pagina stampata e il ritardo nell evoluzione della moda come industria hanno rallentato il processo di qualche decennio.nel 1880 venne messo a punto il processo meccanico half-tone per la riproduzione dell immagine assieme ai caratteri di stampa. Da lì in poi la fotografia fece il suo ingresso nell editoria periodica; divenendo il cardine attorno al quale ruotano tutte le figure professionali coinvolte. La prima foto di moda apparve nel 1892 sulla rivista francese La mode pratique. Le prime fotografie di moda erano lo studio della donna. L intento di base era quello di realizzare un ritratto. L illuminazione naturale, una rilassata e serena posa statica hanno dato vita a immagini il cui effetto e il cui ricordo è ben fisso nella nostra mente. Successivamente, trucco eccessivo e pose che sembrano uscite da una pantomina, da un balletto o da una danza, crearono un mondo fittizio, artificiale, di gusto scenico. Un mondo che trasporta le lettrici di tutti i giorni in un paese che non c è, dove possono immaginare di indossare come in un sogno quel particolare vestito e di emanare quel particolare fascino. La fotografia di moda è quindi la visualizzazione delle immagini di sogno richieste dalla società del tempo. L orizzonte del sogno muta a seconda dei decenni, fino ad arrivare all odierno incubo espresso nelle fotografie dell ultimo ventennio. Nella prima fase la fotografia di moda trasse ispirazione della pittura e dell arte figurativa in genere. Nella seconda fase (a partire dagli anni 50-60) la fotografia di moda si è liberata dall imitazione per restituire un immagine nuova della donna: più libera e sempre in movimento. Paradossalmente oggi non è più la fotografia a imitare l arte, ma l arte a sconfinare nel campo della fotografia. La fotografia di moda non si regge più sulle immagini per pochi eletti, ma sull abilità del fotografo di ritrarre gente dinamica, che vive e agisce. Il fotografo di moda gode di una libertà di mezzi assoluta. In nessun altro campo vengono concessi budget così generosi per spese, per i viaggi e per i materiali. Anche fotografi non professionalmente dediti alla fotografia di moda, realizzarono, in quest ambito, alcune delle loro creazioni migliori. Il fotografo di moda, lavorando per le riviste o per gli stilisti ha il compito di creare le immagini di uno o più capi di abbigliamento, allo scopo di stimolare emotivamente, per non dire oniricamente, i fruitori di quelle immagini per trasformarli in potenziali consumatori. Una fotografia di moda, quindi, non è mai la semplice riproduzione di una capo di abbigliamento, ma la realizzazione di una messaggio pubblicitario, formalmente corretto, che, attraverso un idea e la sua raffigurazione, evoca illusioni: la fotografia di moda esiste per mostrare, creare e infine vendere uno stile. Il fotografo di moda L unità di stile personale diviene marchio di fabbrica dei grandi fotografi di moda. Essi non modificano il proprio approccio al tema, non cambiano da un servizio all altro I fotografi di moda lavorano a stretto contatto con gli art director delle riviste o delle agenzie pubblicitarie. Quelli di grande esperienza e di grande fama costruiranno lo shooting seguendo le loro idee originali e successivamente indicheranno le proprie preferenze tra le immagini realizzate; mentre quelli più giovani e meno esperti rimetteranno all art director e allo staff editoriale ogni scelta e decisione, limitandosi ad eseguire al meglio possibile i loro scatti. Il fotografo di moda e le riviste I fotografi di moda lavorano normalmente con pellicole bianconero o con diapositive a colori. Gli scatti realizzati vengono analizzati e selezionati, solo una minima parte verrà pubblicata. Spesso, a seconda delle esigenze editoriali, questi scatti vengono ritagliati per lasciar spazio ad altri elementi. Una volta, per decidere il taglio definitivo di un immagine, si usavano le fotocopie della stessa che venivano sezionate fin quando non si arrivava al risultato desiderato. Oggi tale processo si fa al computer con delle prove dirette di impaginazione.

8 Uno dei punti di forza della moderna fotografia di moda consiste nella capacità della macchina di cogliere le donne nei loro movimenti più intimi, come attraverso gli occhi di un osservatore invisibile. In studio si ricorre a volte all artificio per creare risultati naturali. La modella deve esagerare i movimenti in modo che l azione rimanga visibile anche sulla pagina stampata. L effetto bidimensionale comune tanto alla fotografia quanto alla pagina stampata della rivista è finalizzato a imprimersi nella memoria. Sembra infatti che tutti noi possediamo notevoli difficoltà nella visione tridimensionale e che la qualità bidimensionale della fotografia eserciti un tremendo potere sulle nostre facoltà di memorizzazione. Il fotografo di moda e le modelle Le prime fotografie di moda erano molto simili a ritratti ben studiati. Come in ogni fotografia di ritratto che si rispetti il rapporto di complicità tra fotografo e soggetto è determinante per la riuscita finale. Oggi il profondo coinvolgimento del fotografo con la modella fa emergere il segreto insito nella fotografia di moda: il contenuto erotico. La carica erotica che viene a crearsi nello studio si trasforma in un ricordo durevole di una fugace relazione uomo-fotografo e modella-donna. La presenza di molte donne fotografe nasce dall essere in grado di cogliere, attraverso la propria consapevolezza ed esperienza personale, quei precisi attimi di intimità e abbandono che pochi uomini sanno considerare e comprendere. Le modelle Le modelle hanno sempre rappresentato uno degli elementi fondamentali della fotografia di moda. Le prime modelle furono le donne della high society, che amavano farsi ritrarre con i loro preziosi abiti. Successivamente tale figura acquisì connotazioni professionali con la nascita di agenzie di model management sempre più organizzate e con contatti in tutto il mondo (vedi l attuale Agenzia Elite Le prime modelle professioniste rimasero però nell anonimato. Solo dagli anni 50 in poi (con Richard Avedon) cominciò il culto della modella, sex symbol desiderato e osannato da uomini e donne Agli esordi della fotografia di moda era la perfezione di tratti che si ricercava in una modella. La predilezione per un impersonalità statuaria rientrava in una generale indifferenza verso l essere umano. Gli abiti e gli ambienti avevano più importanza Oggi, invece, la personalità della modella è diventata fondamentale. Sono addirittura richieste piccole imperfezioni nei lineamenti perché servono ad imprimere nella mente una particolare donna. La modella è amata per quello che è, difetti compresi. Essere fotogenici significa essere originali, non compressi in un modello convenzionale. Il fascino dell unicità è l afrodisiaco dei giorni nostri. Arte & Fotografia: la donna Per gli artisti del passato il corpo femminile, vestito e non, ha sempre costituito il soggetto principale e uno strumento per comprendere l universalità. Se i capolavori del passato hanno mantenuto un impatto durevole sull osservatore, è stato perché dietro ogni forma di coinvolgimento esiste un flusso di desiderio. In ogni civiltà la sconvolgente rappresentazione di donne nude o vestite è stata una ricca fonte di piacere e ha creato di volta in volta standard visuale di bellezza. Donna & Fotografia: la seduzione Siamo circondati da immagini di una presenza femminile tutta seduzione. Non a caso i pubblicitari abbinano l elemento erotico a qualsiasi merce per stimolare direttamente il desiderio di possesso nella mente del lettore-spettatore. La fotografia di moda è stata il terreno di formazione per gli esploratori di questo nuovo erotismo ed è negli studi dei fotografi di moda che si è sviluppata la visione dell attuale seduttrice. Ogni tempo ha le sue immagini. Alcune immagini del passato erano verginali ; lo sguardo erano pudicamente rivolto a terra per mantenere una distanza fra l osservatore e il soggetto. Oggi lo sguardo diretto della donna è una provocazione colta e moltiplicata dalla fotografia. Moda & Fotografia: gli scopi Nella fotografia di moda è sempre presente l esigenza di creare un immagine che colpisca, diverta, intrattenga o provochi, giacché è innata nell uomo l esigenza dell evasione. I viaggi immaginari in paesi lontani dove splendide donne stanno sdraiate ai bordi di piscine o su spiagge da sogno, costituiscono un potente antidoto al grigiore quotidiano. La fotografia di moda diventa un opera visuale che sospende momentaneamente la percezione della vita di ogni giorno. Molto spesso gli abiti possiedono una semplicità insufficiente in se stessa a fornire la varietà che una rivista esige. E compito del fotografo creare immagini interessanti, che si distinguano dal lavoro di chiunque altro. Moda & Fotografia: altre figure Per la realizzazione di un servizio di moda insieme al fotografo lavorano in sinergia, oltre all art director che coordina, una serie di assistenti, spesso anche uno scenografo e sempre un hair stilist e un make-up artist. Particolarmente importanti sono queste due figure. Alla base di una buona fotografia di moda ci deve essere sempre una buona pettinatura e un buon trucco, confacenti alle esigenze del fotografo e del servizio. Moda & fotografia: i generi All interno del vasto concetto di fotografia di moda rientrano diversi generi fotografici che, per le loro peculiarità tecniche, possono avere una vita autonoma: 1. Fashion photography (la fotografia di moda propriamente detta); 2. Beauty photography (genere coincidente spesso con la fotografia di ritratto); 3. Glamour photography (genere finalizzato alla realizzazione immagini sexy e ricche di fascino); 4. Nude photography (genere finalizzato alla produzione di immagini del corpo ritratto nella sua essenza formale). Beauty photography Questo genere fotografico è spesso identificato con la fotografia di ritratto. Dal ritratto puro e semplice differisce per alcuni accorgimenti tecnici: tagli molto stretti, ricorso all high key e scarsa ricerca introspettiva. Professionalmente è diffusa nella fotografia pubblicitaria di categorie merciologiche molto specifiche: gioielli e cosmetici. Glamour photography Questo genere fotografico è finalizzato alla produzione di immagini sexy e ricche di fascino. A livello professionale trova spesso applicazione nella fotografia di underwear e swimwear. Nude photography Questo genere fotografico è finalizzato alla produzione di immagini del corpo ritratto nella sua essenza formale. Le pose possono essere semplici e naturali (intime) o dirette e provocanti (stile Playboy). L idea di nudo artistico in fotografia, rispetto al nudo pittorico è a grandi linee un falso. Quasi tutta la fotografia di nudo ottocentesca che si proponeva come artistica tendeva in realtà ad aggirare le barriere della censura legale e comunque della morale borghese, offrendo ipocritamente un prodotto socialmente accettabile in virtù della sua appartenenza alla categoria dell arte.

9 Una fotografia di nudo, indipendentemente dal suo scopo, risulta più provocante di un nudo dipinto, questo accade perché, proponendosi come oggetto concettuale anziché formale, la fotografia rimanda obbligatoriamente al momento vero della ripresa, momento che mantiene intatto il fascino della verità, dell esistito e dunque del potenzialmente esistibile. Fashion photography Gli usi professionali della fashion photography sono diversi. Tutti hanno la loro importanza all interno della comunicazione messa in atto dall industria moda. Essi coinvolgono direttamente o indirettamente: fotografi, stilisti, modelle, pubblicitari, art-director, copywriter, giornalisti, editori, fashion manager etc. I principali sono: 1. Pubblicità (Riviste e cartellonistica); 2. Copertine di riviste; 3. Redazionali (Descrittivi, Narrativi, Interpretativi); 4. Cataloghi (semplici pubblicazioni destinate alla distribuzione su larga scala e/o pregevoli opere editoriali); 5. Sfilate (immagini destinate alla stampa specializzata); 6. Cronache di costume (immagini destinate ai rotocalchi); 7. Fotolibri (raccolte di immagini di grandi fotografi o di stilisti affermati); 8. Internet (immagini finalizzate alla vendita on-line dei prodotti); 9. Book per modelle. La pubblicità della moda Secondo Vanni Codeluppi il linguaggio pubblicitario della moda presenta una povertà rispetto alla ricchezza segnica di altri settori merceologici. Cosa paradossale per un ambito in cui l immaterialità ha un peso determinante. Secondo Roland Barthes nei servizi fotografici pubblicati sulle riviste di moda il mondo è ordinatamente fotografato sotto le specie di uno scenario, di uno sfondo, di una scena, insomma di un teatro. Niente come la moda si presta alla teatralità, alla messa in scena di sé e del mondo. Vanni Codeluppi ha elaborato inoltre una griglia interpretativa decisiva per analizzare e mettere in rilievo le diverse strategie comunicative della moda: a) autonomia (modella in uno spazio illimitato e a-significante); b) intimità (sfondo sempre a-significante ma modella con atteggiamento più naturale che mette a nudo la sua natura di persona); c) rappresentazione (viene messo in scena uno scorcio di vita, l enfasi si sposta dal corpo della modella al contesto in cui è inserita); d) inclusione (osservatore invitato a partecipare da protagonista da uno sguardo ammiccante); e) complicità (tutto il corpo ed il volto sono tesi a coinvolgere lo spettatore); f) empatia (la modella perde importanza e si colloca in un ambiente quasi astratto che diviene protagonista, prevale l atmosfera psicologica). Autonomia (modella in uno spazio illimitato e a-significante) Intimità (sfondo sempre a-significante ma modella con atteggiamento più naturale che mette a nudo la sua natura di persona); Rappresentazione (viene messo in scena uno scorcio di vita, l enfasi si sposta dal corpo della modella al contesto in cui è inserita); Inclusione (osservatore invitato a partecipare da protagonista da uno sguardo ammiccante); Complicità (tutto il corpo ed il volto sono tesi a coinvolgere lo spettatore); Empatia (la modella perde importanza e si colloca in un ambiente quasi astratto che diviene protagonista, prevale l atmosfera psicologica). Le copertine dei fashion magazine La copertina del fashion magazine ha la funzione di incuriosire e attrarre il lettore inducendolo all acquisto. Normalmente le fotografie pubblicate in copertina presentano un soggetto che guarda dritto in macchina, effetto che si riproduce sulla pagina stampata come la proposta di un dialogo. Le riviste di moda in commercio sono sempre più numerose. Alcune di esse sono ultracentenarie (Vogue e Harper s Bazaar) ed escono in numerose edizioni nazionali. I redazionali delle riviste di moda Il redazionale delle riviste di moda è una sottile forma di comunicazione pubblicitaria mascherata da articolo di costume o da storia. Abbiamo detto che i redazionali possono essere di tipo descrittivo, di tipo narrativo o di tipo interpretativo. Il redazionale descrittivo serve semplicemente ed esplicitamente a mostrare un prodotto. La realizzazione fotografica può essere semplice e lineare oppure può ricorre all utilizzo di particolari forme di illuminazione. Gli sfondi sono quasi sempre neutri e la modella si muove in maniera naturale. Il redazionale narrativo serve sempre a mostrare un prodotto, ma il prodotto non è più il solo protagonista dell immagine. La realizzazione fotografica non è quasi mai semplice e lineare. Il fotografo ricorre spesso all utilizzo di particolari forme di illuminazione e richiede al suo modello una gestualità marcata. Gli sfondi non sono quasi mai neutri e molto spesso le fotografie vengono ambientate al di fuori della sala di posa. Il redazionale interpretativo serve anch esso a mostrare un prodotto, ma lo fa in maniera assolutamente marginale. Spesso si tratta di un articolo-intervista ad un personaggio famoso che, mentre ci racconta qualcosa di sé, ci mostra degli abiti con assoluta naturalezza quasi fossero i suoi. A seconda del personaggio ritratto il fotografo trascina o si lascia trascinare verso la direzione voluta. I cataloghi di moda Il catalogo realizzato da un azienda di moda è finalizzato a mostrare i prodotti venduti per quella stagione. Esistono vari tipi di cataloghi a seconda dei destinatari. Quelli realizzati come supporto all attività dei rappresentanti sono assolutamente descrittivi. Mostrano il prodotto senza aggiungere nulla. Danno informazioni sui colori disponibili, sulle taglie e sui costi. Vengono prodotti inoltre dei cataloghi destinati a una distribuzione più diffusa, rivolti quindi al grande pubblico degli acquirenti, che conservano intatte le caratteristiche della fotografia pubblicitaria non descrittiva ma finalizzata a suscitare emozioni e desiderio d acquisto. Questi cataloghi a volte raccolgono le immagini utilizzate per la cartellonistica e per le riviste. Dal punto di vista fotografico, all interno di questa categoria, possono esserci delle differenziazioni di qualità, che dipendono dal tipo di linea di prodotto presentata.

10 Quando uno stilista, o un brand, vuole eccedere, non accontentandosi del normale catalogo di poche pagine, stampato in maniera approssimativa, nascono prestigiose pubblicazioni editoriali, molto ricercate sul mercato librario. In questi casi viene scelto un grande fotografo che, attraverso il suo prezioso lavoro, saprà arricchire l immagine dell azienda (vedi il caso Avedon-Versace e quello Parisotto-La Perla) Le sfilate di moda La fotografia delle sfilate di moda non ha mai finalità artistiche. E indirizzata a mostrare un evento mediatico, rendendo possibile la sua presentazione sulle riviste specializzate. Le tecniche di ripresa sono più reportagistiche che fashion. Le cronache di costume Anche la fotografia di costume non ha mai finalità artistiche. E indirizzata a mostrare un evento mondano, rendendo possibile la sua presentazione sulle riviste specializzate, che ad arte sottolineano che il personaggio x ha indossato il capo dello stilista y. I fotolibri di moda Sono dei pregevoli prodotti editoriali che mostrano la produzione artistica di un fotografo, di uno stilista, di una modella oppure le tendenze di un determinato periodo (spesso cataloghi di importanti mostre). Tali strumenti di consumo meno rapido delle riviste consentono alla fotografia di moda, di per sé caratterizzata da un mutamento continuo, di tramandarsi nel tempo. La moda su Internet La moda su internet è presente grazie ai siti specializzati che possono avere carattere divulgativo, promozionale, storico e, più frequentemente commerciale. I siti commerciali fanno un uso specifico della fotografia di moda: quello descrittivo. Sono realizzati per vendere on-line i prodotti di una determinata azienda e utilizzano immagini che mostrano il prodotto in maniera asettica. I book per modelle Le fotografie dei book per modelle stanno a cavallo tra il genere fashion e il genere beauty. Sono finalizzate a mostrare le caratteristiche fisiche e somatiche di una modella/o o aspirante tale e vengono raccolte, dopo accurata selezione, in cartoncini promozionali chiamati composit. Nei composit troviamo spesso uno o più ritratti e delle figure intere. Il numero di fotografie presenti in composit è mediamente di cinque immagini (una grande davanti e quattro più piccole dietro). Lezione Catania 3 Parlare di fotografia di moda tentando di tracciare un percorso storico degli ultimi 150 anni è impossibile senza ruotare attorno alla figura del fotografo. Fin dagli inizi il lavoro del fotografo di moda è apparso in bilico tra arte e mestiere. Mai però come in questo caso un artista si è trovato così preso fra la committenza (la casa di moda o lo stilista, il magazine e l agenzia pubblicitaria) ed il mezzo tecnico (la fotocamera, il laboratorio, il materiale sensibile, il retino tipografico). Le foto di questi maestri resistono alle restrizioni della tecnica e della committenza, in qualche modo ne escono rafforzate. Vengono alla mente i maestri del Rinascimento che raggiunsero il massimo splendore proprio quando furono costretti a raffigurare scene religiose e la loro fantasia fu fortemente imbrigliata dal tema obbligato. Le origini La fotografia di moda è, nella sua definizione più semplice, un immagine realizzata per fornire una descrizione di abiti o accessori da vendere. Gli inizi della storia di questo genere di fotografia risalgono al ; ma solo intorno al la fotografia di moda entra nell uso comune, ottenendo un ruolo prettamente commerciale attraverso la pagina stampata. La sua affermazione in tal senso va inoltre messa in relazione con una importante svolta tecnologica: l invenzione e l applicazione pratica del processo di stampa denominato mezzotono (half-tone), grazie al quale una singola foto poteva essere riprodotta tipograficamente un gran numero di volte assieme ai caratteri di stampa. Quindi anche se le prime fotografie di moda sono vecchie quanto l arte fotografica stessa, il genere si affermò decisamente circa cinquanta anni dopo, sulla carta stampata, dando inizio ad un sodalizio che dura ancora oggi e senza il quale non si potrebbe sostanzialmente parlare di moda, nei termini che ci sono noti. Ai primi del Novecento l industria della moda non era ancora nata e quindi non era lo stilista ad essere al centro della scena, ma il proprietario dell abito. Un eloquente esempio di fotografie di abiti alla moda è dato dell album della Contessa di Castiglione, una raccolta di 288 fotografie realizzate dalla ditta Mayer & Pierson nel Questo album rientra maggiormente nella categoria ritratto piuttosto che in quella della fotografia di moda. Ma già negli anni molti ritrattisti cominciarono a mostrare un particolare interesse per il lato moda dei loro ritratti. Tali immagini non possono essere considerate comunque fotografie di moda, poiché il fine è il ritratto. L unica utilizzazione della fotografia di moda a scopo commerciale prima degli anni 1880 è quella della carte de visite. Le prime immagini di moda pubblicate furono delle incisioni ricavate da fotografie che divennero degli aiuti visuali per l incisore, senza i quali non avrebbe potuto prescindere dalla modella in carne e ossa. La prima riproduzione in assoluto di una fotografia di moda avvenne nel 1892, sul periodico francese La mode pratique. Nel 1901 a Parigi uscì il primo numero del periodico Les Modes che, nel corso della pubblicazione, avrebbe fatto largo uso di illustrazioni fotografiche. A Parigi nascono inoltre numerosi studi dediti alla fotografia di moda. I fratelli Seeberger furono veri specialisti del genere. Utilizzarono come modelle signore dell alta società che indossavano i loro stessi abiti firmati dai più famosi sarti. Il più importante studio del XIX secolo fu la Maison Reutlinger, in boulevard Montmartre a Parigi. La produzione dello studio si sviluppò progressivamente dal ritratto convenzionale alle pose dei figurini di moda disegnati a mano. L importanza del legame tra fotografia di moda e pagina stampata rende comprensibile il fatto che la sua storia sia così strettamente legata al rapporto tra fotografo e staff editoriale. I principali editori di moda furono Condè Nast, che nel 1909 acquistò Vogue, e William Randolph Hearst, che nel 1913 comprò Harper s Bazaar. Ugualmente importanti sono le grandi redattrici di moda: Edna Woolman Chase (Vogue ), Carmel Snow (Harper s Bazaar ), Diana Vreeland (Harper s Bazaar e Vogue ) ed i famosissimi direttori artistici Alexej Brodovitch (Harper s Bazaar ) e Alexander Liberman (Vogue dal 1941), che non si limitarono alla sola creazione di progetti grafici per le riviste ma che guidarono anche i fotografi con consigli e suggerimenti. Edward Steichen ( ) Le prime vere fotografie di moda vennero realizzate nel 1911 da Edward Steichen, ebbero come soggetto tredici abiti del sarto Poiret e furono pubblicate sul numero di aprile di Art et Decoration. Lo stile utilizzato da Steichen, che fotografava anche altro, fu quello foto-secessionista, dalla messa a fuoco morbida. Questo servizio, rivoluzionario per l epoca, si distingueva per le pose e per il movimento delle modelle.

11 Adolphe de Meyer ( ) Con Adolphe de Meyer si passò dalla stadio della documentazione diretta a quello di forma artistica sulle pagine di Vogue USA. Condè Nast acquistando la rivista ne aveva rinnovato completamente gli intenti, cambiando quella che era una pubblicazione un po snob per l alta società in rivista arbitro del gusto e della novità, specchio di uno stile di vita raffinato e all avanguardia. Il Barone de Meyer si adattava perfettamente a questo panorama. Dal punto di vista sociale aveva le carte in regola: membro dell entourage londinese del Principe di Galles, aveva sposato alla fine del secolo Donna Olga Alberta Caracciolo, figlioccia del re d Inghilterra. Era entrato a far parte, inoltre, del gruppo di fotografi di avanguardia The Linked Ring, che si proponevano di creare fotografie artistiche e di convincere il pubblico che anche la fotografia è una forma d arte. Le sue sono immagini concepite con stile pittorialista, fatte di atmosfere vaghe e suggestive e con effetti di luce delicati e scintillanti, che tendono a disintegrare la forma. Le sue immagini sono la perfetta espressione della società elitaria del tempo, oziosa e opulenta. L incontro con Condè Nast era avvenuto nel 1913 a New York, dove de Meyer si era rifugiato allo scoppio della prima guerra mondiale. Edward Steichen ( ) Secondo Alexander Liberman la chiave della moderna fotografia di moda è rappresentata da una foto di Edward Steichen del 1927 in cui Marion Morehouse sorride mostrando una grande umanità. Steichen superò il mero compito descrittivo, andando oltre il documento di classe o di moda giungendo ad un immagine di donna nel suo momento di maggiore fascino. Steichen fu capofotografo di Vogue dal 1922 al 1938, in questo periodo fu considerato uno dei più eminenti fotografi americani nel campo della ritrattistica e della moda. Dal pittorialismo alla straight photography, Steichen si evolve mostrando il nuovo status sociale della donna. Agli inizi degli anni 30 era il dominatore incontrastato della fotografia di moda, grazie al suo gusto e alla raffinatezza della sua tecnica. Fu proprio Steichen a scattare la prima foto a colori per Vogue (Vogue USA, gennaio 1931). Dal 1947 al 1962 diresse il Dipartimento di Fotografia al Museum of Modern Art di New York, dove nel 1955 organizzò la mostra The family of man, che ottenne un successo straordinario e fu esposta in tutto il mondo. Man Ray ( ) Nel 1916 nacque Vogue UK e nel 1920 Vogue France. Il primo fotografo di fama a lavorare per l edizione francese fu Man Ray, che era stato invitato direttamente dal famoso sarto Paul Poiret. Per Man Ray la fotografia di moda è un mezzo per finanziare le sue ricerche più creative. Preferisce infatti la fotografia pubblicitaria, meglio pagata di quella redazionale. Straordinario fu un servizio del 1925 in cui utilizzò a posto delle modelle i manichini della mostra delle Arti Decorative, allestita al Grand Palais. Man Ray introdusse questo elemento rivoluzionario che da allora diventò ricorrente. Man Ray non tenne conto delle convenzioni che governano la moda sostenendo che: è l ispirazione e non l informazione, la forza che lega assieme tutte le arti creative. L abito era una mera scusa per liberare un espressività fantasmagorica. Le sue foto sono una testimonianza eloquente del vitale interscambio tra le varie forme artistiche, tipico della Parigi degli anni 30. Erwin Blumenfeld ( ) Sull onda surrealista di Man Ray troviamo anche un altro fotografo, che unisce attività professionale ai profondi influssi artistici della Parigi anni 30: Erwin Blumenfeld. Conosciuto per le sue fotografie di nudo, la sua carriera nella moda cominciò nel 1938 a Vogue France e raggiunse il culmine a New York dove si trasferì nel Arrivò a risultati stupefacenti con l uso di svariati espedienti tecnici: solarizzazione, sovrastampa, combinazione di negativo e positivo, sovrapposizione e moltiplicazione delle immagini. Alcune delle tecniche da lui ideate hanno avuto grande influenza sulla fotografia di moda e di pubblicità, come la tecnica del candeggio, grazie alla quale un viso è ridotto alla sola linea degli occhi, della bocca e, vagamente, dei capelli George Hoyningen-Huene ( ) Alla fine degli anni 20 la Francia attraversava un periodo di prosperità economica, mentre l America era alle prese con la Grande Depressione. In questo clima sereno arrivò a Parigi George Hoyningen-Huene, barone baltico fuggito dopo la Rivoluzione d Ottobre. Nella sua fotografia si concentrarono l influsso surrealista e quello di Steichen. Fu decoratore per Man Ray e come decoratore-illustratore fu assunto da Vogue. In poco più di un anno divenne il primo fotografo dello studio parigino di Vogue, imprimendo il suo stile personale. Nelle sue fotografie la modella non è più al centro delle foto ma accuratamente decentrata; gli spazi vuoti vengono utilizzati in maniera brillante, con giochi di chiaroscuro sottolineando i fondali da lui stesso creati. Nel 1928 realizzò un servizio per cappotti servendosi come sfondo di simboli modernisti: aerei e macchine sportive. Tra le sue fotografie più famose bisogna ricordare una serie di scene da spiaggia, realizzate in studio. Tali immagini rappresentano il culmine della composizione e del controllo stilistico e tecnico di Huene. Il suo modo di fotografare fu fortemente condizionato dai problemi di staticità dei soggetti a causa dell obbligo, imposta da Condè Nast, di utilizzare la macchina fotografica di grande formato. Hoyningen-Huene fu il primo ad utilizzare modelli maschili senza sottolineare troppo la loro connotazione sessuale. L ambiguità tra reale e ideale rimase per lui una costante forma di ispirazione. Essa deriva dell influsso del classicismo della Grecia antica. Alcune sue immagini grazie alla luce e all atmosfera create hanno la monumentalità di un bassorilievo greco. Si delinea una figura femminile classica, dalla forma eterea ed aggraziata e dalla dimensione quasi eroica, nobile e perfetta. Nel 1935 si trasferì a New York e nel 1946 andò a Hollywood come consulente per il colore per il regista George Cukor. La fotografia di moda a Berlino Contrariamente a quanto si pensi, negli anni 30 del XX secolo la vera capitale della fotografia di moda non era Parigi, bensì Berlino. Per una strana concomitanza di cause nella capitale tedesca si erano concentrati numerosi sarti e numerose aziende dedite alla produzione di capi d abbigliamento, attorno alle quali erano sorte un discreto numero di riviste, cui lavoravano i circa trenta studi fotografici presenti sulla scena. Tali condizioni favorevoli vennero a cessare all ascesa del terzo reich, che iniziò una sistematica azione di smantellamento delle attività commerciali degli ebrei, che detenevano la maggioranza nel settore moda berlinese. Molti sarti e molti fotografi emigrarono a Parigi prima e a New York poi.

12 Horst P. Horst ( ) Negli anni 40 importante fu la figura del tedesco Horst P. Horst, amico, modello e discepolo di Hoyningen-Huene. Horst studiò con Gropius ad Amburgo e a Parigi collaborò con lo studio Le Corbusier. Grazie alla sua amicizia con Hoyningen-Huene fu introdotto nell ambiente della fotografia di moda. Quando l amico si spostò a Harper s Bazaar, Horst divenne il primo fotografo di Vogue, non solo a Parigi ma anche a New York. Quando arrivò a Vogue lo studio parigino era ancora organizzato come ai tempi di Steichen. Horst preferì non utilizzare l illuminazione diffusa, ma gli spot per enfatizzare i punti importanti di un abito. Fra le sue collaborazioni prestigiose ci fu anche quella con Salvador Dalì. Pur essendo stato il più significativo fotografo di moda degli anni 40, Horst rappresentò un caso singolare: non possedette mai una macchina fotografica, non fece mai una fotografia fuori dal suo studio e non entrò quasi mai in camera oscura. Le sue immagini influenzate da Steichen e vicine al classicismo di Hoyningen-Huene senza condividerne il rigore, si distinguo per il loro aspetto teatrale, per lo spiccato umorismo e per i riferimenti eclettici alla storia dell arte. Nella sua opera l ordine neoclassico convive in perfetta armonia con l immaginazione barocca. La sua fotografia più famosa è quella del busto-corsetto di Mainbocher, che trae il suo effetto dalla forza grafica e dalla raffinatezza dell illuminazione. Cecil Beaton ( ) Cecil Beaton è il fotografo che meglio di tutti illustra l integrazione esistente tra le varie arti negli anni 30. Scrittore e illustratore, oltre che fotografo, si ispirò alle fonti più varie: ritrattistica inglese, pittura rinascimentale, scenografia contemporanea, film hollywoodiani, surrealismo. A dodici anni gli venne regalata una macchina fotografica, con la quale cominciò a ritrarre le sorelle in costumi d epoca o in abiti da sera ed in pose prettamente teatrali. Il teatro fu la sua altra grande passione. Come scenografo vinse due Oscar per Gigi e My fair lady. La carriera di Beaton cominciò nel 1926 con Vogue UK, cui iniziò a collaborare come illustratore. Ben presto divenne ritrattista mondano, con immagini scintillanti, piene di costumi e scenografie fantasiose; già nel 1927 cominciò a cimentarsi nella fotografia di moda. Venne notato subito dalla redattrice Edna Woolham Chase, che lo condusse a Vogue USA. Voglio fotografare donne molto eleganti, che si tolgono un granellino da un occhio, o si soffiano il naso, o si levano il rossetto dai denti. In altre parole, che si comportano come esseri umani sarebbe splendido se invece di fotografare una donna in abbigliamento sportivo in studio, la si mettesse in un incidente d auto, con sangue dappertutto e pezzi di automobili qua e là. Un importante tappa della sua carriera furono i ritratti di star del cinema realizzati per la rivista Vanity Fair: <<La mia prima impressione di uno studio cinematografico fu così strana e fantastica che sentii che non avrei mai potuto esaurire le mie possibilità fotografiche>>. Utilizzò spesso elementi contrastanti ricercando un effetto surrealistico in cui è difficile tracciare una linea di demarcazione tra il serio e l ironico. Dal mondo del cinema prese l idea delle grandi ombre, che introdusse nelle sue opere in maniera originale. George Platt-Lynes ( ) Costretto dalla crisi familiare a diventare professionalmente fotografo, George Platt-Lynes si distinse per il suo taglio meno drammatico e più umoristico. Famoso per le sue foto di ritratto, di balletto e principalmente di nudo maschile (è considerato un anticipatore di Mapplethorpe, Ritts e Weber), nella moda raggiunse effetti originalissimi con mezzi piuttosto semplici: utilizzò ad esempio pose non convenzionali, montaggi, accessori bizzarri e inaspettati. Lavorò sia per Harper s Bazaar che per Vogue (diresse gli studi hollywoodiani dal 1946 al 1948). Platt-Lynes amò la teatralità nei gesti delle modelle e soprattutto la sottolineatura di trasparenti tessuti e di accostamenti di forme. L effetto surreale delle sue immagini veniva accentuato dai forti contrasti tonali e dall uso della luce (uno spot da 2000w in ogni angolo inferiore dell inquadratura e di uno puntato direttamente sul viso della modella). Martin Munkacsi ( ) Il più radicale e rivoluzionario cambiamento del modo di realizzare le fotografie di moda si deve all ungherese Martin Munkacsi, famoso già negli anni 20 in Europa per le sue foto sportive. Venne notato nel 1933 al suo arrivo a New York da Carmel Snow, appena passata a Harper s Bazaar, mentre era inviato della Berliner Illustrierte Zeitung (la principale rivista fotografica del mondo). Egli si accostò al genere alla sua maniera, quella del reporter sportivo. Il risultato è quindi la logica evoluzione della fotografia sportiva. Famoso il suo servizio di costumi e di abiti da spiaggia. Le foto vennero scattate a Long Island con la modella Lucille Brokaw. Il risultato di quel servizio è entrato nella storia della fotografia. Munkacsi portò un gusto per l allegra e per l onestà e un amore per la donna in ciò che prima di lui era un arte bugiarda, priva di gioia e di amore, compiendo un sovvertimento in un immagine che si stava avviando sulla strada dello stereotipo. Il suo apporto sarà determinante per le generazioni successive. Per Richard Avedon le foto di Munkacsi saranno la prima lezione di fotografia. Anche Henry Cartier-Bresson lo considera un maestro riconoscendone l enorme importanza innovativa ricordando sempre che Munkacsi aveva scattato quella foto che fu per me la scintilla che accese i fuochi d artificio e mi fece improvvisamente capire che la fotografia poteva raggiungere l eternità attraverso il momento. Il suo modo di fotografare mal si adattò alle pellicole a colori molto lente. Le sue foto in studio perdettero gran parte dell originalità dei lavori in esterni. L introduzione del Kodachrome (pellicola diapositiva a colori) aveva rappresentato una tappa importante, facendo della foto a colori un elemento essenziale delle riviste di moda, segnando la vittoria finale della fotografia sull illustrazione di moda. Ma dovranno passare alcuni anni prima che tali pellicole raggiungano la praticità di utilizzò delle già collaudate pellicole in bianconero. Il debutto di Munkacsi a Harper s Bazaar coincise con l assunzione di Alexey Brodovitch come art director. Brodovitch non limitò la sua attività ad una nuova veste grafica per le pagine redazionali, rivoluzionate comunque da impaginazioni completamente nuove, ma fu il maestro di un intera generazione di nuovi artisti che avrebbero avuto modo di crescere sulle pagine della rivista. Le donne nella fotografia di moda Negli anni 30 operarono fotograficamente nelle principali riviste anche una serie di fotografe che per l originalità dei loro lavori hanno lasciato il segno nella storia di questo genere fotografico. Fra di esse ricordiamo Madame Yevonde, Madame d Ora, Lee Miller (modella, fotografa e amante di Man Ray), Toni Frissel e Louise Dahl-Wolfe. Toni Frissel (1908-?) Toni Frissel, una signora dell alta società newyorchese, fu fotografa di moda per Vogue dal 1931 al 1942, per poi passare ad Harper s Bazaar. Fu la prima ad utilizzare una macchina fotografica di medio formato (una Rolleiflex) rompendo l obbligo di lavorare con il grande formato. Grazie al mezzo più agile riuscì a tradurre in immagini la mondanità sportiva di Long Island: donne che corrono, passeggiano con il cane e vengono addirittura fotografate sott acqua. Fu fortemente influenzata da Martin Munkacsi.

13 Louise Dahl-Wolfe ( ) Durante la guerra nelle redazioni di moda dominano le donne, in particolare Louise Dahl-Wolfe. Entrata a Harper s Bazaar nel 1936 con Diana Vreeland, la Dahl-Wolfe fotografò per la rivista americana fino al Nota per le sue ambientazioni insolite che suggeriscono uno stile di vita rilassato, talvolta esotico (usò location particolari in anni in cui il turismo di massa non esisteva), dove si muovono modelle dalle pose molto femminili, fu tra le prime a sperimentare il colore nella fotografia di moda. Le sue foto furono sempre accuratamente costruite con un perfetto equilibrio di luce e ombra e con un estrema attenzione alla combinazione dei colori, secondo l influenza dello storico dell arte Clive Bell e della sua teoria della forma significante, secondo cui il colore è una parte inerente alla qualità espressiva della forma e gli accostamenti di colore hanno peso emotivo. Norman Parkinson ( ) Al di fuori dei confini americani tanti sono i fotografi che si dedicano alla moda lavorando per le edizioni nazionali di Vogue e di Harper s Bazaar. Il più innovativo di essi è sicuramente l inglese Norman Parkinson, che dal 1935 al 1940 lavorò per l edizione inglese di Harper s Bazaar, dove gli venne chiesto di seguire il genere del realismo in movimento, inaugurato da Munkacsi. I redattori inglesi non tennero conto che la fotografia di moda realistica e dinamica era fortemente caratterizzata dalla americanità. Si adattava ad un modo di vestire e di essere più dinamico. Mal si coniugava alla raffinata alta moda europea. Parkinson riuscì comunque a realizzare delle immagini accattivanti e eleganti. Dopo la guerra passò a Vogue. Lavorò in giro per il mondo per molte altre riviste (Life, Elle, Town & Country), firmando fotografie piene di fascino e di spontaneità. Negli anni 40 si fece notare per il suo stile bucolico, mentre dal 1949 in poi, trasferitosi a New York, sarà l aspetto urbano a prevalere nelle sue immagini. Nel 1981 fu nominato fotografo ufficiale della famiglia reale inglese. Clifford Coffin (1916) Cominciò la sua carriera nei reparti pubblicitari della Texas Oil e della MGM, finendo per occuparsi esclusivamente di fotografia. Dopo essere stato assistente a Vogue UK passò all edizione americana, dove fu tra i principali fotografi dal 1945 al Irving Penn (1917) Una foto di moda è un ritratto; proprio come un ritratto è una foto di moda Irving Penn Allievo di Alexey Brodovitch alla Philadelphia Museum School of Industrial Art, Irving Penn nella sua lunga e fortunata carriera ha sempre mirato a valori assoluti: chiarezza formale ed elegante verità. Nel 1943 entrò a Vogue come assistente di Alexander Liberman, che lo guidò nei primi tentativi fotografici. Nell ottobre dello stesso anno realizzò una delle oltre 150 copertine da lui firmate (immagine di still life), per passare subito alla moda e al ritratto. Sue fonti di ispirazione furono la prospettiva di Paolo Uccello, la pittura metafisica di Giorgio De Chirico e l attenzione per la moda propria dei dipinti di Goya. Eseguì ritratti in giro per il mondo ispirato dallo studio a luce del nord in cui poté lavorare nel 1948 a Cuzco in Perù. Alla luce di tale scoperta anche le sue immagini di moda crescono in progressione diretta fino al suo primo servizio sulle collezioni di alta moda di Parigi nel Le foto sono realizzate nello studio a luce del nord di una vecchia scuola di fotografia. Tutti gli elementi non essenziali vengono eliminati a favore di una immagine semplice, ma rivoluzionaria proprio per la sua estrema chiarezza e monumentalità. Nel 1949 in polemica con le perfette immagini di moda che tendevano a promuovere la periferizzazione dello sguardo dal centro del corpo alle sue estremità ricche di accessori (braccia, collo, orecchie), realizzò una serie di immagini di nudo, intitolate Earthly Bodies, in cui richiamò l attenzione al centro della figura umana dandole forti connotazioni espressive. Questa serie di nudi, dalla scultorea primordialità, fu realizzata utilizzando una particolare tecnica di stampa che consente lo sbiancamento delle alte luci. Fonte di ispirazione fu sicuramente Le Viol di Renè Magritte. Nella fotografia di moda come nei ritratti e nello still life Penn tende sempre a fermare un momento. Lo studio non è idealizzato ma spesso sono visibili i cavi elettrici o i bordi dei fondali. Si colloca agli antipodi dello stile frivolo di Cecil Beaton. Stretto fu il suo legame con la modella Lisa Fonssagrives, che diventerà suo moglie e con la quale realizzerà alcuni capolavori indimenticabili come le immagini dell abito da Arlecchino, la sirena o l odalisca con il turbante, quest ultima con reminiscenze di Ingres o di Matisse. Nelle immagini di still life Penn ebbe sempre uno spiccato e infallibile senso del design che utilizzò anche per le sue foto di moda a colori. Per Irving Penn la fotografia è un esercizio razionale e preciso. Dopo lungo e attento studio degli oggetti, dell abito e della modella realizzava l immagine in pochi minuti. Richard Avedon (1923) Richard Avedon a 21 anni era già al vertice della fotografia di moda. La sua famiglia possedeva un negozio di moda femminile, Avedon s Fifth Avenue, e Richard era cresciuto tra abiti, modelle e riviste di moda. Imitando le foto delle riviste cominciò a muovere i primi passi. La sua modella di quegli anni fu la sorella minore: Ogni famiglia pensa che i propri figli siano i più belli; ma mia sorella Louise, che ho fotografato dai 14 ai 18 anni, era veramente una bellezza di prima classe, e solo ora me ne rendo conto. Ho scoperto che fu lei il prototipo di bellezza dei miei primi anni come fotografo di moda. Le mie prime modelle erano tutte brune, con naso piccolo, collo lungo e viso ovale. Erano tutte ricordi di mia sorella. Il mio senso della bellezza si era sviluppato attraverso la mia esperienza di lei. Avedon instaurò sempre un rapporto profondo e personale con il soggetto fotografato. Per questo motivo la scelta della modella è sempre stata per lui di primaria importanza, perché determina una collaborazione assolutamente non superficiale. Avedon va oltre la maschera della bellezza fino a qualcosa di più profondo e spirituale: una sorta di ritratto. E stato proprio presentando un portfolio di ritratti dei suoi colleghi della Marina Mercantile che ottenne il suo primo incarico ad Harper s Bazaar nel 1944, incaricato direttamente da Alexey Brodovitch, del quale ha seguito le lezioni presso la New School of Social Research. Nel 1947 era già il fotografo principale della rivista con un immagine di donna di per sé rivoluzionaria: non più divinità altera, ma ragazza alla moda, non bellissima ma fortemente reale. Lui e Irving Penn saranno i dominatori incontrastati della fotografia di moda degli anni 50. Il movimento nelle sue foto deriva dal balletto ispirato principalmente dai film di Fred Astaire. Il suo punto di forza, rimasto una costante nel tempo, è stata la sua capacità di evolversi in perfetto accordo con le mutevoli condizioni sociali e con gli altrettanto mutevoli gusti del pubblico. Ricordiamo i servizi stile paparazzo a Parigi degli anni 50 (periodo ritratto nel film Funny Face che Avedon definì vacanza dalla vita ). All inizio degli anni 60 le sue immagini cominciarono a perdere l allegria e la spensieratezza del decennio precedente e divennero un mezzo per esaminare e rappresentare la realtà. Le sue foto possono essere considerate tra i più importanti documenti sociali del periodo proprio per la sua

14 capacità di comprendere bene ed esprimere chiaramente i comportamenti e gli atteggiamenti mentali del momento in cui vive. Enorme fu lo scandalo provocato dalla foto della principessa Paolozzi a seno nudo e il servizio per Harper s Bazaar del gennaio 1965 in cui due modelle ed un modello suggeriscono esplicitamente il mito dell emancipazione sessuale degli anni 60, con un sottofondo di ambiguità e alienazione. Mentirei se fotografassi con la luce naturale. Essa è qualcosa cui devo rinunciare come l infanzia. Avedon si stabilisce quindi in studio dando vita ad un nuovo stile, anche esso estremamente originale e personale: la modella si muove, salta e ride sotto la luce dei flash. Il movimento e la vivacità vengono così spostati in un ambiente neutro. Ne risulta un immagine senza ambientazione, che riflette l atmosfera newyorchese in cui Avedon lavora, ma anche l isolamento e la freddezza verso cui sta scivolando la società. Dagli anni 70 in poi Avedon abbandona la fotografia di moda usandola solamente per finanziare i suoi lavori più significativi, ritratti soprattutto. Nella produzione fotografica di Avedon il ritratto riveste un ruolo fondamentale. Coglie i soggetti con precisione chirurgica, nel formato 20x25 cm, frontalmente e su fondo bianco, facendogli occupare tutta l inquadratura. Famoso è stato il suo servizio per Life su Marilyn Monroe, vestita come le dive del cinema del passato. Abbiamo già ricordato la ventennale collaborazione di Richard Avedon con la maison Versace. Le immagini realizzate in quel periodo sono raccolte nel volume The naked and the dressed. Nel 1997 ha realizzato le immagini per il famoso Calendario Pirelli. Hiro (1930) Yasuhiro Wakabayashi, nato a Shangai da genitori giapponesi, nel 1954 si trasferì in America per studiare fotografia. Alla New School for Social Research conobbe Alexey Brodovitch che lo presentò a Avedon. Dal 1966 al 1975, dopo essere stato assistente di Avedon, fu uno dei principali fotografi di Harper s Bazaar. Secondo Avedon, Hiro possiede le caratteristiche del grande fotografo: il mistero e il perfezionismo. Grande sperimentatore di tecniche, con le sue immagini volle abbattere gli ultimi limiti tecnici della foto a colori e la sua opera, per quanto radicale, è di una bellezza limpida e magica. Ben presto sviluppò un proprio stile che univa la vivacità di Avedon e la monumentalità di Penn. Le sue fotografie hanno infatti un grosso impatto visivo, di grande chiarezza, tipico dell approccio pubblicitario, mentre la loro forza deriva da una semplicità classica, quasi astratta, dalla quale il capo di abbigliamento, il gioiello o l accessorio emergono nelle loro caratteristiche essenziali. Hiro sorprende e sconvolge con le sue immagini costruite su elementi impossibili che obbligano ad un analisi accurata per individuare l oggetto protagonista della fotografia di moda. Le sue immagini più note sono le vedute ravvicinate e a colori di accessori moda, icone monumentali in cui dominano il chiarore e la precisione. Utilizzò spesso temi che si riferiscono alla conquista dello spazio. Il suo approccio è stato quello di uno scienziato e di uno sperimentatore, soprattutto nel colore e nella luce. Ritenne che il ruolo del fotografo di moda coincida con quello del reporter e del cronista. Secondo lui la sola bellezza delle fotografie non vuol dire nulla. Nelle sue foto è quasi sempre presente un qualcosa, un particolare anche minimo, che conferisce ad esse una connotazione contemporanea, che le lega al momento storico in cui vengono scattate. Lezioni Catania 4 Gli anni 60 e la swinging London Gli anni 60 si aprirono all insegna della swinging London, l asse dell innovazione della moda e di tutto quello che le giro intorno, fotografia compresa, si era spostato dagli Stati Uniti alla capitale britannica. La swinging London è in quegli anni il luogo d elezione della rivoluzione giovanile, in cui ci si ribella alle tradizioni culturali, morali e artistiche. E la scena in cui gli anni 60, come era del dissenso, vengono meglio rappresentati: con la dimostrazioni contro la guerra, le richieste di uguali diritti per le donne e le minoranze, la rivoluzione sessuale, con gli eccessi e le eccentricità. Anche la moda londinese prese le distanze dall alta moda, ispirandosi a nuove fonti: stile contadino, women s liberation, programma spaziale e pop art. Sempre a Londra opera Mary Quant che insieme ad un piccolo gruppo di designer all avanguardia rivoluzionano la moda, la clientela e i costi. Il panorama fotografico fu dominato dei famosi terribili tre : David Bailey, Terence Donovan e Brian Duffy insieme a una miriade di altri fotografi, più o meno noti, fra i quali emersero John Cowan, Ronald Traeger e Melvin Sokolsky. David Bailey (1938) David Bailey fu il più famoso esponente della fotografia di moda degli anni 60, colui che ha maggiormente contribuito a creare un alone epico intorno alla professione di fotografo: a lui si ispirò Michelangelo Antonioni per la figura del protagonista di Blow up. Bailey, famoso anche per il suo matrimonio e successivo divorzio con Catherine Deneuve, per le sue relazioni con modelle affascinanti e per l amicizia con le più acclamate star del rock, del cinema e della cultura pop, ha rappresentato la Londra di questi anni con immagini vivide e indimenticabili. Sotto contratto con Vogue dal 1960, Bailey fotografava come viveva, su un sottofondo di musica e sesso. Le sue immagini furono fortemente influenzate dal cinema, soprattutto quello della Nouvelle vague francese, improntate sempre alla freschezza e alla spontaneità. Furono fortemente caratterizzate dalla scelta delle modelle, sempre famosissime e bellissime, da Jean Shrimpton a Twiggy: << Le mie foto sono sprovviste di stile, ma sono i miei modelli ad averlo>>. La provocazione rimase un suo tratto caratteristico anche dopo gli anni 60. Famoso il suo video pubblicitario contro l uso della pelliccia, in cui le modelle sfilano in passerella indossando pellicce grondanti sangue. Da Bailey in poi sono molti i fotografi a vivere o voler vivere secondo l immagine dell eroe cinematografico descritta da Antonioni, senza limiti alle loro stravaganze stilistiche, di vita e anche di compensi iperbolici. Terence Donovan ( ) La carriera di Donovan si sviluppò nel classico modo del maestro col discepolo: assistente del leggendario John French nel 1957, che allevò molti altri fotografi di moda, compreso David Bailey. Poi, dopo aver lavorato come fotografo militare, nel 1959 aprì un proprio studio. All età di 25 anni decise che non voleva la seccatura di decidere cosa indossare ogni mattina, così ordinò un lotto di giacche grigie di flanella, camicie bianche, scarpe nere e non sgarrò mai. Un comportamento non certo comune per un fotografo di moda, ma niente in Donovan era comune. Con Bailey e Duffy, Donovan creò la componente visuale del mito londinese degli anni sessanta: divertirsi, fare sesso e fare soldi. Essi non erano interessati a quanto una modella possa rendere elegante l abbigliamento, essi volevano mostrare quanto il vestito possa far sembrare sexy la modella. Una rivoluzione nel pensiero come nel look.

15 John Cowan ( ) Con le sue immagini John Cowan catturò lo spirito e l esplosiva energia della rivoluzione nella cultura britannica. Cominciò a lavorare come freelance nel 1958 e qualche anno dopo si avvicinò alla carriera di fotografo di moda. Importanti per la sua carriera furono i lavori realizzati per numerose riviste con la modella Jill Kennington. Le sue immagini furono caratterizzate da un acuto dinamismo. Nel 1966 il suo studio londinese fu il set principale per le riprese di Blow up di Michelangelo Antonioni. Ronald Traeger ( ) Ronald Traeger, nonostante la prematura scomparsa, fu uno dei più significativi fotografi inglesi degli anni 60. Con le sue immagini ricche di fascino e di ironia seppe cogliere a pieno lo spirito del suo tempo. Lavorò per Vogue e per le principali riviste di moda inglesi e internazionali. Pur fotografando principalmente in bianconero fu un grande sperimentatore nel colore. Melvin Sokolsky (1938) Melvin Sokolsky fu uno dei più grandi fotografi degli anni 60. Entrò a Harper s Bazaar a soli 21 anni nel 1959 e per oltre un decennio affascinerà il pubblico dei lettori con le sue stupefacenti immagini ricche di inventiva e di sapienza tecnica. Bert Stern (1929) Sulla scorta del mito del fotografo-eroe costruita a Londra, a New York Bert Stern fu tra quei pochi che meglio adattarono l immagine alla realtà. Owen Edwards scrisse di lui: <<Stern si affermò subito e riuscì a volare più in alto degli altri. Ha fatto più soldi lui di qualsiasi altro fotografo prima, durante o dopo. Il suo studio era enorme e lussuoso, con sala di posa a due piani, ogni sorta di attrezzature ed accessori, uffici, biblioteca e appartamento all attico>>. Nancy Hall-Duncan lo definì quintessential fast-living photographer. Prima di diventare fotografo lavorò come art director e il suo stile può essere definito pubblicitario, in quanto egli dotò le sue fotografie di un attrattiva immediata, grazie all uso di elementi fuori dal comune, tesi a sorprendere l osservatore. Colpito da esaurimento nervoso, a causa dei ritmi frenetici di lavorò, nel 1971 fu costretto a chiudere lo studio per farsi ricoverare. Pienamente ristabilito tornò a lavorare in campo pubblicitario negli 80. Memorabile è stato il suo servizio fotografico con Marilyn Monroe, scattato pochi giorni prima della morte dell attrice. Gian Paolo Barbieri (1940) In Italia fattore determinante per la crescita di talentuosi fotografi di moda fu la nascita, a metà degli anni Sessanta, di una edizione italiana di Vogue. Principale fotografo della rivista fu il milanese Gian Paolo Barbieri, in cui l influenza dell elemento cinematografico è evidentissima. L uso del bianconero, la teatralità delle pose, la sequenzialità delle foto che sembrano costruire una storia da copione cinematografico furono le caratteristiche della sua fotografia. Barbieri è fra i più attivi fotografi italiani ancora oggi. Gli anni 70: sesso e violenza Negli anni 70 cominciò il cosiddetto periodo incerto. Gli inserzionisti avevano smesso di spendere denaro a profusione, l elemento che aveva alimentato il culto dell eroe-fotografo. Tutto venne ridimensionato, New York perdette il suo ruolo guida e la politica editoriale delle grandi riviste venne cambiata per venire incontro ai nuovi gusti del pubblico e alle esigenze degli inserzionisti pubblicitari. Sulle pagine di Vogue trovano spazio i due fotografi più importanti del decennio: Newton e Bourdin, nelle cui immagini è evidente la stretta connessione tra moda e cinema. Entrambi godettero di una autonomia completa, che arrivò fino alla scelta degli abiti e al layout dei servizi. I temi dominanti della fotografia di moda di quegli anni si svilupparono dalla tendenza inaugurata nel decennio precedente: l emancipazione sessuale. Per creare attenzione c era comunque bisogno di novità e quindi la fotografia di moda si rivolse a quelle forme di espressione sessuale che attraevano l attenzione: omosessualità, travestitismo, voyeurismo, violenza. Il fatto che il cinema e la televisione abbiano abusato delle scene di sesso e violenza creò il presupposto affinché la fashion photography ne potesse usufruire. Guy Bourdin ( ) La caratteristica principale delle fotografie di Bourdin risiede nella composizione dell immagine, nella loro bellezza grafica e nell atteggiamento con cui egli si accosta all oggetto da fotografare. Bourdin non illustra il prodotto, ma ne da una interpretazione. L oggetto da presentare, scarpa, abito o altro, occupa spesso una piccola porzione dell immagine, ma Bourdin riesce comunque a convogliare su di esso l interesse dell osservatore. Il suo interesse per la forza grafica dell immagine, e per il suo effetto finale, è evidente nella cura che pone anche nell impaginazione delle foto. E nota la sua predilezione per le doppie pagine, il suo uso degli spazi bianchi, il raggruppamento di fotografie in multipli o sequenze, la ripetizione di sezioni della stessa immagine. L atto del girare pagina non equivale soltanto ad aprire e chiudere lo spettacolo del servizio fotografico, ma anche a tagliare la figura con la quale ci siamo spazialmente identificati ad aprire e chiudere le sue gambe. Nelle sue immagini la rappresentazione della violenza ha un fondamento quasi romantico, perché vuole esprimere la vulnerabilità della donna. Sorridenti e spensierate se raffigurate in compagnia di uomini, le donne sole acquistano invece un espressione turbata, come minacciate da qualche pericolo incombente. Creò un clima da minaccia continua, che rafforza il sentimento di vulnerabilità delle modelle ritratte, che si contorcono nell inquadratura. Nonostante ciò le modelle sono sempre molto curate, pettinate e truccate con abiti sempre impeccabili. L uso del flash diretto, particolarmente crudo, rende la pelle pallida e i colori saturi. Pur utilizzando raffigurazioni e temi scioccanti, non eccede mai nel compiacersi della violenza. Le sue immagini si possono piuttosto definire ironiche, come ironiche sono le sue foto di moda erotiche, che dell erotismo alla Playboy denunciano la superficialità e transitorietà. Helmut Newton ( ) Anche per Newton i motivi ispiratori sono sesso e mistero, ma le sue donne hanno sempre il controllo della situazione, all opposto della romantica vulnerabilità di Bourdin. All inizio Newton è attratto dalle situazioni drammatiche, con personaggi in fuga o inseriti in scenari di solitudine e di abbandono. Ma scoprì ben presto le nuove possibilità derivanti dal collegare la moda al sesso e alla ricchezza. Le sue foto di moda, così come quelle erotiche, definiscono la nuova dimensione della sessualità femminile degli anni 70, essenzialmente aggressiva e ambigua. Nonostante il rifiuto di molti direttori di riviste a pubblicare le sue immagini, grazie ad esse Newton riuscì a diventare uno dei più importanti fotografi di Vogue, Elle, Stern, Jardins des Modes e Marie Claire. La modella di Helmut Newton è l esemplare di un tipo, presentato con la fredda distanza di un automa di carne; è un prolungamento della tecnologia che la manipola e la converte in oggetto. Il suggerimento implicito della sua fotografia è che i soggetti siano stati estratti e surgelati da un continuum narrativo che ne accentua la natura frammentata, quasi si trattasse di fotogrammi isolati dal flusso filmico. Famose sono le sue immagini ambigue di donna-donna e donna-uomo (crossdressing) e quelle di relazione tra animato e inanimato tra donna e manichino umanizzato.

16 Newton, considerato un pioniere nel campo della moda per il suo uso del simbolismo erotico accoppiato ai temi sado-masochistici, gioca continuamente sul filo dell inganno, della presa in giro nei confronti di chi osserva, tra seduzione e perversione, nudo e vestito, vero e finto. Nelle sue immagini c è sempre un certo distacco, un mancato coinvolgimento emotivo. Una caratteristica di Newton è la mancanza di una precisa linea di demarcazione tra foto di moda e foto erotica. Francesco Scavullo ( ) Francesco Scavullo, americano di origine italiana, è considerato il punto di riferimento della fotografia di moda a cavallo tra gli anni 70 e 80. Fotografo professionista dedito alla moda già dagli anni 50 il suo stile è stato ampiamente richiesto dalle riviste in quest epoca di passaggio. Oltre che grande fotografo di moda, Scavullo è considerato un grandissimo ritrattista. Enorme è stato il successo sul mercato editoriale dei suoi fotolibri. Sarah Moon (1941) Per Sarah Moon, nome d arte di Marielle Hadengue ex-modella, la finzione della fotografia di moda si traduce in fantasie di donne eteree e delicate, donne che sembrano uscite da un sogno impressionista. Ciò è anche dovuto alla tecnica di messa a fuoco morbida, già usata all inizio del secolo (De Meyer). Il soft-focus ha però per la Moon una qualità narrativa originale: è infatti il suo personale linguaggio per descrivere stati d animo e immagini interiori. Ha lavorato per Vogue e Harper s Bazaar, firmando inoltre le campagne pubblicitarie per Cacharel. Le sue immagini non descrivono direttamente il prodotto, ma evocano un mondo onirico e poetico, dolce e sfumato. Deborah Turbeville (1938) Simili sono le immagini di Deborah Turbeville, modella prima, redattrice di Harper s Bazaar poi e infine fotografa di moda con immagini sfuocate e tendenzialmente monocrome. Nelle sue immagini troviamo per lo più gruppi di donne, in pose rilassate, vaghe, i cui sguardi non si incrociano mai e nemmeno si rivolgo verso l osservatore, come se ognuna fosse persa in un sogno o in un angoscia personale. Il suo servizio per Vogue realizzato in un bagno pubblico di New York fece molto scalpore, suscitando notevole scandalo nell ambiente della fotografia di moda. Le sue sono figure statiche, sospese senza volontà di cambiamento. Nelle sue foto si incarna il senso di alienazione presente nella cinematografia francese e italiana, arricchito dai concetti di mistero e vulnerabilità di Bourdin. La Turbeville ebbe una particolare sensibilità per un immagine costruita scenograficamente sui moduli della metafisica ed il suo colore-non-colore ci riporta a certe immagini di scarsi contrasti cromatici del passato, risultato di tecnologia embrionale. Bruce Weber (1946) Personalità di rilievo degli anni 80 fu Bruce Weber. Per lui la fotografia di moda è la vera fotografia, che non è in concorrenza con le altre forme: <<anche se fotografo un ragazzo e una ragazza vestiti, in un certo modo, non credo che questa sia una foto di moda. Amo le fotografie di moda ma non le definisco in questo modo, perché basta che guardi un giornale e un quotidiano e vedo splendide foto di moda. Sono sempre persone che esprimono uno stile di vita o che indossano qualcosa di molto personale. Per me queste foto danno vita a qualcosa>>. Weber rifiutò lo snello ed elegante modello europeo preferendo i robusti maschi americani, determinando un importante innovazione nella fotografia di moda maschile. Herb Ritts ( ) Fotografo dallo spiccato genio creativo, Ritts si è affermato a partire degli anni 70 nell ambiente di Hollywood eseguendo ritratti a personaggi del cinema, divenendo in breve tempo il fotografo delle celebrità. Autore di servizi per Vogue, Esquire e Madamoiselle, ha lavorato anche per l industria discografica e per la moda firmando campagne per Calvin Klein, Armani e Versace. E famoso principalmente per i suoi nudi. Marco Glaviano (1942) Siciliano di nascita, ma americano d adozione Marco Glaviano più che un fotografo di moda è il fotografo delle modelle. Sue sono le immagini più glamour apparse sulle riviste degli ultimi vent anni che ritraggono le più celebri top model in costume da bagno o vestite solamente di sabbia. Lavora abitualmente per riviste come Sport Illustrated e per la pubblicità. Gli anni 90: i fratelli Sorrenti Se gli anni '80 sono una celebrazione dell'edonismo e del materialismo, il marchio degli anni '90 è lo stile minimalista, apparentemente trasandato. In America viene coniata l espressione heroin chic per definire il fenomeno lanciato dall'industria della moda, che vuole modelle pallide ed emaciate, con gli occhi segnati. Simboli di questa tendenza furono alcune campagne di Calvin Klein che suscitarono scalpore. Protagonisti erano la modella Kate Moss e il fotografo David Sorrenti, morto giovanissimo per ovedose. David veniva da una famiglia di fotografi: sia la madre Francesca che il fratello Mario hanno lavorato per la moda, quest'ultimo firmando alcune campagne per Calvin Klein e Ungaro. Oggi la produzione di moda è troppo vasta per tentare di farne una sintesi per immagini. Se da un lato la fotografia di moda tende a dividersi in due filoni, uno più commerciale e uno più artistico, dall'altro si espandono i confini tra moda, pubblicità e arte; molti fotografi estendono la loro ricerca al digitale e alla Visual Art. E' storia che si sta ancora scrivendo e molti dei protagonisti degli anni sono tuttora sulla cresta dell'onda. Oliviero Toscani (1942) Figlio di un fotoreporter ha studiato fotografia alla Kunstgewerbeschule di Zurigo. Fotografo di moda e per la pubblicità, dal 1982 al 2000 ha fatto della Benetton una delle marche più famose del mondo, creandone l immagine di marca. Nel 1990 ha creato e diretto Colours, rivista di successo internazionale. Nel 1993 ha fondato Fabrica centro internazionale per le arti e la ricerca della comunicazione moderna. Oggi si interessa di new media. Ferdinando Scianna (1943) Siciliano di Bagheria. Ha iniziato la sua carriera come reportagista lanciato da Leonardo Sciascia. Per anni è stato l inviato di L Europeo a Parigi dove conobbe Henry Cartier-Bresson, che lo fece entrare, primo fotografo italiano, nella prestigiosa agenzia Magnum. Nel 1987, chiamato da Dolce e Gabbana, cominciò a lavorare per la moda. In questo contesto è riuscito a creare immagini cariche di cultura mediterranea, rispondendo alle esigenze dei committenti. Annie Leibowitz (1949) Fotografa americana conosciuta per i suoi ritratti di celebrità della politica, della musica e dello sport. Lavora anche per le riviste, la moda e la pubblicità. Si ispira alla grande tradizione della ritrattistica americana. Suo maestro è stato Arnold Newman. Molto famoso il suo ritratto di John Lennon con Yoko Ono. Fabrizio Ferri (1952) Cominciò come fotoreporter politico per passare presto alla fotografia di moda, dove si affermò in pochi anni. E stato anche un capace imprenditore fotografico. Nel 1983 infatti ha fondato a Milano Industria Superstudio (3000 mq di studi fotografici) e qualche anno dopo Industria Superstudio Overseas a New York (5000 mq). Nel 1997 ha pubblicato Aria il primo fotolibro realizzato interamente con tecniche di ripresa in digitale.

17 Patrick Demarchelier (1944) Patrick Demarchelier è uno dei più grandi fotografi di moda contemporanei. E universalmente conosciuto anche come ritrattista. La sua fortuna cominciò alla fine degli anni 70 a New York. Il suo modo di lavorare si sposa bene alla collaborazione con tutte le figure creative impegnate nella moda e per questo è molto apprezzato e ricercato dalle redazioni delle più importanti riviste. Peter Lindbergh (1944) Peter Lindbergh è uno dei più fotografi più apprezzati e imitati della fotografia di moda contemporanea. E stato definito il poeta del glamour. Le sue fotografie, dal primo servizio per Stern nel 1978, sono richiestissime dalle principali riviste di settore del mondo. Preferisce lavorare in bianconero e ama dare ai suoi lavori una valenza narrativa forte. Ellen Von Unwerth (1954) Di origine austriaca. Prima modella e poi fotografa dallo stile facilmente identificabile. Le sue modelle sono sempre sexy ed esprimono gioia di vivere. L erotismo nelle sue immagini è debordante. Lavora abitualmente per le principali riviste di moda e per la pubblicità. Joyce Tenneson (1941) Joyce Tenneson ha raggiunto una notevole fama sia nel campo della fotografia d arte che in quello della fotografia commerciale. Lavora nella beauty e nella fashion photography per le riviste e per la pubblicità. Paolo Roversi (1947) Dopo un inizio da reportagista, nel 1973 a Parigi scoprì il mondo della moda. Fu assistente di Guy Bourdin, divenendo uno dei principali fotografi-artisti del settore. Ha realizzato numerose campagne pubblicitarie (Dior, Krizia, YSL e Alberta Ferretti) e a lavorato per Vogue, Harper s Bazaar, Elle, i-d e Marie Claire. Il suo stile è riconoscibilissimo e contraddistinto da una semplicità di toni. Famosi sono i suoi nudi in high key. Mario Testino (1954) Fotografo peruviano di origini italo-irlandesi. Nel 1976 si trasferì a Londra dedicandosi alla foto di moda e al glamour. Le sue immagini sono caratterizzate dai colori accesi e dalle ambientazioni volutamente estreme. Lavora per Vogue e per numerose campagne pubblicitarie. Steven Meisel (1954) Approdò alla fotografia di moda agli inizi degli anni 80 dopo aver lavorato come illustratore. La sua folgorante carriera di fotografo di moda, uno dei più apprezzati dei nostri giorni, cominciò con la rivista americana Lei e prosegue soprattutto con Vogue Italia. Nel 1992 realizzò con Madonna il libro Sex e firmò un contratto in esclusiva per Condè Nast (Vogue, Glamour, GQ). Jean Baptiste Mondino (1949) Grafico, art director, fotografo e regista di spot pubblicitari e videoclip, Mondino è un creatore di nuove immagini e uno dei principali fotografi dell ultima generazione. E stato uno dei primi a manipolare le immagini in digitale sfruttando le possibilità di intervento sul colore. Le sue immagini sono sempre forti e sofisticate e vengono ispirate dalla cultura popolare. Inez Van Lamsweerde (1963) Fotografa olandese. Grande sperimentatrice delle nuove tecnologie digitali. Lavora per l editoria e per la pubblicità. David LaChapelle (1963) Conseguito il diploma alla North Carolina School of Arts, si trasferì a New York. Visse al Greenwich Village circondato da una fauna assolutamente al di sopra delle righe. A New York durante un concerto degli Psichedelic Furs al Ritz, conobbe l uomo che cambierà il suo destino: Andy Warhol. Divenuto il favorito di Warhol, cominciò a lavorare come fotografo per Interview, la rivista fondata qualche anno prima dal guru della Pop Art, dimostrando, da subito, un approccio alla materia luminosa assolutamente inconsueto. Il primo contatto con la fotografia LaChapelle l aveva avuto nel 1970, all età di sette anni, durante un viaggio con la famiglia a Puerto Rico. Fu letteralmente guidato dalla madre, che si prestò come modella, a realizzare delle fotografie del tutto simili a quelle delle coeve riviste di moda. La signora LaChapelle, animata da spirito narcisistico e da sincera volontà materna di far divertire il figlio, costruì dei veri e propri set fotografici, in cui il piccolo David poté realizzare il suo primo, seppur insolito, shooting, limitandosi a premere il pulsante di una fotocamera automatica La concezione della fotografia come rottura assoluta del reale, acquisita in tenera età, lo accompagnerà per tutta la sua folgorante carriera. La fotografia per lui è celebrazione dell artificialità, assoluta evasione e divertimento, esaltato attraverso l utilizzo di colori esasperati e di un peccaminoso glamour. La macchina fotografica, come strumento della materializzazione del pensiero, divenne l emblema della sua identità. Attraverso i suoi occhi ogni persona diviene bella, quindi la fotografia per LaChapelle si oggettivizza come un break di bellezza, come una fulminea interruzione della quotidianità banale e asfittica. Ma la bellezza non va cercata, ma sempre ed assolutamente creata. La bellezza, quindi, è creazione originale, anche illogica, ma sicuramente originale: io guardo alla bellezza che sta nelle cose e cerco di scoprirne gli aspetti ironici. Provo a creare impronte che siano divertenti. Con le mie fotografie mi sento artefice di un commento alla bellezza. Bellezza e creatività sono i principali elementi della ricerca di LaChapelle, che, nelle sue rare interviste, cita spesso Hiro che disse: se quando guardi attraverso l obiettivo vedi qualcosa che hai già visto prima allora non scattare. Con il suo obiettivo ha inquadrato la moda, creando una visione alternativa, fatta di colori, di sensualità irridente, di allegria, che nasce dalla contaminazione delle culture pop, cyber, punk e rock, che lo stesso descrive come american trash culture. Fortemente influenzato dalla sensualità estrema e dalla creatività di Helmut Newton, negli anni è riuscito ad elaborare un personalissimo stile che è divenuto marchio, rendendo le sue immagini stilisticamente sempre riconoscibili. Senza porsi alcuno scrupolo, mischia il reale con l inventato, raccontando una realtà che esiste solo nella sua fantasia, per realizzare la quale, quando non c è altra soluzione, usa con sapienza e parsimonia il digitale, ritenendo più divertente e stimolante costruire gli oggetti piuttosto che integrarli con dei trucchi informatici. Il computer per lui è assolutamente schiavo della macchina fotografica, perché senza un buon fotografo tutta la tecnologia del mondo non potrà produrre una buona immagine. L artista americano, pur sapendo che la rispettabilità deriva dall accettare passivamente le convenzioni, ha sempre inteso il proprio lavoro come il rifiuto di esse. Convinto che la fotografia, ontologicamente, esprima un taglio, uno strappo dalla realtà, in quanto riproduce il mondo per frammenti. Non esiste più un criterio di verità, conta solo quello che si vuole realizzare, lo stesso LaChapelle dichiara: non ritengo di essere obbligato ad essere realista; le persone sono già così realiste che non ne avrebbero bisogno. Mi sento perciò libero di esplorare altre idee. Le mie foto sono una reazione contro questo pseudorealismo tanto in voga presso i fotografi di moda, sono più oneste. Non voglio imitare né Nan Goldin né Larry Clark. Preferisco creare dei sogni, fuggire la realtà. Essi si presentano come il prodotto della mia immaginazione e non come delle istantanee.

18 Volutamente caramellose e plasticate, le sue immagini, dunque, sono l occasione speciale attraverso la quale si diverte a creare situazioni grottesche e impossibili, per le quali utilizza, come protagonisti, vip, idoli e icone divinizzate da MTV e dai global media, creando una sorta di teatro disarmonico. Ed al teatro è ispirata anche la sua visione della moda, estrinsecata in immagini lampo, forti, ricche di humour e dinamismo, in cui si mescola uno stile molto grafico con una visione scenica, che si può identificare con l energia espressa dagli attori sul palcoscenico. L uso del colore è saturo e violento, quasi fosforescente, con dominanti all estremo della scala cromatica, ma sempre ottenuto con le tecniche di stampa tradizionale, che ha affinato al meglio per conseguire gli effetti desiderati. Geniale quanto spietata, la sua è un analisi di un mondo finto quanto gli ambienti e le situazioni che ritrae, specchio di un mondo vacuo, caotico, senza direzione, che è solo apparenza, senza spazio per sentimenti né analisi interiore. Le sue immagini sono senza profondità, ma ricchissime di emozione visiva; sono un gioco teso all estremo della forma che, se da un lato esprime l insofferenza verso l essenza della fotografia, dall altro libera l immaginario e lo rende meno intimo e più palese. Anche lui come Warhol è un celebratore dello star system, immortalato in un infinità di ritratti. Il richiamo al maestro della pop art non deve far pensare, comunque, ad un appiattimento di LaChapelle sul patrimonio iconografico del suo mentore. I ritratti realizzati dal giovane fotografo americano sono la naturale evoluzione del linguaggio pop; l operazione artistica di LaChapelle si potrebbe definire, in un epoca in cui il volto dei personaggi famosi è amplificato da tutti i canali di informazione, come iperpop. Numerose all interno dei suoi lavori sono le citazioni pittoriche. Famosa e clamorosa quella tratta dal Giardino delle Delizie di Hieronimus Bosch e riproposta nell immagine pubblicitaria per Alexander McQueen intitolata Hieronimus Bosch Love Affairs, in cui ha tenuto conto oltre che della lezione del maestro fiammingo anche di quella di Robert Mapplethorpe. Grazie al suo stile originale LaChapelle è richiestissimo dalle riviste (non ha nessun contratto di esclusiva), dalla pubblicità e dell industria discografica, per la quale ha realizzato anche dei videoclip (Moby, Christina Aguilera). Ha realizzato due calendari su commissioni provenienti dall Italia. Il primo con Valeria Marini per la rivista Chi e l altro per la Lavazza.

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine AL TERMINE DEL PRIMO BIENNIO COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE L alunno è in grado di L alunno conosce Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

Dalla camera obscura. alla fotocamera reflex

Dalla camera obscura. alla fotocamera reflex Dalla camera obscura alla fotocamera reflex LA FOTOGRAFIA Si fa risalire al francese Joseph Niepce (1765-1833) il primo risultato fotografico concreto. Egli infatti riuscì a registrare su tavole sensibilizzate

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT Formazione in area grafica e Motion Graphics Fotografia digitale / Fotoritocco con Adobe Photoshop/ Tecniche per il Video digitale / Video-editing con Adobe Premiere / Creare DVD in casa con Adobe Encore

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria L alunno utilizza gli elementi grammaticali di base del linguaggio visuale per osservare, descrivere

Dettagli

Tratto da: Daniela Antonello - Giuseppe Forti: "Occhio... all'immagine!", Quaderni operativi di ed. all'immagine per la Scuola Elementare, Signum

Tratto da: Daniela Antonello - Giuseppe Forti: Occhio... all'immagine!, Quaderni operativi di ed. all'immagine per la Scuola Elementare, Signum 1 2 OBIETTIVI DIDATTICI TRATTATI NEL FASCICOLO PER LA CLASSE PRIMA PERCEZIONE: RAPPORTO FIGURA-SFONDO 1) Saper individuare il davanti" e il "dietro" 2) Saper distinguere la figura dallo sfondo PERCEZIONE:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2013/2014 ARTE E IMMAGINE CURRICOLO Ambito disciplinare ARTE E IMMAGINE

Dettagli

Il ritratto, come fotografare un volto

Il ritratto, come fotografare un volto Il ritratto, come fotografare un volto Amo fotografare le persone, e sono convinto che dietro ogni fotografia di un volto si possa nascondere una storia un infinità di sfumature e di colori che si leggono

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini

Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini Sommario Introduzione Fotografia immagine p. 2» Colore e tonalità p. 3» Luce p. 4» Prospettiva e taglio p. 5» Profondità di campo p.

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA DISCIPLINA ARTE E IMMAGINE CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esprimere sensazioni, emozioni, pensieri in modo spontaneo tecniche personali sia grafiche che manipolative. OSSERVARE E LEGGERE

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA SECONDA TERZA

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA SECONDA TERZA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi

Dettagli

Lo spazio della fotografia ha ridotto quello della pittura, la forma più culturalmente elevata di generazione di immagini, grazie alla minore

Lo spazio della fotografia ha ridotto quello della pittura, la forma più culturalmente elevata di generazione di immagini, grazie alla minore Premessa La fotografia rappresenta il decisivo strumento per la produzione e la replicabilità tecnica delle immagini fisse. Tappa fondamentale per lo sviluppo del cinema (in cui la percezione del movimento

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE. ARTE e IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE. ARTE e IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ARTE e IMMAGINE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA - L alunno utilizza le conoscenze e le

Dettagli

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE SEMINARIO Per i docenti e dirigenti scolastici delle scuole statali della provincia di Torino Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione Una bussola

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA ARTE E IMMAGINE - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE comunica, esprime emozioni, racconta utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente inventa

Dettagli

Trimestre. Cercare, scegliere e raccogliere informazioni da fonti diverse in funzione delle modalità comunicative e dei temi proposti

Trimestre. Cercare, scegliere e raccogliere informazioni da fonti diverse in funzione delle modalità comunicative e dei temi proposti Discipline audiovisivo Audiovisivo e multimediale Terzo anno Trimestre Mod 1: BREVE STORIA DELLA FOTOGRAFIA, dalla camera oscura alla macchina fotografica COMPETENZE NAZIONALI PECUP Avere approfondito

Dettagli

La struttura del libro

La struttura del libro Introduzione La fotografia digitale è ormai entrata prepotentemente nella nostra vita. Apparecchi fotografici dalle funzionalità sempre più avanzate sono alla portata di tutti e le loro dimensioni, sempre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA AREA LINGUISTICO ARTISTICO - ESPRESSIVA a. Ascoltare e parlare 1. Cogliere l argomento principale dei discorsi altrui 2. Prestare attenzione a situazioni comunicative

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO ARTE E IMMAGINE Competenze finali AMBITO ARTISTICO [Dal Profilo educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-11 anni)] per l'espressione di sé e per la

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CONTENUTI (Conoscenze) ABILITA (Competenze specifiche) VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE 1. IL MESSAGGIO VISIVO Guardare immagini, forme e oggetti dell ambiente utilizzando

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO

IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO Il linguaggio iconico, ancor più di quello verbale, utilizza figure retoriche. Anche il linguaggio del marchio contiene queste figure. METAFORA La caratteristica fondamentale

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO TR SCUOLA DELL INFANZIA ARTE PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO TR SCUOLA DELL INFANZIA ARTE PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO TR SCUOLA DELL INFANZIA ARTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MACRO INDICATORI PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO Esprimersi e comunicare 1. Sperimentare tecniche graficopittoriche

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

Visualizzazione e Composizione

Visualizzazione e Composizione Visualizzazione e Composizione Elementi Base di Visualizzazione Contenuti, Mezzi di Comunicazione e Modalità di Visualizzazione Dopo aver creato un design concept, un graphic designer deve prendere delle

Dettagli

L intervento di De Bartolomeis

L intervento di De Bartolomeis APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE SUL PROGETTO DI ATTIVITA ARTISTICA Gli appunti fino ad ora letti e discussi risalgono ad una visione dell attività artistica essenzialmente di stampo arnhemiano. Le letture

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - Arte ed immagine - Classe Prima COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Profilo dello studente al termine del

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 27 e 28 ottobre 2014 lezioni 5-6 roland barthes Sommario 1. Il ribaltamento di Saussure 2. Denotazione/Connotazione 3. Miti d oggi 2 di 36 Roland Barthes (1915-1980)

Dettagli

CORSO SUPERIORE PROFESSIONALE 2 anno

CORSO SUPERIORE PROFESSIONALE 2 anno CORSO SUPERIORE PROFESSIONALE 2 anno Guardiamoci intorno. Siamo circondati da immagini. Che raccontano, che descrivono, che suscitano emozioni. Che comunicano. Nella società dell immagine il ruolo del

Dettagli

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi LA FOTOGRAFIA 1 Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. UN PO DI STORIA... La camera oscura viene inventata nell antichità, viene anche utilizzata

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca M. Bloch Tipologie di fonti Ogni epoca si dà le fonti che rispondono ai propri bisogni (M.Vovelle)

Dettagli

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Bergamo, 3 Ottobre 2008 Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Dott.ssa Laura Marchesi Da cosa nasce quest idea idea??? L idea nasce, in collaborazione con la Dott.ssa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA E MUSICALE

RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA E MUSICALE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA con riferimento alle Competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 declinato nelle microabilità di ogni annualità (a cura di Franca DA RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop È ORA di diventare GRANdI MASTER IN GRAPHIC design CERTIFIED ASSOCIATE AbC formazione PROfESSIONALE Via Pisanelli,

Dettagli

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE Il workshop di make up base ed effetto speciale è tenuto da Darioloris Cerfolli, make up artist che lavora per cinema, moda, pubblicità e per tutte le donne che concepiscono

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

Ascolta brani musicali e partecipa a canti corali. Utilizza materiali e strumenti espressivi e creativi.

Ascolta brani musicali e partecipa a canti corali. Utilizza materiali e strumenti espressivi e creativi. COMPETENZA CHIAVE EUROPEA TRAGUARDI FORMATIVI CONSAPEVOLEZZA CULTURALE- ESPRESSIONE ARTISTICA E MUSICALE INFANZIA 3 ANNI COMPETENZA SPECIFICA ABILITA CONOSCENZE CRITERI EVIDENZE LIVELLO DI PADRONANZA DESCRITTORE

Dettagli

Procedendo con ordine si distinguono:

Procedendo con ordine si distinguono: L'OBIETTIVO L'obiettivo è, sicuramente, la parte più importante della macchina fotografica in quanto solo con una buona ottica si ottengono buoni risultati, per questo motivo l'argomento verra trattato

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) La disciplina arte e immagine ha la

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

Corso Base di Fotografia

Corso Base di Fotografia 01 OBIETTIVO e LUCE L elemento più importante di una macchina fotografica è rappresentato dall OBIETTIVO definito l occhio di ogni macchina fotografica : - è l obiettivo a permettere di vedere il soggetto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO. Scuola Primaria Anno Scolastico 2014-2015

PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO. Scuola Primaria Anno Scolastico 2014-2015 Maria Ausiliatrice - Luino DI ITALIANO Si fa riferimento al PROFILO IN USCITA della classe. Ascolto e parlato Interagire in modo collaborativo negli scambi comunicativi rispettando i turni di intervento

Dettagli

L'IMMAGINE PRECARIA J.M. Schaeffer

L'IMMAGINE PRECARIA J.M. Schaeffer L'IMMAGINE PRECARIA J.M. Schaeffer Schaeffer parte dal presupposto che per affrontare qualunque discorso sulla fotografia, occorre analizzarne la sua genesi, la sua costituzione, ma non nel senso di processo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm

Dettagli

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE!

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE! CORSO FOTOGRAFICO DI BASE La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione Corso Fotografico di Base - La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione" 1 CORSO FOTOGRAFICO DI BASE Premessa

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura)

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) PROFILO GENERALE E COMPETENZE Pittura Al termine del percorso liceale lo studente conoscerà e saprà

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Unità di Apprendimento: dalla propagazione della luce alle fibre ottiche

Unità di Apprendimento: dalla propagazione della luce alle fibre ottiche Università Cattolica del Sacro Cuore Sede di Brescia Scuola di Specializzazione per l Insegnamento Secondario Indirizzo Fisico Matematico Informatico Anno Accademico 2007-2008 Classe di abilitazione: A049

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3 anni INFANZIA 4 anni Incontrare l arte

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

ARTE IMMAGINE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

ARTE IMMAGINE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria ARTE IMMAGINE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO).

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). Quando premiamo il pulsante di scatto sulla nostra macchina fotografica,

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE - SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della

Dettagli

Enzo M. G. Borri. una fotografia. digitale. tecniche nuove

Enzo M. G. Borri. una fotografia. digitale. tecniche nuove Enzo M. G. Borri Come si fa una fotografia digitale tecniche nuove 2004 Tecniche Nuove, via Eritrea 21, 20157 Milano Redazione: tel. 02 39090258-257, fax 02 39090255 e-mail: libri@tecnichenuove.com Vendite:

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

I TRE FORMATI CON RISPETTIVE MACCHINE FOTOGRAFICHE

I TRE FORMATI CON RISPETTIVE MACCHINE FOTOGRAFICHE I TRE FORMATI CON RISPETTIVE MACCHINE FOTOGRAFICHE di Lurati Marco In questa guida ho raggruppato le principali tipologie di macchine fotografiche esistenti, suddividendole in base al loro formato. Cos

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli