Piano di Ambito RELAZIONE. Revisione. Triennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Ambito RELAZIONE. Revisione. Triennio 2012-2014"

Transcript

1 Piano di Ambito Revisione Triennio RELAZIONE Redazione a cura: Ufficio di Direzione ATI 4 Umbria Consulenza economico-finanziaria: Telos Consulting srl (vers. Approvata nell Assemblea del..) Pagina 1 di 52

2 ATI 4 Umbria Piano di Ambito.Revisione Triennale INDICE 1 Premessa Inquadramento normativo La Revisione del Piano di Ambito-Triennio La Revisione e l aggiornamento del Programma degli Interventi Il Nuovo Programma degli Interventi Revisione e aggiornamento del Piano Economico I dati di input del Piano La revisione delle previsioni Demografiche e dei consumi Modello organizzativo Stima dei Costi Operativi Costi Modellati, verifica ed efficentamento dei Costi Operativi Ammortamenti per Investimenti infrastrutturali Mutui Finanziamento risultati del Lodo Arbitrale Canoni Ricavi attesi e Nuovo Piano tariffario Fondo utenze deboli La Tariffa di Riferimento Articolazione tariffaria Il Piano Economico-Finanziario Introduzione Il modello di simulazione utilizzato Ipotesi alla base del Piano Economico-Finanziario Investimenti Costi Operativi Altri costi Ricavi Gestione straordinaria Gestione finanziaria Gestione tributaria Tariffa Working Capital Altri aspetti da evidenziare Analisi dei risultati Allegati Pagina 2 di 52

3 1 Premessa Il presente documento ha l obiettivo di PRECISARE i termini di adeguamento e di revisione del piano d ambito, EVIDENZIARE le motivazioni che hanno generato i necessari correttivi e/o aggiustamenti e DESCRIVERE le linee guida di indirizzo, le scelte, le modalità operative ed i relativi risultati al fine di una precisa e puntuale comprensione ed applicazione dei contenuti da parte di tutti i soggetti interessati. Così come prefigurato dalla ex legge 36/94 e confermato dall attuale D.Lgs. 152/2006, il Piano d Ambito svolge un ruolo di fondamentale importanza nella gestione del servizio idrico integrato. E documento strategico di medio e lungo periodo e rappresenta la pianificazione della gestione dal punto di vista tecnico ed economico. E pertanto, come tutte le pianificazioni, un documento generale di indirizzo della gestione in cui sono indicati gli obbiettivi e tutte le necessarie iniziative tecniche, organizzative ed economico-finanziarie atte al loro raggiungimento. Pur non avendo una valenza esecutiva dal punto di vista gestionale, delegata alla progettazione aziendale, il Piano di Ambito richiede una compilazione corretta, esaustiva ed equilibrata, basilare per garantire la regolarità e continuità del servizio, la sostenibilità della tariffa e della gestione. Nel revisionare il Piano, ci si è mossi secondo tale spirito, facendo tesoro della passata gestione ed apportando quegli adeguamenti operativi ed economici tali da garantire la sostenibilità della gestione. Quest ultimo aspetto è stato curato in modo particolare per assicurare il rispetto dei termini economico-finanziari necessari all acquisizione delle risorse a sostegno del Piano di Ambito. Una operazione quest ultima che il Gestore a tutt oggi non è ancora riuscito a portare a conclusione nonostante gli adeguamenti di ordine economico e regolamentare effettuati di concerto con gli istituti di Credito al momento interessati nella precedente revisione di Piano. Inoltre la gestione passata ha evidenziato una serie di scostamenti rispetto alla programmazione in termini di realizzazione e tipologia degli interventi ed in termini di costi di esercizio. La succitata difficoltà di accesso al credito e quindi la mancanza delle necessarie risorse ha costretto a limitare la realizzazione degli interventi programmati dando prevalentemente attuazione alla risoluzione delle criticità ed al mantenimento delle infrastrutture nell intento di contenere l esposizione economicofinanziaria del gestore. Per contro le variazioni relative ai costi di esercizio sono da addebitarsi prevalentemente al significativo incremento delle tariffe energetiche e, per quanto sopra menzionato, alla mancata attuazione di alcuni interventi strutturali finalizzati alla ottimizzazione delle risorse.. E infine opportuno rimarcare l estrema necessità di reperire a breve le risorse finanziare a sostegno del Programma degli interventi per consentire anche la realizzazione di quelle opere strategiche che meglio garantirebbero l efficienza e l economicità del servizio. Pagina 3 di 52

4 2 Inquadramento normativo Come noto, la legge 5 gennaio 1994, n. 36 Disposizioni in materia di risorse idriche ha avuto lo scopo di riorganizzare il sistema dei servizi idrici in Italia, stabilendo una netta separazione di ruoli tra l attività di indirizzo e controllo e quella più propriamente gestionale. Per superare la frammentazione nella gestione dei servizi idrici, la legge ha previsto l'integrazione territoriale (con la costituzione di ambiti territoriali ottimali - ATO) e l'integrazione funzionale delle diverse attività del ciclo dell acqua nel servizio idrico integrato (acquedotto, fognatura e depurazione). Il tutto istituendo gli ATO e le Autorità di Ambito con l onere, queste ultime, di fotografare le precedenti gestioni, definire una pianificazione di ambito per l adeguamento delle infrastrutture ed il raggiungimento degli obiettivi di miglioramento del servizio, affidare il servizio idrico integrato ad un gestore unico, e successivamente controllarne l attività per verificarne la corrispondenza agli obiettivi e ai livelli di servizio stabiliti nel Piano d Ambito e nella convenzione di gestione. In sostituzione della L.36/94, nel 2006, è entrato poi in vigore il D.Lgs. n. 152 del Norme in materia Ambientale in recepimento delle varie direttive comunitarie tra cui la 2000/60/CE in materia di acque. Il nuovo decreto ha mantenuto sostanzialmente gli stessi contenuti della L.36/94 e, seppur in via transitoria, anche lo stesso Metodo Normalizzato sulla base del quale, sino ad oggi, le Autorità di Ambito hanno dimensionato la tariffa del servizio. Dal 2006 il servizio idrico integrato è stato interessato da numerosi interventi normativi che hanno apportato modifiche alle regole ed all assetto istituzionale. In particolare con D.Lgs 4/2008 sono stati consentiti più gestori nel medesimo ATO, con la L. 42/2010 sono state soppresse le AATO a far data dal 31/12/12, con D.L. 70/11è stata istituita l Agenzia nazionale per la regolazione e la vigilanza in materia di acqua, con D.L. 201/11 è stata soppressa la suddetta Agenzia e trasferite le competenze all Autorità per l energia ed il gas. Da ultimo, a seguito del referendum popolare dello scorso giugno, è stato emanato il DPR 116/2011 che ha parzialmente abrogato l art. 154 del D.Lgs 152/2006 eliminando il riferimento alla adeguatezza del capitale investito e creando molte incertezze nel governo del servizio idrico integrato. Per contro la precisazione della Corte Costituzionale (sentenza n.26 del 26/01/2011) e soprattutto la Comunicazione COM(2000)477 della Commissione Europea hanno precisato che i costi che la tariffa deve integralmente coprire i costi di investimento e di esercizio. In particolare la comunicazione COM(2000)477 precisa che la copertura dei costi è relativa anche ai costi di capitale intesi come quota capitale e quota interessi, nonché l eventuale rendimento del capitale netto. Da quanto sopra, ed in attesa che la nuova Autorità per l energia elettrica ed il gas definisca il nuovo metodo tariffario in ragione delle competenze ad essa trasferite dal D.L. 201/11, la normativa di riferimentoper la presente pianificazione, oltre al D.Lgs 152/2006, resta il Metodo Normalizzato di cui al DM 1 agosto 1996 per la parte non abrogata dal DPR 116/11 ed il diritto comunitario. Pagina 4 di 52

5 3 La Revisione del Piano di Ambito-Triennio Nell anno 2008 è scaduto il nono anno di gestione del servizio idrico integrato. Conseguentemente ai sensi dell art. 27 della Convenzione di affidamento del servizio il Programma degli interventi è stato sottoposto ad aggiornamento ed integrazione e con esso l intero Piano di Ambito sulla base delle esperienze maturate nella passata gestione. Un lavoro iniziato già nel secondo trimestre del 2011, e che ha visto il coinvolgimento di tutti i soggetti direttamente interessati alla gestione, enti locali e società di gestione, con lo scopo di definire in modo maggiormente preciso, sulla base della passata esperienza, i termini tecnici ed economico-finanziari del futuro Piano onde evitare i riflessi negativi in termini di efficienza/efficacia del servizio e soprattutto in termini di risultati economici. 3.1 La Revisione e l aggiornamento del Programma degli Interventi. La predisposizione del Programma degli Interventi, per la revisione del Piano di Ambito , è scaturita da un lavoro avviato e coordinato dall ATI 4 Umbria, al quale hanno partecipato la SII scpa ed i soci consorti ASM S.p.a., Umbriadue s.c.a.r.l. ed AMAN s.c.p.a., ciascuno per le proprie specifiche competenze ed in relazione ai propri settori di intervento, nell ambito della gestione del Servizio Idrico Integrato. Inizialmente era stata prevista l acquisizione di un Project Financing per il finanziamento degli investimenti tanto che le Banche avevano studiato il caso predisponendo una fattibilità denominata Caso Base che poneva dei limiti sia sul monte complessivo degli investimenti che sul valore massimo annuale degli stessi. L acquisizione del finanziamento dalle Banche non è andato a buon fine tanto che si è dovuti prospettare forme di autofinanziamento da parte dei Soci consorti della Società di gestione e quindi, i vincoli imposti dagli istituti di credito, risultano quanto più pertinenti a causa della crisi finanziaria internazionale. I limiti imposti dalle difficoltà per l ottenimento delle risorse finanziarie hanno condizionato il lavoro facendo impostare lo stesso, sin da subito, sugli interventi ritenuti strettamente necessari per garantire la continuità e la funzionalità del Servizio. La stesura del programma degli interventi si è estrinsecata attraverso varie fasi di lavoro. Nella prima fase è avvenuto il confronto tra gli interventi programmati e quelli realizzati, al fine di assestare il pregresso: l ATI 4 ha verificato, a partire dai consuntivi di gestione della SII scpa, gli interventi realizzati rispetto a quelli programmati nel Piano di Ambito Di quelli realizzati è stata registrata la spesa effettiva. Per quelli non realizzati, se ancora necessari, sono stati riproposti nella nuova programmazione, aggiornando i cronoprogrammi di realizzazione e gli importi, su indicazione del Gestore. Alla fase successiva di nuova programmazione hanno collaborato anche i soci consorti ciascuno per il proprio segmento di interesse. Ciò ha permesso di ottenere un dettagliato elenco degli interventi necessari per il mantenimento e lo sviluppo delle infrastrutture dell Ambito nel suo complesso per un monte investimenti, nell arco del trentennio di gestione di 148 mln. Particolare attenzione è stata rivolta alla disamina degli interventi allocati nel programma alla voce Generale, ovvero gli interventi di valenza sovracomunale o di tipo strategico-funzionale per il territorio di Pagina 5 di 52

6 riferimento dell ATI 4. Gli interventi strategici del settore idrico della voce Generale sono stati rivisti ed integrati con la verifica dei singoli degli schemi idrici, ricostruiti ed aggiornati per l occasione, sia per quanto riguarda lo sviluppo delle reti che le portate disponibili immesse e distribuite. Il Programma risulta cofinanziato con una parte dei finanziamenti ministeriali FAS per 5,5 mln nel settore fognature e depurazione e per 1,5,mln per la ricerca perdite nel settore idrico. Il gruppo di lavoro composto da ATI 4, SII scpa, ASM S.p.a., Umbriadue s.c.a.r.l. ed AMAN s.c.p.a., ha individuato dei criteri per la determinazione della priorità che di seguito sono rappresentati: CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRIORITA' DEGLI INVESTIMENTI INSERITI NEL PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI (Pda ) 1 Livello P0 PC P1 Minimo livello di manutenzione straordinaria da mantenere per ogni anno Cofinanziati Improcrastinabile ( ) Classificazione eseguita tenendo conto dei seguenti criteri: P2 Urgente (2013) I) Continuità del servizio; P3 Necessario (2014) II) Sicurezza; P4 Rinviabile ( ) III) Ambiente; P5 Rinviabile IV) Adeguamento normativo. ( ) 2 Livello 1 Opere cofinanziate 2 Eliminazione delle interruzioni periodiche del servizio idropotabile ordinario 3 Carenza servizio idropotabile e adeguamento norme scarichi 4 Mantenimento livelli minimi di servizio ed adeguamento sicurezza luoghi di lavoro 5 Interventi di tipo strategico e miglioramento dei costi gestionali 6 Adeguamento alle normative vigenti 7 Opere ed estensioni a servizio di nuove utenze 3 Livello a b c d Utenti interessati Tempi di sospensione del servizio Costi straordinari per il mantenimento del servizio c 4 Risoluzione di più di un livello di priorità a 1 Più di a 2 Tra e a 3 Tra 100 e a 4 Meno di 100 b 1 Oltre 3 mesi b 2 Da 1 a 3 mesi (stagionale) b 3 1 mese b 4 Meno di 1 mese c 1 Più di /Anno c 2 Tra e /Anno c 3 Tra e /Anno Meno di /Anno Nel caso di interventi classificati nel medesimo livello con lo stesso indice si considera prioritario quello classificato con un indice più alto nel livello successivo I criteri di priorità assegnati agli investimenti sono stati determinati considerando un primo livello articolato su una scala minima tra lavoro improcrastinabile e lavoro rinviabile, con in testa le manutenzioni straordinarie e gli interventi cofinanziati. Il primo livello di priorità è stato integrato con un secondo livello da 1 a 7 per consentire una selezione più efficace nel caso di interventi con stessa priorità di primo livello. Analogamente è stato istituito un terzo livello che tiene conto del numero di utenti interessati, dei tempi di sospensione del servizio e dei costi straordinari per il mantenimento del servizio. La combinazione dei vari livelli ha permesso di selezionare gli interventi secondo oggettive necessità e priorità. Pagina 6 di 52

7 I suesposti criteri sono stati applicati a tutti gli interventi in Programma, rendendo possibile una equilibrata ed imparziale selezione degli investimenti. Si è reso altresì necessario ridefinire il crono programma di attuazione degli interventi al fine di rispettare un monte investimenti annuali sostenibili dal punto di vista economico e finanziario Si è giunti così alla soglia dei 109, 00 mln, coincidente al monte investimenti stabiliti nella simulazione fatta dalle Banche. Al valore di 109 mln si è giunti escludendo gli interventi classificati con P2, P3, P4, P5 relativi al livello 1, di cui all allegato 6, stralciando dal livello P1 il sottolivello Il Nuovo Programma degli Interventi Premesso quanto sopra, di seguito si riporta il nuovo Programma degli Interventi in formato ridotto con la sola descrizione delle singole opere, la loro localizzazione ed il relativo importo, espresso in migliaia di euro, al netto dei cofinanziamenti regionali. Per un esame completo del Programma con l indicazione dei periodi di realizzazione delle relative opere si veda il documento allegato al presente documento denominato ALLEGATO 1. Pagina 7 di 52

8 Comune Settore Descrizione Importo Totale Acquasparta A Rete Selvarelle Basse Casigliano 25 Acquasparta D Dismissione depuratore Capanne 216 Acquasparta A Sorgente Matassa 15 Acquasparta A Interventi su reti idriche Acquasparta F Interventi su reti fognarie 112 Acquasparta D Interventi su impianti di depurazione 405 Acquasparta A Interventi su reti idriche 278 Acquasparta F Interventi su reti fognarie 15 Acquasparta D Adeguamento Acquasparta Capoluogo ( Adeguamento ballatoio sedimentatore secondario, Realizzazione depositi temporanei vaglio e sabbia,adeguamento sistema ispessimento fanghi ) 15 Acquasparta D FAS - Collettore di allontanamento dell effluente dall impianto di depurazione a servizio del Comune di Acquasparta a valle dell area di salvaguardia dei pozzi delle acque minerali 80 Allerona A Perforazione nuovo pozzo in loc. Scalo e ricerca perdite 200 Allerona A Interventi su reti idriche 207 Allerona F Interventi su reti fognarie 83 Allerona D Interventi su impianti di depurazione 34 Allerona A Interventi su reti idriche 50 Allerona F Interventi su reti fognarie 8 Alviano F Estensione rete fognaria Coccianesi 18 Alviano A Interventi su reti idriche 219 Alviano F Interventi su reti fognarie 65 Alviano D Interventi su impianti di depurazione 30 Alviano A Interventi su reti idriche 37 Alviano F Interventi su reti fognarie 273 Alviano A Sostituzione distributrice S. Francesco 80 Amelia D Realizzazione di nuovo depuratore al servizio di Sambucetole (200 A.E.) 280 Amelia F FAS-Collettamento rami fognari centro abitato Fornole e recapito al depuratore Le Fornaci 47 Amelia D Interventi per funzionalità provvisoria Dep Cecanibbio A.E. 76 Amelia D FAS-Realizzazione nuovo impianto Dep. Cecanibbio, Comune di Amelia 30 Amelia D Depuratore di Paticchi (Adeguamento locale nastropressa, Modifica letti di 13 essiccamento per realizzazione zona di disidratazione sabbie estratte con autoespurgo) Amelia F FAS - Rimozione collettore dal fondo alveo fosso delle Streghe, Comune di Amelia 12 Amelia A Interventi su reti idriche 295 Amelia F Interventi su reti fognarie 807 Amelia D Interventi su impianti di depurazione 638 Amelia A Interventi su reti idriche 369 Amelia F Interventi su reti fognarie 63 Amelia D Interventi su impianti di depurazione 3 Amelia D Adeguamento depuratore di Cecanibbio (I sedimentatori presentano caricamento non uniforme) 10 Amelia A Ultimazione lavori interramento/sostituzione tratti condotte distributrici 50 Amelia A Adduzione Montecampano 28 Amelia A Rifacimento adduttrice Foce-Sanbucetole 135 Arrone A Nuovo acquedotto Buonacquisto (Diramazione da Pacce) / Risanamento opera di presa 232 Arrone F Via della rinascita 3 Arrone A Lavori accessori impianto di potabilizzazione S. Francesco: impianto elettrico, post trattamento potabilizzazione. 150 Arrone A Interventi su reti idriche 325 Arrone F Interventi su reti fognarie 147 Arrone D Interventi su impianti di depurazione 184 Arrone A Interventi su reti idriche 85 Arrone F Interventi su reti fognarie 18 Arrone A Realizzazione by pass serbatoio Collealvano per gestione in sicurezza 50 Arrone D FAS-Adeguamento funzionale del depuratore di Arrone 14 Pagina 8 di 52

9 Attigliano D Realizzazione sistema regolazione di portata massima con inverter del depuratore Pantanicci (650 A.E.). 62 Attigliano D Realizzazione regolazione di portata massima con inverter del Depuratore Valle 44 Attigliano A Interventi su reti idriche 73 Attigliano F Interventi su reti fognarie 92 Attigliano D Interventi su impianti di depurazione 39 Attigliano A Interventi su reti idriche 10 Attigliano F Interventi su reti fognarie 111 Attigliano A Presa in carico acq. Piantata, realizz.ne nuovi allacci e dismissione vecchia condotta 15 Attigliano A Rifacimento impianto elettrico campo pozzi Attigliano 50 Attigliano D Adeguamento depuratore Pantanicci (Realizzazione ballatoi sopra l'ossidazione e dil pozzo di arrivo/desabbiatura, realizzazione scala accesso e ballatoio al pozzo di dissabbiatura ed alla vasca di ossidazione) 4 Avigliano Umbro A Ricerca perdite (ed interventi di ottimizzazione rete idrica) 67 Avigliano Umbro A Sostituzione m circa di condotta distributrice in acciaio diam. 80 in loc. Dunarobba 138 Avigliano Umbro A Interventi su reti idriche 391 Avigliano Umbro F Interventi su reti fognarie 264 Avigliano Umbro D Interventi su impianti di depurazione 71 Avigliano Umbro A Interventi su reti idriche 33 Avigliano Umbro D Depuratore Campo Sportivo (Rifacimento quadro elettrico e rete) 3 Avigliano Umbro F Potenziamento rete fognaria Via Matteotti - II stralcio 60 Baschi D Accorpamento e adeguamento della depurazione di Baschi (nuovo impianto centralizzato con trattamento terziario) 677 Baschi D Accorpamento e adeguamento della depurazione di Baschi (nuovo impianto centralizzato con trattamento terziario) II Lotto - Integrazione ed ottimizzazione delle fasi di trattamento reflui depuratore di 39 Baschi Baschi D Attivazione depuratore esistente.morruzze. 40 ab.eq. 120 Baschi A Sostituire 200 m dn 75 in prossimità del ponte sul Tevere. Acq. Civitella del Lago 30 Baschi A Interventi su reti idriche 454 Baschi F Interventi su reti fognarie 124 Baschi D Interventi su impianti di depurazione 23 Baschi A Interventi su reti idriche 83 Baschi D Interventi su impianti di depurazione 43 Realizzazione sistema fognario collettamento nuovo depuratore (nell'intervento in fase Baschi di progetto prevedere anche la bonifica depuratori: Via del Muraglione - S.Antonio- F fossa imhoff Rosciano- fossa imhoff La Fonte e fossa imhoff Ortali) 410 Baschi Adeguamento e potenziamento collettore fognario Civitella del Lago Strada delle F Fontane 70 Calvi dell'umbria A Messa in esercizio Pozzo Tarocco 4 6 Calvi dell'umbria A Perforazione nuovo pozzo 4 Calvi dell'umbria A Manutenzione straordinaria serbatoio Mulini a Vento 149 Calvi dell'umbria A Interventi su reti idriche 339 Calvi dell'umbria F Interventi su reti fognarie 179 Calvi dell'umbria D Interventi su impianti di depurazione 105 Calvi dell'umbria A Interventi su reti idriche 58 Calvi dell'umbria A Distribuzione San Giacomo 40 Castel Giorgio D Accorpamento e adeguamento della depurazione di Castelgiorgio (nuovo impianto centralizzato con trattamento terziario) 349 Castel Giorgio D Accorpamento e adeguamento della depurazione di Castelgiorgio (nuovo impianto centralizzato con trattamento terziario) II Lotto - Integrazione ed ottimizzazione delle fasi di trattamento reflui depuratore di 47 Castelgiorgio Castel Giorgio D Accorpamento e adeguamento della depurazione di Castelgiorgio (nuovo impianto centralizzato con trattamento terziario) III Lotto - Ottimizzazione e realizzazione del sistema di collettamento al depuratore 72 centrale di Castelgiorgio Castel Giorgio A Sostituzione di alcuni tratti di condotta distributrice in Loc. Casa Perazza 72 Castel Giorgio A Interventi su reti idriche 195 Castel Giorgio F Interventi su reti fognarie 63 Castel Giorgio D Interventi su impianti di depurazione 11 Castel Giorgio A Interventi su reti idriche 61 Castel Giorgio F Interventi su reti fognarie 4 Castel Giorgio D Interventi su impianti di depurazione 12 Pagina 9 di 52

10 Spostamento dell'impianto di potabilizzazione dal pozzo Alfina al pozzo Campo Castel Giorgio A Sportivo 9 Castel Giorgio A Perforazione nuovo pozzo 300 Castel Giorgio Castel Viscardo F D Sostituzione tratto collettore fognario circa 80 metri in Via G. Galilei fino a Strada Provinciale Maremmana. Attuale condotta sottodimensionata e transitante proprietà private. In occasioni di precipitazioni si registrano allagamenti locali seminterrati. 40 Potenziamento del depuratore Pianlungo, collettori di collegamento e manutenzione straordinaria dei depuratori minori siti nel Comune di Castelviscardo I lotto - 1 e 2 stralcio Castel Viscardo A Interventi su reti idriche 623 Castel Viscardo F Interventi su reti fognarie 244 Castel Viscardo D Interventi su impianti di depurazione 53 Castel Viscardo A Interventi su reti idriche 46 Castel Viscardo F Interventi su reti fognarie 30 Castel Viscardo D Ultimazione depuratore (sono presenti solo le opere civili, si dovrà provvedere a progettare, costruire, fornire ed installare tutte le apparecchiature elettromeccaniche, le carpenterie metalliche, il piping, l impianto elettrico, l impianto di messa a terra). CAPOLUOGO Castel Viscardo Fabro Fabro Fabro Fabro F D D F A Collettamento zone Via delle Piane, Via Principe Spada, Via delle Fornaci, Via S. Antonio che attualmente scaricano a cielo aperto senza nessun trattamento depurativo 150 Accorpamento e adeguamento della depurazione di Fabro (nuovo impianto 627 centralizzato con trattamento terziario) Accorpamento e adeguamento della depurazione di Fabro (nuovo impianto centralizzato con trattamento terziario) 124 II Lotto - Integrazione ed ottimizzazione delle fasi di trattamento reflui depuratore di Fabro Accorpamento e adeguamento della depurazione di Fabro (nuovo impianto centralizzato con trattamento terziario) 172 III Lotto - Ottimizzazione e realizzazione del sistema di collettamento al depuratore centrale di Fabro Installazione impianto abbattimento torbidità e realizzazione condotta adduttrice Osteriaccia - Poggio della Fame in stralcio al progetto definitivo già redatto. 349 Fabro A Sostituzione rete idrica lungo S.P. Osteriaccia - Km / Fabro A Rifacimento linee di adduzione idrica e impianto fognante (p.zza Carlo Alberto). (Acquedotto e allacci m 300 circa, fognature e allacci m 300 circa) - (35 abitazioni, circa abitanti) Fabro A Interventi su reti idriche 496 Fabro F Interventi su reti fognarie 127 Fabro D Interventi su impianti di depurazione 3 Fabro A Interventi su reti idriche 167 Fabro F Interventi su reti fognarie 6 Fabro A Messa esercizio Acq. Osteriaccia e raddoppio serb. Poggio Fame 20 Fabro A Clorazione utenti Sorg. Venagrossa 14 Fabro A Controllo torbidità Serb. Osteriaccia 10 Fabro D Bonifica Fosse Imhoff dismesse a seguito messa in esercizio nuovo impianto depurazione centralizzato. Le fosse da bonificare sono: Andreoli - Colonnetta - Zona Industriale - Passaggio a livello - Scuole medie 60 Fabro Collettamento al nuovo depuratore centralizzato scarichi non trattati Via Ospedaletto F e Via degli Orti 80 Ferentillo D Potenziamento depuratore Matterella convogliamento rete fognaria Matterella rifacimento fognature via Marconi e via della Vittoria 150 Ferentillo A Adeguamento impianto elettrico e ristrutturazione carpenteria. Stazione sollevamento Pizzo Falcone 8 Ferentillo D Adeguamento impianto sicurezza ellettrica - revisione sistema di ricircolo. Depuratore loc. Mattarella A.E. 44 Ferentillo D Progetti pilota per impianti di fitodepurazione per centri e nuclei abitati inferiori a A.E Comune di Ferentillo Ferentillo A Interventi su reti idriche 339 Ferentillo F Interventi su reti fognarie 193 Ferentillo D Interventi su impianti di depurazione 13 Ferentillo A Interventi su reti idriche 34 Ferentillo F Interventi su reti fognarie 1 Ferentillo D Interventi su impianti di depurazione 56 Pagina 10 di 52

11 Ferentillo A Accesso serbatoio Macenano 20 Ferentillo A Accesso serbatoio Pizzo Falcone 15 Ferentillo A Rifacimento condotta Ampognano - Gabbio 70 Ferentillo A Regimentazione scarico serbatoio I Colli 15 Ferentillo A Ampliamento serbatoio Mattarella 60 Ferentillo A Interramento di 280 m pead de25 30 Ferentillo D Depuratore Mattarella (Regolazione delle portate in ingresso all'impianto ed adeguamento del bypass, Adeguamento letti di essiccamento, Modifica letti di 28 essiccamento per realizzazione zona di disidratazione sabbie estratte con autoespurgo) Ficulle F Estensione della rete fognaria compresa zona S. Cristoforo. 70 Ficulle D Realizzazione nuovo depuratore Olevole. 130 Ficulle A Ottimizzazione reti/impianti idrici del Comune di Ficulle (quota parte realizzata) 50 Ficulle A Interventi su reti idriche 606 Ficulle F Interventi su reti fognarie 152 Ficulle A Interventi su reti idriche 33 Ficulle A Adeguamento sistema idrico I stralcio funzionale 590 Ficulle A Adeguamento sistema idrico II stralcio funzionale 100 Ficulle Interramento 150 m condotta pead 1" a margine strada comunale per eliminazione A perdita da adduzzione Bissa 15 Generale A Scheggino - Pentima (PROGETTAZIONE + ESPROPRI) 946 Generale A Realizzazione impianti di potabilizzazione per l'abbattimento dei microinquinanti arsenico ed alluminio nei Comuni di Orvieto, Castel Giorgio, Castel Viscardo e Porano e per il completamento della rete acquedottistica del sistema Orvietano. 191 I stralcio: interventi sulle risorse che alimentano i Comuni di Orvieto e Porano Generale A Realizzazione impianti di potabilizzazione per l'abbattimento dei microinquinanti arsenico ed alluminio nei Comuni di Orvieto, Castel Giorgio, Castel Viscardo e Porano e per il completamento della rete acquedottistica del sistema Orvietano. 327 II stralcio: interventi sulle risorse che alimentano i Comuni di Orvieto, Castel Giorgio e Castel Viscardo Generale A Realizzazione impianti di potabilizzazione per l'abbattimento dei microinquinanti arsenico ed alluminio nei Comuni di Orvieto, Castel Giorgio, Castel Viscardo e Porano e per il completamento della rete acquedottistica del sistema Orvietano. 283 III stralcio - I lotto: installazione impianto di potabilizzazione per la riduzione del parametro arsenico Sasso Tagliato, ottimizzazione energetica e telecontrollo Generale A Realizzazione impianti di potabilizzazione per l'abbattimento dei microinquinanti arsenico ed alluminio nei Comuni di Orvieto, Castel Giorgio, Castel Viscardo e Porano e per il completamento della rete acquedottistica del sistema Orvietano. 270 III stralcio - II lotto: realizzazione collegamento acquedotto Orvieto-Porano Generale A Realizzazione impianti di potabilizzazione per l'abbattimento dei microinquinanti arsenico ed alluminio nei Comuni di Orvieto, Castel Giorgio, Castel Viscardo e Porano e per il completamento della rete acquedottistica del sistema Orvietano IV stralcio: realizzazione collegamento acquedotto Orvieto-Allerona Generale A Potenziamento campo pozzi OV1 in località Cerreto. Realizzazione n.3 nuovi pozzi e impianti elettrici ( studio Vulsino) 480 Generale A Potenziamento campo pozzi OV1 in località Cerreto.Collegamento pozzi - serbatoio Cerreto, 1000 m ( studio Vulsino) 200 Generale A Località Sugano realizzazione n. 2 nuovi pozzi di cui uno con piezometro più impianti elettrici ( studio Vulsino) 300 Generale A Località Sugano collegamento pozzi con vasca sorgente Sugano, 1000 m ( studio Vulsino) 200 Generale A Emergenza inquinam. Orvietano: Sistemazione definitiva impianti Porano e installazione a Castel Giorgio Campo Sportivo 25 Generale A Acquedotto Castel Giorgio Orvieto Allerona (Castelgiorgio - Orvieto) I Lotto Generale A Acquedotto Calvi - Otricoli (Colle Tarocco - Otricoli) 212 Generale A Acquedotto per i Comuni di Attigliano, Giove e Penna in Teverina (Tratto M.Arnata-Giove-Attigliano ) 945 Generale D Progetti pilota per impianti di fitodepurazione per centri e nuclei abitati inferiori a A.E. - Comuni di Calvi dell'umbria e Montecchio 161 Generale A Adduttrice Morellino-Serbatoio M.Arnata (acq-19) 100 Generale A Serbatoio Monte Arnata I Stralcio mc (lavori eseguiti) 3 Pagina 11 di 52

12 Generale A Adduttrice Morellino - La Quercia (stralcio di Morellino - Monte Arnata) 367 Generale A Collegamento Il Coppo - Castel Todino - Colle La Rena (e Collecapretto - I Poggi) 152 Generale F Catasto censimento reti fognarie 477 Generale A Interventi per il superamento dell'emergenza Idrica Generale A Lavori di pronto intervento servizio idrico 867 Generale Adeguamento impianti elettrici L. 46/90 e s.m.i. - I lotto 877 Generale A Monitoraggio e ricerca perdite 824 Generale A Investimenti per il miglioramento della qualità dell'acqua - Impianti 894 Generale A Interventi di manutenzione e messa a norma serbatoi Generale F Manutenzione rete fognaria Generale A Manutenzione rete idrica Generale D Manutenzione depuratori Generale A Interventi su reti idriche Generale F Interventi su reti fognarie 84 Generale D Interventi su impianti di depurazione 205 Generale D Telecontrollo I Stralcio 98 Generale A Installazione contatori Generale A Nuovi allacci 379 Generale A Installazione contatori di misura magnetici I Lotto (700 residenti + 30 grandi utenze) 116 Generale A Definizione aree di salvaguardia 180 Generale A FAS - Ricerca perdite e telecontrollo, censimento reti idriche ed aggiornamento SIT 367 Generale F/D Telecontrollo - I lotto 487 Generale Adeguamento sicurezza luoghi di lavoro L. 626/04 e s.m.i. - I lotto Generale A Adduttrice Collecapretto - I Poggi e ristrutturazione stazione di sollevamento Colle Capre 310 Generale F Adeguamento fogne miste per crisi allagamenti (comuni della provincia) 180 Generale D Installazione misuratori scarico > A.E. 100 Generale D Installazione campionatori automatici > A.E. 80 Generale D Adeguamento fosse imhoff / PTA/ scarichi a cielo aperto Generale F Completamento catasto sistema fognario (40%) e censimento scolmatori (DGR 1171) 300 Generale A Adeguamento delle aree di tutela dei corpi idrici secondo esame ispettivo ASL anno 2010 e sorgenti: territori ASM ed AMAN 60 Generale A Campo pozzi e staz. sollev. Cerasola ultimazione ristrutturazione impianto 50 Generale A Riattivazione scarichi su adduttrici Morellino-Cerasola 40 Generale A Impermeabilizzazione e messa in sicurezza copertura serb. Monte Arnata Basso 50 Giove A Potenziamento Campo Pozzi 100 Generale A Lavori vari anno 2010 non identificati 430 Generale A/F/D Monte Lavori anno 2011 da definire 190 Generale A/F/D Lavori a terzi smart CIG 216 Giove A Sostituzione tratto rete distriutrice di circa m 491,00 in Via Alcini e Voc. Giardino 67 Giove A Intervento su rete idrica e fognaria in cattivo stato di conservazione. Centro storico. 600 abitanti da servire 50 Giove A Interventi su reti idriche 102 Giove F Interventi su reti fognarie 203 Giove D Interventi su impianti di depurazione 20 Giove A Interventi su reti idriche 183 Giove F Interventi su reti fognarie 12 Giove A Consolidamento voragine centro storico 10 Giove A Ottimizzazione nodo interconnesssione con acq. Amerino 10 Giove D Depuratore Martinozzi (Adeguamento del pozzetto di ingresso e e della linea di fognatura a monte, realizzazione della linea di ricircolo in tesata delle acque di 15 drenaggio dei letti di essiccamento) Guardea D Accorpamento e adeguamento della depurazione di Guardea (nuovo impianto centralizzato con trattamento terziario) 447 Guardea D Accorpamento e adeguamento della depurazione di Guardea (nuovo impianto centralizzato con trattamento terziario) II Lotto - Integrazione ed ottimizzazione delle fasi di trattamento reflui depuratore di Guardea 51 Pagina 12 di 52

13 Guardea F Accorpamento e adeguamento della depurazione di Guardea (nuovo impianto centralizzato con trattamento terziario) III Lotto - Ottimizzazione e realizzazione del sistema di collettamento al depuratore 893 centrale di Guardea Guardea A Sostituzione tratto condotta distributrice Dn 110 in acciaio in Via Piagge 75 Guardea D Piccoli lavori di man. straordinaria dep. Cocciano. 130 ab.eq. 7 Guardea D Revamping generale impianto Madonna del Porto. 114 ab.eq. 126 Guardea D Realizzazione impianto depurazione frazione Frattuccia 154 Guardea A Interventi su reti idriche 223 Guardea F Interventi su reti fognarie 264 Guardea D Interventi su impianti di depurazione 113 Guardea A Interventi su reti idriche 273 Guardea F Interventi su reti fognarie 859 Guardea D Interventi su impianti di depurazione 126 Guardea Impianto idraulico fatiscente, camera di manovra pericolosa per l'accesso agli addetti A (Serb. Guardea Centro) 60 Guardea A Sostituzione tratto distributrice Poggio Basso (Giordano) 100 Lugnano in Teverina A Interventi su reti idriche 112 Lugnano in Teverina F Interventi su reti fognarie 111 Lugnano in Teverina D Interventi su impianti di depurazione 20 Lugnano in Teverina A Interventi su reti idriche 59 Lugnano in Teverina F Interventi su reti fognarie 2 Lugnano in Teverina A Ultimazione sostituzione condotta loc. Morre 30 Lugnano in Teverina D Adeguamento Depuratore Urdi (Adeguamento sezione di grigliatura) 8 Montecastrilli A Ricerca perdite e revamping sollevamento Il Coppo 186 Montecastrilli D Ristrutturazione depuratore capoluogo ab.eq. 308 Montecastrilli D Lavori manut.straord. su depurazione Casteltodino-Castellare 230 ab.eq. 78 Montecastrilli D Realizzazione impianti di depurazione in frazione Farnetta 300 Montecastrilli A Interventi su reti idriche 566 Montecastrilli F Interventi su reti fognarie 573 Montecastrilli D Interventi su impianti di depurazione 124 Montecastrilli A Interventi su reti idriche 292 Montecastrilli F Interventi su reti fognarie 30 Montecastrilli Depuratore Capoluogo in loc. Fiano (realizzazione di un adeguato sistema di 30 D deciottolatura e desabbiatura iniziale con sistema di estrazione del materiale) Montecastrilli A Vari tratti di condotta distributrice ammalorati loc. Cedolone, San Cristoforo 40 Montecastrilli Collegamento il Coppo - Castel Todino - Colle La Rena per messa in sicurezza tubazione A lott.ne La Cesa (Casasole) 130 Montecchio A Sostituzione di un tratto di 600 m della condotta adduttrice in GS 150. Acq. Cordigliano - Prato Giardino 110 Montecchio F Rifacimento fognatura in via Pagliericci. Capoluogo. 150 m 83 Montecchio A Interventi su reti idriche 438 Montecchio F Interventi su reti fognarie 505 Montecchio D Interventi su impianti di depurazione 84 Montecchio A Interventi su reti idriche 183 Montecchio F Interventi su reti fognarie 16 Montecchio A Ristrutturazione impianto idraulico serb. La Conserva 40 Montecchio A Rifacimento Distributrice e Adduzione Viale Todi-Petroro 80 Montecchio A Interramento distributrice fuori terra Via Madonna del Medico 42 Montecchio A Ultimazione sostituzione adduttrice Fratta-Politella 50 Montecchio A Sostituzione tratto distributrice Madonna del Piano 2 - Madonna del Piano 1 25 Montecchio A Sostituzione tratto condotta distributrice Strada della Selciata 35 Montecchio A Distributrice centro storico Melezzole e adduttrice Poggi - Politella 350 Montecchio A Ripristino interconnessione con acquedotto dell'amerino 80 Montecchio D Adeguamento Depuratore Cunicchi (Adeguamento del processo depurativo) 50 Montefranco A Adeguamento impianto elettrico e realizzazione opere in ferro. Serbatoio e stazione di sollevamento Montefranco 38 Montefranco A Interventi su reti idriche 295 Montefranco F Interventi su reti fognarie 137 Montefranco A Interventi su reti idriche 44 Montefranco A Interramento tubazione volante Mola Moretti 20 Montegabbione D Revisione completa impianto di depurazione Madonna delle grazie (390 ab.eq.) 135 Montegabbione D Intervento di realizzazione impianto di depurazione in località Castel dei Fiori 50 Pagina 13 di 52

14 Montegabbione F Realizzazione collettore fognario a servizio impanto di depuratore in località Castel dei Fiori 50 Montegabbione A Interventi su reti idriche 202 Montegabbione F Interventi su reti fognarie 61 Montegabbione D Interventi su impianti di depurazione 11 Montegabbione A Interventi su reti idriche 56 Montegabbione D Interventi su impianti di depurazione 8 Montegabbione A Interramento 100 m condotta ghisa DN60 su S.P. per occlusione linea 15 Montegabbione A adeguamento strutturale ed idraulico sorgente La Fabbrica 80 Interventi di collettamento e depurazione su strutture minori - Monteleone D Accorpamento scarichi, tre sollevamenti, depuratore nuovo con terziario (2000 Ab.Eq.), d'orvieto collettamento di collegamento 30 Monteleone d'orvieto A Interventi su reti idriche 186 Monteleone d'orvieto F Interventi su reti fognarie 26 Monteleone d'orvieto A Interventi su reti idriche 40 Narni D Ampliamento trattamento volumi biologici impianto di Narni e collettamento nuovi nuclei abitati 322 Narni A Rifacimento rete idrica borgo antico Guadamello 30 Narni F Rifacimento rete fognaria borgo antico Guadamello 30 Narni F Rifacimento ed integrazione collettamento città di narni e impianto di telecontrollo dell'impianto di depurazione 394 Narni A Ottimizzazione Pozzi cerasola 30 Narni A Ristrutturazione serbatoio Capitone 50 Narni A Sostituzione tratto di rete distributrice per circa 600 m in Loc. Santa Lucia - Selva Antica 124 Narni A Realizzazione nuove strutture ed impianti elettromeccanici. Stazione sollevamento Argentello (lavori eseguiti) 33 Narni A Fornitura nuovo gruppo elettromeccanico da utilizzare in caso di necessità. Stazione di sollevamento Morellino 16 Narni A Sostituzione m tubazione in pead de 90 mm. Acq. Loc. San Faustino 200 Narni D Depuratore Loc. S.Liberato (Sostituzione di un biodisco, interventi su tubazioni volanti) 35 Narni D Lavori manutenzione straordinaria impianto in Loc. Testaccio 49 Narni A Sostituzione adduttrice Lenze-San Vito-Guadamello (lavori eseguiti) 90 Narni A Interventi su reti idriche Narni F Interventi su reti fognarie 755 Narni D Interventi su impianti di depurazione 388 Narni A Interventi su reti idriche 783 Narni F Interventi su reti fognarie 9 Narni D Interventi su impianti di depurazione 8 Narni A Esercizio Morellino camera manovra 80 Narni A Ristrutturazione serbatoio Portecchia 150 Narni A Nuovo sistema Castelvecchio-Sant'Urbano 200 Narni A Sostitituzione condotta distributrice Minareto m 500 c.a.dn Narni A Sostitituzione condotta distributrice Santa Lucia Str. Fontana 50 Narni A Sostitituzione condotta distributrice Ponte S. Lorenzo str. Fiaiola m 135 Narni A Sostituzione condotta distributrice Strada dei Colli m 110 Narni A Ristrutturazione Serbatoio Santa Lucia gravemente lesionato 80 Narni A Sostituzione totale acquedotto distr. Cigliano 200 Narni A Sostituzione distributrice tratto montoro le quercie 70 Narni A Spostamento tubazione Berardozzo 51 Narni A Adeguamento adduzione Taizzano-Treie 240 Narni D Adeguamento sollevamento depuratore Funaria 75 Narni D Adeguamento dep. Pescecotto (realizzazione bypass) 5 Orvieto D Adeguamento impianto di depurazione di Fontanelle di Bardano (nuova linea di defosfatazione) 44 Orvieto F Adeguamento rete fognaria Sugano 32 Orvieto F Ristrutturazione rete fognaria alle pendici della rupe di Orvieto e collettamento nuove zone al depuratore centrale, inserimento telecontrollo depuratore 394 Pagina 14 di 52

15 Orvieto F Ristrutturazione rete fognaria alle pendici della Rupe di Orvieto, collettamento nuove zone e telecontrollo depuratore centrale (20000 a.e.) - AREA SENSIBILE. II Lotto - Ottimizzazione e realizzazione del sistema di collettamento rete fognaria alle 188 pendici della rupe di Orvieto. Orvieto D Adeguamento depurazione Centrale 466 Orvieto D Adeguamento normativo e miglioramento funzionalità impianto centrale di Orvieto (linea di defosfatazione). Affinamento finale. Riutilizzo acque reflue mediante condotta e vasche di accumulo ad uso irriguo. Estensione del collettamento reflui. 378 II Lotto I Orvieto A Nuova condotta DE 63 per circa m. Acq. Loc. Cacciata 233 Orvieto A Sostituire il tratto danneggiato con una condotta DE 32 PN 25 per 50 m. Acq. Via Angelo Costanzi 5 Orvieto A Realizzazione della condotta adduttrice tra il serbatoio della Sala ed il pozzo di Bagni 173 Orvieto A Interventi su reti idriche Orvieto F Interventi su reti fognarie 597 Orvieto D Interventi su impianti di depurazione 441 Orvieto A Interventi su reti idriche 493 Orvieto F Interventi su reti fognarie 151 Orvieto D Interventi su impianti di depurazione 78 Orvieto D Adeguamento dep. Sugano 70 Orvieto A Sostituzione rete idrica Via Livenza 20 Orvieto Sostituzione di 250 m di condotta volante pead per alimentazione zona Laghetto di A Sugano 30 Orvieto D Adeguamento dep. Colonnetta di Prodo 60 Orvieto D Adeguamento dep. Morrano Nuovo 70 Orvieto Sostituzione tubazione premente da sollevamento Ponte Giulio a depuratore F attualmente sottodimensionata circa 300 m 18 Orvieto F Revamping completo sollevamento Sugano 20 Orvieto F Revamping completo sollevamento Amerino 45 Orvieto Sostituzione tratto collettore fognario tra parcheggio stazione ferroviaria e societa' F noleggio camper circa 150 metri 20 Orvieto A Realizazione adduttrice serbatoio di Monte Panaro 180 Orvieto A Impianto di potabilizzazione località Tordimonte 40 Orvieto D Adeguamento fase biologica dep. Bardano 80 Otricoli A Realizzazione nuovo serbatoio di accumulo e nuova adduttrice in loc. Ara Vecchia 214 Otricoli A Interventi su reti idriche 319 Otricoli F Interventi su reti fognarie 209 Otricoli D Interventi su impianti di depurazione 18 Otricoli A Interventi su reti idriche 51 Otricoli F Interventi su reti fognarie 71 Otricoli A Ristrutturazione serbatoio Torre 160 Otricoli A Nuova distribuzione Acquabona 19 Otricoli Nuovo pozzo + piping collegamento nuovo pozzo più adeguamento esistente + A impianto di potabilizzazione+impianto elettrico 500 Otricoli A Adeguamento sollevamento ed adduzione al serbatoio di Monterone 100 Otricoli D Nuova fossa settica loc. Buco Pasquale 50 Otricoli Depuratore Poggio di Otricoli (realizzazione del comparto di desabbiatura, D adeguamento del ballatoio) 12 Otricoli A Sistemazione condotta posta fuori terra zona Valle 50 Parrano A Interventi su reti idriche 118 Parrano F Interventi su reti fognarie 89 Parrano D Interventi su impianti di depurazione 2 Parrano A Interventi su reti idriche 107 Parrano A Sostituzione di 150 m condotta pead 2" 15 Penna in Teverina A Interventi su reti idriche 40 Penna in Teverina F Interventi su reti fognarie 56 Penna in Teverina D Interventi su impianti di depurazione 67 Penna in Teverina A Interventi su reti idriche 17 Penna in Teverina F Interventi su reti fognarie 2 Penna in Teverina D Depuratore Soline (sostituzione di un biodisco, coibentazione dei biodischi) 34 Penna in Teverina A Realizzazione telecontrollo pozzo-serb. Imposto 15 Penna in Teverina A Ottimizzazione nodo interconnesssione con acq. Amerino 10 Penna in Teverina F Trasformazione dep. Grottoni in sollevamento e rete fognaria 90 Polino A Interventi su reti idriche 160 Polino F Interventi su reti fognarie 33 Polino A Interventi su reti idriche 4 Pagina 15 di 52

16 Porano D Revamping impianto di depurazione Viale Europa 53 Porano A Interventi su reti idriche 504 Porano F Interventi su reti fognarie 121 Porano D Interventi su impianti di depurazione 15 Porano A Interventi su reti idriche 46 Porano F Interventi su reti fognarie 27 Porano D Adeguamento depuratore Generale Pian di Castello 180 Porano F Sostituzione 160 metri collettore fognario Via della Liberta' 115 San Gemini A Sostituzione di un tratto di circa m in loc. Misciano 61 San Gemini A Adeguamento impianti elettrici. Serbatoi Rocca e Misericordia 20 San Gemini A Mancano molte opere per mettere in servizio l'impianto. Serbatoio Collepizzuto 128 San Gemini A Fornitura e posa in opera tubazione distributrice in pead DE 90 mm sviluppo m 320,00 e riallaccio di n. 15 derivazioni di utenza in Via Narni 50 San Gemini A Sostituzione tratti tubazione ostruiti 80 San Gemini A Interventi su reti idriche San Gemini F Interventi su reti fognarie 216 San Gemini D Interventi su impianti di depurazione 134 San Gemini A Interventi su reti idriche 193 San Gemini F Interventi su reti fognarie 10 San Gemini D FAS - Adeguamento funzionale impianto in località Favazzano 51 San Gemini D FAS - Adeguamento funzionale impianto in località Podere Lago 40 San Gemini A Interramento linea volante colle pizzuto 30 San Gemini A Sostituzione di 600 m di tubazione in Via Narni con realizzazione nuovi allacci 70 Stroncone A Realizzare un breve tratto di rete idrica. Serbatoio Isorella 33 Stroncone A Sostituzione adduttrice Rocca Carlea-Finocchieto in acciaio DN 65 lunghezza m. Acq. Adduttrice Finocchieto 33 Stroncone F Estensione rete fognaria loc. I Prati 13 Stroncone A Interventi su reti idriche Stroncone F Interventi su reti fognarie 331 Stroncone D Interventi su impianti di depurazione 61 Stroncone A Interventi su reti idriche 81 Stroncone F Interventi su reti fognarie 19 Stroncone A Spillamento da adduzzione Ruschio Itiesi per alimentazione del serbatoio Cesale eliminazione di 5 km tubo volante Crocemicciola-Cesale 80 Stroncone A Sostituzione di 800 m di condotta pead de 90 fatiscente 90 Stroncone A Sostituzione di 300 m di condotta in acciaio dn 100 che collega la sorgente Braccone con il serbatoio Isorella 35 Stroncone A Realizzazione nuovo serbatoio in località San Liberatore in collegamento con serbatoio Itiesi 333 Stroncone A Sistemazione Manufatto Sorgente Onnina 50 Stroncone A Perforazione nuovo pozzo e collegamenti idraulici ed elettrici 200 Stroncone A Rifacimento tratto rete acquedottistica Vasciano 25 Stroncone F Rifacimento tratto rete fognaria Vasciano 15 Stroncone D Depuratore Vascigliano (Installazione di deciottolatore e desabbiatore a monte della grigliatura fine, Modifica letti di essiccamento per realizzazione zona di disidratazione sabbie estratte con autoespurgo, Manca adeguata illuminazione notturna) + quota adeguamento dep. per effetto quota parte collettamento misura Q Stroncone F Estensione rete fognaria in loc. I Prati 20 Terni D Miglioramento funzionale impianto di depurazione Terni 1 di Maratta Bassa e collettamento nuove zone 582 Terni D Adeguamento depurazione Gabelletta 97 Terni F Ristrutturazione rete fognaria con separazione acque bianche e recapito all'impianto di depurazione di terni 1 di Maratta bassa 493 Terni F Adeguamento rete fognaria con separazione acque bianche e recapito all'impianto di depurazione di Gabelletta- 82 Terni F Realizzazione sistema di telecontrollo sollevamenti fognari e depuratore di piediluco ( I lotto) 65 Terni A Potenziamento rete idrica Ponte Le cave - Castellina 47 Terni A Fornitura e posa in opera tubazione distributrice DE 75 mm PN 16 sviluppo m 130,00 circa completa di camera di manovra e riallaccio delle derivazioni esistenti in loc. Pentima Alta 67 Pagina 16 di 52

17 Terni A Fornitura e posa in opera impianto di potabilizzazione per riduzione nitrati a Fontana di Polo e restituzione acque lavaggio 50 Terni A Ristrutturazione e spostamento impianto di abbattimento PCE e TCE Fontana di Polo 169 Terni A Fornitura e posa in opera di impianto di potabilizzazione Campo pozzi San Francesco 161 Terni A Manufatto clorazione e impermeabilizzazione serbatoio Pacce 9 Terni D Impianto Terni 1. Adeguamento caldaie Metano 20 Terni D Impianto Terni 1. Adeguamento Caldaie Biogas. Impianto di purificazione 20 Terni D Lavori di adeguamento per CPI 80 Terni D Lavori per adeguamento a pescrizioni AIA 50 Terni A Opere di consolidamento sorgente la Lupa 80 Terni A Interventi su reti idriche Terni F Interventi su reti fognarie Terni D Interventi su impianti di depurazione Terni A Interventi su reti idriche Terni F Interventi su reti fognarie 164 Terni D Interventi su impianti di depurazione 109 Terni A Distribuzione Via del Convento 30 Terni A Rifacimento copertura camera di manovra Ancifap 10 Terni A Allaccio condotta in ghisa dn100 Pie' Fossato-Perticara 50 Terni A Rifacimento camera di manovra Giubileo e ristrutturazione serbatoio 50 Terni A Ristrutturazione serbatoio Campomicciolo 30 Terni A Rifacimento rete di distribuzione Citta' Giardino 100 Terni A Impermeabilizzazione copertura serbatoio Fontana di Polo 10 Terni A Impermeabilizzazione copertura serbatoi Castagna 2 e Pacce 10 Terni A Installazione di valvole regolatrici di carico per regolazione pressione rete di distribuzione loc. Capriano 10 Terni A Definizione start up denitrificatore Fontana di Polo 80 Terni D Depuratore Piediluco (Installazione di sezionatori elettrici in campo delle varie macchine, Verifica ed adeguamento impianto di terra ) 50 Terni A Estensione rete idrica Strada Civitella 12 Terni A Sostituzione condotta in pead per 500 m. Acq. Via Scarlatti - Via Paganini - Via Vivaldi- Via del Capriolo 70 Terni F Revamping impianto sollevamento Inceneritore 40 Terni F Revamping impianto sollevamento Pantano 1 50 Terni F Revamping impianto sollevamento Pantano 2 50 FAS -Realizzazione delle stazioni di sollevamento e del collettamento delle acque reflue F Terni in loc. Mazzelvetta al depuratore di Piediluco 29 Terni D FAS - Adeguamento depuratore di Piediluco 20 Terni D Depuratore Papigno (Realizzazione di adeguata scala di accesso all'ispessitore) 2 Terni D Depuratore Marmore (Interventi di adeguamento degli scarichi, regolazione delle portate ammissibili al trattamento ) 215 Eventuale trattamento terziario /spostamento dello scarico finale e del by pass) Terni D FAS-Depuratore Terni 1 - Completamento I lotto 112 Terni D FAS-Depuratore Terni 1 - Completamento II lotto 39 Terni F FAS - Estensione nuove zone ed adeguamento di rete all'impianto di depurazione Terni 1 -II lotto 79 Terni F FAS - Ristrutturazione rete fognaria con separazione acque bianche e recapito all impianto Terni 1 di Maratta bassa II lotto Pagina 17 di 52

18 Di seguito è riportata la ripartizione egli investimenti netti e cioè gravanti sulla sola tariffa, derivanti dal programma degli interventi, suddivisi per acquedotto, fognatura e depurazione. Importo 109 mln di euro Investimenti netti per acquedotto A Investimenti netti per fognature F Investimenti netti per depurazione D Totale Investimenti netti( a carico della tariffa) Investimenti Piano d'ambito (109mln di euro) totali per acquedotto, fognatura e depurazione 100% 90% % ( rispetto al totale Investimenti) 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 59% 20% 21% 59% 21% 20% 0% Acquedotto Totale investimenti ( 109 mln di euro) Acquedotto 59% Fognature 20% Depurazione 21% Fognature Depurazione Nel successivo grafico si evidenzia la distribuzione degli investimenti nel tempo e la ripartizione tra i servizi di acquedotto, fognatura e depurazione. Pagina 18 di 52

19 Investimenti ( 109 mln di euro) Andamento temporale Acquedotto, Fognature, Depurazione Acquedotto 8000 Fognatura Importo ( migliaia di euro) Depurazione Tempo (anni) All importo complessivo come sopra evidenziato sono da sommarsi i contributi regionali per complessivi ,00 sia per le reti acquedottistiche che per fognature e depurazione, come riportato schematicamente nella seguente tabella: Importo 109 mln di euro Totale INVESTIMENTI NETTI ( a carico della tariffa) Cofinanziamenti Regionali ACQUEDOTTI Cofinanziamenti Regionali FOGNATURA + DEPURAZIONE Cofinanziamenti Regionali TOTALE Totale INVESTIMENTI NETTI + Cofinanziamenti Revisione e aggiornamento del Piano Economico La redazione del Piano Economico-Finanziario e del Piano Tariffario risulta di fondamentale importanza in quanto completa l intero processo di pianificazione a livello di Ambito avviato mediante la fase di ricognizione delle opere e seguito dalla redazione del Piano degli Interventi. In particolare, il Piano Economico-Finanziario è il documento che consente di tradurre in termini economico-finanziari le scelte sociali, politiche e tecniche effettuate da parte dell Ente d Ambito in sede di redazione del Piano degli Interventi e del Modello Organizzativo Gestionale e di valutarne la sostenibilità economico-finanziaria. Mediante la redazione del Piano Economico Finanziario e del conseguente Piano Tariffario, in particolare, l Ente d Ambito può verificare: Pagina 19 di 52

20 - la sostenibilità economico-finanziaria e, di conseguenza, la finanziabilità del Piano degli interventi individuato, del Modello organizzativo gestionale prescelto, nonché delle altre decisioni politiche, economiche e tecniche assunte per la definizione della parte tecnica del Piano di Ambito; - la definizione di una tariffa applicabile coerente con le disposizioni del DM 1 agosto 1996 Metodo Normalizzato il quale oltre a prevedere le componenti della tariffa determina il valore massimo di cui essa può crescere da un anno all altro. Dal Piano Tariffario si individua l andamento della tariffa dalla cui applicazione derivano i ricavi della gestione del servizio per l intero periodo di affidamento. Il Piano Economico Finanziario risulta costituito dai seguenti documenti: il Conto Economico Previsionale, prospetto attraverso cui poter determinare il risultato economico della gestione per ogni anno di durata della concessione e verificare la capacità del soggetto gestore di raggiungere l equilibrio economico richiesto dalla normativa; il Flusso di Cassa Previsionale, prospetto mediante il quale è possibile accertare il saldo di tesoreria generato in ogni anno dalla gestione del servizio e la capacità dell azienda di far fronte agli impegni finanziari assunti; lo Stato Patrimoniale Previsionale, documento mediante il quale è possibile accertare la struttura quali-quantitativa del capitale aziendale in ogni anno del periodo di affidamento e di conseguenza la coerenza, la composizione e l entità delle fonti di finanziamento disponibili e degli investimenti da realizzare. Nel dover ottemperare a quanto predisposto dalla normativa in materia di redazione del Piano Economico- Finanziario si è proceduto alla revisione triennale delle previsioni effettuate nella precedente redazione di Piano. La revisione si è articolata nello svolgimento delle attività di seguito riportate. 1) Ricognizione dei risultati conseguiti dalla società di gestione nel triennio trascorso come risultanti dai bilanci di esercizio e dall attività di controllo; a) Grado di realizzazione degli Investimenti previsti nel Piano durante il periodo ; b) Volumi erogati; c) Costi sostenuti; 2) Valutazione dello scostamenti della gestione verificatisi negli anni dal Piano. Si rimanda all ALLEGATO 1 per una lettura completa del Piano Economico-Finanziario e Tariffario relativi alla futura gestione, dal 2012 al I dati di input del Piano La revisione delle previsioni Demografiche e dei consumi Il dimensionamento dei volumi erogati è stato, da sempre, uno delle maggiore criticità della programmazione. Nel passato sono stati dimensionati i volumi sulla base dell incremento della popolazione su base dati ISTAT, ipotizzando un mantenimento dei consumi pro-capite. Per contro la gestione passata ha evidenziato una Pagina 20 di 52

SCHEMA DI CONTRATTO DI CONFERIMENTO

SCHEMA DI CONTRATTO DI CONFERIMENTO SCHEMA DI CONTRATTO DI CONFERIMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DISCENDENTI DAL CONFERIMENTO DI RIFIUTI URBANI E FLUSSI DA ESSI DERIVATI PROVENIENTI DAL TERRITORIO DELL A.T.I. N. 4 ALL IMPIANTO DI DISCARICA

Dettagli

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011 Piano di Ambito Revisione Triennio 2009-2011 ALLEGATO 3 CANONI DI CONCESSIONE per: - concessioni ex ANAS - concessioni ANAS-Ferrovie - concessioni derivazioni idriche - concessioni ai fini idraulici REPORT

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA PROVINCIA DI TERNI ASSESSORATO ALLA PROTEZIONE CIVILE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE Con la collaborazione Prefettura

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

Spett. ENEL Distribuzione Spa. eneldistribuzione@pec.enel.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it

Spett. ENEL Distribuzione Spa. eneldistribuzione@pec.enel.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Spett. ENEL Distribuzione Spa eneldistribuzione@pec.enel.it p.c. Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di protocollo informatico della Regione Umbria Provincia

Dettagli

Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte

Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte Comuni aderenti : Acquasparta, Amelia, Alviano, Allerona, Attigliano, Avigliano Umbro, Baschi, Calvi dell Umbria, Castel Giorgio, Castel Viscardo,

Dettagli

PERIODO DAL 1 MARZO AL 30 APRILE

PERIODO DAL 1 MARZO AL 30 APRILE DISTRIBUTORI DI CARBURANTE APERTI IN CASO DI SCIOPERO COMPRENSORIO TERNANO COMUNE INDIRIZZO BANDIERA CARBURANTI EROGATI PERIODO DAL 1 GENNAIO AL 28 FEBBRAIO NARNI S.S. 675 km 67+737 ESSO BSP - GASOLIO

Dettagli

Comune di Città di Castello comune.cittadicastello@postacert.umbria.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.

Comune di Città di Castello comune.cittadicastello@postacert.umbria.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria. Comune di Città di Castello comune.cittadicastello@postacert.umbria.it p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Comune di Acquasparta

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

PROGETTO SEGNALETICA PERMANENTE GRAND TOUR RANDO

PROGETTO SEGNALETICA PERMANENTE GRAND TOUR RANDO - PROGETTO SEGNALETICA PERMANENTE 1 0,25 SR 209 URB DX GTR 2 cascata (belvedere Inferiore) 2 4,81 SR 209 EXU D GTR 3 BIVIO POLINO PIEDILUCO 3 5,53 SR 209 URB DX GTR 4 ROTONDA ARRONE 4 6,95 SP 4 EXU D GTR

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9.1.1 Costi di costruzione, ricostruzione e ripristino Di seguito

Dettagli

PIANO D AMBITO. Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI

PIANO D AMBITO. Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Sommario 1 Introduzione... 2 2 Piano

Dettagli

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO 1 INDICE 1. INQUADRAMENTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 3 1.1 RICOGNIZIONE... 7 1.2 LIVELLI DI SERVIZIO... 9 1.3 AREE CRITICHE E PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI...

Dettagli

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Chi sono? Marco Rusconi Ingegnere, responsabile del settore contratti di Idrolario Srl (project manager per l esecuzione degli interventi di piano d ambito e delle manutenzioni

Dettagli

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2008

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2008 ARRONE CONSORZIO DEL PARCO FLUVIALE DEL NERA AGRO BIO FOREST CONSORZIO AGRO-FORESTALE MONTI DEL NERA Consorzio 3.000 3,88 ARRONE CONSORZIO DEL PARCO FLUVIALE DEL NERA SIR UMBRIA - CONSORZIO PER IL SISTEMA

Dettagli

a, b, c,...= L appendice segue l ordine alfabetico delle lettere per l unità morfologica C (colline) Schema dei codici esempio: 1Mp1

a, b, c,...= L appendice segue l ordine alfabetico delle lettere per l unità morfologica C (colline) Schema dei codici esempio: 1Mp1 Schema dei codici esempio: 1Mp1 1(subsistema) M(unità morfologica) p(appendice) 1(subunità UDP) SUBSISTEMA 1 = n. Subsistema ( i subsistemi sono 4: 1-2 -3-4 ) UNITA MORFOLOGICHE M = aree montane o submontane

Dettagli

Consiglio delle Autonomie Locali dell Umbria

Consiglio delle Autonomie Locali dell Umbria Consiglio delle Autonomie Locali dell Umbria (L.r.34/1998 art.123 u.comma Cost.) Osservatorio Regionale sulla Misurazione degli E.E.L.L. Umbri Spoleto - Palazzo Ancajani 1 Presentazione Con il presente

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO

PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO Piano Economico Finanziario Novembre 2010 1. IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO 1.1 INTRODUZIONE Il presente piano presenta il dettaglio della programmazione del

Dettagli

TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI

TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI I INDICE 1. PREMESSA 1 2. TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI 2 1 1. PREMESSA Il presente elaborato contiene l aggiornamento del conseguente alla revisione triennale del Piano d Ambito prevista dal D.M. 01/08/1996.

Dettagli

LIBRETTO ORARI I ORARIO DI UMBRIA MOBILITÀ IN VIGORE DALL' 8/6/2014

LIBRETTO ORARI I ORARIO DI UMBRIA MOBILITÀ IN VIGORE DALL' 8/6/2014 I I I LIBRETTO ORARI I ORARIO DI UMBRIA MOBILITÀ IN VIGORE DALL' 8/6/2014 Per info: Umbria Mobilità - Str. S.Lucia, 4 06125 Perugia Num.Verde 800-512141 www.umbriamobilita.it Annuale Linea E616 Acquasparta-Portaria-Cesi-Terni...

Dettagli

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009 CITTA' DI CASTELLO ALTO TEVERE UMBRO SIR UMBRIA - CONSORZIO PER IL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE Consorzio 4.515,38 1,54 % CITTA' DI CASTELLO ALTO TEVERE UMBRO S.I.L. Soggetto Intermediario Locale Appennino

Dettagli

La conservazione dei Beni Culturali tra pubblico e privato. Andrea Orlandi, Francesca Ceccacci, Francesca Menichelli

La conservazione dei Beni Culturali tra pubblico e privato. Andrea Orlandi, Francesca Ceccacci, Francesca Menichelli La conservazione dei Beni Culturali tra pubblico e privato Andrea Orlandi, Francesca Ceccacci, Francesca Menichelli Perugia, 22 marzo 2013 Gli anni Settanta: gli antefatti La nascita della Regione si intreccia

Dettagli

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 30/06/2012 n. 4/2013 INDICE Sintesi 3 1. La realtà produttiva 5

Dettagli

Criticità Descrizione Indicatore 2014 2015 2016 2017 2014 2015 2016 2017

Criticità Descrizione Indicatore 2014 2015 2016 2017 2014 2015 2016 2017 SORGEAQUA s.r.l. IMPORTO INVESTIMENTI LORDI PERCENTUALI DI INVESTIMENTO SUL TOTALE Criticità Descrizione Indicatore 2014 2015 2016 2017 2014 2015 2016 2017 A1 Assenza infrastrutture Estensione acquedotto

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_Gestione_Fasi_Costruttive_E_R02.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_Gestione_Fasi_Costruttive_E_R02.doc 1 1. PREMESSE I lavori oggetto dell appalto dovranno essere realizzati secondo le FASI di costruzione di seguito riportate, definite allo scopo di minimizzare le interferenze tra il cantiere e le attività

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3. 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3

1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3. 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo medio rifacimento di rete di distribuzione dell acquedotto... 4 2.3 Modello

Dettagli

EDIZIONE STRAORDINARIA. Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza Anno 39 - Numero 51 REPUBBLICA ITALIANA DELLA

EDIZIONE STRAORDINARIA. Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza Anno 39 - Numero 51 REPUBBLICA ITALIANA DELLA EDIZIONE STRAORDINARIA Spedizione in abbonamento postale Parti I-II (Serie generale) Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza Anno 39 - Numero 51 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA UFFICIALE

Dettagli

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5.1 Obiettivi del Piano d Ambito Nel piano d ambito 2002 sono illustrati gli obiettivi generali della pianificazione d ambito (tecnico-impiantistici

Dettagli

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche Workshop Gestione, trattamento e riutilizzo delle acque meteoriche in ambito urbano Bologna, 7 marzo 2014 Dott. Francesco Tornatore

Dettagli

La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile

La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Aerospaziale Università di Palermo La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile Prof.Ing.Gaspare Viviani gviv@idra.unipa.it LA NORMATIVA SUL GOVERNO

Dettagli

CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE (C.A.F.) C.A.F. CGIL

CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE (C.A.F.) C.A.F. CGIL CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE (C.A.F.) C.A.F. CGIL Via Bellocchio, 26/28 075 506981 PONTE FELCINO Via B.Buozzi, 3 075 5913978 SAN SISTO Via Gaetano Donizetti, 59 075 5270527 PONTE SAN GIOVANNI Via Luigi

Dettagli

Il servizio idrico integrato

Il servizio idrico integrato 1 Università degli Studi ROMA TRE anno accademico 2009-10 ASSOCIAZIONE IDROTECNICA ITALIANA Corso di GESTIONE DEI SERVIZI IDRICI Il servizio idrico integrato dott. ing. Alessandro Piotti Dirigente Responsabile

Dettagli

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 30/06/2013 n. 5/2014 INDICE Sintesi 3 1. La realtà produttiva 5

Dettagli

Piano di ambito. Riferimenti normativi Art. 11 comma 3 L. 36/94 e Art. 12 L.R. 25/99.

Piano di ambito. Riferimenti normativi Art. 11 comma 3 L. 36/94 e Art. 12 L.R. 25/99. Riferimenti normativi Art. 11 comma 3 L. 36/94 e Art. 12 L.R. 25/99. Obiettivi Stabilisce il modello gestionale ed organizzativo del SII; Determina i livelli dei servizi all utenza; Determina il programma

Dettagli

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 30/06/2014 n. 7/2014 INDICE Sintesi 3 Il confronto con il dato regionale

Dettagli

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 31/12/2014 n. 8/2014 INDICE Sintesi 3 Il confronto con il dato regionale

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Il servizio idrico e relativi scenari

Il servizio idrico e relativi scenari Il servizio idrico e relativi scenari Milano, 26 Novembre 2013 Silvio Bosetti Direttore Generale Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab SPESA MEDIA ANNUA (rapporto

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO

8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO Capitolo 8 Modello gestionale e Piano economico finanziario Luglio 2005 8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO 8.1 MODELLO GESTIONALE Si riporta di seguito il modello organizzativo gestionale

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

SCHEDA MONOGRAFICA GESTORE G0022 COMUNE DI TRAPANI 1) DATI GENERALI Cod:G0022 a) Denominazione: Comune di Trapani b) Comuni serviti: Trapani c) Popolazione residente: 69.510 d) Acquedotto/i di Acquedotto

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SOMMARIO 1 PREMESSA... 4 2 DEFINIZIONI... 5 3 RIFERIMENTI NORMATIVI... 8 4 IL SOGGETTO GESTORE... 9 4.1 Presentazione del Servizio Idrico Integrato S.c.p.a.... 9 4.2

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

ISO 9001 C.n.3242. ISO 14001 C.n. 0137A. OHSAS 18001 C.n. 0017L

ISO 9001 C.n.3242. ISO 14001 C.n. 0137A. OHSAS 18001 C.n. 0017L ISO 9001 C.n.3242 ISO 14001 C.n. 0137A OHSAS 18001 C.n. 0017L Società patrimoniale a totale partecipazione pubblica, è proprietaria dell impianto di depurazione San Rocco di Monza, nonché della rete dei

Dettagli

DETERMINAZIONE NUMERO: 115 DEL 31.05.2010

DETERMINAZIONE NUMERO: 115 DEL 31.05.2010 DETERMINAZIONE NUMERO: 115 DEL 31.05.2010 OGGETTO: Valutazione tecnico amministrativa del Progetto definitivo relativo ai Lavori di rifacimento del collettore fognario principale lungo la Roggia Molinara

Dettagli

incontri con i cittadini per discutere insieme ed esprimere la propria opinione sulla gestione servizio idrico integrato

incontri con i cittadini per discutere insieme ed esprimere la propria opinione sulla gestione servizio idrico integrato incontri con i cittadini per discutere insieme ed esprimere la propria opinione sulla gestione servizio idrico integrato IL PERCORSO PARTECIPATO Da maggio ad ottobre si è svolto un percorso partecipato/istituzionale

Dettagli

La Presidente della Giunta regionale dell'umbria

La Presidente della Giunta regionale dell'umbria O.P.G.R. 21 giugno 2004, n. 83 ( 1). Ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri 18 luglio 2002, n. 3230: «Disposizioni urgenti per fronteggiare l'emergenza nel settore dell'approvvigionamento

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 1. CARATTERISTICHE GENERALI Codice AG01522401 Denominazione : Truccazzano 1.1 COMUNI APPARTENENTI 1. Bellinzago Lombardo 2. Bussero

Dettagli

6 Piano degli interventi

6 Piano degli interventi 6 Piano degli interventi 6.1 Metodologia per l individuazione degli interventi Nel Piano degli interventi si tende ad individuare gli investimenti, intesi come nuove opere o azioni di ripristino di opere

Dettagli

Metodi e strumenti per l efficienza di settore

Metodi e strumenti per l efficienza di settore Metodi e strumenti per l efficienza di settore A cura di Yos Zorzi SINERGIA s.r.l. In sintesi Inquadramento sulle attività di smaltimento delle acque reflue urbane in Emilia Romagna I costi di depurazione

Dettagli

Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento

Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento Ing. Giorgio MARTINO ACEA ATO2 Spa Roma -Regione Lazio Sala Tevere 25 luglio 2013

Dettagli

Descrizione attività di spazzamento

Descrizione attività di spazzamento Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti (Art. 8 L.R. 11 del 13 maggio 2009) PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI (LINEE GUIDA D.G.R.n. 1229 DEL 7 settembre 2009

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia BOLLO 14.42 Spett.le Provincia dell Ogliastra Ufficio Gestione acque via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI (OG) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE/RINNOVO ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE, INDUSTRIALI, METEORICHE

Dettagli

CARTE DEI SERVIZI IN UMBRIA INDAGINE REALIZZATA DA ADICONSUM/ CODACONS/ FEDERCONSUMATORI/ MDC

CARTE DEI SERVIZI IN UMBRIA INDAGINE REALIZZATA DA ADICONSUM/ CODACONS/ FEDERCONSUMATORI/ MDC CARTE DEI SERVIZI IN UMBRIA INDAGINE REALIZZATA DA ADICONSUM/ CODACONS/ FEDERCONSUMATORI/ MDC DENOMINAZIONE CONSORZI / SOCIETA' DENOMINAZIONE AMMINISTRAZIONE TIPO CODICE NOTE NOTE COMUNE DI TODI 3A- PARCO

Dettagli

Sulla base di quanto sopra esposto, si è provveduto a rideterminare lo sviluppo che la nuova tariffa assumerà nell arco temporale dei trenta anni.

Sulla base di quanto sopra esposto, si è provveduto a rideterminare lo sviluppo che la nuova tariffa assumerà nell arco temporale dei trenta anni. 1 - PREMESSA La presente relazione rappresenta una sintesi dei contenuti del Piano d Ambito n.3 Peligno Alto Sangro (rev.1) redatto secondo le modifiche richieste in sede di Assemblea dei Sindaci del 30/12/02002,

Dettagli

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 31/12/2013 n. 6/2014 INDICE Sintesi 3 Il confronto con il dato regionale

Dettagli

CAPITOLO 1. OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO TOSCANO

CAPITOLO 1. OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO TOSCANO CAPITOLO 1. OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO TOSCANO 1.1 PREMESSA La Legge n. 36 del 1994, cosiddetta Legge Galli, fu promulgata a fronte della necessità di dare in Italia risposte ai problemi

Dettagli

DELIBERAZIONE PRESIDENZIALE N.3 del 27/07/2009 IL PRESIDENTE DELL ATI 3

DELIBERAZIONE PRESIDENZIALE N.3 del 27/07/2009 IL PRESIDENTE DELL ATI 3 DELIBERAZIONE PRESIDENZIALE N.3 del 27/07/ OGGETTO: Piano d Ambito per la Bancabilità. Modifiche al Piano degli interventi. IL PRESIDENTE DELL ATI 3 - Vista la Deliberazione dell Assemblea consortile dell

Dettagli

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Alberto Biancardi Genova, 18 gennaio 2013 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 Gli obiettivi dell Autorità Fornire corretti incentivi

Dettagli

Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA :

Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA : Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA : La pianificazione del fabbisogno e dell utilizzo della risorsa idrica nel PROGETTO

Dettagli

La gestione del servizio idrico in Calabria Problemi e prospettive

La gestione del servizio idrico in Calabria Problemi e prospettive Comitato per la Difesa della Salute, del Territorio e dell Ambiente della Costa dei Gelsomini La gestione del servizio idrico in Calabria Problemi e prospettive Sala Consiliare del Comune di Bovalino 25

Dettagli

Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015)

Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015) Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015) 1 LE IMPRESE GIOVANILI IN UMBRIA Il quadro regionale al 30 settembre 2015 In Umbria, alla data del 30 settembre

Dettagli

CONTRATTO. tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE

CONTRATTO. tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE CONTRATTO tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE Art.1 - Oggetto 1. Il 27 dicembre 2001 è stata sottoscritta tra l Autorità di ATO

Dettagli

CAPITOLO 4 CRITICITA ' E PIANO DEGLI INTERVENTI

CAPITOLO 4 CRITICITA ' E PIANO DEGLI INTERVENTI CAPITOLO 4 CRITICITA ' E PIANO DEGLI INTERVENTI 4.1 DEFINIZIONE DELLE CRITICITA E DEGLI OBIETTIVI DI PIANO 4.1.1 Definizione delle criticità La definizione dello stato attuale degli impianti, delle gestioni,

Dettagli

8.1 PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E PIANO ECONOMICO

8.1 PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E PIANO ECONOMICO 8.1 PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E PIANO ECONOMICO Come già scritto nei capitoli precedenti, tra gli interventi da realizzare, dell importo complessivo di 460.000.000 euro, si è individuato alcuni

Dettagli

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA INDICE Art.

Dettagli

4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO

4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO A.T.O. n. 3 Marche Centro - Macerata Piano d Ambito provvisorio 4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO 4.1 Gli obiettivi del modello gestionale La definizione del Modello gestionale ha un duplice obiettivo:

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 LEGGE REGIONALE 27 aprile 2012, n. 17 Disposizioni in materia di risorse idriche. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI PROGETTO DEFINITIVO DELLE OPERE DI NORMALIZZAZIONE DELLA FOGNATURA NERA, ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE E COSTRUZIONE DEL COLLETTORE EMISSARIO A SERVIZIO DELL AGGLOMERATO DI PORTO CESAREO - PROGETTO

Dettagli

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Il piano industriale deve contenere il flusso di cassa operativo secondo lo schema A1. La Commissione verifica la congruità del piano

Dettagli

INCENTIVA L UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE ALTERNATIVE (NO-DIG) E LA CREAZIONE DI UN CATASTO DELLE RETI DI SOTTOSERVIZI

INCENTIVA L UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE ALTERNATIVE (NO-DIG) E LA CREAZIONE DI UN CATASTO DELLE RETI DI SOTTOSERVIZI LA POLITICA DEL SOTTOSUOLO IN REGIONE LOMBARDIA INCENTIVA L UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE ALTERNATIVE (NO-DIG) E LA CREAZIONE DI UN CATASTO DELLE RETI DI SOTTOSERVIZI LA NORMATIVA REGIONALE DI RIFERIMENTO

Dettagli

7 Modello gestionale e organizzativo

7 Modello gestionale e organizzativo 7 Modello gestionale e organizzativo 7.1 Premessa Il Piano d Ambito approvato affermava che il principale obiettivo del piano di gestione è la definizione dell assetto gestionale ed organizzativo del soggetto

Dettagli

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO INFORMAZIONI INFRASTRUTTURALI AMBITO N 36 dotazioni di infrastutture rete gas metano si

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE (A.T.O.) UMBRIA N. 3

AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE (A.T.O.) UMBRIA N. 3 B.I.I.S. S.p.A. AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE (A.T.O.) UMBRIA N. 3 SERVIZI DI ADVISING TECNICO AMBIENTALE ALLA BANCA Gennaio 2009 Final Report Rev. 1 B.I.I.S. S.p.A. Ambito Territoriale Ottimale (A.T.O.)

Dettagli

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso Il bacino imbrifero ALTO LURA Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso ALTO LURA S.r.l. Alto Lura S.r.l., ex Consorzio per la raccolta e la depurazione

Dettagli

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura C.A.D.F. S.p.A. C.A.D.F. S.p.A., società a capitale pubblico gestisce il Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura Codigoro Via Alfieri.3 Tel: 0533725111 Fax: 0533713617 Internet: www.cadf.it

Dettagli

Piano di Azione PROPOSTA

Piano di Azione PROPOSTA Piano di Azione PROPOSTA N GRUPPO AZIONE/RACCOMANDAZIONE A1 PREDISPORRE ED ATTUARE UN PIANO DI EDUCAZIONE E COMUNICAZIONE Spiegare cos è la tariffa, come si calcola, e cosa paga ; capire quando e perché

Dettagli

I N D I C E. Relazione Tecnico-Illustrativa

I N D I C E. Relazione Tecnico-Illustrativa I N D I C E 1. PREMESSA... 1 2. STATO ATTUALE DEI SISTEMI DI COLLETTAMENTO E DEPURAZIONE... 4 2.1 COMPRENSORIO DI BORGHETTO SANTO SPIRITO (SV)... 4 2.2 COMUNE DI CERIALE (SV)... 5 2.3 COMUNE DI PIETRA

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

ALLEGATO D. Schede descrittive degli interventi (criteri)

ALLEGATO D. Schede descrittive degli interventi (criteri) ALLEGATO D Schede descrittive degli interventi (criteri) 1 Indice delle schede Sched a Servizio Componente Intervento Pag. n.1 RISORSE Manutenzione straordinaria e programmata SORGENTI IDRICHE delle opere

Dettagli

1) DETERMINAZIONE DEGLI IMPORTI RELATIVI AL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO FATTURATI DA CIASCUN GESTORE

1) DETERMINAZIONE DEGLI IMPORTI RELATIVI AL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO FATTURATI DA CIASCUN GESTORE RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL FILE DI CALCOLO DELLA RESTITUZIONE DELLA REMUNERAZIONE DI CAPITALE RELATIVA AL PERIODO 21/07/2011-31/12/2011 (DELIBERAZIONE AEEG N.273/2013/R/IDR DEL 25/06/2013). GESTORE

Dettagli

La redazione del piano d ambito Casi ed esperienze pratiche. Area Pianificazione e Controllo - Autorità Idrica Toscana Pisa -Venerdì 24 Aprile 2015

La redazione del piano d ambito Casi ed esperienze pratiche. Area Pianificazione e Controllo - Autorità Idrica Toscana Pisa -Venerdì 24 Aprile 2015 La redazione del piano d ambito Casi ed esperienze pratiche Area Pianificazione e Controllo - Autorità Idrica Toscana Pisa -Venerdì 24 Aprile 2015 Indice Premessa Il Piano di Ambito Attività propedeutiche

Dettagli

La misurazione della qualità e delle prestazioni nel servizio idrico integrato: l esperienza dell AATO Medio Valdarno

La misurazione della qualità e delle prestazioni nel servizio idrico integrato: l esperienza dell AATO Medio Valdarno Roma 17 gennaio 2008 La misurazione della qualità e delle prestazioni nel servizio idrico integrato: l esperienza dell AATO Medio Autorità di Ambito Territoriale Ottimale Medio Sommario L ATO Medio Il

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Relazione tecnica allegata determina di approvazione organici personale docente scuola Infanzia -Primaria- Secondaria di I grado a.s. 2015/16 Con decreto Interministeriale in corso di registrazione ed

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTA la legge regionale 21 marzo 1984, n. 18 Legge generale in materia di opere e lavori pubblici ;

IL DIRETTORE. VISTA la legge regionale 21 marzo 1984, n. 18 Legge generale in materia di opere e lavori pubblici ; DETERMINAZIONE NUMERO: 23 DEL 29 gennaio 2010 OGGETTO: approvazione del progetto preliminare relativo a Interventi di manutenzione straordinaria riguardanti la rete fognaria a servizio della zona denominata

Dettagli

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94.

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94. Il riordino dei servizi idrici è stato avviato in Italia con la legge 36/94 (c.d. Legge Galli) che al fine di superare la frammentazione gestionale e ridurre i livelli di inefficienza produttivi ed infrastrutturali

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

5.1 Strategia. - una congrua qualità del servizio offerto ai clienti e ai cittadini, grazie alle "leve" investimenti e organizzazione;

5.1 Strategia. - una congrua qualità del servizio offerto ai clienti e ai cittadini, grazie alle leve investimenti e organizzazione; 5.1 Strategia Il piano economico-finanziario è la traduzione in termini monetari di scelte gestionali di varia natura (tecniche, organizzative, ecc.), ma non per questo esso è privo di propri indirizzi

Dettagli

PROCEDURA --------------------------------------

PROCEDURA -------------------------------------- PROCEDURA PER L ACQUISIZIONE DI BENI IMMOBILI (AREE O FABBRICATI) FUNZIONALI ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO -------------------------------------- La PROVINCIA DI GENOVA, nella sua qualità

Dettagli

ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI SETTORE AMBIENTE

ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI SETTORE AMBIENTE ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI SETTORE AMBIENTE SERVIZIO ACQUE E RISORSE IDRICHE Ai sensi dell art. 35 d.lgs. 33/2013 secondo quanto indicato dalla Delibera 71/2013 della CIVIT Per tutti i procedimenti

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

ACQUA depurazione fognature acquedotti progetti

ACQUA depurazione fognature acquedotti progetti ACQUA depurazione fognature acquedotti progetti Regione Marche (anno 1984 e 1989) (Finanziamento FIO 85) Coordinamento, progettazione impianti, supervisione alla costruzione e gestione per conto della

Dettagli