AUTONOMIE PERSONALI E SOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTONOMIE PERSONALI E SOCIALI"

Transcript

1 AUTONOMIE PERSONALI E SOCIALI Centro Autismo e Disturbi dello Sviluppo Azienda USL di Rimini U.O. di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Formazione insegnanti anno scolastico

2 AUTONOMIE Favorire: l apprendimento di abilità personali e di vita quotidiana la generalizzazione delle competenze un senso di autoefficacia

3 AUTONOMIE Parliamo di Autonomie personali di base Autonomie personali avanzate Autonomie sociali

4 Autonomie personali di base Alimentazione (masticare cibi solidi, variare la dieta, usare cucchiaio e forchetta, tagliare con il coltello ) Sonno (regolare ritmo sonno-veglia, addormentarsi da solo, dormire nel proprio letto ) Controllo sfinterico (diurno e notturno) Vestirsi/svestirsi (togliere maglie aperte davanti, togliere pantaloni, slacciare bottoni, zip..) Lavarsi (mani, viso, denti, bagno )

5 Autonomie personali avanzate Alimentazione (preparare una merenda, mescolare ingredienti, seguire una ricetta, preparare un pasto ) Igiene personale/cura di sè (farsi la doccia, prendersi cura di unghie, capelli, igiene intima, depilazione/rasatura ) Vestirsi/svestirsi (scegliere indumenti adatti al clima..)

6 Autonomie personali avanzate Attività domestiche all interno (apparecchiare/sparecchiare, buttare la spazzatura, spazzare, spolverare, rifare il letto, lavare i panni, riordinare i vestiti ) Attività domestiche all esterno (rastrellare foglie, piantare fiori, togliere erbacce, lavare la macchina )

7 Autonomie sociali (vita di comunità) Rispondere al telefono Fare una telefonata Usare l orologio Fare la lista della spesa Fare la spesa seguendo una lista Andare in autobus / usare mezzi pubblici Ordinare un pasto (al bar, al fast food, al ristorante ) Pagare il conto Noleggiare un video Andare dal barbiere/parrucchiere Prendere un libro in biblioteca Andare a fare compere Andare alle poste

8 Autonomie: quali strumenti per insegnarle? Apprendimento senza errori Concatenamento azioni Task Analysis Ausili visivi (liste scritte, liste o mappe con icone/immagini Simulate / role playing Costruzione di copioni Storie sociali

9 Indicazioni generali Quando vengono insegnate le autonomie personali è importante: avere ben presente il tipo di attività che si vuole insegnare suddividere il compito in step consecutivi (piccoli o piccolissimi compiti da insegnare singolarmente e poi in sequenza) prediligere, in generale, l aiuto con la guida fisica o con supporti visivi (es sequenze visive) a seconda delle caratteristiche del bambino/a e del compito da insegnare eliminare o ridurre il più possibile gli aiuti verbali, poiché non è possibile sfumarli e dunque creano dipendenza condividere con tutti gli operatori obiettivi e strategie d intervento, al fine di procedere tutti insieme e avere un maggiore impatto sugli apprendimenti

10 Esempi

11 Andare al centro commerciale Esempio di analisi del compito Salire in macchina ed arrivare al centro commerciale Scendere dalla macchina Prendere il carrello Entrare Comprare le cose che sono nella lista della spesa Andare alla cassa Pagare il conto Andare alla macchina

12 La lista della spesa Prima di andare al supermercato potrebbe essere utile preparare una lista di ciò che si dovrà/potrà comprare in modo scritto o con le immagini (es. presi dai volantini promozionali) Latte Succo di frutta Biscotti Mele Potrebbe anche essere utile insegnare a spuntare i nomi dall elenco

13

14 Lista del materiale da mettere nello zaino di scuola Per favorire l organizzazione autonoma del proprio materiale potrebbe essere utile scrivere una lista di oggetti/materiali da mettere nello zaino di scuola: Astuccio Diario Merenda quaderno di... libro di

15 Sequenza delle azioni che si svolgono per vestirsi VESTIRSI Mettere le mutande Mettere la maglietta Mettere le calze Mettere i pantaloni Mettere il magione Mettere le scarpe

16

17 TASK ANALYSIS COMPITO: STENDERE I PANNI LEGENDA BAMBINO: X RINFORZI: Palla 3 = guida fisica totale 2 = guida moderata 1 = guida lieve 0 = senza aiuto Comportamento Base Prove di insegnamento Prendere la bacinella in bagno 2 Mettere la bacinella sul tavolo 1 Prendere 1 indumento 1 Stendere sullo stendipanni 0 Prendere la molletta dal cestino 0 Mettere la molletta sull indumento 0 Prendere 1 indumento dalla bacinella 1 Stendere sullo stendipanni 0 Prendere la molletta dal cestino 0 Mettere la molletta sull indumento. 0 Portare la bacinella in bagno 2

18 Fornire una sequenza di azioni per gestire un evento non quotidiano e non piacevole SI VA DAL DOTTOR ROSSI - Si aspetta nella sala di attesa - Si entra in ambulatorio e ci si siede sul lettino - Il dottore guarderà la gola di Luca - Il dottore sentirà il battito del cuore di Luca con lo stetoscopio - Si va a prendere un gelato

19

20 Oppure posso usare le storie sociali Le storie sociali possono essere usate per affrontare un numero infinito di tematiche con l obiettivo di offrire le informazioni sociali che il bambino/ragazzo fatica ad estrapolare autonomamente dal contesto naturale. Una storia sociale dovrebbe avere le seguenti caratteristiche: Avere un titolo che indichi chiaramente il significato generale della storia, che può essere espresso in forma di domanda a cui la storia darà una risposta Utilizzare un linguaggio positivo, con descrizioni di risposte e comportamenti positivi. Se è necessario fare riferimento a comportamenti negativi è bene farlo in seconda o terza persona (ad es. A volte le persone possono fare qualcosa che offende un altra persona senza volerlo. Questo è uno sbaglio)

21 storie sociali Essere precisa in senso letterale, con l uso di parole come di solito e a volte per assicurarne la correttezza; Utilizzare parole alternative per mantenere un tono pacato e positivo ( ad es. nuovo diventa migliore, cambiare diventa sostituire, ecc ) Può contenere illustrazioni per chiarire e migliorare la comprensione del testo Utilizzare uno stile e un formato motivante o che riflette gli interessi della persona cui è destinata.

22 storie sociali Si consiglia di costruire la storia sociale assieme al ragazzo, una parte alla volta in un lasso di tempo piuttosto lungo in modo da garantirne la comprensione e l interiorizzazione. È bene evitare di presentare la storia sociale durante un evento difficile, in momenti di agitazione oppure come conseguenza punitiva per un comportamento negativo.

23 Storia sociale: Andare dal dottore Qualche volta le persone stanno male (o meglio specificare la tipologia es. male alla gola) Anche Luca qualche volta sta male Quando Luca sta male la mamma lo porta dal dottor Rossi Per andare dal Dr.Rossi si sale in macchina, si parte e si arriva in via Si entra nello studio del dottore e si aspetta nella sala di attesa Poi si entra in ambulatorio e ci si siede sul lettino Luca apre la bocca e fa guardare la gola al dottore Il dottore da una medicina da prendere per togliere il male di gola Si esce dall ambulatorio e poi la mamma porta Luca a prendere un gelato

24 Come insegnare alcune autonomie di base per i più piccoli

25 Toilet training E possibile registrare su una tabella di frequenza gli orari in cui si verifica la minzione o la defecazione, in modo da portare il bambino in bagno proprio in quegli orari provare ad accompagnare il bambino in bagno ad orari stabiliti con l intento di costituire una routine che possa essere prevedibile e rassicurante per lui. Utilizzare strategie visive (es. foto) per anticipargli l azione Rinforzare molto ogni volta che il bambino fa la cacca o la pipì con un premio che il bambino può ottenere solo in quell occasione.

26 Prima delle Oltre le Prima delle Oltre le RILEVAMENTO PER TOILET TRAINING Settimana dal al Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica COMMENTI Settimana dal al Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica COMMENTI LEGENDA: CP = cacca nel pannolino PP = pipì nel pannolino PA = pannolino asciutto CW = cacca nel water PW = pipì nel water

27 Esempio di procedura Togliere il pannolino. Dopo aver tolto il pannolino non deve essere più rimesso, ad eccezione del pisolino e delle ore notturne Al risveglio il pannolino deve essere tolto prima di mettere il bambino giù dal letto Portare il bambino in bagno ogni ora circa Rinforzare dopo che ha fatto pipì, con un FORTE rinforzatore esclusivo per questo momento che non dovrà essere concesso nel resto della giornata per nessuna altra ragione Concedere il rinforzatore immediatamente dopo aver finito la pipì (per un ottima somministrazione è consigliabile portarsi dietro il rinforzatore ogni volta che il bambino va in bagno, in modo da tenerlo a disposizione se lui la dovesse fare nel water)

28 Esempio di procedura Fare bere molto il bambino Fare una baseline (linea di base) attraverso la presa dati Una volta fatta la baseline portare in bagno il bambino considerando il tempo di autonomia valutato durante il monitoraggio dei primi giorni; ad es. se dovesse fare la pipì ogni 50 minuti (in media), si dovrà aver cura di condurre il bambino in bagno ogni 40/45 minuti per evitare l incidente. Il bambino dovrà essere aiutato (se non è ancora indipendente) per togliersi le mutande ed i pantaloni. Se il bambino dovesse fare la pipì nei pantaloni (dopo il periodo di baseline), non gli va data nessun tipo di attenzione (né negativa, né positiva). Lo si potrà cambiare solo dopo qualche minuto senza nessun commento.

29 Esempio di procedura Cose da NON fare: Portare il bambino troppo spesso in bagno per evitare incidenti (non rispettando la sua media di autonomia) potrebbe risultare punitivo. Bloccare un gioco divertente e portare il bambino immediatamente in bagno. NON sgridare il bambino per aver fatto la pipì nei pantaloni. NON guardare il bambino e NON dirgli qualsiasi cosa mentre lo si riveste dopo aver fatto la pipì nei pantaloni. PRESA DATI per il Toilet Training Nella presa dati pipì troverete nella colonna a sx dei numeri che indicano la data del giorno. Nelle caselline bianche inserire, per ogni giornata: orario in cui si porta il bambino in bagno per fare la pipì; un + o un (sotto l ora) se il bambino fa o meno la pipì nel WC; evidenziate l ora se il bambino ha fatto la pipì nei pantaloni

30 Selettività alimentare Fare una baseline con gli alimenti che il bambino mangia volentieri Predisporre un super premio utilizzabile solo per l alimentazione (video?) Realizzare una routine iniziale rassicurante per andare a tavola Mettere un po di cibo insieme a ciò che il bambino già mangia e premiare immediatamente lo sforzo Aumentare sempre di più il cibo inserito e diminuire quello iniziale Non correre troppo!

31 Selettività alimentare Esempio: Luca mangia solo il pane. Introduciamo i maccheroni. Mettiamo su un pezzo di pane un piccolo pezzetto di maccherone. Rinforziamo immediatamente ogni boccone Gradualmente diminuire le dimensioni del pane (fading out) ed aumentiamo quelle del maccherone (fading in)

32 Comprensione del tempo Imparare ad usare un agenda, il calendario, l orologio od anche solo un timer che indica quanto durerà un attività sono abilità di autonomia che aiutano anche a gestire l ansia del quando o cosa accadrà dopo. Time timer

33 Elenchi di idee/attività da insegnare a ragazzi e ragazze

34 Cura di sé Lavarsi le mani Lavare la faccia e i denti Vestirsi Mettersi/togliersi/appendere la giacca Tirare su la cerniera, abbottonarsi Usare il bagno Fare il bagno/la doccia/appendere accappatoio Pulire la vasca/la doccia/il bidet

35 Abilità cognitive Segnare assenti e presenti nel registro Portare messaggi verbali/non verbali in segreteria Smistare e recapitare la posta degli insegnanti Recapitare pacchi all interno della scuola Mettere posta/annunci nelle cartelle degli insegnanti Creare sacchetti per regali (progetto d arte) Negozio della scuola (vendere biscotti, torte, oggetti creati dagli studenti) Usare la calcolatrice (con i soldi del negozio della scuola) Comprare oggetti nel negozio della scuola Mettere a posto i libri in biblioteca Smistare/dividere i libri dalle riviste Acquistare merendine/caffè dalla macchinetta

36 Abilità cognitive Riempire i barattoli di tempera nell aula di disegno Fare fotocopie Tagliare e smistare i buoni sconto Smistare posta Fare la punta a pastelli/matite Smistare pastelli/pastelli a cera per varie classi Graffettare plichi Mettere a posto attrezzi per ginnastica (smistare oggetti tipo corde coni, tappetini, ecc ) Smistare immagini PECS per studenti della scuola Fare un inventario del mobiletto delle merendine e fare un elenco della spesa Timbrare libri nuovi arrivati in biblioteca Smistare monetine

37 Abilità domestiche Smistare posate Pulire giocattoli Portare fuori la spazzatura Raccogliere/lavare/riportare tazze del caffè degli insegnanti Vestirsi Dare la polvere Dar da mangiare agli animali, pulire la boccia del pesce, ecc Smistare la biancheria sporca Annaffiare le piante Preparare un pasto Preparare la merenda Apparecchiare la tavola Smistare e mettere via la spesa Smistare oggetti da riciclare Passare la scopa

38 Abilità domestiche Lavare i panni Stendere i panni Piegare la biancheria pulita Smistare/mettere via la biancheria pulita Preparare oggetti necessari per il pranzo (tovagliolo, posate, bicchiere, ecc ) Andare a prendere la posta Mettere/togliere stoviglie nella/dalla lavastoviglie Fare il letto Passare lo straccio Passare l aspirapolvere Pulire le lavagne Lavare i piatti Pulire le finestre Pulire le sedie Pulire attrezzi per ginnastica (materassini, ecc )

39 Abilità domestiche all esterno Rastrellare le foglie Piantare fiori Togliere le erbacce Dar da mangiare agli uccelli Vangare Spazzare Pulire i vetri Lavare la macchina/pulmino

40 Preparazione di cibi Panini Pane e nutella Cioccolata in tazza Affogato Toast Popcorn nel microonde Torte pre-fatte Pastina in brodo Pasta in bianco Minestrone/passato di verdure congelato Ravioli pronti Riso in busta

41 Vita nella comunità Fare la lista della spesa (con immagini) Fare la spesa seguendo la lista Andare in autobus/treno/metropolitana Ordinare un pasto in un fast food Acquistare un pasto in un fast food Attraversare la strada Ordinare un pasto al ristorante Pagare il conto al ristorante Noleggiare un video Andare dal barbiere/dalla parrucchiera Prendere un libro in biblioteca Andare a fare compere (vestiti) Imbucare/spedire lettere Depositare/prelevare soldi in banca

42 Fonti CD Facilitare la comunicazione nell autismo Ed. Erickson CD Pics for PECS Ed. Pyramid UK Bibliografia da consultare: Verso l autonomia, Vannini Editrice Laboratorio Autonomia nell Autismo, Erickson

AUTONOMIE PERSONALI E SOCIALI

AUTONOMIE PERSONALI E SOCIALI AUTONOMIE PERSONALI E SOCIALI Servizio Provinciale di Psichiatria e Psicoterapia dell Età Evolutiva Divisione di Psichiatria e Psicoterapia dell Età Evolutiva Dott.ssa Donatella Arcangeli AUTONOMIE Favorire:

Dettagli

Che cos e il porta a porta?

Che cos e il porta a porta? Che cos e il porta a porta? È un nuovo modo di realizzare la raccolta dei rifiuti urbani. Si eliminano quasi tutti i cassonetti su strada e vengono consegnate ad ogni utenza piccole pattumiere in cui depositare

Dettagli

ITALIANO L2 E INFANZIA Percorso di ricerca-azione

ITALIANO L2 E INFANZIA Percorso di ricerca-azione 1. IL PROGETTO Finalità Il nostro istituto è caratterizzato da una massiccia presenza di alunni non italofoni, provenienti in particolar modo da contesti linguistici estremamente distanti. La didattica

Dettagli

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa 5 Lei e Lui 1 Chi fa cosa? Lavora con un compagno. Insieme guardate questa famiglia: lei, lui, un bambino e una bambina. È mattina, tutti si sono appena svegliati e si preparano per uscire. Secondo voi

Dettagli

Corso di formazione. Autismo. L intervento strutturato. Dott.ssa Clea Terzuolo. Centro Autismo e Sindrome di Asperger ASL CN1, Mondovì

Corso di formazione. Autismo. L intervento strutturato. Dott.ssa Clea Terzuolo. Centro Autismo e Sindrome di Asperger ASL CN1, Mondovì Corso di formazione Autismo L intervento strutturato Dott.ssa Clea Terzuolo Centro Autismo e Sindrome di Asperger ASL CN1, Mondovì L INTERVENTO EDUCATIVO In Ambulatorio Attività cognitive Sviluppo di autonomie

Dettagli

EDUCAZIONE STRUTTURATA E AUSILI VISIVI

EDUCAZIONE STRUTTURATA E AUSILI VISIVI EDUCAZIONE STRUTTURATA E AUSILI VISIVI Centro Autismo e Disturbi dello Sviluppo Azienda USL di Rimini U.O. di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Formazione insegnanti anno scolastico 2013-14

Dettagli

AL MERCATO PROPOSTE MATERIALI

AL MERCATO PROPOSTE MATERIALI AL MERCATO PROPOSTE visite al mercato di quartiere e a negozi di vario genere verbalizzazione delle esperienze realizzate domande adeguate per acquistare, per chiedere il prezzo nomenclatura di: merce,

Dettagli

I n d i c e 7 11 13 15 25 39 49 63 81 93 113 125

I n d i c e 7 11 13 15 25 39 49 63 81 93 113 125 Indice 7 Premessa 11 Prefazione 13 Introduzione 15 CAP. 1 La strutturazione dell ambiente fisico 25 CAP. 2 L agenda delle attività giornaliere 39 CAP. 3 Prepararsi per le occasioni speciali 49 CAP. 4 Apprendere

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Percorsi di Crescita e di Autonomia per giovani adulti con disabilità

Percorsi di Crescita e di Autonomia per giovani adulti con disabilità Percorsi di Crescita e di Autonomia per giovani adulti con disabilità L esperienza della casa appartamento realizzata dall Associazione Genitori Scatenati in collaborazione con l A.S.S. 4 Medio Friuli

Dettagli

Calendario. Febbraio. Marzo. Gennaio. Giugno. Maggio. Aprile. Agosto. Novembre

Calendario. Febbraio. Marzo. Gennaio. Giugno. Maggio. Aprile. Agosto. Novembre Calendario Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Checklist Cucina Bagni Camere da letto Sala da pranzo Varie&Eventual Pulizia d emergenza 1. Vestiti,

Dettagli

Prove per l accertamento del livello conoscenza dell Italiano L2

Prove per l accertamento del livello conoscenza dell Italiano L2 Prove per l accertamento del livello conoscenza dell Italiano L2 PRE LIVELLO A1 6-8 anni PROVA N. 1 Ascolto di parole e riconoscimento del disegno corrispondente PROVA N. 2 Ascolto di frasi e riconoscimento

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA.

LA COMUNICAZIONE E LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA. Fondazione Opera San Camillo Presidio Sanitario San Camillo - Torino LA COMUNICAZIONE E LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA. 27 maggio 2015 Donatella Verrastro - logopedista Fondazione Opera San Camillo Presidio

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado. Data Insegnante

QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado. Data Insegnante QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado Data Insegnante Genitore/i compilatore/i Alunno Nome Data di nascita Scuola di provenienza Cognome Età (anni e mesi

Dettagli

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE IN CUCINA. http://gold.bdp.it/nazionale/

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE IN CUCINA. http://gold.bdp.it/nazionale/ Direzione Didattica di Biella 2 Circolo Scuola Primaria xxv aprile Chiavazza - anno scolastico 2005/ 2006 LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE IN CUCINA http://gold.bdp.it/nazionale/ VADO, COMPRO, COCINO CON...

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Laboratorio di Comunicazione Aumentativa Alternativa CAA

Laboratorio di Comunicazione Aumentativa Alternativa CAA Scuola polo di Cuneo I.I.S. Grandis Corso IV Novembre, 16 - Cuneo Laboratorio di Comunicazione Aumentativa Alternativa CAA COGNO Stefania psicologa NPIASLCN1 Fossano GAVEGLIO Maria Teresa Educatrice Professionale

Dettagli

QUARTIERE. CITTÀ DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Assessorato alle Politiche Ambientali RAGNOLA F.E.E. ITALIA

QUARTIERE. CITTÀ DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Assessorato alle Politiche Ambientali RAGNOLA F.E.E. ITALIA CITTÀ DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Assessorato alle Politiche Ambientali F.E.E. ITALIA QUARTIERE RAGLA 5 Nel tuo quartiere da lunedì 2 maggio tutti i cassonetti cominceranno ad andare via! FACCIAMO BENE

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE FARFALLE Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Videók forgatókönyve. 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk!

Videók forgatókönyve. 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk! Videók forgatókönyve 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk! 1. Videó: Eszem-iszom Videók forgatókönyve további információ a www.littlepim.hu oldalon Little Pim

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA a Porta ECOCALENDARIO2015/16

RACCOLTA DIFFERENZIATA a Porta ECOCALENDARIO2015/16 RACCOLTA DIFFERENZIATA a Porta ECOCALENDARIO2015/16 SACCHETTO AVORIO (biodegradabile e compostabile) NEL CONTENITORE MARRONE > ORGANICO COSA: briciole, bucce di frutta e verdura, lettiera per animali,

Dettagli

I PANNELLI DA APPENDERE NELLA SCUOLA. a.depadova@gmail.com www.benessereinternolordo.net

I PANNELLI DA APPENDERE NELLA SCUOLA. a.depadova@gmail.com www.benessereinternolordo.net I PANNELLI DA APPENDERE NELLA SCUOLA Compra prodotti alla spina Chiedi a tua nonna come si faceva a portare a casa la spesa quando non c'erano le confezioni di plastica. Convinci la mamma a comprare latte,

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Cosa farò da grande?

Cosa farò da grande? Scuola dell Infanzia Paritaria Maestre Pie Rimini Progetto educativo Cosa farò da grande? Anno Scolastico 2009/2010 Quest anno abbiamo voluto coinvolgere i bambini e le famiglie in una programmazione incentrata

Dettagli

OGGETTO: RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA. Trasmissione materiale informativo.

OGGETTO: RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA. Trasmissione materiale informativo. (PROVINCIA DI COSENZA) PROTOCOLLO N. 992 DEL 17/04/2009 AL SIG. OGGETTO: RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA Trasmissione materiale informativo. In riferimento a quando in oggetto, si trasmette la cartella

Dettagli

TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Dott.ssa Giada Barbi

TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Dott.ssa Giada Barbi TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Dott.ssa Giada Barbi Perchè ci servono tecniche specifiche? Secondo la prospettiva comportamentale, l'autismo è una sindrome caratterizzata da carenze

Dettagli

PROGETTO PEDAGOGICO DI SEZIONE Anno Scolastico 2014/2015 L educazione è l arma della Pace

PROGETTO PEDAGOGICO DI SEZIONE Anno Scolastico 2014/2015 L educazione è l arma della Pace PROGETTO PEDAGOGICO DI SEZIONE Anno Scolastico 2014/2015 L educazione è l arma della Pace Il metodo pedagogico di Maria Montessori, al quale ci ispiriamo, prevede l accompagnamento, da parte di uno o più

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

I.C. BALANGERO. scuola casa. e... Vivere in sicurezza a a. pag. 1

I.C. BALANGERO. scuola casa. e... Vivere in sicurezza a a. pag. 1 I.C. BALANGERO scuola casa Vivere in sicurezza a a pag. 1 e... FILASTROCCA SICURA Ecco arriva la bidella che ci suona la campanella, se sicuro vuoi entrare certo non devi accelerare. Ecco posa la cartella

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo Le storie sociali Francesca Vinai e Clea Terzuolo . Qual è il punto di forza delle Storie Sociali??? PENSIERO VISIVO Uso di strategie visive migliora la comprensione, lo svolgimento delle attività, ma

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La Casalinga Ideale - CASA DOP

La Casalinga Ideale - CASA DOP Bagno (n.1) tempo stimato 25' o Vuota gli armadietti del bagno, uno alla volta; o Butta i cosmetici scaduti o aperti da troppo tempo; o Pulisci l'interno dell'armadietto; o Riponi all'interno le cose che

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Gli interventi educativi/abilitativi. Dott.ssa Silvia Chieregato Dott.ssa Emanuela Rocci

Gli interventi educativi/abilitativi. Dott.ssa Silvia Chieregato Dott.ssa Emanuela Rocci Gli interventi educativi/abilitativi Dott.ssa Silvia Chieregato Dott.ssa Emanuela Rocci CHI SIAMO AUTISMO&SOCIETA DIRETTORE SCIENTIFICO DOTT. L.MODERATO METODO SUPERABILITY INTERVENTI ABILITATIVI-EDUCATIVI

Dettagli

Progetto di educazione alimentare

Progetto di educazione alimentare Progetto di educazione alimentare PREMESSA Il Progetto Alimentazione, pur rientrando nel campo dell Educazione alla Salute, non vuole essere semplicemente inteso come educazione igienico sanitaria, finalizzata

Dettagli

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia Unità 19 Risparmiare acqua: consigli pratici CHIAVI In questa unità imparerai: a parlare dell uso responsabile dell acqua le parole relative all utilizzo dell acqua a usare verbi quali occorrere, servire,

Dettagli

VACANZE DI BRANCO A SAVOGNATICA 26 LUGLIO-1 AGOSTO 2009!!

VACANZE DI BRANCO A SAVOGNATICA 26 LUGLIO-1 AGOSTO 2009!! VACANZE DI BRANCO A SAVOGNATICA 26 LUGLIO-1 AGOSTO 2009!! Anche quest anno il branco Roccia della Pace partirà per un altra fantastica avventura insieme! Le VdB sono un occasione per tutti i fratellini

Dettagli

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A COMUNE DI OPERA SERVIZIO AMBIENTE ED ECOLOGIA Campagna informativa

Dettagli

OBIETTIVO: RAGGIUNGERE IL 65%

OBIETTIVO: RAGGIUNGERE IL 65% COMUNE DI MONDOLFO PROVINCIA di PESARO e URBI OBIETTIVO: RAGGIUNGERE IL 65% Questa Guida ti aiuta a risolvere i più comuni dubbi su come fare una buona raccolta differenziata, per raggiungere insieme l

Dettagli

Cosa metto e cosa non metto nel cassonetto

Cosa metto e cosa non metto nel cassonetto Comune di Cingoli Cosa metto e cosa non metto nel cassonetto VADEMECUM per la raccolta differenziata nel comune di Cingoli Ai residenti del comune di Cingoli Presto partirà a Cingoli il sistema di raccolta

Dettagli

PREMIO ANGHIARI PAROLE, SUONI, COLORI, DIVERSI EDIZIONE 2009

PREMIO ANGHIARI PAROLE, SUONI, COLORI, DIVERSI EDIZIONE 2009 PRESENTAZIONE SUSSIDIO B PREMIO ANGHIARI PAROLE, SUONI, COLORI, DIVERSI EDIZIONE 2009 INTRODUZIONE Il progetto di seguito presentato nasce dalla mia esperienza, come docente di sostegno, con l alunno S.B.,

Dettagli

Esercizi pronomi diretti

Esercizi pronomi diretti 1. Completate con i pronomi diretti: Esercizi pronomi diretti 1. Marina ha la tosse, dobbiamo portar dal dottore. 2. Signorina, prego di salutare i Suoi genitori quando vedrà. 3. Caro, sei libero stasera?

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ALUNNI A RISCHIO BES E DSA

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ALUNNI A RISCHIO BES E DSA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di CASAPESENNA SCUOLA DELL'INFANZIA GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ALUNNI A RISCHIO BES E DSA ART. 3 comma 3 della Legge n. 170 del 2010: È compito della

Dettagli

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi Il servizio Home Autismo basa il suo intervento sui principi e approcci educativi del programma

Dettagli

Verso la scuola secondaria: inizio del viaggio. - consegna cartellino studente biglietto di benvenuto maglietta ISMI - Patto di Corresponsabilità

Verso la scuola secondaria: inizio del viaggio. - consegna cartellino studente biglietto di benvenuto maglietta ISMI - Patto di Corresponsabilità PROGETTO ACCOGLIENZA 8-12 settembre 2014 Verso la scuola secondaria: inizio del viaggio Classe Prima A. S. 2014 2015 I giorno 8.09.2010, LUNEDI ore 9 cortile interno - saluto della Superiora e preside.;

Dettagli

RIFIUTO AGENDE DI CARTA E/O CARTONCINO ALLUMINIO ANTINE DI MOBILI IN FERRO

RIFIUTO AGENDE DI CARTA E/O CARTONCINO ALLUMINIO ANTINE DI MOBILI IN FERRO RIFIUTO AGENDE DI CARTA E/O CARTONCINO ALLUMINIO ANTINE DI MOBILI IN FERRO APPARECCHI ELETTRONICI (tv,stampanti,computer ecc) ASPIRAPOLVERE AVANZI DI TORTE, PASTI IN GENERE AVANZI FREDDI DI CUCINA BATTERIE

Dettagli

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie La Raccolta Differenziata a casa tua istruzioni per l uso guida per le famiglie Raccolta Differenziata Le novità Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve

Dettagli

C O M U N E di M I S T R E T T A

C O M U N E di M I S T R E T T A UTENZE DOMESTICHE - giugno 2014 1 DOMENICA 2 LUNEDI' 3 MARTEDI' 4 MERCOLEDI' 5 GIOVEDI' 6 VENERDI' 7 SABATO 8 DOMENICA 9 LUNEDI' 10 MARTEDI' 11 MERCOLEDI' 12 GIOVEDI' 13 VENERDI' 14 SABATO 15 DOMENICA

Dettagli

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia Unità 19 Risparmiare acqua: consigli pratici In questa unità imparerai: a parlare dell uso responsabile dell acqua le parole relative all utilizzo dell acqua a usare verbi quali occorrere, servire, volerci

Dettagli

Laboratorio autonomia nell autismo

Laboratorio autonomia nell autismo Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Mary Wrobel Laboratorio autonomia nell autismo Igiene, salute e sessualità Erickson

Dettagli

03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 95 M ODULO 1 CASA. Fogli di lavoro

03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 95 M ODULO 1 CASA. Fogli di lavoro 03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 95 M ODULO 1 CASA Fogli di lavoro 03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 97 F OGLIO DI LAVORO 1 Soluzioni abitative che conosco Per favore riporti

Dettagli

BENESSERE. proponendosi come LUOGO DI DI VALORI LA COORDINATRICE E LE EDUCATRICI

BENESSERE. proponendosi come LUOGO DI DI VALORI LA COORDINATRICE E LE EDUCATRICI 2014-2015 Il Nido Integrato è un servizio sociale che risponde alle esigenze delle famiglie e concorre ad assicurare al bambino l educazione, la formazione umana e cristiana, l integrità fisica e psichica,

Dettagli

Le attività che verranno proposte ai bambini hanno come obiettivo pedagogico principale quello di consentire l acquisizione di una propria autonomia,

Le attività che verranno proposte ai bambini hanno come obiettivo pedagogico principale quello di consentire l acquisizione di una propria autonomia, Il Giocanido è un asilo nido nato a seguito di una ventennale esperienza di gioco con i bambini tra il 1^ ed il 3^ anno di età che si propone di cogliere, stimolare e rinforzare le manifestazioni ludiche

Dettagli

IL BAMBINO CON AUTISMO A SCUOLA. 29 APRILE 2016 Dott.ssa Marta Bernardini

IL BAMBINO CON AUTISMO A SCUOLA. 29 APRILE 2016 Dott.ssa Marta Bernardini IL BAMBINO CON AUTISMO A SCUOLA 29 APRILE 2016 Dott.ssa Marta Bernardini IL BAMBINO CON AUTISMO A SCUOLA Promuove le interazioni sociali Amplia il repertorio di autonomie personali Favorisce la generalizzazione

Dettagli

PORTA A PORTA GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA. Comune di Pettorano sul Gizio LA TUA COLLABORAZIONE E INDISPENSABILE

PORTA A PORTA GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA. Comune di Pettorano sul Gizio LA TUA COLLABORAZIONE E INDISPENSABILE Comune di Pettorano sul Gizio GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA E il nuovo sistema domiciliare con cui il Comune di Pettorano sul Gizio provvederà al ritiro dei rifiuti direttamente avanti

Dettagli

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO.

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. COMUNE DI Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PER RENDERE EFFICIENTE UN SERVIZIO AL CITTADINO NEL RISPETTO DELLE REGOLE DETTATE DALLA COMUNITA

Dettagli

I n d i c e 105 151 165 181

I n d i c e 105 151 165 181 I n d i c e 9 Introduzione 13 UNITÀ 1 33 UNITÀ 2 Il nome 59 UNITÀ 3 L aggettivo 83 UNITÀ 4 Il pronome 105 UNITÀ 5 Il verbo 151 UNITÀ 6 La congiunzione 165 UNITÀ 7 La preposizione 181 UNITÀ 8 L avverbio

Dettagli

autismo e autonomia personale nella scuola

autismo e autonomia personale nella scuola Flavia Caretto, Bruna Scalese, Gabriella Dibattista autismo e autonomia personale nella scuola Ora ti insegno disse lei prendendo le mie mani e facendomi vedere come dovevo fare. Fu un momento importante

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA. Servizio pulizie. UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A)

PIANO DELLE ATTIVITA. Servizio pulizie. UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A) PIANO DELLE ATTIVITA Servizio pulizie UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A) ore 8.30 alle ore 11.45 ore 11.45 alle ore 12.30 Pulizia

Dettagli

Giorno Importo Note. lunedì 10 gennaio 2011 $ 350,00 Materiale scolastico per 14 bambini che mandiamo a scuola

Giorno Importo Note. lunedì 10 gennaio 2011 $ 350,00 Materiale scolastico per 14 bambini che mandiamo a scuola Giorno Importo Note lunedì 10 gennaio 2011 $ 350,00 Materiale scolastico per 14 bambini che mandiamo a scuola martedì 25 gennaio 2011 $ 62,25 Materiale per servizio di taglio capelli mercoledì 26 gennaio

Dettagli

Direzione Generale Uff. I Dirigente Stefano Versari. Nota prot. 16922 del 12 novembre 2008

Direzione Generale Uff. I Dirigente Stefano Versari. Nota prot. 16922 del 12 novembre 2008 LO SPAZIO DEDICATO: l angolo di lavoro I bambini autistici faticano ad organizzarsi da soli, ad orientarsi e a riconoscere la destinazione dei vari spazi I bambini autistici in genere presentano grande

Dettagli

COMPETENZA TRASVERSALE COMPORTAMENTO RUBRICA VALUTATIVA CLASSI PRIMA E SECONDA

COMPETENZA TRASVERSALE COMPORTAMENTO RUBRICA VALUTATIVA CLASSI PRIMA E SECONDA COMPETENZA TRASVERSALE COMPORTAMENTO RUBRICA VALUTATIVA CLASSI PRIMA E SECONDA DIMENSIONI INDICATORI ANCORE RELAZIONE CON GLI ALTRI E RISPETTO DELLE REGOLE DI CONVIVENZA Partecipa a scambi comunicativi

Dettagli

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare Unità 1 Raccolta differenziata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla raccolta differenziata parole relative alla raccolta differenziata e ai rifiuti a usare

Dettagli

QUALE TIPO DI RIFIUTO BUTTO NELL ORGANICO?

QUALE TIPO DI RIFIUTO BUTTO NELL ORGANICO? Differenziare i rifiuti L'importanza della raccolta differenziata La raccolta differenziata è il modo migliore per preservare e mantenere le risorse naturali, a vantaggio nostro, dell'ambiente in cui viviamo

Dettagli

U.D.A. DALL ARTE AL PROBLEMA

U.D.A. DALL ARTE AL PROBLEMA U.D.A. DALL ARTE AL PROBLEMA Scuola dell Infanzia Gianna Carboni Vidoni Secchiano (RN) Referente Eleonora Celli eliu1979@hotmail.com MAPPA CONCETTUALE PROBLEMA situazione problematica non necessariamente

Dettagli

REGOLAMENTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO SCOLASTICO Scuola Primaria paritaria S. Agostino REGOLAMENTO SCOLASTICO Via Pascoli, 23 43039 SALSOMAGGIORE TERME (PR) TEL/FAX 0524/574639 e-mail: info@scuolasantagostino.it Regolamento scolastico Affinché l esperienza

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI (appendice del Regolamento d Istituto)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI (appendice del Regolamento d Istituto) SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SEC I GRADO di Melara S. Pertini C. Collodi F. Rismondo Direzione e Segreteria C.F. 8002186032 Via Forlanini 32, 34139 Trieste Tel. 040-912882 / Fax 040-9148004

Dettagli

Comune di Montefortino

Comune di Montefortino Comune di Montefortino Provincia di Fermo RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI RACCOLTA UMIDO Utilizza il cassonetto marrone per la raccolta dell UMIDO SI COSA INSERIRE: Avanzi freddi di cibo, scarti di

Dettagli

Regolamento dell asilo il birbantello

Regolamento dell asilo il birbantello Regolamento dell asilo il birbantello È molto importante che ci sia collaborazione fra genitori e educatrici, per poter far crescere ed accudire nel modo migliore i vostri bimbi. È importante, per garantire

Dettagli

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO, DA

Dettagli

CITTÀ DI LECCE. AMBITO di RACCOLTA OTTIMALE LE/4 PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DA UTENZA NON DOMESTICA TRAMITE ECOMOBILE

CITTÀ DI LECCE. AMBITO di RACCOLTA OTTIMALE LE/4 PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DA UTENZA NON DOMESTICA TRAMITE ECOMOBILE AMBITO di RACCOLTA OTTIMALE LE/4 (EX CONSORZIO ATO LE/1) CITTÀ DI LECCE PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DA UTENZA NON DOMESTICA TRAMITE ECOMOBILE PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA DI

Dettagli

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008 53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29--28 Linee guida T.O. C Cotroneo T.O. M. Quadrana, T.O. D. russo

Dettagli

ASILO NIDO L ALLEGRA BRIGATA

ASILO NIDO L ALLEGRA BRIGATA ASILO NIDO L ALLEGRA BRIGATA LA CARTA DEI SERVIZI Che cos è e a chi si rivolge L asilo nido si propone come un servizio educativo e sociale di interesse pubblico; favorisce l'armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone Livello A1 Unità 1 Raccolta differenziata Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Chiavi 1. Metti i rifiuti nel contenitore giusto. (drag and drop) vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi

Dettagli

MOTIVAZIONE: Tratto da http://www.canossianevilla.it/wp/piano-di-lavoro-annuale-routine-che-accolgono/

MOTIVAZIONE: Tratto da http://www.canossianevilla.it/wp/piano-di-lavoro-annuale-routine-che-accolgono/ Piano di lavoro annuale: Routine che accolgono Istituto Canossiano Villafranca di Verona Esperienze realizzate con tutti i bambini della scuola Da settembre 2012 a giugno 2013 Tratto da http://www.canossianevilla.it/wp/piano-di-lavoro-annuale-routine-che-accolgono/

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Comune di. Camaiore FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO LIDO ZONA MARE OPUSCOLO INFORMATIVO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE

Comune di. Camaiore FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO LIDO ZONA MARE OPUSCOLO INFORMATIVO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE Comune di Camaiore CAMAIORE VERSO RIFIUTI ZERO FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO OPUSCOLO INFORMATIVO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE LIDO ZONA MARE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A

Dettagli

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI 1 a.s. 2006/07 Attività prodotta da: Silvia Fantina- Silvia Larese- Mara Dalle Fratte. Proposta di lavoro stratificata Materiali: test ITALIANO COME LINGUA

Dettagli

Scuola dell Infanzia. Patto di corresponsabilità

Scuola dell Infanzia. Patto di corresponsabilità Scuola dell Infanzia Informazioni per i genitori Patto di corresponsabilità È il bambino che fa l uomo e nessun uomo esiste che non sia stato creato dal bambino che è stato. Maria Montessori Quest istituzione

Dettagli

Vivere in sicurezza a scuola e... a casa

Vivere in sicurezza a scuola e... a casa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CORIO Via Ponte Picca, 2 10070 CORIO (TO) iccorio@libero.it www.iccorio.altervista.org Vivere in sicurezza a scuola e... a casa 1 SOMMARIO TI SPIEGO LE PAROLE DIFFICILI

Dettagli

Unità 9. L ambiente: il risparmio idrico. Lavoriamo sulla comprensione. accorgimenti sciacquone del water. sfregate stoviglie

Unità 9. L ambiente: il risparmio idrico. Lavoriamo sulla comprensione. accorgimenti sciacquone del water. sfregate stoviglie Unità 9 L ambiente: il risparmio idrico CHIAVI In questa unità imparerai: cosa fare per risparmiare acqua; a leggere le etichette di qualità dell acqua; ad utilizzare le frasi implicite introdotte da di

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Giugno 2010 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Chiavi. Unità 1. Tutti a scuola! 5. a. 2-due, b. 7-sette, c. 4-quattro, d. 10-dieci, e. 9- nove, f. 1-uno, g. 8-otto, h. 6-sei, i.

Chiavi. Unità 1. Tutti a scuola! 5. a. 2-due, b. 7-sette, c. 4-quattro, d. 10-dieci, e. 9- nove, f. 1-uno, g. 8-otto, h. 6-sei, i. Chiavi Chiavi del Libro dello studente Unità introduttiva. Ciao! Come ti chiami? Hamid, Paula, Simone, Edmond, Fang Fang 3. Hamid, terza B; Paula, terza B; Fang Fang, compagna; Edmond, terza B 4. Fang

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Servizio di bibliotecario a domicilio

Servizio di bibliotecario a domicilio Italian Servizio di bibliotecario a domicilio La Biblioteca provvede un servizio bibliotecario a domicilio per quelle persone che sono relegate in casa e non possono visitare la biblioteca a causa di malattia

Dettagli

Io so cosa sto consumando

Io so cosa sto consumando LICEO ECONOMICO SOCIALE CASTELLI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CASTELLI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO IMMACOLATA Io so cosa sto consumando Noi ragazzi dell'istituto Immacolata della classe 3B abbiamo

Dettagli

Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015

Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015 Diffusione del video Non siamo irrecuperabili Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015 Direzione Ambiente Governo e Tutela del territorio Ciclo Integrato dei Rifiuti e Servizio Idrico Integrato

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Unità Didattica CAFFE ESPRESSO

Unità Didattica CAFFE ESPRESSO Provincia di Milano Assessorato all Istruzione Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo PROGETTO NON UNO DI MENO Laboratori ELLEDUE Materiali didattici prodotti nel corso della sperimentazione 2007/2008

Dettagli

Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna

Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna funzione indipendente così da ottenere un risultato totale

Dettagli

PECS (PICTURE EXCHANGE COMMUNICATION SYSTEM) LA COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI

PECS (PICTURE EXCHANGE COMMUNICATION SYSTEM) LA COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI PECS (PICTURE EXCHANGE COMMUNICATION SYSTEM) LA COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI Katia Tonnini Pedagogista Programma Autismo Ravenna katiatonnini@yahoo.it COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI: Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DI GESTIONE REGOLAMENTO DI GESTIONE CENTRO SERVIZI PER L INFANZIA - Asilo Nido, Scuola dell Infanzia e Ludoteca Art. 1 Finalità L Accademia degli Scugnizzi è un Centro Servizi per l infanzia, con una Scuola dell Infanzia

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

CAMAIORE VERSO RIFIUTI ZERO

CAMAIORE VERSO RIFIUTI ZERO Comune di Camaiore CAMAIORE VERSO RIFIUTI ZERO FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO BOCCHETTE - UTENZE DOMESTICHE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA (BOCCHETTE) Quando conferire i rifiuti Esporre

Dettagli

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel.

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. 051/433862 ISTRUZIONI PER PAZIENTI PORTATORI DI PROTESI TOTALE PREMESSA

Dettagli