I DATI DELL'UNEP DIFFUSI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELL'ACQUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DATI DELL'UNEP DIFFUSI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELL'ACQUA"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA 23 MARZO I DATI DELL'UNEP DIFFUSI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELL'ACQUA La strage di bambini senz'acqua: 1,8 milioni di morti ogni anno Quasi un miliardo di persone non hanno accesso a fonti sicure. In Italia la rete idrica è un colabrodo ROMA - L'acqua fa strage, ogni anno. Non per inondazioni o altre calamità naturali: perché non c'è o è inquinata. La Giornata Mondiale dedicata a questo elemento voluta dall'onu che si celebra il 22 marzo, serve anche quest'anno per valutare la situazione drammatica in cui versa questa fonte di vita. Sono almeno 1,8 milioni i bambini sotto i cinque anni che muoiono ogni anno per malattie collegate alla qualità dell'acqua: uno ogni 20 secondi. Questa terribile contabilità è contenuta in un rapporto diffuso dall'unep, il programma Onu sull'ambiente, diffuso in occasione della giornata mondiale dell'acqua. Lo stesso rapporto informa che «oltre metà dei letti d'ospedale nel mondo sono occupati da persone che hanno malattie derivanti da acque inquinate». Inoltre, «si stima che intorno al 90% di casi di diarrea, che uccide ogni anno 2,2 milioni di persone, sono causati dal bere acqua poco sicura e da scarsa igiene». 900 MILIONI SENZA ACQUA POTABILE - Sono circa 900 milioni le persone che non hanno accesso ad acqua potabilmente sicura - continua l'unep - e si stima che 2,6 miliardi di persone non abbiano la possibilità di assicurarsi un'igiene basilare, è per la maggior parte gente che vive nell'africa subsahariana e nell'asia meridionale. La situazione di inquinamento delle acque è tale che ci sono molte più persone che oggi muoiono per acqua contaminata o inquinata che per qualsiasi forma di violenza, guerre incluse. LA RETE IDRICA ITALIANA E' UN COLABRIDO - In Italia «l'attuale rete idrica è un vero e proprio colabrodo, soprattutto nel Mezzogiorno. Per la fatiscenza delle infrastrutture, su 383 litri di acqua erogati mediamente per ogni cittadino, solo 278 litri arrivano realmente a destinazione. Solo in Puglia si disperde il 28% dell'acqua trasportata». La denuncia è fatta da Giuseppe Politi, presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori. «Per questo motivo, da tempo - ha detto Politi - si evidenzia l'esigenza di una gestione innovativa delle risorse idriche a livello amministrativo, di investimenti aziendali nei nuovi sistemi di irrigazione, di sostegno alla ricerca per la diffusione di coltivazioni agricole meno idroesigenti». «L'agricoltura intende così fare la propria parte, sostenendo che servono una programmazione dell'impiego dell'acqua, il coordinamento dell'uso con gli altri settori, l'ottimizzazione dell'utilizzo idrico e politiche di ambito e di bacino» ha concluso Politi. 1

2 CODACONS: LA PRIVATIZZAZIONE COSTERA' IL 30% IN PIU' - Codacons in occasione della giornata mondiale dell acqua denuncia quanto peserà sulle tasche delle famiglie italiane la privatizzazione dell acqua decisa nei mesi scorsi dal Parlamento. Una vera e propria stangata, con un aumento medio delle tariffe dell acqua pari al 30% in 3 anni. «Se nel scrive il Codacons - una famiglia media italiana ha speso 268 euro, considerando un consumo medio annuo di 200 metri cubi d acqua potabile, tra 3 anni quella stessa famiglia spenderà in media 348 euro all anno, con un incremento di 80 euro, pari appunto al 30%». IL WWF LANCIA IL CENSIMENTO DEI FIUMI - «Non solo rubinetto» è invece l'appello del Wwf nella giornata mondiale per l'acqua a tutela dei fiumi italiani. L'associazione lancia la Campagna «Liberafiumi» 2010, un grande censimento che consentirà di verificare lo stato di salute delle sponde delle principali "vene blu" del nostro paese come il Piave, il Tagliamento, il Tevere, l'arno, ma anche quelli più piccoli ma strategici per la sicurezza ambientale dei territori da loro attraversati come le fiumare calabresi, i corsi d'acqua della Liguria, della Toscana che anche quest'anno hanno subito inondazioni e smottamenti. Il prossimo 2 maggio il Wwf coordinerà circa un migliaio di volontari per setacciare 25 fiumi italiani lungo l'intera penisola, grandi isole comprese. I primi risultati del censimento verranno divulgati domenica 16 maggio per la Giornata Oasi, IL MOTORE DI RICERCA BAIDU POTREBBE CONQUISTARE IL 95% DEL MERCATO «Basta censura». Google via dalla Cina La società reindirizza il traffico al portale di Hong Kong. Nel Paese resteranno solo alcune attività commerciali MILANO - Google Cina chiude i battenti. Come previsto, dopo due mesi di braccio di ferro con Pechino seguiti a un violento attacco hacker, la società di Mountain View ha deciso di non sottostare alla censura imposta dal regime. E, almeno per il momento, ha trovato un modo per aggirarla: reindirizzando il traffico al sito di Hong Kong, Google.com.hk, che offre risultati non filtrati in cinese. Con la frase: «Benvenuti nella nuova casa di Google Cina». «GROSSO ERRORE» - Un passo che come prevedibile non incontra il favore delle autorità di Pechino, che hanno parlato di una decisione «completamente sbagliata» e di violazione di una «garanzia scritta». «Google è venuto meno al suo impegno scritto fatto quando ha deciso di entrare nel mercato cinese fermando il filtraggio del suo motore di ricerca e addossando alla Cina la responsabilità degli attacchi dei pirati informatici - ha detto un funzionario dell'ufficio informazione del Consiglio di Stato -. Questo è totalmente sbagliato. Ci opponiamo senza compromessi alla politicizzazione delle questioni commerciali ed esprimiamo malcontento e indignazione per le irragionevoli accuse e il comportamento di Google». Anche la Casa Bianca ha commentato i nuovi sviluppi della vicenda. «Siamo delusi del fatto che Google e il governo cinese non siano stati in grado di raggiungere un accordo» ha detto il portavoce Mike Hammer. ATTIVITÀ DI VENDITA - Una nota pubblicata sul blog della società spiega che 2

3 resteranno in Cina alcuni servizi commerciali, come la vendita di inserzioni pubblicitarie sui motori di ricerca. Insomma si cerca di tenere almeno un piede in un mercato in piena esplosione. «Riteniamo che questo nuovo approccio di fornire ricerche non censurate in cinese semplice attraverso Google.com.hk sia una soluzione ragionevole - viene spiegato -: è interamente legale e aumenterà significativamente l'accesso all'informazione dei cinesi. Ci auguriamo che il governo cinese rispetti la nostra decisione, anche se siamo consapevoli che potrebbe bloccare l'accesso ai nostri servizi». Una strategia rischiosa, che potrebbe innescare ritorsioni. Le autorità cinesi potrebbero per esempio utilizzare filtri per bloccare l accesso al motore di ricerca con base a Hong Kong. L'ASCESA DI BAIDU - Secondo le stime della Cnbc Baidu (il principale motore di ricerca in lingua cinese) potrebbe ora conquistare il 95% del mercato della ricerca online. Mentre il quotidiano finanziario Bloomberg prevede che Mountain View si espanderà in mercati come la Corea del Sud e il Giappone, dove finora è riuscita a conquistare solo una frazione della popolarità di cui gode in Europa e Stati Uniti. Non si sa invece quale sarà il destino dei quasi 600 dipendenti della sede di Google a Pechino: «È ancora presto per dirlo» fanno sapere dal quartier generale in California. GLI ATTACCHI DI GENNAIO - Non è chiaro da dove venissero gli attacchi informatici subiti da Google a gennaio, ma alcuni analisti vi hanno ravvisato un coinvolgimento indiretto del governo di Pechino. Tra le vittime degli hacker ci sarebbero infatti diversi dissidenti (le cui caselle di posta elettronica sono state aperte), oltre a grandi multinazionali, molte delle quali statunitensi. Google ha minacciato di smettere di utilizzare i filtri richiesti dalla censura cinese e poi di chiudere il portale se non fosse stata messa in grado di garantire la sicurezza ai suoi clienti. Evidentemente nessun accordo era possibile. Redazione online «Ad Atene prestiti, non sovvenzioni» Monito di Trichet, ma l'euro precipita Il presidente della Bce: «Sostengo solo se Eurozona a rischio». Moneta unica ai minimi sul franco svizzero STRASBURGO- Un intervento «a sostegno della Grecia» deve rispondere a due principi: «non deve essere una sovvenzione» e al tempo stesso deve implicare «condizioni estremamente rigorose»; il secondo «è che ci si deve trovare in una situazione straordinaria che ponga un problema immediato per l'eurozona». Il presidente della Bce Jean-Claude Trichet - in vista del vertice europeo in programma il 25 e il 26 marzo che sarà chiamato a decidere su eventuali interventi a favore di Atene - ha provato a porre le condizioni dell'istituto centrale di Francoforte durante un discorso all'europarlamento. Il numero uno della Banca centrale europea ha specificato che aiuti a favore della Grecia, alle prese con un debito pubblico in crescita esponenziale e una situazione di stagnazione economica molto pesante, dovrebbe essere inteso «non come una sovvenzione» ma come un «prestito» a condizioni ben precise e rigorose. Trichet non ha specificato se la Grecia e l'eurozona attualmente si trovino in questa situazione. E pertanto, vista l'incertezza, i mercati hanno reagito facendo precipitare le quotazioni della valuta europea. 3

4 L'EURO PRECIPITA - L'euro è infatti crollato pochi minuti fa al minimo storico contro il franco svizzero, toccando quota 1,4310. Il livello raggiunto non era mai stato toccato dal 1999, data di debutto della divisa europea. L'euro ha chiuso debole anche contro dollaro, poco sopra la soglia di 1,35 dollari, dopo aver toccato i minimi da tre settimane a quota 1,3464. La divisa europea passa di mano sul finale a 121,71 yen mentre la moneta giapponese vale 90,01 dollari. RIPRESA MODERATA - Trichet ha anche descritto lo stato di salute dell'economia continentale, affermando che nel 2010 la ripresa sarà moderata e prevarrà uno scenario «di alta incertezza». Nel medio termine si prevedono inoltre «basse pressioni inflazionistiche». CONTI PRIORITÀ ASSOLUTA - «Il rischio che squilibri globali insostenibili possano riemergere nel prossimo periodo non può essere sottovalutato», ha detto ancora il presidente della Bce, invitando tutti i Paesi della zona euro «a rafforzare gli impegni sul fronte del risanamento dei conti pubblici». Questa, per Trichet, deve essere «la priorità assoluta dei governi nazionali, che dovranno prendere ulteriori misure nei prossimi anni per correggere i deficit eccessivi nei tempi previsti». Redazione online INAUGURATA OGGI FILIALE A MILANO. LE GENERALI PRIMO AZIONISTA L'integrazione passa per lo sportello Nasce Extrabanca, istituto di credito per gli immigrati. Prossima apertura a Roma. Nel 2015, filiali MILANO - Nasce a Milano Extrabanca, il primo istituto di credito in Italia dedicato ai cittadini immigrati. La banca, che ha come primo azionista Assicurazioni Generali, con una quota di oltre il 12%, punta a diventare l interlocutore di riferimento per un segmento di mercato in forte crescita attraverso una rete di agenzie nelle principali città del Nord e Centro Italia, a maggior densità di presenza di immigrati. La clientela sarà composta prevalentemente dagli immigrati residenti in Italia, in particolare famiglie, liberi professionisti, esercizi commerciali, ditte individuali e piccole imprese, con fatturato non superiore ai 2,5 milioni. Per venire incontro al meglio alle esigenze dei clienti tutte le filiali saranno aperte con orario continuato dalle 9 alle 19 dal lunedì al sabato e, in alcune occorrenze, anche la domenica. Dopo l inaugurazione di Milano, con la filiale di via Pergolesi, la prossima apertura sarà a Roma, mentre per il 2015 Extrabanca prevede di aprire dai 25 ai 40 nuovi sportelli, a cominciare dalle città di Torino, Brescia, Verona e Bergamo. LA BANCA - Lo staff della banca conta attualmente 20 professionisti, un team di lavoro multiculturale composto al 55% da stranieri di 11 nazionalità diverse, appartenenti alle più importanti etnie presenti nel Paese. «Siamo la prima banca multietnica e con uno staff multietnico che mette realmente al centro il cliente immigrato, restituendogli dignità - ha commentato il presidente, Andrea Orlandini - La realtà bancaria che abbiamo pensato consente di interpretare al meglio le aspettative di questa clientela e di sostenere l eccellenza delle loro aziende. E un progetto di cui Milano si assume la leadership a livello italiano e l Italia se la 4

5 assume a livello europee visto che non esiste nulla di simile in Europa». Fra i principali azionisti di Extrabanca, oltre alle Generali, figurano la Fondazione Cariplo, con una quota di oltre il 4%, e imprese private del Nord-Centro Italia, tra cui il gruppo Arici con il 10%, il gruppo Giglio con l 8% e la famiglia Amenduni con il 4%. IL MESSAGGIO - Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in un messaggio inviato ai vertici di «Extrabanca», ha espresso «apprezzamento» per un'iniziativa «che trova nei principi fondamentali delle moderne società multietniche le ragioni e lo spirito della cua costituzione». I PRODOTTI - L offerta dei prodotti e dei servizi della banca sarà di facile comprensione e con una struttura di prezzo trasparente: elementi centrali dell offerta saranno i prodotti di risparmio, i finanziamenti alle famiglie (prestiti personali e mutui) e alle imprese, la monetica (carte di debito, carte di credito a saldo e revolving, carte prepagate, carte conto) e le rimesse. Tra le iniziative commerciali che Extrabanca lancerà ci saranno un conto corrente senza canone (ExtraZero), un libretto di risparmio remunerato al 3% (ExtraRisparmio per gli adulti, ExtraKids per i loro figli) e un concorso a premi che metterà in palio dei biglietti aerei verso i paesi di provenienza dei nuovi clienti. Numerose poi le modalità con cui inviare il denaro all estero, tra le quali il bonifico friendly e le carte prepagate Bridge. GLI OBIETTIVI - I target fissati al 2015 vedono i clienti ammontare tra 85mila e 130mila per una raccolta totale di 650 milioni-1 miliardo di euro. Quello degli immigrati è un mercato con potenzialità di crescita molto interessanti e stime di sviluppo importanti: il tasso medio di crescita degli stranieri residenti stimato per il periodo è pari al 17% (6,5 milioni di stranieri residenti previsti nel 2012). Nello stesso periodo, si stima che il tasso medio di crescita sarà pari al 24% per i ricavi generati dagli stranieri, al 26% per gli impieghi, al 21% per la raccolta e al 24% per il numero di imprese da essi avviate (310mila stimate nel 2012). Redazione online «PER USCIRE DALLA CRISI BISOGNA RECUPERARE LA FIDUCIA A LUNGO TERMINE» L'appello di Trichet: «Ricollegare la finanza all'economia reale» Il presidente della Bce: «Serve più trasparenza, soprattutto nel mercato dei derivati» BRUXELLES - Serve al più presto una riforma del sistema finanziario: il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, sottolinea l'importanza di valutare con attenzione le lezioni della crisi economica e - durante un convegno alla Commissione europea - ribadisce la necessità che «la finanza sia nuovamente e adeguatamente collegata all'economia reale». Il presidente della Banca centrale europea chiede poi maggiore trasparenza nel mercato dei derivati, in particolare dei Cds (i credit default swap, ndr): «Le autorità devono essere capaci di raccogliere informazioni, valutare i rischi possibili e rilevare le eventuali condotte improprie». 5

6 FIDUCIA - Per uscire definitivamente dalla crisi, aggiunge Trichet, «abbiamo bisogno di recuperare la fiducia a lungo termine, e questo richiede quadri di azione politica che dovranno essere robusti contro le sfide future». «Nel momento di massima crisi avevo affermato ripetutamente che il recupero della fiducia era essenziale. Da allora la fiducia a breve termine è stata recuperata, non per ultimo grazie ad azioni politiche coraggiose a livello globale», sottolinea Trichet. Una delle sfide centrali per la gestione delle crisi, a questo punto, è «la velocità». «La rapidità di eventi imprevisti è una delle più grandi sfide per i policy makers», afferma Trichet. Anche se «le crisi finanziarie non sono assolutamente fenomeni nuovi, la velocità della loro trasmissione è aumentata tremendamente negli ultimi decenni - spiega - e l'ultimo intensificarsi della crisi attuale si è diffuso in tutto il mondo nel corso di una mezza giornata». Redazione online Unicredit, ruolo più forte delle autorità dell'ue Le autorità europee di vigilanza sul sistema bancario dovrebbero avere un ruolo più forte: così l'ad di Unicredit, Profumo. "In caso di crisi devono avere poteri ancora maggiori, e non minori - ha detto Profumo aggiungendo che nel caso di una crisi di un istituto bancario le autorità dovrebbero essere in grado di nominare un amministratore speciale con poteri adeguati". Sale tensione tra Grecia e Germania, le banche speculano sui bond greci 22/03/ Sale la tensione tra Grecia e Germania. Il vice primo ministro greco, Theodoros Pangalos, ha infatti accusato le banche tedesche di stare approfittando della critica situazione finanziaria del Paese ellenico, mentre gli esportatori tedeschi traggono beneficio da un euro debole. Ritiene, in particolare, che la Germania stia consentendo alle proprie banche di prendere parte a un "deplorevole gioco" di speculazione sui bond greci. "Tanto più a lungo il sud dell'europa rimane sotto pressione, l'euro viene scosso e indebolito, mentre migliorano le condizioni che permettono alla Germania di aumentare le 6

7 esportazioni contro terzi", ha spiegato il vice primo ministro. Theodoros Pangalos si è quindi detto preoccupato che, se non viene presa una decisione velocemente, allora l'euro non avrà senso e, se la moneta unica, fallisce "questo ci porterà di molti decenni indietro in termini di integrazione europea". Dichiarazioni che hanno appesantito l'euro, indicato ora a 1,3480 dollari (1,3513 a metà seduta) e le Borse europee (-0,9% l'indice Ftse Mib a Milano). Un sondaggio FT/Harris pubblicato sul Financial Times di oggi mostra che il 62% dei tedeschi sono contro l'ipotesi che il loro Governo aiuti Atene, mentre solo il 20% è favorevole. Un terzo dei tedeschi ritiene che bisognerebbe chiedere alla Grecia di uscire dall'euro mentre il 40% crede che la Germania starebbe meglio fuori dall'unione monetaria. Parigi e Roma hanno chiesto a gran voce di sostenere Atene in parte perchè temono di poter essere i prossimi obiettivi della speculazione dopo la Grecia. Qualunque programma di sostegno finanziario ad Atene dovrebbe ricevere il via libera della Corte costituzionale tedesca che negli anni Novanta, quando ha approvato il Trattato di adesione alla moneta unica, ha fissato una serie di paletti per evitare trasferimenti di denaro ad Stati membri dell'eurozona. Visti gli ostacoli legali e politici i consiglieri di Angela Merkel hanno suggerito che la Grecia giochi la carta del Fondo monetario internazionale. Ma il presidente della Commissione europea Barroso ha ricordato oggi alla Germania che è nel suo stesso interesse preservare la stabilità della zona euro che rappresenta il primo mercato di sbocco per le esportazioni tedesche. Le autorità elleniche hanno annunciato un terzo piano di austerità da 4.8 miliardi di euro (circa il 2% del Pil), destinato a ridurre in maniera sostanziale il deficit previsto per il Questo provvedimento, unito al sostegno politico espresso dai Paesi europei, si è tradotto la scorsa settimana in una leggera diminuzione del premio di rischio associato al debito sovrano della Grecia. L'accoglienza favorevole dei mercati finanziari ha permesso alle autorità di lanciare un emissione a dieci anni di 5 miliardi di euro a un tasso del 6,3%, che è un tasso di certo alto, che però ha generato una domanda di tre volte superiore alla disponibilità. Peraltro, la proposta di creare un meccanismo per prestiti bilaterali per salvaguardare la stabilità dell'eurozona "vale solo per la Grecia", ha indicato oggi il portavoce del commissario Ue agli Affari Economici, Olli Rehn. La Commissione europea ha anche ribadito che la proposta lanciata dal presidente, Josè Barroso, venerdì sera è pienamente compatibile con la legislazione europea e con i dispositivi della Corte costituzionale tedesca: la clausola europea del "no salvataggio" non vuol dire "nessuna assistenza" a un Paese che si trova in difficoltà. "Questa boccata d'ossigeno è arrivata a segno; sarebbe tuttavia un errore pensare che il problema del controllo del debito pubblico sia definitivamente risolto", sostengono gli esperti di Banca Syz. "Nei prossimi mesi, o anni, non si può escludere il riacutizzarsi delle tensioni legate alla Grecia o ad altri Paesi e non solo della zona euro". Oggi la Banca centrale ha stimato che il prodotto interno lordo greco calerà del 7

8 2% nel Secondo il rapporto annuale di politica monetaria, la Grecia si ritrova in "un circolo vizioso" poichè la drastiche misure adottate per ridurre il deficit pubblico non mancheranno di avere un impatto sul ritmo di crescita del Paese. Sempre secondo la banca centrale, la durata della recessione e le prospettive di ripresa dipenderanno in larga misura dall'efficacia con cui il Governo sarà in grado di attuare le misure di austerity varate nel corso degli ultimi mesi. "Il cambiamento di direzione non sarà facile e non avverrà in tempi rapidi". Da una parte il Paese deve infatti affrontare una serie di riforme strutturali di ampio respiro e dall'altra la crisi greca avviene in un contesto in cui l'economia europea rimane debole e strettamente dipendente dalle misure di stimolo fiscale. "La ripresa dell'eurozona rimane fragile ed è ancora basata, in larga misura, dalle misure straordinarie di stimolo che ora dovranno essere lentamente ritirare visto gli alti deficit e il debito accumulato dalla maggior parte delle economie avanzate". Francesca Gerosa Cina, aumento prestiti può riflettere crisi più profonda 22/03/ Il premier cinese, Wen Jiabao, ha detto che un aumento dei prestiti bancari può riflettere problemi istituzionali più ampi. "Ho già detto che è importante gestire le aspettative inflazionistiche e migliorare la gestione dei prestiti. E' corretto dire che abbiamo capito l'importanza di queste misure in una fase preliminare", ha detto Wen. "Ma abbiamo assistito a un altro aumento dei prestiti bancari a gennaio di quest'anno e questo mi fa pensare che forse si tratta di un problema istituzionale", ha aggiunto. Wen Jiabao ha aggiunto che il 'dialogo strategico' che si terrà a maggio con gli Stati Uniti sarà "molto importante" per affrontare i problemi che esistono tra i due paesi. Il premier cinese ha annunciato che la Cina aumenterà le proprie importazioni dagli Usa. Cina: Ocse, rivalutazione yuan per contenere inflazione 22/03/ L'Ocse ha affrontato con la Cina il tema della rivalutazione dello yuan per contenere l'inflazione nel lungo termine, ma la decisione di intervenire spetta ai cinesi. Lo ha detto il vice segretario generale dell'ocse, Richard Boucher, ai margini di un evento organizzato dalla Banca di riserva dell'india. "Come abbiamo evidenziato nel nostro rapporto sulla Cina, la rivalutazione è una delle strade per contenere l'inflazione", ha detto Boucher. "Il segretario generale lo ha detto chiaramente la scorsa settimana alle autorità cinesi, con le quali il dialogo continua" ha aggiunto, sottolineando che "comprendono la teoria economica, ma è difficile dire quando decideranno di metterla in pratica". Il potere destabilizzante del web 8

9 Così l America esporta Internet gratis nei regimi. La Cina contrattacca Sul ramificato sistema di sanzioni ed embarghi imposti dal governo americano verso stati potenzialmente (o attualmente) pericolosi è improvvisamente calata la parola deroga. Lunedì scorso l ufficio per il controllo degli asset stranieri un comparto strategico del dipartimento del Tesoro che opera al confine delle competenze diplomatiche ha annunciato alcune particolari eccezioni per l esportazione di servizi americani verso Iran, Cuba e Sudan, paesi interdetti a vario titolo dalle relazioni economiche con gli Stati Uniti. La deroga annunciata dal governo riguarda le esportazioni di alcuni servizi e software inerenti alla comunicazione personale su Internet, che tradotto significa social network, chat, servizi , blog, siti per la condivisione di immagini e tutto quell apparato tecnologico che permette agli internauti di collegarsi e bypassare in qualche modo le rigide maglie del controllo governativo. Una prassi esemplificata a livello mondiale dai racconti dei manifestanti di Teheran dopo le elezioni dell estate scorsa, scivolate fra le dita dei controllori di regime e finite nel mainstream grazie a Twitter. Nel presentare il decreto il numero due del Tesoro, Neal Wolin, ha ripetuto che il principio ispiratore della deroga è il profondo impegno dell Amministrazione nell estendere i diritti universali a tutti i cittadini del mondo. Una vasta operazione umanitaria, dunque, che permetterà ai cittadini dell Iran, di Cuba e del Sudan di esercitare i loro diritti fondamentali. Ma al di là di generiche dichiarazioni di principio sulla libertà di parola, la final rule emessa dopo mesi di discussioni avviate dal dipartimento di stato contiene una serie di implicazioni politiche. Le comunicazioni personali nell era digitale sono, si legge nel testo ufficiale, strumenti vitali per il cambiamento e il potere di disporre qualche falla nelle dighe commerciali è necessario per l interesse nazionale degli Stati Uniti. Quello che le ventuno pagine della final rule rivelano con circospezione è il valore strategico degli asset legati al flusso di informazioni su Internet, un potenziale destabilizzante che gli Stati Uniti non vogliono in nessun modo lasciare nelle mani dei governi locali. Per questo l Amministrazione ha deciso di aprire un varco apparentemente contraddittorio rispetto alle rigide limitazioni nei confronti di tre stati che si nutrono quotidianamente dell orwelliana manipolazione delle informazioni e del controllo dell opinione pubblica. Quella emessa dal dipartimento del Tesoro non è soltanto la toppa legale a un ambito, quello della diffusione di software, non ancora normato da regole precise, ma un vero atto politico: tutti i servizi legati al Web erano già inseriti nella lista dei prodotti commerciali non esportabili in Iran, Sudan e Cuba; oggi tutto questo è finito sotto l ineffabile deroga del governo americano, un misto di universalismo dei diritti e corsa agli armamenti digitali. Berin Szoka, il direttore del Center for Internet Freedom, importante snodo 9

10 della cultura open source, davanti ai giornalisti si è rallegrato che il dipartimento del Tesoro stia dando consistenza agli sforzi di Hillary Clinton per rendere più semplice l accesso ai servizi di comunicazione offerti dagli Stati Uniti per i cittadini di regimi oppressivi e antidemocratici, ma è rimasto piuttosto interdetto riguardo a un dettaglio del provvedimento, quello che limita gli scambi ai soli servizi gratuiti: Perché non dovremmo permettere a tutti i cittadini di questi paesi di accedere ai servizi a pagamento? Non tutti gli strumenti utili ai dissidenti sono gratis. Il decreto su questo punto è esplicito: l America potrà esportare soltanto prodotti gratuiti, per evitare questo è chiaro gli abusi di aziende americane che vedrebbero da un giorno all altro aprirsi le porte di mercati vergini che brulicano di assetati informatici. D altra parte, la limitazione ai soli prodotti gratuiti mette in chiaro le cose: non è un fatto di business, soltanto politica. Il sistema di deroghe accordato ai tre regimi è soltanto l ultima battaglia della guerra digitale dell Amministrazione, un conflitto logorante e obliquo dove alleati e nemici tendono a confondersi. Il fronte più caldo è quello cinese, dove 384 milioni di persone hanno l accesso quotidiano a Internet e ogni giorno le squadriglie di hacker reclutano nuovi adepti. La colossale operazione Aurora, in cui le orde digitali provenienti dalla Cina hanno messo sotto attacco per oltre due mesi siti e database di grandi corporation americane, ha mostrato tutti i limiti dell ideale patinato di uno spazio digitale completamente libero e privo di censure. A parte il fatto che la censura cinese, prima di Aurora, era garantita da Google, quello che sta emergendo dalle indagini non è semplicemente un attacco orchestrato dai quadri del regime, ma una cooperazione di forze semiindipendenti canalizzate verso l unico scopo di destabilizzare un paese ostile. Grandi concentrazioni di hacker come GhostNet e la Red Alliance non sono appena milizie digitali sotto la sovrintendenza del partito, ma per lo più sono fatte da nerd postadolescenti che godono nel vedere che le scorribande digitali producono un qualche effetto, anche se lo scopo finale rimane in fondo oscuro. E soltanto uno dei paradossi dello spazio digitale libero, privo di condizionamenti, asettico e senza attriti esterni. Per evitare che le fibre ottiche di altri paesi assomiglino a quelle che portano virus cinesi, l America questo spazio libero ha deciso di colonizzarlo senza tanti complimenti, contro ogni ragionevole sanzione FOGLIO QUOTIDIANO di Mattia Ferraresi Battaglie su internet Molti governi limitano l'accesso alla rete. I social network i più colpiti, per esigenze di sicurezza 10

11 Lo sceicco Said Amer, presidente del comitato per le fatwe dell Università di Al-Azhar del Cairo, ha smentito la scomunica di Facebook che era stata annunciata da un quotidiano arabo londinese proprio in concomitanza con il sesto anniversario della popolare rete sociale, partita il 4 febbraio del Incita a relazioni illegali secondo la sharia, un divorzio su cinque è causato da una relazione extraconiugale stabilita attraverso Facebook", avrebbe detto la massima istituzione teologica sunnita secondo la notizia riportata da Al Quds Al arabi. Mai pubblicato fatwe a questo riguardo, ha detto lo sceicco Amer. A meno che non abbia deciso di soprassedere di fronte alla reazione furibonda che c è stata su Internet. La versione in arabo di Facebook era partita nel marzo scorso, nella constatazione che il servizio aveva ormai utenti in Egitto, in Libano e in Arabia Saudita, e ormai gli utenti egiziani sarebbero almeno 3 milioni. Già nel 2008, quando gli egiziani usavano ancora le versioni in inglese o in altre lingue straniere, Facebook era stato usato per organizzare una manifestazione contro la chiusura di una fabbrica, aggirando il divieto a raduni non organizzati in vigore con la legge d emergenza decretata nel 1981 dopo l assassinio di Sadat e radunando persone. Da ciò le voci ricorrenti sull intenzione del governo del Cairo di mettere Facebook al bando. Il Movimento 6 aprile di quella mobilitazione, comunque, è ancora on line. Ma questo è un momento di particolare effervescenza in tutto il mondo, a proposito della minaccia che la Rete pone ai governi autoritari. Anche ai governi democratici, certo: le minacce lanciate da internauti anonimi o l aggiramento dei diritti di proprietà intellettuale atttraverso il peer-to-peer sono grattacapi anche per i nostri legislatori. Al massimo, però, in democrazia potrà accadere che qualche elettore dia il suo suffragio a qualche forza come quel Partito Pirata che sta spopolando in Svezia. Facebook, invece, è stato effettivamente bloccato in Iran, dove i 7,5 milioni di internauti rappresentano la seconda percentuale di popolazione on line dopo Israele, e dove dunque gli strumenti della Rete sono stati sempre più usati per aggirare la censura sulla stampa, mentre blog e Twitter sono diventati un importante strumento di mobilitazione dell opposizione. Ma da quando Ahmadinejad è andato al potere sono stati introdotti filtri sempre più rigorosi. L accesso a Bbc e New York Times è stato così bloccato, e Facebook è pure finita nel mirino, assieme a Youtube e a Wikipedia. È stata inoltre introdotta una legge che richiede un autorizzazione ufficiale per lanciare un sito Internet, ed è stata limitata la diffusione delle connessioni olte i 128 kb/s. L importanza che Ahmadinejad dà alla battaglia su Internet è dimostrata dal particolare che anche lui dispone di un blog. Minacce di un blocco a Facebook sono circolate anche in Vietnam, dove ci sono 22 milioni di internauti e un milione di utenti della stessa Facebook. In Siria Facebook è bloccato, sbloccato e ribloccato in continuazione, per esigenze di sicurezza. E anche la Cina blocca abitualmente Youtube, Facebook, Twitter e Wikipedia ogni volta che arriva all attenzione qulche tema spinoso. Ma la Cina 11

12 soprattutto ha sviluppato tecnologie di filtraggio che per un po sono state accettate dalle imprese straniere operanti nel Paese. Quando però ci si sono aggiunte incursioni di hacker contro gli account Gmail di attivisti per i diritti umani Google ha perso la pazienza, e il 12 gennaio ha annunciato che avrebbe offerto in Cina un servizio senza più filtri, e gli utenti cinesi hanno potuto così vedere immagini come quelle del Dalai Lama, della strage della Tienanmen o delle esecuzioni capitali. E a questo punto è nato in Cina Goojee : un sito clone di Google. D altra parte, già da tempo il governo cinese aveva cercato di bloccare la diffusione di Google attraverso il motore di ricerca nazionale Baidu. Filtri su Internet esistono anche a Cuba, dove peraltro solo lo scorso settembre il Ministero dell Informatica ha autorizzato le Poste a installare cibercafè nelle sue succursali. Fino a quel momento a Internet si poteva accedere solo dagli uffici pubblici per ragioni di lavoro, e qualche mese prima era stato anche vietato l accesso dei cittadini cubani ai posti Internet degli hotel e centri di comunicazione per stranieri. Anche questa proibizione è stata revocata, ma i 7-12 dollari ogni ora di navigazione che costa una tessera prepagata equivalgono a da un terzo ai due terzi di uno stipendio mensile. A dicembre è stato arrestato per spionaggio Alan Gross: un esperto statunitense in cooperazione allo sviluppo e in informatica, che dopo aver lavorato alla campagna elettoraloe di Barack Obama era stato mandato a aiutare la comunità ebraica cubana a aggirare i filtri su Wikipedia. E all inizio dell anno tre agenti dei Servizi hanno pestatoyoani Sánchez: la blogger ormai diventata celebre granzie a un sito tradotto anche in italiano. Leggi Totalitarismo digitale - Leggi La Rete in catene - Leggi La storia di Terra Naomi insegna che da Internet nascono (anche) i fiori FOGLIO QUOTIDIANO di Maurizio Stefanini Google sposta il traffico cinese su Honk Kong per aggirare la censura Google sfida la Cina e senza abbandonarla del tutto decide però di porre uno stop alla censura e di dirottare i suoi servizi su Hong Kong. La decisione, attesa da giorni, è stata comunicata in serata dal legale della società di Mountain View, Davis Drummond. Il motore di ricerca Usa spiega di voler «restare e mantenere la presenza sul mercato cinese» ma spiega che gli abbonati saranno reindirizzati al sito google.com.hk. Se non un vero e proprio abbandono, è sicuramente una forte avvisaglia che Google prima o poi uscirà definitivamente dal mercato cinese, anche se la società ha deciso di lasciare una porta aperta. Già a giugno del 2009 Google si era scontrata con le autorità di Pechino sulla questione della pornografia: Pechino aveva di diritto imposto dei filtri su alcuni siti hard linkati dal motore di ricerca Usa. A fine gennaio, invece, il segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, aveva sollecitato la Cina ad aprire un'inchiesta sui cyberattacchi di Pechino a Google e aveva richiamato le società Internet americane a non sottostare alla censura. Dichiarazioni a cui Pechino aveva subito risposto minacciando la fine delle relazioni diplomatiche. Ora comunque, nonostante l'approccio soft di oggi, l'unica strada, secondo gli analisti, sembra veramente quella dell'uscita dal mercato cinese e magari 12

13 l'aumento di investimenti verso la Corea del Sud e il Giappone, realtà in cui Mountain View non è presente e popolare come negli Usa e in Europa. 22 marzo 2010 L'Italia soffre di sindrome da States di Giuseppe Berta Col procedere dei mesi, anche in Italia si fa strada il timore che la via d'uscita dalla crisi - lenta, faticosa e accidentata come si profila - non intersechi la crescita dell'occupazione. Le ultime rilevazioni sull'andamento dell'economia reale colgono sintomi di miglioramento all'interno di alcune realtà italiane, senza però preludere a una sensibile ripresa dell'occupazione. È il rischio di una "sindrome americana" quella che si affaccia oggi all'attenzione di molti operatori e osservatori, con una ripresa che non ha né la portata né la capacità di riflettersi positivamente sull'occupazione. Negli Usa se ne è tornato a parlare non appena sono usciti i dati sull'andamento del mercato del lavoro nel febbraio scorso: ancora una volta si è dovuto prendere atto che l'emorragia occupazionale non si arresta. Da oltre due anni ormai i posti di lavoro sono in contrazione nell'economia americana: il mese passato ne sono stati persi altri 36mila. Così, mentre le previsioni per l'anno in corso stimano una crescita del Pil intorno al 3%, l'indice di disoccupazione continua a sfiorare il 10 per cento. Due le ipotesi avanzate dall'economist (13 marzo) per rendere conto di questa anomalia. O la ripresa non è robusta come sembra nemmeno negli Stati Uniti e i dati del Pil mascherano una fragilità più grave di un sistema economico non ancora al riparo dalle ripercussioni della crisi; o la ripresa è trainata da incrementi di produttività riconducibili a una forte ricerca di efficienza da parte delle imprese. Secondo le rilevazioni, la produttività starebbe crescendo negli ultimi mesi a un ritmo del 7% o anche superiore: livelli quasi da record e da salutare in modo certamente positivo, se si accompagnassero a un miglioramento del mercato del lavoro. Ma in questo momento non è così, perché siamo ancora al punto in cui le imprese operano per il loro rilancio ristrutturandosi e facendo efficienza, azioni che semmai tendono a contrarre ulteriormente il numero degli occupati, invece di farlo salire. In Italia, dove la crescita si mantiene ben distante dalle aspettative Usa, è probabile che ci si debba preparare a tempi difficili sul fronte dell'occupazione. Non soltanto anche perché da noi le imprese saranno spinte a battere ulteriormente la strada della compressione dei costi e dei recuperi di efficienza, ma perché l'impulso a ristrutturare ha investito gli ambiti che in passato avevano sorretto l'occupazione. Quando l'industria aveva attuato investimenti a risparmio di lavoro, era stato il variegato arcipelago del terziario a compensarne gli effetti occupazionali. Ora invece sono anche le realtà terziarie a doversi misurare con politiche che puntano al recupero dell'efficienza e della produttività. A comprendere questo nodo aiuta il rapporto appena curato dal Censis sul terziario (Il terziario è un'industria?), che sottolinea il carattere nuovo e cruciale del passaggio affrontato dal settore più capace di creare e di sostenere i livelli dell'occupazione. Fra il 1993 e il 2008 sono stati oltre 3 milioni i posti di lavoro attivati nel sistema dei servizi, che oggi raggruppa tra i 15 e i 16 milioni di lavoratori. Contrariamente 13

14 a quanto spesso si pensa quando si identifica nel terziario il regno degli autonomi, la grandissima maggioranza di queste nuove occupazioni rientra nel lavoro dipendente (2 milioni 787 mila). Nello stesso periodo, l'industria ha perso 72mila posti di lavoro e l'agricoltura 468mila. Ma con la crisi è venuta meno la "spinta propulsiva del terziario italiano". Il mondo del mercato immobiliare così come, ancora prima, quello della new economy, hanno cessato di attrarre lavoratori. Il pubblico impiego è bloccato dai vincoli di bilancio e dalle esigenze di contenimento della spesa pubblica. Lo stesso universo dei servizi alle imprese, che ruota attorno alle attività di consulenza, di ricerca, di comunicazione e di marketing e che il Censis chiama "terziario di mercato", sta scontando un'inevitabile battuta d'arresto. La conseguenza è che nei primi tre trimestri del 2009 l'occupazione terziaria è diminuita dello 0,8% rispetto al periodo analogo dell'anno precedente, rinfocolando i dubbi sulla sua tenuta durante una crisi lunga e complicata come l'attuale. Tutto ciò suona come un campanello d'allarme per le prospettive a breve dell'occupazione. Il peso dei lavoratori non qualificati sul totale del terziario risulta troppo alto (10,2%), in specie se si considera che è quello cresciuto di più negli ultimi anni. Al contrario, il numero dei lavoratori altamente specializzati appare contenuto (sono 79mila i nuovi assunti fra il 2004 e il 2009 che appartengono a questo gruppo, contro i 233mila non qualificati). Poiché la crisi ha sollecitato processi di razionalizzazione, i riflessi negativi minacciano di essere gravi e non di breve durata. La società italiana deve dunque attrezzarsi per gestire una transizione occupazionale complessa, in grado di costituire di per sé una remora ulteriore al rilancio economico. 21 MARZO 2010 In tribunale funziona l'ombrello della «231» di Giovanni Negri L'insostenibile leggerezza dei modelli. Almeno sino a ora. Perché con alcune pronunce importanti, prese di recente, le cose potrebbero iniziare a cambiare. Le imprese vedrebbero cioè giustificata quella scommessa che il legislatore fece nel 2001, quando da una parte introdusse con il decreto legislativo 231 la responsabilità degli enti per i reati commessi da dipendenti, mentre dall'altra mise in campo la possibilità di un'esimente per tutte le aziende che avevano adottato congrui modelli organizzativi. Tali da permettere, almeno sulla carta, di scongiurare illeciti come quelli presi in considerazione dalla normativa. Una possibilità che sinora era stata soprattutto teorica, visto che i pubblici ministeri avevano avuto gioco facile nei procedimenti contro le società: la maggioranza di queste non aveva infatti adottato modelli. Soprattutto non lo aveva fatto in via preventiva e solo dopo l'avvio del procedimento penale, per evitare o ridurre il rischio sanzioni interdittive, si era deciso di introdurli. Nelle rarissime situazioni in cui la magistratura si era trovata ad affrontare (è il caso, per esempio, di Impregilo nella vicenda penale sugli appalti per lo smaltimento dei rifiuti in Campania) società che i modelli li avevano già introdotti, ne era stata di fatto sancita l'inefficacia. Tanto che già nelle Procure, soprattutto per quanto riguarda reati commessi dai vertici dell'azienda, aveva ormai preso consistenza la linea per cui la sola commissione di un illecito rappresentava la migliore prova 14

15 dell'inutilità del modello (quand'anche introdotto), una sorta di responsabilità oggettiva. Ora una sentenza del tribunale di Milano però quest'orientamento, che di fatto rendeva inutile o comunque inutilizzabile un'esplicita previsione del legislatore, potrebbe iniziare a rivelare qualche crepa. Anche la pronuncia è stata poi doppiata da un'altra, questa volta del giudice unico di Trani, che condannando tre società per una gravissima sciagura sul lavoro, ha però fornito una serie di indicazioni operative sulla fisionomia e i contenuti del modello su un fronte cruciale come quello del presidio penale a tutela della sicurezza dei lavoratori. Il Gip del tribunale di Milano, lo scorso 17 novembre, ha prosciolto così una società (si tratta della stessa Impregilo) sulla base della sua condotta "virtuosa". La società, condotta sul banco degli imputati per avere tratto un beneficio dal reato di aggiotaggio informativo compiuto da suoi manager, aveva inserito specifiche misure organizzative sin dal 2003, due anni dopo l'entrata in vigore del decreto, certo, ma «anticipando di gran lunga le maggiori imprese del comparto» e applicando le Linee guida diffuse nel frattempo da Confindustria. Inoltre, dal 2000, un anno prima dell'esordio della responsabilità amministrativa delle imprese, la società aveva adottato un sistema di controllo interno basato sui principi del Codice di autodisciplina dettato da Borsa italiana. Un'attenzione che veniva da lontano quindi, anche se poi la verifica va effettuata in concreto, con riferimento alla situazione antecedente l'illecito, evitando comunque qualsiasi tentazione di «responsabilità oggettiva» a carico della società. Da Trani, invece, il giudice unico (motivazioni depositate l'11 gennaio) ha chiarito innanzitutto che un'impresa può avere interesse a commettere anche un delitto colposo come le lesioni gravi e gravissime o l'omicidio in materia di sicurezza del lavoro. Non fosse altro che per risparmiare sulle misure da prendere per mettere al riparo dai rischi i propri dipendenti. Quanto ai modelli però, un'impresa che vuole avare le carte in regola davanti alle contestazioni dell'autorità giudiziaria, spiega il giudice, deve evitare almeno due errori: quello di considerare che gli ormai consueti documenti in materia di valutazione rischi possano essere sostitutivi di una specifica organizzazione aziendale intesa a prevenire i reati in discussione. E poi che possano essere evitate misure indirizzate a chi prende contatto con le lavorazioni a rischio della stessa impresa. In altre parole, anche i lavoratori di altre aziende, ingaggiati per fare fronte ad attività anche pericolose, devono essere esplicitamente considerati tra i soggetti cui indirizza il modello. Arriva Extra Banca dedicata ai cittadini extracomunitari di Lucilla Incorvati Parte da Milano e l'avventura dell'ultima nata nel settore del credito. Si chiama Extra Banca, istituto di credito dedicato, anche se non in via esclusiva, ai cittadini stranieri presenti in Italia (i residenti sono attualmente 4,3 milioni), protagonisti principali della crescita demografica e dello svecchiamento del Paese. Perfino il presidente Giorgio Napolitano ha mandato i suo augurio visto che questa banca tra le altre cose può contribuire ad un processo di integrazione. Banca indipendente (nell'azionariato ci sono tra gli azionisti Assicurazioni Generali, Fondazione Cariplo e soprattutto oltre 30 imprenditori) vuole essere multietnica per antonomasia (tra chi ci lavora sono rappresentate 10 etnie, si parlano più di 11 lingue e il vicepresidente è il camerunese Otto Bitjoka che 15

16 affianca il presidente Andrea Orlandini e il direttore generale Paolo Caroli) e fa perno su un modello unico non solo a livello italiano ma anche in Europa. In Italia esistevano già istituti come Banca Prossima (Gruppo Intesa), unica in Europa dedicata esclusivamente alle organizzazioni no profit e Banca Etica, ispirata nella raccolta e gestione del denaro second principi di finanza etica. Tra le grandi banche commerciali Intesa SanPaolo e Mps sono leader nel seguire il target degli immigrati. Ma nessuna era fino ad oggi punto di riferimento. Extra Banca, invece, con i suoi prodotti e servizi cercherà di intercettare e soddisfare a 360 gradi le esigenze e i bisogni di questo particolare target di risparmiatori, destinato a crescere non solo numericamente (6,5 milioni i residenti stimati nel 2012) ma soprattutto con alte potenzialità proprio per i servizi bancari e finanziari. Oggi ammonta a circa 51 miliardi l'attività bancaria (raccolta e impieghi) attribuibile a cittadini extracomunitari con ricavi (2,5miliardi) simili a quelli generati dalla clientela mass market italiana. E in futuro le prospettive sono molto interessanti. Si stima, infatti, pari al 24% il tasso medio di crescita per i ricavi generati dagli stranieri, al 26% per gli impieghi, al 21% per la raccolta e al 24% per numero di imprese avviate. Ma puntanto sulla convienza dei prodotti offerti e su semplicità e trasparenza dei servizi, Extra Banca spera di attrarre anche chi straniero non è. Già dalla prima fase di attività la nuova banca opererà nelle principali aree di attività del credito: finanziamento alle piccole imprese (ditte individuali e aziende con fatturato superiore ai 2,5 milioni di euro), credito al consumo (incluse anche carte di debito e credito), mutui casa, rimessa di denaro verso i paesi di orgine, gestione del risparmio, polizze vita e danni. Sul fronte del raccolta l'offerta passerà da ExtraZero, conto corrente senza canone e da Extrarisparmio, libretto di risparmio che offre come minimo il 3% sui depositi. Per quanto riguarda i prestiti alle imprese il tasso fisso per prestiti a 3/5 anni sarà del 9,75% contro un 12,5% in media offerta sul mercato. Per i trasferimenti di denaro, rispetto a competitor del calibro di Western Union il bonifico costerà al massimo 6 euro, indipendentemente dall'importo trasferito, e con controllo accurato sia del mittente sia del destinatario. Inoltre, è possibile disporre di una carta Bridge che viene caricata dall'italia a favore di un beneficiario residente all'estero. Si sta lavorando per creare degli accordi con società di cittadini extracomunitari già molto forti tra le comunità, secondo criteri di massima trasperenza e regolarità. Extra Banca intende sviluppare anche il micro credito (finanziamenti volti a far nascere nuovi micro imprenditori) per raggiungere una leadership in un business ancora poco presente in Italia. Extra Banca, grazie a una struttura molto snella (per ora solo 20 dipendenti) e al forte utilizzo di outsourcing e di partership per le attività non strategiche, punta a raggiungere il break even in soli tre anni. Unicredit e Intesa SanPaolo allineati nel 2009 anche se con strategie diverse di Maria Adelaide Marchesoni e Valeria Novellini Sono due strategie completamente diverse quelle delineate dai due principali istituti di credito italiani. Intesa SanPaolo si pone come "banca nazionale" e punta ad acquisire nuovi sportelli e eventualmente piccole banche italiane mentre Unicredit è interessato a ampliare la sua presenza all'estero con una preferenza 16

17 ancora per la Germania attraverso l'interesse mostrato per la rete SEB di proprietà di un gruppo svedese. Rafforzamento patrimoniale Anche dal punto di vista del rafforzamento patrimoniale i due istituti hanno seguito percorsi differenti. Intesa non è ricorsa a aumenti di capitale bensì alla dismissione di attività "non core" che culmineranno con il collocamento in borsa di una partecipazione di minoranza della controllata del risparmio gestito Banca Fideuram, presumibilmente nel mese di giugno. Unicredit ha effettuato due aumenti di capitale abbastanza ravvicinati nel tempo e al termine del secondo il core tier 1 è salito all'8,47%, un valore che rispetta pienamente gli attuali requisiti di Basilea II. Non è per ora previsto l'ingresso in Borsa della controllata del risparmio gestito Pioneer. Intesa presenta attualmente un core tier 1 pari al 7,1%, ma considerando le azioni di "capital management" già predisposte tale valore salirebbe al 9,1 per cento. I requisiti di patrimonializzazione sempre più stringenti hanno condizionato anche la politica dei dividendi e a farne le spese sono stati gli azionisti e in primo luogo le Fondazioni e le loro politiche di erogazione. Torna il dividendo Entrambi gli istituti sono tornati al dividendo per la gestione Il pay-out di Intesa Sanpaolo sarà del 36,8% sul risultato consolidato e per Unicredit sarà del 34 per cento. Sul fronte dei numeri la gestione 2009 ha visto per entrambi gli istituti una forte ripresa della commissioni nette nel quarto trimestre, anche se il saldo annuale rimane in calo. A trainare tale ripresa sono state le commissioni da servizi e intermediazione del risparmio. Margini dell'attività Altra voce critica nel contesto della crisi finanziaria è quella del risultato dell'attività di negoziazione e in tale ambito era stata Unicredit a farne soprattutto le spese, con risultati pesantemente negativi sia nel terzo sia nel quarto trimestre 2008, mentre per Intesa solo il quarto trimestre aveva presentato un dato negativo. Nel 2009 questa voce di bilancio è stata positiva per entrambi gli istituti con valori particolarmente elevati nel secondo e nel terzo trimestre dell'anno, che si sono ridimensionati nel quarto trimestre per effetto di un andamento dei mercati meno favorevole. Evoluzione identica invece per quanto riguarda il margine di interesse che in entrambi i casi ha risentito dell'abolizione della commissione di massimo scoperto (- 9% per il gruppo Intesa e -9,1% per Unicredit). Taglio dei costi energico per Unicredit E sul fronte dei costi? Il cost/income ratio di Intesa ammontava a fine 2009 al 54,1% (55,2% nel 2008). Per Unicredit invece è stato pari al 55,6% (62,1% nel 2008) grazie anche ad una forza lavoro diminuita su base annua del 5,4%. Intesa nel quarto trimestre ha accelerato la riduzione degli organici con il ricorso al prepensionamento per circa 1900 dipendenti. Qualità del credito Per mantenere livelli adeguati di copertura della qualità del credito sono stati necessari maggiori rettifiche e accantonamenti. I due istituti hanno visto nel 2009 un peggioramento del rapporto Crediti deteriorati netti/crediti verso la clientela 17

18 che per Unicredit è passato dal 3,24% al 5,5%, e per Intesa dal 2,9% al 5,5%. Nella gestione gli accantonamenti e le rettifiche su crediti per Intesa sono saliti del 39%, mentre per Unicredit il balzo è stato superiore e sono state necessarie maggiori misure cautelative con rettifiche e accantonamenti più che raddoppiati a 8,9 miliardi. (Analisi Mercati Finanziari) A Roma squilla il telefono indiano Tata prepara lo sbarco in Italia. Sarà operatore virtuale. Nella Capitale la base legale e commerciale: in futuro potrebbe arrivare anche il software. I telefoni indiani sbarcano in forze nella Capitale. Che sarà la base principale per conquistare una fetta del mercato italiano delle tlc. Il gruppo multinazionale di proprietà della famiglia Tata, nel quale è presente anche un ramo specializzato nelle comunicazioni telefoniche, intende puntare risorse consistenti per ritagliarsi un ruolo da protagonista nel segmento degli operatori cosiddetti virtuali. E cioè quelli privi di reti e infrastrutture che rivendono il servizio telefonico ai clienti acquistando grossi pacchetti di minuti dalle società dotate di reti di trasmissione. Il progetto sarebbe, secondo quanto risulta a Il Tempo, talmente concreto che gli emissari del patron indiano Ratan, attuale presidente della conglomerata di Mumbai, sarebbero già a Roma per colloqui con i partner locali in grado di garantire il supporto tecnico, finanziario e commerciale. Gli indiani, in particolare, avrebbero considerato di posizionare la loro base legale e commerciale a Roma. Non mancherebbe un'antenna specializzata solo nella parte tecnica posizionata a Milano. Mentre per la gestione logistica del magazzino (le offerte prevederebbero anche l'abbinamento di piani commerciali con i telefonini di ultima generazione) il gruppo asiatico avrebbe in mente di trovare una piattaforma nel Centro Italia. Secondo le indiscrezioni uno dei posti papabili potrebbe essere già stato individuato nel Molise. L'arrivo della compagnia non è ridondante nel mercato delle tlc italiano. Paradossalmente l'italia resta un territorio ancora da sfruttare per gli operatori virtuali la cui presenza è ancora ridotta rispetto agli altri partner europei. In più la Tata potrebbe avvalersi della sua presenza in altre nazioni per avviare roaming e offerte scontate ai clienti verso e dall'estero. Non solo. Lo sbarco di Tata apre la strada anche all'arrivo diretto in Italia della tecnologia informatica indiana che ha 18

19 ormai raggiunto altissimi livelli di eccellenza nello sviluppo del software con costi competitivi. articolo di lunedì 22 marzo 2010 Generali, Geronzi gioca tutto nell ultimo round di Redazione Settimana decisiva per la scelta del prossimo presidente della compagnia. La partita si svolge in Mediobanca, tra il banchiere romano, manager e soci: serve ancora tempo e il comitato nomine potrebbe slittare al 30 marzo. L ipotesi Perissinotto perde forza Oggi Cesare Geronzi è atteso a Milano sul presto. Il jet privato con il quale va e torna sulla rotta Roma-Milano lo aspetta come al solito a Ciampino, destinazione Linate, poi Piazzetta Cuccia, sede di Mediobanca. Dove oggi e domani il presidente della banca d affari avrà la serie di incontri decisivi per la definizione del vertice delle Generali, compagnia di cui Mediobanca è il primo azionista. Nelle ultime ore si è chiarito che il candidato numero uno per sostituire Antoine Bernheim alla presidenza triestina è lo stesso Geronzi: il banchiere romano è venuto allo scoperto negli ultimi giorni, in occasione dei ripetuti incontri avuti con i grandi nomi della finanza meneghina e nazionale, a cominciare dal presidente di Intesa Sanpaolo, Giovanni Bazoli. Geronzi, a questo punto, si gioca molto: sul suo passaggio a Trieste fa perno una svolta epocale negli equilibri della finanza italiana. Le Generali sono, da oltre cent anni, la maggiore società finanziaria del Paese, l unica in grado di confrontarsi alla pari con qualche altro colosso internazionale. Ma fino a oggi la strategia e la guida di Trieste sono state nelle mani di Milano, fatte e disfatte a Mediobanca. Ora Geronzi punta a invertire questa rotta, trasformando Trieste in un potere autonomo. E, giocoforza, depotenziando Mediobanca. Per questo il passaggio non è e non sarà banale. E l esito, piaccia o meno, decreterà comunque una vittoria o una sconfitta. Gli schieramenti sono due: da un lato Geronzi, dall altro il management che, sia in Mediobanca (leggi l ad Alberto Nagel insieme con il dg Renato Pagliaro) sia in Generali (i due ad Giovanni Perissinotto e Sergio Balbinot) fanno blocco per negoziare equilibri desiderati. E si capisce: a Nagel, un Geronzi a Trieste non può essere gradito per quanto fin qui detto. Tuttavia l ipotesi che lo stesso Perissinotto possa essere un alternativa a Geronzi sembra troppo rischiosa: un eventuale bocciatura dei soci rischierebbe di far fuori Perissinotto anche dal vertice del gruppo. L unica alternativa, per Mediobanca, sarebbe quella di pescare un jolly da fuori, come il numero uno di Allianz in Italia, Enrico Cucchiani. Che però sarebbe un «esterno» forte in sella a Trieste, con tutti altri tipi di rischi. Sull altro fronte, invece, Geronzi andrebbe in Generali accettando di essere sostituito a Milano da Pagliaro, con una soluzione che darebbe respiro ai manager di Mediobanca. La parola, da stamane, ai soci di Mediobanca. Con particolare riferimento ai francesi e a Unicredit: saranno le loro posizioni, alla fine, a determinare l equilibrio finale. Tecnicamente, infatti, decideranno i soci rappresentati nel comitato nomine di Mediobanca: oltre a Geronzi, Nagel e Pagliaro, anche Tronchetti Provera, Vincent Bolloré e Dieter Rampl. Il percorso prevede che entro il 6 aprile Mediobanca presenti la lista dei 15 consiglieri, compreso il presidente (un paio di posti finiranno poi alle liste di minoranza). L assemblea del 24 aprile voterà le liste. E la compilazione della lista dipende dal comitato nomine, che si dovrà riunire in tempo per rispettare tale scaletta. Di fatto ciò avverrà entro il 31 marzo, cioè prima delle vacanze pasquali. Quindi mancano ancora 10 giorni. Dieci giorni per 19

20 trovare un accordo. E sul tavolo ci sono due date per il comitato nomine: quella di venerdì 26, e quella di martedì 30, che al momento sembra la più probabile: c è una settimana intera e pure il week end per ragionare e convocare il comitato il 29. Mentre per fare tutto entro venerdì, l accordo tra i soci dovrà essere trovato nel giro di 2-3 giorni, perché il comitato va convocato almeno 24 ore prima. Un ipotesi che al momento sembra difficile. Ristrutturazioni più facili, il governo cancella la Dia per gli interventi che non cambiano la pianta interna della casa di Antonella Donati Sostituire gli impianti o i servizi sanitari, rifare i pavimenti, installare i pannelli solari: tutti interventi più semplici da ora in poi e anche meno cari. Il governo, con il decreto sugli incentivi varato venerdì 19 marzo, ha infatti deciso anche di abolire la Dia per tutti gli interventi che non riguardano le parti strutturali delle abitazioni, e per quelli volti al risparmio energetico. Niente più attese e nessun obbligo di ricorrere ad un tecnico - Un intervento, quello del governo, motivato con la necessità di accelerare per gli interventi previsti dal piano casa, esclusi quelli che riguardano l'ampliamento degli immobili. A meno che non ci siano vincoli specifici a livello regionale, quindi, vengono totalmente liberalizzati gli interventi in caso, a patto che, però, non si modifichi la struttura interna dell'appartamento. Questo comporta un deciso risparmio dei costi, perché non è più necessario ricorrere ad un tecnico per il progetto e per la firma sulla Dia. Gli interventi liberalizzati - Le norme sono operative fin da subito, dato che si tratta di un decreto legge destinato ad entrare in vigore non appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Tra gli interventi per i quali non occorre più la comunicazione preventiva al comune ci sono tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, e quelli relativi all'eliminazione delle di barriere architettoniche. Salvo casi particolari, quali ad esempio l'installazione di un ascensore esterno al palazzo, predisporre scivoli e monta scale o ascensori interni richiede, quindi, assai meno tempo. Analogo discorso per l'installazione di pannelli fotovoltaici e per i pannelli solari termici, per i quali non occorre attendere i 30 giorni di scadenza della Dia. Installazione libera anche per le aree ludiche senza fini di lucro, compresi, quindi, i giochi per bambini, e per le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, come, ad esempio il rifacimento della la pavimentazione dei cortili condominiali. Per i controlli comunicazioni dalle ditte - Questo nuovo sistema, però, non dovrebbe diminuire i controlli dei Comuni sulla correttezza degli interventi effettuati e sulla sicurezza dei cantieri di lavoro. E' prevista, infatti, una comunicazione telematica sui lavori che si stanno eseguendo, comunicazione che sarà a cura dell'impresa alla quale è affidato il lavoro. A che serve spezzare le reni alla Grecia MARCELLO DE CECCO Uno dei problemi dell Unione Europea è che in qualsiasi momento ci sono elezioni 20

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Bank of America Il Mobile Banking

Bank of America Il Mobile Banking Bank of America Il Mobile Banking Questa breve sintesi è solo un supporto alla comprensione del caso e non ne sostitusce la lettura. L analisi del caso avverrà venerdì 11 settembre pomeriggio (le domande

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Università LUM Jean Monnet - Trani European Week 9-10-11 maggio 2013 Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Intervento

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Ambrosetti Club Economic Indicator. Il Paese si è rimesso in moto o in motorino?

Ambrosetti Club Economic Indicator. Il Paese si è rimesso in moto o in motorino? Ambrosetti Club Economic Indicator Il Paese si è rimesso in moto o in motorino? 3 settembre 2015 I primi sei mesi del 2015 si chiudono con un Prodotto Interno Lordo che torna finalmente col segno più (+0,3%),

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Marzo 2012 Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL Negli ultimi mesi abbiamo avuto una

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Il Terziario Innovativo e l e-government come opportunita per la ripartenza del territorio

Il Terziario Innovativo e l e-government come opportunita per la ripartenza del territorio Il Terziario Innovativo e l e-government come opportunita per la ripartenza del territorio Domenico Favuzzi Presidente Terziario Innovativo e Comunicazione di Confindustria Bari e BAT Agenda 1. Contesto

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Quadro Macroeconomico attuale e previsioni future La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Eurogruppo/Ecofin e dal G7 non sono emerse novità di rilievo.

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)»

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Stato: settembre 2014 Domande e risposte Che cosa vuole l iniziativa popolare «Salvate l oro della

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO 866 BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO. Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria

SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO. Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria 1 SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO Di Michela Mantovani (bozza) Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria Per ricercare le ragioni del deficit di sviluppo e per

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Studio Corno commercialisti, legali e consulenti internazionali CIS Italia centro studi impresa

Studio Corno commercialisti, legali e consulenti internazionali CIS Italia centro studi impresa RASSEGNA STAMPA A cura dell ufficio studi e ricerche di Studio Corno aziendalisti, commercialisti e avvocati. 12 gennaio 2015 RASSEGNA STAMPA Diritto e fisco: DISCLOSURE; PARTITE IVA; REVERSE CHARGE; Economia:

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 833 LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 20 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo Call center: 02.30329329 dalle 8.30 alle 17.00 dal lunedì al venerdì (tenere a portata di mano il codice iscritto) http://www.fondopensionegruppointesasanpaolo.it Newsletter n. 1 2015 IN QUESTO NUMERO

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

Le Bolle speculative

Le Bolle speculative Le Bolle speculative Vito Lops giornalista del Sole 24 Ore Social media editor Sole 24 Ore www.twitter.com/vitolops Autore del blog «L economia della trasparenza» http://vitolops.blog.ilsole24ore.com COME

Dettagli

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini FORUM PA - 18 maggio 2010 Carlo Crea - Segretariato generale Autorità per l'energia elettrica e il

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

SE LA BCE FOSSE LA FED

SE LA BCE FOSSE LA FED 38 i dossier www.freefoundation.com SE LA BCE FOSSE LA FED (seconda puntata) quantitative easing in salsa europea? 15 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 Le mosse della Bce Grazie Draghi!

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA 14 settembre 2007 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta, memorizzata in un

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli