BACKGROUND BACKGROUND

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BACKGROUND BACKGROUND"

Transcript

1

2

3 BACKGROUND La Posidonia oceanica (L.) Del. è una pianta acquatica, endemica del Mar Mediterraneo, appartenente alla famiglia delle Posidoniaceae. Forma grandi praterie sottomarine (Figura 1) che si estendono sia su fondali sabbiosi che rocciosi. La pianta presenta delle radici, con le quali si ancora al substrato; un fusto di consistenza legnosa con funzioni di organo di riserva (rizoma) e lunghe foglie nastriformi riunite in fasci, di colore verde brillante che possono raggiungere 1,5 metri di lunghezza. Le foglie più giovani che si formano soprattutto in primavera, si trovano all interno del fascio e rimangono attive sino all autunno successivo, quando perdono la funzionalità fotosintetica e, assumendo colorazione brunastra, si distaccano dal rizoma. (Figura 2) Le praterie di posidonia sono incluse nella lista degli Habitat prioritari protetti della Direttiva Habitat della Comunità Europea (Direttiva 92/43/CEE). I Paesi europei che hanno designato i Siti di Importanza Comunitaria (SIC), per la protezione dell habitat prioritario delle Praterie di posidonia, sono: Italia, Spagna, Grecia, Francia, Cipro, Slovenia e Malta.... Le praterie di posidonia svolgono una funzione chiave nell ecosistema marino e nell ecologia dell ambiente litorale... Le praterie di posidonia svolgono una funzione chiave nell ecosistema marino e nell ecologia dell ambiente litorale perché offrono a numerosi organismi marini protezione e riparo dai predatori, rappresentano fonte di alimentazione, sono in grado di produrre enormi quantità di ossigeno e di biomassa vegetale e rappresentano una barriera vegetale in grado di contrastare il fenomeno di erosione delle coste. Inoltre, la presenza di praterie di posidonia in buono stato di salute è un indice di qualità delle acque litorali in quanto la posidonia è particolarmente sensibile a tutti i fattori che inducono inquinamento, comprese le attività dell uomo. Oggi le praterie, almeno in alcune zone del Mediterraneo, sono in forte regressione a causa di diverse attività antropiche come la pesca a strascico, le operazioni di ancoraggio dovute alle attività di diporto, gli interventi per realizzare infrastrutture portuali e turistiche; ulteriore minaccia è rappresentata dall inquinamento delle acque. Nel periodo autunno-invernale la vegetazione della posidonia si rinnova e parte delle foglie senescenti vengono trasportate dalle correnti sulle spiagge limitrofe alle praterie, dove i residui si accumulano anche in elevate quantità come detrito, dando origine ai naturali fenomeni di putrefazione. Lungo i litorali interessati è possibile individuare cumuli costituiti da foglie e da fibre di posidonia (Banquettes) (Figura 3) BACKGROUND Posidonia oceanica (L.) Del is a seagrass plant, endemic to the Mediterranean Sea, belonging to the family Posidoniaceae. It grows up as large underwater meadows (Figure 1) both on sandy and rock sea bottoms. It is made up of roots, through which it clings to sea bottom, a woody trunk acting as body reserve (rhizome), and long ribbon-like leaves that are grouped into tufts. The leaves are bright green and they are up to 1.5 metres long. The younger leaves born mainly in Spring, are inside the tuft and remain active until Autumn when they lose their photosynthetic capacity, become brownish and begin to detach from the rhizome. (Figure 2) Meadows of posidonia are included in the list of the priority habitats protected by the Habitats Directive of the European Community (Council Directive 92/43/EEC). The European countries that have been designated as Sites of Community Importance (SCIs) for the protection of the priority habitat of posidonia meadows are Italy, Spain, Greece, France, Cyprus, Slovenia and Malta. Meadows of Posidonia oceanica (L.) Del play a key role in the marine ecosystem and ecology of the shoreline for the favorable habitat offered to a wide range of fauna that makes the meadows provide a sort of protection and shelter from predators, they can produce enormous amounts of oxygen and seagrass biomass. In addition, the meadows of posidonia in good health play a role of mechanical protection from the coastal erosion and are an indication of the excellent quality of coastal waters since they can respond to many factors that cause water pollution, including human activities. Nowadays the meadows, at least in some areas of the Mediterranean, are in strong regression due to many human interventions such as, for example, trawling, anchoring operations for pleasure crafts, and works to realize port and tourism facilities; a further threat is still represented by water pollution. In the autumn-winter period the vegetation of posidonia renews itself and part of the senescent leaves are transported by the currents and wash up on the beaches next to the meadows where residues deposit in large amounts as detritus, giving rise to the natural phenomena of putrefaction. Along the coasts concerned it is possible to find heaps of residues of posidonia as leaves and fibers (Banquettes) (Figure 3). 1 P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATED MANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

4 Gli accumuli di posidonia spiaggiata e di altre biomasse (alghe e piante marine) svolgono una funzione chiave nell ecologia dell ambiente litorale. Ad esempio, i residui riducono gli effetti dell erosione costiera lungo i tratti di spiaggia sabbiosa e concorrono alla formazione e al mantenimento del sistema dunale, in conseguenza della caratteristica di trattenere notevoli quantità di sedimento sabbioso. Inoltre, con la loro naturale degradazione meccanica e decomposizione, i residui forniscono un importante fonte di nutrienti per la formazione della vegetazione dunale. La presenza di questi accumuli è avvertita con disagio da bagnanti, operatori turistici e diportisti. Per tale ragione negli impianti di balneazione, nei porticcioli adibiti ad attività diportistica e in prossimità dei centri abitati, le Amministrazioni Comunali intervengono con la rimozione dei residui e con il conseguente smaltimento in discarica del materiale raccolto (Figura 4). Tuttavia, questi interventi comportano alcune implicazioni negative. In primo luogo, la rimozione degli accumuli di posidonia danneggia il fragile ecosistema costiero; la posidonia spiaggiata infatti rappresenta un elemento importantissimo del ciclo di vita delle spiagge ed influenza notevolmente la dinamica del profilo costiero. In aggiunta, il conferimento in discarica dei residui determina pesanti ripercussioni ambientali ed economiche. Lo smaltimento in discarica deve infatti essere fortemente limitato a favore di forme alternative di gestione. Con il progetto Posidonia Residues Integrated Management for Eco- sustainability (P.R.I.M.E.) sono stati identificati alcuni criteri per la corretta gestione ecosostenibile di queste biomasse, indirizzando la sua attività scientifica verso la possibilità di riutilizzo dei residui per fini diversi dal conferimento in discarica. In particolare, nell ambito del progetto sono stati svolti studi sulla possibilità di impiego dei residui di posidonia per la produzione di compost The heaps of stranded posidonia residues and other biomass (seaweeds and seagrasses) play a key role in the shoreline ecosystem. For example, since these residues retain significant amounts of sand, they reduce the effects of coastal erosion along the stretches of sandy beaches and contribute to the formation and maintenance of the coastal dune system. Moreover, with their natural mechanical degradation and decomposition they provide an important source of nutrients for the formation of the dune vegetation. The deposits make bathers, tour operators and owners of pleasure crafts feel uneasy. For this reason, in the bathing facilities, in marinas for pleasure crafts and in the cities, municipalities remove these deposits at regular intervals during the ordinary and extraordinary cleaning of beaches, and landfill the material collected (Figure 4). However, these practices have some negative implications: firstly, the removal of accumulations of posidonia harms the fragile coastal ecosystem. In fact, stranded posidonia is an important element for the life cycle of the beaches and it influences the dynamics of the coastal profile. In addition, landfilling is a problem because of the heavy environmental and economic impacts involved. Landfilling should be severely limited in favor of alternative forms of management. Thanks to the project Posidonia Residues Integrated Management for Eco-sustainability (P.R.I.M.E.) some criteria for the sustainable management of these biomasses were identified, directing the scientific activity towards the re-use of these residues as an alternative to landfilling. In particular, some studies were carried out on the potential use of posidonia residues for the production of compost. 2 P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATE DMANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

5 IL PROGETTO E I PRINCIPALI OBIETTIVI Il progetto P.R.I.M.E, cofinanziato dalla Comunità Europea con il Programma di Iniziativa Comunitaria Life + (LIFE09 ENV/ IT/000061), è stato realizzato dal Comune di Mola di Bari (Lead Partner), ECO-logica Srl, Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari (CNR-ISPA), Aseco Spa e Tecoma Drying Technology Srl in qualità di beneficiari associati, nel periodo Settembre Dicembre 2013, con l obiettivo di definire un Sistema Integrato di Gestione dei residui spiaggiati di posidonia. Sono state condotte analisi dirette degli aspetti legati alla problematica dello spiaggiamento delle biomasse vegetali, finalizzate ad affrontare sia l aspetto ecologico, relativo allo stato di salute delle praterie (Figura 5 e 6), alle dinamiche dello spiaggiamento e alla loro importanza ecologica sul litorale, sia l aspetto gestionale relativo alle operazioni di raccolta, movimentazione e pretrattamento dei residui di posidonia spiaggiati finalizzati al recupero e alla re-immissione nel ciclo produttivo. In particolare il progetto P.R.I.M.E si è occupato di ampliare il potenziale utilizzo in agricoltura dei residui di posidonia spiaggiata e individuare le modalità di recupero come ammendante nei suoli agricoli e/o come substrato per l ortoflorovivaismo. THE PROJECT AND THE MAIN OBJECTIVES The project P.R.I.M.E., co-financed by the European Community and the Community Initiative Programme Life + (LIFE09 ENV / IT/000061), was realized by the Municipality of Mola di Bari (lead partner), by ECO-logica SRL, by the Institute of Sciences of Food Production (ISPA-CNR), by Aseco SPA and Tecoma Drying Technology SRL as associated beneficiaries from September 2010 till December 2013, with the aim of establishing an integrated management system of stranded posidonia residues. Direct analyses on the aspects related to the stranding of vegetable biomasses have been carried out in order to consider both the ecological aspect concerning the state of health of the meadows (Figure 5 and 6), the dynamics of the stranding and their ecological importance for the shoreline and the management aspect relating to the collection, handling and pretreatment of stranded posidonia residues aimed at their recovery and reuse in the production cycle. In particular, the project P.R.I.M.E. has enabled to identify some methods of recovery of stranded posidonia residues and some methods of use of organic material to produce compost as soil amendment for agricultural soils and/or as a cultivation substrate for both horticulture and floriculture. 3 P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATED MANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

6 DESCRIZIONE DELLE MODALITA DI GESTIO- NE DELLE BIOMASSE SPIAGGIATE Per far fronte alla necessità di indicazioni precise manifestata dalle autorità costiere sulle possibilità gestionali degli accumuli di biomasse spiaggiate, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha emesso la Circolare n. 8123/2006 (DPN/VD/2006/08123), Gestione della posidonia spiaggiata. La Circolare evidenzia l opportunità di lasciare in loco gli accumuli di biomasse spiaggiate riconoscendone il ruolo ecologicoambientale. Al tempo stesso, rileva la possibile conflittualità fra questa forma di gestione e l utilizzo delle spiagge a scopo turistico, evidenziando alcune possibili alternative, tra cui il conferimento in discarica., Pur mantenendo le modalità di azione proposte dalla Circolare, il progetto P.R.I.M.E. ha, però, individuato alcune soluzioni e procedure alternative da adottare ai fini della corretta gestione delle biomasse vegetali spiaggiate, di seguito riportate: Mantenimento in loco delle banquettes: soluzione migliore dal punto di vista ecologico in quanto le banquettes svolgono un azione protettiva contro l erosione costiera, sono una riserva trofica e una fonte di carbonio e nutrienti, costituiscono l habitat naturale per molti organismi, favoriscono la formazione delle dune embrionali. Da attuare quando non entra in conflitto con le esigenze di fruizione e di balneazione delle spiagge o in siti costieri dove il fenomeno erosivo sia particolarmente accentuato; soluzione auspicabile nelle aree marine protette e nelle zone A e B dei Parchi Nazionali. (Figura 7) Rimozione dei residui spiaggiati: i residui spiaggiati devono essere rimossi quando per esigenze turistico - balneari, per incompatibilità con i normali utilizzi del tratto di costa o per l insorgenza di problemi di carattere igienico-sanitario, non è possibile mantenere il loco le banquettes. Preliminarmente alla rimozione delle biomasse da qualsiasi tipo di litorale, sabbioso o roccioso, o area portuale, si dovrà procedere all asportazione dei rifiuti di origine antropica presenti. La pratica della rimozione del materiale organico dalle coste deve essere condotta in modo tale da limitare i danni al fragile ecosistema costiero e deve essere eseguita con attrezzi manuali come rastrelli o pale, o con mezzi meccanici leggeri. La rimozione non deve in alcun modo arrecare alterazione dell assetto geomorfologico dell arenile nè arrecare danni alla vegetazione presente. Infine, tutte le operazioni di allontanamento del materiale spiaggiato devono essere effettuate in modo da evitare la contemporanea asportazione di sabbia o ciottoli, in modo da preservare l integrità dei litorali. Figura 7: Banquettes Torre Guaceto (Brindisi) (Foto Eco-logica srl) 7 DESCRIPTION OF THE MANAGEMENT ME- THODS OF STRANDED BIOMASS To cope with the need of the coastal authorities for precise directions on the management system for stranded biomass, the Ministry for Environment and Territory has issued the Ministerial Memorandum No. 8123/2006 (DPN/VD/2006/08123) Management of stranded posidonia. It reaffirms the opportunity to leave on-site deposits of stranded seagrass biomass because of their important ecological role. At the same time, it notes the possible conflict between this form of management and the use of beaches for tourism, highlighting some possible alternatives, including landfilling. According to requirements of the Ministerial Memorandum, the P.R.I.M.E. project has identified possible solutions and procedures for a proper management of stranded posidonia residues, as follows: On-site maintenance of banquettes: this is the best solution from the ecological point of view because banquettes protect the coast from erosion, are a trophic reserve and a source of carbon and nutrients, constitute the natural habitat for many organisms and encourage the formation of the embryonic dunes. It is possible to implement it when the presence of banquettes does not clash with tourist/bathing activities and in coastal areas where the erosive phenomenon is particularly accentuated. The choice of on-site maintenance of banquettes is desirable when the area affected by stranding is located in a marine protected area or in areas A and B of a National Park. (Figure 7) Removal of stranded residues: stranded residues must be removed when it is not possible to maintain the banquettes on site because of tourist/bathing needs, incompatibility with the regular use of the coast or because of the onset of health problems. Before the removal of residues from any kind of coast (sandy or pebbly beach with dunes or vegetation, sandy and pebbly beach, rocky shore, port area), it will be necessary to remove man-made waste present in the heap. The removal operations must be done through actions aimed to preserve beaches, and using hand tools, such as rakes or shovels, or by automotive vehicles. Removal should not cause geomorphological changes to seaboard nor cause damage to vegetation. In case of removal of seagrass biomass from sandy or pebbly beach, the removal operations of stranded material from the substrate must be made so as to prevent the removal of sand or pebbles, in order to preserve coasts as a whole. Figure 7: Banquettes at Torre Guaceto (Brindisi) (Eco-logica srl photo) 4 P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATE DMANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

7 Obiettivi del progetto P.R.I.M.E. OBJECTIVES OF P.R.I.M.E. PROJECT 5 P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATED MANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

8 8 Spostamento degli accumuli: la biomassa può essere stoccata a terra all asciutto, trasportata in zone appartate della stessa spiaggia dove si è accumulata (spostamento in situ), spostata su spiagge poco accessibili o non frequentate da bagnanti o su spiagge particolarmente esposte all erosione (spostamento ex situ); tale spostamento può anche essere stagionale. Impiego agronomico delle biomasse spiaggiate: una forma alternativa di trattamento è stata individuata nell impiego agronomico delle biomasse spiaggiate dopo averle sottoposte a compostaggio. Tale trattamento può essere suddiviso in 3 fasi successive: 1) miscelazione materiali; 2) biossidazione; 3) maturazione. Dopo la rimozione dalle impurità presenti (vagliatura) e la raffinazione finale, il compost può essere utilizzato in agricoltura come ammendante nei suoli o/e come substrato di coltivazione nell ortoflorovivaismo, previo accertamento della conformità ai requisiti imposti dal D.Lgs. n. 75/2010 Riordino e revisione della disciplina in materia di fertilizzanti, a norma dell articolo 13 della legge 7 luglio 2009 n.88 la quale ammette l utilizzo di piante marine e alghe per la produzione di compost, nella misura massima del 20% in peso, previa separazione della frazione organica dalla eventuale presenza di sabbia. Displacement of deposits: biomass can be stored in dry areas, transported in the backshore of the same beach where it is stored (in situ storage), moved on beaches that are not accessible or not frequented by bathers or moved on beaches that are vulnerable to erosion (ex situ storage). The displacement can be seasonal or permanent. Agronomic use of stranded seagrass biomass: an alternative form of treatment has been identified in the agronomic use of stranded biomass after being subject to composting. The composting process can be divided into three successive stages: 1) Mixing of materials; 2) bio-oxidation process; 3) maturation. After the removal of impurities (sieving) and final refining, the compost can be used in agriculture as a soil amendment or/and as cultivation substrate in vegetable nursery crops, upon verification of compliance with requirements imposed by the Legislative Decree No. 75/2010 Reorganization and overhaul of regulations on fertilizers, pursuant to article 13 of Law No. 88 of 7 July 2009 : it provides for the admission of algae and marine plants in the production of compost, up to a maximum weight of 20%, after separation of the organic fraction from the possible presence of sand. Figure 8: Recovery of posidonia residues by hand tools and removing of man-made waste ( CNR- ISPA photo) Figure 9: Storage structure of stranded posidonia residues (C. Mancusi photo) 9 Figura 8: Raccolta manuale dei residui spiaggiati e separazione dai rifiuti (Foto CNR-ISPA) Figura 9: Struttura contenitiva di stoccaggio dei residui di posidonia spiaggiata (foto C. Mancusi) 6 P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATE DMANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

9 Rimozione permanente e trasferimento in discarica delle biomasse spiaggiate: il trasferimento in discarica è tra le modalità di gestione delle biomasse spiaggiate con maggiori costi, sia in termini economici che ecologici, pertanto deve essere realizzato solo quando nessun altra delle soluzioni per la gestione delle biomasse spiaggiate precedentemente descritte è attuabile. Possibili soluzioni e procedure da seguire sono descritte in figura 10. Permanent removal and disposal in dumps of stranded seagrass biomass: the disposal in dumps is, among stranded seagrass biomass management methods, the one with the higher economic and ecological costs, so it should be performed only when none of the solutions for the management of stranded seagrass biomass described above is feasible. The possible solutions and procedures are schematically described in Figure Figura 10: Schematizzazione delle possibili soluzioni e procedure da adottare ai fini della corretta gestione delle biomasse vegetali spiaggiate. (Elaborazione Eco-logica srl) Figura 10: Scheme of the possible solutions and procedures of management system of stranded seagrass biomass (Eco-logica srl) Figura 11: Piante ornamentali e piantine orticole da destinare al trapianto, prodotte con ammendante compostato a base di posidonia spiaggiata e sacchetti di compost. (Foto Eco-logica srl) Figure 11: Nursery productions, by using green compost as amendment (Eco-logica srl photo) 10 7 P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATED MANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

10 8 P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATE DMANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

11 LA METODOLOGIA La movimentazione Nell ambito delle attività del progetto sono state condotte campagne di rilievi ed analisi sui residui di posidonia spiaggiata, al fine di raccogliere informazioni utili sia a quantificare l entità del fenomeno di spiaggiamento di queste biomasse sia a delineare la loro attitudine al riutilizzo. È apparso evidente come nei siti che tendono a favorire l accumulo della biomassa (quali insenature, affioramenti rocciosi, ma soprattutto in presenza di strutture di protezione del litorale sia naturali che artificiali, fra cui scogliere e pennelli ) gli accumuli sono permanenti e possono raggiungere dimensioni ragguardevoli, rappresentando un problema di difficile gestione, soprattutto laddove devono essere attuati interventi straordinari di pulizia. Diverso è il caso delle spiagge aperte, dove i naturali fenomeni di formazione e demolizione delle banquettes rendono possibile valutare di volta in volta l opportunità degli interventi di rimozione, anche nei casi di vocazione turistica della località. 12 Compostaggio Le attività sperimentali condotte hanno evidenziato alcune caratteristiche di pregio del materiale in questione come matrice compostabile e hanno consentito di sviluppare strategie per migliorarne l attitudine al compostaggio. Dalle analisi effettuate è emerso come potenziali problemi siano l elevata presenza di sabbia frammista al materiale vegetale e l elevata salinità, soprattutto per la fase di compostaggio, mentre non sono emerse particolari criticità in termini di presenza di metalli pesanti (fattore questo su cui si concentra spesso l attenzione dei compostatori nella scelta delle materie prime da avviare a compostaggio), neanche nei residui di posidonia accumulati in prossimità dei grandi insediamenti metropolitani (il sito di Bari, nel caso specifico). La separazione dalla sabbia, operazione imposta anche dalla legge nel caso di rimozione dei residui dalle spiagge ma spesso di difficile realizzazione tecnica, è stata resa possibile grazie alla messa a punto del prototipo Setaccio Rotativo (Figura 13), progettato e realizzato nell ambito del progetto P.R.I.M.E., che utilizza la stessa acqua del mare (evitando quindi di consumare ingenti quantitativi di acqua dolce) per la separazione dei residui dalla sabbia. L operazione è stata effettuata direttamente sulla spiaggia al momento della rimozione dei residui dal litorale, in modo da lasciare in situ il sedimento sabbioso senza compromettere ulteriormente il bilancio sedimentario dei litorali e restituire l acqua al suo naturale ambiente. Figura12: Accumuli di posidonia lungo i litorali (foto CNR-ISPA) Figura13: Prototipo Setaccio Rotativo (foto Eco-logica srl) 13 METHODOLOGY Moving The project has enabled to identify some methods of recovery of stranded posidonia residues and some methods of use of organic material to produce compost as soil amender for agricultural soils and/or as a cultivation substrate for the horticulture and the floriculture The project has carried out field surveys and analyzes on residues of stranded posidonia, in order to quantify the stranding of this biomass and identify their trend to re-use. It is possible to notice that there are permanent and wide deposits in stretches of coastline like inlet, rocky shore, especially with natural/artificial coastal protection structures such as cliffs and brushes. The problem arises when it is necessary to implement special measures of coastal cleaning. On the other hand, the open shore makes possible the natural phenomena of formation/demolition of banquettes, and it means that the removal operations are set from time to time even in tourist vocation resorts. Composting Scientific research has identified some methods of recovery of stranded posidonia residues and some methods of use of organic material to produce compost. Analysis have shown that the main limitations that composters set up against the use of this material are its high presence of salt and sand, in addition they have shown that the chemical composition of final compost does not contain heavy metals (an important aspect for the composters when choosing raw materials to produce compost), neither inside posidonia recovered along urbanized shoreline (like, in this case, the city of Bari). Since the Italian legislation requires separation of the sandy sediments from the organic residues before composting, the prototype rotatory sieve (Figure 13) has been designed and developed, within the project P.R.I.M.E., which uses seawater (thus avoiding to waste fresh water) to separate the sand from the residues. The sieving operations must take place on the coast, and the sand recovered during this activity must be redistributed along the beach in order to preserve coasts as a whole and to give back sea water to its ecosystem.... Accumuli di posidonia lungo i litorali, rappresentando un problema di difficile gestione, soprattutto laddove devono essere attuati interventi straordinari di pulizia... Figure 12: Deposits of posidonia on shoreline (CNR-ISPA photo) Figure13: Prototype Rotatory Sieve (Eco-logica srl photo) 9 P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATED MANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

12 14 L abbattimento della salinità è stato studiato attraverso la realizzazione del primo esempio di stoccaggio temporaneo su larga scala di residui di posidonia spiaggiata (circa 140 m3) con l obiettivo specifico di ridurre la salinità sottoponendo in modo mirato il materiale all azione dilavante delle piogge (Figura 16). Durante lo stoccaggio il materiale è stato rivoltato al fine di evitare i naturali fenomeni putrefattivi. È stato dimostrato come al termine del periodo di trattamento la salinità dei residui è perfettamente compatibile con il processo di compostaggio; inoltre sono state acquisite informazioni sui tempi e sulle quantità di pioggia necessaria, e sui criteri per allestire in maniera opportuna l area di stoccaggio. Il processo di compostaggio è stato realizzato in un impianto industriale attraverso test condotti su residui di posidonia di diversa natura (stoccati oppure appena raccolti), miscelati con diverse matrici tipicamente utilizzate per la produzione di ammendante compostato misto (fanghi di depurazione civile, frazione organica dei rifiuti solidi urbani, residui agroindustriali, etc.). Figura 14: Operazioni manuali di raccolta del materiale spiaggiato (Foto CNR-ISPA) Figura 15. Foglie di posidonia prima e dopo il trattamento con il setaccio rotativo (Foto Eco-logica srl) Figura 16: Residui di posidonia stoccati presso l azienda La Noria (CNR-ISPA) (Foto CNR-ISPA) The first example of temporary extended storage (about 140 m3) has been realized to reduce the initial salinity of stranded residues of posidonia, through the washing action of the rain (Figure15). During the storage, the material has been turned over, so as to avoid the natural phenomena of putrefaction (Figure 16). At the end of the storage, the salinity of residues has proven to be good for the composting. Moreover, this method has allowed to obtain more information about time, rain quantity and method for preparing the storage area. Composting has been carried out in a composting establishment by testing different kinds of posidonia residues (stored or just collected), mixed with complementary organic materials usually used to produce compost amendment (sewage sludge, organic urban waste, agro-industrial residues, etc.) Figure 14: Removal operations using hand tools and automotive vehicles (CNR-ISPA photo) Figure 15: Posidonia residues before and after sieving by rotatory sieve (Eco-logica SRL photo) Figure16: Storage of posidonia residues at the establishment of La Noria (CNR-ISPA) (CNR-ISPA photo) P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATE DMANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

13 SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA POSIDONIA SPIAGGIATA INTEGRATED MANAGEMENT SYSTEM OF STRANDED POSIDONIA Qualità del mare Trasporto sul litorale e accumulo Health of sea moving on shoreline and depositing Ammendante nei suoli agricoli / substrato nell ortoflorovivaismo Soil amender for agricultural soils and/or as cultivation substrate for horticulture and floriculture Recupero: - pretrattamenti in situ - compostaggio Reuse: - pre-treatments in situ - composting POSIDONIA SPIAGGIATA STRANDED POSIDONIA Azione di difesa del litorale Protection from coastal erosion Tipologia di costa / entità degli accumuli Kind of coast / deposits amount Qualità del litorale modalità di intervento Health of coast management system 11 P.R.I.M.E. - POSIDONIA RESIDUES INTEGRATED MANAGEMENT FOR ECO-SUSTAINABILITY - LAYMAN S REPORT - LIFE09 ENV/IT/000061

MANUALE PER LA GESTIONE SOSTENIBILE ED IL RECUPERO DEI RESIDUI SPIAGGIATI DI POSIDONIA

MANUALE PER LA GESTIONE SOSTENIBILE ED IL RECUPERO DEI RESIDUI SPIAGGIATI DI POSIDONIA ISPA COMUNE DI MOLA DI BARI ISTITUTO DI SCIENZE DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI Progetto LIFE09 ENV/IT/000061 Posidonia Residues Integrated Management for Eco-sustainability MANUALE PER LA GESTIONE SOSTENIBILE

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

La via del acqua e del sole The Way of The Sea and The Sun

La via del acqua e del sole The Way of The Sea and The Sun La via dell acqua e del sole The Way of The Sea and The Sun ABRUZZO La via dell acqua e del sole The Way of The Sea and The sun 133 chilometri di costa, lungo la quale si alternano arenili di sabbia dorata

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

La soluzione completa per l irrigazione The real, complete solution for irrigation

La soluzione completa per l irrigazione The real, complete solution for irrigation La soluzione completa per l irrigazione The real, complete solution for irrigation difendi il made in Italy, scegli un azienda italiana La soluzione completa per l irrigazione Irritec realizza prodotti

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili

LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili AQUASER LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili Dott.ssa Grazia Barberio 1, Ing. Laura Cutaia 1, Ing. Vincenzo Librici 2 1 ENEA, Roma; 2 AQUASER (ACEA

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Declaration of Performance

Declaration of Performance Roofing Edition 06.06.2013 Identification no. 02 09 15 15 100 0 000004 Version no. 02 ETAG 005 12 1219 DECLARATION OF PERFORMANCE Sikalastic -560 02 09 15 15 100 0 000004 1053 1. Product Type: Unique identification

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

ATEX CERTIFIED. Iso 9001 - Cert. N 0633 DEX. Pompe per vuoto ad anello liquido monostadio Single stage liquid ring vacuum pumps

ATEX CERTIFIED. Iso 9001 - Cert. N 0633 DEX. Pompe per vuoto ad anello liquido monostadio Single stage liquid ring vacuum pumps Iso 9001 - Cert. N 0633 ATEX CERTIFIED DEX Pompe per vuoto ad anello liquido monostadio Single stage liquid ring vacuum pumps DESCRIZIONE CARATTERISTICHE Le pompe per vuoto ad anello liquido serie DEX

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING Innovazione nei contenuti e nelle modalità della formazione: il BIM per l integrazione dei diversi aspetti progettuali e oltre gli aspetti manageriali, gestionali, progettuali e costruttivi con strumento

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER Price ExWorks Gallarate 60.000,00euro 95 needles, width of quilting 240cm, 64 rotative hooks, Pegasus software, year of production 1999

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli