Analisi della domanda di formazione continua espressa dalle imprese e rivolta alla Provincia di Roma da febbraio a settembre 2009

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi della domanda di formazione continua espressa dalle imprese e rivolta alla Provincia di Roma da febbraio a settembre 2009"

Transcript

1 Progetto O.F.C. Osservatorio della Formazione Continua nella Provincia di Roma: ampliamento e messa a sistema POR - Programma Operativo del Fondo Sociale Europeo - Obiettivo 2 - Competitività regionale e Occupazione Regione Lazio 2007/2013. PET - Piano Esecutivo Triennale Provincia di Roma 2008/2010. Asse I - Adattabilità - Obiettivi Specifici a e c Avviso Pubblico A - per la presentazione di proposte progettuali finalizzate allo Sviluppo della Formazione Continua e Competitività delle Imprese. Formazione Lavoratori Occupati - D.D. R.U. n del 18/12/ Linea 5A Azione 2 non formativa DISPOSITIVO PER LA RILEVAZIONE E L ANALISI DELLA DOMANDA DI FORMAZIONE CONTINUA Analisi della domanda di formazione continua espressa dalle imprese e rivolta alla Provincia di Roma da febbraio a settembre 2009 gennaio 2010

2 Premessa La presente analisi è il risultato del primo monitoraggio - realizzato dall Osservatorio della Formazione Continua (OFC) 1 - sulla domanda di formazione continua espressa dalle imprese del territorio provinciale romano e rivolta alla Provincia di Roma, nell ambito della Banditura PET FSE , Asse Adattabilità da febbraio e settembre I dati che verranno presentati tengono conto delle finalità della Provincia di Roma, degli obiettivi e delle linee - che sono state costruite per andare incontro a specifici settori e target di riferimento in particolare nella Banditura Di cui di seguito si ripercorrono velocemente i passaggi più importanti. La Banditura PET FSE , Asse Adattabilità La Provincia di Roma ha iniziato solo nel 2007 a gestire fondi FSE per la Formazione Continua. Sebbene si trattasse di una limitata quantità di risorse (circa 2 milioni) è stato possibile sperimentare alcune piccole innovazioni per migliorare la fruibilità dei fondi. Fino ad allora infatti l accesso alle risorse non era stato pieno e funzionale ed era stata registrata una parziale disattenzione da parte dei imprese e di operatori. Le innovazioni operate riguardarono l innalzamento medio dei parametri, l introduzione della loro variabilità a seconda della dimensione d aula e una diversa distribuzione delle percentuali delle categorie di spesa, questo agevolò la realizzazione, con una sufficiente copertura dei costi, di interventi di aggiornamento e sviluppo delle competenze professionali anche su gruppi limitati di lavoratrici e lavoratori e permise di puntare maggiormente su cicli formativi brevi, considerati più adatti ad una diffusione, fruibilità e replicabilità. Questa possibilità era oltremodo opportuna considerando la frammentazione del tessuto produttivo provinciale, caratterizzato da una netta prevalenza di piccole e piccolissime aziende. Un ulteriore innovazione fu di strutturare una Linea del Bando dedicata ai lavoratori con contratti atipici. La partecipazione di questa tipologia di lavoratori agli interventi formativi non poteva certamente essere garanzia di una generalizzata stabilizzazione ma poteva contribuire in tal senso oltre che a limitarne la discriminazione. L Avviso disponeva di risorse notevolmente superiori e intendeva fornire alle lavoratrici ed ai lavoratori opportunità di incrementare le proprie competenze professionali al fine di conseguire una migliore adattabilità ai processi di cambiamento, di acquisire maggiori sicurezze, anche dal punto di vista della continuità e stabilità occupazionale. L Avviso conteneva azioni a favore dell incremento dei livelli complessivi di competitività delle imprese, anche tramite attività di aggiornamento del management, dei lavoratori autonomi (interni, contigui o anche esterni e indipendenti rispetto ai processi produttivi aziendali) e degli stessi imprenditori, misure di facilitazione e accompagnamento nell accesso ai fondi per la formazione, realizzazione di interventi per la riduzione della precarietà occupazionale con sistemi di premialità per le aziende che attivassero percorsi virtuosi per la stabilizzazione. L Avviso prevedeva infine interventi mirati al sostegno di alcuni comparti produttivi specifici, in particolare: 1 L indirizzo web dell Osservatorio permanente sulla formazione continua (OFC) è 2

3 la Linea 4 dedicata agli interventi a favore della stabilizzazione dei lavoratori atipici con interventi formativi coerenti con programmi di consolidamento dei rapporti di lavoro e con misure premiali per le contrattualizzazioni a tempo indeterminato; la Linea 6 dedicata agli interventi a favore del settore portuale, della cantieristica navale e della nautica da diporto, con particolare riferimento al bacino di Civitavecchia; la Linea 7 dedicata al filone d intervento nei comparti dell ambiente, dell energia e dei rifiuti, proseguendo e integrando le azioni già intraprese con le precedenti banditure e intervenendo, anche con programmi per la creazione di nuova imprenditorialità, sul versante della facilitazione alla riconversione e adattabilità delle risorse umane appartenenti alla fascia over 50; la Linea 8 dedicata agli interventi di aggiornamento specifico, con particolare riferimento a quello linguistico, per i tecnici delle PMI che debbano, nel breve - medio periodo, essere impegnati in missioni all estero; la Linea 9 dedicata ad interventi di adeguamento delle competenze per manager, lavoratrici e lavoratori autonomi, lavoratrici e lavoratori dipendenti, impiegati nei comparti delle attività culturali, delle produzioni audiovisive e dello spettacolo; la Linea 10 dedicata ad azioni di sostegno, formative e non, del sistema imprenditivo dell Altra Economia. Il presente rapporto si divide in due capitoli, il primo descrive le caratteristiche delle le imprese che hanno fatto richiesta di formazione; il secondo analizza le peculiarità della domanda di formazione avanzata 2. 2 Il rapporto è stato redatto da Flavia Pace e Sabrina Bagnato, Mario Febroni ha curato le elaborazioni statistiche. La rilevazione della domanda di formazione delle imprese è stata condotta dal gruppo di lavoro composto da Sabrina Bagnato, Simona Brocanelli, Nicola Londino, Massimiliano Mazzetti, Sofia Sanz, con la collaborazione di Federico Baldelli e Carla Ventre e coordinata da Flavia Pace. Si ringraziano il Dirigente e gli operatori del Servizio 6 - Monitoraggio, controllo e progetti europei - Dipartimento III "Servizi per la Formazione, il lavoro e la promozione della Qualità della vita" della Provincia di Roma. 3

4 1 Profilo delle imprese che richiedono formazione Nel periodo di tempo analizzato, si sono rivolte alla Provincia di Roma 429 imprese. Se si volesse tracciare un identikit dell impresa che più frequentemente richiede interventi di formazione continua, si potrebbe dire che si tratta di un impresa privata operante nel comune di Roma o nella zona A (comuni di Pomezia, Nettuno, Anzio, meno ad Ardea), nel settore Terziario/Commercio & Servizi. Quest impresa idealtipica ha mediamente meno di 15 addetti, prevalentemente stabilizzati, infatti oltre la metà dei lavoratori ha un contratto a tempo indeterminato. L impresa richiede un percorso di formazione mediamente per il 20% del proprio personale, in particolare per gli impiegati tecnici e per gli operai. Iniziando ad analizzare i dati nel dettaglio, si vede come oltre la metà delle aziende sono operative nel comune di Roma (cfr. Grafico 1) 3. Grafico 1 Distribuzione delle aziende nel territorio Aziende Comune Roma Aziende Provincia Roma Aziende Lazio, fuori Provincia Roma Aziende fuori LAZIO (con sede operativa nel territorio romano) Seguono poi i comuni di Pomezia, Nettuno, Anzio (Tabella 1), tutti compresi nella zona A (cfr. cartina allegata al rapporto per il dettaglio delle zone). Dalla distribuzione delle aziende nel territorio provinciale si nota la scarsa presenza di aziende in alcuni comuni. Sarebbe interessante confrontare questi valori con la distribuzione delle imprese nei comuni considerati, questo consentirebbe di capire se il numero di imprese che si sono rivolte alla Provincia di Roma è proporzionale al numero di imprese presenti, oppure se le imprese non riescono ad accedere ai fondi pubblici per la formazione continua. Sarebbe inoltre interessante verificare se la causa per la mancata fruizione delle risorse è legata alla scarsa incisività e forza di penetrazione dei CPI e/o delle agenzie formative. Questi fuochi di attenzione saranno oggetto di approfondimento sia nelle successive rilevazioni della domanda di formazione sia nei tavoli di confronto con le imprese e con i Fondi interprofessionali. 3 La localizzazione è stata calcolata in base alla sede operativa dell impresa richiedente. 4

5 Tabella 1 Distribuzione delle aziende richiedenti per comune Comune Valori assoluti Roma 224 Pomezia 40 Nettuno 20 Anzio 17 Artena 17 Vicovaro 13 Civitavecchia 12 Albano laziale 10 Colleferro 8 Velletri 8 Guidonia Montecelio 7 Marino 6 Fiumicino 5 Valmontone 4 Ardea 3 Ciampino 3 Monterotondo 3 Olevano Romano 3 Cerreto Laziale 2 Formello 2 Lanuvio 2 Segni 2 Anguillara Sabazia 1 Ariccia 1 Arsoli 1 Campagnano di Roma 1 Capena 1 Fiano Romano 1 Grottaferrata 1 Labico 1 Ladispoli 1 Monte Compatri 1 Montelanico 1 Palestrina 1 Sant'Angelo Romano 1 Tivoli 1 Zagarolo 1 Viterbo 1 Latina 2 Totale 429 5

6 Le aziende richiedenti (cfr. Tabella 2) sono nel 56% circa dei casi imprese private; nel 20% ditte individuali 4 e nel 19% sono imprese cooperative. Queste ultime risultano essere un numero consistente nella realtà provinciale romana e necessitano di crescita e di sviluppo. Allo stesso modo, anche le Associazioni no profit rilevano un interesse verso la formazione, che potrebbe essere ulteriormente valorizzato. Tabella 2 Tipologia delle imprese richiedenti Tipologia impresa Valori assoluti Impresa privata 240 Ditta individuale 86 Impresa cooperativa 82 Associazione no profit 11 Impresa a partecipazione pubblica 1 Istituzione pubblica 1 Altro 5 Non risposte 3 Totale 429 Esaminando i settori di attività economica l 86% delle impresi rispondenti lavora nel Terziario/Commercio & Servizi, il 9% nel settore dell industria e nel restante 5% dei casi in Agricoltura 5, i dati si pongono in coerenza con il panorama del tessuto locale provinciale. Tabella 3 Settori di attività economica dell impresa richiedente Settore di attività economica dell'impresa Valori assoluti Agricoltura 18 Industria 33 Terziario/Commercio & Servizi 310 Altro (non specificato) 68 Totale La voce ditta individuale non era presente nell elenco all interno della Scheda impresa ma è stata costruita a posteriori, separandola dalla generica voce altro. 5 Nel settore Agricoltura sono compresi: caccia e silvicoltura, pesca, piscicoltura e servizi connessi. 6

7 Approfondendo all interno del settore Industria, si nota come il 60% delle imprese lavora nelle costruzioni, il 15% nella fabbricazione di macchine, apparecchi meccanici (cfr. Tabella 4). In questa prima analisi sperimentale non è stato possibile incrociare i dati, sarebbe stato interessante verificare alcune ipotesi di correlazioni tra settore di attività dell impresa e area tematica scelta per la formazione dei propri addetti, come ad esempio tra le imprese di costruzioni richiedenti e contenuti formativi su salute e sicurezza negli ambienti di lavoro. Questa funzionalità sarà a breve implementata tra le statistiche rese possibili dall Osservatorio e pertanto indagata nelle prossime rilevazioni. Tabella 4 Dettaglio del settore Industria Sotto attività del settore Industria Valori assoluti Costruzioni 20 Fabbricazione macchine, apparecchi meccanici 5 Industria manifatturiera 2 Prodotti chimici, fibre sintetiche 2 Industria tessile e dell abbigliamento 2 Lavorazione metalli 1 Produzione e distribuzione di energia, gas e acqua 1 Totale 33 Per quanto riguarda il settore Terziario/Commercio & Servizi (cfr. Tabella 5), le imprese che richiedono operano maggiormente nel ramo informatica e attività connesse (19%) e nella sanità e altri servizi sociali (19%), seguite poi da riparazioni auto e moto (15% circa). 7

8 Tabella 5 Dettaglio del settore Terziario/Commercio & Servizi Sotto attività del settore Terziario/Commercio & Servizi Valori assoluti Informatica e attività connesse 59 Sanità e altri servizi sociali 59 Riparazioni auto e moto e beni di casa 46 Terziario/Commercio & Servizi (generico) 33 Attività di servizi alle imprese 26 Attività di servizi alle imprese (generico) 19 Attività legali, contabili, consulenza fiscale, sondaggi 2 Attività degli studi di architettura, ingegneria ed altri studi tecnici, collaudi e analisi tecniche 1 Pubblicità 4 Istruzione e formazione 19 Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni 17 Trasporti terrestri, marittimi, aerei 14 Agenzia di viaggio, attività di assistenza turistica 1 Poste e telecomunicazioni 2 Alberghi e ristoranti 14 Attività ricreative, culturali e sportive 13 Attività ricreative, culturali e sportive 5 Biblioteche, archivi, musei,attività culturali 3 Attività radiotelevisive 2 Produzione e distribuzione cinematografica e video 1 Attività delle spettacolo, di intrattenimento e divertimento 2 Commercio e distribuzione (ingrosso e dettaglio) 11 Intermediazione finanziaria, creditizia e assicurazioni 7 Ricerca e sviluppo 3 Stampa, editoria 2 Pubblica amministrazione e difesa 1 Totale 310 Analizzando le classi dimensionali delle imprese richiedenti - e coerentemente con i dati provinciali - si rileva che nel 56% circa dei rispondenti, le aziende hanno meno di 15 addetti, nel 23,7% meno di 50 addetti. Nel 17% dei casi meno di 300 addetti, da notare come in questa classe sia molto elevata la frequenza nella voce addetti, pari a 34 imprese. Il restante 3,3% dei casi le imprese hanno oltre 300 addetti (cfr. Tabella 6). Questo dato risulta significativo nel momento in cui la formazione è riuscita ad intercettare le piccole imprese in più della metà dei casi, finalità che era stata auspicata nell elaborazione della Banditura

9 Tabella 6 Imprese richiedenti per classe dimensionale 6 Numero addetti Valori assoluti 1 50 da 2 a 5 78 da 6 a 9 42 da 10 a da 16 a da 20 a da 30 a da 40 a da 50 a da 100 a da 200 a da 300 a oltre Non risponde 38 Totale 429 Nelle 429 imprese prese in esame, sono occupati attualmente addetti. Il 68% circa dei lavoratori ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato, il 16% ha un contratto di lavoro atipico, il 13% circa ha un contratto a tempo determinato, infine il restante 3% è occupato con contratto di apprendistato 7. Che il 16% dei lavoratori che hanno fruito della formazione abbia un contratto di lavoro atipico, rivela l efficacia della Linea 4 della Banditura dedicata alle azioni formative per i lavoratori con contratti atipici. Tabella 7 Tipologie contrattuali degli addetti delle imprese richiedenti Tipologie contrattuali Numero addetti valori assoluti Lavoratori a contratto a tempo indeterminato Lavoratori a contratto a tempo determinato Lavoratori con contratto di lavoro atipico Lavoratori con contratto di apprendistato 579 Totale Nella categoria fino 1 addetto, sono stati conteggiate anche 5 imprese che hanno dichiarato di avere zero dipendenti. 7 Per questa prima rilevazione non è stato possibile avere i valori distinti per genere, perché attualmente il dato viene richiesto aggregato nei formulari in uso dalla Provincia di Roma. Una volta a regime, l Osservatorio rileverà i dati con un grado di dettaglio maggiore. 9

10 Su un totale complessivo di addetti che lavorano in queste 429 imprese, le richieste di formazione avanzate intendono coinvolgere oltre il 21.7% del personale pari a lavoratori. In particolare gli interventi richiesti sono destinati agli impiegati tecnici (47% dei casi), agli operai (circa il 20%) e agli impiegati amministrativi (15%). Anche gli imprenditori fanno richieste di formazione, rispondendo positivamente alla proposta di una linea dedicata da parte della Banditura Tabella 8 Inquadramento aziendale dei lavoratori da coinvolgere in formazione Inquadramento dei lavoratori Numero addetti valori assoluti Impiegato tecnico 2021 Operaio 832 Impiegato amministrativo 651 Quadro 361 Socio lavoratore 136 Imprenditore 129 Socio 30 Altro (non specificato) 129 Totale Infine il quasi il 75% di queste imprese si dichiara disponibile a cofinanziare l intervento formativo richiesto alla Provincia. La percentuale è alta ma non ancora significativa, potrebbe lasciar trasparire infatti una tendenza di diverse imprese a percepire la formazione come una risorsa importante ma non al punto da investirvi del proprio. Grafico 2 Disponibilità dichiarata dalle imprese a cofinanziare la formazione richiesta Disponibili a cofinanziare Non disponibili a cofinanziare 8 Cfr. Linea 3 illustrata nella premessa del presente rapporto. 10

11 2 Analisi delle richieste di formazione continua Nel periodo di tempo analizzato, le 429 imprese hanno presentato 747 richieste di interventi di formazione continua. Similmente all identikit dell impresa richiedente, se si volesse tracciare un profilo della domanda di formazione che più frequentemente è arrivata alla Provincia di Roma, si potrebbe dire che prevalentemente vengono richiesti interventi nell ambito dell organizzazione/manageriale (sviluppo del personale, inteso come riqualificazione e aggiornamento e, sviluppo organizzativo) e tecnologico/scientifico (informatica e software). Gli interventi richiesti hanno un impostazione molto tradizionale nel 93.5% infatti la modalità maggiormente richiesta è la lezione frontale in aula, sebbene affiancata da esercitazioni e simulazioni. I percorsi hanno una durata media di oltre 40 ore, da realizzare in orario di lavoro, con cadenza settimanale, nel quasi 70% dei casi fuori dall azienda. Infine gli interventi richiesti sono da realizzarsi prevalentemente nel comune di Roma e a Pomezia. Iniziamo ad analizzare nel dettaglio le aree tematiche, indicate quali contenuti degli interventi formativi. Nel grafico che segue, le richieste vengono presentate sinteticamente e raggruppate in macro aree. Come si vede l area tematica maggiormente scelta è quella organizzativo manageriale pari al 48% dei casi, segue con il 20% quella tecnologico/scientifica. Si segnala che le lingue (pari all 8%) non sono mai state scelte come unico contenuto formativo ma sempre abbinate ad altri contenuti. Grafico 3 Aree tematiche delle domande di formazione continua 8% Commerciale 20% Tecnologico/ scientifico 1% Giuridico/ economico 2% Sociale 8% Lingue 11% Altro non specificato 3% Sicurezza sul lavoro e ambiente 48% Organizzazione/ manageriale Rispetto ai singoli contenuti all interno delle macro aree quelli maggiormente indicati sono sviluppo del personale (inteso come riqualificazione e aggiornamento) pari al 30% dei casi; informatica e software 13%; sviluppo organizzativo 8%. 11

12 Tabella 9 Aree tematiche scelte quali contenuti della formazione richiesta Aree tematiche d'interesse Valori assoluti Organizzativo/manageriale: 386 Sviluppo del personale 249 Sviluppo organizzativo 65 Direzione e management 52 Sistemi di qualità 9 Amministrazione 6 Controllo di gestione 5 Tecnologico/scientifico: 157 Informatica software 102 Innovazione tecnico scientifica 20 ICT 19 Processi produttivi 9 Ricerca e progettazione 4 Logistica 3 Commerciale: 65 Marketing 29 Tecniche di comunicazione 17 Tecniche di vendita 11 Relazioni con i clienti 8 Lingue: 62 Inglese 56 Spagnolo 4 Cinese 1 Francese 1 Sicurezza sul lavoro e ambiente: 26 Igiene ambientale dell'impresa 9 Sicurezza dei lavoratori 9 Igiene ambientale del territorio 6 Igiene degli alimenti 2 Sociale: 15 Educazione e formazione 11 Assistenza, cura della persona 4 Giuridico/economico: 8 Contabilità 7 Fisco 1 Altro 85 Totale 804 La domanda prevedeva una risposta multipla, il dato è calcolato sul totale delle richieste. 12

13 I valori riportati nella Tabella 9 suggeriscono alcune considerazioni. È probabile che a fare richiesta di formazione siano state imprese che accedono ai finanziamenti pubblici per la prima volta (cfr. Tabella 13) e che nel contempo abbiano una necessità di riqualificazione dei lavoratori molto alta (quasi certamente legata alla contingente crisi che caratterizza l attuale mondo del lavoro). Come presentato nella Tabella 3 i settori prevalenti delle aziende indagate sono il Terziario/Commercio & Servizi e all interno di questo, l area della Sanità e Servizi Sociali e dell Informatica. Lo stesso dato potrebbe porre un accento sullo sviluppo dell occupabilità dei lavoratori, in termini generali, che trova spazio nelle Linee generaliste 9 dell Avviso, questo consente spesso la costruzione di progetti formativi per sommatoria di competenze non integrate necessariamente in processi, motivo per cui si ritrovano le lingue assieme alle competenze trasversali e, assieme all informatica di base. Passando poi ad esaminare le modalità di organizzazione degli interventi formativi si rileva che nel 78% delle richieste, le imprese intendono avvalersi di un ente o società di formazione esterna, nel 7.4% di consulenti esterni, mentre il 14.6% delle imprese dichiara di poter realizzare in proprio i percorsi formativi. Per limitare l intermediazione di agenzie formative e di consulenti esterni la Provincia di Roma ha recentemente istituito un servizio di supporto e di accompagnamento alle imprese per accedere e gestire i finanziamenti pubblici destinati alla formazione continua dei lavoratori occupati. Sono soprattutto le imprese medio grandi, beneficiando del servizio della Struttura si supporto provinciale, a gestire progetti e percorsi in autonomia mentre al momento si conferma il trend che vede le piccole e piccolissime imprese accedere ai finanziamenti pubblici grazie al lavoro di sensibilizzazione e di assistenza tecnica operato da agenzie formative o da consulenti esterni. Tabella 10 Modalità di realizzazione degli interventi di formazione richiesta Modalità Valori assoluti Avvalendosi di un ente/società di formazione 590 In proprio 110 Avvalendosi di un consulente esterno 56 Totale 756 La domanda prevedeva una risposta multipla, il dato è calcolato sul totale delle risposte. Gli interventi formativi hanno sempre una durata superiore alle 24 ore, prevalentemente oltre le 40 ore (95% circa). Questo perché probabilmente l accesso e le modalità gestionale e rendicontative richieste dalla Provincia per avere un finanziamento pubblico, induce le imprese a mobilitarsi per organizzare interventi complessi. Rispetto alla certificazione finale, nella quasi totalità dei casi viene indicato un attestato di frequenza. In alcuni casi specie per le richieste di informatica e software - le imprese indicano specificatamente il tipo di certificazione 10. Infine le imprese indicano quale localizzazione desiderata per la realizzazione degli interventi formativi 9 Cfr. le prime cinque Linee d intervento a carattere generalista dell Avviso Pubblico 2008/ Come ad esempio, LINUX CERTIFIED ADMINISTRATOR (LCA); credenziale : Microsoft.NET Framework Application Development Foundation; SUN CERTIFIED PROGRAMMER FOR THE JAVA PLATFORM, STANDARD EDITION 6 (CX ), oppure certificazione informazione/formazione D.Lgs 81/

14 la zona del comune di Roma (67.5% dei casi) e la zona A Pomezia, Anzio, Nettuno (21%), coerentemente con la localizzazione delle sedi operative delle imprese richiedenti. Tabella 11 Zona indicata per la realizzazione degli interventi formativi Certificazioni Valori assoluti Zona A 159 Zona B 18 Zona C 21 Zona D 7 Zona E 32 Zona F 0 Zona G 8 Zona H 510 Totale 755 La domanda prevedeva una risposta multipla, il dato è calcolato sul totale delle risposte. Analizzando invece la scelta dei comuni 11, emerge quale dato interessante la posizione di Monterotondo. Tabella 12 Dettaglio dei comuni indicati per la realizzazione degli interventi formativi Comune Valori assoluti Roma 504 Pomezia 154 Monterotondo 22 Albano Laziale 12 Colleferro 10 Civitavecchia 8 Capena 8 Marino 5 Palestrina 4 Guidonia Montecelio 4 Valmontone 3 Ciampino 3 Fiumicino 2 Anzio 2 Vicovaro 1 Tivoli 1 Sant'Angelo Romano 1 Grottaferrata 1 Cerreto Laziale 1 Ardea 1 Totale Per la scelta del comune invece, l impresa poteva indicarne solo uno. 14

15 Concludendo, un dato positivo, il 68% dei rispondenti (pari al 34% dei richiedenti) dichiara di non aver mai svolto prima attività formative con finanziamenti pubblici. Questo significa che, per la prima, un buon numero di imprese si sono avvicinate e/o sono state intercettate volta dalla Provincia di Roma. Tabella 13 Attività formative precedente svolte con finanziamenti pubblici Risposta Valori assoluti Sì 119 No 254 Non risponde 374 Totale

16 ALLEGATI Zona a Zona b Zona c Zona d Zona e Zona f Zona g Zona h Anzio, Ardea,Nettuno,Pomezia Albano Laziale, Ariccia, Castel Gandolfo, Colonna, Frascati, Genzano di Roma, Grottaferrata, Lanuvio, Lariano, Marino, Monte Compatri, Monte Porzio Catone, Nemi, Rocca di Papa, Rocca Priora, San Cesareo, Velletri Arcinazzo Romano, Artena, Bellegra, Capranica Predestina, Carpineto Romano, Casape, Castel San Pietro Romano, Cave, Colleferro, Gallicano nel Lazio, Gavignano, Genazzano, Gorga, Labico, Montelanico, Olevano Romano, Palestrina, Poli, Rocca di Cave, Roiate, San Vito Romano, Segni, Valmontone, Zagarolo Affile, Agosta, Anticoli Corrado, Arsoli, Camerata Nuova, Canterano, Castel Madama, Cerreto Laziale, Cervara di Roma, Ciciliano, Cineto Romano, Gerano, Guidonia Montecelio, Jenne, Licenza, Mandela, Marano Equo, Marcellina, Percile, Pisoniano, Rifreddo, Rocca Canterano, Rocca Santo Stefano, Roccagiovine, Roviano, Sambuci, San Gregorio da Sassola, San Polo dei Cavalieri, Saracinesco, Subiaco, Tivoli, Vallepietra, Vallinfreda, Vicovaro, Vivaro Romano Capena, Castelnuovo di Porto, Civitella San Paolo, Fiano Romano, Filacciano, Fonte Nuova, Magliano Romano, Mazzano Romano, Mentana, Monteflavio, Montelibretti, Monterotondo, Montorio Romano, Moricone, Morlupo, Nazzano, Nerola, Palombara Sabina, Ponzano Romano, Riano, Rignano Flaminio, Sacrofano, Sant'Angelo Romano, Sant'Oreste, Torrita Tiberina Anguillara Sabazia, Bracciano, Campagnano di Roma, Canale Monteranno, Formello, Manziana, Trevignano Romano Allumiere, Cerveteri, Civitavecchia, Ladispoli, Santa Marinella, Tolfa Ciampino, Fiumicino, Roma 16

Bacino Competenza Anguillara Sabazia, Bracciano, Canale Monterano, Manziana, Trevignano Romano

Bacino Competenza Anguillara Sabazia, Bracciano, Canale Monterano, Manziana, Trevignano Romano Centri per l impiego di Roma e provincia Albano Laziale - Centro per l'impiego di Albano Laziale Bacino Competenza Albano Laziale, Ariccia, Castel Gandolfo, Genzano di Roma, Nemi Via San Francesco, 28-00041,

Dettagli

ALLEGATO D CANONI DI CONCESSIONE D'USO BENI STRUMENTALI E MUTUI agg. luglio 2008

ALLEGATO D CANONI DI CONCESSIONE D'USO BENI STRUMENTALI E MUTUI agg. luglio 2008 Confronto ricavi attesi e ricavi reali 2003-2008 Nuova tariffa media 2009-2032 ALLEGATO D CANONI DI CONCESSIONE D'USO BENI STRUMENTALI E MUTUI file: All D canoni e mutui.xls Il presente tabulato contiene

Dettagli

ALLEGATO A SEZIONE 1-formato richiesta CdL Nome Cognome Numero di iscrizione Ordine Cdl Spett.le CPI Oggetto: Richiesta requisiti per assunzioni agevolate Con la presente Vi chiediamo di poter conoscere

Dettagli

Le richieste di accesso al sistema di agevolazione tariffaria potranno essere effettuate a partire dall 11 aprile e fino al 31 luglio.

Le richieste di accesso al sistema di agevolazione tariffaria potranno essere effettuate a partire dall 11 aprile e fino al 31 luglio. PROVINCIA DI ROMA Assessorato alle Politiche dei Trasporti e della Mobilità Dipartimento VI Governo del Territorio e della Mobilità Servizio 3 Pianificazione dei sistemi di mobilità e trasporto pubblico

Dettagli

La presenza di imprenditori nordafricani in provincia di Roma. 2 trimestre 2011

La presenza di imprenditori nordafricani in provincia di Roma. 2 trimestre 2011 La presenza di imprenditori nordafricani in provincia di Roma 2 trimestre 2011 La presenza di imprenditori nordafricani in provincia di Roma 2 trimestre 2011 A cura di: Lo studio è stato realizzato dal

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2012-2013

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2012-2013 Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2012-2013 Lezione del 6 Dicembre 2012 Servizi Sociali della Giustizia (slide 3-10) Tirocinio

Dettagli

Situazione secondo la vecchia regola. Altitudine al centro

Situazione secondo la vecchia regola. Altitudine al centro Altitudine: In base alla nuova : 1) Da 601 metri tutti i terreni sono Affile 684 Esenzione per tutti i terreni Esenzione per tutti i terreni Agosta 382 Esenzione solo per coltivatori diretti e imprenditori

Dettagli

Il presente Avviso stabilisce le modalità ed i termini per l accesso a tale sistema di agevolazione tariffaria.

Il presente Avviso stabilisce le modalità ed i termini per l accesso a tale sistema di agevolazione tariffaria. PROVINCIA DI ROMA Assessorato alle Politiche dei Trasporti e della Mobilità Dipartimento VI Governo del Territorio e della Mobilità Servizio 3 Pianificazione dei sistemi di mobilità e trasporto pubblico

Dettagli

FASCIA a) Comuni con popolazione fino a 3.000 abitanti

FASCIA a) Comuni con popolazione fino a 3.000 abitanti COMUNI DELLA PROVINCIA DI ROMA suddivisi nelle FASCE previste dalla legge 7 aprile 204 n. 56 (*) FASCE PREVISTE DALL'ART., COMMA 33, della legge n. 56/204 2 3 4 5 6 7 8 9 0 2 3 4 5 6 7 8 9 20 2 22 23 24

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI TARIFFARIE PER L ACQUISTO DI ABBONAMENTI AL SISTEMA DI TRASPORTO INTEGRATO METREBUS LAZIO

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI TARIFFARIE PER L ACQUISTO DI ABBONAMENTI AL SISTEMA DI TRASPORTO INTEGRATO METREBUS LAZIO PROVINCIA DI ROMA Assessorato alle Politiche della Mobilità e Trasporti Dipartimento XIV Governo della Mobilità e Sicurezza Stradale Servizio 3 Pianificazione dei sistemi di mobilità e trasporto pubblico

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento del Forum delle Associazioni Giovanili della Provincia di Roma

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento del Forum delle Associazioni Giovanili della Provincia di Roma PROVINCIA DI ROMA Regolamento del Forum delle Associazioni Giovanili della Provincia di Roma Adottato con delibera del Consiglio Provinciale n. 216 del 20/11/2007 Aggiornato con delibera del Consiglio

Dettagli

ACEA ATO 2 S.p.A. P.le Ostiense, 2 00154 Roma. Cap Soc Euro 362.834.320 iv-cf e P.IVA 05848061007 CCIAA RM REA 930803-TRIB RM 218931/99

ACEA ATO 2 S.p.A. P.le Ostiense, 2 00154 Roma. Cap Soc Euro 362.834.320 iv-cf e P.IVA 05848061007 CCIAA RM REA 930803-TRIB RM 218931/99 ACEA ATO 2 S.p.A. P.le Ostiense, 2 00154 Roma Cap Soc Euro 362.834.320 iv-cf e P.IVA 05848061007 -TRIB RM 218931/99 OGGETTO: tariffa unica del Servizio Idrico Integrato per i servizi comunali trasferiti

Dettagli

/2/3/4/ /2/3/4/ /2/3/4/ /2/3/4/5

/2/3/4/ /2/3/4/ /2/3/4/ /2/3/4/5 Comune COMUNI PROVINCIA DI ROMA Funzionario Archeologo Telefono email 01 Affile 02 Agosta 03 Albano Laziale 04 Allumiere 05 06 Anguillara Sabazia Anticoli Corrado 07 Anzio 08 Arcinazzo 09 Ardea 10 Ariccia

Dettagli

CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA

CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA Centro per l Impiego Roma Cinecittà bacino di competenza: Ex Municipi Roma I, Roma II, Roma VI, Roma IX, Roma X, Roma XI, Roma XVII Viale Rolando Vignali, 14 00173

Dettagli

Elenco Comuni antitransgenici

Elenco Comuni antitransgenici Assessorato alle Politiche della Scuola Elenco Comuni antitransgenici Anguillara Sabazia: Deliberazione del Consiglio Comunale n.84 del 18/12/2002 Oggetto: Organismi Geneticamente Modificati Agosta: Deliberazione

Dettagli

Provincia di Roma: dati comunali

Provincia di Roma: dati comunali Provincia di Roma: dati comunali 126 Graf. 25 - Provincia di Roma ROMA Fonte: SISTAR-LAZIO 127 Quali i sono i comuni della provincia di Roma? Quanti abitanti ci sono? Tab. 42 - Popolazione residente per

Dettagli

Roma, la sua Provincia e il SUAP

Roma, la sua Provincia e il SUAP Roma, la sua Provincia e il SUAP 1. Situazione al 7 settembre 2012 Condizionati dall avvio del 1 ottobre della procedura telematica e dal conseguente obbligo di non accettare più SCIA cartacee, il 53%

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. 3. III^ fascia a favore dei Comuni o Unioni di Comuni superiore a 10.000 abitanti (che dovranno compilare lo schema di domanda C).

AVVISO PUBBLICO. 3. III^ fascia a favore dei Comuni o Unioni di Comuni superiore a 10.000 abitanti (che dovranno compilare lo schema di domanda C). AVVISO PUBBLICO ALLEGATO 1 Avviso pubblico Contributi sulla spesa di acquisto di attrezzature necessarie per il potenziamento dei corpi e servizi di polizia locale L.R. n. 1/2005 art. 8, comma 1, lettera

Dettagli

Roma, la sua Provincia e il SUAP

Roma, la sua Provincia e il SUAP Roma, la sua Provincia e il SUAP Situazione al 22 luglio 2016 A seguito dell avvio della procedura telematica e del conseguente obbligo di non accettare più SCIA cartacee (1 ottobre 2011), ad oggi il 40%

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. Dal 1 maggio 2014

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. Dal 1 maggio 2014 SERVIZI DI TRASPORTO Dal 1 maggio 2014 Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. Un esempio: fino a 1.000 59 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI,

Dettagli

Roma, la sua Provincia e il SUAP

Roma, la sua Provincia e il SUAP Roma, la sua Provincia e il SUAP Situazione al 01 maggio 2017 A seguito dell avvio della procedura telematica e del conseguente obbligo di non accettare più SCIA cartacee (1 ottobre 2011), ad oggi il 40%

Dettagli

Dipartimento VI Governo del territorio, della mobilità e della sicurezza stradale Direzione

Dipartimento VI Governo del territorio, della mobilità e della sicurezza stradale Direzione 1 Rocca di Papa 49 Riqualificazione parco Lendisberg Am Dech 2 San Vito 6 Opere di stabilizzazione e recupero della costa nord-est del centro storico 3 Marino 106 Marino - accessibilità 4 Nazzano 60 Riqualificazioni

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Municipio/Comune Zona corrispondente FLC CGIL Indirizzo e-mail NB La legenda si riferisce alla precedente articolazione territoriale in 19 Municipi Roma Municipio 1 Roma Centro-Ovest-Litoranea romaovest@flcgil.it

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 ALTO ANIENE Comuni di: AFFILE, AGOSTA, ANTICOLI CORRADO, ARCINAZZO ROMANO, ARSOLI, CAMERATA NUOVA, MANDELA, CANTERANO, CAPRANICA PRENESTINA, CERRETO LAZIALE,

Dettagli

Dipartimento VIII Servizio 1 Beni, Servizi, Attività Culturali

Dipartimento VIII Servizio 1 Beni, Servizi, Attività Culturali Dipartimento VIII Servizio 1 Beni, Servizi, Attività Culturali LEGGI REGIONALI N. 32/78 E 17/07 AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI PROMOZIONE CULTURALE E DI SPETTACOLO ANNI 2014-2015 Art.

Dettagli

LA PROVINCIA DI ROMA PER CHI CERCA LAVORO I NUOVI SERVIZI PER L IMPIEGO

LA PROVINCIA DI ROMA PER CHI CERCA LAVORO I NUOVI SERVIZI PER L IMPIEGO LA PROVINCIA DI ROMA PER CHI CERCA LAVORO I NUOVI SERVIZI PER L IMPIEGO I CENTRI PER L IMPIEGO SE STAI CERCANDO LAVORO LA PROVINCIA DI ROMA FA PER TE! Domanda e offerta di lavoro si incontrano nei Centri

Dettagli

Provincia di Roma PTPG- Rapporto Territorio: Capitolo 1

Provincia di Roma PTPG- Rapporto Territorio: Capitolo 1 1 GLI SCENARI STRATEGICI AL 2015: POPOLAZIONE E OFFERTA DI FUNZIONI 1 1.1 Premessa La provincia di Roma è un area economicamente forte che sta conoscendo negli ultimi anni (2001-2005) una fase di sensibile

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. ROMA a cura dell Ufficio Statistiche e Studi

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. ROMA a cura dell Ufficio Statistiche e Studi NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Statistiche e Studi data di pubblicazione: 28 novembre periodo di riferimento: primo semestre

Dettagli

HOME CARE ALZHEIMER Programma integrato sovradistrettuale per i malati di Alzheimer e loro familiari

HOME CARE ALZHEIMER Programma integrato sovradistrettuale per i malati di Alzheimer e loro familiari 1 AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE DISTRETTI SOCIOSANITARI RMG Comuni capofila: Monterotondo Guidonia Tivoli Carpineto Romano Olevano Romano San Vito Romano HOME CARE ALZHEIMER Programma integrato sovradistrettuale

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA REGOLAMENTO DEL DECENTRAMENTO

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA REGOLAMENTO DEL DECENTRAMENTO ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA REGOLAMENTO DEL DECENTRAMENTO ART. I Istituzione L Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA REGOLAMENTO DEL DECENTRAMENTO. ART. I Il Decentramento

ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA REGOLAMENTO DEL DECENTRAMENTO. ART. I Il Decentramento ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA REGOLAMENTO DEL DECENTRAMENTO ART. I Il Decentramento L Ordine degli Architetti di Roma e Provincia per meglio promuovere le esigenze dei singoli cittadini e

Dettagli

Provincia di Roma. Regolamentazione dell offerta dei servizi taxi e noleggio con conducente

Provincia di Roma. Regolamentazione dell offerta dei servizi taxi e noleggio con conducente Provincia di Roma Regolamentazione dell offerta dei servizi taxi e noleggio con conducente Gennaio 2008 Premessa Il presente rapporto descrive la metodologia sviluppata per il calcolo del fabbisogno teorico

Dettagli

Attuali incarichi o incarichi recenti:

Attuali incarichi o incarichi recenti: CURRICULUM VITAE Cognome e nome: CERVONI MASSIMO Luogo e data di nascita: Pontecorvo (FR) 09.08.1956 Stato civile: coniugato con una figlia Domicilio: Via Matilde Serao 9/D 00042 ANZIO (Lavinio Stazione)

Dettagli

ELENCO ALLEGATI ALLA CONVENZIONE DI GESTIONE

ELENCO ALLEGATI ALLA CONVENZIONE DI GESTIONE 1 CONVENZIONE DI GESTIONE rel. 1.1 Garanzie tecnico economiche del gestore rel. 1.2 Documentazione deposito cauzionale rel. 2 DISCIPLINARE TECNICO rel. 2.1 Modalità di avvio del S.I.I. rel. 2.2 Mutui pregressi

Dettagli

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI GIOVANILI DELLA

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI GIOVANILI DELLA REGOLAMENTO DEL PROVINCIA DI ROMA. FORUM DELLE ASSOCIAZIONI GIOVANILI DELLA CAPO - I NORME GENERALI Art. 1 : Oggetto e finalità del regolamento Il presente regolamento disciplina il funzionamento del "Forum

Dettagli

RMMM000XW4 DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE (NON ESPRIMIBILE DAL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO)

RMMM000XW4 DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE (NON ESPRIMIBILE DAL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO) RMMM000VW6 PROVINCIA DI RMMM000XW4 DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE (NON ESPRIMIBILE DAL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO) RMMM022ZY7 DISTRETTO 022 RMCT70800B CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE

Dettagli

TRIBUNALE DI TIVOLI (Comuni che fanno parte del circondario di Tivoli)

TRIBUNALE DI TIVOLI (Comuni che fanno parte del circondario di Tivoli) TRIBUNALE DI TIVOLI (Comuni che fanno parte del circondario di Tivoli) Affile Agosta Articoli Corrado Arcinazzo Romano Arsoli Camerata Nuova Canterano Casape Castel Madama Cerreto Laziale Cervara di Roma

Dettagli

Relazione Previsionale e Programmatica 2013-2015

Relazione Previsionale e Programmatica 2013-2015 www.provincia.roma.it Ragioneria Generale Relazione Previsionale e Programmatica 2013-2015 D.P.R. 326/98 Sezione 1 - P. I Caratteristiche della Popolazione, del Territorio, dell Economia Insediata Strumenti

Dettagli

Localizzazione Immobile

Localizzazione Immobile BL - STRUTTURE SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI - COMUNI DEL LAZIO (ESCLUSA ROMA CAPITALE) - Elenco provvisorio dei Dossier ammissibili senza finanziaria Numero SVLAZ-ES-2013-1323 28/09/2013 COMUNE DI CANTALUPO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI. Articolo 1 Durata del servizio Il servizio avrà la seguente durata:18 mesi dalla sottoscrizione del contratto

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI. Articolo 1 Durata del servizio Il servizio avrà la seguente durata:18 mesi dalla sottoscrizione del contratto AVVISO PUBBLICO Avviso pubblico per l'affidamento di un servizio relativo a "Corsi di informazione ed educazione ambientale in materia di riuso, riciclo, recupero e riduzione dei rifiuti negli istituti

Dettagli

*In Via Angelo Emo 11 si trova un consultorio riservato alle ragazzine dai 14 anni in su (ma se siete più piccole potete comunque andare a parlare).

*In Via Angelo Emo 11 si trova un consultorio riservato alle ragazzine dai 14 anni in su (ma se siete più piccole potete comunque andare a parlare). Consultori Familiari - Spazi per Adolescenti della Provincia di Roma I PUNTI GIOVANI Ai Punti Giovani possono rivolgersi ragazze e ragazzi tra i 13 e i 21 anni, senza necessità di prenotazione né di impegnativa

Dettagli

RMMM000VW6 PROVINCIA DI ROMA

RMMM000VW6 PROVINCIA DI ROMA RMMM000VW6 PROVINCIA DI RMMM000XW4 DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE (NON ESPRIMIBILE DAL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO) RMMM022ZY7 DISTRETTO 022 RMCT70800B CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE

Dettagli

Piano di Bacino per l area metropolitana romana RAPPORTO 2 ALLEGATI

Piano di Bacino per l area metropolitana romana RAPPORTO 2 ALLEGATI Piano di Bacino per l area metropolitana romana RAPPORTO 2 ALLEGATI Allegato 1 - Mobilità interna, generazione ed attrazione dei comuni della Provincia di Roma nella mattina del giorno feriale medio Mobilità

Dettagli

La ricerca è stata realizzata da un gruppo di lavoro della Fondazione Istituto G. Tagliacarne composto da: Giacomo Giusti, Giuseppe Quirino,

La ricerca è stata realizzata da un gruppo di lavoro della Fondazione Istituto G. Tagliacarne composto da: Giacomo Giusti, Giuseppe Quirino, IMMIGRATI E IMPRESA NEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ROMA (CON UNA ANALISI DELLA CAPITALE PER MUNICIPIO) 2008 La ricerca è stata realizzata da un gruppo di lavoro della Fondazione Istituto G. Tagliacarne

Dettagli

ELENCO INTERVENTI SICUREZZA STRADALE PROVINCIA DI ROMA

ELENCO INTERVENTI SICUREZZA STRADALE PROVINCIA DI ROMA ELENCO INTERVENTI SICUREZZA STRADALE Pubblica Illuminazione PROVINCIA DI ROMA Gerano 176.000,00 Marano Equo 190.000,00 Rocca di Cave 190.000,00 Saracinesco 31.000,00 Castel San Pietro Romano 198.000,00

Dettagli

L IRPEF: il Lazio si confronta. Rapporto statistico sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche Anno di imposta 2012

L IRPEF: il Lazio si confronta. Rapporto statistico sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche Anno di imposta 2012 L IRPEF: il Lazio si confronta Rapporto statistico sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche Anno di imposta 2012 A cura di: Regione Lazio Direzione Programmazione Economica, Bilancio, Demanio

Dettagli

ROMA NOTA TERRITORIALE. a cura dell Ufficio Provinciale di ROMA Piero Carlini (referente OMI) Emanuela Fantaccione (collaboratrice)

ROMA NOTA TERRITORIALE. a cura dell Ufficio Provinciale di ROMA Piero Carlini (referente OMI) Emanuela Fantaccione (collaboratrice) ROMA NOTA TERRITORIALE a cura dell Ufficio Provinciale di ROMA Piero Carlini (referente OMI) Emanuela Fantaccione (collaboratrice) Andamento del mercato immobiliare nel estre Settore residenziale con la

Dettagli

32.000. LISTINO PREZZI pubblicazione annuale per info: Valentini 338.6883.918

32.000. LISTINO PREZZI pubblicazione annuale per info: Valentini 338.6883.918 LISTINO PREZZI pubblicazione annuale per info: Valentini 338.6883.918 32.000 COPIE DISTRIBUITE GRATIS 1 1 MODULO Cm. 9,5x4,5 100,00 +iva 2 2 MODULI Cm. 9,5x9 4 INTERNO GUIDA Cm. 9,5x19 O AL VIVO Cm. 11,5X22

Dettagli

L'INFORMATORE AZIENDALE

L'INFORMATORE AZIENDALE VOLUME 5, NUMERO 12 DICEMBRE 2013 L'INFORMATORE AZIENDALE Mini IMU 2014, ecco chi dovrà pagare: le aliquote per i Comuni, scadenza, calcolo e saldo Sommario: Ecco tutte le informazioni utili sul saldo

Dettagli

INFORMASALUTE ROMA. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari

INFORMASALUTE ROMA. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

SINDACATO DI VOTO. Tra. Affile, Agosta, Albano Laziale, Allumiere, Anguillara Sabazia, Anticoli

SINDACATO DI VOTO. Tra. Affile, Agosta, Albano Laziale, Allumiere, Anguillara Sabazia, Anticoli SINDACATO DI VOTO Tra - i comuni di: Affile, Agosta, Albano Laziale, Allumiere, Anguillara Sabazia, Anticoli Corrado, Arcinazzo Romano, Ardea, Ariccia, Arsoli, Artena, Bellegra, Bracciano, Camerata Nuova,

Dettagli

e," -------- REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RM/G TIVOLI o Senza osservazioni o Con osservazioni (vedi allegato)

e, -------- REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RM/G TIVOLI o Senza osservazioni o Con osservazioni (vedi allegato) PUBBLICAZIONE Copia della presente deliberazione è stata affissa all'albo delle Pubblicazioni presso la Sede Legale dell'azienda U.S.L. Roma G in data: :_3_A_P_h_._20_1""""4-----'----- Il Direttore U.O.C.

Dettagli

PROROGA TERMINI PRESENTAZIONE ISTANZE

PROROGA TERMINI PRESENTAZIONE ISTANZE COMUNE DI CIVITAVECCHIA COMUNE DI CERVETERI COMUNE DI BRACCIANO COMUNE DI FORMELLO CAPOFILA DISTRETTO RMF1 CAPOFILA DISTRETTO RMF2 CAPOFILA DISTRETTO RMF3 CAPOFILA DISTRETTO RMF4 AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI

Dettagli

DOVE ABITANO A ROMA E PROVINCIA I LAVORATORI EDILI IMMIGRATI

DOVE ABITANO A ROMA E PROVINCIA I LAVORATORI EDILI IMMIGRATI RICERCA FILLEA CGIL ROMA E LAZIO DOVE ABITANO A ROMA E PROVINCIA I LAVORATORI EDILI IMMIGRATI EMBARGO ORE 8.00 21 LUGLIO 2005 Roma Luglio 2005 CONSIDERAZIONI GENERALI Gli immigrati sono e saranno sempre

Dettagli

Segreteria Tecnico Operativa CONFERENZA DEI SINDACI ATO 2 Lazio Centrale Roma

Segreteria Tecnico Operativa CONFERENZA DEI SINDACI ATO 2 Lazio Centrale Roma CONFERENZA DEI SINDACI ATO 2 Lazio Centrale Roma Verbale della Conferenza dei Sindaci e dei Presidenti dell ATO 2 Lazio Centrale Roma tenutasi nella sala Luigi Di Liegro presso la Provincia di Roma il

Dettagli

Rilevazione assenze dei dipendenti pubblici

Rilevazione assenze dei dipendenti pubblici Rilevazione assenze dei dipendenti pubblici DICEMBRE 2009 REGIONE LAZIO (Dicembre ) (1/4) COMUNE DI ANGUILLARA SABAZIA -67,0 AZIENDA UNIVERSITARIA POLICLINICO S.ANDREA -64,6 COMUNE DI PRIVERNO -55,2 AMMINISTRAZIONE

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2012 Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2012 Settore residenziale NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di Emanuela Fantaccione (Referente OMI) Silvia Carlucci (collaboratrice) data di

Dettagli

Progetto dell'associazione Monti e Colline di Roma

Progetto dell'associazione Monti e Colline di Roma Progetto dell'associazione Monti e Colline di Roma per lo Sviluppo Locale della zona Valle dell Aniene 1 Analisi della situazione e delle potenzialità (Riferimento allegato A 1.1 Descrizione di un territorio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDIRETTA, RIVOLTI A PERSONE AFFETTE DA MALATTIA DI ALZHEIMER

AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDIRETTA, RIVOLTI A PERSONE AFFETTE DA MALATTIA DI ALZHEIMER COMUNE DI CIVITAVECCHIA CAPOFILA DISTRETTO RMF1 COMUNE DI CERVETERI CAPOFILA DISTRETTO RMF2 COMUNE DI BRACCIANO CAPOFILA DISTRETTO RMF3 COMUNE DI FORMELLO CAPOFILA DISTRETTO RMF4 AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI

Dettagli

Camera di Commercio di Roma. Le imprese turistiche della provincia di Roma

Camera di Commercio di Roma. Le imprese turistiche della provincia di Roma Camera di Commercio di Roma Le imprese turistiche della provincia di Roma Le imprese turistiche della provincia di Roma Il Rapporto è stato realizzato a cura di ISNART scpa Istituto Nazionale Ricerche

Dettagli

OGGETTO: L.R. 59/1980. Contributo di gestione per gli asili nido. Spesa di euro 12.290.000,00 - Capitolo H 41514. Esercizio finanziario 2008.

OGGETTO: L.R. 59/1980. Contributo di gestione per gli asili nido. Spesa di euro 12.290.000,00 - Capitolo H 41514. Esercizio finanziario 2008. OGGETTO: L.R. 59/1980. Contributo di gestione per gli asili nido. Spesa di euro 12.290.000,00 - Capitolo H 41514. Esercizio finanziario 2008. IL DIRETTORE VISTO la L.R. n. 6/2002 Disciplina del sistema

Dettagli

La presenza di imprenditori nordafricani e asiatici in provincia di Roma. 3 trimestre 2012

La presenza di imprenditori nordafricani e asiatici in provincia di Roma. 3 trimestre 2012 La presenza di imprenditori nordafricani e asiatici in provincia di Roma 3 trimestre 2012 La presenza di imprenditori nordafricani e asiatici in provincia di Roma 3 trimestre 2012 A cura di: Lo studio

Dettagli

32.000. LISTINO PREZZI pubblicazione annuale per info: Valentini 338.6883.918

32.000. LISTINO PREZZI pubblicazione annuale per info: Valentini 338.6883.918 LISTINO PREZZI pubblicazione annuale per info: Valentini 338.6883.918 32.000 COPIE DISTRIBUITE GRATIS 1 1 MODULO Cm. 9,5x4,5 100,00 +iva 2 2 MODULI Cm. 9,5x9 4 INTERNO GUIDA Cm. 9,5x19 O AL VIVO Cm. 11,5X22

Dettagli

IRES ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI LA CARATTERIZZAZIONE DEL SETTORE COMMERCIALE NEL CONTESTO DELL ECONOMIA ROMANA

IRES ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI LA CARATTERIZZAZIONE DEL SETTORE COMMERCIALE NEL CONTESTO DELL ECONOMIA ROMANA IRES ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI LA CARATTERIZZAZIONE DEL SETTORE COMMERCIALE NEL CONTESTO DELL ECONOMIA ROMANA Rapporto Intermedio della Ricerca: IL VALORE AGGIUNTO DEL COMMERCIO A ROMA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO LA CITTA' METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE RENDE NOTO CHE

AVVISO PUBBLICO LA CITTA' METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE RENDE NOTO CHE AVVISO PUBBLICO Rinnovo delle Commissioni e delle Sottocommissioni Elettorali Circondariali della Città metropolitana di Roma Capitale - Designazione dei componenti da parte del Consiglio metropolitano.

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

IL RETTORE. Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti d'istruzione. secondaria di Roma e comuni limitrofi

IL RETTORE. Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti d'istruzione. secondaria di Roma e comuni limitrofi IL RETTORE Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti d'istruzione secondaria di Roma e comuni limitrofi Oggetto: esonero dal pagamento delle rette universitarie Egr. Colleghe e Colleghi, l'università Niccolò

Dettagli

Lo scenario economico provinciale

Lo scenario economico provinciale Lo scenario economico provinciale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma Novembre 2005 La ricerca è stata svolta all interno della Posizione organizzativa Informazione economica

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

Progetto Catalogando Questionario di rilevazione Enti di formazione del Progetto Catalogando *Risposta obbligatoria

Progetto Catalogando Questionario di rilevazione Enti di formazione del Progetto Catalogando *Risposta obbligatoria 1 Progetto Catalogando Questionario di rilevazione Enti di formazione del Progetto Catalogando *Risposta obbligatoria 1. Informazioni Ente / Azienda di formazione Ragione sociale* Inserire la ragione sociale

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

CASERME CARABINIERI PROPRIETA' CANONE ATTUALE. AFFILE Proprietà Privata ,44. AGOSTA Proprietà Privata 6.272,20

CASERME CARABINIERI PROPRIETA' CANONE ATTUALE. AFFILE Proprietà Privata ,44. AGOSTA Proprietà Privata 6.272,20 IMMOBILI IN USO ALL'ARMA DEI CARABINIERI CASERME CARABINIERI PROPRIETA' CANONE ATTUALE AFFILE Proprietà Privata 24.650,44 AGOSTA Proprietà Privata 6.272,20 ALBANO LAZIALE Proprietà Privata 137.116,38 ALLUMIERE

Dettagli

Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga

Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga Fondo Sociale Europeo POR 2007-13 Misure di politica attiva del lavoro in Friuli Venezia Giulia Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga In base all accordo del

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Monitoraggio Statistico dell'inserimento occupazionale dei Laureati del Polo universitario vicentino

Monitoraggio Statistico dell'inserimento occupazionale dei Laureati del Polo universitario vicentino Monitoraggio Statistico dell'inserimento occupazionale dei Laureati del Polo universitario vicentino CONFERENZA STAMPA Vicenza, mercoledì 19 dicembre 2012 Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione

Dettagli

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore PAOLILLO ANDREA

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore PAOLILLO ANDREA REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: DETERMINAZIONE N. B04146 del 23/09/2013 Proposta n. 14495

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO E MONITORAGGIO CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Osservatorio Provinciale Rifiuti Vincenza Di Malta

COMPOSTAGGIO DOMESTICO E MONITORAGGIO CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Osservatorio Provinciale Rifiuti Vincenza Di Malta COMPOSTAGGIO DOMESTICO E MONITORAGGIO CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Osservatorio Provinciale Rifiuti Vincenza Di Malta IL COMPOSTAGGIO NELLA REGIONE LAZIO COMUNE DI SANT ANGELO ROMANO,17 APRILE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIAMPAOLO GRIMALDI Fax (Ufficio) 06/67668385 E-mail Data di nascita 08/02/1976 g.grimaldi@provincia.roma.it

Dettagli

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE 5.1 - Imprese dei settori industria e servizi Al Censimento intermedio dell Industria e dei Servizi (31 dicembre1996) sono state rilevate 3.494 imprese 1 di tipo industriale

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

Programmazione F.S.E. della Provincia di Roma triennio 2011 2013. Progetti Obiettivo 2011. Presentazione

Programmazione F.S.E. della Provincia di Roma triennio 2011 2013. Progetti Obiettivo 2011. Presentazione Programmazione F.S.E. della Provincia di Roma triennio 2011 2013 Progetti Obiettivo 2011 Presentazione Struttura generale della banditura I progetti obiettivo saranno 4: 1. per cittadini occupati 2. per

Dettagli

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia IL SISTEMA PRODUTTIVO LOMBARDO NEL 2006 SECONDO IL REGISTRO STATISTICO ASIA (giugno 2009) Secondo il registro statistico delle imprese attive e delle loro unità locali (ASIA Imprese e Unità locali) sono

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività)

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività) SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE ALLEGATO H (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4384/2001

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

La ristrutturazione dell'approvvigionamento idrico dell'ato

La ristrutturazione dell'approvvigionamento idrico dell'ato La ristrutturazione dell'approvvigionamento idrico dell'ato documento tecnico preliminare della STO Roma, 5 luglio 2005 AUTORITÀ ATO 2 Lazio Centrale Roma Segreteria Tecnico Operativa 1. Premesse L approvvigionamento

Dettagli

La presenza di imprenditori nordafricani e asiatici in provincia di Roma. 2 semestre 2013

La presenza di imprenditori nordafricani e asiatici in provincia di Roma. 2 semestre 2013 La presenza di imprenditori nordafricani e asiatici in provincia di Roma 2 semestre 2013 La presenza di imprenditori nordafricani e asiatici in provincia di Roma 2 semestre 2013 A cura di: Lo studio è

Dettagli

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento al 30 giugno 2011 10 maggio 2012 Sistema informativosmail Emilia-Romagna Aggiornamento

Dettagli

PARLIAMO DI LATTE DI MAMMA

PARLIAMO DI LATTE DI MAMMA PARLIAMO DI LATTE DI MAMMA A cura del Collegio delle Ostetriche di Roma e Provincia Stampato in occasione della Settimana Mondiale dell Allattamento Materno 2011 Collegio Provinciale delle Ostetriche di

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Torino, 3 luglio 2014 Agenda 1 L identikit delle imprese

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli