SYMPHONIA MULTI SICAV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SYMPHONIA MULTI SICAV"

Transcript

1 SYMPHONIA MULTI SICAV BILANCIO AL

2 SYMPHONIA MULTI SICAV: RELAZIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IL 2011 L andamento dei mercati finanziari, sia azionari che obbligazionari, nel corso dell anno è stato molto contrastato e caratterizzato da una volatilità estremamente elevata, principalmente per l effetto combinato di tre fattori: in primo luogo, la crescita economica a livello mondiale, prevista inizialmente in robusta crescita, è andata via via rallentando per motivi in parte riconducibili a calamità naturali come il terribile terremoto di marzo in Giappone; in secondo luogo, la perdurante crisi dei debiti sovrani dei paesi periferici dell area euro, inizialmente confinata alla Grecia, all Irlanda e al Portogallo, si è nel corso dell anno pericolosamente propagata alla Spagna e all Italia, determinando da una parte un significativo allargamento dei differenziali di rendimento dei paesi europei in crisi rispetto ai paesi più sicuri come la Germania e dall altra un generalizzato fenomeno di fly to quality di cui hanno beneficiato tutte le attività ritenute più sicure (Yen, Franco Svizzero, Treasury Usa, Bund tedesco, oro etc.); infine, l inflazione ha continuato a mantenersi su livelli decisamente più elevati rispetto ai target stabiliti dalle varie Banche centrali determinando in alcuni casi l adozione di politiche monetarie restrittive. Se questo era prevedibile nei paesi emergenti, caratterizzati da elevati tassi di crescita economica e maggiormente esposti ai rialzi delle materie prime energetiche ed agricole, non lo era invece nei paesi industrializzati, caratterizzati da un output gap tuttora negativo e da un elevato livello del tasso di disoccupazione. Nonostante ciò, sul fronte economico il 2011 si è concluso con una crescita globale positiva, seppur in rallentamento rispetto alle previsioni iniziali, e stimata dall IMF ad un livello pari al 4%. Il profilo di crescita risulta ormai strutturalmente più contenuto nei paesi industrializzati dove il rialzo previsto è dell 1,6% con il risultato migliore registrato in Germania (+2,7%) e l unico dato negativo in Giappone (-0,5%). Nei paesi emergenti invece l aumento previsto è pari al 6,4%, con i risultati migliori registrati in Cina (+9,5%) e in India (+7,8%). Come già accennato, l inflazione ha registrato nel corso del 2011 livelli decisamente più elevati rispetto alle previsioni, per ragioni legate principalmente al rialzo delle materie prime. In prospettiva, le significative manovre fiscali adottate nei paesi dell area euro e la correzione avvenuta nella seconda metà dell anno nelle quotazioni delle materie prime, principalmente agricole, dovrebbero esercitare pressioni deflazionistiche, maggiormente significative nei paesi emergenti dove gli ultimi dati sembrano segnalare un superamento nel picco del tasso d inflazione, con la possibilità per le Banche centrali di questi paesi di adottare politiche monetarie meno restrittive di quelle adottate nel corso degli ultimi 18 mesi. In termini prospettici, le ultime previsioni dell IMF per il 2011 vedono l inflazione attestarsi al 2,6% nei paesi industrializzati mentre il livello previsto per i paesi emergenti è pari al 7,5%. Le diverse dinamiche della crescita e dell inflazione hanno determinato politiche monetarie differenti tra le Banche centrali: mentre sul fronte americano, la FED ha continuato a mantenere il livello dei tassi sostanzialmente a zero (la c.d. ZIRP policy ) riaffermando più volte nel corso dell anno la volontà di mantenerli su questi livelli ancora per un periodo prolungato (2013), sul fronte europeo la BCE nel corso del primo semestre ha intrapreso una manovra restrittiva sui tassi, portati in due occasioni dall 1% all 1,5%, alla luce di dati inflattivi significativamente superiori al target stabilito (2%). Nel corso dell ultimo trimestre però, in coincidenza anche con il passaggio di testimone dal presidente uscente Trichet a Draghi e sotto l incalzare della crisi dei debiti sovrani dei paesi periferici dell area euro, la politica monetaria europea ha nuovamente cambiato direzione attraverso una riduzione dei tassi ufficiali, riportati sul livello minimo dell 1%, e dei margini di riserva obbligatoria (dal 2% all 1%). Nei paesi emergenti invece, l inflazione ha continuato a mantenersi su livelli elevati nel corso della prima parte dell anno determinando la continuazione di politiche monetarie restrittive, attuate principalmente attraverso un progressivo aumento dei tassi d interesse ufficiali da parte delle Banche centrali. Con la diminuzione delle pressioni inflazionistiche concretizzatasi nell ultima parte dell anno, le Banche centrali hanno iniziato ad invertire la politica restrittiva, come nel caso del ribasso dei tassi da parte della Banca centrale brasiliana e la decisione della Banca centrale cinese che, per la prima volta dal 2008, ha abbassato il coefficiente di riserva obbligatoria. Sul fronte invece delle politiche monetarie non convenzionali (le c.d. manovre di quantitative easing ), la fragilità della ripresa economica e la necessità di arginare la dilagante crisi dei debiti sovrani dell area euro hanno visto non solo il posticipo della c.d. exit strategy, ossia il ritiro delle misure straordinarie di stimolo monetario introdotte durante la crisi economica e finanziaria del 2008, inizialmente previsto per il 2010, ma l introduzione di nuove misure da parte di altre Banche centrali. Nel caso del Giappone e della Svizzera le misure straordinarie introdotte durante l estate sono state mirate principalmente a combattere le spinte deflattive derivanti dall apprezzamento delle rispettive valute, mentre nel caso della BCE gli interventi sono stati mirati ad arginare la crisi dei debiti sovrani e delle banche. Tra le misure adottate, ricordiamo l acquisto diretto da parte della BCE di titoli di stato dei paesi maggiormente in difficoltà, le aste di rifinanziamento a tasso fisso agevolato a 36 mesi e per ammontare illimitato alle banche europee infine l allargamento dei criteri di selezione dei collaterali offerti come garanzia dalle banche in cambio dei prestiti della BCE. Per quanto riguarda il mercato valutario il 2011, analogamente all anno precedente, è stato dominato dal peggioramento della crisi dell area euro sulla cui sopravvivenza hanno iniziato a sorgere parecchi dubbi. Tuttavia, a differenza del 2010, l indebolimento dell euro è risultato di modesta entità, in parte per gli interventi straordinari adottati da alcune Banche centrali (Giappone e Svizzera in primis), in parte per la percezione di un rallentamento economico globale che ha penalizzato le valute più legate alle materie prime (dollaro canadese e australiano) e in parte per la percezione, soprattutto nell ultima parte dell anno, di un maggior impegno e coesione a livello politico europeo per salvaguardare la moneta unica. In questo contesto, la rivalutazione maggiore ha riguardato lo yen giapponese, in rialzo dell 8%, mentre il rialzo del dollaro statunitense si è limitato al 2%. Per quanto riguarda le materie prime, l andamento è risultato contrastato per l azione congiunta sia di considerazioni macro, quali il rallentamento della crescita economica globale, che di considerazione legate all incremento dell avversione al rischio e quindi l implicito aumento della domanda di beni rifugio. A livello generale l indice CRB è sceso del 6,7% con le correzioni più forti che hanno interessato i metalli industriali (-21,5%) e il grano (-14,7%); i rialzi più significativi sono stati registrati dall oro (+12,2%) e dal petrolio (+10%). Il fronte aziendale è quello che, perlomeno negli Stati Uniti, ha offerto il maggiore supporto al mercato azionario: l andamento degli utili societari si è qui, infatti, dimostrato estremamente positivo e poco influenzato dal relativo indebolimento della congiuntura economica. Gli ultimi dati riportati che riguardano il terzo trimestre hanno evidenziato per le società appartenenti all indice S&P500 un rialzo medio del 16,9% e una distribuzione delle sorprese fortemente orientata in campo positivo (69% vs 22%). Nel caso europeo, invece, lo stesso dato riferito all indice EUROSTOXX50 ha evidenziato una diminuzione degli utili pari al 12,4%. Per il 2011 nel suo complesso, le stime degli analisti prevedono a livello aggregato per l S&P500 statunitense un rialzo del 15,5%; lo stesso dato relativo all indice EUROSTOXX50 evidenzia un lieve diminuzione pari allo 0,2%. In questo contesto di riferimento, i principali indici azionari hanno realizzato nell anno risultati negativi, seppur con risultati molto diversi tra le differenti aree geografiche. Se, infatti, l indice MSCI WORLD chiude il 2011 con una performance negativa del 7,8% in valuta locale (-5,2% in euro), l indice S&P 500 ameri- 1

3 cano chiude invariato (-0,02%) mentre l Eurostoxx 50 e il Topix giapponese sono invece scesi rispettivamente del -17,5% e del -18,9%. Particolarmente penalizzato è risultato anche il listino domestico, con il FTSE Italia All Share in ribasso del -24,3%. Quest anno anche i risultati ottenuti dai listini dei Paesi Emergenti sono stati negativi, con l indice MSCI Emerging Markets in valuta locale in ribasso del 14,6% e punte negative del -24,2% per l indice SENSEX indiano e del - 21,9% per l indice RTS russo. A livello settoriale mondiale, le performance hanno rispecchiato le forti insicurezze sul fronte della crescita con i settori difensivi in buon rialzo: il settore della salute registra un risultato positivo pari al 7,3% e il settore dei consumi di base è in aumento del 5,9%. I risultati peggiori sono stati registrati dal settore delle materie prime (-21%) e dal settore finanziario (-20,8%). Per quanto riguarda il mercato obbligazionario governativo, l involuzione della crisi dei paesi periferici dell area euro ha determinato un fly to quality molto accentuato che ha privilegiato gli emittenti ritenuti più sicuri e quindi il Treasury americano (nonostante la storica decisione da parte dell agenzia di rating S&P di abbassare per la prima volta nella sua storia il merito di credito del debito sovrano americano da AAA a AA+ con outlook negativo), il Bund tedesco, il Gilt inglese e il JGB giapponese. Un andamento diametralmente opposto ha riguardato i titoli di stato dei paesi ritenuti più rischiosi all interno dell area euro, con il differenziale ad esempio del decennale italiano rispetto al Bund che è passato dai 179 punti base di fine dicembre 2010 ai 527 di fine dicembre In questo contesto l indice dei titoli governativi americani per la scadenza compresa tra 5 e 10 anni è salito del 13,1% con il rendimento del decennale passato dal 3,4% di fine 2010 all 1,9%. In Europa, l indice ML EMU per la scadenza compresa tra 5 e 10 anni è salito del 3,6% per l influenza contrastante tra l andamento estremamente positivo del Bund tedesco e l andamento estremamente negativo dei periferici dell area euro. Il rendimento del decennale tedesco è sceso alla fine dell anno all 1,8% rispetto ad un livello di fine 2010 del 3%. Nel settore societario, la percezione della solidità finanziaria delle aziende rispetto alle emissioni statali ha continuato a premiare questo segmento di mercato con l indice EMU corporate in rialzo del 2%. In un contesto caratterizzato da una riduzione generalizzata del grado di rischio, il segmento delle emissioni ad alto rendimento ha subito una flessione contenuta (-2,5%), mentre i migliori fondamentali che continuano a caratterizzare i bilanci pubblici dei paesi emergenti hanno consentito una riduzione generalizzata dei tassi, solo in parte compensata dall allargamento degli spread rispetto ai corrispondenti governativi dei paesi industrializzati, con un risultato dell indice positivo e pari al 6,8%. IL 2012 Per quanto riguarda la crescita economica, le previsioni indicano un significativo rallentamento a livello globale, con l area euro in recessione almeno nella prima parte dell anno, gli Stati Uniti con una crescita moderata e i Paesi Emergenti che mantengono tassi di sviluppo molto più sostenuti anche se in marcata decelerazione rispetto al A livello aggregato, le stime più recenti per il 2012 (fonte FMI) prevedono un tasso di crescita a livello mondiale del 3,3% in decelerazione rispetto al 3,8% previsto per il 2011, con una crescita moderata nei paesi industrializzati, prevista all 1,2% ed una più vigorosa nei paesi emergenti, prevista al 5,4%. Di conseguenza, le stime di crescita degli utili aziendali previste dagli analisti che, secondo l approccio bottom-up prevedono un dato medio compreso tra il 7% e il 10% rispetto al 2011, sembrano eccessivamente ottimiste. Al momento, la crescita degli utili previsti per il 2012 è del 9,7% per l indice S&P500 americano e dell 8,6% per il DJ STOXX 600 europeo. Per quanto riguarda i tassi d interesse, non dovremmo assistere nel corso del 2012 ad un cambiamento significativo nel livello dei tassi ufficiali dei paesi industrializzati, che dovrebbero rimanere invariati sugli attuali livelli minimi. Sul fronte inflazione, infatti, il rallentamento economico e le conseguenze deflazionistiche del deleverage dovrebbero tenere sotto controllo il rischio inflattivo nei paesi industrializzati anche se parte delle manovre fiscali restrittive annunciate nella zona euro dovrebbero comportare un aumento dei prezzi al consumo nei primi mesi del Nei paesi emergenti le manovre monetarie restrittive e la correzione delle materie prime dovrebbero indurre un calo dell inflazione anche nella componente core, normalmente correlata al ciclo economico. Al momento le previsioni indicano una crescita dei prezzi al consumo pari all 1,6% per i paesi industrializzati e del 6,2% per i paesi emergenti (fonte FMI). Le valutazioni dei mercati azionari internazionali evidenziano in assoluto valori nettamente inferiori alle medie storiche, con i multipli maggiori evidenziati dal mercato statunitense e quelli più sacrificati in Europa. Risultano interessanti anche le valutazioni dei mercati emergenti che sono a sconto, sia rispetto alla propria media storica che ai multipli dei paesi industrializzati. Per quanto riguarda le valutazioni relative rispetto ai titoli obbligazionari governativi e societari IG, la sottovalutazione dei listini azionari è importante e generalizzata e vale anche per i mercati azionari dei paesi emergenti; il confronto non è, però, altrettanto favorevole se fatto verso le emissioni corporate ad alto rendimento. COMPARTI ADAGIO/LARGO/VIVACE La performance del 2011 dei comparti è negativa e inferiore ai benchmark di riferimento per i comparti Vivace, Largo e Adagio. Il comparto Adagio ha perso il 5,11% (benchmark +2,26%), il comparto Largo il 9,62% (benchmark -0,78%) e il comparto Vivace l 11,88% (benchmark - 5,37%). ADAGIO E LARGO Sui comparti bilanciati Largo e Adagio abbiamo iniziato l anno con un leggero sovrappeso di azionario, in considerazione del miglior rapporto rischio/rendimento verso i bond. Il rendimento della componente obbligazionaria del benchmark, concentrata sulla curva giapponese, americana e inglese, risultava ben inferiore al 3%, in linea con il livello di rendimenti attesi dai dividendi e ben inferiore al rapporto tra gli utili aziendali generati e la valutazione delle aziende (earning yield) dell 8%. In un contesto di lento ritorno alla normalità e di graduale accelerazione dell economia americana le azioni risultavano la scelta più attraente. Inoltre i fondamentali di finanza pubblica in Giappone, Usa e Uk risultavano peggiori di quelli dell area euro. Così la componente obbligazionaria è stata impostata con un sottopeso di duration di circa 2,5 anni rispetto al benchmark (4 anni di portafoglio verso 6,5 anni del benchmark). Consci inoltre delle necessarie manovre espansive per far uscire l area euro dalla crisi dei debiti sovrani e quindi della probabile debolezza dell euro abbiamo anche introdotto circa un 5% di titoli governativi in valuta locale di un basket allargato di paesi emergenti. Tale scelta ci garantiva, oltre ad un esposizione a valute strutturalmente forti, anche dei rendimenti maggiori, superiori al 5%. Il pessimo coordinamento tra i paesi dell area euro, il diffuso populismo e l estrema miopia dei partiti politici e la rigidità monetaria della Bce hanno fatto avvitare durante l estate la crisi, con il susseguente crollo dei mercati. In tale contesto i rendimenti sui governativi americani e giapponesi sono crollati facendo ottimamente performare la parte lunga della curva, parte su cui eravamo sottopeso. Le valutazioni raggiunte dai bonds negli Usa ed in Giappone riflettevano il flusso 2

4 di acquisti d investitori che in primo luogo erano sottopeso su tali attività (condividendo il ragionevole pensiero che qui non vi fosse valore) e che in secondo luogo cercavano aree sicure dove depositare i disinvestimenti sui bond dell area euro e sulle azioni. Durante tale fase abbiamo cercato di individuare quali fossero le opportunità che normalmente sono associate ad un clima di panico, fiduciosi che esistevano mezzi e volontà per evitare una disgregazione dell area euro. Anzi si può dire che tale panico permetteva la formazione di una serie di governi capaci di promuovere riforme strutturali. Le opportunità individuate risiedevano proprio nei titoli dell area euro che finalmente presentavano rendimenti proporzionali ai rischi (rischi che già erano presenti prima dell esplosione della crisi e risiedevano nell ammontare di debito pubblico rispetto al PIL dei vari paesi). Abbiamo così diminuito ulteriormente i titoli obbligazionari americani (rapporto debito/pil 110%, deficit al 9% e rendimento del decennale al 2%), giapponesi (rapporto debito/pil 180%, deficit all 8% e rendimento del decennale all 1%) e UK (debito/pil 85%, deficit al 9% e rendimento decennale al 2%) ed aumentato i titoli dell area euro, aumentando qui la duration del portafoglio. Abbiamo quindi aumentato l Italia (rapporto debito/pil 120% e deficit al 4% e rendimento del decennale al 6-7%), Spagna (rapporto debito/pil 70%, deficit al 7% e rendimento del decennale al 6%), la Francia (rapporto debito/pil 85% e deficit al 6% e rendimento del decennale al 3%) e Germania (rapporto debito/pil 81%, deficit al 1% e rendimento del decennale al 2%). Inoltre abbiamo raddoppiato le obbligazioni sui paesi emergenti sostituendole ai titoli monetari americani. Infine ci siamo portati leggermente sottopeso di azionario nonostante le valutazioni estremamente depresse al fine di compensare il maggior rischio sulla componente obbligazionaria. Nella parte finale dell anno i bonds giapponesi, Usa e Uk hanno continuato a sovraperformare la componente euro nel suo complesso a causa della crisi di sfiducia sulla capacità delle istituzioni politiche di risolvere la crisi. In questa fase abbiamo preso profitto sui titoli obbligazionari Uk in sterline (4%), acquistato un fondo in CCT italiani e aumentato la duration dei bond emergenti dove l inflazione rappresenta un rischio minore in una fase di rallentamento dell economia globale. Abbiamo finito l anno con una componente obbligazionaria focalizzata nell area core dell euro zona e con un forte sottopeso di obbligazioni giapponesi ed americane, dai rendimenti inesistenti e dai rischi concreti (rischi che potrebbero arrivare sia da una ripresa dell economia sia da una perdita di fiducia sui debiti di questi paesi). Il nostro portafoglio obbligazionario ha un rendimento medio del 4% lordo contro un benchmark che ha un rendimento inferiore al 2%. Inoltre abbiamo anche una leggera diversificazione valutaria attraverso le obbligazioni governative emergenti (15% adagio e 10% largo) dal flusso cedolare sostenuto e che riflettono fondamentali di finanza pubblica solidi. Sulla componente azionaria siamo in leggero sottopeso ma con un allocazione concentrata su fondi dal notevole track record che si focalizzano sui fondamentali e sul value che, dopo aver sottoperformato nel 2011, presentano i presupposti per ben comportarsi nel 2012 visto il livello depresso raggiunto. COMPARTO VIVACE Su Vivace, dato il profilo azionario del comparto, il peso di azionario è stato mantenuto in corso d anno tendenzialmente in linea con il benchmark, concentrandoci su prodotti value e su settori più attraenti dal punto di vista delle valutazioni e del dividend yield. Tuttavia solo il settore della salute, su cui abbiamo mantenuto una forte posizione, è stato sufficientemente difensivo nel corso dell anno, ma non ha compensato le forti perdite sui settori a più alto beta, in particolare finanziari e materie prime. Il forte sottopeso di titoli legati ai consumi di base, motivato dalla sua valutazione, ritenuta eccessiva, è stato un detrattore di performance rispetto al benchmark. Il gap valutativo raggiunto tra i titoli più difensivi del mercato ed i titoli più ciclici o finanziari ha raggiunto livelli mai registrati e motivabili solo dalla forte paura. Il premio per il rischio registra livelli visti solo all inizio degli anni 80, dopo un ventennio di crisi petrolifere, guerre, recessioni e inflazione. Sebbene la crisi dell area euro non sia terminata, grandi passi in avanti sono stati effettuati al fine di rafforzarla finanziariamente e darle maggiori potenzialità di crescita e sviluppo di medio periodo. Inoltre sono state gettate le basi per un unione fiscale e politica che darà solidità e visibilità all area in modo sostenibile. Al contempo l America è sul cammino della ripresa e non distante da una stabilizzazione del mercato immobiliare e i mercati emergenti continuano a rafforzare il loro ruolo di consumatori e non solo di produttori. Il fondo rimane così esposto ai potenziali di apprezzamento inespressi che giudichiamo notevoli. COMPARTO EUROPA La performance del 2011 del comparto è stata negativa e pari a -13,32%, inferiore al benchmark (-7,06%). Il maggior contributo negativo alla performance nel 2011 è stato dato dalla componente a piccola capitalizzazione e dalla generale sottoperformance dello stile value, su cui il comparto registra un forte sovrappeso. Nel primo semestre abbiamo aumentato la componente ad alto dividendo tramite ETF e fondi specifici e, durante il forte storno dei mercati del secondo semestre, abbiamo incrementato il livello di ETF bancari portandoci a benchmark. A livello settoriale non si registrano eccessivi scostamenti di peso rispetto al benchmark, a parte un sottopeso di titoli legati ai consumi di base, ritenuti eccessivamente cari dai gestori dei fondi value che abbiamo in portafoglio. Il peso complessivo del comparto è stato tendenzialmente mantenuto in linea con il benchmark. I fondi del comparto registrano tutti track record ottimi di lungo periodo ma in un contesto di paura e di recessione lo stile value su cui si focalizzano può sottoperformare. Tuttavia, visti i crescenti sforzi per far riassorbire la crisi dell area euro e per stabilizzare l economia americana, crediamo che la fase di uscita dalla crisi del 2007, di cui la crisi attuale rappresenta un appendice, possa continuare con un potenziale di apprezzamento delle azioni notevole per quei fondi focalizzati sul valore. COMPARTO AMERICA La performance del 2011 del comparto è stata negativa e pari a -5,91%, inferiore al benchmark (+3,54%). Nel corso dell anno l esposizione azionaria è stata mantenuta mediamente in leggero sottopeso rispetto al benchmark. Il sovrappeso di fondi e prodotti value, focalizzati sulle aree più depresse del mercato ha penalizzato il comparto in un contesto di timori diffusi. Dei settori tecnologici, finanziari, materie prime e farmaceutici su cui abbiamo mantenuto un buon peso soltanto il farmaceutico si è ben comportato. I finanziari, sebbene ben capitalizzati, hanno sofferto sui timori della crisi dell euro e sui dubbi sulla loro futura profittabilità. Crediamo che la crisi dell euro si riassorbirà e che, definita la regolamentazione, il settore tornerà a ritorni sul capitale ben superiori al costo dello stesso. I tecnologici e i titoli legati alle materie prime trattano a valutazioni storicamente molto depresse sebbene le prospettive di crescita e la solidità patrimoniale delle società del settore siano mediamente molto forti. Dall altro lato, le società dette consumer staples (tabacco, cibo, bevande) trattano a livelli valutativi elevati nonostante gli alti margini, la crescente competizione e la cre- 3

5 scita del prezzo dei prodotti di base utilizzati. Sebbene comprendiamo le potenzialità di lungo periodo dei marchi che rappresentano in un mondo sempre più globalizzato, non crediamo abbiano grandi spazi di apprezzamento e potranno fortemente sottoperformare un mercato in ripresa. Durante il forte storno estivo il comparto ha aumentato l esposizione alla componente delle società a piccola e media capitalizzazione che registrava di nuovo valutazioni attraenti. Per quanto riguarda infine l esposizione valutaria il fondo è investito strutturalmente in dollari per la quasi totalità del patrimonio. COMPARTO ASIA La performance del 2011 del comparto Asia è stata negativa del 14,26% ed inferiore al benchmark (-9,43%). Il 2011 è stato caratterizzato da eventi endogeni drammatici quali il terremoto che a marzo ha colpito duramente il Giappone con la conseguente crisi nucleare e le pesanti alluvioni abbattutesi su Tailandia, India e Filippine nell ultimo trimestre dell anno. A ciò si sono aggiunti i problemi di matrice finanziaria legati alla crisi del debito europeo e alla recessione dei paesi periferici di quest area. In questo contesto difficile la crescita dell area ha subito un rallentamento seppur in un quadro macroeconomico e di sviluppo ancora in espansione; questo ha determinato forti deflussi di capitale e un significativo storno dei corsi azionari. Il portafoglio ha iniziato l anno con un esposizione azionaria in leggero sottopeso, in particolare sui mercati giapponesi e cinesi. Il divario è stato poi colmato approfittando dei ribassi conseguenti agli eventi giapponesi di marzo, portandosi gradualmente in sovrappeso su quell area al fine di poter trarre beneficio dalla successiva fase di ricostruzione. Il sottopeso sul mercato cinese è stato mantenuto invece nel corso di tutto il primo semestre in conseguenza del temuto rallentamento della crescita economica e solo con il decrescere delle quotazioni è stato gradualmente ridotto favorendo però la piazza di Hong Kong dove le valutazioni sono più sacrificate rispetto al mercato domestico. Sempre dal punto di vista geografico nel corso dell anno sono state prese posizioni di breve termine in sovrappeso tattico su Tailandia e Turchia che hanno apportato un buon contributo al portafoglio. Nell area Asia Emergente, Cina esclusa, l esposizione è stata neutrale ad eccezione del sottopeso strategico sul mercato indiano mantenuto durante tutti i dodici mesi. Anche nel 2011 il maggior detrattore alla performance del comparto è stato il forte sottopeso di yen; l avversione al rischio determinata dalla crisi europea ha spinto le valute percepite come rifugio ad un forte apprezzamento; tra queste ironicamente la divisa nipponica ha beneficiato di tale fenomeno sebbene le proprie condizioni di bilancio rimangano estremamente deboli, minate da un enorme debito pubblico, consumi interni stagnanti, crescita anemica e deflazione. Per queste ragioni abbiamo ulteriormente ridotto l esposizione allo yen nel corso dell anno. La liquidità del fondo è stata investita in prodotti obbligazionari con focus esclusivo su emissioni governative e societarie espresse in valute asiatiche che hanno fornito un contributo positivo al comparto. COMPARTO PAESI EMERGENTI La performance del 2011 del comparto è stata negativa, pari a -14,15%, e leggermente inferiore al benchmark (-13,34%). Per tutto il 2011 l esposizione azionaria è stata mantenuta in leggero sottopeso rispetto al benchmark. Tale scelta è stata dettata dalla necessità di mantenere un certo grado di flessibilità di portafoglio per poter gestire attivamente l allocazione nei momenti di maggiore debolezza. A livello di aree geografiche abbiamo mantenuto un buon peso di Asia, concentrandoci sia su singoli paesi con valutazioni più attraenti, come la Corea, sia su prodotti ad alto dividendo, caratterizzati da un andamento più difensivo; quest allocazione ha ben contribuito alla performance del comparto durante l anno. Sulla debolezza che ha caratterizzato i mercati emergenti nella seconda parte dell anno, abbiamo aumentato il peso di singoli paesi quali Cina e Brasile (le maggiori posizioni nel benchmark), ma anche Russia e India, quest ultima arrivata su valutazioni decisamente più interessanti rispetto al passato. La liquidità viene investita in fondi obbligazionari denominati in valuta dei paesi emergenti in considerazione delle buone prospettive di rivalutazione rispetto all Euro di tali divise. In corso d anno sull affievolirsi dei rischi inflazionistici legati alle aree emergenti, si è gradualmente allungata la duration di questa component Eventi significativi dell esercizio 2011 Con decorrenza 1 giugno 2011 sono entrate in vigore le modifiche allo Statuto, di seguito elencate, deliberate dall Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 30 novembre 2010 ed approvate con il Provvedimento di Banca d Italia del 21 gennaio 2011: Art. 5 - Scopo, oggetto, politica di investimento ed altre caratteristiche; Art. 9 - Sottoscrizione, conversione e rimborso delle azioni; Art Tecniche di comunicazione a distanza; Art Calcolo e pubblicazione del valore unitario delle azioni; Art Spese a carico dei singoli sottoscrittori; Art Assemblea; Art Soggetti competenti per la scelta degli investimenti; Art Banca Depositaria; Art Modificazioni statutarie; Art Scioglimento e liquidazione della Sicav. In data 26 febbraio 2011 è stato riformato il regime di tassazione dei fondi comuni di investimento, al fine di equiparare il regime attualmente esistente per gli OICR residenti in Italia a quello previsto per gli OICR residenti in altro Stato membro dell'unione Europea. La riforma, efficace a partire dal 1 luglio 2011, ha previsto sostanzialmente il passaggio dalla tassazione del cosiddetto maturato in capo ai comparti alla tassazione del cosiddetto realizzato in capo ai partecipanti al fondo che abbiano sottoscritto le relative azioni. Il Consiglio di Amministrazione della Sicav, nel corso della riunione del 29 luglio 2011,ha approvato i criteri di ripartizione del credito di imposta, utilizzando in via generale il credito di imposta dei comparti in perdita, cedendolo, dietro compenso di liquidità, ai comparti che hanno realizzato risultati positivi. Al fine dell applicazione di tale criterio il Consiglio di Amministrazione ha approvato il seguente ordine di priorità: compensazione dei crediti residui proporzionalmente tra i diversi comparti, secondo gli scaglioni di seguito indicati: comparti il cui credito d imposta sul 4

6 totale del patrimonio sia superiore al 10%, comparti il cui credito d imposta sul totale del patrimonio sia superiore al 6%, comparti il cui credito d imposta sul totale del patrimonio sia superiore al 4%; qualora tutti i comparti abbiano raggiunto la medesima percentuale si prosegue alla cessione dei crediti in ordine crescente del valore assoluto del credito di imposta. Con Assemblea Straordinaria del 30 giugno 2011 la Sicav ha modificato la propria banca depositaria dando incarico a State Street Bank, variazione necessaria al fine di poter effettuare l operazione di fusione per incorporazione della Sicav in Symphonia SGR (come descritto negli eventi successivi). L incarico di banca depositaria a State Street Bank ha avuto decorrenza a far data dal 17 ottobre Rapporti con altre società del Gruppo della Sicav Nel corso dell esercizio la Sicav ha effettuato investimenti in OICR gestiti da Symphonia SGR, coerentemente con i limiti regolamentari dei singoli comparti. Come illustrato nella nota integrativa, tali investimenti non hanno concorso alla determinazione delle commissioni di gestione dei singoli comparti, in quanto il patrimonio netto imponibile non ha incluso tali investimenti. Nella apposita sezione di nota integrativa sono inoltre fornite in dettaglio le consistenze degli investimenti in OICR del Gruppo alla data di chiusura dell esercizio. Inoltre la Sicav intrattiene con Symphonia SGR rapporti che riguardano la gestione dell'intero patrimonio, l'attività di distribuzione delle azioni e le funzioni amministrative contabili, sulla base di un'apposita convenzione. La Sicav non ha aderito ad alcuna operazione di collocamento effettuata da soggetti del gruppo. Attività di collocamento delle azioni della Sicav La sottoscrizione delle azioni della Sicav può essere effettuata direttamente presso la Sicav o presso uno dei soggetti incaricati del collocamento. Di seguito si riporta l elenco dei soggetti collocatori: Soggetto Symphonia SGR SpA con sede legale in Milano, C.so G. Matteotti, 5 Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni SpA con sede legale in Torino, Via Gramsci, 7 Sanpaolo Invest SIM SpA con sede legale in Roma, via del Serafico 43 Banca Fideuram SpA con sede legale in Roma, P.le G. Douhet 31 Cassa di Risparmio di Bra SpA con sede legale in Bra (Cuneo), Via Principi del Piemonte n. 12 Cassa di Risparmio di Savigliano SpA con sede legale in Savigliano (CN), Piazza del Popolo 15 Cassa di Risparmio di Fermo SpA con sede legale in Fermo (AP), Via Don Ernesto Ricci 1 Unipol Banca SpA con sede legale in Bologna, Via Stalingrado 53 UBS Italia SpA con sede legale in Milano, Via del Vecchio Politecnico 3 Banca Apulia SpA con sede in San Severo (FG), Via Tiberio Solis n. 40 Veneto Banca Scpa con sede legale in Montebelluna (TV), Piazza G. B. Dall Armi n. 1 Banca IPIBI Financial Advisory SpA con sede legale in Milano, Via Meravigli n. 2 Cassa Rurale di Pergine Credito Cooperativo, con sede legale in Pergine Valsugana (Trento), Piazza Gavazzi n. 5 Cassa Rurale di Bolzano Soc. coop., con sede legale in Bolzano, Via De Lai n. 2 Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo con sede legale in Carrù, Via Stazione n. 10 Banca di Credito Cooperativo Agrigentino con sede legale in Agrigento, Viale Leonardo Sciascia, 158 Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana SpA con sede legale in Fabriano, Via Don Giuseppe Riganelli n. 36 Eventi successivi Con decorrenza 1 gennaio 2012 hanno avuto efficacia le fusioni per incorporazione di Symphonia Sicav e Symphonia Multisicav in Symphonia SGR, autorizzate 5

7 da Banca d Italia con Provvedimento n.836/2011 del 3 agosto 2011 ed approvate successivamente dalle relative Assemblee Straordinarie degli Azionisti in data 22 novembre 2011, al fine di realizzare un progetto di razionalizzazione degli OICR emessi e/o gestiti dalla SGR mediante fusione per incorporazione di alcuni comparti in fondi già esistenti e la trasformazione di altri comparti in fondi nuovi. A seguito dell operazione di fusione per incorporazione il Sistema dei Fondi BIM è stato ridenominato Sistema Symphonia. Le operazioni inerenti la Sicav, realizzate esclusivamente mediante la trasformazione dei comparti in fondi di nuova costituzione, sono riassunte nella seguente tabella: Symphonia Multi Sicav ante fusione Tipologia di operazione Fondi Symphonia post-fusione ADAGIO Trasformazione Symphonia Multimanager Adagio AMERICA Trasformazione Symphonia Multimanager America ASIA Trasformazione Symphonia Multimanager Oriente EUROPA Trasformazione Symphonia Multimanager Europa LARGO Trasformazione Symphonia Multimanager Largo PAESI EMERGENTI Trasformazione Symphonia Multimanager Emergenti Flessibile VIVACE Trasformazione Symphonia Multimanager Vivace Inoltre, si segnala che con decorrenza 1 gennaio 2012 è entrata in vigore la nuova tassazione delle rendite finanziarie (D.L. 13 agosto 2011). La nuova tassazione prevede l applicazione, per tutti gli strumenti finanziari, dell aliquota del 20% sia sui redditi da capitale che sui redditi diversi, con la partecipazione al 62,5% dei redditi derivanti da investimenti in titoli di Stato e in titoli ad essi equiparati. Symphonia SGR, società delegata di tutte le attività amministrative della Sicav, ha provveduto a tutti gli adempimenti necessari per la corretta applicazione della nuova normativa identificando, per ciascun comparto, l aliquota media d investimento in titoli di stato e in titoli ad essi equiparati seguendo il metodo forfettario indicato dall Agenzia delle Entrate e valido per tutte le operazioni di rimborso e switch effettuate nel periodo dal 1 gennaio 2012 al 30 giugno La percentuale media d investimento, per il periodo sopra indicato, è stata altresì pubblicata sul sito Operatività in derivati La Sicav non ha effettuato, nel corso dell esercizio, operazioni in strumenti finanziari derivati, né con finalità di copertura né con finalità speculative. Il presente Bilancio è stato redatto conformemente agli schemi stabiliti dal Provvedimento Banca d Italia del 14 aprile 2005, si compone di una situazione patrimoniale, di un conto economico e di una nota integrativa riferiti all insieme dei comparti che compongono la SICAV oltre ad una situazione patrimoniale e di un conto economico riferiti ad ogni singolo comparto. Nella nota integrativa sono inoltre riportate le informazioni richieste per ciascun comparto. I documenti di cui sopra sono accompagnati dalla relazione degli amministratori che illustra l andamento della SICAV nel suo complesso e quello dei singoli comparti. Milano, 29 febbraio 2012 Il Presidente del Consiglio di Amministrazione GIUSEPPE SANTONOCITO 6

8 SYMPHONIA MULTI SICAV: SITUAZIONE PATRIMONIALE AL ATTIVITA' Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente Valore % del totale Valore % del totale complessivo delle attività complessivo delle attività A STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,82 A.1 TITOLI DI DEBITO A.1.1 TITOLI DI STATO A.1.2 ALTRI A.2 TITOLI DI CAPITALE A.3 PARTI DI O.I.C.R , ,82 B STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B.1 TITOLI DI DEBITO B.2 TITOLI DI CAPITALE B.3 PARTI DI O.I.C.R. C STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI C.1 MARGINI PRESSO ORGANISMI DI COMPENSAZIONE C.2 OPZIONI, PREMI O STRUMENTI DERIVATI QUOTATI C.3 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUM. DERIVATI NON QUOTATI D DEPOSITI BANCARI D.1 A VISTA D.2 ALTRI E PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZ. ASSIMILATE F POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA' , ,01 F.1 LIQUIDITA' DISPONIBILE , ,26 F.2 LIQUIDITA' DA RICEVERE PER OPERAZIONI DA REGOLARE ,01 F.3 LIQUIDITA' IMPEGNATA PER OPERAZIONI DA REGOLARE ,26 G IMMOBILI H ALTRE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI L ALTRE ATTIVITA' , ,17 L.1 RATEI ATTIVI ,01 L.2 RISPARMIO DI IMPOSTA , ,07 L.3 ALTRE , ,10 TOTALE ATTIVITA' , ,00 PASSIVITA' E CAPITALE Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente M FINANZIAMENTI RICEVUTI N PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPER. ASSIMILATE O STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI O.1 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI QUOTATI O.2 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI NON QUOTATI P DEBITI VERSO I PARTECIPANTI P.1 RIMBORSI RICHIESTI E NON REGOLATI P.2 PROVENTI DA DISTRIBUIRE P.3 ALTRI Q TRATTAMENTI DI FINE RAPPORTO R ALTRE PASSIVITA' R.1 PROVVIGIONI ED ONERI MATURATI E NON LIQUIDATI R.2 DEBITI DI IMPOSTA R.3 ALTRE TOTALE PASSIVITA' CAPITALE SOCIALE

9 SYMPHONIA MULTI SICAV: CONTO ECONOMICO AL CONTO ECONOMICO (PARTE I) A B C D E F Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI A.1 PROVENTI DA INVESTIMENTI A.1.1 INTERESSI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI DEBITO A.1.2 DIVIDENDI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI CAPITALE A.1.3 PROVENTI SU PARTI DI O.I.C.R A.2 UTILE/PERDITA DA REALIZZI A.2.1 SU TITOLI DI DEBITO A.2.2 SU TITOLI DI CAPITALE A.2.3 SU PARTI DI O.I.C.R A.3 PLUSVALENZE/MINUSVALENZE A.3.1 SU TITOLI DI DEBITO A.3.2 SU TITOLI DI CAPITALE A.3.3 SU PARTI DI O.I.C.R A.4 RISULTATO DELLE OPERAZIONI DI COPERTURA DEGLI STRUM. FIN. QUOTATI Risultato gestione strumenti finanziari quotati STRUMENTI FINANZ. NON QUOTATI B.1 PROVENTI DA INVESTIMENTI B.1.1 INTERESSI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI DEBITO B.1.2 DIVIDENDI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI CAPITALE B.1.3 PROVENTI SU PARTI DI O.I.C.R. B.2 UTILE/PERDITA DA REALIZZI B.2.1 SU TITOLI DI DEBITO B.2.2 SU TITOLI DI CAPITALE B.2.3 SU PARTI DI O.I.C.R. B.3 PLUSVALENZE/MINUSVALENZE B.3.1 SU TITOLI DI DEBITO B.3.2 SU TITOLI DI CAPITALE B.3.3 SU PARTI DI O.I.C.R. B.4 RISULTATO DELLE OPERAZIONI DI COPERTURA DEGLI STRUM. FIN. NON QUOTATI Risultato gestione strumenti finanziari non quotati RISULTATO DELLE OPERAZIONI IN STRUM.FIN.DERIV. NON DI COPERTURA C.1 RISULTATI REALIZZATI C.1.1 SU STRUMENTI QUOTATI C.1.2 SU STRUMENTI NON QUOTATI C.2 RISULTATI NON REALIZZATI C.2.1 SU STRUMENTI QUOTATI C.2.2 SU STRUMENTI NON QUOTATI DEPOSITI BANCARI D.1 INTERESSI ATTIVI E PROVENTI ASSIMILATI RISULTATO DELLA GESTIONE CAMBI E.1 OPERAZIONI DI COPERTURA E.1.1 RISULTATI REALIZZATI E.1.2 RISULTATI NON REALIZZATI E.2 OPERAZIONI NON DI COPERTURA E.2.1 RISULTATI REALIZZATI E.2.2 RISULTATI NON REALIZZATI E.3 LIQUIDITA' GIACENZA DIVISA E.3.1 RISULTATI REALIZZATI E.3.2 RISULTATI NON REALIZZATI ALTRE OPERAZIONI DI GESTIONE F.1 PROVENTI PER OPERAZIONI PRONTI CONTRO TERMINE E ASSIMILATE F.2 PROVENTI PER OPERAZIONI DI PRESTITO TITOLI Risultato lordo della gestione di portafoglio

10 CONTO ECONOMICO (PARTE II) G H I L M N O Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente ONERI FINANZIARI G.1 INTERESSI PASSIVI SU FINANZIAMENTI RICEVUTI G.2 ALTRI ONERI FINANZIARI Risultato netto della gestione di portafoglio COMMISSIONI DI SOTTOSCRIZIONE E RIMBORSO ONERI DI GESTIONE I.1 COMMISSIONI DI BANCA DEPOSITARIA I.2 PROVVIGIONE DI GESTIONE SGR I.3 PROVVIGIONI PASSIVE A SOGGETTI COLLOCATORI I.4 SPESE DI PUBBLICAZIONE PROSPETTI E INFORMATIVA AL PUBBLICO I.5 SPESE PER CONSULENZA E PUBBLICITA I.6 SPESE PER IL PERSONALE I.6.1 SALARI E STIPENDI I.6.2 ONERI SOCIALI I.6.3 TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO I.7 COMPENSI AD AMMINISTRATORI E SINDACI I.8 COSTI PER SERVIZI DI ELABORAZIONE DATI I.9 CANONI DI LOCAZIONE IMMOBILI I.10 INTERESSI PASSIVI SU DEBITI PER ACQUISTO DI IMMOBILI I.11 ALTRI ONERI DI GESTIONE Risultato operativo RETTIFICHE DI VALORE SU IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI ACCANTONAMENTI PER RISCHI E ONERI ALTRI RICAVI E ONERI N.1 INTERESSI ATTIVI SU LIQUIDITA N.2 ALTRI RICAVI N.3 ALTRI ONERI Risultato della gestione prima delle imposte IMPOSTE O.1 IMPOSTA SOSTITUTIVA A CARICO ESERCIZIO O.2 IMPOSTA SOSTITUTIVA A CREDITO ESERCIZIO O.3 ALTRE IMPOSTE Utile/Perdita dell'esercizio

11 COMPARTO ADAGIO: SITUAZIONE PATRIMONIALE AL ATTIVITA' Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente Valore % del totale Valore % del totale complessivo delle attività complessivo delle attività A STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,04 A.1 TITOLI DI DEBITO A.1.1 TITOLI DI STATO A.1.2 ALTRI A.2 TITOLI DI CAPITALE A.3 PARTI DI O.I.C.R , ,04 B STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B.1 TITOLI DI DEBITO B.2 TITOLI DI CAPITALE B.3 PARTI DI O.I.C.R. C STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI C.1 MARGINI PRESSO ORGANISMI DI COMPENSAZIONE C.2 OPZIONI, PREMI O STRUMENTI DERIVATI QUOTATI C.3 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUM. DERIVATI NON QUOTATI D DEPOSITI BANCARI D.1 A VISTA D.2 ALTRI E PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZ. ASSIMILATE F POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA' , ,66 F.1 LIQUIDITA' DISPONIBILE , ,66 F.2 LIQUIDITA' DA RICEVERE PER OPERAZIONI DA REGOLARE ,01 F.3 LIQUIDITA' IMPEGNATA PER OPERAZIONI DA REGOLARE ,01 G IMMOBILI H ALTRE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI L ALTRE ATTIVITA' , ,30 L.1 RATEI ATTIVI ,01 L.2 RISPARMIO DI IMPOSTA , ,18 L.3 ALTRE , ,12 TOTALE ATTIVITA' , ,00 PASSIVITA' E CAPITALE Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente M FINANZIAMENTI RICEVUTI N PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPER. ASSIMILATE O STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI O.1 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI QUOTATI O.2 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI NON QUOTATI P DEBITI VERSO I PARTECIPANTI P.1 RIMBORSI RICHIESTI E NON REGOLATI P.2 PROVENTI DA DISTRIBUIRE P.3 ALTRI Q TRATTAMENTI DI FINE RAPPORTO R ALTRE PASSIVITA' R.1 PROVVIGIONI ED ONERI MATURATI E NON LIQUIDATI R.2 DEBITI DI IMPOSTA R.3 ALTRE TOTALE PASSIVITA' CAPITALE SOCIALE NUMERO DELLE AZIONI IN CIRCOLAZIONE , ,917 VALORE UNITARIO DELLE AZIONI 5,701 6,008 MOVIMENTI DELLE AZIONI NELL' ANNO AZIONI EMESSE , ,563 AZIONI RIMBORSATE , ,815 10

12 COMPARTO ADAGIO: CONTO ECONOMICO AL CONTO ECONOMICO (PARTE I) A B C D E F Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI A.1 PROVENTI DA INVESTIMENTI A.1.1 INTERESSI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI DEBITO A.1.2 DIVIDENDI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI CAPITALE A.1.3 PROVENTI SU PARTI DI O.I.C.R A.2 UTILE/PERDITA DA REALIZZI A.2.1 SU TITOLI DI DEBITO A.2.2 SU TITOLI DI CAPITALE A.2.3 SU PARTI DI O.I.C.R A.3 PLUSVALENZE/MINUSVALENZE A.3.1 SU TITOLI DI DEBITO A.3.2 SU TITOLI DI CAPITALE A.3.3 SU PARTI DI O.I.C.R A.4 RISULTATO DELLE OPERAZIONI DI COPERTURA DEGLI STRUM. FIN. QUOTATI Risultato gestione strumenti finanziari quotati STRUMENTI FINANZ. NON QUOTATI B.1 PROVENTI DA INVESTIMENTI B.1.1 INTERESSI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI DEBITO B.1.2 DIVIDENDI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI CAPITALE B.1.3 PROVENTI SU PARTI DI O.I.C.R. B.2 UTILE/PERDITA DA REALIZZI B.2.1 SU TITOLI DI DEBITO B.2.2 SU TITOLI DI CAPITALE B.2.3 SU PARTI DI O.I.C.R. B.3 PLUSVALENZE/MINUSVALENZE B.3.1 SU TITOLI DI DEBITO B.3.2 SU TITOLI DI CAPITALE B.3.3 SU PARTI DI O.I.C.R. B.4 RISULTATO DELLE OPERAZIONI DI COPERTURA DEGLI STRUM. FIN. NON QUOTATI Risultato gestione strumenti finanziari non quotati RISULTATO DELLE OPERAZIONI IN STRUM.FIN.DERIV. NON DI COPERTURA C.1 RISULTATI REALIZZATI C.1.1 SU STRUMENTI QUOTATI C.1.2 SU STRUMENTI NON QUOTATI C.2 RISULTATI NON REALIZZATI C.2.1 SU STRUMENTI QUOTATI C.2.2 SU STRUMENTI NON QUOTATI DEPOSITI BANCARI D.1 INTERESSI ATTIVI E PROVENTI ASSIMILATI RISULTATO DELLA GESTIONE CAMBI E.1 OPERAZIONI DI COPERTURA E.1.1 RISULTATI REALIZZATI E.1.2 RISULTATI NON REALIZZATI E.2 OPERAZIONI NON DI COPERTURA E.2.1 RISULTATI REALIZZATI E.2.2 RISULTATI NON REALIZZATI E.3 LIQUIDITA' GIACENZA DIVISA E.3.1 RISULTATI REALIZZATI 112 E.3.2 RISULTATI NON REALIZZATI ALTRE OPERAZIONI DI GESTIONE F.1 PROVENTI PER OPERAZIONI PRONTI CONTRO TERMINE E ASSIMILATE F.2 PROVENTI PER OPERAZIONI DI PRESTITO TITOLI Risultato lordo della gestione di portafoglio

13 CONTO ECONOMICO (PARTE II) G H I L M N O Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente ONERI FINANZIARI G.1 INTERESSI PASSIVI SU FINANZIAMENTI RICEVUTI G.2 ALTRI ONERI FINANZIARI Risultato netto della gestione di portafoglio COMMISSIONI DI SOTTOSCRIZIONE E RIMBORSO ONERI DI GESTIONE I.1 COMMISSIONI DI BANCA DEPOSITARIA I.2 PROVVIGIONE DI GESTIONE SGR I.3 PROVVIGIONI PASSIVE A SOGGETTI COLLOCATORI I.4 SPESE DI PUBBLICAZIONE PROSPETTI E INFORMATIVA AL PUBBLICO I.5 SPESE PER CONSULENZA E PUBBLICITA I.6 SPESE PER IL PERSONALE I.6.1 SALARI E STIPENDI I.6.2 ONERI SOCIALI I.6.3 TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO I.7 COMPENSI AD AMMINISTRATORI E SINDACI I.8 COSTI PER SERVIZI DI ELABORAZIONE DATI I.9 CANONI DI LOCAZIONE IMMOBILI I.10 INTERESSI PASSIVI SU DEBITI PER ACQUISTO DI IMMOBILI I.11 ALTRI ONERI DI GESTIONE Risultato operativo RETTIFICHE DI VALORE SU IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI ACCANTONAMENTI PER RISCHI E ONERI ALTRI RICAVI E ONERI N.1 INTERESSI ATTIVI SU LIQUIDITA N.2 ALTRI RICAVI N.3 ALTRI ONERI Risultato della gestione prima delle imposte IMPOSTE O.1 IMPOSTA SOSTITUTIVA A CARICO ESERCIZIO O.2 IMPOSTA SOSTITUTIVA A CREDITO ESERCIZIO O.3 ALTRE IMPOSTE Utile/Perdita dell'esercizio

14 COMPARTO LARGO: SITUAZIONE PATRIMONIALE AL ATTIVITA' Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente Valore % del totale Valore % del totale complessivo delle attività complessivo delle attività A STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,62 A.1 TITOLI DI DEBITO A.1.1 TITOLI DI STATO A.1.2 ALTRI A.2 TITOLI DI CAPITALE A.3 PARTI DI O.I.C.R , ,62 B STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B.1 TITOLI DI DEBITO B.2 TITOLI DI CAPITALE B.3 PARTI DI O.I.C.R. C STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI C.1 MARGINI PRESSO ORGANISMI DI COMPENSAZIONE C.2 OPZIONI, PREMI O STRUMENTI DERIVATI QUOTATI C.3 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUM. DERIVATI NON QUOTATI D DEPOSITI BANCARI D.1 A VISTA D.2 ALTRI E PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZ. ASSIMILATE F POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA' , ,80 F.1 LIQUIDITA' DISPONIBILE , ,80 F.2 LIQUIDITA' DA RICEVERE PER OPERAZIONI DA REGOLARE 410 0,00 F.3 LIQUIDITA' IMPEGNATA PER OPERAZIONI DA REGOLARE ,00 G IMMOBILI H ALTRE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI L ALTRE ATTIVITA' , ,58 L.1 RATEI ATTIVI 490 0,00 L.2 RISPARMIO DI IMPOSTA , ,44 L.3 ALTRE , ,14 TOTALE ATTIVITA' , ,00 PASSIVITA' E CAPITALE Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente M FINANZIAMENTI RICEVUTI N PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPER. ASSIMILATE O STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI O.1 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI QUOTATI O.2 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI NON QUOTATI P DEBITI VERSO I PARTECIPANTI P.1 RIMBORSI RICHIESTI E NON REGOLATI P.2 PROVENTI DA DISTRIBUIRE P.3 ALTRI Q TRATTAMENTI DI FINE RAPPORTO R ALTRE PASSIVITA' R.1 PROVVIGIONI ED ONERI MATURATI E NON LIQUIDATI R.2 DEBITI DI IMPOSTA R.3 ALTRE TOTALE PASSIVITA' CAPITALE SOCIALE NUMERO DELLE AZIONI IN CIRCOLAZIONE , ,945 VALORE UNITARIO DELLE AZIONI 5,328 5,895 MOVIMENTI DELLE AZIONI NELL' ANNO AZIONI EMESSE , ,608 AZIONI RIMBORSATE , ,923 13

15 COMPARTO LARGO: CONTO ECONOMICO AL CONTO ECONOMICO (PARTE I) A B C D E F Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI A.1 PROVENTI DA INVESTIMENTI A.1.1 INTERESSI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI DEBITO A.1.2 DIVIDENDI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI CAPITALE A.1.3 PROVENTI SU PARTI DI O.I.C.R A.2 UTILE/PERDITA DA REALIZZI A.2.1 SU TITOLI DI DEBITO A.2.2 SU TITOLI DI CAPITALE A.2.3 SU PARTI DI O.I.C.R A.3 PLUSVALENZE/MINUSVALENZE A.3.1 SU TITOLI DI DEBITO A.3.2 SU TITOLI DI CAPITALE A.3.3 SU PARTI DI O.I.C.R A.4 RISULTATO DELLE OPERAZIONI DI COPERTURA DEGLI STRUM. FIN. QUOTATI Risultato gestione strumenti finanziari quotati STRUMENTI FINANZ. NON QUOTATI B.1 PROVENTI DA INVESTIMENTI B.1.1 INTERESSI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI DEBITO B.1.2 DIVIDENDI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI CAPITALE B.1.3 PROVENTI SU PARTI DI O.I.C.R. B.2 UTILE/PERDITA DA REALIZZI B.2.1 SU TITOLI DI DEBITO B.2.2 SU TITOLI DI CAPITALE B.2.3 SU PARTI DI O.I.C.R. B.3 PLUSVALENZE/MINUSVALENZE B.3.1 SU TITOLI DI DEBITO B.3.2 SU TITOLI DI CAPITALE B.3.3 SU PARTI DI O.I.C.R. B.4 RISULTATO DELLE OPERAZIONI DI COPERTURA DEGLI STRUM. FIN. NON QUOTATI Risultato gestione strumenti finanziari non quotati RISULTATO DELLE OPERAZIONI IN STRUM.FIN.DERIV. NON DI COPERTURA C.1 RISULTATI REALIZZATI C.1.1 SU STRUMENTI QUOTATI C.1.2 SU STRUMENTI NON QUOTATI C.2 RISULTATI NON REALIZZATI C.2.1 SU STRUMENTI QUOTATI C.2.2 SU STRUMENTI NON QUOTATI DEPOSITI BANCARI D.1 INTERESSI ATTIVI E PROVENTI ASSIMILATI RISULTATO DELLA GESTIONE CAMBI E.1 OPERAZIONI DI COPERTURA E.1.1 RISULTATI REALIZZATI E.1.2 RISULTATI NON REALIZZATI E.2 OPERAZIONI NON DI COPERTURA E.2.1 RISULTATI REALIZZATI E.2.2 RISULTATI NON REALIZZATI E.3 LIQUIDITA' GIACENZA DIVISA E.3.1 RISULTATI REALIZZATI 49 E.3.2 RISULTATI NON REALIZZATI 16-5 ALTRE OPERAZIONI DI GESTIONE F.1 PROVENTI PER OPERAZIONI PRONTI CONTRO TERMINE E ASSIMILATE F.2 PROVENTI PER OPERAZIONI DI PRESTITO TITOLI Risultato lordo della gestione di portafoglio

16 CONTO ECONOMICO (PARTE II) G H I L M N O Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente ONERI FINANZIARI G.1 INTERESSI PASSIVI SU FINANZIAMENTI RICEVUTI -38 G.2 ALTRI ONERI FINANZIARI Risultato netto della gestione di portafoglio COMMISSIONI DI SOTTOSCRIZIONE E RIMBORSO ONERI DI GESTIONE I.1 COMMISSIONI DI BANCA DEPOSITARIA I.2 PROVVIGIONE DI GESTIONE SGR I.3 PROVVIGIONI PASSIVE A SOGGETTI COLLOCATORI I.4 SPESE DI PUBBLICAZIONE PROSPETTI E INFORMATIVA AL PUBBLICO I.5 SPESE PER CONSULENZA E PUBBLICITA I.6 SPESE PER IL PERSONALE I.6.1 SALARI E STIPENDI I.6.2 ONERI SOCIALI I.6.3 TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO I.7 COMPENSI AD AMMINISTRATORI E SINDACI I.8 COSTI PER SERVIZI DI ELABORAZIONE DATI I.9 CANONI DI LOCAZIONE IMMOBILI I.10 INTERESSI PASSIVI SU DEBITI PER ACQUISTO DI IMMOBILI I.11 ALTRI ONERI DI GESTIONE Risultato operativo RETTIFICHE DI VALORE SU IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI ACCANTONAMENTI PER RISCHI E ONERI ALTRI RICAVI E ONERI N.1 INTERESSI ATTIVI SU LIQUIDITA 855 N.2 ALTRI RICAVI N.3 ALTRI ONERI Risultato della gestione prima delle imposte IMPOSTE O.1 IMPOSTA SOSTITUTIVA A CARICO ESERCIZIO O.2 IMPOSTA SOSTITUTIVA A CREDITO ESERCIZIO O.3 ALTRE IMPOSTE Utile/Perdita dell'esercizio

17 COMPARTO VIVACE: SITUAZIONE PATRIMONIALE AL ATTIVITA' Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente Valore % del totale Valore % del totale complessivo delle attività complessivo delle attività A STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,71 A.1 TITOLI DI DEBITO A.1.1 TITOLI DI STATO A.1.2 ALTRI A.2 TITOLI DI CAPITALE A.3 PARTI DI O.I.C.R , ,71 B STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B.1 TITOLI DI DEBITO B.2 TITOLI DI CAPITALE B.3 PARTI DI O.I.C.R. C STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI C.1 MARGINI PRESSO ORGANISMI DI COMPENSAZIONE C.2 OPZIONI, PREMI O STRUMENTI DERIVATI QUOTATI C.3 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUM. DERIVATI NON QUOTATI D DEPOSITI BANCARI D.1 A VISTA D.2 ALTRI E PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZ. ASSIMILATE F POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA' , ,97 F.1 LIQUIDITA' DISPONIBILE , ,97 F.2 LIQUIDITA' DA RICEVERE PER OPERAZIONI DA REGOLARE ,04 F.3 LIQUIDITA' IMPEGNATA PER OPERAZIONI DA REGOLARE ,04 G IMMOBILI H ALTRE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI L ALTRE ATTIVITA' , ,32 L.1 RATEI ATTIVI 372 0,01 L.2 RISPARMIO DI IMPOSTA , ,20 L.3 ALTRE , ,12 TOTALE ATTIVITA' , ,00 PASSIVITA' E CAPITALE Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente M FINANZIAMENTI RICEVUTI N PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPER. ASSIMILATE O STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI O.1 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI QUOTATI O.2 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI NON QUOTATI P DEBITI VERSO I PARTECIPANTI P.1 RIMBORSI RICHIESTI E NON REGOLATI P.2 PROVENTI DA DISTRIBUIRE P.3 ALTRI Q TRATTAMENTI DI FINE RAPPORTO R ALTRE PASSIVITA' R.1 PROVVIGIONI ED ONERI MATURATI E NON LIQUIDATI R.2 DEBITI DI IMPOSTA R.3 ALTRE TOTALE PASSIVITA' CAPITALE SOCIALE NUMERO DELLE AZIONI IN CIRCOLAZIONE , ,441 VALORE UNITARIO DELLE AZIONI 4,853 5,507 MOVIMENTI DELLE AZIONI NELL' ANNO AZIONI EMESSE , ,898 AZIONI RIMBORSATE , ,969 16

18 COMPARTO VIVACE: CONTO ECONOMICO AL CONTO ECONOMICO (PARTE I) A B C D E F Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI A.1 PROVENTI DA INVESTIMENTI A.1.1 INTERESSI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI DEBITO A.1.2 DIVIDENDI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI CAPITALE A.1.3 PROVENTI SU PARTI DI O.I.C.R A.2 UTILE/PERDITA DA REALIZZI A.2.1 SU TITOLI DI DEBITO A.2.2 SU TITOLI DI CAPITALE A.2.3 SU PARTI DI O.I.C.R A.3 PLUSVALENZE/MINUSVALENZE A.3.1 SU TITOLI DI DEBITO A.3.2 SU TITOLI DI CAPITALE A.3.3 SU PARTI DI O.I.C.R A.4 RISULTATO DELLE OPERAZIONI DI COPERTURA DEGLI STRUM. FIN. QUOTATI Risultato gestione strumenti finanziari quotati STRUMENTI FINANZ. NON QUOTATI B.1 PROVENTI DA INVESTIMENTI B.1.1 INTERESSI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI DEBITO B.1.2 DIVIDENDI E ALTRI PROVENTI SU TITOLI DI CAPITALE B.1.3 PROVENTI SU PARTI DI O.I.C.R. B.2 UTILE/PERDITA DA REALIZZI B.2.1 SU TITOLI DI DEBITO B.2.2 SU TITOLI DI CAPITALE B.2.3 SU PARTI DI O.I.C.R. B.3 PLUSVALENZE/MINUSVALENZE B.3.1 SU TITOLI DI DEBITO B.3.2 SU TITOLI DI CAPITALE B.3.3 SU PARTI DI O.I.C.R. B.4 RISULTATO DELLE OPERAZIONI DI COPERTURA DEGLI STRUM. FIN. NON QUOTATI Risultato gestione strumenti finanziari non quotati RISULTATO DELLE OPERAZIONI IN STRUM.FIN.DERIV. NON DI COPERTURA C.1 RISULTATI REALIZZATI C.1.1 SU STRUMENTI QUOTATI C.1.2 SU STRUMENTI NON QUOTATI C.2 RISULTATI NON REALIZZATI C.2.1 SU STRUMENTI QUOTATI C.2.2 SU STRUMENTI NON QUOTATI DEPOSITI BANCARI D.1 INTERESSI ATTIVI E PROVENTI ASSIMILATI RISULTATO DELLA GESTIONE CAMBI E.1 OPERAZIONI DI COPERTURA E.1.1 RISULTATI REALIZZATI E.1.2 RISULTATI NON REALIZZATI E.2 OPERAZIONI NON DI COPERTURA E.2.1 RISULTATI REALIZZATI E.2.2 RISULTATI NON REALIZZATI E.3 LIQUIDITA' GIACENZA DIVISA E.3.1 RISULTATI REALIZZATI E.3.2 RISULTATI NON REALIZZATI ALTRE OPERAZIONI DI GESTIONE F.1 PROVENTI PER OPERAZIONI PRONTI CONTRO TERMINE E ASSIMILATE F.2 PROVENTI PER OPERAZIONI DI PRESTITO TITOLI Risultato lordo della gestione di portafoglio

19 CONTO ECONOMICO (PARTE II) G H I L M N O Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente ONERI FINANZIARI G.1 INTERESSI PASSIVI SU FINANZIAMENTI RICEVUTI G.2 ALTRI ONERI FINANZIARI Risultato netto della gestione di portafoglio COMMISSIONI DI SOTTOSCRIZIONE E RIMBORSO ONERI DI GESTIONE I.1 COMMISSIONI DI BANCA DEPOSITARIA I.2 PROVVIGIONE DI GESTIONE SGR I.3 PROVVIGIONI PASSIVE A SOGGETTI COLLOCATORI I.4 SPESE DI PUBBLICAZIONE PROSPETTI E INFORMATIVA AL PUBBLICO I.5 SPESE PER CONSULENZA E PUBBLICITA I.6 SPESE PER IL PERSONALE I.6.1 SALARI E STIPENDI I.6.2 ONERI SOCIALI I.6.3 TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO I.7 COMPENSI AD AMMINISTRATORI E SINDACI I.8 COSTI PER SERVIZI DI ELABORAZIONE DATI I.9 CANONI DI LOCAZIONE IMMOBILI I.10 INTERESSI PASSIVI SU DEBITI PER ACQUISTO DI IMMOBILI I.11 ALTRI ONERI DI GESTIONE Risultato operativo RETTIFICHE DI VALORE SU IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI ACCANTONAMENTI PER RISCHI E ONERI ALTRI RICAVI E ONERI N.1 INTERESSI ATTIVI SU LIQUIDITA 417 N.2 ALTRI RICAVI N.3 ALTRI ONERI Risultato della gestione prima delle imposte IMPOSTE O.1 IMPOSTA SOSTITUTIVA A CARICO ESERCIZIO O.2 IMPOSTA SOSTITUTIVA A CREDITO ESERCIZIO O.3 ALTRE IMPOSTE -9-8 Utile/Perdita dell'esercizio

20 COMPARTO EUROPA: SITUAZIONE PATRIMONIALE AL ATTIVITA' Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente Valore % del totale Valore % del totale complessivo delle attività complessivo delle attività A STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,91 A.1 TITOLI DI DEBITO A.1.1 TITOLI DI STATO A.1.2 ALTRI A.2 TITOLI DI CAPITALE A.3 PARTI DI O.I.C.R , ,91 B STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B.1 TITOLI DI DEBITO B.2 TITOLI DI CAPITALE B.3 PARTI DI O.I.C.R. C STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI C.1 MARGINI PRESSO ORGANISMI DI COMPENSAZIONE C.2 OPZIONI, PREMI O STRUMENTI DERIVATI QUOTATI C.3 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUM. DERIVATI NON QUOTATI D DEPOSITI BANCARI D.1 A VISTA D.2 ALTRI E PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZ. ASSIMILATE F POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA' , ,89 F.1 LIQUIDITA' DISPONIBILE , ,89 F.2 LIQUIDITA' DA RICEVERE PER OPERAZIONI DA REGOLARE F.3 LIQUIDITA' IMPEGNATA PER OPERAZIONI DA REGOLARE G IMMOBILI H ALTRE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI L ALTRE ATTIVITA' , ,20 L.1 RATEI ATTIVI 786 0,02 L.2 RISPARMIO DI IMPOSTA , ,08 L.3 ALTRE , ,12 TOTALE ATTIVITA' , ,00 PASSIVITA' E CAPITALE Situazione al 30/12/2011 Situazione esercizio precedente M FINANZIAMENTI RICEVUTI N PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPER. ASSIMILATE O STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI O.1 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI QUOTATI O.2 OPZIONI, PREMI O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI NON QUOTATI P DEBITI VERSO I PARTECIPANTI P.1 RIMBORSI RICHIESTI E NON REGOLATI P.2 PROVENTI DA DISTRIBUIRE P.3 ALTRI Q TRATTAMENTI DI FINE RAPPORTO R ALTRE PASSIVITA' R.1 PROVVIGIONI ED ONERI MATURATI E NON LIQUIDATI R.2 DEBITI DI IMPOSTA R.3 ALTRE TOTALE PASSIVITA' CAPITALE SOCIALE NUMERO DELLE AZIONI IN CIRCOLAZIONE , ,076 VALORE UNITARIO DELLE AZIONI 4,928 5,685 MOVIMENTI DELLE AZIONI NELL' ANNO AZIONI EMESSE , ,200 AZIONI RIMBORSATE , ,939 19

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli