PARTITE A TEMA. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTITE A TEMA. Introduzione"

Transcript

1 PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione o raggiungere un obiettivo. La componente del gioco, inoltre, coinvolge maggiormente sul piano mentale rispetto ad una esercitazione puramente tattica. Le dimensioni e i tempi degli esercizi sono variabili in base al fine condizionale da perseguire. Per questo, oltre ad obiettivi tecnici e tattici, lavorando poi sui tempi e sugli spazi, questi tipi di esercizi consentono un valido allenamento anche delle qualità organiche di resistenza (spazi e tempi ampi) e di reattività (spazi e tempi ridotti). Inoltre, l introduzione delle partite a tema nella seduta giornaliera, dato il numero infinito di varianti, ci consente di gestire al meglio il numero di giocatori disponibili nelle singole sessioni d allenamento, cercando di massimizzare l impiego degli atleti. L allenatore deve evidenziare i principi significativi del risultato che vuole ottenere (di seguito obiettivi ), andando poi a strutturare partite ad hoc che abbiano l intento di addestrare questi principi. Le soluzioni attuabili sono numerosissime e ogni allenatore può scegliere quelle che ritiene più valide per i propri fini. 1

2 Esercizio: Inferiorità numerica improvvisa + tiro libero Obiettivi: attacco in superiorità/difesa in inferiorità, capacità di adattamento improvviso del collettivo, gestione del possesso palla in superiorità in un tempo ristretto, finalizzazione, transizioni, recupero difensivo e esecuzione dei tiri liberi. Numero giocatori: 10 (8+2) L esercizio si svolge a tutto campo, ma gli attacchi della squadra in possesso palla si svolgono nella metà campo avversaria. Un classico 4vs4 di movimento, diventa improvvisamente un 4vs3 quando l allenatore chiama un componente della squadra difendente a calciare un tiro libero nella metà campo opposta. Il giocatore chiamato deve improvvisamente lasciare la propria posizione difensiva, disinteressarsi dell azione e andare repentinamente a calciare. Così facendo la squadra che attacca ha un determinato tempo, tra quando il giocatore va alla conclusione e il suo rientro, per attaccare in superiorità numerica. Se l azione è troppo lenta, si potrebbe concedere agli avversari la possibilità di ritornare in parità numerica. La squadra che attacca se segna conquista un nuovo possesso di palla, se non ci riesce diventa la squadra che difende. In tal caso, l azione della squadra in possesso termina nel momento in cui la palla 2

3 finisce fuori sul fondo o con la perdita del possesso. In caso di fallo laterale a favore si continua a giocare. Non è previsto il gioco in transizione. Lo scopo dell esercizio, oltre che allenante per l attacco e per il calciatore chiamato a calciare, è molto utile per la squadra che difende in quanto costretta a riorganizzarsi improvvisamente e a cercare di difendere forte nella speranza, tanto quanto quella di riconquistare palla, di frenare l azione avversaria e riportare la parità numerica con i giocatori di movimento. Esercizio: I 10 passaggi Obiettivi: gestione accurata del possesso palla, finalizzazione, attacco in superiorità, difesa in inferiorità, transizioni. Numero giocatori: 10 (8+2) La squadra in possesso palla prima di poter concludere deve fare almeno 10 passaggi. L handicap iniziale, per la squadra che difende, è che un giocatore di movimento non può ripiegare nella propria metà campo. Quindi, lo scopo dell esercizio per la squadra in possesso è quello di 3

4 andare a giocare nella metà campo avversaria per sfruttare la superiorità numerica, mantenendo comunque la calma necessaria per raggiungere il numero minimo di passaggi richiesti prima di concludere. Per la squadra che difende, invece, l obiettivo è quello di pressare il più possibile affinché la squadra in possesso non vada a giocare in superiorità nella metà campo avversaria. In caso di perdita del possesso, la squadra che conquista palla può andare in transizione diretta senza obbligo di passaggi. In caso di palla fuori o fallo subito, si ricomincia da zero con la regola dei 10 passaggi. Esercizio: 3vs3 in continuità (3 squadre) Obiettivi: attacco e difesa in continuità, finalizzazione, collaborazioni difensive, continue transizioni, resistenza e reattività. Numero giocatori: 11 (9+2) In questo esercizio 3 squadre composte da tre giocatori ciascuna si sfidano continuamente, senza soste e senza particolari vincoli. La squadra 4

5 che inizia attaccando nella sessione successiva riposa. La squadra che ha difeso diventa quella che attacca e quella che ha riposato nella prima sessione difende, per poi attaccare. E così via. Così facendo si sviluppa il ritmo di gioco con continue azioni di attacco e di difesa, si stimola la ricerca delle transizioni e le collaborazioni a 3 giocatori, sia in attacco che in difesa. La componente della sfida continua, inoltre, invoglia le tre squadre a fare sempre meglio in attacco e a difendere forte in difesa. Esempio sessioni: Squadra gialla: riposo-difesa-attacco Squadra viola: attacco-riposo-difesa Squadra celeste: difesa-attacco-riposo Esercizio: 3vs3 in continuità (4 squadre) Obiettivi: attacco e difesa in continuità, finalizzazione, collaborazioni difensive, continue transizioni, resistenza e reattività. Numero giocatori: 14 (12+2) 5

6 Come sopra, ma con un gruppo in più e, di conseguenza, una maggiore concentrazione dei 4 terzetti che dovranno alternarsi in campo con il giusto ordine. Esempio sessioni: Squadra viola: 1 Squadra celeste: 2 Squadra gialla: 3 Squadra rossa: 4 Esercizio: 4vs3 (triangoli mobili) Obiettivi: collaborazioni offensive a 3 giocatori e triangoli mobili, lavoro in superiorità/inferiorità numerica, finalizzazione e collaborazioni difensive. Spazio: Metà campo Numero giocatori: 9 (7+2) 6

7 La partita a tema in questione è di facile svolgimento in quanto non ha particolari regole, ma risulta essere molto utile e formativo. In sostanza la squadra in superiorità, divisa in due diversi colori, ha una sola regola fondamentale: il giocatore in possesso palla può trasmettere palla solo al compagno di squadra con il colore diverso dal suo. Così facendo, i passaggi possibili saranno sempre 2, e non 3, imponendo ai giocatori della squadra in superiorità, ma non in possesso, a ricercare luce tra loro e i difensori, per essere serviti. Questo ci consente di sviluppare al meglio un gioco di ricerca degli spazi e di collaborazioni continue a 3 giocatori sviluppando dei triangoli mobili. Per quanto concerne la squadra a 3 giocatori, seppur in apparente inferiorità numerica, se collaborano collettivamente, possono riequilibrare le sorti della partita in quanto, di volta in volta, i giocatori della squadra a 4, coinvolti su ogni trasmissione di palla possono essere anch essi sempre e solo 3, disinteressandosi parzialmente del giocatore dello stesso colore del possessore di palla. Preciso che la squadra in inferiorità (3 giocatori) può anch essa attaccare e andare in transizione come in una partita regolare. 7

8 Esercizio: 4vs3 di movimento Obiettivi: simulazione di un espulsione a favore o contro, lavoro in superiorità/inferiorità numerica, finalizzazione, collaborazioni difensive, ricerca della finalizzazione dalla distanza contro una squadra con il portiere di movimento. Numero giocatori: 8 (7+1) La partita a tema proposta è, di fatti, un 4vs4 (4vs3 se contiamo solo i giocatori di movimento) che ci consente di lavorare su più aspetti contemporaneamente. La squadra a 4 giocatori di movimento allena la possibilità di una superiorità in gara, causa espulsione di un avversario. Così facendo ci si allena a trovare i giusti meccanismi e le giuste distanze per cercare, nell arco degli ipotetici due minuti di vantaggio, la via del gol. Al contempo, la squadra che difende, oltre a tentare di non subire nessuna trasformazione dagli avversari, potrà cercare di recuperare palla e ripartire in transizione o calciare in porta dalla distanza non essendoci nessun portiere avversario. L handicap della squadra in superiorità sarà 8

9 quello di avere due porte sguarnite di portiere: una quella regolare ed una molto più piccola all interno di quest ultima. Saranno assegnati 1 gol nella porta regolare e 2 in quella piccola. Così facendo, si andrà a stimolare anche il pressing e la pressione della squadra in superiorità ad ogni pallone perso, esattamente come accade nel momento in cui si perde il possesso nel caso di utilizzo del portiere di movimento. Esercizio: 2vs2 + 2 jolly esterni/pivot Obiettivi: sviluppo gioco in ampiezza, sviluppo gioco in profondità, passaggio improvviso da un gioco in ampiezza ad uno in profondità, finalizzazione, triangoli mobili e collaborazioni difensive. Numero giocatori: 14 (12+2) Nella partita a tema che propongo nell immagine sopra riportata, andiamo a simulare due diverse gare in contemporanea con due diversi 9

10 obiettivi e finalità: nella metà campo a sinistra si svolge in sostanza un 4v3 (4vs2 di movimento), con la squadra in superiorità che gioca con due jolly (o sponde) posti sugli esterni e al di fuori del rettangolo di gara. I jolly non possono trasmettersi il pallone tra di loro. Questo tipo di partita a tema ci consente di sviluppare continuamente un gioco in ampiezza e la ricerca di triangoli mobili. Al contrario, nell altra metà campo, si svolge un altra partita a tema con le stesse restrizioni, ma con l ideale ricerca di un gioco in profondità avendo i due jolly posti aldilà della linea di fondo campo, quasi a simulare il ruolo di due pivot. E chiaro che queste due partite possono essere anche utilizzate singolarmente e ottenere comunque gli obiettivi prefissati. E possibile, inoltre, allargare queste due mini partite a tutto campo con la presenza per le due squadre di sponde esterne o pivot. Detto questo, l esercizio che voglio proporvi riguarda la contemporaneità di queste due fasi, con le squadre che si alternano con passaggio immediato a situazioni sia di attacco che di difesa in entrambe le sessioni. Esempio: la squadra in superiorità che attacca con le sponde esterne, dopo 5 attacchi consecutivi, passerà immediatamente ad attaccare nel campo opposto e viceversa farà la squadra con le sponde pivot, seguite dalle rispettive difese. Al termine degli ulteriori 5 attacchi, saranno le difese a prendere il posto degli attacchi. Di fatti ci saranno 4 gruppi di lavoro, che si alterneranno in attacco in ampiezza, attacco della profondità, difesa contro una squadra che ci attacca in ampiezza e difesa contro una squadra che ci attacca la profondità. Al termine, chi ha siglato più reti vince. Questa alta componente di gioco e di competizione, alza notevolmente le prestazioni dell attacco ma anche della difesa che sarà tutt altro che disinteressata. 10

11 Esercizio: 3vs3 + 1vs1 Obiettivi: collaborazioni a 3 giocatori, transizioni, ricerca della superiorità numerica, finalizzazione, rilancio del portiere e ricerca dell 1vs1. Numero giocatori: 10 (8+2) Nella partita a tema in questione dividiamo il campo in due parti uguali. In una ci sarà un 3vs3 (giocatori di movimento) di partenza, mentre nell altra un 1vs1 (parliamo sempre di giocatori di movimento). S inizia il gioco a tema nella metà campo affollata : l attacco cercherà, senza particolari restrizioni, di segnare. Se ci riesce conquista un nuovo possesso. Invece, al contrario, se perde il possesso del pallone, direttamente (palla rubata) o indirettamente (palla in fallo laterale a favore degli avversari), la squadra che in precedenza attaccava non potrà rientrare, mentre la squadra difendente può trasformare la propria azione in offensiva cercando il compagno nell altra metà campo e portando un altro componente, colui che ha rubato palla o che calcia il fallo laterale, nella metà campo opposta 11

12 per un 2vs1. Se, invece, viene calciata fuori in rimessa dal fondo, sarà il portiere a rimetterla in gioco cercando l 1vs1 nell altra metà campo. Come detto, si conquista un nuovo possesso solo in caso di buona riuscita della finalizzazione oppure si cambia immediatamente campo e la squadra che ha difeso diventa attaccante e viceversa. Esercizio: Partite a tocco libero con restrizioni di tempo Obiettivi: ripiegamento repentino, equilibrio e controllo, pressing, resistenza e reattività. Numero giocatori: 10 (8+2) Immagine 1 12

13 Immagine 2 Immagine 3 In queste tre diverse partite a tema le restrizioni riguardano solo il tempo in relazioni ad aspetti tattici: nell immagine n.1 si disputa una partita regolare, 5vs5, è l unica restrizione è quella che ad ogni perdita di possesso bisogna ripiegare, scattando, fino alla propria linea di fondo prima di ricollocarsi in posizione di difesa collettiva. La difesa, quindi, una volta conquistato il possesso non potrà andare in transizione diretta. Nell immagine n. 2 invece c è semplicemente l obbligo, in caso di perdita del possesso, di ripiego di tutti i componenti della squadra nella propria metà campo nel tempo limite di 5. Nell immagine n.3 invece 13

14 evidenziamo una palla appena persa con l obbligo opposto alla partita precedente: riconquistare palla (o quantomeno un tocco che riazzeri il tempo come nel basket) nel tempo limite di 6. Quindi, è comprensibile che nelle partite 2 e 3 c è un input notevolmente diverso che andiamo a imprimere nella testa dei nostri atleti. Quello di disinteressarsi dell azione e ripiegare nell imm. 2 e, al contrario, quella di andare subito in pressione nella seguente. E ovvio che entrambe hanno pro e contro, essendo partite a tema senza mezze misure ma, aldilà della filosofia del proprio tecnico, è importante infondere nei propri giocatori la capacità di adattarsi a tutte le situazioni tattiche che possono presentarsi in un campionato o in una singola gara. Le partite, seppur nella loro pura semplicità, sono assolutamente molto dispendiose per gli atleti in campo. Esercizio: 3vs3 con una sponda Obiettivi: attacco in superiorità, possesso palla, difesa delle diagonali, copertura difensiva, adattamento improvviso, pressing e finalizzazione. Numero giocatori: 10 (8+2) 14

15 Nella partita a tema proposta si gioca in una situazione di 4vs4 (3vs3 di movimento) nel rettangolo di gioco, con un jolly esterno per ogni squadra. La sponda non può mai entrare nel campo quando attacca assieme ai propri compagni di squadra ma può, improvvisamente, tradire la propria squadra e dopo aver ricevuto il pallone invertire rotta di attacco ed andare in solitaria verso la propria porta. Così facendo si stimola squadra in possesso ad avere continue coperture, capacità di ripiegamento, adattamento ad un pericolo imprevisto e in ultimo, se non ci fosse niente di tutto questo, un 1vs1 con il portiere. Esercizio: Pressing e uscita pressing Obiettivi: difesa 1-1-2, pressing, uscite pressing, pressione individuale, attacco in superiorità, possesso palla, difesa delle diagonali, transizioni, scaglionamento difensivo e finalizzazione. Numero giocatori: 10 (8+2) Materiale: Pettorine, coni e palloni 15

16 In questa partita a tema bisogna suddividere il campo di gioco in 3 diverse zone, che saranno vincolanti per l attacco e la difesa. S inizia dalla squadra in possesso palla schierata inizialmente con un Se i due giocatori della prima zona (non il portiere) riescono a trasmettere il pallone nella zona centrale, uno dei due (preferibilmente il giocatore dei due che non ha trasmesso palla) può oltrepassare la sua zona e andare in quella successiva. Una volta superata la prima linea di difesa, sarà possibile giocare in superiorità numerica nelle altre due zone. Lo stesso svolgimento ci sarà nel passaggio dalla zona 2 alla zona 3. La difesa invece lavora con un pressing molto alto, con il classico schieramento 1-1-2, senza però avere, se superati, la possibilità di aiuti in ripiegamento. Detto questo, se la difesa riesce a rubare palla può andare in transizione direttamente con l uomo che ha rubato palla più i giocatori delle linee seguenti. In tal caso, sarà la squadra precedentemente in possesso a non poter ripiegare. In caso di trasformazione la squadra in possesso ne riconquista un altro, oppure si comincia da zero dalla parte opposta. Esercizio: 3vs3 con pivot Obiettivi: lavoro sul 3:1, possesso palla, ricerca della profondità, gioco sul pivot, difesa delle diagonali, transizioni, scaglionamento difensivo e finalizzazione. Numero giocatori: 10 (8+2) 16

17 La partita a tema proposta è un regolare 5vs5, che prevede un lavoro specifico sul pivot e quindi sul sistema di gioco 3:1. I due pivot si muoveranno nei metri avversari. Questo spazio sarà diviso in senso immaginario in 3 zone, 2 esterne ed una centrale. Quando la palla arriva al pivot in zona centrale si può attaccare liberamente. Se, invece, la palla arriva al pivot nelle due restanti zone esterne è previsto l obbligo, per il giocatore che ha trasmesso la palla (in tal caso il n. 8) di non poter andare a calciare direttamente, ma correre verso il pivot e tagliare verso il centro, affinché questo taglio possa aprire spazio al secondo (4) o al terzo giocatore (6) senza palla che segue l azione. Così facendo, si allenano sia i tagli che la corsa sul secondo palo per un eventuale deviazione dopo la conclusione del secondo giocatore. In alternativa il pivot, può anche girare il pallone su un giocatore in copertura e ricominciare l azione. Esercizio: 5vs5 in pressione Obiettivi: stimolo al pressing, possesso palla, uscite pressing, difesa alta con i cambi, transizioni e finalizzazione. Numero giocatori: 10 (8+2) 17

18 Partita regolare con pochi input ma tutti stimolanti per la difesa alta con i cambi: ogni trasformazione vale regolarmente 1 gol, esclusi i gol che arrivano su palla rubata che valgono 2. Inoltre, per rendere più interessante e complessa la fase di uscita pressing, per entrambe le squadre introdurre un limite di tocchi nella propria metà campo (prima 3, 2 e poi 1) e tocco libero nella metà campo avversaria. Se il limite di tocchi viene violato, la squadra avversaria potrà usufruire di un tiro libero. Esercizio: 4vs4 + 1 jolly Obiettivi: stimolo al pressing, possesso palla, uscite pressing, difesa alta con i cambi, scaglionamento difensivo, ricerca degli spazi e finalizzazione. Numero giocatori: 10 (8+2) 18

19 Anche in questa partita a tema suddividiamo il campo in tre zone uguali tra loro. Si affrontano due squadre 4vs4 (3vs3 di movimento) più un jolly per la squadra in possesso palla a determinare una continua superiorità numerica della squadra in possesso palla. Dividendo il campo in 3 parti uguali diamo degli input alla squadra in possesso: la palla deve essere toccata da tutti i giocatori (jolly compreso) prima di poter finalizzare l azione e, inoltre, per essere valido il gol, il pallone deve essere giocato in tutte e tre le zone di campo. Questo lavoro ci consente di stimolare il gioco collettivo, senza avere troppa fretta di verticalizzare l azione e, in più, ci consente di non cercare palle lunghe immediatamente come potrebbe essere un rilancio del portiere per il pivot. La squadra non in possesso di palla, già penalizzata dalla certezza dell inferiorità numerica, se riesce a rubare palla nella prima linea offensiva può concludere l azione direttamente. 19

20 Esercizio: 3vs3 (3 squadre) Obiettivi: stimolo al pressing, possesso palla, uscite pressing, difesa alta con i cambi, collaborazioni tra le linee di pressione e finalizzazione. Spazio: Metà campo Numero giocatori: 11 (9+2) Partita a tema senza vincoli, se non quello di giocare a metà campo e di pressare fortemente l avversario. Mini partite della durata di 1 30 ad alta intensità, con le tre squadre ad alternarsi. Si favorisce il lavoro in uscita pressing e la pressione singola e il pressing della difesa con i cambi simulando 1.a e 2.a linea. 20

21 Esercizio: 5vs5 + 2 jolly Obiettivi: stimolo al pressing, possesso palla, uscite pressing, difesa alta con i cambi, collaborazioni tra le linee di pressione, allenamento al portiere di movimento e finalizzazione. Numero giocatori: 14 (12+2) L ultima partita a tema proposta riguarda un 5vs5 (4vs4 di movimento) con un jolly per ogni squadra. Quest ultimo resta fuori dal rettangolo di gara fino a quando i suoi componenti non toccano tutti il pallone in una singola azione: a quel punto entra in gioco anche il jolly, di fatto portando la squadra difendente in una situazione di 5vs4 di movimento, utile per allenare una situazione ideale per il portiere di movimento, se elaborata, o di transizione se rapida. In tal senso, ovviamente, si evince la necessità della squadra non in possesso di palla di pressare forte la squadra in possesso affinché si possa evitare che tutti i 4 giocatori di movimento possano toccare il pallone e, a quel punto, utilizzare il jolly. Nicola Masiello 21

Corso di perfezionamento I giochi di transizione

Corso di perfezionamento I giochi di transizione Contenuto della lezione pratica Osservazioni preliminari Corso di perfezionamento I giochi di transizione La durata del gioco dipende dall intensità. L allenatore deve controllare lo stato fisico dei suoi

Dettagli

Allenare il possesso palla con le partite a tema.

Allenare il possesso palla con le partite a tema. N.30 APRILE 2006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE Corso MSTER nno 2000 / 2001 L DIDTTIC DELL DIFES TRE di DVIDE BLLRDINI relatori : prof. prof. Roberto Clagluna Franco Ferrari 1 INDICE : PREMESS 4 LE CRTTERISTICHE DEI DIFENSORI 6 L DIDTTIC. 7 CONCLUSIONI.

Dettagli

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2 PASSAGGIO ESERCITAZIONE 1 - I giocatori vengono divisi in 3 gruppi di diverso colore. 1A) Con le mani passare la palla al colore diverso 1B) Con i piedi passare la palla al colore diverso 2A) Con le mani

Dettagli

Possesso palla in allenamento

Possesso palla in allenamento Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Il possesso palla inteso come esercitazione sta assumendo un importanza sempre maggiore nelle sedute

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 2 CONTRO 2 Esercizio n 1: 2 contro 2 + 2 jolly ( difensore centrale e centravanti 9 ) Obiettivi: insegnare passaggi filtranti e appoggi Misure campo: 12

Dettagli

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete Smarcamento Mini partite 3>3 su un quadrato di 15x15. Goal valido solo dopo aver effettuato uno stop agli angoli del campo di gioco. 4>2 su un quadrato di 15x15. Il goal viene realizzato su stop su uno

Dettagli

La scuola Calcio Barcellona

La scuola Calcio Barcellona La scuola Calcio Barcellona di Raffaele Barra Istruttore CONI FIGC, laureando in Comunicazione, dopo varie esperienze in altre società (nelle categorie pulcini ed esordienti) da 2 anni milita nel Sottomarina

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi.

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi. N. FEBBRAIO 006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE VIA E.FRANCALANCI

Dettagli

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi Categoria Esordienti Guida e Dominio della palla Guida e Dominio della palla Stefano Bellinzaghi A B C I giocatori distribuiti nelle 4 file eseguono conduzioni, cambi di direzione e combinazioni tra guida

Dettagli

Allenare nel settore giovanile

Allenare nel settore giovanile ALLENARE NEL SETTORE GIOVANILE: la sovrapposizione, sviluppo tattico offensivo ANDREA PAGAN Allenatore di BASE diploma B UEFA PREMESSA Credo che la programmazione e l allenamento della fase offensiva sia

Dettagli

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica Da 3 contro 3 a 1 contro 1 Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo - Ho il pallone / non ho il pallone / recupero il pallone/ perdo il pallone Sviluppo attraverso la creazione di superiorità

Dettagli

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO SCHEDE ESERCIZI categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO TECNICA GIOCO DI POSSESSO PALLA: 8 10 PASSAGGI autore / docente / tutor: PROF. MARCHI ERNESTO WWW..CENTROSTUDICALCIO..IT

Dettagli

Finalità: Si contrassegna la metà campo nel modo seguente

Finalità: Si contrassegna la metà campo nel modo seguente ESEMPIO 1 -- Giro dell Italia Gioco Presportivo a Coppie; Sport Basket; Abilità, Tiro al Canestro indicheremo con A l alunno Atleta con disabilità (DIR Non deamblante) Si contrassegna la metà campo nel

Dettagli

FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC. SGeS SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE LEGA PRO SETTORE TECNICO

FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC. SGeS SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE LEGA PRO SETTORE TECNICO FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC LEGA PRO SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA SETTORE TECNICO SGeS COMMISSIONE CALCIO A 5 CORSI REGIONALI UNDER 8 UNDER 10 COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE CORSO CENTRALE

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina.

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina. PARTITA BOWLING si gioca una partita normale con due o più palloni. Chi abbatte il cono lascia il pallone agli avversari e corre verso la propria porta a sistemare il cono in linea con gli altri. Vince

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012 INDICAZIONI GENERALI (Categoria e ) Nelle attività del nuovo progetto tecnico, il numero dei giovani coinvolti è sempre di 14 giocatori per squadra () e 12 giocatori per

Dettagli

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi Premessa Si presentano N 21 sedute allenanti comprensive di N 4 partite amichevoli e la 1^ di campionato, suddivise in

Dettagli

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI ARGOMENTO DIFENSIVO: logiche del gioco; sviluppo mobilità laterale e in arretramento; capacità di combinazione e dissociazione. OBIETTIVO: passaggio (anticipazione

Dettagli

Corso Master 2011-12 Coverciano

Corso Master 2011-12 Coverciano Corso Master 2011-12 Coverciano TESI di FINE CORSO LE TRANSIZIONI NEL CALCIO MODERNO Allievo : Pasquale Ussia Relatore : Renzo Ulivieri Coverciano 03-0 7-2012 Master 2011-2012 Pasquale Ussia Pagina 1 Premessa

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

Esercizi aerobici con palla

Esercizi aerobici con palla Esercizi aerobici con palla Passaggio, conduzione, cross, colpo di testa, dribbling, tiro e difesa individuale sono gli aspetti tecnici stimolati dal circuito. Forza veloce, agilità e forza pliometrica

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 INTRODURRE LA DIFESA DI SQUADRA NEL PRIMO ANNO DI ATTIVITA GIOVANILE: la proposta deve essere divertente ed allettante

Dettagli

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" 2014-15

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA Sei Bravo a... Scuola di Calcio 2014-15 CRITERI GENERALI - Le squadre devono presentarsi con almeno 14 giocatori. - 14 Bambini iscritti nella lista dovranno cimentarsi nei 3 giochi previsti e nel gioco partita 7c7. - La durata di ciascuna "partita

Dettagli

TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE. Il calcio a 5 o futsal 04/06/2015. Calcio a 5 : campionati nazionali FUTSAL

TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE. Il calcio a 5 o futsal 04/06/2015. Calcio a 5 : campionati nazionali FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC Calcio a 5 : campionati nazionali LEGA SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA SETTORE PRO TECNICO SGeS A A2 B A femminile Under 21 FUTSAL COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE COMMISSIONE

Dettagli

Relazione Minibasket n 2

Relazione Minibasket n 2 Prof. Piergiorgio Manfre Basket Verbano Relazione Minibasket n 2 Ipotesi di lezioni per allievi 9 10 anni Premessa................................................... Proposte didattiche-tecniche.................................

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" - 2010 "4c4: un gioco

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O R E G O L A M E N T O Rev. N 9 Data: 03/10/2013 Le modifiche sono evidenziate in campo giallo e riguardano: Ruoli 1 e Ruoli 2 (la palla a questi giocatori può essere solo consegnata o passata con passaggio

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio

riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio guida + passaggio Dividere i giocatori in gruppi di 6 o più.

Dettagli

MANUALE TECNICO E DIDATTICO DEL FLAG FOOTBALL SCOLASTICO

MANUALE TECNICO E DIDATTICO DEL FLAG FOOTBALL SCOLASTICO CON IL PATROCINIO DI MANUALE TECNICO E DIDATTICO DEL FLAG FOOTBALL SCOLASTICO Insegnanti FIDAF Federazione Italiana di American Football Sede Legale: FIDAF c/o CONI Pal. H Largo Lauro De Bosis, 15 00135

Dettagli

Giovanissimi fascia B

Giovanissimi fascia B Giovanissimi fascia B Stagione calcistica 2012-13 Preparazione precampionato Allenatore: Erbetta Maurizio La preparazione proposta è relativa agli allenamenti precampionato della squadra giovanissimi 99

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey > Abilità nei giochi 8ª Classe Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey La valutazione dell abilità nei giochi avviene durante e al termine processo d apprendimento. Giochi Pallacanestro Calcio Pallamano

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 4c4: un gioco polivalente -REGOLAMENTO UFFICIALE EMILIA ROMAGNA- Come nella passata edizione le squadre si affronteranno in due momenti,

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri Federazione Italiana Pallacanestro Settore Giovanile Minibasket e Scuola Lezioni Integrate Minibasket I Fondamentali con palla Traguardi di Competenza. Partiamo dalle linee guida: Motorio/funzionale padronanza,

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE)

LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE) LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE) REGOLA NUMERO 12 FALLI E SCORRETTEZZE Un calcio di punizione diretto, da battere nel punto in cui è accaduto, è accordato alla squadra

Dettagli

Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato

Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato SECONDO PERIODO COMPETITIVO Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato 89 19 SETTIMANA DI LAVORO 58 ALLENAMENTO seduta unica 15 minuti Resistenza: metodo intermittente. 3 Intermittente (45

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 SOCIETA PARTECIPANTI - ZOLA PREDOSA VIA GESSO 26 - DOMENICA 24 maggio 2015 Il Settore Giovanile e Scolastico del Comitato Regionale Emilia Romagna si congratula per il

Dettagli

Porta imbattuta Valore: +1 Descrizione: viene assegnato al portiere che prende voto e che non subisce reti. Un portiere SV non riceve tale bonus.

Porta imbattuta Valore: +1 Descrizione: viene assegnato al portiere che prende voto e che non subisce reti. Un portiere SV non riceve tale bonus. Per determinare il risultato delle partite si calcola il punteggio totale di ogni squadra e lo si converte in gol equivalenti in base ad opportune fasce di punteggio che definiremo elastiche. Il significato

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015 La manifestazione è riservata alla categoria Pulcini - nati nel 2004-2005-2006(che abbiano compiuto l ottavo anno).sarà svolta presso uno stadio,scelto tra le cinque

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE Il calcio è ormai uno sport mondiale, si gioca infatti in ogni angolo del pianeta, anche i più remoti; i praticanti appartengono ad ogni età, razza, religione e sesso.

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

LA MIA IDEA DI CALCIO

LA MIA IDEA DI CALCIO SETTORE TECNICO F.I.G.C. ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI CALCIO CORSO ALLENATORE DI BASE UEFA B 2013-2014 MATERIA: TECNICA E TATTICA LA MIA IDEA DI CALCIO (PRINCIPI DI GIOCO) RELATORE: PROF. ADRIANO CADREGARI

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

corso allenatori 2 livello Mezzocorona settembre 2000 Bressanone dicembre 2000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail.

corso allenatori 2 livello Mezzocorona settembre 2000 Bressanone dicembre 2000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail. corso allenatori livello Mezzocorona settembre 000 Bressanone dicembre 000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail.it Campo Tures maggio 001 il contropiede pagina 1 M. Leimgruber Il

Dettagli

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI Programmazione attività annuale Le attività che verranno proposte ai nostri bambini dovranno tenere in considerazione l età ed i fattori ambientali. Tutti gli obbiettivi

Dettagli

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure.

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. GUIDA GEOMETRICA Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. I bambini conducono la palla attorno a diverse figure geometriche. vince chi

Dettagli

ATTIVITA' DI BASE. Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente

ATTIVITA' DI BASE. Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente ATTIVITA' DI BASE Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente Come nella passata edizione le squadre si affronteranno in due momenti, che per questa stagione sportiva si sintetizzano

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

I GIOCHI DI POSIZIONE: UN MEZZO UTILISSIMO PER INSEGNARE CALCIO

I GIOCHI DI POSIZIONE: UN MEZZO UTILISSIMO PER INSEGNARE CALCIO WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT Scuola Calcio Tattica Capacità di Gioco I GIOCHI DI POSIZIONE: UN MEZZO UTILISSIMO PER INSEGNARE CALCIO A cura di Ernesto Marchi WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT I GIOCHI DI POSIZIONE

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI DEL CALCIO A 5

REGOLE PARTICOLARI DEL CALCIO A 5 REGOLE PARTICOLARI DEL CALCIO A 5 NUMERO DEI CALCIATORI Una gara non può essere iniziata o proseguita nel caso in cui una squadra si trovi ad avere meno di 3 calciatori partecipanti al gioco. SOSTITUZIONI

Dettagli

Commissione provinciale Basket GOLDEN BASKET

Commissione provinciale Basket GOLDEN BASKET Commissione provinciale Basket GOLDEN BASKET REGOLAMENTO GOLDEN BASKET La presente proposta fa riferimento al Regolamento Tecnico Ufficiale della Pallacanestro, ma apporta varianti per integrare in una

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

ANALIZE MATCH: ROMA-LAZIO 2-2 (Serie A 11-01-2015)

ANALIZE MATCH: ROMA-LAZIO 2-2 (Serie A 11-01-2015) ANALIZE MATCH: ROMA-LAZIO 2-2 (Serie A 11-01-2015) MARCATORI Mauri (L) al 25', Felipe Anderson (L) al 29' p.t.; Totti (R) al 2' e 19' s.t. ROMA De Sanctis; Maicon, Manolas, Astori, Holebas; Pjanic, De

Dettagli

Schede operative categoria Pulcini

Schede operative categoria Pulcini Schede operative categoria Pulcini CATEGORIA PULCINI società: istruttore: stagione sportiva: programmazione didattica modulo 1 MESE DI: RICORDATI CHE OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: 8 FATTORE TECNICO-COORDINATIVO:

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile TECNICA DELL ATTACCO Fondamentale importante in quanto presente in entrambe le fasi del gioco, spesso conclude l azione. A livello statistico

Dettagli

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti!

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! AncheiopossoAllenare.com allenare online con gli info-prodotti di ancheiopossoallenare.com presenta: Marco Mirisola 15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! Salve a tutti e benvenuto/a oggi

Dettagli

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 LA FORAZIONE DELLE ABILITA TECNICHE 47 6.1 GESTO TECNICO E ABILITA OTORIE I gesti tecnici sono abilità fondamentali nel gioco del calcio da svilupparsi nel tempo mediante progressioni didattiche

Dettagli

Da qui in avanti affonderemo le dinamiche tecniche della canoa polo maggiormente legate a quelle che sono le componenti tattiche di gioco.

Da qui in avanti affonderemo le dinamiche tecniche della canoa polo maggiormente legate a quelle che sono le componenti tattiche di gioco. DALLA TECNICA ALLA TATTICA La canoa polo è uno sport di situazione. La tecnica e la tattica assumono nei giochi sportivi un aspetto fondamentale. Definizioni: TECNICA La tecnica sportiva è un procedimento,

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

IL MINIBASKET in ITALIA :

IL MINIBASKET in ITALIA : IL MINIBASKET in ITALIA : l Emozione, la Scoperta e il Gioco. I primi intervento per l angolo tecnico del nostro sito li voglio prendere da una delle esperienze professionalmente più gratificanti della

Dettagli

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 IMPARARE LA TECNICA CON IL GIOCO Stefano Faletti FONDAMENTALI TECNICI RICEVERE CONTROLLARE COLPIRE lo STOP GUIDA DELLA PALLA DRIBBLING PASSAGGIO TIRO COLPO

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite ASSOCIAZIONE SVIZZERA DI FOOTBALL Dipartimento tecnico Servizio istruzione Modulo di perfezionamento 2015/16 Giocare meglio - Giochi e esercizi Giocare meglio Giochi e esercizi Calcio di base Calcio d

Dettagli

(Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007)

(Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007) (Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007) ATTACCO ALLA UOMO BASATO SU PRINCIPI DI GIOCO COLLETTIVO - Quello che gli americani chiamano Reading Offense, cioè Attacco basato sulla

Dettagli

CENTRI MINIBASKET BAMBINI ISTRUTTORI 2500 125.000 7200 PULCINI 2003/2004 SCOIATTOLI 2001/2002 GAZZELLE F 2000/2001/2002 AQUILOTTI 1999/2000 ESORDIENTI M 1998/1999 F 1998/1999/2000 INCONTRO TRA MINIBASKET

Dettagli

Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio "US Albinia" Programmazione attività stagione 2011 2012

Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio US Albinia Programmazione attività stagione 2011 2012 Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio "US Albinia" Programmazione attività stagione 2011 2012 A. CATEGORIA ESORDIENTI (1999 2000) Allenatore: Luciano FUSINI (All. Base) A.1 Attività Federale

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

GUIDA DELLA PALLA. L'esercizio poi continua con gli altri partecipanti. Dopo un certo numero di prove in un senso, si deve cambiare il verso.

GUIDA DELLA PALLA. L'esercizio poi continua con gli altri partecipanti. Dopo un certo numero di prove in un senso, si deve cambiare il verso. GUID DELL PLL 1 1 2 2 GUID DI PLLONI DIVERSI 4 giocatori posizionati con la palla sul vertice di un quadrato di 15 mt di lato, partono in guida della palla verso il vertice seguente dove lasciano la propria

Dettagli

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA OFFBALL UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA Il 16 Febbraio 2013 è stata fondata la Federazione Offball al fine di divulgare questo nuovo sport di squadra nato dalla collaborazione di Nelly Vasta e Giuseppe Raiti.

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Touch down. Il gioco del football americano

Touch down. Il gioco del football americano Touch down Il gioco del football americano Riedizione di Superbowl (International Team) ad opera della Lu(ri)doteca Versione 1.2 di ottobre 2004 www.luridoteca.com info@luridoteca.com Annotazioni Pagina

Dettagli

CAMPIONATO ALLIEVI REGIONALI GIRONE D Anno Calcistico 2011/2012 Real Castelnuovo Anno 1995 1 TROFEO ALLENATORE D ORO AIAC PROVINCIA DI LUCCA

CAMPIONATO ALLIEVI REGIONALI GIRONE D Anno Calcistico 2011/2012 Real Castelnuovo Anno 1995 1 TROFEO ALLENATORE D ORO AIAC PROVINCIA DI LUCCA CAMPIONATO ALLIEVI REGIONALI GIRONE D Anno Calcistico 2011/2012 Real Castelnuovo Anno 1995 1 TROFEO ALLENATORE D ORO AIAC PROVINCIA DI LUCCA RELAZIONE TECNICA su: MACROCICLO dal 19/03/2012 al 24/03/2012

Dettagli

PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.)

PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) Sede e campo sportivo U. Orlandini via Vivaldi, 8 30029 Santo Stino di Livenza - Venezia Telefono - Fax 0421 / 310914 e-mail: calciosanstino@libero.it sito web : www.calciosanstino.it Matricola F.I.G.C.:

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE ALLENAMENTO 1D FEMMINILE Corsisti: Ballardini Samuele, Ceccarini Barbara, Rossi Giacomo INTRODUZIONE Nelle ultime partite la squadra allenata (1 divisione femminile) ha avuto un'efficacia in attacco del

Dettagli

IL GIOCO NEL MINIBASKET

IL GIOCO NEL MINIBASKET 88 Premessa IL GIOCO NEL MINIBASKET Inizierò con un gioco di collaborazione e di rapidità per immergerci subito nel cuore di questa lezione. Poichè l argomento è Il Gioco nel Minibasket, vorrei partire

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

IL MINIVOLLEY. MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014. Progetto: "UNA REGIONE IN MOVIMENTO

IL MINIVOLLEY. MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014. Progetto: UNA REGIONE IN MOVIMENTO MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014 Progetto: "UNA REGIONE IN MOVIMENTO IL MINIVOLLEY Prof. Carmine Cavallaro GIOCOSPORT Premessa Mentre dagli

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli