PARTITE A TEMA. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTITE A TEMA. Introduzione"

Transcript

1 PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione o raggiungere un obiettivo. La componente del gioco, inoltre, coinvolge maggiormente sul piano mentale rispetto ad una esercitazione puramente tattica. Le dimensioni e i tempi degli esercizi sono variabili in base al fine condizionale da perseguire. Per questo, oltre ad obiettivi tecnici e tattici, lavorando poi sui tempi e sugli spazi, questi tipi di esercizi consentono un valido allenamento anche delle qualità organiche di resistenza (spazi e tempi ampi) e di reattività (spazi e tempi ridotti). Inoltre, l introduzione delle partite a tema nella seduta giornaliera, dato il numero infinito di varianti, ci consente di gestire al meglio il numero di giocatori disponibili nelle singole sessioni d allenamento, cercando di massimizzare l impiego degli atleti. L allenatore deve evidenziare i principi significativi del risultato che vuole ottenere (di seguito obiettivi ), andando poi a strutturare partite ad hoc che abbiano l intento di addestrare questi principi. Le soluzioni attuabili sono numerosissime e ogni allenatore può scegliere quelle che ritiene più valide per i propri fini. 1

2 Esercizio: Inferiorità numerica improvvisa + tiro libero Obiettivi: attacco in superiorità/difesa in inferiorità, capacità di adattamento improvviso del collettivo, gestione del possesso palla in superiorità in un tempo ristretto, finalizzazione, transizioni, recupero difensivo e esecuzione dei tiri liberi. Numero giocatori: 10 (8+2) L esercizio si svolge a tutto campo, ma gli attacchi della squadra in possesso palla si svolgono nella metà campo avversaria. Un classico 4vs4 di movimento, diventa improvvisamente un 4vs3 quando l allenatore chiama un componente della squadra difendente a calciare un tiro libero nella metà campo opposta. Il giocatore chiamato deve improvvisamente lasciare la propria posizione difensiva, disinteressarsi dell azione e andare repentinamente a calciare. Così facendo la squadra che attacca ha un determinato tempo, tra quando il giocatore va alla conclusione e il suo rientro, per attaccare in superiorità numerica. Se l azione è troppo lenta, si potrebbe concedere agli avversari la possibilità di ritornare in parità numerica. La squadra che attacca se segna conquista un nuovo possesso di palla, se non ci riesce diventa la squadra che difende. In tal caso, l azione della squadra in possesso termina nel momento in cui la palla 2

3 finisce fuori sul fondo o con la perdita del possesso. In caso di fallo laterale a favore si continua a giocare. Non è previsto il gioco in transizione. Lo scopo dell esercizio, oltre che allenante per l attacco e per il calciatore chiamato a calciare, è molto utile per la squadra che difende in quanto costretta a riorganizzarsi improvvisamente e a cercare di difendere forte nella speranza, tanto quanto quella di riconquistare palla, di frenare l azione avversaria e riportare la parità numerica con i giocatori di movimento. Esercizio: I 10 passaggi Obiettivi: gestione accurata del possesso palla, finalizzazione, attacco in superiorità, difesa in inferiorità, transizioni. Numero giocatori: 10 (8+2) La squadra in possesso palla prima di poter concludere deve fare almeno 10 passaggi. L handicap iniziale, per la squadra che difende, è che un giocatore di movimento non può ripiegare nella propria metà campo. Quindi, lo scopo dell esercizio per la squadra in possesso è quello di 3

4 andare a giocare nella metà campo avversaria per sfruttare la superiorità numerica, mantenendo comunque la calma necessaria per raggiungere il numero minimo di passaggi richiesti prima di concludere. Per la squadra che difende, invece, l obiettivo è quello di pressare il più possibile affinché la squadra in possesso non vada a giocare in superiorità nella metà campo avversaria. In caso di perdita del possesso, la squadra che conquista palla può andare in transizione diretta senza obbligo di passaggi. In caso di palla fuori o fallo subito, si ricomincia da zero con la regola dei 10 passaggi. Esercizio: 3vs3 in continuità (3 squadre) Obiettivi: attacco e difesa in continuità, finalizzazione, collaborazioni difensive, continue transizioni, resistenza e reattività. Numero giocatori: 11 (9+2) In questo esercizio 3 squadre composte da tre giocatori ciascuna si sfidano continuamente, senza soste e senza particolari vincoli. La squadra 4

5 che inizia attaccando nella sessione successiva riposa. La squadra che ha difeso diventa quella che attacca e quella che ha riposato nella prima sessione difende, per poi attaccare. E così via. Così facendo si sviluppa il ritmo di gioco con continue azioni di attacco e di difesa, si stimola la ricerca delle transizioni e le collaborazioni a 3 giocatori, sia in attacco che in difesa. La componente della sfida continua, inoltre, invoglia le tre squadre a fare sempre meglio in attacco e a difendere forte in difesa. Esempio sessioni: Squadra gialla: riposo-difesa-attacco Squadra viola: attacco-riposo-difesa Squadra celeste: difesa-attacco-riposo Esercizio: 3vs3 in continuità (4 squadre) Obiettivi: attacco e difesa in continuità, finalizzazione, collaborazioni difensive, continue transizioni, resistenza e reattività. Numero giocatori: 14 (12+2) 5

6 Come sopra, ma con un gruppo in più e, di conseguenza, una maggiore concentrazione dei 4 terzetti che dovranno alternarsi in campo con il giusto ordine. Esempio sessioni: Squadra viola: 1 Squadra celeste: 2 Squadra gialla: 3 Squadra rossa: 4 Esercizio: 4vs3 (triangoli mobili) Obiettivi: collaborazioni offensive a 3 giocatori e triangoli mobili, lavoro in superiorità/inferiorità numerica, finalizzazione e collaborazioni difensive. Spazio: Metà campo Numero giocatori: 9 (7+2) 6

7 La partita a tema in questione è di facile svolgimento in quanto non ha particolari regole, ma risulta essere molto utile e formativo. In sostanza la squadra in superiorità, divisa in due diversi colori, ha una sola regola fondamentale: il giocatore in possesso palla può trasmettere palla solo al compagno di squadra con il colore diverso dal suo. Così facendo, i passaggi possibili saranno sempre 2, e non 3, imponendo ai giocatori della squadra in superiorità, ma non in possesso, a ricercare luce tra loro e i difensori, per essere serviti. Questo ci consente di sviluppare al meglio un gioco di ricerca degli spazi e di collaborazioni continue a 3 giocatori sviluppando dei triangoli mobili. Per quanto concerne la squadra a 3 giocatori, seppur in apparente inferiorità numerica, se collaborano collettivamente, possono riequilibrare le sorti della partita in quanto, di volta in volta, i giocatori della squadra a 4, coinvolti su ogni trasmissione di palla possono essere anch essi sempre e solo 3, disinteressandosi parzialmente del giocatore dello stesso colore del possessore di palla. Preciso che la squadra in inferiorità (3 giocatori) può anch essa attaccare e andare in transizione come in una partita regolare. 7

8 Esercizio: 4vs3 di movimento Obiettivi: simulazione di un espulsione a favore o contro, lavoro in superiorità/inferiorità numerica, finalizzazione, collaborazioni difensive, ricerca della finalizzazione dalla distanza contro una squadra con il portiere di movimento. Numero giocatori: 8 (7+1) La partita a tema proposta è, di fatti, un 4vs4 (4vs3 se contiamo solo i giocatori di movimento) che ci consente di lavorare su più aspetti contemporaneamente. La squadra a 4 giocatori di movimento allena la possibilità di una superiorità in gara, causa espulsione di un avversario. Così facendo ci si allena a trovare i giusti meccanismi e le giuste distanze per cercare, nell arco degli ipotetici due minuti di vantaggio, la via del gol. Al contempo, la squadra che difende, oltre a tentare di non subire nessuna trasformazione dagli avversari, potrà cercare di recuperare palla e ripartire in transizione o calciare in porta dalla distanza non essendoci nessun portiere avversario. L handicap della squadra in superiorità sarà 8

9 quello di avere due porte sguarnite di portiere: una quella regolare ed una molto più piccola all interno di quest ultima. Saranno assegnati 1 gol nella porta regolare e 2 in quella piccola. Così facendo, si andrà a stimolare anche il pressing e la pressione della squadra in superiorità ad ogni pallone perso, esattamente come accade nel momento in cui si perde il possesso nel caso di utilizzo del portiere di movimento. Esercizio: 2vs2 + 2 jolly esterni/pivot Obiettivi: sviluppo gioco in ampiezza, sviluppo gioco in profondità, passaggio improvviso da un gioco in ampiezza ad uno in profondità, finalizzazione, triangoli mobili e collaborazioni difensive. Numero giocatori: 14 (12+2) Nella partita a tema che propongo nell immagine sopra riportata, andiamo a simulare due diverse gare in contemporanea con due diversi 9

10 obiettivi e finalità: nella metà campo a sinistra si svolge in sostanza un 4v3 (4vs2 di movimento), con la squadra in superiorità che gioca con due jolly (o sponde) posti sugli esterni e al di fuori del rettangolo di gara. I jolly non possono trasmettersi il pallone tra di loro. Questo tipo di partita a tema ci consente di sviluppare continuamente un gioco in ampiezza e la ricerca di triangoli mobili. Al contrario, nell altra metà campo, si svolge un altra partita a tema con le stesse restrizioni, ma con l ideale ricerca di un gioco in profondità avendo i due jolly posti aldilà della linea di fondo campo, quasi a simulare il ruolo di due pivot. E chiaro che queste due partite possono essere anche utilizzate singolarmente e ottenere comunque gli obiettivi prefissati. E possibile, inoltre, allargare queste due mini partite a tutto campo con la presenza per le due squadre di sponde esterne o pivot. Detto questo, l esercizio che voglio proporvi riguarda la contemporaneità di queste due fasi, con le squadre che si alternano con passaggio immediato a situazioni sia di attacco che di difesa in entrambe le sessioni. Esempio: la squadra in superiorità che attacca con le sponde esterne, dopo 5 attacchi consecutivi, passerà immediatamente ad attaccare nel campo opposto e viceversa farà la squadra con le sponde pivot, seguite dalle rispettive difese. Al termine degli ulteriori 5 attacchi, saranno le difese a prendere il posto degli attacchi. Di fatti ci saranno 4 gruppi di lavoro, che si alterneranno in attacco in ampiezza, attacco della profondità, difesa contro una squadra che ci attacca in ampiezza e difesa contro una squadra che ci attacca la profondità. Al termine, chi ha siglato più reti vince. Questa alta componente di gioco e di competizione, alza notevolmente le prestazioni dell attacco ma anche della difesa che sarà tutt altro che disinteressata. 10

11 Esercizio: 3vs3 + 1vs1 Obiettivi: collaborazioni a 3 giocatori, transizioni, ricerca della superiorità numerica, finalizzazione, rilancio del portiere e ricerca dell 1vs1. Numero giocatori: 10 (8+2) Nella partita a tema in questione dividiamo il campo in due parti uguali. In una ci sarà un 3vs3 (giocatori di movimento) di partenza, mentre nell altra un 1vs1 (parliamo sempre di giocatori di movimento). S inizia il gioco a tema nella metà campo affollata : l attacco cercherà, senza particolari restrizioni, di segnare. Se ci riesce conquista un nuovo possesso. Invece, al contrario, se perde il possesso del pallone, direttamente (palla rubata) o indirettamente (palla in fallo laterale a favore degli avversari), la squadra che in precedenza attaccava non potrà rientrare, mentre la squadra difendente può trasformare la propria azione in offensiva cercando il compagno nell altra metà campo e portando un altro componente, colui che ha rubato palla o che calcia il fallo laterale, nella metà campo opposta 11

12 per un 2vs1. Se, invece, viene calciata fuori in rimessa dal fondo, sarà il portiere a rimetterla in gioco cercando l 1vs1 nell altra metà campo. Come detto, si conquista un nuovo possesso solo in caso di buona riuscita della finalizzazione oppure si cambia immediatamente campo e la squadra che ha difeso diventa attaccante e viceversa. Esercizio: Partite a tocco libero con restrizioni di tempo Obiettivi: ripiegamento repentino, equilibrio e controllo, pressing, resistenza e reattività. Numero giocatori: 10 (8+2) Immagine 1 12

13 Immagine 2 Immagine 3 In queste tre diverse partite a tema le restrizioni riguardano solo il tempo in relazioni ad aspetti tattici: nell immagine n.1 si disputa una partita regolare, 5vs5, è l unica restrizione è quella che ad ogni perdita di possesso bisogna ripiegare, scattando, fino alla propria linea di fondo prima di ricollocarsi in posizione di difesa collettiva. La difesa, quindi, una volta conquistato il possesso non potrà andare in transizione diretta. Nell immagine n. 2 invece c è semplicemente l obbligo, in caso di perdita del possesso, di ripiego di tutti i componenti della squadra nella propria metà campo nel tempo limite di 5. Nell immagine n.3 invece 13

14 evidenziamo una palla appena persa con l obbligo opposto alla partita precedente: riconquistare palla (o quantomeno un tocco che riazzeri il tempo come nel basket) nel tempo limite di 6. Quindi, è comprensibile che nelle partite 2 e 3 c è un input notevolmente diverso che andiamo a imprimere nella testa dei nostri atleti. Quello di disinteressarsi dell azione e ripiegare nell imm. 2 e, al contrario, quella di andare subito in pressione nella seguente. E ovvio che entrambe hanno pro e contro, essendo partite a tema senza mezze misure ma, aldilà della filosofia del proprio tecnico, è importante infondere nei propri giocatori la capacità di adattarsi a tutte le situazioni tattiche che possono presentarsi in un campionato o in una singola gara. Le partite, seppur nella loro pura semplicità, sono assolutamente molto dispendiose per gli atleti in campo. Esercizio: 3vs3 con una sponda Obiettivi: attacco in superiorità, possesso palla, difesa delle diagonali, copertura difensiva, adattamento improvviso, pressing e finalizzazione. Numero giocatori: 10 (8+2) 14

15 Nella partita a tema proposta si gioca in una situazione di 4vs4 (3vs3 di movimento) nel rettangolo di gioco, con un jolly esterno per ogni squadra. La sponda non può mai entrare nel campo quando attacca assieme ai propri compagni di squadra ma può, improvvisamente, tradire la propria squadra e dopo aver ricevuto il pallone invertire rotta di attacco ed andare in solitaria verso la propria porta. Così facendo si stimola squadra in possesso ad avere continue coperture, capacità di ripiegamento, adattamento ad un pericolo imprevisto e in ultimo, se non ci fosse niente di tutto questo, un 1vs1 con il portiere. Esercizio: Pressing e uscita pressing Obiettivi: difesa 1-1-2, pressing, uscite pressing, pressione individuale, attacco in superiorità, possesso palla, difesa delle diagonali, transizioni, scaglionamento difensivo e finalizzazione. Numero giocatori: 10 (8+2) Materiale: Pettorine, coni e palloni 15

16 In questa partita a tema bisogna suddividere il campo di gioco in 3 diverse zone, che saranno vincolanti per l attacco e la difesa. S inizia dalla squadra in possesso palla schierata inizialmente con un Se i due giocatori della prima zona (non il portiere) riescono a trasmettere il pallone nella zona centrale, uno dei due (preferibilmente il giocatore dei due che non ha trasmesso palla) può oltrepassare la sua zona e andare in quella successiva. Una volta superata la prima linea di difesa, sarà possibile giocare in superiorità numerica nelle altre due zone. Lo stesso svolgimento ci sarà nel passaggio dalla zona 2 alla zona 3. La difesa invece lavora con un pressing molto alto, con il classico schieramento 1-1-2, senza però avere, se superati, la possibilità di aiuti in ripiegamento. Detto questo, se la difesa riesce a rubare palla può andare in transizione direttamente con l uomo che ha rubato palla più i giocatori delle linee seguenti. In tal caso, sarà la squadra precedentemente in possesso a non poter ripiegare. In caso di trasformazione la squadra in possesso ne riconquista un altro, oppure si comincia da zero dalla parte opposta. Esercizio: 3vs3 con pivot Obiettivi: lavoro sul 3:1, possesso palla, ricerca della profondità, gioco sul pivot, difesa delle diagonali, transizioni, scaglionamento difensivo e finalizzazione. Numero giocatori: 10 (8+2) 16

17 La partita a tema proposta è un regolare 5vs5, che prevede un lavoro specifico sul pivot e quindi sul sistema di gioco 3:1. I due pivot si muoveranno nei metri avversari. Questo spazio sarà diviso in senso immaginario in 3 zone, 2 esterne ed una centrale. Quando la palla arriva al pivot in zona centrale si può attaccare liberamente. Se, invece, la palla arriva al pivot nelle due restanti zone esterne è previsto l obbligo, per il giocatore che ha trasmesso la palla (in tal caso il n. 8) di non poter andare a calciare direttamente, ma correre verso il pivot e tagliare verso il centro, affinché questo taglio possa aprire spazio al secondo (4) o al terzo giocatore (6) senza palla che segue l azione. Così facendo, si allenano sia i tagli che la corsa sul secondo palo per un eventuale deviazione dopo la conclusione del secondo giocatore. In alternativa il pivot, può anche girare il pallone su un giocatore in copertura e ricominciare l azione. Esercizio: 5vs5 in pressione Obiettivi: stimolo al pressing, possesso palla, uscite pressing, difesa alta con i cambi, transizioni e finalizzazione. Numero giocatori: 10 (8+2) 17

18 Partita regolare con pochi input ma tutti stimolanti per la difesa alta con i cambi: ogni trasformazione vale regolarmente 1 gol, esclusi i gol che arrivano su palla rubata che valgono 2. Inoltre, per rendere più interessante e complessa la fase di uscita pressing, per entrambe le squadre introdurre un limite di tocchi nella propria metà campo (prima 3, 2 e poi 1) e tocco libero nella metà campo avversaria. Se il limite di tocchi viene violato, la squadra avversaria potrà usufruire di un tiro libero. Esercizio: 4vs4 + 1 jolly Obiettivi: stimolo al pressing, possesso palla, uscite pressing, difesa alta con i cambi, scaglionamento difensivo, ricerca degli spazi e finalizzazione. Numero giocatori: 10 (8+2) 18

19 Anche in questa partita a tema suddividiamo il campo in tre zone uguali tra loro. Si affrontano due squadre 4vs4 (3vs3 di movimento) più un jolly per la squadra in possesso palla a determinare una continua superiorità numerica della squadra in possesso palla. Dividendo il campo in 3 parti uguali diamo degli input alla squadra in possesso: la palla deve essere toccata da tutti i giocatori (jolly compreso) prima di poter finalizzare l azione e, inoltre, per essere valido il gol, il pallone deve essere giocato in tutte e tre le zone di campo. Questo lavoro ci consente di stimolare il gioco collettivo, senza avere troppa fretta di verticalizzare l azione e, in più, ci consente di non cercare palle lunghe immediatamente come potrebbe essere un rilancio del portiere per il pivot. La squadra non in possesso di palla, già penalizzata dalla certezza dell inferiorità numerica, se riesce a rubare palla nella prima linea offensiva può concludere l azione direttamente. 19

20 Esercizio: 3vs3 (3 squadre) Obiettivi: stimolo al pressing, possesso palla, uscite pressing, difesa alta con i cambi, collaborazioni tra le linee di pressione e finalizzazione. Spazio: Metà campo Numero giocatori: 11 (9+2) Partita a tema senza vincoli, se non quello di giocare a metà campo e di pressare fortemente l avversario. Mini partite della durata di 1 30 ad alta intensità, con le tre squadre ad alternarsi. Si favorisce il lavoro in uscita pressing e la pressione singola e il pressing della difesa con i cambi simulando 1.a e 2.a linea. 20

21 Esercizio: 5vs5 + 2 jolly Obiettivi: stimolo al pressing, possesso palla, uscite pressing, difesa alta con i cambi, collaborazioni tra le linee di pressione, allenamento al portiere di movimento e finalizzazione. Numero giocatori: 14 (12+2) L ultima partita a tema proposta riguarda un 5vs5 (4vs4 di movimento) con un jolly per ogni squadra. Quest ultimo resta fuori dal rettangolo di gara fino a quando i suoi componenti non toccano tutti il pallone in una singola azione: a quel punto entra in gioco anche il jolly, di fatto portando la squadra difendente in una situazione di 5vs4 di movimento, utile per allenare una situazione ideale per il portiere di movimento, se elaborata, o di transizione se rapida. In tal senso, ovviamente, si evince la necessità della squadra non in possesso di palla di pressare forte la squadra in possesso affinché si possa evitare che tutti i 4 giocatori di movimento possano toccare il pallone e, a quel punto, utilizzare il jolly. Nicola Masiello 21

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI SETTORE TECNICO FIGC COVERCIANO Corso master Uefa Pro di prima categoria 2012-2013 ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI Candidato: Mark Iuliano Relatore: Dott.ssa Maria Grazia Rubenni

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX DailyFX Strategies Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini INTRO Dopo anni di ricerca

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA Doug Beal, direttore generale di USA Volleyball, ex-capo Allenatore della nazionale degli Stati Uniti Prima di provare ad analizzare i sistemi, la teoria, la tattica

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 Traduzione conforme al WFDF Rules of Ultimate 2013 Versione Ufficiale in vigore dal 1 gennaio 2013 Indice delle Regole Introduzione... 1 1. Spirit

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

F.I.G.C. FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO

F.I.G.C. FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO F.I.G.C. FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Centro Tecnico Federale Coverciano Corso Allenatore dei Portieri Dilettante e di settore giovanile Intraprendenza e Partecipazione. Due possibili chiavi di lettura

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Hockey su ghiaccio. Da qualche parte, in una pista di ghiaccio in Svizzera. UFSPO & ASEF

Hockey su ghiaccio. Da qualche parte, in una pista di ghiaccio in Svizzera. UFSPO & ASEF mobile 5 09 Hockey su ghiaccio 57 UFSPO & ASEF Virile e sottile. È questa l ambivalenza che descrive al meglio l hockey su ghiaccio. Un buon giocatore deve dar prova di presenza fisica per disfarsi dei

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014)

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) REGOLE DI TENNIS Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) INDICE Prefazione pag. 2 Regola 1 Il campo pag. 3 Regola 2 - Arredi permanenti

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

EA SPORTS FIFA Football - Manuale di gioco 1

EA SPORTS FIFA Football - Manuale di gioco 1 EA SPORTS FIFA Football - Manuale di gioco 1 Elenco completo dei comandi 10 Configurazione del gioco 37 Come si gioca 38 Modalità di gioco 41 PlayStation Network 45 CALCIATORE VIRTUALE 46 PERSONALIZZARE

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento del Giuoco del Calcio corredato dalle Decisioni Ufficiali FIGC e dalla Guida Pratica AIA Edizione 2013 FEDERATION INTERNATIONALE DE FOOTBALL ASSOCIATION (FIFA)

Dettagli

WFRP3 HOUSE RULES MOD AZIONI. decidere quale usare e su quale attacco.

WFRP3 HOUSE RULES MOD AZIONI. decidere quale usare e su quale attacco. WFRP3 HOUSE RULES Le basic reactions (Block, Dodge, Parry) e le loro versioni avanzate possono essere usate ogni turno (quindi Recharge ZERO) ma solo 1 contro ogni attacco. Quindi un personaggio con tutte

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore )

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore ) REGOLAMENTO ART.11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001,430 CONCORSO A PREMI DENOMINATO MAGIC+3 CAMPIONATO 2014-2015 PROMOSSO DALLA SOCIETA RCS MEDIAGROUP SPA MILANO CL 410/2014 SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX DailyFX Strategies Breakout e medie mobili Davide Marone, Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Breakout e medie mobili Davide Marone INTRO Prima di costruire una qualsiasi

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

CARIBBEAN POKER. Come si gioca

CARIBBEAN POKER. Come si gioca CARIBBEAN POKER INDICE Caribbean Poker 2 Il tavolo da gioco 3 Le carte da gioco 4 Il Gioco 5 Jackpot Progressive 13 Pagamenti 14 Pagamenti con Jackpot 16 Combinazioni 18 Regole generali 24 CARIBBEAN POKER

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation (1) (1) NOTA. Eccetto quando è diversamente stabilito, ogni riferimento di queste Regole ai giocatori include anche le giocatrici. ... schema

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

D: QUALI SONO I REQUISITI DI RESIDENZA PER CHI VUOLE COMPETERE? R: Questo evento è limitato ai residenti in Italia, quindi:

D: QUALI SONO I REQUISITI DI RESIDENZA PER CHI VUOLE COMPETERE? R: Questo evento è limitato ai residenti in Italia, quindi: FAQ D: QUANTE PARTITE VERRANNO GIOCATE PER DETERMINARE I VINCITORI DI OGNI SCONTRO? R: Il torneo prevede dei 5v5 nella Landa degli evocatori in stile "sudden death" (ossia a eliminazione diretta, al meglio

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli