Il Lavoro nelle Carceri del Lazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Lavoro nelle Carceri del Lazio"

Transcript

1 Il grado di civilizzazione di una società si misura dalle sue prigioni. F.M.Dostoevskij Il Lavoro nelle Carceri del Lazio Le proposte della FP CGIL di Roma e Lazio per uscire dall emergenza Roma, Palestra Caserma Polizia Penitenziaria N.C Rebibbia 1

2 Costituzione della Repubblica Italiana Articolo 27 L'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Non èammessa la pena di morte. Articolo 13 E` punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà 2

3 CARCERI: UN EMERGENZA NAZIONALE POPOLAZIONE CARCERARIA IN ITALIA AL15/02/2011 = CAPIENZA REGOLAMENTARE = QUASI I DETENUTI IN ATTESA DI GIUDIZIO 3

4 L Italia dei record in Europa 1 per sovraffollamento delle carceri 2 per n detenuti imputati 1 tra i grandi Stati per % di detenuti stranieri Negli ultimi dieci anni nell Ue il numero dei detenuti è aumentato di oltre unità. L Italia ha contribuito con il 25% 4

5 L Italia dei record in Europa 5

6 I dati dell Emergenza in Italia 6

7 Il PIANETA CARCERI NEL LAZIO I DETENUTI NUMERO ISTITUTI = 14 CAPIENZA REGOLARE: 4461 DETENUTI PRESENTI: 6398 Dati al SOVRAFFOLLAMENTO +137% I LAVORATORI PERSONALE POL.PEN PREVISTO: 4136 DI CUI IN SERVIZIONEGLI ISTITUTI: 3531 ASSISTENTI SOCIALI PREVISTI: 117 ASSISTENTI SOCIALI IN SERVIZIO: 66 EDUCATORI PREVISTI: 181 EDUCATORI IN SERVIZIO: 84 CARENZA PERSONALE -20%in organico - 35% presenze dentro gli istituti 7

8 Il perché di un emergenza umanitaria In 6 anni, in presenza anche di un indulto, il numero di ristretti nelle carceri del Lazio èpassato da3753a % e Le risorse per il sistema penitenziario? Il numero di operatori? 8

9 Evoluzione presenza detenuti nelle carceri del Lazio Istituto Presenze 31/12/ /01/2011 Variazione CASSINO C.C ,08% CIVITAVECCHIA ,50% Frosinone ,88% LATINA C.C ,48% PALIANO C.R ,55% Rieti ,43% REBIBBIA C.C. N.C ,50% REBIBBIA C.R ,00% REBIBBIA C.C. SEZ. FEMM ,85% REBIBBIA III C.C ,92% REGINA COELI C.C ,08% VELLETRI C.C ,18% VITERBO C.C. N.C ,66% Totale ,48% 9

10 I dati dell Emergenza nel Lazio ISTITUTO Capienza Regolamentare Presenze Effettive Sovraffollamento DATI AL 15/2/2011 Uomini Donne Totale Uomini Donne Totale CASSINO ,22% CIVITAVECCHIA ,71% FROSINONE ,23% LATINA ,86% PALIANO ,67% RIETI ,65% REBIBBIA N.C ,10% REBIBBIA RECLUSIONE ,89% REBIBBIA FEMMINILE ,50% REBIBBIA III CASA ,00% REGINA COELI ,25% VELLETRI ,48% VITERBO ,36% TOTALE REGIONE ,27% 10

11 I 6398 detenuti del Lazio 11

12 Il lavoronelle carceri del Lazio 12

13 I DATI UFFICIALI 13

14 Il personale della Polizia Penitenziaria Organico Previsto: 4136 Organico Assegnato: 4909 Organico Presente negli istituti: 3531 Assenze per malattie lunghe: 156 Ricapitolando Nelle carceri del Lazio mancano: 605 unitàrispetto alla pianta organica In realtàall interno delle carceri mancano però circa1300 unità 14

15 Il personale negli istituti ISTITUTO regolament effettive Sovraffollamento Previsti Effettivi DATI AL 15/2/2010 Popolazione Carceraria Poliziotti Penitenziaria Carenza CASSINO ,22% ,48% CIVITAVECCHIA ,71% ,73% FROSINONE ,23% ,90% LATINA ,86% ,99% PALIANO ,67% ,67% RIETI ,65% ,06% REBIBBIA N.C ,10% ,54% REBIBBIA RECLUSIONE ,89% ,57% REBIBBIA FEMMINILE ,50% ,84% REBIBBIA III CASA ,00% ,66% REGINA COELI ,25% ,49% VELLETRI ,48% ,18% VITERBO ,36% ,93% TOTALE REGIONE ,27% ,26% 15

16 Il personale negli istituti Rebibbia, Latina eregina Coeli gli istituti maggiormente in difficoltàa causa dell aumento Del n dei ristretti e la carenza di personale Viterboe Civitavecchiagli istituti con la maggior carenza di personale Scandalosa la situazione di Rietidove a causa della mancanza di personale l istituto è sottoutilizzato 16

17 I conti non tornano Che mansioni svolgono gli oltre 1300 poliziotti penitenziari assegnati al Lazio ma che non svolgono servizio all interno delle carceri? A questi 1300vanno aggiunti quasi 800 unità (saldo tra i distacchi in entrata nella regione1016 distacchi in uscita dalla regione 224) Quindi piùdi 2000 unitàdi personale della polizia penitenziaria nel Lazio svolgono servizio fuori dalle carceri che invece stanno esplodendo!!! 17

18 I DATI REALI Due casi eclatanti 18

19 ISTITUTO DI REBIBBIA N.C. PERSONALE PREVISTO : 1075 PERSONALE AMMINISTRATO : 969 DISTACCHI USCITA : 224 DISTACCHI IN ENTRATA: 55 PERSONALE REALMENTE IN SERVIZIO NELL ISTITUTO: 800 UNITA 19

20 ISTITUTO DI REBIBBIA N.C. AL NUOVO COMPLESSO DI REBIBBIA PRESTANO SERVIZIO REALMENTE NEI REPARTI POCO PIU DI 400 UNITA RISULTATO GRAZIE AL SOVRAFFOLLAMENTO DI NOTTE NEI REPARTI SPESSO UN SOLO AGENTE SI TROVA A GESTIRE ALMENO 200 RISTRETTI INVECE DEL NUMERO MINIMO DI 3. 20

21 Regina Coeli Personale Assegnato al C.C. Regina Coeli Roma Totale personale assegnato 600 Totale personale previsto 623 Unità distaccate fuori istituto 144 Unità distaccate in entrata 43 Totale complessivo della forza reale operante in istituto 498 Di cui unità operanti presso il nucleo traduzioni e piantonamenti 89 Ricapitolando Personale Previsto 623 Personale Realmente in servizio 409 Presenze regolamentari 724 Presenze effettive 1124 Carenza Personale -214 unità Sovraffollamento +400 detenuti 21

22 Tagli alla spesa del D.A.P Negli ultimi 10 anni il bilancio del dap èstato diminuito del 22% in termini nominali e del 50%in valori reali. Ulteriori tagli sono previsti per arrivare ad un terzo del budget del

23 Numero detenuti per anno Tagli alla spesa del Costo per il personale D.A.P Costo medio giornaliero detenuto Anni (importi in euro) Costo di funzionamento Costo del mantenimento Costo di investimento 2001 ( detenuti) 99,98 5,24 17,92 8,76 131, ( detenuti) 95,92 4,74 18,36 7,69 126, ( detenuti) 102,55 4,37 18,10 7,59 132, ( detenuti) 102,15 4,08 18,98 6,46 131, ( detenuti) 100,84 3,39 18,34 2,37 124, ( detenuti) 123,41 4,21 21,19 6,03 154, ( detenuti) 157,38 6,00 26,83 8,23 198, ( detenuti) 121,40 4,76 18,04 7,85 152, ( detenuti) 99,68 3,49 10,86 7,22 121, ( detenuti) 95,34 4,74 7,36 5,60 113,04 23 Totali

24 Tagli alla spesa del D.A.P Le voci di spesa piùimportanti Voce di spesa Differenza Canoni acqua, luce, gas, telefoni Vitto detenuti Acqua, luce, gas, riscaldamento penitenziari Manutenzione e riparazione mobili, arredi Spese trasporto detenuti Acquisto beni, macchine e attrezzature Acquisto attrezzature, mobilio, dotaz. librarie Servizio delle industrie Servizio delle bonifiche agrarie Attività culturali, ricreative e sportive dei detenuti Organizzazione asili nido figli detenute Mercedi ai detenuti lavoranti Interventi trattamento tossicodipendenti Onorari professionisti esterni TOTALE

25 Tagli alla spesa del D.A.P Negli ultimi dieci anni BILANCIO D.A.P -22% NUMERO DETENUTI + 24 % 25

26 Il lavoro Trattamentale Altra emergenza 26

27 GLI EDUCATORI Sono le figure professionali con funzione trattamentale e di recupero dei detenuti (colloqui-i rapporti tra detenuti e l esterno e la famiglia il volontariato. Redigono relazioni al giudice di sorveglianza per l accesso ai benefici del detenuto (permessi premio, ex art 81. accesso al lavoro esterno,semi libertà) 181 unità previste 147 unità assegnate 84 in servizio nelle strutture 63 impegnati in altri servizi RAPPORTO EDUCATORI/DETENUTI 1 a 76 Dovrebbe essere 1 a 25 27

28 GLI EDUCATORI NEGLI ISTITUTI STRUTTURA PREVISTI PRESENTI CASSINO 4 3 CIVITAVECCHIA 14 9 FROSINONE 9 7 LATINA 4 5 PALIANO 3 1 RIETI 2 3 REGINA COELI REBIBBIA III CASA 4 4 REBIBBIA FEMMINILE 6 5 REBIBBIA NUOVO COMPLESSO REBIBBIA RECLUSIONE 11 9 VELLETRI 6 5 VITERBO 11 5 TOTALE

29 GLI EDUCATORI Rebibbia : Viterbo: 1 educatore ogni 105 detenuti 1 educatore ogni 143 detenuti Le emergenze 29

30 Gli assistenti sociali -uffici esecuzione penale esterna Il ruolo degli assistenti sociali negli uffici UEPE Svolgono attività di vigilanza e/o assistenza nei confronti dei soggetti ammessi alle misure alternative alla detenzione nonché compiti di sostegno e di assistenza nei confronti dei sottoposti alla libertà vigilata. Ora con la L 199 /2010 ulteriori compiti sono stati attribuiti agli operatori: L accertamento della idoneità del domicilio con l utilizzo di una scheda e l assenso dei familiari ad accogliere il detenuto. Tale competenza non necessità di competenze tecnicoprofessionali specifiche, ne aumenta il carico di lavoro già al limite della sopportabilità Questa competenza comporta continui spostamenti sul territorio a fronte di mancanza di risorse (auto, benzina ) 30

31 Gli assistenti sociali - uffici esecuzione penale esterna PERSONALE UEPE NEL LAZIO 117 n unità previsto dalle piante organiche (DPCM del 2000) 66 n unitàin servizio CARENZA 51 UNITA 31

32 Gli assistenti sociali -uffici esecuzione penale esterna Sedi centrali (Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria Lazio e Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) Unità Effettive: 11 Unità previste: 24 Sede Uepe Roma Presenti 44 Effettivi 41 Uepe Latina Presenti 13 Effettivi 0 Distaccati 4 Uepe Frosinone Presenti 13 Effettivi 8 Uepe Viterbo Presenti 13 Effettivi 9 Uepe Rieti non ancora aperta 4 previsti Prap Previsti 3 Effettivi 0 Distaccati 3 32

33 PSICOLOGI Il Ministero su questo settore mantiene la responsabilità dell'osservazione e trattamento psicologico dei detenuti dato che non ha voluto trasferire questa competenza al Servizio Sanitario anche se il Dpr 230/99 sottolinea l obbligatorietà di garantire pari opportunità di cura ai soggetti reclusi e liberi, citando anche il benessere psicologico come parte integrante del concetto di salute e benessere. Queste funzioni il Ministero le esercita avvalendosi soprattutto degli esperti psicologi ex art. 80 (Legge 354/75 sull Ordinamento Penitenziario), consulenti pagati a parcella dal Ministero di Giustizia. 33

34 PSICOLOGI Il Ministero ha ridotto pesantemente le ore di servizio degli psicologi: - 57%nel %nel %nel 2011 La loro esclusione dalla riorganizzazione della sanitàpenitenziaria rende ancora piùproblematica non solo la valutazione psicologica dei detenuti ma rende di fatto impossibile prevenire e gestire le condotte autolesionistiche e suicidarie, potendo dedicare ad ogni detenuto in media solo da 0,8 minuti a 2,2 ore l anno. Anche qui sono le ragioni dei morti suicidi nelle carceri italiane e degli atti di autolesionismo nelle carceri del Lazio 34

35 La salute in carcere 24.5 % dei detenuti è tossicodipendente 40% dei reclusi hanno l epatite Nelle carceri di tutto il mondo è segnalata un alta prevalenza di infezioni virali croniche, e in particolare di epatite cronica C, correlabile alle particolari tipologie socio-comportamentali più rappresentate tra i detenuti: tossicodipendenti per via endovenosa, senza fissa dimora, soggetti con dipendenza alcolica, malati psichiatrici. il 38%dei detenuti ha infezione da HCV, mentre il 6,7% presenta infezione manifesta da HBV (HBsAg+) il 52,6%infezione occulta da HBV ( anti-hbc+ con HBsAg-), mentre la sieropositività per HIV è del 7,5%. 35

36 Morire di Carcere In Italia Anni Suicidi Totale morti Totale Atti violenti in carcere nel Lazio ISTITUTO Morti incarcere tentati suicidi atti autolesione Aggressione pol pen CASSINO 1 14 CIVITAVECCHIA 1 LATINA RIETI VELLETRI PALIANO FROSINONE VITERBO CIVITAVECCHIA REB.casa Reb. C.C REB. Fem REBIBBIA n.c REGINA TOTALE

37 Sanita penitenziaria La difficile situazione sanitaria nelle carceri italiane èuno degli effetti del sovraffollamento, della carenza di risorse tecniche ed economiche e della mancata attuazione delle legge che rende impossibile prendersi cura realmente e bene della salute edella fragilità psichica dei detenuti. Il DPCM 01/04/2008, di recepimento del D.Lgs 230/99, stabilisce infatti che il detenuto e l internato siano equiparati ai cittadini liberi in materia di prevenzione,diagnosi e cura e, di conseguenza, inserisce il detenuto nella rete dei servizi territoriali dell aziende sanitarie. Pessime condizioni di vita e di igiene dei detenuti Incertezza sulle risorse (in particolare nel Lazio a causa del piano di Rientro della Regione sulla Sanità) Difficoltàlegate alla gestione delle Asl Strutture inadeguate Rischio occupazionale e perdita di professionalitàcon il passaggio di competenze A complicare la situazione 37

38 Proposte per un sistema penitenziario umano che rispetti il lavoro e la dignità delle persone Provvedere alla chiusura degli Opg ed eliminare le misure di internamento psichiatrico. Adeguare la dotazione organica della Polizia Penitenziaria assumendo almeno unità. Riportare i finanziamenti al Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria almeno ai livelli del 2001 anche per consentire il pagamento dei servizi di missione e delle numerose ore di lavoro straordinario espletate e non corrisposte al personale. Mettere in atto il piano carceri del Governo sul fronte edilizioinserendo in finanziaria lo stanziamento di 1,5 miliardi di euro. Dare attuazione alla L.199/2010 LEGGE SVUOTA CARCERI 38

39 Proposte per un sistema penitenziario umano che rispetti il lavoro e la dignità delle persone Modificare la normativa sulla custodia cautelare, per ridurre il tasso di carcerazione di 15 unitàper abitanti. Correggendo la meccanicitàdella custodia cautelare si ridurrebbe la presenza nelle carceri di 9/ detenuti, arrivando a una percentuale di imputati detenuti inferiore al 30%. Modificare le misure previste dalla Ex-Cirielli e dai pacchetti sicurezza che hanno eliminato la sospensione dell esecuzione delle pene fino alla valutazione della magistratura di sorveglianza, circa l applicabilità di una misura non detentiva. Modificare la legge Fini-Giovanardi in materia di sostanze stupefacenti, rimuovendo gli inasprimenti di pena per detenzione e spaccio di lieve entità, l'assoluta prevalenza delle circostanze aggravanti e le preclusioni all accesso a tali misure per i recidivi. Avviare almeno la metàdei tossicodipendenti detenuti (7/8.000 persone) al trattamento in comunitàvarrebbe una riduzione del tasso di carcerazione complessivo di quasi 12/13 punti. Modificare la legge Bossi-Fini in materia di immigrazione eliminando la circostanza aggravante per la condizione di Clandestinità, la sproporzione delle pene per insufficienza degli strumenti di difesa, la difficoltàestrema di accesso alle misure alternative o sostitutive, il carcere per la sola violazione dell obbligo di ottemperare a un precedente ordine di espulsione (un decimo delle incarcerazioni annue). 39

40 Legge svuota carceri Dall approvazione della legge in tutta Italia solo poco piùdi millei detenuti su circa (poco piùdell 1%) hanno beneficiato della possibilità, di scontare agli arresti domiciliari l ultimo anno di pena. Il rimedio varato alla fine del 2010 per affrontare lo straordinario sovraffollamento dei penitenziari non ha prodotto i risultati auspicati le fuoriuscite previste dal Governo. Il motivo del FLOP!!! non si è tenuto in debito conto che gran parte dei detenuti è composta da stranieri che non hanno un luogo dove scontare la detenzione domiciliare e da tossicodipendenti per i quali non ci sono strutture adeguate per accoglierli. Meno di cento i detenuti che hanno goduto dei benefici previsti dalla legge nel Lazio.. 40

41 Le proposte per migliorare il lavoro nelle carceri Concertazione vera da parte dell amministrazione con i sindacati per mettere in atto un piano di ottimizzazione delle risorse umane, prevedendo l'impiego prioritario di queste ultime nei servizi di istituto. Impegno dell amministrazione per aumentare i trasferimenti per il funzionamento delle strutture e il ripristino dei livelli occupazionali previsti dalle piante organiche per gli educatori gli assistenti sociali e il personale della polizia penitenziaria Un Piano di formazione straordinario per il personale che preveda formazione specifica per categoria e funzione che implementi il lavoro di equipe. Sostegno psicologico per il personale. Un confronto con gli enti locali per costruire nuove misure per il reinserimento sociale dei detenuti, progetti professionalmente strutturati che prevedano attivitàdi giustizia riparativa, programmi di inserimento lavorativo, di istruzione e formazione, attività sociali, alle quali concorrano l Amministrazione penitenziaria e gli attori sociali del settore. Un confronto con la Regione per superare l emergenza sanitaria negli istituti 41

42 Il dossier completo su 42

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Camera Penale di Napoli. Il carcere possibile. o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti

Camera Penale di Napoli. Il carcere possibile. o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti Camera Penale di Napoli Il carcere possibile o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti IL CARCERE POSSIBILE ONLUS sede legale Napoli, Centro Direzionale, Palazzo di Giustizia, Camera Penale

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Carta. dei Detenuti e degli Internati

Carta. dei Detenuti e degli Internati MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Carta dei Diri i e dei Doveri dei Detenuti e degli Internati Decreto del Ministro della Giustizia del 5 dicembre 2012 Con decreto

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

di entrare in CARCERE 1

di entrare in CARCERE 1 di entrare in CARCERE 1 INDICE Introduzione Un elemento preliminare Si entra in carcere Visita medica e colloquio psicologico In cella Il patrocinio a spese dello stato Il personale del carcere Trasferimenti

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Inchiesta del mese I Solo il carcere nel futuro delle nuove «classi pericolose»?

Inchiesta del mese I Solo il carcere nel futuro delle nuove «classi pericolose»? 32 Animazione Sociale novembre 2010 inchiesta Quest inchiesta tratta un aspetto preoccupante della nostra società: la progressiva carcerizzazione dei problemi sociali. Da qualche tempo il carcere sta diventando

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia)

Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia) Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia) Il recente volume Carcere: uno spazio per la persona (Roma, Las), a cura

Dettagli

Il profilo giuridico del trattamento psichiatrico in carcere. di Antonio Salvati

Il profilo giuridico del trattamento psichiatrico in carcere. di Antonio Salvati Il profilo giuridico del trattamento psichiatrico in carcere di Antonio Salvati Sommario: 1. Premessa. 2. La tutela della salute fisica e mentale dei detenuti. 3. L assistenza ai malati psichiatrici nelle

Dettagli

Dossier: il carcere raccontato dai volontari

Dossier: il carcere raccontato dai volontari Dossier: il carcere raccontato dai volontari Redattore Sociale, 24 ottobre 2009 Indice Sconforto, solidarietà, denuncia: questo è il carcere visto dai volontari Aumentano problemi di detenuti: nei volontari

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Regolamento recante norme sull'ordinamento penitenziario e sulle misure privative e limitative della libertà

Regolamento recante norme sull'ordinamento penitenziario e sulle misure privative e limitative della libertà DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 2000, n. 230 Regolamento recante norme sull'ordinamento penitenziario e sulle misure privative e limitative della libertà (Pubblicato sulla G.U. n. 195

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

CARCERI UIL : Sollicciano infestata dalle zecche dei piccioni

CARCERI UIL : Sollicciano infestata dalle zecche dei piccioni COMUNICATO STAMPA 7 ottobre 2011 CARCERI UIL : Sollicciano infestata dalle zecche dei piccioni Speriamo vivamente che le competenti autorità del Provveditorato e del Dipartimento, nonché le autorità sanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

2012-2013 INTRODUZIONE

2012-2013 INTRODUZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA A DIPARTIMENTOO DI GIURISPRUDENZAA TESII DI LAUREAA I DIRITTII DEI DETENUTI UN'ANALISI SOCIO-GIURIDICA ALLA LUCE DI UNA RICERCA EMPIRICAA NELLA CASA DI RECLUSIONE DI SAN

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

LO PSICOLOGO NEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLA DELINQUENZA MINORILE. ITALIA E FRANCIA A CONFRONTO

LO PSICOLOGO NEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLA DELINQUENZA MINORILE. ITALIA E FRANCIA A CONFRONTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA INDIRIZZO DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE LO PSICOLOGO NEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLA DELINQUENZA MINORILE. ITALIA E FRANCIA A CONFRONTO

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Tesi di laurea in Diritto Penitenziario Differenziazione trattamentale per ragioni di sicurezza

Tesi di laurea in Diritto Penitenziario Differenziazione trattamentale per ragioni di sicurezza Tesi di laurea in Diritto Penitenziario Differenziazione trattamentale per ragioni di sicurezza di Marco Cantori "che qualsivoglia persona (...) che per due testimonj consterà esser tenuto, e comunemente

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14

Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14 LA DIALETTICA DIBATTIMENTALE: CONFRONTO A PIU VOCI Villa di Castel Pulci, Scandicci 9-11 giugno 2014 Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14 a cura di Valeria Bove Giudice del

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE PREMESSA... 23

Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE PREMESSA... 23 Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE a cura di Enzo Trevisiol PREMESSA... 23 1. CENNI STORICI SULLE NORME DISCIPLINARI 1.1 Il regolamento

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli