Il Lavoro nelle Carceri del Lazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Lavoro nelle Carceri del Lazio"

Transcript

1 Il grado di civilizzazione di una società si misura dalle sue prigioni. F.M.Dostoevskij Il Lavoro nelle Carceri del Lazio Le proposte della FP CGIL di Roma e Lazio per uscire dall emergenza Roma, Palestra Caserma Polizia Penitenziaria N.C Rebibbia 1

2 Costituzione della Repubblica Italiana Articolo 27 L'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Non èammessa la pena di morte. Articolo 13 E` punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà 2

3 CARCERI: UN EMERGENZA NAZIONALE POPOLAZIONE CARCERARIA IN ITALIA AL15/02/2011 = CAPIENZA REGOLAMENTARE = QUASI I DETENUTI IN ATTESA DI GIUDIZIO 3

4 L Italia dei record in Europa 1 per sovraffollamento delle carceri 2 per n detenuti imputati 1 tra i grandi Stati per % di detenuti stranieri Negli ultimi dieci anni nell Ue il numero dei detenuti è aumentato di oltre unità. L Italia ha contribuito con il 25% 4

5 L Italia dei record in Europa 5

6 I dati dell Emergenza in Italia 6

7 Il PIANETA CARCERI NEL LAZIO I DETENUTI NUMERO ISTITUTI = 14 CAPIENZA REGOLARE: 4461 DETENUTI PRESENTI: 6398 Dati al SOVRAFFOLLAMENTO +137% I LAVORATORI PERSONALE POL.PEN PREVISTO: 4136 DI CUI IN SERVIZIONEGLI ISTITUTI: 3531 ASSISTENTI SOCIALI PREVISTI: 117 ASSISTENTI SOCIALI IN SERVIZIO: 66 EDUCATORI PREVISTI: 181 EDUCATORI IN SERVIZIO: 84 CARENZA PERSONALE -20%in organico - 35% presenze dentro gli istituti 7

8 Il perché di un emergenza umanitaria In 6 anni, in presenza anche di un indulto, il numero di ristretti nelle carceri del Lazio èpassato da3753a % e Le risorse per il sistema penitenziario? Il numero di operatori? 8

9 Evoluzione presenza detenuti nelle carceri del Lazio Istituto Presenze 31/12/ /01/2011 Variazione CASSINO C.C ,08% CIVITAVECCHIA ,50% Frosinone ,88% LATINA C.C ,48% PALIANO C.R ,55% Rieti ,43% REBIBBIA C.C. N.C ,50% REBIBBIA C.R ,00% REBIBBIA C.C. SEZ. FEMM ,85% REBIBBIA III C.C ,92% REGINA COELI C.C ,08% VELLETRI C.C ,18% VITERBO C.C. N.C ,66% Totale ,48% 9

10 I dati dell Emergenza nel Lazio ISTITUTO Capienza Regolamentare Presenze Effettive Sovraffollamento DATI AL 15/2/2011 Uomini Donne Totale Uomini Donne Totale CASSINO ,22% CIVITAVECCHIA ,71% FROSINONE ,23% LATINA ,86% PALIANO ,67% RIETI ,65% REBIBBIA N.C ,10% REBIBBIA RECLUSIONE ,89% REBIBBIA FEMMINILE ,50% REBIBBIA III CASA ,00% REGINA COELI ,25% VELLETRI ,48% VITERBO ,36% TOTALE REGIONE ,27% 10

11 I 6398 detenuti del Lazio 11

12 Il lavoronelle carceri del Lazio 12

13 I DATI UFFICIALI 13

14 Il personale della Polizia Penitenziaria Organico Previsto: 4136 Organico Assegnato: 4909 Organico Presente negli istituti: 3531 Assenze per malattie lunghe: 156 Ricapitolando Nelle carceri del Lazio mancano: 605 unitàrispetto alla pianta organica In realtàall interno delle carceri mancano però circa1300 unità 14

15 Il personale negli istituti ISTITUTO regolament effettive Sovraffollamento Previsti Effettivi DATI AL 15/2/2010 Popolazione Carceraria Poliziotti Penitenziaria Carenza CASSINO ,22% ,48% CIVITAVECCHIA ,71% ,73% FROSINONE ,23% ,90% LATINA ,86% ,99% PALIANO ,67% ,67% RIETI ,65% ,06% REBIBBIA N.C ,10% ,54% REBIBBIA RECLUSIONE ,89% ,57% REBIBBIA FEMMINILE ,50% ,84% REBIBBIA III CASA ,00% ,66% REGINA COELI ,25% ,49% VELLETRI ,48% ,18% VITERBO ,36% ,93% TOTALE REGIONE ,27% ,26% 15

16 Il personale negli istituti Rebibbia, Latina eregina Coeli gli istituti maggiormente in difficoltàa causa dell aumento Del n dei ristretti e la carenza di personale Viterboe Civitavecchiagli istituti con la maggior carenza di personale Scandalosa la situazione di Rietidove a causa della mancanza di personale l istituto è sottoutilizzato 16

17 I conti non tornano Che mansioni svolgono gli oltre 1300 poliziotti penitenziari assegnati al Lazio ma che non svolgono servizio all interno delle carceri? A questi 1300vanno aggiunti quasi 800 unità (saldo tra i distacchi in entrata nella regione1016 distacchi in uscita dalla regione 224) Quindi piùdi 2000 unitàdi personale della polizia penitenziaria nel Lazio svolgono servizio fuori dalle carceri che invece stanno esplodendo!!! 17

18 I DATI REALI Due casi eclatanti 18

19 ISTITUTO DI REBIBBIA N.C. PERSONALE PREVISTO : 1075 PERSONALE AMMINISTRATO : 969 DISTACCHI USCITA : 224 DISTACCHI IN ENTRATA: 55 PERSONALE REALMENTE IN SERVIZIO NELL ISTITUTO: 800 UNITA 19

20 ISTITUTO DI REBIBBIA N.C. AL NUOVO COMPLESSO DI REBIBBIA PRESTANO SERVIZIO REALMENTE NEI REPARTI POCO PIU DI 400 UNITA RISULTATO GRAZIE AL SOVRAFFOLLAMENTO DI NOTTE NEI REPARTI SPESSO UN SOLO AGENTE SI TROVA A GESTIRE ALMENO 200 RISTRETTI INVECE DEL NUMERO MINIMO DI 3. 20

21 Regina Coeli Personale Assegnato al C.C. Regina Coeli Roma Totale personale assegnato 600 Totale personale previsto 623 Unità distaccate fuori istituto 144 Unità distaccate in entrata 43 Totale complessivo della forza reale operante in istituto 498 Di cui unità operanti presso il nucleo traduzioni e piantonamenti 89 Ricapitolando Personale Previsto 623 Personale Realmente in servizio 409 Presenze regolamentari 724 Presenze effettive 1124 Carenza Personale -214 unità Sovraffollamento +400 detenuti 21

22 Tagli alla spesa del D.A.P Negli ultimi 10 anni il bilancio del dap èstato diminuito del 22% in termini nominali e del 50%in valori reali. Ulteriori tagli sono previsti per arrivare ad un terzo del budget del

23 Numero detenuti per anno Tagli alla spesa del Costo per il personale D.A.P Costo medio giornaliero detenuto Anni (importi in euro) Costo di funzionamento Costo del mantenimento Costo di investimento 2001 ( detenuti) 99,98 5,24 17,92 8,76 131, ( detenuti) 95,92 4,74 18,36 7,69 126, ( detenuti) 102,55 4,37 18,10 7,59 132, ( detenuti) 102,15 4,08 18,98 6,46 131, ( detenuti) 100,84 3,39 18,34 2,37 124, ( detenuti) 123,41 4,21 21,19 6,03 154, ( detenuti) 157,38 6,00 26,83 8,23 198, ( detenuti) 121,40 4,76 18,04 7,85 152, ( detenuti) 99,68 3,49 10,86 7,22 121, ( detenuti) 95,34 4,74 7,36 5,60 113,04 23 Totali

24 Tagli alla spesa del D.A.P Le voci di spesa piùimportanti Voce di spesa Differenza Canoni acqua, luce, gas, telefoni Vitto detenuti Acqua, luce, gas, riscaldamento penitenziari Manutenzione e riparazione mobili, arredi Spese trasporto detenuti Acquisto beni, macchine e attrezzature Acquisto attrezzature, mobilio, dotaz. librarie Servizio delle industrie Servizio delle bonifiche agrarie Attività culturali, ricreative e sportive dei detenuti Organizzazione asili nido figli detenute Mercedi ai detenuti lavoranti Interventi trattamento tossicodipendenti Onorari professionisti esterni TOTALE

25 Tagli alla spesa del D.A.P Negli ultimi dieci anni BILANCIO D.A.P -22% NUMERO DETENUTI + 24 % 25

26 Il lavoro Trattamentale Altra emergenza 26

27 GLI EDUCATORI Sono le figure professionali con funzione trattamentale e di recupero dei detenuti (colloqui-i rapporti tra detenuti e l esterno e la famiglia il volontariato. Redigono relazioni al giudice di sorveglianza per l accesso ai benefici del detenuto (permessi premio, ex art 81. accesso al lavoro esterno,semi libertà) 181 unità previste 147 unità assegnate 84 in servizio nelle strutture 63 impegnati in altri servizi RAPPORTO EDUCATORI/DETENUTI 1 a 76 Dovrebbe essere 1 a 25 27

28 GLI EDUCATORI NEGLI ISTITUTI STRUTTURA PREVISTI PRESENTI CASSINO 4 3 CIVITAVECCHIA 14 9 FROSINONE 9 7 LATINA 4 5 PALIANO 3 1 RIETI 2 3 REGINA COELI REBIBBIA III CASA 4 4 REBIBBIA FEMMINILE 6 5 REBIBBIA NUOVO COMPLESSO REBIBBIA RECLUSIONE 11 9 VELLETRI 6 5 VITERBO 11 5 TOTALE

29 GLI EDUCATORI Rebibbia : Viterbo: 1 educatore ogni 105 detenuti 1 educatore ogni 143 detenuti Le emergenze 29

30 Gli assistenti sociali -uffici esecuzione penale esterna Il ruolo degli assistenti sociali negli uffici UEPE Svolgono attività di vigilanza e/o assistenza nei confronti dei soggetti ammessi alle misure alternative alla detenzione nonché compiti di sostegno e di assistenza nei confronti dei sottoposti alla libertà vigilata. Ora con la L 199 /2010 ulteriori compiti sono stati attribuiti agli operatori: L accertamento della idoneità del domicilio con l utilizzo di una scheda e l assenso dei familiari ad accogliere il detenuto. Tale competenza non necessità di competenze tecnicoprofessionali specifiche, ne aumenta il carico di lavoro già al limite della sopportabilità Questa competenza comporta continui spostamenti sul territorio a fronte di mancanza di risorse (auto, benzina ) 30

31 Gli assistenti sociali - uffici esecuzione penale esterna PERSONALE UEPE NEL LAZIO 117 n unità previsto dalle piante organiche (DPCM del 2000) 66 n unitàin servizio CARENZA 51 UNITA 31

32 Gli assistenti sociali -uffici esecuzione penale esterna Sedi centrali (Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria Lazio e Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) Unità Effettive: 11 Unità previste: 24 Sede Uepe Roma Presenti 44 Effettivi 41 Uepe Latina Presenti 13 Effettivi 0 Distaccati 4 Uepe Frosinone Presenti 13 Effettivi 8 Uepe Viterbo Presenti 13 Effettivi 9 Uepe Rieti non ancora aperta 4 previsti Prap Previsti 3 Effettivi 0 Distaccati 3 32

33 PSICOLOGI Il Ministero su questo settore mantiene la responsabilità dell'osservazione e trattamento psicologico dei detenuti dato che non ha voluto trasferire questa competenza al Servizio Sanitario anche se il Dpr 230/99 sottolinea l obbligatorietà di garantire pari opportunità di cura ai soggetti reclusi e liberi, citando anche il benessere psicologico come parte integrante del concetto di salute e benessere. Queste funzioni il Ministero le esercita avvalendosi soprattutto degli esperti psicologi ex art. 80 (Legge 354/75 sull Ordinamento Penitenziario), consulenti pagati a parcella dal Ministero di Giustizia. 33

34 PSICOLOGI Il Ministero ha ridotto pesantemente le ore di servizio degli psicologi: - 57%nel %nel %nel 2011 La loro esclusione dalla riorganizzazione della sanitàpenitenziaria rende ancora piùproblematica non solo la valutazione psicologica dei detenuti ma rende di fatto impossibile prevenire e gestire le condotte autolesionistiche e suicidarie, potendo dedicare ad ogni detenuto in media solo da 0,8 minuti a 2,2 ore l anno. Anche qui sono le ragioni dei morti suicidi nelle carceri italiane e degli atti di autolesionismo nelle carceri del Lazio 34

35 La salute in carcere 24.5 % dei detenuti è tossicodipendente 40% dei reclusi hanno l epatite Nelle carceri di tutto il mondo è segnalata un alta prevalenza di infezioni virali croniche, e in particolare di epatite cronica C, correlabile alle particolari tipologie socio-comportamentali più rappresentate tra i detenuti: tossicodipendenti per via endovenosa, senza fissa dimora, soggetti con dipendenza alcolica, malati psichiatrici. il 38%dei detenuti ha infezione da HCV, mentre il 6,7% presenta infezione manifesta da HBV (HBsAg+) il 52,6%infezione occulta da HBV ( anti-hbc+ con HBsAg-), mentre la sieropositività per HIV è del 7,5%. 35

36 Morire di Carcere In Italia Anni Suicidi Totale morti Totale Atti violenti in carcere nel Lazio ISTITUTO Morti incarcere tentati suicidi atti autolesione Aggressione pol pen CASSINO 1 14 CIVITAVECCHIA 1 LATINA RIETI VELLETRI PALIANO FROSINONE VITERBO CIVITAVECCHIA REB.casa Reb. C.C REB. Fem REBIBBIA n.c REGINA TOTALE

37 Sanita penitenziaria La difficile situazione sanitaria nelle carceri italiane èuno degli effetti del sovraffollamento, della carenza di risorse tecniche ed economiche e della mancata attuazione delle legge che rende impossibile prendersi cura realmente e bene della salute edella fragilità psichica dei detenuti. Il DPCM 01/04/2008, di recepimento del D.Lgs 230/99, stabilisce infatti che il detenuto e l internato siano equiparati ai cittadini liberi in materia di prevenzione,diagnosi e cura e, di conseguenza, inserisce il detenuto nella rete dei servizi territoriali dell aziende sanitarie. Pessime condizioni di vita e di igiene dei detenuti Incertezza sulle risorse (in particolare nel Lazio a causa del piano di Rientro della Regione sulla Sanità) Difficoltàlegate alla gestione delle Asl Strutture inadeguate Rischio occupazionale e perdita di professionalitàcon il passaggio di competenze A complicare la situazione 37

38 Proposte per un sistema penitenziario umano che rispetti il lavoro e la dignità delle persone Provvedere alla chiusura degli Opg ed eliminare le misure di internamento psichiatrico. Adeguare la dotazione organica della Polizia Penitenziaria assumendo almeno unità. Riportare i finanziamenti al Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria almeno ai livelli del 2001 anche per consentire il pagamento dei servizi di missione e delle numerose ore di lavoro straordinario espletate e non corrisposte al personale. Mettere in atto il piano carceri del Governo sul fronte edilizioinserendo in finanziaria lo stanziamento di 1,5 miliardi di euro. Dare attuazione alla L.199/2010 LEGGE SVUOTA CARCERI 38

39 Proposte per un sistema penitenziario umano che rispetti il lavoro e la dignità delle persone Modificare la normativa sulla custodia cautelare, per ridurre il tasso di carcerazione di 15 unitàper abitanti. Correggendo la meccanicitàdella custodia cautelare si ridurrebbe la presenza nelle carceri di 9/ detenuti, arrivando a una percentuale di imputati detenuti inferiore al 30%. Modificare le misure previste dalla Ex-Cirielli e dai pacchetti sicurezza che hanno eliminato la sospensione dell esecuzione delle pene fino alla valutazione della magistratura di sorveglianza, circa l applicabilità di una misura non detentiva. Modificare la legge Fini-Giovanardi in materia di sostanze stupefacenti, rimuovendo gli inasprimenti di pena per detenzione e spaccio di lieve entità, l'assoluta prevalenza delle circostanze aggravanti e le preclusioni all accesso a tali misure per i recidivi. Avviare almeno la metàdei tossicodipendenti detenuti (7/8.000 persone) al trattamento in comunitàvarrebbe una riduzione del tasso di carcerazione complessivo di quasi 12/13 punti. Modificare la legge Bossi-Fini in materia di immigrazione eliminando la circostanza aggravante per la condizione di Clandestinità, la sproporzione delle pene per insufficienza degli strumenti di difesa, la difficoltàestrema di accesso alle misure alternative o sostitutive, il carcere per la sola violazione dell obbligo di ottemperare a un precedente ordine di espulsione (un decimo delle incarcerazioni annue). 39

40 Legge svuota carceri Dall approvazione della legge in tutta Italia solo poco piùdi millei detenuti su circa (poco piùdell 1%) hanno beneficiato della possibilità, di scontare agli arresti domiciliari l ultimo anno di pena. Il rimedio varato alla fine del 2010 per affrontare lo straordinario sovraffollamento dei penitenziari non ha prodotto i risultati auspicati le fuoriuscite previste dal Governo. Il motivo del FLOP!!! non si è tenuto in debito conto che gran parte dei detenuti è composta da stranieri che non hanno un luogo dove scontare la detenzione domiciliare e da tossicodipendenti per i quali non ci sono strutture adeguate per accoglierli. Meno di cento i detenuti che hanno goduto dei benefici previsti dalla legge nel Lazio.. 40

41 Le proposte per migliorare il lavoro nelle carceri Concertazione vera da parte dell amministrazione con i sindacati per mettere in atto un piano di ottimizzazione delle risorse umane, prevedendo l'impiego prioritario di queste ultime nei servizi di istituto. Impegno dell amministrazione per aumentare i trasferimenti per il funzionamento delle strutture e il ripristino dei livelli occupazionali previsti dalle piante organiche per gli educatori gli assistenti sociali e il personale della polizia penitenziaria Un Piano di formazione straordinario per il personale che preveda formazione specifica per categoria e funzione che implementi il lavoro di equipe. Sostegno psicologico per il personale. Un confronto con gli enti locali per costruire nuove misure per il reinserimento sociale dei detenuti, progetti professionalmente strutturati che prevedano attivitàdi giustizia riparativa, programmi di inserimento lavorativo, di istruzione e formazione, attività sociali, alle quali concorrano l Amministrazione penitenziaria e gli attori sociali del settore. Un confronto con la Regione per superare l emergenza sanitaria negli istituti 41

42 Il dossier completo su 42

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Popolazione detenuta 1990 29133 1991 35469 1992 47316 1993 50348 1994 51165 1995 46908 1996 47709 1997 48495 1998 47811 1999 51814 2000 53165

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

LO PSICOLOGO EX ART.80 UNA SPECIE IN VIA DI ESTINZIONE?

LO PSICOLOGO EX ART.80 UNA SPECIE IN VIA DI ESTINZIONE? LO PSICOLOGO EX ART.80 UNA SPECIE IN VIA DI ESTINZIONE? Le Aquile Reali sono 3.000 in tutta Europa Gli Psicologi ex art. 80 sono 48 nel Lazio LEGGE 56/89: ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI PSICOLOGO Art.

Dettagli

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 I dati nazionali Al 31 maggio 2014, nelle carceri italiane erano presenti 58.861 detenuti, 2.543

Dettagli

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria COORDINAMENTO NAZIONALE GIUSTIZIA Prot. n. 7_558_GIUSTIZIA Roma, 20 luglio 2007 Al A tutte le Al Alla Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione

Dettagli

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI UEPE. Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE

CARTA DEI SERVIZI UEPE. Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE PROGETTO RIPROVA UEPE CARTA DEI SERVIZI UEPE Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE Ministero Della Giustizia Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale Marche 1 CChhee cc oo

Dettagli

Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale (L.R. 31/2003) RELAZIONE ATTIVITÀ

Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale (L.R. 31/2003) RELAZIONE ATTIVITÀ Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale (L.R. 31/2003) RELAZIONE ATTIVITÀ ANNO 2012 Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale (L.R.

Dettagli

NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO

NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO RELAZIONE Le norme di questa proposta di legge sono il frutto del lavoro condiviso di molte organizzazioni. L intenzione è quella di contrastare in modo

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

Ricostituzione della Commissione mista per lo studio dei problemi della Magistratura di Sorveglianza.. (Delibera del 26 luglio 2010)

Ricostituzione della Commissione mista per lo studio dei problemi della Magistratura di Sorveglianza.. (Delibera del 26 luglio 2010) Ricostituzione della Commissione mista per lo studio dei problemi della Magistratura di Sorveglianza.. (Delibera del 26 luglio 2010) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 26 luglio

Dettagli

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari Arriva dalla Corte costituzionale il primo via libera al processo di superamento degli Opg Ordinanza

Dettagli

Comunità di Sant Egidio. La crisi entra in carcere

Comunità di Sant Egidio. La crisi entra in carcere Comunità di Sant Egidio La crisi entra in carcere La situazione delle carceri Italiane è oggi particolarmente difficile a causa della crescita del numero dei detenuti, che ha generato un sovraffollamento

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SULL ORGANIZZAZIONE DELLA SANITA PENITENZIARIA Premessa Il Decreto del Presidente del

Dettagli

Psicologia e Giustizia Anno 13, numero 2 Giugno-Dicembre 2012

Psicologia e Giustizia Anno 13, numero 2 Giugno-Dicembre 2012 Il Servizio Nuovi Giunti : un quarto di secolo di circolari, normative e attività dello Psicologo Ciro Garuti 1 Abstract Nel presente lavoro ci si soffermerà ad analizzare gli elementi normativi - previsti

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA Ass. Sociale Dottoressa Maria Biondo Ass. Sociale Dottoressa Laura Borsani Istituzione, competenze e funzioni degli U.E.P.E. Gli Uffici

Dettagli

IL MODELLO DEL GARANTE DEI DETENUTI DEL LAZIO

IL MODELLO DEL GARANTE DEI DETENUTI DEL LAZIO IL MODELLO DEL GARANTE DEI DETENUTI DEL LAZIO 2014 UN ANNO DI ATTIVITA Sommario 3 L INTERVENTO di Angiolo Marroni 6 CARCERI: MODELLO LAZIO 9 L AMBITO DI RIFERIMENTO 13 LA TUTELA DELLA SALUTE 16 LAVORO

Dettagli

in nome della Segreteria Provinciale e Locale del Sindacato Autonomo di Polizia

in nome della Segreteria Provinciale e Locale del Sindacato Autonomo di Polizia Segreteria Provinciale Parma Via Burla 5, 43122 mail: sappe.parma@tiscali.it Tel. 335/6570371 Fax 1786009319 All Ecc.mo Signor Presidente della Commissione Giustizia del Senato della Repubblica Oggetto:

Dettagli

Le città e l istituzione penitenziaria

Le città e l istituzione penitenziaria SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONVEGNO NAZIONALE 2 Aprile 2012 - Firenze Sala Brunelleschi - Palagio di parte Guelfa - Piazzetta di parte Guelfa Le città e l istituzione penitenziaria

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA 1 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA AL PRESIDENTE CORTE D APPELLO CATANIA Oggetto: Relazione

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia NUCLEO TRADUZIONI PROVINCIALE DI FROSINONE Pagina 1 di 22 P A R T E P R I M A Capo I ISTITUZIONE NUCLEO TRADUZIONI PROVINCIALE 1. LIMITI DI COMPETENZA MATERIALE E TERRITORIALE AREA PROVINCIALE Nell area

Dettagli

Ufficio di Sorveglianza di Verona

Ufficio di Sorveglianza di Verona Ufficio di Sorveglianza di Verona Via dello Zappatore, 1 - Tel. 045/8084011 - Fax 8007140/595261 Prot. Verona, Al Sig. Presidente del Tribunale di sorveglianza di Venezia Oggetto : Discorso inaugurale

Dettagli

L'Attività 2007. Relazione sull attività del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale

L'Attività 2007. Relazione sull attività del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale L'Attività 2007 Relazione sull attività del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale Nell ambito delle finalità della Legge Regionale n. 31 del 6 ottobre 2003, l attività

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA UISP NAZIONALE

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA UISP NAZIONALE COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA UISP NAZIONALE Sport nelle carceri: favorire il reinserimento e difendere la salute Presentato oggi il protocollo d intesa regionale tra Prap e Uisp Partendo da una storia

Dettagli

DOSSIER EMERGENZA CARCERI

DOSSIER EMERGENZA CARCERI DOSSIER EMERGENZA CARCERI Se di carcere si muore La sanità in carcere è uno degli aspetti del sistema penitenziario in cui lo sfacelo è più evidente. Un piccolo malanno è l inizio di un calvario che può

Dettagli

MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA

MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA Coordinamento Regionale Triveneto Prot.n. 0108 /2012 Reg.vi Pres. Tamburino

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Digitalizzazione degli archivi del tribunale di sorveglianza di Roma e del Lazio

Digitalizzazione degli archivi del tribunale di sorveglianza di Roma e del Lazio Progetto 2010/32 Digitalizzazione degli archivi del tribunale di sorveglianza di Roma e del Lazio Direzione C.C. N.C. Rebibbia in convenzione con la Cooperativa Sociale PANTACOOP e in collaborazione con

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI AGGIORNAMENTO MARZO 2011. Via Bernardino Ramazzini, 31 00151 Roma

GUIDA AI SERVIZI AGGIORNAMENTO MARZO 2011. Via Bernardino Ramazzini, 31 00151 Roma GUIDA AI SERVIZI AGGIORNAMENTO MARZO 2011 Via Bernardino Ramazzini, 31 00151 Roma La Fondazione Villa Maraini onlus, naturale evoluzione della Comunità Terapeutica Villa Maraini fondata nel 1976 da Massimo

Dettagli

Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti in esecuzione penale

Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti in esecuzione penale Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE CASA CIRCONDARIALE BARI Area Trattamentale Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti

Dettagli

Carcere e droga: linee di indirizzo per l incremento della fruizione dei percorsi alternativi al carcere per persone tossicodipendenti e

Carcere e droga: linee di indirizzo per l incremento della fruizione dei percorsi alternativi al carcere per persone tossicodipendenti e Carcere e droga: linee di indirizzo per l incremento della fruizione dei percorsi alternativi al carcere per persone tossicodipendenti e alcoldipendenti sottoposte a provvedimenti dell Autorità Giudiziaria

Dettagli

LE PROPOSTE DELLA FP CGIL E CONDIVISE DAL SIPPE SUL SISTEMA PENITENZIARIO

LE PROPOSTE DELLA FP CGIL E CONDIVISE DAL SIPPE SUL SISTEMA PENITENZIARIO LE PROPOSTE DELLA FP CGIL E CONDIVISE DAL SIPPE SUL SISTEMA PENITENZIARIO Il nostro sistema penitenziario è in grado di sopportare un tasso di detenzione di 75 unità per 100.000 abitanti, e di 35 unità

Dettagli

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO Il protocollo operativo tra Ministero della Giustizia, e Tribunali di Sorveglianza

Dettagli

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma)

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Renato Frisanco (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Vorrei portare un contributo come ricercatore. Avendo coordinato alcune indagini sul volontariato di settore

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI La Casa Circondariale di Locri è stata edificata nel 1862, secondo il modello architettonico c.d. filadelfiano ovvero a bracci, per contrastare il banditismo particolarmente

Dettagli

Carcere, un condensato di problemi

Carcere, un condensato di problemi Carcere, un condensato di problemi Cosa fanno e con quali problemi si scontrano le organizzazioni che lavorano negli istituti di reclusione di Claudia Farallo La maternità A Roma, nella Casa di Reclusione

Dettagli

CRO 21/07/2009 17.42.20 CARCERI: SOVRAFFOLLAMENTO; SAPPE, 11 REGIONI 'FUORI LEGGE'

CRO 21/07/2009 17.42.20 CARCERI: SOVRAFFOLLAMENTO; SAPPE, 11 REGIONI 'FUORI LEGGE' CRO 21/07/2009 17.42.20 CARCERI: SOVRAFFOLLAMENTO; SAPPE, 11 REGIONI 'FUORI LEGGE' CARCERI: SOVRAFFOLLAMENTO; SAPPE, 11 REGIONI 'FUORI LEGGE' (ANSA) - ROMA, 21 LUG - ''Sono undici le Regioni 'fuori legge'

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA REGIONE LAZIO

CONVENZIONE TRA LA REGIONE LAZIO Servizio di counseling psicologico per il personale di Polizia Penitenziaria: convenzione sottoscritta tra il Provveditorato regionale del Lazio, la Regione Lazio, l Azienda Ospedaliera Sant andrea e il

Dettagli

LA PRESA IN CARICO (PROSPETTO)... 23 L IMPEGNO PER LA QUALITÀ. 24 DIRITTI DELL UTENTE DEL SERVIZIO... 26

LA PRESA IN CARICO (PROSPETTO)... 23 L IMPEGNO PER LA QUALITÀ. 24 DIRITTI DELL UTENTE DEL SERVIZIO... 26 Indice PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI?... 3 CHI SIAMO?...4 Breve storia dell Ufficio di Esecuzione Penale Esterna... 5 DOVE SIAMO?... 6 DI QUALE TERRITORIO CI OCCUPIAMO?... 7 A CHI CI RIVOLGIAMO?... 8 CHI

Dettagli

La battaglia per chiudere davvero gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari coinvolge direttamente chi lavora per la Salute Mentale.

La battaglia per chiudere davvero gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari coinvolge direttamente chi lavora per la Salute Mentale. La battaglia per chiudere davvero gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari coinvolge direttamente chi lavora per la Salute Mentale. Aver scongiurato l ennesima proroga alla chiusura degli Ospedali Psichiatrici

Dettagli

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA OSSERVA

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA OSSERVA TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA N. 998/2010 S 28 Il Magistrato di Sorveglianza, letto il reclamo presentato ex art. 69 O.P. da G. V. n. il detenuto CR Opera in espiazione della

Dettagli

Progetti approvati dal Consiglio di Amministrazione della Cassa Ammende in data 23 marzo 2012

Progetti approvati dal Consiglio di Amministrazione della Cassa Ammende in data 23 marzo 2012 Progetti approvati dal Consiglio di Amministrazione della Cassa Ammende in data 23 marzo 2012 Progetto - 2012/0001 Potenziamento della lavanderia formazione detenuti ed acquisto materiali Direzione Casa

Dettagli

SUPERAMENTO OPG e ASSISTENZA PSICHIATRICA nelle CARCERI Dalle misure di Sicurezza alla Sicurezza delle Cure CLAUDIO MENCACCI*- ENRICO ZANALDA**

SUPERAMENTO OPG e ASSISTENZA PSICHIATRICA nelle CARCERI Dalle misure di Sicurezza alla Sicurezza delle Cure CLAUDIO MENCACCI*- ENRICO ZANALDA** SUPERAMENTO OPG e ASSISTENZA PSICHIATRICA nelle CARCERI Dalle misure di Sicurezza alla Sicurezza delle Cure Presidente Claudio Mencacci CLAUDIO MENCACCI*- ENRICO ZANALDA** Presidente Eletto Emilio Sacchetti

Dettagli

Capece vs Bernardini

Capece vs Bernardini Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Segreteria Generale: Via Trionfale, 79/A 00136 Roma Tel. 06.3975901 (6 linee r.a) Fax 06.39733669 Email: info@sappe.it Capece vs Bernardini Comunicato stampa in

Dettagli

L ESECUZIONE PENALE ABBANDONATA A SE STESSA

L ESECUZIONE PENALE ABBANDONATA A SE STESSA L ESECUZIONE PENALE ABBANDONATA A SE STESSA L Coordinamento Penitenziari, il 21 gennaio 2015 ha organizzato a Roma il convegno L ESECUZIONE PENALE ABBANDONATA A SE STESSA, presso la sala Cristallo dell

Dettagli

DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE

DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE Area Devianza Target di riferimento: Stranieri tossicodipendenti e/o alcoldipendenti detenuti e/o in misura alternativa Area Dipendenza Target di riferimento Stranieri

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARA

DIPARTIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARA PROTOCOLLO D INTESA TRA ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI D ITALIA (ANCI) E DIPARTIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARA Premesso che l ANCI, in base alle previsioni dell art.1 del suo Statuto, costituisce

Dettagli

CRO 11/04/2010 14.35.41 CARCERI: ALLARME SUICIDI, IN ITALIA 3 TENTATIVI AL GIORNO

CRO 11/04/2010 14.35.41 CARCERI: ALLARME SUICIDI, IN ITALIA 3 TENTATIVI AL GIORNO CRO 11/04/2010 14.35.41 GIORNO GIORNO DAL PRIMO GENNAIO SONO 19 I DETENUTI CHE SI SONO TOLTI LA VITA Roma, 11 apr. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Emergenza suicidi nelle carceri italiane. Ogni giorno,

Dettagli

DIRIGENTE ISTITUTO PENITENZIARIO. Dirigente - CASA CIRCONDARIALE DI NOVARA

DIRIGENTE ISTITUTO PENITENZIARIO. Dirigente - CASA CIRCONDARIALE DI NOVARA INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARINO ROSALIA Data di nascita 18/10/1967 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio DIRIGENTE ISTITUTO PENITENZIARIO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI SCIENZE STORICHE, FILOSOFICO-SOCIALI, DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN FORMAZIONE INTERMEDIATORI DEL

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 621 681 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Aspettando il Piano carceri Ci sono voluti quattro anni dall ultimo provvedimento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome palmeri pia paola Data di nascita 23/06/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente penitenziario Dirigente - Casa Circondariale

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Padova e Rovigo (PRESENTAZIONE) INTRODUZIONE AL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il sistema penitenziario vigente in Italia ha il suo fulcro

Dettagli

CARCERI DISUMANE NON SI FERMI LO SGUARDO EUROPEO

CARCERI DISUMANE NON SI FERMI LO SGUARDO EUROPEO CARCERI DISUMANE NON SI FERMI LO SGUARDO EUROPEO LA SENTENZA TORREGGIANI TROPPO POCO SPAZIO PER TROPPO TEMPO L 8 gennaio 2013 l Italia è stata condannata dalla Corte Europea dei diritti umani. Si tratta

Dettagli

Carcere, gestione mense torna al Dap. Insorgono le cooperative

Carcere, gestione mense torna al Dap. Insorgono le cooperative Carcere, gestione mense torna al Dap. Insorgono le cooperative Finisce la sperimentazione durata 10 anni. Già a luglio i direttori di 10 istituti allarmati: Impatto traumatico. Vengono meno vantaggi economici,

Dettagli

Pubblicazione a cura di Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Centro Servizi Amministrativi di Padova Ufficio Interventi Educativi

Pubblicazione a cura di Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Centro Servizi Amministrativi di Padova Ufficio Interventi Educativi Pubblicazione a cura di Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Centro Servizi Amministrativi di Padova Ufficio Interventi Educativi in collaborazione con Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria

Dettagli

Percorsi di giustizia riparativa a Brescia. a cura di Associazione Carcere e Territorio di Brescia Onlus Gruppo di lavoro progetto socialpay

Percorsi di giustizia riparativa a Brescia. a cura di Associazione Carcere e Territorio di Brescia Onlus Gruppo di lavoro progetto socialpay Percorsi di giustizia riparativa a Brescia a cura di Associazione Carcere e Territorio di Brescia Onlus Gruppo di lavoro progetto socialpay Brescia 2012 Associazione Carcere e Territorio di Brescia Onlus

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

VADEMECUM SUL CARCERE PER FAMIGLIARI E VOLONTARI

VADEMECUM SUL CARCERE PER FAMIGLIARI E VOLONTARI VADEMECUM SUL CARCERE PER FAMIGLIARI E VOLONTARI Perché questo vademecum sul carcere? La nostra principale preoccupazione nel fare questa guida era quella di essere d'aiuto nella comprensione delle leggi

Dettagli

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99)

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Titolo/argomento: _T.U. delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura

Dettagli

Relazione sulle attività svolte nei Primi 180 giorni

Relazione sulle attività svolte nei Primi 180 giorni Relazione sulle attività svolte nei Primi 180 giorni Premessa 2 Relazione sulle attività svolte A 180 giorni dall approvazione dei Piani di lavoro per l anno 2012 e a 10 mesi dalla nomina della figura

Dettagli

VI CONGRESSO NAZIONALE ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE ALGHERO 10 13 MAGGIO 2012 HOTEL CARLOS V

VI CONGRESSO NAZIONALE ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE ALGHERO 10 13 MAGGIO 2012 HOTEL CARLOS V LO STATO DELLA GIUSTIZIA PENALE Scheda elaborata da Mario Scialla Responsabile Area Penale - Direttivo Nazionale ANF Realizzai che la vera funzione di un avvocato era di unire le parti lacerate a pezzi.

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia NUCLEO TRADUZIONI CITTADINO Pagina 1 di 35 P A R T E P R I M A Capo I ISTITUZIONE NUCLEO TRADUZIONI CITTADINO 1. LIMITI DI COMPETENZA MATERIALE E TERRITORIALE AREA METROPOLITANA 1. Nell area metropolitana

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale Di Gregorio Silvio 19/05/1963 II Fascia MINISTERO

Dettagli

PENITENZIARIA Ordinamento penitenziario Ragioneria pubblica e Contabilità di Stato Pedagogia penitenziaria Cultura generale.

PENITENZIARIA Ordinamento penitenziario Ragioneria pubblica e Contabilità di Stato Pedagogia penitenziaria Cultura generale. il libro concorso nell Educatori e Contabili Amministrazione PENITENZIARIA Ordinamento penitenziario Ragioneria pubblica e Contabilità di Stato Pedagogia penitenziaria Cultura generale DOMANDE CON RISPOSTE

Dettagli

USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI

USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI Realizzazione grafica a cura dei ragazzi della Bottega Grafica dell I.P.M (Istituto Penale Minori) di Treviso INDICE 04 Cenni storici sull USSM 05

Dettagli

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale Regione Umbria - Consiglio Regionale XXIII Sessione Straordinaria Deliberazione n. 94 del 10 ottobre 2006 Legge Regionale Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Inserire una fotografia (facoltativo, v. istruzioni) Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) Cassano Milena 15 Via Cividale del Friuli 20152 MILANO Italia Telefono(i)

Dettagli

Il Consiglio - Assemblea legislativa regionale ha approvato il Presidente della Giunta regionale promulga

Il Consiglio - Assemblea legislativa regionale ha approvato il Presidente della Giunta regionale promulga Regione Marche, Legge regionale 13 ottobre 2008, n. 28, Sistema regionale integrato degli interventi a favore dei soggetti adulti e minorenni sottoposti a provvedimenti dell'autorità giudiziaria ed a favore

Dettagli

In data 18 marzo 2005 il Sindaco ha nominato, con proprio Decreto, la Dott.ssa Maria Pia Brunato.

In data 18 marzo 2005 il Sindaco ha nominato, con proprio Decreto, la Dott.ssa Maria Pia Brunato. CITTA DI TORINO RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA DALLA GARANTE DEI DIRITTI DELLE PERSONE PRIVATE DELLA LIBERTA PERSONALE DOTT.SSA MARIA PIA BRUNATO - NEL PRIMO ANNO DI ATTIVITA PREMESSA Il carcere appartiene

Dettagli

Linee guida per l'erogazione dell'assistenza sanitaria alle persone detenute negli istituti penitenziari della Toscana

Linee guida per l'erogazione dell'assistenza sanitaria alle persone detenute negli istituti penitenziari della Toscana ALLEGATO B Linee guida per l'erogazione dell'assistenza sanitaria alle persone detenute negli istituti penitenziari della Toscana Premessa La Conferenza Unificata, con Accordo del 22 gennaio 2015 (Rep.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Borzacchiello Assunta Data di nascita 24/10/1963

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Borzacchiello Assunta Data di nascita 24/10/1963 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Borzacchiello Assunta Data di nascita 24/10/1963 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - Dipartimento

Dettagli

Garante dei diritti delle persone private della libertà del Comune di Roma

Garante dei diritti delle persone private della libertà del Comune di Roma Garante dei diritti delle persone private della libertà del Comune di Roma Il carcere a Roma: relazione annuale del Garante al Sindaco, alla Giunta e al Consiglio comunale, di Gianfranco Spadaccia A un

Dettagli

DIPARTIMENTO IX SERVIZIO 2 Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX SERVIZIO 2 Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX SERVIZIO 2 Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO LEDA COLOMBINI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI A SOSTEGNO DI PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE IN FAVORE DI

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione In data 12.11.2007 con nota n. 4054 (vedi allegato) la segreteria nazionale ha rappresentato al capo del DAP l involuzione che l istituto di Milano Opera ha subito a conseguenza dell apertura del reparto

Dettagli

Vogliamo promuovere l incontro tra il mondo carcere e il mondo lavoro

Vogliamo promuovere l incontro tra il mondo carcere e il mondo lavoro clicca qui Vogliamo promuovere l incontro tra il mondo carcere e il mondo lavoro, per favorire l inserimento sociale, attraverso il lavoro di detenuti ed ex detenuti.questo è un utile strumento per capire

Dettagli

Pena detentiva: scelta obbligata o extrema ratio? RACCOLTA DIOCESANA CARITAS di indumenti usati

Pena detentiva: scelta obbligata o extrema ratio? RACCOLTA DIOCESANA CARITAS di indumenti usati Pena detentiva: scelta obbligata o extrema ratio? RACCOLTA DIOCESANA CARITAS di indumenti usati 1 FARSI PROSSIMO... PENA DETENTIVA: SCELTA OBBLIGATA O EXTREMA RATIO? Milano, marzo 2013 Sussidio prodotto

Dettagli

Il Quinto Cielo News letter Giugno 2013 N 11

Il Quinto Cielo News letter Giugno 2013 N 11 stavolta parliamo di Detenuti e carceri in Italia Con questo nuovo numero ci dedichiamo ad un tema esplosivo. Le condizioni carcerarie nel nostro Paese. Da troppi decenni la situazione si va aggravando

Dettagli

COOPERATIVA SOLIDARIETÀ

COOPERATIVA SOLIDARIETÀ L argomento in questione oggi è la riabilitazione sociale e lavorativa di detenuti ed ex detenuti, spesso non considerata importante o essenziale ma che invece può e deve essere una vera e propria risorsa

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione MINISTERI ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA - E.P. RICERCA AZIENDE AUTONOME SICUREZZA SEGRETERIA PROVINCIALE CATANIA Prot.n 26411/SN-A Catania lì, 26/04/2011

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU23 05/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 maggio 2014, n. 24-7560 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 2012 e 2013 per gli interventi finalizzati

Dettagli

IL VOLONTARIATO NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI DELLE MARCHE

IL VOLONTARIATO NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI DELLE MARCHE IL VOLONTARIATO NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI DELLE MARCHE PROF.SSA PATRIZIA DAVID ha collaborato DOTT. STEFANO DEFENDI Rapporto di ricerca MARZO 2013 INDICE 1. Analisi di contesto 1.1. PROBLEMATICHE GENERALI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROGRAMMA SPECIALE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI 1 VISTO

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Consiglio Regionale del Piemonte Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Il documento è frutto

Dettagli

Ufficio del Garante per i diritti delle Persone private della Libertà personale RELAZIONE ANNUALE

Ufficio del Garante per i diritti delle Persone private della Libertà personale RELAZIONE ANNUALE Ufficio del Garante per i diritti delle Persone private della Libertà personale RELAZIONE ANNUALE sull attività svolta dal Garante per i diritti delle Persone private della Libertà personale del Comune

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Camera Penale di Napoli. Il carcere possibile. o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti

Camera Penale di Napoli. Il carcere possibile. o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti Camera Penale di Napoli Il carcere possibile o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti IL CARCERE POSSIBILE ONLUS sede legale Napoli, Centro Direzionale, Palazzo di Giustizia, Camera Penale

Dettagli

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a:

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a: Protocollo di intesa tra la Regione Piemonte, la Città di Torino, l Università degli Studi di Torino, la Casa Circondariale Lorusso e Cutugno, l Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, l Ufficio Pio della

Dettagli

Testi a cura di Licia Rita Roselli, Direttrice AgeSoL

Testi a cura di Licia Rita Roselli, Direttrice AgeSoL Testi a cura di Licia Rita Roselli, Direttrice AgeSoL AgeSoL Via Pancrazi, 10 20145 Milano Tel. 027740.5915 Fax 027740.5914 E mail infopoint@agesol.it http://www.agesol.it Il Lavoro L art. 1 della Costituzione

Dettagli

LAVORO CARCERE. Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole

LAVORO CARCERE. Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole CARCERE LAVORO L inserimento lavorativo delle persone in esecuzione penale ed ex detenute Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole finanziamento di cui alla legge

Dettagli

CARCERI SOSTENIBILI. Un programma di sviluppo innovativo per i Penitenziari italiani

CARCERI SOSTENIBILI. Un programma di sviluppo innovativo per i Penitenziari italiani CARCERI SOSTENIBILI Un programma di sviluppo innovativo per i Penitenziari italiani 27/04/2015 Sommario 1 Descrizione del progetto... 3 1.1 Premessa e obiettivi... 3 1.2 Programma... 3 1.3 Benefici...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA. Expo 2015. Sottoscrizione di intenti per la promozione del lavoro penitenziario

REGIONE LOMBARDIA. Expo 2015. Sottoscrizione di intenti per la promozione del lavoro penitenziario REGIONE LOMBARDIA Expo 2015 Sottoscrizione di intenti per la promozione del lavoro penitenziario il Ministro della Giustizia: Angelino Alfano Il Commissario Straordinario del Governo per Expo 2015: Letizia

Dettagli

Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia

Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia Roma, 11 dicembre 2007 Prot. n. 3063/2007 On. Clemente Mastella On. Paolo Ferrero Ministero della Solidarietà On. Giuliano Amato Ministero dell Interno Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione

Dettagli

09100 CAGLIARI VIA TUVERI, 22 TELEFONO (070) 40.12.94 40.15.13 TELEFAX 49.19.11

09100 CAGLIARI VIA TUVERI, 22 TELEFONO (070) 40.12.94 40.15.13 TELEFAX 49.19.11 OGGETTO: Informazione preventiva - Proposta elaborata dal Tavolo Tecnico di cui al Decreto n. 3 del 21.3.2013 del Provveditore Regionale con modifiche a seguito dell incontro sindacale del 10.5.2013. Assetto

Dettagli

A relazione dell'assessore Cerutti:

A relazione dell'assessore Cerutti: REGIONE PIEMONTE BU14 09/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2015, n. 14-1180 Approvazione del Protocollo d'intesa tra la Regione Piemonte, la Citta' di Torino, l'universita' degli Studi

Dettagli