Gestione Parcheggi e Sensori Traffico - Release 1.1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione Parcheggi e Sensori Traffico - Release 1.1"

Transcript

1 Regione Toscana Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali Pianificazione Integrata della Mobilità e dei Trasporti e Sistema Informativo della Mobilità Requisiti tecnici per l interoperabilità degli enti federati al Mobility Information Integration Center - MIIC Gestione Parcheggi e Sensori Traffico - Release 1.1 Codice documento : MIIC-InteropParcheggi-Sensori_F-1 2 Data emissione : 14/09/2010 Emesso da : Verificato da : Approvato da : Davide Vignola Donatella Monetta Giovanni Forte

2 INDICE 1 INTRODUZIONE Storia delle revisioni Documenti di riferimento OBIETTIVI DEL DOCUMENTO Contesto operativo INTEROPERABILITÀ MIIC / ENTI FEDERATI Scambio Flussi Datex II Modalità Push Exchanges DATA MODEL DATEX II Elementi comuni Elemento PayloadPublication Elemento Exchange Elementi utilizzati per Gestione Parcheggi Elemento SituationPublication Elemento HeaderInformation Elemento SituationRecord Specializzazioni di SituationRecord Elemento CarParks Esempio di tracciato XML per gestione Parcheggi Elementi utilizzati per Sensori Traffico Elemento MeasuredDataPublication Elemento TrafficValue Elemento TrafficHeadway Elemento TrafficFlow Elemento TrafficSpeed Elemento TrafficConcentration...28 MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 2 di 37

3 4.3.7 Esempio di tracciato XML per gestione Sensori Traffico INTERFACCE WEB SERVICES Gestione Parcheggi Push Exchange (flussi Datex) Sensori Traffico Push Exchange (flussi Datex) INTEGRAZIONE CON IL CART Proxy trasparente Integration Manager Conclusioni STRUTTURE DATI CONDIVISE Anagrafica Parcheggi Anagrafica Sensori Traffico...37 MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 3 di 37

4 Indice delle figure Figura 1 - Contesto operativo e obiettivi del MIIC (fonte: Documento di indirizzo per l infomobilità ella Regione Toscana ) 7 Figura 2 - Contesto operativo e infrastruttura tecnologica a supporto nel MIIC release1 7 Figura 3 - Contesto operativo e componenti architettura software 8 Figura 4- Schema Interoperabilità MIIC / Enti Federati 11 Figura 5 Elementi D2LogicalModel, PayloadPublication e Exchange 14 Figura 6 Dettaglio elemento PayloadPublication 15 Figura 7 Dettaglio elemento Exchange 16 Figura 8 Tipologie di PayloadPublication 17 Figura 9 Diagramma delle classi che ereditano da PayloadPublication. 18 Figura 10 - Diagramma delle classi aggregate a PayloadPublication. 19 Figura 11 Dettaglio SituationRecord 20 Figura 12 Specializzazioni di SituationRecord. 21 Figura 13 Specializzazioni di NonRoadEventInformation 22 Figura 14 Dettaglio di CarParks 23 Figura 15 Tipologie di PayloadPublication 25 Figura 16 Dettaglio MeasuredDataPublication 26 Figura 17 Dettaglio elemento TrafficValue 27 MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 4 di 37

5 1 INTRODUZIONE 1.1 Storia delle revisioni Rev. Modifiche Data rilascio A 1.0 Prima emissione 18/12/ Documenti di riferimento Id. Titolo #1 DATEXIIv1.0-ExchangePSM_v1.0.zip #2 DATEXIIv1.0-UserGuide_v1.0.pdf MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 5 di 37

6 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO Obiettivo di questo documento è fornire le specifiche tecniche per l inoltro verso il MIIC Mobility Information Integration Center dei seguenti dati rilevati da Enti/Aziende federate al MIIC: - dati relativi ai parcheggi - dati rilevati dai sensori del traffico. Il documento è indirizzato agli Enti o Aziende che alimenteranno il MIIC attraverso interfacce implementate in architettura WEB Service CART. Per completezza di informazione di seguito si descrive il contesto operativo di riferimento e le diverse interfacce rese disponibili dal MIIC per l alimentazione e la fruizione delle infromazioni. 2.1 Contesto operativo La Regione Toscana - Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali, all interno della strategia i-mobility Infrastruttura Geografica per l Accessibilità Territoriale On Demand ha individuato alcuni progetti esecutivi che concorrono alla realizzazione e alla gestione della stessa. Tra questi il progetto MIIC Mobility Information Integration Center ha il compito di realizzare una sala operativa dedicata alla raccolta in tempo reale delle informazioni, relative alle flotte TPL, alle emergenze sulla rete viaria, alla disponibilità di posti auto nei parcheggi e al tracking di flotte di pubblico interesse. Il progetto MIIC ha anche il compito di definire le specifiche tecniche ed organizzative del centro di integrazione delle informazioni relative all infomobilità sul territorio regionale. LOCALIZZAZIONE SATELLITARE Sistema di bordo Sistema di bordo COMUNICAZIONE WIRELESS Altri DB RT Sala operativa ENTI/AZIENDE OPERATORI Archivi Sala Operativa Servizi finali ULTERIORI AZIENDE APPLICATIVI REGIONALI Altre sale operative CART MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 6 di 37

7 Figura 1 - Contesto operativo e obiettivi del MIIC (fonte: Documento di indirizzo per l infomobilità ella Regione Toscana ) La realizzazione del MIIC è stata suddivisa in due step successivi: una prima fase dove si procede alla studio ed alla realizzazione di un prototipo che verifichi le condizioni di utilizzo previste e una fase successiva dove verrà realizzato il MIIC nella sua versione definitiva secondo le esigenze operative dell intera strategia i-mobility. Il progetto, come previsto in release 1, prevede la realizzazione di una infrastruttura tecnologica ed applicativa che ha lo scopo di raccogliere le informazioni provenienti da diverse fonti, informazioni riguardanti il posizionamento dei mezzi, lo stato dei parcheggi e la presenza di eventuali emergenze. Il MIIC ha altresì il compito di fornire tali informazioni, integrate con altri dati regionali, sia ai propri operatori che a particolari categorie di Enti che ne facciano richiesta, anche tramite un accesso via web service. Figura 2 - Contesto operativo e infrastruttura tecnologica a supporto nel MIIC release1 MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 7 di 37

8 La figura seguente rappresenta schematicamente le interfacce di integrazione con il MIIC, indicate con le sigle I1-I7, sia per la produzione di informazioni sia per la consultazione delle stesse. I componenti logici del sistema MIIC coinvolti nel processi di integrazione sono indicati con le sigle C1-C8. Figura 3 - Contesto operativo e componenti architettura software Gli attori potenzialmente coinvolti nei flussi di informazioni da e verso il MIIC sono di fatto tutte le tipologie di fornitori/fruitori previsti in i-mobility. In particolare, i gestori di sale di controllo (Autostrade, Aeroporti, Autorità portuali, ecc.), i gestori di flotte di trasporto (Aziende di TPL, Trenitalia, ecc.), e i gestori di flotte di servizio (Vigili urbani, ecc.). Gli attori fornitori di informazioni verso il MIIC sono costituiti da: Mezzi localizzati Mezzi dotati di apparato satellitare per la determinazione della posizione; tali mezzi comunicheranno direttamente con il MIIC ed apparterranno ad Enti/Aziende che non sono in possesso di una sala operativa propria. Il terminale di bordo del mezzo MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 8 di 37

9 localizzato (AVM), tramite un opportuno adattatore di protocollo, realizzato dal fornitore AVM, userà l'interfaccia I6 per la comunicazione dei dati di posizione. Qualora l apparato di bordo lo consenta, sono rese disponibili, nell ambito della interfaccia I6, anche funzioni per la notifica delle emergenze verso la Sala Operativa MIIC e per la ricezione dei dati di configurazione (frequenza di localizzazione), provenienti, quest ultimi, dalla Sala Operativa MIIC. Mezzi localizzati TPL Il Mezzo localizzato TPL costituisce una specializzazione rispetto all attore precedente, in quanto effettua un servizio pubblico programmato che richiede il rilevamento dei tempi di ritardo rispetto alla pianificazione delle corse. Questa tipologia di mezzo avrà a disposizione anche funzionalità per la notifica dell eventuale ritardo del mezzo, oltre ad altre caratteristiche della corsa pianificata (ad esempio, identificativo della prossima fermata e tempo stimato di raggiungimento). Si precisa che interfacce per la notifica del ritardo e dei dati identificativi della corsa saranno disponibili anche verso le Sale Operative esterne, qualora il gestore del servizio TPL abbia centralizzato tutte le informazioni relative alle corse della propria flotta, che, pertanto, potrebbero non essere note al singolo apparato di bordo. Sale operative di altri Enti/Aziende Questi attori, che alimenteranno il MIIC attraverso l interfaccia I7, implementata in architettura WEB Service CART, sono costituiti da: - aziende TPL; - gestori ferroviari; - gestori autostradali; - gestori linee aeree; - gestori linee navali; - gestori di parcheggi; - enti preposti alla gestione e segnalazione delle emergenze. Gli attori fruitori delle informazioni del MIIC sono costituiti da: Operatori del MIIC Accedono a tutte le funzionalità del MIIC attraverso l interfaccia I2. Sono definiti diversi profili di accesso alle funzionalità del Sistema da parte degli Operatori, secondo i privilegi loro assegnati. Utenti esterni Sala Operativa MIIC Questo attore rappresenta gli utenti appartenenti alle aziende o enti che, pur dotati di una propria flotta di mezzi, non hanno una propria Sala Operativa ed utilizzano la Sala Operativa MIIC. L interfaccia d riferimento è la I1, implementata attraverso un applicativo specifico che espone le MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 9 di 37

10 funzionalità di Sala Operativa identificate per questo profilo di utenti. Tale utente avrà accesso solo ai dati di pertinenza dell'ente di appartenenza. Altri applicativi regionali L attore rappresenta gli altri sistemi informativi, in particolare altri applicativi regionali, che accederanno al MIIC per sola consultazione attraverso interfacce programmative e servizi, rappresentate in figura dall interfaccia I3. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 10 di 37

11 3 INTEROPERABILITÀ MIIC / ENTI FEDERATI La figura seguente schematizza la catena software che rende possibile la interoperabilità tra la Sala Operativa MIIC e gli Enti Federati. Enti Federati Enti Federati Enti Federati Componenti client MIIC Web Services Messaggi applicativi (Anagrafiche) Flussi DATEX (Dati massivi) MIIC Web Services su CART Infrastruttura CART MIIC Web Services Applicazione MIIC DB MIIC Figura 4- Schema Interoperabilità MIIC / Enti Federati MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 11 di 37

12 L applicazione MIIC espone una serie di servizi sotto forma di Web Services ad uso degli enti federati. I Web Services MIIC vengono pubblicati nella infastruttura CART che funziona da centralizzatore dei servizi applicativi per la Regione Toscana. Gli enti federati accedono ai Web Services MIIC esposti su CART utilizzando componenti software in grado di colloquiare con essi. Queste componenti sono la controparte Client dei Web Services la cui gestione e sviluppo è a carico degli enti stessi. L applicazione MIIC espone due tipologie di Web Services: web service a Messaggi Applicativi, utilizzati per scambi puntuali di dati statici come, per esempio, dati anagrafici di varia natura; web service a Flussi DATEX II, utilizzati per l invio massivo e periodico dii dati dinamici (per esempio: emergenze). Per le aree funzionali Parcheggi e Sensori Traffico, l applicazione MIIC espone solo web services a Flussi DATEX II, utilizzati per l invio massivo e periodico dei dati dinamici relativi allo stato di occupazione dei parcheggi e i dati di rilevamento dei sensori traffico. 3.1 Scambio Flussi Datex II Per il necessario approfondimento relativo allo standard DATEX II si rimanda alla lettura della documentazione ufficiale disponibile al sito: con particolare riferimento alla User Guide DATEX II disponibile all indirizzo: es/datexiiv1.0-userguide_v1.0.pdf. I flussi DATEX II sono costituiti dai cosiddetti PayloadPublication. Un PayloadPublication datex in termini meno tecnici può essere considerato un MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 12 di 37

13 contenitore di notizie dove ogni singola notizia costituisce un singolo Record del Payload. Fisicamente, una comunicazione in DATEX II si attua con lo scambio di un flusso di dati ben formati secondo lo standard XML e validi secondo lo schema di riferimento D2LogicalModel.xsd o ad una sua derivazione per semplificazione. Nei contesti operativi MIIC Parcheggi e Sensori Traffico il modello di interoperabilità secondo lo scambio di flussi DATEX II viene utilizzato per l invio massivo di dati dello stato dei parcheggi e dei rilevamento dei sensori I web services implementati da MIIC per la ricezione dei flussi DATEX II da parte degli enti federati, dal punto di vista della terminologia W3C appartengono alla categoria Request-response (rif. dal punto di vista della terminologia e dell architettura DATEX II sono web services che implementano la modalità Push Exchanges Modalità Push Exchanges Come descritto nelle specifiche tecniche di interscambio DATEX II, la modalità Push vede il fornitore dei dati (Supplier) in veste di Client del web service Datex; viceversa il destinatario dei Dati (Client) è colui che espone il web service Datex. Si prevede quindi che l iniziatore dello scambio dati sia il Supplier secondo le politiche di invio dei dati prescelte (una tantum o periodico), mentre il Client deve essere (potenzialmente) in ascolto sulla porta da cui espone il web service. Uno scambio preventivo di dati, denominato Keep Alive viene inviato dall iniziatore per verificare l effettiva disponibilità della porta di ascolto del destinatario. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 13 di 37

14 4 DATA MODEL DATEX II Il data model Datex II è costituito da complessa gerarchia di elementi la cui radice è rappresentata dall elemento D2LogicalModel. La figura seguente presenta la notazione UML della radice D2LogicalModel e degli elementi del livello immediatamente successivo nella gerarchia: Figura 5 Elementi D2LogicalModel, PayloadPublication e Exchange MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 14 di 37

15 4.1 Elementi comuni Elemento PayloadPublication Figura 6 Dettaglio elemento PayloadPublication La validazione DATEX II considera i seguenti attributi di PayloadPublication obbligatori: publicationtime : date e ora di publicazione. publicationcreator o o country: identificativo dell Italia da estrarre da CountryEnum nationaidentifier: identificativo dell ente federato che genera il flusso di pubblicazione (convenzione da stabilire con Sala Operativa MIIC) Elemento Exchange Exchange è un elemento comune a qualsiasi tipo di payload DATEX II e viene utilizzato per la definizione del protocollo di interscambio tra Supplier (fornitore dei dati) e Client (destinatario dei dati). MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 15 di 37

16 Figura 7 Dettaglio elemento Exchange La validazione DATEX II considera l elemento Exchange obbligatorio. Per l uso contestuale al MIIC sarà sufficiente valorizzare i seguenti attributi: clientidentification: identificativo del destinatario del flusso (in questo caso, per esempio Sala Operativa MIIC ), supplieridentification : (può coincidere con publicationcreator) o o country: identificativo dell Italia da estrarre da CountryEnum nationaidentifier: identificativo dell ente federato che produce i dati (convenzione da stabilire con Sala Operativa MIIC). KeepAlive : è un valore booleano (true / false) che specifica il tipo di interazione in atto. Se viene valorizzato a True (1) significa che l interazione è volta a verificare la disponibilità del servizio (caso Push Exchange, vedere più avanti in questo documento). Se viene valorizzato a False (0) significa che l interazione è volta all invio di un flusso di dati. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 16 di 37

17 4.2 Elementi utilizzati per Gestione Parcheggi Elemento SituationPublication Per la gestione parcheggi sarà utilizzata la PayloadPublication di tipo SituationPublication. Figura 8 Tipologie di PayloadPublication Il seguente diagramma UML rappresenta le classi che ereditano da PayloadPubblication. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 17 di 37

18 Figura 9 Diagramma delle classi che ereditano da PayloadPublication. Per i parcheggi si utilizzerà la classe specializzata SituationPublication. Come si vede dalla seguente figura la classe SituationPublication aggrega l elemento Situation il quale, a sua volta, aggrega l elemento SituationRecord. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 18 di 37

19 Figura 10 - Diagramma delle classi aggregate a PayloadPublication. Ciò che interessa sapere di questo diagramma è che Situation rappresenta un contenitore di SituationRecord e che ogni SituationRecord può essere esteso in svariate tipologie di classi Elemento HeaderInformation La validazione DATEX II considera inoltre l elemento HeaderInformation di una Situation obbligatorio. Per l uso contestuale al MIIC sarà sufficiente valorizzare i seguenti attributi di HeaderInformation: confidentiality : parametro di tipo ConfidentialityValueEnum. Per parcheggi viene utilizzato il valore norestriction. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 19 di 37

20 informationstatus : parametro di tipo InformationStatusEnum. Per parcheggi viene utilizzato il valore real Elemento SituationRecord SituationRecord è la superclasse da cui ereditano tutte le classi specializzate per trattare svariate tipologie di eventi e/o emergenze riguardanti la viabilità. SituationRecord rappresenta il fattore comune di tutte le sue specializzazioni e, in quanto tale, la sua struttura prevede una serie di dati considerati obbligatori per la validazione DATEX II. Figura 11 Dettaglio SituationRecord probabilityofoccurrence : parametro di tipo ProbabilityOfOccurrenceEnum. Per parcheggi viene utilizzato il valore certain. situationrecordcreationtime : data e ora della creazione del flusso datex (obbligatorio). situationrecordfirstsupplierversiontime : data e ora della eventuale prima osservazione della rilevazione nel caso in cui i dati subiscano una elaborazione tra la fonte primaria a chi genera il flusso datex. (se assente valorizzare con il valore di situationrecordcreationtime). MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 20 di 37

21 situationrecordversion : versione del record (non gestito per parcheggi). Valore numerico fisso a 1. situationrecordversiontime : data e ora della versione del record (se assente valorizzare con il valore di situationrecordcreationtime). Validity : elemento aggregato di tipo Validity. E obbligatorio il parametro validitystatus di tipo ValidityStatusEnum. GroupOfLocations : lista di elementi aggregati di tipo Location Specializzazioni di SituationRecord Figura 12 Specializzazioni di SituationRecord. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 21 di 37

22 Per i dati specifici della gestione parcheggi viene utilizzata una specializzazione di SituationRecord che appartiene alla categorie NonRoadEventInformation. Il situationrecord di tipo NonRoadEventInformation, a sua volta prevede una ulteriore specializzazione in tre diverse tipologie. Figura 13 Specializzazioni di NonRoadEventInformation Elemento CarParks CarParks è la specializzazione di SituationRecord che, secondo le intenzioni del consorzio DATEX II, è destinata a raccogliere dati riguardanti i parcheggi e, come tale, vine utilizzata nel contesto MIIC. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 22 di 37

23 Figura 14 Dettaglio di CarParks Secondo le specifiche DATEX II i dati che si trovano in CarParks, ad eccezione dell identificativo carparkidentity, sono facoltativi. Nello specifico del MIIC i dati da ritenere obbligatori per un invio significativo sono i seguenti: carparkidentity : identificativo del parcheggio. Deve essere un codice di riconoscimento univoco censito nella anagrafica parcheggi del DB MIIC. carparkstatus: parametro di tipo CarParkStatusEnum. numberofvacantparkingspaces : numero di posti liberi. occupiedspaces : numero di posti occupati totalcapacity : numero di posti totali Gli altri dati sono considerati facoltativi: carparkconfiguration : parametro di tipo CarParkConfigurationEnum. carparkoccupancy : valore percentuale degli posti occupati exitrate: numero di veicoli in uscita per ora fillrate: numero di veicoli in entrata per ora queueingtime : tempo di attesa MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 23 di 37

24 4.2.6 Esempio di tracciato XML per gestione Parcheggi A titolo di esempi s allega un tracciato DATEX II di esempio con un record di tipo CarPArks. <?xml version="1.0" encoding="utf-8" standalone="yes"?> <d2logicalmodel xmlns="http://datex2.eu/schema/1_0/1_0"> <exchange> <supplieridentification> <country>it</country> <nationalidentifier>comune di Livorno</nationalIdentifier> </supplieridentification> </exchange> <payloadpublication xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xsi:type="situationpublication"> <publicationtime> t10:25:00+01:00</publicationtime> <situation> <headerinformation> <confidentiality>norestriction</confidentiality> <informationstatus>real</informationstatus> </headerinformation> <situationrecord xsi:type=" CarParks " id="648efe72-e946-44da-b2c6-883ad0548c21"> <situationrecordcreationtime> t10:25:00+01:00</situationrecordcreationtime> <situationrecordobservationtime> t10:25:00+01:00</situationrecordobservationtime> <situationrecordversion>1</situationrecordversion> <situationrecordfirstsupplierversiontime> T10:25:00+01:00</situationRecordFirstSupplierVersionTime> <probabilityofoccurrence>certain</probabilityofoccurrence> <validity> <validitystatus>active</validitystatus> <validitytimespecification> <overallstarttime> t10:25:01+01:00</overallstarttime> </validitytimespecification> </validity> <groupoflocations> <locationcontainedingroup xsi:type="point"> <pointbycoordinates> <pointcoordinates> <latitude>99.99</latitude> <longitude>99.99</longitude> </pointcoordinates> </pointbycoordinates> </locationcontainedingroup> </groupoflocations> <CarParkConfigurationEnum>singleLevel<CarParkConfigurationEnum /> <carparkidentity/> <carparkidentity/> <carparkoccupancy/>45<carparkoccupancy/> <carparkstatus/>enoughspacesavailable <carparkstatus/> <exitrate/>20<exitrate/> <fillrate/>15<fillrate/> <numberofvacantparkingspaces/>150<numberofvacantparkingspaces/> <occupiedspaces/>135<occupiedspaces/> <queueingtime/>0<queueingtime/> <totalcapacity/>285<totalcapacity/> </situationrecord> </situation> </payloadpublication> </d2logicalmodel> MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 24 di 37

25 4.3 Elementi utilizzati per Sensori Traffico Elemento MeasuredDataPublication Per la gestione Sensori Traffico sarà utilizzata la PayloadPublication di tipo MeasuredDataPublication. Figura 15 Tipologie di PayloadPublication Il seguente diagramma UML rappresenta il dettaglio di MeasuredDataPubblication. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 25 di 37

26 Figura 16 Dettaglio MeasuredDataPublication measurementsitetablereference : descrizione della tabella di sensori di riferimento. Deve essere un codice di riconoscimento univoco censito nella anagrafica sensori del DB MIIC. SiteMeasurements : aggregato di elementi MeasuredValue (almeno uno). Contiene i seguenti attributi obbligatori per la validazione DATEX II: o measurementsitereference : identificativo del sensore. Deve essere un codice di riconoscimento univoco censito nella anagrafica sensori del DB MIIC. o o measurementtimedefault : data e ora del rilevamento. MeasuredValue(index) : elemento indicizzato contentente i dati di rilevamento dell apparato sotto forma di (almeno uno o più) specializzazioni di BasicDataValue. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 26 di 37

27 4.3.2 Elemento TrafficValue Figura 17 Dettaglio elemento TrafficValue L elemento TrafficValue è una specializzazione dell elemento astratto BasicDataValue. Le validazioni DATEX II per le strutture di MeasuredDataPublication sono piuttosto elastiche. Fatta eccezione per i vincoli numerici rispetto alle occorrenze di MeasuredValue in SiteMeasurements e di BasicDataValue in MeasuredValue (almeno una occorrenza di MeasuredValue in SiteMeasurements e almeno una occorrenza di MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 27 di 37

28 BasicDataValue in MeasuredValue) non esistono altri elementi o attributi di elementi obbligatori. Nel contesto della gestione sensori stradali MIIC si ritiene però necessario fare riferimento agli elementi evidenziati nella figura precedente (TrafficHeadway, TrafficFlow, TrafficSpeed, TrafficConcentration) come base per la interoperabilità Enti / MIIC relativamente ai dati provenienti dagli apparati di rilevamento del traffico stradale real time Elemento TrafficHeadway Contiene di dati relativi alla densità del traffico. averagedistanceheadway : distanza media tra veicoli averagetimeheadway : intervallo di tempo medio tra un transito e il successivo Elemento TrafficFlow Contiene di dati relativi ai volumi di traffico. axleflow : transiti di assi per ora. pcuflow: transiti di veicoli passeggeri per ora. percentagelongvehicles : percentuale di veicoli pesanti. vehiclesflow : transiti (tutti i veicoli) per ora Elemento TrafficSpeed Contiene di dati relativi alla velocità del traffico. averagevehiclespeed : velocità media di transito dei veicoli Elemento TrafficConcentration Contiene di dati relativi alla concentrazione del traffico. concentration : numero di veicoli per chilometro. occupancy : percentuale di occupazione della strada. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 28 di 37

29 4.3.7 Esempio di tracciato XML per gestione Sensori Traffico A titolo di esempi s allega un tracciato DATEX II di esempio con un payload di tipo MeasuredDataPublication. <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <d2logicalmodel xmlns:xsd="http://www.w3.org/2001/xmlschema" modelbaseversion="1.0" xmlns="http://datex2.eu/schema/1_0/1_0" xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xsi:schemalocation="http://datex2.eu/schema/1_0/1_0 <exchange xmlns="http://datex2.eu/schema/1_0/1_0"> <supplieridentification> <country>se</country> <nationalidentifier>sra</nationalidentifier> </supplieridentification> </exchange> <payloadpublication xsi:type="measureddatapublication" lang="se" xmlns="http://datex2.eu/schema/1_0/1_0"> <publicationtime> t14:08: :00</publicationtime> <publicationcreator> <country>se</country> <nationalidentifier>sra</nationalidentifier> </publicationcreator> e> <measurementsitetablereference>se_sra_measurementsites_gbg_2006_1</measurementsitetablereferenc <headerinformation> <confidentiality>norestriction</confidentiality> <informationstatus>real</informationstatus> </headerinformation> <sitemeasurements> <measurementsitereference>se_sra_mpoint_gbg701</measurementsitereference> <measurementtimedefault> t14:07:07</measurementtimedefault> <measuredvalue index="1"> <basicdatavalue xsi:type="trafficspeed"> <numberofinputvaluesused>35</numberofinputvaluesused> <vehiclecharacteristics> <vehicletype>anyvehicle</vehicletype> </vehiclecharacteristics> <averagevehiclespeed>58</averagevehiclespeed> </basicdatavalue> </measuredvalue> <measuredvalue index="2"> <basicdatavalue xsi:type="trafficflow"> <numberofinputvaluesused>35</numberofinputvaluesused> <vehiclecharacteristics> <vehicletype>anyvehicle</vehicletype> </vehiclecharacteristics> <vehicleflow>2100</vehicleflow> </basicdatavalue> </measuredvalue> <measuredvalue index="3"> <basicdatavalue xsi:type="trafficconcentration"> <numberofinputvaluesused>35</numberofinputvaluesused> <vehiclecharacteristics> <vehicletype>anyvehicle</vehicletype> </vehiclecharacteristics> <occupancy>11.76</occupancy> </basicdatavalue> </measuredvalue> <measuredvalue index="4"> <basicdatavalue xsi:type="trafficheadway"> MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 29 di 37

30 <numberofinputvaluesused>35</numberofinputvaluesused> <vehiclecharacteristics> <vehicletype>anyvehicle</vehicletype> </vehiclecharacteristics> <averagetimeheadway>3.36</averagetimeheadway> </basicdatavalue> </measuredvalue> </sitemeasurements> </payloadpublication> </d2logicalmodel> MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 30 di 37

31 5 INTERFACCE WEB SERVICES Come anticipato nel paragrafo introduttivo, MIIC espone la seguente tipologia di web services per l interscambio di dati relativi a Parcheggi e Sensori Traffico: Push Exchange Datex web services : per la ricezione dei flussi DATEX II inviati dagli Enti federati. 5.1 Gestione Parcheggi Push Exchange (flussi Datex) Il servizio esposto da MIIC per questa funzionalità, in ottemperanza con le specifiche di interscambio DATEX II avrà la seguente interfaccia: putdatex2data (D2LogicalModel body) dove: body = parametro di Input/Output di tipo D2LogicalModel conforme allo schema DATEX II. Nella fase di input (percorso dei dati da Ente a MIIC) tale parametro conterrà il flusso DATEX di input comprensivo dell elemento Exchange (vedere paragrafo 4.1.2) e dell elemento PayloadPubblication di tipo SituationPublication (vedere paragrafo 4.2.1) che contiene il payload inviato dall ente a MIIC. Nella fase di output (persorso dei dati da MIIC a Ente) tale parametro conterrà il flusso DATEX di risposta (o notifica di ricevimento) comprensivo dell elemento Exchange. Di tale elemento saranno valorizzati l attributo response (con il alorre acknowledge, se il flusso è stato ricevuto e processato correttamente) e l attributo ClientIdentification con l identificativo della sala operativa MIIC (da stabilire e condividere). Lo scambio vero e proprio di dati può essere anticipato da uno scambio preventivo denominato di Keep Alive per la verifica di disponibilità del servizio MIIC. 5.2 Sensori Traffico Push Exchange (flussi Datex) Il servizio esposto da MIIC per questa funzionalità, in ottemperanza con le specifiche di interscambio DATEX II avrà la seguente interfaccia: MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 31 di 37

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione Radar Web PA Valutazione della qualità dei siti web Livello d interazione Sezione di trasparenza Open data Open Content Valutazione Partecipazione Presenza 2.0 Contenuti minimi Dominio.gov Dichiarazioni

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Fattura elettronica Vs Pa

Fattura elettronica Vs Pa Fattura elettronica Vs Pa Manuale Utente A cura di : VERS. 528 DEL 30/05/2014 11:10:00 (T. MICELI) Assist. Clienti Ft. El. Vs Pa SOMMARIO pag. I Sommario NORMATIVA... 1 Il formato della FatturaPA... 1

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA. Versione 1.1

ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA. Versione 1.1 ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA Versione 1.1 VERIFICHE EFFETTUATE SUL FILE FATTURAPA NOMENCLATURA ED UNICITÀ DEL FILE TRASMESSO La verifica viene eseguita al fine di intercettare l invio

Dettagli

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente.

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente. Questo documento riporta delle note integrative ai documenti di riferimento della Posta Elettronica Certificata (PEC). Nello specifico le seguenti note fanno riferimento a: Decreto del Presidente della

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione 1 Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione Per automatizzare Ia raccolta dati di produzione e monitorare in tempo reale il funzionamento delle macchine, Meta

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I.

Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I. Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I. 1. PREMESSA sulle MODALITA' di UTILIZZO Fedra Plus 6 può essere utilizzato in: in modalità interattiva; da interfaccia (GUI),

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM ECM Solution v.5.0 Il software per la gestione degli eventi ECM I provider accreditati ECM (sia Nazionali che Regionali) possono trovare in ECM Solution un valido strumento operativo per la gestione delle

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli