Gestione Parcheggi e Sensori Traffico - Release 1.1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione Parcheggi e Sensori Traffico - Release 1.1"

Transcript

1 Regione Toscana Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali Pianificazione Integrata della Mobilità e dei Trasporti e Sistema Informativo della Mobilità Requisiti tecnici per l interoperabilità degli enti federati al Mobility Information Integration Center - MIIC Gestione Parcheggi e Sensori Traffico - Release 1.1 Codice documento : MIIC-InteropParcheggi-Sensori_F-1 2 Data emissione : 14/09/2010 Emesso da : Verificato da : Approvato da : Davide Vignola Donatella Monetta Giovanni Forte

2 INDICE 1 INTRODUZIONE Storia delle revisioni Documenti di riferimento OBIETTIVI DEL DOCUMENTO Contesto operativo INTEROPERABILITÀ MIIC / ENTI FEDERATI Scambio Flussi Datex II Modalità Push Exchanges DATA MODEL DATEX II Elementi comuni Elemento PayloadPublication Elemento Exchange Elementi utilizzati per Gestione Parcheggi Elemento SituationPublication Elemento HeaderInformation Elemento SituationRecord Specializzazioni di SituationRecord Elemento CarParks Esempio di tracciato XML per gestione Parcheggi Elementi utilizzati per Sensori Traffico Elemento MeasuredDataPublication Elemento TrafficValue Elemento TrafficHeadway Elemento TrafficFlow Elemento TrafficSpeed Elemento TrafficConcentration...28 MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 2 di 37

3 4.3.7 Esempio di tracciato XML per gestione Sensori Traffico INTERFACCE WEB SERVICES Gestione Parcheggi Push Exchange (flussi Datex) Sensori Traffico Push Exchange (flussi Datex) INTEGRAZIONE CON IL CART Proxy trasparente Integration Manager Conclusioni STRUTTURE DATI CONDIVISE Anagrafica Parcheggi Anagrafica Sensori Traffico...37 MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 3 di 37

4 Indice delle figure Figura 1 - Contesto operativo e obiettivi del MIIC (fonte: Documento di indirizzo per l infomobilità ella Regione Toscana ) 7 Figura 2 - Contesto operativo e infrastruttura tecnologica a supporto nel MIIC release1 7 Figura 3 - Contesto operativo e componenti architettura software 8 Figura 4- Schema Interoperabilità MIIC / Enti Federati 11 Figura 5 Elementi D2LogicalModel, PayloadPublication e Exchange 14 Figura 6 Dettaglio elemento PayloadPublication 15 Figura 7 Dettaglio elemento Exchange 16 Figura 8 Tipologie di PayloadPublication 17 Figura 9 Diagramma delle classi che ereditano da PayloadPublication. 18 Figura 10 - Diagramma delle classi aggregate a PayloadPublication. 19 Figura 11 Dettaglio SituationRecord 20 Figura 12 Specializzazioni di SituationRecord. 21 Figura 13 Specializzazioni di NonRoadEventInformation 22 Figura 14 Dettaglio di CarParks 23 Figura 15 Tipologie di PayloadPublication 25 Figura 16 Dettaglio MeasuredDataPublication 26 Figura 17 Dettaglio elemento TrafficValue 27 MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 4 di 37

5 1 INTRODUZIONE 1.1 Storia delle revisioni Rev. Modifiche Data rilascio A 1.0 Prima emissione 18/12/ Documenti di riferimento Id. Titolo #1 DATEXIIv1.0-ExchangePSM_v1.0.zip #2 DATEXIIv1.0-UserGuide_v1.0.pdf MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 5 di 37

6 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO Obiettivo di questo documento è fornire le specifiche tecniche per l inoltro verso il MIIC Mobility Information Integration Center dei seguenti dati rilevati da Enti/Aziende federate al MIIC: - dati relativi ai parcheggi - dati rilevati dai sensori del traffico. Il documento è indirizzato agli Enti o Aziende che alimenteranno il MIIC attraverso interfacce implementate in architettura WEB Service CART. Per completezza di informazione di seguito si descrive il contesto operativo di riferimento e le diverse interfacce rese disponibili dal MIIC per l alimentazione e la fruizione delle infromazioni. 2.1 Contesto operativo La Regione Toscana - Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali, all interno della strategia i-mobility Infrastruttura Geografica per l Accessibilità Territoriale On Demand ha individuato alcuni progetti esecutivi che concorrono alla realizzazione e alla gestione della stessa. Tra questi il progetto MIIC Mobility Information Integration Center ha il compito di realizzare una sala operativa dedicata alla raccolta in tempo reale delle informazioni, relative alle flotte TPL, alle emergenze sulla rete viaria, alla disponibilità di posti auto nei parcheggi e al tracking di flotte di pubblico interesse. Il progetto MIIC ha anche il compito di definire le specifiche tecniche ed organizzative del centro di integrazione delle informazioni relative all infomobilità sul territorio regionale. LOCALIZZAZIONE SATELLITARE Sistema di bordo Sistema di bordo COMUNICAZIONE WIRELESS Altri DB RT Sala operativa ENTI/AZIENDE OPERATORI Archivi Sala Operativa Servizi finali ULTERIORI AZIENDE APPLICATIVI REGIONALI Altre sale operative CART MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 6 di 37

7 Figura 1 - Contesto operativo e obiettivi del MIIC (fonte: Documento di indirizzo per l infomobilità ella Regione Toscana ) La realizzazione del MIIC è stata suddivisa in due step successivi: una prima fase dove si procede alla studio ed alla realizzazione di un prototipo che verifichi le condizioni di utilizzo previste e una fase successiva dove verrà realizzato il MIIC nella sua versione definitiva secondo le esigenze operative dell intera strategia i-mobility. Il progetto, come previsto in release 1, prevede la realizzazione di una infrastruttura tecnologica ed applicativa che ha lo scopo di raccogliere le informazioni provenienti da diverse fonti, informazioni riguardanti il posizionamento dei mezzi, lo stato dei parcheggi e la presenza di eventuali emergenze. Il MIIC ha altresì il compito di fornire tali informazioni, integrate con altri dati regionali, sia ai propri operatori che a particolari categorie di Enti che ne facciano richiesta, anche tramite un accesso via web service. Figura 2 - Contesto operativo e infrastruttura tecnologica a supporto nel MIIC release1 MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 7 di 37

8 La figura seguente rappresenta schematicamente le interfacce di integrazione con il MIIC, indicate con le sigle I1-I7, sia per la produzione di informazioni sia per la consultazione delle stesse. I componenti logici del sistema MIIC coinvolti nel processi di integrazione sono indicati con le sigle C1-C8. Figura 3 - Contesto operativo e componenti architettura software Gli attori potenzialmente coinvolti nei flussi di informazioni da e verso il MIIC sono di fatto tutte le tipologie di fornitori/fruitori previsti in i-mobility. In particolare, i gestori di sale di controllo (Autostrade, Aeroporti, Autorità portuali, ecc.), i gestori di flotte di trasporto (Aziende di TPL, Trenitalia, ecc.), e i gestori di flotte di servizio (Vigili urbani, ecc.). Gli attori fornitori di informazioni verso il MIIC sono costituiti da: Mezzi localizzati Mezzi dotati di apparato satellitare per la determinazione della posizione; tali mezzi comunicheranno direttamente con il MIIC ed apparterranno ad Enti/Aziende che non sono in possesso di una sala operativa propria. Il terminale di bordo del mezzo MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 8 di 37

9 localizzato (AVM), tramite un opportuno adattatore di protocollo, realizzato dal fornitore AVM, userà l'interfaccia I6 per la comunicazione dei dati di posizione. Qualora l apparato di bordo lo consenta, sono rese disponibili, nell ambito della interfaccia I6, anche funzioni per la notifica delle emergenze verso la Sala Operativa MIIC e per la ricezione dei dati di configurazione (frequenza di localizzazione), provenienti, quest ultimi, dalla Sala Operativa MIIC. Mezzi localizzati TPL Il Mezzo localizzato TPL costituisce una specializzazione rispetto all attore precedente, in quanto effettua un servizio pubblico programmato che richiede il rilevamento dei tempi di ritardo rispetto alla pianificazione delle corse. Questa tipologia di mezzo avrà a disposizione anche funzionalità per la notifica dell eventuale ritardo del mezzo, oltre ad altre caratteristiche della corsa pianificata (ad esempio, identificativo della prossima fermata e tempo stimato di raggiungimento). Si precisa che interfacce per la notifica del ritardo e dei dati identificativi della corsa saranno disponibili anche verso le Sale Operative esterne, qualora il gestore del servizio TPL abbia centralizzato tutte le informazioni relative alle corse della propria flotta, che, pertanto, potrebbero non essere note al singolo apparato di bordo. Sale operative di altri Enti/Aziende Questi attori, che alimenteranno il MIIC attraverso l interfaccia I7, implementata in architettura WEB Service CART, sono costituiti da: - aziende TPL; - gestori ferroviari; - gestori autostradali; - gestori linee aeree; - gestori linee navali; - gestori di parcheggi; - enti preposti alla gestione e segnalazione delle emergenze. Gli attori fruitori delle informazioni del MIIC sono costituiti da: Operatori del MIIC Accedono a tutte le funzionalità del MIIC attraverso l interfaccia I2. Sono definiti diversi profili di accesso alle funzionalità del Sistema da parte degli Operatori, secondo i privilegi loro assegnati. Utenti esterni Sala Operativa MIIC Questo attore rappresenta gli utenti appartenenti alle aziende o enti che, pur dotati di una propria flotta di mezzi, non hanno una propria Sala Operativa ed utilizzano la Sala Operativa MIIC. L interfaccia d riferimento è la I1, implementata attraverso un applicativo specifico che espone le MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 9 di 37

10 funzionalità di Sala Operativa identificate per questo profilo di utenti. Tale utente avrà accesso solo ai dati di pertinenza dell'ente di appartenenza. Altri applicativi regionali L attore rappresenta gli altri sistemi informativi, in particolare altri applicativi regionali, che accederanno al MIIC per sola consultazione attraverso interfacce programmative e servizi, rappresentate in figura dall interfaccia I3. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 10 di 37

11 3 INTEROPERABILITÀ MIIC / ENTI FEDERATI La figura seguente schematizza la catena software che rende possibile la interoperabilità tra la Sala Operativa MIIC e gli Enti Federati. Enti Federati Enti Federati Enti Federati Componenti client MIIC Web Services Messaggi applicativi (Anagrafiche) Flussi DATEX (Dati massivi) MIIC Web Services su CART Infrastruttura CART MIIC Web Services Applicazione MIIC DB MIIC Figura 4- Schema Interoperabilità MIIC / Enti Federati MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 11 di 37

12 L applicazione MIIC espone una serie di servizi sotto forma di Web Services ad uso degli enti federati. I Web Services MIIC vengono pubblicati nella infastruttura CART che funziona da centralizzatore dei servizi applicativi per la Regione Toscana. Gli enti federati accedono ai Web Services MIIC esposti su CART utilizzando componenti software in grado di colloquiare con essi. Queste componenti sono la controparte Client dei Web Services la cui gestione e sviluppo è a carico degli enti stessi. L applicazione MIIC espone due tipologie di Web Services: web service a Messaggi Applicativi, utilizzati per scambi puntuali di dati statici come, per esempio, dati anagrafici di varia natura; web service a Flussi DATEX II, utilizzati per l invio massivo e periodico dii dati dinamici (per esempio: emergenze). Per le aree funzionali Parcheggi e Sensori Traffico, l applicazione MIIC espone solo web services a Flussi DATEX II, utilizzati per l invio massivo e periodico dei dati dinamici relativi allo stato di occupazione dei parcheggi e i dati di rilevamento dei sensori traffico. 3.1 Scambio Flussi Datex II Per il necessario approfondimento relativo allo standard DATEX II si rimanda alla lettura della documentazione ufficiale disponibile al sito: con particolare riferimento alla User Guide DATEX II disponibile all indirizzo: es/datexiiv1.0-userguide_v1.0.pdf. I flussi DATEX II sono costituiti dai cosiddetti PayloadPublication. Un PayloadPublication datex in termini meno tecnici può essere considerato un MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 12 di 37

13 contenitore di notizie dove ogni singola notizia costituisce un singolo Record del Payload. Fisicamente, una comunicazione in DATEX II si attua con lo scambio di un flusso di dati ben formati secondo lo standard XML e validi secondo lo schema di riferimento D2LogicalModel.xsd o ad una sua derivazione per semplificazione. Nei contesti operativi MIIC Parcheggi e Sensori Traffico il modello di interoperabilità secondo lo scambio di flussi DATEX II viene utilizzato per l invio massivo di dati dello stato dei parcheggi e dei rilevamento dei sensori I web services implementati da MIIC per la ricezione dei flussi DATEX II da parte degli enti federati, dal punto di vista della terminologia W3C appartengono alla categoria Request-response (rif. dal punto di vista della terminologia e dell architettura DATEX II sono web services che implementano la modalità Push Exchanges Modalità Push Exchanges Come descritto nelle specifiche tecniche di interscambio DATEX II, la modalità Push vede il fornitore dei dati (Supplier) in veste di Client del web service Datex; viceversa il destinatario dei Dati (Client) è colui che espone il web service Datex. Si prevede quindi che l iniziatore dello scambio dati sia il Supplier secondo le politiche di invio dei dati prescelte (una tantum o periodico), mentre il Client deve essere (potenzialmente) in ascolto sulla porta da cui espone il web service. Uno scambio preventivo di dati, denominato Keep Alive viene inviato dall iniziatore per verificare l effettiva disponibilità della porta di ascolto del destinatario. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 13 di 37

14 4 DATA MODEL DATEX II Il data model Datex II è costituito da complessa gerarchia di elementi la cui radice è rappresentata dall elemento D2LogicalModel. La figura seguente presenta la notazione UML della radice D2LogicalModel e degli elementi del livello immediatamente successivo nella gerarchia: Figura 5 Elementi D2LogicalModel, PayloadPublication e Exchange MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 14 di 37

15 4.1 Elementi comuni Elemento PayloadPublication Figura 6 Dettaglio elemento PayloadPublication La validazione DATEX II considera i seguenti attributi di PayloadPublication obbligatori: publicationtime : date e ora di publicazione. publicationcreator o o country: identificativo dell Italia da estrarre da CountryEnum nationaidentifier: identificativo dell ente federato che genera il flusso di pubblicazione (convenzione da stabilire con Sala Operativa MIIC) Elemento Exchange Exchange è un elemento comune a qualsiasi tipo di payload DATEX II e viene utilizzato per la definizione del protocollo di interscambio tra Supplier (fornitore dei dati) e Client (destinatario dei dati). MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 15 di 37

16 Figura 7 Dettaglio elemento Exchange La validazione DATEX II considera l elemento Exchange obbligatorio. Per l uso contestuale al MIIC sarà sufficiente valorizzare i seguenti attributi: clientidentification: identificativo del destinatario del flusso (in questo caso, per esempio Sala Operativa MIIC ), supplieridentification : (può coincidere con publicationcreator) o o country: identificativo dell Italia da estrarre da CountryEnum nationaidentifier: identificativo dell ente federato che produce i dati (convenzione da stabilire con Sala Operativa MIIC). KeepAlive : è un valore booleano (true / false) che specifica il tipo di interazione in atto. Se viene valorizzato a True (1) significa che l interazione è volta a verificare la disponibilità del servizio (caso Push Exchange, vedere più avanti in questo documento). Se viene valorizzato a False (0) significa che l interazione è volta all invio di un flusso di dati. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 16 di 37

17 4.2 Elementi utilizzati per Gestione Parcheggi Elemento SituationPublication Per la gestione parcheggi sarà utilizzata la PayloadPublication di tipo SituationPublication. Figura 8 Tipologie di PayloadPublication Il seguente diagramma UML rappresenta le classi che ereditano da PayloadPubblication. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 17 di 37

18 Figura 9 Diagramma delle classi che ereditano da PayloadPublication. Per i parcheggi si utilizzerà la classe specializzata SituationPublication. Come si vede dalla seguente figura la classe SituationPublication aggrega l elemento Situation il quale, a sua volta, aggrega l elemento SituationRecord. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 18 di 37

19 Figura 10 - Diagramma delle classi aggregate a PayloadPublication. Ciò che interessa sapere di questo diagramma è che Situation rappresenta un contenitore di SituationRecord e che ogni SituationRecord può essere esteso in svariate tipologie di classi Elemento HeaderInformation La validazione DATEX II considera inoltre l elemento HeaderInformation di una Situation obbligatorio. Per l uso contestuale al MIIC sarà sufficiente valorizzare i seguenti attributi di HeaderInformation: confidentiality : parametro di tipo ConfidentialityValueEnum. Per parcheggi viene utilizzato il valore norestriction. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 19 di 37

20 informationstatus : parametro di tipo InformationStatusEnum. Per parcheggi viene utilizzato il valore real Elemento SituationRecord SituationRecord è la superclasse da cui ereditano tutte le classi specializzate per trattare svariate tipologie di eventi e/o emergenze riguardanti la viabilità. SituationRecord rappresenta il fattore comune di tutte le sue specializzazioni e, in quanto tale, la sua struttura prevede una serie di dati considerati obbligatori per la validazione DATEX II. Figura 11 Dettaglio SituationRecord probabilityofoccurrence : parametro di tipo ProbabilityOfOccurrenceEnum. Per parcheggi viene utilizzato il valore certain. situationrecordcreationtime : data e ora della creazione del flusso datex (obbligatorio). situationrecordfirstsupplierversiontime : data e ora della eventuale prima osservazione della rilevazione nel caso in cui i dati subiscano una elaborazione tra la fonte primaria a chi genera il flusso datex. (se assente valorizzare con il valore di situationrecordcreationtime). MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 20 di 37

21 situationrecordversion : versione del record (non gestito per parcheggi). Valore numerico fisso a 1. situationrecordversiontime : data e ora della versione del record (se assente valorizzare con il valore di situationrecordcreationtime). Validity : elemento aggregato di tipo Validity. E obbligatorio il parametro validitystatus di tipo ValidityStatusEnum. GroupOfLocations : lista di elementi aggregati di tipo Location Specializzazioni di SituationRecord Figura 12 Specializzazioni di SituationRecord. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 21 di 37

22 Per i dati specifici della gestione parcheggi viene utilizzata una specializzazione di SituationRecord che appartiene alla categorie NonRoadEventInformation. Il situationrecord di tipo NonRoadEventInformation, a sua volta prevede una ulteriore specializzazione in tre diverse tipologie. Figura 13 Specializzazioni di NonRoadEventInformation Elemento CarParks CarParks è la specializzazione di SituationRecord che, secondo le intenzioni del consorzio DATEX II, è destinata a raccogliere dati riguardanti i parcheggi e, come tale, vine utilizzata nel contesto MIIC. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 22 di 37

23 Figura 14 Dettaglio di CarParks Secondo le specifiche DATEX II i dati che si trovano in CarParks, ad eccezione dell identificativo carparkidentity, sono facoltativi. Nello specifico del MIIC i dati da ritenere obbligatori per un invio significativo sono i seguenti: carparkidentity : identificativo del parcheggio. Deve essere un codice di riconoscimento univoco censito nella anagrafica parcheggi del DB MIIC. carparkstatus: parametro di tipo CarParkStatusEnum. numberofvacantparkingspaces : numero di posti liberi. occupiedspaces : numero di posti occupati totalcapacity : numero di posti totali Gli altri dati sono considerati facoltativi: carparkconfiguration : parametro di tipo CarParkConfigurationEnum. carparkoccupancy : valore percentuale degli posti occupati exitrate: numero di veicoli in uscita per ora fillrate: numero di veicoli in entrata per ora queueingtime : tempo di attesa MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 23 di 37

24 4.2.6 Esempio di tracciato XML per gestione Parcheggi A titolo di esempi s allega un tracciato DATEX II di esempio con un record di tipo CarPArks. <?xml version="1.0" encoding="utf-8" standalone="yes"?> <d2logicalmodel xmlns="http://datex2.eu/schema/1_0/1_0"> <exchange> <supplieridentification> <country>it</country> <nationalidentifier>comune di Livorno</nationalIdentifier> </supplieridentification> </exchange> <payloadpublication xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xsi:type="situationpublication"> <publicationtime> t10:25:00+01:00</publicationtime> <situation> <headerinformation> <confidentiality>norestriction</confidentiality> <informationstatus>real</informationstatus> </headerinformation> <situationrecord xsi:type=" CarParks " id="648efe72-e946-44da-b2c6-883ad0548c21"> <situationrecordcreationtime> t10:25:00+01:00</situationrecordcreationtime> <situationrecordobservationtime> t10:25:00+01:00</situationrecordobservationtime> <situationrecordversion>1</situationrecordversion> <situationrecordfirstsupplierversiontime> T10:25:00+01:00</situationRecordFirstSupplierVersionTime> <probabilityofoccurrence>certain</probabilityofoccurrence> <validity> <validitystatus>active</validitystatus> <validitytimespecification> <overallstarttime> t10:25:01+01:00</overallstarttime> </validitytimespecification> </validity> <groupoflocations> <locationcontainedingroup xsi:type="point"> <pointbycoordinates> <pointcoordinates> <latitude>99.99</latitude> <longitude>99.99</longitude> </pointcoordinates> </pointbycoordinates> </locationcontainedingroup> </groupoflocations> <CarParkConfigurationEnum>singleLevel<CarParkConfigurationEnum /> <carparkidentity/> <carparkidentity/> <carparkoccupancy/>45<carparkoccupancy/> <carparkstatus/>enoughspacesavailable <carparkstatus/> <exitrate/>20<exitrate/> <fillrate/>15<fillrate/> <numberofvacantparkingspaces/>150<numberofvacantparkingspaces/> <occupiedspaces/>135<occupiedspaces/> <queueingtime/>0<queueingtime/> <totalcapacity/>285<totalcapacity/> </situationrecord> </situation> </payloadpublication> </d2logicalmodel> MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 24 di 37

25 4.3 Elementi utilizzati per Sensori Traffico Elemento MeasuredDataPublication Per la gestione Sensori Traffico sarà utilizzata la PayloadPublication di tipo MeasuredDataPublication. Figura 15 Tipologie di PayloadPublication Il seguente diagramma UML rappresenta il dettaglio di MeasuredDataPubblication. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 25 di 37

26 Figura 16 Dettaglio MeasuredDataPublication measurementsitetablereference : descrizione della tabella di sensori di riferimento. Deve essere un codice di riconoscimento univoco censito nella anagrafica sensori del DB MIIC. SiteMeasurements : aggregato di elementi MeasuredValue (almeno uno). Contiene i seguenti attributi obbligatori per la validazione DATEX II: o measurementsitereference : identificativo del sensore. Deve essere un codice di riconoscimento univoco censito nella anagrafica sensori del DB MIIC. o o measurementtimedefault : data e ora del rilevamento. MeasuredValue(index) : elemento indicizzato contentente i dati di rilevamento dell apparato sotto forma di (almeno uno o più) specializzazioni di BasicDataValue. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 26 di 37

27 4.3.2 Elemento TrafficValue Figura 17 Dettaglio elemento TrafficValue L elemento TrafficValue è una specializzazione dell elemento astratto BasicDataValue. Le validazioni DATEX II per le strutture di MeasuredDataPublication sono piuttosto elastiche. Fatta eccezione per i vincoli numerici rispetto alle occorrenze di MeasuredValue in SiteMeasurements e di BasicDataValue in MeasuredValue (almeno una occorrenza di MeasuredValue in SiteMeasurements e almeno una occorrenza di MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 27 di 37

28 BasicDataValue in MeasuredValue) non esistono altri elementi o attributi di elementi obbligatori. Nel contesto della gestione sensori stradali MIIC si ritiene però necessario fare riferimento agli elementi evidenziati nella figura precedente (TrafficHeadway, TrafficFlow, TrafficSpeed, TrafficConcentration) come base per la interoperabilità Enti / MIIC relativamente ai dati provenienti dagli apparati di rilevamento del traffico stradale real time Elemento TrafficHeadway Contiene di dati relativi alla densità del traffico. averagedistanceheadway : distanza media tra veicoli averagetimeheadway : intervallo di tempo medio tra un transito e il successivo Elemento TrafficFlow Contiene di dati relativi ai volumi di traffico. axleflow : transiti di assi per ora. pcuflow: transiti di veicoli passeggeri per ora. percentagelongvehicles : percentuale di veicoli pesanti. vehiclesflow : transiti (tutti i veicoli) per ora Elemento TrafficSpeed Contiene di dati relativi alla velocità del traffico. averagevehiclespeed : velocità media di transito dei veicoli Elemento TrafficConcentration Contiene di dati relativi alla concentrazione del traffico. concentration : numero di veicoli per chilometro. occupancy : percentuale di occupazione della strada. MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 28 di 37

29 4.3.7 Esempio di tracciato XML per gestione Sensori Traffico A titolo di esempi s allega un tracciato DATEX II di esempio con un payload di tipo MeasuredDataPublication. <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <d2logicalmodel xmlns:xsd="http://www.w3.org/2001/xmlschema" modelbaseversion="1.0" xmlns="http://datex2.eu/schema/1_0/1_0" xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xsi:schemalocation="http://datex2.eu/schema/1_0/1_0 <exchange xmlns="http://datex2.eu/schema/1_0/1_0"> <supplieridentification> <country>se</country> <nationalidentifier>sra</nationalidentifier> </supplieridentification> </exchange> <payloadpublication xsi:type="measureddatapublication" lang="se" xmlns="http://datex2.eu/schema/1_0/1_0"> <publicationtime> t14:08: :00</publicationtime> <publicationcreator> <country>se</country> <nationalidentifier>sra</nationalidentifier> </publicationcreator> e> <measurementsitetablereference>se_sra_measurementsites_gbg_2006_1</measurementsitetablereferenc <headerinformation> <confidentiality>norestriction</confidentiality> <informationstatus>real</informationstatus> </headerinformation> <sitemeasurements> <measurementsitereference>se_sra_mpoint_gbg701</measurementsitereference> <measurementtimedefault> t14:07:07</measurementtimedefault> <measuredvalue index="1"> <basicdatavalue xsi:type="trafficspeed"> <numberofinputvaluesused>35</numberofinputvaluesused> <vehiclecharacteristics> <vehicletype>anyvehicle</vehicletype> </vehiclecharacteristics> <averagevehiclespeed>58</averagevehiclespeed> </basicdatavalue> </measuredvalue> <measuredvalue index="2"> <basicdatavalue xsi:type="trafficflow"> <numberofinputvaluesused>35</numberofinputvaluesused> <vehiclecharacteristics> <vehicletype>anyvehicle</vehicletype> </vehiclecharacteristics> <vehicleflow>2100</vehicleflow> </basicdatavalue> </measuredvalue> <measuredvalue index="3"> <basicdatavalue xsi:type="trafficconcentration"> <numberofinputvaluesused>35</numberofinputvaluesused> <vehiclecharacteristics> <vehicletype>anyvehicle</vehicletype> </vehiclecharacteristics> <occupancy>11.76</occupancy> </basicdatavalue> </measuredvalue> <measuredvalue index="4"> <basicdatavalue xsi:type="trafficheadway"> MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 29 di 37

30 <numberofinputvaluesused>35</numberofinputvaluesused> <vehiclecharacteristics> <vehicletype>anyvehicle</vehicletype> </vehiclecharacteristics> <averagetimeheadway>3.36</averagetimeheadway> </basicdatavalue> </measuredvalue> </sitemeasurements> </payloadpublication> </d2logicalmodel> MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 30 di 37

31 5 INTERFACCE WEB SERVICES Come anticipato nel paragrafo introduttivo, MIIC espone la seguente tipologia di web services per l interscambio di dati relativi a Parcheggi e Sensori Traffico: Push Exchange Datex web services : per la ricezione dei flussi DATEX II inviati dagli Enti federati. 5.1 Gestione Parcheggi Push Exchange (flussi Datex) Il servizio esposto da MIIC per questa funzionalità, in ottemperanza con le specifiche di interscambio DATEX II avrà la seguente interfaccia: putdatex2data (D2LogicalModel body) dove: body = parametro di Input/Output di tipo D2LogicalModel conforme allo schema DATEX II. Nella fase di input (percorso dei dati da Ente a MIIC) tale parametro conterrà il flusso DATEX di input comprensivo dell elemento Exchange (vedere paragrafo 4.1.2) e dell elemento PayloadPubblication di tipo SituationPublication (vedere paragrafo 4.2.1) che contiene il payload inviato dall ente a MIIC. Nella fase di output (persorso dei dati da MIIC a Ente) tale parametro conterrà il flusso DATEX di risposta (o notifica di ricevimento) comprensivo dell elemento Exchange. Di tale elemento saranno valorizzati l attributo response (con il alorre acknowledge, se il flusso è stato ricevuto e processato correttamente) e l attributo ClientIdentification con l identificativo della sala operativa MIIC (da stabilire e condividere). Lo scambio vero e proprio di dati può essere anticipato da uno scambio preventivo denominato di Keep Alive per la verifica di disponibilità del servizio MIIC. 5.2 Sensori Traffico Push Exchange (flussi Datex) Il servizio esposto da MIIC per questa funzionalità, in ottemperanza con le specifiche di interscambio DATEX II avrà la seguente interfaccia: MIIC-InteropParcheggi-Sensori-F-1.2 Pag. 31 di 37

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti (integrazione documento) 1 DOCUMENTO:. 1.2 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome firma Verificato da: Approvato da: Area ISIC LISTA

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011 La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech Torino 16/11/2011 Agenda Presentazione Autostrade // Tech Autostrade // Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici e la mobilità urbana Prospettive a livello nazionale

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Roma, 24 luglio 2014 LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Pubblichiamo di seguito un documento dell Agenzia per l Italia Digitale (AGID) che illustra le principali caratteristiche del passaggio alla fatturazione

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop i Gestione XML della Porta di Dominio ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Hello World! 2 3 Configurazione XML della Porta di Dominio 5 3.1 Soggetto SPCoop...................................................

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Best Practice on User Information

Best Practice on User Information Best Practice on User Information Senigallia Italy 16/07/2013 MARCHE REGION Speaker: Gabriele Frigio Marche Region ELETTRONICA E TELEMATICA NELL ORGANIZZAZIONE DEL TPL SU GOMMA Al fine di incentivare l

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Progetto SITR - IDT

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Progetto SITR - IDT DELLA SARDEGNA Progetto SITR - IDT Obiettivi del progetto SITR Scopo dell iniziativa è: realizzare un ambiente nel quale gli attori possano cooperare tra loro ed interagire con la tecnologia alfine di

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2008 Link.it s.r.l. iii COLLABORATORI TITOLO : Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop AZIONE

Dettagli

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia Versione 1.1 Nome doc.: INF-1 Specifiche Interfaccia v1.0.doc Edizione: 1.0 Data emissione: 12/1/2007 INDICE Modifiche

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni Alcune considerazioni nell ambito di un sistema di cooperazione informatico che preveda lo scambio di dati tra due o più organizzazioni. Quando parliamo di un sistema di cooperazione informatico ci riferiamo

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per la Configurazione della Porta di Dominio 1 2.1 Verifica dell applicazione di gestione

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA Ufficio Difesa del Suolo di Potenza SISTEMA FEDERATO DI AUTENTICAZIONE Informatizzazione dell iter procedurale e dei controlli relativi

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Manuale SDK di OpenSPCoop2 i. Manuale SDK di OpenSPCoop2

Manuale SDK di OpenSPCoop2 i. Manuale SDK di OpenSPCoop2 i Manuale SDK di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2013 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 La Personalizzazione del Protocollo di Cooperazione 1 3 Il Software Development Kit 2 3.1 Gestione dei payload.................................................

Dettagli

egovernment Stefano Bucci Un infrastruttura aperta per l integrazione e la cooperazione tra amministrazioni Sales Consultant Manager

egovernment Stefano Bucci Un infrastruttura aperta per l integrazione e la cooperazione tra amministrazioni Sales Consultant Manager egovernment Un infrastruttura aperta per l integrazione e la cooperazione tra amministrazioni Stefano Bucci Sales Consultant Manager Catania, 5 Dicembre 2002 Open e-government Un infrastruttura aperta

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

L Iniziativa egovernment.net per l Italia

L Iniziativa egovernment.net per l Italia L Iniziativa egovernment.net per l Italia Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 1 Porta di Dominio.NET Versione 1.0, Aprile 2002 Soluzioni per l Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa

Dettagli

Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5

Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5 Manuale d'uso e.compliance Versione 0.5 31/12/2007 1 Indice generale Scopo del manuale...5 e.toscana Compliance...6 Introduzione...7 I documenti Request For Comments (RFC) e.toscana...7 Tipologie di RFC...7

Dettagli

Progetto DESTINATION

Progetto DESTINATION CONFERENZA FINALE Progetto DESTINATION TORINO 5 FEBBRAIO 2014 UNA RETE PER IL MONITORAGGIO DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA Fabio Borghetti Politecnico di Milano Luca Bonura 5T S.r.l. I collaboratori

Dettagli

Applicazioni ITS nel TRASPORTO

Applicazioni ITS nel TRASPORTO Applicazioni ITS nel TRASPORTO Comune di Genova Ing. Daniele Villani Direzione Mobilità Uff. Progetti Speciali - Territorio 240 km 2 ; 630.000 abitanti - Area centrale 276.000 abitanti e 28 km 2 di area

Dettagli

Sistema di Interscambio dell Agenzia del Territorio

Sistema di Interscambio dell Agenzia del Territorio PAG. 1 DI 26 Sistema di Interscambio Descrizione dei Servizi Sistema di Interscambio dell Agenzia del Territorio Descrizione dei servizi 26 ottobre 2007 DOC. ES-23-IS-08 PAG. 2 DI 26 Sistema di Interscambio

Dettagli

NGV, dati di traffico, Catasto strade ed Incidentalità

NGV, dati di traffico, Catasto strade ed Incidentalità DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda sessione: DATI E INFORMAZIONI INERENTI I FATTORI DI PRESSIONE SULL AMBIENTE NGV, dati di traffico, Catasto strade ed Incidentalità Regione

Dettagli

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009 Visione Generale Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Premessa... 4 2 Le componenti applicative... 6 2.1 Porta di dominio... 7 2.2 Infrastrutture per la cooperazione... 9 2.2.1 Registro degli Accordi

Dettagli

Monitoraggio della Rete di Assistenza

Monitoraggio della Rete di Assistenza Studio di fattibilità Allegato al Deliverable A Monitoraggio della Rete di Assistenza Fase 1 Anagrafica ASL Comuni assistibili () ESTRATTO Indice del documento A.20 SCOPO DELL APPLICAZIONE...3 A.20.20

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Introduzione 1 2 Modalità d integrazione trasparente 1 3 Modalità d integrazione tramite

Dettagli

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1 i Manuale gestione Porta di Dominio ii Copyright 2005-2008 Link.it srl Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti sono riservati. Non è permesso

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

Consolidamento e sviluppo CART

Consolidamento e sviluppo CART Nome del progetto Consolidamento e sviluppo CART Acronimo del progetto TOSCART Documento Manuale interfaccia monitoraggio Acronimo del documento TOSCART-TEC-INTWEB-PMC Stato del documento Definitivo Versione

Dettagli

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Regione Toscana Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Stato del documento Definitiva Versione del documento 1.8 Data 29/05/13 Documento Acronimo del documento Specifiche

Dettagli

Piattaforma ITS per l infomobilità intermodale interregionale

Piattaforma ITS per l infomobilità intermodale interregionale Programma di cooperazione transfrontaliera Italia/Francia "Marittimo" 2007-2013 Programme de coopération transfrontalière Italie/France "Maritime" Piattaforma ITS per l infomobilità intermodale interregionale

Dettagli

I sistemi di trasporto intelligenti: sperimentazione e innovazione nella Provincia di Livorno

I sistemi di trasporto intelligenti: sperimentazione e innovazione nella Provincia di Livorno I sistemi di trasporto intelligenti: sperimentazione e innovazione nella Provincia di Livorno INNOVAZIONE NON SOLO TECNOLOGICA! La tematica degli Intelligent Trasportation Systems è ampia e declinabile

Dettagli

La Fatturazione Elettronica con la PdD OpenSPCoop

La Fatturazione Elettronica con la PdD OpenSPCoop La Fatturazione Elettronica con la PdD OpenSPCoop del Proxy FatturaPA Link.it v1.0 del 7/11/2014 Indice 1 Premessa...3 2 Il contesto di riferimento...3 3 La Fatturazione Passiva...5 3.1 Scenari di utilizzo...6

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. IBM and Business

Dettagli

Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. Area Servizi ICT

Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. Area Servizi ICT Area Servizi ICT Servizi hosting di Ateneo - Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo Versione 1.1 http://hosting.polimi.it Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica

Dettagli

Ing. Fabio Nussio STA

Ing. Fabio Nussio STA Il progetto HEAVEN, suoi risultati e sviluppi della catena Traffico-Ambiente a Roma Ing. Fabio Nussio STA La S.T.A. S.p.A. ha partecipato in qualità di co-ordinatore e in collaborazione con il Dip. X del

Dettagli

La nostra proposta per il settore ecologia.

La nostra proposta per il settore ecologia. pagina 1 di 10 La nostra proposta per il settore ecologia. Movendo Srl Movendo srl è un'azienda specificamente orientata all'erogazione di servizi per la gestione delle risorse mobili (Mobile Resources

Dettagli

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 09/03/2015. Pagina 2 di 42

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 09/03/2015. Pagina 2 di 42 S-MIP-MRGD-K3-15001 Regole tecniche per l accesso al servizio in cooperazione applicativa tramite tecnologia webservice per la tenuta del registro di carico e scarico latte conservato Indice 1 Introduzione...

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

Mattone 9 Realizzazione del Patient File

Mattone 9 Realizzazione del Patient File Mattone 9 Realizzazione del Patient File Architettura di Cooperazione Roma 19 Giugno 2007 Nolan, Norton Italia Definizione del Fascicolo Sanitario Personale (FaSP) Non qualsiasi raccolta strutturata di

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Progetto di un sistema a norma di legge per la conservazione a lungo termine di documenti elettronici

Progetto di un sistema a norma di legge per la conservazione a lungo termine di documenti elettronici Progetto di un sistema a norma di legge per la conservazione a lungo termine di documenti elettronici Raffaele.Conte@ifc.cnr.it Andrea.Renieri@ifc.cnr.it C Istituto di Fisiologia Clinica Introduzione (1/3)

Dettagli

Architettura CART Versione 3.6 14/09/2010

Architettura CART Versione 3.6 14/09/2010 Versione 3.6 14/09/2010 Indice dei Contenuti 1. PREFAZIONE... 3 2. INTRODUZIONE... 3 3. ARCHITETTURA GENERALE DEL CART... 4 3.1. COMPONENTI DELL ARCHITETTURA E INTERFACCE... 7 3.1.1. Il Registro SICA Secondario...

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari BARI, 28 Maggio 2014 project partners IL PROTOTIPO DI NATIONAL MARITIME

Dettagli

SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE

SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE UNIVOCA DEGLI UFFICI CENTRALI E PERIFERICI, DELLE AMMINISTRAZIONI, DESTINATARI DELLA FATTURAZIONE Indicazioni operative previste dall allegato D al decreto attuativo

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

MANUALE Freight Taxi

MANUALE Freight Taxi MANUALE Freight Taxi UIRNet_USG_FT_REV_B Codice Revisione Data UEJ4DDS10007_LJ4A686DDS11 1 21-02-2013 UIRNet S.p.A. Via F. Crispi 115, 00187 - Roma (IT) contactcenter@uirnet.it www.uirnet.it INDICE 1 Introduzione...

Dettagli

Comune di Milano Piattaforma CRM Ambrogio. Specifiche Funzionali

Comune di Milano Piattaforma CRM Ambrogio. Specifiche Funzionali EMESSO DA: Comune di Milano Piattaforma CRM Ambrogio Specifiche Funzionali REDATTO: (Autore) APPROVATO: TC.MPA.ELSLO TC.MPA.ELSLO (Proprietario) LISTA DI DISTRIBUZIONE: DESCRIZIONE ALLEGATI: Nell indice

Dettagli

Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i. Il Gestore Eventi di OpenSPCoop

Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i. Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i Il Gestore Eventi di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Configurazione di un Servizio SPCoop come Evento gestito dal GE 2 3 Configurazione di un Pubblicatore

Dettagli

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE CONTESTO TERRITORIALE E INDIRIZZI STRATEGICI IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG

Dettagli

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 24/02/2015. Pagina 2 di 41

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 24/02/2015. Pagina 2 di 41 S-MIP-MRGC-K3-15001 Regole tecniche per l accesso al servizio in cooperazione applicativa tramite tecnologia webservice per la tenuta del registro di carico e scarico sostanze zuccherine Indice 1 Introduzione...

Dettagli

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Severoni Francesco Facoltà di Scienze Dipartimento di Informatica Università degli Studi - L Aquila 67100 L Aquila, Italia Argomenti Trattati

Dettagli

1. Caratteristiche generali

1. Caratteristiche generali Allegato 1 (articolo 1, comma 1) ISTRUZIONI TECNICHE DI CUI AL DECRETO N. 108 DEL 11 MAGGIO 2015 1. Caratteristiche generali Premessa Il nucleo informativo dell AIA è costituito dalla Banca Dati Sinistri

Dettagli

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana Nuove soluzioni per la mobilitàurbana I-BUS : Piattaforma di gestione flotte BUS Turistici Firenze 20/04/2012 Agenda Presentazione Autostrade Tech Autostrade Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici

Dettagli

La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI. Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015

La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI. Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015 La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015 Chi è TTS Italia TTS Italia è l Associazione Nazionale per

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ClicLavoro Modelli e regole Gennaio 2012 1 Indice 1 Note generali... 3 1.1 Il Sistema Cliclavoro... 3 1.2 Attori del Sistema Cliclavoro... 4 2 Moduli... 5

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Regole tecniche per l adozione di sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili nel territorio nazionale, in attuazione dell art. 8, comma 1, del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito,

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

FATTURA PA:TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE PASSEPARTOUT

FATTURA PA:TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE PASSEPARTOUT FATTURA PA:TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE PASSEPARTOUT Aggiornato al 23-03-2015 Le fatture emesse nei confronti della Pubblica Amministrazione dovranno essere emesse esclusivamente in forma elettronica:

Dettagli

RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO

RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO 1)d ALLEGATO 14 RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO TRA IL SISTEMA INFORMATICO DEL COMUNE ED IL SISTEMA INFORMATICO DELLA SOCIETA PREPOSTA AL SERVIZIO DI REFEZIONE vers. 2.2 Indice 1. SCOPO

Dettagli

MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI REGOLE TECNICHE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RIFERITI A FATTURE (O RICHIESTE EQUIVALENTI DI PAGAMENTO)

MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI REGOLE TECNICHE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RIFERITI A FATTURE (O RICHIESTE EQUIVALENTI DI PAGAMENTO) PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI REGOLE TECNICHE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RIFERITI A FATTURE (O RICHIESTE EQUIVALENTI DI PAGAMENTO) ART. 7-BIS DECRETO

Dettagli

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Progetto DB Topografico Versione 1.5 Data 29/05/2014 Sistema Gestione - manuale utente_1_5.doc 1 / 40 Indice generale 1. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO... 3 1.1 OBIETTIVI

Dettagli

Integrazione tecnologica dei servizi di trasporto pubblico locale con le ICT: sfide, contesti marginali e strategie.

Integrazione tecnologica dei servizi di trasporto pubblico locale con le ICT: sfide, contesti marginali e strategie. Integrazione tecnologica dei servizi di trasporto pubblico locale con le ICT: sfide, contesti marginali e strategie. Relatori: dott. Ivan Fava arch. Cecilia Pavan Servizio Trasporto Pubblico Locale Direzione

Dettagli

La Fatturazione Elettronica verso la PA

La Fatturazione Elettronica verso la PA La Fatturazione Elettronica verso la PA Con la presente comunicazione vogliamo condividere le principali novità relative alla Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione, i possibili scenari

Dettagli

ECOfinder LA SOLUZIONE SOFTWARE PER I SERVIZI DI IGIENE URBANA

ECOfinder LA SOLUZIONE SOFTWARE PER I SERVIZI DI IGIENE URBANA ECOfinder LA SOLUZIONE SOFTWARE PER I SERVIZI DI IGIENE URBANA TELLUS opera dal 1997 nel settore dei Sistemi Informativi Territoriali (Geographic Information Systems) attraverso la progettazione e lo sviluppo

Dettagli

Cube è usato in più di 2000 città e 70 paesi nel mondo. Cube si fonda su più di 25 anni di ricerca, sviluppo e applicazione.

Cube è usato in più di 2000 città e 70 paesi nel mondo. Cube si fonda su più di 25 anni di ricerca, sviluppo e applicazione. brochure tecnica di cube Cube è la suite di modellazione dei trasporti più popolare del mondo. Cube è il sistema più completo e diffuso sistema per l analisi dei sistemi di trasporto nel mondo. Con Cube

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Olga RENDA (*), John FAVARO (**), Thomas USLÄNDER (***), Ralf DENZER (****) (*) Intecs S.p.A., Pisa, Italy, Tel.

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI IN COOPERAZIONE APPLICATIVA TRAMITE LA TECNOLOGIA WEB SERVICE

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI IN COOPERAZIONE APPLICATIVA TRAMITE LA TECNOLOGIA WEB SERVICE Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML Introduzione L applicazione EXPLOit gestisce i contenuti dei documenti strutturati in SGML o XML, utilizzando il prodotto Adobe FrameMaker per

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Release Notes di OpenSPCoop2 iii Indice 1 Versione 2.1 1 1.1 Gestione del protocollo

Dettagli

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE )

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) ALLEGATO 4 PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) INTERCONNESSIONE TRA IL CED INTERFORZE E GLI OPERATORI DI TELEFONIA PER LA FORNITURA

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.0 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD Pag. 2 di 14 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI RICHIESTA DI ATTIVAZIONE E REVOCA

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011. Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l.

2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011. Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l. 2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011 Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l. Il progetto 2G è il nome della piattaforma che consentirà l evoluzione tecnologica

Dettagli

OnLine Italiano Manuale dell utente

OnLine Italiano Manuale dell utente OnLine Italiano Manuale dell utente Versione documentazione: ITA2005-a Informazioni sul Copyright Il software descritto in questo documento e tutti i dati inclusi nel pacchetto di installazione sono forniti

Dettagli

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Mario Ciampi

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PORTALE DEI SERVIZI TELEMATICI PER IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Documentazione Servizi Web Versione 1.16 VER. MOTIVO/RIFERIMENTO 1.0 Prima emissione

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SDICOOP - TRASMISSIONE. Pag. 1 di 18 VERSIONE 1.1

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SDICOOP - TRASMISSIONE. Pag. 1 di 18 VERSIONE 1.1 ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SDICOOP - TRASMISSIONE VERSIONE 1.1 Pag. 1 di 18 INDICE 1. Glossario... 3 2. Il servizio SDICoop - Trasmissione... 5 3. Il web-service SdIRiceviFile... 8 3.1.1 Operazione RiceviFile...

Dettagli

Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth

Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth I protocolli di service discovery permettono a dispositivi ed applicazioni di cercare servizi offerti da altri dispositivi ed applicazioni. Per servizio si intende

Dettagli