Informativa al pubblico - Pillar III -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informativa al pubblico - Pillar III -"

Transcript

1 Informativa al pubblico - Pillar III -

2 Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni relative ai portafogli assoggettati al metodo standardizzato...11 Tavola 4 - Tecniche di attenuazione del rischio...12 Tavola 5 - Operazioni di cartolarizzazione...13 Tavola 6 - Rischio di tasso di interesse sulle posizioni incluse nel portafoglio immobilizzato...14 Tavola 7 - in strumenti di capitale - Informazioni sulle posizioni incluse nel portafoglio immobilizzato

3 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216/96 7 aggiornamento del 9/7/2007 Capitolo V, Sezione XII prevede per gli intermediari finanziari iscritti nell Elenco Speciale di cui all art. 107 del TUB specifici obblighi di pubblicazione periodica delle informazioni relative all adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all identificazione, alla misurazione e alla gestione di tali rischi. Il presente documento, articolato in 7 Tavole, illustra le informazioni di natura quantitativa e qualitativa così come previste dalla normativa. VFS Servizi Finanziari S.p.A. pubblica con cadenza annuale l informativa al pubblico sul proprio sito internet 2

4 Tavola 1 Adeguatezza patrimoniale Descrizione dell informazione Informativa qualitativa (a) Il Consiglio di Amministrazione di VFS Servizi Finanziari S.p.A. (anche VFS o la Società ) ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali sono indicate le metodologie e gli strumenti per la loro rilevazione, misurazione, gestione e controllo. In ottemperanza a quanto stabilito dalla Circolare di Banca d Italia n. 216/1996, la Società ha tenuto conto del principio di proporzionalità nelle valutazione dell adeguatezza del proprio capitale interno. Data l appartenenza di VFS alla classe 3 e in virtù del suddetto principio di proporzionalità, il Capitale Interno Complessivo è stato calcolato secondo il c.d. "approccio a blocchi (Building-block approach)" che consiste nel sommare ai requisiti regolamentari a fronte dei rischi di Primo Pilastro (Credito, Operativo) l eventuale Capitale Interno relativo agli altri rischi rilevanti o di Secondo Pilastro (Concentrazione, Tasso d interesse, Liquidità, Reputazionale, Strategico). In particolare, per i rischi di Primo Pilastro rilevati dalla Società, VFS ha quantificato il capitale interno attuale adottando il Metodo Standardizzato a fronte del Rischio di Credito e il Metodo di Base a fronte del Rischio Operativo. Per i rischi di Secondo Pilastro, la Società ha utilizzato gli strumenti e le metodologie di misurazione nonché i presidi organizzativi e di controllo descritti nelle politiche di gestione dei rischi approvate dal Consiglio di Amministrazione. Nella determinazione del capitale interno prospettico per ciascuno dei rischi di Primo e Secondo Pilastro identificati, VFS ha considerato le ipotesi e le informazioni ricomprese nel piano strategico approvato dal Consiglio di Amministrazione. Infine, tali misure sono state confrontate con il Patrimonio di Vigilanza al 31 dicembre Il Capitale Interno Complessivo di VFS è quasi interamente generato dal calcolo del requisito patrimoniale a fronte del Rischio Credito. Sia in ottica prospettica, sia a seguito delle prove di stress, VFS risulta essere sufficientemente patrimonializzata. Informativa quantitativa b) Al 31 dicembre 2009, il Capitale Interno a fronte del rischio di credito risulta pari a , come di seguito dettagliato: verso enti territoriali verso imprese e altri soggetti Crediti commerciali acquistati verso imprese (factoring) al dettaglio (retail) scadute (past due loans) Altre esposizioni c) La Società non risulta esposta ai rischi di mercato, atteso che la stessa non detiene strumenti finanziari né può detenere in portafoglio titoli e valori mobiliari. d) Il Capitale Interno a copertura del Rischio Operativo risulta pari a e) La sotto riportata tabella reca dettaglio del Patrimonio di Vigilanza al 31 dicembre PATRIMONIO DI BASE Capitale Sociale Riserve Utile d'esercizio Riserve per transazione IAS TOTALE ELEMENTI POSITIVI PATRIMONIO DI BASE

5 Avviamento Azioni proprie Immobilizzazioni immateriali nette Filtri prudenziali negativi Patrimonio di Base TOTALE ELEMENTI NEGATIVI PATRIMONIO DI BASE PATRIMONIO SUPPLEMENTARE Ris. Riv. Terreno L.266/ PATRIMONIO DI VIGILANZA f) Al 31 dicembre 2009, sono stati calcolati i seguenti coefficienti: - Coefficiente patrimoniale di base (Tier 1 Capital Ratio) 10,03% - Coefficiente patrimoniale totale 10,30% Note: Il coefficiente patrimoniale totale è dato dal rapporto tra Patrimonio di Vigilanza e attivo ponderato, mentre il coefficiente patrimoniale di base è dato dal rapporto tra Patrimonio base di Vigilanza e attivo ponderato. Nell attivo ponderato si considera il solo rischio di credito (con esclusione quindi del rischio operativo). g) Al 31 dicembre 2009, nel Patrimonio di Vigilanza non figurano elementi patrimoniali qualificabili come di Terzo Livello. 4

6 Tavola 2 Rischio di credito: informazioni generali INFORMATIVA QUALITATIVA Tavola 2 - Sez. A i. le definizioni di crediti scaduti e deteriorati utilizzate a fini contabili. Le definizioni di crediti scaduti e deteriorati utilizzate a fini contabili coincidono con quelle di vigilanza. Le attività deteriorate corrispondono alla somma di sofferenze, incagli, attività ristrutturate e attività scadute. ii. la descrizione delle metodologie adottate per determinare le rettifiche di valore. Ad ogni chiusura di bilancio o di situazione infrannuale viene effettuata una ricognizione dei crediti volta ad individuare quelli che, a seguito del verificarsi di eventi occorsi dopo la loro iscrizione, mostrino oggettive evidenze di una possibile perdita di valore legate ad evidenze sintomatiche dello stato di deterioramento della solvibilità del debitore stesso. Nell ambito del processo di attribuzione dello status di sofferenza, incaglio, scaduto o ristrutturato secondo le attuali regole di Banca d Italia, tali crediti deteriorati (non performing) sono oggetto di un processo di valutazione individuale finalizzato alla determinazione dell ammontare della rettifica di valore di ciascun credito pari alla differenza tra il valore di bilancio dello stesso al momento della valutazione (costo ammortizzato) ed il valore attuale dei previsti flussi di cassa futuri, calcolato applicando il tasso di interesse effettivo originario. I flussi di cassa previsti tengono conto dei tempi di recupero attesi, del presumibile valore di realizzo delle eventuali garanzie, e del bene per le operazioni di locazione finanziaria, nonché dei costi che si ritiene verranno sostenuti per il recupero dell esposizione creditizia. La rettifica di valore è iscritta a conto economico. I crediti per i quali non sono state individuate singolarmente evidenze oggettive di perdita e cioè, di norma, i crediti in bonis sono sottoposti alla valutazione di una perdita di valore collettiva. Tale valutazione avviene per categorie di crediti omogenee in termini di rischio di credito e le relative percentuali di perdita sono stimate tenendo conto di serie storiche, fondate su elementi osservabili alla data della valutazione, che consentano di stimare il valore della perdita latente in ciascuna categoria di crediti. Le rettifiche di valore determinate collettivamente sono imputate nel conto economico. Ad ogni data di chiusura del bilancio e delle situazioni infrannuali le eventuali rettifiche aggiuntive o riprese di valore vengono ricalcolate in modo differenziale con riferimento all intero portafoglio di crediti in bonis alla stessa data. 5

7 INFORMATIVA QUANTITATIVA Tavola 2 - Sez. B creditizie lorde relative al periodo di riferimento, distinte per principali tipologie di esposizione e di controparte* creditizie per tipo controparte: LORDE Sofferenze Incagli ristrutturate scadute Altre attività 1. Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie al fair value Attività finanziarie disponibili per la vendita 4. Attività finanziarie detenute sino alla scadenza 5. Crediti verso banche Crediti verso enti finanziari Crediti verso clientela Attività finanziarie valutate al fair value Attività finanziarie in corso di dismissione Derivati di copertura Importi in Euro creditizie per tipo controparte: NETTE Sofferenze Incagli Altre attività ristrutturate scadute 1. Attività finanziarie detenute per la negoziazione 2. Attività finanziarie al fair value Attività finanziarie disponibili per la vendita 4. Attività finanziarie detenute sino alla scadenza 5. Crediti verso banche Crediti verso enti finanziari Crediti verso clientela Attività finanziarie valutate al fair value Attività finanziarie in corso di dismissione 10. Derivati di copertura *L ammontare è al netto delle compensazioni contabili ammesse, ma non tiene conto degli effetti delle tecniche di attenuazione del rischio di credito Importi in Euro 6

8 Tavola 2 - Sez. C Distribuzione per aree geografiche significative delle esposizioni, ripartite per principali tipologie di esposizione e, se necessario, ulteriori dettagli NORD CENTRO SUD ED ISOLE ESTERO Netta Netta Netta Netta LEASING di cui: Sofferenze Incagli ristrutturate scadute ALTRI FINANZIAMENTI di cui: Sofferenze Incagli ristrutturate scadute FACTORING di cui: Sofferenze Incagli ristrutturate scadute Importi in Euro Note: gli importi rappresentati nella tabella di cui sopra differiscono da quelli riportati nelle tabelle precedenti in quanto nella presente tabella non vengono considerati i crediti per contratti in attesa di locazione pari a nonché determinate poste di bilancio non classificabili. 7

9 Tavola 2 - Sez. D Distribuzione per settore economico o per tipo di controparte delle esposizioni, ripartite per principali tipologie di esposizione, e, se necessario, ulteriori dettagli Leasing Altri Finanziamenti Factoring AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE IMPRESE PRODUTTIVE QUASI SOCIETA' NON FINANZIARIE FAMIGLIE PRODUTTRICI RESTO DEL MONDO ALTRI SETTORI Importi NETTI in Euro Tavola 2 - Sez. E Distribuzione per vita residua contrattuale dell intero portafoglio, ripartito per tipologia di esposizione, e, se necessario, ulteriori dettagli Crediti espliciti Leasing Crediti impliciti Altri Finanziamenti Factoring FINO A 3 MESI DA 3 A 6 MESI DA 6 MESI A 1 ANNO DA 1 ANNO A 5 ANNI OLTRE 5 ANNI DURATA INDETERMINATA Importi LORDI in Euro 8

10 Tavola 2 - Sez. F deteriorate e scadute e rettifiche di valore per tipo controparte Per settore economico o tipo di controparte significativi, l ammontare di: I. esposizioni deteriorate e scadute, indicate separatamente; II. rettifiche di valore complessive; III. rettifiche di valore effettuate nel periodo di riferimento. AMMINI- STRAZIONI PUBBLICHE IMPRESE PRODUTTIVE QUASI SOCIETA' NON FINANZIARIE FAMIGLIE PRODUTTRICI RESTO DEL MONDO ALTRI SETTORI TOTALE Rettifiche di valore Rettifiche di valore Rettifiche di valore Rettifiche di valore Rettifiche di valore Rettifiche di valore Rettifiche di valore di cui rettifiche di valore del periodo Sofferenze Incagli ristrutturate scadute Importi in Euro Tavola 2 - Sez. G deteriorate e scadute e rettifiche di valore per area geografica Per aree geografiche significative, l ammontare delle: I. esposizioni deteriorate e scadute, indicate separatamente; II. delle rettifiche di valore relative a ciascuna area geografica. NORD CENTRO SUD ED ISOLE ESTERO Rettifiche di valore Rettifiche di valore Rettifiche di valore Rettifiche di valore SOFFERENZE INCAGLI ESPOSIZIONI RISTRUTTURATE ESPOSIZIONI SCADUTE Importi in Euro 9

11 Tavola 2 - Sez. H Dinamica delle rettifiche di valore complessive Dinamica delle rettifiche di valore complessive a fronte delle esposizioni deteriorate, separatamente per le rettifiche di valore specifiche e di portafoglio. Le informazioni comprendono: I. la descrizione delle modalità di determinazione delle rettifiche di valore; Ad ogni chiusura di bilancio o di situazione infrannuale viene effettuata una ricognizione dei crediti volta ad individuare quelli che, a seguito del verificarsi di eventi occorsi dopo la loro iscrizione, mostrino oggettive evidenze di una possibile perdita di valore legate ad evidenze sintomatiche dello stato di deterioramento della solvibilità del debitore stesso. Nell ambito del processo di attribuzione dello status di sofferenza, incaglio, scaduto o ristrutturato secondo le attuali regole di Banca d Italia, tali crediti deteriorati (non performing) sono oggetto di un processo di valutazione individuale finalizzato alla determinazione dell ammontare della rettifica di valore di ciascun credito pari alla differenza tra il valore di bilancio dello stesso al momento della valutazione (costo ammortizzato) ed il valore attuale dei previsti flussi di cassa futuri, calcolato applicando il tasso di interesse effettivo originario. I flussi di cassa previsti tengono conto dei tempi di recupero attesi, del presumibile valore di realizzo delle eventuali garanzie, e del bene per le operazioni di locazione finanziaria, nonché dei costi che si ritiene verranno sostenuti per il recupero dell esposizione creditizia. La rettifica di valore è iscritta a conto economico. I crediti per i quali non sono state individuate singolarmente evidenze oggettive di perdita e cioè, di norma, i crediti in bonis sono sottoposti alla valutazione di una perdita di valore collettiva. Tale valutazione avviene per categorie di crediti omogenee in termini di rischio di credito e le relative percentuali di perdita sono stimate tenendo conto di serie storiche, fondate su elementi osservabili alla data della valutazione, che consentano di stimare il valore della perdita latente in ciascuna categoria di crediti. Le rettifiche di valore determinate collettivamente sono imputate nel conto economico. Ad ogni data di chiusura del bilancio e delle situazioni infrannuali le eventuali rettifiche aggiuntive o riprese di valore vengono ricalcolate in modo differenziale con riferimento all intero portafoglio di crediti in bonis alla stessa data. II. il saldo iniziale delle rettifiche di valore totali; III. le cancellazioni effettuate nel periodo; IV. le rettifiche di valore effettuate nel periodo; V. le riprese di valore effettuate nel periodo; VI. ogni altro aggiustamento, ad esempio per oscillazioni del cambio, fusioni societarie, acquisizioni e dimissioni di filiazioni, compresi i trasferimenti tra tipi di rettifiche di valore; VII. il saldo finale delle rettifiche di valore totali. Le cancellazioni e le riprese di valore imputate direttamente al conto economico vengono evidenziate separatamente. SPECIFICHE DI PORTAFOGLIO SALDO RETTIFICHE DI VALORE INIZIALI - 31/12/ CANCELLAZIONI EFFETTUATE NEL PERIODO RETTIFICHE DI VALORE EFFETTUATE NEL PERIODO: - SOFFERENZE INCAGLI ESPOSIZIONI RISTRUTTURATE ESPOSIZIONI SCADUTE ESPOSIZIONI IN BONIS - - RIPRESE DI VALORE EFFETTUATE NEL PERIODO: - SOFFERENZE INCAGLI ESPOSIZIONI RISTRUTTURATE ESPOSIZIONI SCADUTE ESPOSIZIONI IN BONIS SALDO RETTIFICHE DI VALORE FINALI - 31/12/ Importi in Euro 10

12 Tavola 3 Rischio di credito: informazioni relative ai portafogli assoggettati al metodo standardizzato Tavola 3 Sez. A INFORMATIVA QUALITATIVA i. denominazione delle agenzie esterne di valutazione del merito di credito e delle agenzie per il credito all esportazione prescelte nonché le ragioni di eventuali modifiche; ii. portafogli regolamentari per i quali ogni agenzia esterna di valutazione del merito di credito o agenzia per il credito all esportazione viene utilizzata; iii. descrizione del processo impiegato per estendere le valutazioni del merito di credito relative all emittente o all emissione ad attività comparabili non incluse nel portafoglio di negoziazione di vigilanza. VFS utilizza la metodologia standardizzata, prevista dalle vigenti Disposizioni di Vigilanza per il calcolo del requisito patrimoniale. Tale metodo prevede: la suddivisione delle esposizioni del portafoglio crediti in diverse classi, a seconda della natura della controparte, delle caratteristiche tecniche del rapporto o delle modalità di svolgimento di quest ultimo; l applicazione a ciascuna classe dei coefficienti di ponderazione previsti dalla normativa e, qualora possibile, anche in funzione di valutazioni del merito creditizio rilasciate da un soggetto terzo riconosciuto dalla Banca d Italia (ECAI). Atteso che le controparti del portafoglio crediti sono costituite in prevalenza da imprese di dimensioni medio-piccole, prive di rating, non è stato possibile applicare le ponderazioni previste in base alla classe di merito di credito corrispondente al rating. Si precisa infine che non sono stati utilizzati strumenti di Credit Risk Mitigation, atteso che nell analisi condotta da VFS Servizi Finanziari, gli stessi non presentano i requisiti di eleggibilità. INFORMATIVA QUANTITATIVA Tavola 3 - Sez. B Distribuzione delle esposizioni per classi di merito creditizio e per classe regolamentare di attività Per ciascun portafoglio regolamentare, i valori delle esposizioni, con e senza attenuazione del rischio di credito, associati a ciascuna classe di merito creditizio nonché i valori delle esposizioni dedotti dal patrimonio di vigilanza. ponderate Capitale Interno verso amministrazioni centrali e banche centrali verso intermediari vigilati verso enti senza scopo di lucro del settore pubblico verso altre istituzioni verso imprese ed altri soggetti Crediti commerciali acquistati verso imprese al dettaglio verso organismi di investimento collettivo del risparmio garantite da immobili Operazioni con ponderazioni particolari: past due Operazioni con ponderazioni particolari: immobilizzazioni materiali Totale Importi in Euro 11

13 Tavola 4 Tecniche di attenuazione del rischio VFS Servizi Finanziari S.p.A. ad oggi non si avvale delle tecniche di attenuazione del rischio di credito di tipo personale o reale così come definite dalla Circolare della Banca d Italia n. 216/96 7 aggiornamento del 9 luglio 2007; per questo motivo non rappresenta le informazioni qualitative e quantitative richieste dalla normativa in vigore. 12

14 Tavola 5 Operazioni di cartolarizzazione VFS Servizi Finanziari S.p.A. non presenta operazioni di cartolarizzazione nel bilancio chiuso al 31/12/2008 e per questo motivo non rappresenta le informazioni qualitative e quantitative richieste dalla normativa in vigore. 13

15 Tavola 6 Rischio di tasso di interesse sulle posizioni incluse nel portafoglio immobilizzato Tavola 6 Sez. A INFORMATIVA QUALITATIVA i. Natura del rischio di tasso di interesse; ii. Ipotesi di fondo utilizzate nella misurazione e gestione del rischio, in particolare relative ai finanziamenti con opzione di rimborso anticipato e alla dinamica dei depositi non vincolati; iii. Frequenza di misurazione di questa tipologia di rischio Il rischio di tasso di interesse è connesso all impatto che una variazione potenziale e sfavorevole dei tassi di interesse può avere sulla struttura finanziaria delle operazioni in essere comprese nel portafoglio immobilizzato e strutturalmente soggette a mismatching fra attivo e passivo. Le fonti di tale rischio sono individuabili principalmente nei processi del Credito, della Raccolta e della Finanza. Nella pianificazione finanziaria delle proprie fonti di approvvigionamento, VFS Servizi Finanziari è tenuta al rispetto della Customer Finance Match Funding Policy emanata dalla capogruppo AB Volvo che ha l intento di minimizzare l esposizione al rischio di liquidità e di tasso di interesse associati ai rispettivi portafogli prestiti. Secondo tale policy di gruppo, ciascuna entità Volvo Financial Services è tenuta ad assicurare pro-tempore il raggiungimento del 100% del matching del portafoglio prestiti, con uno scostamento tollerato del 5%, in più o in meno, con le corrispondenti fonti di finanziamento, sia in termini di tipologia di tassi di interesse applicati (fissi o variabili), sia in termini di scadenze temporali. Tale rapporto viene verificato mensilmente attraverso l utilizzo di uno strumento di analisi fornito dal Gruppo Volvo e riportato alla tesoreria di Gruppo. La quantificazione dell indice di rischiosità a fronte di variazioni del tasso di interesse è stata effettuata sulla base della metodologia prevista dalla Circolare Banca d Italia 216/96 7 aggiornamento del 9/7/2007 Parte Prima, Capitolo V, Sezione XI, allegato M. La Società detiene impieghi e fonti esclusivamente in euro. INFORMATIVA QUANTITATIVA Tavola 6 - Sez. B Variazione del capitale economico nell ipotesi di shock dei tassi Coerentemente con il metodo di misurazione del rischio di tasso di interesse, l aumento/diminuzione degli utili o del capitale economico (o di altri indicatori rilevanti) ripartito per principali valute nell ipotesi di uno shock dei tassi verso l alto e verso il basso. Shock di tasso ipotizzato Aumento/diminuzione del capitale economico Indicatore di rischiosità 200 punti base ,34% 350 punti base ,84% Le risultanze della Duration Gap Analysis nelle ipotesi di shock di tasso esposte e la quantificazione dell indicatore di rischiosità inteso coma rapporto fra la variazione di valore economico aziendale ed il patrimonio di vigilanza hanno restituito valori inferiori alla di soglia di attenzione quindi la Società non ha provveduto ad allocare Capitale Interno a fronte del rischio di tasso. 14

16 Tavola 7 in strumenti di capitale: informazioni sulle posizioni incluse nel portafoglio immobilizzato VFS Servizi Finanziari S.p.A. non esercita attività di merchant banking quindi non ha informazioni qualitative e quantitative da esporre. 15

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014 Informativa al Pubblico Pillar III Report Pillar III Report Informativa al Pubblico Situazione al 31 Dicembre 2014 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2013 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Premessa. Tavola 1 Adeguatezza patrimoniale. Informativa qualitativa

Premessa. Tavola 1 Adeguatezza patrimoniale. Informativa qualitativa INFORMATIVA AL PUBBLICO - Terzo Pilastro di Basilea 2 - Situazione al 31 dicembre 2014 Premessa La Sezione XII Informativa al pubblico Cap. V Vigilanza Prudenziale 9 aggiornamento del 28/02/2008 della

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO

INFORMATIVA AL PUBBLICO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basilea 2 Dati al 31 dicembre 2013 2 INFORMAZIONI GENERALI Denominazione e forma giuridica: Cooperfidi S. C. - Cooperativa Provinciale Garanzia Fidi Società

Dettagli

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA BANCA D ITALIA SERVIZIO INFORMAZIONI SISTEMA CREDITIZIO L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA Roberto Sabatini MILANO, 14 APRILE 2008 1 AMBITO E PRINCIPI DI RIFERIMENTO

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 Informativa al pubblico al 30 settembre 2014 INDICE DEL DOCUMENTO PREMESSA... 3 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 1.1 INFORMAZIONE QUALITATIVA...

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico 31 dicembre 2013 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012

INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012 In ottemperanza alla normative sulla vigilanza prudenziale degli Intermediari finanziari iscritti nell Elenco Speciale di cui all art. 107 del Testo Unico Bancario

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2012 0 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE (CIRC. N. 216 DEL 5 AGOSTO 1996) PILLAR III Situazione al 31/12/2013 Sommario

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2008 Giugno 2009 San Felice 1893 Banca Popolare S.c.p.a. Informativa al Pubblico Pillar 3 Indice Premessa 3 Tavola 1: Requisito informativo

Dettagli

Informativa al pubblico Pillar 3

Informativa al pubblico Pillar 3 Informativa al pubblico Pillar 3 Situazione al 31-12-2012 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 2. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI... 9 3. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI

Dettagli

TERZO PILASTRO DELLA NORMATIVA PRUDENZIALE. INFORMATIVA AL PUBBLICO Data di riferimento: 31 dicembre 2013

TERZO PILASTRO DELLA NORMATIVA PRUDENZIALE. INFORMATIVA AL PUBBLICO Data di riferimento: 31 dicembre 2013 TERZO PILASTRO DELLA NORMATIVA PRUDENZIALE INFORMATIVA AL PUBBLICO Data di riferimento: 31 dicembre 2013 (CIRCOLARE BANCA D ITALIA n. 216/96, 7 AGGIORNAMENTO, SEZIONE XII) AOSTA FACTOR S.p.A. Soggetta

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 Il presente documento è stato redatto ai sensi della Circolare di Banca d Italia 216/96, Capitolo V, Sezione XII COOPFIDI Confidi unitario per l artigianato e la

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 (ai sensi della Circolare 216/1996 7 aggiornamento, Capitolo V, Sezione XII di Banca d Italia) Fidialtaitalia Società Cooperativa per Azioni Via Rovereto, 31 21052 Busto Arsizio

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al pubblico 31-Dicembre-2014 Artigianfidi Lombardia Società Cooperativa Viale Milano, 5-21100 Varese (VA) Tel.

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA 2-3 PILASTRO MAGGIO 2010 1 PILLAR III MAGGIO 2010 ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA 2 3 PILASTRO INTRODUZIONE

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Tavola 4 - Tecniche di attenuazione del rischio... 23. Tavola 5 - Operazioni di cartolarizzazione... 25

Tavola 4 - Tecniche di attenuazione del rischio... 23. Tavola 5 - Operazioni di cartolarizzazione... 25 Informativa Terzo pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico al 31 dicembre 2013 2012 Iveco Finanziaria S.p.A. Lungo Stura Lazio 49, 10156 Torino, Italia Tel. +39 011 00.78078 Fax +39 011 00.76815 Sede

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 AREA RISORSE INFORMATICHE E RILEVAZIONI STATISTICHE Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico va Informativa al pubblico Ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996, 7 agg., Cap. V, Sez. XII 31 Dicembre 2014 Approvata dal CdA il 27/05/2015 1/22 --/--/---- INDICE GENERALE INTRODUZIONE...

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 31 marzo 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che ha

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Fiuggi INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

Banca di Credito Cooperativo di Fiuggi INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 Indice TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...3 TAVOLA 4 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...5 TAVOLA 5 RISCHIO

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

Alba Leasing S.p.A. Informativa al Pubblico III PILASTRO BASILEA 2 31.12.2012. Milano, 6 maggio 2013. Servizio Risk e Compliance

Alba Leasing S.p.A. Informativa al Pubblico III PILASTRO BASILEA 2 31.12.2012. Milano, 6 maggio 2013. Servizio Risk e Compliance Alba Leasing S.p.A Informativa al Pubblico III PILASTRO BASILEA 2 31.12.2012 Milano, 6 maggio 2013 Servizio Risk e Compliance INDICE 1. PREMESSA... 3 2. TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 2.1. INFORMATIVA

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2012 INFORMATIVA AL PUBBLICO Data di riferimento 31.12.2012 Terzo Pilastro della normativa prudenziale ai sensi della circolare Banca d'italia 216/96, Capitolo V, Sezione XII FINAOSTA S.p.A. Finanziaria

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alla circolare 272/08-5 aggiornamento luglio 2013 PROFILO GESTIONALE: RISCHIOSITA'

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

BASILEA II TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO

BASILEA II TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA II TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31.12.2009 Cassa Raiffeisen Lagundo Soc.coop. pag. 1 Indice Premessa pagina 3 Tavola 1 Requisito informativo generale pagina 4 Tavola 3 Composizione

Dettagli

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012 Informativa al Pubblico Basilea 2 Terzo Pilastro 31 dicembre 2012 1 Indice Introduzione...3 Tavola 1 Requisito informativo generale...4 Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza......12 Tavola

Dettagli

Gruppo Banco Desio Informativa al Pubblico Basilea 2 3 Pilastro

Gruppo Banco Desio Informativa al Pubblico Basilea 2 3 Pilastro INTRODUZIONE La Banca d Italia, al fine di rafforzare la disciplina di mercato, ha introdotto attraverso la Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006, titolo IV, obblighi di pubblicazione periodica relativamente

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO

INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA 2 PILASTRO 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31/12/2008 0 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 Requisito informativo generale... 2 TAVOLA 3 Composizione del patrimonio di vigilanza... 10 TAVOLA 4 Adeguatezza

Dettagli

III PILASTRO. Informativa al pubblico al 31.12.2014. www.gafisud.it Sede Legale: Napoli Piazza Carolina, 19 80132 Tel 081.7647967 - Fax 081.

III PILASTRO. Informativa al pubblico al 31.12.2014. www.gafisud.it Sede Legale: Napoli Piazza Carolina, 19 80132 Tel 081.7647967 - Fax 081. III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2014 Sede Legale: Napoli Piazza Carolina, 19 80132 Tel 081.7647967 Fax 081.7647967 1 Dir. Gen. e Sede Amm.: Caserta Via Unità Italiana, 19 81100 Tel 0823.353500

Dettagli

Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III

Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III ai sensi delle nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche (circolare n. 263 del 27 dicembre 2006) 30 giugno

Dettagli

Precisazioni. Circolare 154. Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari. Precisazioni sulla struttura delle voci

Precisazioni. Circolare 154. Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari. Precisazioni sulla struttura delle voci Precisazioni Circolare 154 Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari Precisazioni sulla struttura delle voci Voce 58214 Attività finanziarie sottostanti operazioni di cartolarizzazione di IFM residenti

Dettagli

BASILEA 2 - TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2010

BASILEA 2 - TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2010 BASILEA 2 - TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2010 1 Sommario INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA QUALITATIVA... 4 INFORMATIVA QUANTITATIVA... 6 TAVOLA

Dettagli

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico 1 Informativa al Pubblico Pillar 3 Informazioni al 31 Dicembre 2010 2 MPS Gestione Crediti Banca S.p.A. Sede Sociale in Siena, Piazza Salimbeni 3, www.mpsgestionecreditibanca.it Iscritta al Registro Imprese

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58

Dettagli

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA INDICE Premessa... 3 Tavola 1: Adeguatezza patrimoniale... 5 Informativa qualitativa... 5 Informativa quantitativa... 9 Tavola 2: Rischio

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico al 31 dicembre 2012 Sommario Introduzione... 3 Tavola 1 Requisito informativo generale... 4 Tavola 2 Ambito di applicazione... 5 Tavola 3 Composizione

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 31 DICEMBRE 2013 Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa

Dettagli

BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2013

BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2013 BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2013 INDICE TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMAZIONE QUALITATIVA... 4 INFORMAZIONE QUANTITATIVA... 6 TAVOLA 2 RISCHIO DI CREDITO : INFORMAZIONI

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

III PILASTRO. Informativa al pubblico al 31.12.2014 CONFIDI SARDEGNA

III PILASTRO. Informativa al pubblico al 31.12.2014 CONFIDI SARDEGNA III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2014 CONFIDI SARDEGNA INDICE Premessa... 3 Tavola 1: Adeguatezza patrimoniale... 5 Informativa qualitativa... 5 Informativa quantitativa... 9 Tavola 2: Rischio

Dettagli

Terzo Pilastro Basilea II. Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro Basilea II. Informativa al Pubblico Terzo Pilastro Basilea II Informativa al Pubblico Riferimento: 31 dicembre 2013 1 INDICE Premessa Requisito informativo generale Tavola 1 Tavola 2 Tavola 4 Tavola 6 Tavola 7 Tavola 8 Adeguatezza patrimoniale

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLA CIRC. 263 DEL 27.12.2006, TIT. IV CAP. 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLA CIRC. 263 DEL 27.12.2006, TIT. IV CAP. 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLA CIRC. 263 DEL 27.12.2006, TIT. IV CAP. 1 SITUAZIONE AL 31.12.2012 INDICE PREMESSA... 4 TAVOLA 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 5 INFORMATIVA QUALITATIVA... 5

Dettagli

Pitagora S.p.A. PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO. Aprile 2013 Situazione al 31 dicembre 2012

Pitagora S.p.A. PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO. Aprile 2013 Situazione al 31 dicembre 2012 Pitagora S.p.A. PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Aprile 2013 Situazione al 31 dicembre 2012 sensi di Legge. Pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 Tavola 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 7 INFORMATIVA QUALITATIVA...

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 1 Indice Introduzione 3 Requisito informativo generale 4 Ambito di applicazione.11 Composizione del Patrimonio di Vigilanza..12 Adeguatezza

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

A.2 - PARTE RELATIVA ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO

A.2 - PARTE RELATIVA ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO BANCA POPOLARE ETICA ASSEMBLEA dei SOCI Utilizzo di stime e assunzioni nella predisposizione del bilancio consolidato La redazione del bilancio consolidato richiede anche il ricorso a stime e ad assunzioni

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/07 30/09/07 31/12/06

Dettagli