press LIETE 04/08/2011 Qui Magazine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "press LIETE 04/08/2011 Qui Magazine"

Transcript

1 press LIETE 04/08/2011 Qui Magazine Un numero verde a disposizione dei cittadini BASSA ROMAGNA- E' stato recentemente attivato un numero verde unico, per emergenze, segnalazioni (i n materia edilizia, sicurezza sul lavoro, polizia giudiziaria, educazione stradale, sicurezza pubblica) e richiesta dì informazioni, tramite il quale è possibile contattare direttament e ed in maniera gratuita la centrale operativa. Il numero verde è attivo dal lunedì al sabato dalle 7 alle 23, domenica dalle 7 alle 19. Rimane comunque attivo e a disposizione della cittadinanza il numero della centrale operativa Tel Sono anche stati ridefiniti gli orari di apertura degli sportelli nei presidi territoriali dei Comuni per il periodo estivo : Lugo (Tel, ) dal lunedì al sabato : e domenica e festivi: 9-12 per urgenze previo appuntamento telefonico ; Alfonsine (Tel ), dal lunedì al sabato : 11-13, martedì : 15-19; Bagnacavallo (Tel ), lunedì: giovedì: sabato (solo pratiche di Casa Comunale) : ; Conselice (Tel ), martedì : 18-19, mercoledì: 12-13, venerdì: 18-19, sabato: 12-13; Cotignola (Tel ), mercoledì :10-12, sabato : 10-12; Fusignano (Tel ), martedì: 9-11, venerdì : 9-12; Massa Lombarda, (Tel ), lunedì : 18-19, martedì : 11-13, giovedì: 18-19, venerdì: È in fase di implementazione anche un sito web della Polizia municipale della Bassa Romagna di cui è prevista la messa online in settembre che con - terrà tutte le informazioni relative al comando, ai presidi e a i servizi della pm, oltre alle informazioni utili e al servizio d i pagamento online delle multe, già attivo all'indirizzo : / wvvw.labassaromagna.it/sanzioni/ Pagina 29

2 press LIETE 04/08/2011 Qui Magazine Sociale Asp, un bilancio in prospettiva L'andamento dei servizi illustrato dal presidente Ravagli in, attesa della riorganizzazione gestionale BAGNACAVALLO- Sono stati presentati in Consiglio Gpmunale a l gnacavallo il bilan - cio sociale 2010 e l'andamento dei servizi déll 'Aziénda. di Servi alla Persona relativi ai Comuni de1i. Bassa Romagna. Alla relazione del presidente ierluigi Ravagli`è seguita una relazione tecnica del di - rettore Monica Tagliavini che ha il4srat9a, oltre al bilancio sociale relativo ai servizi erogati nel 2010, le principali voci economiche che hanno dèterminatg9 il risultato di esercizio dello scorso anno. Si è passati poi alle richieste di approfondimento dei consiglieri comunali e infine all'intervento del sindaco Laura Rossi. 'A tre anni dalla sua costituzione - ha commentato il presidente Ravagli -l'asp eroga servizi a circa 700 persone, anziani e disabili, dà lavoro:a circa 450 persone fra personale dipendente dell'ente o fornito dalle cooperative sociali attravers4àpposite convenzioni. Inoltre attraverso appalti esterni relativi alle forniture e servizi crea per numerose imprese operanti sul territorio un consistente indotto, che nel 2010 ha superato i 20 milioni di euro di fatturato annuo. In momenti come questi d i grave difficoltà economica - ha continuato Ravagli - riteniamo importante il ruolo di un'azienda com e l'asp che, oltre a garantire alle fasce deboli della comunità servizi di qualità a costi sicuramente competitivi, contribuisce a garantire reddito e ricchezza per i cittadini lavoratori e per le imprese collegate". Nel primo triennio di attività, nonostante il forte impegno istituzionale e gestionale richiesto dalla trasformazione delle vecchie Ipab, l'asp ha inaugurato e avviato nuovi servizi e promosso progetti speri - mentali. Nel 2010, in particolare, sono stati attivati un nuovo nucleo da 12 posti per persone affette da disabilità gravissime all'interno del San Domenico a Lugo e un nuovo servizio di centro diurno press o la casa protetta di Cotignola. "L'Asp dei Comuni della Bassa Romagna - ha proseguito Ravagli - è inoltre impegnata a rafforzare quel radicamento e quel senso di appartenenza nei territori che era proprio dell e ex Opere Pie ed ex Ipab". Per questo si sono riconosciute forme di rappresentanza costituite, quali il Co - mitato dei familiari, e le forme più o meno organizzate del volontariato e dell'associazionismo presenti nei diversi Comuni, "facendo sì che le case protette siano sempre di più per gli ospiti una famiglia allargata". In particolare l'apporto del volontariato consente di realizzare attività sia quotidiane sia straordinarie che difficilmente sarebbero possibili con le sole forze dell'azienda, ad esempio letture dei giornal i nelle strutture, uscite ai mercati settimanali, gite al mare o in collina. Anche le donazioni che vengono abitualmente erogate a favore delle singole case protette (e che nel 2010 sono state complessivament e pari a ,23 euro) rappresentano, secondo Ravagli, un segnale importante del radicamento sul territorio delle strutture gestite dall'asp. Pagina 30

3 press LIETE 04/08/2011 Qui Magazine Musica Si esibisce il coro degli under 10 0 CONSELICE-I128 luglio Piazza Foresti è stata il palcoscenico del debutt o stagionale del coro "Under 100" dell'asp dei Comuni della Bassa Romagna. Le migliori voci degli anziani ospiti delle case protette gestit e dall'asp hanno eseguito un concerto con medley di brani spaziando dai successi degli anni Trenta fino a quelli degli anni Settanta. Un'altra esibizione è in programma il 29 agosto a Massa Lombarda nell'ambit o della Sagra delle sfogline. Pagina 30

4 ,: r diario messaggero Un odgsulla crisi della frutticoltura Nella seduta del " luglio scorso il consiglio dell'unione dei Gomoni della Bassa Romagnaha approvato all'unanimità un ordine del giorno sulla crisi del settore ortofrutticolo della bassa romagna. Il documento, a firma di tutti i gruppi consigliari, è stato presentat o dal presidente del consiglio Lino Bacchileg a che ha evidenziato come la crisi della peschi - colturalocale, ripetutasi per ben 5 volte negli ultimi 8 anni, stia pregiudicando in modo drastico e definitivo il futuro delle nostre imprese agricole. «Questa gravissima situazione mette in pericolo il tessuto agricolo del no - stro territorio, la tenuta del sistema organizzato cooperativo, il futuro di innumerevol i realtà produttiveche operano nell'indotto del comparto ortofrutticolo, oltre che compro - mettere importanti livelli occupazionali impegnati nel comparto. Urge da parte delle isti - tuzioni regionali, nazionali ed europee, u n impegno straordinario per trovare soluzioni immediate e risolutive che aiutino concretamente i produttori ; è necessario un impegno congiunto di tutti i livelli istituzionali per ri - cercare gli strumenti più opportuni per sal - vaguardare la produzione agricola. E' questo ha dichiarato Bacchilega il significato profondo dell'appello lanciato dal Consiglio dell'unione». Sempre nella stessa seduta, su proposta del sindaco Linda Errani, è stata approvata l a convenzione tra l'unione dei Comuni ela Fe - derazione italiana scuole materne per il periodo2011/2015. Si tratta di un importante accordo che disciplina gli elementi fondanti dell'offerta educativa delle scuole dell'infan - zia pubbliche e private, attraverso specifich e attività progettuali volte al miglioramento e alla integrazione delle esperienze formative. La convenzione è. stata approvata all'unanimità dal consiglio con la sola astensione del capogruppo di Insieme per Sant'Agata. Pagina 33 Asp dcdlo &sw Raiwgna Pn~ontaro II blkuxlo,o«ile

5 ,: r diario messaggero CONSELIC E Al debutto il coro dell'asp Piazza Foresti di Conselice è stata il palcoscenic o del debutto stagionale del coro "Under 100" dell'asp dei Comuni della Bassa Romagna. Le migliori vo - ci degli anziani ospiti delle case protette gestite dal- 1'Asp hanno eseguito un concerto nella serata di gio - vedì 28 luglio. Il coro ha eseguito un medley di brani spaziando dai successi degli anni Trenta fino a quelli degli anni Settanta. Dopo la calorosa accoglienza riservata ai cantanti dal pubblico di Conselice, il coro "Under' 100 ha in programma un'altr a esibizione per lunedì 29 agosto a Massa Lombarda nell'ambito della Sagra delle sfogline. Pagina 33 Asp dcdlo &sw Raiwgna Pn~ontaro II blkuxlo,o«ile

6 i i i Sale al 56,4% la raccolta differenìiata dei primi sei mesi del 2011 nei 12 co - muni serviti da Nera Sot Ravenna, con un incremento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso di circa 1,5 punti. Un dato che conferma ul - teriormente quanto rilevato anche dal Rapporto Ispra 2011 che, a fronte di una media nazionale pari al 33,6% nel 2009, vede Ravenna ala posto tra. le città con più di 150 mila abitanti, per i risultati raggiunti nella raccolta differenziata. Un trond in continua crescita Il 56,4% del primo semestre conferma una crescita nella raccolta differenziata non solo rispetto aiprimi sei mesi dell'anno scorso, ma anche a fronte del dato annuale che aveva attestato la raccolta differenziata di Ravenna al 54,5%. La performance di Ravenna si inserisce nell'ambito dell'ottimo risultato di raccolta differenziata messo a segn o dall'intero gruppo Hera. Nei 181 Co - muni sentiti dal Gruppo, questa sale al 50,5% (rispetto al 47,7% dei prim i sei mesi del 2010 e al 48,8% di fine 2010). Dal monitoraggio compiuto annualmenteda Hera, risultapoi che la percentuale complessiva di mate - ria effettivamente recuperata dalle varie filiere di raccolta differenziata (carta e cartone, sfalci e potature, organico, vetro, plastica, metalli), a seguito anche delle lavorazioni di ulteriore.selezione post raccolta, supera i l 91%, uno dei valori più alti. nel settore a livello nazionale: come dire che circa il 45% dei rifiuti urbani complessivamente raccolti viene recuperato come materia. Per documentare la situazione della raccolta differenta dei sit Boli comuni delterritorio ocesano,, riportiamo i quantitativi (espressi in tonnellate) dei materiali raccolti in modo differenziato al, 30 - giugno, con il dato percentuale cal - colato sul totale dei rifiuti solidi urbani prodotti. Bagnacavallo totale raccolte diffe - renziate ; totale rifiuti raccolti 4.847, percentuale di raccolta differenziata 51,42% Bagnata totale raccolte differenziate 499; totale rifiuti raccolti 824, percentuale di raccolta differenziata 60,22% Conselice totale raccolte differenziate ; totale rifiuti raccolti 4.343, percentuale di raccolta differenziata 64,17% Cotignola totale raccolte differenziate ; totale rifiuti raccolti 2.859, percentuale di raccolta differenziata 61,27% Lugo totale raccolte differenziate 6.563; totale rifiuti raccolti , percentuale di raccolta differenziat a 59,44%. MassaLombarda totale raccolte differenziate 2.278; totale rifiuti raccolti 3.487, percentuale di raccolta differenziata 64,11 % lbtale Sot Ravenna totale raccolte differenziate ; totale rifiutiraccolti , percentuale di raccolta differenziata 56,40% Pagina 33 Asp dcdlo &sw Raiwgna Pn~ontaro II blkuxlo,o«ile

7 pressl.ife 06/08/201 1,: diario messaggero Il presidente Ravagli fa il punto <la'andamento dal 2008 a oggi L'ente dà lavoro a 450 persona ed eroa servizi per 700 Cittadini Asp della Bassa Romagna Presentato il bilancio sociale A tre anni dalla sua istituzione, l'asp della Bassa Romagna ha fatto il punto sull'andamento dei servizi. L o ha fatto nella seduta consiliare del Comune di Bagnacavallo, presentando anche il suo bilancio sociale «A tre anni dalla sua costituzione - ha commentato il presidente Ravagli - 1'Asp eroga servizi a circa 70 0 persone, anziani e disabili, dà lavoro a circa 450 perso - ne fra personale dipendente dell'ente o fornito dalle cooperative sociali attraverso apposite convenzioni. Inoltre attraverso appalti esterni relativi alle forniture e servizi crea per numerose imprese operant i sul territorio un consistente indotto, che riel 2010 ha superato i 20 milioni di euro di fatturato annuo. In momenti come questi di diurno presso la casa protetta di Cotignola. «L'Asp della Bassa Romagna - ha proseguito Ravagli - è inoltre impegnata a rafforzare quel radicamento e quel senso di appartenenza nei territori che era proprio delle ex Opere Pie ed ex Ipab». Per questo si sono riconosciute forme di rappresentanza costituite, quali il Comitato dei familiari, e le forme più o men o organizzate del volontariato ; e dell'associazionism o presenti nei diversi Comuni, «facendo sì che le case protette siano sempre di più per gli ospiti una famiglia allargata». In particola - re l 'apporto del volontariato consente di realizzare attività sia quotidiane, sia straordinarie che difficilmente sarebbero possibili con le sole forze dell'azien - Per questo 1'Asp ha attivato nel triennio una serie di percorsi e speciali protocol - li con l'obiettivo di verificare il grado di soddisfazione degli utenti e dei loro familiari sull 'andamento dei servizi e il monitoraggio di particolari problematiche presenti nelle diverse strutture. «La trasformazione dell' I pab in Asp avvenuta nel 2008, come si evince dalle considerazioni e dagli elementi qui riferiti - ha commentato il sindaco Laura Rossi - ha segnato in mod o forte la gestione di questi tre anni, operando una vera e radicale riforma che ha segnato il passaggio da un ente pubblico di assistenza a un'azienda plrbblica di servizi alla persona. Qui c'è l'eccellenza regionale: un unico territorio dove il li - vello di programmazione e governo delle politiche è coincidente con lo strumento che i Comuni si so - no dati per governare il ter - ritorio. I Comuni della Bas - sa Romagna hanno compiuto un percorso innovati - vo optando per una gestione, programmazione e pianificazione associata. Le scelte effettuate negli ulti - mi anni nel settore del wel -, fare ci hanno consentito di dare vita a una semplificazione positiva. Il territori o si è così dotato di uno strumento di governo unitari o per la programmazione, la pianificazione e il controllo ( l 'Unione dei Comuni della Bassa Romagna) e di un o strumento di gestione (l'a - sp) che consente di affidare l'operatività dell'erogazione a un'azienda emanata e controllata dai Comuni». grave difficoltà economic a ha continuato Ravagli - ri - teniamo importante il ruolo di un'azienda come 1'Asp che, oltre a garantire alle fa - sce deboli della comunità servizi di qualità a costi sicuramente competitivi, contribuisce a garantire reddito e ricchezza per i cit - tadini lavoratori e per l e imprese collegate». Nel primo triennio di attività, nonostante il forte impegno istituzionale e gestionale richiesto dalla trasformazione delle vecchie Ipab, l'asp ha inaugurato e avviato nuovi servizi e pro - mosso progetti sperimentali. Nel 2010; in particolare, sono stati attivati un nuovo nucleo da 12 posti per persone affette da disabilità gravissime all 'interno de l San Domenico a Lugo e un nuovo servizio di centro da, ad esempio letture dei giornali nelle strutture, uscite ai mercati settimana - li, gite almare o in collina. Anche le donazioni che vengono abitualmente erogate a favore delle singole case protette (e che nel 2010 sono state complessivamente pari a ,2 3 euro) rappresentano, secondo Bavagli, un segnale importante del radicamento sul territorio delle strutture gestite dall'asp. Il presidente dell'asp ha continuato il proprio inter - vento con una riflessione sull'importanza della valu - tazione dell'indice di qualità dei servizi erogati, che non è più sufficiente misurare «soltanto attraverso gli standard abitativi e i para - metri relativi alla quantità di ore di assistenza prestate all'interno delle strutture».

8 6 agosto 2011

9 press L.IfE 06/08/2011 sette sere CONSELICE ( Il coro «Under 100 conquista piazza Foresti e punta alle sfoglin e Piazza Foresti di Conselice nei giorni scorsi è stata il pal,,: : coscenico del debutto stagionale del coro «Under 100» dell'asp della Bassa Romagna. Le migliori voci degl i anziani ospiti delle case protette gestite dall Asp hanno eseguito un concerto nella serata di giovedì 28 luglio. Il coro ha eseguito un medley di brani spaziando dai successi degli anni `30 fino a quelli degli anni ` 70. Dopo l a calorosa accoglienza riservata ai cantanti dal pubblico di Conselice, il coro «Under 100» ha in programma un'altr a esibizione per lunedì 29 agosto a Massa Lombarda nel - l'ambito della Sagra delle sfogline.

10 press LinE 06/08/2011 sette sere Samuele Staffa Mentre i tecnici di Edison Stoccaggio sono alle prese con i lavori di interramento del nuovo metàno - dotto, altri esperti di Padana Energia spa ed Enel Longanesi Developments srl hanno messo gli occhi sull'enorme giacimento rinvenuto nel sottosuolo bagnacavallese e non solo, ricco di prezioso idrocarburo. Ma prima di passare dalla concessione all'esplorazione a quella di coltivazione, ovvero dalle parole ai fatti, c'è chi punta i piedi e vuol vederci chiaro: il Comune di Bagnacavallo, infatti, frena. Chiede tempo e soprattutto analisi più approfondite da approfondire alla Conferenza dei Servizi convocata dalla Regione. In gioco c'è il nostro territorio: il rischio è quello di accentuare, prelevando metano dal sottosuolo, il fenomeno della subsidenza, ovvero l'abbassamento del terreno, con possibili ricadute sull'assetto idrogeologico di fogne, fiumi e costruzioni. IL PROGETTO Padana Energia spa (sede a Marina di Ravenna) ed Enel Longanesi Developments srl (sede a Roma) nei mesi scorsi hanno presentato congiuntamente alla Regione Emilia Romagna domanda di attivazione della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (Via), relativa al progetto di sviluppo unitario del giacimento di metano «Longanesi» concentrato sotto Bagnacavallo e Lugo. Il progetto consiste nella messa in produzione dei pozzi esistenti denominati «Abbadesse 1 dir» (scavato nel 2005 dalla canadese Groove energy su via Pieve Ma- BAGNACAVALLO I Pericolo subsidenza, il Comune frena il progetto Parte la caccia al gas negli abissi della Bassa siera) e «Longanesi 1» e (scavato da Eni un paio di anni più tardi su via Crocetta), oltre alla perforazione e messa in produzione di ulteriori 3 pozzi di sviluppo (di cui due nel Comune di Bagnacavallo affiancati ai pozzi esistenti e uno nel Comune di Lugo «Longanesi 3»). I cinque pozzi verrebbero poi collegati alla centrale San Potito, che dopo i lavori di ammodernamento portati da Edison Stoccaggio, verrebbe ampliata e potenziata per trattare A SINISTRA: IL POZZO «LONGANESI» SOPRA: LA CENTRALE «SAN PC TITO» anche il metano proveniente dal nuovo giacimento. Un'intervento che necessiterebbe almeno 13 mesi di lavori. I cinque pozzi potrebbero così raggiungere una profondità tra i 2500 e i 2830 metri per pescare, secondo le stime dell'azienda miliardi di metri cubi di metano (al 99,7%) in 8 anni. IL PERICOLO SUBSIDENZA Il Comune di Bagnacavallo, negli anni scorsi quando Paolo Graziani ricopriva l'incarico di assessore all'ambiente, aveva manifestato le proprie perplessità proprio in merito al pericolo di subsidenza, ovvero l'abbassamento del terreno dovuto a cause naturali e umane. In questa seconda categoria rientrano proprio le attività estrattive come questa. Di acqua ne è passata sotto i NTRAL GAS SAN P TITO ponti e le facce, sia quelle degli imprenditori che quelle degli amministratori, sono cambiate. I dubbi, invece, sono rimasti. Nelle scorse settimane, in sede di Conferenza di Servizi, il Comune di Bagnacavallo ha chiesto nuovi materiali da parte dell'azienda e nuove verifiche da parte di organi terzi non coinvolti nell'affare. «L'aspetto che ci preoccupa maggiormente è l'impatto sull'assetto idrogeologico legato al fenomeno della subsidenza - spiega il vicesindaco Matteo Giacomoni -. In altre parole, le possibili ricadute dell'abbassamento del suolo sul sistema delle rete scolante delle acque, sui fiumi, sulle infrastrutture e sulle costruzioni. Vogliamo vederci chiaro, dal momento che il nostro territorio di pianura è già soggetto a questo fenomeno ed un Parte la caccia al gas negli abissi della Bassa n gita col laborato.«

11 press LinE 06/08/2011 sette sere abbassamento del terreno, anche piccolo, potrebbe portare grossi problemi. E' presto per parlare di numeri e fare previsioni certe. Esiste un'ampia letteratura a riguardo e l'azienda ci ha presentato uno studio dell'università di Padova e Bologna, ma vogliamo confortare questi pareri con altre perizie, come abbiamo chiesto alla Regione». SOLUZIONI E INDENNIZZI Anche i tecnici del Consorzio di Bonifica della Romagna occidentale che partecipano alla Conferenza dei Servizi hanno sottolineato come la perdita di efficienza della rete scolante potrebbe essere compensata da diverse casse di espansione, ovvero aree verdi che in caso di precipitazioni o piene dei corsi cosi d'acqua potrebbero accogliere le acque in eccesso fino allo smaltimento. «Ci prenderemo tutto il tempo necessario a compiere le dovute verifiche - aggiunge Giacomoni - ed evitare qualsiasi danno al nostro teritorio. Valuteremo tutte le proposte e le soluzioni possibili assieme agli altri attori, dal Consorzio all'autorità di Bacino. Ma non possiamo accontentarci di una misura 'tampone': con loro vogliamo rivedere l'intero assetto idrogeologico del nostro territorio, valutando progetti vecchi e nuovi». Un intervento del genere, qualora andasse in porto, prevederebbe misure compensative (cifre sborsate una tantum dall'azienda prima della messa in opera) e royalties (percentuali sul ricavo che segue all'attività estrattiva) a vantaggio del Comune per mitigare l'impatto delle strutture, del traffico, delle emissioni e la stessa subsidenza. «Ma è troppo presto per ragionare su questo - conclude Giacomoni Prima pensiamo alla sostenibilità dell'intervento e alla sicurezza del territorio». Parte la caccia al gas negli abissi della Bassa n gita col laborato.«

12 press L.IfE 06/08/2011 sette sere BAGNACAVALLO L'assessore Dessy : ((Proposte di ottimo livello» Più di 400 bimbi per i Cr e Si sono chiusi nei giorni scorsi i Centri ricreativi educativi estiv i promossi dal Comune a Bagnacavallo e Villanova presso le scuole primarie (Cree), le scuole dell'in-. fanzia (Creem) e i nidi (Creen). Attivi dal 4 luglio, i Centri estivi han - no visto la partecipazione di 41 9 bambini : 233 ai Cree, 119 ai Cree m e 67 ai Creen, con l'accoglimento d i tutte le domande d 'iscrizione ricevute. «Per quanto riguarda Creem e Creen - sottolinea l'assessore ai Servizi per la Prima infanzia, Angel a Rossetti - l'amministrazione comunale ha operato affinché a tutel a della fascia 0/6 anni fosse garantit a la continuità del personale in ogni sezione grazie alla partecipazione di un educatore già presente durante l'anno scolastico, affiancato d a operatori della cooperativa Zero - cento. Più in generale, siamo molto soddisfatti sia per la partecipazione che per l'andamento dei Centri estivi». Fino al 12 agosto sarà attiva un a sezione mista di Creen e Creem, presso la scuola dell'infanzia di Bagnacavallo, completamente gestit a dalla cooperativa Zerocento. Per quanto riguarda poi i Cree, v a sottolineato che quest 'anno per l a prima volta i Centri estivi per i ragazzi della scuola primaria si sono tenuti anche a Villanova oltre che a Bagnacavallo. A gestirli era presente personale della cooperativ a sociale Zerocento. «Quest'anno siamo riusciti, relativamente al Cre e - specifica l'assessore alle Politich e formative e scolastiche, Giuseppin a Dessy - a garantire anche a Villanova lo stesso servizio offerto a Bagnacavallo. La partecipazione è stata assolutamente soddisfacente in entrambi i contesti e la qualità delle attività proposte sicuramente di ottimo livello»

13 press L.IfE 06/08/201 1 sette sere BAGNACAVALLO I Le iscrizioni alle visite guidate a partire dal 16 agost o In gita col laboratorio «Qui c'entro» Proseguóiio anche in estate, con gite fuori porta vers o le mete segnalate dagli stessi cittadini, le iniziative de l laboratorio urbano «Qui c'entro», il percorso partecipato che l'amministrazione comunale di Bagnacavallo h a promosso per coinvolgere l a comunità nella valorizzazione del centro e degli edifici di maggior pregio. Come emerso nel corso delle interviste individuali e in seguito deciso durante la prim a giornata aperta di laboratorio, svoltasi al convento di Sa n Francesco giovedì 23 giugno (resoconto consultabile sul sito web del comune), saranno organizzate alcune visite guidate a realtà del territorio regionale e non solo che si son o contraddistinte per interventi particolarmente interes-. santi in relazione al progetto di recupero dell'ex convent o di San Francesco a Bagnacavallo. I primi luoghi segnalat i dai partecipanti del laboratorio per possibili visite sono l a Biblioteca Classense di Ravenna, il Museo San Domenic o di Forlì, la Nuova Manica Lunga (braccio del compless o della Fondazione Cini) di Venezia e il Centro iniziative culturali San Giovanni Battista di Pesaro. Le visite saran - no programmate in base alle iscrizioni degli interessati nel periodo che va dal 16 agosto al 25 settembre, preferi - bilmente nel fine settimana. I partecipanti (massimo 8-10 per gruppo) saranno guidati da due referenti che, con l'aiuto della coordinatrice del progett o Monia Guarino, avranno il com - pito di fissare con immagini e video i punti salienti della visita, per poi presentarli in occasion e dei laboratori di settembre e ot - tobre. Ogni visita avrà inoltre il supporto di cittadini, amministratori o tecnici del luogo, ch e aiuteranno i bagnacavallesi a conoscere le realtà oggett o di analisi per poi trarne ispirazioni e spunti utili per affrontare i lavori sul centro storico di Bagnacavallo. Si st a inoltre pensando di organizzare passeggiate ad hoc per i più piccoli, partendo dal «Giardino dei semplici». Per iscriversi alle visite guidate e segnalare il periodo di preferenza è possibile scrivere una mail a oppure rivolgersi all ' Urp del Comune (tel. 0545/280889).

14 press L.IfE 06/08/2011 sette sere BAGNACAVALLO i La stilista Valentina Marangoni ricevuta in municipi o Valentina Marangoni, la giovane stilista bagnacavallese classe 1983, reduce dal successo ottenuto a luglio al concorso «Moda d 'Autore» di Lignano Sabbiadoro, dove si è classificata seconda, è stata ricevuta nella mattinata di mercoledì 3 in municipio dal sindaco Laura Rossi. Valentina, che ha studiato all 'Ipsia-tecnico della moda di Lugo, al Callegari di Rimini e all 'Istituto della Moda Burgo di Ferrara, dopo alcuni anni trascorsi lavorando presso aziende del settor e dapprima a Faenza poi a Ravenna, dal 2010 si dedica esclusivamente a disegnare abiti e a produrli in proprio. Dopo la prima, a Milan o lo scorso anno, Valentina ha partecipato a molte altre sfilate, anch e tramite l'agenzia della Moda di Isabella Martini, sempre di Bagna - cavallo. Nel frattempo ha cominciato a proporre le sue creazioni a chi si occupa di vendita al dettaglio. Il sogno di Valentina per ora è di riuscire ad aprire una boutique con le creazioni da lei disegnate. «Una e magari in futuro anche altre, perché no...», anticipa. Nel frattempo gli appuntamenti di agosto sono due sfilate a Marina di Ravenna, la prima al bagno Bbk il 20, la seconda al Singita il 26.

15 press LinE 06/08/2011 sette sere CRISI ORTOFRUTTA Bassa: «Valorizzeremo i mercatini» E' stato approvato all'unanimità un ordine del giorno sulla crisi del settore ortofrutticolo della Bassa Romagna. Il documento, a firma di tutti i gruppi consiliari, ha evidenziato «come la crisi della peschicoltura locale, ripetutasi per ben 5 volte negli ultimi 8 anni, stia pregiudicando in modo drastico e definitivo il futuro delle nostre imprese agricole». Oltre alle richieste a Regione e Governo, i consiglieri hanno chiesto all'unione dei Comuni della Bassa Romagna di agevolare e favorire i mercatini per la vendita diretta dal produttore al consumatore. «Questa gravissima situazione mette in pericolo il tessuto agricolo del nostro territorio - ha dichiarato il presidente del consiglio dell'unione Lino Bacchilega -, la tenuta del sistema organizzato cooperativo, il futuro di innumerevoli realtà produttive che operano nell'indotto del comparto ortofrutticolo, oltre che compromettere importanti livelli occupazionali impegnati nel comparto. Urge da parte delle istituzioni regionali, nazionali ed europee, un impegno straordinario per trovare soluzioni immediate e risolutive che aiutino concretamente i produttori; è necessario un impegno congiunto di tutti i livelli istituzionali per ricercare gli strumenti più opportuni per salvaguardare la produzione agricola. E' questo il significato profondo dell'appello lanciato dal Consiglio dell'unione». Il Mercato del Contadino di Lugo, invece, rimarrà «aperto per ferie». Nei sabati mattina di agosto, dalle ore 8.30 alle 13.30, la piazza l Maggio sarà animata dalle otto bancarelle delle aziende agricole che per tutto il 2011 hanno deciso di aderire all'iniziativa promossa dal Comune di Lugo. Infatti, il Mercato del Contadino proseguirà poi in settembre, ottobre, novembre e dicembre, con l'obiettivo di divenire un appuntamento ricorrente anche negli anni a seguire. Le aziende agricole presenti al mercato sono: Baroncini Mirco e Fabio di San Bernardino, Baldini Bruno di San Potito, Martoni Lauro di Voltana, Zanoni Mauro di Fusignano, Graziani Roberto di Solarolo, Lanzoni Mauro di Massa Lombarda, Zaganelli Emilio di Alfonsine, cui si aggiunge l'apicoltura Faentina di Morigi Bruno di Faenza. 9 Pagina 24 «Basta caccia alle stregh servono soluzioni condii,

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10

ALLEGATO C ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ARTICOLAZIONE TARIFFARIA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELL'AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 7 RAVENNA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2012 COMUNE DI RAVENNA BACINO

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

La Lega Nord chiede al Comun e impegni concret i sui scopass i

La Lega Nord chiede al Comun e impegni concret i sui scopass i press UnE 02/01 /2011 Resto del Orlino Ravenna BAG NACAVALLO La Lega Nord chiede al Comun e impegni concret i sui scopass i «ANCHE a Bagnacavallo i nodi delle politiche degli an - ni passati vengono al

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 02/07/2015 Indice Il Sannio Quotidiano 1 Unisannio Atenei campani, il rettore Filippo de Rossi al vertice Il Mattino 2 Unisannio Coordinamento atenei campani: de Rossi al vertice

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

(Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale rivestono carattere

(Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale rivestono carattere Decreto Sblocca Italia Art. 38 (Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) 1. Al fine di valorizzare le risorse energetiche nazionali e garantire la sicurezza degli approvvigionamenti

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli