DISCIPLINARE PER LA PRODUZIONE DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA SAURO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCIPLINARE PER LA PRODUZIONE DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA SAURO"

Transcript

1 DISCIPLINARE PER LA PRODUZIONE DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA SAURO

2 Indice 1 Generalità 1.1 Finalità ed obiettivi 1.2 Oggetto e campo di applicazione 1.3 Documenti di riferimento Principali riferimenti legislativi Principali riferimenti normativi 2 Elementi di specificità del marchio 2.1 Elementi relativi al prodotto Parametri analitici Idoneità sensoriale 2.2 Elementi relativi al processo ed alle aziende aderenti Tracciabilità Produzione integrata Sistemi di Autocontrollo dell Igiene Sistemi di smaltimento dei sottoprodotti e dei reflui Regolamento di produzione dell olio 3 Clausole di conformità 4 ALLEGATO 1: Piano dei controlli ed azioni correttive 5 ALLEGATO 2: Regolamento di produzione dell olio

3 1 - Generalità 1.1 Finalità ed obiettivi La produzione di olio extra vergine di oliva ottenuta nell area del Sauro si contraddistingue per la garanzia dell origine e per le peculiarità intrinseche del prodotto ma anche per l attenzione posta alla tutela ambientale e paesaggistica. Gli elementi su cui si basa il presente Disciplinare, pertanto, sono i seguenti: 1. La conformità del prodotto a definiti standard chimico/fisici. Gli standard chimico fisici presi in considerazione nel presente disciplinare rappresentano degli indici che contribuiscono in modo essenziale all identificazione del prodotto non solo dal punto di vista della classificazione merceologica ma anche e soprattutto dal punto di vista della qualità del prodotto. L acidità, il numero di perossidi, la K 232, infatti, sono parametri strettamente collegati alla qualità nutrizionale e sensoriale dell olio. 2. L adesione dei produttori ad un sistema di difesa fitosanitaria degli oliveti gestito secondo i principi della produzione integrata. Questo elemento, contribuendo alla garanzia della tutela dell ambiente e della salute pubblica, è in grado di soddisfare precise esigenze del consumatore rispettandone la sensibilità etica. 3. La tracciabilità del prodotto. La tracciabilità è da considerarsi non solo come uno strumento per gestire eventuali non conformità del prodotto, ma anche come strumento essenziale di garanzia dei requisiti della qualità che sono legati al contesto di produzione (come, dove, quando è stato prodotto?). La definizione di un sistema di tracciabilità del prodotto, cioè, è essenziale ai fini della garanzia dell origine del prodotto stesso. La garanzia dell origine è un elemento di grande attrattiva

4 per il consumatore ed è particolarmente apprezzato quando riguarda tutta la filiera, compresa la fase di produzione delle materie prime. Ciò trova giustificazione in due elementi che guidano la scelta del consumatore. Il primo è il legame positivo che il consumatore instaura con un determinato ambiente. L accettabilità del prodotto è determinata proprio dalla sua origine ed ha poche relazioni con le proprietà intrinseche dello stesso. Il secondo elemento è da ricercare nella visibilità della filiera. Il consumatore si fida più di un prodotto di cui sia nota l origine, qualunque essa sia, che di un prodotto di origini incerte. Ora, poiché l origine non può essere determinata analiticamente, occorre definire un sistema di registrazioni e di documentazioni che descrivano la tracciabilità della filiera, cioè la possibilità di ricostruire la storia di un prodotto dalla produzione della materia prima alla sua trasformazione, alla commercializzazione fino alla vendita. Un elemento, questo, inoltre, che ha anche valore di tutela paesaggistica. A questi tre elementi se ne aggiunge un quarto relativo all idoneità sensoriale dei prodotti, un elemento, cioè, basato sul sistematico controllo delle proprietà sensoriali dei prodotti stessi. Controllare le proprietà sensoriali significa sostanzialmente controllare gli elementi, difetti e squilibri sensoriali, che pregiudicherebbero l idoneità e l accettabilità del prodotto stesso. In sintesi quindi lo scopo del Disciplinare è quello di garantire al consumatore: 1- Un prodotto con definiti requisiti di idoneità e di specificità 2- Il controllo dell'origine delle produzioni 3- Il rispetto dei requisiti igienico sanitari con particolare riguardo all'assenza di residui antiparassitari. 4- L'impegno per il rispetto dell'ambiente circostante in cui vengono ottenute le produzioni.

5 Al fine di segnalare al consumatore quello che l olio prodotto in conformità a tale disciplinare è in grado di garantire e, quindi, al fine di segnalare al consumatore che tale olio possiede specifiche che lo differenziano da tutti gli altri, è vantaggiosa ed opportuna l adozione di un marchio di qualità. Un marchio di qualità, infatti, ha lo scopo di creare un vantaggio competitivo per le aziende che lo adottano segnalando ai consumatori che il prodotto contraddistinto dal marchio possiede qualche caratteristica che lo differenzia in meglio dai prodotti comuni dello stesso tipo, contribuendo in tale modo all affermarsi del prodotto stesso sul mercato. 1.2 Oggetto e campo di applicazione Il presente disciplinare si applica alla produzione di olio extra vergine di oliva a partire dall approvvigionamento delle materie prime, alla loro conservazione, fino alla trasformazione, al confezionamento ed alla distribuzione del prodotto finito. Quanto riportato trova applicazione presso tutti i soggetti produttori, singoli e riuniti in consorzio/associazione, che volontariamente aderiscono a questo Disciplinare e che si approvvigionano di materia prima prodotta dagli oliveti collocati all'interno dell'area Saurina della Comunità Montana Camastra Alto Sauro, del comune di Missanello e dei comuni che si affacciano sulla Valle del Sauro, fino al fiume Agri. 1.3 Documenti di riferimento Principali riferimenti legislativi Regolamento CEE/UE n 2078 del 30/06/1992 Regolamento (CEE) n. 2078/92 del Consiglio del 30 giugno 1992 relativo a metodi di produzione agricola compatibili con le esigenze di protezione dell' ambiente e con la cura dello spazio naturale.

6 La legge vigente 574/96, Nuove norme in materia di utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e di scarichi dei frantoi oleari Decreto Legislativo del Governo n 155 del 26/05/1997 Attuazione delle direttive 93/43/CEE e 96/3/CE concernenti l'igiene dei prodotti alimentari. Decreto Legislativo del Governo n 109 del 27/01/1992 Attuazione delle direttive 89/395/CEE e 89/396 CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari. Reg. CE 1019/2002 del 14/06/2002 Norme di commercializzazione dell olio di oliva Principali riferimenti normativi UNI EN ISO ISO 8402 Valutazione della prestazione ambientale: linee guida Qualità terminologia 2 Elementi di specificità del marchio 2.1 Elementi relativi al prodotto Parametri analitici Valutando opportunamente i principali descrittori delle proprietà intrinseche degli oli extra vergini di oliva, i parametri che possono essere utilizzati come elementi di specificità del prodotto sono: Acidità (%), Numero di Perossidi, K 232.

7 Acidità (%) L entità di tale parametro è legata al processo di lipolisi ed aumenta con la maturazione delle olive. All aumento dell acidità corrisponde sempre una modificazione del profilo acidico degli oli con risvolti negativi sulle caratteristiche nutrizionali e sensoriali dei prodotti. Gli acidi grassi liberi, inoltre, sono il substrato del processo di irrancidimento e pertanto elevate acidità % si risolvono inevitabilmente in una minore stabilità del prodotto. L aumento dell acidità dipende essenzialmente dalla gestione delle operazioni di raccolta (epoca e modalità), trasporto, conservazione delle olive, gestione dei travasi. E chiara, quindi, l importanza di tale parametro per descrivere la qualità dei prodotti e, conseguentemente, la necessità di inserirlo nel disciplinare. Numero di Perossidi Dipende dalle tecniche di coltivazione, dal grado di maturazione nonché dalla gestione della conservazione delle olive. E influenzato inoltre dalle modalità di conduzione della gramolatura, dalla gestione dei travasi e dalle modalità di stoccaggio dell olio. E un parametro, quindi, che testimonia sia l integrità delle olive che la freschezza dell olio ottenuto. K 232 Indica lo stato di ossidazione primaria e rappresenta quindi il primo segnale dal quale si evince lo stato di qualità e di freschezza dell olio. Limiti di conformità per i parametri analitici In relazione ai limiti di conformità dei parametri suddetti, questi vanno al di là della conformità alla legge in quanto la conformità alla legge rappresenta il livello minimo di presentabilità e accettabilità di un prodotto sul mercato e non basta certamente a qualificare un prodotto. L olio extravergine di oliva prodotto nell area del Sauro e ottenuto nel rispetto di questo disciplinare, pertanto, presenta limiti più restrittivi di quelli previsti dalla legge:

8 Acidità libera: max 0,5% Numero di perossidi: max 12 K 232 : max 2.0% La conformità del prodotto a questi parametri dovrà essere verificata su ogni lotto omogeneo al momento dell imbottigliamento. La procedura di controllo delle specifiche chimiche è riportata in allegato al presente disciplinare L idoneità sensoriale Dal punto di vista delle proprietà sensoriali, deve essere accertata l assenza di difetti. I prodotti, inoltre, non devono presentare evidenti squilibri di aroma e di gusto né, d altra parte, essere piatti. Solo i lotti sbloccati, e quindi analiticamente conformi, vengono inviati al controllo dell idoneità sensoriale sia per accertare l assenza dei difetti che per correggere eventuali squilibri sensoriali (oli troppo amari, piccanti, fruttati; oli piatti cioè oli troppo poco amari, piccanti e fruttati). La procedura di controllo dell idoneità sensoriale è riportata in allegato al presente disciplinare. 2.2 Elementi relativi al processo ed alle aziende aderenti La produzione primaria deve essere ottenuta in aziende con le seguenti caratteristiche: Le aziende agricole produttrici devono aderire al programma fito-sanitario messo a punto dai produttori dell area Saurina, secondo il Disciplinare di coltivazione e Difesa. Le aziende di trasformazione devono essere in regola con le prescrizioni del D.L. 155/97 Le aziende agricole e quelle di trasformazione devono attuare un sistema di autocontrollo e devono accettare un sistema di certificazione da parte di un organismo terzo accreditato dal SINCERT o da analogo ente europeo in conformità alla norma EN Tale autocontrollo e certificazione devono garantire la conformità dei comportamenti e dei parametri alle prescrizioni di questo disciplinare.

9 Null altro è specificato concernente il rispetto delle leggi vigenti, essendo ovvio che ogni produttore vi si debba attenere a garanzia della genuinità del prodotto, della sicurezza dei lavoratori e del rispetto dell ambiente. L organismo di certificazione dovrà verificare il rispetto della legislazione prima di concedere la certificazione di conformità. I requisiti indicati trovano ulteriore specificazione nei seguenti punti: Tracciabilità La tracciabilità deve garantire una completa documentazione della filiera per ogni confezione che riporti il nome ed il simbolo del marchio. Essa deve pertanto comprendere: -Anagrafe degli olivi di ogni produttore aderente. -Denuncia della produzione delle olive -Registrazione su ogni confezione del lotto di prodotto utilizzato -Documentazione degli interventi di difesa fito-sanitaria in conformità al programma di difesa. Il sistema di controllo della tracciabilità si basa sulla denuncia delle olive prodotte presso i siti di produzione iscritti al catasto olivicolo del consorzio/associazione gestore del marchio. Il monitoraggio dei siti di produzione verificherà la rispondenza delle denuncie di produzione rispetto alle stime di produzione Produzione integrata Un importante elemento di specificità del marchio è legato alla garanzia che la produzione primaria sia ottenuta in aziende che aderiscono ad un piano di lotta fitopatologia integrata ed abbiano una gestione integrata anche delle tecniche di concimazione e di irrigazione. A tale scopo, nel sistema della difesa fitopatologia integrata sono coinvolti: 1) Il Servizio Difesa integrata dell ALSIA attraverso le strutture operative sul territorio, che definisce le regole per la difesa integrata della coltivazione dell olivo, comunicando ai produttori i principi attivi ammessi, quando e come intervenire.

10 2) I produttori che aderiscono al piano di difesa integrata, che operano conformemente alle disposizioni derivanti dall adesione al piano e documentano le attività relative. Qualsiasi agricoltore che voglia praticare la difesa integrata dovrà applicare esclusivamente i metodi di controllo dei parassiti indicati nei bollettini fito-sanitari o durante le visite in campo. Tali metodi, in linea con quelli riportati nelle schede di difesa fito-sanitaria integrata per la coltura interessata, andranno scelti sulla base dei livelli di infestazione, delle fasi fenologiche e dell andamento climatico, preferendo, laddove possibile, i sistemi di controllo alternativi al mezzo chimico. Le aziende che aderiscono al Piano, inoltrando agli organismi competenti per territorio la richiesta di adesione, sottoscritta dal proprio rappresentante, si impegnano a : praticare la difesa fito-sanitaria integrata su tutta la superficie investita dalla coltura; seguire scrupolosamente le indicazioni del servizio difesa integrata dell Alsia; tenere in azienda e compilare scrupolosamente il registro dei trattamenti effettuati e stato di magazzinaggio dei presidi fitosanitari. 3) Il consorzio/l associazione gestore del marchio dell olio extra vergine di oliva dell area Saurina che, in autocontrollo, verifica la conformità delle tecniche di difesa adottate alle indicazioni del piano e quella dei prodotti ai requisiti del disciplinare, svolgendo anche un ruolo di monitoraggio della presenza di residui antiparassitari negli oli. Questa attività di monitoraggio non è svolta su prodotti commercializzati o su lotti omogenei di prodotto stoccati nei frantoi, bensì su oli ottenuti da definite partite di olive. Tutte le attività di verifiche e di monitoraggio sono documentate. 4) L organismo di certificazione che verifica l attività di autocontrollo dei produttori e del consorzio/associazione e verifica la conformità del prodotto al disciplinare. In sintesi, il sistema di controllo della conformità delle tecniche di difesa fitosanitaria ai criteri di lotta integrata sarà garantita, quindi, dall adesione obbligatoria dei soci al sistema locale di difesa fitopatologia, dalla

11 documentazione relativa alle procedure adottate in materia di difesa, dal monitoraggio su una percentuale della produzione, prioritariamente stabilita, della presenza di residui antiparassitari non ammessi negli oli Sistemi di Autocontrollo dell Igiene Ciascun frantoio o azienda d imbottigliamento deve attuare un sistema di autocontrollo dell igiene, come descritto dal D.L.. 155/97, nel quale sono posti sotto controllo i seguenti punti: igiene del personale igiene, pulizia e manutenzione dei macchinari disinfestazione da insetti e roditori potabilità dell acqua utilizzata nel processo di estrazione e nel lavaggio degli impianti e delle confezioni idoneità dei serbatoi di stoccaggio e dei mezzi di trasporto dell olio prevenzione dalle contaminazioni da frammenti di vetro Sistemi di smaltimento dei sottoprodotti e dei reflui Ciascun frantoio aderente al disciplinare deve predisporre un programma di smaltimento dei sottoprodotti e dei reflui in ottemperanza alle disposizioni di legge relative al controllo degli inquinamenti. Deve inoltre tenere una documentazione delle attività svolte in conformità del programma predisposto. Le attività connesse allo smaltimento dei sottoprodotti e dei reflui fanno parte del sistema di autocontrollo e sono oggetto della verifica ispettiva dell organismo di certificazione Regolamento di produzione dell olio Tutti i produttori che aderiscono al marchio devono conformarsi al regolamento di produzione dell olio, allegato al disciplinare, il quale rappresenta il regolamento contenente i criteri di conformità del processo e, quindi, le Norme di Buona Fabbricazione e le condizioni necessarie per garantire la conformità dei prodotti alle specifiche da certificare. 3. Clausola di conformità L uso del nome e del marchio dell Associazione per gli oli extra vergini di oliva

12 è concesso alle aziende e per i prodotti che siano valutati come conformi alle prescrizioni di questo disciplinare dagli organismi di certificazione autorizzati. ALLEGATO 1 PIANO DEI CONTROLLI ED AZIONI CORRETTIVE Procedura di controllo delle specifiche chimiche Essendo l olio un prodotto liquido e che quindi costituisce batch omogenei il cui campionamento è effettivamente rappresentativo, la procedura di controllo delle specifiche chimiche può basarsi sul seguente schema: Prima del confezionamento, per ogni lotto omogeneo, prelievo di un campione di prodotto secondo uno schema di campionamento statistico predefinito. Analisi delle suddette specifiche utilizzando il metodo ufficiale di determinazione riportato dal regolamento 2568/91. Se i valori di ciascuna delle specifiche sono al disotto dei limiti fissati dal disciplinare, sblocco del lotto, invio del lotto al controllo dell idoneità sensoriale. Se i valori per una o più specifiche sono superiori ai limiti fissati dal disciplinare, rilavorazione del lotto per riportarlo alla conformità. La rilavorazione consiste nella miscelazione con altri lotti di produzione integrata dello stesso frantoio. Nel caso di non conformità lievi è prevista la miscelazione con lotti conformi di composizione adeguata a correggere eventuali non conformità chimiche. Nel caso di valori analitici molto al di sopra dei limiti scelti il lotto è scartato dalla produzione. Tali limiti sono: Acidità libera: 0.75%

13 Numero di perossidi: 16 K 232 : 2.3 L attività di autocontrollo dei frantoi dovrebbe limitarsi al trattamento documentato delle non conformità. Il monitoraggio delle specifiche selezionate, deve essere attivato sul 25% della produzione (sul 25% dei lotti di olive inviate alla trasformazione). Procedura di controllo delle specifiche sensoriali La procedura di controllo delle specifiche sensoriali deve essere così articolata: Prima del confezionamento, per ogni lotto omogeneo e risultato conforme agli standard chimico fisici fissati, prelievo di un campione secondo uno schema di campionamento statistico predefinito. Analisi delle proprietà sensoriali effettuata da un panel opportunamente addestrato. Se i prodotti non presentano difetti né squilibri sensoriali, il lotto può essere ritenuto idoneo, segue, quindi, lo sblocco del lotto e l avvio all imbottigliamento. Nel caso di difetti sensoriali il lotto viene bloccato e scartato dalla produzione. Nel caso di squilibri sensoriali il lotto viene rilavorato per riportarlo alla conformità. Il controllo dell idoneità sensoriale deve essere attivato sul 25% della produzione (sul 25% dei lotti di olive inviate alla trasformazione).

14 ALLEGATO 2 REGOLAMENTO DI PRODUZIONE DELL OLIO L olio dovrà essere prodotto secondo la sequenza delle operazioni così come riportate nella figura allegata che ne illustra il flow sheet di produzione. Lo scopo fondamentale della produzione è quello di compiere tutte le operazioni in maniera da ridurre al minimo lo scostamento delle caratteristiche del prodotto dalle specifiche stabilite. Per soddisfare tali esigenze è sufficiente attenersi alle Norme di Buona Fabbricazione soprattutto in relazione alle operazioni di processo ritenute critiche, la cui buona riuscita condiziona l ottenimento ed il mantenimento delle specifiche di prodotto. Di seguito si riportano le Norme di Buona Fabbricazione, per ciascuna operazione del processo produttivo, cui i produttori devono conformarsi per ottenere prodotti conformi a quanto stabilito nel presente disciplinare. Raccolta delle olive La raccolta deve essere effettuata in maniera tale da preservare la qualità delle olive. Può essere effettuata sia manualmente che mediante strumenti meccanici. La caduta spontanea, causata dalla maturazione spinta delle drupe, da parassiti o agenti atmosferici, deve essere evitata. Non saranno ammesse alla produzione olive raccolte da terra, con lesioni, ammaccature e sporcamenti. Nel caso di raccolta manuale i frutti sono raccolti direttamente sull albero e riuniti in apposite cassette. Nel caso di raccolta meccanica, per evitare il contatto con la terra, le olive devono essere raccolte su apposite reti sollevate dal terreno. In questo caso rimane sempre il rischio di danni meccanici a carico dei frutti. Trasporto delle olive Deve avvenire in contenitori idonei, cassette o cassoni di plastica forati, per evitare schiacciamenti, lesioni e riscaldamento delle olive. I contenitori devono essere puliti e soprattutto non devono essere sporchi di terra. Durante il

15 trasporto si deve controllare la temperatura che, soprattutto per percorsi lunghi, non deve superare i 20 C. Ricevimento delle olive Saranno rifiutate o destinate a produzioni diverse da quelle per l ottenimento del marchio olive raccolte da terra o trasportate in contenitori diversi dalle cassette forate o stoccate prima della consegna in ambienti diversi dal frantoio. Ogni lotto di olive deve essere accompagnato da una scheda di identificazione che comprenda: il sito che deve essere quello idoneo in termini di difesa fitosanitaria, il produttore, il quantitativo conferito, il giorno di conferimento, una dichiarazione di conformità delle olive in termini di: % max di olive attaccate dalla mosca % max di olive non integre % max di olive surmature che devono essere stabilite annualmente dall organismo gestore del marchio. Ogni lotto di olive deve essere sbloccato a seguito dell ispezione visiva di un operatore che sbloccandolo ne decreta l idoneità alla lavorazione. Nel caso si dovessero riscontrare non conformità relative alle indicazioni riportate nella scheda di identificazione o non conformità all ispezione visiva del lotto, il lotto viene rifiutato dall oleificio o destinato a produzioni diverse da quelle per l ottenimento del marchio. Lavorando olive non conformi deve essere prevista, nel passaggio da una lavorazione all altra, una lavorazione di lavaggio con olive conformi ai fini del marchio separando l olio ottenuto da quello destinato all imbottigliamento. Conservazione delle olive Le olive devono essere conservate in ambienti ben aerati, a temperature inferiori ai 25 C ed umidità relativa tra 50 e 60%, in graticci a telaio

16 sovrapponibile, di legno o di plastica, dove le olive sono distribuite a strati di altezza non superiore ai 25 cm. Le olive devono essere stoccate in frantoio ed in tali condizioni per un massimo di 16 ore. Lavaggio delle olive Deve essere effettuato con acqua potabile ai sensi del D.P.R. 24 Maggio 1988 concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano. Periodicamente l acqua utilizzata per il lavaggio deve essere sostituita per evitare il riciclo di acqua sudicia. Quando le olive sono raccolte a mano, il lavaggio può essere evitato. Molitura delle olive Nel caso di utilizzo delle molazze è necessario controllare il tempo di frangitura che deve essere di 15 fino ad un massimo 30 minuti: tempi più lunghi implicano una lunga esposizione all aria della pasta con conseguente innesco di reazioni ossidative. L operazione deve avvenire a temperature non superiori ai C. Gramolatura della pasta molita E opportuno condurre l operazione ad una temperatura inferiore a 27 C per garantire la solubilizzazione delle sostanze liposolubili quali aldeidi ed esteri responsabili della nota di fruttato e, al tempo stesso, per minimizzare la perdita dei componenti volatili. E necessario evitare temperature più elevate, favorevoli, invece, ai processi ossidativi. Estrazione Nell estrazione per pressione, periodicamente è necessario verificare l usura nonché il grado di pulizia dei diaframmi filtranti che comporterebbero l inefficienza e l inquinamento dell impianto.

17 Nell estrazione per centrifugazione l acqua di diluizione deve essere potabile e deve essere utilizzata ad una temperatura inferiore a 35 C onde evitare l eccessivo riscaldamento del mosto oleoso con il conseguente rischio di innesco di fenomeni ossidativi. Separazione L acqua utilizzata per facilitare la separazione dell olio dall acqua di vegetazione deve essere potabile secondo le leggi vigenti. Le operazioni che seguono costituiscono la sequenza delle operazioni che consentono la commercializzazione del prodotto che deve realizzarsi secondo il flow sheet riportato nella figura allegata. Stoccaggio I locali destinati allo stoccaggio del prodotto finito devono essere ben aerati, la temperatura inferiore a 18 C e l umidità inferiore al 65% e devono essere, inoltre, strutturati in modo tale da poter conservare l olio al riparo dalla luce. E importante che l ambiente di stoccaggio sia privo di fumo e di altri odori che altererebbero il sapore del prodotto, essendo l olio una matrice alimentare molto porosa in grado, pertanto, di assorbire facilmente gli odori. Travaso Entro 3 mesi dalla produzione è necessario effettuare le operazioni di travaso dell olio per l allontanamento delle morchie. In questa fase è necessario curare la pulizia dei contenitori destinati a ricevere l olio. Filtrazione Durante tale operazione è necessario evitare una eccessiva esposizione del prodotto all aria ed alla luce. Dovrà effettuarsi in condizioni di temperature inferiori a 18 C ed utilizzando recipienti opportunamente sanificati ed asciutti.

18 Confezionamento Nella linea del confezionamento deve essere controllata e garantita la pulizia e l integrità dei contenitori così come l assenza in essi di materiali estranei. Bottiglie da 750 cc. Etichetta. Stoccaggio In attesa della distribuzione presso i punti vendita, l olio confezionato deve essere stoccato in ambienti in cui la temperatura sia inferiore a 18 C e l umidità inferiore al 65%.

19 Olive Stoccaggio Defogliazione Cernita Foglie, metalli, terra Molitura Gramolatura Acqua Estrazione Sansa Acqua Separazione Coadiuvanti di filtrazione Stoccaggio Filtrazione Residui filtrazione Bottiglie Lattine Confezionamento

20 Stoccaggio Olio vergine Pesatura Stoccaggio Travaso Morchie Bottiglie Lattine Coadiuvanti di filtrazione Miscelazione Ricevimento Filtrazione Residui filtrazione Stoccaggio Pulitura/Soffiatura Confezionamento

21 Stoccaggio Vendita

ISTITUZIONE DI UN MARCHIO DI QUALITA PER I PRODOTTI AGROALIMENTARI DELL AREA DELLA COMUNITA MONTANA ALTO AGRI

ISTITUZIONE DI UN MARCHIO DI QUALITA PER I PRODOTTI AGROALIMENTARI DELL AREA DELLA COMUNITA MONTANA ALTO AGRI ISTITUZIONE DI UN MARCHIO DI QUALITA PER I PRODOTTI AGROALIMENTARI DELL AREA DELLA COMUNITA MONTANA ALTO AGRI 1 - Generalità DISCIPLINARE TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DI

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA Indice PARTE GENERALE 1 Scopo 2 Campo di applicazione 3 Definizioni

Dettagli

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA pag. 1 Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA Premessa Il Parco Regionale di Montevecchia e

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

Classificazione dell Olio di Oliva

Classificazione dell Olio di Oliva Classificazione dell Olio di Oliva Sulla base della qualità delle olive, della loro freschezza ed integrità, del grado di acidità e della lavorazione, gli oli di oliva vengono così classificati: 1 : OLIO

Dettagli

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE Manuale e piano di per la certificazione dell olio extra vergine di oliva rispondente ai requisiti per l ottenimento della Denominazione di Origine Protetta ai sensi del Reg. CEE 2081/92 Olio extra vergine

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Olio Extravergine di Oliva Terra di San Marino è riservata al prodotto che rispetta le condizioni

Dettagli

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone pag. 1 Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PRODUZIONI ORTICOLE DA PRODUZIONE BIOLOGICA Premessa Il Parco Regionale di Montevecchia

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

FILIERA MEDIA. Data Rev. Descrizione Tecnico Il presidente Approvazione

FILIERA MEDIA. Data Rev. Descrizione Tecnico Il presidente Approvazione DI RINTRACCIABILITÀ AI SENSI DELLE NORME ISO 22005:2008 + AQ Rev. 07 del 23/07/2012 DISCIPLINARE TECNICO PER LA RINTRACCIABILITÀ AI SENSI DELLA NORMA ISO 22005:2008 DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA (identificato

Dettagli

Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for:

Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for: Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for: by: D. Capra S. Bianchini, M. Bonadonna CSI All in DNV GL Business Assurance

Dettagli

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA' AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 7 RAGUSA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE -AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

Dettagli

L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento

L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento Le cose da dire sull olio sono tante, durante i miei corsi di degustazione le persone rimangono affascinate nel conoscere

Dettagli

L olio EVO caratteristiche e secreti per riconoscerlo ed apprezzarlo!

L olio EVO caratteristiche e secreti per riconoscerlo ed apprezzarlo! Nutrire il Pianeta, Energia per la vita L olio EVO caratteristiche e secreti per riconoscerlo ed apprezzarlo! Olio una spremuta di olive Uno spot semplice ma efficace ATTRIBUTI POSITIVI DI UN OLIO FRUTTATO

Dettagli

Provenienza delle olive Per ottenere olio "biologico" certificabile secondo il presente disciplinare è necessario utilizzare:

Provenienza delle olive Per ottenere olio biologico certificabile secondo il presente disciplinare è necessario utilizzare: DISCIPLINARE PER LA PRODUZIONE DI OLIO extra VERGINE DI OLIVA da olive ottenute con il metodo dell'agricoltura biologica L'olio da agricoltura biologica Le olive prodotte con tecniche di coltivazione biologica

Dettagli

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio.

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio. ASSOPROL UMBRIA Soc. Coop. Organizzazione dei produttori olivicoli dell Umbria Programma di attività delle Organizzazioni di Operatori del Settore Olivicolo Reg. CE 867/08 RELAZIONE FINALE SULLA REALIZZAZIONE

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI ESTRAZIONE DI OLIO DI OLIVA: DAL TRE FASI AL DUE FASI

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI ESTRAZIONE DI OLIO DI OLIVA: DAL TRE FASI AL DUE FASI L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI ESTRAZIONE DI OLIO DI OLIVA: DAL TRE FASI AL DUE FASI La centralità del sistema estrattivo di tipo continuo risiede nell estrattore ad asse orizzontale, dove la pasta gramolata

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio.

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio. ASSOPROL UMBRIA Soc. Coop. Organizzazione dei produttori olivicoli dell Umbria Programma di attività delle Organizzazioni di Operatori del Settore Olivicolo Reg. CE 867/08 RELAZIONE FINALE SULLA REALIZZAZIONE

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione..

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione.. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6 DESTINATARI emissione. Redazione.. Approvazione Distribuzione. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 2 di 6 1. SCOPO E APPLICAZIONE La presente Procedura è riferita alle

Dettagli

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Città di Alghero Provincia di Sassari IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Farmer market nel Comune di Alghero Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20/2009 REGOLAMENTO D'USO DEL CIRCUITO 1 SOMMARIO

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA 1 Introduzione Il protocollo definisce, sulla base dell esperienza

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/09/06 RQ LTM 1 di 9

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/09/06 RQ LTM 1 di 9 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER PRODOTTO OLIO 0 20/09/06 RQ LTM 1 di 9 1. INTRODUZIONE... 3 2. TERMINOLOGIA... 3 2.1 PRODUTTORE... 3 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO... 3 2.3 CAMPIONATURA... 3 2.4 PIANO

Dettagli

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG.

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Associazione Interregionale Produttori Olivicoli Viale Del Lavoro, 52-37135 Verona Norme per la corretta etichettatura dell'olio extra di oliva Relatore Volani Antonio Campagna

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Passata di Pomodoro Emissione 02 14/09/2007 Copia n 01 Assegnata a: Settore agricoltura e ambiente rurale provincia Lodi Firma Dirigente. ( ) INDICE 1. Premessa...3 2. Introduzione...3

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Produzione di bevande Sequenza di processo Produzione di bevande Area

Dettagli

PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE

PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE Indice PRESENTAZIONE pag. 2 PREMESSA pag. 2 Filiera Olivicola Italiana pag. 3 ATTIVITÀ PARDI&ASSOCIATI pag. 4 PROTOCOLLI GESTIONE

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Allegato 1 Sezione I - Modalità di tenuta del registro di cui all art. 7. Vidimazione 1. Il registro è tenuto: a) manualmente ed è costituito da non oltre 200 fogli fissi o da schede contabili mobili da

Dettagli

SQNPI. Linee guida nazionali per la redazione dei piani di controllo della Produzione integrata

SQNPI. Linee guida nazionali per la redazione dei piani di controllo della Produzione integrata SQNPI Linee guida nazionali per la redazione dei piani di controllo della Produzione integrata Indice 1 - Premessa... 3 2 Scopo e campo di applicazione... 3 3 - Riferimenti normativi... 3 4 Definizioni

Dettagli

Sara Pelligra Polo Alimenti. Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino

Sara Pelligra Polo Alimenti. Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino Sara Pelligra Polo Alimenti Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino 1 CONTROLLO UFFICIALE monitoraggio e sorveglianza ispezioni

Dettagli

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO 07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO Perché Certificarsi Ottemperare agli obblighi di legge Soddisfare le richieste dei clienti Perché

Dettagli

CASE DELL ACQUA: MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER L UTILIZZO E LA GESTIONE

CASE DELL ACQUA: MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER L UTILIZZO E LA GESTIONE CASE DELL ACQUA: MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER L UTILIZZO E LA GESTIONE Milano, 26 Novembre 2014 Dr. Lorenzo TADINI Vice Presidente Aqua Italia Anno di pubblicazione: 2014 TRATTAMENTO ACQUA E

Dettagli

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A DICHIARAZIONE INTEGRATIVA ALLA NOTIFICA RELATIVA ALL IMPEGNO DELL OPERATORE E ALLE MISURE CONCRETE E PRECAUZIONALI PER LE AZIENDE DI PREPARAZIONE secondo l Articolo 63 del Reg CE n.889/2008 (in attuazione

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE DOTAZIONI DI SICUREZZA PER I LOCALI DESTINATI ALLA VENDITA E AL DEPOSITO - D.G.R. 7-10295 del 5/8/2003 PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA.

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. 1. COMMERCIALIZZAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA Confezioni Il prodotto può essere venduto all utenza finale in imballaggi

Dettagli

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI MASTER 205 1 REQUISITI DELL AZIENDA PREREQUISITI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO AUTORIZZAZIONE SANITARIA DISPONIBILITÀ DI ACQUA POTABILE (VERIFICARE

Dettagli

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI Reg. (CE) n 183/2005 Requisiti per l igiene dei mangimi Reg. (CE) n 767/2009 Etichettatura dei mangimi Reg. (CE) n 178/2002 Procedure sulla sicurezza alimentare Reg. (CE) n 852/2004

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Studi e disciplinari dei prodotti agroalimentari Settore OLIVICOLO

Studi e disciplinari dei prodotti agroalimentari Settore OLIVICOLO ASSOCIAZIONE NAZIONALE PRODUTTORI AGRICOLI PROGRAMMA LEADER+ PER LA REGIONE BASILICATA 2000/2006 Studi e disciplinari dei DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA DI MAIATICA E DELLE

Dettagli

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive)

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) CON DECRETO Assessorato Regionale Sanità del 27/02/2008 sono state emanate le linee di indirizzo attuative del Regolamento CE n.

Dettagli

la certificazione per l etica vegana

la certificazione per l etica vegana la certificazione per l etica vegana certificazione a cura di la certificazione per l etica vegana certificazione a cura di è una Certificazione Guida il consumatore in un acquisto consapevole Sostiene

Dettagli

VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE

VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE Metodo per la valutazione organolettica dell olio di oliva vergine (COI/T20/Doc. 15/Rev.2/2007) Maria Teresa Frangipane VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE I sensi sono delle specie di strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Farchioni Olii e la sua storia:

Farchioni Olii e la sua storia: Farchioni Olii e la sua storia: "Dal 1780 la mia famiglia si è impegnata nella crescita di prodotti alimentari tipici umbri. Abbiamo iniziato il nostro lavoro nella città di Spoleto, e nel 1920 mio nonno

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

AMBIENTE E AGRICOLTURA

AMBIENTE E AGRICOLTURA Comunicazione Energia Ambiente Il Tuo spazio dedicato all Ambiente Incontro formativo AMBIENTE E AGRICOLTURA Proposte per una corretta gestione San Ginesio - 12 febbraio 2005 La corretta gestione dei rifiuti

Dettagli

SOCIETÀ COOPERATIVA AGRICOLA MOLIENDA SABINAE S.S.313 KM. 22,450 02040 CANTALUPO (RI)

SOCIETÀ COOPERATIVA AGRICOLA MOLIENDA SABINAE S.S.313 KM. 22,450 02040 CANTALUPO (RI) SOCIETÀ COOPERATIVA AGRICOLA MOLIENDA SABINAE S.S.313 KM. 22,450 02040 CANTALUPO (RI) PIANO DI AUTOCONTROLLO 2014 DATI AZIENDALI Società Cooperativa Agricola Molienda Sabinae P.Iva e C.F. 01115250571 S.S.

Dettagli

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO La marcatura CE UNI EN 1090-1. Il primo passo è il conseguimento dell Attestato di Denuncia Attività da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e l iscrizione

Dettagli

Il concetto di Qualità La Qualità nel caso dell olio extra vergine di oliva

Il concetto di Qualità La Qualità nel caso dell olio extra vergine di oliva Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Marketing agroalimentare (Anno accademico 2010-2011) 9 Modulo Il concetto di Qualità La Qualità nel caso dell olio extra vergine di

Dettagli

Dalla progettazione igienica degli ambienti alla qualità in tavola QUALITÀ DEGLI ALIMENTI: IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE SISTEMA HACCP

Dalla progettazione igienica degli ambienti alla qualità in tavola QUALITÀ DEGLI ALIMENTI: IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE SISTEMA HACCP Dalla progettazione igienica degli ambienti alla qualità in tavola Milano 21 Maggio 2015 Galleria Meravigli QUALITÀ DEGLI ALIMENTI: IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE SISTEMA HACCP Ing. Patrizia Di Lelio 1

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS)

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Oggetto : Convenzione servizi Geo Lab è una società di servizi, con un laboratorio d analisi interno. Offriamo servizi analitici e di

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari GESTIONE DEI RIFIUTI Parte IV del D.lgs 152/2006 Norme in materia di gestione dei rifiuti RIFIUTO: qualsiasi

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI ASL 7 Carbonia Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione PG/2010/ Iglesias, LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI Obiettivi Scopo di queste linee guida

Dettagli

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo Il Pacchetto igiene : la normativa europea cogente in materia di sicurezza alimentare Maria

Dettagli

Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari

Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari Elena Anselmetti Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio Le nuove norme nell ambito degli Agrofarmaci Biella, 2 febbraio 2016

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva dott. Salvatore Alberino ICQRF Toscana e Umbria 24 Apr 2015 dott S. Alberino 1 L evoluzione normativa Dal 13 dicembre

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20 Marina Speri VERONA LE FRODI ALIMENTARI IN UOVA E OVOPRODOTTI Rovigo, 5 giugno 2009 Alcuni dati del comparto PRODUZIONE 2008: 12 miliardi e 952 milioni di uova CONSUMO 2008 :

Dettagli

SCHEDA AMMENDANTI con riferimento alla Tabella 1 dell allegato 13 del D.lgs 75/2010:

SCHEDA AMMENDANTI con riferimento alla Tabella 1 dell allegato 13 del D.lgs 75/2010: SCHEDA AMMENDANTI con riferimento alla Tabella 1 dell allegato 13 del D.lgs 75/2010: TIPOLOGIE DI COMPOST Scheda 1 GREEN-LIFE AMMENDANTE COMPOSTATO VERDE - ACC Scheda 2 ECO-LIFE AMMENDANTE COMPOSTATO MISTO

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Pag.: 1/9 INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4. MODALITÀ OPERATIVE...3 4.2. Identificazione dei parametri da monitorare...3

Dettagli

Indice. 1. La Qualità alimentare. 2. La certificazione di sistema e di prodotto

Indice. 1. La Qualità alimentare. 2. La certificazione di sistema e di prodotto Indice 1. La Qualità alimentare 1.1 L importanza della qualità... 1 1.2 Definizioni della qualità: caratteristiche, prestazioni e requisiti... 2 1.3 Un modello analitico della qualità alimentare... 6 1.3.1

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva Elisabetta Toti Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) e-mail: toti@inran.it La disciplina sulla

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente + Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente Annalisa Corrado - Coordinatrice Gruppo di Lavoro Multietichetta

Dettagli

CLASSIFICAZIONE e NORMATIVA OLIO DI OLIVA

CLASSIFICAZIONE e NORMATIVA OLIO DI OLIVA POR FSE 2007-2013 Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Regione Toscana CLASSIFICAZIONE e NORATIVA OLIO DI OLIVA Corso FSE - Provincia di Grosseto - Codice : 33999 Agricoltori in Circolo per la Sicurezza

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione di farina, pasta e prodotti da forno Sequenza

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

7. QUALITa DEL PRODOTTO

7. QUALITa DEL PRODOTTO 7. QUALITa DEL PRODOTTO 7. Qualità del prodotto Per Altromercato un prodotto deve essere costituito da materie prime di alta qualità, il più possibile sostenibile nel suo ciclo di produzione, consumo e

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Unione Nazionale tra le Organizzazioni di Produttori Ortofrutticoli Agrumari e di Frutta in Guscio E vietata la riproduzione,

Dettagli

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI -CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI Norma ISO 9001 e sue applicazioni Iter di certificazione e sistema di accreditamento Sistemi

Dettagli

Procedura di campionamento per clienti esterni

Procedura di campionamento per clienti esterni Procedura di campionamento per clienti esterni Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 30/04/2013 Prima emissione 01 28/02/2014 Aggiunti riferimenti normativi sul campionamento, come da oss. ACCREDIA del

Dettagli

I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo

I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo Premessa Il concetto di End-of-Waste è stato introdotto dalla Strategia tematica sulla prevenzione e il riciclaggio dei rifiuti, adottata dalla Commissione europea

Dettagli

Regolamento Gocce d oro 2015 concorso oleario riservato ai migliori Oli Extra Vergine di Oliva prodotti nella regione Puglia.

Regolamento Gocce d oro 2015 concorso oleario riservato ai migliori Oli Extra Vergine di Oliva prodotti nella regione Puglia. Regione Puglia Comune di Troia Regolamento Gocce d oro 2015 concorso oleario riservato ai migliori Oli Extra Vergine di Oliva prodotti nella regione Puglia. Il concorso si propone di: Art. 1 Stimolare

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali CSI 9 febbraio 2012 La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali M R Milana Istituto Superiore di Sanità- Roma MOCA : Quali materiali e oggetti? Tutti i materiali

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

Corsi di formazione Haccp

Corsi di formazione Haccp Corsi di formazione Haccp La Normativa HACCP o Autocontrollo alimentare disciplina le regole di igiene nei luoghi di lavoro ove si preparano, si immagazzinano o si distribuiscono alimenti o bevande. Il

Dettagli