Supporto On Line Allegato FAQ LA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Supporto On Line Allegato FAQ LA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA"

Transcript

1 Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8ADG2Y82888 Data ultima modifica 20/10/2010 Prodotto ARKmanager Client Modulo Conservazione sostitutiva Oggetto: Conservazione sostitutiva Chiarimenti normativi LA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA La conservazione sostitutiva è una procedura legale/informatica regolamentata dalla legge italiana, in grado di garantire nel tempo la validità legale di un documento informatico. Per documento informatico si intende una rappresentazione di atti o fatti e dati su un supporto sia esso cartaceo o informatico (delibera CNIPA 11/2004) La conservazione sostitutiva equipara, sotto certe condizioni, i documenti cartacei con quelli elettronici e dovrebbe permettere ad aziende e all'amministrazione pubblica di risparmiare sui costi di stampa, di stoccaggio e di archiviazione. Il risparmio è particolarmente alto per la documentazione che deve essere, a norma di legge, conservata per più anni. Conservare digitalmente significa sostituire i documenti cartacei, che per legge alcuni soggetti giuridici sono tenuti a conservare, con l'equivalente documento in formato digitale che viene bloccato nella forma, contenuto e tempo attraverso la firma digitale e la marca temporale. È infatti la tecnologia della firma digitale che permette di dare la paternità e rendere immodificabile un documento informatico, affiancata poi dalla marcatura temporale permette di datare in modo certo il documento digitale prodotto. Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 1 di 19

2 CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA: QUALI NORME Note esplicative delle regole tecniche per la riproduzione e conservazione dei documenti su supporto ottico. Circolare n. 36 del 6 dicembre 2006, modalita' di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici e alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto; Circolare n. 45 del 19 ottobre 2005, attuazione della direttiva 2001/115/CE che semplifica ed armonizza le modalità di fatturazione in materia di IVA; D.lgs. n. 82 del 7 marzo 2005, codice dell'amministrazione digitale; Deliberazione del 19 febbraio 2004, regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformita' dei documenti agli originali - Art. 6, commi 1 e 2, del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445; Decreto 23 gennaio 2004, modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di suppporto; D.P.C.M. 13 gennaio 2004, regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche temporale, dei documenti informatici D.L. n. 357 del 10 giugno 1994, norme varie Codice Civile, art D.L. 185/2008 CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA: PERCORSO NORMATIVO D.L. 357/1994 art. 7, co. 4-ter Si possono tenere i registri con sistemi meccanografici se si stampano su carta nei termini di legge o a richiesta dei verificatori. D.L. 357/1994 art. 7-bis, co. 4 Si possono conservare le scritture contabili sotto forma di registrazioni su supporti di immagini (art. 2220, co. 3, cod. civ.) D.L. 357/1994 art. 7-bis, co. 9 Si possono conservare tutte le scritture ed I documenti rilevanti ai fini tributari sotto forma di registrazioni su supporti di immagini (art. 2220, co. 3, cod. civ.) se risultano corrispondenti agli originali e sono resi leggibili dall utilizzatore, e se seguono le regole previste dall apposito decreto (D.M. 23/01/2004). D.M. 23/01/2004 Detta regole per la conservazione sostitutiva dei documenti (informatici ed analogici) Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 2 di 19

3 CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA: QUALI DOCUMENTI - Documenti rilevanti ai fini delle disposizioni tributari (Elenco a titolo esemplificativo valido ai fini fiscali ) - Libro giornale e libro degli inventari - Scritture ausiliarie in cui registrare elementi patrimoniali e reddituali - Scritture ausiliarie di magazzino - Registro dei beni ammortizzabili - Registri prescritti ai fini IVA: acquisti, corrispettivi, fatture emesse - Dichiarazioni fiscali (UNICO, 730, 770 ) - Modelli di pagamento (F23 e F24) - Libri sociali - Bilancio d esercizio: stato patrimoniale, conto economico, nota integrativa - Relazione sulla gestione, relazione dei sindaci e dei revisori contabili - Fatture attive e passive, anche sotto forma di conto, nota, parcella e simili - Ricevute fiscali e scontrini fiscali - Documenti di trasporto (DDT) Fonte: - CM 36/E/2006 DOCUMENTI ESCLUSI - Scritture e documenti rilevanti ai fini tributari nel settore doganale, delle accise e delle imposte di consumo (cioè documenti propri di determinazione dei diritti doganali e delle accise; non anche delle fatture) Fonte: - art. 2, co. 2, D.M. 23/01/2004 Novità L art. 16 del D.l. 185/08 (cd. anticrisi ) ha modificato l art. 23 co. 4 del D.Lgs. 82/2005 (codice dell amministrazione digitale). In precedenza, i documenti originali erano distinti in unici (es. assegni prima della registrazione, libri sociali prima dell eventuale deposito al Reg.Imp.) e non unici (è possibile risalire al contenuto da altre scritture; es. l. giornale ricostruito da schede mastro) con l obbligatorio intervento di un notaio per attestare l originalità del documento. Questa regola ora è un eccezione, in quanto la conformità delle copie su supporto informatico di qualsiasi documento analogico, a prescindere dalla sua unicità o meno, viene assicurato dal soggetto che detiene l originale cartaceo attraverso l apposizione della propria firma digitale alla copia informatica. Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 3 di 19

4 CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA: DEFINIZIONI M EMORIZZAZIONE Processo di trasposizione su un qualsiasi idoneo supporto, attraverso un processo di elaborazione, di documenti analogici o informatici - deve essere rispettato l ordine cronologico, senza soluzione di continuità per ciascun periodo d imposta; - devono essere consentite le funzioni di ricerca ed estrazione delle informazioni dagli archivi informatici in relazione, ad esempio, a nome, cognome, denominazione, codice fiscale, partita iva, data. A RCHIVIAZIONE ELETTRO NICA Processo di memorizzazione, su un qualsiasi idoneo supporto, di documenti informatici, anche sottoscritti, ( ), univocamente identificati mediante un codice di riferimento, antecedente all eventuale processo di conservazione ARCHIVIAZIONE può essere propedeutica alla CONSERVAZIONE ma non è necessaria. Viene comunque ricordata perché l art. 39 del DPR 633/72 (Iva) parla di archiviazione delle fatture elettroniche anche se intende riferirsi alla conservazione. CONSERVAZIONE Processo che presuppone la memorizzazione, su supporti ottici o altri idonei supporti, dei documenti ed eventualmente anche delle loro impronte e che termina con la sottoscrizione elettronica e l apposizione della marca temporale sull insieme dei documenti o su un evidenza informatica (ossia una sequenza di bit oggetto di elaborazione informatica) contenente l impronta o le impronte dei documenti o di insiemi di essi CONSERVAZIONE consente la tenuta nel tempo dei documenti e scritture contabili A FINI PROBATORI E DI OPPONIBILITÀ A TERZI Fonti: - C.M. 45/E/ Delibera Cnipa 11/2004 Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 4 di 19

5 CONSERVAZIONE SCRITTURE CONTABILI IN FORMATO DIGITALE Normalmente le scritture vengono memorizzate sul computer e successivamente stampate su carta. In questo caso, pertanto, esse acquisiscono il carattere della definitività e della immodificabilità solo quando vengono trasferite sul supporto cartaceo. - memorizzazione dei dati sul computer; - stampa su carta che ne certifica la definitività; - archiviazione del cartaceo che ne accerti la leggibilità ed immodificabilità. Le nuove regole permettono: - sia di eliminare il supporto cartaceo mediante un processo di trasposizione dalla carta ad altro supporto; - sia di conservare direttamente il documento informatico. CONSERVAZIONE SCRITTURE CONTABILI STAMPATE SU SUPPORTO CARTACEO Il documento cartaceo (l art. 1 del DM 23/01/2004 lo definisce analogico) è conservato mediante la memorizzazione della relativa immagine (a differenza della conservazione del documento informatico) secondo le seguenti modalità: - devono avere la forma di documenti statici non modificabili (il formato PDF/A garantisce queste caratteristiche); (cioè non deve contenere macroistruzioni o codici eseguibili tali da attivare funzionalità che possano modificare il contenuto); Per ottenere il PDF/A è necessario utilizzare prodotti specifici, quali ad esempio Acrobat 8 Professional o Open Office 2.4. Processo di conservazione: - acquisizione immagine e memorizzazione su supporto ottico che ne garantisca la leggibilità nel tempo; - apposizione della firma elettronica del responsabile della conservazione (file.p7m); - apposizione della marca temporale da parte del responsabile della conservazione (file m7m). - Può essere limitato ad una o più tipologie di documenti e scritture analogici, purchè sia assicurato l ordine cronologico e non vi sia soluzione di continuità. Marca temporale - informazione contenente la data e l ora (riferimento temporale) che se apposto ad un documento informatico lo rende opponibile a terzi. - l apposizione della marca temporale ad un documento informatico, avviene generando l impronta di hash del file, successivamente l impronta viene inviata ad apposita autorità (TSA reperibile sul sito CNIPA; TSA = Transitional Securuty Network, cioè rete di transizione sicura) la quale provvede ad apporre la data e l ora esatta di marcatura e la propria firma digitale, ed inviare il tutto in pochi secondi. - la marca si acquista al costo di 0,30 euro per ogni documento (ogni PDF); quindi ad esempio ogni fattura oppure ogni file del libro giornale (cioè uno solo per il PDF dell intero anno oppure 4 se ci sono 4 PDF per una stampa trimestrale). (0,30 euro è un esempio di costo per un lotto di 100 marche: -> negozio online -> marche temporali) - la marca ha una durata di 20 anni (art. 49 DPCM 30/3/09) ma il problema del rinnovo ricade sul responsabile della conservazione che si dovrà preoccupare di rimarcare il documento mediante procedure automatiche. La cosa è ininfluente per il commercialista. Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 5 di 19

6 Nei termini previsti, si deve trasmettere alle agenzie fiscali l impronta dell archivio informatico oggetto della conservazione, la relativa sottoscrizione elettronica (firma digitale) e la marca temporale. Solo dopo il completamento della procedura di conservazione digitale è consentita la distruzione del libro cartaceo di origine. Impronta Attraverso un opportuna funzione matematica di un qualsiasi documento informatico ne viene estratto una sequenza di simboli binari (impronta) che lo identifichi in modo univoco e senza possibilità di errore, nonché senza che dalla stessa sequenza si riesca a determinare i documento originario. Fonte:- Art. 4, D.M. 23/01/2004 CONSERVAZIONE SCRITTURE CONTABILI INFORMATICHE I documenti informatici: - hanno la forma di documenti statici non modificabili: per esempio il formato PDF/A garantisce queste caratteristiche; - sono emessi al fine di garantire l attestazione della data, l autenticità e l integrità con l apposizione del riferimento temporale e della sottoscrizione elettronica; Riferimento temporale Informazione contenente la data e l ora che viene associata ad uno o più documenti informatici. Contrariamente alla marca temporale, il riferimento temporale è opponibile a terzi a discrezione del giudice. Si può decidere, con le limitazioni di opponibilità indicate, di sincronizzare il proprio server al server NTP dell istituto G. Ferraris per fissare data e ora. - sono resi leggibili ed a richiesta disponibili su supporto cartaceo ed informatico, nonché esibiti per via telematica; - sono memorizzati su un qualsiasi supporto di cui sia garantita la leggibilità nel tempo. Al fine di individuare le informazioni necessarie è essenziale dotarsi di funzioni di ricerca logica capaci di identificare immediatamente i dati ricercati. Per quanto riguarda gli obblighi di conservazione dei documenti informatici si utilizza il termine emessi. Si può ritenere che le scritture contabili siano emesse (cioè formate definitivamente) al momento dell apposizione del riferimento temporale e della sottoscrizione elettronica. - il documento deve essere sottoposto al processo di conservazione: 1) creazione e memorizzazione del documento fiscale su supporto informatico; 2) apposizione della firma elettronica da parte del responsabile della conservazione; 3) apposizione della marca temporale da parte del responsabile della conservazione. Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 6 di 19

7 FIRMA DIGITALE Documento originario Funzione di hash Impronta digitale (160 bit) Documento in chiaro di cui si vuole creare un impronta digitale utilizzando una funzione di hash Documento in chiaro di cui si vuole creare un impronta digitale utilizzando una funzione di hash Funzione di hash Funzione di hash LE GARANZIE DELLA FUNZIONE DI HASH - 2 documenti uguali, generano una stessa impronta - dall impronta è impossibile risalire al documento originario - se il documento originario viene minimamente cambiato, l impronta risulta differente (es. cambio di parola, di carattere oppure in corsivo, ) - anche se il documento originario è un file di qualsiasi lunghezza, l impronta è sempre di dimensioni di 160 bit Nel Dpcm 30/3/2009 art. 51, viene ora disposto che la firma digitale, anche se il relativo certificato qualificato risulti scaduto, revocato o sospeso, è valida se alla stessa è associabile un riferimento temporale opponibile ai terzi che colloca la generazione di detta firma in un momento precedente alla scadenza, sospensione o revoca del certificato. In pratica, se dopo aver firmato digitalmente un documento si appone anche una marca temporale, si renderà la firma digitale valida nel tempo. Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 7 di 19

8 FIRMA DIGITALE DI UN DOCUMENTO INFORMATICO 1 Documento in chiaro di cui si vuole creare un impronta digitale utilizzando una funzione di hash 2 Funzione di hash (è un calcolo matematico, un software) Impronta digitale (160 bit) Firma digitale (smart card) L impronta viene crittografata con la chiave privata del sottoscrittore (min 1024 bit) Restituzione al computer dell impronta crittografata wxzazxwaxwza wxzazxwaxwza busta o documento firmato con estensione.p7m, contenente: - il documento originario; - la firma digitale (impronta crittografata con la chiave privata del sottoscrittore min 1024 bit) - certificato di sottoscrizione del sottoscrittore che contiene la sua chiave pubblica Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 8 di 19

9 GENERAZIONE DI UN DOCUMENTO INFORMATICO 1) Ogni PDF individua il documento che voglio sottoporre a conservazione : es. il libro giornale, oppure il registro vendite, o il registro acquisti, ecc. 2) Posso selezionare uno o più PDF, quindi uno o più documenti di uno o più clienti. Questa è la fase preliminare al processo di memorizzazione e conservazione dei documenti analogici e non è disciplinata. Solo le note esplicative della delibera fanno riferimento ad una fase di predisposizione ed organizzazione del materiale documentale denominata cartellinatura, destinata a semplificare la consultazione, la duplicazione o l esibizione dei documenti conservati. 3) la marcatura temporale è la procedura informatica che si realizza quando l utente invia al certificatore l impronta (che si fa con il software Hash) del documento informatico sottoscritto sul quale verrà apposta la marca, che contiene alcune informazioni (tra cui data e ora di creazione); il tutto sottoscritto con la chiave di marcatura temporale del certificatore, che verrà restituito all utente. La data e ora generata dalla marca è elaborata dal sistema. La marca viene restituita all utente in pochi secondi. Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 9 di 19

10 DEMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI Doc n.1 ( bit) Hash n.1 (160 bit) Emissione: - firma digitale - riferimento temporale Conservazione sostitutiva: - firma digitale - marca temporale Doc n.2 ( bit) Hash n.2 (160 bit) Emissione: - firma digitale - riferimento temporale Conservazione sostitutiva: - firma digitale - marca temporale Doc n.3 ( bit) Hash n.3 (160 bit) Emissione: - firma digitale - riferimento temporale Conservazione sostitutiva: - firma digitale - marca temporale Messaggio presente nelle istruzioni delle dichiarazioni ATTENZIONE: si ricorda che per la conservazione dei documenti informatici rilevanti ai fini delle disposizioni tributarie occorre osservare le modalità previste dal decreto ministeriale 23 gennaio 2004 e le procedure contemplate nella delibera CNIPA n. 11 del 19 febbraio Più precisamente, è necessario che detti documenti siano memorizzati su supporto informatico, di cui sia garantita la leggibilità nel tempo purché sia assicurato l ordine cronologico e non vi sia soluzione di continuità per ciascun periodo d imposta; inoltre, devono essere consentite le funzioni di ricerca e di estrazione delle informazioni dagli archivi informatici in relazione al cognome, al nome, alla denominazione, al codice fiscale, alla partita IVA, alla data o associazioni logiche di questi ultimi. Tale procedura di conservazione termina con la sottoscrizione elettronica e l apposizione della marca temporale. Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 10 di 19

11 ESEMPIO DI PROCEDIMENTO LIBRO GIORNALE - formazione come documento informatico statico e non modificabile trimestralmente* con apposizione di firma digitale e riferimento temporale. - produzione annuale di una evidenza informatica contenente le 4 (ogni trimestre) impronte di hash dei periodi ed apposizione della marca temporale e la firma digitale del responsabile della conservazione. * art bis cod.civ., articolo inserito dal DL 185/08 Il DDL Brunetta prevede la modifica della disposizione trimestrale e ritorno all adempimento annuale. REGISTRI IVA - formazione come documento informatico statico e non modificabile ogni trimestre con apposizione di firma digitale e riferimento temporale. - produzione annuale di una evidenza informatica contenente le 12(ogni mese)/4 (ogni trimestre) impronte di hash dei periodi ed apposizione della marca temporale e la firma digitale del responsabile della conservazione. Per tali registri, entro i termini previsti, il responsabile della conservazione dovrà provvedere alla chiusura della conservazione sostitutiva dell archivio informatico. Dovrà creare una evidenza informatica contenente l impronta di hash del libro giornale e dei registri iva a cui apporrà la propria firma digitale e la marca temporale. L evidenza informatica si trasmette alla competente agenzia delle entrate che produrrà la ricevuta della comunicazione ed il relativo numero protocollo. L art. 5 del DM 23/01/2004, prevede apposito provvedimento che individua gli elementi da inviare insieme all impronta. Provvedimento ad oggi non emanato. Pertanto, non c è obbligo alcuno di invio comunicazione dell impronta. Si ritiene possibile creare quanti documenti informatici si vogliono (con firma digitale e riferimento temporale) ed estrarne la relativa impronta. Ad esempio tutti i libri giornali, tutti i registri iva, il libro giornale per ogni cliente, tutti i registri di ogni cliente, L importante è che il responsabile della conservazione annoti ed aggiorni l esatta architettura del sistema e sia in grado di indicare in ogni momento il percorso utilizzato per la formazione dell impronta generale e definitiva dell archivi informatico. Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 11 di 19

12 TERMINI PER LA CONSERVAZIONE FATTURE OGNI 15 GIORNI ALTRI DOCUMENTI OGNI ANNO Occorre fare due precisazioni: - la decorrenza del termine - la tempistica relativa ai CAF e agli altri intermediari telematici che differenzia tra propria dichiarazione e dichiarazione dei clienti Fonti: art. 3, co. 2, D.M. 23/01/2004 Decorrenza termini conservazione Fattura attiva analogica decorrenza da data consegna o spedizione (possibile anche da data indicata sul documento) Fattura attiva elettronica decorrenza da trasmissione telematica Fatture passive decorrenza da ricezione FATTURE PASSIVE (non da annotazione in contabilità generale) Documenti diversi da fatture *se inerenti a dichiarazioni fiscali: DOCUMENTI DIVERSI entro il termine di presentazione della dichiarazione se non legati a dichiarazioni annuali, entro un anno dalla formazione Contratti Dichiarazioni fiscali entro un anno dalla formazione e non dalla registrazione entro 3 mesi dalla presentazione della dichiarazione *La Finanziaria 2008 (L. 244/2007) ha previsto che la stampa dei registri contabili può essere effettuata entro 3 mesi dalla presentazione della dichiarazione: il differimento dei termini previsti per la stampa si estende anche al processo di conservazione sostitutiva ed anche ai documenti diversi dalle fatture. CAF ed altri soggetti incaricati alla trasmissione, termine del processo di conservazione sostitutiva delle dichiarazioni trasmesse: entro tre mesi dal termine presentazione della propria dichiarazione. Fonti:R.M. 67/E/2008 e R.M. 161/E/2007 Esempio, Caf e altri intermediari: -il proprio Unico 2009 (redditi 2008) entro 31/12/2009 (Unico si presentava entro 30/09/2009) - l Unico 2009 (redditi 2008) dei clienti entro 31/12/2010 (perché nel corso del 2009 elabora e trasmette le dichiarazioni unico 2009 dei contribuenti, ed effettua la conservazione entro il termine di presentazione della sua dichiarazione relativa al 2009) Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 12 di 19

13 TENUTA DEI LIBRI INFORMATICI (art. 16, comma 12, DL 185 del 2008 NUOVO articolo 2215 bis del codice civile) I libri, i repertori, le scritture e la documentazione la cui tenuta è obbligatoria per disposizione di legge o di regolamento o che sono richiesti dalla natura o dalle dimensioni dell'impresa, possono essere formati e tenuti con strumenti informatici. Le registrazioni contenute nei documenti di cui al primo comma debbono essere rese consultabili in ogni momento con i mezzi messi a disposizione dal soggetto tenutario e costituiscono informazione primaria e originale da cui è possibile effettuare, su diversi tipi di supporto, riproduzioni e copie per gli usi consentiti dalla legge. Libri contabili tenuti con sistemi meccanografici Libri contabili elettronici Sono aggiornati e vengono stampati entro 3 mesi dal termine di presentazione delle dichiarazioni Non sono stampati e sono resi immodificabili ogni 3 mesi con marcatura temporale Modalità tradizionale - aggiornamento su PC entro 60 gg - stampa su carta dell intero anno entro 3 mesi dal termine dell invio della dichiarazione - possibilità di stampa in ogni momento Modalità digitale - apertura file in cui riportare le annotazioni (.doc, se testo oppure.xls, se numerico) - file trasformato in pdf/a - entro 3 mesi dall apertura file apporre firma digitale (.p7m) - nello stesso termine, la marca temporale (.m7m) - firma + marca per ogni trimestre più una annuale Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 13 di 19

14 TENUTA DEI LIBRI INFORMATICI (art. 16, comma 12, DL 185 del 2008 NUOVO articolo 2215 bis del codice civile) Gli obblighi di numerazione progressiva, vidimazione e gli altri obblighi previsti dalle disposizioni di legge o di regolamento per la tenuta dei libri, repertori e scritture, ivi compreso quello di regolare tenuta dei medesimi, sono assolti, in caso di tenuta con strumenti informatici, mediante apposizione, ogni tre mesi a far data dalla messa in opera, della marcatura temporale e della firma digitale dell'imprenditore, o di altro soggetto dal medesimo delegato, inerenti al documento contenente le registrazioni relative ai tre mesi precedenti Tenuta e conservazione dei libri informatici (art. 16, comma 12, DL 185 del 2008 articolo 2215 bis del codice civile I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre tenuta trimestrale FD + MT FD + MT FD + MT FD + MT FD + MT Conservazione annuale Dal 1 gennaio 2008 occorre procedere alla conservazione sostitutiva dei registri contabili entro tre mesi dal termine per la presentazione della dichiarazione annuale relativa al periodo oggetto di registrazione, previa apposizione della firma elettronica qualificata e della marca temporale da parte del responsabile della conservazione (risoluzione 85/E del 2008) Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 14 di 19

15 Conservazione su supporti informatici delle dichiarazioni fiscali predisposte e trasmesse elettronicamente da CAF e altri soggetti incaricati alla trasmissione anche se non riproducono la firma autografa del contribuente non necessaria quindi la fase di stampa e successiva acquisizione conservazione con firma autografa obbligatoria solo per contribuente per il CAF, termine del processo di conservazione sostitutiva delle dichiarazioni trasmesse: entro tre mesi dal termine presentazione della propria dichiarazione (si ritiene applicabile anche agli altri soggetti incaricati alla trasmissione). Fonti: - R.M. 298/E/ R.M. 354/E/2008 Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 15 di 19

16 RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE INDIVIDUAZIONE Il privato individua un soggetto deputato ad operare quale responsabile della conservazione, anche esterno all azienda ai sensi dell art. 5, co. 2, delibera CNIPA 11/2004. E possibile delegare tutto o parte delle funzioni previste (R.M. 364/E/2008). La R.M. 161/E/2007, ha previsto che: in tutti i casi in cui il contribuente affida, in tutto o in parte, il processo di conservazione a soggetti terzi continuerà a rispondere nei confronti dell Amministrazione finanziaria della corretta tenuta e conservazione delle scritture contabili e di tutti i documenti fiscalmente rilevanti. Il conferimento dell incarico ad un soggetto terzo non trasferisce in capo a quest ultimo gli obblighi fiscali che fanno capo al contribuente. - Il responsabile, a sua volta, può delegare in tutto o in parte le sue funzioni a terzi(cm 36/06) - E possibile nominare più soggetti responsabili della conservazione. (R.M. 364/E/2008) - E possibile nominare come responsabile anche un soggetto diverso dalla persona fisica. (R.M. 220/2009) NOMINA Non esiste previsione normativa alla modalità di nomina ed all individuazione del soggetto, persona fisica, responsabile della conservazione. Si ritiene opportuno un apposito atto di nomina per individuare la persona fisica Responsabile della Conservazione, il soggetto che cioè materialmente appone la firma e marca temporale. FUNZIONI: apposizione della marca temporale; sottoscrizione elettronica del documento informatico memorizzato; definisce le caratteristiche e i requisiti del sistema di conservazione, in funzione della tipologia dei documenti (analogici o informatici); organizza il contenuto dei supporti ottici; gestisce le procedure di sicurezza e di tracciabilità per la corretta conservazione e la successiva esibizione del documento conservato; archivia e rende disponibili, relativamente ad ogni supporto: - la descrizione del contenuto dell insieme dei documenti; - l indicazione delle copie di sicurezza; - gli estremi identificativi del responsabile della conservazione o di eventuali persone delegate; mantiene e rende accessibile un archivio del software dei programmi in gestione, nelle eventuali diverse versioni; adotta le misure necessarie per la sicurezza fisica e logica del sistema; richiede la presenza del pubblico ufficiale nelle ipotesi in cui sia previsto; definisce e documenta le procedure di sicurezza da rispettare nell apposizione del riferimento temporale; verificare, con cadenza non superiore a 5 anni, l effettiva leggibilità dei documenti conservati; provvede, se necessario, al riversamento diretto o sostitutivo del contenuto dei supporti. E opportuno redigere un manuale della conservazione. Prossimamente sarà reso obbligatorio e saranno previste le specifiche tecniche di redazione. Fonte: - Delibera CNIPA n. 11/2004 Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 16 di 19

17 COMUNICAZIONI CON L AGENZIA DELLE ENTRATE Invio impronta archivio fiscale Delega tenuta delle scritture contabili al responsabile della conservazione Comunicazioni (preventiva e consuntiva) relativa all imposta di bollo INVIO IMPRONTA ARCHIVIO FISCALE Il contribuente deve inviare all agenzia fiscale competente una prova del risultato del processo di conservazione ai fini del riconoscimento della validità dei documenti fiscale. L invio deve avvenire al massimo entro il quarto mese successivo al termine di scadenza per la presentazione delle dichiarazioni relative alle imposte sui redditi, all Irap, all Iva. (D.M. 6/3/2009) L invio va effettuato in base alla data prevista nella singola dichiarazione: ciascuna impronta sarà inviata con riferimento alla contabilità conservata ai fini Iva o ai fini delle imposte dirette. Le agenzie fiscali competenti rilasceranno in via telematica una ricevuta per l invio effettuato al quale viene associato un numero di protocollo. In ogni momento potranno inoltre richiedere l esibizione anche per via telematica del documento conservato. La C.M. 36/E/2006 ha chiarito che fino a quando non verrà emanato l apposito Provvedimento, il contribuente può procedere alla conservazione sostitutiva documentale senza preoccuparsi di tale invio. DELEGA TENUTA SCRITTURE CONTABILI AL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE Se la delega al responsabile della conservazione riguarda anche la tenuta delle scritture contabili e dei documenti fiscalmente rilevanti, occorre inviare la comunicazione di cui all art. 35 DPR 633/72. Pertanto, è sempre il commercialista che risulta soggetto depositario delle scritture contabili (mod. AA9/9 e mod. AA7/9) sia che coincida o meno con il responsabile della conservazione. L art. 52, co. 10, del DPR 633/72 prevede l obbligo per il contribuente che abbia affidato a terzi la tenuta della contabilità di esibire un attestazione dalla quale si evidenzi la designazione del terzo depositario della stessa. L obbligo sussiste anche nel caso in cui il terzo tenga la contabilità in formato elettronico. Pertanto, sarà bene integrare il mandato di tenuta scritture contabili (scrittura tra cliente e commercialista che regola i compiti del commercialista) con una frase che specifica che il commercialista si avvale, come previsto dalla legge, di un ente terzo per la conservazione delle scritture contabili. Eventuali controlli fiscali saranno effettuati presso il commercialista depositario delle scritture contabili (che avrà un archivio di lavoro ) e dal suo PC con accesso remoto si consulteranno i documenti sottoposti a conservazione sostitutiva collegandosi con l ente responsabile della conservazione (che avrà l archivio di conservazione ). (es. se il commercialista delega le Poste il controllo fiscale viene fatto nello studio del commercialista, non alle Poste) Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 17 di 19

18 COMUNICAZIONE (PREVENTIVA E CONSUNTIVA) RELATIVA ALL IMPOSTA DI BOLLO L interessato deve: 1) prima di avviare il processo di conservazione dei documenti: - presentare la comunicazione preventiva ; - versare l imposta di bollo in acconto. 2) entro il 31 gennaio dell anno successivo (all anno di stampa; cioè libro giornale 2008, stampa entro 31/12/2009, comunicazione entro 31/01/2010): - presentare la comunicazione consuntiva ; - versare l imposta a saldo e in acconto L interessato è la persona fisica o giuridica tenuta a corrispondere l imposta di bollo sui documenti informatici Se la procedura di conservazione elettronica è affidata a terzi in outsourcing, il soggetto tenuto ad effettuare la comunicazione resta il contribuente. COMUNICAZIONE PREVENTIVA La comunicazione deve contenere: - il numero di atti e documenti informatici distintamente indicati per tipologia (in conformità agli articoli della tariffa) che si presume saranno emessi nel corso dell'anno; - l'imposta dovuta su ogni singolo documento; - l'importo globale dell'imposta relativo ad ogni articolo della tariffa; - la somma complessivamente dovuta; - gli estremi dell'avvenuto pagamento COMUNICAZIONE CONSUNTIVA La comunicazione va inviata tramite raccomandata con avviso di ricevimento entro il mese di gennaio dell'anno successivo dall'interessato all'ufficio della Agenzia delle Entrate competente. L'importo complessivo corrisposto, risultante dalla comunicazione, viene assunto come base provvisoria per la liquidazione dell'imposta per l'anno in corso. Nella comunicazione il contribuente deve: - indicare l'effettivo numero dei documenti informatici emessi o formati nel corso dell'anno distintamente per tipologia (in conformità agli articoli della tariffa); - calcolare l'imposta dovuta per gli stessi documenti e stabilire la differenza da versare a saldo o da chiedere a rimborso o da utilizzare in compensazione. Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 18 di 19

19 VERSAMENTO DELL IMPOSTA L imposta di bollo su documenti informatici è corrisposta mediante versamento tramite modello F23 utilizzando il codice tributo 458T La maggiore imposta dovuta per l anno precedente è corrisposta contestualmente all acconto per l anno in corso. L eventuale maggiore imposta corrisposta per l anno precedente può essere compensata con l acconto dovuto per l anno in corso in questo caso il versamento in acconto è pari alla differenza tra l acconto dovuto e la maggiore imposta corrisposta per l anno precedente oppure ne può essere chiesto il rimborso. LA MISURA DELL IMPOSTA L imposta sui libri e sui registri tenuti su supporto di memorizzazione ottico o con altro mezzo idoneo a garantire la non modificabilità dei dati memorizzati, è dovuta in misura pari a 14,62 (29,24 per ditte individuali e società di persone) ogni registrazioni o frazioni di esse. Registrazione = ogni singolo accadimento contabile, a prescindere dalle righe di dettaglio. LIBRO INVENTARI Riferito alla registrazione relativa a ciascun cespite LIBRO GIORNALE Riferito ad ogni singola operazione rilevata in partita doppia Fonti: - art. 16, co. 1, lett. a), Tariffa del D.P.R. 642/ R.M. 06/10/2008, n. 371/E Wolters Kluwer Italia Srl Help Desk Software Pagina 19 di 19

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 A cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2013 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati Il presente documento si pone l obiettivo di chiarire alcuni aspetti generali dei formati di firma CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Provincia di Milano Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Art. 11, comma 13, D.Lgs. 163/2006 Segretario Generale Diodora Valerino Staff Segretario Erminia Figini NUOVE DISPOSIZIONI NORMATIVE

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

La fattura elettronica e sua conservazione

La fattura elettronica e sua conservazione La fattura elettronica e sua conservazione Che cos è la FatturaPA? La FatturaPA è una fattura elettronica ai sensi dell'articolo 21, comma 1, del DPR 633/72 ed è la sola tipologia di fattura accettata

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013. Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi 3 e 5 -bis, 23-ter, comma

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di. e-procurement per le imprese

Manuale d uso del Sistema di. e-procurement per le imprese Manuale d uso del Sistema di e-procurement per le imprese Guida all utilizzo del servizio di Fatturazione Elettronica Data ultimo aggiornamento:16/07/2014 Pagina 1 di 39 Indice 1. INTRODUZIONE E PRINCIPI

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli