IL SOVRAPPESO E L OBESITA MEDICINA GENERALE. Dott. Bruno Borioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SOVRAPPESO E L OBESITA MEDICINA GENERALE. Dott. Bruno Borioni"

Transcript

1 IL SOVRAPPESO E L OBESITA IN MEDICINA GENERALE Dott. Bruno Borioni

2 Un ringraziamento va al Dott. Guido Pigini Campanari, al Dott. Giovanbattista Ricci, alla Dott.ssa Emily Tili, al Dott. Giancarlo Spinelli e a Marguerite Persichetti. 2

3 PERCHE TRATTARE L OBESITA IN M.G. L obesità è una malattia cronica, ad elevato rischio di morbilità e mortalità, molto costosa, sottovalutata, con eziologia multifattoriale. E definita dalla presenza di un eccesso di grasso corporeo nell organismo e rappresenta un fattore di rischio rilevante per la salute! Fattori non biologici (psico-sociali ed economico-culturali) e biologici (genetici, fisiologici, metabolici) intervengono in varia misura nella sua eziopatogenesi, anche se il problema essenziale è l alterazione del bilancio energetico, con l aumentata assunzione di energia rispetto al dispendio giornaliero. Tale eccesso è all origine di molte altre patologie (ipertensione arteriosa, insulino resistenza, diabete mellito di tipo 2, accidenti vascolari acuti, artrosi, colecistopatie, insufficienza respiratoria e neoplasie), che riducono la qualità della vita dei pazienti ed aumentano la morbilità e la mortalità. L obesità è altresì una delle componenti della Sindrome Metabolica, che è un fattore indipendente di aumentato rischio cardiovascolare. Il sovrappeso e l obesità vanno considerati quindi, un emergenza sanitaria: il 15% della mortalità può essere fatto risalire direttamente o indirettamente a questo fattore. Alcune patologie diffuse, come l artrosi, vengono aggravate dall obesità. Di conseguenza si ritiene che, persino piccole riduzioni di peso corporeo, possano abbassare, in misura rilevante, tutti i fattori di rischio. Anche i pazienti, spesso, sono consapevoli di questa situazione. E questo ha creato una domanda per trattamenti specifici del sovrappeso, grazie anche alla spinta dei massmedia. A questo bisogno di salute hanno finora cercato di rispondere anche figure estranee alla medicina e, parallelamente, si è creata una diffusa tendenza all automedicazione con risultati a volte controproducenti e con sottrazione di questa patologia al controllo del medico. Invece il sovrappeso e l obesità sono di stretta pertinenza medica, e spesso, occorre un integrazione tra il M.M.G. e lo specialista. Purtroppo oggi si tende a consigliare trattamenti per le patologie associate e a non fare molto per il problema principale che è l adiposità!! L opera del M.M.G. è importante per almeno 2 motivi: 1. conosce il contesto psicologico e sociale del paziente obeso, che è fondamentale per capire l eziologia; 2. rimane il referente di primo livello per la diagnosi, cura e riabilitazione e, avendo frequenti contatti con il paziente, è un elemento indispensabile ad una terapia dimagrante efficace (counseling abituale in ambulatorio o a casa). Considerato il basso numero di pazienti obesi in trattamento, il progressivo aumento della prevalenza dell obesità e il rapporto di fiducia dimostrato nei confronti del M.M.G., per poter sperare di ottenere un progresso nella terapia dell obesità, inteso come 3

4 raggiungimento e mantenimento a lungo termine di un peso desiderabile e prevenzione delle complicanze correlate, è essenziale che questa figura professionale venga messa in condizione di poter operare nel migliore dei modi. Questo è possibile solo se il M.M.G. e lo Specialista in Scienza dell alimentazione condividono la conoscenza delle peculiari caratteristiche comportamentali e motivazionali, oltre che clinico-biologiche del paziente obeso, e delle opportunità terapeutiche. E altresì essenziale che il M.M.G. venga motivato e gratificato, anche con modalità istituzionali innovative, nell assistere un paziente molto difficile, afflitto da una patologia spesso banalizzata, ma in realtà cronica e associata a complicanze irreversibili, di diversa entità e gravità. Pertanto il M.M.G. deve possedere il bagaglio di nozioni e di conoscenze evolutesi in questo settore negli ultimi anni. L eziologia, la valutazione e la cura del sovrappeso, hanno subito nel giro di poco tempo un autentica rivoluzione e, ignorarlo, significa non poter più trattare efficacemente un numero sempre maggiore di pazienti. Pertanto con questo lavoro facciamo il punto sulle ricerche e sugli orientamenti terapeutici dell obesità, che indicano di: 1. mettere il M.M.G. in grado di indagare le ragioni del sovrappeso e determinarne l entità e la qualità, al fine di stabilire tutti i possibili effetti sulla salute (rischio) complessiva del paziente: diagnosi e valutazione dello stato nutrizionale; 2. delineare un piano terapeutico efficace ed informarne il paziente, per portarlo ad un ottima salute, con la buona nutrizione; a fargli comprendere i potenziali benefici connessi alla riduzione calorica, il concetto di peso ragionevole, il rilassamento ed un atteggiamento mentale positivo (per un approccio cognitivo comportamentale), la centralità dell attività fisica e del giusto riposo. Indicare altresì i costi per il paziente e la famiglia, per la società ed il S.S.N. (costo da ridotta capacità lavorativa), se non si interviene; 3. impostare una corretta educazione alimentare ed indicarne anche i limiti. (la dieta è un atto medico!) 4. mirare ad un effettivo e duraturo contenimento del disturbo; 5. gestire efficacemente il paziente obeso nel territorio, finchè è possibile, con un percorso coordinato di cura e riabilitazione. In sinergia M.M.G./Specialisti (Disease Management). La scelta del tema viene dal rilievo dato dai Piani Sanitari Nazionale e Regionale e dall osservazione di quanto grande sia l attenzione dell opinione pubblica sulle questioni del peso e delle diete (incrocio tra indicazioni terapeutiche e preventive e spinte consumistiche potenzialmente pericolose). Il trattamento del sovrappeso e dell obesità è un atto medico-clinico, con scopi terapeutici, a volte sussidiario o alternativo all uso di farmaci, ma costituisce un azione preventiva nei confronti di importanti patologie: ebbene è giusto aumentare la 4

5 consapevolezza di assumere diete, ma sotto controllo medico, per non avere danni all organismo o addirittura l effetto opposto. Il controllo del peso non sia un obiettivo fine a se stesso, ma deve essere volto alla prevenzione, alla cura e, purtroppo, spesso alla riabilitazione delle complicanze della grave obesità. Vediamo invece flussi di pseudo-verità che inondano tutti gli spazi pubblicitari, in un impropria esaltazione di ogni genere di dimagrimento rapido e di cosmesi, ma non di vera prevenzione e cura dell obesità. E un settore troppo trascurato dalla medicina pubblica e quindi dominato spesso dal business, dalla superficialità di operatori improvvisati, medici e talvolta non medici, e dalla cattiva informazione. Necessita pertanto di una campagna di informazione istituzionale che, in controtendenza con gli inviti dell industria alimentare al consumismo più sfrenato, illustri pericoli insiti nell obesità, nella sindrome metabolica e perfino nel semplice sovrappeso. Occorre infine una strategia concreta che realizzi Centri e servizi di Dietologia di riferimento, provinciali o in ogni A.S.L., senza lunghe file di attesa e facili da contattare dai M.M.G. per sostenerli nel combattere l obesità e a cui anche i cittadini possano far ricorso, senza cadere nelle competenze di certi pseudospecialisti più sensibili al business dell obesità, che alla prevenzione e cura di questa malattia complessa e difficile. Fino ad ora purtroppo l approccio all obesità è lasciato alla libera iniziativa del singolo medico, senza così ottenere quei sostanziali miglioramenti sulla salute e sui costi. Il ruolo del M.M.G., con la sua continuità assistenziale, è irrinunciabile nella impostazione di un qualsiasi programma terapeutico o di prevenzione secondaria, (secondo le Linee guida italiane Ligio 99), per ottenere risultati comunque, anche se minimali, ma deve disporre di differenti armi terapeutiche e di collegamenti, per poter offrire ai pazienti una vasta gamma di interventi. Il M.M.G. si deve far carico di un iter diagnostico semplice ed economico, ma efficace, che quantifichi il grado di eccesso di peso ed individui il rischio di sviluppo, o la presenza di patologie ad esso associate, per poi proporre lui stesso un intervento terapeutico. In alternativa potrà interagire con gli specialisti di riferimento, svolgendo comunque quel monitoraggio attivo sul paziente che è indispensabile per ottimizzare l efficacia del trattamento. Va detto infine che la lotta contro gli eccessi ponderali e la prevenzione delle conseguenti patologie va sì fatta dagli operatori sanitari e dalle istituzioni, ma anche dai singoli cittadini: sono chiamati a combattere tale condizione dannosa per sé e per la società! Ma è una valenza di equità e di eticità sociale difficile da connotare, tanto più che l alimentazione umana ha significati psicologici e psicobiologici complessi, non sempre comprensibili e/o correggibili. Le cose belle della vita o sono illegali, o sono immorali, o fanno ingrassare (G.B. Shaw). 5

6 FISIOPATOLOGIA MODERNA DELL ALIMENTAZIONE Ciascun individuo, ogni giorno, introduce una quantità media di cibo pari a Kg 1,5, circa 0,5 t. all anno. Nel nostro tubo digerente transitano in 70 anni di vita:! 8 t. di carne! 2 t. di pesce! 10 t. di pane! 4 t. di patate! 5 t. di frutta! 3 t. di legumi! uova! litri di liquidi. Passiamo, mangiando, 15 anni della vita, e ci mettiamo a tavola in media volte durante la nostra esistenza! Quindi, il nostro corpo è ciò che si mangia e la salute e l efficienza corporea dipendono dal piatto quotidiano! Perciò vale la pena di prestare attenzione a ciò che mangiamo! E ricordiamo che il cibo non è solo calorie e nutrienti, ma anche piacere, rituali ed emozioni!! Oggi con l ampia disponibilità e accessibilità, il cibo si è trasformato da necessità a piacere, a nemico, a farmaco (ansiolitico o antidepressivo) e ad omologazione. Spesso la mano che porta il cibo alla bocca è mossa dalla psiche (fobie, ansia ). Il rito alimentare ha implicazioni complesse e non può mai essere soffocato in rituali rigidi e ripetitivi, come quelli di certe diete. Piccoli ma continui errori nell alimentazione possono compromettere il peso corporeo e la salute. (da ciò la prevenzione per le malattie degenerative ed i tumori, anche a tavola: si pensi che un eccesso di sole 200 kcal die, pari ad una fetta di crostata, può portare ad un aumento di peso di oltre 8 Kg di massa grassa in un anno). Nell alimentazione, noi cerchiamo ciò di cui necessitano le nostre cellule (carburante!), per svolgere le funzioni vitali. Attraverso due complessi e straordinari processi, la digestione e l assorbimento, il cibo assunto viene digerito, cioè scomposto in frammenti molecolari, perché vengano assorbiti, immagazzinati ed utilizzati nelle varie reazioni biosintetiche, mentre vengono separati ed eliminati i componenti non utilizzabili nella dieta. Purtroppo accade molto di frequente, che quello che introduciamo con l alimentazione, non garantisce l apporto di tutti i micronutrienti necessari e ne fornisce un eccesso di quelli da limitare o dannosi. (impoverimento alimenti, poca attenzione a 6

7 cosa si mangia: mangiamo troppo o troppo poco, diminuzione assorbimento intestinale, ecc. ). Sappiamo che il 40% di tutte le malattie croniche deriva da una alimentazione errata e dalla sedentarietà e che poi gli errori a tavola si pagano anche in termini di squilibri ponderali e nutrizionali (spesso si registrano carenze di fibre, di calcio, vitamina D, antiossidanti e di acidi grassi omega 3). L assorbimento avviene attraverso i villi intestinali; ma oggi la cattiva alimentazione riduce il potere di assorbimento dei villi. Risultato: alle cellule del nostro organismo arriva meno di quello che dovrebbe, con conseguenti squilibri, carenze, che spesso scopriamo quando ci compare qualche disturbo clinico. Il 70% delle visite mediche ha come origine un problema dovuto a cattiva nutrizione. Dando al nostro corpo una sana, completa e corretta nutrizione, molti problemi possono essere evitati, consentendogli di funzionare al meglio. La Guida alimentare a Piramide per le scelte quotidiane: Grraassssi i,, olii ee dolcci i:: ussaarree ccon modeerraazzi ionee Cibi da consumarsi occasionalmente Grruppo deel l laattttee, l, yyogurrtt ee fforrmaaggi io:: aassssunzzi ionii Grruppo deel llaa vveerrdurraa:: aassssunzzi ionii Grruppo deel llaa ccaarrnee,, pollaamee,, peessccee,, leegumi l i,, uovvaa ee nocci i:: aassssunzzi ionii Grruppo deel llaa ffrruttttaa:: aassssunzzi ionii 65% della nostra alimentazione Grruppo deel l paanee,, cceerreeaal li,, rri isso ee paassttaa:: aassssunzzi ionii 7

8 TEMPIO GRECO-ROMANO DELLA DIETA MEDITERRANEA TT I PRINCIPI BASE Gli alimenti vanno calibrati secondo il principio fondamentale della moderazione: mai mangiare più di quanto richieda il nostro tenore di vita (attività fisica ed intellettuale). La regola su cui si basa tutta la dieta è che l apporto energetico, ovvero la quantità di principi nutritivi assunti, deve eguagliare e non eccedere quanto si consuma nella attività quotidiana. GLI ELEMENTI DELLA DIETA Latte e derivati, carni uova e dolci, elementi decorativi Fondamentali, ma da consumare con parsimonia I cibi portanti sono: pane, pasta e patate, ma soprattutto frutta e verdura, affiancati da legumi e pesce I condimenti non prevedono burro, ma olio d oliva. Consigliabile un bicchiere di vino durante i pasti Latte Carni Uova Grassi Dolci Zucchero pane cereali patate Olio vergine d oliva MODERAZIONE legumi pesce frutta fresca secca essiccata verdura Vino Apporto energetico = dispendio energetico 8

9 Un alimentazione razionale ottimale dovrebbe garantire il massimo rendimento biologico e prevenire sovraccarichi o carenze metaboliche. Il modello alimentare ideale è stato rappresentato per anni con la cosiddetta piramide alimentare, ma è stato sostituito di recente dal tempio, che esprime meglio i principi fondamentali e le giuste proporzioni fra i diversi cibi, rispetto alle necessità del nostro organismo. Infatti la Piramide degli alimenti, che il Dipartimento americano dell agricoltura ha proposto nel 1992, per sintetizzare visivamente i concetti di varietà, moderazione e proporzionalità delle scelte alimentari, ha avuto bisogno di una revisione: non si deve promuovere solo gli alimenti alla base, né demonizzare i gruppi posti all apice ad alta densità calorica, ma dare indicazioni circa la frequenza e le porzioni con cui i cibi devono alternarsi nella dieta. Invece la suggestione grafica sembrerebbe assegnare alla base della piramide un ruolo fondamentale, e come voluttuario ciò che sta al di sopra, mentre oggi sappiamo che tutti gli alimenti possono contribuire al nostro benessere psico-fisico, magari per dei contributi non calorici ma protettivi (vitamine, antiossidanti, ecc.). Il principio ispiratore deve essere altrimenti quello della varietà! (Prof. Willett, Dipartimento della Nutrizione della Harward School di Boston). Per questo la Dieta Mediterranea è sempre la più valida per una buona salute, la linea e la difesa dall obesità: purtroppo oggi viene spesso svilita, imbastardita, ricopiata all estero, svenduta, perdendo con gli anni la propria identità. Si ripropone così una nuova immagine della Mediterranea, come un tempio grecoromano, in contrapposizione alla piramide egizia. Il tempio rappresenta meglio la giusta alimentazione e la dieta mediterranea: quella vera che non fa ingrassare!. Certo non la dieta mediterranea, modello di una vita dura dei nostri avi faticatori, oggi improponibile, ma come stile alimentare ideale. Gli alimenti base non vanno dall alto al basso, ma corrispondono alle parti architettoniche più importanti. Sul timpano è indicato il principio della moderazione; sui pilastri gli alimenti fondamentali portanti (pane, cereali, patate, e poi frutta fresca, secca o essiccata, verdure, e poi legumi e pesce); sul basamento i condimenti, olio vergine di oliva, e vino (massimo 2 bicchieri ai pasti) e sulla scalinata viene riportata l esigenza di un apporto energetico (calorie introdotte) uguale al dispendio, cioè l attività fisica. Sulle metope sfilano gli alimenti da consumare con parsimonia ed equilibrio (uso limitato). Il tempio greco-romano è stato scelto per meglio identificarlo con la terra di origine della dieta (Prof. Fidanza Università di Roma): è una dieta di riferimento, cioè ideale e i gruppi alimentari indicati sono in grado di soddisfare i bisogni, prevenire le inadeguatezze nutrizionali e fornire le sostanze con azione bioprotettiva, vale a dire vitamine E, A e C. Il Prof. Fidanza aggiunge i seguenti consigli: carne non più di 2 volte a settimana, meglio se di animali da cortile, latte scremato, formaggi magri, pasta (non più di 80 g. die); fra i legumi prediligere fagioli e ceci (50 g. die); come pesce va bene anche il tonno; per frutta secca ideale: noci, nocciole e mandorle; verdure a sazietà. Il problema oggi è che la dieta mediterranea è morta; non esiste più neanche nei paesi che l hanno vista nascere, come l Italia. Dal 1960 ad oggi, carne, formaggi, grassi di 9

10 origine animale, come burro e margarina, e bevande zuccherine ne hanno preso il sopravvento. Per non parlare delle molte falsificazioni!! E poi c è il problema economico: oggi la tavola è cambiata con più birra, carne e burro e meno vino, pane e ortaggi, anche per i costi. Grande sostenitore della dieta mediterranea da oltre 40 anni (oggi lo studioso Antonio Vacca di Battipaglia, la chiama Dieta Meridionale ) è stato il Prof. Ancel Keys, morto centenario, che ne scoprì e ne diffuse le virtù negli Usa, dopo essere vissuto nel Cilento. Fu definito mister colesterolo e divento fisiologo di fama mondiale: un suo lavoro del 1981, afferma che la Dieta mediterranea (legumi, ortaggi, cereali e olio di oliva) evita l arteriosclerosi, il diabete, l ipertensione, l ictus e gli infarti. Oggi molti studiosi ritengono la Dieta Mediterranea un regime alimentare fra i migliori, per la prevalenza dei carboidrati sulle proteine. La prof.ssa Katherine Esposito, dell Università di Napoli, in un suo recente lavoro, ha dimostrato che la Dieta Mediterranea, indipendentemente dalla perdita di peso, riduce l infiammazione vascolare sistemica e la disfunzione endoteliale, che si associano alla presenza di Sindrome Metabolica. Le recenti Linee guida alimentari USA 2005, riscoprono finalmente la nostra mediterranea, con una dieta bilanciata, con pochi grassi e molti carboidrati e l attività motoria: largo a frutta e verdura, ai legumi, al pane e ai cereali integrali, in ribasso la carne e si ai latticini, purchè poveri di grassi, con associata almeno una ora al giorno di attività fisica. E questa è una rivoluzione! D altra parte sono sempre maggiori le conferme che la dieta da Fast-Food, aumenta il rischio di obesità e di diabete mellito. Pertanto la corretta nutrizione và insegnata e perseguita, tanto più in Italia, in cui la dieta Mediterranea è purtroppo ormai, da tempo, dimenticata. Ma il risultato è che nella nostra moderna alimentazione, ci troviamo con: ECCESSI grassi animali colesterolo alcool proteine animali zucchero conservanti cibi raffinati sale nicotina CARENZE acqua fibre vitamine sali minerali oligoelementi erbe officinali proteine vegetali aminoacidi essenziali acidi grassi insaturi Ciò è stato di recente confermato con lo studio Osservatorio Nutrizionale, fondato dal Consorzio Tutela Grana Padano in collaborazione con la SIMMG e la FIMP nel 2004 ed 10

11 a cui hanno partecipato 325 medici italiani: è emersa una insufficiente assunzione di frutta e verdure (fibre), di pesce, latte e derivati. Questi dati sono importanti, perché una migliore e completa e variata alimentazione può prevenire l aumento di peso e può prevenire le malattie cardiovascolari, metaboliche ed i tumori. Tutto ciò è dovuto a molteplici fattori concomitanti su cui è opportuno riflettere: " processo di industrializzazione: + produzione spazio per l individuo; e consumo dei cibi lontano dal luogo di produzione. " fretta = stress: poco tempo per mangiare bene = fast food, pasti snack; " fast food = basso valore nutritivo /alto contenuto calorico proveniente da grassi, carboidrati e zuccheri; " problemi ambientali = acqua inquinata da scorie, pesticidi, inquinanti industriali ; " carni = allevamenti intensivi, animali in condizioni estreme per sovrannumero = pericolo di epidemie = utilizzo di antibiotici e di ormoni /addensanti, anti putrefattivi e coloranti nelle carni conservate ed insaccate; " frutta ed ortaggi = maturazione forzata, raccolta di frutta acerba, stufatura, antiparassitari, concimi chimici, erbicidi / le cotture elaborate poi fanno perdere sali minerali e vitamine; " trasporto, lavaggio, frigerazione e scongelazione dei cibi portano ad ulteriori perdite di nutrienti. Di questo siamo tutti responsabili e vittime (vogliamo tutto velocemente, bello da vedersi, ma magari poco sano. Ci siamo abituati alla frutta lucida, perfetta, finta. A volte ci dimentichiamo che è meglio un frutto meno bello di uno avvelenato). Per fortuna, oggi, si sta pure prestando attenzione a certe cose (conferenza mondiale sull ambiente, coltivazioni biologiche ed allevamenti naturali ), ma ci vorrà molto tempo per fare qualcosa di sostanziale, anche perché ci sono molti interessi economici da salvaguardare! Di recente il Prof. Henri Chenot, mago delle diete, ha dichiarato che oggi siamo arrivati all assurdo che la popolazione dei paesi ricchi è sovralimentata e denutrita allo stesso tempo. L industria offre cibi ricchi di sapori, di grassi, di conservanti e di coloranti, ma vuoti di sostanze necessarie e quindi quel che si mangia si trasforma in tossine, che si depositano negli organi, affaticandoli, invecchiandoli e distruggendoli. Una recente ricerca ha dimostrato che nella popolazione di anziani sani, si evidenzia uno stato di malnutrizione, soprattutto per proteine, vitamine, calcio, ferro e zinco, in una percentuale tra il 15% e il 25%. Il Prof. Alberto Fidanza, titolare di Fisiologia della Nutrizione all Università La Sapienza di Roma, dichiara che gli integratori sembrano il solo modo per sopperire alle carenze organiche causate da cattiva alimentazione, stress ed inquinamento e consiglia vitamine, sali minerali, fibre, antiossidanti, omega 3, ecc., ad ogni età e con programmi personalizzati. Aggiunge che oggi purtroppo, negli alimenti è sempre più difficile trovare una quantità sufficiente di vitamine. 11

12 Da queste considerazioni appare evidente che la direzione verso la quale ci si sta orientando, è quella di una sempre maggiore necessità di integrare la nostra alimentazione, per garantire al nostro organismo l apporto necessario di tutti gli elementi nutritivi fondamentali. Questa integrazione andrebbe sempre accompagnata ad una responsabile scelta di alimentazione abituale ed ad un salutare esercizio fisico, nella ricerca del migliore benessere possibile. A questo proposito voglio chiarire che, mentre si mitizza l uomo nutrizionalmente sano, presentando gli integratori alimentari e no, come una panacea di molti stati pseudoclinici, la vera integrazione alimentare va fatta dal medico, (dosi e tempi di uso) quando ci sono le reali necessità e con sostanze di provata utilità e non dannose alla salute. Di recente la Corte di Giustizia Europea ha giustamente confermato una direttiva sugli integratori alimentari a base di vitamine e minerali, con una lista dei componenti buoni per la salute, che soli potranno essere utilizzati, specificando le quantità da non superare e invitando a vagliare i potenziali rischi, per tutelare la salute. Sull uso degli integratori ci sono però, ancora dubbi, quando non veri e propri rischi: è quindi giusta l attenzione e l uso sotto controllo medico! (Prof Silvio Garattini). Ci sono pure gli alimenti funzionali, che si sono ritagliati uno spazio di tutto rispetto nei regimi dietetici mondiali, ma necessitano tuttavia di maggiori evidenze scientifiche. Sono molti oramai gli alimenti classificabili funzionali, dotati cioè di particolari qualità nutritive e anche l American Council on Science and Health (ACSH) ne ha classificato le evidenze scientifiche, in molto forti, forti, medie deboli-medie e deboli per l azione nell organismo umano. Tra questi abbiamo prodotti a base di avena integrata (beta lucano), psillio (fibre), soia integrale e proteine di soia, oli di pesce (omega 3), mirtillo (antocianine), aglio, tè verde (catechine), pomodori (licopene), verdure a foglie verde scuro (luteina), vegetali crociferi (isotiocianati, indoli), latticini fermentati (probiotici), margarine e condimenti (fitosteroli), carne e prodotti caseari (ac. linolenico), ecc. Qui la sicurezza per il consumatore è totale, ma non devono indurre a credere che la loro assunzione in grandi quantità, possa rendere inutile la dieta ed il ricorso ai farmaci prescritti dal medico, quando necessari. Oggi si valuta anche la nutrigenomica, che è una branca della nutrizione in espansione: le giuste informazioni deducibili dall analisi del DNA, possono essere utilizzate per adottare una dieta più sana e su misura e per prevenire carenze o intolleranze, fin da giovani. La nutrigenomica è ai primi passi, ma fra circa 10 anni sarà una pratica comune di prevenzione e non solo una diagnosi di moda per fare soldi. (Prof. Piero Dolara Università di Firenze). In conclusione nell attività del M.M.G. è sempre più rilevante l attenzione all alimentazione. Il cibo infatti ha un ruolo fondamentale nella terapia di alcune patologie ed è importante fonte di sostanze protettive. Si è sempre parlato di ipernutrizione/malnutrizione, ma oggi si registra un crescente interesse verso l alimentazione, non solamente corretta, ma efficace nella prevenzione delle malattie (cibi con basso indice glicemico, grassi di origine vegetale, fitoestrogeni, riduzione di zuccheri semplici, fibre vegetali, ecc). 12

13 ELEMENTI DI NUTRIZIONE Il tipo e la qualità del cibo che mangiamo è di importanza primaria per la nostra salute ed è qualcosa su cui possiamo intervenire immediatamente. La scienza della nutrizione, che studia come agiscono i nutrienti e come vengono utilizzati dall organismo, ci fornisce le preziose indicazioni per scegliere gli alimenti che meglio soddisfano le nostre esigenze. Una nutrizione equilibrata rappresenta uno degli strumenti più importanti ed efficaci per il raggiungimento della salute, intesa modernamente come definita dall O.M.S. (esplicitazione del potenziale genetico di crescita, benessere psicofisico e durata della vita). L alimentazione, intesa modernamente, deve quindi assicurare all organismo: 1. una giusta quantità di energia; 2. una corretta proporzione delle sostanze nutritive. Oggi c è nella gente, la coscienza dei legami esistenti fra un alimentazione adeguata e la salute, fra scelte alimentari razionali ed economia della famiglia. Ma tale coscienza, talora confusa e distorta, va diffusa e migliorata. I concetti di base di un informazione od educazione alimentare sono sempre gli stessi: 1. conoscere le necessità individuali, tenendo presenti l età, il sesso, l attività lavorativa e le inclinazioni particolari di ciascuno; 2. conoscere la capacità degli alimenti di soddisfare tali necessità. Sembra semplice, ma risulta subito complicato, se si passa al pratico: dobbiamo tener presente che noi compriamo e mangiamo alimenti e non nutrienti, e che nessuno tra gli alimenti contiene, nella giusta misura, tutti i nutrienti che servono all organismo, cioè nessun alimento è nutrizionalmente completo. Quindi l alimentazione deve diventare sempre più un atto cosciente e razionale, informando sul ruolo delle diverse fonti alimentari, su come i vari alimenti debbano essere manipolati e combinati e, soprattutto, quale modalità di alimentazione possa assicurare il benessere e salvaguardare la salute. Come ha detto Ippocrate nel 460 a.c.: Che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo. Occorre arrivare a valutare il proprio stato di salute, individuare la salute a cui aspirare, per poi arrivare alla nutrizione ottimale. Tutto ciò che vediamo è fatto di atomi, o elementi., ed i più importanti, per ciò che riguarda i viventi, sono il carbonio, l ossigeno, l azoto, il fosforo e l idrogeno. Difatti, i mattoni fondamentali della vita sono composti da combinazioni di questi 4 elementi: acqua 62%, proteine 17%, grassi 14% e carboidrati 1%. Poi ci sono solo il 6% di minerali (calcio, fosforo, magnesio, ecc.) e di elementi traccia, solo al 0,014%, che partecipano come strutturali per ossa, nervi, cellule, ecc., e nei processi chimici della vita. 13

14 La scoperta di questi elementi è piuttosto recente, ma via via che si allarga la ricerca, va allungandosi l elenco dei minerali, che pur in dosi minime possono essere importanti alla vita. Ciò che ci rende viventi è l essere costituiti da cellule: noi siamo costituiti da miliardi di cellule (cerebrali, nervose, muscolari, sanguigne, ecc.), ma tutte perfettamente organizzate ed interconnesse da reti di comunicazioni chimiche ed elettriche che, ogni giorno, si costruiscono e sostituiscono a milioni (ogni anno un quarto delle cellule del nostro organismo viene sostituito con nuove cellule). Poiché ogni cellula deve produrre energia, eliminare i rifiuti, ricostruirsi e riprodursi (tante reazioni chimiche, con partecipazione degli enzimi), la nutrizione ottimale è, appunto, trovare la giusta combinazione di entrate per le nostre cellule (cioè poter dare almeno la RDA, dose giornaliera raccomandata, nei paesi anglossassoni, o LARN, livelli di assunzione di nutrienti raccomandata, in Italia). Pertanto la Nutrizione ottimale si può definire come: " mancanza completa di sintomi associati di carenza o eccesso ; " un punto in cui tutti i sistemi enzimatici collegati con quel nutriente funzionano al meglio ; " il punto di massimo benessere provato. Quindi lo scopo della nutrizione ottimale è di arrivare a fornire i livelli ottimali di tutti i 45 o più nutrienti da cui dipendiamo, modificando la nostra dieta e, se necessario, assumendo i giusti integratori. In ogni caso ciò che rappresenta l optimum per una persona, raramente lo è anche per gli altri, perché i bisogni nutrizionali dipendono da moltissimi fattori: ereditarietà, inquinamento, stress, esercizio fisico quotidiano cui ci dedichiamo, età - infanzia, adolescenza, allattamento, senescenza - sesso, gravidanza, peso, capacità di assorbire nutrienti, consumo di farmaci, alcool, sigarette, uso di stimolanti come il caffè o le droghe, e storia personale e famigliare. Da quanto detto, emerge così il concetto di NUTRIZIONE CELLULARE, che è il presupposto della NUTRITERAPIA, cioè della scienza che ci aiuta ad ottenere il benessere, a prevenire ed a curare le malattie con la giusta nutrizione. Non è una moda o solo una semplice integrazione alimentare, come si crede comunemente: si pensi alla recente e discussa terapia Di Bella, che ha unito ormonoterapia con tante vitamine e minerali per curare e limitare i tumori, o all uso degli antiossidanti contro i radicali liberi per prevenire il morbo di Parkinson o la demenza senile, la cataratta, gli acufeni essenziali, ecc. Pertanto, la nutrizione cellulare è una realtà da conoscere ed applicare: è un argomento affascinante ed ha un importanza diretta sulla nostra salute. Per comprenderla meglio occorre studiare il corpo umano, come la nutrizione lo influenza ed osservare come agiscono i nutrienti nella salute e nella malattia. 14

15 Non è questa la sede per ripetere il funzionamento della digestione, dell assorbimento, del metabolismo, dell eliminazione delle scorie, della respirazione, della circolazione, dell apparato nervoso ed endocrino e del sistema immunitario e linfatico, ma tutte queste attività sono strettamente legate alla nutrizione. Gli elementi della nutrizione sono: 1. i macronutrienti:! proteine;! grassi;! carboidrati.. 2. le vitamine:! liposolubili: A, D, E, K;! idrosolubili: C, bioflavonoidi o P, B1, B2, B3, B5, B6, B12, acido folico, biotina, paba, colina, inositolo; 3. i micronutrienti: i minerali:! macrominerali: calcio, magnesio, fosforo, potassio, sodio, ferro;! elementi traccia: zinco, manganese, rame, cromo, selenio;! acidi grassi essenziali: acido linoleico ed acido linolenico. 4. l acqua Questi elementi vanno poi assunti con una dieta equilibrata (30% di calorie da grassi, 11% da proteine, 50% da carboidrati e 5% da alcool). Ogni nazione, ogni religione ed ogni filosofia è stata spesso associata a diete diverse (macrobiotiche, vegetariane, iperproteiche, a combinazione di cibi, con equilibrio acidobasico, il crudismo, ecc.), mentre oggi c è una grande omogeneizzazione di comportamenti, con influenze oramai senza frontiere. E poi i cibi vanno ben preparati (cottura) per assumerli nel modo più sano possibile (sapori, bevande, meno grassi, proteggere i grassi essenziali, rendere al meglio i vegetali, ecc.). Nutrizione però, non è solo assumere le cose giuste, ma anche non ingerire le cose sbagliate, cioè gli antinutrienti: sostanze che producono effetti dannosi impedendo l azione positiva dei nutrienti. Sono gli inquinanti nell aria, nell acqua e nel cibo, gli additivi chimici, le sostanze chimiche ed i farmaci, i fattori alimentari nocivi e gli effetti della cottura. Spesso queste sostanze sono presenti nel nostro organismo in quantità sensibilmente più alte di quelle che si è in grado di tollerare: siamo esposti a molte sostanze cancerogene (gas di scarico auto, fumi industriali, fumo altrui, pesticidi, fungicidi, ecc.). Una persona, in 1 anno in media, mangia circa 4,5 Kg di pesticidi e respira 1 g di metalli pesanti. 15

16 E ignoto l effetto, a lungo termine, cumulativo e sensibilizzante sulla nostra salute, di queste sostanze: " piombo " mercurio " alluminio " cromo, antimonio " additivi e conservanti " pesticidi clorulati " diossina " nitrati " PCB, PFDS, Bromurati, Ftalati " polveri sottili " coloranti (Sudan 1, ) " farmaci " caffè " alcool " fumo " sofisticazioni alimentari Una recente indagine dell università di Siena, con test del sangue, su 14 Ministri Ue (ott 2004), su invito del WWF, ha evidenziato la presenza in piccole tracce di circa 47 agenti chimici inquinanti a testa (il 59% dei 111 agenti chimici testati). Sono ad un livello non di rischio, ma ci devono mettere in guardia! Si pensi altresì alle molte discariche abusive di immondizie, di fanghi, ecc., che inquinano i terreni, le acque e che tramite il ciclo alimentare riportano all uomo le sostanze tossiche. (Segue Tabella dei principali ANTINUTRIENTI) 16

17 PIOMBO MERCURIO ALLUMINIO ADDITIVI E CONSERVANTI PESTICIDI NITRATI FARMACI CAFFE Dai fumi, combusti di auto, tubature di acqua, saldature, vernici. Molto tossico Amalgama dei denti Pesce inquinato da composti industriali Pentole Imballaggi Antiacidi Danni al S.N.C. Deficit di sviluppo intellettivo Cefalea Astenia Depressione Astenia Deficit di memoria Cefalee Paresi Acufeni Demenza precoce Sbiancanti Coloranti = sui cibi per avere un bell aspetto, evitare lo sviluppo di microrganismi, evitare gli irrancidimenti, ecc. Conservanti E200-E220 Antiossidanti E300-E330 Emulsionanti E Dolcificanti E Solventi E422 Idrocarburi e minerali E905-E907 Il 97% ed il 99% di tutta la frutta fresca, la verdura ed i cereali ne vengono trattati e poi vanno su carne, latte, ecc. Sono i fertilizzanti per i terreni: si trasformano in nitrosamine Usarli se c è davvero bisogno. Spesso sopprimono semplicemente i sintomi di malattia. Alcaloide caffeina. Produce molti radicali liberi. Può essere cancerogeno nei forti bevitori (pancreas). Riduce l assorbimento di ferro, calcio, zinco e magnesio (l abuso distrugge vitamine). Ansia Irrequietezza Insonnia Tachicardia Dipendenza Chelanti Vitamina C Zinco Calcio Selenio Zolfo Evitare l esposizione. Calcio Magnesio Comprare cibi freschi Lavare frutta e verdura, aggiungere aceto, bollire i cibi Non si possono evitare: vegetali, acqua, carne. Consumo modesto. Passare ad orzo, tisane di erbe varie, cicoria. La risposta non è il decaffeinato che ha altri ingredienti cancerogeni. 17

18 ALCOOL FUMO Un uso moderato minore di 30g al giorno = 2 bicchieri al giorno. È una droga potente che anestetizza il S.N.C., riduce il controllo ed il giudizio. Danni al fegato, reni, ipertensione, aumento di rischio di tumori e di malattie mentali. Perdita di vitamine A,B,C,Mg,Zn ed acidi grassi essenziali. Danni sostanziali: Tumori Disturbi cardiovascolari, al sistema immunitario e BPCO. Aumento di CO che porta danni al DNA con effetti mutageni. Aumento dei radicali liberi. La nicotina dà dipendenza. Il benzopirene dà tossicità. Alte dosi di vitamine B, C, ecc. Selenio, zinco, manganese, rame, vitamina E, C. * * * 18

19 ELEMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI 1. L ORGANO ADIPOSO E composto di masse cellulari diffuse, di dimensioni e peso variabili, secondo età, sesso e stato nutrizionale, e localizzate in varie parti del corpo: tra epidermide e fasce muscolari ed all interno delle cavità viscerali rivestite da sierose. Nell adulto normale il suo peso è pari a 20 Kg. Dal punto di vista macroscopico appare in 2 modi: uno di colore bianco giallognolo e l altro di colore rosso bruno. a) Tessuto adiposo bianco: caratterizzato dall adipocita bianco di notevoli dimensioni (circa micron), con un grande vacuolo e gli organuli compressi in periferia e pochi mitocondri. Dal punto di vista funzionale è metabolicamente ipoattivo e funge essenzialmente da deposito di sostanze altamente energetiche, che in seguito a stimoli nervosi (simpatico) ed ormonali (bassi livelli di insulina), vengono liberate in circolo. Libera citochine, fattori di crescita e prostaglandine. Trasforma l androstenedione in estrone. Produce pure la leptina (Zhang 1994). b) Tessuto adiposo bruno: l adipocita bruno è poligonale e grande da micron a micron; ha un nucleo centrale rotondo e citoplasma abbondante con molti vacuoli lipidici di trigliceridi non confluenti e possiede mitocondri grandi e numerosi. E metabolicamente attivo. Esso produce calore utilizzando i trigliceridi, nei mitocondri, con un attività termogenetica e termoregolatrice, (disaccoppiamento da ossidazione dei grassi) regolata dalla noradrenalina, rilasciata dalle terminazioni simpatiche (recettori beta3, che attivano le lipasi), per esempio dal freddo. Insomma il tessuto bruno dissipa energia sotto forma di calore: una delle cause dell obesità sarebbe proprio il deficit funzionale termogenetico di questo tipo di adipocita. Il suo deficit può dare da solo aumento di peso di circa 2 Kg/anno. Nell adulto rappresenta il 10% del tessuto adiposo totale (è molto più rappresentato nella fase embrionale e fino all infanzia, per poi rendersi indistinguibile dal bianco). Le quantità dipendono da età, razza, ambiente e nutrizione e spesso sono multiloculari: sono altresì capaci di interconnetersi l uno nell altro in modo dinamico, con capacità varia di accumulare o rilasciare lipidi in modo rapido. C è 1 adipocita bruno ogni adipociti bianchi. (Prof. S.Cinti Un. di Ancona) Il tessuto adiposo svolge funzione di protezione fisica dagli sbalzi di temperature e da traumi; ha un azione meccanica, di scorta energetica ed ora sempre più endocrina ed immunostimolante. E l organo della sopravvivenza durante il digiuno. 19

20 E quindi un tessuto vitale e non inerte, che svolge la funzione di modulare il sofisticato processo omeostatico energetico. E foriero di sviluppi scientifici e pratici ulteriori. L adipocita pesa circa 4-5 milionesimi di grammo e un adulto normale possiede circa miliardi di tali cellule; produce dozzine di ormoni, mediatori e sostanze attive metabolicamente. Un enzima presente, la lipoprotein-lipasi è responsabile dell immagazzinamento dei grassi: è attivato dall insulina (molte calorie ingerite) e dal cortisolo (ormone dello stress). Le cellule adipose liberano gli acidi grassi, e il glucosio non viene più bruciato nelle cellule muscolari: ciò fa aumentare la glicemia a cui segue l iperinsulinismo, che può portare al diabete di tipo 2. L adipocita libera pure l angiotensinogeno, che aumenta la probabilità di ipertensione arteriosa. Soprattutto nelle donne dopo la menopausa, il tessuto adiposo si deposita e porta ad un iperestrogenismo (> rischio di neoplasie). L ormone leptina viene altresì prodotto dalle cellue adipose e sopprime l appetito: se l alimentazione è povera di calorie, la sua concentrazione diminuisce fino al 60% e questo causa lo stimolo della fame. Lo sport, l attività fisica e la vita frenetica aumentano la produzione nell organismo di adrenalina e noradrenalina, che consentono la liberazione di acidi grassi, bruciati soprattutto nei muscoli. 20

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi);

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi); FIBRA ALIMENTARE Pur non potendosi considerare un nutriente, la fibra alimentare esercita effetti di tipo funzionale e metabolico che la fanno ritenere una importante componente della dieta umana. 1) aumento

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

ALIMENTAZIONE E BENESSERE

ALIMENTAZIONE E BENESSERE NICOLETTA PROIETTI Consulente alimentare DIRETTIVO A.L.B.A. ALIMENTAZIONE E BENESSERE PROGETTO POHEFA Materiale divulgativo incontri ROCCADIMEZZO FOSSA UN ATLETA DI NOME CHARMIS VINCE DELLE GARE IN BASE

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

Alimentazione, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari

Alimentazione, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari Cause L sono la causa di mortalità più frequente nei paesi occidentali industrializzati. In prima linea troviamo l infarto del miocardio come conseguenza della malattia cardiovascolare (MCV). La malattia

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

PREVENZIONE. Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo

PREVENZIONE. Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo PREVENZIONE Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo Uno stile di vita salutare, prevenendo le malattie cardiovascolari e oncologiche, abbassa il rischio cardio-oncologico e realizza

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali Pier Paolo Pasolini Istituto Tecnico Statale Sperimentale ad indirizzi linguistico e turistico Via Bistolfi, 15 20134 Milano, tel.022104001 www.itspasolini.eu Vivere bene con sé e con gli altri 7 maggio

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa CLORELLA Contenuto 1 8 0 c o m p r e s s e d a 5 0 0 m g d i Chlorella Pyrenoidosa frantumata Clorella Bio con marchio di produzione Biologica della Comunità Europea Indicazioni Disintossicante, stai di

Dettagli

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Nei paesi industrializzati e quindi anche in Italia l ipertensione è una questione rilevante di salute pubblica. Molti casi di ipertensione sono legati

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf La scelta degli alimenti e basata su molteplici fattori : storia, cultura, ambiente

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche,

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, delle conoscenze, delle abilità, dei saperi e delle tradizioni

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti.

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti. Il principali compiti derivanti dall assunzione periodica di cibo sono: -assicurare il giusto fabbisogno energetico necessario alla vita ed all attività muscolare (tenendo conto che entrate ed uscite devono

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

Meglio informati sul colesterolo e sugli altri lipidi nel sangue

Meglio informati sul colesterolo e sugli altri lipidi nel sangue Informazioni per i pazienti Meglio informati sul colesterolo e sugli altri lipidi nel sangue Quelli con l arcobaleno Tutte le guide Mepha sono disponibili al sito www.mepha.ch Per scandire il «QR-Code»

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche Sedentarietà Almeno il 60% della popolazione mondiale è al di sotto dei livelli di attività raccomandati di attività motoria (30 minuti al giorno di attività moderata) Un adeguata attività fisica è fondamentale

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Ancora una volta uno stile di vita non corretto con una dieta poco equilibrata ed abitudini sedentarie può influire negativamente sulla salute

Ancora una volta uno stile di vita non corretto con una dieta poco equilibrata ed abitudini sedentarie può influire negativamente sulla salute Premessa La cellulite Un corretto stiile dii viita No al problema della cellulite Ancora una volta uno stile di vita non corretto con una dieta poco equilibrata ed abitudini sedentarie può influire negativamente

Dettagli

Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas

Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas CAPITOLO 18 - Quanto sono sicure le vitamine? Una delle cose che sembrano confondere di più il pubblico e gli scienziati nel campo della salute

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli