LA STIMA DEL RISCHIO IN CASI PARTICOLARI: MUSICA, CALL CENTER, SCUOLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA STIMA DEL RISCHIO IN CASI PARTICOLARI: MUSICA, CALL CENTER, SCUOLE"

Transcript

1 LA STIMA DEL RISCHIO IN CASI PARTICOLARI: MUSICA, CALL CENTER, SCUOLE PIETRO NATALETTI ISPESL Dipartimento Igiene del Lavoro Alessandria, 15 giugno 2010

2 Rumore / Effetti Effetti uditivi stato di adattamento fatica uditiva (TTS) trauma acustico sordità professionale (PTS) Effetti extra-uditivi sul senso dell equilibrio e del movimento e sul tono psicomotorio generale sul senso di attenzione e sulla concentrazione sulla vista sul sistema nervoso, sul carattere e sul comportamento sull apparato digestivo sul sistema endocrino sull apparato respiratorio sull apparato circolatorio e sul sistema vascolare

3 Rumore / Effetti Il D.M (Nuovo elenco delle malattie professionali) comprende il rumore nella: Lista I Malattie la cui origine lavorativa è di elevata probabilità: 01 Rumore Malattia: ipoacusia percettiva Lista III Malattie la cui origine lavorativa è possibile: 01 Rumore Malattie: dell apparato cardiocircolatorio, digerente, endocrino e neuropsichiche

4 Rumore / Effetti Il D.M (Nuovo elenco delle malattie professionali nell industria e nell agricoltura) comprende il rumore al punto 75) IPOACUSIA DA RUMORE: n) formatura e distaffatura in fonderia con macchine vibranti. o) sbavatura in fonderia con mole. p) formatura di materiale metallico, mediante fucinatura e stampaggio. q) lavorazione meccanica del legno con impiego di seghe circolari, seghe a nastro, piallatrici e toupies. r) lavori in galleria con mezzi meccanici ad aria compressa. s) stampaggio di vetro cavo. t) prova di armi da fuoco. u) conduzioni delle riempitrici automatiche per l'imbottigliamento in vetro o l'imbarattolamento in metallo. v) addetti alla conduzione dei motori in sala macchine a bordo delle navi. w) Altre lavorazioni, svolte in modo non occasionale, che comportano una esposizione personale, giornaliera o settimanale, a livelli di rumore superiori a 80 db(a).

5 IL PROBLEMA Ipoacusie professionali ancora la prima malattia professionale nell industria, agricoltura e servizi Ipoacusie professionali in aumento nei settori non industriali, in particolare nel terziario Domanda di ergonomia dell ambiente crescente in questi settori Esigenza di proteggere sia i lavoratori che i frequentatori Tabella: Ipoacusie professionali manifestatesi nel periodo e indennizzate a tutto il per anno Industria e Servizi e Agricoltura. (Fonte: INAIL, Rapporto annuale 2007) ANNO IPOACUSIE TABELLATE IPOACUSIE NON TABELLATE TOTALE IPOACUSIE TOTALE MALATTIE PROFESSIONALI D. I. D. I. D. I. D. I

6 IPOACUSIE TABELLATE: contratte nell esercizio lavorativo e a causa delle lavorazioni specificate nella tabella allegata al Testo Unico (D.P.R. 1124/65). Ad esempio: Martellatura, cianfrinatura, scriccatura, molatura ed aggiustaggio nella costruzione di caldaie, serbatoi e tubi metalli. NON TABELLATE: contratte nell esercizio lavorativo a causa di lavorazioni non specificate nella tabella allegata al Testo Unico (D.P.R. 1124/65). Ad esempio: ipoacusia da rumore da attività scolastica.

7 VALUTAZIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO A 19 ANNI DAL D.Lgs. 277/91 Rapporti di Valutazione del rischio in alcuni comparti assenti o di scarsa qualità Call center: in molte realtà (call e contact center, assicurazioni, banche, ) che impiegano mila operatori ancora non esiste la valutazione del rischio rumore Scuole: la valutazione del rischio rumore è pressoché inesistente nonostante le ipoacusie e le laringopatie tra il personale docente sono in netto aumento

8 RUMORE: OLTRE IL D.LGS. 277/91 Aumento delle ipoacusie non tabellate nei settori lavorativi del terziario (ad es. insegnanti, centralinisti, ) Ubicazione dell insediamento e impatto acustico da e verso l esterno Cresce la richiesta di ambienti di lavoro più ergonomici, soprattutto nel terziario (scuole, uffici, banche, poste, ) Il D.Lgs. 195/2006 prima e poi il D.Lgs. 81/2008 hanno stabilito importanti novità

9 RUMORE: SETTORI PRIORITARI (UE) Trasporti (in particolare su strada ed aerei) Costruzioni Agricoltura, pesca, selvicoltura Produzione industriale di alimenti e bevande Metallurgia Istruzione Call centres Spettacolo Servizi

10 Titolo VIII del D.Lgs. 81/2008 Capo II Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro Articolo 187 Campo di applicazione Il presente capo determina i requisiti minimi per la protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione al rumore durante il lavoro e in particolare per l udito. Nessuna esclusione dal campo di applicazione

11 Articolo 198 Linee Guida per i settori della musica delle attività ricreative e dei call center 1. Su proposta della Commissione permanente per la prevenzione degli infortuni e l igiene del lavoro di cui all articolo 6, sentite le parti sociali, entro due anni dalla data di entrata in vigore del presente capo, la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano definisce le linee guida per l applicazione del presente capo nei settori della musica, delle attività ricreative e dei call center. Linee guida entro il 1 gennaio 2011?

12 MUSICA L esposizione a rumore dei musicisti non è quasi mai stata oggetto di valutazione, nonostante ricadesse negli obblighi generali previsti dalla legislazione in materia (D.Lgs. 277/91 prima e D.Lgs. 626/94 e D.Lgs.81/2008 poi). Vengono presentati i primi risultati reati a un studio condotto presso il Teatro Regio di Torino. Lo scopo dello studio era di misurare e valutare I livelli di esposizione a rumore dei musicisti e dei cantanti del coro e la loro funzionalità cocleare. L orchestra del Teatro Regio, composta da 88 elementi, discende dall orchestra fondata nel diciannovesimo secolo da Arturo Toscanini, che ne fu il primo direttore d orchestra e direttore artistico. Dipartimento Igiene del Lavoro Il coro del Teatro Regio di Torino, composto da 71 elementi, fu fondato nel 1945 dopo l incendio del Teatro del 1936 e dopo l interruzione della seconda guerra mondale, diventando nel 1967 il coro permanente del Teatro Regio.

13 METODI I livelli sonori sono stati misurati tramite fonometri indossabili QUEST DLX-1 e analizzatori real time multicanali Harmonie and Simphonie. I segnali sono stati misurati durante l intero periodo di esecuzione musicale nella sala prove e nella fossa ( Golfo mistico ). Gli artisti erano impegnati nell esecuzione delle opere Falstaff di Giuseppe Verdi ed Edgar di Giacomo Puccini. Un campione di 81 musicisti e di 43 cantanti sono stati studiati. Dipartimento Igiene del Lavoro

14 METODI La funzionalità cocleare di un campione di volontari è stata studiata prima e dopo l esecuzione in sala prova per mezzo di test basati sulle emissioni otoacustiche. Sono state misurate sia TEOAE (Transient Evoked OtoAcoustic Emissions) che DPOAE (Distorsion Product OtoAcoustic Emissions) per mezzo di un sistema portatile ILO292. Un campione di 45 musicisti e di 15 cantanti è stato studiato. Le DPOAS sono state misurate nelle seguenti condizioni: f 2 /f 1 =1.22; A 1 = 65 db e A 2 = 55 db, risoluzione 1/3 ottava Dipartimento Igiene del Lavoro Esempio di acquisizione di TEOAE Esempio di acquisizione di DPOAE

15 METODI Per lo studio delle OAS i soggetti sono stati divisi in 5 classi: 1. Voci maschili: bassi, baritoni, tenori con un livello medio di esposizione di L A,eq = 90 db(a) (5 soggetti, età media 44); 2. Voci femminili: soprani, mezzosoprani, con un livello medio di esposizione di L A,eq = 91 db(a) (10 soggetti, età media 41); 3. Archi: violini, viole, violoncelli, contrabassi con un livello medio di esposizione di L A,eq = 81 db(a) (22 soggetti, età media 43) ; 4. Strumenti a fiato: clarinetti, flauti, oboi, trombe, tromboni, con un livello medio di esposizione di L A,eq = 86.4 db(a) (19 soggetti, età media 39); 5. Strumenti a percussione: percussioni, timpani con un livello medio di esposizione di L A,eq = 87.9 db(a), (4 soggetti, età media 46). Dipartimento Igiene del Lavoro

16 RISULTATI Esposizione a rumore Musicians N L T Aeq L Cpeak instruments m db(a) db(c) First Violins ,2±1,0 125,6 Second Violins ,5±0,8 123,4 Violas ,2±0,9 121,4 Cellos ,5±1,3 123,7 Double Basses ,8±0,7 119,3 Oboes, Clarinets, Bassoons ,6±1,1 129,0 Trumpets, Trombones, Horns ,5±1,1 125,4 Percussions ,3±0,7 134,3 Orchestra Director ,3±0,7 116,1 Dipartimento Igiene del Lavoro I livelli di esposizione giornalieri vanno da 78 db(a) (Contrabassi) a 88 db(a) (Percussioni).

17 RISULTATI Esposizione a rumore Dipartimento Igiene del Lavoro Risultati analoghi sono stati ottenuti da Peretti et al. presso l Auditorium di Bolzano relativi all orchestra Haydn di Bolano e Trento (Atti 36 Congresso AIA, Torino 2009).

18 RISULTATI Esposizione a rumore Singers N Artists T m L Aeq L piccoc db(a) db(c) Basses ,3 ± 1,0 126,4 Sopranos ,8 ± 1,5 128,1 Baritones ,9 ± 1,5 126,7 Mezzo-sopranos ,5 ± 1,7 129,2 Tenors ,5 ± 1,3 130,1 Contraltos ,0 ± 2,3 128,2 Chorus Director ,1 ± 0,7 118,0 Dipartimento Igiene del Lavoro

19 RISULTATI OAS signal repro TEOAE reproducibility in different groups of musicians and singers male artistic voices female artistic voices wind instruments percussion instruments strings instruments normoacousic subjects Dipartimento Igiene del Lavoro f (Hz)

20 RISULTATI OAS DP amplitude (db) DPOAE in different groups of singers and musicians compared to a group of normoacousic subjects male artistic voices female artistic voices wind instruments Dipartimento Igiene del Lavoro -15 strings instruments percussion instruments -20 normoacousic subjects f2 (Hz)

21 RISULTATI OAS D P elicited by F2 4 khz as function o f the expo sure level for subjectes with age>40 years DP amplitude db y = x x R 2 = y = x R 2 = Dipartimento Igiene del Lavoro exposure level db(a)

22 CONCLUSIONI I primi risultati confermano i pochi dati esistenti in Letteratura, mostrando che musicisti e cantanti lirici sono esposti a elevati livelli sonori giornalieri. Questi livelli possono superare sistemeticamente 85 db(a) nel caso dei percussionisti, tenori e soprani. I dati mostrano che i test basati sulle OAE possono efficacemente discriminare tra differenti classi di esposizione. Una buona correlazione è stata trovata tra I livelli di esposizione e i livelli delle DPOAE. Dipartimento Igiene del Lavoro

23 CONCLUSIONI I primi risultati mostrano la necessità di effettuare la misura e la valutazione del rischio, e attuare le misure di tutela e sicurezza conseguenti, per gli artisti dei teatri lirici. Lo studio proseguirà presso l auditorium di Santa Cecilia di Roma in collaborazione con l Università La Sapienza. Dipartimento Igiene del Lavoro

24 LAVORO FUTURO Saranno studiati DPI uditivi specifici per il settore e possibili interventi tecnici di riduzione del rischio, allo scopo di fornire elementi utili per le Linee guida di cui all art. 198 del D.Lgs. 81/2008. Anche lo sforzo vocale dei cantanti è oggetto di studio per stabilire una metodica di misura e valutazione del rischio e per valutare eventuali effetti sulla salute. Dipartimento Igiene del Lavoro

25 CALL-CENTER In Italia ci sono circa call centers e I lavoratori addetti sono più di : Generale assenza della Valutazione del Rischio rumore Severa inadeguatezza delle Relazioni tecniche Metodi standard previsti dal D.Lgs. 81/08 e dalla UNI 9432 non adeguati alla valutazione del rischio degli addetti Scarsità adeguata di tecnici competenti e di strumentazione Alto numero di lamentele (effetti uditivi ed extra-uditivi, acoustic shocks, )

26 LEGISLAZIONE E STANDARDS INTERNAZIONALI La nuova Direttiva europea 2003/10/EC poggia sullo standard ISO 1999:1990 per le misure di rumore e la definizione del livello di esposizione. La ISO 1999 (e anche la UNI 9432) stabilisce che le misure di rumore devono essere effettuate: Con il microfono posizionato nella posizione normalmente occupata dal lavoratore, in sua assenza (I); Se il lavoratore deve essere presente, il microfono deve essere collocato a 10 cm dall ingresso del canale uditivo dell orecchio più esposto (II).

27 QUANDO SI UTILIZZANO DISPOSITIVI AURICOLARI L applicazione del metodo I è sbagliata. La misura deve essere fatta alla presenza dell operatore. Anche l applicazione del metodo II è sbagliata. La misura a 10 cm dall orecchio registra il livello ambientale, non il livello effettivo all orecchio. La misura corretta si effettua con un metodo, chiamato III, dove il microfono è posto molto vicino all orecchio a valle del dispositivo auricolare e il livello deve essere corretto in postelaborazione per deconvolvere la funzione di trasferimento del canale uditivo.

28 STANDARD UNI EN ISO :2006 Acustica Determinazione dell esposizione sonora dovuta a sorgenti sonore situate in prossimità dell orecchio Parte 1: Tecnica del microfono posto nel condotto uditivo (tecnica MIRE)

29 STANDARD UNI EN ISO :2005 Acustica Determinazione dell esposizione sonora dovuta a sorgenti sonore situate in prossimità dell orecchio Parte 2: Tecnica con manichino

30 STUDIO SPERIMENTALE Lo studio sperimentale è stato effettuato presso sette distinte realtà lavorative: 1. la divisione audio-video di un giornale; 2. la centrale telefonica di un ente governativo; 3. la stessa centrale di cui sopra, dopo i lavori di ampliamento; 4. call-center di una banca; 4. call center di un ospedale ; 5. call center condiviso (banca, amministrazione pubblica locale, compagnia di servizi); 7. call center di una società nazionale di servizi.

31 74 differenti workstations sono state studiate, dove venivano utilizzati 83 differenti tipi di recevitori (cuffie supra-aurali, inserti auricolari, cornette telefoniche), per 30 ore totali di monitoraggio. In tutti gli ambienti di lavoro è stato utilizzato il manichino; nel sito 7 (call center di una socetà nazionale di servizi di Venezia) è stato utilizzato contemporaneamente anche il metodo MIRE.

32 SET UP SPERIMENTALE - 1 Manikino: B&K 4128 Orecchio destro: B&K 4158 Orecchio sinistro: B&K 4159 Pinna: B&K DZ 9752 Larson Davis 2900 / 01 db Symphonie Analizzatori real time bicanali

33 DATA PROCESSING - 1 Le funzioni di trasferimento tabulate (ISO e B&K) sono state confrontate con le curve sperimentali; all interno banda passante telefonica ( Hz) le differenze sono entro 2-3 db. I livelli sonori misurati dai microfoni che simulano l orecchio sono convertiti in livelli corrispondenti in campo diffuso L Aeq per mezzo della funzione di trasferimento del canale uditivo e la curva di ponderazione A.

34 SET UP SPERIMENTALE - 2 Probe microphone: B&K 4182 power supplier: B&K 5968 Larson Davis 2900 / 01 db Siimphonie Analizzatore real time bicanale

35 DATA PROCESSING - 2 Anche i livelli misurati con il probe microphone sono convertiti nei corrispondenti livelli in campo diffuso L Aeq per mezzo della funzione di trasferimento del probe microphone e la ponderazione A.

36 RISULTATI

37 DISCUSSIONE - 1 I livelli sonori misurati variano da un minimo di 50 db(a) a un massimo di 87 db(a). I fattori che influenzano I livelli sonori sono: livello di voce del parlatore. Questo fattore dipende dal parlatore stesso e dal livello di amplificazione della catena telefonica; voce propria dell operatore. La voce dell operatore ritorna in cuffia tramite il microfono; rumore ambientale. Questo fattore dipende dalla contemporanea presenza di più operatori in ambienti talvolta non idonei.

38 DISCUSSIONE - 2 Tecnica del manichino. Affidabile, poco sensibile alla funzione di trasferimento del canale uditivo del manichino, ma complessa, cara in termini di costo e di tempo; Tecnica MIRE. I livelli misurati con questa tecnica sono allineati con l altra, ma il posizionamento del tubicino del probe microphone e la presenza di cerume sono critici. La tecnica è affidabile, economica e diretta ma richiede l intervento medico per l esame otoscopico e l inserimento del microfono, oltre che del consenso informato dell operatore.

39 CONCLUSIONI I livelli sonori di 80 db(a) sono superati nel 23% dei casi, in linea con i dati di Letteratura. I centralinisti sono quindi a rischio rumore e la valutazione del rischio e gli adempimenti conseguenti (formazione, informazione, sorveglianza sanitaria, interventi tecnici e organizzativi) devono essere attuati dai datori di lavoro secondo i livelli di rischio previsti dal D.Lgs. 81/2008

40 SCUOLE Il problema del rumore in ambiente scolastico è stato oggetto di numerosi studi, e dal monitoraggio dell esposizione a rumore nelle scuole sono emersi dati di esposizione elevata specialmente in scuole materne ed elementari. I livelli elevati di rumore causano danni uditivi e insorgenza di laringopatie nello staff docente e sono concausa di difficoltà di apprendimento e perdita di attenzione negli alunni. Gli alti livelli di rumore sono causati principalmente alle caratteristiche architettonico-strutturali degli edifici scolastici. Ad esempio: l isolamento insufficiente delle classi è causa di alti livelli di disturbo provenienti da sorgenti esterne; gli effetti di riverberazione delle pareti producono effetti di distorsione del suono e perdita di intelligibilità del parlato. La distorsione nel dominio del tempo (riverberazione, echi) può degradare il segnale del parlato e ridurne la comprensibilità. Questo fatto è quantificato nella procedura STI (Speech Transmission Index) attraverso la determinazione della funzione di trasferimento di modulazione per la gamma di frequenze presenti nell inviluppo di segnali di parlato naturale.

41 METODI Sono state effettuate valutazioni dosimetriche di esposizione a rumore in classi elementari e materne di 3 scuole della provincia di Roma (2 elementari e 1 materna), 2 scuole della provincia di Latina (1 elementare e 1 materna) e 6 scuole della provincia di Lucca (3 elementari e 3 materne). Per ogni scuola sono state valutate almeno due classi e per ogni classe sono stati monitorati sia il turno mattutino che quello pomeridiano. Le valutazioni dosimetriche sono state effettuate mediante fonometri indossabili LD tipo 805A. I docenti sono stati monitorati durante un intero turno lavorativo. Il microfono dei fonometri integratori indossabili, rivolto verso l avanti, è stato fissato su di un astina lunga 10 cm solidale con un archetto fermacapelli posto sulla testa dell insegnante.

42 RISULTATI 130 Livelli sonori misurati in una classe 1 elementare nel turno didattico pomeridiano LA,eq in mensa Peak Livello sonoro ora

43 RISULTATI Il livello di 80 db(a) è superato per più del 60% del tempo di registrazione del segnale 1.0 Distribuzione statistica dei livelli sonori (sezione di scuola materna turno pomeridiano) probabilità Livello sonoro dba

44 RISULTATI Regione grado L A, eq (dba) L EX,8h (dba) T media Dev.st media Dev.st M E L M E generale

45 RISULTATI Non sono state riscontrate differenze statisticamente significative fra turni mattutini e pomeridiani. Viceversa, differenze statisticamente significative (p = e p = 0.01 rispettivamente per L A,eq e L EX,8h ) si sono riscontrate tra i livelli di esposizione in Toscana e nel Lazio Lex,8h L REGIONE T

46 RISULTATI Istogramma dei dati di L A,eq rilevati nelle scuole suddivisi per Regione

47 RISULTATI I locali più critici dal punto di vista dei livelli sonori sono, come noto, le mense e le palestre. Per dimostrare questo i tempi di riverberazione, misurati in banda di ottava, sono stati confrontati con i limiti di accettabilità per i tempi di riverberazione in edilizia scolastica forniti dal D.M. 18/12/75 Tempi di riverberazione medi nelle mense 3 mense tratt mense limiti accettabilità T60 (s) f(hz)

48 RISULTATI Tempi di riverberazione medi misurati nelle palestre confrontati con i valori limite di accettabilità per l edilizia scolastica secondo il D.M Tempi di riverberazione medi nelle palestre 6 5 limiti accettabilità palestre tratt palestre 4 T60 (s) f(hz)

49 CONCLUSIONI Le valutazioni dosimetriche effettuate mostrano che il personale docente risulta esposto ad elevati livelli di rumore. Tali livelli risultano particolarmente elevati durante la permanenza in ambienti molto riverberanti, quali mense e palestre. I livelli di esposizione misurati durante l attività didattica nelle classi di scuola elementare non sono molto dissimili dai livelli misurati nelle classi di scuola materna. Differenze statisticamente significative sono state, invece, trovate tra gruppi di scuole appartenenti a due diverse regioni. Questo fatto è stato attribuito a una differente sensibilità pedagogico-culturale verso problematiche di tipo ambientale. Ciò conferma che le sorgenti del rumore scolastico sono gli studenti stessi e che è un meccanismo di amplificazione a feedback l origine degli elevati livelli di rumore nelle aule scolastiche. Gli alti livelli di esposizione a rumore, quindi, possono essere correlati al dato oggettivo che rappresenta le carenze progettuali dell edilizia scolastica. In particolare, i tempi di riverberazione, misurati negli ambienti scolastici risultano sistematicamente eccedenti i limiti di accettabilità definiti dalla normativa. La presenza di elevati tempi di riverberazione si riflette in un degrado degli indici di intelligibilità del parlato.

50 Grazie per l attenzione!

Rumore, Vibrazioni, Illuminazione

Rumore, Vibrazioni, Illuminazione Convegno Az. USL RM H Il nuovo Testo Unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs. 106/2009: indicazioni per i dirigenti Albano, 13, 15 aprile 2010 Rumore, Vibrazioni, Illuminazione Dott. Pietro Nataletti

Dettagli

LA MEDICINA DEL LAVORO E IL MONDO DELLO SPETTACOLO LO STATO DELL ARTE IN AMBITO MUSICALE

LA MEDICINA DEL LAVORO E IL MONDO DELLO SPETTACOLO LO STATO DELL ARTE IN AMBITO MUSICALE LA MEDICINA DEL LAVORO E IL MONDO DELLO SPETTACOLO LO STATO DELL ARTE IN AMBITO MUSICALE Dott. Terenzio Cassina Specialista in medicina del lavoro Medico competente Teatro alla Scala di Milano Medicina

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RUMORE A CUI SONO ESPOSTI I CENTRALINISTI TELEFONICI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RUMORE A CUI SONO ESPOSTI I CENTRALINISTI TELEFONICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RUMORE A CUI SONO ESPOSTI I CENTRALINISTI TELEFONICI A. Peretti 1, M. Gravino 2, A. Farina 3 1) Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Università di Padova 2) Tecnico

Dettagli

CERTIFICATO DI MISURA DI RUMORE IN AMBIENTE DI LAVORO

CERTIFICATO DI MISURA DI RUMORE IN AMBIENTE DI LAVORO Certificato di misura CERTIFICATO DI MISURA DI RUMORE IN AMBIENTE DI LAVORO Misura eseguita con fonometro integratore di classe 1 secondo le modalità delle norme UNI e ISO, e del D.Lgs. 81/2008 Titolo

Dettagli

RUMORE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca. Delucis LSP Lucca

RUMORE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca. Delucis LSP Lucca RUMORE Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca Cos è il suono Si consideri un qualunque mezzo fisico.. Si supponga che, per un qualunque processo, una particella del mezzo cominci ad oscillare attorno alla sua posizione

Dettagli

SCELTA DEI DPI UDITIVI

SCELTA DEI DPI UDITIVI SCELTA DEI DPI UDITIVI SEZIONE 1 Criteri di selezione dell otoprotettore 1.1 Marcatura di certificazione Occorre scegliere solo DPI dotati di marcatura di certificazione di conformità (marcatura CE). 1.2

Dettagli

UNIONE MONTANA DEI COMUNI DEL MUGELLO

UNIONE MONTANA DEI COMUNI DEL MUGELLO UNIONE MONTANA DEI COMUNI DEL MUGELLO INTRODUZIONE Nella vita quotidiana siamo costantemente esposti a rumori e suoni differenti: a casa, al lavoro, mentre viaggiamo o semplicemente durante i nostri svaghi.

Dettagli

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI ai sensi della Legge Quadro n 447/95: verifica degli adempimenti di cui al D.P.C.M. del 05/12/97 CERTIFICAZIONE MEDIANTE MISURE SPERIMENTALI DEI REQUISITI ACUSTICI

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA SICUREZZA SUL LAVORO: COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA Dott. Roberto BEDINI Ai fini del DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 per agenti fisici si intendono: il RUMORE,

Dettagli

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE IL SUONO Propagarsi di onde meccaniche in un mezzo. Le onde fanno vibrare la membrana del timpano dando la sensazione sonora. La frequenza del suono è data dal numero

Dettagli

Udito: come avviene. Orecchio medio Orecchio interno. ing. Domenico Brioschi - brioschi@gpseurope.com

Udito: come avviene. Orecchio medio Orecchio interno. ing. Domenico Brioschi - brioschi@gpseurope.com Udito: come avviene Organi dell udito Orecchio esterno Orecchio medio Orecchio interno 1 Orecchio 2 Orecchio esterno Padiglione auricolare Localizza nello spazio Rinforzo del suono: concentrazione energia

Dettagli

La gestione del rumore negli ambienti di lavoro Guida al titolo V-bis del d.lgs. n. 626/1994 Area Ambiente e Sicurezza Unione degli Industriali di

La gestione del rumore negli ambienti di lavoro Guida al titolo V-bis del d.lgs. n. 626/1994 Area Ambiente e Sicurezza Unione degli Industriali di La gestione del rumore negli ambienti di lavoro Guida al titolo V-bis del d.lgs. n. 626/1994 Area Ambiente e Sicurezza Unione degli Industriali di Venezia La gestione del rumore negli ambienti di lavoro

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo coordinato con il D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 AGENTI FISICI E CHIMICI NEL CANTIERE EDILE

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo coordinato con il D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 AGENTI FISICI E CHIMICI NEL CANTIERE EDILE D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo coordinato con il D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 AGENTI FISICI E CHIMICI NEL CANTIERE EDILE Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it 25 ottobre 2014 1 Titolo

Dettagli

SUONO E RUMORE SUONO. www.ambientediritto.it

SUONO E RUMORE SUONO. www.ambientediritto.it SUONO E RUMORE SUONO E una perturbazione meccanica che si propaga in un corpo elastico (gas, liquido, solido). Il corpo elastico (cioè la sorgente di suono), messo in vibrazione, crea una serie di compressioni

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 16 del 23 / 04 / 2009

Bollettino Ufficiale n. 16 del 23 / 04 / 2009 B.U. n. 16 http://www.regione.piemonte.it/governo/bollettino/abbonati/2009/16/siste/00000211.h... Pagina 1 di 2 19/05/2009 Torna al Sommario Indice Sistematico Bollettino Ufficiale n. 16 del 23 / 04 /

Dettagli

Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEL DANNO ACUSTICO

Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEL DANNO ACUSTICO Universita degli Studi di Milano - Bicocca Facolta di Medicina e Chirurgia Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEL DANNO ACUSTICO 12 MARZO 2009 AUDIOMETRIA IN MDL L audiometro serve, in MdL,

Dettagli

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO E IL PARE

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO E IL PARE IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO E IL PARE PIETRO NATALETTI ISPESL Dipartimento Igiene del Lavoro Alessandria, 15 giugno 2010 Il Testo Unico Modalità di attuazione degli obblighi di prevenzione

Dettagli

OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO

OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO STRUTTURA COMPLESSA - Dipartimento Provinciale di Cuneo - OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI MONITORAGGIO DELL INQUINAMENTO ACUSTICO n 5102/CN Funzione: Collaboratore Tecnico Professionale (tecnico competente

Dettagli

Come ha detto? Esercizi di approfondimento 60 minuti medi 2009-0303

Come ha detto? Esercizi di approfondimento 60 minuti medi 2009-0303 =1 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti medi Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

Pagina 1. www.altesys.com

Pagina 1. www.altesys.com Pagina 1 Dosimetro acustico personale per operatori di Call e Contact Center Eustachio 60.000 operatori di Call e Contact Center in Italia utilizzano una cuffia Altesys. Siamo l unico produttore italiano

Dettagli

Gli aspetti legislativi relativi al rischio rumore Titolo VIII Capo II D.Lgs. 81/2008. Settore Prevenzione e Protezione Università

Gli aspetti legislativi relativi al rischio rumore Titolo VIII Capo II D.Lgs. 81/2008. Settore Prevenzione e Protezione Università Gli aspetti legislativi relativi al rischio rumore Titolo VIII Capo II D.Lgs. 81/2008 Settore Prevenzione e Protezione Università Introduzione D.Lgs. 15/08/1991 n. 277 Capo IV - Protezione dei lavoratori

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII, Capo II

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII, Capo II DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII, Capo II ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AI RISCHI DERIVANTI DAGLI AGENTI FISICI (RUMORE) DITTA: Fratelli Cancian snc LUOGO DELLE MISURE: Via C. Esterle 23, Milano Relazione

Dettagli

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 IL COMMITTENTE: Benessere Acustico Sr.l. IL TECNICO: Andrea Cerniglia

Dettagli

Requisiti acustici ed intelligibilità negli edifici ad uso collettivo

Requisiti acustici ed intelligibilità negli edifici ad uso collettivo Milano, 28 aprile 2011 Arianna Astolfi Requisiti acustici ed intelligibilità negli edifici ad uso collettivo Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica, gruppo TEBE www.polito.it/tebe Corso Duca

Dettagli

Capitolo 5 Gestione nel tempo della sicurezza

Capitolo 5 Gestione nel tempo della sicurezza pag. 1/6 Capitolo 5 Gestione nel tempo della sicurezza 5.1 GESTIONE NEL TEMPO DELLA... 2 5.2 SORVEGLIANZA SANITARIA... 4 5.3 PRONTO SOCCORSO... 5 REV DATA REDATO DA DESCRIZIONE FIRMA DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

bianchi_acusticaok.qxp 13-07-2007 16:15 Pagina V Indice

bianchi_acusticaok.qxp 13-07-2007 16:15 Pagina V Indice bianchi_acusticaok.qxp 13-07-2007 16:15 Pagina V 3 CAPITOLO 1 Storia dell acustica architettonica 3 1.1 Definizione 3 1.2 Gli inizi 4 1.3 I Greci 9 1.4 I Romani 1.4.1 La geometria, p. 10 1.4.2 L orecchio,

Dettagli

CORSO DIAGGIORNAMENTO PER RSPP 40 ore

CORSO DIAGGIORNAMENTO PER RSPP 40 ore 21/03/2012 ing. Stefano Casini CORSO DIAGGIORNAMENTO PER RSPP 40 ore Rischi fisici: rumore e vibrazioni RUMORE CORSO DI AGGIORNAMENTO PER RSPP 40 ore Rischi fisici: rumore e vibrazioni 21/0372012 ing.

Dettagli

Acustica. Misurazione del rumore ad alta frequenza emesso dalle apparecchiature informatiche e per ufficio.

Acustica. Misurazione del rumore ad alta frequenza emesso dalle apparecchiature informatiche e per ufficio. NORMATIVE RUMORE UNI EN 27574-4:1991 Acustica. Metodi statistici per la determinazione ed il controllo dei valori dichiarati di emissione acustica delle macchine e delle apparecchiature. Metodi per valori

Dettagli

18/04/2014. Tabellata compresa in elenco DM 9 aprile 08 GU 21.7.08

18/04/2014. Tabellata compresa in elenco DM 9 aprile 08 GU 21.7.08 L osservatorio INAIL sulle malattie professionali nella GDO MP Milano 10 aprile 2014 Immagine tratta da www.insolitimusei.com 15-16 - 17 giugno 2010 Sede di Monza C. Sferra Tabellata compresa in elenco

Dettagli

ACUSTICA E VIBRAZIONI

ACUSTICA E VIBRAZIONI STRUMENTAZIONE ALL AVANGUARDIA PROFESSIONALITA Nel corso degli anni, lo Studio di Acustica si è dotato della più moderna e versatile strumentazione per la misura, l analisi e la previsione di tutti i fenomeni

Dettagli

L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE

L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE RICERCA DELLA SOGLIA UDITIVA: METODI E TECNICHE AUDIOMETRISTA R. RUBERTO Quando si parla di adulto non collaborante si ha a che fare con un paziente complesso,

Dettagli

IL RISCHIO DA AGENTI FISICI. A cura di: Massimo Cecchini e Danilo Monarca

IL RISCHIO DA AGENTI FISICI. A cura di: Massimo Cecchini e Danilo Monarca ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi in collaborazione con CEFAS VITERBO IL RISCHIO DA AGENTI

Dettagli

Idoneità a un lavoro rumoroso di un soggetto affetto da IPOACUSIA

Idoneità a un lavoro rumoroso di un soggetto affetto da IPOACUSIA Idoneità a un lavoro rumoroso di un soggetto affetto da IPOACUSIA Il concetto di idoneità al lavoro può riferirsi, nel caso di una esposizione al rumore o di presenza di un deficit uditivo a carico del

Dettagli

la chirurgia della sordità medio-grave

la chirurgia della sordità medio-grave la chirurgia della sordità medio-grave con protesi impiantabili dell orecchio medio confronto dibattito Laura Luisa Bellini Christian Streitberger Valutazione audiometrica Anamnesi: comportamento dell

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Modulo 1: Fondamenti di Acustica Applicata. DATA E ORARIO Argomento Descrizione Ore sede corso

Modulo 1: Fondamenti di Acustica Applicata. DATA E ORARIO Argomento Descrizione Ore sede corso Associazione CONGENIA OSFIN - Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna - Anno 2012/2013 Corso di alta formazione per "TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA" Programma e calendario del corso Modulo 1: Fondamenti

Dettagli

Collana MultiCompact. Sicurezza, qualità e privacy RUMORE

Collana MultiCompact. Sicurezza, qualità e privacy RUMORE SOFTWARE Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy RUMORE Redazione e calcolo dell esposizione dei lavoratori alle fonti di rumore con il software Blumatica RUMORE Lt Seconda edizione Aggiornata

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI "N.PICCINNI" ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO

CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI N.PICCINNI ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI "N.PICCINNI" ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO INDICE DIPARTIMENTO DI CANTO E TEATRO MUSICALE Canto - CDPL06

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO Sede Legale: Via Papa Giovanni XXIII, 8-22070 Capiago Intimiano (CO) Sede Operativa: Via Livescia, 1 22073 Fino Mornasco (CO) Tel.: 031 88 919 51 - Fax: 031 72 93 11 92 e-mail: info@studiotecnicobl.it

Dettagli

RISCHIO VIBRAZIONI E RISCHIO RUMORE IL RUOLO DELL INAIL nel riconoscimento e la prevenzione delle patologie da rumore Prof. Francesco DI FABIO Vasto (CH), 28-2929 giugno 2007 1 IPOACUSIA DA RUMORE MP più

Dettagli

APPLICAZIONI ACUSTICA

APPLICAZIONI ACUSTICA METODI E STRUMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLA POTENZA SONORA INTRODUZIONE Quanto rumore fa questa macchina? A questa domanda spesso in passato non si ricevevano delle risposte complete e di facile interpretazione.

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011 CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011 1/15 Sezione Provinciale di Modena PREMESSA Al fine di verificare i livelli di rumorosità provocati

Dettagli

NORME. Acustica UNI 10343:1994. Acustica. Valutazione delle prestazioni acustiche di cabinati e cabine mediante l'indice unico di valutazione.

NORME. Acustica UNI 10343:1994. Acustica. Valutazione delle prestazioni acustiche di cabinati e cabine mediante l'indice unico di valutazione. NORME Acustica UNI 10343:1994 Acustica. Valutazione delle prestazioni acustiche di cabinati e cabine mediante l'indice unico di valutazione. UNI 10844:1999 Acustica - Determinazione della capacità di fonoassorbimento

Dettagli

Protezione dell udito

Protezione dell udito Protezione dell udito Direttiva Europea 2003/10/EC Lo sviluppo dell industria manifatturiera, edile e di altre tipologie industriali in Europa comporta un aumento del numero di persone esposte a livelli

Dettagli

Acustica industriale: valutazione del rischio da rumore e vibrazioni, progettazione e piani di risanamento

Acustica industriale: valutazione del rischio da rumore e vibrazioni, progettazione e piani di risanamento ATTIVITA Lo nasce nel 1989. Come indica il suo nome l attività volge prevalentemente alla progettazione nei vari settori dell'acustica. I principali campi di applicazione sono: Acustica dei teatri, chiese,

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA Chiara Scrosati ITC-CNR Istituto per le Tecnologie della Costruzione del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

!"#" $ $ $ / (() - + + 0 + 0 & + 0 & Pagina 1 di 71

!# $ $ $ / (() - + + 0 + 0 & + 0 & Pagina 1 di 71 "" Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate e le eventuali sostanze utilizzate. I rischi sono stati analizzati in riferimento

Dettagli

IL COMFORT ACUSTICO INTERNO

IL COMFORT ACUSTICO INTERNO IL COMFORT ACUSTICO INTERNO Spazi che offrono servizi: - sale d attesa; - ristoranti; - musei; - supermercati; -... Spazi in cui svolgere funzioni: - teatri; - sale concerto; - cinematografi; - chiese;

Dettagli

RISCHIO RUMORE IL QUADRO LEGISLATIVO E NORMATIVO. Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it)

RISCHIO RUMORE IL QUADRO LEGISLATIVO E NORMATIVO. Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it) RISCHIO RUMORE IL QUADRO LEGISLATIVO E NORMATIVO Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it) 1 Testo Unico-DLgs.81/08* * integrato e corretto dal DLgs.106/2009 pubblicato sul supplemento ordinario

Dettagli

VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA E DELL EFFICACIA DEI DPI UDITIVI AI FINI DELLA SCELTA DEI DPI OTTIMALI E DEL RISPETTO DEI VALORI LIMITE Giuseppe Elia

VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA E DELL EFFICACIA DEI DPI UDITIVI AI FINI DELLA SCELTA DEI DPI OTTIMALI E DEL RISPETTO DEI VALORI LIMITE Giuseppe Elia VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA EFFICIENZA E DELL EFFICACIA EFFICACIA DEI DPI UDITIVI AI FINI DELLA SCELTA DEI DPI OTTIMALI E DEL RISPETTO DEI VALORI LIMITE Giuseppe Elia Secondo il D.Lgs 195/2006: I DPI NEL

Dettagli

Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona

Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona Mirti Lombardi, Stefania Barletti, Daniela Giuliani ARPA Marche D.G.R. n. 3157 del 28/12/2001 Approvazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 09

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 09 Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 09 MISURAZIONE DELL ESPOSIZIONE E VALUTAZIONE DEL RISCHIO RUMORE Titolo

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

Guida all acustica pinta

Guida all acustica pinta Guida all acustica pinta UNA BREVE INTRODUZIONE NEL MONDO DELL ACUSTICA [2/16] >> Da dove proviene il rumore? QUALI SONO I CONCETTI FONDAMENTALI DEL- L ACUSTICA NELLA PROGETTAZIONE E NELLA CO- STRUZIONE

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni parametri fisici (cenni)

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni parametri fisici (cenni) Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Riduzione del rischio di esposizione al rumore e di infortuni sui luoghi di lavoro tramite interventi di bonifica acustica

Riduzione del rischio di esposizione al rumore e di infortuni sui luoghi di lavoro tramite interventi di bonifica acustica Riduzione del rischio di esposizione al rumore e di infortuni sui luoghi di lavoro tramite interventi di bonifica acustica C. Lamberini 1, R. Fabiani 1 L. Poderini 1, E. Crisostomi 1, S. Luzzi 2, 1 B-BEng

Dettagli

RUMORE PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI CENNI GENERALI SUI FENOMENI ACUSTICI

RUMORE PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI CENNI GENERALI SUI FENOMENI ACUSTICI RUMORE PRINCIPLI RIF.TI LEGISLTIVI DPR 303/56 D.Lgs 277/91 Norme generali per l igiene del lavoro ttuazione delle direttive 82/605/CEE, 83/477/CEE, 86/188/CEE, 88/642/CEE in materia di protezione dei lavoratori

Dettagli

Gestione del Rumore Urbano [ ] Una città a misura d uomo. Gestione del Rumore Ambientale

Gestione del Rumore Urbano [ ] Una città a misura d uomo. Gestione del Rumore Ambientale Gestione del Rumore Urbano [ ] Una città a misura d uomo Foresta: 12 db Salotto: 40 db Tosaerba: 60 db Traffico stradale: 80 db Trapano pneumatico: 100 db Fuochi d artificio: 125 db Decollo di un jet:

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

Il rischio vibrazioni

Il rischio vibrazioni Il rischio vibrazioni Il D. Lgs. 187/05 e la sua integrazione nel processo di valutazione dei rischi Dr. Franco Zanin SPISAL - Az. ULSS 6 Vicenza Definizione Le vibrazioni sono oscillazioni meccaniche

Dettagli

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno Suono: aspetti fisici Tutorial a cura di Aldo Torrebruno 1. Cos è il suono Il suono è generalmente prodotto dalla vibrazione di corpi elastici sottoposti ad urti o sollecitazioni (corde vocali, corde di

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano SCHEDA 8 INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano 1. L inquinamento acustico Tra i problemi che riguardano la salubrità degli spazi confinati e

Dettagli

SEZIONE DI BOLOGNA SERVIZIO TERRITORIALE DISTRETTO IMOLESE

SEZIONE DI BOLOGNA SERVIZIO TERRITORIALE DISTRETTO IMOLESE SEZIONE DI BOLOGNA SERVIZIO TERRITORIALE DISTRETTO IMOLESE SEZIONE PROVINCIALE DI BOLOGNA Via F. Rocchi, 19 Via B. Triachini, 17 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it

Dettagli

Acustica - Misura dell'assorbimento acustico in camera riverberante UNI EN ISO 354:2003

Acustica - Misura dell'assorbimento acustico in camera riverberante UNI EN ISO 354:2003 UNI EN ISO 354:2003 UNI EN ISO 1680:2001 Acustica - Misura dell'assorbimento acustico in camera riverberante Acustica - Procedura per prove di misurazione del rumore aereo emesso dalle macchine elettriche

Dettagli

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE Andrea Cerniglia (1), Giovanni Brambilla (2), Patrizio Verardi (2) 1) 01 db Italia, Milano 2) Istituto di Acustica

Dettagli

A. Locatelli*, G. Mazzoli*, A. Minore*, A. Prezioso* * INAIL - Direzione Regionale Lombardia - Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione

A. Locatelli*, G. Mazzoli*, A. Minore*, A. Prezioso* * INAIL - Direzione Regionale Lombardia - Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI E AL RUMORE NEI CENTRI DI ELABORAZIONE DATI A. Locatelli*, G. Mazzoli*, A. Minore*, A. Prezioso* * INAIL - Direzione Regionale Lombardia

Dettagli

RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE

RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE Comune di Roma Provincia di Rm RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE Decreti Legislativi 81/08 OGGETTO: COMMITTENTE: Lavori di realizzazione delle adduzioni energetiche ai nuovi

Dettagli

IL MONITORAGGIO IN CONTINUO DEL RUMORE PER I CANTIERI DELLA LINEA METROPOLITANA DI TORINO

IL MONITORAGGIO IN CONTINUO DEL RUMORE PER I CANTIERI DELLA LINEA METROPOLITANA DI TORINO Associazione Italiana di Acustica o 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 IL MONITORAGGIO IN CONTINUO DEL RUMORE PER I CANTIERI DELLA LINEA METROPOLITANA DI TORINO Marco Masoero (1), Carlo Alessandro

Dettagli

Piano Operativo di Sicurezza

Piano Operativo di Sicurezza MODELLO DI Piano Operativo di Sicurezza POS Modello PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA IMPRESA: INDIRIZZO CANTIERE: OPERA DA REALIZZARE: COMMITTENTE: Il presente piano costituisce la prima edizione. Il presente

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA

DIREZIONE GENERALE PER L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA Decreto Ministeriale 12 marzo 2007 prot. n. 39/2007 D.M. 12 marzo 2007, n. 39 - Riconoscimento dei titoli finali da rilasciare a conclusione dei corsi biennali sperimentali attivati presso la Accademie

Dettagli

A B C. della sicurezza nell uso dei dispositivi di protezione individuale FULVIO D ORSI GIACOMO GUERRIERO EVA PIETRANTONIO

A B C. della sicurezza nell uso dei dispositivi di protezione individuale FULVIO D ORSI GIACOMO GUERRIERO EVA PIETRANTONIO FULVIO D ORSI GIACOMO GUERRIERO EVA PIETRANTONIO A B C della sicurezza nell uso dei dispositivi di protezione individuale Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36, 74 e successivi del D.Lgs.

Dettagli

Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi

Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi P. Cicoira a, P. Miori b, P. Simonetti c a Libero professionista - Trento b Comune di Trento c Provincia autonoma di Trento Fra gli interventi di

Dettagli

CALENDARIO ESAMI MATERIE PRINCIPALI SESSIONE AUTUNNALE A.A.2008-2009 Materia Giorno Orario Osservazioni Basso Tuba Giovedì 24 settembre 2009 14,00

CALENDARIO ESAMI MATERIE PRINCIPALI SESSIONE AUTUNNALE A.A.2008-2009 Materia Giorno Orario Osservazioni Basso Tuba Giovedì 24 settembre 2009 14,00 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA S.CECILIA 00187 ROMA - Via dei Greci, 18 C.F. 80203690583 Tel. 063609671-2-3 Fax.0636001800

Dettagli

Le Ipoacusie da rumore in ambito INAIL

Le Ipoacusie da rumore in ambito INAIL SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE R. CAPORALE (*) - M. BISCEGLIA (**) Le Ipoacusie da rumore in ambito INAIL Aspetti medico-legali Edizione INAIL 2003 (*) Specialista in clinica otorinolaringoiatrica, già

Dettagli

Definizione di Suono

Definizione di Suono Definizione di Suono Il suono è una variazione di pressione che si propaga in un mezzo fisico quale aria, acqua o materiali solidi che l orecchio umano riesce a rilevare. I fenomeni acustici Il suono si

Dettagli

Dott. Leo Di Bartolo Marsala Cantine Donnafugata 28/06/2014 Ipoacusia e sordità: 18268 Malattia Professionale INAIL 2014: elenco liste malattie riconosciute Il D.M. del 27 Aprile 2004, che ha sostituito

Dettagli

ALLEGATO A SCHEDE DI RILIEVO FONOMETRICO

ALLEGATO A SCHEDE DI RILIEVO FONOMETRICO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PIANO COMUNALE DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ALLEGATO A SCHEDE DI RILIEVO FONOMETRICO Redatto da: viale Verona 1 38 Trento tel 461 391632 fax 461 92 ingegneria@quasar.to www.quasar.to

Dettagli

GUIDA NON VINCOLANTE DI BUONE PRASSI PER L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2003/10/CE

GUIDA NON VINCOLANTE DI BUONE PRASSI PER L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2003/10/CE GUIDA NON VINCOLANTE DI BUONE PRASSI PER L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2003/10/CE Commissione europea COME EVITARE O RIDURRE L ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE DURANTE IL LAVORO Guida non vincolante

Dettagli

Linea Call center e ufficio

Linea Call center e ufficio Per maggiori Informazioni: Plantronics Acoustics Italia Srl Milano, Italia Numero Verde: 800 950934 +39 02951 1900 www.plantronics.it Linea Call center e ufficio 2002 Plantronics Inc. Tutti i diritti riservati.

Dettagli

PROVA FONOMETRICA RELATIVA ALLA VALUTAZIONE

PROVA FONOMETRICA RELATIVA ALLA VALUTAZIONE RELAZIONE TECNICA DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELLA LEGGE 447/95 E NEL RISPETTO DEI DPCM 01/3/91, DPCM 14/11/97, DM 16/3/98, DPCM N 215 DEL 16/4/99 E L.R. 18/2001 (REGIONE LAZIO) PROVA FONOMETRICA RELATIVA

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO PROGRAMMI ESAMI AMMISSIONE

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO PROGRAMMI ESAMI AMMISSIONE Conservatorio Statale Antonio Vivaldi Via Parma 1. 15121 Alessandria Tel. 0131.051500 - Fax 0131.32533 BIENNIO DI SECONDO LIVELLO PROGRAMMI ESAMI AMMISSIONE ARPA CANTO LIRICO INDIRIZZO CONCERTISTICO il

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

Introduzione alla tecnologia PeakStop e al controllo acustico delle cuffie Jabra

Introduzione alla tecnologia PeakStop e al controllo acustico delle cuffie Jabra Introduzione alla tecnologia PeakStop e al controllo acustico delle cuffie Jabra Diversi elementi contribuiscono alla identificazione della cuffia ideale per un ufficio o per un Contact Center. Alcune

Dettagli

LA SICUREZZA IN AMBIENTE DI LAVORO

LA SICUREZZA IN AMBIENTE DI LAVORO LA SICUREZZA IN AMBIENTE DI LAVORO 1 MODULO Realizzata da: Dott. Ing. Maria Josè Mereu Richiesta da: I.I.S. «L. Einaudi» Senorbì (CA) 1 2 OBIETTIVO DEL CORSO Contribuire a migliorare la sicurezza sul lavoro,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

CORSI RSPP/ASPP Mod. B sett. 3-4-5-6

CORSI RSPP/ASPP Mod. B sett. 3-4-5-6 Programma Generale corso RSPP mod. B Macrosettori: RSPP B (at. 3, edilizia, escavazione - 60 ore) RSPP B (at. 4, manifatturiero - 49 ore) RSPP B (at. 5, chimico - 69 ore) RSPP B (at. 6, trasporti - 26

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO

DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO L. 26/10/1995, n.447 DGR 02/02/2004, n. 9-11616 SETTEMBRE 2013 ing. Mauro Montrucchio Tecnico competente in Acustica Ambientale DGR Piemonte n.40-12447 30/9/96 File:

Dettagli

AMBITO DI TRASFORMAZIONE ATS 401 OASI

AMBITO DI TRASFORMAZIONE ATS 401 OASI COMUNE DI CURTATONE PROVINCIA DI MANTOVA REGIONE LOMBARDIA AMBITO DI TRASFORMAZIONE ATS 1 OASI CON CONTESTUALE VARIANTE AL P.G.T. E VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA V.A.S. L.R. 12/05 s.m.i. D.C.R. 351/07

Dettagli

I CONTROLLI MANUTENTIVI DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

I CONTROLLI MANUTENTIVI DEGLI IMPIANTI ELETTRICI I CONTROLLI MANUTENTIVI DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Aspetti generali e riferimento normativo D.Lgs. 81/08 Ing. Andrea PINNA Mercoledì, 1 dicembre 2010 Centro Congressi Unione Industriale di Torino D.Lgs.

Dettagli

Il Centro Storico senza rumore: una scommessa possibile Inquinamento acustico e qualità della vita. esperienze a confronto

Il Centro Storico senza rumore: una scommessa possibile Inquinamento acustico e qualità della vita. esperienze a confronto Municipio Roma Centro Storico Istituto Superiore di Sanità Il Centro Storico senza rumore: una scommessa possibile Inquinamento acustico e qualità della vita. esperienze a confronto Roma, 27 novembre 2002

Dettagli

La prevenzione degli infortuni. La prevenzione degli infortuni -- Programma LEONARDO

La prevenzione degli infortuni. La prevenzione degli infortuni -- Programma LEONARDO La prevenzione degli infortuni Infortuni in Italia (*) 1987 1994 Numero Totale 795.562 925.886 Mortali 1.447 1.128 Ogni anno 1 infortunio ogni 15 lavoratori 1 infortunio mortale ogni 8.100 lavoratori (*)

Dettagli

IL RUMORE COME CAUSA DI IPOACUSIA

IL RUMORE COME CAUSA DI IPOACUSIA 1 IL RUMORE COME CAUSA DI IPOACUSIA Sandro Burdo. 1998. Scritto inedito e di proprietà riservata, utilizzato come base per consulenze tecniche di ufficio in materia di danno da rumore. **********************************

Dettagli

ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N.

ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N. ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N. 89/98 A.1 PREMESSA Nel presente documento sono definiti, ai sensi dell

Dettagli

Noise Equipment for Building Acoustics Measurements

Noise Equipment for Building Acoustics Measurements Noise Equipment for Building Acoustics Measurements Loudspeaker Systems OMNI and DIR Power Amplifier AMG Tapping Machine SLIM Microphone Boom Rotation ROTOSTANDone AMG GENERATORE DI RUMORE ROSA E BIANCO

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI. Dosimetro acustico con interfaccia PC. Modello 407355

MANUALE D ISTRUZIONI. Dosimetro acustico con interfaccia PC. Modello 407355 MANUALE D ISTRUZIONI Dosimetro acustico con interfaccia PC Modello 407355 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Dosimetro acustico personale Extech 407355. Il 407355 è progettato per testare

Dettagli

ATTIVITÀ DELLO STUDIO PROFESSIONALE

ATTIVITÀ DELLO STUDIO PROFESSIONALE ATTIVITÀ DELLO STUDIO PROFESSIONALE Lo studio professionale, specializzato in attività di consulenza tecnica alle imprese, nasce dall unione di un gruppo di professionisti operanti da circa 12 anni nei

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi M.Cristina, Sicoli Silvia Psicologa: Ghiggeri Sabrina Audiologo:

Dettagli

L innovazione Brüel & Kjær

L innovazione Brüel & Kjær L innovazione Brüel & Kjær l'analizzatore 2250 UN COLPO D ACCELERATORE Con oltre 60 anni di esperienza come leader nel mondo del suono e delle vibrazioni, Brüel & Kjær presenta la sua 4ª generazione innovativa

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini Dispositivi di Protezione Individuale DPI Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini DEFINIZIONE di DPI Per DPI si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore

Dettagli