CNIPA - Gruppo di lavoro sui benchmark per i server

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CNIPA - Gruppo di lavoro sui benchmark per i server"

Transcript

1 CNIPA - Gruppo di lavoro sui benchmark per i server Premessa Validità temporale delle indicazioni fornite. Il settore dei sistemi Server è, come è noto, in rapida e costante evoluzione tecnologica. Pertanto le indicazioni fornite dal presente documento, che, naturalmente, si riferiscono all attuale contesto tecnologico-applicativo, si devono considerare soggette ad una attività di periodico aggiornamento. 1 - Obiettivi del sottogruppo Nel discutere i benchmark da adottare nel caso di sistemi server, accogliendo alcune osservazioni contenute nel documento elaborato da AITech-Assinform, il gruppo di lavoro ha senz altro riconosciuto la maggiore articolazione e complessità di questo scenario rispetto a quello dei sistemi PC desktop e mobili. In particolare ci si è trovati d accordo sull opportunità, nel caso dei server, di affiancare a specifiche di gara relative ad aspetti prestazionali, e quindi riconducibili ai benchmark, anche specifiche riguardanti aspetti qualitativi, non prestazionali, ma almeno altrettanto importanti, quali: disponibilità, affidabilità, scalabilità, configurabilità, ridondanza, aspetti ergonomici e di risparmio energetico Il presente documento raccoglie le conclusioni del gruppo di lavoro e formula una proposta sulle linee d azione da adottare nella specifica dei requisiti per l acquisizione di sistemi server. 2 - Classificazione dei server Data l ampiezza e la varietà dei contesti applicativi, è comunque utile, se non necessario, procedere ad una classificazione delle tipologie di server. Ciò consentirà di specializzare e precisare per ciascuna tipologia le specifiche di qualità che si intende definire. Vengono a tale scopo individuati tre diversi criteri (o dimensioni) di classificazione: Costo/valore del sistema Piattaforma software Criterio di utilizzo 1/8

2 Per quanto riguarda la prima dimensione, si decide di assumere come riferimento operativo la classificazione adottata da Gartner Group, la quale considera il costo complessivo hw/sw del sistema ed individua tre classi: A. Costo/valore del sistema Volume/entry: costo fino a 10 K$ Midrange: costo da 10 K$ a 50 K$ Enterprise: costo oltre 50 K$ Per quanto riguarda la seconda dimensione, cioè la piattaforma software, l attuale situazione di mercato permette di individuare quattro classi: B. Piattaforma software Windows Unix proprietario Open source (Unix e Linux) Altre piattaforme proprietarie Per quanto infine riguarda la terza dimensione, cioè il criterio d uso, non appare percorribile la strada di una classificazione basata sul contesto applicativo, che porterebbe ad una eccessiva parcellizzazione. Appare invece ragionevole una schematizzazione che distingua le seguenti classi: C. Criterio di utilizzo Front-end: server inseriti in una architettura a più livelli in cui svolgono la funzione specializzata di gestione dell interazione con gli utenti Back-end: server inseriti in una architettura a più livelli in cui svolgono la funzione specializzata di application server o di database server General purpose/remote-end: server inseriti in architetture ad un solo livello e che non svolgono pertanto funzioni specializzate Considerando le tre dimensioni ortogonali sulle quali si articola la classificazione complessiva, occorre dire che non tutte le possibili combinazioni corrispondono a situazioni reali di effettivo interesse. Ci si propone pertanto di considerare la precisazione e la specializzazione delle specifiche che si verranno ricavando per le sole combinazioni di effettivo interesse. 3 - Specifiche riguardanti gli aspetti qualitativi La natura di questi aspetti fa sì che essi non possano essere facilmente ricondotti a metriche oggettive e di effettiva e generale applicabilità, come è invece possibile fare per l aspetto meramente prestazionale tramite l uso dei benchmark, seppure con le note difficoltà. Ad esempio, per quanto riguarda l affidabilità di un sistema, non appare sensato adottare metriche complessive come lo MTBF riferendole all intero sistema, per le ovvie ed insormontabili difficoltà 2/8

3 che le relative misure e collaudi comporterebbero. Si può invece pensare di associare nella valutazione del sistema valore, ed eventualmente punteggio, a precisi aspetti elementari ai quali l affidabilità del sistema sia effettivamente riconducibile. Tali potrebbero essere nel caso dell affidabilità la ridondanza di alcune componenti o la capacità di resistere a determinate tipologie di guasto. In generale sembra che la strada da percorrere sia quella di ricondurre la valutazione di ciascun aspetto qualitativo ad una serie di caratteristiche o criteri elementari. Verificando se e in che misura determinate caratteristiche siano presenti si può infatti procedere a confrontare sistemi diversi sotto il profilo di un dato aspetto qualitativo. Sulla base di questi principi la discussione nel gruppo di interesse ha portato a definire per i diversi aspetti qualitativi i seguenti criteri elementari Affidabilità e disponibilità L affidabilità è definita come la capacità di un sistema di operare in modo continuativo ed ininterrotto per lunghi periodi di tempo. Complessivamente può essere misurata tramite lo MTBF (Mean Time Between Failures) cioè tramite il valore atteso del tempo intercorrente tra due guasti che interrompono la continuità di funzionamento del sistema. Si tratta di una misura comunemente adottata per le singole componenti (e.g. i dischi), ma che non è pensabile di utilizzare per un sistema complesso e composito qual è un server, almeno nella grande generalità dei casi. La disponibilità di un sistema si misura come la probabilità che un utente ha, durante i periodi di tempo nei quali è previsto che il sistema sia operativo, di trovare il sistema funzionante ed in grado di offrire il suo servizio ai livelli stabiliti. Questa misura è strettamente legata all affidabilità, anche se a questa non è direttamente riconducibile, in quanto a determinarla concorrono anche altri elementi, quali le scelte relative all organizzazione della manutenzione del sistema, nonché scelte architetturali riguardanti l intero sistema informatico, e quindi non il server in quanto tale. In entrambi i casi si tratta quindi di una misura che non può essere utilizzata direttamente come specifica espressa a livello del sistema server, almeno nella grande generalità dei casi. Sulla base del principio sopra esposto, la specifica va invece riportata ad un insieme di caratteristiche strutturali che incidono sull affidabilità e la disponibilità dei sistemi server. In particolare il gruppo di lavoro ha individuato le seguenti caratteristiche: caratteristiche di affidabilità (MTBF) di alcuni componenti critici; presenza di meccanismi di rilevamento e di intervento hw/sw per monitorare situazioni anomale e garantire il funzionamento in sicurezza; capacità di funzionamento in presenza di guasti di singoli componenti con soluzioni quali: ridondanza del sistema di alimentazione; ridondanza del sistema di raffreddamento; ridondanza della memoria di massa; presenza di meccanismi di protezione della memoria RAM; Manutenibilità Si tratta di caratteristiche di progettazione e realizzazione che rendono agevole l individuazione dei guasti e l effettuazione degli interventi di manutenzione. È un aspetto di grande interesse perché incide significativamente sia sui costi di gestione del sistema, sia, indirettamente, sulla stessa disponibilità del sistema. Più in particolare caratteristiche elementari alle quali manutenibilità può essere ricondotta sono le seguenti: 3/8

4 accessibilità fisica delle varie componenti del sistema e semplicità degli interventi di manutenzione e sostituzione; presenza di sistemi di autodiagnostica; possibilità di effettuare interventi di manutenzione in remoto; possibilità di effettuare interventi a macchina funzionante; periodo di tempo per il quale il fornitore garantisce la disponibilità delle compenti necessarie alla manutenzione dell apparecchiatura, eventualmente tramite sostituzioni migliorative Scalabilità La scalabilità di un sistema è definita come la sua capacità di crescere rispetto alla sua configurazione iniziale in termini di risorse complessive, e quindi in termini di volume di lavoro che esso è in condizione di gestire. Nei sistemi server la scalabilità assume forme diverse in base alle tipologie di architettura, ed in una certa misura anche in dipendenza del contesto applicativo. Distinguiamo due tipi fondamentali di scalabilità. Scalabilità orizzontale. Secondo questo schema si consegue l aumento delle risorse complessive aumentando il numero di sistemi componenti in un architettura che prevede la suddivisione ed il bilanciamento del carico tra più sistemi. In questo caso la scalabilità di un sistema server è individuabile nei seguenti aspetti. Possibilità di affiancare ulteriori sistemi al sistema o ai sistemi previsti nella sua configurazione iniziale. Efficacia dei meccanismi previsti per il bilanciamento del carico e per conseguire un effettivo aumento della capacità di elaborazione. Scalabilità verticale. Secondo questo schema si consegue l aumento delle risorse complessive tramite l aumento delle risorse di base all interno di uno stesso sistema. In questo caso la scalabilità di un sistema server è rapportabile alla sua capacità di crescere per ciascuna delle risorse fondamentali che lo compongono: Processori. Memoria centrale. Connessioni (specificando banda e throughput). Ulteriore aspetto interessante, riconducibile in qualche modo alla scalabilità verticale, è costituito dalla configurabilità intesa come capacità che un sistema ha di integrare e di integrarsi con componenti eterogenee Impatto ambientale Sotto questo nome vengono riuniti una serie di aspetti relativi ai consumi energetici e all impatto che il sistema ha sull ambiente in cui esso opera. Per molti di questi aspetti è possibile fare riferimento a metriche oggettive, ed in certi casi anche a standard internazionali. Sotto questo punto si fanno anche convergere gli aspetti di ergonomia. Tolleranza alle condizioni ambientali. Intervalli di temperatura e umidità nei quali i sistemi devono poter operare in maniera regolare e senza errori. Silenziosità. Livello massimo di rumorosità (potenza sonora) con riferimento alle norme UNI EN ISO 9296 e UNI EN ISO Consumi elettrici e dissipazione termica. Valore massimo di potenza assorbita e potenza media dissipata. 4/8

5 Ergonomia. Caratteristiche di ergonomia migliorative rispetto a quanto stabilito dalle norme. Peso e ingombro. Nell ingombro sono incluse le superfici di servizio. 4 Caratteristiche prestazionali Rispetto alla misura delle prestazioni di un desktop o di un notebook nel caso dei server non si può prescindere dal tenere in considerazione le molteplici e diverse possibilità d impiego unitamente alla variabilità anche degli ambienti operativi. A causa di ciò non è affatto facile racchiudere un server all'interno di un valore di benchmark univoco slegandolo di fatto dall'applicazione e dal contesto in cui verrà utilizzato il sistema. Infatti, se nell'universo dei PC si può considerare la possibilità di definire differenti fasce applicative con unico benchmark, nel mondo dei server un'assunzione del genere correrebbe il rischio di vanificare completamente il significato del benchmark stesso. Un server è un sistema che, come dice il suo stesso nome, deve fornire un livello di servizio più elevato possibile ai client presenti all'interno della propria infrastruttura. Questa definizione diventa ancora più determinante quando si pensi alla tipologia di applicazioni che un server può eseguire, quali, ad esempio: File Server; Printer Server; Firewall; Proxy; Gateway; Mail server; Application server; Database server; Media Server ; High Performance Computing Ciascuna di queste applicazioni\ambienti applicativi richiederebbe specifici strumenti di benchmark con precisa definizione dei valori soglia e quant'altro. Quindi l'unico parametro utilizzabile per una corretta misurazione delle prestazioni di una specifica architettura, consisterebbe nell'esecuzione di un insieme di applicativi scelti in modo da rispecchiare, nel modo migliore possibile, le reali condizioni di utilizzo. In particolare gli ambienti di virtualizzazione devono essere considerati in modo specifico. Purtroppo, questo principio non è talvolta possibile quando le stesse condizioni di utilizzo non siano note a priori, o non sia facile od economico riprodurle in modo fedele. Tali considerazioni sottolineano come possa essere di fatto problematica l indicazione di un solo strumento di misura per le prestazioni dei Server. Occorre comunque distinguere fra benchmark sintetici ed applicativi. I primi esprimono un insieme di caratteristiche prestazioni tramite valori numerici non direttamente rapportabili al carico applicativo. I secondi misurano le prestazioni con diretto riferimento a particolari contesti applicativi. 5. Benchmark 5/8

6 5.1 - Benchmark Sintetici I macrocomponenti di un sistema di calcolo sono: Processore Memoria Cache I/O Per valutare l impatto di tali elementi sulle prestazioni del server sono stati sviluppati, da organizzazioni indipendenti benchmark specifici, cui corrisponde una documentazione dettagliata ed esauriente, ed una procedura consolidata di pubblicazione dei risultati. Il più comunemente usato è SPECCPU, il quale prevede due componenti Cint e CFP, rispettivamente rappresentanti di un carico con computazioni intere e in virgola mobile. Di norma, per i server di uso comune (non dedicati cioè ad applicazioni di calcolo numerico intensivo), il riferimento è costituito da Cint2006. Nell ambito di Cint, occorre segnalare la presenza di diversi indicatori tra i quali si suggerisce di adottare come riferimento SPECint per i sistemi monoprocessore e SPECint_rate per quelli multiprocessore, dato che quest ultimo indicatore tiene conto throughput complessivo. I suddetti benchmark, vista la loro natura e specificità tecnologica si riferiscono a misure prestazionali del processore e, quindi, non sempre molto applicabili ad ambienti server complessi ovvero con un numero di processori molto elevato. Si ribadisce comunque che tali benchmark, utilizzati in modo esclusivo, non sono esaustivi della classificazione prestazionale del server stesso, perché non tengono conto dell effetto sulle prestazioni di risorse significative, ed in primo luogo dell I/O. Un vantaggio del benchmark SPECCPU è costituito dal gran numero di risultati certificati e pubblicati, e dalla procedura ben definita e relativamente semplice con cui nuovi esperimenti possono essere condotti. Con riferimento alla classificazione di cui al paragrafo 2, per quanto detto, tale benchmark si rivela principalmente idoneo per i server di tipo general purpose Benchmark Applicativi In genere i benchmark applicativi non sono prodotti da organismi indipendenti (con l eccezioni di SPEC e TPC) e richiedono per la loro esecuzione un setup che, spesso, può risultare complesso e costoso. Per la suite SPEC si potrebbero considerare: SPECWeb2005 per i sistemi il cui uso finale è quello di un webserver; SPECJBB quando si tratterà di eseguire applicazioni Java; SPECSFS per file servers; Anche per questi benchmark esistono e sono facilmente reperibili un buon numero di risultati, per sistemi di differenti fornitori. La loro applicabilità risulta tuttavia condizionata da elementi legati alla specificità del contesto di utilizzo. Considerando la tipologia delle applicazioni nel settore pubblico, sembra comunque interessante l utilizzo del benchmark SPECWeb2005, per i sistemi che nella classificazione di cui al paragrafo 2 sono definiti come front-end. 6/8

7 Altri benchmark significativi, soprattutto per i sistemi database server, sono quelli del Transaction Performance Council (TPC). Fra questi, i più utilizzati sono quelli che individuano le caratteristiche di un server in ambiente transazionale (TPC-C), oppure per ambiente DataWarehouse (TPC-H). Per i benchmark applicativi in genere, e per i TPC in particolare, esiste un problema di replicabilità e di invecchiamento del benchmark stesso (non vicine alle tecnologie informatiche di oggi), nel senso che i risultati pubblicati sono in genere relativi a configurazioni piuttosto grandi e complesse, in cui intervengono uno o più server connessi a client e (spesso) sistemi storage. La loro riproduzione, di conseguenza, richiederebbe un investimento, in termini di tempo e risorse, molto rilevante. Pertanto per un utilizzo verso configurazioni diverse da quelle per cui esistono risultati ufficiali, i valori potrebbero essere eventualmente determinati attraverso complesse operazioni di estrapolazione, partendo da valori noti e certificati (da Organismi indipendenti ufficialmente riconosciuti). Tale possibilità si può applicare per le situazioni in cui non sia possibile far riferimento a valori puntuali di questo benchmark, Tali benchmark possono, comunque, essere utilizzati per la determinazione dell ordine di grandezza delle massime prestazioni raggiungibili.. Nel caso, infine, in cui l ambiente di produzione sia a priori definibile ed individuabile, sarebbe possibile fare riferimento a test specifici. In questo caso, però, dovrebbero essere usati solo nel caso in cui il benchmark sia effettivamente indicativo della destinazione finale d uso. Un esempio in tal senso potrebbe essere quello di sistemi server destinati ad ambienti ERP con applicazioni SAP. Va comunque considerato che si tratta di un benchmark proprietario, e che la realizzazione degli esperimenti può richiedere tempi non compatibili con quelli di procedure di gara. In relazione all utilizzo dei benchmark i fornitori possono dichiarare valori non pubblicati evidenziando la modalità in cui è stata determinata l equivalenza del valore proposto rispetto a quello richiesto. 6 - Uso delle specifiche nelle procedure di gara I criteri sopra definiti per gli aspetti qualitativi possono essere alla base di raccomandazioni riguardanti l inclusione di tali specifiche nei capitolati tecnici, e le relative assegnazioni di punteggio nei bandi di gara. Di fatto, data la grande varietà dei contesti, è possibile dare solo raccomandazioni di tipo generale, e occorrerà decidere di volta in volta quale peso dare a ciascuno dei criteri sopra enumerati. In particolare occorrerà stabilire nelle singole fattispecie cosa imporre come requisito minimo, e cosa invece considerare come un aspetto di qualità al quale riservare parte del punteggio tecnico. In ogni caso si ritiene che il fatto stesso che questi aspetti siamo esplicitamente indicati nella griglia di punteggio possa costituire una significativa spinta al miglioramento della qualità delle forniture, rispetto alla situazione corrente che troppo spesso si concentra esclusivamente sugli aspetti del prezzo e delle prestazioni. Inoltre si richiama l attenzione sul fatto, come previsto dalle attuali normative nazionali e comunitarie, di non utilizzare, nei documenti di gara (lettere invito, bandi, capitolati, ecc) specifiche tecniche che fanno riferimento a marchi o prodotti, determinando una restrizione della concorrenza. Né deve spaventare il fatto che ai criteri in questione non siano associate metriche oggettive, come nel caso dei benchmark. Ciò lascia evidentemente margini di discrezionalità in sede di valutazione, ma questo è nell ordine delle cose e non costituisce un problema se i valutatori, come si deve sempre supporre, operano in maniera coscienziosa. Occorre infatti ricordare che 7/8

8 discrezione non significa arbitrio, e che anche ciò che non è misurabile può essere valutato e quantificato in termini di elementi oggettivi. Del resto la pretesa di restringere la valutazione ai soli aspetti cui siano associabili metriche precise avrebbe come diretta ed indesiderabile conseguenza l esclusione dal processo di valutazione di tutti gli aspetti qualitativi per cui, come si è visto, ciò non è possibile. Questo comporterebbe, in ultima analisi, l impoverimento del processo di valutazione e l abbassamento dei livelli di qualità delle forniture, cioè il contrario di quello che si desidera. Sta poi agli stessi fornitori di ridurre tali margini di discrezionalità evidenziando tutto ciò che sia riconducibile ai criteri di qualità nelle loro relazioni tecniche, che sono (o dovrebbero essere) preparate con un occhio alla griglia di punteggio. Questo significa sottoporre all attenzione del valutatore una serie di elementi oggettivi che non potranno essere ignorati nell assegnazione del punteggio. Va infine osservato che, relativamente alla possibilità di utilizzo dei benchmark per i server, occorre attentamente considerare gli aspetti legati all onerosità dei test che possono comportare grossi problemi sia per fornitore che per il committente. 8/8

Indicazioni sull'uso di MobileMark 2005 nella valutazione di PC notebook

Indicazioni sull'uso di MobileMark 2005 nella valutazione di PC notebook Indicazioni sull'uso di MobileMark 2005 nella valutazione di PC notebook Premessa Il benchmark MobileMark 2005, realizzato dalla BAPCo, è un pacchetto software (una raccolta di diversi programmi) atto

Dettagli

SERVER 10 - Criteri di sostenibilità

SERVER 10 - Criteri di sostenibilità SERVER 10 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa L'oggetto della fornitura riguarda le ed i servizi connessi di seguito elencati e per i seguenti quantitativi massimi: Lotto 1: n. 4.000

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE Procedura aperta per fornitura chiavi in mano di una suite applicativa gestionale Web based completamente integrata e comprensiva dei relativi servizi di assistenza e manutenzione QUESITI E RISPOSTE Quesito

Dettagli

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con Il Cloud Computing In collaborazione con Cos è Net@VirtualCloud L Offerta Net@VirtualCloud di Netcube Italia, basata su Server Farm certificate* e con sede in Italia, è capace di ospitare tutte le applicazioni

Dettagli

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA UNA GUIDA ALL ACQUISTO PER OTTENERE IL MASSIME PRESTAZIONE E AFFIDABILITÀ CON IL CAD/CAM SOMMARIO Considerazioni sulle prestazioni... 2 1. CPU... 3 2. GPU... 3 3. RAM...

Dettagli

Quadri elettrici e norme di riferimento

Quadri elettrici e norme di riferimento Quadri elettrici e norme di riferimento Nella realizzazione di un impianto di sicurezza, un attenzione particolare va posta al quadro elettrico, al quale fa capo l alimentazione dell impianto stesso. Innanzitutto,

Dettagli

HighWay/eXtraWay Project - Schema sintetico delle configurazioni hardware Manuale di riferimento. Generato da Doxygen 1.5.1-p1

HighWay/eXtraWay Project - Schema sintetico delle configurazioni hardware Manuale di riferimento. Generato da Doxygen 1.5.1-p1 HighWay/eXtraWay Project - Schema sintetico delle configurazioni hardware Manuale di riferimento Generato da Doxygen 1.5.1-p1 Fri Jan 4 11:10:14 2008 Indice Capitolo 1 Schema sintetico delle possibili

Dettagli

Gara per la fornitura di Personal Computer portatili a ridotto impatto ambientale e dei servizi connessi per le Pubbliche Amministrazioni ID 1536

Gara per la fornitura di Personal Computer portatili a ridotto impatto ambientale e dei servizi connessi per le Pubbliche Amministrazioni ID 1536 Gara per la fornitura di Personal Computer portatili a ridotto impatto ambientale e dei servizi connessi per le Pubbliche Amministrazioni ID 1536 I chiarimenti della gara sono visibili anche sul sito www.mef.gov.it

Dettagli

SERVER 8 - Criteri di sostenibilità. La Convenzione, suddivisa in 3 Lotti, ha per oggetto la fornitura delle seguenti tipologie di Server:

SERVER 8 - Criteri di sostenibilità. La Convenzione, suddivisa in 3 Lotti, ha per oggetto la fornitura delle seguenti tipologie di Server: SERVER 8 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa La Convenzione, suddivisa in 3 Lotti, ha per oggetto la fornitura delle seguenti tipologie di Server: Lotto 1 Server Entry da rack 19'' Lotto

Dettagli

D 3) 9.4.1 - PUNTEGGIO TECNICO DELL APPALTO SPECIFICO

D 3) 9.4.1 - PUNTEGGIO TECNICO DELL APPALTO SPECIFICO Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici, ai sensi dell art. 2, comma 225, L. n. 191/2009, sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici per la fornitura di Server Blade, delle relative

Dettagli

Cluster per architetture a componenti

Cluster per architetture a componenti Luca Cabibbo Architetture Software Cluster per architetture a componenti Dispensa ASW 442 ottobre 2014 Un buon progetto produce benefici in più aree. Trudy Benjamin 1 -Fonti [IBM] Clustering Solutions

Dettagli

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire:

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire: VIRTUAL FARM La server consolidation è un processo che rappresenta ormai il trend principale nel design e re-styling di un sistema ICT. L ottimizzazione delle risorse macchina, degli spazi, il risparmio

Dettagli

CHIARIMENTI al 27/1/2011

CHIARIMENTI al 27/1/2011 CHIARIMENTI al 27/1/2011 1 QUESITO La certificazione ISO 20000 deve essere rilasciata da organismo accreditato o sono accettate le certificazioni da organismi non accreditati? RISPOSTA 1 No, non è necessario

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Ref.: MPS352A Murata Power Solutions www.murata-ps.com Articolo Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Paul Knauber, Field Applications Engineer, Murata Power Solutions

Dettagli

Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile?

Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile? Rimini, 1/2015 Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile? Le configurazioni con Server e desktop remoto (remote app), che possa gestire i vostri

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Network Monitoring. Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale

Network Monitoring. Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale Network Monitoring & Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale Nicholas Pocher Poker SpA - Settimo Torinese, Novembre 2013 1 Indice Il Network Monitoring:

Dettagli

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE CAPITOLATO TECNICO DI GARA CIG 5302223CD3 SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

VMware. Gestione dello shutdown con UPS MetaSystem

VMware. Gestione dello shutdown con UPS MetaSystem VMware Gestione dello shutdown con UPS MetaSystem La struttura informatica di una azienda Se ad esempio consideriamo la struttura di una rete aziendale, i servizi offerti agli utenti possono essere numerosi:

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

Corso di Architettura degli Elaboratori

Corso di Architettura degli Elaboratori Corso di Architettura degli Elaboratori Valutazione delle prestazioni DOCENTE Luigi Palopoli AA. 2011/2012 Valutare le Prestazioni La complessita di un moderno calcolatore rende la valutazione delle prestazioni

Dettagli

Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server

Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Pagina 1 di 5 Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Spesso il server non è in grado di gestire tutto il carico di cui è gravato. Inoltre, una

Dettagli

Veloce, economico e sicuro: rendete più agile il vostro lavoro, diminuite il TCO e migliorate la vostra sicurezza grazie alla soluzione di job

Veloce, economico e sicuro: rendete più agile il vostro lavoro, diminuite il TCO e migliorate la vostra sicurezza grazie alla soluzione di job Veloce, economico e sicuro: rendete più agile il vostro lavoro, diminuite il TCO e migliorate la vostra sicurezza grazie alla soluzione di job scheduling senza agente White paper preparato per BMC Software

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag. 1 di 10 ALLEGATO 2 - OFFERTA TECNICA La busta B - Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i per l affidamento dei servizi per

Dettagli

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi. Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.it @Pec: info.afnet@pec.it Web: http://www.afnetsistemi.it E-Commerce:

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

RISPOSTE ALLE FAQ. Quesito n 1:

RISPOSTE ALLE FAQ. Quesito n 1: RISPOSTE ALLE FAQ Procedura aperta per la per la fornitura di beni e servizi hardware e software per la realizzazione del sistema di protocollo elettronico e del sistema di gestione documentale informatizzata

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Benchmarking. Modulo del Corso di Architettura degli Elaboratori. Nicola Paoletti. Università di Camerino Scuola di Scienze e Tecnologie

Benchmarking. Modulo del Corso di Architettura degli Elaboratori. Nicola Paoletti. Università di Camerino Scuola di Scienze e Tecnologie Modulo del Corso di Architettura degli Elaboratori Nicola Paoletti Università di Camerino Scuola di Scienze e Tecnologie 10 Maggio 2011 AA 2010/2011 Riepilogo 1 Riepilogo 1 In informatica, il benchmarking

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE CENTRALE APPROVVIGIONAMENTI E PROVVEDITORATO Ufficio II Gare e Contratti CHIARIMENTI GARA A PROCEDURA

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

PC DESKTOP 13 - Criteri di sostenibilità

PC DESKTOP 13 - Criteri di sostenibilità C DESKTO 13 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Fornitura in acquisto di C Desktop Compatti e C Desktop Fascia alta, delle componenti opzionali e dei servizi connessi. Tra i dispositivi

Dettagli

Linux hands-on & hands-off Workshop

Linux hands-on & hands-off Workshop Linux hands-on & hands-off Workshop I workshop Linux hands-on & hands-off sono sessioni di una giornata che distinguono per il taglio volutamente operativo, pensati per mostrare le basi relative al setup

Dettagli

26 488/1999 58 388/2000 I

26 488/1999 58 388/2000 I Gara telematica per la fornitura di server (entry e midrange) e dei servizi connessi ed opzionali per le pubbliche amministrazioni ai sensi dell art. 26 legge n. 488/1999 s.m.i. e dell art. 58 legge n.

Dettagli

Outsourcing: un nuovo servizio

Outsourcing: un nuovo servizio Outsourcing: un nuovo servizio Ottobre 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

SICUREZZA INFORMATICA PER L UNIONE DI COMUNI LOMBARDA ASTA DEL SERIO

SICUREZZA INFORMATICA PER L UNIONE DI COMUNI LOMBARDA ASTA DEL SERIO SICUREZZA INFORMATICA PER L UNIONE DI COMUNI LOMBARDA ASTA DEL SERIO Comuni di Ardesio, Oltressenda Alta, Piario e Villa d Ogna UNIONE DI COMUNI LOMBARDA ASTA DEL SERIO, P.ZZA M.GRAPPA, ARDESIO (BG) Tel.

Dettagli

La norma ISO27001 non prevede esplicitamente la redazione di un PIANO della SICUREZZA. Sono richiesti dalla norma i seguenti documenti:

La norma ISO27001 non prevede esplicitamente la redazione di un PIANO della SICUREZZA. Sono richiesti dalla norma i seguenti documenti: QUESITO 1: In relazione alla gara in oggetto si sottopone il seguente quesito: Rif. Disciplinare, Pag 14: punto 9 Piano per la sicurezza delle informazioni redatto in conformità alla norma UNI EN ISO27001:2005,

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE. Quesito n. 1 Per partecipare alla gara è necessario il possesso della certificazione ISO 20000:2005?

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE. Quesito n. 1 Per partecipare alla gara è necessario il possesso della certificazione ISO 20000:2005? Procedura aperta per fornitura chiavi in mano di una suite applicativa gestionale Web based completamente integrata e comprensiva dei relativi servizi di assistenza e manutenzione QUESITI E RISPOSTE Quesito

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

FileMaker Pro 13. Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13

FileMaker Pro 13. Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13 FileMaker Pro 13 Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054

Dettagli

Gartner Group definisce il Cloud

Gartner Group definisce il Cloud Cloud Computing Gartner Group definisce il Cloud o Cloud Computing is a style of computing in which elastic and scalable information technology - enabled capabilities are delivered as a Service. Gartner

Dettagli

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1)

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Pagina 1 di 10 Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Nel corso della lezione precedente abbiamo analizzato le caratteristiche dell'architettura CGI.

Dettagli

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM.

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. La sfida Certificare il corretto montaggio dell impianto elettrico, escludendo la presenza di cortocircuiti

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

REALIZZAZIONE SALA CED

REALIZZAZIONE SALA CED REALIZZAZIONE SALA CED CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Realizzazione sala CED 2 Specifiche minime dell intervento 1. REALIZZAZIONE SALA CED L obiettivo dell appalto è realizzare una Server Farm di ultima

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

CASE STUDY N#1. Deploy e automazione di un applicazione scalabile con il supporto di SaltStack per Corley

CASE STUDY N#1. Deploy e automazione di un applicazione scalabile con il supporto di SaltStack per Corley CASE STUDY N#1 Deploy e automazione di un applicazione scalabile con il supporto di SaltStack per Corley Enter srl - ISO 9001/27001 Quality System Certification - All rights reserved - www.entercloudsuite.it

Dettagli

Matteo Locati 25 novembre 2015 LA NORMA ISO 50001: CONTENUTI E OPPORTUNITA

Matteo Locati 25 novembre 2015 LA NORMA ISO 50001: CONTENUTI E OPPORTUNITA Matteo Locati 25 novembre 2015 LA NORMA ISO 50001: CONTENUTI E OPPORTUNITA TEMATICHE PRESENTATE AGGIORNAMENTI SU DLGS 102/2014 E GLI OBBLIGHI PER LE AZIENDE I CONTENUTI ED I REQUISITI DELLA NORMA ISO 50001:11

Dettagli

la Soluzione di Cloud Computing di

la Soluzione di Cloud Computing di la Soluzione di Cloud Computing di Cos è Ospit@ Virtuale Virtuale L Offerta di Hosting di Impresa Semplice, capace di ospitare tutte le applicazioni di proprietà dei clienti in grado di adattarsi nel tempo

Dettagli

/ Hospitality / Grandi schermi Soluzioni per l ufficio

/ Hospitality / Grandi schermi Soluzioni per l ufficio / Hospitality / Grandi schermi Soluzioni per l ufficio Riduzione del consumo elettrico Rispetto ai circa 100 W di un comune pc, il consumo di un Network Monitor può variare mediamente da 1 a 5 W. Questo

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

Frequently Asked Questions (FAQ) e Chiarimenti

Frequently Asked Questions (FAQ) e Chiarimenti GARA EUROPEA PROCEDURA RISTRETTA ACCELERATA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO DI ANALISI INVESTIGATIVE PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE ATTIVITÀ ILLEGALI IN AMBITO PORTUALE Frequently Asked

Dettagli

Procedura aperta per l'affidamento triennale del servizio di gestione e manutenzione del sistema informatico dell'irccs/crob CIG.

Procedura aperta per l'affidamento triennale del servizio di gestione e manutenzione del sistema informatico dell'irccs/crob CIG. QUESITO N.1 Procedura aperta per l'affidamento triennale del servizio di gestione e manutenzione del sistema informatico dell'irccs/crob CIG.: 620254560D A) Atteso che il capitolato Tecnico Allegati 1

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Team LINUX. Linux in italiano per il gestionale

Team LINUX. Linux in italiano per il gestionale Team LINUX Linux in italiano per il gestionale ARCHITETTURE DI RETE AMBIENTE TEAMLINUX ThinClient ASCII Terminale Unix (3 Sessioni) Supporto stampante locale PC Windows Remoto - Terminale Windows (RDP)

Dettagli

Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto:

Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto: Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto: FORNITURA DI LICENZE SOFTWARE, DI SERVER E DEI RELATIVI SERVIZI DI ASSISTENZA IN GARANZIA PER IL SISTEMA INFORMATIVO INPDAP Chiarimenti pagina 1 di

Dettagli

Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc. FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013

Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc. FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013 Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013 Domanda n. 1 In riferimento al bando di gara Lotto 2 - Fornitura e posa in opera di switch di campus, datacenter e

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Le caratteristiche tecniche del software La Tecnologia utilizzata EASY è una applicazione Open Source basata sul

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMA INFORMATIVO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMA INFORMATIVO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE Elementi distintivi QUALITÀ, EFFICIENZA, FLESSIBILITÀ, INNOVATIVITÀ sono gli elementi distintivi dei sistemi informativi-gestionali KeQualità sviluppati

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

COMUNE DI GALLIPOLI Area delle Politiche territoriali ed Infrastrutturali

COMUNE DI GALLIPOLI Area delle Politiche territoriali ed Infrastrutturali APPALTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE BANDO DEL 16/05/2013 QUESITO N. 19 inviato alla casella di posta elettronica indicata sul bando in data 11/07/2013. " si richiede il seguente

Dettagli

Progetto Virtualizzazione

Progetto Virtualizzazione Progetto Virtualizzazione Dipartimento e Facoltà di Scienze Statistiche Orazio Battaglia 25/11/2011 Dipartimento di Scienze Statiche «Paolo Fortunati», Università di Bologna, via Belle Arti 41 1 La nascita

Dettagli

Sme.UP Web Application

Sme.UP Web Application Sme.UP Web Application Web Application Web.UP Una interfaccia web per i vostri dati gestionali Il modulo applicativo Web.UP fornisce al progettista di siti Internet una serie di potenti strumenti per l'integrazione

Dettagli

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa di dati variabili

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa di dati variabili Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server Stampa di dati variabili 2008 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente

Dettagli

Gara a procedura aperta Atto GE 8806 del 22.10.2010 CIG 0557010b2e CUP I17g10000000005

Gara a procedura aperta Atto GE 8806 del 22.10.2010 CIG 0557010b2e CUP I17g10000000005 Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Gara a procedura aperta Atto GE 8806 del 22.10.2010 CIG 0557010b2e CUP I17g10000000005 Denominazione conferita all'appalto: manutenzione sistema informativo Quesito

Dettagli

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB.

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. SISTEMI E RETI Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. CRITTOGRAFIA La crittografia è una tecnica che si occupa della scrittura segreta in codice o cifrata

Dettagli

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI LA CONTINUITÀ OPERATIVA È UN DOVERE La Pubblica Amministrazione è tenuta ad assicurare la continuità dei propri servizi per garantire il corretto svolgimento

Dettagli

applicazioni aziendali più eseguire e controllare fondamentali per il business grazie a sofisticate funzioni di auto-gestione

applicazioni aziendali più eseguire e controllare fondamentali per il business grazie a sofisticate funzioni di auto-gestione Semplicità e flessibilità con il primo server con tecnologia IBM i5 520 Le piccole e medie imprese desiderano concentrarsi sul proprio business e non sull infrastruttura IT. IBM _` i5 520 offre non solo

Dettagli

Manuale della qualità. Procedure. Istruzioni operative

Manuale della qualità. Procedure. Istruzioni operative Unione Industriale 19 di 94 4.2 SISTEMA QUALITÀ 4.2.1 Generalità Un Sistema qualità è costituito dalla struttura organizzata, dalle responsabilità definite, dalle procedure, dai procedimenti di lavoro

Dettagli

ALLEGATO 4 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 4 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 4 MODELLO DI OFFERTA TECNICA (IN BUSTA B ) 1 PREMESSA L offerta tecnica presentata dal Concorrente deve essere costituita da un documento redatto, pena l esclusione, seguendo le seguenti indicazioni:

Dettagli

Progetto M.A.Y.H.E.M.

Progetto M.A.Y.H.E.M. Progetto M.A.Y.H.E.M. In informatica un computer cluster, o più semplicemente un cluster (dall'inglese 'grappolo'), è un insieme di computer connessi tra loro tramite una rete telematica. Lo scopo di un

Dettagli

Fabrica Hosting 2009. By Bentec

Fabrica Hosting 2009. By Bentec 2009 By Bentec Richiesta di offerta Si richiede un offerta economica finalizzata ad un servizio di hosting infrastrutturale e di supporto applicativo relativamente alle attività di Fabrica Dipartimento

Dettagli

CHIARIMENTI AL 12 SETT. 2007

CHIARIMENTI AL 12 SETT. 2007 CHIARIMENTI AL 12 SETT. 2007 > Alle ditte interessate Oggetto: comunicazione relativa alla gara d appalto con procedura aperta per l affidamento del servizio ad oggetto la realizzazione del primo stralcio

Dettagli

vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente.

vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente. vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente. vshape Spiana la strada verso la virtualizzazione e il cloud Trovo sempre affascinante vedere come riusciamo a raggiungere ogni angolo del globo in

Dettagli

«management e consulenza indipendente sulla tecnologia della comunicazione e dell informazione»

«management e consulenza indipendente sulla tecnologia della comunicazione e dell informazione» «management e consulenza indipendente sulla tecnologia della comunicazione e dell informazione» pensiero scientifico metrica riservatezza tecnologia per la STARTUP competitiva indipendenza da fornitori

Dettagli

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw.

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw. Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ 2 3 Il Cloud Computing si definisce consuetamente secondo due distinte accezioni: 1. un di carattere tecnologico 2. l altra

Dettagli

CIG: 0389472A73. Disciplinare di gara

CIG: 0389472A73. Disciplinare di gara DIPARTIMENTO I - TERRITORIO E PROGRAMMAZIONE DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PROGRAMMAZIONE Procedura aperta per l affidamento della fornitura di un sistema di supervisione del traffico e di una piattaforma

Dettagli

SERVER 7 - Criteri di sostenibilità. La Convenzione, suddivisa in 3 Lotti, ha per oggetto la fornitura delle seguenti tipologie di Server:

SERVER 7 - Criteri di sostenibilità. La Convenzione, suddivisa in 3 Lotti, ha per oggetto la fornitura delle seguenti tipologie di Server: SERVER 7 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa La Convenzione, suddivisa in 3 Lotti, ha per oggetto la fornitura delle seguenti tipologie di Server: Lotto 1 Server Entry da rack 19'' Lotto

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. Indirizzo Generale

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. Indirizzo Generale SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica Indirizzo Generale ISTITUTI TECNICI - Settore: Industria e artigianato.- Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. ISTITUTI

Dettagli

SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS)

SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS) SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS) Dovendo procedere alla realizzazione di un progetto di rete locale risulta indispensabile partire dall analisi della situazione

Dettagli

Procedura negoziata previa gara ufficiosa per la fornitura di

Procedura negoziata previa gara ufficiosa per la fornitura di Procedura negoziata previa gara ufficiosa per la fornitura di Attrezzatura hardware e materiale di consumo informatico occorrente a Scuole Civiche di Milano fdp QUESITO N. 1 del 2/8/2012 GARA 13/2012 CIG

Dettagli

Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato

Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato Dare vita ad un network intelligente di impianti distribuiti sul territorio, migliorando la sostenibilità e massimizzando la competitività globale. Laura Graci e Domenico

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web

Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web 1 INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 3 2. SLA RELATIVO ALLA INFRASTRUTTURA PRIMARIA 3 2.1. Dati di targa... 3 2.2. Banda virtuale

Dettagli

Timbri e firme per responsabilità di legge

Timbri e firme per responsabilità di legge Elaborato Livello Tipo ST - Specifiche Tecniche ETQ-00045564 A Sistema / Edificio / Argomento CAR - Caratterizzazione radiologica Data 17/07/2015 Centrale / Impianto: CS - CASACCIA Titolo Elaborato: Sogin

Dettagli

Consiglio Superiore della Magistratura

Consiglio Superiore della Magistratura Consiglio Superiore della Magistratura BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GLOBAL SERVICE FLEET MANAGEMENT PER LA GESTIONE GLOBALE DEI SERVIZI DI PRODUZIONE, RIPRODUZIONE

Dettagli