CNIPA - Gruppo di lavoro sui benchmark per i server

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CNIPA - Gruppo di lavoro sui benchmark per i server"

Transcript

1 CNIPA - Gruppo di lavoro sui benchmark per i server Premessa Validità temporale delle indicazioni fornite. Il settore dei sistemi Server è, come è noto, in rapida e costante evoluzione tecnologica. Pertanto le indicazioni fornite dal presente documento, che, naturalmente, si riferiscono all attuale contesto tecnologico-applicativo, si devono considerare soggette ad una attività di periodico aggiornamento. 1 - Obiettivi del sottogruppo Nel discutere i benchmark da adottare nel caso di sistemi server, accogliendo alcune osservazioni contenute nel documento elaborato da AITech-Assinform, il gruppo di lavoro ha senz altro riconosciuto la maggiore articolazione e complessità di questo scenario rispetto a quello dei sistemi PC desktop e mobili. In particolare ci si è trovati d accordo sull opportunità, nel caso dei server, di affiancare a specifiche di gara relative ad aspetti prestazionali, e quindi riconducibili ai benchmark, anche specifiche riguardanti aspetti qualitativi, non prestazionali, ma almeno altrettanto importanti, quali: disponibilità, affidabilità, scalabilità, configurabilità, ridondanza, aspetti ergonomici e di risparmio energetico Il presente documento raccoglie le conclusioni del gruppo di lavoro e formula una proposta sulle linee d azione da adottare nella specifica dei requisiti per l acquisizione di sistemi server. 2 - Classificazione dei server Data l ampiezza e la varietà dei contesti applicativi, è comunque utile, se non necessario, procedere ad una classificazione delle tipologie di server. Ciò consentirà di specializzare e precisare per ciascuna tipologia le specifiche di qualità che si intende definire. Vengono a tale scopo individuati tre diversi criteri (o dimensioni) di classificazione: Costo/valore del sistema Piattaforma software Criterio di utilizzo 1/8

2 Per quanto riguarda la prima dimensione, si decide di assumere come riferimento operativo la classificazione adottata da Gartner Group, la quale considera il costo complessivo hw/sw del sistema ed individua tre classi: A. Costo/valore del sistema Volume/entry: costo fino a 10 K$ Midrange: costo da 10 K$ a 50 K$ Enterprise: costo oltre 50 K$ Per quanto riguarda la seconda dimensione, cioè la piattaforma software, l attuale situazione di mercato permette di individuare quattro classi: B. Piattaforma software Windows Unix proprietario Open source (Unix e Linux) Altre piattaforme proprietarie Per quanto infine riguarda la terza dimensione, cioè il criterio d uso, non appare percorribile la strada di una classificazione basata sul contesto applicativo, che porterebbe ad una eccessiva parcellizzazione. Appare invece ragionevole una schematizzazione che distingua le seguenti classi: C. Criterio di utilizzo Front-end: server inseriti in una architettura a più livelli in cui svolgono la funzione specializzata di gestione dell interazione con gli utenti Back-end: server inseriti in una architettura a più livelli in cui svolgono la funzione specializzata di application server o di database server General purpose/remote-end: server inseriti in architetture ad un solo livello e che non svolgono pertanto funzioni specializzate Considerando le tre dimensioni ortogonali sulle quali si articola la classificazione complessiva, occorre dire che non tutte le possibili combinazioni corrispondono a situazioni reali di effettivo interesse. Ci si propone pertanto di considerare la precisazione e la specializzazione delle specifiche che si verranno ricavando per le sole combinazioni di effettivo interesse. 3 - Specifiche riguardanti gli aspetti qualitativi La natura di questi aspetti fa sì che essi non possano essere facilmente ricondotti a metriche oggettive e di effettiva e generale applicabilità, come è invece possibile fare per l aspetto meramente prestazionale tramite l uso dei benchmark, seppure con le note difficoltà. Ad esempio, per quanto riguarda l affidabilità di un sistema, non appare sensato adottare metriche complessive come lo MTBF riferendole all intero sistema, per le ovvie ed insormontabili difficoltà 2/8

3 che le relative misure e collaudi comporterebbero. Si può invece pensare di associare nella valutazione del sistema valore, ed eventualmente punteggio, a precisi aspetti elementari ai quali l affidabilità del sistema sia effettivamente riconducibile. Tali potrebbero essere nel caso dell affidabilità la ridondanza di alcune componenti o la capacità di resistere a determinate tipologie di guasto. In generale sembra che la strada da percorrere sia quella di ricondurre la valutazione di ciascun aspetto qualitativo ad una serie di caratteristiche o criteri elementari. Verificando se e in che misura determinate caratteristiche siano presenti si può infatti procedere a confrontare sistemi diversi sotto il profilo di un dato aspetto qualitativo. Sulla base di questi principi la discussione nel gruppo di interesse ha portato a definire per i diversi aspetti qualitativi i seguenti criteri elementari Affidabilità e disponibilità L affidabilità è definita come la capacità di un sistema di operare in modo continuativo ed ininterrotto per lunghi periodi di tempo. Complessivamente può essere misurata tramite lo MTBF (Mean Time Between Failures) cioè tramite il valore atteso del tempo intercorrente tra due guasti che interrompono la continuità di funzionamento del sistema. Si tratta di una misura comunemente adottata per le singole componenti (e.g. i dischi), ma che non è pensabile di utilizzare per un sistema complesso e composito qual è un server, almeno nella grande generalità dei casi. La disponibilità di un sistema si misura come la probabilità che un utente ha, durante i periodi di tempo nei quali è previsto che il sistema sia operativo, di trovare il sistema funzionante ed in grado di offrire il suo servizio ai livelli stabiliti. Questa misura è strettamente legata all affidabilità, anche se a questa non è direttamente riconducibile, in quanto a determinarla concorrono anche altri elementi, quali le scelte relative all organizzazione della manutenzione del sistema, nonché scelte architetturali riguardanti l intero sistema informatico, e quindi non il server in quanto tale. In entrambi i casi si tratta quindi di una misura che non può essere utilizzata direttamente come specifica espressa a livello del sistema server, almeno nella grande generalità dei casi. Sulla base del principio sopra esposto, la specifica va invece riportata ad un insieme di caratteristiche strutturali che incidono sull affidabilità e la disponibilità dei sistemi server. In particolare il gruppo di lavoro ha individuato le seguenti caratteristiche: caratteristiche di affidabilità (MTBF) di alcuni componenti critici; presenza di meccanismi di rilevamento e di intervento hw/sw per monitorare situazioni anomale e garantire il funzionamento in sicurezza; capacità di funzionamento in presenza di guasti di singoli componenti con soluzioni quali: ridondanza del sistema di alimentazione; ridondanza del sistema di raffreddamento; ridondanza della memoria di massa; presenza di meccanismi di protezione della memoria RAM; Manutenibilità Si tratta di caratteristiche di progettazione e realizzazione che rendono agevole l individuazione dei guasti e l effettuazione degli interventi di manutenzione. È un aspetto di grande interesse perché incide significativamente sia sui costi di gestione del sistema, sia, indirettamente, sulla stessa disponibilità del sistema. Più in particolare caratteristiche elementari alle quali manutenibilità può essere ricondotta sono le seguenti: 3/8

4 accessibilità fisica delle varie componenti del sistema e semplicità degli interventi di manutenzione e sostituzione; presenza di sistemi di autodiagnostica; possibilità di effettuare interventi di manutenzione in remoto; possibilità di effettuare interventi a macchina funzionante; periodo di tempo per il quale il fornitore garantisce la disponibilità delle compenti necessarie alla manutenzione dell apparecchiatura, eventualmente tramite sostituzioni migliorative Scalabilità La scalabilità di un sistema è definita come la sua capacità di crescere rispetto alla sua configurazione iniziale in termini di risorse complessive, e quindi in termini di volume di lavoro che esso è in condizione di gestire. Nei sistemi server la scalabilità assume forme diverse in base alle tipologie di architettura, ed in una certa misura anche in dipendenza del contesto applicativo. Distinguiamo due tipi fondamentali di scalabilità. Scalabilità orizzontale. Secondo questo schema si consegue l aumento delle risorse complessive aumentando il numero di sistemi componenti in un architettura che prevede la suddivisione ed il bilanciamento del carico tra più sistemi. In questo caso la scalabilità di un sistema server è individuabile nei seguenti aspetti. Possibilità di affiancare ulteriori sistemi al sistema o ai sistemi previsti nella sua configurazione iniziale. Efficacia dei meccanismi previsti per il bilanciamento del carico e per conseguire un effettivo aumento della capacità di elaborazione. Scalabilità verticale. Secondo questo schema si consegue l aumento delle risorse complessive tramite l aumento delle risorse di base all interno di uno stesso sistema. In questo caso la scalabilità di un sistema server è rapportabile alla sua capacità di crescere per ciascuna delle risorse fondamentali che lo compongono: Processori. Memoria centrale. Connessioni (specificando banda e throughput). Ulteriore aspetto interessante, riconducibile in qualche modo alla scalabilità verticale, è costituito dalla configurabilità intesa come capacità che un sistema ha di integrare e di integrarsi con componenti eterogenee Impatto ambientale Sotto questo nome vengono riuniti una serie di aspetti relativi ai consumi energetici e all impatto che il sistema ha sull ambiente in cui esso opera. Per molti di questi aspetti è possibile fare riferimento a metriche oggettive, ed in certi casi anche a standard internazionali. Sotto questo punto si fanno anche convergere gli aspetti di ergonomia. Tolleranza alle condizioni ambientali. Intervalli di temperatura e umidità nei quali i sistemi devono poter operare in maniera regolare e senza errori. Silenziosità. Livello massimo di rumorosità (potenza sonora) con riferimento alle norme UNI EN ISO 9296 e UNI EN ISO Consumi elettrici e dissipazione termica. Valore massimo di potenza assorbita e potenza media dissipata. 4/8

5 Ergonomia. Caratteristiche di ergonomia migliorative rispetto a quanto stabilito dalle norme. Peso e ingombro. Nell ingombro sono incluse le superfici di servizio. 4 Caratteristiche prestazionali Rispetto alla misura delle prestazioni di un desktop o di un notebook nel caso dei server non si può prescindere dal tenere in considerazione le molteplici e diverse possibilità d impiego unitamente alla variabilità anche degli ambienti operativi. A causa di ciò non è affatto facile racchiudere un server all'interno di un valore di benchmark univoco slegandolo di fatto dall'applicazione e dal contesto in cui verrà utilizzato il sistema. Infatti, se nell'universo dei PC si può considerare la possibilità di definire differenti fasce applicative con unico benchmark, nel mondo dei server un'assunzione del genere correrebbe il rischio di vanificare completamente il significato del benchmark stesso. Un server è un sistema che, come dice il suo stesso nome, deve fornire un livello di servizio più elevato possibile ai client presenti all'interno della propria infrastruttura. Questa definizione diventa ancora più determinante quando si pensi alla tipologia di applicazioni che un server può eseguire, quali, ad esempio: File Server; Printer Server; Firewall; Proxy; Gateway; Mail server; Application server; Database server; Media Server ; High Performance Computing Ciascuna di queste applicazioni\ambienti applicativi richiederebbe specifici strumenti di benchmark con precisa definizione dei valori soglia e quant'altro. Quindi l'unico parametro utilizzabile per una corretta misurazione delle prestazioni di una specifica architettura, consisterebbe nell'esecuzione di un insieme di applicativi scelti in modo da rispecchiare, nel modo migliore possibile, le reali condizioni di utilizzo. In particolare gli ambienti di virtualizzazione devono essere considerati in modo specifico. Purtroppo, questo principio non è talvolta possibile quando le stesse condizioni di utilizzo non siano note a priori, o non sia facile od economico riprodurle in modo fedele. Tali considerazioni sottolineano come possa essere di fatto problematica l indicazione di un solo strumento di misura per le prestazioni dei Server. Occorre comunque distinguere fra benchmark sintetici ed applicativi. I primi esprimono un insieme di caratteristiche prestazioni tramite valori numerici non direttamente rapportabili al carico applicativo. I secondi misurano le prestazioni con diretto riferimento a particolari contesti applicativi. 5. Benchmark 5/8

6 5.1 - Benchmark Sintetici I macrocomponenti di un sistema di calcolo sono: Processore Memoria Cache I/O Per valutare l impatto di tali elementi sulle prestazioni del server sono stati sviluppati, da organizzazioni indipendenti benchmark specifici, cui corrisponde una documentazione dettagliata ed esauriente, ed una procedura consolidata di pubblicazione dei risultati. Il più comunemente usato è SPECCPU, il quale prevede due componenti Cint e CFP, rispettivamente rappresentanti di un carico con computazioni intere e in virgola mobile. Di norma, per i server di uso comune (non dedicati cioè ad applicazioni di calcolo numerico intensivo), il riferimento è costituito da Cint2006. Nell ambito di Cint, occorre segnalare la presenza di diversi indicatori tra i quali si suggerisce di adottare come riferimento SPECint per i sistemi monoprocessore e SPECint_rate per quelli multiprocessore, dato che quest ultimo indicatore tiene conto throughput complessivo. I suddetti benchmark, vista la loro natura e specificità tecnologica si riferiscono a misure prestazionali del processore e, quindi, non sempre molto applicabili ad ambienti server complessi ovvero con un numero di processori molto elevato. Si ribadisce comunque che tali benchmark, utilizzati in modo esclusivo, non sono esaustivi della classificazione prestazionale del server stesso, perché non tengono conto dell effetto sulle prestazioni di risorse significative, ed in primo luogo dell I/O. Un vantaggio del benchmark SPECCPU è costituito dal gran numero di risultati certificati e pubblicati, e dalla procedura ben definita e relativamente semplice con cui nuovi esperimenti possono essere condotti. Con riferimento alla classificazione di cui al paragrafo 2, per quanto detto, tale benchmark si rivela principalmente idoneo per i server di tipo general purpose Benchmark Applicativi In genere i benchmark applicativi non sono prodotti da organismi indipendenti (con l eccezioni di SPEC e TPC) e richiedono per la loro esecuzione un setup che, spesso, può risultare complesso e costoso. Per la suite SPEC si potrebbero considerare: SPECWeb2005 per i sistemi il cui uso finale è quello di un webserver; SPECJBB quando si tratterà di eseguire applicazioni Java; SPECSFS per file servers; Anche per questi benchmark esistono e sono facilmente reperibili un buon numero di risultati, per sistemi di differenti fornitori. La loro applicabilità risulta tuttavia condizionata da elementi legati alla specificità del contesto di utilizzo. Considerando la tipologia delle applicazioni nel settore pubblico, sembra comunque interessante l utilizzo del benchmark SPECWeb2005, per i sistemi che nella classificazione di cui al paragrafo 2 sono definiti come front-end. 6/8

7 Altri benchmark significativi, soprattutto per i sistemi database server, sono quelli del Transaction Performance Council (TPC). Fra questi, i più utilizzati sono quelli che individuano le caratteristiche di un server in ambiente transazionale (TPC-C), oppure per ambiente DataWarehouse (TPC-H). Per i benchmark applicativi in genere, e per i TPC in particolare, esiste un problema di replicabilità e di invecchiamento del benchmark stesso (non vicine alle tecnologie informatiche di oggi), nel senso che i risultati pubblicati sono in genere relativi a configurazioni piuttosto grandi e complesse, in cui intervengono uno o più server connessi a client e (spesso) sistemi storage. La loro riproduzione, di conseguenza, richiederebbe un investimento, in termini di tempo e risorse, molto rilevante. Pertanto per un utilizzo verso configurazioni diverse da quelle per cui esistono risultati ufficiali, i valori potrebbero essere eventualmente determinati attraverso complesse operazioni di estrapolazione, partendo da valori noti e certificati (da Organismi indipendenti ufficialmente riconosciuti). Tale possibilità si può applicare per le situazioni in cui non sia possibile far riferimento a valori puntuali di questo benchmark, Tali benchmark possono, comunque, essere utilizzati per la determinazione dell ordine di grandezza delle massime prestazioni raggiungibili.. Nel caso, infine, in cui l ambiente di produzione sia a priori definibile ed individuabile, sarebbe possibile fare riferimento a test specifici. In questo caso, però, dovrebbero essere usati solo nel caso in cui il benchmark sia effettivamente indicativo della destinazione finale d uso. Un esempio in tal senso potrebbe essere quello di sistemi server destinati ad ambienti ERP con applicazioni SAP. Va comunque considerato che si tratta di un benchmark proprietario, e che la realizzazione degli esperimenti può richiedere tempi non compatibili con quelli di procedure di gara. In relazione all utilizzo dei benchmark i fornitori possono dichiarare valori non pubblicati evidenziando la modalità in cui è stata determinata l equivalenza del valore proposto rispetto a quello richiesto. 6 - Uso delle specifiche nelle procedure di gara I criteri sopra definiti per gli aspetti qualitativi possono essere alla base di raccomandazioni riguardanti l inclusione di tali specifiche nei capitolati tecnici, e le relative assegnazioni di punteggio nei bandi di gara. Di fatto, data la grande varietà dei contesti, è possibile dare solo raccomandazioni di tipo generale, e occorrerà decidere di volta in volta quale peso dare a ciascuno dei criteri sopra enumerati. In particolare occorrerà stabilire nelle singole fattispecie cosa imporre come requisito minimo, e cosa invece considerare come un aspetto di qualità al quale riservare parte del punteggio tecnico. In ogni caso si ritiene che il fatto stesso che questi aspetti siamo esplicitamente indicati nella griglia di punteggio possa costituire una significativa spinta al miglioramento della qualità delle forniture, rispetto alla situazione corrente che troppo spesso si concentra esclusivamente sugli aspetti del prezzo e delle prestazioni. Inoltre si richiama l attenzione sul fatto, come previsto dalle attuali normative nazionali e comunitarie, di non utilizzare, nei documenti di gara (lettere invito, bandi, capitolati, ecc) specifiche tecniche che fanno riferimento a marchi o prodotti, determinando una restrizione della concorrenza. Né deve spaventare il fatto che ai criteri in questione non siano associate metriche oggettive, come nel caso dei benchmark. Ciò lascia evidentemente margini di discrezionalità in sede di valutazione, ma questo è nell ordine delle cose e non costituisce un problema se i valutatori, come si deve sempre supporre, operano in maniera coscienziosa. Occorre infatti ricordare che 7/8

8 discrezione non significa arbitrio, e che anche ciò che non è misurabile può essere valutato e quantificato in termini di elementi oggettivi. Del resto la pretesa di restringere la valutazione ai soli aspetti cui siano associabili metriche precise avrebbe come diretta ed indesiderabile conseguenza l esclusione dal processo di valutazione di tutti gli aspetti qualitativi per cui, come si è visto, ciò non è possibile. Questo comporterebbe, in ultima analisi, l impoverimento del processo di valutazione e l abbassamento dei livelli di qualità delle forniture, cioè il contrario di quello che si desidera. Sta poi agli stessi fornitori di ridurre tali margini di discrezionalità evidenziando tutto ciò che sia riconducibile ai criteri di qualità nelle loro relazioni tecniche, che sono (o dovrebbero essere) preparate con un occhio alla griglia di punteggio. Questo significa sottoporre all attenzione del valutatore una serie di elementi oggettivi che non potranno essere ignorati nell assegnazione del punteggio. Va infine osservato che, relativamente alla possibilità di utilizzo dei benchmark per i server, occorre attentamente considerare gli aspetti legati all onerosità dei test che possono comportare grossi problemi sia per fornitore che per il committente. 8/8

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it ***

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it *** Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici, ai sensi e per gli effetti dell art. 2, comma 225, L.n. 191/2009, per l affidamento dei Servizi

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014 SIMATIC WinCC Runtime Professional V13 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 03/2014 - Architetture Novità

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI CONDIZIONI PARTICOLARI DI WEB HOSTING ARTICOLO 1: OGGETTO Le presenti condizioni generali hanno per oggetto la definizione delle condizioni tecniche e finanziarie secondo cui HOSTING2000 si impegna a fornire

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

NUOVA SERVER FARM PROGETTO

NUOVA SERVER FARM PROGETTO NUOVA SERVER FARM PROGETTO Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 2 di 35 Indice 1. Introduzione 5 2. Obiettivi del progetto 5 2.1. Razionalizzazione 5 2.2. Disegno di una nuova architettura del sistema

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI

LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI È ora di pensare ad una nuova soluzione. I contenuti sono la linfa vitale di ogni azienda. Il modo in cui li creiamo, li utiliziamo e

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

L offerta economicamente più vantaggiosa. Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail.

L offerta economicamente più vantaggiosa. Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail. L offerta economicamente più vantaggiosa Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail.com 1 Quadro Legislativo D.P.R. n.544/99 D.Lgs n.163/06 e s.m.i. D. Lgs

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS

Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS MondoGIS_59 29-03-2007 10:31 Pagina 62 Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS OPEN SOURCE È UN TERMINE ORMAI DI MODA, ANCHE IN AMBITO GEOGRAFICO. I VANTAGGI DEL SOFTWARE

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli