Programmazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programmazione 2000-2006"

Transcript

1 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali dell'istruzione Scolastica Ufficio V Unione Europea Fondo Sociale Europeo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Programmazione Obiettivo 1 (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia) 1999 IT 05 1 PO 013 Azione 1.1b Sviluppo di competenze di base e trasversali nella scuola Promozione delle competenze linguistiche di base e di settore Azione 1.1c Sviluppo di competenze di base e trasversali nella scuola Percorsi linguistici nei Paesi dell Unione Europea

2

3 Presentazione Il Programma Operativo Nazionale La Scuola per lo Sviluppo nell individuazione delle linee programmatiche da sostenere nel periodo , vuole rispondere a quelli che sono gli obiettivi fondamentali da raggiungere a livello nazionale ed europeo: sviluppo e innovazione del sistema scolastico, miglioramento dell occupabilità dei giovani e degli adulti, formazione continua e apprendimento durante tutto l arco della vita attiva, transizione scuola-lavoro, ampliamento delle conoscenze e competenze delle risorse umane, lotta alla dispersione scolastica, parità di genere, ambiente. Tali linee sono diventate un impegno ancora più pressante per gli Stati membri della Comunità Europea dopo i Consigli europei di Lisbona (2000), Stoccolma (2001) e Barcellona (2002). Se veramente, entro il 2010, l Europa vuol diventare l economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale tutti i Paesi Membri devono: - migliorare la qualità e l efficacia dei sistemi di istruzione e di formazione dell U.E.; - agevolare l accesso di tutti ai sistemi di istruzione e formazione; - aprire al mondo esterno i sistemi di istruzione e formazione. Al mondo della Scuola è stato attribuito uno dei ruoli fondamentali per il conseguimento degli obiettivi fissati dal Consiglio di Lisbona, ruolo rivenuto strategico a seguito del Consiglio di Barcellona (2002) che ha integrato gli obiettivi di Lisbona con un nuovo obiettivo generale: rendere entro il 2010 i sistemi di istruzione e di formazione dell UE un punto di riferimento di qualità a livello mondiale. Il Programma Operativo ha avviato e sta realizzando, anno dopo anno, una serie di azioni nelle sei Regioni dell Obiettivo 1 (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia) tutte finalizzate a sostenere il Paese nel raggiungimento dei sopradescritti obiettivi. In particolare le azioni che stiamo per descrivere afferiscono al terzo obiettivo che, tra l altro, si prefigge di sostenere l apprendimento delle lingue straniere. Ci soffermeremo, qui, su due delle azioni previste dal Programma Operativo Nazionale che contribuiscono allo sviluppo della comunicazione e della conoscenza agevolando la comprensione tra i cittadini europei favorendo, così, anche la coesione sociale che deriva dalla reciproca comprensione. Le azioni a cui facciamo riferimento sono finalizzate alla promozione delle competenze linguistiche, ed in particolare: Azione 1.1b: Misura 1 la promozione delle competenze linguistiche di base e di settore anche ai fini della mobilità e flessibilità nell ambito comunitario e transnazionale e in funzione del sostegno e dell integrazione dei Piani nazionali del M.I.U.R. per l apprendimento delle lingue straniere. Azione 1.1c: percorsi linguistici nei Paesi dell Unione Europea. L azione 1.b è un percorso formativo delle durata di 100 ore e coinvolge, in ogni progetto, un gruppo minimo di 15 allievi delle Scuole secondarie superiori. Questa azione vuol sostenere, con metodologie, mezzi e strumenti appropriati ed innovativi sia il potenziamento delle attività di insegnamento e dei percorsi di apprendimento finalizzati al conseguimento di una compe- 3

4 tenza comunicativa certificabile, e comunque rapportato al livello B1 o B2 del Quadro comune di riferimento europeo, sia la qualificazione della competenza comunicativa e linguistica legata a registri e varietà linguistiche tipiche delle specializzazioni dei singoli indirizzi e ordini di studi. Il percorso per il conseguimento di una competenza comunicativa certificabile è finalizzato a mettere gli allievi in grado di comunicare con il livello di autonomia necessaria e sufficiente per essere ascoltato da un parlante nativo e per saper comprendere ascoltando. Il percorso per il conseguimento di competenze comunicative di indirizzo e settoriali non si riferisce solo ai settori formativi e professionali. L azione 1.c, della durata di 100 ore di formazione in Italia e 3 settimana in un contesto europeo, è finalizzata a promuovere una specifica attività di approfondimento linguistico ed è mirata alla riqualificazione del profilo formativo/professionale del cittadino/lavoratore in contesto nazionale e multiculturale in un paese dell UE. Questa azione permette, infatti, agli allievi che hanno già maturato sia una buona competenza comunicativa che una buona conoscenza della lingua legata a registri e varietà linguistiche tipiche delle specializzazioni dei singoli indirizzi e ordini di studi un approfondimento della propria dell istruzione tecnica, professionale e artistica, ma investe a pieno titolo anche le istituzioni scolastiche con indirizzi non immediatamente professionalizzanti in quanto anche per queste esistono registri d uso, varietà linguistiche e lessicografia specifica, che interessano anche gli allievi che intendono proseguire gli studi in ambito universitario. Esso si colloca in un filone di sperimentazioni europee di grande interesse e fa riferimento all uso della lingua straniera finalizzato a veicolare contenuti, compresi quelli disciplinari propri dei singoli ordini di scuole, tipici delle varie discipline e settori competenza linguistica ed una maggiore possibilità di spostarsi all'interno della Comunità Europea con riferimento non solo alla mobilità interculturale ma anche occupazionale. Questa azione vuole concorrere al completamento della formazione linguistica mediante un percorso di full immersion per la concreta acquisizione di: competenze linguistiche trasversali attraverso un approccio sistemico di ricerca-azione linguistica interculturale in situazione di autonoma esposizione alla L2. 4

5 I destinatari dell azione 1.c sono i giovani almeno 15 per ogni progetto degli istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado, la cui formazione linguistica abbia raggiunto il livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue: apprendimento, insegnamento, valutazione (cfr. Common European Framework for come mezzo per il raggiungimento dell'obiettivo, ogni attività deve rappresentare un passo in avanti per il completamento del prodotto finale che è lo scopo ultimo del progetto; - esige una efficace e puntualeammazione progettuale e presuppone una contestualizzazione ed interazione delle quattro abilità linguistiche; - offre opportunità di riutilizzare strutture e lessico quotidianamente ed in situazioni reali; - rende gli studenti responsabili del loro apprendimento e li abitua alla autovalutazione; - abitua gli studenti a lavorare in team (cooperative learning). Ognuno ha un ruolo Languages: Learning, Teaching, Assessment) debitamente certificato da uno degli enti riconosciuti. Ad oggi i progetti realizzati per l azione 1.b sono stati e per l azione 1.c 170. In questa azione assume fondamentale importanza la formazione degli insegnanti sulla metodologia didattica suggerita come più idonea - dato il particolare e specifico campo di riferimento:il "Project Work". Essa, infatti: - pone gli studenti al centro del processo formativo; tutte le attività sono calibrate sulle loro conoscenze, abilità e competenze pregresse; - stimola l'interesse degli studenti: attraverso una analisi dei bisogni cognitivi, non solo in termini linguistici ma anche di contenuto, l'insegnante, in sintonia con la classe, individua una serie di percorsi (lavori progettuali) su cui focalizzare la ricerca e lo studio; - coinvolge gli studenti in attività simili a quelle che dovranno affrontare nella loro vita lavorativa prevedendo, quindi, contatti con il mondo esterno e l'utilizzo di strumenti multimediali; - è un efficace mezzo di comunicazione: l'uso di materiale autentico nella lingua di riferimento è conditio sine qua non per lo svolgimento del progetto; - postula la lingua non come fine ma - è una metodologia che aiuta gli studenti ad organizzare il lavoro fase per fase, mettendoli di fronte alla continua necessità di valutare la qualità del loro apprendimento; - all'interno del gruppo, una responsabilità, ognuno deve dare il proprio contributo. Anche gli studenti più deboli, lavorando in gruppo, sono incoraggiati a svolgere il proprio ruolo guadagnando, altresì, fiducia in sé stessi e nelle loro capacità in quanto parte attiva all'interno del proprio gruppo prima e del gruppo classe poi; - presuppone un profondo coinvolgimento di altre discipline (cross-curricula teaching); i progetti programmabili nell'area di professionalizzazione postulano l'intervento interattivo di più di una disciplina contemporaneamente; - insegna agli studenti a confrontarsi con la vita lavorativa futura. Quelle che seguono sono le voci dei ragazzi e le testimonianze dei progetti realizzati da alcune scuole situate nelle aree dell Obiettivo 1. Sabrina: "Ho una grande nostalgia. Appena rientrata da Stoccolma ho meditato a lungo sulla scelta universitaria; questa esperienza stava per stravolgere i miei piani, facendomi nascere il desiderio di iscrivermi ad una facoltà linguistica, cosa alla quale non avevo mai pensato prima. Alcune considerazioni sul mio futuro mi hanno portata a scegliere Ingegneria Edile e Architettura, con la forte sensazione che la scelta implica anche una grossa perdita. 5

6 Mi sono, però ripromessa di mantenere in esercizio l'uso dell'inglese, magari mi infiltrerò da uditrice in qualche corso della facoltà di Lingue." 2. Giusy: "Ma chi l'avrebbe mai detto che avrei usato la lingua inglese per comunicare con persone incontrate per caso? Quante prove fatte per formulare frasi e toni giusti che servissero per l'approccio iniziale... Ma, poi, è tutto diventato così spontaneo che non ci facevamo più caso. Devo riconoscere che la consapevolezza in questo progetto l 'ho acquisita solo nella fase finale, e 'del tutto' solo ora." 3. Luigi: "Questo project work mi ha migliorato molto come persona, anche nello stile di vita. Riesco anèhe ad essere più aperto con gli sconosciuti." 4. Nicole:"All'inizio questa avventura sembrava un sogno, un'illusione, qualcosa di inventato per farci seguire un corso d'inglese. Ma, giorno per giorno, ho iniziato a crederci, a tenerci, a considerarla non più un compito, un impegno per ottenere un risultato, ma un prodotto delle mie mani... Mi ha rubato tanto tanto tanto tempo, ma non rimpiango nessuno degli attimi trascorsi chiusi in quel 'barboso' dipartimento, che siano stati divertenti o faticosi... E poi è finalmente arrivato il momento del sospirato viaggio, che di fatto si è rivelato un vero sogno. 5. Francesco: "Devo dire che in principio ero un po' scettico sulla riuscita di un progetto I difficile da inquadrare, mi sono dovuto ricredere! Nonostante le innumerevoli difficoltà siamo riusciti ad ottenere ciò che volevamo, lasciandoci infine guidare sulla 'retta via'... E' un' esperienza che mi ha formato non solo dal punto di vista scolastico, ma anche dal punto di vista sociale e umano." 6. Raffaele: "Il project work che ci ha condotto in Svezia è stata un'esperienza unica e irripetibile: Ricordo momenti spesso molto focosi nel portare avanti i lavori e, spesso, sarò onesto, ho pensato di mollare tutto... però non potevo. Quel lavoro esprimeva il mio modo di essere, era quello in cui credo e sento del mondo. Sono felicissimo di aver partecipato a questa esperienza, che mi ha reso più forte nell'animo e più umano nel cuore. Grazie project work!" 7. Angelo: "Ho imparato a lavorare in team, unendo la mia esperienza a quella degli altri. Ho osservato con interesse il metodo e l'organizzazione progettuale, e penso che potrei provare a ideare anch'io un progetto. Ho imparato a dire ciò che penso prendendo come modelli le modalità espressive degli artisti 'conosciuti' nel percorso di approfondimento". 8. Alfredo: "L'esperienza PON ha suscitato in me la voglia di conoscere, di guardare oltre, di confrontarci, di essere cittadini di un paese senza confini. Ha migliorato le nostre conoscenze linguistiche attraverso il relazionarci con gli altri, abbattendo i nostri muri ditimidezza." 9. Tommaso: "Il project work nasce come attività di gruppo nella quale tutti collaborano alla realizzazione di un prodotto finale. Fin qui niente di strano. Solo una noiosa attività in lingua straniera. Che si è però trasformata in una sensazionale esperienza di lavoro e di amicizia; e che, dopo liti, pianti, discussioni, risate, scherzi, ci ha insegnato il rispetto e l'aiuto reciproco." 10. Gianluca: "Penso che questo progetto sia stato molto interessante sia a livello culturale che sociale. E' un'esperienza che suggerirei a tutti di fare". 11. Concettina:"Tutto iniziò come un gioco, o meglio come una scommessa con me stessa, ma più passava il tempo e più mi rendevo conto che si trattava di una cosa seria ed importante. Questo progetto è stato un'esperienza di vita, che mi è servita per la mia crescita a livello caratteriale; sono riuscita a tirar fuori la vera Concettina, che prima si sentiva a disagio con le altre persone e con il resto del mondo, ma che ora, più di ogni altro, crede in se stessa, nelle sue capacità e qualità." 12. Simona:"Partecipare al project work e partire per uno stage a Stoccolma è un'esperienza che consiglierei a tutti. Magari il gruppo è fondamentale, e soprattutto integrarsi con gli altri, anche quelli che non frequentano la tua stessa classe. Andare in Svezia mi ha aperto nuovi orizzonti, mi ha innescato dentro quella voglia di esplorare, viaggiare, insomma mi ha fatto crescere." 6

7 Istituto D istruzione Superiore Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei PAOLA (Cs) Azione 1.1C PROJECTING A WORKING SELF ABROAD Questo progetto nasce perché la sua particolare configurazione consente ai discenti di assumere una nuova prospettiva nel guardare al proprio contesto locale, attraverso la partecipazione ad uno stage in contesto europeo. La spinta innovativa della Misura 1, Azione 1.c, guidata efficacemente a partire dalle linee progettuali e accompagnata da una serie di interventi capillari a sostegno dell azione, ha offerto alla scuola l opportunità di sperimentare delle trasformazioni che tendono a colmare il divario tra la vita dentro la scuola e la vita fuori della scuola. Avvalendosi della metodologia del Project Work, il lavoro è diventato una pratica di partnership tra discenti e docenti, guidata dalla necessità di creare un prodotto finale. Il citatissimo Marshall McLuhan aveva preconizzato che paradossalmente, l automazione rende obbligatoria l educazione liberale. Gli schemi sociali e didattici insiti nell automazione sono quelli del lavoro indipendente e dell autonomia artistica. Grazie alla velocità e alla simultaneità con cui si sviluppano oggi le conoscenze, ci troviamo in una situazione del tutto nuova; con la rivoluzione scientifica che si chiama cibernetica c è il recupero istantaneo dell informazione, che pone fine alle dicotomie tra tecnologie e cultura, tra arte e commercio, tra lavoro e tempo libero. E indispensabile imparare ad imparare autonomamente, affinché gli allievi trovino il sapere nel momento in cui ne hanno bisogno. 7

8 La configurazione e la metodologia suggerita si sono rivelate un valido strumento per aiutare ed incoraggiare i discenti ad intraprendere questo viaggio, avviandoli a formarsi una propria visione delle cose attraverso un approccio sistemico di ricerca-azione. Nella sua fase di ideazione, il progetto ha preso il titolo di Projecting a Working Self Abroad, in riferimento ai concetti di Roland Baddeley sul working self (sé da lavoro). Il working self è costituito dai tanti sé possibili che si attivano attraverso la working memory (memoria da lavoro) per interpretare il mondo e i nostri comportamenti. Il working self dovrebbe integrare tre domini: - l actual self: la rappresentazione di noi stessi come individui; - l ideal self: il sé a cui aspiriamo; - l ought self: il sé che ogni individuo dovrebbe sviluppare tramite il rispecchiamento nei genitori, negli insegnanti, nella società in generale. I discenti hanno allestito un sito web:, che fosse il supporto tecnico del progetto, sfruttando e affinando le proprie competente tecnologiche. Abbiamo voluto utilizzare internet perché la comunicazione digitale è fluida, coinvolge il lettore-utente, che tende a diventare un co-autore; anche perché ha una trasferibilità a costi contenuti e, perché ha consentito un processo dinamico nell attuazione del progetto. L utilizzo delle ICT ci ha resi sempre più consapevoli che la tecnologia è al servizio dell idea e mai viceversa. Il sito da noi costruito vuole tentare di smitizzare la virtualità del mondo della Rete. Vale a dire: saper essere e saper comunicare in rete significa saper tradurre la propria personalità e comunicabilità in pixel e bit, che sono altri modi in cui possiamo esprimere i nostri pensieri. Indipendentemente dal luogo e dallo strumento con cui si esprime, la nostra personalità rimane reale. In tal modo gli allievi sono diventati essi stessi il testo da codificare e decodificare, nella Rete e nel mondo reale. Il sito è il contenitore dei risultati di un sondaggio concernente problemi e interessi dei giovani, effettuato attraverso la somministrazione di questionari in Italia e Svezia, sede dello stage, e della comparazione dei dati raccolti. E, inoltre, il contenitore finale di interpretazioni registrate dagli allievi di testi poetici, canzoni, comic strips di autori contemporanei in lingua inglese; di immagini (dipinti e foto) attinenti i temi delle varie sezioni e sottosezioni del sito; di commenti degli allievi, scaturiti dalle analisi riguardanti le tematiche del sondaggio. Qui è iniziato il riconoscimento di se stessi nell altro, altro che poteva essere anche di qualche generazione distante da loro. La scelta è frutto di una ricerca effettuata nelle biblioteche e nelle raccolte online, ed è stata operata in accordo ai temi concernenti i campi d indagine del sondaggio. La modalità di scelta, partita da argomenti significativi per loro, ha consentito ai discenti di riconoscere il valore universale delle tematiche trattate nei testi a cui si sono avvicinati, fornendo la possibilità di un appropriazione che colma quella distanza rispetto al testo letterario che i giovani spesso percepiscono. Ciò ha anche consentito sia un ampliamento dell orizzonte di osservazione che da individuale è divenuto collettivo, storico, che una capitalizzazione e valorizzazione delle conoscenze. 8

9 Istituto Tecnico Commerciale ANTONIO GENOVESI SALERNO Azione 1.1 c Un esperienza all estero Vento nuovo nella scuola! Sì, una ventata di novità che arriva dal PON Misura 1-Azione 1.1 c Sviluppo di competenze di base e competenze trasversali nella scuola: percorsi linguistici nei paesi dell Unione Europea Anche l ITC Antonio Genovesi di Salerno ha saputo sapientemente usufruire di questa opportunità, attuando uno stage in Gran Bretagna, ad Oxford, che ha coinvolto allievi interni delle quarte e quinte classi. E così il sogno è diventato realtà, la teoria si è trasformata in pratica, l Inghilterra da realtà geografica lontana è diventata una realtà viva e palpitante nella quale immergersi e con la quale confrontarsi momento per momento. Incontenibile l entusiasmo dei partecipanti che hanno vissuto quella che essi stessi hanno definito come qualcosa da non dimenticare: una irripetibile esperienza di vita! ; forte anche il coinvolgimento dei genitori, grati per l opportunità unica offerta ai propri figli. Il progetto, riservato agli studenti interni in possesso della certificazione livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue: apprendimento, insegnamento, valutazione e che hanno superato apposita prova di selezione, ha avuto una durata complessiva di n.100 ore di formazione in sede seguite da tre settimane di permanenza in Inghilterra. Gli studenti hanno lavorato attivamente ad un Project Work incentrato sulle tematiche del marketing e dell advertising e, al termine dello stage, hanno potuto così realizzare la campagna pubblicitaria sia di un prodotto da immettere sul mercato (una bevanda alcolica) che del servizio offerto dalle scuole di lingua della città di Oxford. Naturalmente, nel corso delle attività di formazione, hanno dovuto apprendere terminologia e tecniche proprie del settore, familiarizzando con il linguaggio pubblicitario, le sue peculiarità e le sue insidie, i problemi etici connessi alla manipolazione dell informazione. Lavorare ad un project work è stata un esperienza entusiasmante sia dal punto di vista didattico che umano: gli allievi si sono visti e sentiti attori protagonisti del proprio apprendimento e, attraverso le modalità del cooperative learning, hanno sviluppato ed esercitato capacità progettuali e relazionali. Uno degli aspetti più significativi di tale esperienza è stata sicuramente la nascita di un gruppo forte e compatto che ha affrontato tutte le novità e i cambiamenti con la coesione e la forza proprie del gruppo. Comunicare quotidianamente in inglese, spostarsi all interno di un contesto nuovo, studiare con insegnanti di madre lingua, incontrare coetanei di diverse nazionalità, tutto è stato vissuto con grande disponibilità ed entusiasmo. Forza collante sono state anche le attività di svago e le visite ai luoghi più suggestivi della zona, durante le quali i ragazzi si sono sentiti ancora di più liberi di esprimersi sia come gruppo sia come singoli. E che dire della presentazione finale del loro lavoro ad un pubblico di esperti e di autorità? Grande il batticuore ma grande anche la soddisfazione; ognuno ha potuto dire Ce l ho fatta anch io!!!. Quale risultato migliore? Ogni docente sa bene che non c è successo senza una buona dose di autostima! 9

10 Istituto Tecnico Commerciale Pizzini PAOLA (CS) Azione 1.1 c Da Paola in Europa Inglese e Informatica: un abbinamento vincente! (Dalla relazione di uno dei partecipanti) Si è concluso in questi giorni il progetto PON Euroschooling Intercultural Language Learning che ha visto impegnati noi, studenti dell ITCG Pizzini, nell apprendimento della lingua inglese in un modo innovativo ed esaltante. In questa avventura siamo riusciti a coinvolgere anche ragazzi di altre scuole e precisamente studenti del liceo Scientifico Galilei di Paola, del Liceo Classico Gioacchino da Fiore, del Liceo Scientifico di Rende. In 100 ore di attività, portate avanti con grande impegno, il gruppo inizialmente disomogeneo per provenienza e tipo di studi, ma omogeneo per competenze linguistiche essendo tutti in possesso di certificazione del livello B2 del quadro europeo di riferimento, si è coeso ed amalgamato diventando fattivo e collaborativo. Abbiamo lavorato alacramente in aula sotto la guida di docenti madrelinguisti e così quello che a prima vista poteva sembrare il solito corso di lingua si è trasformato in un qualcosa di esaltante e coinvolgente. Durante il lavoro in aula ci siamo soffermati sugli usi e i costumi del paese ospitante per conoscerlo più da vicino e abbiamo attuato simulazioni in lingua di situazioni che si potessero verificare all'interno dell'azienda ospitante. Successivamente ci siamo impegnati nella conoscenza dell'azienda e di tutti i suoi settori operativi, delle aree in cui dovevamo essere inseriti al fine di ottimizzare la nostra presenza nell'ambiente di lavoro. Infine abbiamo profuso tutte le nostre energie per conseguire abilità operative autonome e conoscenze più dettagliate e concrete in merito alla Gestione e manutenzione di Servizi informativi e telematici per le imprese. La novità del progetto è consistita nel fatto che noi studenti ci siamo sentiti veramente protagonisti del nostro apprendimento, in quanto con la metodologia del project work abbiamo scelto gli argomenti e veicolato attraverso la lingua inglese l insegnamento dell informatica. Infatti, il nostro obiettivo è stato quello di diventare esperti web Master al fine di creare pagine web per l azienda scozzese: la Capacity Building Project di Edimburgo, che ci aveva commissionato un website per propagandare i servizi offerti dalla Craigmillar Childcare. Il nostro disegno è andato in porto e siamo orgogliosi dei risultati. Nella seconda metà di luglio, accompagnati da due docenti di inglese, siamo partiti per Edimburgo e lì ci siamo trattenuti per tre settimane per effettuare lo stage e una full immersion linguistica. Abbiamo fatto interviste, ricerche, fotografie e lavorato in azienda per tre ore al giorno. Durante la nostra permanenza ad Edimburgo non abbiamo soltanto lavorato, ma abbiamo partecipato anche ad attività sociali e culturali: abbiamo fatto un picnic sui prati del Castello di Craigmillar, un tour alle Highlands, una visita al Sindaco della città di Edimburgo e al Cardinale O Brien, che ci ha, fra l altro, mostrato la sedia su cui ha posato le stanche membra il pontefice Giovanni Paolo II, ospite di sua Eminenza in occasione della sua visita in Scozia. Abbiamo socializzato con ragazzi di varie nazionalità e, soggiornando nel College, abbiamo in parte anticipato l esperienza universitaria. Questa esperienza ci ha gratificato: basti pensare che due di noi hanno ricevuto dall azienda una offerta di lavoro! In una Calabria piena di inoccupati non è cosa da poco! Grazie Europa, grazie scuola! 10

11 Liceo Classico "P.GALLUPPI" CATANZARO Azione 1.1 c ESPecially learning Nell ambito del Piano Operativo Nazionale, misura 1.1C, il Liceo classico Pasquale Galluppi di Catanzaro ha realizzato, lo scorso anno scolastico 2003/2004, un percorso formativo denominato ESPecially learning. La lingua specialistica (English for Special Purposes) oggetto del corso è stata quella del settore economico (Business English). Si è pensato, infatti, ad una preparazione linguistica, da realizzare durante le 100 ore previste di apprendimento a scuola, che fosse mirata all acquisizione-potenziamento di competenze alte e specialistiche, utilizzabili in ambiti diversi del mondo lavorativo, con particolare attenzione ad aspetti quali la formazione in funzione di un ingresso veloce nei sistemi produttivi. Durante lo stage che si è tenuto a Dublino, gli studenti hanno visitato, grazie alla collaborazione dell Alpha College of English che ha fatto da tramite, banche, sedi di organizzazioni internazionali (Amnesty International), università (Trinity College), enti locali preposti alla tutela dell ambiente, hotel cittadini in cui vengono tradizionalmente organizzati convegni anche di risonanza internazionale. Agli studenti è stata, quindi, offerta l opportunità di esercitare le competenze acquisite a scuola, attraverso l ascolto diretto di native speakers, interviste e conversazioni con manager e rappresentanti del personale lavorativo che erano a disposizione del gruppo italiano. Ciò si è verificato grazie alla attenta gestione delle attività a cura del responsabile della scuola di riferimento, che ha registrato con ammirazione la serietà, la puntualità e anche la preparazione linguistica del gruppo. 11 Al pomeriggio, in laboratorio informatico, con l ausilio di un tecnico esperto, gli studenti sono stati impegnati a produrre elaborati e sintesi sulle visite effettuate al mattino, documentando le esperienze anche con reportage fotografici attraverso l utilizzo del programma Front-page che consentirà, peraltro, di inserire i risultati di questo lavoro sul sito web dell istituto, in una sezione apposita dedicata al settore lingue straniere. Per l annualità in corso, nell ambito della stessa misura, il progetto Learning in context, in fase di realizzazione, prevede, il raggiungimento di competenze linguistiche equiparabili ai livelli C1/C2 del quadro comune di riferimento europeo, che saranno di nuovo certificate da enti riconosciuti (Trinity o Cambridge). Tali competenze sono finalizzate, tra l altro, alla produzione, durante lo stage, di un ipertesto multimediale dal titolo Globalization, come risultato di una sviluppata capacità di interazione linguistica degli studenti relativamente ai grandi temi della nostra contemporaneità (multiculturalità, ambiente, economia, tolleranza religiosa, ecc). L impostazione generale del percorso formativo in oggetto, (realizzato secondo la metodologia del Project Work, come da dettami ministeriali) sarà confermata, dati, peraltro, i risultati pienamente soddisfacenti della precedente esperienza sia sul piano della gestione didattica che su quello di una partecipazione motivata e attiva degli studenti nell acquisire competenze spendibili (linguistiche ed informatiche) e nell ampliare gli orizzonti culturali attraverso percorsi di studio mirati e un soggiorno funzionale all apprendimento in un paese della comunità europea.

12 Istituto Tecnico Statale A. DEFFENU OLBIA (SS) Azione 1.1 c Deffenu infos : realizzazione di un mini telegiornale in francese L idea di dedicare una parte significativa di un corso PON di lingua straniera, nell ambito dell azione 1.1.b, all elaborazione di un prodotto originale è nata dalla percezione e dall analisi di due fenomeni: - da un lato, i limiti e le difficoltà riguardanti la competenza comunicativa degli studenti, - dall altro, la debole attrattiva della lingua francese, in un clima culturale poco favorevole allo sviluppo di una reale educazione plurilingue. vede e mi ascolta perché è curioso di sapere e di conoscere. Sul piano interculturale, i protagonisti hanno condito il telegiornale con motivi e sapori vari e diversi. E forte la matrice locale ma essa si manifesta non in termini di chiusura bensì come una finestra aperta verso il mondo: Conosco meglio me stesso per farmi conoscere dall altro affinché possa incontrarlo e conoscerlo. Alla luce di queste considerazioni, la realizzazione di un telegiornale è stata pensata come stimolante pretesto per affrontare delle sfide sia educative che didattiche, scandito dal motto Apprendre le français autrement Il lavoro svolto, nella sua complessità e multidimensionalità, ha rappresentato per i protagonisti - studenti, docente, tutor una piacevole occasione per mettersi in gioco, centrando l azione su motivazione, coinvolgimento, protagonismo e, di conseguenza, riducendo i blocchi emotivi, relazionali, linguisticocomunicativi che rappresentano, molto spesso, degli ostacoli importanti all apprendimento. In una dimensione decisamente collaborativa, ogni alunno è stato infatti protagonista attivo del percorso, riuscendo a valorizzare potenzialità e saper fare, nel gruppo e per il gruppo. Per quanto riguarda lo specifico dell insegnamento della lingua straniera, il Tg ha sicuramente indotto docente e studenti ad un uso autentico e funzionale del francese. La cornice comunicativa ha, infatti, cambiato il rapporto scolastico con la lingua straniera: Sto dicendo e facendo delle cose in francese perché c è o ci sarà qualcuno che mi Il progetto ha, quindi, rappresentato un ponte per l Europa : tutti gli alunni giornalisti hanno ottenuto la certificazione DELF scolaire 2 e, alcuni di essi, sono stati selezionati per partecipare, nel settembre 2004, ad uno stage di 3 settimane a Bruxelles, nell ambito del progetto Leonardo. Al loro rientro, raccontando ciò che hanno visto, fatto, imparato attraverso la lingua francese in una realtà nuova e diversa, un ragazzo ha voluto fare sfoggio proponendo: «Monsieur, on va remettre ça?!». Ciò ha rinforzato la consapevolezza che, forse, l esperienza del telegiornale, nella sua genuinità e spontaneità, ha rappresentato un piccolo ma concreto contributo ad un educazione plurilingue e pluriculturale agita e non solo dichiarata. 12

13 Liceo Classico E.Duni MATERA Azione 1.1 c Let s Europe B2 Il progetto è stato concepito per rispondere alla necessità, a livello locale, di un buon apprendimento della lingua inglese da parte degli alunni del Liceo Classico di Matera. Fino a qualche anno fa l insegnamento dell inglese veniva impartito solo per i primi due anni delle classi ginnasiali. Matera si sta affermando sempre di più sul piano economico e turistico. Il Distretto del Salotto, con i suoi dipendenti, esporta l 85 % del prodotto in varie parti del mondo,dove sono anche situati uffici e negozi dipendenti. Nel campo turistico Matera accoglie ogni anno un numero sempre maggiore di stranieri; nel settore agroalimentare, i prodotti del Metapontino vengono in gran parte esportati nel Nord dell Europa. A livello nazionale questa provincia ha chiaramente effettuato un notevole salto di qualità in questi ambiti. A livello europeo gli obiettivi formativi erano, oltre a quelli specificamente linguistici, l educazione, l integrazione, la convivenza civile, la tolleranza e la comprensione, l ampliamento delle relazioni nel territorio. I risultati attesi dal progetto erano le certificazioni per tutti gli studenti fruitori del progetto dell 8 livello- B2 di competenza linguistica. Si è sperimentato, quindi, l approfondimento dello studio della lingua inglese in modo intensivo, ricorrendo alla professionalità di insegnanti madrelingua che fossero in grado di proporre metodologie nuove ad integrazione dei percorsi curricolari con l obiettivo di far conseguire agli alunni l 8 livello di apprendimento B2,certificato da un Ente accreditato. Le metodologie adottate, alternative a quelle tradizionali,aggiornate, motivanti, "tecnologiche", "provocatorie" e quindi lavoro di gruppo e di coppia, approccio multisensoriale (uso della mimica, musica, grafica, audiovisivi, 13

14 PC, videoconferenza, ecc),role-playing e role-taking La scuola ha avviato collaborazioni con le agenzie linguistiche presenti nel territorio: La docenza dei corsi è stata affidata a quattro esperti madrelingua: Il team utilizzato è risultato di alta qualità, provvisto di certificato TE- FL/TESOL (certificazioni internazionali per l'insegnamento dell'inglese come lingua straniera). GLI ASPETTI INNOVATIVI - attivazione di "Drama Workshops" con la creazione, elaborazione linguistica e drammatizzazione di testi riguardanti il vissuto degli allievi, con enfasi sull'espressione di emozioni e sentimenti; - partecipazione continua e costante ad attività collaterali in cui gli studenti hanno usato la lingua inglese come lingua per la comunicazione: Women s fiction festival, Global Junior Challenge, Giornalino on line di Matera N.B. Il Women s fiction Festival si è svolto a Matera nei giorni 29 Settembre -2 Ottobre 2004 ed ha visto la partecipazione di numerose scrittrici straniere. Gli studenti hanno fatto loro da guide e interpreti. I PUNTI QUALIFICANTI L attività ha posto gli studenti al centro del processo formativo; ha fatto comprendere come la lingua sia un efficace mezzo di comunicazione e di relazione; ha prestato continua attenzione alla programmazione e alle quattro abilità linguistiche; ha fatto ricorso all uso esclusivo della lingua nelle diverse situazioni; ha reso gli alunni responsabili del loro apprendimento e sviluppato la capacità di autovalutarsi; ha stimolato tutti (docenti e alunni )per meglio organizzare il lavoro e lavorare in team. GLI ELEMENTI DI POSITIVITA : - miglioramento delle competenze linguistiche, - socializzazione - disinvoltura nella conversazione" ho vinto l imbarazzo della conversazione in inglese" - disponibilità degli insegnanti madrelingua, sempre sorridenti. - lavoro intenso ma divertente "Ora riesco a studiare l inglese in 5 minuti! - coinvolgimento di tutti nelle varie attività. 14

15 Istituto Superiore A. CASCINO PIAZZA ARMERINA (EN) Azione 1.1 c ENGLISH PROJECT ABROAD Il progetto English Project Abroad, caratterizzato da un percorso di fullimmersion, è stato finalizzato a promuovere una specifica attività di perfezionamento linguistico. Si è voluto permettere agli allievi un approfondimento della propria competenza linguistica, per una maggiore possibilità di spostarsi all interno della Comunità Europea. I destinatari sono stati 15 studenti che hanno frequentato assiduamente e si sono distinti per impegno, partecipazione e per i risultati conseguiti. Il Progetto, che ha previsto la metodologia innovativa e partecipativa del Project Work, si è sviluppato nelle seguenti fasi: - Fase di formazione del personale sull utilizzazione del Project Work come metodologia di insegnamento; - Fase propedeutica per l Analisi dei bisogni e delle competenze, accertati tramite somministrazione di tests; - Fase a) Fase di orientamento: presentazione e condivisione del quadro progettuale. Questa fase ha guidato gli allievi a prendere coscienza dell impegno necessario per affrontare il progetto e per raggiungerne gli obiettivi. Ha previsto un primo intervento di riequilibrio ( Competence Balance ) delle competenze di base/settoriali che ha trovato un secondo momento all interno della fase c). - Fase b) Fase di sviluppo e consolidamento di una metodologia sistemica di ricerca-azione. In questa fase è stata prevista una formazione operativa degli allievi sulle tecniche di progettazione, documentazione e sull individuazione del lavoro progettuale. Il gruppo studenti, tenuto conto del ricco patrimonio storico-artistico del territorio, ha ritenuto opportuno focalizzare la propria attenzione su un percorso culturale e artistico della città di Piazza Armerina. - Fase c) Fase di elaborazione e realizzazione del progetto individuato prima in Italia e poi in Gran Bretagna, durante uno stage di 3 settimane. In Italia il prodotto multimediale su Cd, A walking tour in Piazza Armerina, ha riguardato i beni monumentali della Città. Gli allievi, lavorando in team, hanno curato le riprese fotografiche e filmiche e hanno redatto i testi in lingua inglese, riguardanti i percorsi seguiti. - Fase d) Fase di reporting. In questa fase di stage a Londra si è avuta la produzione su Cd di un project work, dal titolo A walking tour in London. Questa fase ha offerto l opportunità agli studenti di una full-immersion nella lingua inglese. Suddivisi in gruppi, hanno organizzato un programma di lavoro di interesse culturale e storico riguardante la città di Londra, per reperire informazioni di base, materiali, mappe, fotografie ed interviste. Motivante è risultata la scelta dell alloggio presso le famiglie, poiché ha consentito agli allievi di potenziare le proprie competenze linguistiche e le relazioni interpersonali. La presentazione del prodotto finale e la sua condivisione con gli altri partecipanti in un contesto organizzato ha fornito occasione di condivisione dell esperienza effettuata. - Fase e) Fase di Follow up. Ha rappresentato il momento di valutazione dell esperienza com-plessiva. A conclusione dell attività, è possibile esprimere una valutazione del tutto soddisfacente del lavoro realizzato e della formazione maturata da studenti e docenti. 15

16 Istituto Tecnico Commerciale DOMENICO ROMANAZZI BARI Azione 1.1 c USE ENGLISH TO PROJECT YOUR FUTURE Il progetto è nato all interno del dipartimento di lingua inglese con precise finalità: coinvolgere gli insegnanti di lingua inglese nel lavoro di equipe e nell esperienza di progettazione e conduzione di progetti e, soprattutto, sviluppare contatti con enti inglesi. Il contesto di riferimento è stato la creazione di un ufficio operativo di un tour operator italiano nel Regno Unito il cui obiettivo è pubblicizzare e commercializzare i pacchetti turistici specializzati rivolti al pubblico inglese e riguardanti la promozione di zone turistiche in Puglia. In questo contesto, gli alunni partecipanti hanno realizzato un prodotto finale, nello specifico rappresentato da un CD-Rom che attesta praticamente lo sviluppo delle competenze linguistiche e settoriali acquisite. Questo progetto ha coinvolto docenti, alunni ed istituzioni non solo italiani ma anche inglesi. In Italia docenti di lingua inglese e di economia aziendale dell istituto hanno lavorato al progetto in qualità di referenti e tutor. I destinatari sono stati 15 studenti provenienti dai tre diversi indirizzi di studio della scuola: Erica (linguistico aziendale), Mercurio (informatico) e Igea (amministrativo), tutti già in possesso del livello B2 di competenza linguistica secondo il Quadro Comune Europeo di Riferimento. Tra gli esperti che hanno guidato il gruppo in questa esperienza ci sono stati: un Esperto in Dinamiche di Gruppo, per fornire ai ragazzi gli strumenti per interagire tra loro, e per rapportarsi gli uni agli altri in ambito sia scolastico sia lavorativo. un Esperto di madrelingua inglese per approfondire le conoscenze specifiche e contribuire alla creazione di testi di natura turistica un Esperto del settore turistico per guidare gli studenti nella ideazione e progettazione di pacchetti turistici mirati alla promozione della regione Puglia all estero. Inoltre, alla fine del corso di 100, ore gli alunni hanno frequentato alcune lezioni con un altro esperto madrelingua inglese per la preparazione all esame Travel and Tourism Level 1 con l ente certificatore inglese London Chamber of Commerce Examinations Syndicate di Londra di cui la scuola è centro d esami dal Una nota fondamentale del progetto è stata rappresentata dall intervento di un Formatore di lingua inglese che ha tenuto un corso sulla metodologia del Project Work, su cui tutto il progetto e il lavoro degli studenti si è basato. I destinatari del corso sono stati docenti dell istituto e di altre scuole del territorio, interessati alla metodologia e alle tecniche di progettazione. Il progetto è culminato con uno stage di tre settimane in Inghilterra presso un Tour Operator inglese: ISIS Education and Travel di Londra. Durante questo periodo gli studenti hanno lavorato insieme agli esperti inglesi alla realizzazione del Cd Rom promozionale ed hanno nel contempo acquisito un bagaglio di conoscenze tecniche di cui far tesoro per il loro futuro. Gli studenti hanno, inoltre, visitato un altro tour operator inglese, Golden Sun Tour Operator di Londra ed un College of Further Education, l Uxbridge College, il cui piano di studi prevede l insegnamento di discipline afferenti il settore turistico e che offre la possibilità di tirocinio presso un agenzia all interno del college stesso. Questa visita è stata particolarmente interessante poiché ha consentito ai nostri ragazzi di presentare il loro lavoro a studenti inglesi con esperienza nel settore e di discuterlo con loro. Durante lo stage ciascun alunno ha registrato quotidianamente il proprio operato e le proprie impressioni e riflessioni su un Project Diary ideato dai ragazzi stessi. Questo strumento ha fornito occasione di monitoraggio dell intero processo all estero. In termini di ricaduta il progetto ha consentito ai docenti dell istituto una crescita organizzativa all interno del dipartimento, una mentalità più aperta e matura per la progettualità ed una maggiore esperienza concreta nell applicazione della metodologia del Project Work. Gli alunni hanno acquisito un maggiore entusiasmo per l apprendimento della lingua, uno sviluppo notevole delle competenze linguistiche, una maggiore fiducia nei propri mezzi espressivi, una maggiore consapevolezza dell importanza dello studio e dell impegno scolastico, un comportamento più maturo per il lavoro di gruppo e, soprattutto, la consapevolezza delle competenze e del comportamento necessari in un contesto di lavoro mediante contatto concreto e operativo con il mondo del turismo.

17 Elenco riferimento Istituti 17

18 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali dell'istruzione Scolastica Ufficio V Unione Europea Fondo Sociale Europeo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue)

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue) UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Progetto di formazione di docenti e studenti dei tecnici e professionali del settore turisticoalberghiero in Sicilia Sicily is a Treasure Island for tourism

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO BOZZA DI PROGETTO PREMESSA L ITCG DELL ACQUA di Legnano e l ITC ENRICO TOSI di Busto Arsizio, chehanno avuto in passato ed hanno tuttora in corso esperienze di integrazione con

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO. Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO. Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva LA REGIONE JONICO-ETNEA IN UN CLICK Presentazione Il progetto si propone

Dettagli

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO per la gestione delle richieste degli studenti che intendono usufruire di periodi di studio all estero e per gli studenti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 PROGETTO CONTINUITÀ INCONTRARSI A SCUOLA DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ - AMBIENTI, FATTI,

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali.

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. COSA RICHIEDE IL LICEO LINGUISTICO? Curiosità intellettuale Interesse nei

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

Attività extracurriculari

Attività extracurriculari 8 Attività extracurriculari Ipsar Petronio Pof.2010 2011 Attività extracurriculari pag 1 di 6 Attività di orientamento L attività di orientamento, finalizzata a garantire scelte consapevoli per acquisire

Dettagli

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Premessa Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Giovanna Baldini e Cristiana Vettori Libera Scuola Pisa Creare comunità consapevoli,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. Anno Scolastico 2014-2015. Progetto VIAGGIO STUDIO IN SPAGNA. Area di riferimento. Linguistico - espressiva

SCHEDA DI PROGETTO. Anno Scolastico 2014-2015. Progetto VIAGGIO STUDIO IN SPAGNA. Area di riferimento. Linguistico - espressiva ISTITUTO COMPRENSIVO VIA DEI TORRIANI Via dei Torriani, 44-00164 ROMA SCHEDA DI PROGETTO Anno Scolastico 2014-2015 Progetto VIAGGIO STUDIO IN SPAGNA Area di riferimento Linguistico - espressiva F.S. di

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Alternanza scuola/lavoro l alternanza non è uno strumento formativo, ma si configura piuttosto come una metodologia formativa, una vera e propria modalità di apprendere PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA

Dettagli

Programma Operativo Nazionale per la scuola INGHILTERRA SCOZIA IRLANDA MALTA FRANCIA GERMANIA SPAGNA

Programma Operativo Nazionale per la scuola INGHILTERRA SCOZIA IRLANDA MALTA FRANCIA GERMANIA SPAGNA INGHILTERRA SCOZIA IRLANDA MALTA FRANCIA GERMANIA SPAGNA Ente di Formazione accreditato dal MIUR Programma Operativo Nazionale per la scuola Programmi per soggiorni linguistici, stage lavorativi e tirocini

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 Progetto Descrizione Destinatari Valorizzazione della matematica Coinvolge tutto L Istituto; in particolare vede coinvolte le classi V^ della

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto English Podcast è stato finalizzato alla registrazione di file audio o video di lezioni in

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa

Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa 1974/2014 Quaranta anni di impegno per l'innovazione nell'apprendimento Liceo Scientifico F.Buonarroti Largo C.Marchesi Pisa 050570339- Fax 050570180 email: pips04000g@istruzione.it

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE 1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Codice meccanografico - RMPS 010004 Codice Fiscale 80222130587 Scheda -

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

I t a l i a n o L 2 I t a l i a n o p e r l e d i s c i p l i n e

I t a l i a n o L 2 I t a l i a n o p e r l e d i s c i p l i n e I t a l i a n o L 2 I t a l i a n o p e r l e d i s c i p l i n e E d u c a z i o n e a l l i n t e r c u l t u r a Docit s.r.l.s. propone laboratori e progetti didattici per l anno scolastico 2014-2015

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

3.2 D0CENTI DOCENTE EUROPEO: FORMAZIONE INIZIALE PER FUTURI DOCENTI DI SCUOLA SECONDARIA. CATENA DEL VALORE: 3. Attività di formazione, 5.

3.2 D0CENTI DOCENTE EUROPEO: FORMAZIONE INIZIALE PER FUTURI DOCENTI DI SCUOLA SECONDARIA. CATENA DEL VALORE: 3. Attività di formazione, 5. 2 D0CENTI DOCENTE EUROPEO: FORMAZIONE INIZIALE PER FUTURI DOCENTI DI SCUOLA SECONDARIA. CATENA DEL VALORE: Attività di formazione,. Placement 102 Il progetto, finanziato nell ambito del programma comunitario

Dettagli

CINEAMANDO LO SVILUPPO DELLA PERSONA ATTRAVERSO IL CINEMA

CINEAMANDO LO SVILUPPO DELLA PERSONA ATTRAVERSO IL CINEMA CINEAMANDO LO SVILUPPO DELLA PERSONA ATTRAVERSO IL CINEMA 1. PREMESSA Il nostro tempo è caratterizzato da continui e complessi cambiamenti culturali e dalla contemporanea disponibilità di numerose informazioni

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE SCHEDA RELAZIONE ATTIVITÁ SVOLTE DALLE COMMISSIONI GRUPPI DI LAVORO (art. 37 CCNI 31/8/99) DOCENTE: BECCARI SARA Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE Finalità

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale del progetto: Laboratorio di scrittura 1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto intendeva fornire competenze lessicali, grammaticali

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM Località Villaggio 84047 CAPACCIO (SA) - C.M. SAIC8AZ00C Tel. 0828725413/0828724471 Fax. 0828720747/0828724771 e-mail SAIC8AZ00C@istruzione.it Ascolta i bambini

Dettagli

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità Scuola secondaria di primo grado: "A. BROFFERIO" C.M. ATMM003004 C.so XXV Aprile, 2 ASTI Tel. e Fax 0141 21 26 66 Con sez. associata Martiri della Libertà Via G. Invrea, 4 - ASTI - Tel. e Fax 0141 21 12

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 9189 - CAE CERTIFICATE IN ADVANCED ENGLISH - C1

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 9189 - CAE CERTIFICATE IN ADVANCED ENGLISH - C1 CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 9189 - CAE CERTIFICATE IN ADVANCED ENGLISH - C1 Dati principali - Corso ID: 9189 - CAE CERTIFICATE IN ADVANCED ENGLISH - C1 ID Corso: Titolo corso: logia corso: Link

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 ALLEGATO 1 Progettazione del percorso Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 1. Analisi dei bisogni formativi. Il progetto Alternanza scuola-lavoro è un

Dettagli

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta!

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta! Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado Orientarsi in un mondo indeterminato vuol dire accettare il carattere paradossale della vita, fare delle scelte, consapevoli del loro

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Che cos è AIESEC? Cambiare il mondo tramite l educazione

Che cos è AIESEC? Cambiare il mondo tramite l educazione AIESEC Italia Che cos è AIESEC? Nata nel 1948, AIESEC è una piattaforma che mira allo sviluppo della leadership nei giovani, offrendo loro l opportunità di partecipare a stage internazionali con l obiettivo

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

1) Orientarsi nella scuola, conoscenza di spazi e persona della scuola secondaria

1) Orientarsi nella scuola, conoscenza di spazi e persona della scuola secondaria PROGETTO ORIENTAMENTO La scuola secondaria di primo grado è per sua finalità orientativa in quanto favorisce l iniziativa del soggetto per il proprio sviluppo e lo pone in condizione di conquistare la

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016 PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016 PROGETTO SPORT Classi prima seconda terza quinta Il progetto di avvale della consulenza e collaborazione di esperti di Educazione motoria della Polisportiva

Dettagli

Liceo Scientifico "Corradino D'Ascanio" Montesilvano

Liceo Scientifico Corradino D'Ascanio Montesilvano Liceo Scientifico Statale Galilei Pescara - Capofila - Liceo Scientifico Statale D Ascanio - Montesilvano Scuola Secondaria I Grado Rossetti-Mazzini Pescara Associazione Focolare Maria Regina onlus che

Dettagli

Denominazione: PROGETTO CERTIFICAZIONE PET (Preliminary English test) Livello B1

Denominazione: PROGETTO CERTIFICAZIONE PET (Preliminary English test) Livello B1 Denominazione: PROGETTO CERTIFICAZIONE PET (Preliminary English test) Livello B1 Macroarea: X A C D E 1. Responsabile/i del Progetto: Prof.ssa FRANCA LUCIANI 2.Finalità: ( descrivere le finalità che si

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

EDUCAZIONE DEGLI ADULTI EDUCAZIONE DEGLI ADULTI La proposta EDA, al fine di consentire una personalizzazione ed una differenziazione dei percorsi, è stata costruita secondo una logica modulare e flessibile, strutturata su un

Dettagli

PROGETTO L. INGLESE (Lab. alunni) Move on Trinity 2 RELAZIONE FINALE

PROGETTO L. INGLESE (Lab. alunni) Move on Trinity 2 RELAZIONE FINALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.MARCONI Via Gen.A.Di Giorgio, 4-90143 Palermo Tel e Fax: 091.6255080 e-mail : paic89300r@istruzione.it sito web: www.scuolamediamarconipa.gov.it COD.MEC.: paic89300r PROGETTO

Dettagli