LA PERCEZIONE DEL CIC PRESSO GLI STUDENTI. Ricerca effettuata presso gli istituti superiori appartenenti all ULSS 9 di Treviso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PERCEZIONE DEL CIC PRESSO GLI STUDENTI. Ricerca effettuata presso gli istituti superiori appartenenti all ULSS 9 di Treviso"

Transcript

1 LA PERCEZIONE DEL CIC PRESSO GLI STUDENTI Ricerca effettuata presso gli istituti superiori appartenenti all ULSS 9 di Treviso 1

2 Alcune osservazioni sui dati emersi dalla tabulazione del questionario sulla percezione del CIC tra i ragazzi degli Istituti Superiori dell ULSS 9 3 Il campione e il questionario 3 1. Per me il CIC è. 4 Riflessioni 6 2. Quando un ragazzo accede al CIC 6 Riflessioni 7 3. Mi piacerebbe che il CIC fosse 8 Riflessioni 9 4. Quando ho frequentato il CIC 9 5. Aspetti positivi e negativi del CIC 10 Riflessioni 11 2

3 Alcune osservazioni sui dati emersi dalla tabulazione del questionario sulla percezione del CIC tra i ragazzi degli Istituti Superiori dell ULSS 9 Report 25 giugno 2004 Il campione e il questionario Presentiamo una prima lettura dei dati ottenuti dalla somministrazione di un questionario rivolto agli studenti sulla percezione che essi hanno del CIC. La raccolta dati è stata effettuata nell arco di tempo compreso tra marzo e maggio Gli 11 istituti che hanno partecipato appartengono al territorio di competenza dell ULSS 9. Sono state tabulati 1077 questionari di studenti frequentanti le seguenti classi: dato non rilevato e appartenenti alle seguenti tipologie di scuole, Istituto Prof. 108 Istituto Tecnico Liceo 11 cfp (Si precisa che l istituto magistrale è stato fatto rientrare nell istruzione liceale) con questa distribuzione per sesso M aschi Femmine dato non rilevato 3

4 Dalla lettura dei dati emergono alcuni aspetti che meritano di essere attentamente considerati e sui quali occorrerà effettuare ulteriori analisi. Agli istituti che hanno partecipato all indagine saranno forniti i dati completi, su richiesta. È utile rapportare i dati complessivi alla situazione emersa all interno del singolo istituto con l avvertenza che all interno delle scuole ci sono modalità organizzative, relazioni e aspettative molto diverse delle quali occorre tener conto. Il questionario può essere considerato composto da cinque parti: 1. una prima parte Per me il CIC è, che vuole sondare come attualmente i ragazzi percepiscono il servizio del CIC all interno della loro realtà. 2. Una seconda parte Quando un ragazzo accede al CIC, in cui si richiede di individuare quali possono essere i sentimenti prevalenti di chi accede al CIC. In questi dati confluiscono sia elementi di realtà (ciò che il ragazzo ha effettivamente sperimentato su di sé oppure ciò che ha visto accadere agli altri), sia elementi ipotetici (supposizioni, immaginazioni, aspettative). 3. La terza parte Mi piacerebbe che il CIC fosse desidera indagare le aspettative rispetto al servizio: prevalgono gli aspetti legati al desiderio, al poter essere in modi diversi dagli attuali. 4. La quarta parte Quando ho frequentato il CIC chiede una valutazione dell esperienza ed è indirizzata esclusivamente ai ragazzi che hanno frequentato il CIC. 5. La quinta parte è indirizzata a tutti i compilatori del questionario e chiede di valutare complessivamente aspetti negativi e positivi del CIC. Altri dati, relativi alle modalità d accesso, tendevano a monitorare il grado di conoscenza dei ragazzi su come si accede al CIC. 1. Per me il CIC è. Per me, il Cic è Un iniziativa che non conosco bene 3,4 7. Un iniziativa inutile 2,0 6.Un servizio rivolto solo ai ragazzi in difficoltà 2,3 5. Uno spazio poco sfruttato dai ragazzi 4. Un servizio in cui è possibile chiedere e ricevere aiuto su problemi personali 3.Uno spazio in cui posso progettare delle attività insieme ad operatori e insegnanti 2.Un luogo in cui è possibile avere informazioni di vario tipo 2,7 3,4 3,3 4,0 1. Un occasione di incontro tra ragazzi/e 2,3 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 Stante l attuale situazione i ragazzi concepiscono il CIC come fortemente legato ad un intervento su problemi personali del singolo studente, anche se non esplicitamente diretto ai ragazzi in difficoltà. D altro canto riconoscono che è uno spazio poco sfruttato e di cui non si ha una conoscenza approfondita. 4

5 La percezione è che l iniziativa sia utile, ma prevalentemente legata ad avere una possibilità di informazione e di aiuto in situazione di difficoltà. Scarsa è la percezione della possibilità di utilizzare questo spazio/tempo per attività di progettazione o di incontro tra ragazzi. Se si pone in relazione la percezione del CIC con l effettivo accesso dei ragazzi al servizio le differenze più sensibili sono rilevabili all item 8 (come prevedibile) e all item 4. non ha frequentato ha frequentato 8. Un iniziativa che non conosco bene 7. Un iniziativa inutile 6.Un servizio rivolto solo ai ragazzi in difficoltà 5. Uno spazio poco sfruttato dai ragazzi 4. Un servizio in cui è possibile chiedere e ricevere aiuto su problemi personali 3.Uno spazio in cui posso progettare delle attività insieme ad operatori e insegnanti 2.Un luogo in cui è possibile avere informazioni di vario tipo 1. Un occasione di incontro tra ragazzi/e femmine maschi 8. Un iniziativa che non conosco bene 7. Un iniziativa inutile 6.Un servizio rivolto solo ai ragazzi in difficoltà 5. Uno spazio poco sfruttato dai ragazzi 4. Un servizio in cui è possibile chiedere e ricevere aiuto su problemi personali 3.Uno spazio in cui posso progettare delle attività insieme ad operatori e insegnanti 2.Un luogo in cui è possibile avere informazioni di vario tipo 1. Un occasione di incontro tra ragazzi/e I maschi risultano meno informati delle ragazze e più convinti che si tratti di un iniziativa inutile o legata solo a situazioni di difficoltà. 5

6 Riflessioni Gli insegnanti referenti hanno comunicato in sede di formazione che le scuole predispongono diverse azioni per pubblicizzare l iniziativa, tuttavia gli allievi dichiarano di non conoscere bene il CIC e hanno la percezione che non sia adeguatamente sfruttato. Ci sono delle ragioni che possono dar conto di queste percezioni? Si tratta di un servizio che, nella percezione degli allievi, è più legato a possibilità di avere informazioni o aiuto su problemi personali piuttosto che un occasione di confronto e progettazione di attività. Questa percezione corrisponde agli obiettivi dichiarati dal CIC? Se si esaminano gli items 5,6,7,8 che sono formulati in modo da evidenziare le criticità si nota che i maschi hanno una percezione degli aspetti negativi più elevata delle ragazze. D altro canto hanno anche una percezione del servizio più legata a modalità collettive di stare insieme, più progettuali e meno intimistiche. Questa diversa percezione del CIC può orientare verso un organizzazione che tenga conto della composizione per sesso del singolo istituto? 2. Quando un ragazzo accede al CIC Quando un ragazzo accede al CIC... 8.Si sente diverso 7. Teme che non gli sia garantita la riservatezza 2,6 2,7 6.Teme di non essere capito 5. Ritiene che gli argomenti che propone possano apparire banali all operatore 4.Deve assicurare l insegnante di classe che non è una scusa per perdere tempo 3.Teme di essere segnalato al consiglio di classe o al Preside 2.Ha paura del giudizio dei compagni 1.Si vergogna di farlo sapere agli insegnanti di classe 2,1 2,6 2,8 3,0 3,2 3,2 1,0 2,0 3,0 4,0 5, 0 Il grafico evidenzia tre punti interessanti. Il timore di una segnalazione al Preside o al Consiglio di classe è scarsamente diffusa. Si può inferire che gli studenti si sentano abbastanza tutelati dagli operatori CIC, oppure che un eventuale segnalazione non susciti particolari patemi d animo. Il dover fornire all insegnante di classe l assicurazione di non star perdendo tempo può segnalare sia una diffidenza dei docenti non coinvolti rispetto alle attività del CIC, sia la presenza di modalità di gestione che non garantiscono una facile accessibilità. Il ruolo dei compagni di classe (confermato poi al punto 4), che possono esprimere giudizi su chi accede, limita la fruibilità del servizio. Se si rapportano questi dati al sesso d appartenenza si evidenzia come le ragazze percepiscano con più intensità il giudizio sia del gruppo, sia dei docenti. I ragazzi sembrano essere più attenti alle questioni di tipo formale come la segnalazione al Preside o la giustificazione da fornire agli insegnanti. 6

7 femmine maschi 8.Si sente diverso 7. Teme che non gli sia garantita la riservatezza 6.Teme di non essere capito 5. Ritiene che gli argomenti che propone possano apparire banali all operatore 4.Deve assicurare l insegnante di classe che non è una scusa per perdere tempo 3.Teme di essere segnalato al consiglio di classe o al Preside 2.Ha paura del giudizio dei compagni 1.Si vergogna di farlo sapere agli insegnanti di classe Dall incrocio di questi dati con la classe di appartenenza non si rilevano sostanziali differenze tra le classi: i ragazzi di classe quinta sembrano avere complessivamente gli stessi timori degli studenti più giovani. prima seconda terza quarta quinta 8.Si sente diverso 7. Teme che non gli sia garantita la riservatezza 6.Teme di non essere capito 5. Ritiene che gli argomenti che propone possano apparire banali all operatore 4.Deve assicurare l insegnante di classe che non è una scusa per perdere tempo 3.Teme di essere segnalato al consiglio di classe o al Preside 2.Ha paura del giudizio dei compagni 1.Si vergogna di farlo sapere agli insegnanti di classe Riflessioni Se il dover rassicurare l insegnante è preminente ed è unito anche alla vergogna di farlo sapere agli insegnanti, come è possibile ovviare a questo e nello stesso tempo tutelare la scuola rispetto a possibili fughe dei ragazzi? Se il potere del gruppo è così forte da frenare l acceso per timore di essere giudicati, come è possibile agire affinché l influenza del gruppo sia ridotta oppure diventi facilitante e di sostegno a chi si rivolge al CIC? 7

8 3. Mi piacerebbe che il CIC fosse Esplora le aspettative che gli studenti hanno su questo servizio. Per una corretta lettura di questi items occorre considerare che probabilmente era la prima volta che i ragazzi riflettevano su quali altre possibilità possa avere il CIC. Per questa ragione le risposte possono essere il riflesso di un attività che comunque avviene già nell istituto e che è particolarmente apprezzata, oppure la scelta può essere avvenuta per contrapposizione a ciò che è prassi nell istituto e non è sufficientemente apprezzato. I singoli istituti, esaminando come i loro allievi hanno risposto e ponendo i dati in relazione a quanto avviene nel CIC e ai dati generali, possono formulare delle ipotesi attendibili. L idea che il CIC sia da considerare solo come occasione di un intervento per ragazzi con particolari problemi è rifiutata ed anzi c è una netta propensione per considerarlo come un servizio rivolto a tutti (item 4) e in cui non ci si debba sentire etichettati come ragazzi con problemi (item 5). Le proposte si orientano per un tempo/ spazio di confronto, sia con gli adulti, sia tra ragazzi. Una media elevata è ottenuta anche dall item 3 in cui si prospetta l ipotesi di uno spazio di informazione/documentazione che è abbastanza in linea con l organizzazione attuale di alcuni CIC. Anche le proposte di progettazione e di collaborazione con adulti (item 6 e2) sono abbastanza gradite. Mi piacerebbe che il CIC fosse... 8.Un occasione per promuovere le proprie capacità ed essere valorizzati 3,0 7.Un intervento specialistico rivolto solo ai ragazzi che esprimono problemi particolari 2,4 6.Un occasione per confrontarsi con gli adulti (referenti CIC) 5.Un servizio in cui i ragazzi non si sentono etichettati dagli insegnanti e dai compagni 4.Uno spazio aperto a tutti gli allievi per essere ascoltati (dagli insegnanti referenti) 3.Uno spazio in cui sia possibile accedere a informazioni e/o a documentazione 2.Uno spazio in cui gli operatori collaborano con i ragazzi per progettare attività 1.Uno spazio di libertà aperto ai ragazzi/e per incontrarsi e confrontarsi 3,2 3,2 3,0 3,2 3,7 3,8 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5 5,0 femmine maschi 8.Un occasione per promuovere le proprie capacità ed essere valorizzati 7.Un intervento specialistico rivolto solo ai ragazzi che esprimono problemi particolari 6.Un occasione per confrontarsi con gli adulti (referenti CIC) 5.Un servizio in cui i ragazzi non si sentono etichettati dagli insegnanti e dai compagni 4.Uno spazio aperto a tutti gli allievi per essere ascoltati (dagli insegnanti referenti) 3.Uno spazio in cui sia possibile accedere a informazioni e/o a documentazione 2.Uno spazio in cui gli operatori collaborano con i ragazzi per progettare attività 1.Uno spazio di libertà aperto ai ragazzi/e per incontrarsi e confrontarsi

9 Se si incrociano i dati con il sesso d appartenenza si rileva come le ragazze siano più interessate a forme di ascolto e confronto tra giovani e adulti (items 4, 6), mentre i ragazzi sembrano prediligere forme di aggregazione legate al fare qualcosa. I ragazzi hanno anche delle aspettative in merito al CIC come servizio legato ad un intervento specialistico. prima seconda terza quarta quinta 8.Un occasione per promuovere le proprie capacità ed essere valorizzati 7.Un intervento specialistico rivo lto so lo ai ragazzi che esprimo no pro blemi partico lari 6.Un o ccasio ne per confrontarsi co n gli adulti (referenti CIC) 5.Un servizio in cui i ragazzi non si sentono etichettati dagli insegnanti e dai co mpagni 4.Uno spazio aperto a tutti gli allievi per essere asco ltati (dagli insegnanti referenti) 3.Uno spazio in cui sia possibile accedere a informazioni e/o a documentazione 2.Uno spazio in cui gli operatori collaborano con i ragazzi per progettare attività 1.Uno spazio di libertà aperto ai ragazzi/e per incontrarsi e confrontarsi I ragazzi delle prime classi prime sembrano concepire il servizio come spazio aperto, negli allievi delle altre classi emerge l idea di un luogo dove sia possibile essere ascoltati (item 4) senza essere giudicati (item 5). Riflessioni Se gli studenti pensano al CIC come un servizio diretto alla totalità della popolazione giovanile, non specialistico, in quale misura l attuale organizzazione risponde a queste aspettative? Tenuto presente che le situazioni di difficoltà grave avranno comunque sempre bisogno di un supporto particolare, come è possibile andare incontro a queste esigenze? 4. Quando ho frequentato il CIC Potevano rispondere a queste domande soltanto i ragazzi che avevano avuto accesso al CIC. Tenuto presente che l affluenza non è stata molto ampia, sul totale di 1077 rispondenti solo 176 dichiarano di aver avuto accesso al CIC, con le percentuali sotto riportate (occorre pensare che questi dati sono spalmabili per il numero degli anni di frequenza di scuola). 2. Una sola volta 11% 3. Con una frequenza che va da 2 a 5 volte 5% 4. Più di 5 volte 1% Frequentazione del CIC 1. Non l ho mai frequentato 83% 9

10 Quando ho frequentato il CIC e.è stata rispettata la riservatezza 4,3 d.ho avuto un aiuto concreto per risolvere i miei problemi 3,3 c. È stata un occasione per chiarirmi i problemi 3,6 b. Ho avuto delle indicazioni utili 3,6 a.ho trovato persone che hanno saputo ascoltarmi 4,0 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5 Il grafico segnala che i ragazzi sono generalmente soddisfatti del servizio. La percezione di aver avuto un aiuto concreto regista la media più bassa. 5. Aspetti positivi e negativi del CIC Fra gli aspetti positivi maggiormente segnalati ci sono: la possibilità di avere un aiuto, la disponibilità degli insegnanti. I ragazzi apprezzano l'iniziativa, ritengono importante avere una persona disponibile per affrontare le situazioni di difficoltà, "qualcuno che ti può ascoltare, una persona con cui sfogarsi", un ragazzo rapporta questa esigenza ad un diffuso bisogno adolescenziale. Qualcuno segnala la presenza dei professori di religione come positiva perché il rapporto con loro è più amichevole; comunque, la presenza di un prof "simpatico" è segnalata come facilitante l accesso. Gli aspetti di criticità riguardano la scarsa pubblicizzazione e conoscenza del CIC, molti studenti lamentano di non essere sufficientemente informati sul CIC che si fa conoscere poco, dovrebbe essere più "spiegato", dovrebbe farsi più pubblicità. Quando si chiede di uscire per accedere al servizio molti professori accondiscendono di mala voglia, preferirebbero che lo studente non perdesse lezione: i professori potrebbero pensare che si frequenti il CIC solo per perdere tempo, questo è considerato evidente dal dover dare una giustificazione all'insegnante di classe per uscire. Il dover giustificare l'assenza dalla classe è considerato problematico, d'altro canto la collocazione oraria pomeridiana comporterebbe più problemi di spostamento. La collocazione del servizio durante le ore di scuola preclude l'accesso a quei ragazzi che sostengono di "non aver tempo", di aver timore del giudizio altrui, di non voler perdere ore di scuola. Particolarmente temuto è il giudizio del gruppo, far sapere alla classe che si va al CIC può significare essere esposti alle critiche, alle derisioni o alla curiosità: può essere condizionato dai compagni, ha timore di essere deriso, se ci sono i nostri insegnanti i compagni pensano che si va per adularli, i ragazzi si fanno troppi problemi relativi a come la pensa il gruppo". Influenza l'accesso anche il timore di non essere capiti, di "avere un'etichetta" di ragazzo con problemi, il timore che non sia rispettata la riservatezza, di dire cose banali: spesso il dialogo non c'è perché non si ha il coraggio di parlare, paura di non essere compresi, mi sento in imbarazzo 10

11 perché possono pensare che sono solo cavolate ; il servizio offerto è percepito come autolimitato naturalmente, perché nessuno può capire pienamente i nostri problemi. La percezione dell efficacia degli insegnanti come operatori CIC è un elemento di criticità: gli operatori in genere possono venire incontro agli studenti solo riguardo a questioni inerenti la scuola, gli operatori non sono specializzati, il dubbio che queste persone, comunque insegnanti, possono etichettarci per quello che diciamo o che vadano a dirlo al preside e genitori, lo vedo come un aiuto lontano e non concreto; è già difficile fidarsi di chi ti sta attorno e credo che sia ancora più difficile andare a parlare con insegnanti o con esperti che non sanno niente di te. Secondo me dovrebbero esserci solo persone esterne, non sono riusciti ad attirare tanto l'attenzione dei ragazzi, ancora dopo anni molti non sanno cos'è il CIC; molti insegnanti consigliano ad alcuni alunni di andare al CIC solo che sembra quasi che ti etichettino come un ragazzo con problemi. Molti presumono di aver difficoltà nel contattare al CIC gli insegnanti della propria classe perché hanno paura del loro giudizio: è il problema di far sapere i propri problemi agli insegnanti di classe, secondo me (un ragazzo) si può vergognare di dire i suoi problemi a insegnanti che lo vedono sempre. Un altro tema affrontato riguarda la gestione del dopo l accesso, quando occorre affrontare le aspettative e le curiosità degli altri: ci si sente diversi dagli altri perché quando torni in classe i compagni fanno troppe domande che possono imbarazzare, ti impongono (a volte) cosa devi fare, riferito agli insegnanti. Andare al CIC non comporta criticità... a parte il fatto di essere scoperti e che i professori ne parlino con il preside o comunque ai consigli di classe, oppure più semplicemente la classe sa che ti sei rivolto al CIC, i tuoi prof. si preoccupano e vogliono sapere. Riflessioni Si pongono alcune questioni importanti sia di natura organizzativo/gestionale, sia di tipo relazionale: Come far conoscere con più efficacia il servizio CIC agli studenti? Come coinvolgere gli studenti stessi nella pubblicizzazione del CIC? Come stabilire delle alleanze strategiche con tutti i docenti? Come contenere i normali timori che gli studenti hanno nel momento in cui richiedono aiuto? Come è possibile accreditarsi come docenti e operatori del CIC efficaci e competenti? È possibile riorganizzare i ruoli in modo che un docente CIC operi solo con studenti di cui non è insegnante di classe? Come ovviare al potere di latente coercizione del gruppo dei pari? Come salvaguardare la riservatezza dello studente e, nel contempo, poter garantire un sostegno allargato? 11

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI SERVIZIO DI MEDIAZIONE SCOLASTICA PLUS SARCIDANO E BARBAGIA DI SEULO Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI Classe 2 A Area supporto sociale e familismo Comprende gli item da

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Oggetto: relazione su analisi dei dati dei questionari di verifica relativi al progetto Mettiamoci nei loro panni - 2011

Oggetto: relazione su analisi dei dati dei questionari di verifica relativi al progetto Mettiamoci nei loro panni - 2011 Società Cooperativa Sociale CRISALIDE - ONLUS Sede Legale: Via Europa n. 228-24069 Luzzana (BG) cell. 3316643586-3298954439 - 3298885363 fax: 035 19962686 www.cooperativacrisalide.it - info@cooperativacrisalide.it

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE SULLA QUALITÁ DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA Questo questionario è rivolto a tutte le insegnanti della scuola e vuole essere un occasione di riflessione sulle variabili di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 Nome ROSAMARIA CONTI Funzione strumentale/referente progetto LIBERI DA LIBERI PER Ore stanziate dal Fondo d Istituto

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

IL MIO PERCORSO PERSONALE. Questionario Utenti Input

IL MIO PERCORSO PERSONALE. Questionario Utenti Input IL MIO CORSO SONALE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e del percorso di

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale REPORT EX ANTE 2015 Servizio civile nazionale Genere Età Titolo di studio Eventuali studi in corso IL CAMPIONE Genere VA Maschi 17 Femmine 45 TOTALE 62 Età degli intervistati 22 21 20 20 21 20 19 19-22anni

Dettagli

Autovalutazione di Istituto

Autovalutazione di Istituto Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose Cavalese-Predazzo Autovalutazione di Istituto Questionario per gli studenti Questionario per le famiglie Cavalese-Predazzo Anno scolastico 2011/2012 Indice

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Cocaina e il mondo della notte

Cocaina e il mondo della notte Cocaina e il mondo della notte Gruppo di ricerca formato da : Fabio Mariani e Claudio Marinelli Cooperativa Progetto sul cocainismo - Seconda Annualità anno 2009 FINALITA Emersione del cosiddetto sommerso

Dettagli

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.?

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.? Emozioni Consapevolezza sui propri problemi di studio Obiettivi.? Quali emozioni si provano nello studio? Come rilevato anche nel nostro gruppo di ricerca, le emozioni provate mentre si studia sono molteplici

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO

COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Istruzione e alle politiche giovanili COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO QUESTIONARIO PER GLI STUDENTI degli Istituti superiori

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email. I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.it CTI Monza, 20 Novembre 2015 Prima parte: comprendere

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti. a. s. 2014/15

Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti. a. s. 2014/15 Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti a. s. 2014/15 Il questionario genitori è stato somministrato durante il secondo colloquio quadrimestrale. Pertanto il campione esaminato è costituito

Dettagli

Questionari gradimento alunni attività di continuità e orientamento

Questionari gradimento alunni attività di continuità e orientamento Questionari gradimento alunni attività di contuità e orientamento ISTITUTO COMPRENSIVO DI LORETO APRUTINO Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 Grado An scolastico 212-213 Ti piacerebbe

Dettagli

ALUNNI GENITORI. F.S. Autovalutazione e autoanalisi d Istituto prof.ssa Irene Vizzarri

ALUNNI GENITORI. F.S. Autovalutazione e autoanalisi d Istituto prof.ssa Irene Vizzarri ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.1 6643 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 82/8118 Fax 82345 Cod.Fiscale 812146 Cod.Mecc. CHIC86P www.istitutocomprensivocasoli.it

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

PROGETTO PRIMO SPORT PADOVA. Conoscenza e gradimento del progetto da parte delle famiglie. Padova 8 aprile 2014

PROGETTO PRIMO SPORT PADOVA. Conoscenza e gradimento del progetto da parte delle famiglie. Padova 8 aprile 2014 Conoscenza e gradimento del progetto da parte delle famiglie Padova 8 aprile 2014 I motivi di un indagine con le famiglie Per monitorare utilità e efficacia dell investimento pubblico Perché la promozione

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 elaborazione dati dei QUESTIONARI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

I parte: alcuni risultati di un indagine (con collaborazione IARD) condotta su di un campione di 800 giovani modenesi 15-24 anni (universo 13.

I parte: alcuni risultati di un indagine (con collaborazione IARD) condotta su di un campione di 800 giovani modenesi 15-24 anni (universo 13. Comune di Modena Infanzia e Adolescenza 11 ottobre 2005 I parte: alcuni risultati di un indagine (con collaborazione IARD) condotta su di un campione di 800 giovani modenesi 15-24 anni (universo 13.000)

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

Come vivi il rapporto con il tuo corpo?

Come vivi il rapporto con il tuo corpo? Come vivi il rapporto con il tuo corpo? Come vivi il tuo corpo? Per alcuni è fonte di disaggio altri invece lo ostentano senza problemi. Questo test ci svela una parte intima di noi stessi, e ci fa capire

Dettagli

Servizio Promozione Educazione alla Salute

Servizio Promozione Educazione alla Salute U.O.C Materno-Infantile Servizio Promozione Educazione alla Salute Relazione finale attività svolte nelle Scuole anno scolastico 2009/10 PREMESSA Tutti i bambini e i giovani hanno diritto e dovrebbero

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

Relazione sui risultati dell indagine nelle scuole del Medio Polesine

Relazione sui risultati dell indagine nelle scuole del Medio Polesine PROGETTO BULLISMO Relazione sui risultati dell indagine nelle scuole del Medio Polesine A cura di Gianluca Gini Facoltà di Psicologia, Università degli Studi di Padova L attenzione per il fenomeno del

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Sistema qualità IC 16 Verona

Sistema qualità IC 16 Verona Sistema qualità IC 16 Verona Formazione 2012-2013 Report dei questionari di gradimento somministrati al Collegio dei Docenti del 21/06/2013 Studio 06 Giugno 2013 Anno Scolastico 2012-2013 Introduzione

Dettagli

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico AUTORI: prof.ssa Francesca Ercoli, Pitscheider Christian, Di Marino Luca, Massacci Sara, Rautmann Anna. INTRODUZIONE:

Dettagli

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO B5 queste schede ti aiuteranno a scoprire quanto sia utile autointerrogarsi e autovalutarsi potrai renderti conto di quanto sia utile porsi domande per verificare la propria preparazione se ti eserciterai

Dettagli

Fondazione don Silvano Caccia Onlus C. F. 93014840131 P. IVA 03480440134

Fondazione don Silvano Caccia Onlus C. F. 93014840131 P. IVA 03480440134 SPORTELLO D ASCOLTO Istituto Superiore Sant Elia Cantù A.S. 2013-2014 RELAZIONE CONCLUSIVA Nell anno scolastico 2013/14, a partire da ottobre 2013 fino a giugno 2014, il di Cantù ha realizzato presso l

Dettagli

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 Questionari per: - docenti dell istituto - alunni classi terze secondaria - genitori classi terze secondaria Composti da tre punti di analisi con 8 domande

Dettagli

Gentile Dirigente Scolastico,

Gentile Dirigente Scolastico, Gentile Dirigente Scolastico, grazie per aver aderito al progetto Valutazione e Miglioramento, un progetto dell INVALSI finanziato con il contributo dei fondi europei PON. Come sa, l obiettivo del progetto

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre Nel mese di Luglio, a chiusura del secondo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

Progetto LLP-LDV-TOI-09-IT-0448 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti

Progetto LLP-LDV-TOI-09-IT-0448 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Progetto LLP-LDV-TOI-09-IT-0448 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Il docente agli occhi dello studente Due scuole partner hanno somministrato il questionario Il docente agli

Dettagli

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REFERENTI DOTT. REBOLINI, DOTT. LORENZOTTI, DOTT.SSA CELLE Durante l attività di Prevenzione

Dettagli

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Totale rappresentanti genitori: 22 Totale questionari cartacei distribuiti: 22 Totale questionari ricevuti:

Dettagli

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008 Maggio e Dicembre 00 AUDIMOVIE: fase periodica Maggio e Dicembre 00 Maggio e Dicembre 00 Obiettivi La ricerca estensiva periodica sul cinema svoltasi nei mesi di Maggio e di Dicembre 00 ha inteso esplorare

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Questionario insegnante

Questionario insegnante Questionario insegnante Anno Scolastico 2014/15 INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini, 5 Villa Falconieri 00044 Frascati (Roma)

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA A.S. 2013/2014 QUESTO FASCICOLO APPARTIENE A CLASSE PRIMA

PROGETTO ACCOGLIENZA A.S. 2013/2014 QUESTO FASCICOLO APPARTIENE A CLASSE PRIMA ZENALE e BUTIINONE EENNTTEE CCEERRTTIIFFII CCAATTOO SSIISS TTEEMMAA QQUUAALLII TTAA IISSOO 99000011: :22000088 ACCREDITATO REGIONE LOMBARDIA TEST CENTER AICA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

U.D.U. Unione Degli Universitari Bari

U.D.U. Unione Degli Universitari Bari 1. A quale Corso di Laurea appartieni? Informatica N.O. Informatica e Comunicazione Digitale Informatica e Tecnologie per la Produzione del Informatica V.O. Laurea Specialistica in Informatica ( I Anno

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008

Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008 Istituto Comprensivo Dante Alighieri Via Giustiniano7 -Trieste Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008 I questionari sono stati distribuiti agli alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIUSEPPE GARIBALDI

ISTITUTO COMPRENSIVO GIUSEPPE GARIBALDI ISTITUTO COMPRENSIVO GIUSEPPE GARIBALDI VIA ABRUZZI 41, FRAZ. SCALO 81059 VAIRANO PATENORA (CE) SISTEMA QUALITA AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO 1 QUESTIONARIO ALUNNI anno scolastico 2010/2011 2 Da considerare

Dettagli

La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica

La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica Gli esiti della rilevazione 2012-2013 Anna Maria Milito 26 novembre 2013 La rilevazione dell opinione degli studenti sulla didattica Importanza

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Per i giovani e il loro futuro, per le scuole secondarie di primo grado d Italia CENPIS STUDIO PSICOLOGIA E PSICOSOMATICA

Per i giovani e il loro futuro, per le scuole secondarie di primo grado d Italia CENPIS STUDIO PSICOLOGIA E PSICOSOMATICA Per i giovani e il loro futuro, per le scuole secondarie di primo grado d Italia a cura del Prof Antonio Popolizio Progetto nazionale di orientamento a cura di CENPIS STUDIO PSICOLOGIA E PSICOSOMATICA

Dettagli

A cura di dott.ssa Simona Diana, psicologa referente peer education AUSL MO Area Nord e Area Centro.

A cura di dott.ssa Simona Diana, psicologa referente peer education AUSL MO Area Nord e Area Centro. Progetto: Educazione tra pari in tema di affettività, sessualità e tutela della salute riproduttiva (con eventuale integrazione a progetto SerT- scuole libere da alcol in alcuni Istituti scolastici) A

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE CLASSE 4^ A -Soresina AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE FINALITA' Riflettere sulla propria identità - maschio-femmina- per imparare a valorizzare le differenze come un'opportunità

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

TIMSS & PIRLS 2011. Questionario studenti. Field Test. Classe quarta primaria. Etichetta identificativa

TIMSS & PIRLS 2011. Questionario studenti. Field Test. Classe quarta primaria. Etichetta identificativa Etichetta identificativa TIMSS & PIRLS 2011 Field Test Questionario studenti Classe quarta primaria Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione via Borromini,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo Benessere Organizzativo Grazie per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere organizzativo. Rispondere alle domande dovrebbe richiedere non più di 15-20 minuti. Attraverso il questionario

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

MONITORAGGIO DOCENTI PERSONALE ATA - GENITORI - ALUNNI Anno scolastico 2012/2013

MONITORAGGIO DOCENTI PERSONALE ATA - GENITORI - ALUNNI Anno scolastico 2012/2013 MONITORAGGIO DOCENTI PERSONALE ATA - GENITORI - ALUNNI Anno scolastico 2012/2013 All interno di un più ampio progetto di autovalutazione dell Istituto, non può mancare l indagine sulla qualità della scuola

Dettagli

La scuola italiana della provincia di Bolzano

La scuola italiana della provincia di Bolzano AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Italienisches Bildungsressort Landes-Evaluationsstelle für das italienischsprachige Bildungssystem PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt Educazion y formaziun

Dettagli

Art. 1 D.D.G. Prot. N 5735/1 del 18.07.2008. Scuole Polo Oltre le emergenze - Attività di Formazione per docenti a.s. 2008/2009.

Art. 1 D.D.G. Prot. N 5735/1 del 18.07.2008. Scuole Polo Oltre le emergenze - Attività di Formazione per docenti a.s. 2008/2009. Allegato alla Comunicazione Prot. n 169 del 12.01.09 Art. 1 D.D.G. Prot. N 5735/1 del 18.07.2008 Scuole Polo Oltre le emergenze - Attività di Formazione per docenti a.s. 2008/2009 Scheda Progetto Istituzione

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

La famiglia davanti all autismo

La famiglia davanti all autismo La famiglia davanti all autismo Progetto Ministeriale di Ricerca Finalizzata - 2004 (ex art. 12 bis d. lgs. 229/99) Ente Proponente Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Responsabile

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

Questionario Insegnante-Alunno

Questionario Insegnante-Alunno Questionario Insegnante-Alunno A cura di Silvia Spaziani (TPRI: The Teacher Pupil Relationship Inventory): modulo per lo studente di G. T. Barrett- Lennard Introduzione Godfrey T. Barrett-Lennard Ph.D.,

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli