L ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO NELLE SCUOLE DELLA PROVINCIA DI TORINO: PROBLEMI E PROSPETTIVE DI SVILUPPO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO NELLE SCUOLE DELLA PROVINCIA DI TORINO: PROBLEMI E PROSPETTIVE DI SVILUPPO"

Transcript

1 L ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO NELLE SCUOLE DELLA PROVINCIA DI TORINO: PROBLEMI E PROSPETTIVE DI SVILUPPO MARCO MASUELLI INDICE: Introduzione al problema pag. 1 L alternanza come equivalenza di percorsi formativi pag. 3 Tipologie possibili di percorsi formativi equivalenti in regime pag. 5 Alcune questioni critiche pag. 7 Introduzione al problema La questione dell alternanza scuola/lavoro e dei suoi possibili sviluppi deve essere affrontata a partire dalle esperienze in corso poiché è da esse che può essere generata la matrice delle iniziative capaci di realizzare nel tempo gli obiettivi stabiliti dall art. 4 della legge 53, obiettivi ridefiniti rispetto alle linee applicative nel D. Lgs n. 77. Le esperienze di tirocinio/alternanza scuola/lavoro che sono state realizzate in questi ultimi anni dagli istituti scolastici di II grado nella provincia di Torino sono molteplici e varie. Tali esperienze fanno capo sia ad iniziative proposte dai diversi soggetti istituzionali in ordine all esigenza, ampiamente condivisa, di coniugare istruzione e lavoro in modo sempre più stretto, sia all autonoma determinazione delle scuole in rapporto ai curricoli formativi ed alle opzioni adottate nel Piano dell offerta formativa. Sul piano della finalizzazione e dei contenuti le esperienze che rientrano nel grande capitolo delle relazioni scuola/lavoro, tirocini, alternanza in atto nel sistema scolastico e della formazione professionale (usiamo questa classificazione non essendo ancora in vigore al momento il Decreto legislativo che in applicazione dell art. 2 della legge 53/03 riunisce in un unico sistema l istruzione e la formazione professionale ) possono essere ricondotte a cinque filoni fondamentali. E importante sottolineare che se l alternanza scuola lavoro, così com è configurata nell art. 4 della legge 53 e, a maggior ragione ancora, nel D. Lgs 77/05, rappresenta un salto di qualità rispetto al tradizionale assetto delle relazioni scuola lavoro, al punto da non potersi connotare Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 1

2 semplicemente come un capitolo nuovo di tali relazioni, tuttavia è difficile immaginarne uno sviluppo nel senso delineato dalla normativa di riforma senza una forte relazione con le esperienze realizzate. Ciò è tanto più necessario sul piano progettuale considerato che se alle scuole, cioè ai docenti, concretamente compete, sia pure in partnership con gli operatori delle imprese, la realizzazione delle iniziative di alternanza, non è possibile richiedere loro di percorrere una strada nuova che non sia in qualche misura collegata con i sentieri percorsi negli ultimi anni nella gestione delle esperienze di scuola-lavoro. Tali esperienze, si diceva, fanno capo a cinque filoni fondamentali, fra di loro variamente intrecciati con caratteristiche anche originali di implementazione di aspetti qualificanti sul piano formativo. a) Esperienze di orientamento, volte ad illustrare le caratteristiche di un determinato ambiente produttivo (visite aziendali di tipo generale, presentazione di video, conferenze di testimoni qualificati, ecc.). Tali possono essere definite le iniziative che, per lo più ma non esclusivamente, si attuano nel biennio iniziale degli istituti tecnici e professionali per un percorso di semplice avvicinamento, mentre nei successivi segmenti esse costituiscono occasioni di approfondimento per la formazione di determinate competenze trasversali degli studenti. b) Esperienze di approfondimento tematico/disciplinare o formazione e/o sviluppo di una certa competenza tecnico/professionale, consistenti in: visite aziendali mirate a determinati aspetti della produzione e del lavoro, video e videoconferenze aventi le medesime caratteristiche, lezioni di esperti, stage aziendali di durata breve e fortemente tematizzati, ecc. Queste esperienze sono più sviluppate nel triennio conclusivo degli studi, con accentuazioni notevoli nella seconda metà del quarto anno e all inizio del quinto. Talora anche nel terzo, quando il percorso formativo assume in modo più marcato un carattere di terminalità con il conseguimento della qualifica professionale. c) Stage aziendali di medio/lunga durata (da numerose settimane ad alcuni mesi) con la caratteristica di raccordare formazione culturale e teorica attraverso l approfondimento sul campo di metodi della produzione e del lavoro. Rientrano in questa fattispecie tutte le iniziative che si svolgono tra il quarto e il quinto anno negli istituti tecnici e professionali nei quali, tra l altro, lo stage è obbligatorio ai fini del completamento del curricolo formativo nella misura di almeno 200 ore nell arco del biennio post-qualifica. Rientrano anche le esperienze dette di tirocinio nel terzo anno di qualifica degli istituti professionali, anche se esse hanno una maggiore elasticità ed una minore durata delle altre (fino a 3 settimane al max.). d) Gestione di un processo di lungo periodo (almeno biennale) di simulazione d impresa il più possibile ampio e completo rispetto Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 2

3 all ambito di specializzazione prescelto avente forti momenti di intreccio con l impresa reale, tali da includere via via anche i momenti precedenti. Sulla simulazione d impresa, per altro, occorre una precisazione preliminare data la possibile vaghezza che il termine induce. Con simulazione di impresa deve intendersi quel complesso di procedure formative che compongono la cosiddetta impresa formativa simulata, secondo le modalità definite nel progetto varato alcuni anni or sono dal Ministero dell istruzione, attuato in un primo tempo in un certo numero di istituti professionali ed esteso successivamente anche agli istituti tecnici. Tali procedure prevedono la realizzazione di un progetto di impresa in ogni sua componente fondamentale: costituzione dell azienda, definizione del mercato, businnes plan, produzione e amministrazione, finanziamenti, applicazione delle normative sulla sicurezza e la privacy, ecc. e) Sviluppo di un processo formativo, svolto direttamente nella scuola o, in rarissimi casi, anche in azienda e in stretta collaborazione con essa, nel quale sussistono momenti ricorrenti, abituali e consolidati che coniugano cultura professionale e lavoro in un unica attività ( aula e officina come ambiente unitario); in questo caso l impresa reale avente i propri fini produttivi è il luogo che fonde momento didattico e formativo da un lato e preparazione al lavoro, dall altro. Si tratta ovviamente di esperienze alquanto avanzate, limitate al momento a pochi casi, che presentano particolare interesse ed evidenza nel settore agrario, in quello della ristorazione, talora anche in quello industriale. L alternanza come equivalenza di percorsi formativi L art. 4 della L. 53/03 ha introdotto l alternanza scuola/lavoro fra le metodologie spendibili nella formazione dei giovani rispetto al diritto/dovere fino al 18mo anno di età all istruzione e alla formazione. A tale riguardo le novità più consistenti sono nella considerazione dell alternanza scuola/lavoro come momento formativo autonomo e nella sua generalizzazione nei costituendi due sistemi. In particolare, a tale prospettiva si riferisce la prima finalità indicata nel Decreto, la quale fa espressamente riferimento ad esperienze di alternanza che abbiano carattere di equivalenza rispetto alla formazione in aula ( Attuare modalità di apprendimento flessibili ed equivalenti sotto il profilo culturale ed educativo che colleghino sistematicamente la formazione in aula con l esperienza pratica ). In ordine a tale finalità non v è dubbio che le iniziative di alternanza che verranno promosse rappresentano una scommessa rilevante sia per le scuole sia per le imprese. Per le prime, poiché esse determinano il superamento definitivo di una concezione della formazione essenzialmente scuolacentrica, imperniata sui saperi disciplinari, sulla trasmissione delle Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 3

4 nozioni e sulla loro elaborazione in aula, su metodi e forme di valutazione per lo più ripetitive, senza particolare risalto per gli aspetti di ordine progettuale o applicativo, con conseguente inevitabile sottovalutazione delle componenti trasversali o generali delle competenze spendibili nel mercato del lavoro. Per le imprese, la scommessa sta nell acquisizione di un diritto di cittadinanza non solo nella determinazione delle politiche della formazione cosa che già da tempo avviene ma anche nella corresponsabilità della gestione di processi formativi nei confronti di soggetti che non rappresentano ancora una forza-lavoro attiva nel circuito produttivo, processi non finalizzati, dunque, alle sole politiche di impresa. Si tratta, come ben si può vedere, di sfide alte destinate ad innestare una sorta di mutazione genetica all interno di questi mondi, i cui effetti sono ancora tutti da individuare. Tralasciando al momento la considerazione delle altre finalità descritte nel citato art. 2 del Decreto (arricchire la formazione con l acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro, favorire l orientamento dei giovani, realizzare un organico collegamento delle istituzioni scolastiche e formative con il mondo del lavoro, correlare l offerta formativa al territorio), le quali sono in stretta relazione di contiguità o di corrispondenza con la prima, può essere utile individuare gli scenari possibili di applicazione e sviluppo di tale finalità, anche in riferimento alle esperienze precorse che più siano riferibili ad essa. Una prima distinzione va rilevata in riferimento alla definizione dei destinatari delle iniziative di alternanza nel senso della equivalenza : 1) singoli studenti o piccoli gruppi di studenti; 2) l intera classe o, addirittura, raggruppamenti di classi, anche di scuole diverse (reti). La distinzione non è marginale in quanto il trattamento dei due diversi ambiti richiede, da parte delle scuole, approcci organizzativi, linee di azione, professionalità da mettere in gioco, abbastanza diversificato. L uno e l altro ambito, per altro, sono pienamente compatibili è bene precisarlo subito con le indicazioni espresse nelle Linee guida recentemente emanate dalla Direzione generale dell Istruzione del Miur per il Piemonte (Circolare prot. n 6074/p/c129 del 30 maggio 2005), in accompagnamento al bando per il finanziamento dei progetti di alternanza, che definiscono, opportunamente, le procedure necessarie all accreditamento dei progetti sia rispetto al contesto interno sia rispetto all esterno. Altra distinzione importante riguarda la collocazione delle iniziative di alternanza rispetto all articolazione del curricolo formativo durante l obbligo (diritto/dovere), sia che esso si riferisca ad un percorso quinquennale (con esame di Stato conclusivo) di liceo o istituto tecnico o professionale, sia ad un percorso di più breve durata e limitato al conseguimento di una qualifica professionale. Anche in questo caso le procedure indicate nelle Linee guida sono le stesse, eppure notevole è la diversità di azioni organizzative e di strumenti di gestione da adottare. Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 4

5 Infine, un ulteriore distinzione va operata in relazione al rapporto domanda/offerta delle iniziative di alternanza, posto che il processo si attiva su base volontaria e non per meri adempimenti prescritti. A seconda che siano le scuole a proporre, oppure gli studenti (o le loro famiglie) a richiedere la realizzazione di un progetto di alternanza, possono verificarsi diverse tipologie che diversificano i modelli di attuazione. Un ultima osservazione, che vale per tutte le diverse circostanze in cui l alternanza verrà ad essere attuata, è relativa alla dimensione pedagogica dei progetti e al valore che tale dimensione assume nella formazione dei giovani. L alternanza, infatti, al di là delle pur fondamentali implicazioni di ordine culturale ed economico, rinvenibili nella necessità di saldare maggiormente il rapporto fra formazione e lavoro come interfacce della problematica sempre più complessa di costruzione delle politiche formative nell era della mondializzazione, trova una sua principale ragione di affermazione nel fatto di rappresentare una concreta opportunità di perseguimento del successo formativo. Se, assai opportunamente, il legislatore ha ritenuto che l intero processo di formazione in alternanza sia governato dalle istituzioni scolastiche e che in esse abbia la sua sede naturale di riferimento, non v è dubbio che tale nuova responsabilità delle scuole vada spesa non solo in funzione degli oneri gestionali ed organizzativi ma soprattutto nei confronti delle più ampie opportunità offerte ai giovani per arricchire la propria formazione in funzione di un traguardo anche formalmente definito (qualifica professionale, diploma di Stato). Da questo punto di vista la gestione formativa del processo presenta non pochi problemi da affrontare con le dovute competenze e con la massima chiarezza intorno agli obiettivi da perseguire. Tipologie possibili di percorsi formativi equivalenti in regime di alternanza E evidente che a fronte delle variabili prima rilevate occorre individuare le possibili tipologie di iniziative di alternanza, secondo la finalità principale che abbiamo prima rilevato, sulle quali elaborare modelli di attuazione che presentino il massimo di versatilità, traferibilità, generalizzazione, tali da consentire, per una partita che si preannuncia complessa, anche le opportune economie di scala nell impiego delle risorse professionali e finanziarie da parte delle scuole e delle aziende. Ad una prima sommaria rilevazione le tipologie di alternanza individuabili in base all incrocio delle diverse variabili che abbiamo segnalato sono le seguenti: 1. L alternanza come percorso alternativo alla formazione scolastica per studenti a rischio di dispersione, soprattutto nel percorso iniziale della secondaria di II grado. Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 5

6 2. L alternanza come momento obbligato della formazione scolastica nel tragitto conclusivo di un percorso di qualifica. 3. L alternanza come strumento didattico di accompagnamento di una parte significativa del curricolo formativo nel biennio conclusivo della secondaria. 4. L alternanza come ambito formativo autonomo e sistematico nel biennio conclusivo della secondaria. 5. L alternanza come opzione particolare di attuazione del curricolo individuale durante l intero percorso formativo per il conseguimento della qualifica professionale o del diploma di Stato, in particolare durante il periodo terminale del corso di studi. E evidente che le tipologie individuate presentano caratteristiche progettuali e di attuazione anche fortemente differenziate sulle quali le scuole dovranno adeguatamente riflettere in vista di una pluralità di modelli spendibili nel proprio ambito operativo. In particolare vanno presentate alcune osservazioni preliminari su ciascuna di esse. 1. La prima tipologia (l a. come percorso alternativo) ha una forte valenza sul piano di una strategia volta alla massima realizzazione possibile del successo formativo e rappresenta una concreta alternativa, auspicabilmente migliore, ai tanti progetti messi in cantiere per contenere la dispersione scolastica; essa presuppone un incontro efficace fra domanda e offerta, nel senso che l offerta (il progetto della scuola) dovrebbe, in qualche misura, anticipare la domanda (l adesione degli allievi a rischio di dispersione al progetto) e porsi come opportunità non solo utile, ma appetibile, capace di mantenere il carattere dell inclusività, della partecipazione, della corrispondenza. E fin troppo facile osservare che tale tipologia si presenta come la sfida più impegnativa per le scuole. 2. La seconda tipologia (l a. come obbligo del curricolo) presenta qualche interessante esperienza anticipatrice in taluni istituti professionali in cui viene organizzato, durante il terzo anno prima del conseguimento della qualifica, un tirocinio obbligatorio della durata di alcune settimane o, in altre situazioni, parcellizzato in numerosi segmenti più brevi distribuiti durante l intero anno, considerato come parte integrante del curricolo formativo e necessariamente propedeutico all ammissione all esame di qualifica. Rispetto a tali contesti i progetti di alternanza, secondo la nuova normativa, non dovranno che sviluppare coerentemente le esperienze attuate rimodellandole secondo le nuove finalità perseguibili. 3. La terza tipologia (l a. come strumento di accompagnamento) è imperniata sulla sostituzione di parti della formazione d aula con la formazione sul lavoro, eminentemente nelle discipline tecnico- Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 6

7 professionali o comunque di indirizzo, nelle quali aspetti importanti dei programmi sono svolti in modo attivo e induttivo, diverso comunque dalle tradizionali metodologie didattiche. Evidentemente, tale tipologia esige di essere attuata in momenti in cui la complessità tecnologica ed operativa del sistema produttivo può essere adeguatamente avvicinata da parte dei giovani, con competenze generali e di settore già sufficientemente consolidate, senza le quali la sostituzione prevista si rivelerebbe improduttiva. Inoltre, tale tipologia, che può essere predisposta sia per piccoli gruppi di studenti sia per l intera classe, esige un sensibile valore aggiunto nella preparazione culturale professionale che faccia ritenere utile e produttivo l investimento effettuato dalle scuole e dalle aziende. 4. La quarta tipologia (l a. come ambito formativo autonomo) è simile alla seconda ma se ne differenzia per intensità e durata, oltre che per spessore e significatività. Essa si innesta sull esperienza attuata negli istituti professionali nell area di professionalizzazione e, in parte, negli istituti tecnici nell area di progetto. Tale esperienza dovrebbe essere rifinalizzata e potenziata con il conseguente adeguamento degli strumenti di attuazione, delle responsabilità operative nella gestione del processo e, soprattutto, con la ridefinizione del curricolo formativo. E evidente che tale tipologia, riferendosi a classi intere ed assumendo caratteristiche di implementazione necessaria del curricolo formativo, richiede strategie organizzative consistenti a livello di istituzione scolastica. In tale tipologia possono essere utilmente inseriti i progetti di impresa formativa simulata. 5. La quinta tipologia (l a. come opzione individuale) ha la connotazione di una marcata iniziativa personale da parte dello studente che se ne vuole avvalere con elevata variabilità degli elementi di composizione del percorso, tale da richiedere alle scuole una forte adattabilità alle diverse e non sempre prevedibili articolazioni della domanda. E questo il caso in cui la domanda precede l offerta senza avere, per altro, garanzie preventive di accoglienza poiché è difficile pensare che le scuole siano in condizione, almeno nel breve e medio periodo, di organizzarsi per qualsiasi tipo di richiesta. Alcune questioni critiche Le tipologie qui evidenziate, oltre a far riferimento (la seconda, la terza e la quarta) ad alcune delle più significative esperienze in corso nella relazione scuola/lavoro, tengono conto delle situazioni di più elevata probabilità di attivazione dell offerta (la prima e la quinta) da parte delle scuole nei confronti della propria utenza. Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 7

8 Inoltre va osservato che mentre nelle tipologie prima e quinta l equivalenza dei percorsi formativi in alternanza va più intensamente posta in relazione con i piani di studio personalizzati, nelle altre, tale relazione, che pure è fondamentale, trova momenti forti di mediazione con la programmazione di classe e quindi può essere più agevolmente standardizzata. Per altro, non sfugge il fatto che in tali medesime tipologie l equivalenza è in qualche modo programmata a priori attraverso la cessione di quote del curricolo delle discipline alla formazione in alternanza, mentre nelle altre due l equivalenza degli apprendimenti, ancorché preventivamente definita negli obiettivi e scandita attraverso la contestualizzazione del percorso formativo in moduli articolati in unità di apprendimento, espresse in termini di conoscenze, abilità e competenze, elaborando percorsi personalizzati, appare di più complessa gestione e difficile controllo proprio per l elevato tasso di individualizzazione che tali forme di alternanza comportano. Come si vede, la molteplicità e la varietà delle tipologie di alternanza porterà le scuole ad un complesso e articolato lavoro di progettazione (macro e micro), di gestione delle situazioni e dei casi individuali, di verifica e controllo dei risultati. E lecito pensare che il percorso non sarà lineare, anche perché, al di là della specifica conduzione di ciascuna situazione di alternanza che già di per sé, come illustrano ampiamente le Linee guida della Direzione generale del Miur, comporta procedure e operazioni ampie sullo sfondo si presentano numerosi problemi di carattere preliminare che vanno opportunamente tenuti presenti e affrontati con adeguata determinazione, al fine di evitare che la costruzione dei percorsi anche la migliore non imbatta poi in difficoltà insuperabili che appartengono alle condizioni di contorno e di contesto. Proviamo ad enunciarli brevemente per come essi si presentano ad una prima riflessione. 1. La motivazione dei docenti e delle scuole Il capitolo sulle motivazioni per l alternanza da parte dei soggetti coinvolti è quello più delicato. In tale contesto quello delle motivazioni dei docenti e quindi, delle scuole, per effetto del loro atteggiamento, si presenta particolarmente cruciale. L alternanza, alla stregua di altri processi di riforma, anche se già pienamente disegnata sul piano normativo e amministrativo, non può assumere la veste di una concreta opportunità formativa se i docenti non sono in prima persona coinvolti nel processo. E lecito chiedersi quali siano le ragioni profonde che possono indurre non tanto alcuni singoli docenti, che individualmente sono comunque disponibili in ogni scuola, ma gruppi interi, consigli di classe, una massa critica cioè capace di trascinare il processo dell alternanza non solo verso prassi consolidate ma verso una nuova cultura del servizio scolastico che vede i docenti, per effetto del principio di equivalenza su cui si regge Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 8

9 l alternanza, in una posizione di partnership obbligata del processo didattico e formativo con soggetti esterni alla scuola. E evidente che questo problema deve essere affrontato con strategie congrue da parte dell amministrazione, scolastica e non, al fine di non sortire l esito deludente di altri provvedimenti riformatori, tanto più considerando che l alternanza non può essere imposta come un obbligo, ma solo proposta come una opportunità di arricchimento dell offerta formativa ed è del tutto opinabile che essa, di per sé, possa contribuire a rafforzare l immagine e l identità della scuola in ambito locale e quindi ad essere un fattore automatico di sviluppo. In riferimento a tale questione, in particolare, si pensi alle difficoltà che potrebbero sussistere rispetto alla giusta ma fin troppo enfatizzata titolarità dei licei nel partecipare alle iniziative di alternanza. Inoltre, nel generale contesto dell alternanza, è necessario approfondire il ruolo strategico che potranno assumere i dirigenti scolastici e le funzioni strumentali per l avvio, la tenuta e il consolidamento del processo. Infine, il ruolo del docente tutor, che è figura tanto indispensabile per la gestione dei singoli progetti quanto evanescente sul piano contrattuale. Sarà sufficiente la contrattazione di istituto a definirne lo status retributivo in rapporto ad un ruolo professionale che è ancora tutto da inventare? C è il rischio concreto, per la partita dell alternanza, di trovarsi di fronte a situazioni di rifiuto analoghe a quelle del nuovo ordinamento della primaria e della secondaria di primo grado? 2. La motivazione delle imprese Speculare a quella dei docenti e delle scuole è la motivazione delle imprese (imprenditori, dirigenti, quadri) al di là, quindi, delle adesioni all alternanza finora manifestate da parte delle rappresentanze associative e dell impegno che le medesime hanno già manifestato per avviare il processo. Con una prevedibile inversione di comportamenti rispetto alle scuole. Mentre queste potrebbero essere restie nella fase iniziale, ma sostanzialmente disponibili via via, le imprese, invece, potrebbero dichiararsi tendenzialmente disponibili all inizio per chiudere o diminuire gli spazi di collaborazione nel corso delle iniziative. L alternanza, com è noto, non consente di instaurare rapporti di lavoro. Non v è dubbio che essa, per le imprese, rappresenti un investimento tanto vitale sul piano della diffusione di una cultura e di una pratica del lavoro, i cui benefici sono di lungo periodo, quanto povero di ritorni nel breve e nel medio periodo. Quale tipo di indennizzo le imprese potrebbero rivendicare per partecipare alle iniziative, quantomeno per compensare i costi vivi (tutor aziendale) dell operazione? Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 9

10 Inoltre, quale consistenza ha il rischio che sul piano virtuale non può essere escluso che talune imprese utilizzino le norme dell alternanza per scopi impropri come spazio per l utilizzo senza oneri, o con bassissimi oneri, di manodopera non qualificata? Quali effettivi strumenti di indirizzo e di controllo sono stati attivati o potranno essere attivati perché ciò non accada? In tale contesto può anche accadere, e non potrebbe essere diversamente, che il ruolo svolto dall Unioncamere la cui partecipazione attiva alla partita non si può che condividere sia, rispetto alle imprese, del tipo di quello svolto dall amministrazione scolastica nei confronti delle scuole; cioè, di indirizzo, di proposta, talora di notariato, ma non di garanzia nei riguardi dei risultati, per la distanza obiettiva di problemi e compiti che separano i soggetti in gioco. 3. La motivazione degli allievi e delle famiglie Altro aspetto non trascurabile riguarda l adesione degli allievi ai progetti di alternanza, anzi, il decreto postula addirittura l autonoma richiesta degli allievi e delle loro famiglie all attivazione dei progetti stessi. A giudicare dalla radicata diffidenza con cui consistenti fette di utenza hanno valutato preventivamente le iniziative di biennio integrato o la permanente ostilità con cui moltissimi allievi degli istituti professionali guardano all area di professionalizzazione (anche quando ad intervenire sono gli uomini di impresa!) c è da temere che le iniziative di alternanza possano imbattere in analoghi infortuni. E ciò anche indipendentemente dalla bontà dei progetti stessi, la cui valutazione da parte degli allievi è inesorabilmente condizionata dal margine di utilità immediata che essi possono garantire. Per di più, a differenza di quanto accade nell area di professionalizzazione, per le iniziative di alternanza non esistono strumenti di coazione che possano garantire che esse, una volta che siano state progettate, riscuotano una corrispondente adesione. Naturalmente si tratta di preoccupazioni astratte, al momento, ma è bene tenerne conto poiché non è per nulla scontato che la motivazione degli allievi all alternanza sia già costituita implicitamente. 4. La difficile mediazione fra apprendimento d aula e apprendimento in situazione Si accenna solo, in questa sede, ad un problema di grande portata di cui i docenti saranno investiti in modo pieno. Senza incomodare le teorie costruttiviste e comportamentiste sta di fatto che i docenti sono abituati, per formazione propria e tradizione culturale, ad insegnare e a valutare gli studenti nelle discipline sulla base di obiettivi didattici, metodologie, programmi di studio di cui hanno padronanza, titolarità, responsabilità. Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 10

11 Con l alternanza intesa come equivalenza le parti di cui si compone il processo didattico vengono ad essere sovvertite e, come già si è osservato, il docente viene a perdere per così dire la titolarità esclusiva (ancorché condivisa formalmente con gli altri docenti nel consiglio di classe) del processo stesso. Quali mediazioni si impongono perché i due momenti (apprendimento in aula e apprendimento in officina ) non entrino in rotta di collisione? E sufficiente a risolvere il problema la procedura, in sé inappuntabile, descritta nelle linee guida (moduli didattici, unità di apprendimento, griglie di osservazione, ecc.)? Quale contributo effettivo potranno dare i tutor aziendali alla composizione degli elementi che costituiscono tale procedura? 5. Quanti modelli praticabili Altro problema, questo di squisita natura organizzativa, è dato dal grado di sopportabilità, all interno delle scuole, della gestione coordinata di più progetti di alternanza, soprattutto quando essi afferiscano a più fronti, cioè a diverse tipologie di iniziative. E ben vero che tale questione riguarda la capacità delle scuole in modo tutto particolare dei rispettivi dirigenti di attivare al meglio le risorse professionali interne, ma non si può neppure pensare che la sola leadership senza risorse finanziarie sia condizione sufficiente oltre che necessaria. Resta in ogni caso aperto il problema di come orientare le scuole verso una gestione coordinata e produttiva dei progetti approvati. 6. L informazione e le operazioni di marketing come condizioni necessarie per il radicamento delle iniziative di alternanza Anche questo problema ha una natura prevalentemente organizzativa, ma non può essere, come il precedente, di quasi esclusivo appannaggio delle scuole. L alternanza, per farsi strada come sopra si diceva esige anche una domanda vivace e interessata da parte dell utenza. Se essa non è sensibilizzata, informata, orientata difficilmente può uscire, per cultura propria e lungimiranza, dalla condizione di piatto utilitarismo con cui normalmente affronta le questioni di scuola. L operazione di marketing a livello territoriale e, quindi, su di un bacino più ampio di quello che normalmente gravita su di una singola scuola va condotta con risorse, mezzi, attrezzature ampie che devono veder a pieno titolo coinvolti sia i soggetti dell amministrazione, scolastica e non, sia le rappresentanze delle imprese (Unioncamere in primo luogo, ma anche le Associazioni). 7. Il tempo dedicato all alternanza Da ultimo in questa sede, ma non certamente ultimo in assoluto, si pone il problema del tempo da riservare all alternanza rispetto al tempo Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 11

12 complessivo del curricolo. Le direttive impartite dall Amministrazione scolastica, a questo riguardo, non nascondono la debolezza degli strumenti messi in cantiere; vale a dire il ricorso ai margini di flessibilità stabiliti nel DM 234/2001, adottato ai sensi dell art. 8 del DPR 275/99, pari al 15% del tempo scuola complessivo. E lecito affermare che tale misura è, per quasi tutti i progetti che si vogliano accreditare come effettivamente innovativi, assolutamente insufficiente. Su questo punto verrebbe da osservare che il decisore politico non ha avuto sufficiente coraggio o non ha adeguatamente messo a fuoco il problema, dato che il monte ore totale massimo che, secondo i vincoli stabiliti, si può riservare all alternanza è contenuto nel limite massimo, in un anno, di 150/180 ore negli istituti tecnici e professionali, di 140/150 ore nei licei: troppo poco per ritenere a priori che le iniziative di alternanza in cantiere possano molto al di là di uno stage di qualità. Per la verità, negli istituti professionali, in base all ordinamento vigente, sarebbe ipotizzabile l utilizzo dell area di approfondimento (almeno nel terzo anno), pari a 130 ore che aggiunte alle precedenti porterebbe il totale annuo a 300 ore annue circa, nonché, nel biennio post-qualifica lo spazio dell area di professionalizzazione, pari a 300 ore annue con totale disponibile di quasi 500 ore. Ma perché ciò accada occorrerebbe che l amministrazione scolastica si facesse promotrice di linee di indirizzo e di una strategia di coinvolgimento degli istituti professionali stessi che li vedesse a pieno titolo protagonisti dell alternanza in ambito scolastico. E assai lecito dubitare che tale scenario sia compatibile con le linee di decisione politica in corso, data la prospettiva di soppressione degli attuali istituti professionali ed il loro assorbimento nel secondo canale, i cui tracciati, anche per le pendenze che ancora residuano in sede di decretazione, sono ancora tutti da immaginare. Al di là di queste constatazioni resta comunque da sottolineare che il problema del tempo dell alternanza deve essere affrontato con urgenza e concretezza. Provincia di Torino Servizio Programmazione Sistema Educativo e Formazione Professionale 12

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DEL TERZO ANNO DEL SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DEL TERZO ANNO DEL SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DEL TERZO ANNO DEL SECONDO BIENNIO di Maria Grazia PASTORINO LE LINEE GUIDA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO e SERVIZI ALFREDO AMATUCCI. All. n.9 IeFP

ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO e SERVIZI ALFREDO AMATUCCI. All. n.9 IeFP ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO e SERVIZI ALFREDO AMATUCCI Viale Italia n.18-83100 Avellino Sede centrale: Tel.0825 1643184 Fax: 0826 1643182 Succursale: Via Ferrante - tel e fax 0825 36581

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Alternanza scuola/lavoro l alternanza non è uno strumento formativo, ma si configura piuttosto come una metodologia formativa, una vera e propria modalità di apprendere PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA

Dettagli

Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto Murolo Laura Pennisi Angelo Petralia Venera

Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto Murolo Laura Pennisi Angelo Petralia Venera Docenti: Gruppo N. 4 Gruppo di lavoro per la progettazione di Alternanza Scuola Lavoro costituito da: Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO BOZZA DI PROGETTO PREMESSA L ITCG DELL ACQUA di Legnano e l ITC ENRICO TOSI di Busto Arsizio, chehanno avuto in passato ed hanno tuttora in corso esperienze di integrazione con

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) **** LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (Art.11, comma 10, D.P.R 263/2012) I risultati di apprendimento attesi in esito ai percorsi di alfabetizzazione

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo

CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo Daniela Carlini Trento 14 marzo 2016 DA DOVE PARTIAMO IN TRENTINO La costruzione

Dettagli

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO)

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. SACCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE AD INDIRIZZO IGEA E PROGRAMMATORI I S T I T U T O P R O F E S S I O N A L E PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE S A N T

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE

ACCORDO TERRITORIALE ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato, in persona del Dirigente Generale Avv. Bruno Calvetta E UFFICIO

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

CONVENZIONE TRA. la Giunta Regionale della Toscana con sede legale in Firenze, piazza Duomo n. 1, rappresentata da.

CONVENZIONE TRA. la Giunta Regionale della Toscana con sede legale in Firenze, piazza Duomo n. 1, rappresentata da. CONVENZIONE TRA la Giunta Regionale della Toscana con sede legale in Firenze, piazza Duomo n. 1, rappresentata da. E L'Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana con sede legale in Firenze, via Mannelli

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE DIRETTORE Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE VISTO VISTA CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA RITENUTA l Art. 3, comma 8 del D.M. 509/99 attraverso il quale le Università possono attivare, disciplinandoli

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

Gli interventi di formazione professionale per le persone con disabilità promossi e finanziati dalla Provincia di Torino

Gli interventi di formazione professionale per le persone con disabilità promossi e finanziati dalla Provincia di Torino ISTRUZIONE, ORIENTAMENTO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Gli interventi di formazione professionale per le persone con disabilità promossi e finanziati dalla Provincia di Torino Enrica Pejrolo 11 dicembre 2014

Dettagli

Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti

Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti Idee e materiali Organizzazione Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti Con l emanazione della circolare ministeriale 36 e con la pubblicazione delle Linee guida per il passaggio

Dettagli

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio Terni, Auditorium A.Casagrande F.Cesi 3 novembre 2014 Silvio Improta Dirigente Scolastico - Staff Regionale per le Misure di accompagnamento alle Nuove Indicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE Art. 1 - Oggetto, finalità, tipologia Per viaggi d istruzione si intendono i viaggi organizzati dalla scuola che presentano come caratteristica essenziale

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: presentazione progetto alle famiglie

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: presentazione progetto alle famiglie GALILEO GALILEI - Crema (CR) CIRCOLARE n. 159 CREMA, 04.02.2016 Modalità di Pubblicazione: - Albo elettronico - Albo cartaceo Destinatari: - Agli studenti delle classi 3 e e alle loro famiglie - Ai coordinatori

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce Premessa (SCAMBI EDUCATIVI INDIVIDUALI) ESPERIENZE EDUCATIVE ALL ESTERO Le norme che regolano le Esperienze educative all Estero (gli scambi scolastici) sono poche e, in ogni caso, la premessa da tener

Dettagli

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione?

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? Il riordino del sistema d istruzione e formazione Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? di Paolo Gallana Marzo 2010 Dove nasce il riordino La fonte normativa d origine è

Dettagli

Denominazion ScuoLavoro Alternanza Scuola-Lavoro

Denominazion ScuoLavoro Alternanza Scuola-Lavoro POLO PROFESSIONALE PROVINCIALE ALA PONZONE CIMINO - FORTUNATO MARAZZI Via Gerolamo da Cremona, 23 26100 Cremona Tel. 0372/35179 Fax 0372/457603 C.F. 80003480193 http://www.poloapcmarazzi.gov.it/ email

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Vilfredo Pareto

Istituto Tecnico Economico Statale Vilfredo Pareto Istituto Tecnico Economico Statale Vilfredo Pareto Da anni l offerta formativa del nostro istituto è stata arricchita dall esperienza della realizzazione di imprese simulate e reali con la partecipazione

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Iniziative di sostegno e recupero scolastico

Iniziative di sostegno e recupero scolastico Iniziative di sostegno e recupero scolastico Premessa Le attività di sostegno e di recupero, normate dai recenti provvedimenti: Legge 1/2007 ( definisce i criteri di ammissione all esame di Stato ); D.M.

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale Investimento sull istruzione e formazione dei giovani per favorire la crescita personale, culturale e professionale in linea con le politiche del capitale umano, assicurando loro conoscenze, abilità, capacità

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier

Studio Legale Casella e Scudier Circolare n. 2/2011 del 20 settembre 2011* SICUREZZA E SALUTE DEL LAVORO NELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO E NELLE COOPERATIVE SOCIALI: EMANATO IL DECRETO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DEL DECRETO 81/08

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA + Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca, nel seguito denominato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE

ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE ALLEGATO 1 ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE per la realizzazione di un offerta sussidiaria di percorsi di istruzione e formazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA fra la Città di Torino e l Ufficio scolastico territoriale di Torino per lo sviluppo dei tirocini formativi e l avvicinamento all attività di alternanza scuola-lavoro L Ufficio scolastico

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 MACRO OBIETTIVO 7 Codici indicatori: 7.6.1 PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 Programma: Mantenimento e Implementazione del Sistema per supportare le istituzioni scolastiche nella promozione della

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO CONNESSA ALLE ATTIVITA DI SOSTEGNO

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO CONNESSA ALLE ATTIVITA DI SOSTEGNO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO CONNESSA ALLE ATTIVITA DI SOSTEGNO PREMESSA Con il presente progetto il nostro istituto vuole offrire agli allievi certificati L.104 del 1992 (sia per gli alunni che intraprendono

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

Progetto educativo. AA. SS. 2014-2015 (fase preparatoria); 2015-2016 (realizzazione in classe)

Progetto educativo. AA. SS. 2014-2015 (fase preparatoria); 2015-2016 (realizzazione in classe) Commissione didattica Progetto educativo La scrittura filosofica A. ELEMENTI DI CONTESTO A.1 Tipologia Progetto educativo biennale per i Licei A.2 Ambito territoriale Nazionale A.3 Tempi di realizzazione

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

Codice e titolo del progetto

Codice e titolo del progetto Codice e titolo del progetto (codice attribuito nel Programma Annuale) Anno Scolastico 2011/2012 (Riservato all amministrazione) Area funzionale di riferimento Area 4 - Rapporti con enti e istituzioni

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici L interazione tra scuola, impresa e territorio L alleanza con i soggetti economico-sociali, le imprese

Dettagli

I PERICOLI: CONOSCERLI PER EVITARLI PROCEDURE PER LAVORARE IN SICUREZZA Proposta per gli istituti tecnico-professionali

I PERICOLI: CONOSCERLI PER EVITARLI PROCEDURE PER LAVORARE IN SICUREZZA Proposta per gli istituti tecnico-professionali Presentazione I PERICOLI: CONOSCERLI PER EVITARLI PROCEDURE PER LAVORARE IN SICUREZZA Proposta per gli istituti tecnico-professionali Questa proposta consiste nel coinvolgimento di una classe nella valutazione

Dettagli

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 RELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli Iscritti Bari, 27 novembre 2015 Gentili colleghe

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Prot. n.6128 A/19a, 24 Settembre 2015 Atto di Indirizzo del Dirigente scolastico al Collegio dei docenti per l elaborazione del Piano dell offerta formativa Triennio 2016-2019 Il Dirigente Scolastico VISTO

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 Cos è A.S.L. e confronto con lo stage A.S.L.= METODOLOGIA DIDATTICA (decreto legislativo77/2005) A.S.L. = strumento che offre l opportunità di apprendere

Dettagli

PROGETTO INVENTA 2012

PROGETTO INVENTA 2012 SCHEDA SINTETICA PROGETTO INVENTA 2012 ID N. 189 AMBITO FORMATIVO FORGIO PACCHETTO FORMATIVO BASE Avviso Pubblico n. 20/2011 Percorsi formativi per il rafforzamento dell occupabilità e dell adattabilità

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

CONVENZIONE tra l I.P.S. FILOSI. ... (nome dell azienda)

CONVENZIONE tra l I.P.S. FILOSI. ... (nome dell azienda) Terracina Prot. n CONVENZIONE tra l I.P.S. FILOSI E.... (nome dell azienda) Premesso che: L art.7 del D.P.R. 275/99 (Regolamento Autonomia delle istituzioni scolastiche), consente accordi, protocolli e

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte Il Decreto legislativo 81/2008 Il TU sulla sicurezza prevede l inserimento in ogni attività scolastica di

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Avviso Pubblico GARANZIA GIOVANI AVVISO PER IL REINSERIMENTO IN PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro. Un opportunità per valorizzare e caratterizzare i l nostro liceo

Alternanza Scuola Lavoro. Un opportunità per valorizzare e caratterizzare i l nostro liceo Alternanza Scuola Lavoro Un opportunità per valorizzare e caratterizzare i l nostro liceo Riferimenti normativi Indicazioni europee; Normativa nazionale: L.196/97, Reg.142/98, (stage e tirocini formativi)

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

A livello generale, in base alla Normativa di riferimento, la valutazione degli alunni BES deve:

A livello generale, in base alla Normativa di riferimento, la valutazione degli alunni BES deve: ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI QUINTO DI TREVISO SCUOLA PRIMARIA e SECONDARIA di I GRADO Via Donatori del Sangue, 1-31055 Quinto di Treviso - Tel. 0422/379357 - Fax 0422/479476 e-mail: segreteria@icquintotv.gov.

Dettagli

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL IMMIGRAZIONE E DELL ASILO AUTORITÀ RESPONSABILE DEL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Nota preliminare, avvertenza Il presente questionario prevede compilazione da parte degli studenti. La compilazione

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Puglia Assessorato per il diritto allo studio e la formazione professionale Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Accordo per la realizzazione nell anno scolastico 2011/2012 di percorsi di

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "EMANUELE MORSELLI INDIRIZZI: CHIMICO - ELETTROTECNICA - MECCANICA E MECCATRONICA- AGRARIA,AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ELETTRONICA- INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione:

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione: Magenta, 10.11.2015 Circ. n. 58 Al personale docente in anno di formazione in servizio presso l ICS Via S. Caterina Ai docenti con funzione di tutori neo - assunti Oggetto: indicazioni su attività di formazione

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli