SPECCHIO DELLE MIE BRAME. Conoscere e comprendere i disturbi del comportamento alimentare AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPECCHIO DELLE MIE BRAME. Conoscere e comprendere i disturbi del comportamento alimentare AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA"

Transcript

1 SPECCHIO DELLE MIE BRAME Conoscere e comprendere i disturbi del comportamento alimentare Alunni classi scuole medie inferiori Alunni classi scuole medie superiori Distretto di Ostiglia (Comuni di: Sustinente, Serravalle Po, Ostiglia, Quingentole, Pieve di Coriano, Borgofranco sul Po, Revere, Carbonara Po, Quistello, Schivenoglia, Villa Poma, Magnacavallo, Sermide, Poggio Rusco, San Giacomo delle Segnate, Felonica, San Giovanni del Dosso). Distretto di Suzzara (Comuni di: Suzzara, Motteggiana, Gonzaga, Pegognaga, San Benedetto Po, Moglia) Fornire conoscenze di base sui disturbi del comportamento alimentare al fine di educare i giovani a un corretto rapporto con il cibo e la propria immagine corporea. 3 incontri di due ore ciascuno con il gruppo classe (incontri con metodologia interattiva). Tre classi di scuola media inferiore Tre classi di scuola media superiore Marzia Franco (psicologo Ser. T 0386/31884 Distretto di Ostiglia) Simona Covizzi (Educatore Prof. - Ser. T 0386/31884 Distretto di Ostiglia) Pietro Bottura (tecnico della prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione) Emanuela Campi (psicologo Ser. T. 0376/ Distretto di Suzzara)

2 AFFETTIVITA E SESSUALITA Iniziativa di informazione sulle caratteristiche del percorso dell affettività e della sessualità nell età evolutiva Docenti, genitori, allievi delle scuole elementari (classi quinte), medie e superiori. provenienti dalle scuole situate nel Scopo generale dell iniziativa Distretto di Asola (Comuni di: Asola, Gazzoldo d/ippoliti, Canneto s/o, Acquanegra s/c, Redondesco, Ceresara, Piubega, Mariana Mantovana, Casalromano, Piubega, Casalmoro, Casaloldo, Castel Goffredo) - Fornire agli insegnanti elementi utili per affrontare in classe il tema affettività-sessualità - Riflettere con i genitori sulle modalità, i tempi e gli stimoli che possono essere dati su questo tema nel rapporto con i figli - Determinare come effetto finale un miglioramento della comunicazione e conseguentemente dell atmosfera affettiva nella classe L intervento si concretizza in quattro incontri realizzato presso la sede della scuola. Due incontri sono rivolti ai genitori, uno agli insegnanti ed uno agli allievi.ogni incontro ha la durata di due ore circa. Gli interventi verranno coordinati da uno psicologo e da un ostetrica del distretto di Asola dell ASL di Mantova. Gli incontri prevedono una parte informativa e una discussione di gruppo Massimo otto Istituti Scolastici Cecilia Garaboldi - Bruno Boccaletti (Distretto Sanitario di Asola 0376/ ) Iveria Pasini Mariangela Gialdini (Consultorio Familiare Distretto di Asola ( 0376/713512)

3 EMOZIONI E SENTIMENTI Educazione ad una corretta conoscenza di sé e dei numerosi cambiamenti che l essere adolescente comporta. Alunni classi seconde medie inferiori Alunni classi seconde medie superiori Distretto di Ostiglia (Comuni di: Sustinente, Serravalle Po, Ostiglia, Quingentole, Pieve di Coriano, Borgofranco sul Po, Revere, Carbonara Po, Quistello, Schivenoglia, Villa Poma, Magnacavallo, Sermide, Poggio Rusco, San Giacomo delle Segnate, Felonica, San Giovanni del Dosso). Scopo generale dell iniziativa Favorire nell adolescente un clima emotivo sereno nell accettazione dei cambiamenti psico-fisici che questa fase comporta. Favorire dinamiche relazionali tra il gruppo dei pari e gli adulti. 4 incontri di due ore ciascuno. Massimo 2 classi di scuola media inferiore Massimo 3 classi di scuola media superiore Simona Covizzi Ied. Prof. Ser. T. 0386/31884 Distretto di Ostiglia) Maria Elsa Fini (psicologo consultorio familiare 0386/ Distretto di Ostiglia) Donatella Simoncelli (ostetrica consultorio 0386/ Distretto di Ostiglia)

4 I DESIDERI ED IL RISCHIO Prevenzione infezione da HIV e malattie sessualmente trasmesse nei giovani Insegnanti e studenti scuola media superiore Intera Provincia Scopo generale dell iniziativa - Suggerire e promuovere nei docenti uno scenario di azioni possibili e realizzabili tese a costruire conoscenza e consapevolezza intorno al mondo dell affettivita nei giovani adolescenti, ponendo attenzione a desiderio, piacere, conoscenza e responsabilità. - Prevenzione infezione da HIV e malattie sessualmente trasmesse nei giovani. -Incontro con i docenti interessati per la stesura di uno scenario/mappa indicativo di lavoro in classe, attraverso l utilizzo dello specifico manuale I desideri e il rischio ; -Realizzazione in classe delle azioni individuate anche con il supporto di operatori ASL; -In itinere, incontri tra docenti ed operatori ASL. Massimo 15 classi Dr.ssa Fabrizia Zaffanella ( 0376/334935) Servizio Igiene Sanità Pubblica ASL della Provincia di Mantova

5 STILI DI VITA, STILI DI CONSUMO intervento di informazione e sensibilizzazione su uso e abuso di sostanze legali ed illegali? Studenti e studentesse delle classi prime e seconde della scuola media superiore. Distretto di Suzzara (Comuni di: Suzzara, Motteggiana, Gonzaga, Pegognaga, San Benedetto Po, Moglia) Distretto di Mantova (Comuni di: Mantova, Roverbella, Castelbelforte, Marmirolo, Rodigo, Bigarello, San Giorgio, Castel d Ario, Villimpenta, Roncoferraro, Bagnolo San Vito, Borgoforte, Virgilio, Curtatone, Castellucchio, Lunetta, Porto Mantovano) Scopo generale dell iniziativa Informare e sensibilizzare i giovani sugli stili di vita connessi agli stili di consumo delle diverse sostanze (legali e illegali), attraverso modalità partecipate ed interattive. Due incontri di 2 ore ciascuno per ogni gruppo classe, in orario curricolare (verifica delle informazioni in possesso dei destinatari rispetto al tema; confronto con gli stessi sugli stili di vita e relazionali); la presenza dell insegnante durante l intervento è fortemente gradito; ma non obbligatorio; Un assemblea di Istituto, costruita con i rappresentanti di Istituto, con lo scopo di condividere quanto emerso dal percorso. Nessun limite Valter Drusetta, Servizio Dipendenze ASL della provincia di Mantova (

6 MICRO-ABUSO NELLA SCOLARITA INFANTILE iniziativa di educazione sanitaria per la prevenzione di comportamenti a rischio nelle fasce scolari infantili? Alunni che frequentano le scuole medie( classi terze) e superiori Distretto di Asola (Comuni di: Asola, Gazzoldo d/ippoliti, Canneto s/o, Acquanegra s/c, Redondesco, Ceresara, Piubega, Mariana Mantovana, Casalromano, Piubega, Casalmoro, Casaloldo, Castel Goffredo) Far acquisire agli alunni informazioni sui fenomeni di micro abuso e comportamenti correlati, intesi come eventuale espressione di disagio e probabile pabulum favorente l instaurarsi di problematiche di dipendenza. Per fenomeni di micro-abuso si intende l abitudine ad utilizzare alcol o altre sostanze lecite e illecite a scopo ludico, voluttuario senza però generare franca patologia. L intervento si concretizza in due incontri di due ore ciascuno realizzato presso le scuole interessate all iniziativa. Medici e Assistenti Sanitarie, sono gli operatori che conducono direttamente l intervento informativo con l utilizzo di lucidi, tecniche del brain storming e del gioco di ruolo, tecniche ludiche. Le richieste saranno soddisfatte fino ad esaurimento della disponibilità. Dr. Vincenzo Caprino (Ser.T di ASOLA 0376/ )

7 NO GRAZIE! Prevenzione delle dipendenze e dei nuovi comportamenti di abuso Alunni delle classi terze della scuola media inferiore e superiore Distretto di Ostiglia (Comuni di: Sustinente, Serravalle Po, Ostiglia, Quingentole, Pieve di Coriano, Borgofranco sul Po, Revere, Carbonara Po, Quistello, Schivenoglia, Villa Poma, Magnacavallo, Sermide, Poggio Rusco, San Giacomo delle Segnate, Felonica, San Giovanni del Dosso). Distretto di Suzzara (Comuni di: Suzzara, Motteggiana, Pegognaga, San benedetto Po, Gonzaga, Moglia) Scopo generale dell iniziativa Educare a comportamenti consapevoli e responsabili N. 2 incontri di due ore ciascuno sui seguenti temi: - alcol, droghe e tabacco; - prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse; - obblighi e doveri della persona che tutelano i singoli individui e la collettività. Richieste di N. 2 scuole medie inferiori e N. 2 scuole medie superiori. Rosaria Di Bella (Ser. T. 0386/31884 fax 0386/302066) Simona Covizzi (Ser. T. Distretto di Ostiglia e di Suzzara 0386/ /506223)

8 STO BENE A SCUOLA Promozione della conoscenza e della comunicazione interpersonale per lo sviluppo di dinamiche di gruppo adeguate Alunni classi prime scuole medie superiori Distretto di Ostiglia (Comuni di: Sustinente, Serravalle Po, Ostiglia, Quingentole, Pieve di Coriano, Borgofranco sul Po, Revere, Carbonara Po, Quistello, Schivenoglia, Villa Poma, Magnacavallo, Sermide, Poggio Rusco, San Giacomo delle Segnate, Felonica, San Giovanni del Dosso). Scopo generale dell iniziativa Favorire un clima di serenità durante il percorso di accoglienza degli alunni e conoscenza reciproca per un buon inserimento scolastico. N. 3 incontri di due ore ciascuno. Massimo due scuole. Marzia Franco (psicologo Ser.T. Distretto di Ostiglia 0386/31884 Fax 0386/ )

9 INTERVENTO DI PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL ABBANDONO SCOLASTICO NELL AMBITO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE Insegnanti, genitori e studenti Scuola Secondaria Superiore Intera Provincia Le richieste verranno concordate e non accolte automaticamente. Dovranno essere valutata l indicazione e l idoneità delle Scuola richiedente Prevenzione secondaria del disagio e prevenzione primaria dell abbandono scolastico (conseguente al disagio, attraverso la presa in carico e l accompagnamento dell invio ad altra scuola), in presenza, anche, di nuove forme di disagio da immigrazione, da nuove forme familiari, e dalla presenza a scuola di patologie organiche gravi, conosciute dalla classe. Creazione del gruppo di insegnanti che presenta le singole situazioni di disagio. Predisposizione nel gruppo degli strumenti di intervento: da parte dell insegnante, da parte del collega su sollecitazione dell insegnante stesso,nel consiglio di classe con intervento diretto nello stesso, nel contesto classe (discussione, sociogramma, drammatizzazione del sociogramma, role play, interventi con la tecnica dell autobiografia mirata), incontro a tema con i genitori, partecipazione ad Assemblea Studentesca, interventi diretti con gruppi di studenti a tema, invio di ragazzi e famiglie in Consultorio), Tutto da definire non a diagnosi cieca (ma sulla base della domanda e delle risorse rilevate). Massimo due richieste. Dott. Marco Lodi, Psicologo, Consultorio Familiare di Mantova, tel. 0376/ ,fax E Mail : (previo avviso telefonico anche sms ).

10 SPAZIO ASCOLTO Promozione del benessere e prevenzione del disagio in adolescenza Alunni e insegnanti della scuola media superiore Distretto di Ostiglia (Comuni di: Sustinente, Serravalle Po, Ostiglia, Quingentole, Pieve di Coriano, Borgofranco sul Po, Revere, Carbonara Po, Quistello, Schivenoglia, Villa Poma, Magnacavallo, Sermide, Poggio Rusco, San Giacomo delle Segnate, Felonica, San Giovanni del Dosso). Promozione del benessere e prevenzione del disagio in adolescenza Due incontri mensili di due ore ciascuno: spazio di ascolto a scuola per alunni singoli e in gruppo e possibilità di consultazione per insegnanti singoli o in gruppo. Nessun limite. Marzia Franco (psicologo Ser. T. 0386/31884 Distretto di Ostiglia) Simona Covizzi (Educat. Prof. Ser. T. 0386/31884 Distretto di Ostiglia) Maria Elsa Fini (psicologo Serv. Famiglia, Infanzia, Età Evolutiva 0386/62961 Distretto di Ostiglia)

11 DALLA SCUOLA AI LUOGHI DI LAVORO Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro Alunni 3 media inferiore e classi terminali di istituti professionali e tecnici Distretto di Ostiglia (Comuni di: Sustinente, Serravalle Po, Ostiglia, Quingentole, Pieve di Coriano, Borgofranco sul Po, Revere, Carbonara Po, Quistello, Schivenoglia, Villa Poma, Magnacavallo, Sermide, Poggio Rusco, San Giacomo delle Segnate, Felonica, San Giovanni del Dosso). Scopo generale dell iniziativa Incrementare la cultura della sicurezza nei lavoratori di domani. L intervento consiste in lezioni da tenere in classe alla presenza degli insegnanti, utilizzando lavagna luminosa e videocassette. Gli incontri variano da uno a due di durata compresa da 1,30 h a 4,00 h a seconda del tipo di scuola. Interverranno due operatori. Limite massimo N. 10 istituti Maria Rosa Freddo (Servizio prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro 0386/ fax 0386/302049)

12 CENTRO INFORMAZIONI CONSULENZA ASCOLTO VOLONTARIATO (CICAV) Prevenzione del disagio nella scuola Studenti Scuola Media Superiore Distretto di Suzzara (Comuni di: Suzzara, Motteggiana, Gonzaga, Pegognaga, San Benedetto Po, Moglia) -Prevenire le problematiche giovanili; -Rispondere ad un bisogno di ascolto degli studenti -colloqui ed incontri con i docenti referenti preposti all ascolto; -sportello di ascolto, consulenza, informazione all interno dell istituto; -realizzazione di eventuali progetti/attività in collaborazione tra scuola e servizio sociale dell ASL; -consulenza personalizzata di un professionista esperto; -informazione sulla rete di volontariato come risorsa alla prevenzione ed alla cura del disagio Nessun limite Dr.ssa Emanuela Campi (psicologo Ser.T 0376/506223) Distretto di Suzzara Dr.ssa Anna Rita Carella (psicologo Consultorio Familiare 0376/506241) Distretto di Suzzara

13 IL MIO CUORE E PER TE! Per essere donatore di vita scegli di essere donatore di organi Iniziativa di informazione sanitaria alla popolazione sulla donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto Studenti maggiorenni che frequentano l ultimo anno di Scuola Secondaria Superiore Intera provincia Fornire una corretta informazione sulla donazione di organi e tessuti dopo la morte per scegliere di dichiarare in vita, in modo consapevole e responsabile, la propria volontà alla donazione L iniziativa prevede: un incontro informativo con gli studenti della durata di circa 2 ore. L incontro, rivolto ad un massimo di 50 alunni, si realizza con l ausilio della proiezione di slides che prendono spunto da materiale specifico prodotto dal Ministero della Salute. I contenuti dell incontro affrontano: cos è la donazione, quando può avvenire la donazione, la legislazione in materia, come si esprime la propria volontà (assenso/dissenso) alla donazione.. L incontro è tenuto da operatori sanitari con competenza ed esperienza specifiche. - Dibattito e distribuzione ai ragazzi dello specifico modulo per la dichiarazione di volontà alla donazione di organi e tessuti dopo la morte con istruzioni alla compilazione. Affinché i ragazzi possano riflettere liberamente ed informare le famiglie di tale iniziativa, i moduli compilati verranno raccolti dopo una settimana da un operatore dell ASL. Nessun limite Nicoletta Speziali - Dipartimento PAC ASL della Provincia di Mantova ( 0376/ Fax 0376/334616), Marchetti M. Letizia -Ufficio Educazione Sanitaria - ASL della provincia di Mantova ( 0376/ Fax:0376/334776) Racchetti Chiara (Distretto di Viadana 0375/789743).

14 FAISSAL MARTINI Iniziativa di informazione sanitaria per il corretto utilizzo dei servizi di urgenza ed emergenza territoriale (118) Rivolto ai ragazzi che frequentano il 4 e 5 anno di scuola media superiore Distrettiodi Asola (Comuni di: Asola, Gazzoldo d/ippoliti, Canneto s/o, Acquanegra s/c, Redondesco, Ceresara, Piubega, Mariana Mantovana, Casalromano, Piubega, Casalmoro, Casaloldo, Castel Goffredo) Distretto di Guidizzolo (Comuni di: Castiglione delle Siviere, Ponti sul Mincio, Monzambano, solforino, Cavriana, Medole, Guidizzolo, Volta Mantovana, Goito) Distretto di Mantova (Comuni di: Mantova, Roverbella, Castelbelforte, Marmirolo, Rodigo, Bigarello, San Giorgio, Castel d Ario, Villimpenta, Roncoferraro, Bagnolo San Vito, Borgoforte, Virgilio, Curtatone, Castellucchio, Lunetta, Porto Mantovano) - sensibilizzare i giovani sulle corrette modalità di attivazione del soccorso sanitario (118) in caso di incidente stradale; - educare i giovani, qualora si trovassero sul luogo dell incidente, sui comportamenti da adottare per offrire un primo intervento di soccorso in condizioni di sicurezza per sé e per le persone coinvolte L intervento si concretizza in un singolo incontro assembleare realizzato presso la sede scolastica. Esso ha la durata di due ore circa e coinvolge un numero di studenti che non devono superare i ragazzi. Un medico, un infermiere professionale ed un autista soccorritore del 118, sono gli operatori che conducono direttamente l intervento informativo con l utilizzo di immagini su supporto informatico e registrazioni audio. E previsto l impiego di questionari consegnanti ai ragazzi all inizio ed al termine dell incontro per valutare le conoscenze acquisite ed il gradimento dell iniziativa. Essendo limitato il numero di richieste che sarà possibile soddisfare, esse saranno accolte secondo l ordine di arrivo, fino ad esaurimento delle disponibilità (per l anno potranno essere soddisfatte non più di richieste circoscritte alle scuole superiore dei distretti di Asola, Guidizzolo e Mantova) Marchetti M. Letizia (Ufficio Educazione Sanitaria ASL provincia di Mantova 0376/ Fax:0376/

15 LA RAPPRESENTANZA STUDENTESCA Proposta per un corso di formazione per i rappresentanti degli studenti Rappresentanti di classe del biennio e di istituto delle Scuole Medie Superiori Distretto di Suzzara (Comuni di: Suzzara, Motteggiana, Gonzaga, Pegognaga, San Benedetto Po, Moglia) Distretto di Mantova (Comuni di: Mantova, Roverbella, Castelbelforte, Marmirolo, Rodigo, Bigarello, San Giorgio, Castel d Ario, Villimpenta, Roncoferraro, Bagnolo San Vito, Borgoforte, Virgilio, Curtatone, Castellucchio, Lunetta, Porto Mantovano) Formare i rappresentanti degli studenti sulla gestione delle Assemblee di classe e di Istituto; Favorire progetti ed interventi peer to peer Creazione di equipe di progetto composta da almeno un insegnante e due studenti che supporti il percorso all interno della scuola (n. 2 incontri di due ore l uno prima dell attivazione); Tre incontri di 2 ore ciascuno (cadenza quindicinale)per i rappresentanti su: - analisi del ruolo e delle motivazioni; - tecniche di conduzione di gruppo per gestione assemblea di classe; - strategie di collaborazione per organizzazione e attuazione assemblea di istituto. Tre incontri di 2 ore ciascuno da concordare successivamente all attuazione di almeno un assemblea di classe e7o di un assemblea di Istituto. Nessun limite Valter Drusetta Servizio Dipendenze ASL della provincia di Mantova (

16 IL PATENTINO Patentino del ciclomotore e comportamenti a rischio : molto spesso gli aspetti psicologici, comportamentali e socio-culturali influenzano in modo molto pesante il modo di guidare e di vivere l ambiente di strada; riflettiamo insieme Alunni delle classi prime e seconde della Scuole Medie Superiori Distretto di Suzzara (Comuni di: Suzzara, Motteggiana, Gonzaga, Pegognaga, San Benedetto Po, Moglia) Distretto di Ostiglia (Comuni di: Sustinente, Serravalle Po, Ostiglia, Quingentole, Pieve di Coriano, Borgofranco sul Po, Revere, Carbonara Po, Quistello, Schivenoglia, Villa Poma, Magnacavallo, Sermide, Poggio Rusco, San Giacomo delle Segnate, Felonica, San Giovanni del Dosso). Educare i ragazzi al rispetto delle regole e farli riflettere su come guidare in condizioni di alterazione fisica o psichica possa causare danni a sè e agli altri. Due incontri di 2 ore ciascuno. Tre scuole medie superiori per ognuno dei due distretti. Emanuela Campi ( 0376/ e Simona Covizzi ( 0376/ / /302014) Ser.T. di Ostiglia e di Suzzara

17 IL CIBO...SU MISURA Intervento di educazione alimentare Alunni delle Scuole Medie Superiori Distretto di Suzzara (Comuni di: Suzzara, Motteggiana, Gonzaga, Pegognaga, San Benedetto Po, Moglia) Distretto di Ostiglia (Comuni di: Sustinente, Serravalle Po, Ostiglia, Quingentole, Pieve di Coriano, Borgofranco sul Po, Revere, Carbonara Po, Quistello, Schivenoglia, Villa Poma, Magnacavallo, Sermide, Poggio Rusco, San Giacomo delle Segnate, Felonica, San Giovanni del Dosso). Sviluppare una coscienza alimentare corretta e fornire conoscenze che orientino le abitudini alimentari degli alunni verso comportamenti più salutari. Tre incontri per classe così suddivisi: 1 rilevazione delle abitudini alimentari degli alunni; 2 riflessione sui dati raccolti, discussione e sviluppo delle tematiche relative alle corrette abitudini alimentari; 3 informazioni sui comportamenti alimentari e loro effetti sulla salute. Tre classi, di scuola media superiore per ogni indirizzo di scuola (liceo, istituto tecnico, geometri, ecc.) facenti parte dei Distretti di Ostiglia e di Suzzara Pietro Bottura ( 0376/627636) U.O. Nutrizione Presidio Sanitario di Quistello Distretti Ostiglia/Suzzara Alberto Fiaccadori ( 0376/506255) S.I.A.N. Distretti di Ostiglia/Suzzara

18 LIBERI DI DECIDERE: programma di prevenzione del tabagismo per la scuola media superiore? Studenti del terzo e quarto anno della scuola media superiore. Tutto il territorio Provinciale Scopo generale dell iniziativa Il programma, pur perseguendo l obiettivo di riduzione del numero di fumatori, si basa sullo sviluppo del senso critico nello studente verso i processi sociali, economici, psicologici, che inducono a fumare, facendolo riflettere su come spesso le scelte della vita, ed anche di salute, siano influenzate dai mezzi di comunicazione ed aiutandolo a riconoscere ed a resistere a tali pressioni. Inoltre il programma si propone di fornire un valido supporto a tutti coloro che intendono smettere di fumare, in considerazione del fatto che molti studi indicano una notevole prevalenza di soggetti che anche a quest età provano ad abbandonare il fumo, ma non ci riescono. Il programma si articola in due moduli, denominati rispettivamente: 1. Media sharp; 2. Insider; La combinazione di questi due moduli conferisce al programma una continuità di esecuzione che può garantire una migliore efficacia per il raggiungimento degli obiettivi educativi. L obiettivo educativo finale del programma è far si che i ragazzi s impadroniscano di alcune competenze sociali che li aiutino a saper essere non fumatore orientando le proprie scelte verso stili di vita sani. Nessun limite Pasolini Antonella - Servizio Medicina Preventiva delle Comunità ( 0376/ Fax 0376/ Marchetti M. Letizia - Ufficio Educazione Sanitaria 0376/ Fax: 0376/ e.mail:

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE AGRARIA N. 1 REGIONE AGRARIA N. 2 Comuni di: CASTIGLIONE D STIVIERE, CAVRIANA, MONZAMBANO, PONTI SUL MINCIO, SOLFERINO, VOLTA MANTOVANA Comuni di: ACQUANEGRA

Dettagli

OGGETTO: Richiesta contributo regionale ai sensi della L.R. n. 23/99 art. 4 commi 4 e 5.

OGGETTO: Richiesta contributo regionale ai sensi della L.R. n. 23/99 art. 4 commi 4 e 5. Alla ASL della Provincia di Mantova (da consegnarsi presso lo sportello unico socio-sanitario del distretto di residenza) OGGETTO: Richiesta contributo regionale ai sensi della L.R. n. 23/99 art. 4 commi

Dettagli

OGGETTO: Richiesta contributo regionale ai sensi della L.R. n. 23/99 art. 4 commi 4 e 5.

OGGETTO: Richiesta contributo regionale ai sensi della L.R. n. 23/99 art. 4 commi 4 e 5. Alla ASL della Provincia di Mantova da consegnarsi presso lo sportello unico socio-sanitario del distretto di residenza) OGGETTO: Richiesta contributo regionale ai sensi della L.R. n. 23/99 art. 4 commi

Dettagli

Direzione Regionale della Lombardia

Direzione Regionale della Lombardia Prot. 2009/70172 Direzione Regionale della Lombardia Attivazione della Direzione Provinciale di Competenza territoriale per la registrazione degli atti notarili e degli atti emessi dagli Ufficiali roganti

Dettagli

Anagrafe e stato civile dei comuni della Provincia di Mantova, seconde copie versate dal Tribunale di Mantova

Anagrafe e stato civile dei comuni della Provincia di Mantova, seconde copie versate dal Tribunale di Mantova Anagrafe e stato civile dei comuni della Provincia di Mantova, Registri 9515 (1866-1900, con seguiti al 1906) Indice analitico 185 Nota introduttiva I registri di Anagrafe e Stato Civile, prodotti dai

Dettagli

PIANI DI ZONA E CIRCOSCRIZIONI. a cura di Nicoletta Raia

PIANI DI ZONA E CIRCOSCRIZIONI. a cura di Nicoletta Raia PIANI DI ZONA E CIRCOSCRIZIONI a cura di Nicoletta Raia I Piani di zona I distretti socio-sanitari, corrispondenti ai sei piani di zona della Provincia di Mantova, fanno capo ai comuni di: Asola, Guidizzolo,

Dettagli

Distretti: Meta distretti:

Distretti: Meta distretti: GEOCAMERA Distretti: Distretto Legno, comprende, nella provincia di Mantova, i seguenti comuni: Borgoforte, Dosolo, Pomponesco, Sabbioneta, Viadana Distretto Tessile Calza, comprende, nella provincia di

Dettagli

RICERCA SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

RICERCA SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI MANTOVA RICERCA SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI MANTOVA La ricerca ha preso in esame i bilanci consuntivi del 2014 approvati dai rispettivi consigli comunali Sono 66 i Comuni coinvolti nella ricerca

Dettagli

La classificazione delle zone sismiche e la qualità della progettazione strutturale

La classificazione delle zone sismiche e la qualità della progettazione strutturale La classificazione delle zone sismiche e la qualità della progettazione strutturale Bergamo 04.12.2013 Presentazione M. Spezia ASL di Mantova Materiale iconografico prodotto da: ing. Antonio Sproccati

Dettagli

ERG VIA MATTEOTTI, 730 1,155 1,028 SI 2 MN ASOLA AGIP BRESCIA, 26 1,199 1,046 SI 1,179 1,026

ERG VIA MATTEOTTI, 730 1,155 1,028 SI 2 MN ASOLA AGIP BRESCIA, 26 1,199 1,046 SI 1,179 1,026 (con servizio alla (con servizio alla 1 MN ACQUANEGRA SUL CHIESE ERG VIA MATTEOTTI, 730 1,155 1,028 SI 2 MN ASOLA AGIP BRESCIA, 26 1,199 1,046 SI 1,179 1,026 3 MN ASOLA AGIP S.S. 343 KM. 55+630 1,199 1,046

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

LE FINALITA DEL PROGETTO

LE FINALITA DEL PROGETTO AMBITO N 5 LE FINALITA DEL PROGETTO La finalità del progetto è quella di organizzare e realizzare interventi mirati in modo da prevenire stili e comportamento a rischio ed innalzare le capacità di comprensione

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Comune di Castel Goffredo

Comune di Castel Goffredo COMUNE DI CASTEL GOFFREDO (c_c118) - Codice AOO: C_1234 - Reg. nr.0001129/2013 del 24/01/2013 SETTORE AMMINISTRATIVO, AFFARI GENERALI E RISORSE UMANE Anno: 2013 Numero di protocollo: 1129 Data di registrazione:

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

OGGETTO: Richiesta contributo regionale ai sensi della L.R. n. 23/99 art. 4 commi 4 e 5.

OGGETTO: Richiesta contributo regionale ai sensi della L.R. n. 23/99 art. 4 commi 4 e 5. Alla ASL della Provincia di Mantova (da consegnarsi presso lo sportello unico socio-sanitario del distretto di residenza) OGGETTO: Richiesta contributo regionale ai sensi della L.R. n. 23/99 art. 4 commi

Dettagli

PROMECO SERT- AUSL FERRARA

PROMECO SERT- AUSL FERRARA PROMECO Promeco è un servizio pubblico gestito congiuntamente da Comune e Azienda Usl di Ferrara in un rapporto di convenzione con la Provincia di Ferrara. Progetta e svolge interventi educativi con tutte

Dettagli

DENOMINAZIONE SEDE/TELEF/FAX COMPET. TERRITORIALE Accreditamento Sito Internet ASPeF azienda per i servizi alla persona ed alla famiglia

DENOMINAZIONE SEDE/TELEF/FAX COMPET. TERRITORIALE Accreditamento Sito Internet ASPeF azienda per i servizi alla persona ed alla famiglia Elenco erogatori Assistenza Domiciliare Integrata Distretto di Aggiornato al 01/10/2015 pag 1/2 ASPeF azienda per i servizi alla persona ed alla famiglia Piazzale Michelangelo 1 Tel. 0376 357828 50 Fax

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

DENOMINAZIONE SEDE/TELEF/FAX COMPET. TERRITORIALE Sito Internet ASPeF azienda per i servizi alla persona ed alla famiglia

DENOMINAZIONE SEDE/TELEF/FAX COMPET. TERRITORIALE Sito Internet ASPeF azienda per i servizi alla persona ed alla famiglia Elenco erogatori Assistenza Domiciliare Integrata Distretto di Aggiornato al 27/11/2013 pag 1/2 DENOMINAZIONE SEDE/TELEF/FAX COMPET. TERRITORIALE Sito Internet ASPeF azienda per i servizi alla persona

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto D Istruzione Superiore N. Miraglia Sezioni: I. P. S. S. C. T. N.Miraglia - LICEO GINNASIO N. Carlomagno e I.T.I.S. di LAURIA Via Cerse dello Speziale - 85045

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione U.O. EDUCAZIONE SANITARIA Responsabile: Dott.ssa Angela Epifanio Tel. 0964399905 Sede: via Dromo (ospedale vecchio) Siderno R.C. Segreteria: Tel/Fax 0964399908 - E mail promozionesaluterc@libero.it Mission:

Dettagli

IL GEOPORTALE DELL'OLTREPO MANTOVANO

IL GEOPORTALE DELL'OLTREPO MANTOVANO COMUNICATO STAMPA IL GEOPORTALE DELL'OLTREPO MANTOVANO Piattaforma web su base geografica per la lettura stratigrafica della dimensione storica, temporale ed emotiva del paesaggio locale PRESENTAZIONE

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE. a.s 2013-2014

SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE. a.s 2013-2014 LICEO ARTISTICO STATALE GIACOMO E PIO MANZU BERGAMO SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE a.s 2013-2014 Nonostante i seri problemi e i continui tagli che gravano sulla scuola, la Commissione Salute continua a

Dettagli

Operatori sanitari formati Insegnanti coinvolti. Formazione Torino Formazione Locale. zero 10. zero 20. Interventi nelle classi.

Operatori sanitari formati Insegnanti coinvolti. Formazione Torino Formazione Locale. zero 10. zero 20. Interventi nelle classi. 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del progetto: 2.9.6.4 UNPLUGGED - Realizzazione di un Programma scolastico di potenziamento di conoscenze e abilità personali e sociali per la prevenzione dell uso

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova GESTIRE LE EMERGENZE DI PROTEZIONE CIVILE: I RISCHI NEL MANTOVANO E LA PIANIFICAZIONE DI SETTORE Ing. Sandro Bellini Responsabile del Servizio Acque, Suolo e Protezione Civile della Provincia di Mantova

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA INCIDENTI STRADALI - ANNO 2008

PROVINCIA DI MANTOVA INCIDENTI STRADALI - ANNO 2008 PROVINCIA DI MANTOVA INCIDENTI STRADALI - ANNO 2008 Incidenti, morti e feriti per comune - Provincia di Mantova - Anno 2008 COMUNE POPOLAZIONE** CIRCOLANTE* Incidenti Morti Feriti ACQUANEGRA SUL CHIESE

Dettagli

L orientamento e il ruolo del tutor. La peer education. Progetto PEER EDUCATION RAFAELLA TONFI 1

L orientamento e il ruolo del tutor. La peer education. Progetto PEER EDUCATION RAFAELLA TONFI 1 L orientamento e il ruolo del tutor La peer education RAFAELLA TONFI 1 La peer education Per lo studente tutor: Partecipazione attiva alla vita della scuola Conoscenza delle dinamiche organizzative della

Dettagli

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO AZIENDA SANITARIA LOCALE N 4 ENNA SERVIZIO NEUROPSICHIATRIA INFANTILE U.O. DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE DISTRETTO AGIRA PROGETTO POLLICINO E L'ORCO Percorsi di prevenzione, di educazione alla salute e di

Dettagli

Servizio Promozione Educazione alla Salute

Servizio Promozione Educazione alla Salute U.O.C Materno-Infantile Servizio Promozione Educazione alla Salute Relazione finale attività svolte nelle Scuole anno scolastico 2009/10 PREMESSA Tutti i bambini e i giovani hanno diritto e dovrebbero

Dettagli

OSSERVATORIO PROVINCIALE DEL TURISMO

OSSERVATORIO PROVINCIALE DEL TURISMO OSSERVATORIO PROVINCIALE DEL TURISMO 1 FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI MANTOVA DATI 2016 IN BREVE molto positivi i dati di flusso turistico del 2016 nell intero territorio provinciale: +20,58% gli arrivi

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

Ragione Sociale : AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A. (A.P.A.M. S.p.A.) rappresentanza della Provincia di Mantova)

Ragione Sociale : AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A. (A.P.A.M. S.p.A.) rappresentanza della Provincia di Mantova) 1 SEMESTRE 015 Ragione Sociale : AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A. (A.P.A.M. S.p.A.) Componenti Consiglio di Amministrazione in carica dal 10.09.013 Cognome e Nome Carica Compenso annuo lordo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA Ordinanza contingibile ed urgente ex art. 191 D.Lgs 152/2006 e s.m.i. per l individuazione ulteriori impianti per la gestione dei rifiuti derivanti dal crollo parziale o totale degli edifici pubblici e

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SIMONE DA CORBETTA PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 1 Introduzione Il progetto accoglienza nasce dalla convinzione che i primi mesi di lavoro

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

PROGETTO SERVIZIO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA

PROGETTO SERVIZIO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA RELAZIONE FINALE PROGETTO SERVIZIO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA RELAZIONE FINALE PROGETTO: SERVIZIO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA plesso Scuola secondaria di primo grado F. Baracca plesso F. Baracca a.s. 2013-14

Dettagli

ATTIVITÀ DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE

ATTIVITÀ DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE ATTIVITÀ DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE I Progetti di Educazione alla Salute sono rivolti agli alunni di tutte le sedi per classi parallele. Tra gli obiettivi principali vi sono quelli di creare una coscienza

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO. SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLE FUNZIONI GENITORIALI (L.R. 13 maggio 2003, nr. 9)

CENTRO DI ASCOLTO. SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLE FUNZIONI GENITORIALI (L.R. 13 maggio 2003, nr. 9) CENTRO DI ASCOLTO SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLE FUNZIONI GENITORIALI (L.R. 13 maggio 2003, nr. 9) COS E E un servizio gratuito, oltre che uno spazio riservato, all interno della scuola cui possono accedere

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Provincia di Mantova Settore turistico e culturale, servizi alla persona e alla comunità, politiche sociali e del lavoro, sport e tempo libero

Provincia di Mantova Settore turistico e culturale, servizi alla persona e alla comunità, politiche sociali e del lavoro, sport e tempo libero Provincia di Mantova Settore turistico e culturale, servizi alla persona e alla comunità, politiche sociali e del lavoro, sport e tempo libero DOTE LAVORO INSERIMENTO LAVORATIVO (DOTE 1) E SOSTEGNO ALL

Dettagli

PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO

PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO Obiettivi prioritari TABAGISMO (CLASSI PRIME) 1. Informare scientificamente sui rischi legati al consumo di tabacco 2. Disincentivare l

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

ATTIVITÀ MOTORIA E GIOCOSPORT NELLA SCUOLA PRIMARIA DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

ATTIVITÀ MOTORIA E GIOCOSPORT NELLA SCUOLA PRIMARIA DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROGETTO PROVINCIALE INTERISTITUZIONALE ATTIVITÀ MOTORIA E GIOCOSPORT NELLA SCUOLA PRIMARIA DELLA PROVINCIA DI MANTOVA ELENCO MANIFESTAZIONI ZONALI a.s. 2016/2017 n. data luogo classi attività 1 30 gennaio

Dettagli

... un area tematica non inserita nel suddetto elenco, è opportuno indicare una giustificazione della opportunità della introduzione )

... un area tematica non inserita nel suddetto elenco, è opportuno indicare una giustificazione della opportunità della introduzione ) Facsimile di scheda per la rilevazione dei progetti di promozione della salute (predisposta dalla Regione Lombardia nell anno 2004) PROGETTO n Anno di inizio 200_ 1) TITOLO DEL PROGETTO: 2) AREE TEMATICHE:

Dettagli

4.2- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE DISTRETTO ASL DI TRESCORE BALNEARIO

4.2- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE DISTRETTO ASL DI TRESCORE BALNEARIO PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.2- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE DISTRETTO ASL DI TRESCORE BALNEARIO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Punto di vista un progetto di sistema

Punto di vista un progetto di sistema Progetti scuola /extrascuola Punto di vista un progetto di sistema L.Grotti - Promeco Forlì 17 Febbraio 2011 Promeco È un servizio pubblico istituito attraverso una convenzione tra più enti. (Comune, A.USL,

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO Istituto Comprensivo Bordighera Via Pelloux, 32-18012 Bordighera IM PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO SPORTELLO DI CONSULENZA PSICOLOGICA PER ALUNNI, DOCENTI,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

RICERCA, VALUTAZIONE E SOSTEGNO PER LA SCUOLA

RICERCA, VALUTAZIONE E SOSTEGNO PER LA SCUOLA RICERCA, VALUTAZIONE E SOSTEGNO PER LA SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO Anno scolastico 2014-2015 Dott.ssa Carlotta PASSI 334-7921713 Referente Finalità e Obiettivi Il Centro RIVAS interviene

Dettagli

MIB SCHOOL OF MANAGEMENT. EXECUTIVE MBA - XV EDIZIONE Borsa di studio MIB in sostegno ai comuni terremotati

MIB SCHOOL OF MANAGEMENT. EXECUTIVE MBA - XV EDIZIONE Borsa di studio MIB in sostegno ai comuni terremotati MIB SCHOOL OF MANAGEMENT EXECUTIVE MBA - XV EDIZIONE Borsa di studio MIB in sostegno ai comuni terremotati MIB School of Management, al fine di incentivare la ripresa economica attraverso il trasferimento

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO G. DOZZA n. di classi 18 n. alunni 458 di cui 116 stranieri ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA Est Europa: 42 Estremo oriente:37 Maghreb: 19

Dettagli

SINTESI DEL RAPPORTO RIFIUTI URBANI E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI MANTOVA ANNO

SINTESI DEL RAPPORTO RIFIUTI URBANI E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI MANTOVA ANNO SINTESI DEL RAPPORTO RIFIUTI URBANI E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI MANTOVA Area Ambiente, Sistemi Informativi e Innovazione Servizio Inquinamento SIN - AIA ANNO - 2016 L Area Ambiente, Sistemi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BEATO CONTARDO FERRINI. B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BEATO CONTARDO FERRINI. B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16 L I.C. Ferrini di Olgiate Olona è assegnatario di un contributo da parte della Fondazione Comunitaria del Varesotto per la realizzazione del Progetto: B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16 INFORMAZIONI

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

1) Orientarsi nella scuola, conoscenza di spazi e persona della scuola secondaria

1) Orientarsi nella scuola, conoscenza di spazi e persona della scuola secondaria PROGETTO ORIENTAMENTO La scuola secondaria di primo grado è per sua finalità orientativa in quanto favorisce l iniziativa del soggetto per il proprio sviluppo e lo pone in condizione di conquistare la

Dettagli

ANNO 2013 RAPPORTO SULLA PRODUZIONE DI RIFUTI URBANI E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI MANTOVA

ANNO 2013 RAPPORTO SULLA PRODUZIONE DI RIFUTI URBANI E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI MANTOVA ANNO 2013 RAPPORTO SULLA PRODUZIONE DI RIFUTI URBANI E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI MANTOVA Dati completi 2012 1 PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE AMBIENTE, PIANIFICAZIONE E AUTORITA PORTUALE ASSESSORATO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

4.4- L OFFERTA FORMATIVA DIPARTIMENTO DIPENDENZE AREA PREVENZIONE

4.4- L OFFERTA FORMATIVA DIPARTIMENTO DIPENDENZE AREA PREVENZIONE PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.4- L OFFERTA FORMATIVA DIPARTIMENTO DIPENDENZE AREA PREVENZIONE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO Area Formazione

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 1 giugno 2012 Sospensione, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, della legge 27 luglio 2000, n. 212, dei termini per l'adempimento degli obblighi tributari

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

PROGETTO CONSULENZA PSICOLOGICA Anno Scolastico 2015/'16

PROGETTO CONSULENZA PSICOLOGICA Anno Scolastico 2015/'16 Dr. Giulio Casini Psicologo, psicoterapeuta Via Chieti, 6 - ROMA Tel. 347 9392922 E-mail: giuliocasini@libero.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. Montezemolo Scuole Primarie Padre Lais, Tintoretto, Tre

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Catasto lombardo-veneto, registri

Catasto lombardo-veneto, registri Registri 652 anni 1810 1892 64 Il fondo è costituito dagli aggiornamenti parziali, effettuati a più riprese nel corso dell'ottocento, del precedente catasto teresiano, di cui mantiene la struttura articolata

Dettagli

CENTRO FEDERATO INER VERONA

CENTRO FEDERATO INER VERONA CENTRO FEDERATO INER VERONA Via Seminario, 8 37129 Verona Referente: Giancarla Stevanella Segreteria :da Lunedì a Venerdì dalle 9,30 alle 14,00 Tel. 045 9276227 - fax 045 9276226 e mail: iner.verona@fecunditas.it

Dettagli

Istituto comprensivo XX Settembre Catania

Istituto comprensivo XX Settembre Catania Istituto comprensivo XX Settembre Catania Anno scolastico 2010/2011 Destinatari: alunni della scuola primaria Referente: Ins. Laureanti Floriana 1 Premessa La Salute definita, nella Costituzione dell'organizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 NAIC86400X@istruzione.it - http://www.icsdelpozzo.it C.MEC. NAIC86400X C.F.

Dettagli

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro 41 BENESSERE E COMPETENZE CORRELATE/ SALUTE SESSUALE/ AFFETTIVITÀ - DIPENDENZE Target: ü Giovani adulti ü Genitori ü Insegnanti della Scuola Secondaria

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

LA SALUTE PRIMA DI TUTTO!

LA SALUTE PRIMA DI TUTTO! LA SALUTE PRIMA DI TUTTO! FINALITA E MOTIVAZIONI L'educazione alla salute rappresenta il processo educativo attraverso il quale gli individui imparano ad assumere consapevolmente decisioni utili al mantenimento

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA L educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità in relazione con l ambiente, gli altri e gli

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

5.1.1. PREVENZIONE:MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

5.1.1. PREVENZIONE:MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI 5. EDUCAZIONE ALLA SALUTE 5.1 PREVENZIONE 5.1.1. PREVENZIONE:MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Conoscenza anatomica e fisiologica degli apparati riproduttori Conoscenza della capacità di difesa immunitaria

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

PROGETTO C.I.C. TUSCANIA (indicare la denominazione del progetto)

PROGETTO C.I.C. TUSCANIA (indicare la denominazione del progetto) Denominazione: PROGETTO C.I.C. TUSCANIA (indicare la denominazione del progetto) Macroarea 1 : A B X C D E 1.Responsabile del Progetto: CAMPANARI FABRIZIO 2.Personale coinvolto: CAMPANARI FABRIZIO Dr.ssa

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli