Il Consiglio di Stato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consiglio di Stato"

Transcript

1 Bellinzona 5463 fr 3 dicembre 2014 Il Consiglio di Stato Repubblica e Cantone Ticino Ufficio federale dell'ambiente Protezione dell'aria e prodot chimici 3003 Berna Indagine conosciva inerente la quarta revisione dell'ordinanza sulla riduzione dei rischi ineren ai prodot chimici - Presa di posizione del Consiglio di Stato del Canton Ticino Genli signore, egregi signori, con lettera del 6 settembre 2014 abbiamo ricevuto la proposta della quarta revisione dell'ordinanza sulla riduzione dei rischi ineren ai prodot chimici, ORRPChim. Ringraziamo per l'opportunità di potere esprimere una nostra presa di posizione in merito. L'ORRPChim regola i divie e le limitazioni d'uso per determina prepara o sostanze pericolose. Disciplina inoltre le competenze necessarie per l'ulizzo di determina sostanze, prepara o ogget parcolarmente pericolosi. La presente revisione propone principalmente l'adattamento all'evoluzione a livello europeo così da prevenire ostacoli al commercio e garanre sul nostro territorio lo stesso livello di sicurezza per la salute dell'uomo e dell'ambiente. I principali cambiamen includono: limitazioni all'uso di mercurio e compos del mercurio in impian stazionari e negli strumen di misura; divieto di immissione sul mercato di odoran per l'ambiente contenen diclorobenzene; divieto di immissione sul mercato di arcoli di consumo con par in gomma o in plasca contenen IPA; divieto di immissione sul mercato di ogget d'uso che vengono in contatto con la pelle fabbrica con cuoio e contenen cromo VI;

2 2 estensione del divieto per sostanze organiche alogenate; divieto di spargimento dall'aria di prodot fitosanitari e biocidi; regolamentazione d'uso di sottoprodot agricoli come prodot disgelan e addivi per salamoie; revisione dell'elenco delle deroghe per i divie riguardan i metalli pesan negli autoveicoli. Prendendo spunto dalla presente revisione, vengono ripropos dei suggerimen già segnala in occasione di consultazioni analoghe del recente passato. 1) Revisione attuale: presa di posizione su aspet generali Nel suo complesso, il Consiglio di Stato saluta posivamente la proposta di revisione, segnalando tuttavia delle perplessità su alcuni aspet puntuali. Il progetto di revisione comprende l'inserimento di due nuovi allega (2.2a e 2.6a) che non rispettano la struttura ulizzata finora nella ORRPChim. Si invita, in linea con la struttura esistente, a prendere in considerazione una sistemazione alternava dei nuovi allega. Mercurio La versione attuale dell'ordinanza prevede il divieto generale per l'ulizzo di mercurio accompagnato da delle deroghe settoriali. La nuova versione prevede invece dei divie per determinate ulizzi. In futuro diverse limitazioni coperte attualmente dal divieto generale potrebbero non più essere valide in considerazione dalla modifica proposta. Spargimento dall'aria di biocidi, fitosanitari e concimi La proposta di revisione prevede che in futuro non sia più possibile spargere prodot fitosanitari, biocidi o concimi dall'aria. Questa praca è di fatto ulizzata soprattutto nei cantoni Vallese, Vaud, Ginevra e Neuchâtel per il trattamento delle vigne con prodot fitosanitari, mentre nei Cantoni Friburgo e Ticino per la lotta alle zanzare con l'impiego di prodot biocidi. Lo spargimento di concimi dall'aria è una praca che era per lo più ulizzata in zone montuose e discoste in passato ma che, con l'abbandono dei pascoli e dei campi alpini, è sempre più desueta. Per il nostro Cantone questo cambiamento corrisponde a un aumento, anche se allo stato attuale contenuto, dei compi. Sarebbe necessario da un lato introdurre un regolamento cantonale che definisca le modalità di concessione dell'autorizzazione e dall'altro reperire le risorse per valutare dal punto di vista amministravo i casi. In sostanza, si riene interessante nel merito il passaggio di competenza ai Cantoni che meglio conoscono la situazione locale e sono in grado di valutarla. Da parte della Confederazione è tuttavia necessario prevedere delle risorse specifiche a favore dei Cantoni per lo svolgimento dei nuovi compi.

3 3 Ulizzo di sottoprodot agricoli come disgelan Non disponendo di dettagli specifici si riene potenzialmente problemaca per l'ambiente l'introduzione all'ulizzo di ques prodot, in parcolare per quanto riguarda il probabile aumento del carico organico. Divieto per arcoli con sostanze pericolose che vengono a contatto con la pelle A livello europeo saranno introdot due nuovi regolamen per tutelare i consumatori contro i rischi dalle sostanze pericolose. Proprio da ques regolamen scaturiscono i divie di immissione sul mercato di ogget d'uso che vengono a contatto con la pelle contenen IPA o cromo VI. Mentre nel merito tali limitazioni sono condivisibili, ritenuta la pologia del divieto e in base al campo di ulizzo si riene che i divie cita vadano considera nell'ordinanza sulle derrate alimentari e gli ogget d'uso piuttosto che nell'orrpchim. 2) Revisione attuale: presa di posizione su aspet specifici In considerazione degli aspet generali e per pracità, vengono elencate di seguito le osservazioni a singoli arcoli con le relave proposte di modifica. Allegato 1.1 Inquinan organici persisten - Cifra 1, Divie Chiarire i paragrafi 3 e 4. Deve essere formulato in maniera chiara quando applicare l'allegato 1.9 per Pesabromociclodecano (HBCDD) e i difenileteri broma e l'allegato 1.16 per l'acido perfluorottanato sulfonato e i suoi deriva (PFOS). Alcune sostanze o gruppi di sostanze sono da considerarsi inquinan organici persisten in quanto inseri nella lista riportata alla cifra 3 dell'allegato. Queste sostanze vengono però regolamentate in altri allega, in parcolare nell'allegato 1.9 e Questa situazione potrebbe portare a delle interpretazioni non univoche. Allegato 1.7 Mercurio Aggiunta al paragrafo 1.2. Alla cifra 1.2 è necessario riprisnare il divieto generale di uso del mercurio già contemplato dall'ordinanza attuale. La revisione dell'allegato 1.7 implica che alcune applicazioni che comportano rischi per l'ambiente e la salute non potranno venire più limitate, visto che non rientrano in nessun divieto. Ad esempio non sarebbe possibile vietare la termolisi dell'ossido di mercurio, così come non sarebbe possibile vietare l'importazione di medicamen e cosmeci contenen mercurio. Senza il mantenimento di un divieto generale potrebbero venire sviluppa nuovi impieghi industriali o commerciali del mercurio o di suoi deriva con conseguenze sull'ambiente e la salute. Iii

4 4 Allegato 1.9 Sostanze con effet ignifughi - Cifra 3, Esabromociclododecano HBCDD Chiarire il paragrafo 2 della sezione 3.2 (Divie). Il concetto di "impurità inevitabile" deve essere esplicitato. Non è chiaro a quale concentrazione per un determinato metodo di produzione corrisponda il concetto di "impurità inevitabile". In parcolare, arcoli contenen plasca riciclata potrebbero contenere dei ritardan di fiamma, pertanto la concentrazione massima ammissibile di HBCDD deve essere indicata nell'allegato. Eliminare parte del paragrafo 2 alla cifra 3.2 (Divie). Non possono essere immessi sul mercato nuovi ogget, se le componen trattate con materiale ignifugo contengono HBCDD non solo come impurità inevitabili. Non è necessaria la limitazione del divieto di immissione sul mercato solo ai nuovi ogget. La commercializzazione di vecchi ogget è disciplinata dalle disposizioni transitorie (Sezione 4). La restrizione che unicamente le par con materiali ignifughi devono essere privi di HBCDD è forviante. Ogni materiale contenente HBCDD deve essere vietato, dunque anche le par senza nessun requisito di resistenza al fuoco. Allegato 2.2a Disodorizzan e deodoran per ambien Osservazione Accogliamo favorevolmente l'introduzione del divieto d'uso di 1,4-diclorobenzene in deodoran e disodorizzan. II tolo del allegato 2.2 "Prodot di pulizia" dovrebbe tuttavia essere esteso in modo da includere anche i deodoran e i disodorizzan. Il nuovo divieto deve essere integrato nella struttura esistente. Per chiarezza, è auspicabile che nuovi allega siano aggiun unicamente per nuovi gruppi di materiali o di prodot. Allegato 2.7 Prodot disgelan e addivi per salamoie I sottoprodot agricoli devono poter essere ulizza come addivi per prodot disgelan unicamente se esiste un vantaggio ambientale ed ecologico rispetto all'uso di altri addivi oppure se questo rappresenta un vantaggio rispetto allo smalmento di ques sottoprodot. Gli addivi per salamoie organici basa su sottoprodot agricoli devono essere defini all'arcolo 1 capoverso 2 in maniera chiara e senza possibilità di interpretazione. È opportuno chiedersi se l'aggiunta di addivi organici a base di sottoprodot agricoli nei prodot disgelan, considerando la problemaca in maniera complessiva, abbia o meno un effetto posivo sull'ambiente. La degradazione biologica di ques prodot poterebbe causare problemi all'ambiente o alle infrastrutture. Sono plausibili anche problemi di igiene, in parcolare a causa della possibile formazione di biofilm.

5 5 Ques prodot devono essere valuta sulla base di indagini, a nostra conoscenza oggi non disponibili, che tengano conto di tutte le problemache. La scelta di non definire chiaramente quali sottoprodot possano o meno venire ulizza consente l'impiego di molte sostanze agricole di scarto senza il necessario controllo e con il possibile insorgere di problemi collaterali. Allegato 2.9 Materie plasche, loro monomeri e addivi I divie per ogget contenen idrocarburi policiclici aromaci devono essere inclusi nell'ordinanza sulle derrate alimentari e gli ogget d'uso e non nella presente ordinanza. I divie riguardano gli ogget desna al grande pubblico con più di 1 mg / kg di IPA, che "nell'uso normale o ragionevolmente prevedibile di un oggetto, un suo componente contenente un idrocarburo policiclico aromaco viene in contatto direttamente, per un periodo prolungato o per ripetu periodi brevi con la pelle o con la cavità orale delle persone". Visto il campo di applicazione si propone di regolamentare tali requisi nell'ordinanza sulle derrate alimentari e gli ogget d'uso. Il regolamento UE 1272/2013, dal quale è stato ripreso il presente divieto, è stato varato unicamente con lo scopo di proteggere la salute umana e regolamenta anche i giocattoli e altri prodot per neona. Allegato 2.16 Disposizioni parcolari concernen i metalli - Cr (VI) nei prodot in pelle I divie per ogget contenen cromo VI devono essere inclusi nell'ordinanza sulle derrate alimentari e gli ogget d'uso e non nella presente ordinanza. I divie riguardano i prodot in pelle con più di % in massa di cromo VI, che " vengono in contatto con la pelle ". Visto il campo di applicazione si propone di regolamentare tali requisi nell'ordinanza sulle derrate alimentari e gli ogget d'uso. Il regolamento UE 1272/2013, dal quale è stato ripreso il presente divieto, è stato varato unicamente con lo scopo di proteggere la salute umana e regolamenta anche i giocattoli e altri prodot per neona. 3) Altre proposte di temache da approfondire in relazione all'orrpchim Le limitazioni contemplate dall'orrpchim sulle sostanze organiche persisten nell'ambiente (POPs) sono in linea con la Convenzione di Stoccolma, volta a combattere i contaminan estremamente persisten che possono accumularsi nell'ambiente e lungo la catena alimentare. Come dimostrato da diverse indagini, in alcuni casi e a seguito dei divie di gruppi di sostanze come PFOS e PBDE, sono apparsi sul mercato compos con proprietà fisico-chimiche ed ecotossicologiche del tutto analoghe ma non ancora regolamentate. Per raggiungere dei miglioramen tangibili e duraturi, lo scrivente Consiglio suggerisce l'introduzione di limitazioni più generalizzate di compos alogena problemaci.

6 6 Con la recente proposta di revisione dell'ordinanza tecnica sui rifiu OTR, viene prospettato che chiunque esegua lavori di costruzione debba fornire alle autorità preposte, nel quadro della domanda di autorizzazione edilizia, le informazioni concernen la pologia, la qualità e la quantà dei rifiu prodot nonché le vie di smalmento previste. È importante che gli accertamen di materiali con amianto, PCB, IPA o oltri inquinan siano effettua da personale competente e riconosciuto uniformemente a livello svizzero. Lo scrivente Consiglio è dell'opinione che uno strumento idoneo per garanre la qualità di tali accertamen sia, analogamente ad altri ambi di competenza dell'ufam, l'introduzione di un'autorizzazione speciale ancorata all'orrpchim. I divie di ulizzo di prodot fitosanitari di cui all'allegato 2.5 ORRPChim, che perseguono l'obietvo di escludere un ulizzo di fitosanitari in zone problemache o una loro dispersione indesiderata nell'ambiente, non si adattano in ogni caso alle situazioni riscontrabili sul territorio. Tali divie andrebbero pertanto specifica in maniera più univoca e precisa. L'ulizzo di prodot biocidi del tutto analoghi, sia per composizione che per le relave problemache ambientali, andrebbe limitato di conseguenza. Resamo a completa disposizione per le domande che potessero occorrere. Vogliate gradire, genli signore ed egregi signori, l'espressione della nostra alta sma. PER IL C CONSIGLIO DI STATO Il Presidente: Il Cancelliere: M. Bertoli >'. Gianella Copia p.c. : - Diparmento del territorio - Divisione dell'ambiente - Sezione della protezione dell'aria, dell'acqua e del suolo - Diparmento della sanità e della socialità - Laboratorio cantonale - Deputazione cinese alle camere federali - Delegato per le relazioni confederali - Pubblicazione in Internet

Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche MEMO/05/248 Bruxelles, 11 agosto 2005 Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche 1) Quali sono i problemi causati dai rifiuti di

Dettagli

Scheda B03 pagina 1 di 7 Ver. 5.1-12/2014

Scheda B03 pagina 1 di 7 Ver. 5.1-12/2014 Informazioni sulla Legge sui prodotti chimici Servizi cantonali per i prodotti chimici Scheda B03 pagina 1 di 7 Ver. 5.1-12/2014 Immissione sul mercato di biocidi Questa scheda informa sui principali doveri

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 757/2010 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 757/2010 DELLA COMMISSIONE 25.8.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 223/29 REGOLAMENTO (UE) N. 757/2010 DELLA COMMISSIONE del 24 agosto 2010 recante modifica del regolamento (CE) n. 850/2004 del Parlamento europeo e del

Dettagli

Regolamento (cee) n. 880/92

Regolamento (cee) n. 880/92 Regolamento (cee) n. 880/92 TITOLO: Regolamento (cee) n. 880/92 DATA: 23 marzo 1992 Regolamento (cee) n. 880/92 del consiglio del 23 marzo 1992 concernente un sistema comunitario di assegnazione di un

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 24.4.2009 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 219/2008, presentata da Javier San Martin Larrinoa, cittadino spagnolo, che protesta contro

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 37/19 DIRETTIVA 2002/95/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 27 gennaio 2003 sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche IL

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 1991L0414 IT 01.08.2008 018.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 15 luglio 1991 relativa all'immissione

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

Iniziativa parlamentare Impianti di incenerimento dei rifiuti urbani (IIRU) del Cantone Ticino

Iniziativa parlamentare Impianti di incenerimento dei rifiuti urbani (IIRU) del Cantone Ticino ad 03.421 Iniziativa parlamentare Impianti di incenerimento dei rifiuti urbani (IIRU) del Cantone Ticino Rapporto del 4 settembre 2003 della Commissione dell ambiente, della pianificazione del territorio

Dettagli

NEWS. PARCHI GIOCO, n 1/2012

NEWS. PARCHI GIOCO, n 1/2012 NEWS PARCHI GIOCO, n 1/2012 INDICE 1. 2. 3. 4. 5. 6. IL FITNESS NELLE AREE VERDI REVISIONE DELLA SERIE DI NORME EN 1176-n GIOCHI GONFIABILI: NECESSARIO CERTIFICATO DI REAZIONE AL FUOCO Attrezzature da

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 3.6.2014 L 164/73 Gruppo di sostanze Ambito delle restrizioni e/o delle deroghe Limiti di concentrazione (se del caso) Valutazione e verifica b) Solventi Applicabilità: Tutti i prodotti. Classificazioni

Dettagli

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali Cap. 1 Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali 1.1.1 Quadro di riferimento: la valutazione del rischio ambientale e l analisi del rischio Il rapido

Dettagli

--------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------- D.M. 3 maggio 2001 Recepimento della direttiva 2000/61/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 ottobre 2000 che modifica la direttiva 94/55/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE 12.12.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 334/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE dell 8 dicembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio

Dettagli

Cri$cità Opera$ve nella Applicazione della nuova procedura di classificazione dei rifiu$ Rossana Cintoli ARPA Lazio

Cri$cità Opera$ve nella Applicazione della nuova procedura di classificazione dei rifiu$ Rossana Cintoli ARPA Lazio Cri$cità Opera$ve nella Applicazione della nuova procedura di classificazione dei rifiu$ Rossana Cintoli ARPA Lazio Evoluzione recente dei riferimen$ norma$vi in materia di classificazione dei rifiu$ D.Lgs

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI CIRCOLARE 13 settembre 1999, n.8 (pubblicata nella G.U. n. 258 del 03-11-1999) Quadro di riferimento per l'utilizzazione dei fertilizzanti in agricoltura

Dettagli

Versione italiana PRONTUARIO. Occorre agire subitocon urgenza! VEDERE ALL'INTERNO per sapere come utilizzare questo prontuario.

Versione italiana PRONTUARIO. Occorre agire subitocon urgenza! VEDERE ALL'INTERNO per sapere come utilizzare questo prontuario. Versione italiana PRONTUARIO LA CAMPAGNA PER PER SALVARE DEGLI I NOSTRI INTEGRATORI INTEGRATORI ALIMENTARI Occorre agire subitocon urgenza! VEDERE ALL'INTERNO per sapere come utilizzare questo prontuario.

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2008D0798 IT 10.12.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 14 ottobre 2008 che impone

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. 18 Febbraio 2011. A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio.

RASSEGNA STAMPA. 18 Febbraio 2011. A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio. RASSEGNA STAMPA A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio.it LA SICILIA LA SICILIA Pagina 5 LA SICILIA Pagina 8 LA SICILIA Pagina 30 LA SICILIA

Dettagli

I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE

I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE 1. Chi utilizza sostanze e preparati pericolosi continuerà a ricevere schede di sicurezza che potranno essere corredate,

Dettagli

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam)

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Rapporto esplicativo 28 marzo 2013 Indice 1 Situazione iniziale... 3 2 Obiettivo ed elementi

Dettagli

Terzo ciclo di valutazione

Terzo ciclo di valutazione INOFFICIAL TRANSLATION / TRADUCTION INOFICIELLE Adozione: 19 giugno 2015 Pubblico Pubblicazione: 17 agosto 2015 Greco RC-III (2015) 6 Rapporto intermedio Terzo ciclo di valutazione Secondo rapporto intermedio

Dettagli

Classificazione dei rifiuti

Classificazione dei rifiuti Classificazione dei rifiuti DM di modifica dell allegato D ed I della parte quarta del d. lgs.152/06 Dott.ssa Giulia Sagnotti Ministero dell Ambiente Direzione Generale RIN Divisione Rifiuti DM di modifica

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE 6.8.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 205/3 REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 agosto 2005 recante modifica dell allegato IV del regolamento (CE) n. 999/2001 del Parlamento

Dettagli

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DEL RIFIUTO

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DEL RIFIUTO SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DEL RIFIUTO Data di creazione: 21/04/2015 Ultimo aggiornamento: 21/04/201509:00:14 Validità del documento: 21/04/2016 Versione del documento: 2 Produttore del rifiuto: [DEMO]

Dettagli

Le novità introdotte dai Decreti Sviluppo per il finanziamento alle imprese e le possibili evoluzioni

Le novità introdotte dai Decreti Sviluppo per il finanziamento alle imprese e le possibili evoluzioni Min!tero dello Svilu#o economico Le novità introdotte dai Decreti Sviluppo per il finanziamento alle imprese e le possibili evoluzioni Stefano Firpo Capo della Segreteria Tecnica del Ministro Roma, 28

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 22.7.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 22.7.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.7.2014 C(2014) 5087 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 22.7.2014 che modifica l'allegato II del regolamento (UE) n. 978/2012 relativo all'applicazione

Dettagli

IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO

IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO Requisi' di qualità nell appalto e di sostenibilità della fornitura dei pas': luci e ombre 16 Se&embre 2014 Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

Macchine e A*rezzature per la Preparazione e la Lavorazione degli Alimen8. La regolamentazione dei materiali a conta*o per il Mercato CE

Macchine e A*rezzature per la Preparazione e la Lavorazione degli Alimen8. La regolamentazione dei materiali a conta*o per il Mercato CE Macchine e A*rezzature per la Preparazione e la Lavorazione degli Alimen8 La regolamentazione dei materiali a conta*o per il Mercato CE Vanda Spina e Riccardo Giambelli Dal Libro bianco sulla sicurezza

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione giuridica e per il mercato interno 8 giugno 2001 DOCUMENTO DI LAVORO sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle macchine e

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 COM(2014) 750 final 2014/0359 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa all accettazione dell emendamento del protocollo del 1998 della convenzione del

Dettagli

Legge federale sulla protezione dell ambiente

Legge federale sulla protezione dell ambiente Legge federale sulla protezione dell ambiente (Legge sulla protezione dell ambiente, LPAmb) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

Spettabile Dipartimento Federale delle Finanze Segreteria Generale Servizio Giuridico Bernerhof. 3003 Berna. Lugano, 29 settembre 2011/GV

Spettabile Dipartimento Federale delle Finanze Segreteria Generale Servizio Giuridico Bernerhof. 3003 Berna. Lugano, 29 settembre 2011/GV Spettabile Dipartimento Federale delle Finanze Segreteria Generale Servizio Giuridico Bernerhof 3003 Berna Lugano, 29 settembre 2011/GV Consultazione Avanprogetto LICol Gentili Signore, Egregi Signori,

Dettagli

DIRETTIVA 2008/39/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2008/39/CE DELLA COMMISSIONE L 63/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.3.2008 DIRETTIVE DIRETTIVA 2008/39/CE DELLA COMMISSIONE del 6 marzo 2008 che modifica la direttiva 2002/72/CE relativa ai materiali e agli oggetti di materia

Dettagli

Punto di critica principale: le nuove disposizioni di dichiarazione

Punto di critica principale: le nuove disposizioni di dichiarazione Comunicata stampa Pacchetto di ordinanze Largo di oltre 2 000 pagine per l applicazione della nuova Legge sulle derrate alimentari l UPSC ha inoltrato una presa di posizione di oltre 70 pagine Nuova valanga

Dettagli

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine (Ordinanza sulle macchine, OMacch) 819.14 del 2 aprile 2008 (Stato 15 dicembre 2011) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4 della legge federale

Dettagli

Modifica dell'ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (OIAt) nel settore delle macchine di cantiere

Modifica dell'ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (OIAt) nel settore delle macchine di cantiere Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Berna, 10 settembre 2008 Modifica dell'ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (OIAt) nel settore delle

Dettagli

CONTROLLI UFFICIALI NELL'AMBITO DEI FERTILIZZANTI ORGANICI E AMMENDANTI CONTENENTI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

CONTROLLI UFFICIALI NELL'AMBITO DEI FERTILIZZANTI ORGANICI E AMMENDANTI CONTENENTI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE 1 CONTROLLI UFFICIALI NELL'AMBITO DEI FERTILIZZANTI ORGANICI E AMMENDANTI CONTENENTI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE Il contesto produttivo dei fertilizzanti contenenti S.O.A. e basi normative in ambito

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PMI EX DIV. XII POLITICHE DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI ALLE ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI DI CATEGORIA E DELLA

Dettagli

814.81 Ordinanza concernente la riduzione dei rischi nell utilizzazione di determinate sostanze, preparati e oggetti particolarmente pericolosi

814.81 Ordinanza concernente la riduzione dei rischi nell utilizzazione di determinate sostanze, preparati e oggetti particolarmente pericolosi Ordinanza concernente la riduzione dei rischi nell utilizzazione di determinate sostanze, preparati e oggetti particolarmente pericolosi (Ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici,

Dettagli

I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo

I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo Premessa Il concetto di End-of-Waste è stato introdotto dalla Strategia tematica sulla prevenzione e il riciclaggio dei rifiuti, adottata dalla Commissione europea

Dettagli

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO DMEG Direzione Mercati mercati@autorita.energia.it Milano, 10 febbraio 2015 Oggetto: DCO 644/2014/R/EEL,

Dettagli

Ordinanza 915.21 sul programma dei corsi di formazione e sull esame di maestra/maestro di tirocinio in economia domestica

Ordinanza 915.21 sul programma dei corsi di formazione e sull esame di maestra/maestro di tirocinio in economia domestica Ordinanza 915.21 sul programma dei corsi di formazione e sull esame di maestra/maestro di tirocinio in economia domestica del 23 ottobre 1992 L Ufficio federale dell industria, delle arti e mestieri e

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA 22.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 200/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 13 luglio 2010 recante orientamenti

Dettagli

Legge federale sulla protezione dell ambiente

Legge federale sulla protezione dell ambiente Decisioni del Consiglio degli Stati del 25.11.2014 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 19.5.2015 Legge federale sulla protezione dell ambiente (, LPAmb) e-parl 27.08.2015 14:51 Modifica

Dettagli

Proposte in ordine alla rielaborazione del vigente D.Lgs. 188/2008

Proposte in ordine alla rielaborazione del vigente D.Lgs. 188/2008 Proposte in ordine alla rielaborazione del vigente D.Lgs. 188/2008 Audizione XIII Commissione Territorio, ambiente e beni ambientali Senato della Repubblica Il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e

Dettagli

51. Regolamento (CE) 92/1768 del Consiglio sull'istituzione di un certificato protettivo complementare per i medicinali

51. Regolamento (CE) 92/1768 del Consiglio sull'istituzione di un certificato protettivo complementare per i medicinali 51. Regolamento (CE) 92/1768 del Consiglio sull'istituzione di un certificato protettivo complementare per i medicinali Questo regolamento è stato emanato sulla base della proposta della Commissione 9

Dettagli

SWISSNESS 2015 Ordinanze d esecuzione

SWISSNESS 2015 Ordinanze d esecuzione SWISSNESS 2015 Ordinanze d esecuzione Camera di commercio, dell industria, dell artig ianato e dei servizi del cantone Ticino Luca Albertoni, Direttore Cc-Ti Marco Passalia, Vice direttore Cc-Ti Quadro

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie

Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 28 gennaio 2008 Lotta obbligatoria contro il marciume anulare della patata (Clavibacter michiganensis ssp. Sepedonicus). Recepimento della

Dettagli

Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona

Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona Segretariato Cantonale Via Balestra 19 CH - 6901 Lugano tel.: 091-91 15 51 fax: 091-93 53 65 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona N. rif. V. rif. Lugano, 14 marzo 008

Dettagli

Direttive sulla gestione degli atti nell AVS/AI/IPG/PC/AF/AFam (DGA)

Direttive sulla gestione degli atti nell AVS/AI/IPG/PC/AF/AFam (DGA) Direttive sulla gestione degli atti nell AVS/AI/IPG/PC/AF/AFam (DGA) Valide dal 1 gennaio 2011 318.107.10 i DGA 11.10 2 Osservazioni preliminari La presente versione è una nuova edizione ed entra in vigore

Dettagli

Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I

Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I P7_TA-PROV(2011)0208 Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I Risoluzione legislativa del Parlamento europeo dell'11 maggio 2011 sulla

Dettagli

09.477. Iniziativa parlamentare Responsabilità aziendale dei costi di risanamento dei siti contaminati

09.477. Iniziativa parlamentare Responsabilità aziendale dei costi di risanamento dei siti contaminati 09.477 Iniziativa parlamentare Responsabilità aziendale dei costi di risanamento dei siti contaminati Avamprogetto e rapporto esplicativo della Commissione dell ambiente, della pianificazione del territorio

Dettagli

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

LE IMPRESE DI SMALTIMENTO OTRif/ROTRif e LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN TICINO

LE IMPRESE DI SMALTIMENTO OTRif/ROTRif e LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN TICINO LE IMPRESE DI SMALTIMENTO OTRif/ROTRif e LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN TICINO 1 incontro informativo giovedì, 26 marzo 2015 10.00 12.00 Aula Magna Stabile Amministrativo 3, Bellinzona Relatori: Daniele Zulliger

Dettagli

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE Daniela Cuzzani UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA NELL AMBITO DEI CONTROLLI UFFICIALI

Dettagli

Comunità Europea (CE): Direttiva Comunità Europea 27/01/2003 N. 95/2002

Comunità Europea (CE): Direttiva Comunità Europea 27/01/2003 N. 95/2002 Legge Comunità Europea (CE): Direttiva Comunità Europea 27/01/2003 N. 95/2002 Direttiva 2002/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 gennaio 2003 sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

Roma. a) la trasformazione in autonoma fattispecie di reato della circostanza attenuante del

Roma. a) la trasformazione in autonoma fattispecie di reato della circostanza attenuante del LETTERA CIRCOLARE Roma GDAP-0120333-2014 PU-GDAP-6000-31/03/2014-01 0333-2014 Visto e p.c. Ai Sigg. Provveditori Regionali Ai Sigg. Direttori degli Uffici di Esecuzione Penale Esterna Ai Sigg. Presidenti

Dettagli

Modifica del 29 marzo 2011. Il Consiglio federale svizzero decreta:

Modifica del 29 marzo 2011. Il Consiglio federale svizzero decreta: Decreto del Consiglio federale che conferisce obbligatorietà generale al contratto collettivo per il pensionamento anticipato nel ramo del completamento delle costruzioni romando (CCPA) Modifica del 29

Dettagli

Dr.ssa Raffaella Perrone

Dr.ssa Raffaella Perrone L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO (UE) N. 528/2012 IN ITALIA Dr.ssa Raffaella Perrone Ministero della Salute Direzione Generale dei Dispositivi Medici, del Servizio Farmaceutico e della Sicurezza delle Cure

Dettagli

VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E NUTRIZIONE Uff. VII IL REGOLAMENTO (CE)

Dettagli

Rapporto esplicativo relativo al diritto di esecuzione «Swissness»

Rapporto esplicativo relativo al diritto di esecuzione «Swissness» Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Istituto Federale della Proprietà Intellettuale IPI Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca DEFR Ufficio federale dell agricoltura

Dettagli

Modifica del 13 dicembre 2012. Il Consiglio federale svizzero decreta:

Modifica del 13 dicembre 2012. Il Consiglio federale svizzero decreta: Decreto del Consiglio federale che conferisce obbligatorietà generale al contratto collettivo per il pensionamento anticipato nel ramo del completamento delle costruzioni romando (CCPA) Modifica del 13

Dettagli

Bologna 10 maggio 2013. Possibili spunti di riflessione

Bologna 10 maggio 2013. Possibili spunti di riflessione Bologna 10 maggio 2013 Possibili spunti di riflessione Cosmetici Regolamento (CE) 1223/2009 Il 22 dicembre 2009, nella Gazzetta Ufficiale dell Unione europea, è stato pubblicato il nuovo regolamento sui

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE 1/36 Scopo della Direttiva UNIFORMARE: Lo scopo delle direttive comunitarie del nuovo approccio è quello di creare le condizioni necessarie affinché le industrie

Dettagli

Karlihof 4, 7001 Coira

Karlihof 4, 7001 Coira Amt für Migration und Zivilrecht Graubünden Uffizi da migraziun e da dretg civil dal Grischun Ufficio della migrazione e del diritto civile dei Grigioni Karlihof 4, 7001 Coira Foglio informativo sulle

Dettagli

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15 Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque Bari 30.01.15 Le acque nel Testo Unico Ambientale. Le definizioni (art. 74). ff) scarico: qualsiasi immissione effettuata esclusivamente

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 22 agosto 2007 21806 Macellaia-salumiera AFC/Macellaio-salumiere AFC Fleischfachfrau EFZ/Fleischfachmann EFZ

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 04-08-2015 (punto N 51 ) Delibera N 821 del 04-08-2015 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

Dettagli

MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI AGGIORNAMENTI NORMATIVI

MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI AGGIORNAMENTI NORMATIVI AGGIORNAMENTI NORMATIVI Marino Lamperti Federazione Gomma Plastica Area Tecnico Scientifica MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL AGGIORNAMENTI NORMATIVI > Stato attuativo del Regolamento (CE) N. relativo

Dettagli

919.117.71 Ordinanza sui sistemi d informazione nel campo dell agricoltura

919.117.71 Ordinanza sui sistemi d informazione nel campo dell agricoltura Ordinanza sui sistemi d informazione nel campo dell agricoltura (OSIAgr) del 23 ottobre 2013 (Stato 1 luglio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 165c capoverso 3 lettera d, 165g, 177

Dettagli

Interventi estrattivi in fondi agricoli - Determinazione dei criteri per la formulazione dei pareri (art. 36, comma 2, L.R. n. 14/1998).

Interventi estrattivi in fondi agricoli - Determinazione dei criteri per la formulazione dei pareri (art. 36, comma 2, L.R. n. 14/1998). Delib.G.R. 21 dicembre 2007, n. 8/6310 (1). Interventi estrattivi in fondi agricoli - Determinazione dei criteri per la formulazione dei pareri (art. 36, comma 2, L.R. n. 14/1998). (1) Pubblicata nel B.U.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1165/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1165/2013 DELLA COMMISSIONE 19.11.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 309/17 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1165/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 novembre 2013 che approva la sostanza attiva olio di arancio ai sensi del

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 4 luglio 2005 Recepimento della direttiva 2004/21/CE, recante tredicesimo adeguamento al progresso tecnico della direttiva 76/769/CEE del Consiglio del 27 luglio 1976, relativa

Dettagli

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ACCORDO BILATERALE SVIZZERA/UE SUI PRODOTTI AGRICOLI L'accordo del 21 giugno 1999, fra la Confederazione Svizzera e la Comunità

Dettagli

Esito dell esame preliminare (EP) e informazione pubblica

Esito dell esame preliminare (EP) e informazione pubblica - 2 - M.M.N. 3921 Variante Piano regolatore - Norme di attuazione Le immissioni moleste possono essere di natura materiale (rumore, vibrazioni, esalazioni), ma anche di tipo immateriale che scaturiscono

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33)

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) Sono di seguito elencate le competenze camerali che comportano controlli presso imprese,

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 619/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 619/2011 DELLA COMMISSIONE 25.6.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 166/9 REGOLAMENTO (UE) N. 619/2011 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2011 che fissa i metodi di campionamento e di analisi per i controlli ufficiali degli

Dettagli

Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 209

Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 209 Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 209 "Attuazione della direttiva 96/59/CE relativa allo smaltimento dei policlorodifenili e dei policlorotrifenili" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 151 del

Dettagli

Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif)

Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif) Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif) Modifica del Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 22 giugno 2005 sul traffico di rifiuti è modificata come segue: Art. 2 cpv. 1, 2 lett. b

Dettagli

ALLEGATO I DISPOSIZIONI GENERALI RELATIVE ALLA VALUTAZIONE DELLE SOSTANZE E ALL'ELABORAZIONE DELLE RELAZIONI SULLA SICUREZZA CHIMICA

ALLEGATO I DISPOSIZIONI GENERALI RELATIVE ALLA VALUTAZIONE DELLE SOSTANZE E ALL'ELABORAZIONE DELLE RELAZIONI SULLA SICUREZZA CHIMICA L 136/72 29.5.2007 ALLEGATO I DISPOSIZIONI GENERALI RELATIVE ALLA VALUTAZIONE DELLE SOSTANZE E ALL'ELABORAZIONE DELLE RELAZIONI SULLA SICUREZZA CHIMICA 0. INTRODUZIONE 0.1. Scopo del presente allegato

Dettagli

Rapporto esplicativo concernente la revisione dell ordinanza sul risanamento dei siti inquinati (OSiti)

Rapporto esplicativo concernente la revisione dell ordinanza sul risanamento dei siti inquinati (OSiti) Dipartimento federale dell ambiente,dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente UFAM Divisione Suolo e biotecnologia Riferimento/N. d incarto: N283-0986 9 settembre

Dettagli

Ordinanza sulla protezione dei marchi

Ordinanza sulla protezione dei marchi Ordinanza sulla protezione dei marchi (OPM) Modifica del 2 settembre 2015 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 23 dicembre 1992 1 sulla protezione dei marchi è modificata come segue:

Dettagli

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica INDICE Argomento Reg. (CE) n. 834/2007 Reg. (CE) n. 889/2008 Obiettivi della produzione biologica Art. 3 Principi della produzione biologica Art. 4; Art. 6 Divieto di uso di OGM Art. 9 Divieto di utilizzare

Dettagli

Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione

Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione (OFAD) 837.141 del 31 gennaio 1996 (Stato 12 marzo 2002) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 109 della legge del 25

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

Modifica dell'ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI)

Modifica dell'ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI) Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione assicurazione malattia e infortunio Modifica dell'ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

Ordinanza concernente gli effettivi massimi per la produzione di carne e di uova

Ordinanza concernente gli effettivi massimi per la produzione di carne e di uova Ordinanza concernente gli effettivi massimi per la produzione di carne e di uova (Ordinanza sugli effettivi massimi, OEMas) 916.344 del 23 ottobre 2013 (Stato 1 gennaio 2014) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Unione Nazionale tra le Organizzazioni di Produttori Ortofrutticoli Agrumari e di Frutta in Guscio E vietata la riproduzione,

Dettagli

Secondo quanto esposto nel Reg. 852/04, tali principi dovrebbero tener conto dei 7 principi contenuti nel Codex Alimentarius, quali:

Secondo quanto esposto nel Reg. 852/04, tali principi dovrebbero tener conto dei 7 principi contenuti nel Codex Alimentarius, quali: L HACCP si definisce come un approccio sistematico per l identificazione dei pericoli ed la valutazione/controllo dei rischi connessi alla produzione di un alimento basato su 7 principi. Secondo quanto

Dettagli

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE D.M. 4 settembre 1996 - Attuazione della direttiva 94/55/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al trasporto di merci pericolose su strada. IL MINISTRO

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 30/10 6.2.2015 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/175 DELLA COMMISSIONE del 5 febbraio 2015 che stabilisce condizioni particolari applicabili all'importazione di gomma di guar originaria o proveniente

Dettagli

Procedura di consultazione riguardante l avamprogetto della nuova legge federale sui prodotti del tabacco (LPTab)

Procedura di consultazione riguardante l avamprogetto della nuova legge federale sui prodotti del tabacco (LPTab) Ufficio federale della sanità pubblica Unità di direzione protezione dei consumatori Schwarzenburgstrasse 165 3003 Berna Tramite e-mail a: dm@bag.admin.ch; tabak@bag.admin.ch Zurigo, Procedura di consultazione

Dettagli

***II POSIZIONE COMUNE

***II POSIZIONE COMUNE PARLAMENTO EUROPEO 1999 Documento di seduta 2004 C5-0331/2000 03/07/2000 ***II POSIZIONE COMUNE Oggetto: Posizione comune definita dal Consiglio del 29 giugno 2000in vista dell'adozione della direttiva

Dettagli

ALLEGATO 2 Criteri uniformi per avvalersi della procedura prevista dall articolo 2 comma C della direttiva 9/4/2002

ALLEGATO 2 Criteri uniformi per avvalersi della procedura prevista dall articolo 2 comma C della direttiva 9/4/2002 ALLEGATO 2 Criteri uniformi per avvalersi della procedura prevista dall articolo 2 comma C della direttiva 9/4/2002 Le procedure per l individuazione del codice CER in caso di difficile attribuzione seguono

Dettagli

Linee Guida inerenti compiti e azioni consigliate per gli utilizzatori a valle, secondo le disposizioni del Regolamento REACH (Regolamento CE

Linee Guida inerenti compiti e azioni consigliate per gli utilizzatori a valle, secondo le disposizioni del Regolamento REACH (Regolamento CE Linee Guida inerenti compiti e azioni consigliate per gli utilizzatori a valle secondo le disposizioni del Regolamento REACH (Regolamento CE 1907/2006) Giugno 2011 Chi è il DU Downstream user (utilizzatore

Dettagli