IL NORD AFRICA: FATTORI D INSTABILITÀ E RUOLO DEL TERRORISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NORD AFRICA: FATTORI D INSTABILITÀ E RUOLO DEL TERRORISMO"

Transcript

1 Panorama Internazionale IL NORD AFRICA: FATTORI D INSTABILITÀ E RUOLO DEL TERRORISMO IDA PIAMPIANI E FRANCO DEL FAVERO 30 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2012

2 Il Nord Africa fra tentativi di riforme e problemi strutturali Gli eventi della cosiddetta Primavera Araba hanno riportato l attenzione della Comunità Internazionale sul bacino del Mediterraneo in generale e sull Africa Settentrionale in particolare. Nello specifico, l attenzione degli analisti è concentrata principalmente sulle possibili relazioni esistenti fra i tre principali fattori storici d instabilità della regione: l integralismo religioso, il terrorismo 1 e, non ultima, la crescente esigenza di riforme strutturali in campo politico, sociale ed economico. Prima di analizzare l aspetto relativo alle aspettative di riforme democratiche che, in quanto disattese, sono state considerate come il motivo principale alla base delle rivoluzioni che hanno letteralmente spazzato via regimi ultradecennali, che sembravano destinati a perdurare seguendo una successione dinastica, è necessario soffermare l attenzione su alcuni dei problemi strutturali incidenti sulle condizioni elementari di vita della popolazione che affliggono i Paesi della Regione e che, di fronte all inazione della maggioranza dei governi, rendono le richieste di riforme in campo politico ed economico ancora più pressanti. La popolazione con le sue dinamiche, come vedremo, rappresenta, o meglio dovrebbe rappresentare, il fulcro attorno al quale ruota l intero sistema economico e sociale regionale. Sotto l aspetto delle condizioni fondamentali di vita dei cittadini, ovvero della human security 2, la Regione presenta però numerosi fattori di rischio legati prevalentemente, anche se non esclusivamente, ai forti squilibri di natura ambientale. La human security, nella formulazione adottata dalle Nazioni Unite, è considerata la retroguardia, ovvero la condizione di base, dello sviluppo. In altri termini, quindi, non 1 Il riferimento diretto è al ruolo della leadership egiziana all interno di Al Qaeda ed alla successione di Osama Bin Laden, anche se non può essere trascurato il ruolo del network jihadista operante in Nord Africa negli attacchi terroristici di Madrid del 2004 e di Londra dell anno successivo. 2 Le Nazioni Unite definiscono la human security come la situazione in cui gli esseri umani sono liberi da minacce intense, estensive, prolungate e generalizzate alla loro vita ed alla loro libertà. PANORAMA INTERNAZIONALE 31

3 ci può essere sviluppo senza che vengano soddisfatte le condizioni minimali di human security. D altro canto, una sicurezza senza prospettive di sviluppo è una situazione fragile, transitoria, destinata, prima o poi, ad entrare in crisi. Nel 2009 lo United Nation Development Programme (UNDP), attraverso l Ufficio Regionale per i Paesi Arabi, ha pubblicato la quinta edizione dello Arab Human Development Report. Nella sua prima edizione, del 2002, il Report aveva individuato tre deficit strutturali dei Paesi del mondo arabo (tra i quali l Algeria, l Egitto, la Libia, la Mauritania, il Marocco e la Tunisia) in termini di partecipazione politica e libertà civili, emancipazione femminile e ruolo della donna nella società, ricerca scientifica e sviluppo tecnologico. In base all analisi degli indicatori utilizzati dagli autori del Report tre deficit risultavano presenti, seppure con modalità diverse, in tutti i Paesi presi in esame. Il Report del 2009, confermando sostanzialmente la situazione del 2002 per quanto attiene ai tre deficit, ha inoltre individuato ben sette dimensioni della minaccia alla human security. In estrema sintesi si tratta di problemi associati alla crescente ed incontrollata pressione demografica, al sovrasfruttamento delle terre coltivabili, all impoverimento delle risorse idriche ed alla progressiva desertificazione. Pur non volendo sottovalutare nessuno dei problemi messi in evidenza dal Report, l aspetto che si ritiene opportuno approfondire per le conseguenze che, già a partire dal breve periodo, potrebbe avere sulla sicurezza regionale ed internazionale è quello relativo alla pressione demografica. Il 60% della popolazione dei Paesi oggetto di studio, infatti, è composta da giovani di età inferiore ai 25 anni. La maggioranza di questa giovane popolazione vive attualmente nelle città (il 55%), a differenza di quanto avveniva negli anni 70 quando soltanto il 38% viveva in aree urbane. Le proiezioni riferite al 2020 stimano la percentuale della popolazione concentrata nelle città superiore al 60%. Il Report evidenzia inoltre come la situazione igienico-sanitaria dei principali centri urbani della Regione attualmente già ben oltre il livello di attenzione sia destinata a diventare critica nel breve-medio periodo, con le inevitabili e prevedibili conseguenze sotto il profilo della sicurezza e della stabilità regionale. Un problema direttamente connesso a quello dell incremento demografico e della concentrazione progressiva della popolazione nei centri urbani è quello della scarsità di risorse idriche. Soltanto il 43% degli oltre 270 miliardi di metri cubi d acqua consumati annualmente nella Regione proviene infatti da sorgenti localizzate all interno della Regione stessa. Il restante 57% proviene da sorgenti che si trovano in Paesi vicini o confinanti (quali, ad esempio, il Sudan per l Egitto) con i quali vengono più o meno regolarmente stipulati degli accordi internazionali per lo sfruttamento in comune delle risorse idriche. Di fronte a questi problemi ed alle minacce ad essi associate i governi non sembrano essere stati in grado sinora di adottare efficaci strategie. Il Report 2009 evidenzia come esista infatti un marcato gap tra le esigenze/aspettative della popolazione e le misure effettivamente poste in essere dai governi, anche se la distanza tra attese e realtà non è poi la stessa in tutti i Paesi oggetto di studio 3. Pertanto, di fronte all inerzia dei governi nel cercare soluzioni efficaci per i numerosi problemi della Regione, il rischio principale che il Report individua è quello rappresentato dalla polarizzazione / estremizzazione delle posizioni esistenti tra le diverse componenti del tessuto politico e sociale dei Paesi arabi. Questa polarizzazione, in un contesto sinora caratterizzato da una certa assenza di risposte da parte dei governi nei confronti delle richieste di riforme da parte della popolazione, è, sempre secondo il Report, la condizione ottimale da cui potrebbero prendere avvio ed alimentarsi tensioni interne, disordini e conflitti armati anche su vasta scala. Per quanto attiene all aspetto delle riforme istituzionali cui si accennava in precedenza, l Algeria e il Marocco sono stati i Paesi nei quali 3 Arab Human Development Report 2009, pag INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2012

4 prima degli altri 4 hanno preso avvio dei tentativi di riforme in senso democratico e, forse proprio per questo motivo, sono stati toccati marginalmente dagli avvenimenti della Primavera Araba. In particolare, per quanto riguarda l Algeria 5, un recente studio elaborato da Ann Wyman e Icaro Rebolledo per la rivista Astenia ha posto in evidenza come una forma seppur embrionale di pluralismo democratico, anche se nel quadro di una situazione economica niente affatto favorevole, sia stata sufficiente ad evitare il verificarsi di situazioni assimilabili a quelle di Tunisia ed Egitto. I tentativi di riforme democratiche siano stati portati o meno a termine se, come si è visto nel caso dell Algeria, sembrano essere stati sufficienti a tenere a fuori dai confini nazionali i movimenti di protesta della Primavera Araba, hanno invece rappresentato in passato l occasione per la nascita e l affermazione di gruppi fondamentalisti di ispirazione religiosa. In Egitto, ad esempio, il movimento della Fratellanza Musulmana, mai integrato nel sistema politico nazionale, si è affermato negli anni 70 durante il periodo delle riforme in campo politico ed economico (la cosiddetta infitah) del presidente Sadat. In Algeria, analogamente, il Fronte Islamico di Salvezza (FIS), prima ammesso a partecipare alle competizioni elettorali e successivamente dichiarato fuori legge, si è consolidato durante la fase della liberalizzazione in campo politico ed economico promossa dal governo agli inizi degli anni Gli esempi di Egitto ed Algeria, Paesi nei quali i gruppo radicali di ispirazione religiosa si sono affermati proprio in fasi di apertura democratica, impongono quindi un approfondimento su quella che è la vera natura dei movimenti politici di ispirazione religiosa presenti nei maggiori Paesi dalla sponda Sud del Mediterraneo. Cercando limitare l analisi ai caratteri principali, è possibile affermare che, mentre nel recente passato, la maggior parte dei movimenti d opposizione ai regimi al potere tendeva a confondere obiettivi religiosi e scopi di natura politica, attualmente esiste una marcata distinzione, almeno dal punto di vista formale, in termini di programmi 7. Di conseguenza il nesso movimento di opposizione-radicalismo religiosoterrorismo che aveva giustificato azioni anche estremamente repressive da parte dei governi in carica nei confronti di tali movimenti, al momento attuale, sembra essere molto meno forte che in passato. L evoluzione in senso meno radicale almeno dal punto di vista formale di alcuni tra i principali movimenti politici d ispirazione religiosa consente quindi di spostare l attenzione su quello che potrebbe, ammesso che già non lo sia, principale fattore d instabilità regionale. Nel citato studio Wyman-Rebolledo per Aspenia, tra le questionichiave da valutare nei Paesi MENA (Middle East North Africa) 8 emerge nettamente quello legato all elevata disoccupazione giovanile, in alcuni Paesi addirittura superiore al 40%. Il dato del PIL pro-capite, che spesso in passato è stato utilizzato come un dato inconfutabile per comprendere i motivi di certi squilibri regionali, non è chiaramente in grado di spiegare, ad esempio, la ragione per cui siano sorti dei movimenti insurrezionali sia in Tunisia dove il PIL è di dollari, sia in Libia dove il PIL è triplo rispetto al dato tunisino. Un dato di gran lunga più utile quindi, anche alla luce dei fatti, per cercare di leggere gli avvenimenti della Primavera Araba è, come si è già detto in precedenza, quello della disoccupazione giovanile, dato legato direttamente all aspetto anagrafico di cui si è già diffusamente parlato. L età media nei Paesi oggetto d analisi è, infatti, di circa 26 anni, con punte di 22,6 anni in Giordania e di 27 in Iran. Il dato riferito alla disoccupazione giovanile è pari a circa il 30%, con una percentuale superiore al 45% in Algeria. La crisi che, dal 2008, ha investito tutte i principali 4 International Crisis Group (ICG), Islamism in North Africa I: the Legacies of History, Middle East and North Africa Briefing, Bruxelles, 2004, pag L alta disoccupazione giovanile (oltre il 45%), ad esempio, colloca l Algeria (con il Marocco) agli ultimi posti della relativa classifica dei Paesi del Nord Africa e del Medio Oriente. 6 CG, op. cit., pag ICG, op. cit., pag Nello specifico: Algeria, Bahrein, Arabia Saudita, Giordania, Libia, Marocco, Iran e Yemen. PANORAMA INTERNAZIONALE 33

5 In apertura: l'acqua è una risorsa importante per i paesi del nord Africa - UN Photo - A Rozberg Sopra: l'accesso alle risorse idriche rappresenta un grosso problema per le popolazioni africane. UN Photo - Kibae Park mercati mondiali non ha chiaramente risparmiato anche le economie emergenti dei Paesi dell Africa settentrionale, le quali risultano però molto più vulnerabili di altre alle oscillazioni dei prezzi alimentari 9. In questa situazione, la crescente offerta di lavoro, soprattutto giovanile e non qualificata, ha avuto come unica ed inevitabile conseguenza il crollo dei salari, questi ultimi già colpiti dalla crescente inflazione. Questi dati da soli appaiono quindi più che sufficienti a spiegare l inerzia da parte dei governi dei principali Paesi nordafricani nell azione di contrasto all immigrazione clandestina verso l Italia e gli altri Paesi dell Unione Europea. Le origini della jihad in Nord Africa e i legami tra i gruppi terroristici Il terrorismo di stampo jihadista non nasce nel Nord Africa, ma qui trova linfa vitale ormai da diversi anni. La Primavera Araba potrebbe, a nostro giudizio, rappresentare una sorta di velo tale da confondere quelle che, da tempo, sono le dinamiche socio-economiche che contraddistinguono quest area e che rappresentando una sorta di humus grazie al quale lo scontento potrebbe alimentarsi, andando ad accrescere le fila di coloro che si riconoscono nel fondamentalismo e nel radicalismo. Sono stati proprio questi ultimi due elementi ad essersi fortemente sviluppati, in questa vasta Regione vicinissima all Europa, già partire degli inizi degli anni Ottanta. All epoca il focus dei combattenti per la jihad, per i veri credenti, seppure posto a centinaia di chilometri di distanza, era l Afghanistan. Risale, infatti, a quel decennio l occupazione del Paese da parte dell Unione Sovietica. Tale evento risvegliava non solo il giusto orgoglio delle popolazioni locali che volevano sollevarsi contro le forze d occupazione, ma anche un sentimento profondamente distorto che, ancora oggi, si nutre di odio nei confronti degli Stati non solo a nord del Mediterraneo, ma occidentali in genere, dove la qualità della vita era ed è migliore. Questa situazione-simbolo dell Afghanistan occupato (com è, di fatto, anche quella del conflittoisraelo-palestinese), aveva permesso la comparsa e l affermazione di alcuni leader religiosi che cercavano nell Islam delle origini la giustificazione delle forme di lotta più cruda e senza regole, quali il terrorismo, interpretata dai propri fautori come autentica e lecita forma di jihad contro i non 9 In Algeria, ad esempio, i generi alimentari rappresentano il 43% del paniere dei prezzi. 34 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2012

6 credenti 10. Il contesto trasformava quindi gli occidentali in infedeli, i governi arabi vicini a questi ultimi come deboli o non musulmani, i terroristi in mujaheddin (guerrieri santi), i veri musulmani come coloro in grado di battersi personalmente oppure, nel caso in cui non potessero farlo direttamente, attraverso la zakat (l offerta per la causa ) devoluta alla jihad. Lontano dal punto di vista geografico, ma ideologicamente prossimo all Afghanistan che lottava contro l occupazione sovietica, il Nord Africa diventa, a partire dai primissimi anni 80, un bacino reclutamento per giovani che non avevano timore di mettere a repentaglio la propria vita per la jihad. Terminata quindi nel 1989 l occupazione dell Afghanistan da parte dell Armata Rossa, i mujaheddin provenienti dal Nord Africa devono cercare altri luoghi dove, a colpi di Kalashnikov, difendere l Islam autentico da minacce vere o presunte. La jihad diventa quindi globale ben prima dell 11 settembre La mappa dei conflitti a cui prendono parte i combattenti originari del Nord Africa diventati veterani in Afghanistan si allarga comprendendo la Cecenia, i Balcani, i Territori palestinesi, gli Stati Uniti e l Europa occidentale. Questo accade mentre, negli stessi anni, il Nord, ma anche molti Stati del Africa centrale e meridionale sono retti da regimi dittatoriali legati a doppio filo con industrie occidentali secondo modalità pseudo-coloniali, retaggio di un passato che non passa e che raramente ha portato qualche vantaggio al continente in cerca di sviluppo. In questo contesto, molti maghrebini, ma anche coloro che vivevano nel Mashreq, decidono di mettere le loro povere cose in una borsa, in un sacco e, nei casi più fortunati, in una valigia per emigrare in Europa, soprattutto in Francia, Gran Bretagna e Belgio. In questi Paesi, infatti, le comunità islamiche sono oggi particolarmente numerose e ben strutturate. Le migrazioni provenienti dal Nord Africa e dal Medio Oriente di cui si era parlato in precedenza, mettendole in relazione con il problema della crescente disoccupazione giovanile quindi esistono da anni, ma si sono particolarmente intensificate a partire dall inizio del 2011, in concomitanza dei forti sconvolgimenti tuttora in atto nella Regione. Tale situazione sta portando migliaia di persone a riversarsi sulle coste italiane, ma molte di esse, come già in passato, utilizzano l Italia come luogo di transito verso gli Stati del centro e nord Europa 12. Tra gli innumerevoli disperati in cerca di una vita migliore, esistono, inevitabilmente, anche coloro legati, o quanto meno, sensibili al richiamo di Al Qaeda e a quello della shari a (Legge di Dio), intesa però secondo interpretazioni soggettive ed estremiste di stampo radicale che nulla hanno a che vedere con il Corano e la Sunna (di quest ultima raccolta degli hadith di Maometto ne esistono varie versioni, come quella sunnita, o sciita). Dal punto di vista della militanza religiosa con obiettivi politici, ciò che si verifica nel Nord Africa, a partire dagli anni Ottanta, è una progressiva radicalizzazione in Tunisia e in Marocco con un andamento più altalenante alimentata, tra gli altri fattori endogeni, dai conflitti in corso nei due epicentri per antonomasia, vale a dire l Afghanistan e la Palestina. Per quanto attiene alla radicalizzazione dei movimenti d ispirazione religiosa, due nazioni particolarmente importanti e cruciali sono l Egitto e l Algeria. La Libia, invece, prima che il regime di Gheddafi entrasse in crisi, si presentava all Europa e al mondo come una sorta di diga (la cui efficacia era ed è difficilmente valutabile) contro la jihad e l incontrollato flusso migratorio. Ciò che è comunque certo è che Gheddafi ha per decenni dovuto fronteggiare, come oppositore al proprio potere, il Libyan Islamic Fighting Group (LIFG), formato, come quasi tutti i movimenti terroristici 10 Guolo, Renzo, Il Partito di Dio. L Islam radicale contro l Occidente, Guerini e Associati, Milano, 2004, pag Per una descrizione del fenomeno nel periodo antecedente all attacco al World Trade Center vedasi: Tosini, Domenico, Terrorismo e antiterrorismo nel XXI secolo, Laterza, Roma-Bari, Cfr. Centro Militare di Studi Strategici, Ricerca 2010, Flussi migratori nel Mediterraneo: per una strategia internazionale di integrazione e difesa, con particolare riguardo per la situazione italiana, CASD, Roma, PANORAMA INTERNAZIONALE 35

7 della Regione, da ex combattenti per la causa afghana e rientrati in patria nei primi anni Novanta. Il LIFG, legato alla ben più articolata organizzazione terroristica di Al Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI), in questi ultimi mesi, secondo alcune fonti, si sarebbe unito ai ribelli per contribuire a rovesciare il potere del rais. È l Egitto, però, a rivestire il ruolo di maggiore rilevanza, dal punto di vista del radicalismo religioso, rispetto alle nazioni limitrofe. Qui, nel 1928, nasceva la Fratellanza Musulmana che aveva come obiettivi l opposizione all occidentalizzazione, il recupero dei principi dell Islam e lo sfruttamento da parte del popolo arabo del Canale di Suez 13. Pur non avendo un origine fondamentalista, con il trascorrere dei decenni, la Fratellanza ha visto alcune proprie frange avvicinarsi al gruppo Al Jihad (attivo dai tardi anni 70 e, attualmente, elencato dalle Nazioni Unite tra le entità appartenenti o associate ad Al Qaeda). Sembrerebbe, inoltre, che alle elezioni politiche in Egitto, previste il prossimo autunno, la Fratellanza entri in una coalizione guidata da Amr Moussa, ex ministro degli Esteri sotto il governo di Mubarak e potente Segretario della Lega Araba. Mentre alcuni media locali vedono in lui il possibile vincitore, il Parlamento Europeo solleva le proprie perplessità in quanto l autorità governativa egiziana provvisoria, il Supreme Council of Armed Forces (SCAF), rifiuta la presenza di osservatori occidentali, per verificare la correttezza delle operazioni di voto, durante la sessione elettorale. Secondo alcuni analisti, questo sarebbe un chiaro segnale per agevolare la Fratellanza nell ascesa al potere. Intanto, dopo gli avvenimenti di Piazza Tahrir, i confini tra Egitto e Israele non sono più controllati come prima, permettendo il movimento quasi indisturbato di armi verso Hamas (costola della Fratellanza) nella Striscia di Gaza e di centinaia di migranti clandestini egiziani. In tempi recenti si è rilevato inoltre che, proprio nelle zone del Sinai e a ridosso dei confini con Israele, Al Qaeda sta attuando una nuova azione di disturbo mirata a far incrinare i rapporti, finora ottimi, tra i due Stati. L Egitto, perciò, risulta quindi essere il vero ago della bilancia in grado di modificare gli equilibri non solo del Nord Africa, ma dell intero Medio Oriente, avendo la possibilità di scatenare una recrudescenza del terrorismo nell area, oppure di ostacolarla. In questo scenario non si può non considerare l Algeria che, in passato come oggi, è uno dei luoghi dove il terrorismo di matrice salafita è più radicato. Ricordiamo che quest ultimo è, attualmente, il più potente ed organizzato non solo nel Nord Africa, ma anche in tutto il Medio Oriente (in particolare a Gaza). Il terrorismo di radice salafita è diventato parte integrante di Al Qaeda attraverso l organizzazione denominata Al Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI), nota anche come Gruppo Salafita per la predicazione e il combattimento (GSPC). L AQMI è attualmente guidata dal giovane ingegnere algerino Abdelmalek Droukdel che avrebbe come mentore il medico egiziano Al- Zawahiri, nuovo Numero Uno di Al Qaeda. Non meno rilevante è stato il rapporto tra Droukdel e Al-Zarquawi di cui, probabilmente, è il successore. L AQMI sembrerebbe nato per volontà dello stesso Bin Laden quando, a causa del forte indebolimento del GIA (Gruppo Islamico Armato), la jihad nel Nord Africa sembrava perdere vigore. A sua volta, il GIA, come il Libyan Islamic Fighting Group, era nato dal rientro dei guerriglieri algerini nel loro Paese, dopo aver combattuto in Afghanistan contro le truppe sovietiche. Alcuni dei reduci sarebbero poi passati dal GIA, che non ha comunque cessato di esistere, all AQMI. Legato all AQMI, tramite la rete di Al Qaeda, è anche il Gruppo Combattente Islamico Marocchino (GCIM). Si tratta una cellula costantemente attiva, nata, sempre come gli altri gruppi, dall esperienza afghana degli anni Ottanta. Al GCIM sono stati fatti risalire gli attentati di Madrid dell 11 marzo del 2004, mentre quelli di Casablanca sarebbero stati effettuati da gruppi salatiti minori ad esso collegati. Si tratta degli attacchi avvenuti nel 13 Guolo, op. cit., pag INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2012

8 Il ristorante Argana sulla piazza Jamaâ El Fna di Marrakech e nel 2007 (anno in cui esiste una concomitanza con gli attentati in Algeria ad opera dell AQMI). In Marocco, inoltre, esistono radicati e complessi rapporti con l Arabia Saudita da dove è stata esportata la cultura wahabita, particolarmente ortodossa e rigida riguardo i precetti dell Islam. Tale tendenza verso l ortodossia si rivela importante soprattutto nella gestione del potere finanziario di istituti di credito che seguono le disposizioni della zakat, contribuendo nella sostanza, insieme ad altri sistemi, a rimpinguare le casse del terrore. Sempre legato all AQMI, ma con scarse capacità organizzative, è il Jama a Combattante Tunisienne (JCT) che si trova, appunto, in Tunisia. Il JCT, secondo autorevoli fonti d intelligence sembrerebbe in grado di agire solo a supporto di operazioni organizzate da cellule più grandi. Per quanto riguarda la capacità di portare a termine azioni terroristiche fuori dai confini nazionali, Il il JCT (ma anche il GCIM) sembrerebbe avere una buona conoscenza della realtà belga e di quella italiana in particolare, conoscenza che potrebbe essere messa a disposizione di gruppi militarmente più organizzati appartenenti allo stesso network jihadista. La rete dei gruppi combattente per la jihad in Nord Africa sembra essere stata particolarmente scossa non solo dagli avvenimenti dalla Primavera Araba, ma anche dell uccisione di Osama Bin Laden, avvenuta a maggio di quest anno nel proprio rifugio nella North West Frontier Province in Pakistan. Analisti di tutto il mondo hanno tentato di dare un interpretazione plausibile a quelle che possono essere le ricadute su tutta l organizzazione di Al Qaeda dell uccisione dello Sceicco del Terrore. Una tendenza diffusa, soprattutto nei paesi anglosassoni, è quella di evidenziare una sorta di disgregazione del potere che non deve intendersi come un suo annullamento, bensì come una distribuzione dello stesso in senso più orizzontale che verticale. Da una serie di documenti rinvenuti durante diverse indagini in Europa durante i primi anni 2000, la struttura di Al Qaeda che si poteva ricavare era di tipo fortemente gerarchico, praticamente piramidale e regolata da norme ferree che prevedevano anche l addestramento militare. Lo sviluppo orizzontale darebbe una nuova PANORAMA INTERNAZIONALE 37

9 Addestramento di Unita malesi per attivita antiterroristiche forma al fenomeno Al Qaeda. Qui si prospetta l ipotesi del franchising, inteso da alcuni studiosi proprio come un allargamento delle maglie della rete, i cui nodi (ovvero le cellule) si trovano ad avere maggiore libertà d azione. Altri ancora sostengono invece che il franchising sia solo legato al web, dove schegge impazzite si riconoscono nell assurdità del terrorismo jihadista, emulandone le modalità d azione e condividendone gli obiettivi, senza però un coordinamento unitario. Negli Stati Uniti, dopo la scomparsa di Bin Laden, sta prendendo piede anche un altra teoria chevede Al Qaeda scomposta secondo cinque livelli di importanza a cui corrisponderebbero altrettante capacità decisionali: quello di vertice a cui apparterrebbero i nomi di spicco, come quello di Al-Zawahiri, e presente soprattutto in Pakistan e Afghanistan; a seguire il livello occupato dai gruppi affiliati che ricevono armi, denaro e formazione da Al Qaeda, come l AQMI; in sott ordine il livello dei gruppi alleati che non sono membri formali di Al Qaeda, ma che ci collaborano quando gli interessi di entrambe le parti convergono (come Al Shabaab che opera in Somalia); c è poi il livello delle piccole reti dove solo alcuni elementi sono direttamente collegati ad Al Qaeda e che solitamente inglobano combattenti che hanno avuto esperienza nei Balcani, in Cecenia, in Afghanistan e in Iraq; infine, il livello più lontano da quello di vertice, dove troviamo persone che condividono l odio di Al Qaeda per l occidente. Tale ipotesi, se confermata, dovrebbe indurre il Vecchio Continente a prendere atto che, in un probabile e non remoto futuro, Al Qaeda potrebbe annidarsi ed emergere a pochi chilometri dalle proprie coste. L Europa, perciò, dovrebbe dimostrare una maggiore attenzione e partecipare più attivamente al lungo processo di transizione a cui si sta avviando il Nord Africa, mettendo le basi effettive per un nuovo sistema sicurezza nell intera area mediterranea. L AQMI, con il suo giovane capo Abdelmalek Drukdel, risulterebbe essere, per il momento, la maggiore organizzazione jihadista di stampo salafita in grado di poter reperire fondi, pianificare e organizzare attentati non solo in Africa, ma anche in Occidente ed in Europa in particolare. Ottimi e trasversali sono, infatti, i legami familiari e d interessi che l AQMI possiede sulla sponda Sud del Mediterraneo; anche se non possono essere trascurate le relazioni esistenti con le cellule in sonno presenti anche nel centro-nord Europa. Possibili sviluppi futuri dello jihadismo nel Nord Africa e il ruolo dell Europa Per comprendere lo jihadismo in Nord Africa non si può prescindere da una valutazione socioculturale e storica dell area. Come si è visto precedentemente, quest area è da sempre profondamente condizionata dagli eventi del conflitto israelo-palestinese, ma anche da quanto accadde in Afghanistan durante l occupazione sovietica, e da quanto sta avvenendo in quel Paese. Queste due situazioni simbolo, per i terroristi, costituiscono l alibi per giustificare i loro attacchi nei confronti dell Occidente, visto da loro come invadente e ingerente nei confronti del mondo arabo. Europa e Stati Uniti sono, sempre secondo i nuovi mujaheddin, l origine dei soprusi a cui essi stessi cercano di contrapporsi in nome di una libera e, in alcuni casi, capovolta interpretazione dell Islam. A tale proposito, esempi sono: gli attacchi suicidi meritevoli di gioie eterne nell aldilà; le continue fatwa o incitamenti al disprezzo del- 38 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2012

10 l Occidente corrotto, contrapponendolo ai principi e alla condotta di Maometto; l orgoglio diffuso da parte delle famiglie dei martiri di averli nel loro albero genealogico e il rispetto nei loro riguardi da parte della comunità che ne avvalorano i gesti nell ottica dei martiri contro gli infedeli ; il denaro devoluto dalle organizzazioni terroristiche ai parenti degli attentatori perché si sono sacrificati per un bene più alto; infine l opposizione al diverso come un recupero dei valori originari dell Islam che possono condurre a migliori condizioni di vita non solo sotto l aspetto religioso, ma anche economico e sociale. Queste sono solo alcune delle irragionevoli motivazioni che aiutano lo jihadismo sopravvivere. Quali sono i motivi per cui quest ultimo riesce ad attecchire e a trovare continuamente linfa vitale in Nord Africa? Le cause principali sono la povertà, che rischia di acuirsi a causa della costante crescita demografica e dell aumento del costo delle derrate alimentari, l analfabetismo e l ignoranza, il vuoto di controllo istituzionale e delle forze di Polizia locali, soprattutto nelle numerose aree impervie ed isolate dove, spesso, trovano rifugio i terroristi. In questo contesto si collocano gli avvenimenti della Primavera Araba che, di fatto, portano il Nord Africa a un bivio: la scelta tra soluzioni governative più democratiche (anche se gli eventi in Afghanistan e Palestina possono modificarne gli esisti), compatibilmente con i luoghi e le tradizioni, oppure tra quelle radicali. Assolutamente determinanti saranno le elezioni in Egitto i cui esiti potrebbero fare da traino a scelte politiche similari nei Paesi limitrofi. La Libia, infine, avrà un ruolo importante, ricordando che tra i ribelli si sarebbe mossa anche l organizzazione terroristica autoctona legata ad Al Qaeda, non escludendo l ipotesi di un futuro governo post- Gheddafi, tra cui potrebbero esserci anche rappresentanti di tale organizzazione. Ciò che sta emergendo, come si è visto all inizio di questa breve analisi, è una ferma volontà delle popolazioni locali di autodeterminarsi, di rimpossessarsi del loro destino costruendo governi che più si attaglino alle reali necessità dei rispettivi Paesi. Tali operazioni, però, non avvengono repentinamente, ma sono frutto di lunghi processi che portano a nuovi equilibri attraverso varie stagioni. Queste fasi delicate che contraddistingueranno il Nord Africa nei prossimi anni richiederanno da parte dell Europa una presenza effettiva di sostegno a un evoluzione che deve trovare il proprio sviluppo naturale, tentando di non interferire direttamente. Qui sono in gioco la stabilità e la sicurezza del Mediterraneo, la fiducia ed il consenso del Nord Africa verso il Vecchio Continente e l Occidente in generale. Niente sarebbe più efficace contro gli alibi dello jihadismo di un Europa che sappia essere presente senza condizionare, aiutare senza prevaricare prediligendo strumenti di soft power e di sostegno sociale collaborando altresì al mantenimento della sicurezza, di un Europa più attenta rispetto al passato alle dinamiche oltreconfine. Il soft power richiede l applicazione di nuove soluzioni che si adattino alle circostanze in cambiamento proprio come l acqua, secondo un famoso aforisma di Sun Tzu: La natura dell acqua è abbandonare l alto e raccogliersi in basso [ ]. La terra determina il corso dell acqua, il nemico determina la vittoria e, quindi, l importanza di adattarsi ad esso e di conoscerlo. Se il terrorismo, perciò, è stato definito come un camaleonte, l Occidente non può pensare di contrastarlo attraverso soluzioni rigide oppure omologabili ai vari Stati. Aiutare la transizione in Nord Africa per scongiurare il rischio di derive radicali, potrebbe implicare l uso, anche se in maniera diversa e a geometria variabile, di tutti gli strumenti del potere nazionale 14, irrobustendo ad esempio l intelligence e diminuendo il peso delle armi, perchè il gioco della sicurezza in queste aree sarà sempre più una partita che l Occidente dovrà giocare con la mente e il cuore, per le menti ed i cuori. 14 L acronimo anglosassone DIME-FIL indica il complesso degli strumenti del potere nazionale: diplomatici, informativi, militari, economici, finanziari, etc. PANORAMA INTERNAZIONALE 39

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio Convegno La gestione integrata della safety e della security aziendale e il ruolo del security manager ANMIL 22 Ottobre 2014 Bologna Penetrazione jihadista nel mondo nel 2011 In giallo evidenziati i Paesi

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi Giovanni Ferrazzi Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Monza, 11 maggio 2014 Il problema della sicurezza alimentare La crisi mondiale

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

2. II LABORATORIO. 60 minuti. 3. VISIONE DI VIDEO/FILM + COMMENTI 60 minuti 4. CONSEGNA PERSONAGGI E PRIMA LETTURA 15 minuti

2. II LABORATORIO. 60 minuti. 3. VISIONE DI VIDEO/FILM + COMMENTI 60 minuti 4. CONSEGNA PERSONAGGI E PRIMA LETTURA 15 minuti 2. II LABORATORIO OBIETTIVI: spiegare la storia del conflitto israelo-palestinese in maniera interattiva; avvicinarsi ad una situazione conflittuale attraverso molteplici canali di comunicazione (immagini,

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO Ottobre 2012 Indice Notiziario Corriere della Sera Quando il lavoro aiuta gli studi La Repubblica Precari under 35 raddoppiati in 8 anni e la laurea vale come un diploma tecnico

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

geopolitica del medio oriente

geopolitica del medio oriente Master in geopolitica del medio oriente Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica Edizione 2011/12 Il Master in Geopolitica del Medio Oriente si tiene a Roma nella prestigiosa

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

DIRITTO ISLAMICO. Aqida: teologia che fissa i dogmi, precisa cosa il musulmano deve credere

DIRITTO ISLAMICO. Aqida: teologia che fissa i dogmi, precisa cosa il musulmano deve credere DIRITTO ISLAMICO Aqida Sharī a Fiqh Aqida: teologia che fissa i dogmi, precisa cosa il musulmano deve credere Sharī a: legge rivelata quale risulta dal Corano e dalla Sunna, prescrive ai credenti cosa

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

Dimensione Trading (www.dimensionetrading.com) Weekly: analisi statica

Dimensione Trading (www.dimensionetrading.com) Weekly: analisi statica Dimensione Trading (www.dimensionetrading.com) Eur/Usd: analisi valida per la settimana dal giorno 24/08 al giorno 28/08 Weekly: analisi statica Condizione generale di periodo. Come atteso, il mercato

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 Tunisia 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2.

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno 203 IBL Focus Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno Di Andrea Giuricin L Italia è sempre stata una potenza nel campo del turismo. Lo si dice spesso, ma purtroppo ciò trova sempre meno riscontro

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Outlook finanziario dell agricoltura europea

Outlook finanziario dell agricoltura europea Gian Luca Bagnara Outlook finanziario dell agricoltura europea I prezzi agricoli hanno colpito i titoli dei giornali negli ultimi cinque anni a causa della loro volatilità. Tuttavia, questa volatilità

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

La scienza in Egitto. Pietro Greco

La scienza in Egitto. Pietro Greco La scienza in Egitto. Pietro Greco L Egitto (1.001.449 km 2 ; 77.505.000 abitanti) è un paese crocevia. Appartiene nel medesimo tempo al Nord Africa, al Medio Oriente e al Mondo Islamico. Anche la sua

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI Roma 25 luglio -- Nel 2013 il mercato della terra ha continuato a mostrare segnali di cedimento. Secondo gli operatori del settore,

Dettagli

Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto

Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto L indagine internazionale ALL raccoglie elementi importanti che riguardano la

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

I GIOVANI NON DEMORDONO E CERCANO DI RESISTERE E ADATTARSI

I GIOVANI NON DEMORDONO E CERCANO DI RESISTERE E ADATTARSI Rapporto GIOVANI E LAVORO La crisi economica ha aggravato la condizione dei giovani italiani peggiorando le opportunità di trovare un occupazione, di stabilizzare il percorso lavorativo, di realizzare

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Regione Autonoma della Sardegna Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio Centro Regionale di Programmazione L integrazione delle politiche di Pari Opportunità nei 13

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3 XLII GIORNATA DEL CREDITO Antonio Marzano Presidente CNEL Roma, 22 giugno 2010 1. Nel corso del 2009, ci informa la Banca d Italia, il credito bancario alle imprese

Dettagli

INTERVENTO DELLA RESPOSABILE FINANZIARIA DR.SSA MARINA PASCOLI FIN.COOP.RA S.R.L.

INTERVENTO DELLA RESPOSABILE FINANZIARIA DR.SSA MARINA PASCOLI FIN.COOP.RA S.R.L. PASCOLI INTERVENTO DELLA RESPOSABILE FINANZIARIA DR.SSA MARINA FIN.COOP.RA S.R.L. Le PMI, fra cui la maggioranza delle Cooperative, rivestono un ruolo importante nell ambito delle economie europee ed il

Dettagli

L AFRICA SETTENTRIONALE. -Popolazione e principali stati -Storia -Attualità

L AFRICA SETTENTRIONALE. -Popolazione e principali stati -Storia -Attualità L AFRICA SETTENTRIONALE -Geografia fisica e risorse economiche -Popolazione e principali stati -Storia -Attualità 1 E affacciata a: -Nord: Mar mediterraneo -Est: Mar Rosso -Ovest: Oceano Atlantico 2 3

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli