Un nuovo semplice metodo per l'ottenimento della colla di fibrina autologa ad uso chirurgico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un nuovo semplice metodo per l'ottenimento della colla di fibrina autologa ad uso chirurgico"

Transcript

1 Un nuovo semplice metodo per l'ottenimento della colla di fibrina autologa ad uso chirurgico Flavio Tarantino (1), Antonio Flores (2), Aldo Gobbi (3), Daniele Salomé (4) (1) Servizio di Anestesia e Rianimazione Generale, Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (Milano) (2) Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale, Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico, Milano (3) Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale, Presidio Oaspedaliero Fornaroli, Magenta (Milano) (4) Servizio di Ricerca e Sviluppo, LP Italiana SpA, Milano Authors present new simple and economic method for autologous fibrin glue production and its surgical immediate risk-free application. Fibrin glue so obtained offers some evident advantages: free-risk safety, simple operativeness, low cost, no problem application. Parole chiave: colla di fibrina, autotrasfusione, Buon Uso del Sangue, rischio trasfusionale Key words: fibrin glue, autotransfusion, blood "good use", transfusion risk Introduzione La colla di fibrina, di derivazione animale od umana, è da tempo impiegata con successo in differenti condizioni chirurgiche 1, 2, 4, 5, 8. La fibrina deriva dalla trasformazione del fibrinogeno, glicoproteina di p.m D, tramite l'azione della trombina. La colla di fibrina di derivazione omologa è stata largamente impiegata in chirurgia 7 per la sua capacità di unire, in maniera rapida e duratura, varie componenti biologiche quali: cute, sottocute, fasce muscolari, vasi, protesi, tessuti d'organo come fegato, milza, rene, polmone ecc. La colla di fibrina, inoltre, può essere utilmente impiegata in sostituzione o a complemento delle suture chirurgiche e per la loro impermeabilizzazione 3. La colla autologa è in grado di formare un coagulo di fibrina che possiede le stesse capacità biologiche: - emostatica, - adesiva, grazie alla formazione di fisiologici legami covalenti fra fibrina, fibronectina e collageno tissutale, Ricevuto: 10 settembre Accettato: 31 ottobre 2000 Corrispondenza: Dott. Antonio Flores Via A. Lecchi, Milano - stimolante tissutale, per la presenza di sostanze quali la fibronectina, con, in più, la possibilità di predeterminare la consistenza e il tempo di coagulazione, in modo da poter coprire tutte le necessità del chirurgo in termini di plasmabilità della colla in situ. Con l'aggiunta, inoltre, di materiale quale biovetro, sostituto d'osso o, meglio, di materiale bio-autologo, quale frazione d'osso del paziente e similari, la colla di fibrina autologa consente la ricostituzione d'osso per i grandi riempimenti. In tutti i casi, il mescolamento del sostituto osseo col collante biologico consente di: 1- posizionare agevolmente il materiale (o il biomateriale), che rimane in situ più agevolmente; 2- creare un supporto stabile che facilita l'utilizzo di biomembrane; 3- riempire agevolmente e stabilmente anche grosse cavità. Tutto questo rappresenta, ad esempio, un valido aiuto nella comune routine chirurgica orale, grazie ad una tecnica semplice, poco costosa e scevra da rischi intrinseci. Gli Autori hanno ideato e sperimentato una metodica molto semplice ed economica per ottenere colla di fibrina ad uso chirurgico. Diversamente da tutte le altre metodologie presenti in letteratura sino al 96, che prevedono l'utilizzo di metodica chimica (estrazione etanolica 4,6 ) o di diversa metodica fisica (crioprecipitazione 3-5 ), la tecnica proposta prevede la preparazione per centrifugazione e la separazione fisica mediante una speciale membrana (Figura 1) idonea a concentrare il fibrinogeno. Questa tecnica: - semplifica e velocizza la preparazione di colla di fibrina autologa ad uso chirurgico; - ne consente l'ottenimento estemporaneo, perioperatoriamente, in tempi molto contenuti (fra 30 e LA TRASFUSIONE DEL SANGUE vol num. 1 gennaio-febbraio 2001 (37-46) 37

2 F Tarantino et al. Figura 1 60 minuti, vedi materiali e metodi), mediante un semplice prelievo ematico venoso e l'uso di una comune centrifuga da laboratorio. La resa del metodo è, inoltre, molto elevata, in quanto si riesce ad ottenere una quantità di colla variabile tra il 40 ed il 50 % rispetto al volume di sangue prelevato. Si basa, infatti, su di una doppia separazione in centrifuga: - prima centrifugazione: si ottiene plasma per un volume pari a circa il 50% del volume di sangue iniziale; - seconda centrifugazione: (vedi Grafici 3 e 4) si ottiene fibrinogeno concentrato per un volume indicativamente pari al 50% del plasma; - miscelazione finale: in rapporto volumetrico 1:1 con attivatore, durante la fase di dispensazione, riporta il volume finale della colla di fibrina ottenuta a circa il 50% del volume di sangue prelevato. Materiali e metodi La tecnica prevede di partire da un semplice prelievo di sangue, reso incoagulabile mediante citratazione (con sodio citrato, biidrato, al 3,2%, molarità 0,1088, in ragione di 100 µl/ml di sangue). La quantità prelevata deve essere naturalmente commisurata all'entità di colla che si vorrà ottenere, tenendo conto del rendimento citato. Si è impiegato un modello sperimentale molto semplice, che prevede: 1- prelievo di sangue mediante provetta contenente sodio citrato, in quantità predeterminata, secondo necessità e tenendo conto della resa come sopra indicato; 2- prima centrifugazione a rpm per 10 minuti primi, per ottenere un plasma completamente privo di cellule (G.R, G.B, piastrine)*; 3- trasferimento del plasma, in condizioni di sterilità, in apposita provetta filtro (Figura 1); 4- seconda centrifugazione a rpm (2.028 x g nella centrifuga utilizzata per la sperimentazione) per un tempo variabile da 30 a 60 primi (vedi Grafici 1-4) per ottenere il concentrato di fibrinogeno dalla provetta col filtro, * La sottrazione di queste sue componenti riduce il plasma a "frazione di plasma", il che rende la metodica proposta ben accetta anche da parte dei Testimoni di Geova. 38

3 Nuovo metodo per la colla di fibrina autologa Figura 2 5- trasferimento del concentrato di fibrinogeno in apposita siringa di miscelazione e dispensazione (Figura 2). L'intera operazione può essere effettuata durante la fase di preanestesia del paziente, utilizzando per il prelievo la stessa via praticata dall'anestesista. La centrifugazione per concentrare il fibrinogeno avviene mediante la speciale provetta (Figura 1), dotata di idoneo tappo a tenuta che garantisce il mantenimento della sterilità anche durante la successiva fase di prelievo del fibrinogeno concentrato. Al fondo della camera superiore è collocato il supporto per la membrana specifica del sistema. La porosità della membrana è elemento fondamentale per il risultato che si vuole ottenere. Gli Autori hanno determinato che è possibile operare soddisfacentemente con taglio molecolare nominale (MWCO o porosità) fra e D: quanto più la membrana ha porosità vicina al p.m. del fibrinogeno, tanto più rapidamente si ottiene il concentrato e viceversa; contemporaneamente, però, si ottiene una resa volumetrica tanto più bassa quanto più alta è la porosità della membrana. Nel corso della sperimentazione cui fanno riferimento i dati presentati, gli Autori hanno utilizzato una membrana da D, porosità, considerata adeguata per gli utilizzi normali. In tali condizioni, è possibile concentrare il fibrinogeno e tutte le altre proteine ad alto peso molecolare al disopra della membrana. I parametri di centrifugazione, durata e accelerazione, forniti a titolo indicativo, influiscono sul livello di concentrazione del fibrinogeno ricercato. Come è intuitivo, maggiori sono l'accelerazione ed il tempo di centrifugazione, più alto sarà il dosaggio (titolo della concentrazione) del fibrinogeno ottenuto (Grafico 1). Vediamo nel dettaglio. Per quanto riguarda il tempo di centrifugazione indicato, possiamo distinguere le fasi che seguono. 1- Tra 0 e 30' si verificano un notevole incremento della concentrazione del fibrinogeno ed una vistosa riduzione volumetrica del campione, tanto maggiore quanto maggiore è l'accelerazione raggiunta. 2- Tra 30' e 45' questi fenomeni rallentano notevolmente, sino quasi ad azzerarsi dopo 45' (limite consigliato, agli effetti pratici, con qualsiasi centrifuga). 3- A 60' si ottengono pressoché le massime concentrazioni ed i minimi volumi raggiungibili. Possiamo riassumere, indicando il limite temporale di 30' quale ottimale nel caso si utilizzi un sistema di centrifugazione che consenta di lavorare attorno a x g, mentre consigliamo di usare i 45' laddove il sistema lavori attorno a x g. 39

4 F Tarantino et al. Grafico andamento della concentrazione del fibrinogeno, in funzione dell'accelerazione (xg) e del tempo di centrifugazione a 38 C Grafico andamento della concentrazione del fibrinogeno a 4.500xg in funzione del tempo, a 5 C Segnaliamo, infatti, che con tale sistema si perviene, nel tempo indicato di 45 minuti primi, a circa il 75-80% della concentrazione massima ottenibile partendo da plasma fresco non congelato, proveniente da sangue prelevato da non più di 4-6 ore (Grafico 2, in cui si riporta un caso ritenuto rappresentativo della casistica osservata). Ogni variazione di porosità, durata ed accelerazione influisce come descritto e come rilevabile dai grafici 1 e 2. Alla fine di questa seconda centrifugazione si ottiene un emoderivato, precursore della colla autologa, vale a dire il liquido collante, contenente il concentrato di fibrinogeno. Questo è un vero preparato autologo, cioè la base di partenza per l'ottenimento della colla di fibrina, che viene ad essere prodotta semplicemente miscelando intimamente il concentrato con un opportuno catalizzatore (Figura 2 ). Con l'uso di trombina, ad esempio, il clotting time è di pochi secondi (3-4), e tale si mantiene anche se si 40

5 Nuovo metodo per la colla di fibrina autologa Grafico 2 - andamento medio della concentrazione del fibrinogeno in centrifugazione a 38 C - accelerazione 2.028xg aggiungono, con effetto diluizione, sensibili quantità di altre sostanze che hanno lo scopo di migliorare la performance del coagulo finale: ad esempio antifibrinolitici (aprotinina, acido ε-amino caproico, acido tranexamico) e cloruro di calcio. È chiaro che per ottenere un coagulo rigorosamente autologo si debba utilizzare trombina autologa (oggi non disponibile) o tromboplastina ricombinante, disponibile sul mercato ma non per uso clinico; ricordiamo, però, che l'uso di tromboplastina ha provocato, nel corso dei nostri esperimenti, un allungamento intollerabile dei tempi di formazione del coagulo bianco (2-3 minuti). Quello che abbiamo potuto rilevare è che nel collante la concentrazione del fibrinogeno è funzione di vari parametri: 1- gravità raggiunte (funzione del numero di giri e del raggio della centrifuga); 2- concentrazione del fibrinogeno nel plasma di partenza ; 3- temperatura del campione; 4- tempo di centrifugazione; 5- porosità della membrana adottata. Considerando variabile indipendente la concentrazione iniziale del fibrinogeno nel plasma di partenza, quindi alla stregua di una costante su cui non possiamo influire, esaminiamo l'effetto di ciascuno degli altri parametri, modificando i quali risulta possibile variare e prevedere la concentrazione e il volume finale del fibrinogeno concentrato, raggiungibili, e, quindi, il volume finale del collante a disposizione. Della porosità della membrana e dei suoi effetti si è già detto; così pure del tempo di centrifugazione e dell'accelerazione applicata. A questo riguardo, si noti che l'accelerazione è funzione del raggio di centrifugazione e della velocità angolare raggiungibile, entrambi parametri dettati dai limiti della centrifuga a disposizione, ma fortunatamente, nei casi meno felici, in larga misura compensabili con la durata dell'operazione. Mentre si rimanda al grafico 1 per i limiti di applicabilità, si riporta che, come ovvio, al diminuire del volume del concentrato si ottiene un incremento della concentrazione di fibrinogeno (dosaggio). Da ultimo, si noti che trattandosi di materiale biologico fresco, da usare fresco, si è riscontrato che una temperatura di centrifugazione di 38/39 C contribuisce ad un aumento di circa il 5-10 % della concentrazione finale, rispetto alla stessa operazione condotta con analoga centrifuga termostatata a 5 C. In merito, si vedano i grafici 3 e 4 e la Tabella I in cui per "Dos. Iniz." si legga Dosaggio iniziale del fibrinogeno dei campioni di Pool e per "Dos. 60'" si legga Dosaggio dopo 60' di centrifugazione a x g. Nei grafici 3 sono rappresentati l'andamento della contrazione volumetrica e della concentrazione del fibrinogeno di 8 campioni conservati a temperatura ambiente, prima del passaggio in centrifuga refrigerata a 5 C, mentre 41

6 F Tarantino et al. Grafico andamento volumetrico - 8 campioni a 5 C Grafico andamento Dosaggio Fibrinogeno - 8 campioni a 5 C Grafico campioni a 20 C Grafico campioni a 20 C 42

7 Nuovo metodo per la colla di fibrina autologa Tabella I Campione T C Dos. Dos. Fattore iniz. 60 di Concentr. A 5 192,3 382,2 2,0 B 5 232,8 406,4 1,7 C 5 259,7 433,8 1,7 D 5 275,3 415,1 1,5 E 5 263, ,5 F 5 275,3 453,8 1,6 G 5 151,5 433,7 2,9 H 5 245,6 374,7 1,5 I 5 263,1 398,1 1,5 J 5 263,0 423,9 1,6 K 5 262,9 414,9 1,6 L 5 263,1 476,1 1,8 M 5 288,1 476,0 1,7 N 5 252,2 423,9 1,7 O 5 258,8 443,1 1,7 P 5 258,9 499,9 1,9 250,4 428,4 1,7 medio Q , ,0 R ,1 475,8 2,7 S ,9 475,8 2,0 T ,3 453,8 1,9 U ,1 453,8 1,9 V ,8 475,8 2,0 W ,9 525,9 1,9 X ,1 513,1 2,2 Y ,9 475,9 1,8 234,9 476,2 2,1 medio Generale 244,8 445,6 1,9 media Grafico 5 nei grafici 4 si rilevano gli stessi di 3 campioni conservati analogamente ma centrifugati a 20 C. Il mantenimento a C del fibrinogeno contribuisce in maniera considerevole alla formazione della massa gelatinosa prima e del coagulo poi, allorché intimamente miscelato con opportuno starter della coagulazione, pure mantenuto alla stessa temperatura. Pur disponendo di una massa di dati molto dispersiva, si è osservato che il tempo di gelificazione/coagulazione si riduce di circa il % rispetto allo stesso effettuato con fibrinogeno e starter mantenuti tra temperatura ambiente e di refrigerazione (a 5 C). Il grafico 5 rivela inoltre che, quanto meglio si miscela intimamente il fibrinogeno con lo starter (tempo di eiezione più lungo significa miglior reciproca compenetrazione per maggior permanenza all'interno del miscelatore), tanto più rapida risulta la formazione del coagulo dall'uscita dal miscelatore, fino a risultare già compiuta nel momento stesso della fuoriuscita. Si noti che l'utilizzo di starter da 1 UI induce la permeazione del fibrinogeno da parte dello starter con tempi mediamente superiori ai 2 minuti, scarsamente influenzabile dalla modalità della miscelazione. Altre esperienze (Grafico 6) ci portano ad affermare che, a parità di contenuto in UI di trombina, l'aumento della "diluizione" dello starter nel fibrinogeno (rapporto fibrinogeno/starter che passa da 1:1 fino a 7:1) hanno un 43

8 Grafico 6 - influenza del rapposrto tra fibrinogeno e starter effetto ritardante nei tempi di coagulazione. Al contrario l'inversione di tale rapporto (aumento della quantità di starter nel fibrinogeno, da 1:1 fino a 9:1) non ha effetto significativo. Il cambiamento si verifica a partire dal rapporto paritetico. Naturalmente, supponendo non aumentabili né l'accelerazione a disposizione, né (per altri ovvi motivi) la temperatura di 38 C, l'unico parametro veramente a disposizione per aumentare la concentrazione risulta il tempo di centrifugazione. Potremmo provare a variare all'infinito questi parametri, ma il nostro obiettivo è il raggiungimento di una concentrazione finale di fibrinogeno nel campione almeno doppia, rispetto a quella di partenza. Questo è il vero dato sensibile che può far variare realmente le performances del coagulo di fibrina ottenibile (Grafico 7) in cui si è voluta riproporre la condizione di centrifuga più comune nei laboratori. Abbiamo, infatti, osservato che, aldilà dei tempi di coagulazione di cui ai vari grafici forniti, quanto più alto è il dosaggio iniziale del fibrinogeno, tanto migliore è la gelatinificazione della fibrina, la sua consistenza e tanto minore è la fase liquida residua finale, la quale nelle condizioni migliori risulta addirittura assente. Nel nostro modello sperimentale presentiamo 11 casi ed in ciascuno di essi abbiamo rilevato la concentrazione del fibrinogeno basale, a 30', 45' e 60'; tutti questi dati sono contenuti nella tabella II e nel grafico 7. La rilevazione nei campioni è stata fatta mantenendo costanti la temperatura (38 C) e le gravità (2.028 x g pari a circa rpm nella nostra centrifuga: ALC 4239). Come si può notare l'unica variabile introdotta è stato il tempo di centrifugazione. Mediante una normale siringa sterile, passando attraverso il tappo perforabile (Figura 1), si preleva quindi il fibrinogeno concentrato e lo si trasferisce in uno dei due cilindri dell'apposita siringa (Figura 2) dotata di miscelatore statico. Analoga operazione si effettua con lo starter della coagulazione prelevato alla stessa temperatura e immesso, approssimativamente in rapporto 1:1, nel secondo cilindro della stessa siringa. L'introduzione del doppio stantuffo conclude l'operazione rendendo la colla pronta per l'utilizzo. Il chirurgo può eiettare l'insieme dei due prodotti, intimamente miscelati per effetto del passaggio attraverso il miscelatore statico, pronti a divenire a questo punto già colla di fibrina in formazione o formata, con la possibilità di stenderlo direttamente sulla parte cruentata. A seconda dei casi, può essere richiesto un coagulo di più o meno rapida formazione e di maggiore o minore consistenza. Due sono i parametri che consentono un più fine controllo dell'operazione: 44

9 Grafico 7 - concentrazione fibrinogeno/tempo a 2.028xg Tabella II: andamento della Concentrazione del Fibrinogeno in centrifugazione a 38 C - accelerazione xg Campione Tempi di centrifugazione (minuti) A B C D E F G H I L M la concentrazione dello starter espressa in unità internazionali (NIH) per ml di iniettabile; 2- la velocità impressa allo stantuffo dal chirurgo ossia il tempo impiegato per l'eiezione della colla di fibrina che fuoriesce. Si rileva che, utilizzando come starter una sostanza ad attività trombinosimile, le concentrazioni utili possono variare da 1 a 3 NIH/mL. Nel corso della sperimentazione riferita, quale starter si è preferito impiegare un farmaco iniettabile (Botropase) già in commercio, derivato da veleno di serpente, per motivi di disponibilità e di sicurezza: non sussistono, infatti, rischi di trasmissione di malattie infettive (AIDS o sindrome detta della "mucca pazza") come potrebbe avvenire con trombina di derivazione umana o bovina (per questa ragione l'fda non ha mai concesso la relativa approvazione all'uso negli Stati Uniti), al contrario le differenze tra l'animale a sangue freddo e l'uomo sono tali da consentirne l'uso per via iniettabile. Usando 1 NIH (Grafico 5) otteniamo il coagulo bianco entro secondi, mentre con 3 NIH lo 45

10 otteniamo nel breve spazio di pochi secondi. In ogni caso, possiamo utilizzare eiezioni rapide o molto lente: per molto lenta si intende una eiezione di circa secondi, che corrisponde alla fuoriuscita praticamente goccia a goccia direttamente sopra il sito desiderato. In merito, si evidenzia che il mantenimento a circa 38 C fino alla eiezione di entrambi i componenti esalta la performance complessiva rispetto alla stessa se attuata a temperature più basse (4-10 C) nell'ordine di un 15-25% in termini di aumento della reattività e quindi, in ultima analisi, dei tempi di gelificazione. Risultati e conclusioni Con il nostro metodo sono difficilmente raggiungibili concentrazioni finali di fibrinogeno analoghe a quelle presenti nell'unico emoderivato pronto all'uso presente in commercio (Tissucol); ciò nonostante, non abbiamo notato differenze sostanziali né nel clotting time, né nella capacità adesiva del coagulo ottenuto. Queste due caratteristiche rappresentano un indubbio vantaggio del nostro sistema, in quanto, se per ottenere performance simili noi dovessimo raggiungere nel nostro campione finale concentrazioni di fibrinogeno analoghe al Tissucol, necessariamente dovremmo impiegare temperature molto alte e tempi di centrifugazione molto dilatati, con fatale perdita di praticità del sistema. In alternativa, potremmo agire sulle gravità raggiunte nella centrifugazione aumentandole in modo sensibile. È chiaro che per attuare ciò dovremmo impiegare ultracentrifughe, con necessità, quindi, di attrezzature speciali molto costose. Una spiegazione plausibile del fatto che, comunque, la nostra colla si comporti come il Tissucol, risiede nel fatto che probabilmente nel nostro concentrato di fibrinogeno non ritroviamo fibrinolitici, forse perché, date le loro piccole dimensioni, passano la membrana del sistema e finiscono nell'ultracentrifugato. Un'altra sostanziale differenza tra il nostro metodo e quelli proposti sino ad ora in letteratura è che noi otteniamo la separazione e la concentrazione del fibrinogeno unitamente ad una serie di proteine della coagulazione ad alto peso molecolare, quali fattore V, VIII, IX, X, XI e XIII, nel comparto superiore (sezione 1) della nostra provetta. Potremmo, inoltre, sfruttare le proprietà terapeutiche di queste ultime nei casi di loro carenza (Emofilia, CID, ecc.). Nello scomparto inferiore, invece, si concentrano - oltre all'albumina, acqua ecc. - tutta una serie di sostanze (per es. fibronectina) le cui potenzialità a tutt'oggi non risultano del tutto chiarite. Esistono per ora alcuni dati sperimentali che sembrano indicare come l'uso delle sostanze presenti in questo liquido (ultrafiltrato: sezione 2 della provetta) abbiano un effetto stimolante tissutale favorenti la guarigione delle piaghe da decubito e delle ulcere, oltre ad avere un effetto antalgico notevole sulle stesse (fonte: prove sperimentali dirette su paziente). Riassunto Gli Autori presentano un metodo innovativo, semplice, economico per l'ottenimento di colla di fibrina autologa ad uso chirurgico. La metodologia si differenzia da tutte quelle proposte in letteratura, sostanzialmente per l'utilizzo di un sistema mediante centrifugazione. Questa metodica prevede l'impiego di una speciale membrana a porosità nota per concentrare il fibrinogeno nel plasma di partenza. La colla che si ottiene offre tre enormi vantaggi rispetto a metodiche o prodotti attualmente disponibili sul mercato: sicurezza, operatività semplice, economicità. Bibliografia 1) Reiss RF, Oz MC: Autologous fibrin glue: production and clinical use. Transfus Med Rev, 10, 85, ) Isaacson G, Herman JH: Autologous plasma fibrin glue: rapid preparation and selective use. Am J Otolaryngol, 17, 92, ) Silver FH, Wang MC, Pins GD: Preparation of fibrin glue: a study of chemical and physical methods. J Appl Biomater, 6, 175, ) Silver FH, Wang MC, Pins GD: Preparation and use of fibrin glue in surgery. J Appl Biomater, 16, 891, ) Tawes RL Jr, Sydorak GR, DuVall TB: Autologous fibrin glue: the last step in operative homostasis. Am J Surg, 168, 120, ) Kjaergard HK, Weis-Fogh US: Important factors influencing the strength of autologous fibrin glue: the fibrin concentration and reaction time-comparison of strength with commercial fibrin glue. Eur Surg Res, 26, 273, ) Quigley RL, Perkins JA, Gottner RJ et al.: Intraoperating procurement of autologous fibrin glue. Ann Thorac Sur, 56, 387, ) Casali B, Rodeghiero F, Tosetto A et al.: Fibrin glue from single-donation autologous plasmapheresis. Transfusion, 32, 641,

L UTILIZZO DEL CGF IN GHIRURGIA RIGENERATIVA

L UTILIZZO DEL CGF IN GHIRURGIA RIGENERATIVA L UTILIZZO DEL CGF IN GHIRURGIA RIGENERATIVA Dott. Paolo Torrisi In questa mia breve comunicazione parleremo di chirurgia rigenerativa per scopi implanto-protesici attuata con l ausilio del protocollo

Dettagli

GEL PIASTRICO AUTOLOGO

GEL PIASTRICO AUTOLOGO GEL PIASTRICO AUTOLOGO NECESSITA DI COOPERAZIONE CON IL CENTRO TRASFUSIONALE Considerazioni Medico-Legali L I.S.S. in una nota del 27/12/2001, precisa che: 1) Il prelievo e tutta la procedura di preparazione

Dettagli

Terapia Trasfusionale

Terapia Trasfusionale Percorso Didattico S.I.M.U.T.I.V Ordine dei medici veterinari della provincia di Ravenna Ravenna, 15 settembre 2014 Pronto Soccorso Terapia Trasfusionale Dott. Paolo Gaglio Ospedale Veterinario Gregorio

Dettagli

Estratto determinazione n. 459 del 15 febbraio 2010

Estratto determinazione n. 459 del 15 febbraio 2010 Autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Tisseel» Estratto determinazione n. 459 del 15 febbraio 2010 DESCRIZIONE DEL MEDICINALE E ATTRIBUZIONE N. AIC E' autorizzata l'immissione

Dettagli

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE.

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE. REDAZIONE,,VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZION E EMISSIONE Dott. Gino Bernuzzi- Dirigente Medico U.O. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Dott Alessandro

Dettagli

SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ

SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ 1 Prima Stesura Data: 15-02/2013 Redattori: Gasbarri, De Agelis, Rizzo SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 10 3 BIBLIOGRAFIA... 10 4 INDICATORI...

Dettagli

Estrazione del DNA. 1. Introduzione

Estrazione del DNA. 1. Introduzione Estrazione del DNA 1. Introduzione L obiettivo di questa esperienza è quello di osservare la molecola degli acidi nucleici, una volta separata dall involucro cellulare in cui è contenuta all interno della

Dettagli

Ricostruzione ossea con biomateriali

Ricostruzione ossea con biomateriali Informazioni per i pazienti Ricostruzione ossea con biomateriali dental bone & tissue regeneration botiss biomaterials conservativa sicura naturale X100 Impianto - La stabilità è fondamentale Atrofia della

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p)

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) Il contenuto della materia secca varia in base al tipo di latte; quello vaccino é compreso tra 11 e 13 % p/p. Apparecchiature: Bilancia analitica (0,1

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo Opera di San Pio da Pietrelcina PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE a cura di: Servizio Trasfusionale e di Immunoematologia Tel.:

Dettagli

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI A LLEGATO V RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI PARTE A A.1 Modalità per la raccolta del sangue intero e degli emocomponenti raccolti mediante aferesi

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE Claudia Ferocino TSLB; Dott.ssa Francesca Tanzi Responsabile Accreditamento Servizio Immunoematologia e Dott.ssa

Dettagli

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII Giancarlo Maria Liumbruno Direttore Centro Nazionale Sangue Istituto

Dettagli

PCR QUANTITATIVA. FASE POST-ANALITICA: I dati ottenuti vengono validati tecnicamente poi clinicamente e quindi firmati digitalmente.

PCR QUANTITATIVA. FASE POST-ANALITICA: I dati ottenuti vengono validati tecnicamente poi clinicamente e quindi firmati digitalmente. MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. PCR QUANTITATIVA PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL'ESAME: Il paziente deve

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

WITNESS DIROFILARIA. Dirofilaria immitis.

WITNESS DIROFILARIA. Dirofilaria immitis. WITNESS DIROFILARIA WITNESS DIROFILARIA INFORMAZIONI GENERALI La dirofilariosi cardiaca del cane è una malattia a diffusione mondiale ed è causata da un nematode filariforme denominato Dirofilaria immitis.

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

POLARITÀ DELLE SOSTANZE

POLARITÀ DELLE SOSTANZE POLARITÀ DELLE SOSTANZE I liquidi si distinguono in polari e non polari. Obiettivo dell esperimento è controllare la polarità dei liquidi mediante bacchette caricate positivamente o negativamente. H2O

Dettagli

Inibitori acquisiti della coagulazione

Inibitori acquisiti della coagulazione Inibitori acquisiti della coagulazione Cristina Legnani UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Bologna, 19 Giugno 2010 Inibitori acquisiti

Dettagli

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica 5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica EMOCOMPONENTI: PRODUZIONE E LAVORAZIONI Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale A.O.U. San Luigi Gonzaga-Orbassano EMOCOMPONENTI Emazie concentrate

Dettagli

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 3 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/7 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti risolvono gli esercizi. Materiale Foglio di esercizio Forma sociale Lavoro individuale

Dettagli

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %.

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %. Scheda Tecnica 0123 Technical File No.: 46 Prodotto: Categoria di prodotto secondo la classificazione CE: Anti-Xga coombsreactive Policlonale, umano IgG Allegato III Autocertificazione del produttore Struttura

Dettagli

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore.

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore. Decreto ministero Sanità, 1 settembre 1995 Gazzetta Ufficiale 13 ottobre 1995, n. 240 Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. 13 novembre 2013. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. 13 novembre 2013. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA 13 novembre 2013 Sommario: Rassegna Associativa Rassegna Sangue e Emoderivati 2 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 5 Prime Pagine 13 Rassegna sangue e emoderivati

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski.

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Autori: Amato G., Madeyski P. Babbo G.A., Bartelloni A. Casa di cura Sileno e Anna Rizzola. S. Donà di Piave

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

Da che cosa è composto il sangue?

Da che cosa è composto il sangue? DONAZIONE DEL SANGUE La donazione di sangue non è solo un gesto di altruismo, ma soprattutto una necessità per l intera collettività. A tutt oggi non esiste sangue artificiale, cioè un sostituto con le

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 8 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Firma per redazione Ermanna Cotti Piccinelli Emesso il: 14-11-2014 Pagina 1 di 5 Firma per approvazione Paolo Cerutti Firma Direttore

Dettagli

Aspetti pratici dell emogasanalisi

Aspetti pratici dell emogasanalisi ITINERANTE 2013 Le alterazioni elettrolitiche nel paziente in emodialisi 26 febbraio 2013 - Ospedale san Paolo Milano Aspetti pratici dell emogasanalisi Francesco Ragusa Tecnico di Emodialisi Qualificato

Dettagli

La st rument azione chirurgica. Prof. Robert o Mont isci Chirurgia vascolare - Policlinico

La st rument azione chirurgica. Prof. Robert o Mont isci Chirurgia vascolare - Policlinico La st rument azione chirurgica Prof. Robert o Mont isci Chirurgia vascolare - Policlinico L elettrochirurgia Nella seconda metà del XIX secolo, la scoperta del fatto che una corrente elettrica

Dettagli

Colla di fibrina autologa ad uso perioperatorio: un caso clinico esemplificativo. Considerazioni applicative e medico legali

Colla di fibrina autologa ad uso perioperatorio: un caso clinico esemplificativo. Considerazioni applicative e medico legali Colla di fibrina autologa ad uso perioperatorio: un caso clinico esemplificativo. Considerazioni applicative e medico legali Flavio Tarantino (1), Maurizio Calcagni (2), Antonio Flores (3), Aldo Gobbi

Dettagli

ALLEGATO CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DEL RIFIUTO PRESENTATI DALL EMEA

ALLEGATO CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DEL RIFIUTO PRESENTATI DALL EMEA ALLEGATO CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DEL RIFIUTO PRESENTATI DALL EMEA 1 CONCLUSIONI SCIENTIFICHE Il richiedente BioMimetic Therapeutics Ltd. ha presentato all Agenzia europea per i medicinali (EMEA)

Dettagli

Per la prima volta in Italia, le cellule staminali dei primi denti!

Per la prima volta in Italia, le cellule staminali dei primi denti! Per la prima volta in Italia, le cellule staminali dei primi denti! 1 Settore centrale Settore centrale Settore laterale Settore laterale Dente canino Dente canino Mascella superiore Mascella inferiore

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 2 LEZIONE Statistica descrittiva STATISTICA DESCRITTIVA Rilevazione dei dati Rappresentazione

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof.

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, Partita IVA n. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. Giovanni Persico,

Dettagli

Panoramica Kit A - Kit B

Panoramica Kit A - Kit B DENSITY PLATELET GEL PRP/PRF DISPOSITIVO MEDICO PER L ODONTOIATRIA, MAXILLO FACCIALE, MEDICINA ESTETICA, CHIRURGIA ESTETICA, MEDICINA GENERALE, CHIRURGIA ORTOPEDICA, ORTOPEDIA, MEDICINA DELLO SPORT, DERMATOLOGIA,

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria Classe 2^ Scuola Secondaria Scienze COMPETENZA DI RIFERIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

Terapia chirurgica orale

Terapia chirurgica orale CHIRURGIA ORALE Studio Santoro Terapia chirurgica orale La chirurgia orale è quella branca dell Odontoiatria che si occupa di varie problematiche inerenti la necessità di avulsione di elementi dentari

Dettagli

Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma

Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma Istituto di Medicina Human Tecar è partner tecnico di e Scienza dello Sport Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma Tecnologia innovativa per il

Dettagli

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE MISCUGLI E SOLUZIONI La trattazione di questo argomento è avvenuta nell ambito dello studio dell acqua e delle sue proprietà

Dettagli

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino.

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Esperimenti per gioco Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Il progetto ha lo scopo di avvicinare i ragazzi al mondo della scienza tramite lo svolgimento di semplici esperienze di laboratorio

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

NOTE INFORMATIVE CAMPIONAMENTO PRELIEVO

NOTE INFORMATIVE CAMPIONAMENTO PRELIEVO Pag. 1 di 5 PRELIEVO Il campione portato in laboratorio deve essere RAPPRESENTATIVO dell intera massa da cui è tratto. Esistono al riguardo, a seconda dei prodotti e delle finalità per cui vengono effettuate

Dettagli

METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO

METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO SPETTROFOTOMETRIA DI ASSORBIMENTO TURBIDIMETRIA/NEFELOMETRIA FLUORIMETRIA SPETTROFOTOMETRIA DI ASSORBIMENTO ATOMICO FOTOMETRIA DI EMISSIONE A FIAMMA RIFLETTANZA

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Progetto alternanza scuola-lavoro

Progetto alternanza scuola-lavoro Progetto alternanza scuola-lavoro OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO Gastroenterologia Abbiamo visto il reparto di gastroenterologia in due aspetti: L ambulatorio dove si effettuano tutti giorni visite ed esami

Dettagli

Caratterizzazione biologica del tessuto cutaneo in seguito ad omogeneizzazione

Caratterizzazione biologica del tessuto cutaneo in seguito ad omogeneizzazione Caratterizzazione biologica del tessuto cutaneo in seguito ad omogeneizzazione V. Purpura 1, M. Ghetti 1, E. Bondioli 1, P. Minghetti 1, D. Melandri 1, M. Riccio 2 Accademia del Lipofilling Centro Studi

Dettagli

ANTITUBERCOLARI PLASMATICI in LC/MS Codice LC79110 (Etambutolo, Isoniazide, Rifampicina)

ANTITUBERCOLARI PLASMATICI in LC/MS Codice LC79110 (Etambutolo, Isoniazide, Rifampicina) ANTITUBERCOLARI PLASMATICI in LC/MS Codice LC79110 (Etambutolo, Isoniazide, Rifampicina) INTRODUZIONE Tecnicamente si definisce antibiotico una sostanza di origine naturale prodotta da un microrganismo,

Dettagli

Dott. Pascal Scioscia. Chirurgia Plastica, Chirurgia Estetica, Medicina Estetica

Dott. Pascal Scioscia. Chirurgia Plastica, Chirurgia Estetica, Medicina Estetica Dott. Pascal Scioscia Chirurgia Plastica, Chirurgia Estetica, Medicina Estetica Trattamenti Filler Chi è il medico estetico Il medico estetico è il medico (ovvero laureato in medicina e chirurgia) che

Dettagli

Una forte struttura ossea per denti splendidi. Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide

Una forte struttura ossea per denti splendidi. Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide Una forte struttura ossea per denti splendidi Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide Indice Il sorriso è il più bel modo di mostrare i tuoi denti 3

Dettagli

ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE

ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE L insegnamento delle scienze e della tecnologia si configura, nella scuola primaria, come un obiettivo fondamentale che dà le coordinate per

Dettagli

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3 COMPOUND SERIE G P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E 1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO 1.1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO GUARNIFLON, oltre al PTFE vergine, dispone

Dettagli

Lavoro di gruppo su: scheda di rilevamento delle non conformità

Lavoro di gruppo su: scheda di rilevamento delle non conformità Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare CORSO TEORICO/PRATICO DI AGGIORNAMENTO La fase preanalitica del campione biologico: ottimizzazione delle procedure Lavoro

Dettagli

Il trattamento infiltrativo con il gel piastrinico

Il trattamento infiltrativo con il gel piastrinico Il trattamento infiltrativo con il gel piastrinico Dr Alberto Siclari Direttore f.f. S.C. Ortopedia e Traumatologia Nuovo Ospedale degli Infermi di Biella PRP Secondo i criteri internazionali è un volume

Dettagli

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione l infiltrazione e l inclusione Poiché la consistenza della maggior parte di tessuti fissati (ad eccezione di quelli congelati che si infiltrano ma non si includono) è tale da non permettere di sezionare

Dettagli

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione Filtrazione: definizioni La FILTRAZIONE è un comune metodo di separazione basato sul seguente principio: le particelle più piccole di una determinata dimensione passano attraverso i pori di un filtro,

Dettagli

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 Progetto Europeo AIR-BOX AUTOMOTIVE 2014 AIR-BOX (gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 APPARATO AIR-BOX per la riduzione dei NOx e del CO2 e per l incremento delle prestazioni del motore

Dettagli

25 PRODUCTS. 32 COUNTRIES. ONE BRAND. ONE PHILOSOPHY.

25 PRODUCTS. 32 COUNTRIES. ONE BRAND. ONE PHILOSOPHY. 25 PRODUCTS. 32 COUNTRIES. ONE BRAND. ONE PHILOSOPHY. PRP> Platelet Rich Plasma ( Generic Method Presentation ) Come funziona? La risposta medica all invecchiamento della pelle è: La BIORIVITALIZZAZIONE

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

CellSolutions General Cytology Preservative

CellSolutions General Cytology Preservative CellSolutions General Cytology Preservative Codice di catalogo: C-101 (10 ml fiala) C-101-25 (25 x 10 ml fiale) C-101-200 (8 x 25 x 10 ml fiale) C-101-500 (20 x 25 x 10 ml fiale) C-101L (1 L) C-101G (4

Dettagli

Tecniche di preparazione e conservazione degli emocomponenti Franco Verlicchi Centro Trasfusionale Faenza/Lugo AUSL Ravenna

Tecniche di preparazione e conservazione degli emocomponenti Franco Verlicchi Centro Trasfusionale Faenza/Lugo AUSL Ravenna Tecniche di preparazione e conservazione degli emocomponenti Franco Verlicchi Centro Trasfusionale Faenza/Lugo AUSL Ravenna La Legge 21/10/2005, n 219 - Nuova disciplina delle attività trasfusionali e

Dettagli

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE Classe 1^A Grafico Questo documento è solo una presentazione e non deve ritenersi completo se non è accompagnato dalla lezione in classe. Prof. Zarini Marta CLASSIFICAZIONE

Dettagli

TIPIZZAZIONE TIPIZZAZIONE HLA

TIPIZZAZIONE TIPIZZAZIONE HLA TIPIZZAZIONE Il compito dell ADMO è quello di cercare nuovi donatori ed inserirli nel registro mondiale dei donatori. A tale scopo il possibile donatore viene sottoposto a TIPIZZAZIONE HLA esame necessario

Dettagli

SCREENING DI IPERCOAGULABILITÀ

SCREENING DI IPERCOAGULABILITÀ SCREENING DI IPERCOAGULABILITÀ COME STRUMENTO INNOVATIVO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA DIAGNOSI E LA PROGNOSI DEL TUMORE PROGETTO AIRC 5XMILLE 2011-2014 (+2 ANNI EVENTUALI) LO STUDIO L Associazione

Dettagli

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS Queste macchine verticali di tintura ad alta temperatura e pressione sono il risultato di una costante e continua ricerca di miglioramenti, lavorando in stretto

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

BRUCELLOSI BOVINA / BUFALINA / OVICAPRINA PRELIEVO CAMPIONI AL MATTATOIO. Recapito telefonico... A.S.L. n... Data.../.../... MACELLO... N TEL...

BRUCELLOSI BOVINA / BUFALINA / OVICAPRINA PRELIEVO CAMPIONI AL MATTATOIO. Recapito telefonico... A.S.L. n... Data.../.../... MACELLO... N TEL... ALLEGATO E BRUCELLOSI BOVINA / BUFALINA / OVICAPRINA PRELIEVO CAMPIONI AL MATTATOIO Alla Sezione I.Z.S. di DR... Recapito telefonico. A.S.L. n... Data.../.../... MACELLO... N TEL... VIA... COMUNE...PROV.....

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

Stage: Raggio di Sole Laboratorio analisi A.S. 2010-11

Stage: Raggio di Sole Laboratorio analisi A.S. 2010-11 Stage: Raggio di Sole Laboratorio analisi A.S. 2010-11 Loschi Martina Malvermi Raffaele Determinazione delle micotossine Le micotossine sono prodotte da funghi e parassiti presenti nei cereali. In alte

Dettagli

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI PEDAGOGIA SPERIMENTALE LEZIONE III INTRODUZIONE ALLA RICERCA SPERIMENTALE (PARTE III) PROF. VINCENZO BONAZZA Indice 1 L ipotesi -----------------------------------------------------------

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Sonicaid. Lactate Pro TM

Sonicaid. Lactate Pro TM Sonicaid Lactate Pro TM 1.IL PRODOTTO IN BREVE 1.I Descrizione Il Lactate Pro è un dispositivo che rileva la concentrazione di lattato nel sangue, per la sua precisione, praticità ed economia di esercizio

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 7: Generalità à sul RIA D. Cecchin, F. Bui Diverse tipologie di RIA? 1) DOSAGGIO

Dettagli

USO DIAGNOSTICO E DI COMPLESSI METALLICI

USO DIAGNOSTICO E DI COMPLESSI METALLICI USO DIAGNOSTICO E DI COMPLESSI METALLICI Uso diagnostico di complessi di gadolinio La Risonanza Magnetica e un fenomeno che accade quando i nuclei di alcuni atomi immersi in un campo magnetico statico

Dettagli

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA Tutti i test statistici di significatività assumono inizialmente la cosiddetta ipotesi zero (o ipotesi nulla) Quando si effettua il confronto fra due o più gruppi di dati, l'ipotesi

Dettagli

Come evitare gli errori della fase preanalitica in emogasanalisi

Come evitare gli errori della fase preanalitica in emogasanalisi Come evitare gli errori della fase preanalitica in emogasanalisi Gitte Wennecke e Gitte Juel, Radiometer Medical ApS. Copyright 2005 Radiometer Medical ApS, Denmark. Radiometer Medical ApS, DK-2700 Brønshøj,

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

PRP E TRAPIANTO Ciro De Sio!

PRP E TRAPIANTO Ciro De Sio! Siracusa 2014 PRP E TRAPIANTO Ciro De Sio! Chirurgo Plastico MEDICINA RIGENERATIVA CELLULE STAMINALI FATTORI DI CRESCITA PRP ALOPECIA ANDROGENETICA MEDICINA RIGENERATIVA RIPARA I TESSUTI DANNEGGIATI e/o

Dettagli

VITAMINA C PLASMATICA IN UV Codice Z20010

VITAMINA C PLASMATICA IN UV Codice Z20010 VITAMINA C PLASMATICA IN UV Codice Z20010 INTRODUZIONE L Acido Ascorbico (A.A.) rientra nel gruppo delle vitamine idrosolubili ed è largamente diffuso in natura specialmente nelle arance e nei limoni.

Dettagli

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 INTRODUZIONE 1.0 PREVENZIONE CONTRO INDIVIDUAZIONE. L'approccio tradizionale nella fabbricazione dei prodotti consiste nel controllo

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità

R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità Allegato 4 al Disciplinare di Gara R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DI PRESIDI PER

Dettagli