Bovino: B. divergens (Zoonosi), B. major, B.bigemina, B.bovis Ovicaprini: B.motasi, B. ovis Equidi: B.equi, B.caballi Cane: B.canis, B.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bovino: B. divergens (Zoonosi), B. major, B.bigemina, B.bovis Ovicaprini: B.motasi, B. ovis Equidi: B.equi, B.caballi Cane: B.canis, B."

Transcript

1 Babesia Classe Piroplasmidia Parassita le emazie Diverse specie che colpisce molte specie animali (uomo incluso) Trasmissione tramite zecche con trasmissione transovarica Diffusione cosmopolita

2 Bovino: B. divergens (Zoonosi), B. major, B.bigemina, B.bovis Ovicaprini: B.motasi, B. ovis Equidi: B.equi, B.caballi Cane: B.canis, B.gibsoni (microbabesia 1,2-2,5 mm) Gatto: B.felis (India e Africa), B.cati (India)

3 Ciclo Il parassita si divide in maniera asessuata nell ospite. Nella zecca avviene invece la fase sessuata del ciclo e si può avere trasmissione transovarica.

4

5

6

7 I parassiti si ritrovano nei globuli rossi singoli o accoppiati per la loro estremità stretta. Le dimensioni variano a seconda della specie e vanno da 1 a 5 μm

8

9

10 Ciclo di zecca a due ospiti

11 Ciclo di zecca a tre ospiti

12 Nelle zecche a 3 ospiti, la larva, la ninfa e l adulto effettuano il pasto di sangue su tre differenti ospiti, spesso di specie diverse in un ampio periodo di tempo. Le ixodidae durante il pasto di sangue aumento di volte la loro massa. Le larve si nutrono sull ospite in media per 2-4 giorni e aumentano la loro massa di volte. Le ninfe si alimentano per 3-5 giorni e aumentano la loro massa di volte. Le femmine adulte si alimentano per 6-10 giorni e aumentano la massa di volte.

13 Cane B.gibsoni (microbabesia) generalmente più patogena e con decorso più difficilmente controllabile di B.canis. Ipertermia (40 C) in poche ore con anoressia e abbattimento. L ipertermia persiste per almeno 1 settimana. Bilirubinemia e emoglobinuria con anemia marcata.

14 B. gibsoni Quadri acuti, iperacuti con insufficienza renale con iperazotemia e ipercreatinemia e proteinuria. Anemia rigenerativa con emolisi extravasale (eritrofagocitosi) ed intravasale (processi autoimmuni).

15 Diagnosi Dati anamnestici ed epidemiologici (stagione e soggiorno zona endemica) e quadro di iperpiressia con emolisi. Striscio con evidenziazione babesie o PCR. La sierologia è tardiva (1 settimana)

16 Trattamento Imidocarb 5mg/Kg Im meno efficace che nei ocnfronti di B. canis. Doxiciclina (10mg/Kg bid x 10gg). Indispensabile terapia di sostegno fleboclisi e se necessario trasfusione. Profilassi con antiparassitari.

17 B. canis Grandi dimensioni (4-5micron). Rhipicephalus sanguineus e Dermacentor reticulatus sono i vettori nelle regoni calde e fredde. Anche se larve e ninfe posso agire da vettore (trasmissione transovarica per + generazioni) il ruolo vettoriale principale è dato dalle femmine adulte che trasmettono 2-3 gg dopo l infissione.

18 Sintomi clinici Sintomatologia dipende dal ceppo implicato e dallo stato immunitario del cane. L anemia emolitica rappresenta il quadro principale, ma si possono avere forme iperacute, acute e croniche. Nelle forme iperacute si ha anemia improvvisa con shock ipovolemico, ipossia e, senza terapia, exitus in breve tempo.

19 Nella forma acuta si ha ipertermia,perdita dell appetito, debolezza, ittero anemia e emoglobinuria. Si può osservare anche tachicardia e acidosi. Decesso per insufficienza renale o turbe SNC. Nella forma cronica si ha febbre intermittente, diminuzione dell appetito, ittero e splenomegalia.

20 Quando si ha shock ipovolemico abbinato alla sindrome emolitica (coagulazione intravasale) si hanno forme complicate. I sintomi nervosi (tremori, incoordinazione, nistagmo) sono dati dalla coagulazione intravasale disseminata (CID). La CID è anche all origine dell insufficienza renale e della sintomatologia respiratoria (dispnea, tachipnea).

21 Diagnosi La diagnosi si basa sull anamnesi e sui segni clinici: pallore mucose, ittero, emoglobinuria, spleno-linfoadenomegalia. Striscio colorato (Giemsa) per evidenziare i piroplasmi o PCR. La sierologia è di scarso aiuto nei casi iperacuti/acuti.

22 Trattamento Imidocarb dipropionato 5 mg/kg (IM, SC) da ripetere dopo 15 gg. Se compare vomito, ipersalivazione, astenia atropina. Terapia di sostegno con trasfusione in caso di tachipnea, tachicardia, polso debole o se ematocrito <10-15%. Fleboclisi per ridurre l acidosi e l emoconcentrazione.

23 Profilassi Esiste un vaccino basato su antigeni secreti in coltura dal parassita. Limita la sintomatologia, ma la variabilità dei ceppi ne limita l efficacia. Trattamento con permetrine dei cani con affetto anti-feeding.

24 Babesia bovini Babesia bigemina, B. major (grandi babesie 3x4). B.bovis, B. divergens (piccole babesie 2x1). Boophilus spp è il principale vettore di B. bigemina e B. bovis mentre I. ricinus è vettore di B. divergens. B.bovis è la specie più patogena ematocrito sotto il 20% con meno dell 1% di emazie parassitate.

25 Coagulazione vasale intradisseminata a livello SNC, con atassia, aggressività e depressione. Febbre, anemia, emoglobinemia e emoglobinuria. B.bigemina è meno patogena. B.divergens 0.2%-45% emazie parassitate. Spariscono dopo fase febbrile iniziale. Emoglubinuria dopo 1-2 settimane dall infezione.

26 Stato immune nei vitelli per Ac materni. Infezione attiva risposta immunitaria anche senza segni clinici. Questo funzione in aree endemiche con elevato numero di zecche infette. Se numero di zecche varia instabilità enzootica. Casi clinici spesso legati a stress Trattamento imidocarb (1-3 mg/kg) B.bovis 2 trattamenti.

27 Vaccini Vaccini commercializzati contro B. bigemina. Solo 1% vaccinati segni clinici contro 18% non vaccinati. Vaccini attivi contro le zecche

28 Babesiosi equidi Babesia caballi Babesia equi (Theileria equi)

29 Ciclo vitale VETTORE => Zecche (Dermacentor 3 ospiti, Rhipicephalus, Hyalomma 2 ospiti) OSPITE VERTEBRATO => B. caballi: cavalli, asini, muli => B. equi: cavalli, asini, muli, zebre, cane.

30

31 Ciclo vitale TRASMISSIONE DA STADIO A STADIO (B. caballi, B. equi) - Equino 1 (infetto) => Zecca larva => Zecca ninfa => Equino 2 - Zecca ninfa => Zecca adulto => Equino 3 TRASMISSIONE TRANSOVARICA (solo B. caballi, fino a 11 generazioni, no B. equi,) - Zecca adulto infetta => uovo => Larva infetta => Equino

32 200 merozoiti

33 Ciclo vitale Oltre al vettore la trasmissione da cavallo a cavallo può avvenire: => per via iatrogena (uso di siringa infetta) => da giumenta a feto x via transplacentare (B.equi)

34 Distribuzione geografica Correlata a quella dei vettori (zecche) Nel mondo: Florida, America latina, Africa, Paesi dell Asia meridionale e centrale ed Europa centromeridionale Aree indenni: Australia, USA (eccetto la Florida), Canada, Giappone, Gran-Bretagna, Irlanda

35 Brasile 60% B.equi (77% + in allevamento senza casi clinici) Spagna 40% +B.equi, 28% B.caballi, 20% Miste Israele % (Pascolo % No pascolo %) Mongolia 72.8% B.equi, 40.1% B.caballi, 31% miste Francia 4.3% B.equi

36 Prevalenza in Italia 32,6% dei 2450 sieri giunti all IZS di Teramo (centro di referenza italiano) è risultato infetto: - 29,1% da B. equi (+ +Abruzzo e Puglia) - 1,3% da B. caballi (++ Abruzzo e Toscana) - 2,2% infezioni miste

37

38

39

40

41

42 Prevalenza in Italia Altri dati Italia (1987) : B. equi 4,32%, B.caballi 9%, mista 2,38% (Sardegna (22,7% positivi a B.equi, 5,68% a B. caballi, 2,27% misti) e l Abruzzo (18,07% positivi a B. caballi, 6,16% a B. equi, 9,65% mista) Puglia (1993) su 302 cavalli, ha evidenziato positività in 266 soggetti (88%); 29 soggetti sono stati monitorati clinicamente e solo 2 hanno evidenziato segni clinici. Provincia Torino 90: B.equi 7,9% B.caballi 0%

43 Stagionalità Primavera - estate - autunno (infezioni nuove) Tutto l anno (risveglio di infezioni latenti in seguito a stress, es. viaggi)

44 Patogenesi B. caballi: Penetrazione e moltiplicazione all interno degli eritrociti => eritrolisi => anemia, emoglobinemia, emoglobinuria, ittero, bilirubunuria, piressia (per pirogeni endogeni) B. equi: iniziale fase linfocitaria (3-13 giorno) all interno dei linfociti linfonodali prima di localizzarsi negli eritrociti

45 Sintomatologia clinica forme acute febbre elevata (40-42 C) Anemia (5-80% eritrociti infettati) ittero emoglobinuria (urine scure o arancioni) edemi agli arti tachipnea petecchie emorragiche sulle mucose eventuale aborto nelle fattrici gravide

46

47 Sintomatologia clinica forme subacute febbre anemia transitoria

48 Babesiosi cronica i cavalli restano portatori cronici per molti anni (B.caballi 3-4 anni B.equi life-long)- stato di latenza) le babesie si trovano segregate in alcuni organi (++ milza) le babesie non sono evidenziabili nel sangue periferico (no diagnosi con striscio ematico, no trasmissione dell infezione alle zecche) i soggetti portatori possono essere riconosciuti mediante la ricerca degli anticorpi (esame sierologico) Anche soggetti sieronegativi infettivi per le zecche in seguito a fattori immunodepressori (stress, farmaci) => nuova fase di moltiplicazione => comparsa nel sangue periferico (soggetto infettante) => manifestazioni cliniche

49 in seguito a fattori immunodepressori (stress, farmaci) => nuova fase di moltiplicazione => comparsa nel sangue periferico (soggetto infettante) => manifestazioni cliniche i soggetti portatori possono essere riconosciuti mediante la ricerca degli anticorpi (esame sierologico) Anche soggetti sieronegativi infettivi per le zecche

50 Diagnosi diretta Striscio di sangue indicato solo nelle forme acute (prelievo al momento del picco febbrile = picco parassitemico) meglio prelevare il sangue periferico (punzione della mucosa labiale) colorato con colorazioni tipo Romanowsky, es. Giemsa B. caballi appare come un organismo piriforme (2-5 µm di lunghezza x 1-3 µm di diametro) spesso in coppia (orecchie d asino) all interno degli eritrociti, talvolta ha forma sferica (parassitemia molto bassa) B. equi è più piccolo, di forma arrotondata (diametro 2-3 µm); talvolta appare come una formazione a tetrade chiamata Croce di Malta (forse si tratta di 4 elementi figli ancora uniti) PCR

51

52 Diagnosi indiretta Ricerca degli anticorpi gli anticorpi compaiono dopo 7-11 giorni e hanno un picco dopo giorni dall infezione durante la fase cronica dell infezione il titolo anticorpale diminuisce e persiste a un livello basso finché il soggetto rimane portatore in seguito alle infezioni da B. equi, gli anticorpi persistono più a lungo, rispetto a quelli da B. caballi (fino a qualche mese dopo l eliminazione del parassita => evidenziabili fino a 8 mesi con FdC) nel puledro gli anticorpi di origine materna persistono fino a a 4-5 mesi di età

53 Ricerca degli anticorpi: metodi Fissazione del complemento (FdC): diagnosi ufficiale negli USA e negli altri paesi indenni. Non è molto sensibile (sieri con attività anticomplementare risultano falsamente negativi) Immunofluorescenza indiretta: più sensibile del test FdC ELISA: possono verificarsi reazioni crociate tra B. equi e B. caballi Immunoblotting (Western blot): molto specifico (no reazioni crociate tra le due specie di Babesia)

54 Terapia Farmaci babesicidi => Imidocarb dipropionato Terapia di supporto

55 Imidocarb dipropionato Nome chimico: N,N -bis-(3-imidazolin-2-ilfenil) urea dipropionato Farmaco di sintesi Derivato carbanilidico

56 Imidocarb dipropionato Utilizzo in medicina veterinaria emoprotozoi del genere: Babesia, Hepatozoon, Trypanosoma (e Theileria) rickettsie del genere: Ehrlichia, Anaplasma, Haemobartonella

57 Imidocarb dipropionato Meccanismo d azione interferenza con la produzione e/o utilizzazione delle poliamine da parte del parassita blocco della penetrazione dell inositolo, un metabolita essenziale per lo sviluppo del parassita, negli eritrociti parassitati (cambia ultrastruttura delle forme intraeritrocitarie)

58 Imidocarb dipropionato Farmacocinetica rapido assorbimento dal punto di inoculo concentrazione nel fegato e rene lenta eliminazione dall organismo (plasma, tessuti) è stato riportato che Imidocarb aderisce alla membrana cellulare degli eritrociti

59 Rapporto DL 50/DE 50 di antibabesici nel topo (Efficacia su B. rodhaini) Composto DE 50 DL 50 DL 50/DE 50 (mg/kg) (mg/kg) Imidocarb 0, Amicarbalide 0, Diminazene 7, Chinuronio 0,

60 Immunità nei confronti dell infezione da Babesie L immunità che consegue all infezione da Babesie è parziale e temporanea. Più che di immunità si parla di premunizione: il soggetto portatore è parzialmente protetto da nuove infezioni per la presenza di anticorpi nel sangue (nel contempo in questo soggetto una situazione di stress può provocare immunodepressione con rottura dell equilibrio ospiteparassita, nuova parassitemia e sintomatologia clinica => ricaduta ) Per quanto detto sopra alcuni autori sconsigliano la sterilizzazione dei soggetti che vivono nelle aree endemiche L utilizzo a scopo profilattico/terapeutico di Imidocarb non sembra ostacolare la risposta immunitaria nei confronti della babesiosi

61 Vaccini Vaccini sperimentali provati su asini con lisati antigenici e adiuvanti hanno dato buoni risultati Vaccini attivi contro le zecche

62 Profilassi Lotta ai vettori/serbatoi della malattia (zecche) Difficile da attuare pulizia a livello ambientale, babesiosi segnalata anche in scuderie dove non sono mai state viste zecche sui cavalli.

63 Le zecche sono estremamente resistenti nell ambiente e questo gli permette di sopravvivere a lungo in attesa di trovare un ospite (questing). La grande capacità riproduttiva garantisce popolazionii numerose favorendo così il contatto con l ospite. La lenta assunzione di sangue e lingua garantisce l acquisizione/trasmissione dei patogeni e la dispersione dell ospite porta così anche ad un ampia diffusione dei patogeni..

64 Theileria Colpiscebovini (T.parva, T.annulata) e ovini e caprini (T. hirci). Si trova nelle zone tropicali e sub-tropicali dell Africa, Asia e medio oriente. T.parva (1-2 micron) causa la East Coast Fever che nei bovini non precedentemente esposti ha una mortalità del 100%.

65 Nei linfociti si hanno i macroscizonti 88 micron) con 8 nuclei ed i microschizonti (12 gg) con 36 nuclei che fuoriusciti dai linfociti invadono i globuli rossi. Trasmessa da Rhipicephalus appendicularis. Linfoadenomegalia dopo 1 settimana, febbre, dispnea, perdita appetito, petecchie.

66 La presenza delle zecche presenta un picco dopo la stagione delle piogge. La diagnosi permetet di evidenziare i macroschizonti negli puntati linfonodali o i piroplasmi nel sangue. IFAT per infezioni pregresse. Tetracicline e halofuginone. Acaricidi per zecche.

67 T. annulata è agente della emditerranean theileriosi (Medio Oriente, balcani, penisola iberica) Trasmessa da Hyalomma. Mortalità max 70% e rispetto a T.parva sono presenti ittero ed anemia.

Piroplasmosi nei Cavalli

Piroplasmosi nei Cavalli Piroplasmosi nei Cavalli abruzzesi e marchigiani Contributi pratici Gennaro J. Di Corinto Libero professionista Barbara Bonfini, Giovanni Savini I.Z.S. dell Abruzzo e del Molise Antonio Gatti Università

Dettagli

Distribuzione geografica

Distribuzione geografica Aree di endemia malarica 1 3 milioni di morti all anno Fattori favorenti: clima (piogge-caldo); densità zanzare; mobilità delle popolazioni Distribuzione geografica Aree tropicali e subtropicali: Africa

Dettagli

EHRLICHIOSI MONOCITICA CANINA

EHRLICHIOSI MONOCITICA CANINA EHRLICHIOSI MONOCITICA CANINA Introduzione L ehrlichiosi è una malattia infettiva trasmessa da zecche che colpisce i mammiferi domestici e selvatici, uomo compreso, causata da batteri intracellulari obbligati

Dettagli

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles)

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Silvia Preziuso silvia.preziuso@unicam.it Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Camerino Streptococcus Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Adenite equina (Strangles)

Dettagli

La filariosi e altre malattie causate da parassiti

La filariosi e altre malattie causate da parassiti Centro veterinario alla Ressiga La filariosi e altre malattie causate da parassiti Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Filariosi cardiopolmonare (Dirofilaria immitis) La filariosi cardiopolmonare è

Dettagli

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Virus delle febbri emorragiche 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Hemorrhagic Fever Viruses JAMA, 2002; 287:2391 Family Disease Vector in Nature Geographic Distribution

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti?

Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti? Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti? Gli ascaridi sono i parassiti intestinali più frequenti nel cane e nel gatto, in questo articolo ci si propone come scopo quello di approfondire l argomento

Dettagli

Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo sono P. falciparum, P.

Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo sono P. falciparum, P. Malaria Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Eziologia La malaria è una malattia parassitaria causata da protozoi appartenenti al genere Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo

Dettagli

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV)

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) FSME (Frühsommermeningoenzephalitis) Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) 95 West Nile Virus Foto: CNN Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) DEFINIZIONE La febbre del Nilo

Dettagli

LA LEPTOSPIROSI NEL CAVALLO

LA LEPTOSPIROSI NEL CAVALLO UNIVERSITÀ DI PISA 16 Gennaio 2015 SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN SANITÀ ANIMALE ALLEVAMENTO E PRODUZIONI ZOOTECNICHE Seminario Aggiornamento sulle leptospirosi degli animali LA LEPTOSPIROSI NEL CAVALLO

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte.

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte. Facoltà di Agraria UNIPD Precorso Biologia 2011 Verifica le tue competenze Leggi attentamente il testo e rispondi alle domande che seguono. Le domande sono divise in due sezioni: le domande di competenza

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Plasmodium spp. G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Plasmodium spp. G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara Plasmodium spp G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara Phylum: Apicomplexa Classe: Sporozoea Presenza di un complesso apicale (attività lisosomiale di rhoptries e micronemi) e

Dettagli

WITNESS DIROFILARIA. Dirofilaria immitis.

WITNESS DIROFILARIA. Dirofilaria immitis. WITNESS DIROFILARIA WITNESS DIROFILARIA INFORMAZIONI GENERALI La dirofilariosi cardiaca del cane è una malattia a diffusione mondiale ed è causata da un nematode filariforme denominato Dirofilaria immitis.

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

GLI ASCARIDI. Toxocara canis CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE 30/05/2014. Intestino tenue. Toxocara. Toxocara canis Toxocara cati.

GLI ASCARIDI. Toxocara canis CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE 30/05/2014. Intestino tenue. Toxocara. Toxocara canis Toxocara cati. GLI ASCARIDI CLASSIFICAZIONE PHYLUM NEMATHELMINTHES CLASSE NEMATODA SOTTOCLASSE PHASMIDIA ORDINE ASCARIDIDA SOTTORDINE ASCARIDATA FAMIGLIA ANISAKIDAE GENERE Toxocara SPECIE CLASSIFICAZIONE PHYLUM NEMATHELMINTHES

Dettagli

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasma gondii Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasmosi - Epidemiologia Toxoplasma gondii (Phylum: Apicomplexa, Classe: Sporozoea)

Dettagli

FILARIOSI E LEISHMANIOSI

FILARIOSI E LEISHMANIOSI FILARIOSI E LEISHMANIOSI A cura di: Dr.ssa Emanuela Valena Medico veterinario specializzato in clinica e patologia degli animali da affezione Se ne sente parlare spesso ma molti proprietari di cani ancora

Dettagli

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica Malattia virale che colpisce il bovino causata da un herpesvirus (BHV 1 ), si manifesta con sintomi respiratori (Rinotracheite infettiva

Dettagli

individuazione della causa di una patologia Diagnostica di laboratorio

individuazione della causa di una patologia Diagnostica di laboratorio DIAGNOSI (διαγνωσισ = distinguere) individuazione della causa di una patologia Diagnosi su base clinica e/o anatomo-patologica sospetto o orientamento diagnostico Diagnosi di laboratorio (diagnosi eziologica)

Dettagli

CANI: ATTENZIONE ALLE MALATTIE TRASMESSE DALLE ZECCHE. Fastidiosi parassiti

CANI: ATTENZIONE ALLE MALATTIE TRASMESSE DALLE ZECCHE. Fastidiosi parassiti CANI: ATTENZIONE ALLE MALATTIE TRASMESSE DALLE ZECCHE Fastidiosi parassiti Con l arrivo della bella stagione e il conseguente aumento della temperatura ambientale, le zecche si risvegliano dal sonno invernale

Dettagli

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Michela Beccaglia DVM, PhD, Dipl. ECAR Libera Professionista, Lissone(MB) michela.beccaglia@libero.it 30 Ottobre

Dettagli

ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUIDI SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO

ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUIDI SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO ALLEGATO 2 ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUIDI SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda deve essere compilata in ogni sua parte in maniera chiara e leggibile e deve essere datata e firmata dal veterinario

Dettagli

ANEMIA INFETTIVA DEL CAVALLO

ANEMIA INFETTIVA DEL CAVALLO ANEMIA INFETTIVA DEL CAVALLO Retrovirus RNA virale DNA Virale (integrato nel genoma dell ospite) mrna virale, genoma - trasferimento invertito (retro) dell informazione genetica - solitamente, ben adattati

Dettagli

Analisi delle schede di dimissione ospedaliera per echinococcosi cistica (anni 2001-2007) ASL Sanluri 22-23 Maggio 2009

Analisi delle schede di dimissione ospedaliera per echinococcosi cistica (anni 2001-2007) ASL Sanluri 22-23 Maggio 2009 Analisi delle schede di dimissione ospedaliera per echinococcosi cistica (anni 2001-2007) SDO: scheda di dimissione ospedaliera; Decreto Ministeriale 28/12/1991; rappresentazione sintetica della cartella

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE Ogni anno, con l avvento della bella stagione, arrivano anche i problemi legati alle infestazioni da parte di pulci e zecche. Per qualunque possessore di cani o gatti,

Dettagli

La sierologia si può usare come screening? Non sul singolo animale: Solo 11,8% (12/102) con PCR ed ELISA pos. Solo 3,92% (4/102) con PCR e FDC pos.

La sierologia si può usare come screening? Non sul singolo animale: Solo 11,8% (12/102) con PCR ed ELISA pos. Solo 3,92% (4/102) con PCR e FDC pos. La sierologia si può usare come screening? Non sul singolo animale: Solo 11,8% (12/102) con PCR ed ELISA pos. Solo 3,92% (4/102) con PCR e FDC pos. FDC viene confermata da ELISA FDC è frequentemente associata

Dettagli

Caso Clinico 2. Un caso clinico di FIP essudativa trattata con l interferone omega felino. Storia del caso. Esame fisico. Caso clinico 2 GATTO

Caso Clinico 2. Un caso clinico di FIP essudativa trattata con l interferone omega felino. Storia del caso. Esame fisico. Caso clinico 2 GATTO Caso clinico 2 Takuo Ishida - DVM, PhD., Dip. JCVP. - Direttore Medico dell Ospedale per Animali Akasaka Presidente del Comitato Giapponese dei Veterinari L.P. - Vice Presidente dell Associazione Giapponese

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Terapia Trasfusionale

Terapia Trasfusionale Percorso Didattico S.I.M.U.T.I.V Ordine dei medici veterinari della provincia di Ravenna Ravenna, 15 settembre 2014 Pronto Soccorso Terapia Trasfusionale Dott. Paolo Gaglio Ospedale Veterinario Gregorio

Dettagli

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasma gondii Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasmosi - Epidemiologia Toxoplasma gondii (Phylum: Apicomplexa, Classe: Sporozoea)

Dettagli

Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute

Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute Allegato al Decreto del Ministero della Salute del 3 marzo 2005 Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute Il candidato donatore affetto

Dettagli

Pediculosi del capo (i pidocchi)

Pediculosi del capo (i pidocchi) Pediculosi del capo (i pidocchi) Scarsi sintomi, molta preoccupazione La pediculosi del capillizio è una malattia infettiva dovuta al pidocchio del capo. Si tratta del Pediculus humanus varietà capitis,

Dettagli

Brucellosi. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010

Brucellosi. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010 Brucellosi Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010 BRUCELLOSI MALATTIA INFETTIVA A ESPRESSIONE CLINICA PROTEIFORME. PRIMA FASE SETTICEMICA SECONDA FASE, TARDIVA e INCOSTANTE CON LOCALIZZAZIONI

Dettagli

EZIOLOGIA. Bacillus anthracis - gram positivo. - forma bastoncellare. - immobile. - sporigeno e con presenza di capsula

EZIOLOGIA. Bacillus anthracis - gram positivo. - forma bastoncellare. - immobile. - sporigeno e con presenza di capsula CARBONCHIO EMATICO Malattia infettiva a carattere setticemico che colpisce bovini, ovini e caprini, suini, cavallo e uomo; è caratterizzata da una setticemia acuta ad insorgenza improvvisa e decorso rapidamente

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita HIV e AIDS Che cos è l AIDS L A.I.D.S. o S.I.D.A. è una sindrome da immunodeficienza acquisita. E una malattia del sistema immunitario che ne limita e riduce le funzioni. Le persone colpite sono più suscettibili

Dettagli

LA PARASSITOLOGIA NEL POLICLINICO UMBERTO 1, DAL

LA PARASSITOLOGIA NEL POLICLINICO UMBERTO 1, DAL PARASSITI d ITALIA Una rete al servizio del SSN Animali + Esseri umani = una sola salute ROMA 20-21 ottobre 2011 LA PARASSITOLOGIA NEL POLICLINICO UMBERTO 1, DAL 1974 AD OGGI Prof. Gabriella Cancrini P.A.

Dettagli

La malattia di Aujeszky: aspetti diagnostici

La malattia di Aujeszky: aspetti diagnostici La malattia di Aujeszky: aspetti diagnostici Stefano Nardelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Isola della Scala (VR) 10.05.2011 STORIA (1813) (1902) (1934) prima descrizione USA prurito

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

Borrelia Malattia di Lyme o Borreliosi

Borrelia Malattia di Lyme o Borreliosi Borrelia Malattia di Lyme o Borreliosi Dott.ssa Pistocchini Elena DVM PhD La malattia di Lyme è una malattia infettiva multisistemica causata da una spirocheta (Borrelia burgdorferi) trasmessa dal morso

Dettagli

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1 TOXOPLASMOSI 1 La toxoplasmosi è una malattia data da un protozoo (essere unicellulare) parassita obbligato: il Toxoplasma gondii. Questa malattia è una zoonosi perché può essere trasmessa anche all'uomo.

Dettagli

TOXOPLASMA GONDII 10/03/2014. Phylum Protozoa. Subphylum Apicomplexa. Classe Sporozoasida. Subclasse Coccidia. Ordine Eucoccidida

TOXOPLASMA GONDII 10/03/2014. Phylum Protozoa. Subphylum Apicomplexa. Classe Sporozoasida. Subclasse Coccidia. Ordine Eucoccidida Phylum Protozoa Subphylum Apicomplexa Classe Sporozoasida Subclasse Coccidia Ordine Eucoccidida Famiglia Sarcocystiidae Genere Toxoplasma TOXOPLASMA GONDII cosmopolita Felidi - CICLO COMPLETO (fase asessuata

Dettagli

Situazione epidemiologica

Situazione epidemiologica IN ITALIA NEL 009 N. 4 0 febbraio 00 Situazione epidemiologica I focolai confermati ad oggi sono 6 di cui con sintomi clinici (Tabella e Figura ). I casi clinicamente manifesti negli equidi sono 7 con

Dettagli

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia ZOONOSI EMERGENTI E RIEMERGENTI: tra vecchie conoscenze e nuove realtà Torino, 26 febbraio 2013 L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia Fabio Ostanello Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie

Dettagli

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Eziologia CaHV1 Genoma DNA, lineare, doppia elica, simmetria icosaedrica 162 capsomeri Dimensioni 120-200 nm Colture cellule omologhe, testicolari, macrofagi replica

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Famiglia Campylobacteraceae tre generi: Campylobacter, Arcobacter,

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

Le malattie parassitarie vengono convenzionalmente riconosciute come infestazioni.

Le malattie parassitarie vengono convenzionalmente riconosciute come infestazioni. Le malattie parassitarie vengono convenzionalmente riconosciute come infestazioni. I parassiti possono trovarsi all'interno dell'organismo ( endoparassiti ) o sulla superficie esterna (ectoparassiti).

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI I tumori infantili sono molto diversi dai tumori degli adulti per tipo, per velocità di accrescimento e per prognosi. Nel bambino, in generale, il tumore più frequente è il

Dettagli

Parvovirus in gravidanza

Parvovirus in gravidanza Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi D.A.I. Specialità Medico-Chirurgiche S.O.D. Malattie infettive e Tropicali C.R.R. Malattie Infettive in Gravidanza Parvovirus in gravidanza Beatrice Borchi - EZIOLOGIA

Dettagli

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison)

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) L ipoadrenocorticismo è una malattia endocrina causata dalla ridotta produzione di mineralcorticoidi (aldosterone) e glucocorticoidi (cortisolo) da parte delle

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

LA FILARIOSI DEL CANE E DEL GATTO. Una malattia in costante aumento

LA FILARIOSI DEL CANE E DEL GATTO. Una malattia in costante aumento LA FILARIOSI DEL CANE E DEL GATTO Una malattia in costante aumento La filariosi cardiopolmonare del cane e del gatto è una grave malattia parassitaria trasmessa dalle zanzare, ampiamente conosciuta e diffusa

Dettagli

Le malattie trasmesse da zecche nel cane

Le malattie trasmesse da zecche nel cane Le malattie trasmesse da zecche nel cane L'Ehrlichiosi è una malattia parassitaria trasmessa dalle zecche del cane ( Rhipicephalus sanguineus e Dermacentor variabilis ) e causata da un batterio Gram negativo,

Dettagli

Campylobacter: ancora un patogeno emergente?

Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Ludovico DIPINETO Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali Università degli Studi di Napoli Federico II Campylobacter Batteri appartenenti

Dettagli

West Nile Disease in Italia nel 2012

West Nile Disease in Italia nel 2012 19 luglio n. 3, 2012 West Nile Disease in Italia nel 2012 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Stefano Marangon Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie AGRICOLTURA. Il Ministero ha ridotto l area soggetta a restrizioni per contenere la

Dettagli

Malattie infettive a trasmissione aerea

Malattie infettive a trasmissione aerea Ogni anno, immancabilmente, si ripete un incontro puntuale quanto indesiderato... quello fra l uomo ed i virus influenzali Malattie infettive a trasmissione aerea Ambiente: densità della popolazione occasioni

Dettagli

MALATTIE VIRALI EMERGENTI DEL GATTO. 1. Introduzione

MALATTIE VIRALI EMERGENTI DEL GATTO. 1. Introduzione MALATTIE VIRALI EMERGENTI DEL GATTO 1. Introduzione Negli ultimi anni il gatto ha in Italia raggiunto un traguardo per certi versi impensabile: ha, infatti, superato dal punto di vista numerico il cane,

Dettagli

10 settembre 2012, n. 8

10 settembre 2012, n. 8 10 settembre 2012, n. 8 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla mortalità negli uccelli selvatici

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Arterite Virale Equina (AVE)

Arterite Virale Equina (AVE) Arterite Virale Equina (AVE) Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie Università degli Studi di Camerino 27/04/2009 1 Introduzione Evidenziata alla fine del 19 secolo Denominata: Congiuntivite

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA. GENERE:Cytomegalovirus DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO TERAPIA

NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA. GENERE:Cytomegalovirus DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO TERAPIA Citomegalovirus NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA GENERE:Cytomegalovirus SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA TERAPIA DIMENSIONI: 25-35 MICRON DIAGNOSI SIMMETRIA: ICOSAEDRICA

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

Toxocara canis. Un passeggero clandestino

Toxocara canis. Un passeggero clandestino Dipartimento di Scienze veterinarie Dipartimento di Biologia molecolare, cellulare, animale Dipartimento Servizi alla Persona e alla Comunità Servizio Veterinaria, Igiene, Sicurezza e Qualità Nutrizionale

Dettagli

Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico

Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico Schmallenberg virus: l ennesima emergenza sanitaria per la zootecnia della Sardegna? Nuoro, 20 dicembre 2012 Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico Annalisa Oggiano Dipartimento

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti Bambini e cuccioli Il gatto di casa e la futura mamma Dott.ssa Nadia Gussetti Azienda Ospedaliera Padova ZOONOSI MALATTIE TRASMISSIBILI DALL ANIMALE ALL UOMO PER CONTATTO DIRETTO O PER VIA INDIRETTA Padova,

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Rhabdovirus Rhabdoviridae: Virus della rabbia a) Vesiculovirus - virus della stomatite

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

Fisiopatologia dell emolisi. I GR normalmente sopravvivono 120 giorni

Fisiopatologia dell emolisi. I GR normalmente sopravvivono 120 giorni Fisiopatologia dell emolisi I GR normalmente sopravvivono 120 giorni Fisiopatologia dell emolisi GR senescenti Perdita di H 2 O ed enzimi La membrana si impoverisce di acido sialico, galattosamina e aminoacidi

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

HERPES VIRUS CANINO E INFERTILITA

HERPES VIRUS CANINO E INFERTILITA HERPES VIRUS CANINO E INFERTILITA Le cause di infertilità nel cane possono essere molteplici e spesso l insuccesso, ovvero l infertilità, può essere dovuto a diversi fattori che possono co-esistere. Nel

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali 05-2_rosolia_CG_111109.ppt pag. 1 Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali Età gestazionale (settimane) Tasso di infezione congenita (%) Neonati infetti

Dettagli

Patogenesi e manifestazioni cliniche della rosolia

Patogenesi e manifestazioni cliniche della rosolia Patogenesi e manifestazioni cliniche della rosolia Rosolia (Compendio delle malattie dei bambini G Steiner, Vallardi ed, 1877 pagg 423-4) Si dà il nome di rosolia a quell esantema acuto indipendente, per

Dettagli

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 1. Quando sarà disponibile il vaccino pandemico per il nuovo virus A(H1N1)? Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

MISURA 215 ANNATA 2015/2016

MISURA 215 ANNATA 2015/2016 Prevenzione delle mastiti infettive degli ovini e dei caprini: Immunologia della mammella, antibiotico resistenza e ruolo della profilassi immunizzante MISURA 215 ANNATA 2015/2016 L'ANTIBIOTICO

Dettagli

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

GLUCO CALEA. Per sicurezza e precisione MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET GLUCO CALEA

GLUCO CALEA. Per sicurezza e precisione MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET GLUCO CALEA MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET Per sicurezza e precisione Ci impegniamo per agevolare la vita di pazienti e partner. Tramite idee innovative, consigli e servizi. Werner Trenker,

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Programma di vaccinazione nei cuccioli di cane

Programma di vaccinazione nei cuccioli di cane Programma di vaccinazione nei cuccioli di cane Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM 5/2/2007 Prof. Vincenzo Cuteri 1 Importanza della profilassi immunizzante Durata immunità materna:

Dettagli

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES)

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) Una malattia quasi rara, che richiede tre anni per una risposta: il lupus LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) ROLANDO PORCASI Responsabile Medico Area Immunologia GSK Verona Una malattia quasi rara, che

Dettagli

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 DIFESA DELL ORGANISMO IMMUNITA INNATA IMMUNITA ACQUISITA Immunità innata IMMUNITA ACQUISITA IMMUNITA CELLULO-MEDIATA IMMUNITA UMORALE

Dettagli