Programma Operativo della Regione Lombardia Obiettivo 3 Fondo FSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE"

Transcript

1 Programma Operativo della Regione Lombardia Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi globali del FSE definiti in sede comunitaria Ogni Asse è articolato in Misure che si intendono attuare per il conseguimento degli obiettivi specifici Le Misure proposte all interno di ciascun asse prioritario sono le seguenti: Misura A.1 Misura A.2 Misura A.3 Misura B.1 Misura C.1 Misura C.2 Misura C.3 Misura C.4 Misura D.1 Misura D.2 Misura D.3 Misura D.4 Misura E.1 Organizzazione dei servizi per l impiego Inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro di giovani e adulti nella logica dell approccio preventivo Inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro di uomini e donne fuori dal mercato del lavoro da più di sei o dodici mesi Inserimento lavorativo e reinserimento di gruppi svantaggiati Adeguamento del sistema della formazione professionale e del sistema dell istruzione Prevenzione della dispersione scolastica e formativa Formazione superiore Formazione permanente Sviluppo della formazione continua, della flessibilità del M.d.L. e della competitività delle imprese pubbliche e private con priorità alle PMI Adeguamento delle competenze della pubblica amministrazione Sviluppo e consolidamento dell imprenditorialità con priorità ai nuovi bacini d impiego Miglioramento delle risorse umane nel settore della Ricerca e Sviluppo tecnologico Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro 1

2 Obiettivo Il programma operativo tiene conto dei seguenti obiettivi globali: contribuire all occupabilità dei soggetti in età lavorativa promuovere l integrazione nel mercato del lavoro delle persone esposte al rischio di esclusione sociale sviluppare un offerta di istruzione, formazione professionale e orientamento che consenta lo sviluppo di percorsi di apprendimento per tutto l arco della vita favorendo anche l adeguamento e l integrazione tra i sistemi della formazione, istruzione e lavoro sostenere le politiche di flessibilizzazione del mercato del lavoro, promuovere la competitività e favorire lo sviluppo dell imprenditorialità migliorare l accesso, la partecipazione e la posizione delle donne nel mercato del lavoro migliorare i sistemi di monitoraggio, valutazione e informazione La strategia regionale per l intervento del FSE, nell ambito degli obiettivi globali indicati, tiene conto delle peculiarità del mercato del lavoro regionale e delle priorità che ne conseguono All interno degli assi prioritari le iniziative del FSE si articolano in misure, le quali perseguono in maniera diversificata gli obiettivi specifici individuati dal Piano nazionale per l Obiettivo 3, tenendo sempre in considerazione i seguenti obiettivi trasversali: Società dell informazione Pari opportunità Iniziative locali Gli obiettivi di riferimento degli Assi prioritari sono i seguenti: Asse A Sviluppo e promozione di politiche attive del mercato del lavoro per combattere e prevenire la disoccupazione, evitare a donne e uomini la disoccupazione di lunga durata, agevolare il reinserimento dei disoccupati di lunga durata nel mercato del lavoro e sostenere l inserimento nella vita professionale dei giovani e di coloro, uomini e donne, che si reinseriscono nel mercato del lavoro Asse B Promozione di pari opportunità per tutti nell accesso al mercato del lavoro, con particolare attenzione per le persone che rischiano l esclusione sociale Asse C Promozione e miglioramento della formazione professionale, dell istruzione, dell orientamento nell ambito di una politica di apprendimento nell intero arco della vita al fine di agevolare e migliorare l accesso e l integrazione nel mercato del lavoro, migliorare e sostenere l occupabilità, promuovere la mobilità professionale Asse D Promozione di una forza lavoro competente, qualificata e adattabile, dell innovazione e dell adattabilità nell organizzazione del lavoro, dello sviluppo dello spirito imprenditoriale, di condizioni che agevolino la creazione di posti di lavoro nonché della qualificazione e del rafforzamento del potenziale umano nella ricerca, nelle scienza e nella tecnologia Asse E - Misure specifiche intese a migliorare l accesso e la partecipazione delle donne al mercato del lavoro, compreso lo sviluppo delle carriere e l accesso a nuove opportunità di lavoro e all attivit imprenditoriale, e a ridurre la segregazione verticale e orizzontale fondata sul sesso nel mercato del lavoro 2

3 Misura A.1 Organizzazione dei servizi per l impiego Asse prioritario A La finalità della Misura è quindi quella di sostenere il decollo e lo sviluppo dei servizi per l impiego secondo le caratteristiche definite negli strumenti legislativi e programmatori della Regione, attraverso azioni che consentano al nuovo sistema dell impiego di perseguire le finalità ad essi assegnate nell ambito delle politiche europee: promuovere l accesso alle offerte di lavoro; garantire la gestione personalizzata e sistematica di tutti i disoccupati in cerca di lavoro; valorizzare le sinergie tra i servizi per l impiego ed altri soggetti che operano sul mercato del lavoro; utilizzare i servizi per l impiego per agevolare la mobilità internazionale del lavoro Prevenzione della disoccupazione di giovani e adulti Sostegno all organizzazione dei servizi all impiego, al loro consolidamento e sviluppo e all erogazione dei servizi Sviluppo reti (sistemi informativi, tecnologie, procedure di connessione) azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE ) Aquisizione di figure professionali non presenti negli organici e Agenzia regionale per il lavoro Servizi per l impiego e loro operatori Agenzia regionale per il lavoro 3

4 Misura A.2 Inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro di giovani e adulti nella logica dell approccio preventivo Asse prioritario A La misura è finalizzata al sostegno dell occupazione giovanile attraverso interventi di promozione di tirocini formativi e di inserimento lavorativo, di orientamento professionale e l assegnazione di borse lavoro, nonché la concessione alle imprese di agevolazioni finalizzate all'assunzione di giovani Prevenzione della disoccupazione di giovani e adulti Azioni di formazione Sostegno alla partecipazione alle azioni previste nella Misura Azioni di orientamento, counselling e accompagnamento alla formazione Azioni di orientamento e accompagnamento al lavoro Aiuti all occupazione per agevolare l acquisizione di personale Strumenti volti a favorire l integrazione tra i percorsi formativi e il mondo del lavoro, quali ad esempio le work experience Apprendistato Sostegno alla mobilità geografica azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE ) e Agenzia regionale per il lavoro Disoccupati in senso stretto (persone che hanno perso un precedente posto di lavoro) o persone alla ricerca di prima occupazione Persone in CIG straordinaria e in mobilità che sono da considerare assimilabili ai disoccupati e quindi concorrono all implementazione dell approccio preventivo Persone inserite in contratto di apprendistato o altro contratto a causa mista Persone in condizione professionale attuale inattiva (casalinghe, studenti, militari di leva, altri inattivi), nella misura in cui tali persone passano attraverso la condizione di disoccupazione attraverso l iscrizione alla liste di disoccupazione come requisito per l accesso a politiche attive del lavoro 4

5 Misura A.3 Inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro di uomini e donne fuori dal mercato del lavoro da più di sei o dodici mesi Asse prioritario A La finalità della misura è quella di adottare misure di politica attiva per i disoccupati di lunga durata - ossia per i giovani dopo 6 mesi e per gli adulti dopo 12 mesi di disoccupazione - volte a recuperare condizioni di occupabilità e a promuovere il loro reinserimento lavorativo anche attraverso la creazione di nuovi sbocchi occupazionali Inserimento e reinserimento dei disoccupati di lunga durata Azioni di formazione Sostegno alla partecipazione alle azioni previste nella Misura Azioni di orientamento, counselling e accompagnamento alla formazione Azioni di orientamento e accompagnamento al lavoro Aiuti all occupazione per agevolare l acquisizione di personale Strumenti volti a favorire l integrazione tra i percorsi formativi e il mondo del lavoro, quali ad esempio le work experience Apprendistato Sostegno alla mobilità geografica azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE ) e Agenzia regionale per il lavoro Giovani e adulti disoccupati di lunga durata (rispettivamente oltre i sei e i dodici mesi) Apprendisti inseriti nell istituto dell apprendistato dopo un periodo di disoccupazione superiore ai sei mesi Lavoratori in mobilità e LSU Individui in età lavorativa fuori uscita dal mercato del lavoro (o che non vi sono mai entrati) 5

6 Misura B.1 Inserimento lavorativo e reinserimento di gruppi svantaggiati Asse prioritario B La finalità della Misura è quella di aumentare il grado di occupabilità delle categorie svantaggiate, garantendone l accesso alle politiche generali di inserimento e reinserimento lavorativo proposte dal programma operativo, superando la logica dei percorsi separati e puntando anche in questi casi tramite azioni mainstreaming Favorire il primo inserimento lavorativo o il reinserimento di soggetti a rischio di esclusione sociale Azioni di formazione Sostegno alla partecipazione alle azioni previste nella Misura Azioni di orientamento, counselling e accompagnamento alla formazione, e accompagnamento al lavoro Aiuti all occupazione per agevolare l acquisizione di personale azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE ) Sperimentazione e promozione di nuove forme di lavoro anche basate sulle nuove tecnologie Sostegno alle imprese (adattamento delle tecnologie, nuove modalità di lavoro, supporto logistico) per favorire l inserimento lavorativo dei gruppi svantaggiati Sostegno alle famiglie per favorire, in particolare, l integrazione e l inserimento lavorativo dei portatori di handicap, anche attraverso contributi per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati e Agenzia regionale per il lavoro, Amministrazioni provinciali Persone portatrici di handicap fisici e mentali; Detenuti ed ex detenuti; Cittadini extracomunitari; Nomadi; Tossicodipendenti e ex tossicodipendenti; Sieropositivi; Persone appartenenti a minoranze etniche; Alcolisti ed ex alcolisti; Persone coinvolte dal fenomeno delle nuove povertà; Persone che intendono uscire dal circuito della prostituzione; Persone che operano nei servizi sociali, nelle associazioni di volontariato e nelle cooperative sociali; Operatori nell area dei gruppi svantaggiati; Formatori, operatori scolastici; Parti sociali, sistema delle imprese, famiglie; Associazioni e imprese no-profit 6

7 Misura C.1 Adeguamento del sistema della formazione professionale e del sistema dell istruzione Asse prioritario C La finalità della misura è quella di dare attuazione alle norme di riforma del sistema della formazione professionale, generalizzando le sperimentazioni già avviate e dando applicazione ai modelli e agli standard che verranno definiti a livello nazionale e regionale Adeguare il sistema della formazione professionale e dell istruzione Formazione dei formatori Accreditamento delle strutture formative e certificazione delle competenze professionali azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE) e Agenzia regionale per il lavoro, Amministrazioni provinciali Enti di formazione, operatori del sistema della formazione Istituti scolastici 7

8 Misura C.2 Prevenzione della dispersione scolastica e formativa Asse prioritario C La finalità della misura è di assicurare a tutti i giovani fino a 18 anni il completamento del proprio percorso di professionalizzazione, agendo sui drop out e sui giovani a rischio di dispersione. Il risultato finale delle azioni previste dovrà essere il rientro nel sistema scolastico, per il conseguimento del titolo di studio, oppure il rientro o la permanenza nel sistema della formazione professionale o nell'apprendistato, per il conseguimento della qualifica Adeguare il sistema della formazione professionale e dell istruzione Azioni di formazione Sostegno alla partecipazione alle azioni previste nella Misura Iniziative innovative di diritto allo studio e alla formazione Azioni di orientamento, counselling e accompagnamento alla formazione azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE () e Agenzia regionale per il lavoro Giovani a rischio di dispersione scolastica e loro famiglie Giovani a rischio di abbandono precoce del percorso educativo (early school leavers) e giovani che non hanno adempiuto l obbligo formativo e loro famiglie Operatori del settore Associazioni familiari e del privato sociale 8

9 Misura C.3 Formazione superiore Asse prioritario C La finalità della misura è quello di ampliare e diversificare l offerta formativa post-secondaria, all interno di modelli di programmazione integrata con il territorio - ed in particolare con il sistema delle imprese - promuovendo in tal modo la generalizzazione di progetti che aumentino il grado di spendibilità della qualifica conseguita sul mercato del lavoro settoriale e territoriale Promuovere un offerta adeguata di formazione superiore Azioni di formazione Sostegno alla partecipazione alle azioni previste nella Misura Azioni di orientamento, counselling e accompagnamento alla formazione Azioni di orientamento e accompagnamento al lavoro Strumenti volti a favorire l integrazione tra i percorsi formativi e il mondo del lavoro, quali ad esempio le work experience Rafforzamento dei dispositivi di formazione in alternanza Utilizzo di nuove tecnologie didattiche azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE() e Agenzia regionale per il lavoro Occupati e disoccupati, giovani e adulti e inoccupati Operatori del settore 9

10 Misura C.4 Formazione permanente Asse prioritario C La finalità della misura è quella di pervenire progressivamente a modelli sistematici di integrazione tra i diversi segmenti del sistema e quindi di ricondurre ad unitarietà i percorsi attivati nell ambito dell istruzione scolastica, della formazione professionale, delle esperienze di lavoro a contenuto formativo Promuovere la formazione permanente Azioni di formazione Sostegno alla partecipazione alle azioni previste nella Misura Azioni di orientamento, counselling e accompagnamento alla formazione Azioni di orientamento e accompagnamento al lavoro azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE() e Agenzia regionale per il lavoro Popolazione in età attiva 10

11 Misura D.1 Sviluppo della formazione continua, della flessibilità del mondo del lavoro e della competitività delle imprese pubbliche e private con priorità alle PMI Asse prioritario D La misura è finalizzata al sostegno alla rimodulazione degli orari di lavoro e alla flessibilizzazione del mercato del lavoro e al sostegno alla formazione continua, specialmente per le PMI Sostenere le politiche di rimodulazione degli orari e di flessibilizzazione del mondo del lavoro, e sviluppare la formazione continua con priorità alle PMI e alla PA Azioni di formazione continua Sostegno alla partecipazione alle azioni previste nella Misura Azioni rivolte alle persone per l accompagnamento nelle riorganizzazioni aziendali azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE() Percorsi di accompagnamento alle riorganizzazioni di impresa e Agenzia regionale per il lavoro Occupati, in particolare di PMI, giovani e adulti, anche con contratti flessibili e atipici Lavoratori in CIG ordinaria Operatori del sistema Imprese, prevalentemente PMI Titolari di piccole e medie imprese e di Associazioni e imprese no profit (compresi i socilavoratori) 11

12 Misura D.2 Adeguamento delle competenze della Pubblica Amministrazione Asse prioritario D La finalità della misura è quella di accompagnare i processi di innovazione nel settore pubblico derivanti dalla riorganizzazioni delle funzioni amministrative, con programmi di valorizzazione delle risorse umane coinvolte nella programmazione e gestione delle nuove missioni a livello regionale e locale Sostenere le politiche di rimodulazione degli orari e di flessibilizzazione del mondo del lavoro, e sviluppare la formazione continua con priorità alle PMI e alla PA Azioni di formazione continua Sostegno alla partecipazione alle azioni previste nella Misura Azioni rivolte alle persone per l accompagnamento nelle riorganizzazioni aziendali azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE() Percorsi di accompagnamento alle riorganizzazioni di impresa e Agenzia regionale per il lavoro Dipendenti della Pubblica Amministrazione e Parti sociali 12

13 Misura D.3 Sviluppo e consolidamento dell imprenditorialità, con priorità ai nuovi bacini di impiego Asse prioritario D La finalità della misura è quella di promuovere e attivare interventi finalizzati alla creazione di nuove opportunità di lavoro, attraverso un insieme di attività e servizi, anche integrati tra loro, di formazione, supporto, consulenza e tutoraggio per la creazione d impresa e per l autoimprenditorialità Sostenere l imprenditorialità in particolare nei nuovi bacini d impiego Aiuti e incentivi alla creazione di impresa, alla autoimprenditorialità e al lavoro autonomo Azioni volte a favorire il ricambio generazionale Azioni di formazione azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE() Percorsi di accompagnamento alle riorganizzazioni di impresa e Agenzia regionale per il lavoro Occupati, in particolare di PMI, e disoccupati giovani e adulti Imprese, in prevalenza PMI 13

14 Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore della Ricerca e Sviluppo tecnologico Asse prioritario D La finalità della misura è quella di promuovere lo sviluppo occupazionale nell area della ricerca, operando con iniziative di sostegno finalizzate a rafforzare le risorse umane nel settore e le attività di ricerca dei centri istituzionali e delle imprese, in linea con gli orientamenti espressi dal Programma per Governare la Lombardia dal 2000 al 2005 per gli anni Sviluppare il potenziale umano nei settori della ricerca e dello sviluppo tecnologico Borse di studi e assegni di ricerca Sostegno alla mobilità geografica e al collocamento temporaneo di ricercatori presso le imprese Aiuti all occupazione Formazione nel settore della ricerca Interventi rivolti alle imprese in appoggio a progetti di spin-off azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE() e Agenzia regionale per il lavoro Occupati e disoccupati giovani e adulti Sistema delle imprese, in particolare PMI Università e Centri di ricerca 14

15 Misura E.1 Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro Asse prioritario E La Misura ha come obiettivo la realizzazione di azioni positive finalizzate ad agevolare l ingresso o il reinserimento delle donne nel mercato del lavoro, intervenendo sia su percorsi mirati di accesso al lavoro rivelatisi efficaci, sia sulle condizioni di contesto che possono facilitare la partecipazione delle donne alle politiche attive del lavoro, e la conciliazione dei tempi di lavoro e di vita Accrescere la partecipazione e rafforzare la posizione delle donne nel mercato del lavoro Azioni di formazione Azioni di orientamento, counseling e accompagnamento alla formazione Azioni di orientamento e accompagnamento al lavoro Sostegno alla partecipazione alle azioni previste nella misura Sostegno alla creazione di impresa Sperimentazione e promozione di nuove forme di lavoro anche basate sulle nuove tecnologie Formazione e inserimento di una figura professionale di animatore delle pari opportunità all interno della Amministrazione regionale Azioni di supporto alla gestione familiare (nidi famiglia ) Ricerche e studi sull esito del mainstreaming azioni, nel rispetto di quanto previsto dalla fiche N. 11 del Reg.CE ) e Agenzia regionale per il lavoro Occupate e disoccupate giovani e adulte Sistema delle imprese Parti sociali 15

16 Intensità di aiuto L intensità massima di aiuto ottenibile è disposta nel rispetto della Disciplina degli aiuti di Stato destinati alla formazione Si fa riferimento al Regolamento n. 68/2001 del 12 gennaio 2001 relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti destinati alla formazione Si fa riferimento al Regolamento n. 69/2001 del 12 gennaio 2001 relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti d'importanza minore («de minimis») L'entità dell'aiuto concesso si determina attraverso un calcolo che dovrà tener conto del parametro stabilito sulle singole voci di spesa ammesse Si farà riferimento ai Regolamenti n. 1784/1999 del 12 luglio 1999 e n. 1685/2000 del 28 Luglio 2000, nonché alle disposizioni che verranno adottate a livello nazionale e regionale Massimali di aiuto ottenibili Formazione specifica Formazione generale Misura massima di aiuto ottenibile Grandi Imprese 25 % 50 % Piccole e medie imprese 35 % 70 % Maggiorazioni previste rispetto alla misura massima Aree art a Ob % + 10 % Aree art c) + 5 % + 5 % Categoria lavoratori svantaggiati + 10% + 10% Modalità e termini per la presentazione dei progetti L attuazione delle misure previste dal P.O.R. è operata dall Amministrazione Responsabile L Amministrazione Responsabile emana il bando che dispone le modalità, i criteri di ammissione e definisce i termini di presentazione dei progetti 16

La programmazione Regionale 2014-2020

La programmazione Regionale 2014-2020 La programmazione Regionale 2014-2020 Paolo Baldi Coordinatore dell Area Formazione, Orientamento e Lavoro Regione Toscana PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 Investimenti a favore della crescita, dell occupazione

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008

Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008 Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008 La Priorità Donna nel PO FSE Abruzzo 2007/2013 e nel Piano 2007/08: il tema della Conciliazione Presentazione a cura di Antonio

Dettagli

POR FSE Ob. 3 2000-2006 Regione Piemonte. Riprogrammazione POR/CdP

POR FSE Ob. 3 2000-2006 Regione Piemonte. Riprogrammazione POR/CdP POR FSE Ob. 3 2000-2006 Regione Piemonte Riprogrammazione POR/CdP Indice I documenti programmatici La riprogrammazione: proposte e scelte della Regione CdP: Assi, Misure, Linee d intervento, azioni Il

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

1. Quadro generale delle strategie implementate e degli investimenti finanziari

1. Quadro generale delle strategie implementate e degli investimenti finanziari CAPITOLO I QUADRO GENERALE 1. Quadro generale delle strategie implementate e degli investimenti finanziari 1.1. Aspetti generali L'attuazione delle strategie di lifelong learning tende ad assumere in Italia

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014 Maggio 2014 La strategia è rivolta a: prevenire e contrastare la dispersione scolastica e formativa; rafforzare le competenze dei giovani a vantaggio dell occupabilità; favorire le occasioni di efficace

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT DICEMBRE 2011 LIVELLO NAZIONALE

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT DICEMBRE 2011 LIVELLO NAZIONALE NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT DICEMBRE 2011 LIVELLO NAZIONALE BENEFICIARI DESCRIZIONE SINTETICA DEL BANDO TERMINI DI PRESENTAZIONE Enti locali; Fondazioni; ONG; ONLUS; Cooperative;

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze.

Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze. Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze. (Trentino-Alto Adige, Provincia autonoma di Trento, BUR 2 luglio 2013, n.

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

Integrazione tra scuola, formazione professionale, lavoro. Il nuovo Fondo Sociale Europeo della Regione Piemonte

Integrazione tra scuola, formazione professionale, lavoro. Il nuovo Fondo Sociale Europeo della Regione Piemonte Integrazione tra scuola, formazione professionale, lavoro. Il nuovo Fondo Sociale Europeo della Regione Piemonte Generalità del Fondo Sociale Europeo Il Fondo Sociale Europeo è lo strumento finanziario

Dettagli

Realizzate 3.305 assunzioni. Avviati 3.860 dispositivi

Realizzate 3.305 assunzioni. Avviati 3.860 dispositivi Regione Campania e Italia Lavoro Politiche del Lavoro integrate a favore di cittadini e imprese Napoli, gennaio 2012 1 1 In 18 mesi di attività Realizzate 3.305 assunzioni Avviati 3.860 dispositivi PROGRAMMA

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE VENETO IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE VENETO IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE VENETO IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA

FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA Costruiamo opportunità FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA Da oltre cinquant anni aiutiamo a cogliere le occasioni migliori LA FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA Siamo presenti in Lombardia dal 1951 come struttura coordinata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PIEMONTE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PIEMONTE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PIEMONTE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA Governance Regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro Linea 2. Network degli operatori del mercato del lavoro Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA

SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA Evoluzione nelle professionalità e nei sistemi di erogazione dei servizi Carlos Corvino Servizio Osservatorio Mercato del lavoro del FVG, Monitoraggio

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA Il giorno 31 Marzo 2015 presso la sede dell Assessorato Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali della Regione Calabria sito a Catanzaro in Viale Lucrezia della Valle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 REGIONE PUGLIA Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 Approvato con Deliberazione n. 2282 del 29 dicembre 2007 pubblicata nel Bollettino Ufficiale n. 19 del 1 Febbraio

Dettagli

SUPPORTO TECNICO-ORGANIZZATIVO ALLE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI DEL PO BASILICATA FSE 2007-2013. La Garanzia per i Giovani Potenza, 21 febbraio 2014

SUPPORTO TECNICO-ORGANIZZATIVO ALLE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI DEL PO BASILICATA FSE 2007-2013. La Garanzia per i Giovani Potenza, 21 febbraio 2014 SUPPORTO TECNICO-ORGANIZZATIVO ALLE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI DEL PO BASILICATA FSE 2007-2013 La Garanzia per i Giovani Potenza, 21 febbraio 2014 Schema GG europeo 1/3 Raccomandazione europea Garanzia

Dettagli

Il NUOVO POR FSE 2014-2020

Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Santo Romano INDICE 1. Nuova Programmazione le principali novità 2. Ripartizione Risorse 2014-2020 3. Calendario bandi triennio 2015-2017

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Il Piano straordinario per il Lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani è parte integrante di una strategia di ampio respiro di rilancio e

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi III Agorà Regionale FQTS Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi Anna Chiara Giorio - Ricercatrice Isfol - Welfare e Politiche Attive del Lavoro venerdì 6 dicembre 2013 Palermo

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

ACCORDO. Tra MIUR. la Regione Sardegna. per. La realizzazione di interventi finalizzati all integrazione e al potenziamento dell offerta di istruzione

ACCORDO. Tra MIUR. la Regione Sardegna. per. La realizzazione di interventi finalizzati all integrazione e al potenziamento dell offerta di istruzione ACCORDO Tra MIUR e la Regione Sardegna per La realizzazione di interventi finalizzati all integrazione e al potenziamento dell offerta di istruzione PREMESSO - che nella Regione Sardegna l insuccesso scolastico

Dettagli

Obiettivo tematico 8 Occupazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni

Obiettivo tematico 8 Occupazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Obiettivo tematico 8 Occupazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Aumentare l occupazione giovanile e favorire la transazione dei giovani nel MDL, con particolare attenzione ai NEET Aumentare

Dettagli

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Lunedì 26 gennaio Incubatore d impresa Herion Venezia Santo Romano Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Programmazione

Dettagli

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P.

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. E. N. D. O. F.A. P. ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. L ENDO-FAP (Ente Nazionale Don Orione Formazione Aggiornamento Professionale)

Dettagli

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 1 L interesse europeo Negli ultimi anni, l interesse della Commissione europea per l inclusione sociale è cresciuto

Dettagli

ASSE IV CAPITALE UMANO

ASSE IV CAPITALE UMANO ASSE IV CAPITALE UMANO 1.PERCORSI FORMATIVI E SERVIZI SUCCESSIVI AL CONSEGUIMENTO DELL OBBLIGO Attività SCOLASTICO FINO A 16 ANNI, RIVOLTI ALL ACQUISIZIONE DI UNA QUALIFICA 2. PERCORSI FORMATIVI ANCHE

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Insieme di interventi di carattere pubblico finalizzati alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. COSA SONO Politiche

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO

ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO Azioni preventive e curative della disoccupazione di lunga durata nelle aree territoriali della provincia di Torino ad esclusione del Comune di Torino,

Dettagli

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 Campania al Lavoro, un piano di azione per favorire l, occupazione Qualità e innovazione per l occupazione.

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro...

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020 Allegato 1 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... 2 2.1 Destinatari... 2 2.2 Fasce d aiuto... 2 2.3 Soggetti

Dettagli

Progetti di azione positiva

Progetti di azione positiva Programma obiettivo 2012 del Comitato Nazionale di Parità per l incremento e la qualificazione dell occupazione femminile, per la creazione, lo sviluppo e il consolidamento di imprese femminili, per la

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE RISORSE PON RIPARTIZIONE RISORSE PER ASSE DI INTERVENTO Asse Risorse Asse Occupazione 1.838.398.081,00 Asse

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Avviso Pubblico GARANZIA GIOVANI AVVISO PER IL REINSERIMENTO IN PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione, Società Consortile a Responsabilità Limitata senza scopo di lucro, è nata nel 1992 come

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

Corso gratuito di italiano per cittadini extracomunitari

Corso gratuito di italiano per cittadini extracomunitari Lo IAL MARCHE S.R.L. in collaborazione con la CISL promuove un corso di formazione - della durata di 50 ore con sede a Civitanova Marche. Il corso è finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO

Dettagli

Programma Operativo Regionale (POR FSE) 2014-2020. Cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE)

Programma Operativo Regionale (POR FSE) 2014-2020. Cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE) Fondo sociale europeo Programma Operativo Regionale (POR FSE) 2014-2020 Cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE) Adottato dalla Commissione Europea con Decisione C(2014) 10098 del 17 dicembre 2014

Dettagli

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università "Verso una scuola che educa alla scelta, il ruolo del servizio di placement scolastico": Dalle riforme il nuovo ruolo della scuola Le

Dettagli

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014.

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014. Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014. Oggetto: Approvazione del protocollo di intenti da sottoscrivere con il sig. Luca Persiani in caso di aggiudicazione del finanziamento

Dettagli

Expo 2015 e imprenditoria giovanile. (30 ottobre 2013)

Expo 2015 e imprenditoria giovanile. (30 ottobre 2013) Expo 2015 e imprenditoria giovanile (30 ottobre 2013) Novità rilevanti in materia di lavoro Il Parlamento ha convertito in legge (Legge 99/2013) il D.L. 76 del 28 giugno 2013 che apporta importanti modifiche

Dettagli

Settore Istruzione, Educazione Formazione

Settore Istruzione, Educazione Formazione Documento Programmatico Previsionale 2014 Settore Istruzione, Educazione Formazione PROGETTI FORMATIVI - LINEA C) L A L I N E A D I I N T E R V E N T O La Fondazione intende agire in risposta al problema

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 Con la Raccomandazione del 22 aprile 2013 il Consiglio dell Unione Europea ha richiesto agli Stati una riforma strutturale del mercato

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18

Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18 Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18 Sistema educativo regionale di istruzione, formazione e orientamento Bollettino Ufficiale della Regione Liguria del 20 maggio 2009 n. 8 Il Consiglio Regionale

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDO SOCIALE EUROPEO 2014/2020 CONCERTAZIONE CON IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE, ECONOMICO - SOCIALE, DI SETTORE

PROGRAMMAZIONE FONDO SOCIALE EUROPEO 2014/2020 CONCERTAZIONE CON IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE, ECONOMICO - SOCIALE, DI SETTORE PROGRAMMAZIONE FONDO SOCIALE EUROPEO 2014/2020 CONCERTAZIONE CON IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE, ECONOMICO - SOCIALE, DI SETTORE INDICAZIONE DI PRIORITA RELATIVAMENTE AD PROPOSTE DAL PARTENARIATO Direzione

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

POR FSE 2007-2013. L alta formazione finanziata dal POR FSE Sardegna 2007-2013

POR FSE 2007-2013. L alta formazione finanziata dal POR FSE Sardegna 2007-2013 POR FSE 2007-2013 L alta formazione finanziata dal POR FSE Sardegna 2007-2013 Cagliari, 14 Novembre 2013 Lo sviluppo del capitale umano nel PO Con gli interventi finanziati dal POR assi IV e V - la Regione

Dettagli

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Provincia di Bergamo I servizi dei centri per l Impiego Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Lavoro e Politiche Le Politiche del Lavoro: Mirano a Interventi per regolare le modalità

Dettagli

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO IL PROGRAMMA La GARANZIA GIOVANI è un PROGRAMMA EUROPEO per il contrasto al fenomeno della disoccupazione giovanile IL CONTESTO LA RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Politiche sociali del lavoro

Politiche sociali del lavoro Politiche sociali del lavoro L elevato livello di disoccupazione costituisce uno dei più gravi problemi socioeconomici non solo in Sardegna ma per quasi tutti gli Stati membri dell UE. Il tasso di occupazione

Dettagli