SOCIETÀ La Società è stata costituita il 26 luglio 2001 ed è controllata al 100 % da Eni S.p.A. attraverso la divisione Gas & Power.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOCIETÀ La Società è stata costituita il 26 luglio 2001 ed è controllata al 100 % da Eni S.p.A. attraverso la divisione Gas & Power."

Transcript

1 SALUTE SICUREZZA AMBIENTE E SECURITY RAPPORTO 28

2 SOCIETÀ La Società è stata costituita il 26 luglio 21 ed è controllata al 1 % da Eni S.p.A. attraverso la divisione Gas & Power. Sulla base di tale legame societario, LNG Shipping ha fatto proprie tutte le linee guida di Eni in materia di gestione Approvvigionamenti, Qualità e HSES.

3 Messaggio del Presidente Vision e strategia Salute Sicurezza Ambiente e Security Vision La sfida della Sostenibilità La politica di Salute, Sicurezza, Ambiente e Security di LNG Shipping 7 LNG Shipping La flotta Il GNL Tecnologia e sistema di contenimento Sistema di Certificazione Nave Contratti di Ship Management Attività commerciale Manutenzione Vetting Le risorse umane Il personale di sede Il personale di bordo Organizzazione di bordo Qualità e standard di vita a bordo Formazione e certificazione del personale di bordo Gestione HSES Sistema di gestione Obiettivi e risultati Politica del Manager Salute Sicurezza Ambiente I principali stakeholders Nota metodologica Normativa di riferimento Elenco acronimi utilizzati Lettera del verificatore Allegati Security Gestione delle emergenze I consumi energetici e le emissioni in atmosfera Gestione dei rifiuti I prelievi, gli scarichi idrici e i prodotti chimici

4 Messaggio del Presidente LNG Shipping presenta per il quinto anno consecutivo il proprio Rapporto HSES per informare tutte le parti direttamente coinvolte, note come stakeholders, nonché il pubblico in generale, di quanto intrapreso dalla Società nell anno intercorso sui temi della Salute (Health), Sicurezza (Safety), Ambiente (Environment) e Security legati all attività del trasporto marittimo di Gas Naturale Liquefatto (GNL). Il trasporto via nave di GNL costituisce una valida risposta alla necessità strategica di diversificare le fonti di approvvigionamento del gas naturale, consentendo la fornitura da luoghi di produzione molto lontani e tra loro differenziati. LNG Shipping, società controllata da Eni, possiede una flotta di quattro navi metaniere che sono noleggiate ad Eni Divisione G&P e ad altri operatori del settore, per il trasporto del GNL ai terminali di stoccaggio e rigassificazione. In particolare, nel 28 tre unità navali sono state noleggiate a Eni Divisione Gas & Power e una a GdF Suez. Durante l anno in totale sono stati effettuati 1 viaggi, per una quantità trasportata complessiva di circa 5,4 milioni di m di GNL che, rigassificati negli appositi impianti di terra, hanno fornito circa 2,4 miliardi di m di gas naturale. Il 28 è stato anche il quinto anno completo di management tecnico delle navi e gestione delle risorse umane affidato all operatore esterno Carbofin Energia Trasporti s.p.a. che agisce, in qualità di Manager, in nome e per conto di LNG Shipping. sviluppo delle tematiche HSES costituisce una parte integrante e fondamentale della politica aziendale. Tra i temi seguiti con maggior attenzione dalla società si individuano la sicurezza nello svolgimento delle attività lavorative ed il benessere nella vita a bordo. Il Manager ha condiviso questa politica ed ha coniugato gli aspetti tecnici e commerciali con quelli strategici e gestionali nel campo della Salute, Sicurezza, Ambiente e Security. Allo scopo di migliorare e standardizzare ulteriormente l approccio gestionale alle tematiche di Sicurezza e Ambiente rispetto ai protocolli internazionali riconosciuti, il Manager, nel 28, ha attuato una serie di attività operative tali da permettere il raggiungimento delle Certificazioni ISO 141, OHSAS 181 e ISO 9 nel corso del 29. Il nostro approccio è da sempre conoscere per migliorare : solo sulla base di un accurata analisi della tipologia e dell entità degli avvenimenti occorsi e delle esperienze maturate è possibile identificare margini e azioni di miglioramento finalizzate al continuo progresso degli standard di sicurezza per il proprio personale, per i clienti, per l ambiente e per la più corretta gestione dei mezzi. Il Presidente Carlo Eligio Gramola L attenzione e l impegno che LNG Shipping pone nello 4

5 Vision e strategia di Salute, Sicurezza Ambiente e Security Vision La sostenibilità è il risultato dell equilibrio tra aspettative di crescita del valore d impresa, tutela dell ambiente e istanze sociali. Un approccio alla sostenibilità basato su tutti i possibili strumenti di risposta sistemi di gestione rigorosi, progetti strategici mirati, ricerca ed innovazione, dialogo con gli stakeholders è il sentiero obbligato per mantenere posizioni di leadership nel settore energetico. Per raggiungere questo equilibrio, complesso e dinamico, i principi guida seguiti da Eni sono: la crescita del valore dell impresa nel rigoroso rispetto del Codice Etico e delle regole di governance. la preservazione delle matrici ambientali aria, acqua, suolo da impatti potenzialmente irreversibili, superiori al limite di tolleranza delle matrici stesse. il principio precauzionale. l equità intergenerazionale. l uso razionale delle risorse naturali esauribili. la rendicontazione e comunicazione delle performance ambientali agli stakeholders. La sfida della Sostenibilità Equilibrio tra istanze sociali, ambientali ed economiche tra loro interdipendenti. Eni si impegna a fornire una visione integrata del proprio progetto industriale agli stakeholders, quale che sia il suo punto di vista preferenziale. Il dialogo e il confronto sono il presupposto per percorrere il sentiero della sostenibilità. Attraverso un attenta analisi delle problematiche HSES, Eni ha individuato e continua ad approfondire l agenda di sostenibilità nei propri settori operativi. 5

6 La politica di Salute, Sicurezza, Ambiente e Security di LNG Shipping 6

7 7

8 LNG Shipping LNG Shipping opera nel trasporto via mare del Gas Naturale Liquefatto (GNL) mediante l impiego di una flotta di quattro navi metaniere di proprietà. La Società è stata costituita il 26 luglio 21 ed è controllata al 1% da Eni S.p.A. attraverso la Divisione Gas & Power. In data 1 dicembre 21 Snam S.p.A. ha conferito a LNG Shipping il ramo d azienda esercente l attività armatoriale e di trasporto marittimo, che comprende le Turbocisterne Lerici, Elba, Palmaria ed Portovenere, i relativi equipaggi ed il personale di sede addetto. Portovenere LNG Shipping, con un organico di 162 unità al 1 dicembre 28, ha per missione l esercizio, in Italia e all estero, di tutte le attività della navigazione e dei trasporti marittimi con navi e natanti di qualunque tipo e stazza, sia propri che di terzi. La flotta La flotta è composta da quattro turbonavi adibite al trasporto di gas naturale liquefatto, gemelle due a due: Lerici ed Portovenere da 65.m di capacità di carico, Elba ed Palmaria da 4.m di capacità di carico. Elba Lerici Palmaria 8

9 Il GNL Il Gas Naturale Liquefatto (GNL o LNG, all'inglese Liquefied Natural Gas) viene prodotto in appositi Terminali di Liquefazione, attraverso il passaggio in particolari impianti detti treni di raffreddamento, che provvedono a liquefare il gas tramite raffreddamento spinto, costituito da successive fasi di raffreddamento e condensazione. La liquefazione, cioè il passaggio di fase del gas da aeriforme a liquido, avviene a pressione atmosferica ed alla temperatura di ca C e comporta la riduzione del volume specifico del gas di oltre 6 volte, cioè 1 m di GNL corrisponde a circa 6 m di gas in condizioni normali. Questo consente lo stoccaggio ed il trasporto a costi competitivi di notevoli quantità di gas in spazi considerevolmente ridotti. L aspetto fisico è di un liquido incolore, inodore, non tossico, non corrosivo, avente un peso specifico pari a circa la metà di quello dell acqua. Il GNL, una volta prodotto nei terminali di liquefazione, viene immagazzinato localmente in speciali serbatoi criogenici, per successiva caricazione a bordo delle navi metaniere che effettueranno il trasporto del prodotto fino al raggiungimento dei Terminali di Rigassificazione. Questi impianti possono trovarsi in località anche notevolmente remote dal luogo di produzione, a distanze molto superiori a quelle che possono essere coperte da metanodotti, sia terrestri che sottomarini. Qui il prodotto è scaricato allo stato liquido ed immagazzinato in altri appositi serbatoi per poi essere riportato allo stato gassoso prima di essere immesso nella locale rete di distribuzione. Il crescente utilizzo di gas naturale è dovuto alla trascurabile emissione di composti solforati, polveri, idrocarburi aromatici e composti metallici nocivi prodotti dalla combustione. Anche le emissioni di ossidi di azoto sono generalmente inferiori rispetto a quelle prodotte dalla combustione di altri combustibili fossili. Per tali motivi l utilizzo di gas naturale offre un considerevole vantag gio rispet to agli altri combustibili fossili nella riduzione delle emissioni di gas serra. I vantaggi ambientali del gas naturale sono ulteriormente accentuati rispetto alle altre fonti se si considera che ha un minor impatto ambientale fin dalla fase di produzione e che può essere stoccato tramite re-iniezione anche in giacimenti sotterranei naturali, cioè in sistemi rocciosi porosi sotterranei, in grado di garantirne l'accumulo, per poi erogarlo a seconda dell attuale richiesta del mercato. Tecnologia e sistema di contenimento Nel progetto di una nave metaniera, la scelta del sistema di contenimento costituisce un parametro rilevante. Tale sistema, costituito da speciali cisterne criogeniche, viene concepito col fine di limitare lo scambio termico con l esterno, moderando quindi il più possibile la naturale evaporazione del GNL (boil-off). Il suddetto obiettivo viene raggiunto attraverso l impiego combinato di due tipologie di materiali: materiali isolanti per la coibentazione delle cisterne materiali criogenici, ovvero idonei al contatto con un liquido a bassissima temperatura Nel corso dei 4 anni di storia dell industria del GNL, notevole importanza ha assunto lo sviluppo di nuovi materiali isolanti e criogenici, così come le tecniche costruttive dei sistemi di contenimento. La scelta fra i vari sistemi è legata sia a esigenze commerciali (performance della nave metaniera), sia a esigenze di carattere tecnico e progettuale. Il sistema di contenimento viene equipaggiato di: un sistema di monitoraggio del carico (temperature, livelli, pressioni) allo scopo di rilevare costantemente le condizioni del liquido e prevenire eventuali situazioni di emergenza con l impiego di sistemi di lettura ridondanti e relativi allarmi ottici e acustici; un sistema di sensori e relativi allarmi per rilevare la presenza di gas all interno delle barriere tra il sistema di contenimento e le circostanti cisterne di zavorra. Lerici - Portovenere Le due navi metaniere sono state costruite negli anni 9 in Italia dalla Fincantieri, adottando la tecnologia a membrana della Gaz Transport-Technigaz (GTT 96). Tale soluzione si basa sulla presenza di una barriera primaria e secondaria identiche, realizzate con una lega di acciaio speciale (al 6% di nichel) denominata Invar, la quale non subisce dilatazioni a seguito delle variazioni della temperatura. 9

10 Il sistema di contenimento a membrana è conforme ai requisiti delle convenzioni internazionali attualmente in vigore e prevede due distinte barriere al fine di contenere eventuali perdite dal sistema primario di contenimento del carico. Infatti le 4 cisterne del carico di ciascuna nave sono realizzate mediante isolazione interna delle stive. Le navi risultano così assimilabili a navi a doppio scafo, aventi cioè una doppia barriera tra lo scafo interno e il carico. Gli spazi tra lo scafo interno e quello esterno sono utilizzati per l acqua di zavorra e possono costituire una barriera a protezione del carico in caso di collisione o di arenamento. Il mantenimento della temperatura del gas liquido trasportato è ottenuto tramite una combinazione degli effetti di isolamento termico garantito dalla cisterna stessa e dal controllo del prelievo della parte evaporata di gas (BOG - Boil Off Gas), prelevando cioè i vapori di gas naturale in eccesso che si formano nelle cisterne e bruciandoli nelle caldaie per la produzione di vapore, elemento su cui si basa il sistema di propulsione della nave. Inoltre le caldaie così alimentate producono indirettamente energia elettrica per le varie utenze, riducendo drasticamente le emissioni di gas in atmosfera. variazioni di temperatura: ne consegue che i serbatoi vengono collegati allo scafo con un sistema di pattini ( chiavette ) che consentono il movimento di ciascun serbatoio rispetto allo scafo. Proprio per le caratteristiche strutturali, particolare cura viene prestata nelle operazioni di riscaldamento e di raffreddamento delle cisterne. Anche queste navi sono realizzate a doppio scafo e gli spazi tra lo scafo interno e quello esterno sono anche in questo caso utilizzati per la zavorra. Anche in questo caso il BOG viene dirottato in caldaia. Sistema di contenimento GTT (Gaz Transport Technigaz) Sistema di contenimento GTT (Gaz Transport Technigaz) Elba - Palmaria Le due navi nascono negli anni 7 come applicazione di un sistema di contenimento sviluppato dalla Esso. Sono state successivamente acquistate dalla snam (ex società di Eni, di cui parte delle attività sono state acquisite dalla divisione Gas & Power) e poi conferite alla llng Shipping S.p.A.. Il sistema di contenimento delle due metaniere Elba e Palmaria denominato Modified Conch è costituito da 4 cisterne del carico di tipo prismatico autoportante indipendenti dallo scafo. Le cisterne sono a doppia parete, la porzione tra le due pareti è chiamata interbarriera e la parete esterna è chiamata barriera esterna. L insieme fornisce protezione adeguata allo scafo della nave contro le basse temperature, a seguito di una eventuale perdita di GNL dalle cisterne del carico. Le cisterne sono isolate termicamente sulla loro superficie esterna mediante opportuno materiale isolante ricoperto da un lamierino in alluminio. A differenza dell Invar, l alluminio con cui sono realizzati i serbatoi è soggetto a dilatazioni dovute alle Sistema di certificazione nave Come accennato precedentemente, in base a regolamenti nazionali ed internazionali, nonché a quelli degli Enti di Classifica, sono previste delle visite periodiche allo scopo di accertare il livello di efficienza e le buone condizioni di conservazione della struttura, dei macchinari, degli impianti e delle dotazioni. Queste visite, effettuate da parte di rappresentanti della Capitaneria di Porto e degli Enti di Classifica (RINA e/o ABS), hanno lo scopo di rilasciare e/o rinnovare le certificazioni e licenze di cui la nave deve essere in possesso per poter navigare e di cui di seguito si evidenziano le principali (l elenco non è da intendersi esaustivo): 1

11 Certificato/licenza Ente emittente Validità Denominazione internazionale (IMO) Certificato gestione sicurezza (SMC) Ministero dei trasporti 5 anni Safety Management Certificate (SMC) e della navigazione Certificato di conformità (DOC) Ministero dei trasporti 5 anni Document of Compliance (DOC) e della navigazione Tabella di armamento Autorità Marittima senza Minimum Safe Manning Certificate scadenza Certificato internazionale di stazza Ministero dei trasporti senza International Tonnage Certificate e della navigazione scadenza Certificato Internazionale per la RINA 5 anni International Oil Pollution Prevention prevenzione dell'inquinamento Certificate (IOPP) da olii con allegato: a) Supplemento A (altre navi) a) Form A Certificato di Classe RINA 5 anni Class Certificate Certificato di idoneità al trasporto RINA 5 anni International Certificate of Fitness (ICOF) alla rinfusa di gas liquefatti for the Carriage of Liquefied Gases in Bulk Certificato internazionale di RINA senza International Load Line Certificate bordo libero scadenza (ILL) Certificato di sicurezza RINA 5 anni Cargo Ship Safety Construction Cert. costruzione per navi da carico (SAFCON) e supplemento Certificato sicurezza dotazioni Ministero dei trasporti 2 anni Safety Equipment Certificate (SMC) navi da carico e supplemento e della navigazione Certificato di sicurezza Ministero dei trasporti 1 anno Safety Radio GMDSS Certificate radioelettrica per stazioni GMDSS e della navigazione Certificato di assicurazione ISVAP 1 anno Certificate Insurance Civil Liability o altra garanzia finanziaria (CICL) Certificato di esenzione Ministero della sanità 6 mesi Deratting Certificate dalla derattizzazione Certificato Internazionale per RINA 5 anni International Air Pollution Prevention per la prevenzione Certificate (IAPP) dell inquinamento dell aria Certificato Internazionale RINA 5 anni International Antifouling System per sistemi antivegetativi Certificate sulle navi Certificato Internazionale RINA 5 anni International Sewage Pollution per la prevenzione dall inquinamento Prevention Certificate (ISPP) da liquami Certificato Internazionale Ministero dei Trasporti 5 anni International Ship Security Certicate di Sicurezza delle navi e della Navigazione (ISSC) 11

12 Contratti di Ship Management LNG Shipping, mediante quattro contratti di Ship Management Agreement (uno per ciascuna nave), ha demandato a Carbofin Energia Trasporti (di seguito denominata Manager) sia la gestione tecnicoamministrativa della flotta, sia la gestione del personale marittimo. Il Manager ha iniziato l attività il 1 ottobre 2 a seguito della cessione, da parte di Eni, del ramo d azienda denominato Eni - divisione Gas & Power - Marittimo Trasporti Petroliferi. Tra i diversi mandati il Manager ha il compito di gestire gli aspetti pratici della politica HSES di LNG Shipping e di raccogliere, analizzare e consolidare i dati HSES generati a livello di singola unità navale e di consolidarli a livello di flotta. La Società è detentrice del Document of Compliance secondo l' International Safety Management (ISM) Code ed è titolata a gestire la Normativa di Security proveniente dall International Ship & Port Facility Security (ISPS) Code. Nel mese di Novembre 28 è iniziato, per la Società del Manager, l iter di verifiche per la certificazione ISO 91/14/181, che si prevede terminerà, con conseguente certificazione, entro il mese di Aprile 29. Attività commerciale La flotta è noleggiata in parte alla Divisione Gas & Power di Eni (navi Elba, Palmaria e Portovenere) ed in parte alla GdF Suez (nave Lerici). Il noleggio è stato formalizzato con la stipula di quattro contratti pluriennali fra le Parti, uno per ogni nave. Le navi metaniere operano usualmente nell area del Mediterraneo e raramente in Egitto o in Qatar. Durante il 28 il GNL è stato caricato esclusivamente in Algeria (uno dei primi produttori mondiali di gas naturale), nei porti di Bethioua/Arzew e Skikda. I punti di consegna sono stati in Italia a La Spezia, presso il Terminale di GNL Italia S.p.A., in Spagna a Barcellona e Sagunto, presso il terminale di Enagas e in Francia a Fos sur Mer, presso il terminale di GdF Suez. Inoltre sono state effettuate discariche anche presso il terminale greco di Revithoussa. Inoltre, sempre nel 28, è stata effettuata la seguente attività commerciale straordinaria: - la Elba è stata sub-noleggiata da Eni Div. Gas & Power, a partire dal mese di Dicembre 27, alla società spagnola Iberdrola, fino alla metà del mese di Marzo 28 ed è stata subnoleggiata a GdF Suez da fine Marzo a metà Maggio 28 - la Palmaria è stata sub-noleggiata da Eni Div. Gas & Power, a partire dal mese di Dicembre 28, alla società francese GdF Suez, ed è impiegata sempre sulle rotte tradizionali. Rotte usuali delle navi di LNG Shipping S.p.A. Nel 28 il GNL trasportato dalla flotta è stato di 5,427 milioni di m (corrispondenti a circa 2,447 miliardi di m di gas allo stato naturale), così suddivisi: - 2,418 Mm per conto della Divisione Gas & Power -,9 Mm per conto Terzi 12

13 Serie storica dei principali dati economico-finanziari Ricavi della gestione caratteristica Utile operativo Ammortamenti e svalutazioni Imposte sul reddito Utile netto Capitale immobilizzato Capitale investito Patrimonio netto Indebitamento (disponibilità) finanziario netto (migliaia di euro) (17.68) (4) (15.75) (5) (28) (22.44) ( ) (279.55) Nota: la Società applica a decorrere dall'esercizio 26 i principi contabili International Financing Reporting Standards (IFRS) per la redazione del bilancio civilistico. Dettaglio dell attività di trasporto nel 28 Rotte Numero Quantità Miglia Miglia Caricazione - Discarica viaggi sbarcata in carico totali percorse percorse Navi (Mm ) (miglia) (miglia) Portovenere Algeria - Italia/Spagna/Francia/Grecia 2 1, Elba Algeria - Italia/Spagna/Francia 16, Palmaria Algeria - Italia/Spagna/Grecia 25, Lerici Algeria - Italia/Francia 42 2, Totali 1 5, Manutenzione La manutenzione ordinaria è svolta costantemente, direttamente dall equipaggio, durante la normale attività navale. Le manutenzioni straordinarie (dette anche Grandi Lavori ), vengono invece effettuate in cantieri navali in occasione delle soste delle navi richieste dagli Enti di Classifica (Registro Italiano Navale e American Bureau of Shipping), i quali svolgono periodiche visite statutarie al fine del mantenimento in validità del Certificato di Classe. Tra i lavori di manutenzione straordinaria che non possono essere portati a termine durante la normale operatività delle navi, si riportano ad esempio la pulizia e pitturazione della carena (che necessita del bacino di carenaggio), l effettuazione di maggiori interventi sugli impianti, le verifiche strutturali (eliche e timone) e le eventuali installazioni di nuovi apparati. Prima della sosta in cantiere per i Grandi Lavori le navi effettuano le operazioni di degassifica delle cisterne e della zona di carico. Tali operazioni consistono nel bonificare le cisterne, sostituendo il gas naturale, rimasto in queste dopo l ultima discarica di GNL, con un gas inerte, quale l azoto, al fine di evitare qualsiasi potenziale principio di deflagrazione. Completata l azotatura delle cisterne, il gas inerte viene rimpiazzato a sua volta con aria, al fine di poter procedere all apertura delle cisterne per un ispezione visiva ed eventuali lavori di manutenzione. La durata della sosta in cantiere dipende dall estensione dei lavori di manutenzione straordinaria e dallo svolgimento delle suddette visite statutarie, ed è generalmente di 4-5 giorni. Nel corso del 28 sono state effettuate attività di manutenzione straordinaria per: - Elba e Lerici (entrambe in banchina e in bacino di carenaggio a Genova). Inoltre la Palmaria, in sosta presso le banchine di Trieste, ha terminato l installazione del sistema di trattamento delle acque nere ai sensi della International Convention for the Prevention of Pollution from Ship (MARPOL). Vetting Per Vetting si intende in genere un attività di ispezione e valutazione eseguita al fine di rilasciare un 1

14 riconoscimento di adeguatezza. Su tale base e con l intento di ottimizzare l impiego commerciale delle navi e al contempo di migliorare gli aspetti di sicurezza, salute, ambiente ed adeguamento agli standard dell industria, è annualmente pianificata l attività di ispezione da parte delle Oil Major interessate al trasporto di GNL. Tale pianificazione prevede un ispezione ogni sei mesi circa per ciascuna delle quattro navi metaniere, compatibilmente con l effettivo impiego operativocommerciale delle stesse (l ispezione vetting viene condotta solamente quando la nave è in esercizio). Alla luce di quanto sopra, in totale nel 28 sono state effettuate, con esito positivo, 7 ispezioni alla flotta LNG Shipping da parte di Oil Major (quali GdF Suez e Shell). L attività di ispezione è svolta seguendo le linee guida di un questionario standard edito dal SIREOCIMF che consta di 12 Capitoli che interessano tutte le aree della nave, a cura di ispettori qualificati incaricati direttamente dalle Major di riferimento. Il programma Ship Inspection REport (SIRE) è infatti una delle più significative iniziative in tema di safety e antipollution introdotte negli ultimi anni dalla Oil Companies International Marine Forum (OCIMF). Tale programma si basa su un sistema di valutazione tramite questionari che permette a noleggiatori, operatori marittimi, operatori di terminali ed enti governativi di esaminare tutti gli aspetti di safety della nave. Terminata l ispezione, il rapporto con eventuali non conformità riscontrate ed i commenti dell Armatore viene immesso nel SIRE Database, a disposizione di tutte le Oil Major interessate al trasporto di GNL ed in particolare all impiego di una nave per i propri fini commerciali. L ispezione rappresenta un ottimo strumento di misurazione e valutazione dello standard raggiunto sia dalla nave, sia dalla Compagnia Armatrice. Nel corso dell anno 27 è stato introdotto un ulteriore strumento di misura internazionale edito dall OCIMF-TMSA (Tanker Management and Self Assessment), avente sempre lo scopo di valutare la performance della Compagnia Armatrice. 14

15 Le risorse umane Le risorse umane di LNG Shipping ammontano ad un totale di 162 unità (al 1 dicembre 28) e sono dedicate ad attività di sede (11 unità) e ad attività di bordo (151 unità). Il personale di sede L attività di sede è dedicata alle funzioni direttive e di controllo e si basa sulla seguente struttura: PRESIDENTE Amministrazione e Controllo Operazioni e Gestione Contratti Gestione Contratti Servizi Manning Gestione Contratti Servizi Tecnici Servizi Operativi GNL Comandi Navi Personale di bordo 15

16 Il Presidente è a tutti gli effetti da ritenersi esterno alla struttura organizzativa e rappresenta il punto di contatto con il resto della Divisione Gas & Power di E ni. Dal Presidente dipendono il Responsabile Amministrazione e Controllo, a cui sono demandate le attività di gestione amministrativa e contabile, ed il Responsabile Operazioni e Gestione Contratti, a cui compete la gestione degli aspetti contrattuali, operativi e logistici della Società. Sempre nell ambito della Gestione Contratti, dal Responsabile di tale unità dipendono a loro volta i referenti dei Servizi Manning, dei Servizi Tecnici, dei Servizi Operativi ed i Comandanti delle navi. Per Servizi Manning si intende la gestione delle aree riguardanti il personale e le attività HSES nell ambito dei Contratti di Ship Management in corso con il Manager. I Sevizi Tecnici si occupano della gestione delle aree tecniche sempre nell ambito dei Contratti di Ship Management. I Servizi Operativi GNL sono demandati all organizzazione dell impiego commerciale delle navi, stabilendo in particolare la movimentazione della flotta in relazione alle disposizioni e necessità dei noleggiatori. Il personale di bordo Per l armamento delle quattro navi, è presente una struttura organizzativa (denominata equipaggio ) gerarchicamente identificata in conformità alle disposizioni nazionali ed internazionali in vigore per il settore. Per la costituzione della suddetta struttura la Società impiega personale marittimo sia di nazionalità italiana, che straniera, adottando a seconda dei casi varie tipologie di contratto, come di seguito descritte. Il numero del personale imbarcato risponde alle tabelle di armamento minimo concordate tra le parti (Armatore, Organizzazioni Sindacali (OSSL), Autorità Marittima) e approvate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. La tabella di armamento, costituita per singola nave, rappresenta il minimo numero di persone che devono essere sempre presenti sulla nave al fine di garantire la gestione di tutti i servizi di bordo, nonché delle eventuali situazioni di emergenza. LNG Shipping ha definito per propria politica di incrementare le tabelle di armamento rispetto alla configurazione minima richiesta dalle norme (circa il % in più in media su ciascuna unità). Il personale marittimo, inquadrato sulla base dei contratti collettivi nazionali, aziendali e dell International Transport Workers' Federation (ITF), ha le seguenti tipologie di rapporto di lavoro con LNG Shipping: Continuità di Rapporto di Lavoro (CRL), ovvero un rapporto di lavoro a tempo indeterminato instaurato con l Armatore. Il personale viene retribuito e assicurato ai fini previdenziali e assistenziali per tutta la durata del rapporto di lavoro, senza soluzione di continuità, ad eccezione dei periodi di malattia o infortunio che vengono indennizzati dall'istituto di Previdenza del Settore Marittimo (IPSEMA) Non Continuità di Rapporto di Lavoro (Non CRL), ovvero un rapporto di lavoro a tempo determinato instaurato con l Armatore e che cessa definitivamente con l avvicendamento del personale imbarcato. La politica di gestione del personale di LNG Shipping è volta alla garanzia della continuità di impiego degli stessi membri degli equipaggi per lo svolgimento delle mansioni, garantendo qualità del lavoro e buoni standard di sicurezza. Organizzazione di Bordo L organizzazione e la gerarchia di bordo è definita dal Codice della Navigazione ed è concepita come una piramide con al vertice il Comandante e discendendo gli ufficiali di grado inferiore ed il rimanente equipaggio. Sezione Coperta COMANDANTE Sezione Macchina 1 UFFICIALE 2 UFFICIALE UFFICIALE UFFICIALE GOC UFFICIALE IN SOVRANNUMERO ALLIEVO UFFICIALE SOTTUFFICIALE NOSTROMO SOTTUFFICIALE TANKISTA SOTTUFFICIALE CUOCO CAMERIERE MARINAI DIRETTORE 1 UFFICIALE 2 UFFICIALE UFFICIALE UFFICIALE IN SOVRANNUMERO ALLIEVO UFFICIALE SOTTUFFICIALE ELETTRICISTA SOTTUFFICIALE OPERAIO MECCANICO SOTTUFFICIALE CAPORALE COMUNI DI MACCHINA ALLIEVI COMUNI POLIVALENTI 16

17 RIPARTIZIONE DEL PERSONALE PER QUALIFICA AL 1 DICEMBRE 28 LNG Shipping PERSONALE DI SEDE IN DISTACO a Eni g&p a Saipem da Eni G&P C.R.L. PERSONALE MARITTIMO NO C.R.L. italiano NO C.R.L. UE NO C.R.L. exue TOTALE PERSONALE MARITTIMO TOTALE GENERALE Dirigenti Quadri Impiegati Comandanti Direttori di Macchina Ufficiali Sottufficiali Comuni TOTALE Nota: si specifica che il personale di sede in distacco ad altre Società del Gruppo Eni non viene conteggiato nel numero complessivo delle risorse in quanto il relativo costo è addebitato alla Società presso la quale svolge l attività lavorativa. Viceversa, personale in distacco da altre Società viene annoverato come LNG Shipping. Comandante È il rappresentante e fiduciario dell Armatore. Capo della spedizione, esercita la sua autorità su tutte le persone presenti a bordo ed è il responsabile dell applicazione del Safety Management System sulla nave. Direttore di Macchina È alle dirette dipendenze del Comandante, r e s p o n s a b i l e d e l l a s e z i o n e m a c c h i n a, d e l funzionamento e manutenzione delle macchine principali e ausiliarie, apparecchiature e impianti elettrici della nave e coordina la gestione tecnica e la manutenzione di tutte le apparecchiature di bordo. 1 Ufficiale di Coperta È alle dirette dipendenze del Comandante ed è il responsabile delle sezioni di coperta, camera e cucina; è nominato Responsabile della Sicurezza dell Ambiente di Lavoro secondo il D.Lgs. 271/1999. Assume la qualifica di Cargo Officer e vi dipendono gli altri Ufficiali di Coperta. 2 Ufficiale di Coperta È nominato Addetto alla Sicurezza dell Ambiente di Lavoro (secondo il D.Lgs. 271/1999) ed è alle dirette dipendenze del Comandante quando svolge le funzioni di Ufficiale alla Sicurezza (Safety Officer), come previsto dal Safety Management System. Ufficiale di Coperta È incaricato dal Comandante di redigere il piano di viaggio da porto a porto; è inoltre il responsabile della gestione dell idrografia in dotazione alla nave. Ufficiale GOC È l ufficiale addetto alle telecomunicazioni e svolge attività amministrative e di segreteria a bordo. 1 Ufficiale di Macchina È alle dirette dipendenze del Direttore di Macchina; è responsabile del funzionamento e della manutenzione degli impianti di macchina, dell impianto gas inerte e degli impianti ausiliari di pertinenza della nave. È nominato Addetto alla Sicurezza dell Ambiente di Lavoro. Inoltre svolge la funzione di Cargo Engineer e vi dipendono gli altri ufficiali di macchina. 2 Ufficiale di Macchina Collabora alla manutenzione e al funzionamento degli impianti di macchina. Ufficiale di Macchina È responsabile della tenuta delle pubblicazioni tecniche della sezione di macchina e collabora con gli altri ufficiali alla realizzazione dei programmi di manutenzione. Ufficiali di Macchina e Coperta in Soprannumero LNG Shipping ha adottato la politica di imbarcare un ufficiale in soprannumero. Questo permette di avere, durante le operazioni di caricazione e discarica, una migliore ripartizione del carico di lavoro, in particolar modo se la nave effettua viaggi brevi e consecutivi. Durante la navigazione, le qualifiche del 1 Ufficiale di Coperta e di Macchina possono dedicarsi con 17

18 maggiore impegno a tutti i compiti che la loro funzione comporta ed in particolare a quelli riguardanti la sicurezza della nave, delle persone e dell ambiente circostante. Allievi Ufficiali di Coperta e Macchina LNG Shipping imbarca allievi ufficiali al fine di formare gli stessi sulle attività peculiari delle navi metaniere. Essi vengono formati attraverso la collaborazione con gli ufficiali e partecipando a programmi stilati in base alla normativa internazionale, STCW95. Sottufficiali Sono figure tecniche specialistiche presenti a bordo della nave, per assistere lo svolgimento delle operazioni commerciali e manovre della nave (nostromo, tankista, etc.), svolgere lavori meccanici e/o di manutenzione (operaio meccanico, elettricista, etc.) e curare il vettovagliamento dell equipaggio (cuoco). Marinai e Comuni Sono i marinai, i camerieri e comuni in genere, sia di coperta che di macchina, che eseguono lavori operativi, assicurando l esercizio della nave. Qualità e standard di vita a bordo Ogni nave è dotata di cabine insonorizzate e climatizzate a uso singolo per l equipaggio, con elevato standard abitativo, anche al fine di ospitare passeggeri per un massimo di 12 persone, così come consentito dalle norme vigenti. Le navi sono dotate di salette mensa suddivise per ufficiali e sottufficiali/comuni, cucina e cambusa autonoma dove vengono conservate le provviste alimentari, secondo la normativa Hazard Analysis Critical Control Points (HACCP) che regolamenta la conformità di igiene, conservazione e qualità delle derrate alimentari e la preparazione dei pasti. Inoltre vi sono salette per lo svago dotate di sistemi video satellitare, impianti stereo, videoteca e palestra attrezzata. In ottemperanza alla politica No Smoking Building di Eni e ai regolamenti internazionali, le navi sono dotate di salette fumatori. La Società ha da tempo adottato anche la politica No Drugs & Alchool, aumentandone particolarmente l efficacia attraverso il divieto assoluto di possesso e consumo a bordo di qualsiasi bevanda alcolica. Nel 28 i test non annunciati per verificare l ottemperanza a tali disposizioni, a bordo delle unità LNG Shipping, sono stati portati a 2. La Società infine garantisce mezzi di trasporto al fine di consentire al personale marittimo di usufruire nel miglior modo possibile del periodo di riposo quando la nave sosta in porto. Formazione e certificazione del personale di bordo Per mantenere elevato lo standard professionale e culturale dell equipaggio e per garantire il rispetto della normativa vigente, il personale viene sottoposto a intensi periodi di addestramento e di formazione presso centri ufficialmente riconosciuti dalla Pubblica Amministrazione. Alcuni corsi sono istituzionali e obbligatori per tutti i membri dell equipaggio, mentre altri sono funzionali al miglioramento delle prestazioni professionali del singolo. Per poter prestare servizio sulle navi adibite al trasporto di GNL ogni membro dell equipaggio, a seconda della mansione espletata a bordo, deve essere in possesso delle certificazioni istituzionali obbligatorie, previste dalla Seafarer's Traning Certification and Watch Keeping (STCW95), che comprendono: Certificato di Abilitazione alla Conduzione della Na ve Certificato Basic Training ( composto da quattro certificazioni obbligatorie) Certificato di Familiarizzazione Nave Gasiera Certificato di Sicurezza Nave Gasiera Certificato di Medical Care Certificato di Primo Soccorso Certificato Antincendio Avanzato Certificato di Operatore Radar di Base e Avanzato Certificato di Operatore Automatic Radar Plotting Aid (ARPA) Certificato di Operatore General Officer Communication (GOC) (abilitato alle radio comunicazioni GMDSS) Certificato di Ship Security Officer Corso di Bridge Team Management and Search and Rescue (BTMSR) Oltre ai suddetti corsi istituzionali necessari alla gestione della nave, la Società pianifica annualmente i corsi di formazione e addestramento per i propri dipendenti sulle tematiche HSES (Health, Safety, Environment and Security). A tal proposito, nel 28 sono state organizzate le seguenti iniziative formative: Corso di HACCP Corso di Incidenti Zero Corso di ECDIS (cartografia elettronica) 18

19 Inoltre sono stati erogati i seguenti corsi di cultura Corso sulla Privacy (D.Lgs 196) generale: Corso sulla Gestione dell Amianto Corso di Lingua Inglese, effettuato durante il periodo di sbarco, con esame finale e successivo corso di mantenimento a bordo su supporto informatico Corso di Responsabilità Amministrativa (D.Lgs 21) Nell anno 28 sono state effettuate.29 ore di formazione con 127 partecipazioni ai corsi istituzionali e funzionali. La spesa complessiva per la formazione è stata di 166. euro. Attività di formazione Sal. Sic. Amb. Altro Sal. Sic. Amb. Altro Sal. Sic. Amb. Altro Numero partecipazioni Numero ore corso Costo totale (euro)

20 Gestione HSES In data 14 gennaio 28 LNG Shipping ha revisionato la politica di Health, Safety, Environment and Security (HSES), i cui principi sono stati recepiti all interno delle politiche di Qualità, Sicurezza e Ambiente della Carbofin Energia Trasporti. Una copia delle politiche, applicate a tutte le navi gestite, è disponibile presso le unità di LNG Shipping. Il Rapporto annuale HSES è lo strumento attraverso il quale la Società comunica cosa è stato fatto durante l anno trascorso in merito a tali tematiche e monitora rispetto al recente passato la propria performance. LNG Shipping raccoglie e consolida i dati ambientali su base semestrale ed i dati di sicurezza su base trimestrale, in accordo alle direttive Eni in materia. Sono stati raccolti ulteriori dati HSES per fornire informazioni che verranno utilizzate da Eni per la redazione del proprio Bilancio di Sostenibilità 28. Infine, nell anno 28 è stato preparato il Piano Quadriennale degli Investimenti HSES (periodo di riferimento ), che verrà consolidato da Eni Div. Gas & Power al fine di predisporre il proprio piano strategico di divisione. Sistema di gestione Il sistema di gestione della Salute, Sicurezza e Ambiente è basato su procedure relative alla progettazione, realizzazione ed esercizio di tutte le attività operative, in modo da assicurare il rispetto delle leggi e normative in materia. Ogni nave è stata progettata scegliendo la migliore tecnologia disponibile al momento sul mercato, in modo da tutelare al massimo le risorse umane e l ambiente. Ove possibile, nel tempo vengono introdotte tutte le innovazioni tecnologiche disponibili al fine di migliorare ulteriormente gli aspetti qualitativi e di sicurezza della flotta. L espletamento dell attività HSES è coordinato dal Focal Point di LNG Shipping, che ha il ruolo di interfaccia con le unità HSES di Eni ed il Manager. Con riferimento all organigramma del personale di sede, il Focal Point HSES è rivestito dal responsabile dell unità Gestione Contratti-Servizi Manning. Nell anno 28, per motivi organizzativi interni, la figura del Focal Point di LNG Shipping è stata ricoperta ad interim direttamente dal Responsabile Operazioni e Gestione Contratti della società. La figura del Focal Point HSES garantisce il recepimento delle linee guida di Eni, ne valuta l impatto e, se opportuno, apporta integrazioni o variazioni, trasferendo al Manager le richieste di attuazione pratica delle necessarie attività. Il Manager applica, nella pratica, a bordo delle unità navali: la propria Politica HSES, che recepisce appieno la Politica di LNG Shipping il sistema di gestione Safety Management System, in conformità al codice ISM emesso dall International Maritime Organization (IMO), cer tificato dall Amministrazione italiana il sistema di gestione della Security di bordo, in conformità al codice ISPS anch esso emesso dall IMO e certificato dall Amministrazione italiana 2

21 Al fine di verificare la completa conformità e attuazione delle norme suddette, il Manager nel 28 ha effettuato 8 audit interni a bordo delle navi, 2 per unità, finalizzati alla verifica del sistema ISM ed ulteriori 4 mirati alla verifica dell applicazione del sistema di Security. Il Manager ha effettuato inoltre 1 audit interno presso la propria sede, sempre ai fini di verificare la conformità del sistema ISM. Con lo stesso scopo, la Capitaneria di Porto ha effettuato 1 audit presso la sede del Manager. Le risultanze di tutte le attività di Audit svolte a bordo delle navi e presso gli Uffici del Manager hanno dato esito soddisfacente. Obiettivi e risultati Tutte le operazioni effettuate dal personale, sia a terra che a bordo delle navi, devono essere volte a raggiungere i seguenti obiettivi: salvaguardare la vita umana attraverso il costante controllo della sicurezza delle navi osservare le norme vigenti per la tutela dell ambiente in generale e di quello marino in particolare assicurare l efficienza tecnica e operativa delle navi proteggere le navi e gli equipaggi dalle conseguenze di pratiche illegali Il raggiungimento dei suddetti obiettivi viene costantemente monitorato e viene valutato e misurato tramite lo svolgimento di attività di audit e studi statistici in merito a: infortuni incidenti mancati incidenti situazioni di pericolo per l ambiente osservazioni e non conformità di sistema fattori di valutazione tecnica delle navi 21

22 POLITICA DEL MANAGER DI lng shipping, CARBOFIN ENERGIA TRASPORTI 22

23 Salute Ogni membro del personale, indifferentemente dal tipo di contratto con cui viene imbarcato (in Continuità di Rapporto e/o Tempo determinato), in base alle norme legislative vigenti, viene obbligatoriamente sottoposto ad una visita preventiva precedente ogni singolo imbarco, per accertarne le condizioni di salute ai fini dell idoneità professionale. Le visite sono effettuate dall IPSEMA, che si avvale di strutture proprie o convenzionate per le analisi specialistiche. Nel 28 sono state effettuate in totale 498 visite preventive di imbarco. Con l entrata in vigore del D.Lgs. 271/99 il personale di bordo viene sottoposto ad accertamenti sanitari da parte del medico competente, figura obbligatoria per legge, che esprime un giudizio di idoneità alla mansione specifica. Il medico competente effettua anche sorveglianza sanitaria dell ambiente di lavoro, ispezionando le navi. Di norma questa visita viene eseguita almeno una volta all anno per ogni nave. In ambito di sorveglianza sanitaria, nel 28 il medico competente ha effettuato, a livello di flotta, un totale di 8 sopralluoghi dell ambiente di lavoro, monitorando il rumore, il microclima e le postazioni VDT (videoterminalisti), sottoponendo nel contempo a visita audiometrica e spirometrica 21 membri dell equipaggio, per un totale di 426 esami. Tutti i lavoratori marittimi sottoposti alla sorveglianza sanitaria sono risultati idonei alla mansione specifica, come già evidenziato negli anni precedenti. Pertanto non è stato attuato alcun provvedimento di tipo medico-legale e non è stata inoltrata alcuna denuncia di malattia professionale agli Organi Competenti. I lavoratori marittimi visitati sono stati informati sul significato degli accertamenti sanitari effettuati e sui loro risultati Sopralluoghi Marittimi sottoposti a sorveglianza sanitaria di cui audiometrie di cui spirometrie Visite preventive di imbarco In caso di necessità durante la navigazione, il Comandante può avvalersi della consulenza medica del Consorzio Italiano per la Ricerca Medica (CIRM), un istituzione composta da medici che prestano servizio volontario e che può essere contattata via telefono, o fax. Un altro aspetto del D.Lgs 271/99 cura le problematiche connesse alla presenza di materiali contenenti amianto sulle navi e per rispondere adeguatamente alle esigenze di questa legge, in 2

24 passato l intera flotta di LNG Shipping è stata sottoposta a dettagliata mappatura per la rilevazione di eventuali materiali a base di amianto. Il risultato è stato totalmente negativo per le navi Portovenere e Lerici, di più recente costruzione, mentre si sono riscontrate positività nel caso delle Elba e Palmaria, di più remota costruzione. Ai fini della tutela del personale imbarcato, i materiali contenenti amianto riscontrati sono stati messi in sicurezza attraverso le metodologie più comuni (incapsulamento, rimozione o trattamento tramite appositi agenti chimici) rendendoli innocui. A scopo cautelativo, una volta all anno viene effettuato un monitoraggio mirato a verificare la presenza di fibre di materiali contenenti amianto negli ambienti di bordo. Le risultanze ottenute dai monitoraggi effettuati nel corso dell anno 28 hanno confermato una presenza di fibre entro le soglie stabilite dalle leggi vigenti in materia. Qualora si rendesse necessario operare direttamente in un ambiente in cui è nota la presenza di tali materiali, il personale è dotato di appositi kit protettivi che consentono l esecuzione dell attività in assoluta sicurezza. Per quanto riguarda la sorveglianza sanitaria per il personale di sede di LNG Shipping, in conformità al D. Lgs 81/28, nel corso dell anno in esame il medico competente ha effettuato un totale di 9 esami strumentali e 2 esami di laboratorio. 24

25 Sicurezza LNG Shipping è impegnata nel miglioramento degli standard di sicurezza attraverso il pieno rispetto delle normative vigenti e l adozione dei migliori modi di operare dell industria di settore nazionali e internazionali che garantiscono la salvaguardia della vita umana in mare, la tutela dell ambiente e l integrità dei beni. La gestione della sicurezza di una nave metaniera è realizzata attraverso l individuazione, la valutazione e la mitigazione di tutte le possibili aree di rischio. Questo processo inizia nella fase di progettazione, nella scelta del cantiere, nel controllo degli standard costruttivi applicati, fino alla scelta delle dotazioni di sicurezza a bordo e all addestramento del personale. Nel 1997, con l adozione dell ISM Code sulle misure di sicurezza a bordo, tutte le navi e le compagnie sono state obbligate a definire un sistema di gestione a tutela dell ambiente, della salute e della sicurezza degli equipaggi e delle navi stesse. Essendo obbligatorio per norma internazionale, l Amministrazione di bandiera provvede al rilascio di un Document of Compliance alla compagnia e di un Safety Management Certificate, alla singola nave. La costante attenzione di LNG Shipping e del suo Manager nei confronti della sicurezza è testimoniata da campagne mirate alla sensibilizzazione del problema degli infortuni a bordo, dall introduzione di nuovi dispositivi di protezione individuali (DPI) specifici e dal rafforzamento delle procedure già in atto. Fin dal 25 tutte le navi sono state dotate di un Video di Sicurezza specifico per la nave, allo scopo di consentire al personale imbarcato e ai visitatori di familiarizzare con le norme previste dall ISM. Il video è interattivo, in modo da differenziare la comunicazione tra personale di bordo e visitatori, è bilingue ed è abbinato ad un opuscolo in cui vengono riassunte le principali informazioni. Nell anno 28, a causa di un elevato numero di infortuni occorsi, si è registrato un aumento degli indici di frequenza (If) e di gravità (Ig) rispetto all anno precedente. Le principali cause degli infortuni sono da ricondurre ad una mancata attenzione da parte del personale sia sul posto di lavoro che negli ambienti nave differenti da questo. LNG Shipping ed il Manager, sin dall evoluzione negativa del trend, hanno messo in atto gli opportuni provvedimenti operativi per una maggiore sensibilizzazione. L indice di frequenza, calcolato con la formula sotto riportata, indica la frequenza di accadimento di un evento che comporta un interruzione dell attività lavorativa superiore ai giorni, relativamente al totale di ore effettivamente lavorate, a livello di flotta: numero infortuni > di gg x 1.. If = totale ore effettive lavorate L indice di gravità, calcolato con la formula sotto riportata, dà invece un indicazione di quanto sia stato grave l insieme degli eventi occorsi: numero giorni di assenza progressivi x 1. Ig = totale ore effettive lavorate 25

26 Indice di frequenza e indice di gravità Personale di LNG Shipping Personale ditte Terzi (contrattisti e/o lavoratori diversi dal personale di bordo) Indici generali (media) Indice di frequenza Indice di gravità Indice di frequenza Indice di gravità Indice di frequenza Indice di gravità 6,6,9 n.a. n.a. n.a. n.a. 4,5,46 n.a. n.a. n.a. n.a. 15,59 1,18 9,4,5 14,55 1,4 Nel 28, il Manager, in nome e per conto di LNG Shipping, ha assegnato alla Portovenere il Safety Award per aver raggiunto il miglior risultato nell applicazione delle procedure per la segnalazione dei Mancati Incidenti, segnalando la media di un "mancato incidente" al mese (periodo di riferimento anno 27) e per aver ottenuto il minor numero di infortuni (zero infortuni/anno), raggiungendo così l obbiettivo che LNG Shipping aveva fissato. Il near miss, o mancato incidente, è un evento od una serie di eventi, che non è risultato essere un incidente o infortunio, ma che sotto lievi diverse circostanze lo sarebbe stato. Tipologia Rapporti di Infortuni 2 8 Rapporti di Incidenti Rapporti di Mancati Incidenti Suddivisione infortuni per causa Errore umano/mancanza attenzione 1 6 Procedure incorrette/incomplete Indumenti protettivi non utilizzati Sospette aree pericolose Difetti materiali/attrezzature Altre cause Suddivisione infortuni per nave Elba Palmaria Lerici Portovenere Note: - si sono contabilizzati solo gli infortuni che hanno comportato un assenza dal posto di lavoro superiore ai gg. consecutivi, come da protocollo Eni. 26

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo. Confronti con ISM

La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo. Confronti con ISM La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo Confronti con ISM Cap. Cosimo Sforza D.P.A. & C.S.O. Motia Compagnia di Navigazione SPA Cos è la Sicurezza La scienza della sicurezza è la disciplina che

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività Bilancio di Sostenibilità 2012 dipendenti azionisti e investitori ambiente clienti e collettività fornitori istituzioni e comunità Sicurezza e salute dei lavoratori Per il gruppo A2A la prevenzione degli

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO Studio Candussi & Partners novembre 2008 Lo Studio Candussi & Partners Lo Studio opera dal 1998 con consulenti

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società La Società G & A S.p.A. nasce dalla fusione dei rami d azienda trasporto prodotti petroliferi di AUTOSPED G S.p.A. e AGOGLIATI G. & B. S.r.l. G & A S.p.A. opera nel settore

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Sintec & Partners S.r.l.

Sintec & Partners S.r.l. Qualità Ambiente Sicurezza sul lavoro Sicurezza nei cantieri Privacy Software engineering Prevenzione incendi Rumore, impatto acustico Formazione Progettazione Marcatura CE Haccp Qualità UNI EN ISO 9001:2000

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI. Gestione sicurezza di una nave (Ship Security Management)

I NOSTRI SERVIZI. Gestione sicurezza di una nave (Ship Security Management) L AGENZIA SEAWAYS RISK SOLUTIONS è una agenzia operante nel campo della security in grado di fornire consulenze e servizi altamente professionali rivolti allo sviluppo e mantenimento dei più alti standard

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1!

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1! 1 SISTEMI GESTIONALI CATALOGO CORSI CORSO:FORMAZIONEAUDIT Oredicorso: 24 Finalitàdell azione: Formazione interna Tematicheformative: Gestione aziendale Obiettividell azione: Risultatiattesi: Il corso è

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

SICUREZZA, AMBIENTE, FORMAZIONE

SICUREZZA, AMBIENTE, FORMAZIONE SICUREZZA, AMBIENTE, FORMAZIONE Servizi di consulenza Più Formazione nasce dalla sinergia di professionisti, tecnici del settore per tutto quanto concerne la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro, con l' entrata

Dettagli

Area I Amministrazione

Area I Amministrazione I Amministrazione AmArea ( Bilancio Sociale 2007 2012 r Sezione 3. Risultati per Aree di attività r Area I. Amministrazione 165 Amministrazione Presentazione Poiché le attività della Fondazione sono assai

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE Aggiornato il 12 Marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

Adriatic LNG Carlo Mangia, Direttore Tecnico 19 novembre 2014

Adriatic LNG Carlo Mangia, Direttore Tecnico 19 novembre 2014 Adriatic LNG Carlo Mangia, Direttore Tecnico 19 novembre 2014 Panoramica Società fondata nel maggio 2005 Quote: EM ~71%, QP ~22%, Edison ~7% 125 dipendenti (di cui 47 provenienti dal Veneto) Primo terminale

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

Esistono cose urgenti perché ci si è mossi tardi

Esistono cose urgenti perché ci si è mossi tardi Consulenza Organizzativa e di Direzione Aziendale Esperti nella creazione, sviluppo e implementazione di Sistemi per l organizzazione aziendale: - Qualità ISO 9001 (2015) - Ambiente ISO 14001 - Gestione

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL)

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Esperienza del laboratorio di approfondimento Regione Lombardia Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Marina Della Foglia Milano - giugno 2015 ILO-OSH 2001 Guidelines on

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

CURRICULUM DELLA SOCIETÀ

CURRICULUM DELLA SOCIETÀ CURRICULUM DELLA SOCIETÀ SOMMARIO SOMMARIO... 1 LA SOCIETÀ... 2 I DATI AMMINISTRATIVI... 3 L'ORGANIGRAMMA... 4 I NOSTRI SERVIZI... 5 ACCADIMENTI SOCIETARI... 11 LA SOCIETÀ Framinia S.r.l. è una società

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

WWW.STUDIOGREENLINE.IT

WWW.STUDIOGREENLINE.IT WWW.STUDIOGREENLINE.IT STUDIO GREENLINE Greenline nasce nel 1996 con la riunione al suo interno di professionisti multidisciplinari per le diverse esperienze professionali espletate. Obiettivo: la creazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 Il provvedimento stabilisce un quadro di misure per la promozione

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE Dott. Ing. Andrea Papageorgiou, Direttore Generale Bryo S.p.A Giovedì 2 Ottobre 2014 AEPI Industrie Srl Imola In collaborazione

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro

SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro Finalità Destinatari Adeguare la struttura e gli impianti aziendali alla normativa sulla

Dettagli

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo.

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo. L Unione Albergatori incontra l azienda sanitaria Migliora la sicurezza alimentare nelle aziende Nel mese di marzo 2006 l Unione Albergatori ha partecipato ad un importante incontro con il dott Carraro

Dettagli

COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA. Vito Ziccardi Amministratore Delegato

COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA. Vito Ziccardi Amministratore Delegato COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA Vito Ziccardi Amministratore Delegato 1 CHI SIAMO LA RETTA VIA UN AZIENDA CHE LAVORA PER LE AZIENDE UN ORGANIZZAZIONE NAZIONALE LA RETTA VIA CHI SIAMO In termini

Dettagli

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 SR.G.GE.S.A..S.A. SRL Società Gestione Servizi Ambientali www.sogesa.biz Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 Il contenuto di questo documento è di proprietà della So.. La riproduzione, la comunicazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it 1/5 Unità proponente: DOC - Direzione Operativa Centrale Oggetto: Attività di supporto al personale SITEL finalizzata al miglioramento e mantenimento della documentazione relativa agli adempimenti in materia

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA

SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA Q.TEAM SRL Società di Gruppo Medilabor HSE Via Curioni, 14 21013 Gallarate (VA) Telefono 0331.781670 Fax 0331.708614 www.gruppomedilabor.com Azienda con Sistema Qualità, Salute

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

CONFERENZA GNL 11-12 Giugno 2015

CONFERENZA GNL 11-12 Giugno 2015 CONFERENZA GNL 11-12 Giugno 2015 Progettazione, costruzione e installazione di impianti del carico per navi gasiere - Special Projects : Costa Concordia Wreck Removal G&H SHIPPING Nel 2004, è

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa Rapporto Sicurezza 2008 Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa 17 Aprile 2009 Premessa Questa breve presentazione ha l obiettivo di illustrare in anteprima i principali dati del 1 Rapporto

Dettagli

Qualifica di fornitori e appaltatori: la proposta delle aziende a rete

Qualifica di fornitori e appaltatori: la proposta delle aziende a rete Qualifica di fornitori e appaltatori: la proposta delle aziende a rete Paolo Fioretti INAIL CONTARP CENTRALE Il contesto -INAIL -Consorzio ELIS - Aziende a a rete hanno condiviso lo sviluppo delle: Linee

Dettagli

Stabilimento di Livorno

Stabilimento di Livorno Stabilimento di Livorno Lo Stabilimento EniPower opera all interno della Raffineria Eni di Livorno dal 2000 a seguito dell acquisizione da parte della Divisione Refining & Marketing della Centrale Termoelettrica

Dettagli

Gli stakeholder Fornitori

Gli stakeholder Fornitori Gli stakeholder Fornitori Fornitori Trasparenza, imparzialità, correttezza e presidio dei principi di sostenibilità sono alla base delle attività di approvvigionamento dei beni e dei servizi aziendali.

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Siracusa 28 Marzo 2011. Seminario di studi. Coordinamento della sicurezza nella realizzazione di opere complesse

Siracusa 28 Marzo 2011. Seminario di studi. Coordinamento della sicurezza nella realizzazione di opere complesse Siracusa 28 Marzo 2011 Seminario di studi Coordinamento della sicurezza nella realizzazione di opere complesse Presentazione dell opera: Realizzazione ed installazione del Primo Terminale GNL Off Shore

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Modulo

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Modulo Ditta Modulo XY N. Rev. 0 Bilancio ambientale Pagina: 1/1 Input Output Materie: Prodotti: Materiali di supporto: Rifiuti: Sostanze pericolose: Altri materiali Scarichi: MODULO 1: Bilancio ambientale Energia:

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Servizi post vendita

Servizi post vendita Servizi post vendita STRATEGIA ASSISTENZA Che cosa si intende per manutenzione di stazioni metano? Come è possibile ottenere la massima affidabilità di un impianto? CUBOGAS divide le sue attività di manutenzione

Dettagli

La valutazione del rischio chimico

La valutazione del rischio chimico La valutazione del rischio chimico Introduzione Per sua stessa definizione, l agente chimico è una sostanza o un preparato di natura chimica. L agente chimico può presentarsi sotto forma di gas, vapore,

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Scopo della tesi Questa tesi si propone di fornire una serie di procedure per l esecuzione IN SICUREZZA dei lavori elettrici,

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA 19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA D294 Corso teorico-pratico addetti ai lavori elettrici CEI 11-27:2014... pag. 2 D291 Corso di aggiornamento CEI 11-27-2014 per addetti ai

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli