RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA"

Transcript

1 RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA L ampliamento della ricerca e l estensione degli studi sui salmonidi italiani, con riferimento specifico alle popolazioni mediterranee di trota fario, ha favorito l attivazione di piani di reintroduzione di tali forme indigene negli areali di pertinenza. Per quanto riguarda la provincia di Terni, già da alcuni anni si sono intrapresi studi specifici su ecosistemi montani di elevato valore ambientale e sulle popolazioni salmonicole in esso presenti. In particolare dalle indagini effettuate è emerso che in un corso d acqua della Provincia, il Fosso di Monterivoso, scarsamente antropizzato e dove sussistono condizioni ecologiche favorevoli, è ancora presente una popolazione di trota fario con caratteristiche riconducibili al fenotipo mediterraneo autoctono. Il Fosso di Monterivoso (Fig.1) è un piccolo torrente montano che mantiene per quasi tutto il suo corso modesti valori di larghezza. Per le caratteristiche presentate dalla popolazione di trota fario che vi risiede e per l alta valenza riproduttiva, dal 1996 è stata istituita una zona di protezione che investe tutto il corso d acqua. Va sottolineato inoltre che il F.so di Monterivoso non è mai stato oggetto di pratiche di ripopolamento. Fig.1 F.so di Monterivoso, località Fonte della serpa. 1

2 ATTIVITA ITTIOGENICHE DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE Per la salvaguardia della popolazione indigena di trota fario che risiede nel F.so di Monterivoso, adattabile ed integrabile in ambiente naturale, oltrechè patrimonio naturalistico e culturale dell intera collettività, dall anno 1998 ad oggi sono stati intrapresi degli interventi specifici, finalizzati alla produzione di novellame qualificato da utilizzare per il recupero e la reintegrazione degli stock naturali delle popolazioni del bacino del F.Nera. MATERIALE E METODI Le prime esperienze di spremitura e fecondazione artificiale a secco sono state effettuate nel mese di dicembre degli anni 1998 e 1999, utilizzando genitori selezionati e catturati in ambiente naturale. Gli esemplari da destinare a riproduzione controllata sono stati prelevati dal F.so di Monterivoso mediante pesca elettrica ed anestetizzati con acetoncloroformio allo scopo di evitare traumi dovuti alla manipolazione. La selezione è stata operata facendo riferimento alle caratteristiche morfologiche e morfometriche dei salmonidi in relazione a precedenti studi. In particolare sono stati attribuiti al fenotipo mediterraneo (autoctono) tutti quei soggetti che presentavano le seguenti caratteristiche fenotipiche: Fig.2 Trota fario di ceppo mediterraneo : fenotipo di riferimento. Punti di piccole dimensioni rossi senza alone e neri, distribuiti fittamente su fianchi e dorso; Macchia preopercolare scura ben evidente e dai contorni irregolari; Bande verticali (parr) presenti anche negli adulti. 2

3 Viceversa sono stati scartati tutti quei soggetti che non presentavano tali caratteristiche. Le uova fecondate sono state poste ad incubare in vaschette californiane alloggiate all interno dell incubatoio del laboratorio ittico di Terria. Le vasche sono rifornite con acqua proveniente dal F.so di Terria. Periodicamente sono stati monitorati i principali parametri ambientali ed i tempi di d incubazione e di schiusa delle uova. A completato riassorbimento del sacco vitellino, avvenuto a distanza di circa.dalla nascita, gli avannotti sono stati alimentati con mangime commerciale calibrato. Le somministrazioni giornaliere (4/5) sono state effettuate in funzione del 3% della biomassa ittica complessivamente valutata. Periodicamente sono stati rilevati gli accrescimenti reali in lunghezza totale (cm) e in peso (g) delle trotelle stabulate. RISULTATI Nella tabella seguente sono riportati i principali parametri ambientali relativi all incubazione, i tempi di schiusa e la mortalità delle uova. 1998/ /2000 TEMPERATURA DI INCUBAZIONE: 8.98 C 8.53 C OSSIGENO DISCIOLTO : mg/l 86.99% VSO 2 TEMPI DI SCHIUSA: gradi/giorno gradi/giorno MORTALITA : 5.42% 11.83% Tab.1 principali parametri ambientali relativi all incubazione, tempi medi di schiusa e mortalità. Per la campagna 1998/1999 la schiusa è avvenuta dopo gg, con temperatura media dell acqua d incubazione pari a 8.98 C (tempo medio di schiusa = gradi/giorno). 3

4 TEMPI DI SCHIUSA SPREMITURA 1998 INIZIO FINE VALORE MEDIO GRADI/GIORNO 17-dic 28-dic 47 giorno (422,06 gradi/giorno) 52 giorno (466,96 gradi/giorno) 58 giorno (520,84 gradi/giorno) 471,45 58 giorno (520,84 gradi/giorno) 493,9 Tab.2 tempi di schiusa disaggregati per vasca Per la campagna 1999/2000 la schiusa è avvenuta dopo gg, con temperatura media dell acqua d incubazione pari a 8.53 C (tempo medio di schiusa = gradi/giorno). TEMPI DI SCHIUSA SPREMITURA 1999 INIZIO FINE VALORE MEDIO GRADI/GIORNO 41 giorno (349,73 17-dic gradi/giorno) 49 giorno (417,97 22-dic gradi/giorno) 49 giorno (417,97 27-dic gradi/giorno) 46 giorno (392,38 gradi/giorno) 371, giorno (460,62 gradi/giorno) 439, giorno (477,68 gradi/giorno) 447,825 Tab.3 tempi di schiusa disaggregati per vasca Durante la campagna del 1998 si sono ottenute, da 2 femmine selvatiche di trota fario, 1200 uova fecondate (2 cicli di spremitura), mentre dalla campagna 1999, da 3 femmine selvatiche di trota fario, si è ottenuta una produzione di 1090 uova fecondate (3 cicli di spremitura). Nel corso della campagna 2001, invece, dalla spremitura di 6 femmine allevate, si sono ottenute oltre 5000 uova fecondate (5 cicli di spremitura). In questo caso si è registrata una mortalità che può essere attribuita ad una minore fertilità delle femmine primipare. 4

5 LABORATORIO ITTICO DI TERRIA PRODUZIONE INCUBATOIO DATA N FEMMINE SPREMUTE N UOVA 17/12/ /12/ TOTALE /12/ /12/ /12/ TOTALE /01/ /01/ /01/ /01/ /02/01 1? TOTALE Tab.4 Produzione di uova fecondate dal 1998 al 2001 DISCUSSIONE E CONCLUSIONI Benché alcune indagini genetiche e morfologiche debbano essere ancora ultimate, appare evidente che il laboratorio ittico di Terria possiede a tutt oggi un pregevolissimo parco di riproduttori di trota fario di ceppo mediterraneo e, parimenti, di novellame da utilizzare per la produzione di adulti destinati al mantenimento della diversità genetica delle popolazioni del bacino del F.Nera. 5

L'incubatoio di Bardolino

L'incubatoio di Bardolino PROVINCIA DI VERONA Servizio tutela faunistico ambientale L'incubatoio di Bardolino Nell aprile 2004 è stato inaugurato sul lago di Garda il nuovo centro ittiogenico e sperimentale di Bardolino: l intervento

Dettagli

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s.

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. ANNO 2012 specie prodotta quantità lunghezza media n mm lavarello 1.078.000 10-25 lavarello

Dettagli

Linee guida per la gestione della fauna ittica e degli ecosistemi fluviali in Provincia di Cuneo

Linee guida per la gestione della fauna ittica e degli ecosistemi fluviali in Provincia di Cuneo Gentili G. Romanò A. Bucchini A. Linee guida per la gestione della fauna ittica e degli ecosistemi fluviali in Provincia di Cuneo Provincia di Cuneo Giugno 2006 pagina lasciata intenzionalmente vuota Medaglia

Dettagli

Cos è l acquacoltura?

Cos è l acquacoltura? IPI DI ACQUACOLTURA Cos è l acquacoltura? Con il termine acquacoltura vengono considerate tutte le attività umane finalizzate alla produzione di organismi acquatici ALGHICOLTURA MOLLUSCHICOLTURA CROSTACEICOLTURA

Dettagli

Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA

Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA Dr. Edoardo Fusi Luglio 2004 Indagine sulla popolazione di salmerino alpino nel lago Viola 1. introduzione

Dettagli

Linee guida per la gestione degli impianti ad attività ittiogenica a salmonidi

Linee guida per la gestione degli impianti ad attività ittiogenica a salmonidi Linee guida per la gestione degli impianti ad attività ittiogenica a salmonidi Linee guida per la gestione degli impianti ad attività ittiogenica a salmonidi Pubblicazione finanziata con fondi della Regione

Dettagli

SISTEMI DI ALLEVAMENTO

SISTEMI DI ALLEVAMENTO SISTEMI DI ALLEVAMENTO IMPIANTI A TERRA (IN-SHORE) principalmente diffuso nei paesi del Mediterraneo: bacini stagni vasche IMPIANTI A MARE (OFF-SHORE) Più diffuso nel nord Europa ma in grande espansione

Dettagli

Ripopolamenti ittici con trota marmorata Salmo [trutta] marmoratus (Cuv.) nelle acque della provincia di Trento

Ripopolamenti ittici con trota marmorata Salmo [trutta] marmoratus (Cuv.) nelle acque della provincia di Trento 53 LEONARDO PONTALTI Ripopolamenti ittici con trota marmorata Salmo [trutta] marmoratus (Cuv.) nelle acque della provincia di Trento La trota marmorata Salmo [trutta] marmoratus (Cuv.) (Fig. 1) è una specie

Dettagli

Troticoltura. Allevamento larvale

Troticoltura. Allevamento larvale Troticoltura Trota iridea (Oncorhynchus mykiss) maggiore resa produttiva Trota fario (Salmo trutta) Acqua Trasparente Ossigeno ( >5 mg/l; >6-7 mg/l per uova e avannotti) Ammoniaca (< 0,07 mg/l) Nitriti

Dettagli

9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI

9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI 9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI 9.1 - Fiume Esino 9.1.1 - Caratteristiche ambientali Codice Nuovo: AN06ESIN06 Bacino Coordinate Geografiche Località

Dettagli

PROGETTO DI CONSERVAZIONE DELLA TROTA MARMORATA NEL FIUME ADDA SUBLACUALE Risultati della stagione 2005-2006

PROGETTO DI CONSERVAZIONE DELLA TROTA MARMORATA NEL FIUME ADDA SUBLACUALE Risultati della stagione 2005-2006 Provincia di Cremona PROGETTO DI CONSERVAZIONE DELLA TROTA MARMORATA NEL FIUME ADDA SUBLACUALE Risultati della stagione 2005-2006 INDICE 1. INTRODUZIONE... 4 2. MATERIALI E METODI... 6 2.1 Area di studio...

Dettagli

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it Cause di alterazione delle comunità ittiche VARIAZIONE ARTIFICIALE DEI LIVELLI IDRICI Le variazioni artificiali dei livelli idrici rappresentano uno dei principali problemi a carico delle comunità ittiche

Dettagli

Proposte di gestione per il fiume Adige

Proposte di gestione per il fiume Adige Allegato parte integrante Piano Adige 2012 Associazione pescatori dilettanti della Vallagarina Provincia Autonoma di Trento Servizio Foreste e Fauna Associazione pescatori dilettanti trentini Proposte

Dettagli

Salmonidi Europei Caratteristiche

Salmonidi Europei Caratteristiche Salmonidi Europei Salmo trutta fario.= trota di Fiume o Fario, brown trout Trota indigena delle acque di montagna dell Europa centrale e occidentale. Prima ad essere riprodotta artificialmente. Caratteristiche

Dettagli

AZIONE 3.c - Riproduzione in-situ creazione di micro-habitat. riproduzione spontanea di Austropotamobius pallipes e Cottus gobio.

AZIONE 3.c - Riproduzione in-situ creazione di micro-habitat. riproduzione spontanea di Austropotamobius pallipes e Cottus gobio. AZIONE 3c Riproduzione in situ creazione di micro habitat per la riproduzione spontanea di Austropotamobius pallipes e Cottus gobio. Novembre e dicembre 2010 AZIONE 3.c - Riproduzione in-situ creazione

Dettagli

Lago di Varese: gestione attuale e prospettive future. Dott. Pietro Ceccuzzi

Lago di Varese: gestione attuale e prospettive future. Dott. Pietro Ceccuzzi Lago di Varese: gestione attuale e prospettive future Dott. Pietro Ceccuzzi Stato trofico Stato di qualità (2003) Stato di qualità obbiettivo Concentrazione naturale di fosforo Concentrazione attuale di

Dettagli

Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative.

Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative. Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative. Dott. Mario Richieri Dirigente Regionale Unità di Progetto Caccia e Pesca Dott. Luca Tenderini Responsabile Ufficio Pesca Villa Cordellina

Dettagli

LIFE+ WATER-SCIS - IMPROVEMENT OF THE CONSERVATION STATUS OF SCIS IN THE HIGH APPENINE AREA AND IN THE PLAIN AROUND PRATO (LIFE07 NAT/IT/000433)

LIFE+ WATER-SCIS - IMPROVEMENT OF THE CONSERVATION STATUS OF SCIS IN THE HIGH APPENINE AREA AND IN THE PLAIN AROUND PRATO (LIFE07 NAT/IT/000433) I N D I C E 1. INTRODUZIONE...2 2. ATTIVITÀ DI ASSISTENZA TECNICO-SCIENTIFICA...4 2.1. Cattura dei riproduttori della specie scazzone (Cottus gobio) 5 2.2. Ricerca attiva dei riproduttori della specie

Dettagli

CONSERVATION AND BREEDING OF ITALIAN COBICE ENDEMIC STURGEON COBICE PROGETTO LIFE 04NAT/IT/000126

CONSERVATION AND BREEDING OF ITALIAN COBICE ENDEMIC STURGEON COBICE PROGETTO LIFE 04NAT/IT/000126 CONSERVATION AND BREEDING OF ITALIAN COBICE ENDEMIC STURGEON COBICE PROGETTO LIFE 04NAT/IT/000126 Action A5 - Know-how exchange with the Reserve - Danube Delta 13-17 Dicembre 2006 Romania COMPOSIZIONE

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Art. 1 PRINCIPI GENERALI ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamentazione dell'attività di pesca Premessa: Tra le finalità dell'ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito denominato Parco) vi sono degli importanti

Dettagli

IL LUCCIO AUTOCTONO (Esox flaviae) IN PROVINCIA DI LODI

IL LUCCIO AUTOCTONO (Esox flaviae) IN PROVINCIA DI LODI Dipartimento V Agricoltura ed ambiente rurale U.O. Ambiente rurale e gestione faunistica IL LUCCIO AUTOCTONO (Esox flaviae) IN PROVINCIA DI LODI A cura di Simone Rossi Citazione bibliografica consigliata:

Dettagli

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po.

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. Dipartimento V Agricoltura ed ambiente rurale U.O. Ambiente rurale e gestione faunistica La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. A cura di Simone Rossi Citazione bibliografica consigliata: Rossi S. (2014).

Dettagli

STUDIO DELLA GENETICA E MORFOMETRIA DELLA TROTA MARMORATA DEL FIUME ADDA IN PROVINCIA DI CREMONA

STUDIO DELLA GENETICA E MORFOMETRIA DELLA TROTA MARMORATA DEL FIUME ADDA IN PROVINCIA DI CREMONA COLLABORAZIONE SCIENTIFICA TRA DIPERTIMENTO DI PRODUZIONI ANIMALI, EPIDEMIOLOGIA ED ECOLOGIA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA UNIVERSITA DI TORINO E PROVINCIA DI CREMONA SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA

Dettagli

Il recupero dello storione cobice in Italia

Il recupero dello storione cobice in Italia PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI PIACENZA Il recupero dello storione cobice in Italia PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI CREMONA PROVINCIA DI VENEZIA PROGETTO LIFE 04NAT/IT/000126 PROVINCIA DI FERRARA Conservation

Dettagli

1. Quante specie o sottospecie di pesci vivono allo stato libero in Alto Adige?

1. Quante specie o sottospecie di pesci vivono allo stato libero in Alto Adige? Lista dei quiz per l esame di pesca: Si premette che la prova scritta dell esame di pesca comprende anche il riconoscimento di specie ittiche da materiale fotografico e l indicazione per esse del relativo

Dettagli

COME SI PERCHÉ MISURARE I LIVELLI DI UOVA INFERTILI E GERMI MORTI? Identificano le uova infertili e i germi morti

COME SI PERCHÉ MISURARE I LIVELLI DI UOVA INFERTILI E GERMI MORTI? Identificano le uova infertili e i germi morti COME SI PERCHÉ MISURARE I LIVELLI DI UOVA INFERTILI E GERMI MORTI? Un uovo infertile non puó produrre un pulcino. La fertilitá é influenzata dalla gestione di maschi e femmine in allevamento e non dipende

Dettagli

Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi

Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi San Vittore di Genga 17 settembre 2010 Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi Gabriele Angeletti ** Romina Angeli**

Dettagli

Il progetto L Università di Bari, con il coordinamento scientifico del Prof. Gregorio De Metrio sta gestendo dal 2007 un programma internazionale per la riproduzione controllata del tonno rosso. Il progetto

Dettagli

Indagini idrobiologiche decimo rapporto tecnico Luglio 2014

Indagini idrobiologiche decimo rapporto tecnico Luglio 2014 Centro Studi Biologia e Ambiente di Antonella M. Anzani ed Alessandro Marieni s.n.c. Cod. Fisc. / P.IVA n.02754920136 R.E.A. n.277385 Corso XXV Aprile, 87 Tel./ fax 031.610.630 22036 Erba (Co) e-mail csba.erba@tvirgilio.it

Dettagli

Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori

Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori Ottobre 2014 Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori Ali Yavuz, Senior Technical Service Manager and Dr. Antonio Kalinowski, Nutritionist Sommario Il controllo del peso dell uovo nella fase tardiva

Dettagli

L EDUCAZIONE AMBIENTALE

L EDUCAZIONE AMBIENTALE ProvinciA di AlessAndriA LaboratorioTerritoriale EducazioneAmbientale Alessandria L EDUCAZIONE AMBIENTALE PER CONOSCERE VIVERE ED OPERARE IN MANIERA SOSTENIBILE Progetti e percorsi di educazione ambientale

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

SVILUPPO DI METODI E STRUMENTI PER LA TUTELA DI UNA SPECIE A RISCHIO DI ESTINZIONE: IL CARPIONE DEL GARDA

SVILUPPO DI METODI E STRUMENTI PER LA TUTELA DI UNA SPECIE A RISCHIO DI ESTINZIONE: IL CARPIONE DEL GARDA SVILUPPO DI METODI E STRUMENTI PER LA TUTELA DI UNA SPECIE A RISCHIO DI ESTINZIONE: IL CARPIONE DEL GARDA Acronimo SALVACARPIO Provincia di Brescia, Assessorato Caccia e Pesca, Ufficio Pesca, Via Milano

Dettagli

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010 Il primo giornale online della provincia di Lecco Merateonline > Cronaca > Lecchese Scritto Giovedì 05 maggio 2011 alle 16:09 Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008.

Dettagli

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.)

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.) Torrente Marano_ stazione Marano 3 (75 m.s.l.m.) Il Torrente Marano presenta, in questo tratto, caratteristiche ancora iporitrali. La velocità di corrente è moderata ed il fondale è costituito in prevalenza

Dettagli

2001: Diploma presso l Istituto Tecnico Industriale C. Cattaneo di Castelnovo né Monti (Reggio Emilia). Votazione finale di 80 su 100.

2001: Diploma presso l Istituto Tecnico Industriale C. Cattaneo di Castelnovo né Monti (Reggio Emilia). Votazione finale di 80 su 100. DR. MAURIZIO PENSERINI CURRICULUM VITAE DATI ANAGRAFICI: Nato a Il Residente Nazionalità Italiana E-mail: maurizio.penserini@alice.it Patente: Tipo A e Tipo B TITOLI DI STUDIO: 2001: Diploma presso l Istituto

Dettagli

Disciplinare di produzione della indicazione geografica protetta TROTE DEL TRENTINO. Art. 1 DENOMINAZIONE DEL PRODOTTO

Disciplinare di produzione della indicazione geografica protetta TROTE DEL TRENTINO. Art. 1 DENOMINAZIONE DEL PRODOTTO Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO AGROALIMENTARE E DELLA QUALITÀ SAQ

Dettagli

FABRIZIO GIANLUIGI MERATI (curriculum vitae)

FABRIZIO GIANLUIGI MERATI (curriculum vitae) FABRIZIO GIANLUIGI MERATI (curriculum vitae) TITOLI, INCARICHI, ATTIVITÀ PROFESSIONALI E PUBBLICAZIONI 1 - TITOLI ED INCARICHI PROFESSIONALI 1987. Laurea in Scienze Biologiche conseguita alla Università

Dettagli

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULLE TECNOLOGIE E L IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DELLE PICCOLE SPECIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA Convenzione per l esecuzione di campagne di monitoraggio

Dettagli

LE TROTE. di di Santa Fiora: LE TROTE DEL MONTE AMIATA. tutela della biodiversità e delle tradizioni DEL MONTE AMIATA

LE TROTE. di di Santa Fiora: LE TROTE DEL MONTE AMIATA. tutela della biodiversità e delle tradizioni DEL MONTE AMIATA LE TROTE LE TROTE di di Santa Fiora: tutela della biodiversità e delle tradizioni tutela della biodiversità e delle tradizioni DEL MONTE AMIATA DEL MONTE AMIATA a cura dell Uffi cio Comunicazione della

Dettagli

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Sommario - esigenze della fauna ittica reofila - il valore di un patrimonio straordinario - esigenze dei produttori di energia - le azioni attuali per

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA Comune di Villa Collemandina

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA Comune di Villa Collemandina AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA Comune di Villa Collemandina ALLEVAMENTO ITTICO GRASSI FABIANO & CO. DI ACCORSINI MARIA TERESA Sede Operativa di Del Molino, Loc. Casetta - Comune di Villa Collemandina

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO (Delibera Commissariale n. 20 del 4 settembre 2008) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

variabilità fra gli organismi viventi di ogni

variabilità fra gli organismi viventi di ogni Un approccio di gestione sostenibile per il mantenimento degli stock ittici autoctoni Fabio Borghesan Ittiologo, consulente Veneto Agricoltura Giornate Formative: SALVAGUARDIADELLE RISORSE ITTICHE: ASPETTI

Dettagli

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Caronno P., 09-04 04-2010 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE

Dettagli

TUTELA DEL SALMERINO ALPINO NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

TUTELA DEL SALMERINO ALPINO NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO TUTELA DEL SALMERINO ALPINO NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Elaborato finale di: Alex Cavallar Matricola 785672 Relatore: Prof. Giorgio Scarì Correlatore: Ivan Stocchetti Anno Accademico 2012-2013 Classificazione

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

Torino 17 dicembre 2013. Guido Giordana

Torino 17 dicembre 2013. Guido Giordana Torino 17 dicembre 2013 Guido Giordana ELEMENTI INNOVATIVI DELLE NUOVE NORME Applicazione al settore ittico del pacchetto igiene REGOLAMENTAZIONE DI TUTTO IL SETTORE ITTICO Pesci e molluschi NORME PER

Dettagli

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD I GENERALITÀ Origine MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD Razza Veneta, selezionata dall'allevatore Luca Rizzini alla fine del XX secolo a partire da esemplari di polli di tipologia

Dettagli

LIFE10NAT/IT/265 IBRIWOLF RELAZIONE DELLA ATTIVITA' SVOLTA NEL PERIODO 1 NOVEMBRE 2012 15 DICEMBRE 2013

LIFE10NAT/IT/265 IBRIWOLF RELAZIONE DELLA ATTIVITA' SVOLTA NEL PERIODO 1 NOVEMBRE 2012 15 DICEMBRE 2013 LIFE10NAT/IT/265 IBRIWOLF Azioni C1 e C2 Interventi di rimozione degli ibridi lupo cane in Maremma e sul Monte Amiata RELAZIONE DELLA ATTIVITA' SVOLTA NEL PERIODO 1 NOVEMBRE 2012 15 DICEMBRE 2013 Dipartimento

Dettagli

Relazione della III Commissione permanente

Relazione della III Commissione permanente REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE Relazione della III Commissione permanente ATTIVITA PRODUTTIVE; PROBLEMI DEL LAVORO; EMIGRAZIONE; AGRICOLTURA E FORESTE; COOPERAZIONE; INDUSTRIA; ARTIGIANATO; COMMERCIO;

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Saronno, 16-11-2009 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE FLUVIALE

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita CORSO DI ABILITAZIONE ALLA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI RUMINANTI - 2013 - A cura di: Giordano Omar Tecnico faunistico C.A. CN2 RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE E

Dettagli

Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni

Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni SALOGNI CRISTIAN SEZ. DIAGNOSTICA DI BRESCIA LABORATORIO DI ITTIOPATOLOGIA Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Il trasporto e la macellazione nei pesci Dr. Amedeo Manfrin Istituto Zooprofilattico Sper.le delle Venezie SCT 3 Adria (RO)

Il trasporto e la macellazione nei pesci Dr. Amedeo Manfrin Istituto Zooprofilattico Sper.le delle Venezie SCT 3 Adria (RO) Il trasporto e la macellazione nei pesci Dr. Amedeo Manfrin Istituto Zooprofilattico Sper.le delle Venezie SCT 3 Adria (RO) Benessere e sperimentazione animale in acquacoltura XVI Convegno SIPI - Orvieto

Dettagli

Punti fondamentali per la corretta progettazione: Approccio sito-specifico e multidisciplinare: ingegneria ed ittiologia

Punti fondamentali per la corretta progettazione: Approccio sito-specifico e multidisciplinare: ingegneria ed ittiologia INDAGINE SULL ITTIOFAUNA E SULLE BARRIERE FISICHE DEL BACINO DEL TORRENTE PESIO MAURO FISSORE Ente di gestione Parchi e Riserve Naturali Cuneesi Prelievi idrici (dighe, traverse, sbarramenti precari, precari,......))

Dettagli

PROVINCIA DI COMO Settore Agricoltura e Pesca

PROVINCIA DI COMO Settore Agricoltura e Pesca PROVINCIA DI COMO Settore Agricoltura e Pesca Via BORGOVICO 171-22100 COMO agricoltura@pec.provincia.como.it BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DI ALCUNE ACQUE DELLA PROVINCIA DI COMO, LIMITATAMENTE

Dettagli

MONITORAGGIO DEGLI INTERVENTI DI REINTRODUZIONE DEL

MONITORAGGIO DEGLI INTERVENTI DI REINTRODUZIONE DEL MONITORAGGIO DEGLI INTERVENTI DI REINTRODUZIONE DEL GAMBERO D ACQUA DOLCE (Austropotamobius pallipes) NELL IDROGRAFIA DEL PARCO AGRICOLO SUD MILANO RELAZIONE 2005 Dipartimento di Biologia Animale Università

Dettagli

Responsabile di progetto Cognome e Nome

Responsabile di progetto Cognome e Nome N. PROGETTO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE interni estern i ore Proposta Piani Finalizzati annualità 2011: Produzione locale di lepri da destinare al ripopolamento SCHEDA DI PROGETTO NUMERO dei soggetti (e

Dettagli

QUIZ UTILI ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI PER GUARDIA ITTICA PROVINCIALE ( a cura di Pietro Lupia )

QUIZ UTILI ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI PER GUARDIA ITTICA PROVINCIALE ( a cura di Pietro Lupia ) QUIZ UTILI ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI PER GUARDIA ITTICA PROVINCIALE ( a cura di Pietro Lupia ) NOTA: i quiz che seguono non hanno altra velleità se non quella di essere di ausilio ai candidati che

Dettagli

PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A.

PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A. PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A. 2014/2015 I progetti didattici la fauna ittica e terrestre in ambiente

Dettagli

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco)

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) Classificazione sulla base degli elementi di qualità fisico chimica: LTLeco 100 80 Percentuale 60 40 20 0 2008 2009 2010

Dettagli

GENERALITA SULL ACQUACOLTURA

GENERALITA SULL ACQUACOLTURA GENERALITA SULL ACQUACOLTURA L acquacoltura è una zootecnia specializzata in organismi che sono legati all acqua per svolgere il loro ciclo vitale, sia per un breve periodo che per tutta la loro vita.

Dettagli

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne ALLEVAMENTI AVICOLI ALLEVAMENTO AVICOLO Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne Possono essere di tipo: -Tradizionale - Intensivo

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto.

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Tenuta del Varco La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Adagiata in posizione naturale particolarmente privilegiata, a circa

Dettagli

CONSERVATION AND BREEDING OF ITALIAN COBICE ENDEMIC STURGEON COBICE PROGETTO LIFE 04NAT/IT/000126

CONSERVATION AND BREEDING OF ITALIAN COBICE ENDEMIC STURGEON COBICE PROGETTO LIFE 04NAT/IT/000126 CONSERVATION AND BREEDING OF ITALIAN COBICE ENDEMIC STURGEON COBICE PROGETTO LIFE 04NAT/IT/000126 Action A5 - Know-how exchange with the Reserve - Danube Delta 13-17 Dicembre 2006 Romania 1 Fase La delegazione

Dettagli

Linee guida regionali per l applicazione al settore della piscicoltura del decreto del Ministero della Salute 3 agosto 2011

Linee guida regionali per l applicazione al settore della piscicoltura del decreto del Ministero della Salute 3 agosto 2011 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1525 del 31 luglio 2012 pag. 1/6 Linee guida regionali per l applicazione al settore della piscicoltura del decreto del Ministero della Salute 3 agosto

Dettagli

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE CAMPAGNA INFORMATIVA APRILE 2009 FENOMENOLOGIA ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus) Chii èè? È un Dittero nematocero Aedes Albopictus, comunemente definita Zanzara tigre, originario

Dettagli

0.923.221. Regolamento d applicazione

0.923.221. Regolamento d applicazione Traduzione 1 Regolamento d applicazione dell Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica francese concernente l esercizio della pesca e la protezione dell ambiente acquatico

Dettagli

Riproduzione della trota!

Riproduzione della trota! Titel dieser Seite " La riproduzione della trota Blablabla tralalalalalalal" Riconoscimento dei fregolatoi e loro rilevamento Riproduzione della trota Vortrag: DI Georg Holzer & DI Manuel Hinterhofer;

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard

Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard 225 Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard Podarcis sicula (foto S. Viglietti) Tassonomia e distribuzione generale Specie altamente politipica con un elevata variabilità

Dettagli

Uso sostenibile delle risorse ittiche

Uso sostenibile delle risorse ittiche Uso sostenibile delle risorse ittiche Pesca in mare da noi Photo M. Roggo Sostenibilità La sostenibilità è un principio guida per l'uso delle risorse, nella quale la conservazione delle caratteristiche

Dettagli

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07).

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). 1. Generalità 1.1 Premessa L operatore che intende allevare

Dettagli

Parco Valle Lambro Parco Valle Ticino Unione Europea

Parco Valle Lambro Parco Valle Ticino Unione Europea Regione Lombardia Parco Valle Lambro Parco Valle Ticino Unione Europea BIOLOGIA COME È FATTO Il gambero d acqua dolce protagonista del nostro progetto ha un nome scientifico abbastanza complesso: Austropotamobius

Dettagli

Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE

Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE Art. 1 Finalità La Provincia di Como con le presenti disposizioni disciplina

Dettagli

S. ORSOLA: È ATTIVO IL CENTRO ITTIOGENICO ESCHE: IL MARSON DEL COBRA A PESCA IN GIRO PER IL MONDO SCIENZA: BARBI E TEMOLI NOSTRANI

S. ORSOLA: È ATTIVO IL CENTRO ITTIOGENICO ESCHE: IL MARSON DEL COBRA A PESCA IN GIRO PER IL MONDO SCIENZA: BARBI E TEMOLI NOSTRANI Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, NE/TN ANNO 3 N.1/2014 SPECIALE LUCCIO UNA NUOVA SPECIE: IL LUCCIO ITALICO

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

PROGETTO DI ALLEVAMENTO SPERIMENTALE DEL FAGIANO CON INCUBAZIONE NATURALE CON CHIOCCINE PREMESSA L allevamento tradizionale del fagiano, di tipo semi-industriale, industriale, ha evidenziato negli anni

Dettagli

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta LE TARTARUGHE Testudo hermanni & Caretta caretta CLASSIFICAZIONE: Regno Animalia Classe Reptilia Ordine Testudines Testudo hermanni (o tartaruga di Hermann) L HABITAT Tipicamente mediterraneo. La Testudo

Dettagli

LAGO DI VARESEARESE. Bacino imbrifero del Lago di Varese

LAGO DI VARESEARESE. Bacino imbrifero del Lago di Varese LAGO DI VARESEARESE Latitudine ( N): 45 48 Longitudine ( E): 08 45 Altitudine (m s.l.m.) 238 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 1226 Superficie lago (km 2 ) 14,8 Superficie bacino imbrifero naturale

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea RACCOMANDAZIONI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea RACCOMANDAZIONI L 118/16 4.5.2016 RACCOMANDAZIONI RACCOMANDAZIONE (UE) 2016/688 DELLA COMMISSIONE del 2 maggio 2016 sul controllo e la gestione della presenza di diossine e PCB nel pesce e nei prodotti ittici provenienti

Dettagli

VALLICOLTURA E OASI NATURALISTICA DI CA MELLO

VALLICOLTURA E OASI NATURALISTICA DI CA MELLO VALLICOLTURA E OASI NATURALISTICA DI CA MELLO Noi alunni della classe I H, insieme agli alunni della classe I G, il giorno 27 ottobre siamo andati a visitare l oasi naturalistica di Ca mello sul delta

Dettagli

LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA

LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA Progetto: LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA Metodologia monitoraggio elementi chimico fisici,

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento ittico Golfo di Patti AZIONE 550 Marchio Consortile Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento

Dettagli

LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI

LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI Claudio Comoglio Politecnico di Torino Dipartimento di Ingegneria del Territorio, dell Ambiente e delle Geotecnologie

Dettagli

www.dirittoambiente. net

www.dirittoambiente. net www.dirittoambiente. net Sulla corretta interpretazione dell art. 11 della legge quadro sulle aree naturali protette 6 dicembre 1991 n. 394. Breve nota alla sentenza della Corte di Cassazione Civile a

Dettagli

Indagine sullo stato delle principali popolazioni di trota marmorata in Provincia di Cuneo

Indagine sullo stato delle principali popolazioni di trota marmorata in Provincia di Cuneo Provincia di Cuneo - Settore Tutela Flora e Fauna Indagine sullo stato delle principali popolazioni di trota marmorata in Provincia di Cuneo Provincia di Cuneo - Settore Tutela Flora e Fauna Indagine

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) è una zanzara originaria del sud-est asiatico. Inizialmente, infatti, viveva in un area che andava dal Giappone al Madagascar dove

Dettagli

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE CONSORZIO PARCO REGIONALEDEI LAGHI DI SUVIANA EBRAS PROPOSTE PER L EDUCAZIONE AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE DEI LAGHI DI SUVIANA E BRASIMONE PER L ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Le proposte del Parco dei Laghi

Dettagli

Corso di formazione. Inquadramento della conservazione della natura in Italia

Corso di formazione. Inquadramento della conservazione della natura in Italia Corso di formazione Inquadramento della conservazione della natura in Italia 1. Storia, situazione attuale ed evoluzione del Sistema delle Aree Protette in Italia Siamo l ultima generazione ancora in tempo

Dettagli

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos)

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) Mauro FISSORE Resp. servizio Guardiaparco Primi dati sull attività di monitoraggio nel territorio del Parco naturale del Marguareis Territorio interessato dalla ricerca:

Dettagli

Az. C.1 Manual on procedures for restocking and reproduction

Az. C.1 Manual on procedures for restocking and reproduction LIFE10 NAT/IT/000239 RARITY Eradicate invasive Louisiana red swamp and preserve native white clawed crayfish in Friuli Venezia Giulia Az. C.1 Manual on procedures for restocking and reproduction Allevamento

Dettagli

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI Il grifone (Gyps fulvus) un tempo era presente in tutto il bacino del Mediterraneo e in vari settori delle Alpi e dell Europa centrale. Spostamenti

Dettagli

LAMBRUSCO A FOGLILA FRASTAGLIATA VIGNETO STORICO PREFILOSSERA

LAMBRUSCO A FOGLILA FRASTAGLIATA VIGNETO STORICO PREFILOSSERA LAMBRUSCO A FOGLILA FRASTAGLIATA VIGNETO STORICO PREFILOSSERA Vigne franco di piede L inizio della potatura a fine Gennaio LAMBRUSCO a FOGLIA FRASTAGLIATA o ENANTIO «La brusca: hoc est vitis silvestris,

Dettagli