SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA"

Transcript

1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI CUNE0 2) Codice di accreditamento: NZ ) Albo e classe di iscrizione: ALBO REGIONE PIEMONTE I CLASSE CARATTERISTICHE PROGETTO 4) Titolo del progetto: Biblioteca di Boves: anche per te! 5) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): D Patrimonio artistico e culturale 01 Cura e conservazione biblioteche 6) Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto: - Contesto Territoriale Boves dista circa 8 Km da Cuneo, capoluogo di provincia, e si compone, oltre al centro principale, di 10 frazioni. Si trova a 600 metri s.m.l. ai piedi della Bisalta, imponente e caratteristica montagna dalle due punte, situata nel cuore delle Alpi Marittime. Il paesaggio è assai variegato, passando in pochi metri dal fondovalle in cui scorrono il torrente Gesso e il torrente Colla, ai 2404 metri s.m. della Bisalta, tutto intorno colline e boschi. A dimostrazione dell interesse per la natura vi è, nel centro di Boves, ii Museo del Fungo e di Scienze Naturali: più di 3000 modellini di funghi ma anche fossili, animali imbalsamati, conchiglie, rettili, crostacei e oltre 130 specie di farfalle. Immerso nel verde è nato da pochi anni il Museo della Castagna, sorto per far conoscere al meglio un alimento che per secoli è stato una importante fonte di sostentamento per le comunità locali. Sito nel medesimo palazzo della Biblioteca vi è il Museo della Resistenza, mostra permanente di dipinti di grande valore documentario, che testimoniano episodi di vita quotidiana dei partigiani impegnati sulle alture di Boves tra il 1943 e il Il museo possiede inoltre una ricca raccolta di libri e documenti riguardanti la Resistenza essendo nate, proprio in queste valli, le prime formazioni partigiane. Boves, due volte incendiata dai nazisti, ha meritato il titolo di Città martire della Resistenza e due medaglie d oro, al valor civile e militare. Nel 1984, per superare la semplice memoria della Resistenza, L Amministrazione comunale ha dato vita ad una Scuola di Pace: cicli di conferenze e incontri per promuovere la cultura di pace, il rispetto del pluralismo e dell ambiente. Tale scuola, come il Museo della Resistenza, ha sede nell attuale palazzo della Biblioteca. 1

2 Dati statistici del Comune Abitanti Nuclei familiari Nati nell anno Residenti per fasce d età: 01/01/ /12/2002 =753 01/01/ /12/2007 = 502 1/01/ /12/2009 = /01/ /12/2013 =331 Frazioni Fontanelle - S. Mauro - S. Anna - Mellana - Rivoira - S. Giacomo - Castellar - Roncaia - Cerati - Rosbella Superficie 51 Kmq Cuneo Peveragno Borgo San Dalmazzo Roccavione -Limone Robilante - Vernante Comuni limitrofi Associazioni 83 La popolazione bovesana è nota sul territorio per essere operativa ed associativa : numerose sono, infatti, le associazioni attive ben 83 tra queste alcune interagiscono in maniera particolarmente proficua con la biblioteca per l organizzazione di mostre ed eventi culturali in occasione di festeggiamenti patronali ed istituzionali, nonché incontri di carattere ricreativo-culturale. Tra queste la Pro Loco ed il Circolo pensionati, la Scuola di Pace, la compagnia teatrale Teatro degli Episodi, Il circolo fotografico l Otturatore, l associazione culturale Bucaneve, il gruppo di ricamo Maria Franza, la Banda musicale S. Pellico ed il Coro polifonico, l Atlante dei suoni, sezione staccata della Fabbrica dei suoni di Venasca, che opera sul territorio dal 2012 con oltre visitatori all anno e l Associazione Post Scriptum associazione giovanile locale under trenta che organizza un Festival letterario rivolto ad adulti e bambini: ad ottobre 2014 avrà luogo la quarta edizione. - Contesto Settoriale e Presentazione dell'ente Il territorio cuneese è bibliotecariamente organizzato in un Sistema denominato Sistema Bibliotecario delle Valli Cuneesi composto da 36 comuni, piccoli e grandi. 18 sono le biblioteche, che offrono servizi di prestito, consultazione, tutela della cultura locale ed organizzano eventi culturali e non, con un orario d apertura al pubblico che va da un minimo di 6 ad un massimo di 30 ore settimanali. Altri 18 sono i punti di prestito che, ogni sei mesi, vengono dotati dalla Biblioteca Centro rete (Biblioteca civica di Cuneo) di 150 volumi per il prestito e non forniscono altri tipi di servizi. La Biblioteca civica di Boves è una biblioteca pubblica di Ente locale, il Comune di Boves; appartiene amministrativamente all Area Cultura-Segreteria che si occupa della promozione turistica e delle attività culturali. La biblioteca fa parte del Sistema Bibliotecario delle Valli Cuneesi ed opera, secondo l art. 2. L.R. 78/78, al fine di promuovere l informazione, la formazione culturale e il godimento pubblico del materiale bibliografico e documentario, con particolare attenzione alla fascia d età giovanile ed alla diffusione e conservazione della storia e della cultura locale. La Biblioteca Civica è stata inaugurata nel 1969, totalmente informatizzata dal 1985 (prima in tutto il territorio cuneese) e, dal 2007, è dotata di lettori ottici per la lettura del codice a barre collocato su ciascun libro: la copertura del pregresso col codice a barre è stata possibile grazie al progetto di Servizio civile dell anno 2006/2007. Quest innovazione ha migliorato notevolmente le prestazioni del front-office: col codice a barre si può provvedere ad una rapida e sicura distribuzione / ricezione del materiale e ciò rende possibile aver più tempo per dedicarsi con maggior attenzione e cura alle esigenze dei lettori. La Biblioteca è e vuole essere inoltre luogo di ritrovo, crescita culturale, svago ed aggregazione. Organizza, in collaborazione con l Assessorato alla cultura ed alla Pro Loco e con le associazioni attive sul territorio, incontri e manifestazioni, e promuove la lettura ed eventi collegati alla vita culturale 2

3 della città, quali mostre, convegni e letture animate, spettacoli teatrali e musicali. Offre altresì il suo attivo contributo nel promuovere l immagine e la storia della città grazie all organizzazione di visite guidate e ricerche sulla storia del territorio. Il rapporto con le scuole locali (1 Istituto comprensivo A. Vassallo composto di 1 scuola primaria e 1 secondaria di primo grado, 1 scuola materna a Boves, 1 scuola materna Mons. Calandri e 1 primaria a Fontanelle e 1 materna e 1 primaria a Rivoria, 1 baby parking L isola che non c era a Boves) è da sempre ottimo e va dal reciproco scambio di locali quali sale ed auditorium e/o materiali quali pannelli, apparecchiature (pc, videoproiettori, microfoni ecc.), nonché collaborazioni in caso di festeggiamenti come la Festa di Natale e la Festa di Fine anno scolastico. Tutte le scuole, a partire dal Baby Parking, sono accolte da anni in biblioteca con progetti specifici dedicati alle varie fasce d età studiati ad hoc per promuovere e valorizzare la lettura. Il contatto con le scuole è particolarmente ricercato perché permette di far conoscere non solo ai bambini, ma anche alle famiglie, la Biblioteca con le sue offerte ed i suoi servizi. La Biblioteca civica di Boves consta di circa documenti per un totale di operazioni - anno tra prestito, restituzione e prenotazioni (dati dic fonte: Sistema Biblos della Biblioteca di Boves). Le attività di base sono quelle comuni a tutte le biblioteche, vale a dire: prestito, restituzione, prenotazioni, riordino, consultazione e servizio di reference; consultazione guidata dei fondi storici; gestione del prestito interbibliotecario; ricollocazione delle raccolte (svecchiamento e archiviazione dei documenti non più attuali o in condizioni di non prestabilità); gestione del catalogo on line; acquisti, controllo e scelta dei desiderata, gestione dei rinnovi telefonici e on-line. A semplificare le attività di base del prestito/restituzione, dal 2007, vi è l utilizzo di lettori ottici per la lettura del codice a barre collocato su ciascun libro. Essendo la biblioteca totalmente informatizzata, il catalogo è disponibile on-line al sito e consultabile anche in sede, insieme agli altri cataloghi nazionali online. Circa le raccolte possedute, la biblioteca cerca di soddisfare le diverse esigenze della popolazione, per età e formazione culturale, tenendo presente che la legge regionale 78/78 prevede che le biblioteche di pubblica lettura locali si rivolgano principalmente ai giovani, meno autonomi negli spostamenti verso le città più grandi, e alla cultura locale, di cui la biblioteca comunale deve essere depositaria. Negli ultimi anni è cresciuta particolarmente la raccolta documentaria per gli utenti 0-6 anni, data anche la partecipazione dal 2005 della Biblioteca al progetto nazionale Nati per Leggere, che promuove la lettura insieme ai bambini, quale strumento di crescita affettiva ed emotiva, fin dal primo anno di vita e prevede il dono di un libro ad ogni neonato dell anno. Nel 2012, su 77 bambini nati, sono stai distribuiti 38 volumi (fonte Dati statistici Biblioteca di Boves - dic. 2013). Fin dalla sua fondazione l Amministrazione ha provveduto con continuità all incremento del patrimonio documentario (libri, riviste, dvd ecc) della biblioteca, con particolare attenzione all attualità, ai classici ed alle novità: narrativa, saggi, riviste, guide turistiche, cd, e in questi ultimi anni dvd, soprattutto a carattere storico naturalistico documentario. Data la peculiarità delle vicende storiche bovesane nell ultimo conflitto mondiale, un ruolo importante nella raccolta della biblioteca è riservato alla sezione dei libri sulla Resistenza, le guerre e la cultura della pace. Altra sezione numericamente rilevante è quella di libri di cucina, nata in seguito ad un concorso (Pantagruel), sempre aggiornata e assai gradita dal pubblico. I frequentatori della biblioteca di Boves, nella nostra piccola realtà, sono molto numerosi: tenendo presente una popolazione di abitanti, i tesserati dalla data di apertura della biblioteca in totale sono 8800; nel 2013, sono state le operazioni di prestito, restituzione e prenotazione di cui ben di solo prestito, ciò nonostante la vicinanza con il capoluogo e le sue biblioteche. Questo è dovuto principalmente all offerta di materiale di pubblica lettura che la continuità degli acquisti promossa dalle varie Amministrazioni Comunali ha garantito negli anni, nonché alla particolare attenzione che si riserva al singolo lettore, con le sue esigenze e le sue peculiarità, nonché all ottimo e continuativo rapporto con le scuole locali instauratosi fin dalla fondazione della biblioteca. Aver tesserato fin dal 1969 tutti gli scolari ha indotto i medesimi e le famiglie a frequentare con assiduità la biblioteca, divenuta nel tempo come di famiglia : la prova tangibile di ciò sono, oltre ai prestiti, le migliaia di libri donati annualmente dai cittadini bovesani alla biblioteca, quale sintomo di stima e affezione alla medesima. Ancora oggi molti insegnanti accompagnano mensilmente gli alunni in biblioteca per il prestito e le letture animate; per la 3

4 restituzione dei libri spesso ci si affida alle famiglie, altro modo per coinvolgere la popolazione, come anche il progetto Nati per leggere, di cui si è detto. Punto di forza della nostra realtà è la cura per il singolo utente, seguita nei minimi particolari, dalla presenza del Registro dei Desiderata, per le richieste d acquisto dei lettori, al Carretto delle Novità (un vero e proprio carretto antico, donato da un vecchio mercante locale). Qui si espongono a rotazione, per facilitarne la scelta, libri e materiale multimediale di nuova acquisizione o si creano angoli a tema (es. lo sport, l arte culinaria e le varie specialità o la cura del verde, orti e giardini nel periodo della semina ecc) o collegati ad avvenimenti storici o d attualità. La Biblioteca è altresì il luogo per eccellenza in cui si raccoglie la memoria locale: recentemente anche l'archivio di storia locale è stato informatizzato; due sono i fondi storici di rilevo: la raccolta Carlo Baudi di Vesme, per lo più d'argomento storico, e quella di Nino Berrini, per lo più d'argomento letterario. Caratteristica importante della Biblioteca di Boves è rappresentata dalla raccolta delle riviste: più di 60 testate (alcune ricevute in dono con regolarità, altre acquistate annualmente), tutte prestabili. La Biblioteca è inoltre un centro di aggregazione notevole per la città, essendo situata nel cuore della medesima ed ospitando, nella sua sede, l'istituzione comunale della Scuola di Pace, l archivio di storia locale ed il Museo della Resistenza. Nel corso degli anni la Biblioteca e le istituzioni in essa ospitate sono divenute un importante realtà in cui incontrarsi, conoscere, apprendere, oltre che un luogo in cui fruire dello scambio di libri e riviste, essendo la Biblioteca dotata di appositi spazi per riunioni e di socializzazione. I dati statistici rilevati tramite il programma di gestione della biblioteca (Biblos dell Informatica System) dimostrano infatti quanto sia attiva e frequentata. I dati, essendo computerizzati, sono ovviamente reali, ma probabilmente in difetto per quanto riguarda il numero delle tessere attive, perché spesso accade che siano solo uno o due membri della famiglia a frequentare assiduamente la biblioteca e a rifornire di libri anche gli altri componenti; le persone che usufruiscono del servizio risultano dunque, in realtà, ancora più numerose rispetto a quanto indicato dalle statistiche. DATI della BIBLIOTECA LA BIBLIOTECA INDICATORI INDICE NUMERICO Volumi catalogati anno Volumi posseduti Prestiti annui Operazioni annue Numero di tessere attive nell anno Periodici che pervengono regolarmente 60 Fonte: Biblioteca- Programma gestionale Biblos Comune di Boves Data: dic INDICATORI PROMOZIONE DELLA LETTURA SUL TERRITORIO INDICE NUMERICO Incontri di animazione 12 x circa 20 bambini per volta = 240 bambini Visite guidate scuole 18 x circa 23 alunni per classe = 414 alunni Visite guidate Scuola di Pace e Area Cultura 25 x circa 550 bambini e ragazzi coinvolti Fonte: Registro delle Prenotazioni Area cultura Anno 2013 Particolare cura si riserva da sempre ai bambini e ragazzi, offrendo loro durante tutto l anno momenti ludici e ricreativi. Nell anno 2013 han riscontrato particolare interesse una serie di laboratori creativi gestiti da un architetta creativa volontaria; realizzati con periodicità stagionale in occasione delle festività come Halloween, Natale, Carnevale, Pasqua, Primavera, Estate erano 4

5 strutturati in letture di brevi testi ad hoc con, a seguire, la creazione di oggetti, fiori, quadri, maschere ecc a partire da materiale riciclato (età media fruitori: 5-10 anni). La biblioteca di Boves può vantare inoltre 2 volontari fissi operanti ormai da decenni, fonte utilissima di scambio di saperi. La prima, fin dalla fondazione della biblioteca, è l addetta alla storia locale; è presente in biblioteca circa tre pomeriggi alla settimana ed ha creato un archivio locale sostitutivo di quello andato bruciato nelle vicende belliche del 1943; tale archivio è molto utilizzato, sia dagli storici sia dagli studenti. Con 110 giorni di presenza nell anno 2013 (Fonte: Calendario presenze biblioteca: anno 2013) il volontario addetto al front office, è a dir poco una presenza costante e assai gradita, giacché con il suo operare permette al personale in servizio di approfondire le richieste specifiche dell utenza che, come si è detto, è sovente numerosa. In tutti questi anni spesso la Biblioteca ha continuato il rapporto con i ragazzi del SCV più interessati e disponibili, offrendo loro informazioni e supporto per approfondire gli studi in materia biblioteconomica o proponendo loro varie forme d incarico professionale di collaborazione, non ultimi i voucher attualmente in uso. Un esperienza che si è rivelata utile e proficua è stata quella di affiancare, soprattutto a inizio servizio e nei periodi di maggiore attività es. in coincidenza dei laboratori, gite o letture animate i voucheristi ex servizio civile ai nuovi volontari in servizio civile: l unione di competenze e saperi si è rivelato di stimolo ed esempio. - Servizi Analoghi Nella città di Boves non vi sono altre biblioteche o centri che offrano un servizio analogo. Gli utenti con esigenze specifiche, esaurite le competenze sul territorio, sono guidati a completare le proprie ricerche presso le biblioteche specializzate limitrofe, vale a dire la Biblioteca civica di Cuneo, Centro Rete del Sistema bibliotecario delle Valli cuneesi; l Istituto Storico della Resistenza e della Società contemporanea in Provincia di Cuneo per le ricerche in ambito storico/contemporaneo; la Società per gli Studi storici archeologici ed artistici in provincia di Cuneo che promuovere la ricerca, la raccolta, il restauro, la conservazione e lo studio dei documenti storici, delle memorie, dei monumenti e degli oggetti d arte della provincia di Cuneo; la Biblioteca Diocesana, presso il Seminario Vescovile di Cuneo, raccoglie collezioni di libri e periodici del Vescovado; la Biblioteca della Camera di Commercio di Cuneo per la consultazione ed il prestito di annuari statistici, censimenti, rapporti e relazioni economiche, pubblicazioni sulla provincia di Cuneo e sulla sua economia, monografie della Commissione europea, riviste a carattere giuridico-economico, repertori e interessanti raccolte di giornali e periodici, risalenti alla fine dell 800 e ai primi quaranta anni del Novecento; la Biblioteca del Polo Giuridico-Economico dell Università di Torino (decentramento di Cuneo) che ha come scopo primario di fornire supporto alla didattica e alla ricerca in ambito universitario; la Biblioteca del Conservatorio di musica F.G. Ghedini a carattere musicale; la Biblioteca del Museo Casa Galimberti, uno dei pochissimi esempi di biblioteca privata di fine Ottocento che offre servizi di ricerca bibliografica, consultazione interna e riproduzione di materiale librario ed infine la Biblioteca della sezione cuneese del C.O.N.I. che raccoglie documentazione, dal punto di vista sportivo, su tutte le discipline sportive, anche quelle meno diffuse e note. 5

6 - Analisi dei bisogni Il modo in cui la Biblioteca di Boves si presenta nel territorio, caratterizzandosi con la volontà di uscire dal luogo strettamente fisico attraverso la costruzione di una rete con altre organizzazioni, la proposta di attività esterne e l attivazione di iniziative animate della parola, ha permesso di intercettare richieste e bisogni altrimenti non osservabili, in particolare ne ha evidenziati due: 1) Il bisogno dei cittadini di un luogo accessibile, attivo e conosciuto dove poter andare liberamente per approfondire saperi, aggiornarsi sulle questioni sociali e scientifiche, confrontarsi con altri compagni e colleghi o amici o esperti attraverso strumenti di orientamento. Il servizio offerto dovrà essere accogliente, professionale e ricco di materiali adeguati e attività di supporto. 2) Il bisogno espresso (in modo non diretto) dagli adolescenti di un luogo dove la cultura non sia formalmente connessa al mondo della scuola o al mondo del dovere. Il servizio offerto dovrà tenere conto del desiderio di espressione libera e non formale che hanno i giovanissimi di entrare in contatto con i saperi, la storia, i racconti e in generale il mondo della letteratura. In particolare si è visto il riscontro estremamente positivo dell'intervento sui ragazzi di prima media a cui si è offerto uno spazio privilegiato di attività, anche grazie alle risorse del Servizio Civile. Questi ragazzini si sono dimostrati estremamente interessati e partecipi con un desiderio elevato di lettura e di scambio di pareri sui libri letti da cui è nata una modalità di voto del libro che supporta il lettore nella scelta. (Metodo che verrà descritto in modo più approfondito di seguito) - Cosa intende realizzare il Progetto Questo progetto ha un anima sociale, esplicita a partire dal titolo: Biblioteca di Boves: anche per te! Cercare di arrivare a tutti, a coloro che la conoscono ma solo di nome, a coloro che la frequentavano una volta, a quelli che non hanno mai pensato di frequentarla e soprattutto a coloro che non ne conoscono l esistenza e le potenzialità. Aumentare le presenze e ampliarne il target. I mezzi per arrivare a tutti sono molteplici: il web e i social networks per il target dei più giovani e informatizzati, per le altre fasce d età si tratta di potenziare le campagne di volantinaggio, migliorarne la qualità puntando su contenuti chiari ed evidenti, selezionare i punti di distribuzione in base all utenza che si vuole raggiungere e continuare la cooperazione con le scuole giacché il tam tam scuola famiglia è da sempre fonte eccellente di comunicazione. Siccome per noi è fondamentale offrire un servizio di qualità, non è importante solo attirare il pubblico ma soddisfarlo proponendo raccolte ordinate, ben segnalate, accessibili e aggiornate. Questo richiede un lavoro preciso costante e capillare: riordinare quotidianamente, catalogare riviste e nuove acquisizioni, renderle visibili al pubblico e ancora saper consigliare, proporre e soddisfare l utenza. Nell ambito delle complesse ed articolate attività svolte dalla Biblioteca gli aspetti su cui si andrà ad operare saranno: 1. L INFORMAZIONE, LA PROMOZIONE ED IL MIGLIORAMENTO DELLA FRUIBILITÀ DELLA BIBLIOTECA Si tratterà di andare a potenziare o rinnovare l attività di informazione e comunicazione relativa all esistenza della biblioteca cittadina e dei suoi servizi, nonché far vivere alla città la consapevolezza che le biblioteche sono oggi, sempre di più, luoghi aperti a tutti, in cui ritrovarsi e trascorrere del tempo insieme, da vivere come piazza tra i libri, ancor più in un territorio in cui i mesi freddi e piovosi sono la maggioranza. Gli strumenti utilizzati saranno i social network ed in generale del web per attirare i giovani, gli strumenti più classici come manifesti, volantinaggio nei negozi, parrocchie, ufficio postale, parchi gioco brochure e iniziative ad hoc per non trascurare la fascia di popolazione meno o per nulla informatizzata. Grazie al fatto che la biblioteca esiste sul territorio da 45 anni molti bovesani ne conoscono l esistenza, ma numerose sono le famiglie che hanno scelto da poco Boves per vivere e tra esse vi è anche una buona percentuale di stranieri. Oltre a sapere che esiste una biblioteca è fondamentale far sapere quali servizi offre e soprattutto quanto si è evoluta quantitativamente e 6

7 qualitativamente nel tempo: molti neo-genitori ritornano in biblioteca accompagnando i figli e si stupiscono di quanto sia cresciuta e trasformata negli anni. Circa la fruibilità della struttura, la promozione e l informazione non possono modificare la condizione della stessa, se poi l offerta risulta essere deludente. La collaborazione del SC, quindi, è utile e indispensabile per mantenere le raccolte vive, ricche, ordinate e sempre a disposizione del pubblico. Per il buon livello della gestione è importante, infatti, l organizzazione della realtà di base della biblioteca, fatta di prestito, restituzione, riordino e ricerca, giacché un costante lavoro di manutenzione è indispensabile per garantire a tutte le fasce d utenza un buon servizio. 2. PROSECUZIONE DELLA PROMOZIONE DELLA BIBLIOTECA E DELLA LETTURA PER I RAGAZZI NATI NEL 2002 Grazie al progetto di SC in corso, dal mese di marzo, dopo la fase di avvio e formazione, si è lavorato per la prima volta con metodo, programmazione e notevole collaborazione con l Istituto comprensivo per quella fascia d età di transizione tra l infanzia e l adolescenza: 100 ragazzi di 12 anni circa, frequentanti l Istituto comprensivo locale. Lo scopo principale era quello di offrire loro una visione della biblioteca viva e attiva e di rendere la lettura una costante amica del loro tempo libero. Il tutto con modalità libere e informali, divertenti e apparentemente destrutturate, ma in realtà programmate fin nel dettaglio quale garanzia di riuscita. Il risultato è stato, ed è tuttora, eccezionale e superiore alle migliori aspettative. La speranza era ed è che non solo i più dotati e motivati, ma anche i ragazzi più deboli, svantaggiati o meno interessati potessero essere conquistati dalle parole, ancor più in un ambiente e con persone questo il ruolo fondamentale del SC che non li giudicano, ma semplicemente offrono e consigliano. Dalle percentuali di prestito, lettura e partecipazione ai dibattiti, durante le visite guidate in biblioteca si può affermare che questo obiettivo, per noi fondamentale, si sta concretizzando. Con le attività estive e ancor più con il ritorno a scuola nel prossimo anno scolastico consolideremo quanto proposto, e sarebbe un peccato dover interrompere o ridurre drasticamente il progetto al finire del SC in corso. Offrire attività, laboratori, realizzazione di trailer, letture, consigli, libri e poi, con la fine del progetto, ridurre il servizio all essenziale sarebbe alquanto deludente. Per questo motivo si è scelto di proseguire il progetto attraverso un rilancio con migliorie, in modo tale da poter portare avanti il percorso intrapreso quest anno e seguire i cento ragazzi nati nel 2002 fino alla soglie III media. Tutto ciò sarà possibile anche grazie al supporto indispensabile dei giovani tra i giovani, cioè i volontari del Servizio Civile, utili sia perché tecnologicamente preparati e predisposti a portare novità, sia perché giovani vicini d età agli adolescenti, motivo per cui la comunicazione è sicuramente più efficace ed empatica. All avvio del progetto di cui si vorrebbe la prosecuzione - febbraio 2014 operativi a marzo 2014 i sentimenti più comuni tra gli operatori bibliotecari e trai ragazzi del SC sono stati di entusiasmo e di leggera titubanza. Riusciremo a conquistare i 12enni di oggi, generazione appassionata di videogiochi, format, video e tv? Ad offrire loro un alternativa accattivante e soprattutto ad arrivare a tutti, sia i più dotati e predisposti sia chi ha un percorso scolastico meno brillante? Riusciremo a farli divertire con le parole e le immagini stampate, a dar loro un momento in cui svagarsi e socializzare con la complicità dei libri? Ultimo ma non meno importante: saranno così conquistati da venire in biblioteca anche autonomamente, nel pomeriggio, per scambiare libri ma anche solo per stare insieme tra loro e socializzare? A tutte queste domande, dopo soli 4 mesi dall avvio del progetto, possiamo dare una risposta più che positiva. Ottima è stata anche la risposta alle proposte di attività estiva: a circa metà percorso l'attività estiva registra una partecipazione di circa 40 ragazzi per incontro. I ragazzi vengono volontariamente e in un periodo di vacanze e seguono le attività con passione, gioia e entusiasmo, il che ci sembra un risultato molto soddisfacente. Dopo un percorso più classico fatto di giochi di conoscenza, proposte di lettura, scambi di libri e letture animate è entrata in campo la tecnologia, unitamente alle competenze specifiche del SC, per la realizzazione di trailer e laboratori estivi all aperto: dalla biblioteca al giardino di fronte, dalla carta al video, ma sempre con la magia delle parole a fare da trait d union. L idea di continuare il progetto è nata proprio dall analisi dei bisogni di questi ragazzi. Ridurre all essenziale e all ordinario, alla fine del progetto di SC in corso, la relazione con questi 100 ragazzi (2 classi da 25, 1 da 26 e 1 da 24) senza dedicare loro la prosecuzione dei laboratori, aiutarli a crescere attraverso la scelta dei libri e a trascorrere in biblioteca parte del loro tempo libero vorrebbe dire interrompere qualcosa di bello e costruttivo e soprattutto un rapporto di simpatia e fiducia. 7

8 Nel proseguire l attività si vorrebbe riuscire a seguire puntualmente l evoluzione dei gusti dei ragazzi, con particolare attenzione ai più deboli. Farli passare dalla lettura di testi semplici a racconti più articolati, da informazioni base sui loro hobby a manuali specifici. Continuare a offrire laboratori e letture animate, perché una lettura ad alta voce dedicata e accattivante piace a tutte le età; dare il voto ai libri letti affinché siano da consiglio agli altri, e poi continuare la produzione di trailer per essere protagonisti attivi dei libri scelti e ottima fonte di consigli per altri potenziali lettori. L idea di aver incontrato i ragazzi a 12 anni e continuare a offrire loro un rapporto privilegiato con la biblioteca fino alla III media, ci pare un ottimo investimento per la loro crescita. 3. AVVIO DELLA PROMOZIONE DELLA BIBLIOTECA E DELLA LETTURA PER I RAGAZZI NATI NEL 2003 Da quanto illustrato si può dedurre che la biblioteca di Boves è una realtà viva e attiva ma ciò non toglie che si possa ancora fare molto per il suo territorio. Operare in collaborazione con l Istituto comprensivo ci ha permesso di avvicinare i giovani 12enni nella loro totalità e di raggiungere indirettamente tutte le loro famiglie. Vedere i ragazzi conquistati e convinti che un libro è veramente una buona compagnia e che ce n è per tutti i gusti ci ha invogliati a proporre le medesime opportunità, riviste, rinnovate e migliorate ai futuri 12enni, la leva del 2003, che inizierà la I media il prossimo anno scolastico. Sfruttare l esperienza appena vissuta con i ragazzi nati nel 2002, riproporre alcuni percorsi ed inventarne di nuovi: questo sarà il compito a cui il SC collaborerà. Conquistare i giovani e convincerli che la lettura è un vero piacere e andare oltre: farci conoscere dalle loro famiglie, altre 100 circa, per proporre e promuovere tutto ciò che la realtà locale può offrire in termini culturali, turistici e ricreativi. Altro punto fondamentale per i ragazzi che iniziano la Scuola Media è la conquista dell autonomia: poter muoversi da soli e trovare un locale che li accolga anche nelle ore pomeridiane, in cui vivere momenti ricreativi e di socialità gratuitamente. La biblioteca dunque come luogo ricreativo e di aggregazione, fondamentale in una piccola città che non ha molte altre alternative oltre la Parrocchia e le associazioni sportive, seppur attive e ben funzionanti. Quando si tocca con mano che un progetto è positivo e funziona si vorrebbe espanderlo il più possibile, o almeno rendere lo stesso servizio anche agli immediati successori. Da qui l idea di proporre anche alle future classi di I media a.s il medesimo progetto di promozione della lettura e della biblioteca, arricchito però dell esperienza dei ragazzi del Partendo dall idea che il tam tam è uno dei mezzi più efficaci per trasmettere informazioni, la nuova leva troverà brochure e consigli inerenti libri già sperimentati, votati e consigliati dai ragazzi di un anno più grandi e trailer ad essi dedicati, per orientarsi al meglio ed essere guidati da chi, appena un anno prima di loro, ha sperimentato il piacere di godere della lettura. Al contrario vedrà libri con giudizi negativi e potrà cogliere la sfida di provare e giudicare a propria volta. Ovviamente resterà sempre la possibilità di sperimentare da sé i propri percorsi e scegliere indipendentemente dai consigli o giudizi altrui. - Descrizione Destinatari e Beneficiari I destinatari diretti del presente progetto sono: Gli utenti abituali (tessere attive 1977 anno 2013 si tenga conto che sono molti di più i lettori reali perché spesso il singolo libro o rivista è letto da più persone della famiglia oppure si usa una tessera sola per più membri della famiglia). I nuovi utenti occasionali o familiari dei ragazzi a cui si rivolge esplicitamente il progetto di promozione della lettura: 100 famiglie con figli del 2002; circa 100 famiglie con figli del 2003; I 100 ragazzi appartenenti alla leva dell Istituto Comprensivo A. Vassallo beneficiari del progetto di SC anno 2014 e che continueranno il loro percorso di promozione della lettura; I 100 ragazzi circa appartenenti alla leva 2003 dell Istituto Comprensivo A. Vassallo che vivranno questa promozione della lettura loro dedicata, arricchita dell esperienza dei ragazzi che li hanno preceduti ed i loro preziosi consigli di lettura. I beneficiari sono la comunità nel suo insieme (9872 abitanti), in particolare i giovani e le loro famiglie che avranno un luogo di raccolta del sapere oltre che uno spazio adatto a trascorrere il tempo libero 8

9 in compagnia di amici e persone con la comune passione per la lettura o il semplice gusto del ritrovarsi. le scuole di ogni ordine e grado (l Istituto comprensivo A. Vassallo composto dalla scuola primaria e secondaria di primo grado, la scuola materna Monsignor Calandri di Boves, la scuola materna e primaria di Fontanelle e la materna e primaria di Rivoira, il Baby parking L isola che non c era a Boves) e gli insegnanti che usufruiscono dei servizi della biblioteca e della promozione della lettura. Il Servizio Civile è presente in biblioteca fin da 1999, dai tempi dell Obiezione di coscienza quando la biblioteca era l ufficio di riferimento sia per i ragazzi direttamente impegnati in biblioteca, sia per coloro che erano a servizio dei disabili, anziani e le scuole locali. Il Servizio civile in tutti questi anni ha contribuito concretamente a migliorare i servizi offerti alla popolazione: per quanto riguarda la biblioteca è stato possibile approfondire la promozione della lettura con incontri e bibliografie ad hoc per le varie fasce d età, allestire mostre e percorsi guidati es. quella sui 150 anni dell Unità d Italia creare l Archivio delle Guide Turistiche, ricollocare ed etichettare migliaia di volumi dotandoli di codice a barre. Si è perfezionata l accoglienza turistica, aumentando il numero e la qualità delle visite guidate, in collaborazione con le guide turistiche locali. Ultimo ma solo cronologicamente, grazie al progetto di SC in corso, si è per la prima volta affrontata capillarmente, coprendo il 100% degli interessati, la promozione della lettura e della biblioteca per i pre-adolescenti: attualmente è in fase di svolgimento ma già bene avviata. Visto il positivo riscontro delle edizioni precedenti e gli ottimi risultati del progetto in corso, con questo progetto si immagina di offrire ai giovani in servizio civile un occasione di formazione e di crescita personale e nel contempo un importante occasione per essere d utilità alla città. 7. Obbiettivi del progetto Obiettivi del progetto declinati in obiettivi generali e specifici. 1. PROMUOVERE LA BIBLIOTECA E MIGLIORARNE LA FRUIBILITA Obiettivi specifici: a. Aumentare le presenze e ampliarne il target b. Offrire una biblioteca ordinata, aggiornata ed efficiente 2. CONSOLIDARE PROSEGUIRE E PROMUOVERE ATTIVITA DELLA BIBLIOTECA E DELLA LETTURA RIVOLTE AI RAGAZZI NATI 2002 Obiettivi specifici: a. Proporre agli alunni il materiale presente in biblioteca in particolare con i 100 alunni del 2002 b. Proseguire la collaborazione con l Istituto comprensivo A. Vassallo in particolare con i 100 alunni del 2002 c. Attirare i giovani in biblioteca in orario extra-scolastico 3. AVVIARE E PROMUOVERE ATTIVITA DELLA BIBLIOTECA E DELLA LETTURA RIVOLTE AI RAGAZZI DEL 2003 Obiettivi specifici a. Proporre agli alunni il materiale presente in biblioteca in particolare con i 100 alunni del 2003 b. Proseguire la collaborazione con l Istituto comprensivo A. Vassallo in particolare con i 100 alunni del 2003 c. Attirare i giovani in biblioteca in orario extra-scolastico 9

10 Obiet. generale Obiet. specifico Indicatore Situazione di partenza Risultato atteso nr. tessere attive 1977 > 10% 1. PROMUOVERE LA BIBLIOTECA E MIGLIORARNE LA FRUIBILITA a. Aumentare le presenze e ampliarne il target Iniziative di volantinaggio casuali Social network: frequenza aggiornamento del profilo della biblioteca Accessi/amici sui social network della Biblioteca Frequenza media newsletter Numero indirizzo mailing list Attualmente la biblioteca non ha un profilo Facebook Attualmente la biblioteca non ha un profilo Facebook Segue la periodicità del periodico locale comunale Boves&Società Servizio non ancora attivo 1 al mese con proposte attività ed elenco nuove acquisizioni Realizzare un profilo Facebook ed aggiornarlo 2 volte alla settimana Dare avvio alla pagina e raggiungere almeno il 20% della popolazione Mantenere e miglorare la qualità informativa della pagina della biblioteca del periodico comunale Boves&società Attivare il servizio creando una mailing list e raggiungere almeno il 30% della popolazione nr. documenti archiviati nr. etichette archivio posizionate nr. di documenti (libri, % riviste, cd, dvd) a scaffale aperto nr. di documenti a % scaffalatura chiusa Aggiornamento elenchi Bimestrale Mensile desiderata Creazione elenco nuove bimestrale Mensile acquisizioni con immagini della copertina dei libi Esposizione tipo vetrina quotidiano quotidiano delle nuove acquisizioni sullo scaffale dedicato Segnaletica a scaffale e segnaletica a terra A scaffale: in parte obsoleta e insufficiente A terra: inesistente Migliorarla sezione per sezione a terra e a scaffale (narrativa, saggistica, riviste, mediateca ecc) Riordino collezioni 1 volta all anno 2 volte all anno (autunno Scarto materiale obsoleto e da dismettere primavera) 1 volta ogni due anni 1 volta l anno b. Offrire una biblioteca ordinata, aggiornata ed efficiente Riordino di base Al bisogno Quotidiano Catalogazione secondo il programma Biblos Riviste. Catalogazione, archivio, cessione, smaltimento 1500 novità all anno 1500 novità all anno più catalogazione dei doni pregressi (circa 800) Al bisogno Al bisogno per l acquisizione. Una volta all anno per la riorganizzazione degli archivi 10

11 Obiet. generale Obiet. specifico Indicatore Situazione di partenza a. Proporre agli alunni il materiale presente in biblioteca 2. CONSOLIDARE, PROSEGUIRE E PROMUOVERE ATTIVITA DELLA BIBLIOTECA E DELLA LETTURA RIVOLTE AI RAFAZZI NATI NEL 2002 b. Proseguire la collaborazione con l Istituto comprensivo A. Vassallo, in particolare con i 100 alunni del 2002 c. Attirare i giovani in biblioteca in orario extrascolastico nr. vol. narrativa % nr. vol. saggistica % nr. DVD storia, arte, attualità % nr. DVD lingue % nr. percorsi guidati con bibliografia nr. elenchi tematici dedicati aggiornamenti elenchi desiderata dedicati ai ragazzi Particolare cura ed attenzione specifica ai ragazzi del 2002 che vengono autonomamente in biblioteca Pubblicare sul sito della biblioteca una pagina di consigli per la lettura nr. scambio libri in biblioteca nr. bibliografie create bimestrale Costante ogni qual volta i ragazzi del progetto si presentano in biblioteca Risultato atteso mensile Costante ogni qual volta i ragazzi del progetto si presentano in biblioteca 3 volte all anno trimestrale Creazione trailer 3 4 nr. laboratori creativi estivi nr. incontri letterari a loro dedicati

12 Obiet. generale Obiet. specifico Indicatore Situazione di partenza a. Proporre agli alunni il materiale presente in biblioteca 3. AVVIARE E PROMUOVERE ATTIVITA DELLA BIBLIOTECA E DELLA LETTURA RIVOLTE AI RAGAZZI NATI NEL 2003 b.avviare la collaborazione con l Istituto comprensivo A. Vassallo, con gli alunni leval2003 c.attirare i giovani in biblioteca in orario extra scolastico nr. vol. narrativa % nr. vol. saggistica % nr. DVD storia, arte, attualità % nr. DVD lingue % nr. percorsi guidati con bibliografia 2 4 nr. elenchi tematici dedicati 3 6 aggiornamenti elenchi desiderata dedicati ai ragazzi Particolare cura ed attenzione specifica ai ragazzi del 2002 che vengono autonomamente in biblioteca Volumi letti dai ragazzi del 2002 e contrassegnati da un bollino colorato riportante il voto attribuito dai ragazzi bimestrale Costante ogni qual volta i ragazzi del progetto si presentano in biblioteca Inesistente nr. scambio libri in biblioteca 8 10 nr. bibliografie create 3 3 Creazione trailer 3 4 nr. laboratori creativi estivi 3 4 nr. incontri letterari a loro dedicati 2 3 mensile Risultato atteso Costante ogni qual volta i ragazzi del progetto si presentano in biblioteca Circa 800 volumi con bollino + voto 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo 8.1 Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi: Avvio del progetto Per garantire lo start-up del progetto, vi è una prima fase di lavoro legata allo svolgimento delle attività formative e di addestramento. In questa fase vengono realizzate attività di formazione a carattere generale in collaborazione con le altre sedi di progetto e con il coordinamento della Provincia di Cuneo, ed attività formative più specifiche relative alle diverse aree di lavoro di cui tratta il progetto; inoltre particolare attenzione viene posta alle azioni di avvio del progetto, dalla costruzione del gruppo di lavoro in cui vengono inseriti i volontari del servizio civile alla conoscenza del contesto e dei destinatari delle attività. Per presidiare poi l avvio e la realizzazione delle diverse attività previste dal progetto ed il raggiungimento degli obiettivi prefissati, in fase di attuazione verrà realizzato un percorso di monitoraggio come da sistema accreditato che consentirà, attraverso la realizzazione di incontri con i referenti del progetto e la rilevazione e raccolta di dati, di seguire lo svolgimento delle attività, verificare l efficacia delle azioni messe in campo, ed il livello di soddisfazione dei destinatari, e consentirà eventualmente di procedere ad un riorientamento qualora ci si discostasse in parte, nella realizzazione, da quanto previsto in fase di progettazione. 12

13 Obiett. specifici 1.a Aumentare le presenze e ampliarne il target Azioni 1. Preparare una volta al mese volantini informativi da distribuire nei punti strategici del territorio quali scuole, ufficio postale, banche, negozi, parrocchia, sedi di associazioni ecc. circa le attività in corso in biblioteca e l elenco a immagini delle nuove acquisizioni. 2. Creare un profilo facebook ed aggiornarlo bi settimanalmente o più frequentemente al bisogno. 3. Creare un articolo ricco e dettagliato sulle attività ed offerte della biblioteca ad ogni uscita del periodico comunale Boves&società. 4. Creare una mailing list ed aggiornarla ogni volta si presenti un nuovo iscritto per diffondere informazioni circa le attività culturali in corso e consigli di lettura. 5. Realizzare elenchi tematici dei documenti presenti in biblioteca (es. guide turistiche, cucina, settore locale, materiale multimediale). 6. Aggiornamento trimestrale dei medesimi. 7. Pubblicare gli elenchi tematici sul sito della Biblioteca ed aggiornarli mensilmente. 8. Fare la vetrina delle nuove acquisizioni negli apposti spazi. 9. Controllare gli elenchi dei desiderata degli utenti, aggiornarli ed eliminare le richieste evase. 1.b Offrire una biblioteca ordinata, aggiornata ed efficiente Ordine 1. Presentare quotidianamente un ambiente ordinato, a partire dall ingresso proponendo manifesti promozionali aggiornati. Trattamento delle raccolte 2. Riordino giornaliero dei volumi rientrati dal prestito. 3. Riordino giornaliero dei volumi di saggistica, conservati nella sala Dewey a scaffale aperto, adulti e ragazzi. (Nota: la Sala Dewey è cosi denominata dal tipo di collocazione usata. Vedi nota generale sulla sala Dewey pag 15.) 4. Riordino settimanale dei volumi conservati nella sala narrativa adulti e ragazzi. 5. Scelta dei circa 500 volumi che, per datazione, deterioramento e mancata consultazione, vengono considerati desueti nella sezione Dewey. 6. Spostamento dei medesimi nel magazzino della sezione Dewey. 7. Trattamento per il trasferimento (correzione della collocazione sul programma di catalogazione e sul dorso del libro) e relativo spostamento. 8. Controllo dell inventario topografico della sala Dewey per verificare che tutti i trasferimenti siano stati registrati esattamente e intervento correttivo in caso contrari. 9. Spostamento annuale di circa 500 volumi di narrativa dallo scaffale aperto di fronte al prestito alla Sala Narrativa e riposizionamento dei volumi restanti. 10. Riviste. Catalogazione, archivio, cessione, smaltimento Front office I. Mostrare la biblioteca ed i suoi servizi ai nuovi tesserati o a chi non la frequenta da tempo, ai gruppi occasionali o alle scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio (Baby parking, Materna, Elementare, Media di Boves e frazioni o comuni limitrofi all occorrenza). II. Ottemperare alle operazioni di prestito e restituzione dei materiali, attraverso il programma di gestione della biblioteca Biblos. Servizio di reference. III. Acquisizione di nuovi materiali e loro catalogazione con il programma Biblos, etichettatura e foderatura con l apposita foderatrice Colibrì. 2.a/ 3.a Proporre agli alunni del il materiale presente in biblioteca loro dedicato 2.b Proseguire la collaborazione con l Istituto comprensivo A. Vassallo, inerente la promozione della lettura e della biblioteca per i ragazzi del c Avviare la collaborazione con l Istituto comprensivo A. Vassallo, inerente la promozione della lettura e della biblioteca per per i ragazzi del Realizzazione elenchi tematici dei documenti presenti in biblioteca che possono suscitare interessi nei giovani (es. libri, cd e dvd, riviste su argomenti d attualità, sport, lingue, spettacolo, cinema, musica e romanzi di genere vario). 2. Pubblicazione degli elenchi tematici sul sito della biblioteca e loro aggiornamento. 3. Esposizione tipo vetrina dei documenti, negli apposti spazi. 4. Creazione di elenchi di nuove acquisizioni necessarie all aggiornamento della biblioteca. 5. Creazione di elenchi di nuove acquisizioni sulla base dei desiderata degli utenti. 6. Ricerca sugli appositi siti internet delle novità editoriali. 7. Aggiornamento periodico (bimestrale) degli elenchi e delle esposizioni (settimanale). 8. Acquisizione di nuovi materiali e loro catalogazione col programma Biblos. 1. Presentazione in biblioteca in orario scolastico, di testi scelti per ragazzi di 13 anni d'argomento vario es. lettura, attualità, musica, spettacolo, natura, sport, viaggi, ecc. 2. Presentazione in biblioteca in orario scolastico, di bibliografie specifiche inerenti percorsi di lettura per 13enni. 3. Collocazione sui libri letti di bollini colorati (4 colori diversi per le 4 sezioni A;B;C;D) su cui ciascun alunno lettore può apporre il proprio voto. 1. Presentazione in biblioteca in orario scolastico, di testi scelti per ragazzi di 12 anni d'argomento vario es. lettura, attualità, musica, spettacolo, natura, sport, viaggi, ecc. 2. Presentazione in biblioteca in orario scolastico, di bibliografie specifiche inerenti percorsi di lettura per 12enni. 3. Presentazione in biblioteca in orario scolastico, di elenchi dei percorsi di lettura scelti dal 2002 l anno precedente. 4. Collocazione sui libri letti di bollini colorati (4 colori diversi per le 4 sezioni A; B; C; D) su cui ciascun alunno lettore può apporre il proprio voto. 3 b/ 3c. Attirare i giovani in biblioteca in orario extra scolastico 1. Organizzazione di 3 incontri letterari con autori della fascia anni 2. Organizzazione di 6 laboratori creativi per teenagers con realizzazione di trailer. 13

14 Nota generale: sala Dewey Sala Dewey dal tipo di collocazione usata. La classificazione decimale Dewey è il sistema di classificazione bibliotecaria più usato nel mondo. La Classificazione fornisce un sistema per organizzare la conoscenza dividendo lo scibile umano in 10 classi principali: 000GENERALITÁ-100 FILOSOFIA RELIGIONE SCIENZE SOCIALI LINGUAGGIO SCIENZE NATURALI E MATEMATICA TECNOLOGIA (SCIENZE APPLICATE) ARTI LETTERATURA E RETORICA GEOGRAFIA E STORIA Queste classi principali vengono ulteriormente suddivise per entrare nello specifico delle discipline; oltre che a descrivere la disciplina di appartenenza di un libro, la CDD serve anche a collocarlo secondo la classe di appartenenza in modo che i libri si trovino raggruppati per affinità in base al loro contenuto. Considerando i mesi numerati dal primo in cui partono con il servizio i giovani, tabella risulta la seguente: Obiettivi Azioni a. aumentare le presenze e ampliarne il target 1.Preparare una volta al mese volantini informativi da distribuire nei punti strategici del territorio quali scuole, ufficio postale, banche, negozi, parrocchia, sedi di associazioni ecc. circa le attività in corso in biblioteca e l elenco a immagini delle nuove acquisizioni. 2.Creare un profilo facebook ed aggiornarlo bi settimanalmente o più frequentemente al bisogno. 3.Creare un articolo ricco e dettagliato sulle attività ed offerte della biblioteca ad ogni uscita del periodico comunale Boves&società. 4.Creare una mailing list ed aggiornarla ogni volta si presenti un nuovo iscritto per diffondere informazioni circa le attività culturali in corso e consigli di lettura. 5.Realizzare elenchi tematici dei documenti presenti in biblioteca (es. - guide turistiche - cucina - settore locale - materiale multimediale). 6.Aggiornamento trimestrale dei medesimi. 14

15 7.Pubblicare gli elenchi tematici sul sito della Biblioteca ed aggiornarli trimestralmente. 8.Fare la vetrina delle nuove acquisizioni negli apposti spazi. 9.Controllare gli elenchi dei desiderata degli utenti, aggiornarli ed eliminare le richieste evase. 1b. offrire una biblioteca ordinata, aggiornata ed efficiente Ordine 1.Presentare quotidianamente un ambiente ordinato, a partire dall ingresso proponendo manifesti promozionali aggiornati. Trattamento delle Raccolte 2.Riordino giornaliero dei volumi rientrati dal prestito. 3.Riordino giornaliero dei volumi di saggistica, conservati nella sala Dewey 1 a scaffale aperto, adulti e ragazzi. 4.Riordino settimanale dei volumi conservati nella sala narrativa adulti e ragazzi. 5.Scelta dei circa 500 volumi che, per datazione, deterioramento e mancata consultazione, vengono considerati desueti nella sezione Dewey. 6.Spostamento dei medesimi nel magazzino della sezione Dewey. 7.Trattamento per il trasferimento (correzione della collocazione sul programma di catalogazione e sul dorso del libro) e relativo spostamento. 8.Controllo dell inventario topografico della sala Dewey per verificare che tutti i trasferimenti siano stati registrati esattamente e 1 Sala Dewey cosi denominata dal tipo di collocazione usata. La classificazione decimale Dewey è il sistema di classificazione bibliotecaria più usato nel mondo. La Classificazione fornisce un sistema per organizzare la conoscenza dividendo lo scibile umano in 10 classi principali. Vedi nota generale sulla sala Dewey pag

16 intervento correttivo in caso contrario 9.Spostamento annuale di circa 500 volumi di narrativa dallo scaffale aperto di fronte al prestito alla Sala Narrativa e riposizionamento dei volumi restanti 10.riviste. Catalogazione, archivio, cessione, smaltimento. Front office I. Mostrare la biblioteca ed i suoi servizi ai nuovi tesserati o a chi non la frequenta da tempo, ai gruppi occasionali o alle scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio (Baby parking, Materna, Elementare, Media di Boves e frazioni o comuni limitrofi all occorrenza). II. Ottemperare alle operazioni di prestito e restituzione dei materiali, attraverso il programma di gestione della biblioteca Biblos. III. Acquisizione di nuovi materiali e loro catalogazione con il programma Biblos, etichettatura e foderatura con l apposita foderatrice Colibrì. 16

17 2a /3a Proporre agli alunni del il materiale presente in biblioteca loro dedicato 2b Proseguire la collaborazione con l Istituto comprensivo A. Vassallo. Azione inerente alla promozione della lettura e della biblioteca per i ragazzi del c Avviare la collaborazione con l Istituto comprensivo A. Vassallo. Azione inerente alla 1.Realizzazione elenchi tematici dei documenti presenti in biblioteca che possono suscitare interessi nei giovani (es. libri, cd e dvd, riviste su argomenti d attualità, sport, lingue, spettacolo, cinema, musica e romanzi di genere vario). 2.Pubblicazione degli elenchi tematici sul sito della biblioteca e loro aggiornamento. 3.Esposizione tipo vetrina dei documenti, negli apposti spazi. 4.Creazione di elenchi di nuove acquisizioni necessarie all aggiornamento della biblioteca. 5.Creazione di elenchi di nuove acquisizioni sulla base dei desiderata degli utenti. 6.Ricerca sugli appositi siti internet delle novità editoriali. 7.Aggiornamento periodico (bimestrale) degli elenchi e delle esposizioni (settimanale). 8.Acquisizione di nuovi materiali e loro catalogazione col programma Biblos. 1.Presentazione in biblioteca in orario scolastico, di testi scelti per ragazzi di 13 anni d'argomento vario es. lettura, attualità, musica, spettacolo, natura, sport, viaggi, ecc. 2.Presentazione in biblioteca in orario scolastico, di bibliografie specifiche inerenti percorsi di lettura per 13enni. 3.Collocazione sui libri letti di bollini colorati (4 colori diversi per le 4 sezioni A; B; C; D) su cui ciascun alunno lettore può apporre il proprio voto. 1.Presentazione in biblioteca in orario scolastico, di testi scelti per ragazzi di 12 anni d'argomento vario es. lettura, attualità, musica, spettacolo, natura, sport, viaggi, ecc. 17

18 promozione della lettura e della biblioteca per i ragazzi del b / 3c Attirare i giovani in biblioteca in orario extra scolastico 2.Presentazione in biblioteca in orario scolastico, di bibliografie specifiche inerenti percorsi di lettura per 12enni. 3.Presentazione in biblioteca in orario scolastico, di elenchi dei percorsi di lettura scelti dal 2002 l anno precedente. 4.Collocazione sui libri letti di bollini colorati (4 colori diversi per le 4 sezioni A; B; C; D) su cui ciascun alunno lettore può apporre il proprio voto. 1.Organizzazione di 3 incontri letterari con autori della fascia anni 2.Organizzazione di 6 laboratori creativi per teenager con realizzazione di trailer. 8.2 Risorse umane complessive necessarie per l espletamento delle attività previste, con la specifica delle professionalità impegnate e la loro attinenza con le predette attività La Biblioteca civica fa parte dell Area Segreteria - Cultura, composta da 8 dipendenti, di cui tre operativi presso la biblioteca con 2 part time a 25 ore e 1 part time a 18 ore, attivi nel progetto con funzionalità diverse a seconda del contesto specifico. RISORSE UMANE Segretario Comunale Responsabile Area cultura Istruttore amministrativo Area Cultura (dipendente Comune 25 ore) Istruttore Amministrativo Area Cultura (dipendente Comune 25 ore) AZIONI PER AREA RUOLO D'INTERVENTO 1/2/3 Ruolo svolto nell'area Cultura: Responsabile del settore, del raggiungimento degli obiettivi, del personale e della sicurezza. Ruolo svolto in biblioteca: supervisione dell operato e di tutto il personale che opera nell'area Cultura - biblioteca. Ruolo svolto nel progetto: supervisione operato dell OLP 1a1 1a2 1a3 1a5 1a6 Ruolo svolto in biblioteca: OLP, progettista, 1a7 1a8 1a9 bibliotecario, formatore, coordinatore 1b1-1b5-1b6-1b7-1b8-1b9 attività culturali, eventi, promozione della 2a/3a lettura, collaboratore rapporti con le 2b associazioni. 2c Ruolo svolto nel progetto:organizzazione e 3b-c 1-2 coordinamentodi tutte le attività del progetto, formazione e supporto ai volontari. 1b1-1b2-1b3-1b4-1bII Ruolo svolto in biblioteca: istruttore amministrativo addetto alla segreteria, alla storia locale e all'ufficio amministrazione della biblioteca Ruolo svolto nel progetto: coadiutore front office e coadiutore settore storia locale 18

19 Esecutore amministrativo Area Cultura (dipendente Comune 18 ore) 1a4-1b1-1b2-1b3-1b4-1b6-1b7-1b8-1b9-1b10-1bI-1bII- 1bIII 2a/3a b3 2c4 Ruolo svolto in biblioteca: aiuto bibliotecario incaricato front office, collaboratore organizzazione attività culturali, incaricato alla pubblicità degli eventi, incaricato emeroteca: aggiornamento e archiviazione periodici e riviste, collaboratore promozione della lettura, rapporti con le associazioni del territorio, incaricato rapporti con le Guide Turistiche, incaricato gestione prenotazioni locali comunali. Ruolo svolto nel progetto: sostegno e organizzazione delle attività in particolare gestione del front office, gestione archivi e riviste, pubblicità degli eventi, sostegno ai volontari. Volontario Biblioteca front office (circa 100 ore all'anno) 1b I-II-III Ruolo svolto in biblioteca: operazioni di front office, preparazione al prestito del materiale (etichettatura, foderatura, timbratura) Ruolo svolto nel progetto: sostegno e collaborazione alle attività di front office, preparazione al prestito del materiale (etichettatura, foderatura, timbratura). Volontario biblioteca Settore 1b II storia locale (circa 100 ore all'anno) Ruolo svolto in biblioteca: esperto di storia locale, archiviazione documenti e servizio di reference. Ruolo svolto nel progetto: sostegno e collaborazione al servizio di reference primario. Volontario biblioteca settore 1b 10 riviste (circa 30 ore all'anno) Architetto-creativo addetto ai laboratori (servizio esterno) Squadra tecnica Comune di Boves (3 persone a tempo pieno) 3b/3c 2 Ruolo svolto in biblioteca: archiviazione e scarto riviste Ruolo svolto nel progetto: collaborazione alle operazioni di archiviazione e scarto delle riviste e dei periodici Ruolo svolto in biblioteca: organizzazione di laboratori creativi Ruolo svolto nel progetto: coadiutore laboratori creativi estivi e letture animate tutto l anno 3 b/3c 1-2 Ruolo svolto in Comune: manutenzione ordianaria e straordinaria edifici, materiale e impianti comunali, addetti alla parte pratica delle manifestazioni ed eventi. Ruolo svolto nel progetto: collaborazione pratica in caso di mostre o interventi tecnici es. smontaggio-montaggio scaffali, pannelli grigliati per mostre ecc. 19

20 Boves Letteraria (3 responsabili circa 70 ore all'anno) Insegnanti Scuola Media per alunni del 2002 (4 professori di lettere + 2 insegnanti di sostegno) 3 b/3c 1 Ruolo svolto nell'associazione: creazione e gestione dell evento culturale BovesLetteraria Ruolo svolto nel progetto: collaborazione alla gestione dell attività d incontro tra autori e alunni di I e II media dell'ist Comprens. 3 b/3c 1 Ruolo svolto a scuola: insegnante materie letterarie Ruolo svolto nel progetto: collaborazione con i volontari e l OLP per la promozione della lettura durante l anno scolastico Insegnanti Scuola Media per 3 b/3c 1 Ruolo svolto a scuola: insegnate materie alunni del 2003 (4 professori letterarie di lettere + 2 di sostegno) Ruolo svolto nel progetto: collaborazione con i volontari e l OLP per la promozione della lettura durante l anno scolastico Professore referente del progetto di SCV presso l'istituto comprensivo 3 b/3c 1 Ruolo svolto a scuola: insegnante materie letterarie e intermediario rapporti scuola - biblioteca Ruolo svolto nel progetto: formatore e intermediario rapporti scuola - biblioteca Ps. Gli insegnanti concordano con l OLP gli appuntamenti in biblioteca durante l anno scolastico e conducono gli allievi in biblioteca. Allo scopo preciso di favorire il piacere della lettura in un contesto il più possibile libero e privo di giudizi di merito, non è previsto alcun intervento dell insegnante né in biblioteca né in sede scolastica riferito ai libri scelti dagli alunni (es. schede, riassunti, commenti,voti ecc). Questo ruolo è solo apparentemente passivo, giacché l insegnante pur partecipando in modalità silenziosa, ha comunque modo di osservare e monitorare l evolversi della partecipazione e del coinvolgimento degli alunni al progetto di lettura e di conoscerli in un contesto diverso da quello abituale. 8.3 Avvio del progetto Per garantire lo start-up del progetto, i volontari parteciperanno alle attività di formazione di carattere generale realizzate secondo la normativa vigente in collaborazione con le altre sedi di progetto e con il coordinamento della Provincia di Cuneo, per un monte ore minimo di 42 ore. ed attività formative più specifiche relative alle diverse aree di lavoro di cui tratta il progetto; inoltre particolare attenzione viene posta alle azioni di avvio del progetto, dalla costruzione del gruppo di lavoro in cui vengono inseriti i volontari del servizio civile alla conoscenza del contesto e dei destinatari delle attività. Per presidiare poi l avvio e la realizzazione delle diverse attività previste dal progetto ed il raggiungimento degli obiettivi prefissati, in fase di attuazione verrà realizzato un percorso di monitoraggio come da sistema accreditato che consentirà, attraverso la realizzazione di incontri con i referenti del progetto e la rilevazione e raccolta di dati, di seguire lo svolgimento delle attività, verificare l efficacia delle azioni messe in campo, ed il livello di soddisfazione dei destinatari, e consentirà eventualmente di procedere ad un riorientamento qualora ci si discostasse in parte, nella realizzazione, da quanto previsto in fase di progettazione. Il percorso dei volontari Per supportare i volontari in servizio civile nell assunzione del loro ruolo e accompagnarli nella realizzazione delle attività previste, verrà avviato un percorso di tutoraggio che, a partire da una 20

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE COMUNI DELLA MARCA TREVIGIANA - Via Terraglio, 58 31022 Preganziol (TV) Enti co-progettanti:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli