VALUTAZIONE DEL BENESSERE NEI CANI DI CANILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE DEL BENESSERE NEI CANI DI CANILE"

Transcript

1 VALUTAZIONE DEL BENESSERE NEI CANI DI CANILE

2 NORMATIVA NAZIONALE D.M. 8/2/54 n 320 Reg. Polizia Veterinaria prevedeva la soppressione dopo tre giorni dei cani catturati e ricoverati presso i canili comunali. Legge 14/8/91 n 281 Legge quadro in materia d animali d affezione e prevenzione del randagismo vieta la soppressione dei cani catturati. Quest ultimi, dopo un periodo di 60 giorni trascorso in un canile sanitario, vengono ricoverati presso canili rifugio gestiti da Comuni o Associazioni protezionistiche, a meno che non vengano nel frattempo adottati.

3 segue Legge 14/8/91 m 281 Vengono così a delinearsi due nuove tipologie di struttura: canile sanitario (struttura pubblica con funzioni prettamente sanitarie; il periodo di permanenza dei cani deve essere breve) canile rifugio (struttura alla quale possono confluire cani che hanno superato il periodo di osservazione presso il canile sanitario; il tempo di permanenza può anche essere molto lungo. Alcune normative regionali distinguono il canile rifugio, inteso come struttura pubblica, dall asilo, inteso come struttura privata) Il canile sanitario ha quindi la funzione primaria di garantire lo stato sanitario dell animale. Il canile rifugio dovrebbe garantire il rispetto dello stato di benessere animale.

4 segue Legge 14/8/91 m 281 Questa legge ha creato all uomo notevoli problemi di carattere organizzativo e gestionale Canile non più visto come un punto di passaggio finalizzato al reinserimento dei cani in nuove famiglie (adozione), ma come struttura destinata a ospitarli per periodi molto lunghi Nessun controllo sul benessere psico-fisico dei cani ospitati nei canili

5 LA SITUAZIONE Un recente studio ha evidenziato l esistenza di circa seicentomila cani randagi sul territorio nazionale con una maggiore incidenza in Emilia Romagna, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia e Lazio (Eurispes, 2002). Non esistono stime accurate sul numero di cani presenti nei vari canili e di quelli adottati. I dati relativi alla Regione Lombardia (Levi, 1996) evidenziano la disparità fra il numero di cani che vengono adottati dal canile e il numero che vi rimangono a tempo indeterminato. Le stime parlano di tredicimila cani all anno che rimangono

6 POPOLAZIONE ABBANDONI Problemi comportamentali Adozioni non responsabili Problemi logistici CANI PERSI non cercati CUCCIOLATE non sistemate ZONE marginali Terapia comportamentale RIFUGI Identificazione e iscrizione anagrafe ADOZIONI Consulenza e apprendistato preadottivi Sterilizzazione ACCOPPIAMENTO CANE PADRONE, NON CORRETTO CUCCIOLATE PROBLEMI COMPORTAMENTALI CANI PERSI NON TROVATI Nicoletta Schiavini - Asl di Milano

7 MOTIVAZIONI ALLA CESSIONE IN CANILE (Asilo del cane-palazzolo Milanese- 2004) 1) cani vaganti o lasciati legati o in scatoloni davanti al canile (41%) 2) cause generiche (i proprietari non riescono più a gestirlo, non hanno più tempo; cani sottratti perché sottoposti a maltrattamenti) (25%) 3) cambio casa / problemi con i vicini (11%) 4) improvvisa forma allergica /malattia proprietario (7,7%) 5) problemi gestionali (cane sporca in casa, distrugge oggetti) o comportamentali (non aggressività) (7,3%) 6) separazione dei proprietari (3,2%) 7) problemi di aggressività (2,3%) 8) gravidanza proprietaria /problemi finanziari (1,5%) 9) Cane ammalato o anziano (1%)

8 L esperienza del canile può essere traumatica e stressante per il cane e può portare all insorgenza di comportamenti anormali (Sterberg, 96; Tuber, 99; Stephen, 2002 ) Può succedere che i cani siano riportati dopo essere stati adottati, per problemi comportamentali legati all esperienza in canile Alcuni canili hanno un tasso di rientro che varia dal 15 al 50% (Van der Borg, 91)

9 Da un recente studio (Mondelli et al., 2004) realizzato presso il canile sanitario di Milano, è risultato che in un periodo di sei anni ( ), su 3281 cani presenti, l 86,3% è stato adottato (più femmine che maschi) e di questi, il 15,2% è stato restituito (soprattutto cani maschi), nella maggior parte dei casi per problemi comportamentali: - 39% abbaio eccessivo, iperattività, eliminaz. inappropriata, danni in casa, intolleranza verso altri animali - 15% aggressività - 40% problemi gestionali (tempo,divorzio)

10 Consultorio per i problemi comportamentali CANI: PROVENIENZA percentiale regalato rifugio/associazione privato allevamento negozio/mercato nato in casa non disponibile 0 regalato rifugio/associazione privato allevamento negozio/mercato nato in casa non disponibile regalato rifug/ass. privato allevam. neg./merc. nato casa non disp.

11 CANI: SESSO percentuale maschio intero femmina intera maschio castrato femmina steril. 0 maschio intero femmina intera maschio castrato femmina steril. CANI: ETA' percentuale mesi 6-12 mesi anni 5-10 anni 4 oltre 10 anni 0-6 mesi 6-12 mesi 1-5 anni 5-10 anni oltre 10 anni

12 CANI: INSORGENZA PROBLEMA COMPORTAMENTALE percentuale settimana 1 settim.- 4 mesi dopo 4 mesi settimana 1 settim.- 4 mesi dopo 4 mesi CANI: PROBLEMI COMPORTAMENTALI percentuale aggressività ansia generalizzata ansia da separazione fobie/paure iperattività/ingestibilità alterazione fasi sviluppo cd/stereotipie 0 aggressività ansia generalizzata ansia da separazione fobie/paure ipe rattività /inges tibilità alterazione fasi cd/stereotipie sviluppo aggress. ansia gen. ansia sep. fobie/paur iperatt./ing. alter.f.s. cd/stereot.

13 Consultorio per i problemi comportamentali CANI: CATEGORIE AGGRESSIVITA' 30 percentuale intraspecifica correlata allo status territoriale intrasp. intersp. da paura corr.stat. prot/dif. predat. territor. possess. intraspecifica interspecifica da paura correlata allo status protettiva/difensiva predatoria territoriale possessiva

14 Problemi comportamentali : aggressività Può essere definita come un appropriata (aggressione al ladro) o inappropriata (aggressione agli amici del proprietario) minaccia o sfida che si risolve con il combattimento o con la resa (Immelmann e Beer, 89). I cani che manifestano aggressività inappropriata e fuori dal contesto non sono cani maleducati o non educati, ma sono clinicamente anormali e vanno trattati come tali (K. Overall, 2001).

15 Eziologia multifattoriale SUBSTRATO GENETICO FATTORI AMBIENTALI STATUS ORMONALE PATOLOGIA CONDIZIONAMENTO/ TRAINING

16

17 Problemi comportamentali : paura/fobie PAURA STIMOLO CHE IL SOGGETTO PERCEPISCE COME POTENZIALMENTE PERICOLOSO RISPOSTA EMOTIVA ( PAURA ) ADATTATIVA (L ANIMALE PUO SFUGGIRE AL PERICOLO) RISPOSTA CORRELATA ALLO STRESS ATTIVITA MOTORIA

18 PAURA IRRIGIDIMENTO (inibizione comportamentale per es. gatto in ambulatorio) FUGA COMBATTIMENTO (aggressione difensiva) AGITAZIONE (possono subentrare attività di sostituzione come l autotoelettatura)

19 PAURA: CAUSE INADEGUATA ABITUAZIONE (corretta esposizione nel periodo di socializzazione) ESPERIENZE NEGATIVE PAURE ISTINTIVE

20 FOBIE DEI RUMORI RISPOSTE ESAGERATE AL RUMORE, IMPROVVISE, INTENSE E NON GRADUALI, CHE SI MANIFESTANO COME UN FORTE IMPULSO A SOTTRARSI E A FUGGIRE O COME COMPORTAMENTI ANSIOSI ASSOCIATI ALL ATTIVAZIONE DEL SISTEMA SIMPATICO (K. Overall, 1997)

21

22 Problemi comportamentali : ansia da separazione QUANDO UN ANIMALE, LASCIATO SOLO, MOSTRA SINTOMI DI ANSIA: ELIMINAZIONE, DISTRUZIONE, VOCALIZZAZIONI, SCIALORREA, TACHIPNEA (Overall,, 2001)

23 Ansia da separazione PROBLEMI COMPORTAMENTALI CORRELATI ALLA SEPARAZIONE (DISTRUZIONE, ABBAIO, ECC.) SONO COMUNI NEI CANI ADOTTATI DAL CANILE ANCHE SE QUESTI COMPORTAMENTI POSSONO ESSERE GIA PRESENTI NEI CANI PRIMA DEL RICOVERO, SICURAMENTE LA PERMANENZA NEI CANILI CONTRIBUISCE A SCATENARLI O AD ACCENTUARLI (Voight, 91 )

24 Film by D. Frank Film by D. Frank

25 Problemi comportamentali : ansia generalizzata CON UNA SERIE DI SINTOMI, FRA I QUALI: PICA IPERATTIVITA ECCESSIVA RICHIESTA D ATTENZIONI ELIMINAZIONE INAPPROPRIATA ALTERAZIONE COMPOTAMENTO ALIMENTARE

26 Problemi comportamentali : cd/stereotipie I cani ed i gatti, come molte altre specie, possono sviluppare comportamenti che appaiono anormali perché si manifestano Fuori dal contesto Esagerati Diretti verso stimoli od oggetti impropri Spesso ripetuti in modo costante

27 CD: CAUSE Fattori ambientali Frustrazione: quando un animale è motivato a manifestare un comportamento, ma tale manifestazione gli viene impedita Conflitto: per es. un conflitto derivante da due motivazioni opposte ma di pari forza (avvicinarsi ed allontanarsi) Stress

28 CD: CAUSE Stress: la risposta allo stress è un meccanismo normale e altamente adattativo che consente all animale di reagire rapidamente ad un evento che cambia il suo status omeostatico La risposta allo stress diventa problematica quando un animale è incapace di controllare la situazione o di sottrarsi allo stressore tramite un appropriata risposta comportamentale Quando la risposta allo stress si prolunga (cronica) si verificano effetti negativi sulla salute fisica sia emotiva dell individuo

29 CD: CAUSE Risposta allo Stress Quindi uno stress incontrollato può produrre: lo sviluppo di attività di sostituzione (leccarsi, grooming) lo sviluppo di comportamenti ripetitivi, stereotipati o compulsivi La stereotipia è la più eclatante risposta comportamentale a situazioni di stress cronico (Wiepkema,, 1983)

30

31 Valutazione dello stato di benessere Il ricovero in canile è per il cane fonte di stress e il permanere nella struttura modifica il suo comportamento, rendendo sempre più improbabile una adozione (Wells e Hepper, 1992; Wells et al., 2002) E ormai riconosciuto che mantenere l animale in gabbia o in ambiente privo di stimoli fisici e sociali, può condurre alla comparsa di comportamenti alterati (Beerda et al., ; Dittus, 1979; Luesher et al., 1991 ) e che gli interventi volti a migliorare l ambiente di vita hanno fornito risultati positivi (Beaver, 1984; Feddes et al., 1993; Newberry, 1995) Risulta quindi importante poter valutare e misurare lo stato di benessere dell animale

32 Indicatori dello stato di benessere legati all animale - fisiologici (ormoni, frequenza cardiaca) - patologici (presenza di malattie) - produttivi (accrescimento, fecondità, fertilità, mortalità) - comportamentali (risposta a test, vocalizzazione, interazione sociale, stereotipie) legati all ambiente (idoneità delle strutture) legati alla gestione (pulizia, manutenzione, profilassi) legati al rapporto uomo-animale (qualità e quantità delle interazioni, preparazione del personale)

33 Valutazione dello stato di benessere La ricerca sulla possibilità di quantificare il benessere e valutarlo scientificamente è iniziata con gli allevamenti intensivi (valutazione del grado di adattamento alle tecnologie di gestione da parte dell uomo) per poi estendersi anche agli animali da compagnia Adattarsi significa avere il controllo della stabilità fisica e mentale (Broom, 1986) e il benessere quindi si riferisce a caratteristiche misurabili dell individuo Condizioni di benessere molto carenti influiscono sia sul comportamento dell animale sia sul suo stato fisico, determinando condizioni prepatologiche o patologiche (Viggiano et al., 2005)

34 Valutazione del benessere dei cani di canile Alcuni autori (Beerda et al., 1997 ) ritengono che i metodi di valutazione del benessere più facilmente applicabili, anche perché poco invasivi, sono: le osservazioni comportamentali la misurazione dei valori di cortisolo (urine, feci, sangue, pelo e saliva) la valutazione della pressione ematica

35 Osservazioni comportamentali Quella comportamentale è la più evidente e biologicamente economica risposta allo stress (es. fuga da un predatore) (McBride, 1980; Moberg, 2000 ) Ovviamente, le risposte comportamentali non sono appropriate per tutti i tipi di stress e gli animali possono trovarsi in situazioni in cui le opzioni comportamentali a loro disposizione sono limitate (es. limitata libertà di movimento) (Ladewing, 2000) Indicatori di scarso benessere possono essere le stereotipie, ipoattività, aggressività, comportamenti mal diretti (Broom, 1988)

36 segue Osservazioni comportamentali In uno studio (Beerda et al., 1997 ) è stata osservata la frequenza delle vocalizzazioni e la presenza di comportamenti legati a paura e sottomissione (leccarsi il muso, assumere una postura bassa, ecc.); stress più gravi possono far comparire altri segni come aumento della salivazione, ansimare, stereotipie, coprofagia, ecc. Altri autori (Van der Berg et al., 1991 ) hanno utilizzato una serie di test comportamentali (21) su cani ricoverati in canili rifugio, al fine di prevedere l insorgenza di disturbi comportamentali e poter accoppiare correttamente cane e proprietario

37 segue Osservazioni comportamentali Presso il canile municipale di Roma, personale addestrato ha effettuato delle osservazioni comportamentali sulla base di un etogramma redatto preventivamente allo scopo di determinare il carattere dei cani ospitati (Natoli et al., 2001 ) Presso il canile sanitario di Milano è stato messo a punto un metodo di approccio standardizzato (Mas): un veterinario si avvicina al cane nel box, gli applica un guinzaglio, lo conduce in ambulatorio dove esegue la visita clinica. Ne esce una duplice valutazione sul temperamento dell animale e sulla sua gestibilità (Albasini, 2001 )

38 segue Osservazioni comportamentali Il problema principale della valutazione del comportamento animale è la sua validazione, cioè la sicurezza che i test utilizzati misurino effettivamente quello che si propongono. Secondo alcuni psicologi molti test mancano di validazione scientifica per essere attendibili (Shackleton e Fletcher, 1984 ) Altri punti deboli di questi test sono le procedure spesso inconsistenti e dipendenti dall osservatore e dalla risposta del cane al precedente test e il fatto che il cane può reagire in modo diverso a differenti osservatori E problematico valutare il cane in canile perché molti comportamenti hanno origine dal rapporto cane-proprietario ed è quindi difficile individuare potenziali problemi in assenza di questo rapporto. Per questo è importante che ogni test utilizzato venga adattato al proprio ambiente (Sternberg, 1999)

39 Risposta neuro-endocrina allo stress Se la risposta comportamentale non ha successo, l animale altera il suo assetto biologico attraverso significativi cambiamenti nel sistema nervoso autonomo e in quello neuro-endocrino (Barnett e Hemsworth, 1990) Al contrario degli effetti del sist. nervoso autonomo che sono di breve durata, gli ormoni secreti del sistema neuro-endocrino in riposta allo stress hanno un ampio e duraturo effetto e virtualmente regolano tutte le funzioni biologiche influenzate dallo stress, comprese l immunocompetenza, la riproduzione, il metabolismo, la crescita e il comportamento(peterson et al., 1991 )

40 Misurazione del livello di cortisolo Il cortisolo è il glucorticoide più importante in molti mammiferi, uomo compreso. La sua concentrazione risente normalmente del ritmo circadiano sonno/veglia (Brook e Marshall, 1996) Mantenere una sufficiente, ma non eccessiva, concentrazione di cortisolo è necessario al fine di mantenere l omeostasi; un aumento cronico del 40% provoca infatti un catabolismo proteico, iperglicemia, soppressione immunologica, suscettibilità alle infezioni, depressione, una diminuzione delle performance mentali e, in molti vertebrati, un inibizione della riproduzione, in accordo con l idea che le funzioni non essenziali vengono soppresse durante una fase di stress per pemettere all organismo di rispondere in modo più efficace (Sapolsky, 1992). Per tutti questi motivi, la concentrazione di cortisolo è spesso utilizzata come indicatore di stress.

41 segue Misurazione del livello di cortisolo Alcuni autori hanno utilizzata la misurazione del livello di cortisolo nel plasma come indicatore di stress nei cani ricoverati in canile. Il confinamento nei box singoli porta a un iniziale (nei primi 3 giorni) aumento del cortisolo (v. n ng/ml) che gradualmente decresce con il passare dei giorni (Hennesy et al., 1997) In uno studio successivo degli stessi autori si è valutato come l aumento della cortisolemia, indotto da stress acuto (prelievo di sangue), può essere moderato o prevenuto tramite accarezzamento del cane (Hennesy et al., 1998)

42 segue: Misurazione del livello di cortisolo E stato inoltre dimostrato come la presenza del proprietario possa ridurre l aumento della cortisolemia in cani immessi in un nuovo ambiente, rispetto ai cani lasciati soli (Tuber et al., 1996) In uno studio realizzato presso il canile convenzionato di Bracciano nel 2003, è stato misurato il livello di cortisolo nelle feci dei cani osservati in quattro differenti situazioni (soli nel box, soli nel box arricchito, nel box con conspecifici, nel box con regolari interazioni con l uomo) (Viggiano et al., 2005)

43 segue: Misurazione del livello di cortisolo In un recente studio (Mondello et al., 2003) condotto sui cani del canile comunale di Reggio Emilia, si è valutato lo stress degli animali attraverso l investigazione degli adattamenti fisiologici e comportamentali che esso comporta. Per quanto riguarda i primi, si è valutata la concentrazione plasmatica di cortisolo, ma anche i livelli di quest ormone nelle feci, nel pelo e nella saliva

44 Stress e sistema immunitario L assunzione che lo stress influenzi il sistema immunitario deriva dall osservazione di un aumento dell incidenza delle malattie in animali esposti ad ambienti molto stressanti (Moberg et al., 2001 ) L esposizione a uno stress acuto produce però un aumento della funzione immunitaria e non una soppressione come nel caso dello stress cronico (Wiegers et al., 1994 ) Come parametri immunitari per la valutazione dello stress possono essere utilizzati il lisozima, le IgA

45 Misurazione dello stress dei cani di canile L Istituto di Zootecnica della facoltà di medicina veterinaria dell università di Milano sta realizzando una ricerca (protocollo A) presso il canile sanitario di Milano e il canile rifugio di Palazzolo, atta a valutare lo stato di benessere dei cani ricoverati nelle due strutture. Vengono effettuate delle osservazioni/valutazioni comportamentali e la valutazione di alcuni parametri ematici (cortisolo, IgA, Lisozima, Leucogramma da stress), sulla base di un preciso protocollo

46 segue Misurazione dello stress Protocollo A Quando il cane arriva in canile (giorno 0), viene sistemato in un box singolo. Il giorno stesso della sua entrata, un veterinario comportamentalista compila la scheda di primo approccio (Mas). Il cane viene portato in ambulatorio dove viene eseguita la visita clinica ed effettuato il primo prelievo ematico (cortisolo, IgA, Lisozima, Leucogramma da stress) Dopo un periodo compreso fra i 10 e i 15 giorni dall entrata in canile, i cani che non sono stati restituiti ai proprietari vengono sottoposti a un secondo prelievo ematico (per la valutazione dei medesimi parametri) e un comportamentalista compila una seconda scheda di valutazione comportamentale. I soggetti che verranno adottati dopo questo periodo, saranno sottoposti a un ulteriore controllo, mediante la compilazione da parte del proprietario di una scheda di adozione

47 Valutazione comportamentale dei cani di canile L Istituto di Zootecnica della facoltà di medicina veterinaria dell università di Milano sta realizzando una ricerca (protocollo B) presso il canile sanitario di Cossato (Bi), atta a valutare le caratteristiche comportamentali dei cani ricoverati nella struttura e successivamente dati in adozione

48 segue Valutazione comportamentale Protocollo B Videoregistrazione e valutazione comportamentale dei cani mediante la compilazione di una apposita scheda redatta da un veterinario comportamentalista, a partire dal 7-10 giorno dalla loro entrata in canile sanitario Una parte della scheda comportamentale utilizzata viene compilata anche dagli operatori del canile e dal medico veterinario responsabile Valutazione degli stessi animali, un mese dopo la loro adozione, mediante la compilazione di una scheda d adozione da parte del proprietario

49 A proposito di benessere del proprietario Grazie per l attenzione

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli

Da noi è il benvenuto!

Da noi è il benvenuto! Porta con te il tuo cane Da noi è il benvenuto! Per ragioni igienico sanitarie non può accedere all area ristorazione* Ti ricordiamo che il proprietario o il detentore di un cane è sempre responsabile

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

APPROVAZIONE DEI REQUISITI STRUTTURALI E GESTIONALI PER LE STRUTTURE DI RICOVERO E CUSTODIA DI CANI E GATTI, OASI E COLONIE FELINE.

APPROVAZIONE DEI REQUISITI STRUTTURALI E GESTIONALI PER LE STRUTTURE DI RICOVERO E CUSTODIA DI CANI E GATTI, OASI E COLONIE FELINE. Progr.Num. 1302/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 16 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CONTRO I MALTRATTAMENTI, SULLA DETENZIONE E LA TENUTA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE CONTRO I MALTRATTAMENTI, SULLA DETENZIONE E LA TENUTA DEGLI ANIMALI 78 REGOLAMENTO COMUNALE CONTRO I MALTRATTAMENTI, SULLA DETENZIONE E LA TENUTA DEGLI ANIMALI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 208/I0087623 P.G. NELLA SEDUTA DEL 28/11/2005 Capitolo I

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 12 maggio 2006 - Deliberazione N. 593 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione S.O.C di Sanità Pubblica Veterinaria. Il cane, uno di famiglia!

Dipartimento di Prevenzione S.O.C di Sanità Pubblica Veterinaria. Il cane, uno di famiglia! Dipartimento di Prevenzione S.O.C di Sanità Pubblica Veterinaria Il cane, uno di famiglia! 1 Introduzione Prevenire deriva dal latino praevenire, che significa arrivare prima. Con questo libretto intendiamo,

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

Porta con te il tuo cane

Porta con te il tuo cane Porta con te il tuo cane Da noi è il benvenuto! Per ragioni igienico sanitarie non può accedere all area ristorazione* Ti ricordiamo che il proprietario o il detentore di un cane è sempre responsabile

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

PROGETTO SORRISI IN ATTESA

PROGETTO SORRISI IN ATTESA PROGETTO SORRISI IN ATTESA IL DOTTOR SORRISO e l OSPEDALE BUZZI IN COLLABORAZIONE CON OBM ONLUS - Ospedale dei bambini di Milano CHI È DOTTOR SORRISO 1. La Fondazione La Fondazione Aldo Garavaglia Dottor

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia?

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Certamente è una cosa che ci infastidisce, ma a meno che non stiamo vivendo una situazione di emergenza,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli