VALUTAZIONE DEL BENESSERE NEI CANI DI CANILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE DEL BENESSERE NEI CANI DI CANILE"

Transcript

1 VALUTAZIONE DEL BENESSERE NEI CANI DI CANILE

2 NORMATIVA NAZIONALE D.M. 8/2/54 n 320 Reg. Polizia Veterinaria prevedeva la soppressione dopo tre giorni dei cani catturati e ricoverati presso i canili comunali. Legge 14/8/91 n 281 Legge quadro in materia d animali d affezione e prevenzione del randagismo vieta la soppressione dei cani catturati. Quest ultimi, dopo un periodo di 60 giorni trascorso in un canile sanitario, vengono ricoverati presso canili rifugio gestiti da Comuni o Associazioni protezionistiche, a meno che non vengano nel frattempo adottati.

3 segue Legge 14/8/91 m 281 Vengono così a delinearsi due nuove tipologie di struttura: canile sanitario (struttura pubblica con funzioni prettamente sanitarie; il periodo di permanenza dei cani deve essere breve) canile rifugio (struttura alla quale possono confluire cani che hanno superato il periodo di osservazione presso il canile sanitario; il tempo di permanenza può anche essere molto lungo. Alcune normative regionali distinguono il canile rifugio, inteso come struttura pubblica, dall asilo, inteso come struttura privata) Il canile sanitario ha quindi la funzione primaria di garantire lo stato sanitario dell animale. Il canile rifugio dovrebbe garantire il rispetto dello stato di benessere animale.

4 segue Legge 14/8/91 m 281 Questa legge ha creato all uomo notevoli problemi di carattere organizzativo e gestionale Canile non più visto come un punto di passaggio finalizzato al reinserimento dei cani in nuove famiglie (adozione), ma come struttura destinata a ospitarli per periodi molto lunghi Nessun controllo sul benessere psico-fisico dei cani ospitati nei canili

5 LA SITUAZIONE Un recente studio ha evidenziato l esistenza di circa seicentomila cani randagi sul territorio nazionale con una maggiore incidenza in Emilia Romagna, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia e Lazio (Eurispes, 2002). Non esistono stime accurate sul numero di cani presenti nei vari canili e di quelli adottati. I dati relativi alla Regione Lombardia (Levi, 1996) evidenziano la disparità fra il numero di cani che vengono adottati dal canile e il numero che vi rimangono a tempo indeterminato. Le stime parlano di tredicimila cani all anno che rimangono

6 POPOLAZIONE ABBANDONI Problemi comportamentali Adozioni non responsabili Problemi logistici CANI PERSI non cercati CUCCIOLATE non sistemate ZONE marginali Terapia comportamentale RIFUGI Identificazione e iscrizione anagrafe ADOZIONI Consulenza e apprendistato preadottivi Sterilizzazione ACCOPPIAMENTO CANE PADRONE, NON CORRETTO CUCCIOLATE PROBLEMI COMPORTAMENTALI CANI PERSI NON TROVATI Nicoletta Schiavini - Asl di Milano

7 MOTIVAZIONI ALLA CESSIONE IN CANILE (Asilo del cane-palazzolo Milanese- 2004) 1) cani vaganti o lasciati legati o in scatoloni davanti al canile (41%) 2) cause generiche (i proprietari non riescono più a gestirlo, non hanno più tempo; cani sottratti perché sottoposti a maltrattamenti) (25%) 3) cambio casa / problemi con i vicini (11%) 4) improvvisa forma allergica /malattia proprietario (7,7%) 5) problemi gestionali (cane sporca in casa, distrugge oggetti) o comportamentali (non aggressività) (7,3%) 6) separazione dei proprietari (3,2%) 7) problemi di aggressività (2,3%) 8) gravidanza proprietaria /problemi finanziari (1,5%) 9) Cane ammalato o anziano (1%)

8 L esperienza del canile può essere traumatica e stressante per il cane e può portare all insorgenza di comportamenti anormali (Sterberg, 96; Tuber, 99; Stephen, 2002 ) Può succedere che i cani siano riportati dopo essere stati adottati, per problemi comportamentali legati all esperienza in canile Alcuni canili hanno un tasso di rientro che varia dal 15 al 50% (Van der Borg, 91)

9 Da un recente studio (Mondelli et al., 2004) realizzato presso il canile sanitario di Milano, è risultato che in un periodo di sei anni ( ), su 3281 cani presenti, l 86,3% è stato adottato (più femmine che maschi) e di questi, il 15,2% è stato restituito (soprattutto cani maschi), nella maggior parte dei casi per problemi comportamentali: - 39% abbaio eccessivo, iperattività, eliminaz. inappropriata, danni in casa, intolleranza verso altri animali - 15% aggressività - 40% problemi gestionali (tempo,divorzio)

10 Consultorio per i problemi comportamentali CANI: PROVENIENZA percentiale regalato rifugio/associazione privato allevamento negozio/mercato nato in casa non disponibile 0 regalato rifugio/associazione privato allevamento negozio/mercato nato in casa non disponibile regalato rifug/ass. privato allevam. neg./merc. nato casa non disp.

11 CANI: SESSO percentuale maschio intero femmina intera maschio castrato femmina steril. 0 maschio intero femmina intera maschio castrato femmina steril. CANI: ETA' percentuale mesi 6-12 mesi anni 5-10 anni 4 oltre 10 anni 0-6 mesi 6-12 mesi 1-5 anni 5-10 anni oltre 10 anni

12 CANI: INSORGENZA PROBLEMA COMPORTAMENTALE percentuale settimana 1 settim.- 4 mesi dopo 4 mesi settimana 1 settim.- 4 mesi dopo 4 mesi CANI: PROBLEMI COMPORTAMENTALI percentuale aggressività ansia generalizzata ansia da separazione fobie/paure iperattività/ingestibilità alterazione fasi sviluppo cd/stereotipie 0 aggressività ansia generalizzata ansia da separazione fobie/paure ipe rattività /inges tibilità alterazione fasi cd/stereotipie sviluppo aggress. ansia gen. ansia sep. fobie/paur iperatt./ing. alter.f.s. cd/stereot.

13 Consultorio per i problemi comportamentali CANI: CATEGORIE AGGRESSIVITA' 30 percentuale intraspecifica correlata allo status territoriale intrasp. intersp. da paura corr.stat. prot/dif. predat. territor. possess. intraspecifica interspecifica da paura correlata allo status protettiva/difensiva predatoria territoriale possessiva

14 Problemi comportamentali : aggressività Può essere definita come un appropriata (aggressione al ladro) o inappropriata (aggressione agli amici del proprietario) minaccia o sfida che si risolve con il combattimento o con la resa (Immelmann e Beer, 89). I cani che manifestano aggressività inappropriata e fuori dal contesto non sono cani maleducati o non educati, ma sono clinicamente anormali e vanno trattati come tali (K. Overall, 2001).

15 Eziologia multifattoriale SUBSTRATO GENETICO FATTORI AMBIENTALI STATUS ORMONALE PATOLOGIA CONDIZIONAMENTO/ TRAINING

16

17 Problemi comportamentali : paura/fobie PAURA STIMOLO CHE IL SOGGETTO PERCEPISCE COME POTENZIALMENTE PERICOLOSO RISPOSTA EMOTIVA ( PAURA ) ADATTATIVA (L ANIMALE PUO SFUGGIRE AL PERICOLO) RISPOSTA CORRELATA ALLO STRESS ATTIVITA MOTORIA

18 PAURA IRRIGIDIMENTO (inibizione comportamentale per es. gatto in ambulatorio) FUGA COMBATTIMENTO (aggressione difensiva) AGITAZIONE (possono subentrare attività di sostituzione come l autotoelettatura)

19 PAURA: CAUSE INADEGUATA ABITUAZIONE (corretta esposizione nel periodo di socializzazione) ESPERIENZE NEGATIVE PAURE ISTINTIVE

20 FOBIE DEI RUMORI RISPOSTE ESAGERATE AL RUMORE, IMPROVVISE, INTENSE E NON GRADUALI, CHE SI MANIFESTANO COME UN FORTE IMPULSO A SOTTRARSI E A FUGGIRE O COME COMPORTAMENTI ANSIOSI ASSOCIATI ALL ATTIVAZIONE DEL SISTEMA SIMPATICO (K. Overall, 1997)

21

22 Problemi comportamentali : ansia da separazione QUANDO UN ANIMALE, LASCIATO SOLO, MOSTRA SINTOMI DI ANSIA: ELIMINAZIONE, DISTRUZIONE, VOCALIZZAZIONI, SCIALORREA, TACHIPNEA (Overall,, 2001)

23 Ansia da separazione PROBLEMI COMPORTAMENTALI CORRELATI ALLA SEPARAZIONE (DISTRUZIONE, ABBAIO, ECC.) SONO COMUNI NEI CANI ADOTTATI DAL CANILE ANCHE SE QUESTI COMPORTAMENTI POSSONO ESSERE GIA PRESENTI NEI CANI PRIMA DEL RICOVERO, SICURAMENTE LA PERMANENZA NEI CANILI CONTRIBUISCE A SCATENARLI O AD ACCENTUARLI (Voight, 91 )

24 Film by D. Frank Film by D. Frank

25 Problemi comportamentali : ansia generalizzata CON UNA SERIE DI SINTOMI, FRA I QUALI: PICA IPERATTIVITA ECCESSIVA RICHIESTA D ATTENZIONI ELIMINAZIONE INAPPROPRIATA ALTERAZIONE COMPOTAMENTO ALIMENTARE

26 Problemi comportamentali : cd/stereotipie I cani ed i gatti, come molte altre specie, possono sviluppare comportamenti che appaiono anormali perché si manifestano Fuori dal contesto Esagerati Diretti verso stimoli od oggetti impropri Spesso ripetuti in modo costante

27 CD: CAUSE Fattori ambientali Frustrazione: quando un animale è motivato a manifestare un comportamento, ma tale manifestazione gli viene impedita Conflitto: per es. un conflitto derivante da due motivazioni opposte ma di pari forza (avvicinarsi ed allontanarsi) Stress

28 CD: CAUSE Stress: la risposta allo stress è un meccanismo normale e altamente adattativo che consente all animale di reagire rapidamente ad un evento che cambia il suo status omeostatico La risposta allo stress diventa problematica quando un animale è incapace di controllare la situazione o di sottrarsi allo stressore tramite un appropriata risposta comportamentale Quando la risposta allo stress si prolunga (cronica) si verificano effetti negativi sulla salute fisica sia emotiva dell individuo

29 CD: CAUSE Risposta allo Stress Quindi uno stress incontrollato può produrre: lo sviluppo di attività di sostituzione (leccarsi, grooming) lo sviluppo di comportamenti ripetitivi, stereotipati o compulsivi La stereotipia è la più eclatante risposta comportamentale a situazioni di stress cronico (Wiepkema,, 1983)

30

31 Valutazione dello stato di benessere Il ricovero in canile è per il cane fonte di stress e il permanere nella struttura modifica il suo comportamento, rendendo sempre più improbabile una adozione (Wells e Hepper, 1992; Wells et al., 2002) E ormai riconosciuto che mantenere l animale in gabbia o in ambiente privo di stimoli fisici e sociali, può condurre alla comparsa di comportamenti alterati (Beerda et al., ; Dittus, 1979; Luesher et al., 1991 ) e che gli interventi volti a migliorare l ambiente di vita hanno fornito risultati positivi (Beaver, 1984; Feddes et al., 1993; Newberry, 1995) Risulta quindi importante poter valutare e misurare lo stato di benessere dell animale

32 Indicatori dello stato di benessere legati all animale - fisiologici (ormoni, frequenza cardiaca) - patologici (presenza di malattie) - produttivi (accrescimento, fecondità, fertilità, mortalità) - comportamentali (risposta a test, vocalizzazione, interazione sociale, stereotipie) legati all ambiente (idoneità delle strutture) legati alla gestione (pulizia, manutenzione, profilassi) legati al rapporto uomo-animale (qualità e quantità delle interazioni, preparazione del personale)

33 Valutazione dello stato di benessere La ricerca sulla possibilità di quantificare il benessere e valutarlo scientificamente è iniziata con gli allevamenti intensivi (valutazione del grado di adattamento alle tecnologie di gestione da parte dell uomo) per poi estendersi anche agli animali da compagnia Adattarsi significa avere il controllo della stabilità fisica e mentale (Broom, 1986) e il benessere quindi si riferisce a caratteristiche misurabili dell individuo Condizioni di benessere molto carenti influiscono sia sul comportamento dell animale sia sul suo stato fisico, determinando condizioni prepatologiche o patologiche (Viggiano et al., 2005)

34 Valutazione del benessere dei cani di canile Alcuni autori (Beerda et al., 1997 ) ritengono che i metodi di valutazione del benessere più facilmente applicabili, anche perché poco invasivi, sono: le osservazioni comportamentali la misurazione dei valori di cortisolo (urine, feci, sangue, pelo e saliva) la valutazione della pressione ematica

35 Osservazioni comportamentali Quella comportamentale è la più evidente e biologicamente economica risposta allo stress (es. fuga da un predatore) (McBride, 1980; Moberg, 2000 ) Ovviamente, le risposte comportamentali non sono appropriate per tutti i tipi di stress e gli animali possono trovarsi in situazioni in cui le opzioni comportamentali a loro disposizione sono limitate (es. limitata libertà di movimento) (Ladewing, 2000) Indicatori di scarso benessere possono essere le stereotipie, ipoattività, aggressività, comportamenti mal diretti (Broom, 1988)

36 segue Osservazioni comportamentali In uno studio (Beerda et al., 1997 ) è stata osservata la frequenza delle vocalizzazioni e la presenza di comportamenti legati a paura e sottomissione (leccarsi il muso, assumere una postura bassa, ecc.); stress più gravi possono far comparire altri segni come aumento della salivazione, ansimare, stereotipie, coprofagia, ecc. Altri autori (Van der Berg et al., 1991 ) hanno utilizzato una serie di test comportamentali (21) su cani ricoverati in canili rifugio, al fine di prevedere l insorgenza di disturbi comportamentali e poter accoppiare correttamente cane e proprietario

37 segue Osservazioni comportamentali Presso il canile municipale di Roma, personale addestrato ha effettuato delle osservazioni comportamentali sulla base di un etogramma redatto preventivamente allo scopo di determinare il carattere dei cani ospitati (Natoli et al., 2001 ) Presso il canile sanitario di Milano è stato messo a punto un metodo di approccio standardizzato (Mas): un veterinario si avvicina al cane nel box, gli applica un guinzaglio, lo conduce in ambulatorio dove esegue la visita clinica. Ne esce una duplice valutazione sul temperamento dell animale e sulla sua gestibilità (Albasini, 2001 )

38 segue Osservazioni comportamentali Il problema principale della valutazione del comportamento animale è la sua validazione, cioè la sicurezza che i test utilizzati misurino effettivamente quello che si propongono. Secondo alcuni psicologi molti test mancano di validazione scientifica per essere attendibili (Shackleton e Fletcher, 1984 ) Altri punti deboli di questi test sono le procedure spesso inconsistenti e dipendenti dall osservatore e dalla risposta del cane al precedente test e il fatto che il cane può reagire in modo diverso a differenti osservatori E problematico valutare il cane in canile perché molti comportamenti hanno origine dal rapporto cane-proprietario ed è quindi difficile individuare potenziali problemi in assenza di questo rapporto. Per questo è importante che ogni test utilizzato venga adattato al proprio ambiente (Sternberg, 1999)

39 Risposta neuro-endocrina allo stress Se la risposta comportamentale non ha successo, l animale altera il suo assetto biologico attraverso significativi cambiamenti nel sistema nervoso autonomo e in quello neuro-endocrino (Barnett e Hemsworth, 1990) Al contrario degli effetti del sist. nervoso autonomo che sono di breve durata, gli ormoni secreti del sistema neuro-endocrino in riposta allo stress hanno un ampio e duraturo effetto e virtualmente regolano tutte le funzioni biologiche influenzate dallo stress, comprese l immunocompetenza, la riproduzione, il metabolismo, la crescita e il comportamento(peterson et al., 1991 )

40 Misurazione del livello di cortisolo Il cortisolo è il glucorticoide più importante in molti mammiferi, uomo compreso. La sua concentrazione risente normalmente del ritmo circadiano sonno/veglia (Brook e Marshall, 1996) Mantenere una sufficiente, ma non eccessiva, concentrazione di cortisolo è necessario al fine di mantenere l omeostasi; un aumento cronico del 40% provoca infatti un catabolismo proteico, iperglicemia, soppressione immunologica, suscettibilità alle infezioni, depressione, una diminuzione delle performance mentali e, in molti vertebrati, un inibizione della riproduzione, in accordo con l idea che le funzioni non essenziali vengono soppresse durante una fase di stress per pemettere all organismo di rispondere in modo più efficace (Sapolsky, 1992). Per tutti questi motivi, la concentrazione di cortisolo è spesso utilizzata come indicatore di stress.

41 segue Misurazione del livello di cortisolo Alcuni autori hanno utilizzata la misurazione del livello di cortisolo nel plasma come indicatore di stress nei cani ricoverati in canile. Il confinamento nei box singoli porta a un iniziale (nei primi 3 giorni) aumento del cortisolo (v. n ng/ml) che gradualmente decresce con il passare dei giorni (Hennesy et al., 1997) In uno studio successivo degli stessi autori si è valutato come l aumento della cortisolemia, indotto da stress acuto (prelievo di sangue), può essere moderato o prevenuto tramite accarezzamento del cane (Hennesy et al., 1998)

42 segue: Misurazione del livello di cortisolo E stato inoltre dimostrato come la presenza del proprietario possa ridurre l aumento della cortisolemia in cani immessi in un nuovo ambiente, rispetto ai cani lasciati soli (Tuber et al., 1996) In uno studio realizzato presso il canile convenzionato di Bracciano nel 2003, è stato misurato il livello di cortisolo nelle feci dei cani osservati in quattro differenti situazioni (soli nel box, soli nel box arricchito, nel box con conspecifici, nel box con regolari interazioni con l uomo) (Viggiano et al., 2005)

43 segue: Misurazione del livello di cortisolo In un recente studio (Mondello et al., 2003) condotto sui cani del canile comunale di Reggio Emilia, si è valutato lo stress degli animali attraverso l investigazione degli adattamenti fisiologici e comportamentali che esso comporta. Per quanto riguarda i primi, si è valutata la concentrazione plasmatica di cortisolo, ma anche i livelli di quest ormone nelle feci, nel pelo e nella saliva

44 Stress e sistema immunitario L assunzione che lo stress influenzi il sistema immunitario deriva dall osservazione di un aumento dell incidenza delle malattie in animali esposti ad ambienti molto stressanti (Moberg et al., 2001 ) L esposizione a uno stress acuto produce però un aumento della funzione immunitaria e non una soppressione come nel caso dello stress cronico (Wiegers et al., 1994 ) Come parametri immunitari per la valutazione dello stress possono essere utilizzati il lisozima, le IgA

45 Misurazione dello stress dei cani di canile L Istituto di Zootecnica della facoltà di medicina veterinaria dell università di Milano sta realizzando una ricerca (protocollo A) presso il canile sanitario di Milano e il canile rifugio di Palazzolo, atta a valutare lo stato di benessere dei cani ricoverati nelle due strutture. Vengono effettuate delle osservazioni/valutazioni comportamentali e la valutazione di alcuni parametri ematici (cortisolo, IgA, Lisozima, Leucogramma da stress), sulla base di un preciso protocollo

46 segue Misurazione dello stress Protocollo A Quando il cane arriva in canile (giorno 0), viene sistemato in un box singolo. Il giorno stesso della sua entrata, un veterinario comportamentalista compila la scheda di primo approccio (Mas). Il cane viene portato in ambulatorio dove viene eseguita la visita clinica ed effettuato il primo prelievo ematico (cortisolo, IgA, Lisozima, Leucogramma da stress) Dopo un periodo compreso fra i 10 e i 15 giorni dall entrata in canile, i cani che non sono stati restituiti ai proprietari vengono sottoposti a un secondo prelievo ematico (per la valutazione dei medesimi parametri) e un comportamentalista compila una seconda scheda di valutazione comportamentale. I soggetti che verranno adottati dopo questo periodo, saranno sottoposti a un ulteriore controllo, mediante la compilazione da parte del proprietario di una scheda di adozione

47 Valutazione comportamentale dei cani di canile L Istituto di Zootecnica della facoltà di medicina veterinaria dell università di Milano sta realizzando una ricerca (protocollo B) presso il canile sanitario di Cossato (Bi), atta a valutare le caratteristiche comportamentali dei cani ricoverati nella struttura e successivamente dati in adozione

48 segue Valutazione comportamentale Protocollo B Videoregistrazione e valutazione comportamentale dei cani mediante la compilazione di una apposita scheda redatta da un veterinario comportamentalista, a partire dal 7-10 giorno dalla loro entrata in canile sanitario Una parte della scheda comportamentale utilizzata viene compilata anche dagli operatori del canile e dal medico veterinario responsabile Valutazione degli stessi animali, un mese dopo la loro adozione, mediante la compilazione di una scheda d adozione da parte del proprietario

49 A proposito di benessere del proprietario Grazie per l attenzione

VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE

VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE Quattrozampeinfiera 7-8 giugno 2014 Novegro Manuela Michelazzi, DVM Specialista in Etologia Applicata e Benessere Animale 1) CONSIGLI PER IL VIAGGIO Verificare che la

Dettagli

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL 1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL L elevata presenza sul territorio nazionale di animali da compagnia (secondo l'istat

Dettagli

IL RANDAGISMO CANINO E L ANAGRAFE CANINA

IL RANDAGISMO CANINO E L ANAGRAFE CANINA IL RANDAGISMO CANINO E L ANAGRAFE CANINA Dr. Angelo Seghesio RAFFAELLA TAMAGNONE Medico Veterinario Comportamentalista Cause di ingresso in canile IN USA: il 52.2% sono cani catturati Il 44.2% abbandonati

Dettagli

La coppia animale - conduttore in pet therapy

La coppia animale - conduttore in pet therapy CONFERENZA E TAVOLA ROTONDA SULLA PET THERAPY Angelo Gazzano - DVM, PhD La coppia animale - conduttore in pet therapy Dipartimento di Anatomia, Biochimica e Fisiologia Veterinaria Università di Pisa CARTA

Dettagli

4.1 Gli obblighi di legge del buon proprietario: cani e proprietari buoni cittadini

4.1 Gli obblighi di legge del buon proprietario: cani e proprietari buoni cittadini 4.1 Gli obblighi di legge del buon proprietario: cani e proprietari buoni cittadini - Un buon proprietario ricorda sempre che non tutti amano i cani e rispetta le esigenze altrui - Adottare un cane implica

Dettagli

EDUCAZIONE CANE - NUOVI CORSI Approccio Gnoseologico Sottile

EDUCAZIONE CANE - NUOVI CORSI Approccio Gnoseologico Sottile EDUCAZIONE CANE - NUOVI CORSI Approccio Gnoseologico Sottile CORSO EDUCATORI - Primo Livello CONOSCENZA DI BASE IL CANE NELLA SUA TOTALITÀ È aperto a tutti, anche a chi desidera semplicemente conoscere

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

Benessere del cavallo e riabilitazione equestre

Benessere del cavallo e riabilitazione equestre Benessere del cavallo e riabilitazione equestre Elisabetta Canali & Michela Minero Istituto di Zootecnica Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Milano Milano, 3 Dicembre 2004 Problematiche

Dettagli

L ansia da separazione

L ansia da separazione L ANSIA DA SEPARAZIONE L ansia da separazione L ansia da separazione Dott. Riccardo Benedetti Medico Veterinario Specialista in Etologia Applicata e Benessere Animale Dottorando in Environmental Science

Dettagli

Dr. Gerardo Fina Ambulatorio Veterinario

Dr. Gerardo Fina Ambulatorio Veterinario Apprendimento A cura di Dr. Gerardo Fina Ambulatorio Veterinario Dir. San. Dr. Gerardo Fina Via Pirandello, 11/13 29121 Piacenza Tel. 0523 48 16 61 Apprendimento 1 E un cambiamento nel comportamento di

Dettagli

Legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 Norme a tutela del benessere animale

Legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Art 4, comma 1 punto b) criteri per la classificazione del rischio da cani di proprietà con aggressività non controllata, parametri

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER UNITA CINOFILE DA MACERIA E SCOVO

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER UNITA CINOFILE DA MACERIA E SCOVO CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER UNITA CINOFILE DA MACERIA E SCOVO A.2(a) Lo stress nel cane Fulvio Gandolfi BENESSERE ANIMALE Il benessere di un animale è determinato dalla sua capacità di evitare la sofferenza

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI VILLASOR PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Domenica Areddu Allegato alla delibera di Consiglio comunale

Dettagli

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani Le strutture per il controllo e la tutela dei cani piacenza, 25 gennaio 2012 1988 CATTURA ABBATTIME NTO dopo 3 gg L.R. nr. 5 del 25 febbraio 1988 CATTUR A RICOVE RO IN CANILE LEGGE 14 agosto 1991, nr.

Dettagli

VOGLIO ADOTTARE UN CANE

VOGLIO ADOTTARE UN CANE VOGLIO ADOTTARE UN CANE ISTRUZIONI PER UNA MIGLIORE CONVIVENZA CON IL NUOVO AMICO A QUATTROZAMPE Direzione Ambiente Parco degli Animali Canile Rifugio INTRODUZIONE I cani che sono stati abbandonati e vivono

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità NORME NAZIONALI

Dettagli

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 Premessa Le attività nelle quali risulta impegnato il Servizio Veterinario dell

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

CORSO PER ISTRUTTORI CINOFILI

CORSO PER ISTRUTTORI CINOFILI CORSO PER ISTRUTTORI CINOFILI con il patrocinio della Facoltà di Medicina Veterinaria- Federico II e del Master in Zooantropologia Esperienzialebinomio uomo-animale per il lavoro di attività assistite

Dettagli

PERCHE I CANI ENTRANO IN CANILE? PERCHE ALCUNI NON ESCONO PIU?

PERCHE I CANI ENTRANO IN CANILE? PERCHE ALCUNI NON ESCONO PIU? PERCHE I CANI ENTRANO IN CANILE? PERCHE ALCUNI NON ESCONO PIU? Dr.ssa Raffaella Tamagnone Medico Albo AL 550 Cell. 335 6136722 raffaellatamagnone@gmail.com Sportello Regionale per gli Animali d'affezione-

Dettagli

I rischi da stress lavoro correlato

I rischi da stress lavoro correlato I rischi da stress lavoro correlato dr.ssa Elena Padovan Psicologa del Lavoro Logo Soggetto Attuatore Stress lavoro correlato D.Lgs 81/2008 art. 28 La valutazione ( ) deve riguardare tutti i rischi per

Dettagli

Associazione APACA Onlus. Il benessere del cane in cinque libertà*

Associazione APACA Onlus. Il benessere del cane in cinque libertà* Associazione APACA Onlus Il benessere del cane in cinque libertà* Il benessere del cane è un concetto davvero ampio, soggetto ad evoluzione a mano a mano che crescono l'attenzione scientifica e la sensibilità

Dettagli

Programma: Le date e i docenti potrebbero subire modifiche per ragioni organizzative.

Programma: Le date e i docenti potrebbero subire modifiche per ragioni organizzative. Programma: Le date e i docenti potrebbero subire modifiche per ragioni organizzative. Modulo 1 23 24 gennaio 2016 LE TEORIE DELL APPRENDIMENTO E LO STRESS NEL CANE Dott.ssa Lorella Notari Medico veterinario

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana La Spezia 12 novembre 2014 Alfonso Cristaudo U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana OMS Definizione di Salute uno stato di completo benessere fisico, mentale

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi.

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi. La D.G.R. n. 4-9730 del 06.1032008 Riorganizzazione nell ambito delle Aziende Sanitarie Locali degli interventi di sanità pubblica veterinaria per gli animali di affezione prevede l istituzione degli sportelli

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI UN PROGETTO STRAORDINARIO PER AFFRONTARE L EMERGENZA DEL RANDAGISMO NEL TERRITORIO DELL ASP

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI UN PROGETTO STRAORDINARIO PER AFFRONTARE L EMERGENZA DEL RANDAGISMO NEL TERRITORIO DELL ASP CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI UN PROGETTO STRAORDINARIO PER AFFRONTARE L EMERGENZA DEL RANDAGISMO NEL TERRITORIO DELL ASP ART. 1 - SCOPO DELLA CONVENZIONE Nel quadro delle disposizioni di cui alla Legge

Dettagli

Comune di Villasor Provincia di Cagliari REGOLAMENTO per l adozione dei cani

Comune di Villasor Provincia di Cagliari REGOLAMENTO per l adozione dei cani Comune di Villasor Provincia di Cagliari Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del 31 marzo 2015 REGOLAMENTO per l adozione dei cani IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli

Èdifficile individuare una definizione di aggressività

Èdifficile individuare una definizione di aggressività 04 dossier Aggressività canina CANI PERICOLOSI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Negli ultimi anni il problema dell aggressività canina si è imposto seriamente in Italia. Non esistendo ancora parametri oggettivi

Dettagli

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana COMUNE di TRIUGGIO Regolamento Comunale di Polizia Urbana Approvato con Delibera di C.C. n 41 del 29/11/2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO V CUSTODIA E CIRCOLAZIONE DEGLI ANIMALI Art. 36 Diritti

Dettagli

AIUTAMI BOXER RESCUE TEAM sito: www.rescueboxer.it mail: info@rescueboxer.it

AIUTAMI BOXER RESCUE TEAM sito: www.rescueboxer.it mail: info@rescueboxer.it AIUTAMI BOXER RESCUE TEAM sito: www.rescueboxer.it mail: info@rescueboxer.it Sede Legale: Via D. Nanni 14/A 47822 Santarcangelo di Romagna RN QUESTIONARIO RICHIESTA ADOZIONE Le domande del questionario

Dettagli

IL CORSO DI EDUCAZIONE DI BASE PER CANI E PROPRIETARI

IL CORSO DI EDUCAZIONE DI BASE PER CANI E PROPRIETARI IL CORSO DI EDUCAZIONE DI BASE PER CANI E PROPRIETARI Dott.ssa Fiorella D Aloia Medico Veterinario ed educatrice cinofila professionista di 3 livello con iscrizione all'albo dei tecnici nazionali CSN-LIBERTAS

Dettagli

Programma 3 corso educatori 2011 Centro cinofilio INDIANA KAYOWA Roma Direttore tecnico MASSIMO PERLA

Programma 3 corso educatori 2011 Centro cinofilio INDIANA KAYOWA Roma Direttore tecnico MASSIMO PERLA Programma 3 corso educatori 2011 Centro cinofilio INDIANA KAYOWA Roma Direttore tecnico MASSIMO PERLA 1 Incontro Durata: 8 ore Data: Domenica 23 Ottobre 2011 Presentazione del corso e dello staff. Presentazione

Dettagli

Dott. Roberto Baldini

Dott. Roberto Baldini Dott. Roberto Baldini La frenesia della vita moderna si è ormai impossessata pure dei nostri momenti di libertà, e godiamo in maniera nervosa e faticosa esattamente come quando lavoriamo. La parola d ordine

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

Dott. Daniele Merlano Medico Veterinario Comportamentalista Diplomato Master II livello Roma alebibop@libero.it 50 INCONTRO CULTURALE AVULP

Dott. Daniele Merlano Medico Veterinario Comportamentalista Diplomato Master II livello Roma alebibop@libero.it 50 INCONTRO CULTURALE AVULP Dott. Daniele Merlano Medico Veterinario Comportamentalista Diplomato Master II livello Roma alebibop@libero.it 1. Periodo Prenatale 2. Periodo Neonatale 3. Periodo di Transizione 4. Periodo di Socializzazione

Dettagli

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI Il concetto di stress ha un ruolo fondamentale nella comprensione delle manifestazioni psicosomatiche. Nella sua formulazione il concetto di stress permette di vedere

Dettagli

Scheda B11: Cattura e liberazione di cane o gatto con indicazioni di movimentazione in situazione di emergenza. Fattori di rischio principali

Scheda B11: Cattura e liberazione di cane o gatto con indicazioni di movimentazione in situazione di emergenza. Fattori di rischio principali A S V A S V Libe Movi Scheda B11: Cattura e liberazione di cane o gatto con indicazioni di movimentazione in situazione di emergenza Descrizione Cani (grande, media e piccola taglia), felini (gatti). Scenario

Dettagli

dell allevatore nelle fasi di sviluppo del cucciolo o del specie, hanno una loro ben determinata qualità da

dell allevatore nelle fasi di sviluppo del cucciolo o del specie, hanno una loro ben determinata qualità da Discussione Il Boxer rientra nella categoria dei molossoidi (Gruppo 2) che, indipendentemente dalla taglia, hanno due caratteristiche fondamentali: struttura massiccia e cranio voluminoso e brachicefalico.

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

DISTURBI D ANSIA D.A.P.

DISTURBI D ANSIA D.A.P. DISTURBI D ANSIA D.A.P. Incontri Uni-ATENeO dr.ssa Anna Galeotti 22 novembre 2012 Che ansia quest ansia! L ansia è un'emozione di base. E uno stato di attivazione dell organismo in presenza di una situazione

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. 6 febbraio 2003. Articolo 1) Finalità e definizioni

Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. 6 febbraio 2003. Articolo 1) Finalità e definizioni Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy 6 febbraio 2003 Articolo 1) Finalità e definizioni 1. Con il presente accordo le Regioni e il Governo si impegnano, ciascuno

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E CITTÀ DI COSENZA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E ~ 2 ~ ARTICOLO 1... 3 FINALITÀ... 3 ARTICOLO 2... 3 ADOZIONI... 3 ARTICOLO 3... 3 AGEVOLAZIONI... 3 ARTICOLO 4...

Dettagli

PROTOCOLLO ADOZIONE CANI

PROTOCOLLO ADOZIONE CANI PROTOCOLLO ADOZIONE CANI Partendo dal testo del Decreto legislativo 43/2010 della Regione Lazio che al punto E.2 recita Un adozione consapevole e responsabile rappresenta uno strumento essenziale per far

Dettagli

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA INFORMAZIONI SOCIETARIE Denominazione Dacci una Zampa Onlus Forma giuridica - Organizzazione non lucrativa di utilità sociale Presidente Candida Naccarato

Dettagli

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Definizioni)

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Definizioni) Regione Molise - Servizio Alimentazione Umana e Medicina Veterinaria Regolamento Regionale n. 1:" Regolamento recante norme per il mantenimento degli animali da compagnia e per la realizzazione e la gestione

Dettagli

STRESS LAVORO-CORRELATO

STRESS LAVORO-CORRELATO STRESS LAVORO-CORRELATO o RISCHIO DA PREVENIRE o PREVENIRE LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA E DOVERE ETICO OBBLIGO GIURIDICO RIFERIMENTI NORMATIVI o DIRETTIVA CONSIGLIO EUROPEO (89/391/Cee,12/06/1989)

Dettagli

PROGETTO: SPAVENTELLI

PROGETTO: SPAVENTELLI PROGETTO: SPAVENTELLI PROFILO ETOLOGICO/CARATTERIALE: ANDREA Caratteri generali: Incrocio maschio, taglia media, nato nel 2010. Proveniente dal Canile di Noha (Le). Anamnesi: Accalappiato insieme alla

Dettagli

LEGGE REGIONALE TOSCANA N.

LEGGE REGIONALE TOSCANA N. LEGGE REGIONALE TOSCANA N. 43 dell 8 aprile 1995 Norme per la gestione dell' anagrafe del cane, la tutela degli animali d' affezione e la prevenzione del randagismo Modificata ed integrata da LEGGE REGIONALE

Dettagli

Città di Troia Provincia di Foggia

Città di Troia Provincia di Foggia Città di Troia Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE ART. 1 (OGGETTO E FINALITÀ) Il presente regolamento disciplina l'adozione da parte di privati

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa del Deputato On. Gianni MANCUSO. Disciplina delle attivita` e delle terapie assistite dagli animali

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa del Deputato On. Gianni MANCUSO. Disciplina delle attivita` e delle terapie assistite dagli animali PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa del Deputato On. Gianni MANCUSO Disciplina delle attivita` e delle terapie assistite dagli animali Onorevoli Colleghi! Nel nostro Paese milioni di persone si curano facendo

Dettagli

controlli sanitari nelle strutture di ricovero per cani e gatti.

controlli sanitari nelle strutture di ricovero per cani e gatti. Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Il Dirigente Responsabile del Servizio Gabriele Squintani Protocollo N. ASS/VET/06/24150 Data

Dettagli

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia 25/11/2010 Dott.ssa Daniela Zucca Per contrastare il fenomeno del randagismo e promuovere il rispetto degli

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE per TUTOR di colonia felina

CORSO di FORMAZIONE per TUTOR di colonia felina CORSO di FORMAZIONE per TUTOR di colonia felina Dr.ssa Raffaella Tamagnone Medico Veterinario Comportamentalista Albo AL 550 Tel. 335 6136722 raffaellatamagnone@gmail.com ORIGINE E DOMESTICAZIONE DEL GATTO

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Padova Facoltà di medicina veterinaria Corso di laurea specialistica in Medicina Veterinaria Tesi di Laurea Valutazione della risposta adattativa dei cani ricoverati in canile

Dettagli

I PRINCIPALI PROBLEMI COMPORTAMENTALI DEL GATTO

I PRINCIPALI PROBLEMI COMPORTAMENTALI DEL GATTO Dr.ssa Sara Faggin Medico Veterinario Comportamentalista n.iscr. OMV:VI 456 cell.3498386789 sara.faggin@virgilio.it - www.sarafaggin.it I PRINCIPALI PROBLEMI COMPORTAMENTALI DEL GATTO L AGGRESSIVITA L

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE. Art. 1 - Orario di apertura del canile. Art. 2 - Ingresso dei cani al canile

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE. Art. 1 - Orario di apertura del canile. Art. 2 - Ingresso dei cani al canile REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Orario di apertura del canile Art. 2 - Ingresso dei cani al canile Art. 3 - Abbinamento e inserimento nuovi cani nei box Art. 4 - Rieducazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 28.04.2016

Dettagli

Un maestro a 4 zampe. Progetto di Educazione Assistita dagli Animali. Presso Scuole primarie. Città di Novi Ligure PREMESSA

Un maestro a 4 zampe. Progetto di Educazione Assistita dagli Animali. Presso Scuole primarie. Città di Novi Ligure PREMESSA Un maestro a 4 zampe Progetto di Educazione Assistita dagli Animali Presso Scuole primarie Città di Novi Ligure PREMESSA Pet therapy é un termine anglosassone usato erroneamente in Italia per parlare delle

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI

COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI Tel. 0873.913121-913106 Fax 0873.913175 P.I. 00243570694 Piazza Donato Iezzi, 15 66020 Torino di Sangro PEC protocollo@comunetorinodisangro.legalmail.it www.comune.torinodisangro.ch.it

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Organismo Paritetico Provinciale STRESS LAVORO CORRELATO CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Scheda tecnica redatta da: Dott. Mauro Scartazza Consulente Salute Sicurezza e Igiene degli Alimenti Speciale

Dettagli

MODULO PREADOZIONE. La persona di riferimento per questo affidamento è KATIA cell. 331 3210840 Email: katia.cereda@bordersangels.

MODULO PREADOZIONE. La persona di riferimento per questo affidamento è KATIA cell. 331 3210840 Email: katia.cereda@bordersangels. MODULO PREADOZIONE Prima di definire ogni adozione è uso conoscere meglio l adottante. Come per voi, anche per noi è importante il benessere animale, seguendo queste prassi entrambe saremo contente di

Dettagli

Il canile come strumento di educazione sanitaria nella società moderna.

Il canile come strumento di educazione sanitaria nella società moderna. Il canile come strumento di educazione sanitaria nella società moderna. Paola Nicolussi Rossana Re La normativa attuale sul benessere degli animali da compagnia Il progressivo miglioramento della qualità

Dettagli

Prove comportamentali sull ibrido fecondo Palù a 3 anni e mezzo.

Prove comportamentali sull ibrido fecondo Palù a 3 anni e mezzo. Prove comportamentali sull ibrido fecondo Palù a 3 anni e mezzo. Premessa: i test mirano a verificare quanto la parte ontogenetica ha declinato il soggetto come lupo e quanto è rimasto della parte del

Dettagli

Ansia tra normalità e patologia

Ansia tra normalità e patologia Ansia tra normalità e patologia Introduzione: lo stress Il termine stress indica la reazione fisiologica causata dalla percezione di situazioni avverse o minacciose. E un termine mutuato dall ingegneria,

Dettagli

Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo. Ferrara, 16 maggio 2012

Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo. Ferrara, 16 maggio 2012 Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo Ferrara, 16 maggio 2012 Legge regionale 17.02.05, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Finalità La

Dettagli

Adottare un cane: metodo e indicazioni per una buona adozione

Adottare un cane: metodo e indicazioni per una buona adozione Adottare un cane: metodo e indicazioni per una buona adozione Dr.ssa Giulia Bompadre, D.V.M, Ph.D., Master Universitario in Medicina Comportamentale degli animali d affezione Centro Studi Terapie Assistite

Dettagli

Procedure operative animali d affezione

Procedure operative animali d affezione Procedure operative animali d affezione Marta Anello CELVA Convenzione relativa alle modalità di controllo del randagismo e protezione degli animali da affezione Durata: periodo compreso tra il 1 ottobre

Dettagli

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO PREMESSA IL PRESENTE

Dettagli

UISP Lecce, dr MIRCO TURCO

UISP Lecce, dr MIRCO TURCO PSICOLOGIA, SICUREZZA E DIFESA PERSONALE Dr. Mirco Turco PSICOLOGO E TRAINER UISP 1 PERSONALITA FUNZIONALI E DISFUNZIONALI Personalità funzionale (personalità non patologica) Personalità nevrotica (instabile)

Dettagli

Oltre tali zone si dovrà riconoscere quello che sarà il bagno, fornendo al cane la possibilità di uscite frequenti. 1. LA GESTIONE SOCIALE.

Oltre tali zone si dovrà riconoscere quello che sarà il bagno, fornendo al cane la possibilità di uscite frequenti. 1. LA GESTIONE SOCIALE. I BISOGNI FONDAMENTALI DEL CANE Parliamo innanzi tutto del rispetto dei bisogni alimentari, che riguardano la necessità di fornire acqua fresca e pulita e un cibo adeguato alle sue esigenze. In secondo

Dettagli

CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE

CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE Dr. Rachele Nanni - Psicoterapeuta, Neuropsicologa MINDFULNESS MEDITAZIONE COME PRATICA DI CONSAPEVOLEZZA Con il termine meditazione intendo qui un insieme di tecniche atte

Dettagli

Linee guida regionali per l organizzazione dei percorsi formativi per i proprietari dei cani

Linee guida regionali per l organizzazione dei percorsi formativi per i proprietari dei cani Linee guida regionali per l organizzazione dei percorsi formativi per i proprietari dei cani Con la Delibera Regionale 647/2007 la Regione Emilia-Romagna ha approvato i criteri per la classificazione del

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008

la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008 la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008 dott.ssa rosalba matassa ministero della salute direzione generale della sanità animale e del farmaco

Dettagli

REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL

REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 19-07-1994 Norme per la tutela degli animali di affezione e per la prevenzione ed il controllo del fenomeno del randagismo. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA

Dettagli

PROGRAMMA DEL CANE BENE EDUCATO

PROGRAMMA DEL CANE BENE EDUCATO PROGRAMMA DEL CANE BENE EDUCATO CURA E RESPONSABILITA' Sezione 1 Le necessità del cane. Ogni proprietario di cani deve essere a conoscenza dei bisogni del suo cane. Acqua - Deve sempre essere a disposizione.

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Oggetto del Regolamento. Art. 3 - Definizioni e principi generali.

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO 1 Introduzione. La gestione della salute e sicurezza in azienda assume un importanza sempre maggiore non solo al fine

Dettagli

Randagismo e Pappataci, un fattore di rischio per la diffusione della Leishmaniosi. Luciano Venturi

Randagismo e Pappataci, un fattore di rischio per la diffusione della Leishmaniosi. Luciano Venturi Progetto integrato di formazione dei Dipartimenti di Sanità Pubblica Area Vasta Romagna - Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Una panoramica sui principali infestanti urbani di interesse sanitario

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione della leishmaiosi nei canili. Ozzano, 19 giugno 2008

Istruzioni operative per la gestione della leishmaiosi nei canili. Ozzano, 19 giugno 2008 Istruzioni operative per la gestione della leishmaiosi nei canili Ozzano, 19 giugno 2008 Controllo dello stato di salute degli animali ospitati tutela e benessere degli animali ospitati Tutela della salute

Dettagli

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo L attacco di panico sembra essere per il malato una duplice condanna: da un lato i sintomi che imperversano, dall altro quasi la ferma certezza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MANCUSO, GHIGLIA, CICCIOLI, PORCU, PATARINO, HOLZMANN, MINASSO, MARSILIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MANCUSO, GHIGLIA, CICCIOLI, PORCU, PATARINO, HOLZMANN, MINASSO, MARSILIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1180 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MANCUSO, GHIGLIA, CICCIOLI, PORCU, PATARINO, HOLZMANN, MINASSO, MARSILIO Disciplina delle

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità La tutela

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT Cagliari Iglesias - Olbia NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ IN ETÀ EVOLUTIVA Dr.ssa Sabrina Cesetti Qualsiasi bambino (e la gran parte degli adulti) tende a distrarsi e a commettere

Dettagli

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO CORSO Di FORMAZIONE ASL CN2 ALBA-BRA 05/07/2012 Dr. Musto Domenico Dirigente Medico S.Pre.S.A.L. ASL AT Asti D.L.GS 81/2008 E RISCHI DA

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

Animali Amici, Animali Terapeutici

Animali Amici, Animali Terapeutici Animali Amici, Animali Terapeutici Aspetti medico- veterinari Dr Michele Podaliri Vulpiani 1 Ruolo del veterinario il veterinario è colui che si occupa prevalentemente di valutare lo stato di salute degli

Dettagli

I PRINCIPALI PROBLEMI COMPORTAMENTALI DEL CANE

I PRINCIPALI PROBLEMI COMPORTAMENTALI DEL CANE Dr.ssa Sara Faggin Medico Veterinario Comportamentalista n.iscr. OMV:VI 456 cell.3498386789 sara.faggin@virgilio.it - www.sarafaggin.it I PRINCIPALI PROBLEMI COMPORTAMENTALI DEL CANE L AGGRESSIVITA Il

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CAPIRSI PER EVITARE GLI ERRORI PIU COMUNI

LA COMUNICAZIONE CAPIRSI PER EVITARE GLI ERRORI PIU COMUNI LA COMUNICAZIONE CAPIRSI PER EVITARE GLI ERRORI PIU COMUNI Il comportamento di un individuo influenza quello di un altro individuo Conoscere i segnali utilizzati dai cani ci permette di evitare errori

Dettagli