CARTA VALORI E CODICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA VALORI E CODICE"

Transcript

1 CARTA VALORI E CODICE Profilo dell Associazione L Associazione, nello spirito della legge 4 del 14 gennaio 2013, vuol definire, formare e validare, al più alto livello possibile dell European Qualification Framework 1, le moderne competenze di un HBC - Hair Beauty Consultant. Una iniziativa, questa, finalizzata a generare un ampia massa critica per creare un ciclo virtuoso e continuo di crescita legata all ideazione, progettazione, produzione e messa in essere di prestazioni professionali di alto livello. Associazione che nasce da un uso consapevole di valori etici proiettati in una comunità professionale innovativa e capace di creare futuro. Cuore dell Associazione L Associazione ha motivazioni che la spingono a realizzare un progetto legato a ciò che ha un grande valore: l intelligenza e la competenza delle risorse umane. Ci sta a cuore la comunità professionale dell Hairstyling, questa area e i suoi operatori, lo sviluppo di qualità, l integrazione tra il fare dei maestri e il sapere dei ricercatori, tra la conoscenza degli operatori ed il coraggio degli imprenditori. Ci sta a cuore un progredire illuminato che abbandoni la priorità della contingenza e dell effimero a favore di una visione lungimirante: guardare in modo più ampio al futuro di tutti coloro che vogliono essere costruttori e custodi di una moderna professionalità. Ci sta a cuore proporre il valore del Made in Italy, proiettandolo nella realtà di una società multiculturale in cui la diversità è comune ricchezza. Ci sta a cuore ri-unire l intellettualità e la creatività all antico gesto dell artigiano. Ci sta a cuore l evolversi dell hairdresser: la trasformazione del suo mestiere in professione. Forma dell Associazione L Associazione è qualcosa di più di una semplice proposta aggregativa: è generatrice di crescita personale e professionale; è rete intraprendente in cui avviene l incontro/contaminazione di diversi soggetti e diversi valori. Vede la professionalità del HBC sia come espressione di saperi interdisciplinari, multifunzionali e multimodali, sia come complessità di interazioni fare-sapere, manualità-tecnologia, Sé-Altro da Sè. Il suo operare ha un ambizioso obiettivo: sostenere l hairdresser nella sua ricerca di sviluppo, affermazione e successo, motivandolo ad imparare il nuovo e a ri-visitare l antico al fine di poter agire consapevolmente nella complessità del fare contemporaneo. L Associazione è un logos dove si svolge un lavoro formativo volto all aggiornamento ed alla valorizzazione delle competenze di un hairdresser al fine di fargli raggiungere la professionalità del HBC. 1 Il Quadro Europeo delle Qualifiche e dei titoli per l'apprendimento permanente (EQF) è uno schema di riferimento per uniformare quadri di qualifiche e livelli di apprendimento di diversi paesi. Agisce come dispositivo per renderli più leggibili.

2 VALORI L Associazione attua una gestione democratica, efficiente, valida e sostenibile nel tempo, basata sul contributo e sulla valorizzazione dei propri iscritti. I suoi comportamenti sono espressione di valori quali: 1. Responsabilità Recepita come il farsi carico delle conseguenze delle azioni con onestà, trasparenza e serietà, rispettando il rapporto di fiducia accordata da chi vede nell Associazione un elemento di garanzia di diritti ed aspettative. 2. Rispetto Visto come il considerare tutte le persone, che hanno un qualsivoglia interesse o rapporto con l associazione, come soggetti attivi di una complessa interazione sociale. Interazione che deve essere paritaria, positiva e stabile e deve esprimere credito e stima, verso detti soggetti, attraverso dinamiche comunicative che sono espressione di ascolto assertivo. 3. Solidarietà Percepita come affermazione di una cultura socializzante che vede, nella circolazione delle idee e delle informazioni, una crescita collettiva in grado di contrastare sterili comportamenti concorrenziali. Solidarietà finalizzata a costruire una comunità professionale collaborativa operante in interdipendenza positiva e interazione promozionale. 4. Trasparenza Intesa come criterio informatore a cui è deve essere conformato lo svolgimento di ogni attività assicurando, a tutti i livelli ed a tutti i portatori di interessi e referenti: chiarezza, semplicità e comprensibilità degli atti costitutivi, dei regolamenti e dei codici; facilità di accesso alle documentazioni; esplicitazione delle varie fasi dei processi decisionali; pervasiva attività di diffusione delle informazioni. 5. Lungimiranza Interpretata come impegno a monitorare e valutare, in continuum, lo sviluppo dei processi che si attivano nella comunità professionale per definire il disegno strategico e strutturare processi organizzativi che possono garantire una gestione efficiente ed efficace in grado di rispondere alle mutevoli necessità degli iscritti e dei loro clienti. 6. Professionalità Vista come l insieme olistico di conoscenze, abilità e competenze che rendono capaci di ospitare le aspettative esplicite ed implicite dei clienti, assicurando loro elevati livelli di qualità della prestazione erogata.

3 CODICE ETICO E DI CONDOTTA Premessa Il presente Codice Etico e di Condotta (di seguito denominato Codice ), è frutto di una riflessione sulla Mission/Vision e sui Valori dell Associazione Professionale Hair Beauty Consultant. I destinatari del Codice sono tutti coloro che influenzano o sono influenzati dall attività dell Associazione: iscritti e loro clienti; istituzioni pubbliche e private; ecc. Il Codice Etico dell Associazione orienta verso il miglioramento progressivo del settore in generale e degli iscritti in particolare. Con esso si vogliono affermare valori, significati e stili comportamentali al fine di garantire che l Hair Beauty Consultant, nei suoi rapporti di lavoro, dimostri sempre riconoscibili principi di correttezza morale; onestà intellettuale; buona fede. Titolo I Principi generali Art. 1 Finalità e destinatari del codice Le finalità del presente Codice sono: uniformare l attività dei soggetti, di cui in premessa, ai migliori standard di condotta rispettosi dei principi della responsabilità sociale; stimolare, in linea con la strategia di Europa 2020, una crescita professionale capace di generare innovazione nella comunità professionale dell hairstyling in un ottica di un'economia intelligente, sostenibile e solidale. Il presente Codice si rivolge, in particolare, agli Hair Beauty Consultant, iscritti all Associazione ed al suo Registro Professionale che operano nel settore di riferimento, con qualsiasi inquadramento lavorativo (autonomo o dipendente). Nel caso di attività svolta presso terzi avranno cura di stimolare l osservanza del presente Codice anche presso i propri datori di lavoro, dirigenti e/o subalterni. Il soggetto si impegna altresì a coinvolgere i portatori di interessi al rispetto dei valori, dei significati e dei principi che ispirano il presente Codice. Art. 2 Principi generali Nello svolgimento della propria attività il soggetto rispetta scrupolosamente sia le norme civili, penali e amministrative che regolano il settore, sia quelle del presente Codice.

4 Opera, quindi, nel convinto rispetto dei principi di lealtà, diligenza professionale, probità e correttezza nei confronti di tutti coloro con i quali entra in relazione. Il soggetto, inoltre, si impegna a vigilare, con la massima attenzione, sull osservanza delle regole del Codice attivando continue azioni d informazione, di prevenzione e di controllo ricorrendo, se dovuto, a segnalare all associazione comportamenti difformi. Art. 3 Rispetto dei diritti umani, delle risorse umane e dell ambiente. Il soggetto riconosce il valore supremo della persona umana e si impegna al rispetto dei Diritti Umani, prestando particolare attenzione, nell esercizio dell attività, alla tutela dei minori con cui entra in contatto. Individua, nei dipendenti dell organizzazione di cui è parte e/o nei suoi collaboratori, la risorsa primaria per il successo delle sue attività. Assicura ambienti di lavoro che garantiscono l integrità fisica e morale, ponendo particolare attenzione alla normativa sulla sicurezza. Avvalora stili relazionali e comportamenti rispettosi della dignità individuale, della personalità e delle origini socio-economiche-culturali delle persone con cui entra in contatto. Il soggetto, inoltre, intende la salvaguardia dell ambiente come una priorità: sceglie fornitori che applicano politiche ecocompatibili; attiva azioni volte a ridurre consumi; esprime comportamenti volti ad evitare conseguenze negative per l ambiente. Art. 4 Aggiornamento e divulgazione del Codice L associazione professionale Hair Beauty Consultant, è responsabile del Codice e ne cura l aggiornamento dando la dovuta informazione agli associati e pubblicando ogni variazione e/o integrazione del Codice stesso all interno del sito e del WEB più in generale- Titolo II Obblighi relativi ai rapporti con i clienti nello svolgimento dell attività Art. 5 Equità delle clausole contrattuali Il soggetto si impegna a rispettare dichiarati standard di qualità per le prestazioni ed i servizi resi, utilizza modelli contrattuali e formulari che assicurano chiarezza, equità e trasparenza, si serve di questionari anonimi per valutare in modo oggettivo i livelli di soddisfazione dei clienti. Il soggetto si impegna ad operare in modo corretto, all interno della propria comunità professionale di riferimento, evitando azioni che possono determinare un significativo squilibrio di diritti-doveri in proprio favore e in danno di altri. Art. 6 Esecuzione dei contratti

5 Il soggetto, nelle prestazioni e nei rapporti con clienti, si attiene sia a leggi e normative, sia a principi di correttezza morale, di onestà intellettuale e di buona fede, sia a comportamenti che affermano i valori e i significati del presente Codice Art. 7 Conciliazione e arbitrato Il soggetto adotta, preferibilmente, strumenti di composizione non giudiziale delle controversie, sia conciliative che arbitrali, avvalendosi, in particolare, sia dei servizi prestati dalle Camere arbitrali istituite presso le Camere di Commercio, sia dell apposito servizio offerto dall Associazione. Sezione I Rapporti con i clienti Art. 8 Obbligo di lealtà Il soggetto pone al centro del suo operato la persona che richiede sue prestazioni. Si impegna, quindi, a recepire, mediante una empatica accoglienza, le esigenze ed aspettative dei clienti al fine di soddisfarle al meglio. Nel caso di prestazioni individuali, riferibili a richieste di hairstyling, opera compatibilmente con quanto evidenziato da una approfondita analisi delle caratteristiche dermatologiche, tricologiche, morfologiche e fisiognomiche che questa presenta. Il soggetto considera l insoddisfazione o la perdita di clienti un personale fallimento, mette, quindi, in atto strategie, metodologie e tecniche che gli permettono di: conoscere i propri clienti; definire le loro esigenze ed aspettative; misurare il loro livello di soddisfazione, valutare la qualità del lavoro eseguito, fidelizzare il cliente. Art. 9 Rispetto dei requisiti di correttezza, imparzialità e trasparenza nei rapporti con i clienti Nei rapporti con il cliente il soggetto, anche al fine di individuarne compiutamente le esigenze, dimostra capacità di utilizzare, modalità di comunicazione verbale e non verbale che prefigurano uno stile relazionale caratterizzato da ascolto assertivo al fine di facilitare reazioni positive e annullare e ridurre la possibilità di reazioni negative. Il soggetto si astiene dal porre in essere pratiche commerciali che possano essere considerate trasgressive, ingannevoli, incomplete e, in quanto tali, limitative della libertà di scelta o comportamento del potenziale cliente. A tal fine opera nel pieno rispetto dell art. 27-bis del codice del consumo e del presente Codice. In particolare, nel caso di rapporti riferibili ad enti, organizzazioni private, fornitori, sono sempre evidenziati con precisione: copia del contratto che regola il rapporto nel quale sono chiaramente indicati i servizi inclusi ed eventualmente i servizi da conteggiare a parte; le modalità e la tempistica del servizio; i prezzi della prestazione, le modalità e i termini di pagamento. Nel caso di prestazioni riferibili ad una performance personalizzata sono comunicate al cliente: garanzie sulla qualità ed eventuali certificazioni dei prodotti utilizzati e dei servizi resi; esistenza e

6 condizioni delle garanzie successive alla prestazione professionale; prezziario degli interventi che vengono svolti; esistenza del presente Codice. Art. 10 Applicazione dei contratti tipo elaborati dalla CCIAA Nell ambito della propria attività, il soggetto utilizza, o opera, nell ambito di contratti ed accordi che applicano le norme a tutela del mercato e del consumatore, mirando, da un lato, a diffondere un consumo consapevole e, dall altro, a fornire gli estremi di norme e adempimenti che assicurano, in modo trasparente e correttamente concorrenziale, l immissione sul mercato di prestazioni e servizi sicuri e competitivi. Nello specifico, vista la diversità di prestazione che il soggetto deve fornire a seconda che operi come gestore di un proprio salone o come manager/consulente presso strutture terze, si presenta la necessità di approntare due distinte tipologie di contratti, una carta dei servizi per i saloni autogestiti dal soggetto, dove prevale un rapporto fiduciario di tipo scritto/verbale e, un idealtipo di contratto per le strutture più grandi e polivalenti. Ove possibile il soggetto usa o si riferisce a contratti tipo elaborati dall Unioncamere, nella fattispecie il contratto-tipo dei centri estetica e benessere. Art. 11 Pubblicità Il soggetto che aderisce a questo Codice ne pubblica altresì un riferimento all interno del sito Web della propria attività e ne informa i clienti circa l esistenza e gli effetti.. Art. 12 Rispetto delle regole di riservatezza e corretto trattamento dei dati personali Il soggetto opera nel rispetto scrupoloso delle leggi poste a tutela della riservatezza delle persone e degli altri soggetti, con particolare riferimento al trattamento dei dati personali. Il soggetto assume tutte le misure necessarie alla protezione dei dati e delle informazioni in suo possesso. Il soggetto facilita quanto più possibile l accesso ai dati e alle informazioni in proprio possesso da parte delle persone a cui i dati e le informazioni sono direttamente riferiti. Sezione II Rapporti con i clienti Art. 13 Princìpi ispiratori dei rapporti di consulenza e management a terzi

7 Il soggetto, nel rapporto con l organizzazione, con cui attiva collaborazioni che prevedono consulenze e/o management, svolge le sue attività professionali nello spirito di un pervasivo senso di partecipazione attiva. Il soggetto, oltre a sottoscrivere un regolare contratto, definisce a priori, strategie, metodologie, tecniche e linguaggi da utilizzare al fine di ottenere, dal committente, una consapevole adesione,sul piano emozionale e fattuale, agli obiettivi che si pone. Si impegna inoltre ad utilizzare stili relazionali adeguati all organigramma e funzionigramma della realtà in cui opera. Il soggetto, al fine di avvalorare le sue prestazioni professionali, si impegna ad incentivare una efficace connettività intraprendente (stimolando la creazione di reti e collaborazioni tra organizzazioni) con il settore di riferimento e, più in generale, con il territorio, per rendere più visibile e competitiva la struttura in cui opera. Art. 14 Princìpi ispiratori dei rapporti con i fornitori Il soggetto attiva, con i fornitori, rapporti che, pur avendo un focus economico, tengono conto di importanti fattori quali: costanza di una qualità, che assicura il benessere alla persona; rispetto dell ambiente; ricerca continua di innovazione dei prodotti; disponibilità ad attivare sinergie finalizzate al miglioramento delle prestazioni professionali; capacità di implementare, ove necessario, eventuali azioni correttive. Viene messo in atto un sistema di verifica dei fornitori, finalizzato sia a salvaguardare i clienti, sia a verificare la rispondenza del loro servizio ai principi del presente Codice. In concreto il soggetto mette in atto una procedura che raccoglie tutte le informazioni ed i dati disponibili sul fornitore e procede poi ad analizzare tali dati, tenendo conto di aspetti che variano in base al livello di conoscenza che si ha del fornitore e del tipo di prodotto/servizio richiesto, quali: aderenza del prodotto/servizio alle esigenze del salone; rispetto dei termini di consegna; qualità prodotto/servizio fornito; struttura aziendale e capacità tecnico/produttive; disponibilità di documentazione relativa al prodotto (con particolare riguardo alla marcatura CE) e/o al processo (con particolare riguardo alla certificazione UNI ISO); prezzo e condizioni di pagamento; disponibilità di struttura post-vendita.

8 Art. 15 Princìpi ispiratori dei rapporti con collaboratori e/o subalterni Il soggetto si impegna a creare, nella realtà in cui opera, un clima motivante per ottenere l efficienza e l efficacia operativa necessaria a raggiungere obiettivi qualificanti. Intende la motivazione come espressione dei valori e dei significati che inducono un individuo ad assumere comportamenti funzionali al raggiungimento di un condiviso obiettivo. Egli, inoltre, è cosciente che ogni atto che viene compiuto senza motivazioni rischia di fallire. Il soggetto si impegna ad adottare le misure necessarie a tutelare l integrità, la personalità morale e a promuovere lo sviluppo, anche professionale, dei collaboratori curandone l addestramento e la formazione continua. A tal fine utilizza: strategie di empowerment per sostenere il continuo aggiornamento delle competenze; metodologie maieutiche atte a tirar fuori i punti di forza dei collaboratori; tecniche di GOPP (Goal Oriented Project Planning) e coaching per rendere condivisi e raggiungibili gli obiettivi. Il soggetto opera, soprattutto, per costruire un gruppo cooperativo che sa agire in interdipendenza positiva e interazione promozionale faccia a faccia, capace, quindi, di: offrire all'altro aiuto e assistenza effettiva ed efficace; scambiare risorse come informazioni, materiali ed elaborazioni dell'informazione; disponibilità reciproca di feedback per migliorare la responsabilità e la prestazione nei compiti successivi; stimolare la reciproca partecipazione ed il coinvolgimento personale per raggiungere gli scopi comuni; agire in modo da dare e ottenere reciprocamente la fiducia. Il soggetto si impegna, inoltre, ad osservare tutte le leggi in materia di lavoro, con particolare riguardo alla legislazione in materia di sicurezza. I rapporti con i dipendenti sono, in ogni caso, regolati dal contratto collettivo nazionale di categoria. Sezione III coinvolgimento portatori di interesse Art. 15 Coinvolgimento nelle politiche aziendali Il soggetto ricerca il coinvolgimento alle politiche aziendali da parte dei vari portatori di interessi, con attenzione alla comunità professionale di riferimento. Particolare interesse riserva al territorio inteso nella sua complessità ed attualità e, quindi, valore culturale ed opportunità socio/economica Art.16 Coinvolgimento nel rispetto del codice Nel rispetto del Codice ci si avvale del principio di sussidiarietà. Principio regolatore per cui chi sta "più in basso", nello specifico l iscritto al Registro Professionale dell Associazione, è ritenuto capace di svolgere compiti di controllo, l'ente, nello specifico l Associazione, che sta "più in alto" deve supportare detti compiti sostenendone l'azione attraverso la messa a disposizione di strutture, strumenti e referenti (ART ) adeguati a tal fine.

9 Il soggetto, quindi, vigila affinché l operato dei vari portatori di interessi, con cui si relaziona e/o eroga prestazioni, non mettano in essere azioni e comportamenti in contrasto con i principi del presente Codice. Sezione IV Rapporti con i concorrenti Art. 17 Divieto di pratiche di concorrenza sleale Il soggetto si astiene tassativamente dal compiere atti di concorrenza sleale in contrasto con quanto definito dalla normativa italiana ed europea e, in ogni caso, evita comportamenti che possano essere qualificati come contrari ai principi della corretta concorrenza e del libero mercato. In primis si astiene dal formulare giudizi sulla professionalità dei colleghi, anche se richiesti. Nella prestazione dei propri servizi al cliente il soggetto può effettuare raffronti e comparazioni con quelli concorrenti, purché sulla base di criteri, parametri ed indicatori veritieri, omogenei, oggettivi, misurabili e verificabili. Art. 18 Pubblicità Il soggetto, nelle comunicazioni pubblicitarie, osserva i principi di veridicità e correttezza e si astiene da ogni tipo di pubblicità ingannevole. Tiene conto delle responsabilità legali e delle implicazioni finanziarie conseguenti alla prestazione di una pubblicità infondata. Le comunicazioni al pubblico del soggetto mirano, attraverso mezzi adeguati e facilmente accessibili, principalmente a: informare sulle prestazioni offerte; evidenziare gli aspetti qualitativi e di eccellenza del soggetto e della struttura in cui opera; chiarire il rapporto tra la prestazione offerta e le reali esigenze ed aspettative del cliente. Titolo III Modalità di diffusione, attuazione e controllo del Codice Diffondere, attuare e controllare quanto nel Codice significa integrare, nei fatti, le finalità dell Associazione, affermando, nelle relazioni con gli iscritti ed i principali portatori di interesse, la coerenza rispetto ai suoi Valori. A tal fine istituisce un Comitato Etico. Art. 19 Modalità di diffusione L Associazione si impegna a garantire la diffusione e l osservanza del Codice, presso gli iscritti ed i portatori di interesse, sostenendone il rispetto.

10 A tal fine l Associazione mette a disposizione di ciascun iscritto, in un ottica di sussidiarietà, il Codice, utilizzando diversificati media come, ad esempio, una sezione apposita del sito. Art. 20 Modalità di attuazione e controllo La conoscenza del Codice, così come il controllo dell applicazione, dipendono dall impegno e dalla responsabilità di tutti gli iscritti all Associazione, attraverso la loro piena condivisione dei Valori che lo hanno ispirato. Si richiede loro di: prendere visione del Codice e dichiararne l accettazione tramite sottoscrizione; comprendere i principi di comportamento in esso esplicitati (l Associazione si impegna, altresì, ad inserire nei corsi di formazione da essa progettati ed erogati contenuti finalizzati a creare consapevolezza in merito); rivolgersi al Comitato Etico preposto alla diffusione, sensibilizzazione ed osservanza del Codice per ottenere indicazioni e chiarimenti circa l applicazione dello stesso; osservare il Codice e contribuire attivamente alla sua concreta applicazione; segnalare eventuali comportamenti di dubbia conformità dandone comunicazione sia allo Sportello del cittadino, sia al Comitato Etico. Art. 21 Compiti del Comitato Etico Il Comitato Etico ha un ruolo propositivo rispetto ai contenuti e alle finalità del Codice ed è responsabile della sua promozione e corretta interpretazione attraverso azioni volte a: individuare le modalità più opportune per garantire la diffusione del Codice presso i vari portatori di interesse e per la loro sensibilizzazione; ascoltare le parti interessate (con particolare riferimento agli iscritti) e contribuire alla risoluzione dei principali dubbi interpretativi; ricevere le possibili segnalazioni sul mancato rispetto del Codice ed, eventualmente, avviare le relative istruttorie; proporre aggiornamenti del Codice; esprimere pareri sulle segnalazioni più complesse ricevute tramite lo Sportello del Cittadino. Nel Comitato Etico, nominato dal Consiglio Direttivo, possono essere rappresentate, in riferimento allo spirito della legge 4 del 14 gennaio 2013, associazioni dei lavoratori, degli imprenditori e dei consumatori maggiormente rappresentative sul piano nazionale. Tutti gli oneri per la costituzione e il funzionamento dei comitati sono posti a carico delle associazioni rappresentate nel Comitato stesso. Nella fase transitoria i compiti di detto organismo vengono svolti dal Presidente dell Associazione. Art.22 Gestione delle richieste di informazione e delle segnalazioni Il Comitato Etico favorisce un approccio di tipo proattivo nella soluzione di violazioni del Codice attraverso azioni volte ad affermare il pieno rispetto dei valori condivisi.

11 Opera seguendo una prassi che è caratterizzata da trasparenza e rispetto delle aspettative dei portatori di interessi interni ed esterni assicurando risposte che avvengono secondo definiti tempi, quali: per richieste avanzate per ottenere consigli pareri o chiarimenti fornire una risposta entro 30 giorni. Nei casi di segnalazioni di inosservanza, il Responsabile entro 60 giorni deve aprire un apposita istruttoria in merito, salvo proroghe motivate rispetto alle quali vi è l obbligo di informare debitamente, entro 30 giorni, coloro i quali hanno avanzato le segnalazioni. Qualora, anche in assenza di segnalazioni di inosservanza, emergano situazioni che, per la loro peculiarità, possano ragionevolmente configurare comportamenti incompatibili con il Codice, l organismo (ovvero il suo Responsabile) può avviare apposite istruttorie. L istruttoria prevede l apertura di uno specifico procedimento di analisi e di approfondimento. I documenti relativi ai diversi procedimenti vengono conservati presso la sede dell Associazione sotto la cura e la responsabilità dell organismo chiamato a garantire la sicurezza e la riservatezza degli atti. Per la risoluzione dei singoli casi il Responsabile dell organismo avvia ricerche specifiche e ascolta, nel rispetto del contradditorio, gli attori coinvolti, interni o esterni all associazione (ad esempio iscritti/clienti) A conclusione degli opportuni approfondimenti, il Responsabile predispone un parere scritto su eventuali comportamenti non in linea con i principi contenuti nel Codice, indicando gli atti riparatori più idonei. Tali atti hanno lo scopo di porre in essere le condizioni più favorevoli per evitare il ripetersi dei comportamenti giudicati impropri, promuovendo opportune azioni di sensibilizzazione ai principi etici richiamati nel Codice. Il Responsabile Etico, per i casi caratterizzati da particolari complessità, coinvolge il Comitato Etico che delibera con votazioni a maggioranza semplice. Al termine di ogni procedura, il Responsabile Etico è tenuto a comunicarne l esito ai portatori di interesse coinvolti, motivando, in maniera approfondita le decisioni Titolo IV Disposizioni finali Art. 23 Rilevanza disciplinare delle violazioni al Codice Le infrazioni al presente Codice da parte del soggetto, salvo ogni diverso e ulteriore profilo di responsabilità, costituiscono violazione dello Statuto e del Regolamento interno dell Associazione Hair Beauty Consultant.

12 Art. 24 Segnalazioni Il portatore di interessi che ritiene che il soggetto abbia violato una o più disposizioni del presente Codice, può darne comunicazione all Associazione tramite lo sportello di riferimento per il cittadino consumatore del sito internet dell Associazione o attraverso mail.. e/o fax al n o posta all indirizzo Tale comunicazione attiverà il procedimento di verifica di violazione del Codice ed eventuale relativo provvedimento disciplinare. L associazione potrà valutare ed aggiornare i livelli di effettiva applicazione del Codice, a fronte di non conformità dichiarate, adottando misure informative, tramite questionari ed eventualmente sondaggi a campione effettuati sui soggetti aderenti.

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli