CARTA VALORI E CODICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA VALORI E CODICE"

Transcript

1 CARTA VALORI E CODICE Profilo dell Associazione L Associazione, nello spirito della legge 4 del 14 gennaio 2013, vuol definire, formare e validare, al più alto livello possibile dell European Qualification Framework 1, le moderne competenze di un HBC - Hair Beauty Consultant. Una iniziativa, questa, finalizzata a generare un ampia massa critica per creare un ciclo virtuoso e continuo di crescita legata all ideazione, progettazione, produzione e messa in essere di prestazioni professionali di alto livello. Associazione che nasce da un uso consapevole di valori etici proiettati in una comunità professionale innovativa e capace di creare futuro. Cuore dell Associazione L Associazione ha motivazioni che la spingono a realizzare un progetto legato a ciò che ha un grande valore: l intelligenza e la competenza delle risorse umane. Ci sta a cuore la comunità professionale dell Hairstyling, questa area e i suoi operatori, lo sviluppo di qualità, l integrazione tra il fare dei maestri e il sapere dei ricercatori, tra la conoscenza degli operatori ed il coraggio degli imprenditori. Ci sta a cuore un progredire illuminato che abbandoni la priorità della contingenza e dell effimero a favore di una visione lungimirante: guardare in modo più ampio al futuro di tutti coloro che vogliono essere costruttori e custodi di una moderna professionalità. Ci sta a cuore proporre il valore del Made in Italy, proiettandolo nella realtà di una società multiculturale in cui la diversità è comune ricchezza. Ci sta a cuore ri-unire l intellettualità e la creatività all antico gesto dell artigiano. Ci sta a cuore l evolversi dell hairdresser: la trasformazione del suo mestiere in professione. Forma dell Associazione L Associazione è qualcosa di più di una semplice proposta aggregativa: è generatrice di crescita personale e professionale; è rete intraprendente in cui avviene l incontro/contaminazione di diversi soggetti e diversi valori. Vede la professionalità del HBC sia come espressione di saperi interdisciplinari, multifunzionali e multimodali, sia come complessità di interazioni fare-sapere, manualità-tecnologia, Sé-Altro da Sè. Il suo operare ha un ambizioso obiettivo: sostenere l hairdresser nella sua ricerca di sviluppo, affermazione e successo, motivandolo ad imparare il nuovo e a ri-visitare l antico al fine di poter agire consapevolmente nella complessità del fare contemporaneo. L Associazione è un logos dove si svolge un lavoro formativo volto all aggiornamento ed alla valorizzazione delle competenze di un hairdresser al fine di fargli raggiungere la professionalità del HBC. 1 Il Quadro Europeo delle Qualifiche e dei titoli per l'apprendimento permanente (EQF) è uno schema di riferimento per uniformare quadri di qualifiche e livelli di apprendimento di diversi paesi. Agisce come dispositivo per renderli più leggibili.

2 VALORI L Associazione attua una gestione democratica, efficiente, valida e sostenibile nel tempo, basata sul contributo e sulla valorizzazione dei propri iscritti. I suoi comportamenti sono espressione di valori quali: 1. Responsabilità Recepita come il farsi carico delle conseguenze delle azioni con onestà, trasparenza e serietà, rispettando il rapporto di fiducia accordata da chi vede nell Associazione un elemento di garanzia di diritti ed aspettative. 2. Rispetto Visto come il considerare tutte le persone, che hanno un qualsivoglia interesse o rapporto con l associazione, come soggetti attivi di una complessa interazione sociale. Interazione che deve essere paritaria, positiva e stabile e deve esprimere credito e stima, verso detti soggetti, attraverso dinamiche comunicative che sono espressione di ascolto assertivo. 3. Solidarietà Percepita come affermazione di una cultura socializzante che vede, nella circolazione delle idee e delle informazioni, una crescita collettiva in grado di contrastare sterili comportamenti concorrenziali. Solidarietà finalizzata a costruire una comunità professionale collaborativa operante in interdipendenza positiva e interazione promozionale. 4. Trasparenza Intesa come criterio informatore a cui è deve essere conformato lo svolgimento di ogni attività assicurando, a tutti i livelli ed a tutti i portatori di interessi e referenti: chiarezza, semplicità e comprensibilità degli atti costitutivi, dei regolamenti e dei codici; facilità di accesso alle documentazioni; esplicitazione delle varie fasi dei processi decisionali; pervasiva attività di diffusione delle informazioni. 5. Lungimiranza Interpretata come impegno a monitorare e valutare, in continuum, lo sviluppo dei processi che si attivano nella comunità professionale per definire il disegno strategico e strutturare processi organizzativi che possono garantire una gestione efficiente ed efficace in grado di rispondere alle mutevoli necessità degli iscritti e dei loro clienti. 6. Professionalità Vista come l insieme olistico di conoscenze, abilità e competenze che rendono capaci di ospitare le aspettative esplicite ed implicite dei clienti, assicurando loro elevati livelli di qualità della prestazione erogata.

3 CODICE ETICO E DI CONDOTTA Premessa Il presente Codice Etico e di Condotta (di seguito denominato Codice ), è frutto di una riflessione sulla Mission/Vision e sui Valori dell Associazione Professionale Hair Beauty Consultant. I destinatari del Codice sono tutti coloro che influenzano o sono influenzati dall attività dell Associazione: iscritti e loro clienti; istituzioni pubbliche e private; ecc. Il Codice Etico dell Associazione orienta verso il miglioramento progressivo del settore in generale e degli iscritti in particolare. Con esso si vogliono affermare valori, significati e stili comportamentali al fine di garantire che l Hair Beauty Consultant, nei suoi rapporti di lavoro, dimostri sempre riconoscibili principi di correttezza morale; onestà intellettuale; buona fede. Titolo I Principi generali Art. 1 Finalità e destinatari del codice Le finalità del presente Codice sono: uniformare l attività dei soggetti, di cui in premessa, ai migliori standard di condotta rispettosi dei principi della responsabilità sociale; stimolare, in linea con la strategia di Europa 2020, una crescita professionale capace di generare innovazione nella comunità professionale dell hairstyling in un ottica di un'economia intelligente, sostenibile e solidale. Il presente Codice si rivolge, in particolare, agli Hair Beauty Consultant, iscritti all Associazione ed al suo Registro Professionale che operano nel settore di riferimento, con qualsiasi inquadramento lavorativo (autonomo o dipendente). Nel caso di attività svolta presso terzi avranno cura di stimolare l osservanza del presente Codice anche presso i propri datori di lavoro, dirigenti e/o subalterni. Il soggetto si impegna altresì a coinvolgere i portatori di interessi al rispetto dei valori, dei significati e dei principi che ispirano il presente Codice. Art. 2 Principi generali Nello svolgimento della propria attività il soggetto rispetta scrupolosamente sia le norme civili, penali e amministrative che regolano il settore, sia quelle del presente Codice.

4 Opera, quindi, nel convinto rispetto dei principi di lealtà, diligenza professionale, probità e correttezza nei confronti di tutti coloro con i quali entra in relazione. Il soggetto, inoltre, si impegna a vigilare, con la massima attenzione, sull osservanza delle regole del Codice attivando continue azioni d informazione, di prevenzione e di controllo ricorrendo, se dovuto, a segnalare all associazione comportamenti difformi. Art. 3 Rispetto dei diritti umani, delle risorse umane e dell ambiente. Il soggetto riconosce il valore supremo della persona umana e si impegna al rispetto dei Diritti Umani, prestando particolare attenzione, nell esercizio dell attività, alla tutela dei minori con cui entra in contatto. Individua, nei dipendenti dell organizzazione di cui è parte e/o nei suoi collaboratori, la risorsa primaria per il successo delle sue attività. Assicura ambienti di lavoro che garantiscono l integrità fisica e morale, ponendo particolare attenzione alla normativa sulla sicurezza. Avvalora stili relazionali e comportamenti rispettosi della dignità individuale, della personalità e delle origini socio-economiche-culturali delle persone con cui entra in contatto. Il soggetto, inoltre, intende la salvaguardia dell ambiente come una priorità: sceglie fornitori che applicano politiche ecocompatibili; attiva azioni volte a ridurre consumi; esprime comportamenti volti ad evitare conseguenze negative per l ambiente. Art. 4 Aggiornamento e divulgazione del Codice L associazione professionale Hair Beauty Consultant, è responsabile del Codice e ne cura l aggiornamento dando la dovuta informazione agli associati e pubblicando ogni variazione e/o integrazione del Codice stesso all interno del sito e del WEB più in generale- Titolo II Obblighi relativi ai rapporti con i clienti nello svolgimento dell attività Art. 5 Equità delle clausole contrattuali Il soggetto si impegna a rispettare dichiarati standard di qualità per le prestazioni ed i servizi resi, utilizza modelli contrattuali e formulari che assicurano chiarezza, equità e trasparenza, si serve di questionari anonimi per valutare in modo oggettivo i livelli di soddisfazione dei clienti. Il soggetto si impegna ad operare in modo corretto, all interno della propria comunità professionale di riferimento, evitando azioni che possono determinare un significativo squilibrio di diritti-doveri in proprio favore e in danno di altri. Art. 6 Esecuzione dei contratti

5 Il soggetto, nelle prestazioni e nei rapporti con clienti, si attiene sia a leggi e normative, sia a principi di correttezza morale, di onestà intellettuale e di buona fede, sia a comportamenti che affermano i valori e i significati del presente Codice Art. 7 Conciliazione e arbitrato Il soggetto adotta, preferibilmente, strumenti di composizione non giudiziale delle controversie, sia conciliative che arbitrali, avvalendosi, in particolare, sia dei servizi prestati dalle Camere arbitrali istituite presso le Camere di Commercio, sia dell apposito servizio offerto dall Associazione. Sezione I Rapporti con i clienti Art. 8 Obbligo di lealtà Il soggetto pone al centro del suo operato la persona che richiede sue prestazioni. Si impegna, quindi, a recepire, mediante una empatica accoglienza, le esigenze ed aspettative dei clienti al fine di soddisfarle al meglio. Nel caso di prestazioni individuali, riferibili a richieste di hairstyling, opera compatibilmente con quanto evidenziato da una approfondita analisi delle caratteristiche dermatologiche, tricologiche, morfologiche e fisiognomiche che questa presenta. Il soggetto considera l insoddisfazione o la perdita di clienti un personale fallimento, mette, quindi, in atto strategie, metodologie e tecniche che gli permettono di: conoscere i propri clienti; definire le loro esigenze ed aspettative; misurare il loro livello di soddisfazione, valutare la qualità del lavoro eseguito, fidelizzare il cliente. Art. 9 Rispetto dei requisiti di correttezza, imparzialità e trasparenza nei rapporti con i clienti Nei rapporti con il cliente il soggetto, anche al fine di individuarne compiutamente le esigenze, dimostra capacità di utilizzare, modalità di comunicazione verbale e non verbale che prefigurano uno stile relazionale caratterizzato da ascolto assertivo al fine di facilitare reazioni positive e annullare e ridurre la possibilità di reazioni negative. Il soggetto si astiene dal porre in essere pratiche commerciali che possano essere considerate trasgressive, ingannevoli, incomplete e, in quanto tali, limitative della libertà di scelta o comportamento del potenziale cliente. A tal fine opera nel pieno rispetto dell art. 27-bis del codice del consumo e del presente Codice. In particolare, nel caso di rapporti riferibili ad enti, organizzazioni private, fornitori, sono sempre evidenziati con precisione: copia del contratto che regola il rapporto nel quale sono chiaramente indicati i servizi inclusi ed eventualmente i servizi da conteggiare a parte; le modalità e la tempistica del servizio; i prezzi della prestazione, le modalità e i termini di pagamento. Nel caso di prestazioni riferibili ad una performance personalizzata sono comunicate al cliente: garanzie sulla qualità ed eventuali certificazioni dei prodotti utilizzati e dei servizi resi; esistenza e

6 condizioni delle garanzie successive alla prestazione professionale; prezziario degli interventi che vengono svolti; esistenza del presente Codice. Art. 10 Applicazione dei contratti tipo elaborati dalla CCIAA Nell ambito della propria attività, il soggetto utilizza, o opera, nell ambito di contratti ed accordi che applicano le norme a tutela del mercato e del consumatore, mirando, da un lato, a diffondere un consumo consapevole e, dall altro, a fornire gli estremi di norme e adempimenti che assicurano, in modo trasparente e correttamente concorrenziale, l immissione sul mercato di prestazioni e servizi sicuri e competitivi. Nello specifico, vista la diversità di prestazione che il soggetto deve fornire a seconda che operi come gestore di un proprio salone o come manager/consulente presso strutture terze, si presenta la necessità di approntare due distinte tipologie di contratti, una carta dei servizi per i saloni autogestiti dal soggetto, dove prevale un rapporto fiduciario di tipo scritto/verbale e, un idealtipo di contratto per le strutture più grandi e polivalenti. Ove possibile il soggetto usa o si riferisce a contratti tipo elaborati dall Unioncamere, nella fattispecie il contratto-tipo dei centri estetica e benessere. Art. 11 Pubblicità Il soggetto che aderisce a questo Codice ne pubblica altresì un riferimento all interno del sito Web della propria attività e ne informa i clienti circa l esistenza e gli effetti.. Art. 12 Rispetto delle regole di riservatezza e corretto trattamento dei dati personali Il soggetto opera nel rispetto scrupoloso delle leggi poste a tutela della riservatezza delle persone e degli altri soggetti, con particolare riferimento al trattamento dei dati personali. Il soggetto assume tutte le misure necessarie alla protezione dei dati e delle informazioni in suo possesso. Il soggetto facilita quanto più possibile l accesso ai dati e alle informazioni in proprio possesso da parte delle persone a cui i dati e le informazioni sono direttamente riferiti. Sezione II Rapporti con i clienti Art. 13 Princìpi ispiratori dei rapporti di consulenza e management a terzi

7 Il soggetto, nel rapporto con l organizzazione, con cui attiva collaborazioni che prevedono consulenze e/o management, svolge le sue attività professionali nello spirito di un pervasivo senso di partecipazione attiva. Il soggetto, oltre a sottoscrivere un regolare contratto, definisce a priori, strategie, metodologie, tecniche e linguaggi da utilizzare al fine di ottenere, dal committente, una consapevole adesione,sul piano emozionale e fattuale, agli obiettivi che si pone. Si impegna inoltre ad utilizzare stili relazionali adeguati all organigramma e funzionigramma della realtà in cui opera. Il soggetto, al fine di avvalorare le sue prestazioni professionali, si impegna ad incentivare una efficace connettività intraprendente (stimolando la creazione di reti e collaborazioni tra organizzazioni) con il settore di riferimento e, più in generale, con il territorio, per rendere più visibile e competitiva la struttura in cui opera. Art. 14 Princìpi ispiratori dei rapporti con i fornitori Il soggetto attiva, con i fornitori, rapporti che, pur avendo un focus economico, tengono conto di importanti fattori quali: costanza di una qualità, che assicura il benessere alla persona; rispetto dell ambiente; ricerca continua di innovazione dei prodotti; disponibilità ad attivare sinergie finalizzate al miglioramento delle prestazioni professionali; capacità di implementare, ove necessario, eventuali azioni correttive. Viene messo in atto un sistema di verifica dei fornitori, finalizzato sia a salvaguardare i clienti, sia a verificare la rispondenza del loro servizio ai principi del presente Codice. In concreto il soggetto mette in atto una procedura che raccoglie tutte le informazioni ed i dati disponibili sul fornitore e procede poi ad analizzare tali dati, tenendo conto di aspetti che variano in base al livello di conoscenza che si ha del fornitore e del tipo di prodotto/servizio richiesto, quali: aderenza del prodotto/servizio alle esigenze del salone; rispetto dei termini di consegna; qualità prodotto/servizio fornito; struttura aziendale e capacità tecnico/produttive; disponibilità di documentazione relativa al prodotto (con particolare riguardo alla marcatura CE) e/o al processo (con particolare riguardo alla certificazione UNI ISO); prezzo e condizioni di pagamento; disponibilità di struttura post-vendita.

8 Art. 15 Princìpi ispiratori dei rapporti con collaboratori e/o subalterni Il soggetto si impegna a creare, nella realtà in cui opera, un clima motivante per ottenere l efficienza e l efficacia operativa necessaria a raggiungere obiettivi qualificanti. Intende la motivazione come espressione dei valori e dei significati che inducono un individuo ad assumere comportamenti funzionali al raggiungimento di un condiviso obiettivo. Egli, inoltre, è cosciente che ogni atto che viene compiuto senza motivazioni rischia di fallire. Il soggetto si impegna ad adottare le misure necessarie a tutelare l integrità, la personalità morale e a promuovere lo sviluppo, anche professionale, dei collaboratori curandone l addestramento e la formazione continua. A tal fine utilizza: strategie di empowerment per sostenere il continuo aggiornamento delle competenze; metodologie maieutiche atte a tirar fuori i punti di forza dei collaboratori; tecniche di GOPP (Goal Oriented Project Planning) e coaching per rendere condivisi e raggiungibili gli obiettivi. Il soggetto opera, soprattutto, per costruire un gruppo cooperativo che sa agire in interdipendenza positiva e interazione promozionale faccia a faccia, capace, quindi, di: offrire all'altro aiuto e assistenza effettiva ed efficace; scambiare risorse come informazioni, materiali ed elaborazioni dell'informazione; disponibilità reciproca di feedback per migliorare la responsabilità e la prestazione nei compiti successivi; stimolare la reciproca partecipazione ed il coinvolgimento personale per raggiungere gli scopi comuni; agire in modo da dare e ottenere reciprocamente la fiducia. Il soggetto si impegna, inoltre, ad osservare tutte le leggi in materia di lavoro, con particolare riguardo alla legislazione in materia di sicurezza. I rapporti con i dipendenti sono, in ogni caso, regolati dal contratto collettivo nazionale di categoria. Sezione III coinvolgimento portatori di interesse Art. 15 Coinvolgimento nelle politiche aziendali Il soggetto ricerca il coinvolgimento alle politiche aziendali da parte dei vari portatori di interessi, con attenzione alla comunità professionale di riferimento. Particolare interesse riserva al territorio inteso nella sua complessità ed attualità e, quindi, valore culturale ed opportunità socio/economica Art.16 Coinvolgimento nel rispetto del codice Nel rispetto del Codice ci si avvale del principio di sussidiarietà. Principio regolatore per cui chi sta "più in basso", nello specifico l iscritto al Registro Professionale dell Associazione, è ritenuto capace di svolgere compiti di controllo, l'ente, nello specifico l Associazione, che sta "più in alto" deve supportare detti compiti sostenendone l'azione attraverso la messa a disposizione di strutture, strumenti e referenti (ART ) adeguati a tal fine.

9 Il soggetto, quindi, vigila affinché l operato dei vari portatori di interessi, con cui si relaziona e/o eroga prestazioni, non mettano in essere azioni e comportamenti in contrasto con i principi del presente Codice. Sezione IV Rapporti con i concorrenti Art. 17 Divieto di pratiche di concorrenza sleale Il soggetto si astiene tassativamente dal compiere atti di concorrenza sleale in contrasto con quanto definito dalla normativa italiana ed europea e, in ogni caso, evita comportamenti che possano essere qualificati come contrari ai principi della corretta concorrenza e del libero mercato. In primis si astiene dal formulare giudizi sulla professionalità dei colleghi, anche se richiesti. Nella prestazione dei propri servizi al cliente il soggetto può effettuare raffronti e comparazioni con quelli concorrenti, purché sulla base di criteri, parametri ed indicatori veritieri, omogenei, oggettivi, misurabili e verificabili. Art. 18 Pubblicità Il soggetto, nelle comunicazioni pubblicitarie, osserva i principi di veridicità e correttezza e si astiene da ogni tipo di pubblicità ingannevole. Tiene conto delle responsabilità legali e delle implicazioni finanziarie conseguenti alla prestazione di una pubblicità infondata. Le comunicazioni al pubblico del soggetto mirano, attraverso mezzi adeguati e facilmente accessibili, principalmente a: informare sulle prestazioni offerte; evidenziare gli aspetti qualitativi e di eccellenza del soggetto e della struttura in cui opera; chiarire il rapporto tra la prestazione offerta e le reali esigenze ed aspettative del cliente. Titolo III Modalità di diffusione, attuazione e controllo del Codice Diffondere, attuare e controllare quanto nel Codice significa integrare, nei fatti, le finalità dell Associazione, affermando, nelle relazioni con gli iscritti ed i principali portatori di interesse, la coerenza rispetto ai suoi Valori. A tal fine istituisce un Comitato Etico. Art. 19 Modalità di diffusione L Associazione si impegna a garantire la diffusione e l osservanza del Codice, presso gli iscritti ed i portatori di interesse, sostenendone il rispetto.

10 A tal fine l Associazione mette a disposizione di ciascun iscritto, in un ottica di sussidiarietà, il Codice, utilizzando diversificati media come, ad esempio, una sezione apposita del sito. Art. 20 Modalità di attuazione e controllo La conoscenza del Codice, così come il controllo dell applicazione, dipendono dall impegno e dalla responsabilità di tutti gli iscritti all Associazione, attraverso la loro piena condivisione dei Valori che lo hanno ispirato. Si richiede loro di: prendere visione del Codice e dichiararne l accettazione tramite sottoscrizione; comprendere i principi di comportamento in esso esplicitati (l Associazione si impegna, altresì, ad inserire nei corsi di formazione da essa progettati ed erogati contenuti finalizzati a creare consapevolezza in merito); rivolgersi al Comitato Etico preposto alla diffusione, sensibilizzazione ed osservanza del Codice per ottenere indicazioni e chiarimenti circa l applicazione dello stesso; osservare il Codice e contribuire attivamente alla sua concreta applicazione; segnalare eventuali comportamenti di dubbia conformità dandone comunicazione sia allo Sportello del cittadino, sia al Comitato Etico. Art. 21 Compiti del Comitato Etico Il Comitato Etico ha un ruolo propositivo rispetto ai contenuti e alle finalità del Codice ed è responsabile della sua promozione e corretta interpretazione attraverso azioni volte a: individuare le modalità più opportune per garantire la diffusione del Codice presso i vari portatori di interesse e per la loro sensibilizzazione; ascoltare le parti interessate (con particolare riferimento agli iscritti) e contribuire alla risoluzione dei principali dubbi interpretativi; ricevere le possibili segnalazioni sul mancato rispetto del Codice ed, eventualmente, avviare le relative istruttorie; proporre aggiornamenti del Codice; esprimere pareri sulle segnalazioni più complesse ricevute tramite lo Sportello del Cittadino. Nel Comitato Etico, nominato dal Consiglio Direttivo, possono essere rappresentate, in riferimento allo spirito della legge 4 del 14 gennaio 2013, associazioni dei lavoratori, degli imprenditori e dei consumatori maggiormente rappresentative sul piano nazionale. Tutti gli oneri per la costituzione e il funzionamento dei comitati sono posti a carico delle associazioni rappresentate nel Comitato stesso. Nella fase transitoria i compiti di detto organismo vengono svolti dal Presidente dell Associazione. Art.22 Gestione delle richieste di informazione e delle segnalazioni Il Comitato Etico favorisce un approccio di tipo proattivo nella soluzione di violazioni del Codice attraverso azioni volte ad affermare il pieno rispetto dei valori condivisi.

11 Opera seguendo una prassi che è caratterizzata da trasparenza e rispetto delle aspettative dei portatori di interessi interni ed esterni assicurando risposte che avvengono secondo definiti tempi, quali: per richieste avanzate per ottenere consigli pareri o chiarimenti fornire una risposta entro 30 giorni. Nei casi di segnalazioni di inosservanza, il Responsabile entro 60 giorni deve aprire un apposita istruttoria in merito, salvo proroghe motivate rispetto alle quali vi è l obbligo di informare debitamente, entro 30 giorni, coloro i quali hanno avanzato le segnalazioni. Qualora, anche in assenza di segnalazioni di inosservanza, emergano situazioni che, per la loro peculiarità, possano ragionevolmente configurare comportamenti incompatibili con il Codice, l organismo (ovvero il suo Responsabile) può avviare apposite istruttorie. L istruttoria prevede l apertura di uno specifico procedimento di analisi e di approfondimento. I documenti relativi ai diversi procedimenti vengono conservati presso la sede dell Associazione sotto la cura e la responsabilità dell organismo chiamato a garantire la sicurezza e la riservatezza degli atti. Per la risoluzione dei singoli casi il Responsabile dell organismo avvia ricerche specifiche e ascolta, nel rispetto del contradditorio, gli attori coinvolti, interni o esterni all associazione (ad esempio iscritti/clienti) A conclusione degli opportuni approfondimenti, il Responsabile predispone un parere scritto su eventuali comportamenti non in linea con i principi contenuti nel Codice, indicando gli atti riparatori più idonei. Tali atti hanno lo scopo di porre in essere le condizioni più favorevoli per evitare il ripetersi dei comportamenti giudicati impropri, promuovendo opportune azioni di sensibilizzazione ai principi etici richiamati nel Codice. Il Responsabile Etico, per i casi caratterizzati da particolari complessità, coinvolge il Comitato Etico che delibera con votazioni a maggioranza semplice. Al termine di ogni procedura, il Responsabile Etico è tenuto a comunicarne l esito ai portatori di interesse coinvolti, motivando, in maniera approfondita le decisioni Titolo IV Disposizioni finali Art. 23 Rilevanza disciplinare delle violazioni al Codice Le infrazioni al presente Codice da parte del soggetto, salvo ogni diverso e ulteriore profilo di responsabilità, costituiscono violazione dello Statuto e del Regolamento interno dell Associazione Hair Beauty Consultant.

12 Art. 24 Segnalazioni Il portatore di interessi che ritiene che il soggetto abbia violato una o più disposizioni del presente Codice, può darne comunicazione all Associazione tramite lo sportello di riferimento per il cittadino consumatore del sito internet dell Associazione o attraverso mail.. e/o fax al n o posta all indirizzo Tale comunicazione attiverà il procedimento di verifica di violazione del Codice ed eventuale relativo provvedimento disciplinare. L associazione potrà valutare ed aggiornare i livelli di effettiva applicazione del Codice, a fronte di non conformità dichiarate, adottando misure informative, tramite questionari ed eventualmente sondaggi a campione effettuati sui soggetti aderenti.

CODICE DEONTOLOGICO PER LA QUALITÀ DEI

CODICE DEONTOLOGICO PER LA QUALITÀ DEI CODICE DEONTOLOGICO PER LA QUALITÀ DEI SERVIZI LINGUISTICI Art. 7 Rispetto dei requisiti di correttezza, lealtà, imparzialità e trasparenza Nei rapporti contrattuali con il cliente le aziende associate

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO PER LA QUALITA DEI SERVIZI LINGUISTICI

CODICE DEONTOLOGICO PER LA QUALITA DEI SERVIZI LINGUISTICI CODICE DEONTOLOGICO PER LA QUALITA DEI SERVIZI LINGUISTICI Art. 7 Rispetto dei requisiti di correttezza, lealtà, imparzialità e trasparenza Nei rapporti contrattuali con il cliente le aziende associate

Dettagli

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano Residenza Sanitario - assistenziale per Anziani (RSA) Residenza Sanitario - assistenziale per Disabili (RSD) Centro Diurno Integrato per Anziani (CDI) CODICE ETICO Approvato il 1 dicembre 2014 LA PICCOLA

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO PREMESSA L Associazione "ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE o più brevemente ANTICRISI.NET, ha scelto di dotarsi di un Codice Etico. Adottare un Codice

Dettagli

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA Tel. 0039.06.97625591 Fax. 0039.06.98380693 mail: fondazione@fondazioneterzopilastro.it CODICE ETICO 1/9 Sommario 1.Generalità...

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81)

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81) Sommario 2 3 6 8 Principi di comportamento Principi d azione Rispetto della legalità Rispetto della salute e della sicurezza sul lavoro Rispetto dell ambiente e della collettività Rapporti con fornitori

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3 Codice etico Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione articolo 25-septies e articolo 25 undecies del D.Lgs. 231/01 20/01/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione SOMMARIO generalità

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente.

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente. La Carta etica: sappiamo quanto la nostra professione sia delicata sotto un profilo etico. La carta non vuole essere un codice prescrittivo, ma una fonte di ispirazione per i coach che vogliono essere

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica

Associazione Sportiva Dilettantistica Ispirato al codice etico del CONI SOCIETA NAUTICA GRIGNANO Associazione Sportiva Dilettantistica Rev. Oggetto Approvazione Data 00 01 Modello Organizzativo ai sensi del SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. Destinatari...4

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente La Carta etica: sappiamo quanto la nostra professione sia delicata sotto un profilo etico. La carta non vuole essere un codice prescrittivo, ma una fonte di ispirazione per i coach che vogliono essere

Dettagli

CODICE ETICO DELL'ORGANISMO DI MEDIAZIONE.

CODICE ETICO DELL'ORGANISMO DI MEDIAZIONE. CODICE ETICO DELL'ORGANISMO DI MEDIAZIONE. Il Codice Etico è una carta dei diritti e doveri morali che definisce la responsabilità etico sociale di ogni partecipante alla sua organizzazione. Formalizza

Dettagli

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO Sommario PREMESSA... 1 1 - MISSIONE DEL CENTRO... 2 2 - VALORI ETICI - SOCIALI... 3 3 - CONDUZIONE DEGLI AFFARI... 4 3.1 Principi generali...

Dettagli

CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE DI PSICOLOGI PER I POPOLI - FEDERAZIONE E DELLE ASSOCIAZIONI TERRITORIALI AD ESSA ADERENTI

CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE DI PSICOLOGI PER I POPOLI - FEDERAZIONE E DELLE ASSOCIAZIONI TERRITORIALI AD ESSA ADERENTI CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE DI PSICOLOGI PER I POPOLI - FEDERAZIONE E DELLE ASSOCIAZIONI TERRITORIALI AD ESSA ADERENTI 1. PREMESSA Il Codice Etico di Psicologi per i Popoli Federazione è la Carta dei

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE

INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE 3. PRINCIPI ETICI DELL ASSOCIAZIONE 3.1 VALORE STRATEGICO DELLE RISORSE UMANE 3.2 LEGALITA 3.3

Dettagli

CODICE ETICO. Premesse

CODICE ETICO. Premesse CODICE ETICO Premesse I. La Confederazione Generale Italiana delle Imprese, delle Attività Professionali e del Lavoro Autonomo, denominata in breve Confcommercio-Imprese per l Italia o anche Confederazione,

Dettagli

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE CODICE ETICO di ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE INDICE 1. Definizione della Vision di ASVI, School for Management & Social Change 2. Definizione della Mission di ASVI, School for Management

Dettagli

CODICE ETICO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. Agorà delle Donne

CODICE ETICO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. Agorà delle Donne CODICE ETICO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE Agorà delle Donne Premessa Agorà delle Donne nasce, nei giardini di Villa Genuardi ad Agrigento, il 14 luglio 1995. Agorà delle Donne nasce per tessere una tela

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 MASTER ITALIA S.p.A. approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 PREMESSA Questo codice etico, redatto volontariamente da Master Italia S.p.A. e approvato dal suo consiglio di amministrazione,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) CODICE DI COMPORTAMENTO per lavorare e vivere meglio A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) PREMESSA: Elementi di grande importanza negli ambienti di lavoro

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

Responsabilità della societá

Responsabilità della societá Responsabilità della societá I.B.P., Slu è una societá legalmente costituita in Spagna, soggetta alla normativa legale e fiscale di questo paese. Si include anche quella referente alla protezione dei dati

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Castenaso, 15/10/2014 CODICE ETICO

Castenaso, 15/10/2014 CODICE ETICO 1 CODICE ETICO INDICE 2 - INTRODUZIONE E DESTINATARI. - VALORI. - PRINCIPI FONDAMENTALI. - RAPPORTI CON: Personale e collaboratori; Terzi. - SANZIONI DISCIPLINARI. INTRODUZIONE E DESTINATARI. TEMA RICERCA

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

R E G G I O E M I L I A PROTOCOLLO DEONTOLOGICO DELLE IMPRESE DI SERVIZI

R E G G I O E M I L I A PROTOCOLLO DEONTOLOGICO DELLE IMPRESE DI SERVIZI R E G G I O E M I L I A PROTOCOLLO DEONTOLOGICO DELLE IMPRESE DI SERVIZI 2 Sommario Prima parte: disposizioni generali... 5 1. Finalità... 5 2. Accettazione del Protocollo deontologico... 5 3. Comitato

Dettagli

CODICE ETICO. ANFFAS onlus di Varese. ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO

CODICE ETICO. ANFFAS onlus di Varese. ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO Contenuti 1. INTRODUZIONE 3 2. IL CODICE ETICO 3 3. I DESTINATARI 4 4. EMANAZIONE, VERIFICA E SANZIONI 4 5. PRINCIPI DI CONDOTTA 8 5.1 RELAZIONI CON IL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO ASSOMODA. Titolo I Disposizioni preliminari e princìpi generali

CODICE DEONTOLOGICO ASSOMODA. Titolo I Disposizioni preliminari e princìpi generali CODICE DEONTOLOGICO ASSOMODA Titolo I Disposizioni preliminari e princìpi generali Art. 1 Finalità del Codice Art. 2 Rispetto dei princìpi dell ordinamento, delle norme del Codice e degli usi Art. 3 Regole

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO

OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO Questo Manifesto Etico è stato redatto per garantire che i valori etici fondamentali di OPAS CONSULTING siano definiti in modo chiaro e costituiscano i punti basilari

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI Data: 1/08/2013 Edizione n 1 rev. 0 Destinatario: Copia n Direzione HR REDAZIONE E VERIFICA APPROVAZIONE Rappresentante della Direzione COPIA ELETTRONICA CONTROLLATA, COPIA CARTACEA NON CONTROLLATA CODICE

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

CODICE ETICO. LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01

CODICE ETICO. LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01 CODICE ETICO LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01 INDICE INTRODUZIONE 3 1. PRINCIPI GENERALI 3 2. GESTIONE DEGLI AFFARI 4 3. AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ 5 4. RAPPORTI CON I TERZI 6 5. TUTELA DELLA

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

CODICE ETICO E DEONTOLOGICO

CODICE ETICO E DEONTOLOGICO 1 Premessa Il codice etico e deontologico, di seguito Codice, contiene norme comportamentali mirate a qualificare l attività dei soggetti operanti nel settore delle professionalità della formazione e della

Dettagli

CODICE ETICO Codice Etico Associazione Culturale Le Dissonanze La Mission Associazione Culturale Le Dissonanze Associazione Culturale Le Dissonanze

CODICE ETICO Codice Etico Associazione Culturale Le Dissonanze La Mission Associazione Culturale Le Dissonanze Associazione Culturale Le Dissonanze CODICE ETICO Il presente Codice Etico esprime gli impegni e le responsabilità etiche nella conduzione delle attività dell assunte dai suoi Rappresentanti, dagli Insegnanti, Musicisti nonché, in genere,

Dettagli

Partecipa e innoviamo insieme il networkaias

Partecipa e innoviamo insieme il networkaias Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace www.aias-sicurezza.it Il networkaias incrementa la tua professionalità e il tuo business (Giancarlo

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DEI RISPARMIATORI

CARTA DEI DIRITTI DEI RISPARMIATORI CARTA DEI DIRITTI DEI RISPARMIATORI La fiducia dei Risparmiatori in un mercato amico dei loro diritti è il primo e fondamentale requisito su cui i Promotori finanziari basano le prospettive di sviluppo

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI UN CODICE ETICO

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI UN CODICE ETICO LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI UN CODICE ETICO Premessa L Associazione degli Enti di Previdenza Privati, di seguito denominata AdEPP, in piena adesione ai principi di lealtà, imparzialità, riservatezza

Dettagli

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO Sommario DESTINATARI DEL CODICE... 3 ETICITA DEL LAVORO... 4 ETICITA VERSO IL MERCATO... 5 ETICITA VERSO L AMBIENTE... 7 ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO... 8 DESTINATARI DEL CODICE

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Valutare i comportamenti organizzativi: perché e finalità del processo 1 Il comportamento organizzativo

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

CODICE ETICO DI AUTODISCIPLINA. Premessa

CODICE ETICO DI AUTODISCIPLINA. Premessa 1 CODICE ETICO DI AUTODISCIPLINA Premessa TEMPI MODERNI S.p.A. Agenzia per il Lavoro opera da 5 anni in prevalenza nel settore della somministrazione di lavoro temporaneo a tempo determinato ed indeterminato.

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

MTB GRAVITY TEAM BIKE 4 KIDS GUIDES & TOURS

MTB GRAVITY TEAM BIKE 4 KIDS GUIDES & TOURS CODICE ETICO Art. 1 Premessa L'Associazione Sportiva Dilettantistica A.s.d. 360 MTB (di seguito l'associazione) opera nell ambito sportivo del ciclismo. L'Associazione riconosce lo sport quale strumento

Dettagli

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L.

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. Codice Etico Indice 1. Missione e valori...1-2 2. Regole generali...3 2.1 Osservanza delle regole generali e comportamento etico.3 2.2 Esclusività...4 3. Responsabilità...4

Dettagli

Associazione Nazionale Promotori Finanziari. La Carta dei diritti dei Risparmiatori

Associazione Nazionale Promotori Finanziari. La Carta dei diritti dei Risparmiatori Associazione Nazionale Promotori Finanziari La Carta dei diritti dei Risparmiatori 2 La fiducia dei Risparmiatori in un mercato amico dei loro diritti è il primo e fondamentale requisito su cui i Promotori

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

L AMMINISTRATORE UNICO

L AMMINISTRATORE UNICO CUALBU S.R.L. Sede in Cagliari Via Galassi n.2 Capitale sociale euro 1.560.000,00 i.v. Codice Fiscale e n di iscrizione al Registro Imprese di Cagliari 00264500927 e R.E.A. 84787 Si dà atto che in data

Dettagli

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE BOTTO POALA SpA Pagina 1 di 5 Rev 00 del BOTTO POALA SPA CODICE ETICO AZIENDALE approvato dal CDA di Botto Poala SpA il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE 1 Premessa - Definizioni Pag 1 2 Obiettivi e valori Pag

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Protocollo d Intesa TRA PROVINCIA di CUNEO E ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Per la promozione, l elaborazione, la gestione di Progetti

Dettagli

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1 Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. 2012 Pagina 1 INDICE Sommario MISSION... 3 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2. PRINCIPI DEL CODICE

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI - IV Congresso, Roma 20 ottobre 2013 -

ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI - IV Congresso, Roma 20 ottobre 2013 - Lo statuto è l ossatura organizzativa che esprime la democrazia interna. Essere un associazione al servizio dei propri soci è possibile solo seguendo un principio fondamentale: una persona, un voto. Ogni

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

MAGGIO 82 cooperativa sociale

MAGGIO 82 cooperativa sociale Organizzazione MAGGIO 82 cooperativa sociale Largo Clinio Misserville, 4/7-00144 Roma (RM) Tel. 06.97746401 Fax: 06.97746399 Web : www.maggio82.it E-Mail : maggio82@maggio82.it Sede legale: Via Laurentina,

Dettagli

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE Allegato B al Regolamento Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE LegalMedia Organismo di mediazione Società a responsabilità

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2012 Aggiornato in data 14 marzo 2013 Ultimo aggiornamento approvato

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Versione Agosto 2007. CODICE ETICO MARATONA DI TREVISO scrl

Versione Agosto 2007. CODICE ETICO MARATONA DI TREVISO scrl Versione Agosto 2007 CODICE ETICO MARATONA DI TREVISO scrl 1 PREMESSA 1.1 Obiettivi del Codice Etico Il presente Codice etico individua i valori che costituiscono l etica sociale e reca una serie di norme

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO 1 PREMESSE 2 OBIETTIVO 3 STRUTTURA DEL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE 4 I PRINCIPI

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA GALBUSERA ASSICURAZIONI S.A.S.

CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA GALBUSERA ASSICURAZIONI S.A.S. CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA GALBUSERA ASSICURAZIONI S.A.S. E DEI PROPRI COLLABORATORI 1. CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA GALBUSERA ASSICURAZIONI s.a.s. VERSO IL CLIENTE 2. CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA

Dettagli

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo Carta dei Valori agriturismo Corte San Girolamo LA MISSION PRODUCIAMO VALORE ATTRAVERSO I VALORI L Agriturismo Corte San Girolamo, gestito con familiarità e cortesia, desidera offrirvi un soggiorno di

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione Codice di condotta Titolo I. Oggetto e campo di applicazione 1. Definizione Il codice di condotta contiene l insieme dei principi e delle regole che orientano e guidano il comportamento del Formatore nell

Dettagli

Il tutore volontario tra tutela dei diritti e volontariato di prossimità

Il tutore volontario tra tutela dei diritti e volontariato di prossimità Il tutore volontario tra tutela dei diritti e volontariato di prossimità Corso di formazione per Tutori volontari 7 maggio 2013 Paola Atzei Area Formazione e Innovazione Centro Servizi per il Volontariato

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA;

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; - RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE; RESPONSABILITÀ DIFFUSIONE DEL CODICE RAPPORTI CON

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento APAM esercizio spa 1 CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Indice 1. PREMESSA BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ pag. 3 2. PRINCIPI GENERALI 2.1 Contenuto e finalità del codice etico pag. 4 2.2 Destinatari del codice

Dettagli

CODICE ETICO E DI LEGALITA

CODICE ETICO E DI LEGALITA CODICE ETICO E DI LEGALITA INTRODUZIONE Carbotrade Gas S.p.A. è una società commerciale con esperienza pluridecennale nel settore dell energia, il cui fine è la commercializzazione e la vendita di G.P.L.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli