Misura 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misura 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca"

Transcript

1 Misura 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca Allegato C Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli interventi per la pesca ASSE IV SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE ZONE DI PESCA BANDO PER LA SELEZIONE DEI GRUPPI DI AZIONE COSTIERA (GAC) E DEI PIANI DI SVILUPPO LOCALE (PSL) Allegato C Formulario per la redazione del Piano di Sviluppo Locale (PSL) 1

2 SPAZIO DA COMPILARE A CURA DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE Cod. Identificativo Pratica Ricezione Protocollo n. del PSL Denominazione GAC Denominazione Zona di pesca Elencare i comuni aderenti al GAC CONTATTI Indirizzo del capofila o del GAC Tel. Fax Coordinatore tecnico del partenariato Nome e cognome Tel. Fax Legale rappresentante del capofila o del GAC Nome e cognome Data Firma per esteso 2

3 INDICE Premessa e avvertenze Descrizione sintetica del partenariato Elenco dei soci/partner Partenariato Forma organizzativa Organo decisionale Assetto organizzativo interno e modalità di funzionamento dell Organo decisionale Coordinatore Tecnico e Responsabile Amministrativo-Finanziario Composizione del partenariato Analisi territoriale Descrizione delle attività che hanno portato alla definizione della strategia Analisi SWOT del territorio di riferimento e individuazione dei fabbisogni prioritari Commento sull analisi SWOT Fabbisogni prioritari Strategia: descrizione degli obiettivi, delle misure e delle azioni Quadro sinottico Descrizione dettagliata delle priorità e degli obiettivi specifici Descrizione delle Azioni previste dal piano Azioni volte a favorire lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi per la piccola pesca Azioni volte alla diversificazione delle attività di pesca che comportano la creazione di posti di lavoro Azioni volte alla protezione dell ambiente Complementarietà del PSL rispetto alle altre politiche di sviluppo del territorio Descrizione degli indicatori, di realizzazione, di risultato e di impatto Piano finanziario Cronoprograma Elenco documentazione allegata al PSL Sezione aggiuntiva

4 Premessa e avvertenze Il presente formulario intende fornire ai soggetti proponenti un guida alla redazione del PSL e gli elementi ritenuti indispensabili e obbligatori per la predisposizione del Piano di Sviluppo Locale oggetto di valutazione, così come indicato nel Bando di attuazione dell Asse IV, Misura 4.1, del Fondo Europeo della Pesca - Sviluppo sostenibile delle zone di pesca, d ora in avanti bando. Nell elaborazione dei PSL, ai fini della valutazione degli stessi, oltre ai requisiti di ammissibilità, devono essere considerati i criteri di selezione così come descritti nel bando. Nella redazione del PSL, al fine di agevolarne la lettura, il confronto e la valutazione da parte del Nucleo di Valutazione, si dovrà obbligatoriamente: a) seguire la numerazione e la titolazione dei capitoli, dei paragrafi e i modelli di tabella proposti nello schema di cui al presente Allegato; b) inserire eventuali sotto paragrafi, senza però alterare la numerazione dei paragrafi; c) inserire la numerazione delle pagine; d) iniziare ogni capitolo a capopagina; e) iniziare ogni scheda di Azione a capopagina; f) utilizzare il carattere Times New Roman, corpo 12, interlinea singola. Si precisa, infine,che per l elaborazione del PSL, bisogna procedere alla compilazione dei vari campi ( capitoli e paragrafi ) seguenti, eliminando il testo esplicativo, in corsivo. 4

5 1. Descrizione sintetica del partenariato In questa sezione si devono riassumere i dati dei soci/partner che costituiscono il GAC e descrivere le motivazioni che hanno portato alla scelta del partenariato e della forma organizzativa Elenco dei soci/partner Riassumere il numero di soggetti facenti parte del partenariato, suddividendoli nelle tre componenti individuate al paragrafo 5 del bando di attuazione. Elencare di seguito tutti i soggetti in base all appartenenza alla componente pubblica o privata, specificare il comune in cui è ubicata la sede legale e/o operativa e il ruolo (socio, se apporta capitale sociale, o partner). COMPONENTE PUBBLICA N. Soggetto pubblico Sede legale Sede operativa Ruolo PRIMA COMPONENTE PRIVATA, espressione del settore ittico primario N. Soggetto privato Sede legale Sede operativa Ruolo SECONDA COMPONENTE PRIVATA, espressione della filiera ittica e dell economia locale N. Soggetto privato Sede legale Sede operativa Ruolo (A) Componente pubblica (B) Prima componente privata (C) Seconda componente privata (D) Totale N. di soggetti Incidenza % sul totale A/D B/D C/D 100% 5

6 N Soggetti collettivi della componente privata espressione del settore ittico primario (cooperative, associazioni, consorzi, organizzazioni di produttori) (E) Soggetti collettivi della Prima componente privata (D) Totale N. di soggetti Incidenza % sul totale E/D 100% 1.2. Partenariato Descrivere sinteticamente (max parole) le motivazioni che hanno portato all individuazione dei partner e alla definizione del gruppo, con particolare riferimento alle seguenti informazioni: soggetto promotore, modalità di animazione utilizzate, analisi dei portatori di interesse e loro identificazione Forma organizzativa Descrivere sinteticamente la tipologia di personalità giuridica che intende assumere il partenariato (max 500 parole). Ragione sociale Indicare il tipo di organizzazione che si intende costituire Capitale sociale Indicare il capitale sociale che i soci si impegnano a versare Numero soci Quote del capitale sociale 1) % del socio 2) % del socio 3) % del socio (da compilare in funzione del numero dei soci) 6

7 1.4. Organo decisionale Elencare i soggetti che faranno parte dell Organo decisionale del GAC (consiglio direttivo o consiglio di amministrazione). L Organo decisionale deve essere rappresentato dalle tre componenti di seguito elencate, ognuna delle quali dovrà avere una partecipazione minima del 20% e massima del 40% del numero totale dei soggetti dell Organo decisionale. N. Soggetti PUBBLICI 1 2 N. 1 2 Soggetti della PRIMA COMPONENTE PRIVATA, espressione del settore ittico primario N. Soggetti della SECONDA COMPONENTE PRIVATA, espressione della filiera ittica e dell economia locale 1 2 (A) Soggetti collettivi della Prima componente privata (B) Totale del partenariato N. di soggetti Incidenza % sul totale A/B 100% 7

8 1.5. Assetto organizzativo interno e modalità di funzionamento dell Organo decisionale Sulla base del regolamento interno che ogni GAC dovrà adottare, descrivere l assetto organizzativo interno e le modalità di funzionamento dell Organo decisionale, indicando nello specifico i ruoli previsti, le modalità di votazione, le modalità di rinnovo delle cariche, ecc Coordinatore Tecnico e Responsabile Amministrativo-Finanziario Descrivere l esperienza del Coordinatore Tecnico nel coordinamento di progetti finanziati con fondi comunitari, specificando per ogni progetto il periodo di coordinamento. Descrivere l esperienza del Responsabile Amministrativo-Finanziario nell attività di amministrazione e rendicontazione di progetti finanziati con fondi comunitari, specificando per ogni progetto il periodo di attività. 8

9 2. Composizione del partenariato Compilare per ciascun soggetto pubblico e privato che aderisce al partenariato la seguente scheda. Denominazione Specificare la ragione sociale Soggetto pubblico Componente Soggetto privato, espressione del settore ittico primario Soggetto privato, espressione della filiera ittica e dell economia locale Sede Indicare l indirizzo della sede legale e dell eventuale sede operativa Contatti Telefono: Fax: Rappresentante Nome: Telefono: Ruolo del Indicare il ruolo svolto dal rappresentante (es. rappresentante legale rappresentante dell impresa, direttore generale, sindaco, ecc.) Socio con apporto di capitale Ruolo sociale Componente dell Organo decisionale che svolge o si impegna SI SI a svolgere nel GAC NO NO Descrivere le attività svolte (max 500 parole) con particolare riferimento al ruolo svolto dallo stesso nel contesto socio economico della zona (ad Descrizione esempio un impresa di lavorazione di prodotti ittici dovrà descrivere dell attività svolta quanto l attività svolta si inserisca nel contesto economico della nel contesto socio comunità, soffermandosi in particolare sulle specificità: ad es. l impresa economico della rappresenta l unica realtà presente nella zona di pesca ed è il sito di zona concentrazione del pescato per le imprese locali di pesca del pesce azzurro, ecc.). Esperienza nella gestione di progetti finanziati con fondi comunitari 1 Nome e descrizione del progetto Strumento di finanziamento (es. FEASR, FEP, FESR, FEOGA, SFOP, ecc.), Riferimenti dell atto di concessione del contributo (numero di protocollo, data, ente concessionario, ecc.). Ruolo svolto (es. beneficiario, capofila, partner, ecc.). Dotazione finanziaria gestita direttamente 2 3 (aggiungere nuove righe in funzione del numero di progetti) 9

10 3. Analisi territoriale Il presente capitolo (max 10 pagine) servirà a valutare la capacità del partenariato proponente di sviluppare un analisi del territorio puntuale e documentata che permetta di evidenziare il potenziale della zona (risorse endogene, massa critica, consistenza del settore ittico, ecc.). Le informazioni riportate devono essere suffragate da fonti statistiche e/o da una bibliografia in calce al capitolo. Il presente capitolo deve riportare: la rappresentazione cartografica dalla quale si evincano i territori comunali coinvolti; la seguente tabella relativa agli abitanti e agli occupati per comune (secondo i dati forniti dall allegato F del bando): Comuni Abitanti Occupati nella pesca e attività connesse (A) Occupati totali (B) Percentuale A/B Totale Fonte: ISTAT (8 Censimento generale dell Industria e servizi ). la seguente tabella riguardante la capacità di pesca del naviglio per ufficio di iscrizione ricadente nel territorio del GAC (secondo i dati forniti dall allegato G del bando): Ufficio marittimo di iscrizione Stazza (GT) Potenza (KW) Var. % Var. % Totale Fonte: Elaborazione su dati MiPAAF (Archivio Licenze Pesca) la seguente tabella sulla numerosità dei natanti da piccola pesca per ufficio di iscrizione ricadente nel territorio del GAC (secondo i dati forniti dall allegato H del bando): Ufficio marittimo di iscrizione N. natanti di piccola pesca Totale Fonte: Elaborazione su dati MiPAAF (Archivio Licenze Pesca) le principali attività economiche svolte nella zona; il contesto socio-economico, turistico e ambientale dal quale emergano le potenzialità del territorio, i principali deficit di sviluppo e le interazioni tra il contesto di riferimento e l economia della pesca 10

11 Con particolare riferimento al settore alieutico, è opportuno analizzare le caratteristiche strutturali (dimensione e caratteristiche della flotta), produttive (produzione e prezzi delle specie target) e socio-economiche (occupazione, costi e redditività) per segmento di pesca, nonché gli aspetti commerciali e le criticità del comparto. Descrivere le infrastrutture, i servizi e la cantieristica sul territorio a favore delle imprese di pesca, con particolare attenzione alla piccola pesca. Riguardo all acquacoltura, se presente, specificare le caratteristiche degli impianti, le tecnologie e le specie allevate, nonché le interazioni con il settore della pesca. Descrivere la consistenza e le caratteristiche delle imprese di trasformazione, se presenti, e le interazioni con il settore della pesca. Descrizione il sistema distributivo, con particolare riferimento ai mercati ittici, alla rete di commercializzazione all ingrosso e al dettaglio. Riferimenti bibliografici Se disponibile, elencare la bibliografia citata a supporto di quanto riportato (ad es. specifiche ricerche condotte nei diversi settori economici della zona, ecc.). 11

12 4. Descrizione delle attività che hanno portato alla definizione della strategia Descrivere i processi di lavoro e le procedure decisionali che hanno portato alla definizione della strategia (max parole). Indicare, ad esempio, la modalità di coinvolgimento della comunità locale, di organizzazione degli incontri, di individuazione delle priorità di intervento, di organizzazione dei gruppi di lavoro tematici e altre attività realizzate per la definizione della strategia. Elencare eventuali documenti (ad esempio, verbali di riunioni del partenariato, relazioni, registri di presenza, lettere di convocazione, ecc.), attestanti soprattutto il coinvolgimento degli operatori della pesca nell elaborazione del PSL, che si allegano in originale alla domanda di ammissione (cfr. paragrafo 10 del bando). 12

13 5. Analisi SWOT del territorio di riferimento e individuazione dei fabbisogni prioritari Riassumere quanto emerso dall analisi territoriale in una matrice di tipo SWOT, come riportata di seguito, in cui analizzare i punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce con specifico riferimento al settore ittico. I punti di forza sono tutti gli elementi che pongono il territorio in posizione di vantaggio competitivo sui quali il piano può fare leva direttamente per il conseguimento delle priorità e degli obiettivi attesi. I punti di debolezza sono tutti gli elementi individuati che rappresentano fattori limitanti nello sviluppo dell area e ostacolano il conseguimento degli obiettivi attesi (le azioni previste dal piano devono possibilmente intervenire per eliminare o ridurre queste criticità). Le opportunità sono tutti gli elementi individuati, intesi come fattori esterni che possono potenzialmente configurare un vantaggio competitivo ed essere utilizzate per il conseguimento degli obiettivi attesi (es. disponibilità di un contributo pubblico, favorevoli condizioni di mercato, innovazioni tecnologiche, favorevoli cambiamenti socio-culturali, ecc.). Le minacce sono tutti gli elementi individuati come fattori esterni sfavorevoli presenti al momento dell analisi che potrebbero compromettere la realizzazione degli obiettivi di sviluppo; devono essere tenuti in considerazione nella formulazione della strategia per prevenire i potenziali impatti negativi (es. condizioni di mercato sfavorevoli, quadro normativo sfavorevole, ecc.). Nella tabella SWOT indicare la rilevanza di ciascun elemento secondo la scala di valori di seguito riportata. Scala di rilevanza 1 Nulla o molto bassa 2 Medio-bassa 3 Medio-alta 4 Alta SWOT PUNTI DI FORZA (fattori interni al contesto da valorizzare) PUNTI DI DEBOLEZZA (limiti da considerare) OPPORTUNITÀ (possibilità che vengono offerte dal contesto e possono offrire occasioni di sviluppo) MINACCE (rischi da valutare e da affrontare, perché potrebbero peggiorare e rendere critica una situazione) Rilevanza Rilevanza Rilevanza Rilevanza 13

14 5.1. Commento sull analisi SWOT Una volta compilata la tabella SWOT, descrivere i singoli punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce Descrizione dei punti di forza Descrizione dei punti di debolezza Descrizione delle opportunità Descrizione delle minacce Riferimenti bibliografici Se disponibile, elencare la bibliografia citata a supporto di quanto riportato Fabbisogni prioritari Utilizzare i risultati dell analisi di contesto e dell analisi SWOT per individuare i fabbisogni prioritari di intervento. Fabbisogni prioritari Rilevanza Descrivere i fabbisogni prioritari di intervento coerentemente con l analisi del territorio e l analisi SWOT 14

15 6. Strategia: descrizione degli obiettivi, delle misure e delle azioni 6.1. Quadro sinottico Compilare la seguente tabella riassuntiva, indicando per ciascun obiettivo e misura (individuati tra quelli del paragrafo 4 del bando) gli obiettivi specifici e le azioni di intervento. OBIETTIVO MISURA OBIETTIVO SPECIFICO AZIONI Obiettivo 1 Mantenere la prosperità economica e sociale nelle zone di pesca e aggiungere valore ai prodotti della pesca e dell acquacoltura Misura 4.1 Prodotti e servizi Obiettivo 1.A:.. Obiettivo 1.B:.. Obiettivo 1.:.. Azione 1.A:.. Azione 1.B:.. Azione 1.:.. Obiettivo 2: Preservare e incrementare l occupazione nelle zone di pesca sostenendo la diversificazione o la ristrutturazione economica e sociale nelle zone che devono affrontare problemi socio-economici connessi ai mutamenti nel settore della pesca Misura 4.2 Qualità della vita /diversificazione Obiettivo 2.A:.. Obiettivo 2.B:.. Obiettivo 2..:.. Azione 2.A:.. Azione 2.B:.. Azione 2.:.. Obiettivo n:.. Misura.... Obiettivo..A:.. Obiettivo...B:.. Obiettivo C.. Azione.A:.. Azione.B:.. Azione.C:.. 15

16 6.2. Descrizione dettagliata delle priorità e degli obiettivi specifici Descrivere i singoli obiettivi specifici coerentemente con i fabbisogni prioritari individuati al precedente paragrafo Descrizione delle Azioni previste dal piano Descrivere dettagliatamente tutte le Azioni previste dal piano di sviluppo locale, compilando per ciascuna di esse la seguente scheda. Azione: inserire codice Finalità dell Azione Modalità di attuazione Area territoriale di attuazione Interventi ammissibili Soggetti ammissibili a finanziamento Misura del FEP Prodotti e risultati attesi Spesa prevista Intensità dell aiuto pubblico a valere sul FEP Intensità del contributo privato Intensità del contributo pubblico proveniente da altre fonti di finanziamento Accordi per il cofinanziamento pubblico/privato Denominazione dell Azione da realizzare (esempio: migliorare le strutture e i servizi offerti nei porti di pesca; diversificare le attività allo scopo di promuovere la pluriattività per i pescatori; ecc.) Descrivere la finalità dell Azione Indicare la modalità di attuazione dell Azione (interventi a titolarità del GAC o interventi a regia) Indicare l area territoriale di attuazione Indicare gli interventi ammissibili Indicare i soggetti che possono realizzare gli interventi e ricevere i contributi. Se l azione afferisce agli Assi I, II e III del FEP, deve essere indicata la relativa Misura. Indicare le ricadute che la realizzazione dell Azione produrrà sulla zona selezionata. Importo totale in euro previsto per la realizzazione dell azione. Indicare l intensità espressa in euro e in percentuale del contributo del FEP Indicare l intensità espressa in euro e in percentuale dell apporto finanziario privato. Indicare l intensità espressa in euro e in percentuale dell eventuale contributo proveniente da altri fondi pubblici. Indicare eventuali accordi per il cofinanziamento pubblico/privato dell Azione (es. delibera di giunta comunale, ecc.). 16

17 6.4. Azioni volte a favorire lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi per la piccola pesca Descrivere le Azioni volte a favorire lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi per la piccola pesca (max parole) Azioni volte alla diversificazione delle attività di pesca che comportano la creazione di posti di lavoro Descrivere le Azioni volte a favorire la diversificazione delle attività di pesca che comportano la creazione di posti di lavoro (max parole) Azioni volte alla protezione dell ambiente Descrivere le Azioni volte alla tutelare l ambiente per conservarne l attrattiva, rivitalizzare e sviluppare le località e i paesi costieri con attività di pesca e preservare e migliorare il patrimonio naturale e architettonico, incluse le azioni per il risanamento di ambienti costieri degradati (max parole). Specificare eventuali contributi scientifici a supporto degli interventi previsti o elencare le relazioni scientifiche che sono state allegate al piano. 17

18 7. Complementarietà del PSL rispetto alle altre politiche di sviluppo del territorio Descrivere la complementarietà tra determinate Azioni del PSL e altri programmi finanziati da altri fondi comunitari e/o da fondi nazionali e regionali, indicando i metodi che il GAC prevede per garantire la sinergia con le Azioni previste dal PSL. 18

19 8. Descrizione degli indicatori, di realizzazione, di risultato e di impatto Compilare per ogni Azione la seguente tabella, in cui deve essere riporta la descrizione, l unità di misura e il risultato atteso per gli indicatori di impatto, di realizzazione e di risultato. Gli indicatori di realizzazione misurano mediante unità di misura fisiche o monetarie la realizzazione dell intervento (ad es. numero di percorsi formativi attivati, numero di attività di pescaturismo avviate, ecc.). Gli indicatori di risultato, invece, sono riferiti agli effetti diretti ed immediati dell intervento sui beneficiari diretti e/o sulla zona. Essi forniscono informazioni in merito ai cambiamenti provocati dall intervento sulla comunità locale. Questi indicatori possono essere di natura fisica (ad es. numero di tirocinanti formati con successo, aumento del numero di pesca-turisti, ecc.), oppure di natura economica (aumento del prezzo di vendita del pescato, diminuzione dei costi di trasporto, ecc.). Gli indicatori di impatto si riferiscono agli effetti a lungo termine che il PSL produce sul territorio al di là delle ricadute immediate che si vengono a determinare sui beneficiari degli (ad es. aumento del tasso di occupazione, incremento della ricettività turistica, cc.). Obiettivo specifico Obiettivo specifico 1.A:.. Azione Azione 1.A::.. INDICATORI DI RISULTATO Descrizione Unità di misura Risultato atteso INDICATORI DI REALIZZAZIONE Descrizione Unità di misura Risultato atteso INDICATORI DI IMPATTO Descrizione Unità di misura Risultato atteso 19

20 9. Piano finanziario Azioni Misura del FEP 1 Spesa Totale 2 (a) Contributo pubblico Finanziamenti privati Altri finanz. pubblici Euro (b) % (c) Euro (d) % (e) Euro (f) % (g) Azione 1.A:... Azione 1.B:... Azione 1.n:... Azione 2.A: TOTALE 1 Se l azione afferisce agli Assi I, II e III del FEP, deve essere indicata la relativa Misura. 2 È pari alla somma dei valori riportati nelle colonne b (contributo pubblico), d (finanziamenti privati) e f (altri finanziamenti pubblici). 20

21 10. Cronoprograma Indicare per ciascuna Azione il periodo (trimestre) in cui è prevista la sua realizzazione. Anno Trimestre Azione 1.1.1:

22 11. Elenco documentazione allegata al PSL In questa sezione dovrà essere riportato un elenco completo degli eventuali allegati al PSL. 12. Sezione aggiuntiva Nella presente sezione possono essere esplicitati elementi non richiesti ma ritenuti opportuni per una migliore comprensione della proposta di sviluppo. 22

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO - SALENTINO

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO - SALENTINO BANDO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca (Artt. 43-45 Reg. 1198/06) GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO - SALENTINO Segreteria tecnica: hydracoop@hydracoop.it 1 Finalità

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Gruppo di Azione Costiera Distretto mare Adriatico. Bandi per la presentazione delle domande FEP 2007-2013 Asse 4

Gruppo di Azione Costiera Distretto mare Adriatico. Bandi per la presentazione delle domande FEP 2007-2013 Asse 4 Gruppo di Azione Costiera Distretto mare Adriatico Bandi per la presentazione delle domande FEP 2007-2013 Asse 4 Misura 1 Obiettivo specifico Mantenere la prosperità economica e sociale delle zone di pesca

Dettagli

AVVISO PUBBLICO GIOVANI PER IL SOCIALE SCHEDA DI PROGETTO. Parte I Identificazione della proposta. Parte II.b Informazioni sugli associati

AVVISO PUBBLICO GIOVANI PER IL SOCIALE SCHEDA DI PROGETTO. Parte I Identificazione della proposta. Parte II.b Informazioni sugli associati ALLEGATO B - Scheda di progetto AVVISO PUBBLICO GIOVANI PER IL SOCIALE SCHEDA DI PROGETTO Parte I Identificazione della proposta Parte II.a Informazioni sul soggetto proponente (singolo/capofila) Parte

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato 5. IL PIANO FINANZIARIO 5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato La predisposizione del piano finanziario per il POR della Basilicata è stata effettuata sulla

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE PRINCIPALI STRUMENTI NORMATIVI VIGENTI DI FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA Ricerca prodotta nell'ambito del progetto Promozione dei prodotti della pesca dell'area della provincia di Palermo e azioni

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

Opportunitàdi finanziamento per la pesca e l acquacoltura nell ambito del FEP promosse dal GAC -Gruppo di Azione Costiera Costa di Toscana.

Opportunitàdi finanziamento per la pesca e l acquacoltura nell ambito del FEP promosse dal GAC -Gruppo di Azione Costiera Costa di Toscana. 2 aprile 2014 Sala della Resistenza, Palazzo Ducale, Massa Opportunitàdi finanziamento per la pesca e l acquacoltura nell ambito del FEP promosse dal GAC -Gruppo di Azione Costiera Costa di Toscana. Enrica

Dettagli

SCHEDA GAC: FLAG JONICO SALENTINO

SCHEDA GAC: FLAG JONICO SALENTINO R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE Servizio Caccia e Pesca Via Paolo Lembo, 38/F 70126 BARI Tel. 080/9179817 SCHEDA GAC: FLAG JONICO SALENTINO Paese:

Dettagli

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO BERGAMO e PROMOISOLA per la RICHIESTA di CONTRIBUTO a FONDAZIONE CARIPLO

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli

Il Centro Aziendale dell UTE n. 2 ricade in Zona Svantaggiata ai sensi della Dir. 75/268/CEE? (barrare la casella corrispondente alla risposta)

Il Centro Aziendale dell UTE n. 2 ricade in Zona Svantaggiata ai sensi della Dir. 75/268/CEE? (barrare la casella corrispondente alla risposta) RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA del Piano di Investimenti (PI) presentato ai sensi della Misura 121 del P.S.R. 2007-2013 della Regione Emilia-Romagna (Reg. CE 1698/2005) allegata alla DOMANDA DI AIUTO presentata

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

REGIONE PUGLIA UNIONE EUROPEA

REGIONE PUGLIA UNIONE EUROPEA Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 29 del 24-02-2011 6329 ALLEGATO A REGIONE PUGLIA UNIONE EUROPEA Unione Europea Repubblica Italiana Regione Puglia MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI

Dettagli

PROGETTI INNOVATIVI INTEGRATI PER L INCLUSIONE SOCIALE DI PERSONE SVANTAGGIATE

PROGETTI INNOVATIVI INTEGRATI PER L INCLUSIONE SOCIALE DI PERSONE SVANTAGGIATE AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO 73034 Via P.tta del Gesù - Cod. Fisc. 81001150754 Tel-fax 0833-548575 e-mail: ambitosociale.gaglianodelcapo@pec.rupar.puglia.it COMUNI DI: GAGLIANO DEL CAPO (Capofila)

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE SETTORE INTERVENTI COMUNITARI PER LA PESCA.FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO

Dettagli

AVVISO ICS LINEA A. Politiche attive per il lavoro per cooperative di nuova costituzione

AVVISO ICS LINEA A. Politiche attive per il lavoro per cooperative di nuova costituzione AVVISO ICS LINEA A Politiche attive per il lavoro per cooperative di nuova costituzione Obiettivi favorire e dare vita a nuove opportunità lavorative per disoccupati e inoccupati incentivare l iniziativa

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ FONDAZIONE MANODORI Bando 2013 rivolto al Terzo Settore INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ 1. PREMESSA Stiamo vivendo un periodo storico connotato da una crisi economica che

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

Distretti agricoli in Regione Lombardia

Distretti agricoli in Regione Lombardia Distretti agricoli in Regione Lombardia Attività dei distretti (finalità, ruolo, opportunità), meccanismo di accreditamento in Regione Lombardia Roberto Daffonchio Distretti agricoli Distretti rurali >

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE Dopo la positiva esperienza della prima fase di vita (2008 luglio 2014, portati

Dettagli

Allegato al Decreto dell Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-pastorale n. 1624/DecA/43 del 10.11.2014

Allegato al Decreto dell Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-pastorale n. 1624/DecA/43 del 10.11.2014 Allegato al Decreto dell Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-pastorale n. 1624/DecA/43 del 10.11.2014 Direttive per l azione amministrativa e la gestione della Misura 2.3 dell Asse II del Fondo Europeo

Dettagli

SEZIONE 1 Introduzione

SEZIONE 1 Introduzione REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE QUADRO SINTETICO DEGLI ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AIUTI DI STATO A FINALITÀ REGIONALE 2014 2020 Direzione Affari della Presidenza, Politiche Legislative e Comunitarie,

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Dotazione finanziaria SPESA PUBBLICA: 1.092 Meuro FEASR: 471,3 Meuro STATO: 434,5 Meuro REGIONE: 186,2 Meuro (ca. 26 Meuro/anno) 2014 2015 2016 2017

Dettagli

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia Regolamento Comunale per l Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Castiglione della Pescaia CAPO I PRINCIPI ISPIRATORI... 3 Articolo 1 Principi Ispiratori e Definizioni... 3 CAPO II - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Bando per la predisposizione, presentazione e selezione delle proposte di Piano di Sviluppo Locale dei Gruppi di Azione Costiera

Bando per la predisposizione, presentazione e selezione delle proposte di Piano di Sviluppo Locale dei Gruppi di Azione Costiera REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA Fondo Europeo per la Pesca 2007/2013 REG. (CE) N. 1198/2006 e REG. (CE) N.498/2007 Bando per la predisposizione, presentazione e selezione

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura

REGIONE PUGLIA. Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura Deliberazione della Giunta Regionale n. 903 del 15/05/2012 Linee guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura 2012 2014

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7.1 REQUISITI DI ACCESSO La Regione Emilia-Romagna prevede di ammettere ai finanziamenti dell Iniziativa Comunitaria LEADER+ un numero massimo di

Dettagli

BANDI AGER Seconda Edizione Olivo e Olio Acquacoltura 16 LUGLIO 2015 MILANO EXPO

BANDI AGER Seconda Edizione Olivo e Olio Acquacoltura 16 LUGLIO 2015 MILANO EXPO BANDI AGER Seconda Edizione Olivo e Olio Acquacoltura 16 LUGLIO 2015 MILANO EXPO TUTTI I SETTORI del nuovo Ager 1 Acquacoltura 2 Agricoltura di montagna Olivo e olio Prodotti caseari Simbolo del Made in

Dettagli

Art. 3 Condizioni e modalità di partecipazione

Art. 3 Condizioni e modalità di partecipazione AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE A VIAGGIO DI STUDIO NEL SETTORE DELLO SVILUPPO LOCALE DELLE COMUNITA DI PESCA E ACQUACOLTURA: IL GRUPPO DI AZIONE COSTIERA DELLA VALLE DELL EBRO (SPAGNA) (approvato

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 Premessa La regione Puglia, in linea con gli indirizzi per lo sviluppo delle politiche comunitarie nei suoi tre

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Gruppo Azione Locale GAL GRAN SASSO-VELINO

Gruppo Azione Locale GAL GRAN SASSO-VELINO Gruppo Azione Locale GAL GRAN SASSO-VELINO PSR ABRUZZO 2007-2013 ASSE IV LEADER AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE O DI PRESTAZIONI PROFESSIONALI PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra Regione Campania SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA fra L Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano La Provincia di Salerno Le Comunità Montane..., La Comunità Montana..., La Comunità Montana..., Ecc

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO

REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO - ALLEGATO B) REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO FORMULARIO di presentazione di progetti volti alla realizzazione di opere e servizi di pubblica utilità a valere sul P.O.R. Toscana FSE 2014-2020 1 SEZIONE

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Regione Autonoma della Sardegna Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio Centro Regionale di Programmazione L integrazione delle politiche di Pari Opportunità nei 13

Dettagli

Allegato alla DGR n. del

Allegato alla DGR n. del Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Regione Puglia e l'istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA)

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO ALL. A REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO Criteri e modalità per la presentazione e verifica di ammissibilità

Dettagli

100% del totale della spesa ammessa. Max. 150.000,00 per singolo progetto. Il contributo può essere liquidato secondo le seguenti modalità:

100% del totale della spesa ammessa. Max. 150.000,00 per singolo progetto. Il contributo può essere liquidato secondo le seguenti modalità: REGIONE SICILIA ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI ****************************************************** Programma operativo FEP 2007/2013 DECRETO 01 del 27 gennaio 2010. Bando relativo ai

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE

L OSSERVATORIO NAZIONALE L OSSERVATORIO NAZIONALE DELL AGRITURISMO Formulare proposte per la determinazione dei criteri di classificazione delle aziende agrituristiche secondo criteri omogenei per l intero territorio nazionale

Dettagli

CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI RSU PRODOTTI SUL TERRITORIO DI ATO

CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI RSU PRODOTTI SUL TERRITORIO DI ATO BANDO RISERVATO AI GESTORI DEL SERVIZIO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI ATO 5, 6, 10 CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA

Dettagli

Fac-simile di SCHEDA TECNICA DI PROGRAMMA E PIANO FINANZIARIO

Fac-simile di SCHEDA TECNICA DI PROGRAMMA E PIANO FINANZIARIO ALLEGATO B Fac-simile di SCHEDA TECNICA DI PROGRAMMA E PIANO FINANZIARIO 1- Dati identificativi del Programma di investimento Titolo del Programma Acronimo Denominazione Beneficiario (in caso di aggregazione

Dettagli

ALLEGATO 2. Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale strategica in ambito energetico Piano Energetico Regionale

ALLEGATO 2. Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale strategica in ambito energetico Piano Energetico Regionale ALLEGATO 2 Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale strategica in ambito energetico Piano Energetico Regionale Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Attività Produttive, Commercio,

Dettagli

Bando. Premessa. Obiettivi e finalità

Bando. Premessa. Obiettivi e finalità Bando Premessa L ANIA ritiene fondamentale il rapporto di collaborazione con le Associazioni dei Consumatori e per mantenere un confronto stabile ed un dialogo costante ha creato il Forum Consumatori.

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal settore al distretto e dal distretto alla filiera. Nella

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO REGIONE TOSCANA ALLEGATO 2 Bando - POR CREO FESR 2007-2013 - LINEA DI INTERVENTO 1.5.d "Bando per la presentazione delle domande di aiuti alle imprese per investimenti in materia di ricerca industriale

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO D Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/10 marca da bollo Indicare il motivo di esenzione : 1 organismi di volontariato iscritti al Registro regionale di cui alla L.R.

Dettagli

5 PIANO FINANZIARIO 5.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO E COINVOLGIMENTO DEL SETTORE

5 PIANO FINANZIARIO 5.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO E COINVOLGIMENTO DEL SETTORE 5 PIANO FINANZIARIO 5.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO E COINVOLGIMENTO DEL SETTORE PRIVATO La nuova fase di programmazione, attivata dal QCS 2000-2006, impegna tutti i soggetti coinvolti

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Linee guida per il trasporto e la vendita di prodotti alimentari deperibili a basso impatto ambientale Descrizione estesa del risultato La progettazione, realizzazione e

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Dott.ssa Letizia Donati donati@eurosportello.eu Eurosportello Confesercenti 9 ottobre 2015 I Fondi Strutturali per la Cultura e Turismo

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 6638 DEL 16/09/2015

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 6638 DEL 16/09/2015 Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA' DELL'UMBRIA Servizio Politiche per il credito e internazionalizzazione delle imprese DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I finanziamenti per avviare l impresa il sistema bancario L avvio di un attività imprenditoriale richiede

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Base giuridica Oggetto (obiettivo generale) Con decisione C/2008/7336 il 27 novembre 2008 la Commissione Europea ha approvato

Dettagli

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI SETTORE ENERGIA, TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA E DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO E ACUSTICO Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

Il contratto di Rete

Il contratto di Rete 18 settembre 2014 Numero 2 Il contratto di Rete Speciale Contratto di Rete Con l art. 3, comma 4 ter, D.L. 5/2009, convertito con modificazioni in L. 33/2009, e successive modifiche e integrazioni, è stato

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Le tipologie di finanziamento comunitario

Le tipologie di finanziamento comunitario Le tipologie di finanziamento comunitario Breve introduzione I Programmi Comunitari sono stati creati con l'obiettivo di coinvolgere, attraverso finanziamenti agevolati, il settore pubblico e quello privato

Dettagli

BANDO STARTING GRANTS 2015

BANDO STARTING GRANTS 2015 BANDO STARTING GRANTS 2015 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO A seguito di una prima valutazione degli executive summary da parte del Comitato Scientifico, i candidati selezionati dovranno

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI Direzione Generale Servizio Affari Internazionali Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale LINEE GUIDA PER

Dettagli

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione 1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione La misura concorre a promuovere l acquisizione di competenze e conoscenze tecniche e manageriali, la diffusione di innovazioni nei vari ambiti aziendali

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

Obiettivo: potenziare lo sviluppo rurale e incentivare nuove attività e fonti di occupazione

Obiettivo: potenziare lo sviluppo rurale e incentivare nuove attività e fonti di occupazione L approccio Leader Acronimo dal francese Liaison Entre Actions de Développement de l E conomie Rurale (Collegamento fra azioni di sviluppo dell economia rurale) Strategia di sviluppo locale che sostiene

Dettagli

Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta

Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta Misura 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali (art. 17) Sottomisura 4.4 Sostegno per investimenti non produttivi

Dettagli

BANDO PER LA REDAZIONE DI PIANI DI RILANCIO AZIENDALE DA PARTE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LOMBARDE SCHEMA PROPOSTA PIANO DI RILANCIO AZIENDALE

BANDO PER LA REDAZIONE DI PIANI DI RILANCIO AZIENDALE DA PARTE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LOMBARDE SCHEMA PROPOSTA PIANO DI RILANCIO AZIENDALE ALLEGATO 1a BANDO PER LA REDAZIONE DI PIANI DI RILANCIO AZIENDALE DA PARTE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LOMBARDE INDICE SCHEMA PROPOSTA PIANO DI RILANCIO AZIENDALE 1. RIFERIMENTI DEL PROGETTO 2. CAPACITA

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli