Il Job Act di Renzi: ovvero il definitivo trionfo della precarietà sociale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Job Act di Renzi: ovvero il definitivo trionfo della precarietà sociale."

Transcript

1 Il Job Act di Renzi: ovvero il definitivo trionfo della precarietà sociale. PREMESSA Il Job Act, o Piano per il Lavoro che dir si voglia, rappresenta la più insidiosa polpetta avvelenata che Matteo Renzi sta offrendo all'immaginario collettivo, in particolare alle giovani generazioni. Al momento il Job Act è un piccolo documentino che, come hanno detto in molti, è costituito da un elenco di titoli. Tuttavia è ben chiara la direzione verso cui si vuole andare: ulteriore precarietà del lavoro, ulteriore sottomissione dei lavoratori all impresa, ulteriore restrizione delle libertà sindacali. Noi che viviamo nell area fiorentina sappiamo bene cosa è stato e cosa è il modello Renzi nella città di Firenze. Conosciamo bene la guerra che il bel Matteo ha scatenato contro i poveri e contro tutte le voci dissonanti in città. Per questo vogliamo dare un dare un segnale forte di allarme, di protesta e di opposizione sociale contro una riforma del lavoro, attraverso cui, Renzi ed il nuovo PD, intendono rottamare ciò che resta delle conquiste dei lavoratori. 1-Il Renzi-pensiero sul lavoro, tra il Professor Ichino e Oscar Farinetti di Eataly. Uno degli architrave del Job Act e della proposta renziana sul lavoro è il famoso "contratto unico". L'espressione "contratto unico" nasce dalla elaborazione del professor Pietro Ichino, noto zelante ideologo confindustriale, che ha sempre teorizzato che per dare qualche tutela al vasto mondo del lavoro precario, era necessario fare tabula rasa di ogni residuo delle conquiste storiche del movimento operaio. In particolare Ichino ha sempre sostenuto l abolizione totale di quella norma che costringe il padrone a reintegrare al suo posto il lavoratore che è stato licenziato senza giustificato motivo (articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori). Va ricordato che l articolo 18 interessa solo i lavoratori dipendenti in aziende con più di 15 addetti, cioè circa 7 milioni e mezzo di lavoratori. Va anche ricordato che la riforma Fornero ha già diminuito il grado di protezione dell articolo 18 consentendo i licenziamenti per motivi economici, (previo piccolo indennizzo economico). E va infine ricordato che le assunzioni a tempo indeterminato sono ormai una minoranza delle assunzioni totali, mentre il resto dei nuovi lavoratori vengono assunti con contratti a termine, interinali, a chiamata, di apprendistato, contratti a progetto (co. co. pro.), ecc.. Ichino proponeva già alcuni anni fà di riunire le varie tipologie di contratti in un contratto unico per tutti i lavoratori in cui, tutti sarebbero stati licenziabili per alcuni anni a piacimento dei padroni.. Con la scusa di rendere più equa ed omogenea la condizione dei lavoratori, Ichino proponeva si abolire la possibilità stessa di una assunzione stabile, protetta dai licenziamenti facili. Del resto Ichino, insieme a tanti altri intellettuali prezzolati come lui, ha lavorato tenacemente in questi anni per dare una spallata finale alla classe lavoratrice. Infatti, per quanto la capacità contrattuale dei lavoratori sia andata diminuendo, esiste ancora una certa capacità di resistenza che ostacola lo strapotere padronale. La piena licenziabilità e quindi la piena ricattabilità, di tutti i lavoratori, è considerato quindi un passaggio essenziale per affermare pienamente quel regime schiavistico moderno verso cui sembra correre il moderno capitalismo.. Ma se la figura di Ichino è una importante fonte di ispirazione per le idee di Renzi, un altro inquietante personaggio merita di essere menzionato a questo proposito. Si tratta di Oscar Farinetti, padrone di una grossa catena di ristorazione internazionale chiamata Eataly, con 300 milioni di fatturato, migliaia di dipendenti, con mega complessi a New York,Tokyo, Roma, Torino e dal dicembre scorso anche a Firenze (negozio in via Martelli con 122 occupati). Eataly e Oscar Farinetti sono ormai famosi per il cosiddetto modello 800 euro cioè un modello lavorativo basato su 40 ore settimanali, festivi compresi, pagati 800 euro. Eataly è famosa anche

2 per il fatto che la totalità dei dipendenti ha contratti di lavoro precari (2-3 mesi, raramente di più) ed il lavoro a tempo indeterminato non è neanche concepito. Eataly è infine famosa per i soprusi padronali sistematici che arrivano fino alle continue perquisizioni dei dipendenti. Farinetti non si nasconde per altro dietro alcun velo di ipocrisia, rivendica spudoratamente ogni aspetto del suo sistema di impresa e rifiuta l idea stessa di contrattazione sindacale. Questo simpatico individuo è l imprenditore di riferimento di Matteo Renzi, uno suoi dei principali consulenti, suo amico personale e non ultimo suo finanziatore. Lo scorso 17dicembre in via Martelli a Firenze è stato inaugurato un nuovo Megastore di Eataly che ha 122 dipendenti (precari ovviamente). Il nastro è stato tagliato con grande solennità dal super-sindaco Matteo che ha cantato le lodi del grande imprenditore Farinetti, amico, consulente e finanziatore. Per altro non deve sorprendere nessuno che personaggi collocati nel centro-sinistra siano i più zelanti promotori di una ulteriore precarizzazione del lavoro. Nessuno può aver dimenticato che le 40 tipologie infernali di contratto di lavoro precario attualmente vigenti, sono state introdotte nella legislazione italiana, tramite il "Pacchetto Treu" (1997), da un governo di centro-sinistra (Prodi) sostenuto anche da Rifondazione Comunista e da Cgil, Cisl e Uil. 2-Il contratto unico nel Job Act Nel breve documento sul Job Act si parla di un contratto unico, a "tutele crescenti" con libertà di licenziamento per i primi 3 anni dall'inizio del rapporto di lavoro. Il concetto di "tutele crescenti" è probabilmente riferito che ad un eventuale indennizzo a cui il lavoratore avrebbe diritto in caso di un licenziamento riconosciuto dal giudice come licenziamento illegittimo L indennizzo sarebbe crescente in proporzione al tempo lavorato dal dipendente. Chiunque conosca l esperienza delle aziende al di sotto dei 15 dipendenti, dove esiste già il sistema dell indennizzo,sa benissimo che esso non costituisce alcun disincentivo al licenziamento. Anzi spesso il lavoratore rinuncia alla causa perchè lo sforzo per andare in causa non vale la posta in gioco di un compenso ridotto e rinviato nel tempo. Dunque è chiaro che introdurre il contratto unico al posto degli attuali contratti a tempo indeterminato significa abolire gli ultimi residui di articolo 18 e rendere del tutto liberi i licenziamenti. Attenzione! Per il momento Renzi parla di licenziamenti liberi nei primi 3 anni di un rapporto di lavoro a contratto unico, ma l'esperienza degli ultimi decenni ci dice che ogni norma introdotta a danno dei lavoratori, una volta accettata, è destinata a peggiorare nel tempo. Oggi sarebbero 3 anni, domani 4, domani l altro 5, alla fine per sempre. Cosa avverrebbe poi nella pratica sul mercato del lavoro appare abbastanza prevedibile. I lavoratori assunti con il contratto unico, nella stragrande maggioranza dei casi, verrebbero spremuti come limoni fino al momento in cui diventerebbero non più licenziabili (limite al momento previsto a 3 anni ma poi chissà). A quel punto il lavoratore verrebbe licenziato e dovrebbe ritrovare un altro datore di lavoro con il quale ricomincerebbe da capo a lavorare sotto ricatto della licenziabilità in qualunque momento. Per altro l attuale sintetico documento sul Job Act non chiarisce che fine farebbero le 40 forme contrattuali attualmente esistenti (contratti a termine, lavoro interinale, a chiamata, co. co. Pro, ecc.). E' abbastanza prevedibile che la Confindustria riuscirebbe a "salvaguardare" le tipologie contrattuali che più gli servono. Ad essere abolite sarebbero solo le tipologie meno usate. 3-L'indennità di disoccupazione Un certo fascino sta riscuotendo la proposta renziana di un assegno di disoccupazione come misura universale di sostegno al reddito, quindi spettante a tutti coloro che si trovano senza lavoro. Un fascino che non rimane confinato negli interessati ambienti filo-padronali o dei sindacati istituzionali, ma attraversa larghe fasce di giovani magari poco attenti alle proposte nel dettaglio.

3 Del resto a prima vista chi potrebbe dirsi contrario a garantire un certo reddito per chi ha perso il lavoro o non lo ha ancora trovato? Chi potrebbe non apprezzare un provvedimento che in teoria dovrebbe dare qualcosa ai più poveri in un epoca in cui a questi si toglie sempre? Se però si esce dalla propaganda e ci si cala nel concreto delle proposte renziane la prospettiva cambia. Il famoso assegno di disoccupazione (a quanto ammonterebbe non si sa!) che dovrebbe spettare a tutti coloro che hanno perso il lavoro, sarebbe rigidamente vincolato a: 1) obbligo di seguire un corso di formazione professionale e 2) di non rifiutare più di una nuova proposta di lavoro. Se salta una di queste due condizioni salta l assegno. In realtà la nefasta Riforma Fornero ha già inserito una simile indennità di disoccupazione (detta ASPI) che impone a chi la riceve grosso modo gli stessi obblighi a quelli citati dal Job Act (1). Simili ma non proprio gli stessi almeno a leggere alla lettera le brevi note del Job Act. La normativa esistente (Fornero), parla di obbligo di non rifiutare una attività fi formazione che venga (eventualmente) proposta al lavoratore. Il Job Act parla invece di obbligo di seguire un corso di formazione professionale e le due cose non sono esattamente la stessa cosa. Ma è nel discorso complessivo che Renzi fa con insistenza sulla formazione professionale che si può capire meglio in che senso la proposta renziana è sì una conferma della sciagurata Riforma Fornero, ma tenta in qualche modo di andare oltre (nel peggio ovviamente). La formazione professionale in Italia fa schifo, ama sempre dire il rottamatore, dobbiamo riformarla prendendo a prestito il modello tedesco. Il modello tedesco è un modello profondamente autoritario, basato essenzialmente sul dominio istituzionalizzato dell impresa sulla fomazione. Il lavoratore che fà formazione professionale in Germania, la fa tramite tirocini all interno delle imprese. Queste hanno così a disposizione una gran massa di lavoratori da un lato poter sfruttare a minor costo, dall altro da poter selezionare secondo criteri di maggior servilismo ancor prima dell assunzione vera e propria. Le aziende hanno un potere molteplice su questi lavoratori in formazione o in riqualificazione professionale: sono i loro datori di lavoro, rilasciano il certificato di buona frequenza, ma sono anche determinanti nell eventuale conseguimento dei titoli, in quanto gli esami delle scuole di formazione professionale vengono fatti dalle camere di industria, di commercio e di artigianato. Non solo. Le aziende hanno una grossissima voce in capitolo anche nei programmi di insegnamento da seguire, potendoli ampliare e restringere secondo le proprie immediate esigenze produttive. Per altro cosa significhino i tirocini nelle aziende, in parte lo sappiamo già anche noi in Italia. Là dove vengono adottati, nei settori privati del commercio, dell artifgianato e dell industria, ma anche in alcuni settori pubblici come la sanità o la ricerca, sono serbatoi di super-sfruttamento dei lavoratori. Ciò che intende Renzi quando parla di adottare il modello tedesco nella formazione professionale significa chiaramente una estensione, una sistematizzazione, una generalizzazione alla tedesca di un qualcosa che esiste già anche in Italia. Con una differenza fondamentale rispetto alla Germania: che il capitalismo italiano non garantirà mai i livelli salariali tedeschi! A noi toccherà il dispotismo, la precarietà, il lavoro schifoso ma anche salari da fame! (1) Per altro la Riforma Fornero ha riassorbito altre forme preesistenti di sostegno alla disoccupazione peggiorando complessivamente la condizione di chi perde il lavoro Tanto per fare un esempio adesso un lavoratore che perde il lavoro e ha meno di 50 anni spetta un assegno di disoccupazione pari, nel migliore dei casi, al 75% del suo stipendio medio negli ultimi due anni di lavoro. Ma questo per soli 6 mesi, dopo di che ha ancora 2 mesi con un assegno ulteriormente ridotto del 15% e poi niente!

4 4- Job Act e relazioni sociali integralmente autoritarie "Bacia la mano che ruppe il tuo naso, perchè le chiedevi un boccone..." Fabrizio De Andrè - Il testamento di Tito. A chi è capitato di ascoltare Renzi parlare di lavoro, avrà sentito spesso usare espressioni come lo Stato ti prende per mano o lo Stato ti dà una mano. Francamente ci auguriamo di tenere quella mano il più possibile lontana da noi. Con l avvento del contratto unico e del Renzi-System, tutti i lavoratori saranno ancor più precari di quanto già oggi. I nuovi assunti, tutti per definizione licenziabili in ogni momento, verranno spremuti come limoni dai loro padroni, fino al limite di tempo in cui dovrebbe entrare in funzione la tutela dal licenziamento senza giusta causa. Poi la maggior parte di loro verrà licenziato dal padrone e "preso per mano" dallo Stato che, in cambio del famoso assegno universale di disoccupazione, li spedirà da altri padroni- benefattori che sapranno loro come aggiornarli e riqualificarli professionalmente. In ogni caso il lavoratore dovrà presto accettare un lavoro qualunque esso sia e ricominciare da capo a lavorare per un nuovo padrone che a sua volta lo spremerà di nuovo come un limone per poi cacciarlo via di nuovo al momento giusto, in un circolo vizioso senza fine. In sostanza ciò che già oggi accade a molti (gli attuali precari), domani accadrebbe a tutti (eccola l equità sociale!).. L'assegno di disoccupazione servirà a garantire la mera sopravvivenza fisica della forza-lavoro e il suo transitare da un lavoro precario e sotto-pagato ad un altro altrettanto precario e sottopagato. D altra parte anche la forza contrattuale dei lavoratori più anziani subirà inevitabilmente una drastica diminuzione- Il lavoratore viene così posto sempre più al centro di un sistema di relazioni sociali integralmente autoritarie: schiavizzato dall'impresa, sottomesso ai capricci del mercato, oppresso dallo Stato, che in cambio di un "tozzo di pane", gli ordina cosa deve fare e come deve farlo. 5-La Legge sulla Rappresentanza ed la libertà di sciopero Un terzo punto strategico del Job Act è la prevista Legge sulla Rappresentanza Sindacale. Tale proposta non nasce nel vuoto, ma si va per chiaramente a collegare con i due accordi sulla rappresentanza sindacale recentemente firmati da Cgil, Cisl, Uil e Confindustria, validi per il settore privato (accordi del 31/5/2013 e del 10/1/2014). Questi due accordi contengono alcune terribili norme liberticide che vanno a restringere gli spazi formali dell azione sindacale. Si attacca duramente la libertà di sciopero grazie ad una norma che impone ai i sindacati combattivi di fare una scelta mortale: o si rinuncia in partenza alla libertà di sciopero; oppure si rinuncia in partenza ad altro diritto sindacale. In pratica se si vuole avere la possibilità di eleggere rappresentanti sindacali con relativi diritti (assemblea, permessi, affissione, propaganda, eccetera) si deve firmare un impegno a non opporsi, né con lo sciopero, né in altro modo, agli accordi firmati da Cgil, Cisl e Uil. Un sindacato combattivo può organizzare anche una parte considerevole dei lavoratori in questo o quel luogo di lavoro, ma se non rinuncia preventivamente allo sciopero sta fuori dai cancelli! Inoltre si impone a qualunque sindacato che voglia usufruire dei diritti sindacali ad accettare formalmente lo smantellamento dei contratti nazionali di lavoro tramite il sistema delle deroghe aziendali. In sostanza per mantenere ii normali diritti sindacali, si chiede di rendersi complice di ogni porcheria contro i lavoratori. Altrimenti fuori! Ora non ci vuole molto per capire che Renzi ed il nuovo PD intendono semplicemente trasformare in legge queste norme liberticide. Norme che per altro finchè rimangono solo accordi sindacali sono di difficile attuazione.

5 6-Solo una ribellione generalizzata può salvarci! A questo punto il cerchio si chiude. Con l annunciato Piano per il Lavoro (Job Act), Renzi ed il PD vogliono portare a termine quel lungo processo che dal principio degli anni 80 in poi, è andato costruendo un vero e proprio regime schiavistico moderno nel nostro paese.. Si vuole rendere la precarietà lavorativa e sociale (già dilagante) una condizione generalizzata che non ammette eccezioni. Si vuole fare della formazione professionale per i disoccupati un grande serbatoio di forza-lavoro super-sfruttata. Si vuole restringere ulteriormente e se possibile cancellare la libertà di sciopero e di organizzazione sindacale. Si vuole cancellare il Contratto Nazionale di Lavoro come strumento di solidarietà e garanzia minima per i lavoratori. Dopo di che viene tutto il resto. Salari sempre più da fame, orari di lavoro sempre più lunghi, luoghi di lavoro sempre più insalubri, condizioni di lavoro sempre più invivibili: Questi saranno gli impliciti danni collaterali. Ma questo destino non è ineluttabile. E possibile e necessario lottare contro questo lugubre futuro a cui ci vogliono ormai condannati. Anche in questi anni di arretramento, ogni volta che gli oppressi e gli sfruttati si sono messi davvero sul terreno dell azione diretta e della lotta autorganizzata hanno dimostrato che si possono ottenere delle cose e che, se lo si vuole, si potrebbe ancora riuscire a far cambiare la direzione del vento. Lo hanno dimostrato recentemente le lotte dei lavoratori della logistica, gli scioperi radicali dei tramvieri, la resistenza ai licenziamenti e ai tagli di alcuni grandi ospedali. Lo dimostra ogni giorno il movimento di occupazione delle case e per il diritto all abitare. Deve svilupparsi una vera e propria ribellione generalizzata dei lavoratori e in particolare delle giovani generazioni che sono le prime vittime del regime schiavistico moderno. -PER LA CANCELLAZIONE DI OGNI FORMA DI LAVORO PRECARIO; -PER CONDIZIONI DI LAVORO DIGNITOSE E DIRITTO AL TEMPO LIBERO; -RIDUZIONE GENERALIZZATA DELL ORARIO DI LAVORO PER UNA PIENA OCCUPAZIONE; -AUMENTI SALARIALI GENERALIZZATI PER UNA VITA DEGNA DI ESSERE VISSUTA; -NESSUNA LIMITAZIONE ALLA LIBERTA DI SCIOPERO E ALLE LIBERTA SINDACALI; -DIRITTTO ALLA CASA, ALL ISTRUZIONE, ALLA SALUTE, AI TRASPORTI PUBBLICI.

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

IL SINDACATO È UN'ALTRA COSA RivendicAZIONI per una Cgil indipendente, democratica, che lotta

IL SINDACATO È UN'ALTRA COSA RivendicAZIONI per una Cgil indipendente, democratica, che lotta Documento congressuale IL SINDACATO È UN'ALTRA COSA RivendicAZIONI per una Cgil indipendente, democratica, che lotta Quattro anni fa il congresso della Cgil si concludeva con l'affermazione delle posizioni

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio...

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio... Accordi difensivi e clausole di apertura: strategie integrate per il coinvolgimento dei lavoratori e la negoziazione collettiva contro la frammentazione e il declassamento. Casi studio in Italia a cura

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA?

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Allegato 1 Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Sono oltre 3 milioni quelli fantasma Alcuni numeri Quando la stampa e gli enti di studio e di ricerca

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO

CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO L Euro CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO L adesione all Euro è la conseguenza della adesione allo SME (Sistema Monetario Europeo) del 1979 (Governi Andreotti- Cossiga)

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

IL REFERENDUM SULL ARTICOLO 18 E GLI INTERVENTI PER LA FLESSIBILITA DEL MERCATO DEL LAVORO. Lucio Baccaro (ILO) * (baccaro@ilo.

IL REFERENDUM SULL ARTICOLO 18 E GLI INTERVENTI PER LA FLESSIBILITA DEL MERCATO DEL LAVORO. Lucio Baccaro (ILO) * (baccaro@ilo. IL REFERENDUM SULL ARTICOLO 18 E GLI INTERVENTI PER LA FLESSIBILITA DEL MERCATO DEL LAVORO Lucio Baccaro (ILO) * (baccaro@ilo.org) Marco Simoni (LSE) (M.Simoni@lse.ac.uk) DRAFT 1.0 Novembre 2003 SI PREGA

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-21 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2-21 A seguito del parere favorevole espresso in data 5 maggio 2 dal Comitato

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE Le normative finalizzate alle agevolazioni in materia di assunzione di personale sono state, nel corso degli anni, oggetto di continue innovazioni, cambiamenti,

Dettagli

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL di Gianni Salvarani Vice Presidente dell Istituto di Studi Sindacali UIL Solo con l avvento della Repubblica, conquistata con la Resistenza, anche

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

L apprendistato in somministrazione: dall Accordo del 5 aprile ad Europa 2020

L apprendistato in somministrazione: dall Accordo del 5 aprile ad Europa 2020 www.bollettinoadapt.it, 1 giugno 2012 L apprendistato in somministrazione: dall Accordo del 5 aprile ad Europa 2020 di Giulia Rosolen 1. Le Coordinate. Brevi cenni sulla somministrazione, sull apprendistato

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della settimana - Verticale: quando l orario è distribuito su alcuni giorni della settimana

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing)

3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 1. Part time: definizione e fonti normative...1 1.1 Compatibilità del part time con le altre tipologie di lavoro

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli