Piano Pluriennale di Formazione 2012/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Pluriennale di Formazione 2012/2015"

Transcript

1 Piano Pluriennale di Formazione 2012/2015 Una nuova formazione per un nuovo ospedale e un nuovo territorio "Un investimento nel campo della conoscenza paga i migliori interessi Benjamin Franklin (scienziato e politico statunitense) 1

2 LISTA DI DISTRIBUZIONE Descrizione Il Piano Pluriennale Formazione 2012/2015 viene pubblicato sul sito intranet aziendale, e inviato alla Direzione Aziendale, a tutti i responsabili di Area/Dipartimento/Macrostruttura, agli Animatori di formazione aziendali e convenzionati. In base alla normativa regionale vigente viene inviato agli uffici competenti dell Assessorato per il Diritto alla Salute. Il documento viene messo a disposizione in copia cartacea per Ordini, Collegi Associazioni che ne faranno richiesta. L elenco nominativo di tutto il personale a cui è stata resa disponibile copia del presente documento è depositato presso l U.F. Formazione Educazione e Promozione della Salute ed è allegato alla copia disponibile presso la sede indicata nell elenco stesso. 2

3 SOMMARIO 1 Introduzione...pag Principi ispiratori...pag Campo di applicazione pag Riferimenti...pag Le componenti dl sistema Azienda USL 4 Prato...pag Il personale che si intende coinvolgere...pag L ascolto del sistema organizzato...pag Le Strategie aziendali...pag Le linee delle politiche formative...pag Le strategie sulle metodologie formative...pag Il metodo per la rappresentazione di sintesi del Piano 2012/ pag I rapporti con la rete formativa regionale...pag Strumenti di verifica e applicazione e diffusione...pag Le risorse finanziarie...pag Allegati 16 Bibliografia 3

4 INTRODUZIONE La costruzione di un Piano Formativo Pluriennale, da ora in poi denominato PFP è un azione complessa fondata su un ambito cruciale come quello dell investimento sulle risorse umane, vera ricchezza del SSN e motore di sviluppo. Fra i soggetti della rete formativa regionale, le Aziende sanitarie sono il luogo deputato all analisi del fabbisogno formativo, provvedendo alla programmazione/realizzazione/valutazione degli eventi formativi di livello aziendale. Un ruolo di maggiore importanza nell assetto regionale lo rivestono quelle Aziende che sono anche Provider accreditati ECM standard. La Struttura U.F. Formazione Educazione e Promozione della Salute è stata inserita nell Albo regionale dei Provider accreditati, Decreto Dirigenziale R.T. 1515/10 Accreditamento standard come provider ECM dell`azienda Usl 4 di Prato. L Azienda USL 4 di Prato svolge funzioni di Agenzia Formativa per tutto il territorio dell Azienda e per il territorio regionale. Ha costituito un catalogo di eventi ed attività formative disponibile e consultabile per i partecipanti esterni sul sito Internet dell Azienda stessa. Key words: - COERENZA E CONGRUITA - CENTRALITA DEL CITTADINO - RESPONSABILITA E APPROPRIATEZZA - SOSTENIBILITA PRINCIPI ISPIRATORI La Formazione, nel sistema socio-sanitario regionale toscano, intesa come leva e risorsa per aggiornare le competenze dei professionisti, allinearle ai valori guida e migliorare la qualità dell offerta al cittadino, si caratterizza per essere rivolta ad un settore ad elevato capitale intellettuale dove le risorse umane sono un assett strategico da valorizzare. In questa ottica gli operatori sono al centro del sistema sanitario con le loro competenze, le relazioni sia fra di loro che verso i pazienti. La gestione delle risorse umane si articola in modo da permettere un dialogo senza confini professionali e al fine di valorizzare all interno del percorso il cittadino/paziente con mobilità fra territorio ed ospedale, relazioni nel team, consapevolezza di sistemi di valutazione delle performance. Sempre con maggiore attenzione occorre quindi identificare le molte direttrici di intervento della formazione per non disperdere le energie, spingendo verso un sistema di scelte strategiche condivise prioritarie capaci di segnare il passo al cambiamento di scenario, fondamentale per la sostenibilità e lo sviluppo del sistema stesso. Anche la funzione Formazione è quindi parte integrante di quel processo di razionalizzazione delle risorse ed di modifica strutturale del sistema ( DGRT 754 4

5 10/08/2012), operando come leva strategica nella revisione dei modelli organizzativi e produttivi messa in atto. Quindi Cambiare molto per non far cambiare il trend positivo in servizi e qualità degli stessi Assessore RT, Presentazione Risultati bersaglio MeS 2011, 20 luglio Il PFP dell Azienda USL 4 Prato racchiude le seguenti principali caratteristiche: o è frutto di un processo metodico e strutturato o è basato su analisi documentate o è un prodotto condiviso già in fase di messa a punto, con il coinvolgimento dei vertici e delle strutture aziendali. In analogia al precedente Piano Formativo Triennale, anche l attuale segue due principi ispiratori fondamentali: o Formazione PER TUTTI ma NON A PIOGGIA: gli interventi andranno pensati su scala pluriennale e, anno per anno, le risorse andranno concentrate sugli ambiti individuati per ciascuno di essi. o Formazione volta a privilegiare la dimensione dei GRUPPI DI LAVORO INTEGRATI MULTIDISCIPLINARI E MULTIPROFESSIONALI, quindi la formazione intesa come strumento che, nel supportare le Strategie Aziendali (e, anzi, come parte integrante di queste strategie), opera intenzionalmente nella direzione di VALORIZZARE il personale, la sua professionalità, i suoi apporti all organizzazione. In particolare alcuni propositi inseriti nel precedente Piano Formativo Triennale sono ripresi e continuati anche nell attuale PFP, ovvero: Pianificare e progettare la formazione basandosi su una attenta analisi dei bisogni reali, rilevati attraverso una documentazione chiara, condivisa e credibile delle criticità e dei problemi concreti. Una progettazione precisa e aderente alle necessità dei soggetti appartenenti alla Azienda è in grado di assicurare lo sviluppo delle competenze organizzative, scientifiche e relazionali degli operatori e dell organizzazione stessa cui appartengono. Attuare il principio di continuità assistenziale attraverso protocolli diagnostico terapeutici (PDTA). Favorire la partecipazione ed il coinvolgimento di tutti gli operatori nelle scelte aziendali e parallelamente incrementare il complessivo del clima aziendale attraverso una condivisione estesa a tutte le componenti professionali. Costituire gruppi di lavoro integrati, multidisciplinari e multi professionali, secondo una dimensione gruppo/team come requisito centrale dell apprendimento. Operare in piena conformità col Sistema di Gestione certificato per quanto riguarda tutte le procedure e gli atti svolti, e per la definizione del presente atto programmatorio, in quanto l U.F. Formazione Educazione e Promozione della Salute è certificata in base alla norma ISO 9001:2008. Sviluppare le competenze manageriali di gestione delle risorse e di governo clinico (sistema budget, controllo di gestione, rischio clinico). 5

6 CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente PFP2012 /2015 viene applicato da tutti i responsabili di Area/Dipartimento e Macrostruttura, dalle P.O., dal personale convenzionato in collaborazione con gli Animatori di Formazione incaricati. Con apposite convenzioni sono state definite modalità di partecipazione da parte di personale sanitario non dipendente dell Azienda, appartenenti a strutture accreditate, convenzionate. Con apposite procedure aziendali sono state definite le modalità di partecipazione da parte di liberi professionisti, associazioni, istituzioni e fondazioni pubbliche e private. RIFERIMENTI Decreto GRT. n. 733/05 Linee di indirizzo alle Aziende Sanitarie sulle sponsorizzazioni delle attività formative Decreto GRT n.4101/05 Formazione Continua in Medicina Approvazione griglia di riferimento per l attribuzione dei crediti a docenti, animatori e tutor e approvazione criteri di esenzione degli operatori sanitari dall acquisizione di crediti formativi Decreto GRT. n. 538/06 Revisione del sistema organizzativo della formazione continua del servizio sanitario regionale: costituzione di un laboratorio regionale per la formazione sanitaria Decreto GRT. n. 2429/2007 Sperimentazione del coinvolgimento degli Ordini e Collegi professionali della Toscana nel programma regionale di accreditamento Accordo Stato Regioni del 1 agosto 2007 Delibera GRT n 643/08 Accordo Stato-Regioni n. 16 8/2007: riordino del Sistema Toscano in Educazione Continua in Medicina e indirizzi per la formazione continua a supporto del PSR Delibera GRT n 644/08 Programma attività formativ a destinata al personale convenzionato del SST Triennio Decreto GRT 6301/08 Accordo Stato-Regioni - 5 novembre 2009 Decreto dirigenziale R.T. 1224/09 Costituzione Polo di Area Vasta Centro per la formazione Delibera GRT n.949/09 D.G.R. 552/05 Approvazione proposte Commissioni Regionali di Bioetica ai fini del funzionamento della rete regionale dei Comitati etici Allegato / Decreto Dirigenziale R.T. 1515/10 Accreditamento standard come provider ECM dell`azienda Usl 4 di Prato Nota Regione Toscana Prot / Atti di pianificazione della formazione Nota Regione Toscana Prot /9.80 del 20/10/2011 Delibera GRT n.1014/11 Indirizzi per la formazione del personale dipendente del SST Decreto GRT n.599/12 Recepimento Accordo Stato-regioni del 19/04/2012: la formazione ECM Profilo di Salute Azienda USL 4 di Prato 2011 Delibera GRT n.754/12 Azioni di indirizzo alle aziende e agli enti del SSR attuative del D.L. 95/12 e azioni di riordino dei servizi del SSR 6

7 LE COMPONENTI DEL SISTEMA AZIENDA USL 4 PRATO Le componenti di rilievo ai fini della definizione del PFP sono: a) Il Contesto Generale (ambiente e società) b) L Azienda come Organizzazione c) Il Cambiamento in atto a) Il Contesto Generale Il territorio di pertinenza dell Azienda USL 4 coincide con la Provincia di Prato, che ha 7 Comuni, si estende per 365 Km2 e accoglie circa residenti. Le caratteristiche principali del territorio, iniziando da alcuni dati demografici, sono così riassumibili: Una densità di popolazione tra le maggiori in Italia (oltre 650 ab/km2 contro i 157 della Toscana e i 195 dell Italia) con un aumento costante, da anni, della popolazione residente La percentuale di stranieri sul totale della popolazione residente è pari al 13.56% Composizione della popolazione straniera equilibrata per sesso (51,0% uomini, 49,0% donne). Tendenza alla stabilizzazione, al prolungamento della permanenza ed all ampliamento dei nuclei familiari stranieri (Prato è la prima provincia italiana come percentuale di stranieri nati in Italia: 19,7% vs. Toscana 12,8%) Alti indici di longevità (speranza di vita di 79 aa per i maschi e 85 aa per le femmine, leggermente più alti della media toscana, già alta in se stessa) Elevato livello di giovinezza dei residenti: ogni 100 giovani di età inferiore a 15 anni vi sono 146 anziani (ovvero con più di 64 anni di età) contro i 190 della Toscana Ambito territoriale di competenza dell Azienda USL 4 7

8 Dai dati assunti dal Profilo di salute dell Area Pratese anno 2011 si rileva: La speranza di vita alla nascita per un bambino nato nell AUSL 4 Prato è tra le più alte della Toscana, soprattutto nel sesso femminile. Ugualmente la speranza di vita a 65 anni è superiore per un pratese rispetto ad un toscano Tassi di mortalità evitabile 0-74 anni,legate a cause contrastabili con politiche attive di prevenzione, diagnosi e cura, inferiori alla media nazionale e tra i più bassi della Toscana. Trend in riduzione del tasso di ospedalizzazione dal valore di 184,1 per 1000 del 2000 al valore di 164,6 per 1000 del 2011, solo lievemente superiore al valore obiettivo nazionale (160 per 1000) Il tasso standardizzato di ospedalizzazione degli stranieri residenti nel territorio provinciale è costantemente inferiore a quello degli italiani (nel 2011 stranieri 100,3 per 1000 a fronte di 120,8 per 1000) I tassi di mortalità generale e per causa della popolazione pratese sono risultati simile o inferiori ai valori medi regionali, con un trend in netta riduzione in entrambi i sessi Il tasso di incidenza dei tumori maligni nell area pratese è lievemente inferiore rispetto a quello dell intera area del Registro Tumori Toscano (Firenze e Prato), con l unica eccezione del tumore della vescica nei maschi La mortalità per tumore maligno a Prato è simile al valore medio regionale sia nei maschi (Prato: 207,7 vs Toscana:210,3 per 100mila) che nelle femmine (Prato: 112,2 vs Toscana:121,2 per 100mila) La partecipazione agli screening oncologici della popolazione bersaglio tra le più alte della Toscana, in particolare per lo screening del tumore della mammella ( 78,6%) e della cervice uterina (60,5%) L Infarto Miocardico Acuto ha presentato a Prato un incidenza minore rispetto alla media toscana in entrambi i sessi (nei maschi Prato: 365,3 vs Toscana: 396,1 per 100mila abitanti e nelle femmine Prato: 143,4 vs Toscana 180,7 per 100mila). La percentuale d uso dell angioplastica e della coronarografia entro 24 ore è superiore alla media regionale Il tasso di mortalità per Infarto Miocardio Acuto è significativamente più basso nelle donne pratesi rispetto al valore medio regionale Il tasso standardizzato d incidenza di infortunio indennizzato inferiore alla media regionale e il più basso tra le AUSL toscane In breve dal punto di vista delle condizioni di salute troviamo: una situazione di ottimo livello dal punto di vista del governo della Sanità, da monitorare e curare costantemente, in quanto non ci si può aspettare che l eccellenza si mantenga da sola, soprattutto in un mondo che cambia molto velocemente. Infatti, se dal quadro statico passiamo a una rappresentazione più dinamica, troviamo: una situazione di domanda di prestazioni continuamente crescente in un contesto di risorse che non sembrano destinate ad aumentare, il che sollecita 8

9 fortemente l orientamento all ottimizzazione dei processi e alla razionalizzazione della gestione delle risorse disponibili b) L Azienda come Organizzazione Considerando l Azienda USL 4 sotto il profilo specifico di sistema organizzato emerge un quadro dinamico con alcuni punti di forza importanti nel quadro regionale. Per esempio la riorganizzazione per Intensità di Cura viene già attuata ed è in fase di implementazione sia nell Area chirurgica che in quella Medica e delle Terapie Intensive, mentre il settore Ostetrico (con il Punto nascita) e il settore Oncologico sono due centri di eccellenza (Sistema di valutazione delle performance sanità toscana anno Laboratorio MeS). L innovazione chiesta porta il sistema ad un governance flessibile, che sposta l attenzione da un tipo di lavoro tradizionale ad una gestione multidisciplinare con un passaggio dal sistema lavorativo individuale ad un sistema lavorativo in team, gruppi coesi che fanno leva sull efficienza per garantire efficacia al lavoro. Un sistema lavorativo dove processi, strumenti, risorse e governance sono componenti di un percorso circolare. Le scelte gestionali dovranno essere effettuate sempre più analizzando competenze innovative e tecniche di provata efficacia per analizzare i problemi, simulare con modelli previsionali l impatto di nuove soluzioni e calcolare i margini di ottimizzazione con strumenti specifici. Dunque, le potenzialità richiedono cura e attenzione per poter essere messe a frutto e diventare veri e propri punti di forza, e questo deve essere necessariamente uno dei punti di riferimento delle Linee Formative del PFP. c) Il Cambiamento in atto Posto il continuo cambiamento a cui è soggetto il settore della Sanità, (e l Azienda USL 4 non fa eccezione) il processo è così sintetizzabile: Progresso scientifico e tecnologico, che aumenta le conoscenze e gli strumenti a disposizione ma innesca una tendenza strutturale alla crescita della spesa e aumenta la complessità del lavoro (tendenza alla ultraspecializzazione, necessità di integrazione multidisciplinare e multi - professionale, necessità di sviluppo di una cultura organizzativa funzionale a tutti i livelli) Politiche sanitarie nazionali combinate con le politiche di bilancio, che richiedono importanti cambiamenti di mentalità e professionalità (responsabilità estesa agli aspetti economici e finanziari, contenimento della spesa e sviluppo dell appropriatezza, necessità di ottimizzare i processi e di sviluppare un sistema di monitoraggio e verifica pienamente funzionante) Progressi nello studio delle organizzazioni e nella sociologia del lavoro, con la messa a punto di nuovi modelli organizzativi che sono, da un lato, più adeguati alle sfide del presente della Sanità ma che, dall altro, richiedono tempi di implementazione lunghi perché la loro funzionalità dipende dalla modifica di atteggiamenti e comportamenti consolidati nel personale. In particolare, per quanto 9

10 riguarda le organizzazioni sanitarie, gli utili confronti internazionali mettono continuamente a disposizione esperienze e modelli potenzialmente vantaggiosi ma la cui trasferibilità non è mai automatica e che sono oggetto di valutazioni diverse, talora opposte. Politiche sanitarie locali (livello Regione Toscana) particolarmente dinamiche con un elevato tasso di innovazione e sperimentazione, soprattutto a livello istituzionale, organizzativo e procedurale. Il PERSONALE CHE SI INTENDE COINVOLGERE Qualunque Azienda che abbia interesse alla propria crescita non può fare a meno di sviluppare competenze professionali e capacità operative. La formazione è uno degli strumenti più utilizzati per il mantenimento e lo sviluppo delle competenze del personale, vero patrimonio dell organizzazione. E l innovazione e l apprendimento sono elementi centrali e imprescindibili dello sviluppo di un servizio sanitario quale il nostro. Le strutture a ciò deputate hanno l obbligo di essere competenti, accessibili e in grado di supportare in modo integrato chi ha la responsabilità clinica, assistenziale ed organizzativa. La formazione sarà rivolta a tutti gli operatori presenti secondo quanto disposto dalle norme nazionali, contrattuali e dalle priorità aziendali. Riportiamo di seguito il personale dipendente a tempo indeterminato al : Ruoli Comparto Dirigenza Totale Sanitario Professionale Tecnico Amministrativo TOTALE Di seguito il personale convenzionato al Medici di medicina generale 186 Pediatri di libera scelta 34 Specialisti 112 Continuità assistenziale 23 TOTALE 355 Totale 10

11 L ASCOLTO DEL SISTEMA ORGANIZZATO L Allegato A alla Delibera GRT 643/08, ripreso negli atti regionali n.1014/2011 e n.599/12, fornisce le indicazioni per la stesura del PFP 2012/2015. In analogia al precedente Piano Formativo Triennale, e secondo le procedure contenute nel Manuale della Qualità della U.F. Formazione(delibera DG n.1141/10 ), si è proceduto agli incontri con la direzione, con gli AdF e gli operatori individuati. Da qui scaturisce la definizione delle strategie aziendali di seguito esposte e delle Linee formative da applicare al periodo. Per il processo di definizione del documento si è utilizzato e condiviso con la Direzione aziendale un GANNT di rappresentazione temporale delle azioni svolte. ( allegato1) Le metodologie utilizzate ed i relativi vantaggi e informazioni acquisite sono state le seguenti: 1.Incontri con gli Animatori di Formazione e consolidamento della rete aziendale con l inserimento di ulteriori figure affiancate agli animatori di vecchio impianto 2.Focus Formativi riguardanti ambiti sia organizzativi che tecnico-professionali già inseriti nel Piano di Formazione annuale 2012, per garantire la continuità del processo formativo. LE STRATEGIE AZIENDALI I presupposti, alla base delle strategie aziendali, che si ritengono di perseguire sono definiti nei tre assiomi: 1) Perseguire la salute come risorsa e non come problema 2) Implementare e rafforzare le attività di empowerment come supporto al self management 3) Semplificare e sburocratizzare l accesso ai servizi attraverso azioni strategiche sulla comunicazione e l organizzazione Di seguito le strategie lungo le quali si intende sviluppare l azione formativa dell USL 4 come Sistema Organizzato e che le Linee di Politiche Formative saranno chiamate a sostenere: 1. La costruzione del nuovo ospedale e la piena applicazione del modello organizzativo per Intensità di Cure (IC) 2. La Sanità di Iniziativa in stretta connessione con il potenziamento dei rapporti con il territorio 3. Un approccio innovativo alla cronicità e alla continuità della presa in carico 4. La dimensione nascita come punto di eccellenza da mantenere e sviluppare. 5. La cura delle relazioni con l utenza come componente essenziale dell umanizzazione 11

12 6. Il clima interno come fattore di motivazione e di supporto alla produttività e alla qualità del servizio 7. Il monitoraggio continuo e la verifica costante come componenti essenziali della moderna cultura organizzativa e come fattori critici per il governo dell organizzazione LE LINEE DELLE POLITICHE FORMATIVE Le 5 Linee delle Politiche Formative dell Azienda USL 4 nel periodo : LF0. Mantenimento competenze professionali tecniche e normative LF1. Cultura organizzativa e capacità di relazione e comunicazione LF2. Integrazione professionale- lavoro in team LF3. Integrazione Ospedale -territorio, continuità assistenziale LF4. Innovazione e ricerca Possiamo considerarle raccolte in tre macroaree: o LFO la Linea Formativa rivolta alle Necessità di Base, a far fronte ad adeguamenti alle norme (es. formazione obbligatoria sulla sicurezza, privacy, rischio clinico) e a garantire le condizioni essenziali per la funzionalità del sistema (es. l aggiornamento di tutte le competenze tecnico professionali specifiche, la politica della qualità) o LF4 la Linea Formativa rivolta alle Funzioni da esplorare, riguardanti prospettive e sfide attuali, da interpretare per meglio assimilarle (es. le innovazioni rilevanti nella telemedicina, nella simulazione, nella ricerca clinica, nella farmacologia) o LF1, LF2, LF3 le tre Linee Formative rivolte alle Priorità Specifiche, che di seguito elenchiamo: LF1. Cultura organizzativa e capacità di relazione e comunicazione: il focus si sposta dalle competenze tecniche alle competenze relazionali e manageriali per lo sviluppo di profili professionali integrati e che siano in grado di rispondere alle necessità di facilitare lo sviluppo di relazioni interne al gruppo dirigente in modo da stimolare la crescita di una cultura gestionale più uniforme e il consolidamento dell immagine interna LF2. Integrazione professionale : Organizzazione dell ospedale per intensità di cura richiede un ripensamento della presa in carico del paziente perché sia il più possibile personalizzata, univoca, condivisa attraverso tutti i livelli di cura. Questo determina la necessità di introdurre modelli di lavoro multidisciplinari per processi ed obiettivi 12

13 con definizione di linee guida e protocolli condivisi, e presuppone la creazione e lo sviluppo di ruoli professionali coerenti con il nuovo sistema. Priorità viene data a progetti di formazione sulle modalità di lavoro in team. LF3. Integrazione ospedale territorio: Interventi sul raccordo funzionale tra servizi centralizzati e territorio e sulla realizzazione pratica dell integrazione con l attuazione di percorsi aziendali per le patologie croniche, sull'utilizzo delle attrezzature ivi previste, sullo sviluppo dei sistemi di revisione clinica ed il counselling (sia individuale che di gruppo). La riorganizzazione dell ospedale per intensità di cura, configurando sempre più il momento ospedaliero come il momento dell acuzie, richiede una qualificazione dell offerta territoriale che garantisca la qualità della presa in carico del paziente, rispondendo contemporaneamente alle esigenze di appropriatezza e di un uso più efficiente delle risorse. Questo è d altra parte coerente con il movimento complessivo che il legislatore ha promosso negli ultimi anni, attraverso il rafforzamento dei servizi territoriali. LE STRATEGIE SULLE METODOLOGIE FORMATIVE Per l applicazione delle 5 LF, le priorità saranno date ai processi di: o Pianificazione strategica della formazione o Utilizzo di tecniche di Problem solving o Apprendimento dei processi o Addestramento e affiancamento, training on the job o Formazione a distanza o Simulazione In particolare per la prioritaria strategia operativa aziendale Nuovo Ospedale che si sta già dispiegando attraverso processi e percorsi organizzativi in essere, è stato approntato e pianificato un percorso integrato di formazione fra tutte le figure professionali (allegato 2). Nel piano messo in atto si affrontano i vari ambiti, ed è momento di approfondimento per il personale tecnico e sanitario specializzato, funzionale alla realizzazione strategica di un Nuovo Ospedale ad Intensità di cura, nel la quale fra l altro sarà sperimentata la metodologia formativa attraverso la simulazione. IL METODO DI RAPPRESENTAZIONE DI SINTESI DEL PFP 2012/2015 Si è ritenuto necessario dare una rappresentazione sintetica e tabellare al PFP, di seguito riferita come Tabella di Sintesi, fondamentale per renderlo leggibile e farlo diventare un efficace strumento di governo, comunicazione e condivisione tra i diversi soggetti permettendo una facile identificazione delle priorità e un rapido controllo della congruità tra rilevazione top-down e rilevazione bottom-up. Nell allegata tabella, (allegato 3) si è disposto per riga le Linee delle Politiche Formative, per colonna le Strategie Aziendali. 13

14 La tabella è completata aggiungendo un ulteriore gruppo di colonne riferite alle specifiche metodologie di formazione ipotizzabili nel contesto aziendale. Infine, poiché ciascuna Linea delle Politiche Formative è da mettere in relazione ad una o più Aree Organizzative sulle quali dovrà insistere, si svilupperà la Tabella di Sintesi del PFP applicandola annualmente alla programmazione dei Piani Formativi declinati per Area/Dipartimento. I RAPPORTI CON LA RETE FORMATIVA REGIONALE Sempre con maggiore attenzione ci si rivolge ai propri territori inquadrandoli in una realtà vasta e articolata, dove per la funzione formazione non si può non tener presente la presenza degli Ordini, Collegi, Albi professionali, Associazioni di patologia, Società Scientifiche. Inoltre la presenza di realtà private accreditate che con l azienda USL4 intrattengono rapporti di collaborazione sanitaria, dei liberi professionisti, associati in cooperative stimola il Provider sanitario aziendale a sviluppare rapporti proficui di collaborazione. A livello più ampio, la Regione Toscana, attraverso i competenti uffici, il Laboratorio regionale Formas,il Consiglio sanitario, la Commissione formazione e l Osservatorio Qualità, i poli di area vasta, completano un quadro vivo e diffuso, che vede nelle strutture formative aziendali il terminale operativo. La programmazione formativa aziendale si integra quindi con la rete di iniziative, interaziendali e di gruppi di lavoro, pianificate e razionalizzate su ampia scala.one aziendali sono quindi integrati con le iniziative in rete STRUMENTI DI VERIFICA E DIFFUSIONE Mentre per il piano formativo annuale viene attuato un processo di monitoraggio condiviso con i Responsabili di Area/Dipartimento e con la Direzione Aziendale in grado di tenere sotto controllo, durante lo svolgimento delle attività, il sistema di programmazione degli eventi stessi, dell equità dell accesso al sistema dei crediti ECM, il PFP deve rispondere ad una cornice di politiche aziendali in grado di: - garantire la coerenza con le Linee formative strategiche individuate - adattare la formazione ai mutamenti del contesto e delle priorità aziendali dettagliandola in progetti incardinati nei piani annuali - misurare l attività realizzata nelle diverse linee di azione per sostenere l Azienda nel percorso dei nuovi modelli organizzativi riferiti al nuovo ospedale attraverso strumento di valutazione anche non formativi. Una positiva relazione fra formazione, motivazione, responsabilizzazione dei dipendenti e miglioramento della produttività e performance finanziaria, viene analizzata attraverso l utilizzo di indicatori specifici. Osservando gli indicatori del sistema di valutazione toscano 2012, rileviamo che dovranno essere tenuti presenti sia l indicatore E14 (% operatori sanitari SST con obbligo ECM che hanno conseguito almeno 60 crediti ECM nel periodo ) che l indagine di Clima interno ( specifici riferimenti alla formazione). 14

15 Infine la capacità di marketing- attrazione, in qualità di Agenzia Formativa, l azienda USL 4 di Prato utilizza le strategie aziendali rispetto al territorio di competenza risultando un utile strumento di omogeneizzazione e diffusione delle best practies e degli indirizzi del SST. La stipula di atti formali di collaborazione volti ad offrire la pianificazione e progettazione formativa ed i servizi a questa correlati a soggetti privati accreditati rientra infatti nelle opportunità del provider Standard. La diffusione e applicazione del PFP è compito della struttura formazione. Il PFP 2012/2015, dopo la sua approvazione attraverso delibera del Direttore Generale, sarà distribuito a tutti i responsabili di Area/Dipartimento/Macrostruttura, agli Animatori di Formazione del personale Aziendale e Convenzionato, e sarà reso disponibile sul sito Intranet alla voce Formazione. Nell ambito delle indicazioni del target destinatari per i singoli progetti, è responsabilità dei direttori sopra indicati, individuare il personale da formare tenendo presente pari opportunità ed equa rotazione fra le figure a loro assegnate. LE RISORSE FINANZIARIE L Azienda USL 4 di Prato, nel rispetto delle indicazioni regionali, ha quantificato definendo la quota del PFP in EURO ,00 non comprensivi di eventuali altri finanziamenti regionali per la formazione del personale convenzionato o per altre attività formative. La quota è al netto di potenziali ricavi da quote o convenzioni che in media sono quantificati in EURO ,00 annuali. Le risorse finanziarie terranno in evidenza quanto disposto dalla norma regionale n.754/12, oltre ai processi di dematerializzazione inseriti nelle disposizioni legislative nazionali e regionali. ALLEGATI Allegato 1 GANNT Allegato 2 Piano Formativo Nuovo Ospedale Allegato 3 Tabella di sintesi PFP 15

16 BIBLIOGRAFIA Lattanzio e Associati, Programmare e valutare la formazione -Una guida per le amministrazioni pubbliche, Rubettino Industrie Grafiche ed editoriali Soveria Mannelli, 2004 Kirkpatrick, D. L., Evaluating Training Programs. San Francisco: Berrett-Koehler Publishers, Inc., 1994 Castagna, M., L analisi delle esigenze: dal fabbisogno all intervento formativo, Franco Angeli, Milano, 2010 M.R. Guelfi, M. Masoni, A. Conti, G.F. Gensini, E-Learning in sanità, Springer, Milano, 2011 F. Longo, M. Del Vecchio, F. Lega, La sanità futura, Università Bocconi Editore, Milano, 2010 Glossario della Formazione in Sanità, Giunta Regione Toscana, 2011 Salute e territorio, N 185, La qualità della Formazione, Edizioni ETS,

17 - Azienda USL 4 Prato Anno 2012 GANNT Piano Pluriennale di Formazione -PFP 2012/ Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Legenda: Atti aziendali relativi alla riorganizzazione NH, Indirizzi nazionali formazione continua Indirizzi regionali - Approfondimento temi di interesse - Incontri programmatici con la Direzione Aziendale Restituzione ed elaborazione risultati focus Preparazione documento di indirizzo aziendale( top-down) Riunioni programmatico/operative AdF e altri attori (Ordine Collegio sindacati associazioni ) coinvolti per la definizione dei contenuti del piano Presentazione documento di indirizzo o bozza avanzata Piano a Direzione - ADF Organizzazione focus formativi sulla base documento di indirizzo ( bottom -up) Stesura e redazione finale- Deliberazione Realizzazione e presentazione Piano Ufficio direzione- Comitato Etico locale Sindacati Invio delibera PPF Regione Toscana Presentazione Piano agli operatori Allegato 1

18 - Azienda USL 4 Prato PFP Sviluppo formativo NH rivolto prevalentemente agli operatori che hanno come sede di lavoro il presidio ospedaliero Step S1/LF0 S2/LF2 S3/LF2 -LF3 Data di svolgimento Start up Settembre 2012 Startup secondo semestre 2012 Startup Gennaio 2013 Referenti Tipologia Obiettivo Target Modalità Divulga zione Direzione Informativa/ Riunioni Web e Ospedale/ Formativa Permanenti/ Intranet Formazione Affiancamenti Direzione Ospedale/ Formazione Direzione Ospedale/ Direzione Aziendale/ Formazione Formativa Formativa Dare regole di comportamento su: a) Sicurezza b) Controllo/Igiene c) Materiale e Trasporti d) Funzioni trasversali PDTA: Diffusione ed implementazione Trasferimento attività e riallineamento strutture e servizi territoriali 1) PO, Coordinatori Team Leader 2)Medici Dirigenti di struttura e Responsabili di Area 5) Personale amministrativo e tecnico dedicato UU.OO. di degenza Direttori e Coordinatori 100 persone varie UU.OO./U.F. Ospedale/Territorio Un corso per U.O./ Simulatori Corsi aula e simulazione Intranet Intranet/ Internet Verifiche in itinere Focus UU.OO./Aree Focus gruppi PDTA Scenari di simulazione S4/LF0 -LF1 Startup Primo semestre 2013 Direzione Ospedale/ Formazione Formativa Disseminazione e condivisione delle attività di dettaglio delle singole UU.OO. Tutto il personale di ogni U.O. RP di U.O./Area Intranet Audit interni UU.OO Allegato 2

19 - Azienda USL 4 Prato Tabella di sintesi PFP STRATEGIE AZIENDALI PRIORITARIE METODOLOGIE LINEE FORMATIVE Allegato 3 Nuovo ospedale e intensità di cure (IC) Sanità di Iniziativa Cronicità e continuità della presa in carico Dimensione nascita Relazioni ed umanizzazione Clima interno Monitoraggio e verifica Aula e corsi a catalogo Percorsi formativi integrati Tutoraggio / Formazione sul campo FAD e-learning / blended Modalità avanzate coaching, audit clinici ed organizzativi simulazione LF0 LF1 LF2 Macro interventi Mantenimento competenze professionali tecniche e normative Cultura organizzativa e capacità di relazione e comunicazione * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * Integrazione professionale e lavoro in team * * * * * * * * * * * LF3 Integrazione ospedaleterritorio, continuità assistenziale * * * * * * * * * LF4 Innovazione e ricerca * * * * * * *

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA Sistema di Gestione per la Qualità della Formazione del Personale

MANUALE DELLA QUALITA Sistema di Gestione per la Qualità della Formazione del Personale Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 Nuova Emissione Direttore UOS. Formazione del Personale Dr. Fabio Michelotti RAQ Laila Vinci Direttore UOS. Formazione del Personale Dr. Fabio Michelotti

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

PIANI ATTUATIVI AZIENDALI

PIANI ATTUATIVI AZIENDALI PIANI ATTUATIVI AZIENDALI Il Piano attuativo delle Aziende sanitarie del Servizio Sanitario regionale è, ai sensi dell art.5 della legge regionale 14 aprile 2009, n.5, atto della programmazione sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico IL PERCORSO FORMATIVO INDIVIDUALE DEI MEDICI: RUOLO E COMPITI DEL CO.GE.A.P.S. Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico Lucia Livatino Settore di Staff Formazione

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. IL PRESIDENTE GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA Sormani Luisa*, Goggi Ezio *Responsabile Ufficio Formazione, Direzione Sanitaria Aziendale Ente Ospedaliero Valduce di Como (ospedale religioso

Dettagli

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria E. Veneselli U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Istituto G. Gaslini Università di

Dettagli

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi Il Bilancio di Mandato dell'azienda Ulss 9 Treviso La modalità di lavoro per la realizzazione del Bilancio di Mandato

Dettagli

La valutazione e la formazione come leva di gestione strategica del personale

La valutazione e la formazione come leva di gestione strategica del personale La valutazione e la formazione come leva di gestione strategica del personale [sistemi informativi integrati a supporto] Case history Azienda Usl di Parma 18 Maggio 2012 Exposanità Case history Azienda

Dettagli

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. Il PReSiDenTe GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

Piano Formativo Aziendale

Piano Formativo Aziendale Azienda Ospedaliero-Universitaria Cagliari Piano Formativo Aziendale 2012/2013 Servizio Formazione AOU Cagliari Indice Premessa... 3 1. Il Percorso di Elaborazione del Piano Aziendale della Formazione...

Dettagli

Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE

Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE Cecilia Berni Arezzo, 12 febbraio 2011 1 Diritto Diritti di cittadinanza e coesione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4

SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 Glossario...4 Norme Generali...6 Art. 1 Oggetto del Regolamento...6 Principi di organizzazione...7 Art. 2 I Principi fondanti...7 Art. 3 La Struttura

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Sistema di valutazione delle prestazioni del personale

Sistema di valutazione delle prestazioni del personale Manuale operativo Rev. 1 SOMMARIO 1. FINALITÀ DEL SISTEMA E AMBITI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE... 3 1.1. La metodologia... 4 2. SOGGETTI E RESPONSABILITÀ... 4 2.1. Il Direttore

Dettagli

Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2015

Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2015 Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2015 La programmazione della comunicazione per il 2015, anche a seguito della Valutazione del Piano precedente,

Dettagli

Condizioni di lavoro, competenze del personale ed efficienza della organizzazione

Condizioni di lavoro, competenze del personale ed efficienza della organizzazione Condizioni di lavoro, competenze del personale ed efficienza della organizzazione CAPITOLO 4 Hanno collaborato alla stesura di questo capitolo: Maria Grazia Bracci, Marco Nardini, Stefano Carlini, Sonia

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE 2012

RELAZIONE ANNUALE 2012 Regione Toscana Azienda UNITA' SANITARIA LOCALE n.6 di LIVORNO Viale Alfieri,36-57128 LIVORNO U.O. FORMAZIONE RELAZIONE ANNUALE 2012 Eventi programmati 292 Eventi realizzati 286 Percentuale realizzati

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b "assegnazione crediti alle attivita' ECM".

Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b assegnazione crediti alle attivita' ECM. REGIONE PIEMONTE BU17 30/04/2015 Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b "assegnazione crediti alle attivita' ECM". Visto il decreto legislativo

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

La formazione nella sanità

La formazione nella sanità La formazione nella sanità Donatella Becchio 22 maggio La formazione continua in sanità 1. Alcuni punti di partenza 2. Il programma ECM 3. Alcuni dati del contesto piemontese 4. Punti di forza e di debolezza

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

UOS. Relazioni Pubbliche

UOS. Relazioni Pubbliche Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2013 Premessa La programmazione della comunicazione aziendale per il 2013 prende le mosse dalle più recenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE ORGANISMO DI RAPPRESENTANZA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SANITARIO ISTITUITO DALL ART. 5 della LEGGE PROVINCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

GUIDA AL DOSSIER FORMATIVO

GUIDA AL DOSSIER FORMATIVO NOTIZIARIO DI MEDICINA NUCLEARE ED IMAGING MOLECOLARE 4 giugno 2014 Iscritto al n. 813/05 del registro stampa del Tribunale di Milano, modif. con ordinanza del 24.10.2005 dello stesso Tribunale Direttore

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Arcispedale S. Maria Nuova Infrastruttura Statistica, Qualità e Studi Clinici Direttore p. t - dott. Salvatore De Franco PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Presentazione del Ministro della Salute Roma,

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

Consorzio Innopolis. La nostra Missione, il nostro Approccio, i nostri Servizi

Consorzio Innopolis. La nostra Missione, il nostro Approccio, i nostri Servizi Consorzio Innopolis La nostra Missione, il nostro Approccio, i nostri Servizi Qualità è soddisfare le necessità del cliente e superare le sue stesse aspettative (D. W. Edwards) Sviluppiamo le vostre idee

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE ANNO 2004

PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE ANNO 2004 REGIONE SICILIANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE N. 4 ENNA PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE ANNO 2004 A cura dell U.O. Sistema Qualità Totale e Servizio Formazione PREMESSA PREMESSA PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE tra la Regione Toscana e la Confederazione nazionale Misericordie d Italia Conferenza regionale della Toscana l Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze Comitato regionale

Dettagli

Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF)

Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF) Allegato 6. Commissione regionale per la formazione continua Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF) Giugno 2015 Indice

Dettagli

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI Obiettivi formativi: Abstract/Razionale del corso/convegno: in conformità all obiettivo generale (da individuare un obiettivo tra quelli contenuti nella tabella allegata (allegato 1)) individuato nell

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010)

Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) Regione Campania Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 30 del 18.03.2013 Oggetto: Razionalizzazione

Dettagli

Il territorio e la promozione dei servizi relazionali pubblici e privati. Verso il primo piano regionale per i bambini e gli adolescenti nel Veneto Padova il 18 dicembre Francesco Gallo 1 Premessa Con

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA Protocollo d intesa tra FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI di MEDICINA GENERALE e EUROPA DONNA ITALIA Il giorno

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO ECM in Project Management: prospettiva per un governo integrato dei processi sanitari Azienda Ospedaliera San Filippo Neri IL CONTROLLO DI GESTIONE Relatore: Dott.ssa Silvia Cavalli Gli anni 90 sono

Dettagli

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Attività di indirizzo e di controllo Art. 3 Principi relativi all organizzazione della SdS Art.

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/Nome Indirizzo Via Cosimo il Vecchio n. 2, 50129, Firenze, Italia Telefono 05532697972 Fax 05532697971 E-mail c.gheri@ispo.toscana.it Cittadinanza

Dettagli

Sommario 1. FINALITA DEL SISTEMA

Sommario 1. FINALITA DEL SISTEMA IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI Implementazione per il personale delle Aree Dirigenziali adottato il 11/04/15 CON PROVV. dg 157/2015

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa

Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa Sandro Gentile Roma, Ministero della Salute 27 settembre 2011 Appropriatezza clinica Appropriatezza diagnostica Obiettivi terapeutici Educazione

Dettagli

1SPP13 Corso di 4 ore 6 ed. Antincendio 1 semestre Esine 110 operatori Squadra antincendio D.Lgs 81/2008 e successive integrazioni

1SPP13 Corso di 4 ore 6 ed. Antincendio 1 semestre Esine 110 operatori Squadra antincendio D.Lgs 81/2008 e successive integrazioni Pag. 1 di 7 1.BREVE PREMESSA Il Piano di Formazione è lo strumento per la programmazione delle attività formative e pertanto definisce tutte le attività di formazione che verranno attuate nel 201 3 sia

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

La pianificazione della rete ospedaliera in Abruzzo

La pianificazione della rete ospedaliera in Abruzzo La pianificazione della rete ospedaliera in Abruzzo REGIONE ABRUZZO Dr. Rossano Di Luzio Servizio Programmazione Sanitaria La stesura di un documento di programmazione regionale deve comprendere le seguenti

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

Istituto Tumori Toscano ITT

Istituto Tumori Toscano ITT Istituto Tumori Toscano ITT Il percorso normativo Azione Progr. per l oncologia 1998 P.S.R. Istituzione Coordinamento Rete Oncologica 2001 P.S.R. 2002 Istituto Toscano Tumori Istituzione delle UU.OO. di

Dettagli

diagnostico terapeutico del paziente oncologico: progetto di riduzione dei tempi di attesa);

diagnostico terapeutico del paziente oncologico: progetto di riduzione dei tempi di attesa); 27.8.2003 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 35 n. 6972 (Norme sulle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza), bensì ente con personalità giuridica di diritto privato; 2. di disporre

Dettagli

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali 17 L obiettivo delle presenti linee, nell ambito dell autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica aziendale

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO Nuovo triennio 2014-2016 : il principio della qualità nella formazione ECM La formazione ECM è un processo in continuo divenire che si struttura

Dettagli

Virgilio Ritzu. Michele Fanello. Andrea Vettori

Virgilio Ritzu. Michele Fanello. Andrea Vettori 1 SANITANOVA nasce dalla sinergia imprenditoriale e manageriale di professionisti operanti da decenni nel settore sanitario, realizza progetti e fornisce soluzioni innovative di consulenza e formazione

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento

Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 1 Oggetto del regolamento Allegato alla Delibera n Il presente regolamento disciplina l organizzazione interna del Dipartimento della Prevenzione (di seguito chiamato Dipartimento), ai sensi di quanto

Dettagli

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli