Reattività individuale agli alimenti e alle sostanze chimiche (Rivisitazione del concetto di intolleranze alimentari)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reattività individuale agli alimenti e alle sostanze chimiche (Rivisitazione del concetto di intolleranze alimentari)"

Transcript

1 PARTE TERZA Reattività individuale agli alimenti e alle sostanze chimiche (Rivisitazione del concetto di intolleranze alimentari) Docente: Prof. Rocco Carbone Corsi ECM FAD UTIFAR TERZA PARTE

2 Correlazioni degli organi digestivi in psicosomatica La maggior parte delle malattie deriva da abitudini di vita sbagliate o dalla scarsa considerazione dell'ambiente climatico e dell'interazione con ciò che ci circonda; individuare la causa della propria sofferenza, il conflitto che l ha generataci consente di conoscere meglio noi stessi e gli elementi perturbanti causali. Raggiungere la consapevolezza dei meccanismi che sono all origine dei nostri disturbi rappresenta il primo passo verso il riequilibrio del nostro complesso sistema mente-corpo e di tornare al primitivo equilibrio. Questa è la terapia principale di ogni forma di malattia. Senza questa operazione radicale qualsiasi azione terapeutica esterna agisce solo parzialmente e rischia di costituire un atto di tamponamento temporaneo. Le cause interferenti l equilibrio sono cause esterne e interne di malattia. Sono cause esterne i fattori climatici, i cibi e i liquidi assunti con l'alimentazione, gli inquinanti ambientalipossono rappresentare fattori patogeni che dall'esterno vengono introdotti direttamente all'interno dell'organismo, in base alla loro qualità e caratteristica provocano disequilibri in analogia sincronica 41 su organi e visceri. Il modo di vivere è, dunque, il primo fondamento del proprio benessere e dell eventuale sofferenza a cui si va incontro in caso di disarmonia. Ci sono, è vero, dei fattori che agiscono in maniera del tutto indipendente dalla propria azione, come gli eventi accidentali, i lutti, le modificazioni provenienti esclusivamente dall'esterno o anche il naturale invecchiamento della persona, ma anche in queste circostanze un buon equilibrio del soggetto permette di subire un'azione meno disturbante. Regolare il più possibile la propria vita in modo che gli eventi esterni o fattori interni non possono dominarla, ma al contrario ne siano dominati, costituisce la base di una solida prevenzione. 41 Carbone R. lettura del corpo psicosomatica in chiave olistica. Pilgrim Edizioni, Aulla (MS), Pagg

3 La digestione è un processo molto importante del nostro organismo nel quale sono coinvolti i principali emuntori: stomaco, fegato, cistifellea e intestino. I problemi di natura digestiva influiscono sul processo vitale dell individuo condizionando il regolare fluire della stessa vita e influendo sul funzionamento di altri organi e visceri correlati. Pertanto è necessario seguire un alimentazione equilibrata, l uso di alimenti biologici, l assunzione della giusta quantità di alimenti, seguito da una corretta masticazione, rappresentano le prime regole per una buona digestione. La digestione è influenzata dallo stato psicologico ed emotivo della persona, i maggiori fattori interferenti sono lo stress e l ansia. Questi due fattori sono gli elementi perturbanti che portano verso le disfunzioni digestive a carico dello stomaco e dell intestino: gastrite, pirosi gastrica, aerofagia, esofagite, meteorismo intestinale, tensione addominale, colon irritabile, colite. Stati di collera, di rabbia e sentimenti di invidia e gelosia sono la causa scatenante di disfunzioni a carico del fegato, alterazione della produzione di bile e di succhi gastrici e di conseguenza, spesso, sono la causa di disturbi digestivi da insufficienza epatica o dispeptici. L insufficienza delle funzioni epatiche può causare disordini digestivi manifestandosi con segni di amaro in bocca, alito pesante e spesso frequenti mal di testa. Altre alterazioni, meno evidenti, si manifestano con variazioni dei parametri del quadro clinico epatico causando aumento dei valori di colesterolo e trigliceridi. In tutti questi disturbi è molto importante aiutare e stimolare il fegato, non solo con rimedi naturali adatti a questo scopo, ma anche tramite un adeguata alimentazione e l assunzione di fiori di Bach che sviluppano più tolleranza e accettazione. Il trattamento integrato con i fiori di Bach mira a ripristinare atteggiamenti e riequilibrare stati emozionali conflittuali: accettazione, rifiuto, rabbia e collera rappresentano gli stati emozionali che inducono somatizzazioni e disfunzioni dell apparato

4 digerente con blocco del chakra 42 del plesso solare. Inoltre, il processo digestivo è determinato dagli enzimi pancreatici, lo stato di paura improvvisa da incidente, da cattive notizie, da aggressioni, ecc., determina il blocco del chakra del plesso solare con aumento della glicemia e delle secrezioni degli enzimi digestivi pancreatici. Un problema correlato all apparato gastro-intestinale di cui sono affette tante persone è la stipsi. Le cause sono da cercare a livello psicologico in un autocontrollo esagerato e nell'incapacità di lasciarsi andare. A livello fisico le cause sono un alimentazione non adeguata, priva di fibre e la carenza di movimento che si riflette sulla motilità intestinale. Simbolismo dell apparato digestivo L apparato digestivo svolge la funzione di digerire gli alimenti solidi e liquidi che consumiamo e dai quali possiamo assimilare i nutrienti vitali. Questo sistema coinvolge un gran numero di organi: bocca, esofago, stomaco, fegato, cistifellea, milza, pancreas, intestino tenue e crasso. Da un punto di vista simbolico le somatizzazioni che si manifestano a carico della funzionalità del sistema digestivo, sono espressione della difficoltà ad accettare gli avvenimenti e gli eventi non consoni e non graditi a noi. Un torto subito, essere costretti a vivere in ambienti ostili o non graditi, subire imposizioni, sono le condizioni di vita che sviluppano disfunzioni digestive e turbe dello stomaco. 42 I chakra sviluppano le qualità del nostro essere fisico, intellettuale, emozionale e spirituale, sono collegati da un sistema sottile di canali di collegamento, denominatinadi. Il termine Chakra, dal sànscrito significa ruota, cerchio, vortice; sono gli elementi fondamentali delle tecniche tantriche (fisiologia del sottile e invisibile finalizzata alla ricerca della percezione sensoriale del piacere e all espansione dell individualità fino al punto di uscire da se stessa). I chakra da un punto di vista topografico rappresentano sette punti energetici dislocati lungo la colonna vertebrale, originariamente descritti dall antica anatomia e fisiologica medica induista, detta sushumna. Hanno il compito di convogliare e di dispensare energia vibratoria e spirituale; sono rappresentati da un doppio imbuto in rotazione che si allarga verso l esterno, il cui apice rappresenta il cuore del chakra.

5 In sostanza la mancata accettazione e il rifiuto nei rapporti con gli altri e verso la società svilupperanno la nostra difficoltà ad inghiottire, ad ingoiare, digerire e assimilare ciò che avviene nella nostra vita. Quindi, nel linguaggio, inconscio e simbolico ci esprimeremo con affermazioni, del tipo: non tollerare o non digerire qualcosa o qualcuno, non è di suo gusto, è insipida, senza sapore, mangiare con gli occhi, ho un peso sullo stomaco, ho un blocco sullo stomaco, inghiottire bocconi amari, prendere per la gola, l amore passa attraverso lo stomaco. Simbolismo dello stomaco Questo organo è il primo a ricevere, attraverso l'esofago, gli alimenti grezzi preparati grazie alla masticazione avvenuta in bocca. Possiamo affermare che lo stomaco ha una funzione di impastare, mescolare e dissolvere, attraverso i succhi gastrici, gli alimenti, preparandoli per il processo di assimilazione. Le malattie dello stomaco ci portano a comprendere le nostre difficoltà nel controllo o della gestione del mondo materiale. Contrarietà finanziarie o professionali, scolastiche o giudiziarie si esprimeranno attraverso preoccupazioni che a loro volta svilupperanno disfunzioni gastriche e intestinali. La tendenza a rimuginare sui fatti, le cose e gli eventi accaduti in maniera eccessiva svilupperà acidità gastrica; quindi, l acidità gastrica, gastriti e ulcere sono manifestazioni la cui intensità è progressiva ed esprimono la difficoltà ad accettare e digerire i colpi che la vita ci riserva o le situazioni che non ci soddisfano. Il vomito, invece, rappresenta il segnale del rigetto puro e semplice, del rifiuto e dell eliminazione, dell allontanamento dal proprio corpo e dal proprio essere. L affermazione ricorrente mi fai vomitare è l espressione più intensa del rifiuto verso un altra persona. Correlazioni tra funzioni, simboli e segni. La funzione fisiologica è il processo digestivo dei nutrienti. La funzione simbolica è di verifica e separazione.

6 La funzione assertiva è il controllo dell aggressività e dell organizzazione, prendere iniziative decisioni, esprimere il potere dell organizzazione. L emozione inconscia dominante è la frustrazione, il rifiuto, l impotenza e la rinuncia. Annessi cutanei correlati sono le unghie, i denti e i capelli. Ha la primaria funzione di accogliere il cibo proveniente dall esofago con la funzione di impastarlo e sottoporlo ai processi chimici della digestione. Una volta che il cibo è masticato e inghiottito entra nello stomaco attraverso una valvola muscolare (cardias) che impedisce il reflusso e ne esce per entrare nell'intestino attraverso un'altra valvola muscolare (piloro), espressione di contenimento e controllo. All'interno dello stomaco il cibo si mescola agli enzimi e ai succhi gastrici, si forma un impasto denominato chimo ridotto in forma liquida che passa nell'intestino. Nella bocca avviene la prima fase della digestione: il cibo che rappresenta la materia, il mondo, la realtà, viene ridotto in piccoli pezzi, masticato, inghiottito in piccoli bocconi e sospinto verso il basso attraverso il tubo digerente (la prima forzatura ad accettare avviene con la deglutizione, ingoiare è l atto di interiorizzare un evento esterno e includerlo nel proprio essere assimilandolo). Lo stomaco rappresenta un mezzo di auto-protezione osservabile in grado di sterilizzare il cibo ingerito con la secrezione di succo gastrico, la stessa è controllata in parte da impulsi nervosi scatenati dall odore, dalla vista o anche soltanto dal pensiero del cibo. È grazie all aggressione del succo gastrico che gli alimenti vengono trasformati in una massa semiliquida o chimo che, a successivi intervalli, viene passata, per apertura della valvola pilorica, nella prima porzione dell intestino tenue (duodeno). Osservando le funzioni dello stomaco veniamo in contatto con la capacità di accogliere, di proteggersi e l insegnamento di esprimere consapevolmente la propria aggressività. La consuetudine di digerire sentimenti di aggressività verso l interno piuttosto che verso l esterno può far emergere ulcere gastriche che sono espressioni di aggressività verso se stessi. L acido cloridrico corrode la

7 mucosa che ricopre lo stomaco: siamo in presenza di un processo autodistruttivo. La funzione dello stomaco è dunque quella di accogliere il cibo masticato ed elaborato nella bocca, renderlo morbido, liquido, uniforme, omogeneo per essere assorbito dall'intestino. Lo stomaco rappresenta l organo dei contrasti poiché correlato alla relazione accoglienza-aggressività, entrambe necessarie per un buon funzionamento dello stomaco. Sono correlati allo stomaco le unghie ed i denti che permettono di difendersi, addentare, mordere e triturare. I denti e le unghie, che negli animali sono gli artigli e le zanne, sono i più tipici esponenti dell aggressività. Denti sani e forti permettono di mordere e masticare i cibi più duri e succulenti, problemi ai denti o alle gengive restringono drasticamente la gamma delle scelte possibili. La perdita dei denti, legata all'infanzia e alla vecchiaia, ci riporta a un sentimento di impotenza, di perdita di forza, di calo di energia vitale e sessuale, di giovinezza e salute ma anche di rinnovamento e crescita. L'aggressività è proprio la capacità di andare incontro agli eventi del mondo confidando nella propria capacità di risolverne i conflitti (masticazione). Il malato di stomaco, solitamente, non esprime la propria aggressività, la trattiene dentro di sé e la rivolge verso se stesso (ulcera, gastrite, bruciori di stomaco), oppure la proietta sul cibo che diventa responsabile del suo malessere: le cosiddette intolleranze alimentari, le allergie, le intossicazioni. Incapace di vedere il veleno che lui stesso secerne (acido cloridrico) lo trasferisce all'esterno, vede finalmente nel cibo la causa di tutti i suoi problemi e si priva di questo e di quello, una cosa proprio non la può digerire e un'altra davvero gli fa male. Tra le affermazioni ricorrenti dei soggetti affetti da disturbi allo stomaco si esprimono con "non mi va proprio giù" o "non riesco a sopportarlo", "mi sta sullo stomaco" o "me lo mangerei vivo", ecco che lo stomaco e tutto il processo digestivo si incaricano di rendere più efficace la digestione di questo "amaro boccone".

8 Simbolismo del fegato Il fegato è l'organo più grosso del corpo umano ed è estremamente elaborato. Svolge un ruolo di primaria importanza nella digestione mediante la secrezione della bile e inoltre assicura il filtraggio del sangue e interviene sulla sua composizione e qualità del sangue, sia a livello nutritivo, sia a livello immunitario (difesa, cicatrizzazione, immagazzinamento). Il suo duplice ruolo si manifesta nel ricevimento di una doppia alimentazione sanguigna, una proveniente dalla vena epatica che lo nutre e l'altra dalla vena "porta" che convoglia in esso le sostanze nutritive prese dall'intestino tenue. Questi due canali si ricongiungono nel fegato e si "uniscono" nella vena "cava inferiore" che trasporta sangue a tutto il corpo grazie al cuore e, dopo essersi arricchita di ossigeno grazie ai polmoni. Le malattie del fegato sono principalmente legate alle emozioni espresse dalla collera, che può trasformarsi in ostinazione e ostilità. Le sofferenze di quest organo sono l espressione della collera vissuta quotidianamente e che ci impedisce di cogliere l essenza della vita e ci costringe a vivere in continua tensione con la difficoltà nel vivere ad accettare i nostri sentimenti, i nostri affetti e ciò che gli altri ci trasmettono. La collera repressa o trattenuta sistematicamente all'interno, addenserà l'energia nel fegato rischiando di trasformarsi in patologie più gravi come cirrosi, cisti e tumore. Simbolismo della cistifellea La cistifellea funziona in stretto rapporto col fegato raccogliendo e concentrando la bile distribuendola nell'intestino tenue fino all'uscita dallo stomaco. La distribuzione della bile permette al processo digestivo dei grassi di svolgersi armoniosamente. Le emozioni legate alla cistifellea sono la rabbia e gelosia.

9 Le malattie di questo organo ci parlano della nostra difficoltà a gestire i nostri sentimenti e a chiarirli. Siamo nella dinamica col rapporto esterno. Qual è il mio posto?ottengo un riconoscimento dagli altri? Mi amano per quello che faccio e che rappresento? Sono tutte domande che possiamo ricollegare ai disturbi di questo organo, come pure le collere violente che accompagnano la persona che avverte un senso di ingiustizia nei propri confronti. Le malattie della cistifellea possono dirci quanto il nostro senso della verità e del giusto non sia molto chiaro oppure che sia eccessivo e che si ha la tendenza a costringere, usare se non addirittura manipolare gli altri, sempre dandoci delle buone ragioni ovviamente. La cistifellea gioca un ruolo decisivo nella digestione psicologica degli avvenimenti. Nel linguaggio comune si usa "ingoiare bile" quando si deve sopportare qualcosa di sgradevole senza poter reagire; sono sempre inquietudini legate ad una persona che ci è cara. Simbolismo dell intestino tenue Nell'essere umano l'intestino tenue misura circa sette metri di lunghezza e in questo organo si compie l'ultima trasformazione degli elementi nutritivi prima che vengano introdotti del sangue. Le malattie dell'intestino tenue, diarrea, disbiosi, stipsi esprimono le nostre difficoltà ad assimilare le esperienze, a lasciarle penetrare in noi senza giudicarle. Nel suo ruolo di smistamento, l'intestino tenue lascia passare una data informazione e ne respinge un'altra. È il rappresentante fisico della soggettività. I dolori o le malattie dell'intestino tenue possono anche indicare che abbiamo sviluppato troppo la tendenza a giudicare gli eventi e gli altri, a ragionare in maniera eccessiva in termini di bene o di male, di torto o di ragione. Simbolismo dell intestino crasso

10 Questo organo svolge un ruolo di evacuatore; trasporta e permette di eliminare le materie organiche che abbiamo ingerito e che non sono state assimilate. In tal modo evita l'organismo di intasarsi, di giungere a saturazione e di "soffocare", di intossicarsi. Tensioni o sofferenze di questo organo indicano che tratteniamo le emozioni che impediamo loro di partire. Paura di fallire, di sbagliare, eccessiva riservatezza (timidezza) o rifiuto di lasciar andare, di allentare, si manifestano mediante disturbi all'intestino crasso (costipazione, dolori, meteorismo, flatulenza, ecc..). Le malattie dell'intestino crasso ci informano anche della nostra difficoltà a "cicatrizzare", a dimenticare le esperienze negative, e l'acidità segnalerà spesso la presenza supplementare di una collera repressa e trattenuta. Poiché serve ad eliminare, ad espellere quanto abbiamo ingerito (alimenti) e che non abbiamo assimilato, l'intestino crasso serve altresì a scaricare, a respingere le esperienze che non abbiamo ingerito (vissuto) e che non abbiamo accettato. Aspetti psicosomatici e uso di Fiori di Bach nei disturbi correlati alle reattività individuali La floriterapia di Bach con i 38 fiori si colloca tra le terapie emozionali più complete e variegate nell ambito della medicina naturale. I sintomi psicosomatici correlati alle reattività individuale possono riguardare tutti gli organi e visceri, pertanto, esamineremo gli aspetti più vicini a questo tipo di disturbo coinvolgendo più della metà dei fiori studiati da Bach con particolare riferimento all aspetto tipologico del fiore e ai possibili riscontri psicosomatici. BEECH Faggio (Fagus sylvatica) Soggetto intollerante, arrogante, eccessivamente critico nei confronti degli altri, abile nel cogliere i difetti altrui, vive solo, chiuso in sé stesso, ha un atteggiamento di difesa, arrogante, insoddisfatto ipercritico ed irritabile, vede solo l'aspetto negativo delle cose, esige dagli altri

11 precisione ordine e disciplina, si lamenta in continuazione, si arrabbia per un niente. Chi ha bisogno di questo fiore è una persona priva di empatia nei confronti degli altri, è una persona aspra cinica, tesa, severa, è il fiore di chi ha una mentalità talmente ristretta che non riesce a percepire nessuna cosa positiva. La persona è altezzosa, è scontenta, è prigioniera dei propri difetti, è anche una persona avara nei sentimenti, manca di obiettività, ha un orgoglio associato all arroganza, al pregiudizio, si rifiuta di ammettere le proprie colpe, mette in dubbio la lealtà degli altri per dimostrare che ha ragione. Ẻ litigioso, prepotente, incolpa gli altri, critica in modo petulante, manifesta spesso uno stato di ira sproporzionata alla causa, l atteggiamento è in genere scontento e musone. Mal di schiena, di spalle, senso di costrizione al petto, disturbi nella parte superiore del torace, tensione alle mandibole, dolore alle braccia ed alle mani che tendono a tenere contratte, dolore agli avambracci, tendenza agli strappi muscolari, forte intolleranza ai rumori, disturbi gastrointestinali, epatici ed urinari, dolori alle articolazioni, ulcera, stitichezza, emorroidi, disturbi della circolazione sanguigna, sclerosi mentale, disturbi locomotori. CENTAURY Centaurea (Centaurium umbellato) Ẻ il fiore di chi non riesce ad imporsi agli altri, di chi è sottomesso, passivo, arrendevole, che ubbidisce facilmente, solo per avere complimenti, di chi tace per evitare le discussioni, di chi sente svuotato interiormente, di chi ha un senso di inadeguatezza, di chi è docile, eccessivamente disponibile, facilmente dominabile, sgobbone, servile, di chi non ha forza di volontà, e che si fa mettere i piedi in testa. La persona è incapace di imporsi agli altri, cede al volere altrui. Chi ha bisogno di questo fiore è una persona tranquilla, di poche pretese, timida, si nasconde agli altri, calma, gentile, cortese, convenzionale,

12 ansiosa di piacere, ricerca la forza del proprio carattere negli altri anziché in sé stessa, è il tipo zerbino, facilmente plagiabile, vive una vita di riflesso, spesso si lega ad una persona dominante ( Vine). Spesso dedica la vita agli altri, per evitare di prendersi la responsabilità della propria vita. Complesso di inferiorità, frustrazione, masochismo, disturbi nervosi a carattere depressivo. Stanchezza, debolezza, scarsa energia vitale, senso di esaurimento, si ammala facilmente, pallore, dolori lombo sacrali, i sintomi possono riguardare le spalle e la schiena, per la tendenza ad assumersi i pesi della vita, occhiaie scure, la persona si sente fiacca, quando siede, sta con la schiena piegata, disturbi cardiaci, tachicardia, gastrite, aria nella pancia, colon irritabile, tachicardia da ansia nel servire gli altri, gastrite, dispepsia, colon irritabile, CHESTNUT BUD Ippocastano Gemma (Aesculus hippocastanum) È il fiore di chi non impara dall'esperienza e ripete sempre gli stessi errori senza accorgersene, non sono testardi, ma per cecità, non si accorgono di ripetere lo stesso sbaglio. Vivono una coazione a ripetere, sono persone lente ad imparare, disattente, superficiali, hanno una scarsa capacià di maturare, di crescere, di far tesoro delle esperienze, hanno difficoltà di attenzione, non riescono a memorizzare le cose, sono impulsivi, si danno da fare a casaccio, sono frettolosi sul lavoro, provano un senso di estraneità, perché fanno una cosa mentre la mente pensa ad altro, sono dispersivi, disattenti, distratti, incapaci di analisi nell'osservazione, sono sbadati, parlano invece di ascoltare, dimenticano sempre le stesse cose, fanno sempre gli stessi errori, sono disorientati a livello emotivo e mentale, nei bambini prematuri si possono avere ritardi psicofisici, schizofrenia. È il fiore adatto a chi si innamora sempre della persona sbagliata, perché essendo un superficiale non si ferma a riflettere. La persona fugge da sé stessa e dal passato, ed ogni volta ricomincia senza

13 aver imparato. È un rimedio indicato anche per i bambini che si applicano a scuola. È il fiore della mancanza di interesse per il presente, di chi nutre una eccessiva speranza nel futuro, con tendenza alla rimozione. Mal di testa, gastrite, apatia, tendenza ad ammalarsi delle stesse malattie, c è la tendenza alle malattie croniche, alla miopia, indebolimento della vista e dell'udito, in chi è restìo a vedere e ad ascoltare, la mentalità è instabile e distratta, spesso soffrono di gastrite, di difficoltà nella digestione e gas intestinali, di bruciori di stomaco, dovuti al mangiarecibi intolleranti, di ulcera duodenale trascurata CLEMATIS Clematide (Clematis vitalba) È il fiore adatto per chi sogna ad occhi aperti, addormentato, vive tra le nuvole, non è mai completamente sveglio: Fiore utile a chi ha una espressione sognante, apatica, per chi non prova interesse per il presente ed è distratto, per chi si rifugia nella fantasia per non affrontare la realtà, i problemi e le difficoltà. È il fiore utile per chi è assente, per chi è indifferente, inconcludente e mnca di concentrazione e di vitalità, non riesce ad essere responsabile. È il fiore di chi si lascia assorbire dai pensieri e dalle fantasie; sono spesso soggetto ad incidenti, ad infortuni a causa dell atteggiamento di scarsa presenza. Fa domande senza ascoltare le risposte, utile per i sonnolenti e i distratti, per chi è distaccato, per la persona sulla quale si può contare poco, perché la sua presenza è impercettibile. Fiore utile per chi per distrazione fa cadere le cose, per chi inciampa spesso, per chi prova un senso di estraneità. È il fiore adatto a chi fa pochi sforzi per cercare di stare bene e pensa con piacere alla prospettiva della morte, non riesce ad essere concentrato nelle conversazioni ed ondeggia da un argomento all'altro. La persona Clematis è tranquilla ma non felice, perché vive proiettata nel futuro, nella speranza dei propri ideali. È disordinata, dispersiva, inconcludente,

14 manca di senso pratico, ha poca memoria, è apatico, pigro, mangia quando gli va, dorme molto, ha una scarsa tensione emozionale. È introverso, triste e vittimista. Il tipo Clematis, ha la tendenza a spendere e a dissipare in cose futili. Disturbi dell'equilibrio, ipotonia muscolare, svenimenti, stato di coma, assenza della coscienza, sonnolenza costante, ed eccessiva voglia di dormire, fiacca, pallore accentuato, difficoltà nell attenzione. Hanno spesso mani e piedi freddi, mani sudate, scarsa memoria, depressione apatica, perdita temporanea del senso del reale, disturbi paranoidi della personalità, fobie per gli insuccessi, disturbi mentali e della concentrazione, tendenza alla rimozione dei problemi, tendenza a non volerli affrontare, disturbi nella digestione con dolori e fastidi che si avvertono nella regione toracica inferiore ed in quella addominale, specie dopo aver mangiato, talvolta è accompagnata da nausea e da vomito, da aria nello stomaco. Scarso riassorbimento biliare, dovuto ad indolenza e disinteresse. Soggetto a disturbi alimentari: anoressia, bulimia e apatia per rifiuto della realtà. Malattie gravi della pelle dovute alla depressione apatica o ad altre patologie caratteriali e psichiche. CRAB APPLE Melo selvatico (Malus pumila) Ẻ ilfiore di chi sente il bisogno di una purificazione interiore, di chi non si accetta, ha vergogna, sente di avere in sé qualcosa di poco pulito, si sente macchiato, colpevole, avverte un senso di sporco, ha repulsione nei confronti di certi animali, ha timore che il cibo sia contaminato, impuro, è schizzinoso, è eccessivamente igienista e a causa di problemi inconsci, pulisce fuori quello che non riesce a pulire dentro, è pignolo, ha orrore per il disordine, tutto può fargli schifo, ha paura eccessiva dei virus e dei batteri, dei microbi, con vere e proprie fobie per gli insetti, ha paura dei bagni pubblici, si vergogna, ha sempre pensieri negativi, ha paura delle malattie,ha paura alla vista del sangue, ha repulsione per l'allattamento al

15 seno, dei contagi, ha la fobia dei contatti fisici, del sesso, soffre di tabù, vede come sporche le funzioni fisiologiche del corpo, ha problemi di pelle, non si piace. Alle volte è attratto da forme morbose a livello sessuale. Èutile nei digiuni e nelle cure disintossicanti, sia fisiche che mentali, utile nei problemi di pelle, è infatti considerato l antibiotico dei fiori di Bach, combatte alcune malattie della pelle come le verruche, i brufoli, è indicato nell astenia, nella nausea, nei problemi digestivi, è il fiore della depurazione e della disintossicazione, utile in chi sta male in seguito al contatto con sostanze allergizzanti viste come sporche. Utile nelle persone che hanno degli handicap fisici e che non riescono ad accettarsi e si sentono inferiori, si usa per le persone ipocondriache che hanno paura di tutte le malattie.

16 HEATHER Erica (Calluna vulgaris) Ẻ il fiore dei soggetti egocentrici che soffocano chi gli sta vicino. Fastidioso, logorroico, inconcludente, petulante, non lascia spazi all'interlocutore, lo avvelena con i suoi problemi personali, parla di qualunque cosa con tutti, usa gli altri come valvola di sfogo. Ẻ la persona che vuole stare sempre al centro della scena, non ascolta, non si cura di chi ha di fronte, cerca di convincere l'altro anche sulle banalità, interrompe continuamente la conversazione per parlare di sé, racconta di tutto al primo venuto, parla velocemente, ha paura di non riuscire a dire tutto, parla tanto per parlare per scaricare la propria ansia, ha bisogno degli altri solo per sfogarsi, ma si rende insopportabile. Manipola le situazioni per essere al centro dell attenzione, soffre di dipendenza affettiva, soffre di un senso di vuoto incolmabile, ha fame di affetto e di cibo. Rappresenta il bambino bisognoso che ha bisogno di cure ed attenzioni, ha uno sviluppo affettivo ed emotivo bloccato, ha paura e terrore della solitudine, ma proprio per questo suo carattere invadente viene spesso allontanato, non riesce a mantenersi le amicizie. Ẻ egoista, vuole avere senza dare niente in cambio, vuole tutto per sé, vive della energia degli altri, è esageratamente preoccupato dei suoi problemi, parla di continuo ma non sa ascoltare, si ammala per poter avere attenzione. Ha la tendenza ad esagerare le cose, non ricorda i nomi, è un attaccabottoni, possessivo, si sente infelice se resta solo per poco tempo, pur di parlare parla anche quando sta da solo. Ipocondriaco per eccessiva attenzione su di sé, mal di testa, mal di stomaco, insonnia, ha la fissazione paranoide di voler essere ascoltato a tutti i costi, è persona sconsolata e depressa se sta sola, ha crisi asmatiche o tosse come segno di angoscia, eruttazioni quando si trova da solo, e se non può parlare né sfogarsi, soffre di colon irritabile, la deambulazione è scoordinata per attirare l'attenzione su di sé, soffre di ipertensione e

17 vampate causate da eccessiva logorrea, problemi di pelle per attirare l'attenzione su di sé. HOLLY Agrifoglio (Ilex aquifolium) È il fiore della gelosia, soggetto possessivo, diffidente, invidioso, dominato da pensieri aggressivi, dall'ira, che sospetta di tutto, teme sempre di essere raggirato. È vendicativo, collerico, negativo, rabbioso, nutre sentimenti di odio, di cattivo umore, incapace di provare amore, frustrato. Soffre senza una reale motivazione, ha l'animo avvelenato, di chi spia l'altro, di chi soffre di antipatie, che prova rabbia per l'invidia, di chi ha il cuore indurito dai sospetti, che pensa di avere il mondo contro. Soffre di sensodi inferiorità, è infelice, sfiduciato, competitivo, prova malanimo, ha l'animo avvelenato contro i suoi simili, suscettibile, permaloso, non si fida di nessuno. Prova una tensione emotiva persistente, con eccessiva concentrazione su di sé ed i propri bisogni, disturbo paranoide della personalità, sfiducia associata ad ipervigilanza, con atteggiamento guardingo e misterioso. Mette in dubbio la lealtà altrui, incapace di rilassarsi, manca del senso dell'umorismo, ha problemi di rivalità, mostra esternamente tutta la sua rabbia. Blocco del plesso solare, acidità di stomaco, gastrite, problemi di digestione, di fegato, epatobiliari. Disturbi urinari, cistite, calcoli renali, coliche renali da rancore persistente, coliche di fegato da invidia e gelosia, disturbi intestinali, gas intestinali, meteorismo, stitichezza, diarrea, problemi alla cervicale, discopatie, spondiloartrosi.

18 IMPATIENS Impatiens (Impatiens glandulifera) Ẻ il fiore adatto al soggetto impaziente, teso, iperattivo, veloce nel pensiero e nella azione, veloce anche quando mangia, parla tanto da mangiarsi le parole. Ẻ la persona che non si adatta ai ritmi degli altri, ha difficoltà nei rapporti umani, incapace di mettersi nei panni degli altri e di capirne gli errori, non si trova nei lavori di gruppo, disprezza la collaborazione, si spazientisce dei tempi degli altri. Detesta gli orari, la routine, non tollera i disguidi e il ritardo, l'attesa, si infuria se qualcuno ritarda all' appuntamento, se si ammala ha fretta di ristabilirsi, irritabile, non ama le costrizioni, critica molto i difetti degli altri. Preferisce lavorare da solo, impaziente, impetuoso, attivo ed intelligente, con tendenza alla tensione nervosa, ad abusare delle sue forze. Ẻ soggetto ad incidenti per la fretta, nel dialogo termina la frase dell'altro. Ha attacchi di collera che passano presto, se ammalato si imbottisce di medicine per guarire in fretta Ẻ un tipo frustrato a causa del suo bisogno di indipendenza, impulsivo, manca di diplomazia, precipitoso. Vive l angoscia di non fare tutto in tempo presto e bene, vive perennemente sotto pressione e si spazientisce con facilità. Balbuzie, prurito, insonnia, iperattività e deficit dell'attenzione, dolori improvvisi, crampi, tensione muscolare, tensione alla schiena, al collo alle mandibole, alle mani, alle spalle,alla nuca. Ha il corpo spesso proteso in avanti, indigestione, tosse, raucedine, espettorazione, sbadigli da impazienza, nervosismo, nausea, vomito, aerofagia, eruttazione da tensione mentale, frustrazione, bulimia, appetito incontrollabile, turbe della digestione, gastralgie, enterocoliti. Mangia troppo di fretta, sviluppa disturbi epatobiliari a causa dell impazienza, diarrea da tensione interna, angina pectoris da tensione, ipertensione da movimento e agitazione, dolori articolari in persona autoritaria ed esigente, verso se stessa e gli altri.

19 MIMULUS Mimolo giallo (Mimulus guttatus) È il fiore della paura, soggetto timido, riservato, che per paura di essere rifiutato, si nasconde, fugge, perché teme di non essere all'altezza della situazione. Ha paura verso cose conosciute, come animali, altezze, dolore, incidenti, acqua, buio, solitudine, sfortuna, dentista, aereo, esame, malattie, morte, povertà, di restare solo, delle altre parsone.ha paura del palcoscenico, panico, paure concrete ma che non riesce ad esprimere. È il fiore della persona eccessivamente sensibile, alla quale danno fastidio tutti gli eccessi: troppa luce troppo rumore troppa folla, poiché si sente spesso aggredito, va facilmente sotto stress, ed allora chiude i contatti con il mondo esterno, rifugiandosi nella sua solitudine, la timidezza, la soggezione ed il disagio le manifesta anche attraverso la balbuzie, il rossore, eccesso di sudorazione, il cuore gli batte forte, ansia, paura degli spazi aperti e chiusi. Agorafobia, claustrofobia, balbuzie, rossore, disturbi al seno, naso ed occhi che colano, fiato corto. Ipersensibilià ai rumori, al freddo, al caldo, agli odori forti, ai litigi, alla folla, nervosismo, riso nervoso, fobie, precipitoso nel parlare, viene dato ai bambini per superare il trauma della nascita insieme a Star of Bethlehem. Disturbi da attacco di panico, senso di svenimento, palpitazioni, dolori al torace, senso di soffocamento, sudorazione, tremori. Dolori gastrointestinali, problemi all'apparato riproduttivo, problemi cardiocircolatori, la paura causa stress, inquietudine e per questo si ammala di raucedine, afonia, batticuore, extrasistole, aritmia cardiaca da paura, enuresi notturna, incontinenza urinaria, problemi gastrici, meteorismo da tensione interiore, bolo isterico, colite catarrale, colon irritabile, diarrea o incontinenza fecale, colite spastica da paura, asma, fame d'aria da tensione interiore, tosse secca e stizzosa, laringite, asma bronchiale da nervosismo, eiaculazione precoce, amenorrea, disturbo e dolori mestruali.

20 OLIVE Olivo (Olea europoea) È il fiore dell esaurimento fisico e mentale, adatto alla persona che si sente sfinita dopo impegni molto pesanti, dopo preoccupazioni eccessive. Ha sofferto sia fisicamente che moralmente e si trova in uno stato tale di esaurimento che si stanca al minimo sforzo. È il fiore di chi non ne può più, che ha lottato a lungo, ma che alla fine si sente svuotato, non c'è più niente che lo interessi, ha solo voglia di dormire. Si sente debole e infelice. È una persona comprensiva, disponibile, concreta, affidabile, che però tende ad esaurire le proprie energie fino a diventare indifferente a tutto, trascura ogni cosa, rimanda al giorno dopo, si isola, non ha voglia di parlare, scoraggiato, desidera perfino di morire. Stress psico-fisico, sonnolenza, mancanza di forze, dopo una grave e lunga malattia, deficit immunitario, deperimento organico, anoressia, depressione reattiva, autolesionista con tendenza al suicidio, gravi infezioni causate da depressione persistente, nausea, vomito, disturbi epatici dovuti al senso di disgusto nei confronti della realtà, gambe pesanti, difficoltà a camminare, sonnolenza di giorno ed insonnia la notte. SCLERANTHUS Scleranto (Scleranthus annuus) È il fiore del soggetto indeciso tra due soluzioni da prendere, la persona non riesce a concentrarsi, non riesce a prendere la decisione giusta. È esitante, instabile, inaffidabile per l incapacità di decidere, passa dalla tristezza all allegria, non sa come affrontare questi sbalzi di umore, manca di equilibrio, di stabilità. È irrequieto, mutevole, volubile, sopporta in solitudine le proprie difficoltà e non è incline a discutere con altri. È una persona proiettata all'esterno che non sa ascoltare il proprio istinto, si sente smarrita, non sa riconoscere le sue reali esigenze, è indecisa sul da farsi, si comporta in modo incoerente, vive col dubbio

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate

Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate tuttosalute.net Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate I disturbi che si manifestano in particolari ore della giornata rimandano a determinati organi che

Dettagli

Crampi. Denti e gengive

Crampi. Denti e gengive Crampi Il collegamento tra il sintomo e l emozione in questo caso è molto intuitivo. I crampi indicano infatti tensioni profonde, paure, mancanza di rilassamento, incapacità di lasciarsi andare. Oltre

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

IL DISTURBO DA ATTACCHI DI PANICO E LE FOBIE: CHE COSA SONO E COME SI MANIFESTANO

IL DISTURBO DA ATTACCHI DI PANICO E LE FOBIE: CHE COSA SONO E COME SI MANIFESTANO Il disturbo da attacchi di panico è una patologia tra le più frequenti dal punto di vista clinico, soprattutto tra coloro che soffrono già di un altro disturbo d ansia, come il disturbo d ansia generalizzato

Dettagli

Cosa avviene nel corpo:

Cosa avviene nel corpo: Stress ed emozioni STRESS ed EMOZIONI Ogni qual volta una persona si trova dinanzi ad un pericolo nel suo organismo avviene un processo di attivazione, cioè la produzione di molte energie che scatta nel

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo I Giorgi NS Bonfiglio Un equilibrio possibile? Evitare le emozioni, vivere le emozioni. (A. Ferro, 2007)...l evitamento delle emozioni è una

Dettagli

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006)

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006) Stress sul posto di lavoro: segnali e cause Check list personale (Versione 02.2006) Questa check list la aiuterà a identificare lo stress vissuto personalmente e a deteminarne le cause. Poi, sulla base

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

La respirazione è il più grande atto vitale. Possiamo vivere per settimane senza mangiare e per alcuni giorni senza bere, ma è impossibile vivere

La respirazione è il più grande atto vitale. Possiamo vivere per settimane senza mangiare e per alcuni giorni senza bere, ma è impossibile vivere La respirazione è il più grande atto vitale. Possiamo vivere per settimane senza mangiare e per alcuni giorni senza bere, ma è impossibile vivere senza respirare. Senza l ossigeno non può esistere vita!

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA OVVERO IL TRAINING AUTOGENO. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non Sempre è facile come dirlo. Spesso abbiamo

Dettagli

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE.

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. ELEMENTO FONDANTE DELLO SVILUPPO E DELLA MATURAZIONE DELLA PERSONALITA DEI NOSTRI FIGLI, PUO MANIFESTARSI NEGLI ATTACCHI DI PANICO COME UNA FIAMMATA IMPROVVISA CHE TRAVOLGE

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo OTTIMA COMPETENZA PROFESSIONALE CAPACITA DI PROBLEM SOLVING CAPACITA DI CONCENTRAZIONE

Dettagli

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774 Breve estratto dell intervento: Conseguenze cliniche e psicologiche del mobbing: malattie professionali, conseguenze sul nucleo familiare, ricadute sociali e individuali L intervento si propone un esposizione

Dettagli

La depressione: sintomi e cura

La depressione: sintomi e cura La depressione: sintomi e cura a cura di Cinzia Gatti La fine di un amore, la morte di una persona cara, la perdita del lavoro possono suscitare sentimenti di tristezza e desolazione, far nascere sensi

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Prefazione... 7 Che cosa offre questo libro... 13 Esecuzione dello... 29

Prefazione... 7 Che cosa offre questo libro... 13 Esecuzione dello... 29 Indice Prefazione...7 Che cosa offre questo libro...13 Che cos è lo Yoga Nidra?... 17 Swami Satyananda Saraswati... 19 Effetti dello Yoga Nidra... 20 A chi serve?... 22 Che cosa succede di preciso?...

Dettagli

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA 1 2 ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA Disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (DCA NAS), all interno dei quali è inserito il disturbo da alimentazione incontrollata (BED BINGE

Dettagli

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.?

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.? Emozioni Consapevolezza sui propri problemi di studio Obiettivi.? Quali emozioni si provano nello studio? Come rilevato anche nel nostro gruppo di ricerca, le emozioni provate mentre si studia sono molteplici

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale Dolore frustrazione e legami affettivi nel ciclo vitale Dottoressa Tiziana Mizzoni Psicologa e Psicoterapeuta Gestazione Spazio mentale del bambino Pensare Individuale Pensare Comune Maturità della Coppia

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

INTEROCEZIONE e MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

INTEROCEZIONE e MEDICINA TRADIZIONALE CINESE INTEROCEZIONE e MEDICINA TRADIZIONALE CINESE Possiamo collegare il concetto di interocezione (percezione dello status interno e dei segnali provenienti dai visceri, concernente il senso di equilibrio omeostatico

Dettagli

Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1

Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1 Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1 Secondo il modello cognitivo del DP gli attacchi di panico si verificano quando gli individui percepiscono alcune sensazioni corporee come molto

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. (TECNICHE PER LA VITA) G. Colli «Punto com» vol. B

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. (TECNICHE PER LA VITA) G. Colli «Punto com» vol. B LA COMUNICAZIONE EFFICACE (TECNICHE PER LA VITA) G. Colli «Punto com» vol. B 4 FASI IMPORTANTI PER ACQUISIRE LE TECNICHE PER UNA COMUNICAZIONE EFFICACE 1. INCOMPETENZA INCONSAPEVOLE 2. INCOMPETENZA CONSAPEVOLE

Dettagli

QUESTIONARIO ANAMNESTICO-DIAGNOSTICO (RISPONDERE SOLO ALLE DOMANDE RITENUTE OPPORTUNE)

QUESTIONARIO ANAMNESTICO-DIAGNOSTICO (RISPONDERE SOLO ALLE DOMANDE RITENUTE OPPORTUNE) Data 1 a Visita QUESTIONARIO ANAMNESTICO-DIAGNOSTICO (RISPONDERE SOLO ALLE DOMANDE RITENUTE OPPORTUNE) ANAGRAFICA PAZIENTE Nome Cognome Indirizzo CAP Città Prov e-mail Tel. Cell. Data di nascita Luogo

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO Risposta generale aspecifica dell organismo a richieste provenienti dall ambiente esterno Ordine degli Psicologi di Basilicata Ad un stimolo stressogeno si risponde con:

Dettagli

I cinque elementi. Il Sud è lo Yang massimo, il mezzogiorno, all estate, al fuoco.

I cinque elementi. Il Sud è lo Yang massimo, il mezzogiorno, all estate, al fuoco. I cinque elementi La teoria dello Yin e dello Yang da sola non bastava a spiegare la complessità dell approccio teorico e pratico alla MTC. Occorreva, sempre da un punto di vista analogico, un sistema

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT E BUONA NORMA NON SOTTOVALUTARE NESSUN CASO PERCHÉ: In una percentuale significativa di essi si potrebbe andare incontro a patologie ad insorgenza

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Accettazione della malattia diabetica e la famiglia Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Malattia cronica Condizione patologica che dura tutta la vita Medico deviazione da una norma biologica. Oggettività

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE 1. AMBIENTE. Adeguatezza di strutture, attrezzature e spazi Rimozione delle cause di possibile incidente/ uso di adeguate misure di sicurezza PROTEZIONE 2. COMPORTAMENTO. Capacità

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

LA SALUTE COMINCIA DAI PIEDI

LA SALUTE COMINCIA DAI PIEDI MASSAGGIAPIEDI LA SALUTE COMINCIA DAI PIEDI Fin dai tempi più antichi, l uomo ha imparato ad adoperare i suoi piedi per reggersi col corpo, ma poche persone hanno cercato di capire la struttura e l importanza

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua. Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari

Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua. Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari Ti sposerò perché Il matrimonio si fonda su un contratto

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Disturbi d ansia. Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto.

Disturbi d ansia. Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto. Disturbi d ansia Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto. Molte persone che soffrono di depressione, hanno anche problemi di ansia. Esempi comuni di problemi d ansia comprendono

Dettagli

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l Burn out Sindrome di esaurimento emozionale, depersonalizzazione e ridotta realizzazione personale che può manifestarsi in soggetti che svolgono un lavoro sociale di diverso genere (Maslach 1986) Stato

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

In che misura hai avuto nell ultima settimana i seguenti disagi e/o disturbi? :

In che misura hai avuto nell ultima settimana i seguenti disagi e/o disturbi? : In che misura hai avuto nell ultima settimana i seguenti disagi e/o disturbi? : Esempi di valutazione dell intensità dei disagi e/o dei disturbi Per niente: il disagio non è mai stato presente nel corso

Dettagli

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità.

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. Minnesota Multiphasic Personality Inventory MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. APPLICABILITA CONDIZIONI MMPI MMPI-2 Età >16 anni >18 QI >80 >70 Scolarizzazione

Dettagli

La Depressione: Esperienza dell'umano o esperienza patologica? Confronto tra fenomenologia E Psicoanalisi Dr.ssa Maria Teresa Ferla

La Depressione: Esperienza dell'umano o esperienza patologica? Confronto tra fenomenologia E Psicoanalisi Dr.ssa Maria Teresa Ferla Bergamo 8 maggio La Depressione: Esperienza dell'umano o esperienza patologica? Confronto tra fenomenologia E Psicoanalisi Dr.ssa Maria Teresa Ferla 1 Normalità o malattia? 2 la fenomenologia delle emozioni

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus PRINCIPI DELL INTERVENTO EFFICACE NEI CASI DI SOSPETTO ABUSO

Dettagli

Questionario tipi umani

Questionario tipi umani Questionario tipi umani Dare solo una risposta, indicandola con una crocetta, ad ogni item in relazione al livello corrispondente. A - Mi riesce spiacevole realizzare un lavoro non diretto da me. - Se

Dettagli

Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico

Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico STRUTTURA FISICA V - Molto alto o molto basso, esile, ossuto P - Corporatura media K - Grosso, massiccio, struttura ampia PESO V - Leggero, con ossa sporgenti, variazioni

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE

Dettagli

Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it

Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it L'ansietà è un sottile rivolo di paura che si insinua nella mente. Se incoraggiata, scava un canale nel quale tutti gli altri

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento.

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. A CURA DI IGNAZIO LICCIARDI LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. di Angelina Albano biblìon COLLANA

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/sjzf1222/ Tags: mai piã¹ reflusso acido - curare il

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Statura e peso, proporzioni del corpo infantile 10 Padronanza del corpo 11 Un consiglio importante 12

Statura e peso, proporzioni del corpo infantile 10 Padronanza del corpo 11 Un consiglio importante 12 IL BAMBINO SCOPRE IL RESTO DEL MONDO 6 COME SI TRASFORMA L'ORGANISMO DEL BAMBINO NEL QUARTO ANNO DI VITA 10 Statura e peso, proporzioni del corpo infantile 10 Padronanza del corpo 11 Un consiglio importante

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI Interferenza dei disturbi dissociativi e della memoria conseguenti a tortura sulla Procedura di riconoscimento della Protezione Internazionale SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

Dettagli

Il dolore è sempre psico-somatico. Ci sono anche applicazioni floreali non personalizzate che riguardano la forma della manifestazione somatica o

Il dolore è sempre psico-somatico. Ci sono anche applicazioni floreali non personalizzate che riguardano la forma della manifestazione somatica o Il dolore è sempre psico-somatico. Ci sono anche applicazioni floreali non personalizzate che riguardano la forma della manifestazione somatica o funzionale. Principio trans personale del fiore. Tale personalità.

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

I disturbi d ansia nel bambino. La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli

I disturbi d ansia nel bambino. La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli I disturbi d ansia nel bambino La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli Fobia Sociale Disturbo internalizzante Paura marcata, persistente e irrazionale relativa a situazioni

Dettagli