Invito al banchetto:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Invito al banchetto:"

Transcript

1 Invito al banchetto: il cibo e la maraviglia sulle tavole medievali e rinascimentali Proposte didattiche per le scuole secondarie di primo grado a cura di Linda Silvia Zanandreis Coordinamento didattico: Margherita Bolla Settembre

2 INDICE Introduzione Tra la civiltà classica e quella barbarica p. 4 - Il tesoro di Isola Rizza L alimento prediletto sulle tavole medievali: la carne p. 5 - Edicola con Madonna a Santi Altri alimenti in tavola p. 7 Il condimento p. 7 Bere e mangiare per affermare il proprio potere p. 8 La cottura della carne p. 8 Il ruolo della Chiesa p. 8 I ricettari medievali p Tacuinum sanitatis Il vino p. 11 Le differenze tra ricchi e poveri p Madonna della quaglia Il passaggio al basso medioevo e al rinascimento p Interno con cucina - Concerto a tavola - Natura morta con l andata a Emmaus La scoperta di nuovi territori e nuovi cibi p. 16 Il banchetto p. 17 La tavola e la disposizione dei posti p. 18 Il galateo p. 19 La maraviglia in tavola p. 19 Schede di consolidamento: leggi e rifletti p. 20 Scheda di verifica p. 24 Bibliografia p. 25 2

3 INTRODUZIONE Il percorso si propone, attraverso l analisi di alcune opere, di offrire un sintetico panorama dell alimentazione medievale e rinascimentale, ponendo l attenzione sia sul contributo dato dall arrivo delle popolazioni germaniche nel cambiamento di gusti e stili rispetto alla precedente alimentazione romana, sia sugli usi e i costumi invalsi a tavola nel Medioevo e nel Rinascimento, con relative note di galateo. Seguirà un laboratorio in cui gli alunni avranno modo di vivere in prima persona un momento conviviale ambientato nel medioevo. Prerequisiti Si richiede che la classe abbia presenti le nozioni fondamentali di storia per quanto riguarda il medioevo e il primo rinascimento. Obiettivi del percorso L attività didattica si propone di far conoscere i periodi storici presi in esame attraverso il cibo e gli usi e i costumi a tavola. Si tratta di un modo alternativo e sicuramente interessante per capire meglio la società, i modi di vivere, le abitudini e la mentalità degli uomini che hanno vissuto nel medioevo e nella prima età moderna. È quindi particolarmente indicato per l insegnamento della storia, ma anche di letteratura e convivenza civile. Il percorso in Museo può essere proposto, con gli opportuni approfondimenti, anche alle scuole secondarie di secondo grado, con la possibilità di ampliarlo con il laboratorio in classe A tavola nel Medioevo. 3

4 La parola convivio viene dal latino cum vivere, cioè vivere insieme. Il fatto che indichi il mangiare insieme, sottolinea l accostamento importante tra l atto del mangiare e quello del vivere. La cucina è come uno specchio della società. Ciò che viene cucinato, il modo in cui viene mangiato e chi se ne nutre dice molto sul periodo storico, sul luogo, sui modi di vivere delle persone. Ciò vale indubbiamente anche per il medioevo e il rinascimento, momenti storici interessati da avvenimenti che hanno influenzato il modo di vivere e di mangiare fino ai nostri giorni. Tra la civiltà classica e quella barbarica L arrivo delle popolazioni barbariche nei nostri territori e la caduta dell impero romano hanno portato grandi cambiamenti nella società, innescando una sorta di scontroconfronto tra la cultura classica e quella barbarica. Si tratta indubbiamente di due modi di vivere molto diversi tra loro, ma parlare di confronto è senza dubbio esatto, perché oltre ad essere state esaltate le caratteristiche di ognuno c è stato anche un reciproco scambio. La civiltà greco-romana era dedita alla cerealicoltura e all arboricoltura. I prodotti principali erano il grano, il vino e l olio; veniva mangiata poca carne, mentre si consumavano molti latticini e formaggi, derivati dall allevamento ovino, il più praticato. Ne risultava un alimentazione equilibrata, in rapporto alla salute del corpo. La civiltà barbarica, invece, era molto diversa, perché si trattava di popolazioni seminomadi, con scarsa attenzione verso la coltivazione dei campi. Infatti i pochi cereali prodotti servivano per la birra e gli ortaggi venivano coltivati solo per autoconsumo in piccoli orti vicino agli insediamenti. Una grande importanza assunsero invece le attività che si svolgevano in spazi incolti quali la caccia, la pesca, la raccolta di frutti spontanei e l allevamento allo stato brado, soprattutto dei maiali. Per le popolazioni barbariche era importante mangiare molto, soprattutto carne; ne risultava un alimentazione squilibrata. Si è passati quindi da un economia di tipo mercantile, dove il frumento e i cereali prodotti venivano commercializzati e usati per il mercato, ad un economia basata sull autoconsumo, con un agricoltura di sussistenza. Dall incontro delle caratteristiche di queste due civiltà così diverse, nel periodo medievale nasce un sistema produttivo misto agro-silvo-pastorale, dove la coltivazione del frumento, dell orzo, della vite e dell olivo, si affianca alla raccolta di frutti spontanei, all allevamento suino e alla caccia. Un esempio di come queste due culture hanno mantenuto la loro identità si ha con l Emilia Romagna nel periodo altomedievale, dove l Emilia, di influenza maggiormente longobarda, si dedicava all allevamento suino; mentre in Romagna, legata più alla cultura romana, veniva praticato quello ovino. Proprio i longobardi hanno avuto nei nostri territori un ruolo importante nel periodo altomedievale. Verona, anche se non si può parlare di vera e propria capitale longobarda, è stata una città di rilievo. 4

5 Il tesoro di Isola Rizza (sei cucchiai in argento, con vaschetta ovoidale) Si tratta di un insieme di oggetti preziosi rinvenuti a Isola Rizza nel 1872, sepolti a poca profondità, in una fossa delimitata da laterizi e coperta da una lastra in pietra. Non si può parlare di corredo funebre, bensì di un tesoro, probabilmente sepolto in quella zona per salvaguardarlo durante i numerosi momenti di pericolo del VI secolo d.c, tra cui la conquista longobarda del 569 d.c. Tra questi oggetti vi sono sei cucchiai, tutti d argento, ma di due tipologie diverse perché appartenenti a due servizi. Un gruppo di tre cucchiai ha la terminazione a punta, teste di grifo all attacco del manico e l iscrizione VTERE FELIX (una sorta di augurio ad usare felicemente questo oggetto); il secondo gruppo invece non porta scritte e il manico è modanato con terminazione a pinnacolo. I cucchiai hanno segni di usura, segno che erano in uso da tempo prima che venissero nascosti. Dal confronto con altri reperti simili e da studi sulla tipologia dell iscrizione, emerge che potrebbero essere datati prima della fine del V secolo d.c. L alimento prediletto sulle tavole medievali: la carne Il cibo per eccellenza che non poteva mancare sulle tavole medievali era sicuramente la carne. La cacciagione era importantissima: venivano cacciati cervi, cinghiali, caprioli, lepri, quaglie e uccelli vari, che però si trovavano più che altro sulle tavole dei più ricchi. Andare a caccia e uccidere gli animali era infatti una manifestazione di forza e potere. Ma per quanto riguarda la carne sicuramente il maiale ricopriva un ruolo importante. Allevato allo stato brado, era l unico animale che serviva esclusivamente per la macellazione (ovini e bovini fornivano anche lana e latte). Dal maiale inoltre si ricavavano moltissimi prodotti. Una cosa curiosa e interessante per capire l importanza di questo animale è che in determinati territori, soprattutto quelli di influenza germanica, i boschi venivano misurati in maiali, cioè in base a quanti di questi animali potevano essere allevati in una determinata ampiezza di terreno. 5

6 Ancora, nell Editto di Rotari, re longobardo, si ordinava che venissero puniti tutti coloro che recavano offesa ad un Mastro Porcaro, con la stessa pena riservata a chi offendeva un servo istruito. Il maiale è anche uno degli attributi di un santo molto importante nella cultura medievale e non solo, cioè Sant Antonio Abate. Lo troviamo rappresentato in un opera scultorea che sicuramente tutti noi abbiamo visto passeggiando in città. Edicola con Madonna e santi (Antonio da Mestre, fine XIV inizi XV secolo; marmo) La scultura si trovava in piazza Bra, all imbocco di via Mazzini, dove ora vi è una copia. L opera, che cronologicamente si colloca alla fine del XIV secolo, è attribuita ad Antonio di Mestre. Raffigurati all interno dell edicola troviamo: la Madonna, San Bartolomeo, San Giacomo e Sant Antonio Abate. Sulle cuspidi sono invece rappresentati i Santi Giorgio e Giovanni Battista, e si possono riconoscere anche delle spighe. Infatti quest edicola aveva la funzione di proteggere il mercato, in particolar modo del bestiame. Proprio ai piedi della figura di Sant Antonio è posto un maialino, che fa parte degli attributi iconografici del santo. Antonio era un eremita egiziano, vissuto nel III secolo d.c., noto per aver combattuto le tentazioni di molti demoni nel deserto. Solitamente viene raffigurato con un maialino perché, come vuole la leggenda, l animale lo seguiva ovunque dopo che il santo l aveva guarito da una grave malattia. A partire dall XI secolo, con la traslazione delle reliquie in Francia, il Santo fu sempre più venerato e divenne il patrono prima dei maiali, che avevano una grande importanza, poi di tutti gli animali domestici. Anche la macellazione del maiale era collegata alla sua festa, cioè il 17 gennaio. Proprio questo giorno era anche usanza far benedire sul sagrato delle chiese cavalli, asini, cani, gatti e perfino uccellini. A Sant Antonio è dedicato anche un ordine religioso: gli Antoniani, nato nell XI secolo. Da quel momento i papi avevano persino accordato loro il privilegio di allevare maiali per uso proprio e a spese della comunità. Infatti questi potevano circolare liberamente per le vie e i cortili dei paesi e avevano come segno di riconoscimento una campanella. Il loro grasso era di fondamentale importanza per curare l ergotismo, bruciore causato dall avvelenamento provocato da un fungo presente nella segale usata per fare il pane, detto anche fuoco di Sant Antonio, perché al Santo ci si rivolgeva appunto per la guarigione. 6

7 Altri alimenti in tavola Sulle tavole medievali e della prima età moderna si trovavano molti tipi di alimenti, perché veniva mangiato un po di tutto, anche se il cibo per eccellenza, come già detto, era la carne. Vediamo ora quali altre pietanze venivano consumate: Il pesce: veniva mangiato soprattutto quello di acqua dolce perché si pescava principalmente in paludi, stagni, laghi e fiumi. I cereali: erano coltivati i cereali minori come miglio, spelta, orzo, avena, sorgo e segale. Venivano utilizzati per preparare zuppe e polente, che erano molto apprezzate all epoca. Le verdure e i legumi: rape, ravanelli, lattuga, sedano, spinaci, bietole, finocchi, porri, cipolle, zucche (quelle lunghe perché le altre arriveranno dopo la scoperta dell America), asparagi, funghi, fave, piselli, ceci e lenticchie. Tutto ciò poteva essere preparato in vari modi come a lesso o in umido. Ogni casa poteva avere anche un orto privato, che non veniva tassato dai feudatari. La frutta: fichi, mele, uva, pere, ciliegie, susine, pesche, mandorle, noci, more del gelso. Poteva essere utilizzata per preparare anche salse e confetture e spesso era abbinata ai cibi salati. Molto importante era anche la castagna, dalla quale si ricavava pure la farina. Per questo il castagno era chiamato albero del pane, prezioso soprattutto per i più poveri e nelle zone di montagna. Il condimento Per preparare i cibi venivano utilizzati anche dei condimenti. Questi erano soprattutto di origine animale, come lardo e strutto. Però ciò avveniva più che altro nel nord Italia, mentre nelle zone a sud erano più utilizzati i grassi vegetali e l olio d oliva (o di noce per i più poveri). Anche le spezie erano molto presenti (zenzero, cannella, noce moscata, curcuma, pepe, chiodi di garofano) ma soprattutto per ceti abbienti, mentre i più poveri utilizzavano erbe aromatiche come maggiorana, prezzemolo, salvia, rosmarino, basilico, coriandolo e alloro. Altro elemento di fondamentale importanza è il sale perché aveva diverse funzioni: - rendere i cibi più gustosi e digeribili - chiarificare il vino, cioè renderlo meno torbido - conservare la carne - proprietà curative (veniva utilizzato per unguenti, polveri, pozioni e supposte, oppure per bagni tonificanti, massaggi e cosmesi) 7

8 Bere e mangiare per affermare il proprio potere Per tutto il medioevo, in contrasto con la mentalità classica dell equilibrio e della cura del corpo, veniva ammirato e considerato forte l uomo ben in carne. Chi mangia molto è potente, quindi si distingue rispetto al povero. Il cibo diventa il riflesso della condizione sociale e il potens non perde certo occasione per far vedere la propria superiorità. Nelle case dei ceti più agiati venivano infatti organizzati molto spesso dei banchetti, dove abbondava non solo la quantità ma anche la qualità dei cibi. La carne è la pietanza simbolo di potere per eccellenza, perché è segno di forza e di violenza, entrambi atteggiamenti che servono a dimostrare la propria superiorità. Mangiare molto era d obbligo per il potens medievale, come ci ricordano alcune fonti: Liutprando da Cremona racconta che Guido, duca di Spoleto, è stato rifiutato come re dei Franchi proprio perché mangiava e beveva poco. Il vescovo di Metz, che avrebbe dovuto sceglierlo come re, disse di lui non è degno di regnare su di noi un re che si prepara un umile pranzo da dieci dramme. Così al suo posto venne scelto Oddone. (Liutprando di Cremona, Antapodosis, libro I) Carlo Magno, quando vede che un commensale ha sminuzzato brutalmente una grande quantità di ossa facendone un mucchio sotto la tavola, capisce che si tratta di un grande e valoroso guerriero, riconoscendo così Adelchi, figlio del re longobardo da lui sconfitto. (cronaca redatta da un monaco franco dell abbazia di Novalesa, poco dopo la capitolazione da Pavia, nel 774 d.c.) (Entrambi gli episodi sono trascritti in: M. Montanari, Convivio, Bari 1989) La cottura della carne La preparazione della carne era un procedimento piuttosto lungo perché veniva cotta due volte. Prima di tutto veniva bollita per renderla più morbida e anche per sterilizzarla; dalla bollitura si ricavava il brodo, poi conservato e usato come base per cucinare oppure per la preparazione di salse. Successivamente veniva cotta sul fuoco, in graticola o allo spiedo. Chi non mangiava carne in genere aveva nella società un ruolo diverso, più strettamente legato alla Chiesa, che ha anch essa comunque avuto un influenza importantissima nella società medievale, quindi di riflesso anche nell alimentazione. Il ruolo della Chiesa Se per il signore era importante mangiare in abbondanza per affermare il proprio potere, per il monaco l eccesso è portato al contrario. Infatti il digiuno monastico era 8

9 considerato un modello di vita pacifica, più attenta allo spirito che al corpo. Soprattutto il digiuno dalla carne diventava un segno distintivo importante, perché anche quando intesa come cibo, era comunque associata ai peccati della carne, condannati dalla Chiesa. Il monaco non avrebbe dovuto cibarsi di animali proprio per la violenza che inevitabilmente ciò comporta. In ogni caso il rifiuto del cibo in generale era considerato al primo posto tra i valori spirituali, quindi il digiuno assumeva un significato importante e di purificazione. Il digiuno dalla carne poteva essere obbligatorio o solo raccomandato, oppure riguardare un solo tipo di animale. Per la Chiesa l astensione era richiesta ogni settimana il mercoledì, venerdì e sabato, poi alla vigilia delle feste e nei quaranta giorni di Quaresima. Questo non solo per i monaci e il clero, ma anche per i laici. In questi giorni la carne poteva essere sostituita con il pesce, i grassi animali con quelli vegetali e il latte animale con quello di mandorle. Vediamo alcuni esempi di come la Chiesa prescriveva l astensione dalla carne e non solo, anche nel caso in cui venivano commessi reati. Molto utili in questo caso sono i penitenziali, cioè libri dove venivano catalogati i singoli peccati con le rispettive penitenze: Penitenziale di Burcardo (inizi XI secolo) Hai forse ucciso il tuo signore, o hai fatto parte di un complotto per la sua eliminazione? Hai ucciso tua moglie, parte inscindibile di te stesso? Se lo hai fatto ti diamo due alternative. O lascerai le vanità di questo mondo per rinchiuderti in monastero; oppure deporrai le armi e abbandonerai ogni attività lucrativa, astenendoti anche dalle carni e dal lardo ogni giorno della tua vita, eccetto Pasqua, Pentecoste e Natale. In tutti gli altri periodi dell anno farai penitenza a pane e acqua, prendendo ogni tanto verdura fresca e legumi, ma in ogni momento digiunerai, veglierai, pregherai e farai elemosina. Non berrai più vino, né bevanda aromatizzata o birra, se non nelle festività predette. Non potrai più sposarti ( ), non farai mai più un bagno, né cavalcherai ( ). (M.G. Muzzarelli, Norme di comportamento alimentare nei libri penitenziali, in Quaderni medievali, 13, 1982) Penitenziale romano Un anno di penitenza a pane e acqua deve svolgersi nel seguente modo: ogni settimana si digiuni a pane e acqua per tre giorni: lunedì, mercoledì, venerdì; in altri tre giorni, ossia martedì, giovedì e sabato, ci si astenga da vino, birra, carne, lardo, formaggio e uova come pure da ogni pesce grasso: ci si ciberà di minuscoli pesci, se possibile; diversamente ci si ciberà di un solo tipo di pesce, con verdura, legumi e frutta: sarà consentito bere un po di birra. 9

10 Ma le domeniche e nelle festività i penitenti parteciperanno, insieme agli altri cristiani, ai conviti, anche se in ogni momento eviteranno di ubriacarsi e rimpinzarsi a più non posso. (M.G. Muzzarelli, Norme di comportamento alimentare nei libri penitenziali, in Quaderni medievali, 13, 1982) Regola di San Benedetto La misura del cibo Dunque bastino ai fratelli due pietanze cotte; se poi vi fossero frutta o legumi teneri, se ne aggiunga una terza. Una buona libbra di pane basti per una giornata, tanto se si fa un pasto solo, quanto se vi è pranzo e cena. La misura del bere Tenendo conto della debolezza degli infermi, crediamo basti a ciascuna un emina di vino al giorno (antica unità di misura italica e romana pari a 0,273 litri). Per quanto leggiamo che il vino non è assolutamente per i monaci, pure, siccome non è possibile persuaderne i monaci, acconsentiamo che almeno non si beva fino a sazietà, ma con moderazione. (S. Benedetto, La regola, edizione S. Paolo 2009) I ricettari medievali Il ricettario di cucina manoscritto può essere a forma di rotolo o come un moderno volume di cucina. Un esempio del primo caso è la più antica versione del libro chiamato Viander, datato alla fine del Duecento e di provenienza francese. Per quanto riguarda i manoscritti italiani, invece, compaiono alla fine del medioevo, tra il XIV e il XV secolo. Degli inizi del Trecento è il Liber de coquina, redatto probabilmente alla corte angioina di Napoli, scritto in latino, da cui poi derivarono altre traduzioni in lingua volgare. E stato utilizzato non solo in Italia ma anche in Francia e Germania. Della seconda metà del Quattrocento è invece l opera del Maestro Martino: il Libro de arte coquinaria, scritto in lingua volgare. Questo importante personaggio ha lavorato a Milano alla corte di Francesco Sforza e a Roma alla corte pontificia dove è stato cuoco segreto, cioè personale, dei papi Paolo II e Sisto IV. Questo libro è molto chiaro, le ricette sono raccontate in tutte le fasi. Crea molte ricette nuove e con lui nascono anche parole che poi saranno di largo uso, come polpetta e frittella. Di diverso scopo ma comunque molto importanti sono invece i Tacuina sanitatis, dei quali troviamo in museo la rappresentazione pittorica di tre episodi. 10

11 Tacuinum sanitatis: (Verona, palazzo dei Tribunali; pitture murali staccate) Erano trattati di argomento medico, molto diffusi. Si presentavano in forma di manuali e, oltre a prendere in considerazione farmaci, indicavano prodotti alimentari spiegandone le proprietà e l utilità per la salute. I frammenti esposti nel Museo provengono dal palazzo di Cansignorio e raffigurano tre episodi; essi sono simili ad un libro, con le immagini e la spiegazione sottostante. Nel primo troviamo raffigurata la bottega di un fornaio, in quanto si vuol parlare dell amido di frumento e delle sue virtù. Nel secondo episodio si parla del vino, infatti si vede un uomo che tiene in mano una coppa. Nell ultimo protagonisti sono una coppia che si bacia sotto un albero e vengono trattate le proprietà dell aneto (utilizzato per aiutare la digestione e come rimedio contro l alito cattivo). Il vino Bere molto vino era considerato un fattore positivo, in quanto era un simbolo di prestigio sociale fin dal mondo romano (perché il lavoro dell uomo riusciva a trasformare un prodotto della natura in qualcosa di superiore). Per questo gli uomini ne bevevano anche più di due litri al giorno. Il vino veniva poi allungato con acqua (miscere significava versare e mescolare il vino), oppure condito con spezie e aromi o temperato con miele e assenzio. Ad esso venivano attribuite anche proprietà medicinali. Infatti era considerato un antisettico per disinfettare l acqua e ricostituente contro la debolezza. Si distinguevano vari tipi di vini: i vini fiore, cioè quelli realizzati con la prima spremitura delle uve; i vinelli prodotti con la spremitura dei rimasugli. 11

12 I bianchi e i chiaretti erano considerati più raffinati perché leggeri e delicati, quindi destinati alle classi superiori, mentre per quelle inferiori erano più adatti i vini rossi. Le differenze tra ricchi e poveri Le persone di classe più elevata e quelle più umili mangiavano più o meno le stesse cose, la differenza stava nella quantità. Infatti in periodo di carestia i più ricchi avevano comunque a disposizione delle riserve alimentari, mentre i poveri si devono accontentare di quello che trovavano, come ad esempio erbe selvatiche o radici. Inoltre per i più abbienti erano numerose le occasioni di festa e i banchetti, per festeggiare ricorrenze o avvenimenti famigliari, battaglie vinte ecc., mentre i più poveri festeggiavano solo nelle festività legate al calendario liturgico, quindi Natale, Pasqua e Carnevale. Tuttavia, anche se a grandi linee gli alimenti erano gli stessi, alcune cose assumevano un significato particolare perché simbolo della classe superiore, come ad esempio la carne, soprattutto la cacciagione. Infatti tutti se la potevano procurare cacciando ma la si trovava in grandi quantità sulle tavole delle classi più agiate perché era simbolo di forza e superiorità. Madonna della quaglia: (Antonio di Puccio Pisano, detto Pisanello, tempera su tavola) Pisa? Ante 1395-Roma 1455 circa; Questa tavola, dipinta intorno al 1420, è un opera giovanile di Pisanello, uno dei protagonisti dell arte italiana del Quattrocento. Si formò a Verona, luogo di origine di sua madre, mentre il padre era un mercante pisano; in città dipinse, nella chiesa di Sant Anastasia, il grande affresco San Giorgio e la principessa. La Madonna del dipinto di Castelvecchio è detta dell umiltà perché è seduta su un cuscino e non in trono. In alto vi sono due angeli mentre sullo sfondo vi è una siepe con le rose, simbolo di Maria, e due cardellini, simbolo di Gesù. La quaglia in primo piano è simbolo di salvezza, poiché Dio inviò come cibo agli ebrei nel deserto la manna e le quaglie. Nel medioevo e non solo, la quaglia fa parte della cacciagione ed era un alimento spesso presente sulle tavole, soprattutto quelle aristocratiche. Anche le sue uova erano considerate una raffinata prelibatezza. 12

13 Quaglie ripiene allo spiedo (ricetta medioevale) Procedimento: salare e pepare le quaglie dall interno, inserirvi una noce di burro e farcire con tanto formaggio. Mettere una foglia d alloro sul ventre e sul dorso, poi avvolgerla in due fette di lardo e chiudere con uno stecchino. Una volta messe allo spiedo devono cuocere per minuti, sorvegliandole attentamente. Il passaggio al basso medioevo e al rinascimento Sul finire del medioevo e l inizio del rinascimento la società cambia e con essa anche l alimentazione e il modo di mangiare. Se nei primi secoli del medioevo l abbuffarsi e il fatto di essere robusti erano una componente essenziale della figura del potens, col passare del tempo questa idea si modifica. Tra le virtù positive dell uomo non rientrano più tanto la forza fisica, ma le capacità amministrative e diplomatiche; non il mangiare e il bere molto ma la disponibilità di cibo da offrire e da mostrare. Quindi prevale più che altro un carattere ostentatorio: sui banchetti si fa molta attenzione al modo di presentare il cibo, a come viene servito, allo scopo di mettere in evidenza la distinzione del livello sociale. Nella società aristocratica si fa strada il modello di vita cortese, contrapposto alla volgarità del popolo, con un attenta definizione degli stili di vita. Spesso negli statuti vengono inserite anche leggi suntuarie che servono appunto a controllare il lusso, perché l eccesso di ostentazione delle classi minori (con il rifiorire dei commerci molti mercanti avevano grandi disponibilità di denaro anche se non erano nobili), non crei squilibri nell ordinamento sociale. Il concetto principale di questa nuova mentalità è che si deve mangiare a seconda della qualità della persona, intendendo con ciò le caratteristiche fisiche e la tipologia di ognuno. Quindi rinasce in parte il pensiero medico antico: mangiare in maniera equilibrata tenendo conto dell età, del sesso, dello stato di salute e del tipo di attività svolta. Se distinguere la propria classe sociale attraverso il cibo è fondamentale, tra la fine del medioevo e la prima età moderna è la qualità che la fa da padrona: ognuno deve mangiare a seconda del proprio rango. Nelle cronache e nei trattati medici del XIV e XV secolo viene riportato che chi non mangia alimenti destinati al proprio rango è soggetto a dolori e malattie. A questo proposito anche nel Bertoldo di Giulio Cesare Croce, scrittore italiano del XVI secolo che spesso si riferisce al periodo medievale, si racconta che i medici fallirono nel tentativo di curare un contadino con cibi rari e delicati, perché non adatti al suo stomaco. Si sarebbe salvato solo mangiando cibi adatti alla sua condizione sociale. 13

14 Interno con cucina: (Marten van Cleef, Anversa ; olio su tavola) Il dipinto, datato e firmato sul retro, è del 1565 e rappresenta un interno con cucina. La composizione è affollata di personaggi e composta su piani paralleli. Vi sono persone che cucinano in primo piano, altre sedute ai tavoli e altre che suonano. Com era strutturata una cucina? La cucina delle dimore aristocratiche e delle case borghesi era un locale a parte, mentre in quella dei contadini e degli artigiani si prepara e si mangia nello stesso locale. L elemento fondamentale della cucina è il camino aperto (che si può vedere bene anche nel dipinto), che veniva usato per tutti i tipi di cottura, perché il forno era destinato solo al pane. Pentole, teglie, padelle e spiedi erano sempre esposti alla fiamma viva ed era il cuoco che sapeva far diventare la fiamma dolce o aggressiva a suo piacimento. La figura del cuoco era quindi fondamentale ma anche qui occorre fare delle distinzioni a seconda del livello sociale. In una casa signorile i compiti erano divisi tra più persone: vi era l addetto allo spiedo, l incaricato delle salse, lo specialista in brodetti. Nelle case contadine e borghesi, invece, una sola persona cucinava, su scala ridotta e si occupava di tutto. 14

15 Concerto a tavola: (Ambrosius Benson, Lombardia ante 1500-Bruges 1550; olio su tavola) In questo dipinto si respira sicuramente un atmosfera cortese. Il pittore mette in evidenza l eleganza, sia nei costumi che nella composizione della tavola. La scena è ambientata all aperto, in un giardino, e si possono notare le dimore principesche sul fondo. Si tratta di un momento conviviale: stare assieme attorno a una tavola svolgendo un attività di un certo livello, come suonare musica, per distinguersi dai ceti inferiori. Volontà di distinzione che si vede anche negli abiti eleganti, negli sguardi e negli atteggiamenti dei protagonisti. Il cibo, nei momenti lieti e nei festeggiamenti, non può mai mancare sulla tavola. In questo caso troviamo della frutta, consumata in un momento di aristocratico relax. Interessante notare anche che il tema del concerto a tavola viene associato alla parabola dei figliol prodigo, nel momento in cui il giovane spende tutti i beni del padre. L uomo che si toglie il berretto è stato infatti interpretato come un allusione al saluto al padre. 15

16 Natura morta con l andata a Emmaus : (Joachim Beuckelaer (?), Anversa ; olio su tavola) In questo dipinto troviamo un primo piano occupato interamente da cibi e stoviglie, dove possiamo notare carne, cacciagione, frutta e verdura. Sullo sfondo invece è presente un soggetto sacro: l andata ad Emmaus, raccontata nel Nuovo Testamento. Sul perché siano stati associati questi due soggetti vi è un ipotesi interessante, che prevede un legame con la religione. Il dipinto avrebbe la funzione di insegnamento morale, mostrando la contrapposizione tra la vita mondana, con il cibo, e la vita spirituale, rappresentata dall episodio religioso della vita di Cristo sullo sfondo. Abbiamo già avuto modo di vedere come il legame tra cibo e religione fosse veramente molto profondo e come la Chiesa impartisse insegnamenti morali anche attraverso il cibo. La scoperta di nuovi territori e di nuovi cibi Con le nuove scoperte geografiche e le prime esplorazioni delle Americhe giunsero in Europa prodotti e cibi nuovi: mais, patate, arachidi, pomodori, ananas, banane, melanzane, peperoni, peperoncino, tapioca, cioccolato, caffè, vaniglia e tacchino. Ma dal momento in cui questi prodotti vengono conosciuti a quello in cui vengono effettivamente consumati e inseriti nel sistema alimentare, passa molto tempo, anche secoli (ad esempio i contadini iniziarono a coltivare il mais solo tra Seicento e Settecento per affrontare un periodo di carestia). Quindi sulle tavole della prima età moderna i prodotti americani non erano molto presenti perché, dopo la curiosità iniziale, si diffuse una sorta di diffidenza verso queste novità. 16

17 Il banchetto Il banchetto è un momento molto importante delle classi medio-alte, perché è lo strumento per eccellenza per affermare il proprio potere. Ha un valore fortemente simbolico perché sottolinea anche i rapporti di appartenenza o di estraneità, infatti l esclusione dalla mensa è di fatto l esclusione dalla comunità. E il luogo in cui si definiscono le dinamiche all interno di un gruppo. Violenze, tradimenti, scontri, hanno spesso come teatro la sala della mensa. Come ogni pranzo al ristorante si compone di diverse portate, anche nel banchetto ci sono molti servizi successivi, ognuno dei quali composto da cibi diversi posti contemporaneamente sulla tavola. I commensali si servivano in genere del cibo loro più vicino, perché sarebbe stato indice di maleducazione passare davanti a qualcuno per prendere il cibo in un altro piatto. Quindi vi era una sorta di sistemazione gerarchica non solo dei posti, ma anche del cibo stesso. Molti dei menù giunti fino ai giorni nostri provengono dalla Francia, perché quelli italiani giunti fino a noi sono pochissimi e poco comprensibili. Confrontando però altre fonti gli studiosi hanno dedotto che in Italia la concezione del banchetto era simile a quella francese. I servizi (simili alle nostre portate ) che si susseguivano nel banchetto erano i seguenti: 1 servizio: per aprire la bocca veniva servita frutta fresca di stagione (melone, ciliegie, fragole, uva) oppure insalate condite con sale, olio e aceto, quindi con una componente acida. 2 servizio: si proseguiva con piatti che richiedevano una cottura più lunga, quindi i piatti in salsa, detti in Italia brodetti. 3 servizio: venivano servite le carni arrosto, accompagnate da diverse salse. Entremets: era una specie di pausa in cui venivano servite preparazioni dolci o salate, accompagnate da intermezzi musicali, di danza e esibizioni acrobatiche per intrattenere gli ospiti. Potevano essere anche serviti alimenti travestiti, come grossi volatili riempiti all ultimo minuto con uccellini vivi, pollo ricoperto da foglie d oro, per creare maraviglia e stupire gli invitati. 4 servizio: desserte, cioè venivano serviti vari dolciumi. 5 servizio: issue de table, cioè l alzata da tavola, con la quale si concludeva il pasto con formaggi, frutta candita, dolci leggeri accompagnati da ippocrasso (bevanda a base di vino rosso e spezie) o malvasia. Questi alimenti erano destinati a chiudere lo stomaco e attivare la digestione. Per finire in un altra stanza avveniva il boute-hors, letteralmente caccia-fuori, dove venivano consumati coriandolo e zenzero canditi che favorivano la digestione e purificavano l alito. 17

18 La tavola e la disposizione dei posti La tavola medievale era disposta ad U per vedere meglio gli spettacoli di intrattenimento che si svolgevano nel mezzo; i tavoli erano coperti da tovaglie. La parte corta, la base della U, era chiamata tavola alta, perché posta su una sorta di palchetto e destinata al principe e agli ospiti più importanti, mentre mano a mano che ci si allontanava dal signore erano sistemati gli ospiti di rango inferiore. In questo modo veniva rispettata la gerarchia sociale. A questo proposito è interessante raccontare un episodio accaduto a Dante. Arrivato alla corte di re Roberto a Napoli, non era vestito in maniera elegante e a pranzo, proprio a causa del suo abbigliamento, non fu riconosciuto e venne sistemato in coda alla tavola. Mangiò lo stesso perché aveva fame, ma poi lasciò la città. Re Roberto lo richiamò e stavolta Dante si presentò riccamente vestito, per cui sedette in capo alla mensa. A pranzo appena iniziato, Dante si rovesciò intenzionalmente addosso cibo e vino, perché fossero le vesti a godere del pranzo offerto, dato che il giorno prima era stato messo in coda al tavolo a causa del suo abbigliamento (Giovanni Sercambi, novella LXXI). A tavola il coperto individuale non esisteva, neanche per i personaggi più importanti, perché era importante il rito del mangiare insieme e della condivisione. Bisognava dividere col vicino, anche se sconosciuto, scodella, bicchiere e tagliere. Quest ultimo era solitamente una fetta di pane su cui veniva appoggiato il cibo solido. Quindi serviva attenzione e rispetto per il vicino di mensa, senza precipitarsi a prendere i bocconi migliori. E buona educazione lavarsi le mani prima di mettersi a tavola, anche per una questione di igiene, in quanto i cibi solidi andavano presi con le mani direttamente. Solo il cucchiaio e il coltello erano individuali e spesso quest ultimo veniva portato anche da casa. La forchetta inizialmente non era conosciuta per quest uso e iniziò ad essere adoperata dalla fine del Trecento. Il cucchiaio serviva per pescare dalla scodella condivisa i cibi liquidi e le salse, mentre il coltello serviva per tagliare i cibi solidi dal tagliere, che poi venivano presi e portati alla bocca con le dita. Solitamente si offriva anche al vicino di posto, soprattutto se si trattava di una donna, perché non era padrona dell arte del taglio. Saper trinciare, cioè tagliare la carne, doveva essere una caratteristica di tutti i convitati maschi, perché faceva parte dell educazione aristocratica. Al banchetto erano presenti un gran numero di servitori, ognuno con una funzione particolare: - i coppieri: provvedevano al servizio delle bevande - il trinciante: presiedeva al taglio delle carni al tavolo d onore. Poteva anche essere di estrazione nobiliare. - lo scalco: era il responsabile di tutti i servitori, incaricato del rifornimento dei viveri, della scelta dei menù e del controllo della realizzazione dei piatti. 18

19 Il galateo Di fondamentale importanza era anche il saper stare a tavola. Oltre a lavarsi le mani e al rispetto del posto che viene assegnato, era necessario seguire una serie di regole, alcune valide ancora oggi. Dato che non c erano salviette per le mani, le dita si asciugavano direttamente sulla tovaglia e non andavano succhiate perché era un segno di grande maleducazione. Non si poteva neanche rimettere nel piatto un pezzo di carne già portato alla bocca, sputare di lato al tavolo oppure soffiarsi il naso con la tovaglia (anche perché serviva già per pulirsi le mani!). Il bicchiere non poteva essere alzato davanti ad una persona di rango superiore, né si poteva bere prima dell invito del padrone di casa. Prima di bere ci si deve pulire la bocca, lo si fa a piccoli sorsi e senza fare rumore o ruotare il bicchiere di colpo. La maraviglia in tavola Anche l occhio vuole la sua parte e l importante era stupire gli invitati al banchetto. Il ruolo dei colori era importantissimo e si usavano vari stratagemmi per colorare cibi e salse. Anche la scelta gastronomica dei cibi da parte del cuoco teneva conto dell associazione cromatica. Le salse soprattutto erano spesso utilizzate con questa funzione, oltre che per condire i cibi. Per ottenere i colori venivano usati prodotti naturali come foglie di spinaci, erbe (prezzemolo e basilico) per il verde; cannella e zafferano per le varie tonalità di giallo; le salse scure erano ricavate con uva passa, prugne e fegatini. Venivano usati anche, per la gamma di colore che va dal rosa al rosso, coloranti ricavati da vegetali non commestibili, come il legno di sandalo (il colore ricavato era chiamato sangue di drago), e alcuni tipi di radici e licheni. Per stupire l ospite i cibi potevano essere preparati e serviti anche in modo particolare. Poteva capitare di trovarsi in tavola il cinghiale che buttava fuori fumo dalla bocca, timballi da cui uscivano uccelli vivi che svolazzavano per la sala, gelatine molto liquide con all interno piccoli pesci vivi inseriti a fine preparazione. Anche torte e pasticci potevano essere ripieni in modo da creare l effetto sorpresa. 19

20 SCHEDE DI CONSOLIDAMENTO: LEGGI E RIFLETTI Tutte le fonti utilizzate per queste schede sono tratte da: M. Montanari, Nuovo convivio, Bari I consigli di Leonardo Nei testi di Leonardo da Vinci vi è una piccola raccolta di consigli igienico-alimentari, scritti in forma di sonetto. Se voi star sano osserva questa norma non mangiar sanza voglia, e cena leve, mastica bene, e quel che in te riceve sia ben cotto e di semplice forma. Chi medicina piglia mal s informa. Guarti dall ira e fuggi l aria grieve; su dritto sta, quando da mensa leve; di mezzogiorno fa che tu non dorma. El vin sia temperato 1, poco e spesso, non for di pasto né a stomaco voto; non aspectar né indugiare il cesso; se fai esercizio sia di picciol moto. Col ventre resuppino 2 e col capo depresso non star, e sta coperto ben di notte; el capo ti posa e tien la mente lieta. Fuggi lussuria e attienti alla dieta. Riflessioni: Quali consigli ti sembrano validi anche oggi? 1 Temperare il vino significa diluirlo 2 Significa stare disteso sulla schiena con il ventre rivolto verso l alto 20

INVITO A BANCHETTO: IL CIBO E LA MARAVIGLIA SULLE TAVOLE MEDIOEVALI E RINASCIMENTALI

INVITO A BANCHETTO: IL CIBO E LA MARAVIGLIA SULLE TAVOLE MEDIOEVALI E RINASCIMENTALI INVITO A BANCHETTO: IL CIBO E LA MARAVIGLIA SULLE TAVOLE MEDIOEVALI E RINASCIMENTALI Il giorno 5 febbraio la classe 1^B accompagnata dalle insegnanti Silvia Fezzi e Marisa Tessari ha partecipato ad un

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI Scheda 13 L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI 1. Leggi attentamente il paragrafo seguente, ritaglialo e incollalo sul quaderno. Trova un titolo adeguato e scrivilo; quindi ritaglia ed incolla i disegni che rappresentano

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca Menù AZZURRO Prepasto Zanzarelli Minestra Brodetto saracenico Pasto Pollo al finocchio Postpasto Budino di frutta secca 1 Ricetta e preparazione menu azzurro (4) Zanzarelli (Libro de arte coquinaria, Maestro

Dettagli

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE INDICE PRESENTAZIONE 5 GLOSSARIO ESSENZIALE 6-9 Celti, greci, latini: la cucina racconta la storia 10-11 Comuni, signorie, regioni: le cento cucine d Italia 12-13 Le differenze regionali nel lessico della

Dettagli

PIATTI TIPICI DI FABRO

PIATTI TIPICI DI FABRO PIATTI TIPICI DI FABRO Vigilia di Natale Crostini di cavolo: pane abbrustolito con cavolo lessato e condito con olio, sale e aceto. Frittelle di cavolfiore: cavolfiore lessato e fritto in pastella Minestra

Dettagli

COLAZIONE TURCA COLAZIONE

COLAZIONE TURCA COLAZIONE COLAZIONE TURCA Descrizione della tradizionale colazione turca. Noi diamo grande importanza alla prima colazione, soprattutto il fine settimana. Una tipica colazione turca è costituita da fette di formaggio

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( )

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( ) INDOVINA COSA MANGIO Ciao! La Commissione Mensa, composta dai genitori di alcuni ragazzi che frequentano la tua stessa scuola, si occupa di ciò che mangi in mensa. Il suo obiettivo è quello di migliorare

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C IN COLLABORAZIONE CON Le esperte dell Azienda Provinciale Servizi Sanitari Dott.ssa Ramona Camellini e Marilena

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

La cucina e la tavola Lezione 4 Gilberto Marzano

La cucina e la tavola Lezione 4 Gilberto Marzano Riso con piselli Ingredienti; 1kg di piselli freschi, 500 g di riso, 80 g di burro, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, 1 cipolla, olio, sale e qualche foglia di menta. Preparazione: Sgranate i piselli.

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

ESERCIZI. Esercizio 1: SEGNA CON X LA RISPOSTA GIUSTA. Gli invitati mangiano con. cucchiaio e coltello. cucchiaio e forchetta. forchetta e coltello

ESERCIZI. Esercizio 1: SEGNA CON X LA RISPOSTA GIUSTA. Gli invitati mangiano con. cucchiaio e coltello. cucchiaio e forchetta. forchetta e coltello ESERCIZI Esercizio 1: SEGNA CON X LA RISPOSTA GIUSTA Gli invitati mangiano con cucchiaio e forchetta cucchiaio e coltello forchetta e coltello I cuochi preparano le tavole preparano i cibi suonano il liuto

Dettagli

Ricette di Andreas Caminada

Ricette di Andreas Caminada Zuppa di gulasch 600 g di cipolle 800 g di carne di manzo 20 g di paprika in polvere (piccante o dolce) 10 g di cumino 1 tazza di brodo 1 spicchio d'aglio peperoncino buccia di 1/2 limone 3 peperoni rossi

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

Indice del volume. Prefazione di Georges Duby Ringraziamenti Premessa 3. Zuppe e pasta in brodo. Porrate e verdure STORIE DI CUCINA 7

Indice del volume. Prefazione di Georges Duby Ringraziamenti Premessa 3. Zuppe e pasta in brodo. Porrate e verdure STORIE DI CUCINA 7 Indice del volume Prefazione di Georges Duby Ringraziamenti Premessa 3 VII XI STORIE DI CUCINA 7 LA CUCINA MEDIEVALE OGGI 45 ALCUNI MENÙ 59 BRODETTI Zuppe e pasta in brodo 1. Cretonnée di piselli freschi

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab Elvira Khakimova Finder 184 Spirelab ELVIRA KHAKIMOVA 23-01-2012 F1954 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 9% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli

La Cucina ai tempi del Medioevo a cura di Dario Riccitelli

La Cucina ai tempi del Medioevo a cura di Dario Riccitelli La Cucina ai tempi del Medioevo a cura di Dario Riccitelli Nota dell autore: noi Tro.Ta. siamo dei grandi cultori del buon cibo e del buon vino, che consideriamo (e non siamo i soli) una parte fondamentale

Dettagli

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA AGRICOLTURA ETRUSCA Gli Etruschi svilupparono techiche agricole che permisero di ottenere prodotti di qualità come il vino e l olio oltre che il grano. La grande produzione di grano venne spesso esportata

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari DELLE COMMISSIONI MENSA la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari 10 gennaio 2008 Lucia Antonioli Margherita Schiavi 3 COME SI STRUTTURA UNA TABELLA DIETETICA 5 LARN Livelli di assunzione

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito.

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA MURICCHIO di Dott.sa Daniela Fasce &C. s.a.s. via Rattazzi, 36-19121 La Spezia tel./fax 0187 22953 CF - P.IVA 00762660116 - e mail: lab.muricchiodifasce@libero.it BI-FOOD

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

Accoglierli al ristorante

Accoglierli al ristorante 8 Accoglierli al ristorante Osservando i comportamenti dei turisti cinesi in Italia negli ultimi dieci anni si vede chiaramente come la maggior parte di loro sia diventata disponibile, ed anzi interessata

Dettagli

Programma di mesi. Bentornato peso forma!

Programma di mesi. Bentornato peso forma! Programma di mesi Bentornato peso forma! 2 3 Mettiti in forma con il nuovo anno! Programma mesi Tra i 10 propositi dell anno nuovo c è il desiderio, o meglio la volontà di perdere peso, di alimentarsi

Dettagli

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione Ricettario tabella dietetica Asilo Nido Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana,

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab Alessia Consolaro TIAMI 180 Spirelab ALESSIA CONSOLARO 23-10-2012 T2085 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 5% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI E MIE R IC E T T E ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI Ingredienti: Legumi secchi o freschi a scelta Cereali misti a scelta Carota, sedano, cipolla dorata, aglio Salvia, rosmarino Olio extravergine di oliva

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) 1 tacchino (peso complessivo di 6 kg circa) 1 kg di castagne 150 g di burro mollica di pane raffermo cipolla sedano rosmarino

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

DIMAGRITE COME LE STAR

DIMAGRITE COME LE STAR DIMAGRITE COME LE STAR APPETITE STOP FAT BURNER METABOLISM BOOST COME DEVE ESSERE LA MIA ALIMENTAZIONE? LISTA DEGLI ALIMENTI COSA POSSO MANGIARE? PERCHÉ NON POSSO CONSUMARE INDICAZIONI PER 30 GIORNI

Dettagli

L ARTE DA ASSAGGIARE progetto realizzato da Silvia Bosio per la manifestazione «E se... la storia fosse cibo» progettata da Francesco Marino

L ARTE DA ASSAGGIARE progetto realizzato da Silvia Bosio per la manifestazione «E se... la storia fosse cibo» progettata da Francesco Marino L ARTE DA ASSAGGIARE progetto realizzato da Silvia Bosio per la manifestazione «E se... la storia fosse cibo» progettata da Francesco Marino ANTICA GRECIA Nella Grecia antica (circa IX sec. a.c.) la cucina

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

Le ricette. Minestra di ceci - Brodo di ciceri rossi. Per farne octo minestre: togli una libbra e mezza di ciceri et. Ingredienti:

Le ricette. Minestra di ceci - Brodo di ciceri rossi. Per farne octo minestre: togli una libbra e mezza di ciceri et. Ingredienti: Le ricette Minestra di ceci - Brodo di ciceri rossi Per farne octo minestre: togli una libbra e mezza di ciceri et 200 g di ceci 1 cucchiaio di farina 2 cucchiai d olio d oliva 10 grani di pepe macinati

Dettagli

Menù Viola. Prepasto Torta d agli. Minestra Gnocchi di formaggio fresco. Pasto Spiedo di carni miste con salsa di prugne e agliata

Menù Viola. Prepasto Torta d agli. Minestra Gnocchi di formaggio fresco. Pasto Spiedo di carni miste con salsa di prugne e agliata Menù Viola Prepasto Torta d agli Minestra Gnocchi di formaggio fresco Pasto Spiedo di carni miste con salsa di prugne e agliata Postpasto Pere sciroppate 1 Ricette e preparazione del menù viola (3) Torta

Dettagli

INDICE. Olio Extravergine di Oliva, 100% Italiano: Olio Extravergine di Oliva, 100% Unione Europea: Condimenti a base di Olio Extravergine di Oliva:

INDICE. Olio Extravergine di Oliva, 100% Italiano: Olio Extravergine di Oliva, 100% Unione Europea: Condimenti a base di Olio Extravergine di Oliva: INDICE Olio Extravergine di Oliva IGP, Toscana: Privilegio Privilegio BIO Cento Ulivi Pagina: 3 3 4 Olio Extravergine di Oliva, Toscana: La Casaccia 4 Olio Extravergine di Oliva, 100% Italiano: Filo d'oro

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

I CIBI DELL ANTICA ROMA

I CIBI DELL ANTICA ROMA I CIBI DELL ANTICA ROMA I Romani primitivi erano frugalissimi, ma i loro discendenti dell età imperiale non badavano a spese per la buona tavola. Nelle villae si allevavano pesci, selvaggina, uccelli e,

Dettagli

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola Catalogo Dal 1976 Aldera Food offre ai propri clienti prodotti freschi, genuini e di alta qualità, come fatti in casa e tutt ora conserva i segreti tramandati da una generazione all altra proponendo e

Dettagli

Piccolo ricettario della lumaca

Piccolo ricettario della lumaca Piccolo ricettario della lumaca Di me puoi gustare il meglio solo quando mi chiudo in casa Quando sono opercolate ed è autunno inoltrato, prendi delle belle e grosse lumache, immergile in acqua bollente

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA di Francesca Tammaccaro, Paolo Torresan Sequenza di suoni 1 bollire 2 friggere 3 mescolare 4 accendere il gas 5 versare 6 tagliare 38 Livello principiante Obiettivi: comprendere

Dettagli

ricette per cucinare le rane

ricette per cucinare le rane 2 Introduzione Come già detto, le rane sono una prelibatezza per palati fini e anche nel passato, quando era possibile catturarne, venivano cucinate in vari modi, in base anche alla quantità di cui si

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Carne svizzera di vitello.

Carne svizzera di vitello. Carne svizzera di vitello. Piacere delicato nella qualità migliore. www.carnesvizzera.ch Per una cucina delicata e leggera La carne svizzera di vitello è tenera e ha un sapore molto delicato, ma è anche

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

il cibo nella storia

il cibo nella storia il cibo nella storia preistoria l uomo si nutriva di ciò che trovava nell era era Neolitica l uomo sperimentò l agricoltura e l allevamentol con la scoperta del fuoco il cibo veniva cotto 4000 a C. Gli

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT

RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT - 1 - RICETTARIO - 2 - RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT La pentola Slow Cooker è lo strumento ideale per chi vuole cucinare con facilità. Bastano pochi passi e il risultato sarà sempre perfetto!

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Brainfood: come nutrirsi per dare il meglio di sé

Brainfood: come nutrirsi per dare il meglio di sé Brainfood: come nutrirsi per dare il meglio di sé In collaborazione con Corinne Spahr Consulente alimentare dipl. SUP Mangiare bene non ci rende più intelligenti di quanto già non siamo, ma scegliere bene

Dettagli

Zenzero & Cannella in cucina

Zenzero & Cannella in cucina Zenzero & Cannella in cucina Via Torino 39 33100 Udine Cell. : 334-8058646 Emanuela 328-9748537 Licia e-mail zenzeroecannellaincucina@virgilio.it "CUCINARE BENE PER SODDISFARE LA GOLA E NUTRIRE LO SPIRITO"

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Storia dello Zafferano

Storia dello Zafferano Riso e zafferano Riso Zafferano Origine: India Orientale Arriva in Europa: grazie alla conquista dell Asia da parte di Alessandro Magno All'inizio viene utilizzato: a scopo terapeutico Trionfa definitivamente

Dettagli

RICETTARIO APRILE 2015

RICETTARIO APRILE 2015 RICETTARIO APRILE 2015 RISOTTO CON FIORI DI BORRAGINE, MANDORLE E LIMONE GRATTUGIATO DI SORRENTO - 280 g di riso, 2-3 mazzetti di fiori di borragine, - 1 scalogno, - 1 l di Brodo vegetale (per la preparazione

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014 ASPETTI GASTRONOMICI Le TIPICITA delle diverse cucine mondiali Creazione di alcune ricette 2 TIPICITA CUCINA

Dettagli

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Le nostre ricette DietaVita sono studiate secondo i principi di una dieta equilibrata e varia, e ognuna fornisce circa 500-600 calorie. Snack e bevande contenenti

Dettagli

Mediet erranea. Sapori e profumi dal Mediterraneo. Festival del buon mangiare e del buon vivere

Mediet erranea. Sapori e profumi dal Mediterraneo. Festival del buon mangiare e del buon vivere Mediet erranea Sapori e profumi dal Mediterraneo Festival del buon mangiare e del buon vivere Piazza Armerina 16 19 marzo 2013 Chiostro dei Gesuiti centro storico Piazza: un modello di sviluppo Piazza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO COLLETTIVO ORIGINE NEL COMUNE CARAGLIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO COLLETTIVO ORIGINE NEL COMUNE CARAGLIO ART. 1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO COLLETTIVO ORIGINE NEL COMUNE CARAGLIO Il Comune di Caraglio, nell intento di promuovere i beni ed i servizi prodotti sul territorio comunale, adotta un marchio

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI Ricettario Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana, timo, alloro, basilico) e farli cuocere in acqua per un'ora a fuoco moderato. Colare il brodo ed

Dettagli

ALIMENTAZIONE E QUALITA DI VITA DEGLI ANZIANI 15/11/2005 SALA 150 CAMERA DI COMMERCIO DI MODENA

ALIMENTAZIONE E QUALITA DI VITA DEGLI ANZIANI 15/11/2005 SALA 150 CAMERA DI COMMERCIO DI MODENA ALIMENTAZIONE E QUALITA DI VITA DEGLI ANZIANI 15/11/2005 SALA 150 CAMERA DI COMMERCIO DI MODENA Società mista pubblica-privata con il Comune di Casalecchio di Reno per la refezione scolastica comunale

Dettagli

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia 12 1 I COPERCHI SMARTY PATATE AL FORNO Facili da usare Non sporcano Sono sicuri Riducono le dosi dei condimenti Pulite bene le patate e tagliatele a tocchetti. Accendete il fornello a fuoco medio. Coprite

Dettagli

Menù Verde. Prepasto Torta di erbe. Minestra Minestra di erbe fresche. Pasto Pesce in agrodolce. Postpasto Mele del paradiso servite su pan perso

Menù Verde. Prepasto Torta di erbe. Minestra Minestra di erbe fresche. Pasto Pesce in agrodolce. Postpasto Mele del paradiso servite su pan perso Menù Verde Prepasto Torta di erbe Minestra Minestra di erbe fresche Pasto Pesce in agrodolce Postpasto Mele del paradiso servite su pan perso 1 Ricette e preparazione del Menù Verde (1) Torta di Erbe (Liber

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Il piccolo ricettario della cucina di recupero

Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero nasce nell ambito del progetto CiBiTe Cibo, Biodiversità e Territorio

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO 1 ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO Data: Aprile 2014 Il Documento è composto di n 7 pagine - pag1 di pagine7 - 2 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI

Dettagli

PRODOTTO Le Masserie del Duca,Crema di Cipolle e Mela Verde. PRODOTTO Le Masserie del Duca,Crema di Carciofo

PRODOTTO Le Masserie del Duca,Crema di Cipolle e Mela Verde. PRODOTTO Le Masserie del Duca,Crema di Carciofo Le Masserie del Duca,Crema di Carciofo Carciofo 45%, Patate, Olio agrumato al Limone, aceto di vino,sale, erbe aromatiche, aglio e senape. NOTIZIE SULLA PREPARAZIONE E CON I carciofi vengono trasformati

Dettagli

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA Cereali e derivati Avena 16,9 6,9 55,7 10,6 389 Farina di avena 12,6 7,1 72,9 7,6 388 Farina di castagne 5,8 3,7 71,6 10,9 323 Farina di ceci 21,8 4,9 54,3 13,8 334 Farina

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

1. 2. 3. 4. 5. a. Come bere b. Il sale c. La scarpetta d. La postura. e. Il buon appetito f. Come mettere le posate g. Cellulare

1. 2. 3. 4. 5. a. Come bere b. Il sale c. La scarpetta d. La postura. e. Il buon appetito f. Come mettere le posate g. Cellulare Comprensione scritta Elicitazione, accoppiamento, produzione orale e scritta libera 15 marzo 2015 Livello C2 Galateo italiano. 1. Prima della lettura. Sai comportarti bene a tavola? Quali sono, secondo

Dettagli

Mangio bene con voi!

Mangio bene con voi! Mangio bene con voi! Informazioni per mamma e papà (a partire dai 6 mesi di vita del proprio bambino) Inizia a introdurre gli alimenti solidi intorno ai 6 mesi Segnali per capire se il tuo bambino è pronto

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

Pratähäpfla (Patate arrosto)

Pratähäpfla (Patate arrosto) Pratähäpfla (Patate arrosto) - 8 patate di grandezza media - burro quanto basta - 200/300 gr di formaggio nostrano grasso, tipo Bettelmatt - sale e pepe : Far bollire le patate in acqua salata, pelarle,

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Evoluzione dei comportamenti alimentari

Evoluzione dei comportamenti alimentari Evoluzione dei comportamenti alimentari Di pari passo con l evoluzione dell agricoltura e della zootecnia si è assistito ad un radicale mutamento delle abitudini alimentari delle popolazioni. Nei paesi

Dettagli

Ricette Bielorusse. Frittelle sottili. Caviale di funghi. Zacirka con latte

Ricette Bielorusse. Frittelle sottili. Caviale di funghi. Zacirka con latte Ricette Bielorusse Frittelle sottili 1 tazza di farina, 2 tazze di latte, 1 cucchiaino di zucchero, 4 cucchiai di lardo o burro, Miscelate le uova, lo zucchero, il sale, la farina e metà del latte. Mescolate

Dettagli

Il Cibo in Armonia Con la Vita

Il Cibo in Armonia Con la Vita Il Cibo in Armonia Con la Vita Vishnu è l operatore (movimento, Conoscenza, gentilezza e Forza) Corso di Cucina Ayurvedica Inseg. Annunziata (Annu) Violante Namaskar!!! Struttura e argomenti del Corso:

Dettagli

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. CARNI-OVINI pagina 7. DESSERT pagina 9 PARTNERSHIP

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. CARNI-OVINI pagina 7. DESSERT pagina 9 PARTNERSHIP MENU WARSTEINER PRIMO PIATTO pagina 5 CREMA DI FORMAGGIO E BIRRA CON CODE DI GAMBERO E SEDANO RAPA CARNI-OVINI pagina 7 BRASATO DI AGNELLO GLASSATO ALLA BIRRA E SESAMO DESSERT pagina 9 FAGOTTINI DI CREPES

Dettagli

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERV. IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE TABELLE GRAMMATURE E RICETTE SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA RICETTE PRIMI PIATTI GRAMMATURE Scuole dell Infanzia(g) GRAMMATURE Scuole Primarie

Dettagli