LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI DELLA COMMESSA: DAI COSTI DI IMPRESA AL PREZZO DI APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI DELLA COMMESSA: DAI COSTI DI IMPRESA AL PREZZO DI APPALTO"

Transcript

1 LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI DELLA COMMESSA: DAI COSTI DI IMPRESA AL PREZZO DI APPALTO Quando si parla di e analisi dei prezzi in edilizia, occorre definire un linguaggio e dare una struttura di riferimento: questo linguaggio risulta importante per qualsiasi operatore del processo edilizio, sia nel caso si trovi all interno di un impresa, sia in uno studio professionale. Occorre, altresì, non limitarsi alle modalità di calcolo in fase preventiva, ma individuare gli strumenti per il controllo gestionale dei dell impresa durante l esecuzione dei lavori. Le fasi previsionali vanno quindi fin dall inizio finalizzate al loro utilizzo per il controllo della commessa, puntando quindi alla misurazione delle performance in corso d opera e consuntive. Quattro sono i temi fondamentali da controllare nella gestione di una commessa: i tempi, i, la qualità, le risorse; e tutti questi aspetti dovranno essere gestiti in modo da ottimizzarne l uso. Per quanto attiene in particolare l elemento che qui viene affrontato - quattro sono le categorie di costo che devono essere individuate: i diretti, i indiretti operativi, i indiretti legali/finanziari, i generali. I diretti comprendono: manodopera, materiali, mezzi d opera e noli, subappalti e prestazioni da terzi. I indiretti operativi sono tuiti da: impianto di cantiere, gestione del cantiere, sicurezza ordinaria e straordinaria, ripiegamento di cantiere, controlli e collaudi. Nei indiretti legali/finanziari si collocano: assicurazioni, cauzioni/fideiussioni,inflazione, oneri finanziari. I generali sono, come per l impresa di qualsiasi settore merceologico, quelli che si generano nella gestione complessiva dell impresa stessa.

2 Il diagramma ad albero che segue mostra la struttura di aggregazione delle quantità economiche che portano dal consumo di risorse alla formazione del prezzo e tuisce l indice logico di questo articolo. PREZZO (P) Ctotali Rischi (R) Margine (M) Cdir+indir quota parte Cgen Cinidir lf Cop Imp Cindir op Imp Imp Cdir RISORSE -manodopera -materiali -mezzi d'opera e noli -subappalti e prestazioni da terzi Partiamo subito con il definire le principali caratteristiche delle categorie di costo che concorrono alla formazione del prezzo : - COSTI DIRETTI - sono i diretti sulla singola lavorazione: essendo strettamente legati al consumo delle risorse necessarie allo svolgimento della stessa; tali sono proporzionali alla quantità da realizzare (es. più mq di tavolati devono essere realizzati, più risorse - mattoni, manodopera, malta, ecc. saranno necessari per completare il lavoro).

3 - COSTI INDIRETTI - sono i indiretti sulla singola lavorazione ma diretti sul cantiere (se indiretti operativi) o diretti sul contratto (se indiretti legali/finanziari) : questa categoria di non è direttamente proporzionale alle quantità da realizzare ma è proporzionale alla durata del cantiere (più un cantiere dura nel tempo, più mesi di noleggio gru dovrò impegnare e più ore di tecnico di cantiere dovrò assegnare al cantiere). - COSTI GENERALI - sono i generali sui cantieri ma diretti sull impresa; questa categoria di è strettamente legata al tipo di impresa che si considera : più un impresa è strutturata e organizzata per fornire servizi aggiuntivi alla sola costruzione, più i suoi generali sono elevati rispetto al valore dei lavori da eseguire. COSTI DIRETTI (Cdir) I diretti della commessa sono dati dalla somma di tutti i diretti delle singole lavorazioni. Le componenti che vanno a formare i diretti delle lavorazione sono quattro, e rispecchiano le tipologie di risorse che vengono consumate per svolgere la singola lavorazione : -MANODOPERA -MATERIALI -MEZZI D OPERA E NOLI -SUBAPPALTI E PRESTAZIONI DA TERZI Gli strumenti di calcolo dei diretti delle lavorazioni sono l Analisi Prezzi o Analisi Risorse (analisi del consumo di risorse necessario per l esecuzione per una unità di quantità della lavorazione), e il Computo Metrico della commessa. COSTI INDIRETTI OPERATIVI (Cindir op) I indiretti operativi sono i direttamente connessi con il cantiere, ma non attribuibili specificatamente ad una singola lavorazione poiché di servizio a più lavorazioni. A questo proposito assumono fondamentale importanza, soprattutto ai fini dell offerta e del successivo controllo di gestione, le modalità di la corretta attribuzione dei indiretti della commessa sulle lavorazioni che li generano (ad esempio ci sono tecniche come l ACTIVITY BASED MANAGEMENT che partono dallo studio analitico delle attività per arrivare alla precisa distribuzione delle componenti di costo indirette secondo le quantità competenti). Nel processo di calcolo dei, è possibile accada che un costo inizialmente computato come indiretto possa poi risultare in realtà diretto, poiché le risorse che lo generano vengono utilizzate da una sola attività. Categorie di indiretti operativi sono quelli afferenti alle seguenti classi (da definire analiticamente in un computo per ogni intervento) :

4 -IMPIANTO DI CANTIERE RECINZIONI DELL AREA DI INTERVENTOI ALLACCIAMENTI ALLE UTENZE UFFICI E SPOGLIATOI DI CANTIERE -GESTIONE DEL CANTIERE PERSONALE DI DIREZIONE del CANTIERE NOLI E ATTREZZATURE GENERALI DI CANTIERE (es. Gru, Ponteggi, ecc.) CONSUMI ENERGIA E ACQUA -RIPIEGAMENTO DI CANTIERE -CONTROLLI E COLLAUDI Un'altra categoria di costo da inserire nei indiretti operativi del cantiere è sicuramente quello che riguarda la SICUREZZA. Per quanto riguarda la Sicurezza si individuano due specifici campi d indagine che in parte prendono a riferimento le direttive pronunciate in materia dalla Regione Lombardia. Il primo di questi riguarda i cosiddetti oneri direttamente legati all esecuzione delle opere, e che, quindi, riguardano ordinariamente prevedibili dall imprenditore in relazione all esecuzione secondo la norma e le regole dell arte. Il secondo campo, invece, prende in considerazione i cosiddetti oneri specifici della sicurezza riferendosi, in particolare, a tutti quei non ordinariamente prevedibili poiché specificatamente imposti dal Piano di Sicurezza e Coordinamento. Due quindi sono le categorie di costo indiretto operativo legate alla sicurezza : -SICUREZZA ORDINARIA -SICUREZZA STRAORDINARIA COSTI OPERATIVI (Cop) Il costo operativo di un attività è dato dal suo costo diretto sommato alla quota parte dei indiretti operativi di cui è responsabile. Il costo operativo dell intervento è dato dalla somma di tutti i diretti con tutti i indiretti operativi. COSTI INDIRETTI LEGALI/FINANZIARI (Cindir lf) I indiretti legali-finanziari sono i non direttamente attribuibili ad una singola lavorazione ma direttamente legati al cantiere in corso di svolgimento. A differenza dei indiretti operativi, quelli legali-finanziari hanno la loro origine non tanto da operazioni svolte in cantiere, ma bensì da richieste contrattuali e di legge o da operazioni finanziarie (cioè dall utilizzo di un altra risorsa fondamentale, e cioè il denaro) che sono di necessario supporto alle attività di cantiere. La decisione di differenziare le due componenti di costo indiretto è dovuta al fatto che sono diverse le aree aziendali che le elaborano e che quindi ne saranno responsabili durante l esecuzione del cantiere. I indiretti legali-finanziari possono essere divisi nelle seguenti classi (da definire analiticamente per ogni intervento):

5 -ASSICURAZIONI -CAUZIONI/FIDEIUSSIONI -INFLAZIONE 1 -ONERI FINANZIARI Nei indiretti legali-finanziari deve inoltre essere aggiunto il COSTO OFFERTA. I di predisposizione dell offerta e riesame del contratto sono in genere difficilmente isolabili dai globali degli uffici addetti alla loro gestione. E in ogni caso importante per l impresa conoscere l andamento e i consuntivi di costo necessari per formulare le proprie offerte. Questi dati sono facilmente ricavabili nel caso di predisposizione di offerte per importanti commesse quando viene predisposto un programma e un budget di predisposizione dell offerta. Per le offerte per piccole commesse, invece, si useranno dei dati medi tratti da valutazioni su consuntivi. I di offerta, se la gara non sarà vinta, verranno ricaricati sui generali d impresa. COSTI DIRETTI E INDIRETTI (Cdir+indir) Sono dati dalla somma dei diretti coi indiretti (operativi e legalifinanziari). Il significato di questa aggregazione di è quello di prezzo d offerta con zero quota parte generali, zero rischi, zero margine. L aggregazione di queste componenti di costo andrà a tuire, in caso di aggiudicazione della gara, il budget d offerta di riferimento per i successivi studi (project management) antecedenti l inizio lavori che andranno a meglio strutturarlo e formarlo fino a creare il budget operativo di commessa (ripulendo ulteriormente i delle % di imprevisto), riferimento del controllo di gestione. Prima di procedere con le successive componenti del prezzo, alcune osservazioni restano da svolgere per trattare il tema dell assegnazione dei indiretti sui diretti. Per fare questo si riportano di seguito due esempi. esempio 1. Supponiamo che nei indiretti operativi sia stato imputato in prima analisi il costo operativo di impianto e di possesso di una SEGA 1 L imputazione dell inflazione sui è uno dei momenti fondamentali dell analisi finanziaria : si passa dalla stima dei attuali alla stima dei nel tempo. I cantiere edili hanno infatti, nella maggiore parte dei casi, una durata pluriennale, soggetta quindi all incognita variazione nel tempo. Questa stima sarebbe opportuno venisse svolta nel modo più disaggregato possibile, cioè voce per voce e sulla base di un programma dettagliato dell esecuzione delle opere, dei tempi di acquisto e spedizione, dei tempi di montaggio. Quando però le voci sono molte e di difficile disaggregazione, si possono applicare dei criteri compensativi, ipotizzando che l inflazione sia per tutte le voci omogenea e proporzionale nel tempo, andando quindi a calcolare gli importi progressivi di spesa mensile e su questi calcolando un indice di inflazione che traduce i attuali in storicizzati

6 CIRCOLARE (SC1). Da un analisi successiva delle attività che saranno svolte in cantiere potrebbe rilevarsi che tale nolo verrà usato solo dalla lavorazione esecuzione Rivestimento esterno mattone faccia a vista. Tale costo potrà allora essere tolto dal computo dei indiretti (non verrà cioè distribuito su tutti i ) e potrà essere attribuito alla singola lavorazione come componente del costo diretto. esempio 2. Supponiamo che nei indiretti operativi sia stata imputato in prima analisi il costo operativo di impianto e di possesso di una BETONIERA (BET1). Da un analisi successiva delle attività che saranno svolte in cantiere potrebbe rilevarsi che tale nolo verrà usato solo dai cicli di lavorazione che rientrano nella categoria Murature. Tale costo andrà allora tolto dalla lista dei indiretti (non verrà cioè distribuito su tutti i ) e verrà attribuito in parti alle lavorazioni suddette come costo diretto. La quantificazione delle percentuali di assegnazione delle parti del totale costo indiretto alle cinque lavorazioni coinvolte, verrà fatta tenendo conto dell utilizzo che ogni ciclo di lavorazioni farà della macchina (ad esempio dividendo il costo indiretto per la quantità totale di malta da produrre per tutte le lavorazioni, moltiplicando poi il risultato per la quantità di malta prodotta per ogni singolo ciclo di lavorazioni, oppure in modo più rapido in base al peso del costo diretto di ogni attività rispetto alla somma dei diretti di tutte le attività interessate all uso del nolo) COSTI GENERALI (o ESTERNI) (Cgen) I generali sono i che si generano nella gestione complessiva dell impresa di costruzioni ; essi non sono necessariamente riferiti allo specifico cantiere dove la particolare opera edilizia viene eseguita, ma bensì all intera attività imprenditoriale. Questi devono essere ripartiti su ogni singolo cantiere che l impresa ha in un esercizio e quindi una loro quota deve gravare in particolare sul cantiere dove l opera presa in considerazione deve essere eseguita. La decisione di quale è la quota parte di costo generale da attribuire al singolo cantiere oltre che essere legata in prima battuta a fattori proporzionali delle dimensioni dell intervento rispetto al totale cantiere che saranno aperti durante l esercizio, è soprattutto legata a decisioni strategiche della direzione d impresa, che deve decidere sin dalla fase di offerta quanto ogni cantiere deve contribuire nella copertura dei generali d impresa. Tale scelta, come quella della percentuale di margine utile da attribuire, sarà fatta dalla direzione dell impresa a chiusura della fase dell offerta, sulla base di analisi delle possibili alternative fatte in precedenza e dei piani economico-finanziari corrispondenti (grande importanza assumono in questa fase l analisi della concorrenza e dei dati economico-operativi sulla situazione dell impresa in quel momento storico e previsionale futuro). I generali vengono di solito divisi nelle seguenti classi (da definire analiticamente per ogni attività d impresa):

7 - SPESE GENERALI DI PERSONALE - SPESE GENERALI DI UFFICIO - SPESE GENERALI DI MAGAZZINO COSTI TOTALI (Ctot) I totali sono dati dalla somma dei diretti coi indiretti (operativi e legali-finanziari) e la quota parte fissata di generali. Tale costo ha un significato importante di riferimento ed obiettivo per l impresa. Come termine di paragone delle offerte di più imprese è invece più opportuno e obiettivo usare il Costo dir+indir, dato che l attribuzione dei generali è già fattore strategico della singola impresa. IMPREVISTI (I) Ogni categoria di costo ha una quota parte di incertezza dovuta a mancanza di dati o di analisi che va segnalata e compresa nell ammontare totale del costo : tale incertezza viene chiamata Imprevisto. Le classi principali di imprevisto sono: - Imprevisti di indagine o progetto : sono gli imprevisti che si manifestano a seguito della mancanza di dati. Hanno origine esterna o interna all impresa. a. causa esterna : mancanza, incompletezza o inaffidabilità di dati dai documenti progettuali e contrattuali b. causa interna : scelta di non risolvere con studi aggiuntivi le incompletezze rilevate o di non approfondire totalmente le analisi da fare. - Imprevisti di computazione operativo-economica : sono gli imprevisti che nascono a seguito dell imputazione di dati quantitativi ed economici incerti - Imprevisti di programmazione: sono gli imprevisti che nascono a seguito dell imputazione di dati temporali o dell assegnazione di legami logici incerti. La segnalazione di una percentuale di imprevisto sul costo è una segnalazione di mancanza o imprecisione, che può essere costretta o scelta, la cui migliore definizione viene rimandata a momenti successivi. Grande importanza nell attribuzione di queste percentuali assume l esperienza e la capacità di previsione. La percentuale di imprevisto deve rimanere di solo dominio della direzione aziendale, e non deve essere comunicata ai responsabili operativi di commessa, i veri responsabili della fase di generazione e controllo. RISCHI (R) Il rischio è ogni pericolo che può causare un probabile danno finanziario

8 all iniziativa intrapresa. Grande importanza ha allocare gli incrementi sulle categorie di importo corrette : il rischio a differenza degli imprevisti deve essere visto come percentuale non dei (importi interni d impresa) ma del prezzo, data la sua origine (contrattofidocumento esterno = prezzo) e le sue ripercussioni in caso di reale accadimento. MARGINE (M) Il margine è la quantità di utile che l impresa desidera venga riconosciuta, facendosi carico della realizzazione dell intervento, come remunerazione del capitale investito e dei rischi sostenuti. PREZZO (P) Il prezzo è il risultato della somma delle seguenti componenti: P = (Cdir +I) + (Cindir op +I) + (Cindir lf +I) + (qpcgen +I) + R + M P = Cdir + Cindir op + Cindir lf + qpcgen + R + M P = Cop + Cindir lf + qpcgen + R + M P = Cdir+indir + qpcgen + R + M P = Ctot + R + M I range di incidenza delle varie componenti di costo per un intervento residenziale di nuova costruzione può essere riassunta nella tabella di seguito riportata : da a su COSTI INDIRETTI OPERATIVI 6,0% 12,0% diretti COSTI INDIRETTI LEGALI 1,0% 2,0% FINANZIARI diretti COSTI GENERALI 8,0% 12,0% diretti RISCHI 1,0% 3,0% totali MARGINE 6,0% 12,0% totali La modalità di calcolo del prezzo, fatto 100 la somma dei diretti, può essere quindi sintetizzata nella tabella di seguito riportata:

9 ANALISI D.P.R. 554 / 99 COSTI DIRETTI 100,0 100, 0 COSTI INDIRETTI OPERATIVI COSTI INDIRETTI LEGALI FINANZIARI COSTI GENERALI / SPESE GENERALI 9,0% Cdir 1,5% Cdir 10,0% Cdir 9,0 1,5 10,0 15,0% 15,0 COSTI TOTALI 120,5 115, 0 RISCHI 2,0% Ctot MARGINE / UTILE 8,0% Ctot 2,4 9,6 10,0% 11,5 PREZZO 132, E chiaro come al variare della tipologia e dimensione dell appalto da eseguire e del tipo di impresa a cui si affidano i lavori, le percentuali indicate in precedenza possono variare significativamente : ad esempio per un piccolo appalto di ristrutturazione (es. recupero facciate e rifacimento copertura di un edificio esistente) i indiretti operativi possono raggiungere percentuali ben maggiori rispetto a quelle indicate in precedenza, fino in alcuni casi ad arrivare a superare l importo complessivo dei diretti. Ecco allora che nel momento in cui si decide di utilizzare come riferimento un listino prezzi presente sul mercato, bisogna usare l accortezza di verificare la tipologia e dimensione di intervento rispetto al quale questo è stato elaborato, e quindi apporre gli eventuali correttivi relativi all intervento specifico in corso di preventivazione (ad esempio i Listino Prezzi informativi delle Opere Edili in Milano, edito trimestralmente dalla Camera di Commercio di Milano, riporta nelle avvertenze generali di riferirsi ad una costruzione di civile abitazione di m 3 di volumetria complessiva, eseguito in una area piana e sgombera da ostacoli). Tale percentuale di aggiornamento può essere in prima battuta stimata andando a calcolare gli specifici indiretti operativi che l intervento in analisi genererà e quindi adeguando gli importi di listino utilizzando la percentuale di differenza tra indiretti operativi calcolati rispetto ai indiretti operativi ipotizzati rispetto all intervento base del listino. Detto del momento di formazione del prezzo, nel momento in cui si passa al controllo di gestione della commessa, i indiretti in precedenza

10 spalmati sui diretti per la determinazione del prezzo d offerta, divengono essi stessi centri di costo da controllare (cost account), in cui cioè registrare i consuntivi delle risorse via via che queste vengono consumate. categoria di costo DIRETTI OPERATIVI INDIRETTI INDIRETTI LEGALI/FINANZIARI GENERALI Responsabilità controllo RESP. ACQUISTI + RESP. OPERATIVO DI COMMESSA fi DIREZIONE PRODUZIONE + PM RESP. ACQUISTI + RESP. OPERATIVO DI COMMESSA fi DIREZIONE PRODUZIONE + PM RESP. AMMINISTRATIVO - FINANZIARIO fi DIREZIONE AMMINISTRIVA / GENERALE + PM RESP. AMMINISTRATIVO - ACQUISTI fi DIREZIONE AMMINISTRATIVA / GENERALE + PM In funzione della categoria di costo, deve essere individuata un responsabile del suo andamento e degli scostamenti che sicuramente avverranno durante l esecuzione della commessa, affiancato da un Project o Construction Manager (PM o CM) con il compito di far dialogare le varie funzioni e gli specialisti impegnati nella gestione della commessa. Dr. Giuseppe Rigamonti

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi I costi nelle aziende che lavorano su commessa 1. Cosa significa produrre su commessa? L azienda produce un bene (complesso) solo dopo aver ricevuto un ordine da

Dettagli

Confronto tra full costing tradizionale e activity based costing

Confronto tra full costing tradizionale e activity based costing Esercitazioni svolte 2012 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 25 Confronto tra full costing tradizionale e activity based costing Emanuele Perucci La produzione della Topolino s.p.a. si articola su una gamma

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione Corso di (Edile) Prof.ssa Maria Sole Brioschi Il (non) controllo dei costi di una commessa

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio Programmazione operativa Programmazione operativa La programmazione operativa è la traduzione della progettazione dei sistemi edilizi, in termini di programma temporale della fase esecutiva dell opera

Dettagli

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti 30.X.2013 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui si formula

Dettagli

LA CONTABILITA' LAVORI

LA CONTABILITA' LAVORI LA CONTABILITA' LAVORI Prof. Domenico Natale 1 Finalità Scopo della contabilità lavori è quello di definire: nel momento del progetto l importo preventivo dell opera fase progettuale preventiva a lavoro

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale,

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale, ha la funzione di definire

Dettagli

Il Processo di Preventivazione (dinamica dei costi, tempistica e monitoraggio dei k% utilizzati)

Il Processo di Preventivazione (dinamica dei costi, tempistica e monitoraggio dei k% utilizzati) Il Processo di Preventivazione (dinamica dei costi, tempistica e monitoraggio dei k% utilizzati) Se cercate la definizione del termine preventivo, nel vocabolario Treccani trovate scritto: Che si fa in

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE

DOCUMENTI DI CANTIERE DOCUMENTI DI CANTIERE DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI - GIORNALE DEI LAVORI - LIBRETTI DELLE MISURE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE - LISTE SETTIMANALI - REGISTRO DI CONTABILITA - SOMMARIO DEL

Dettagli

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A.

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. di Andrea Panizza (*) Una corretta quantificazione del costo di prodotto rappresenta uno dei più importanti fattori di successo dell impresa.

Dettagli

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Dott. Michele Crippa Docente e Consulente di controllo di gestione economico/finanziaria della farmacia L evoluzione Decreto STORACE:

Dettagli

3. La contabilità analitica nelle imprese industriali

3. La contabilità analitica nelle imprese industriali 3. La contabilità analitica nelle imprese industriali Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo la contabilità analitica delle imprese industriali, ripercorrendo le diverse tipologie di costo.

Dettagli

CANTIERE 2015/16 COMPUTO METRICO E SCRITTURE CONTABILI DI CANTIERE ANALISI COSTI E PREVENTIVAZIONE LAVORI (BASE)

CANTIERE 2015/16 COMPUTO METRICO E SCRITTURE CONTABILI DI CANTIERE ANALISI COSTI E PREVENTIVAZIONE LAVORI (BASE) 2015/16 CRESCITA PROFESSIONALE Ottobre 2015 - Settembre 2016 Il primo obiettivo di un vero professionista è quello di migliorarsi constantemente e di crescere in linea con l evoluzione del proprio settore.

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

Come calcolare il costo "vero" del prodotto

Come calcolare il costo vero del prodotto Come calcolare il costo "vero" del prodotto In questi tempi di crisi o di lenta ripresa è molto importante riuscire a valutare nel modo corretto il costo reale del prodotto, soprattutto per la piccola

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche. Co.Svi.G. S.r.l. Tel/fax 0577 752950. Sede operativa: Via Vincenzo Bellini n.

Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche. Co.Svi.G. S.r.l. Tel/fax 0577 752950. Sede operativa: Via Vincenzo Bellini n. Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche Co.Svi.G. S.r.l. Sede legale: Via Tiberio Gazzei n. 89-53030 RADICONDOLI (Siena) Tel/fax 0577 752950 Sede operativa: Via Vincenzo Bellini n. 58-50144 FIRENZE

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Le attività logistiche non. Il valore generato

Le attività logistiche non. Il valore generato GESTIONE Il valore generato dall attività logistica di Roberto Giorgetti Roberto Giorgetti, consulente direzionale e ricercatore nel campo della gestione aziendale Nelle attività delle imprese la logistica

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA Studio Candussi & Partners ottobre novembre 2007 ovvero METODI PER LA DETERMINAZIONE DELLE PARCELLE DOPO LA LIBERALIZZAZIONE BERSANI Studio

Dettagli

Parte III^ La gestione economica della commessa edilizia

Parte III^ La gestione economica della commessa edilizia ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA DAPT DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE A.A. 2005-2006 Corso di Laurea specialistico europeo in Ingegneria

Dettagli

Il calcolo della tariffa della manodopera. di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro

Il calcolo della tariffa della manodopera. di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro Il calcolo della tariffa della manodopera di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro Introduzione In ogni organizzazione aziendale vi è la necessità di verificare i risultati aziendali e di risalire

Dettagli

LA POLITICA DEI PREZZI:

LA POLITICA DEI PREZZI: LA POLITICA DEI PREZZI: I VINCOLI DI MERCATO E LA CORRETTA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL PRODOTTO 1 DETERMINAZIONE DEL PREZZO APPROCCIO CENTRATO SULL AZIENDA APPROCCIO CENTRATO SUL MERCATO 2 APPROCCIO CENTRATO

Dettagli

Controllo di gestione budget settoriali budget economico

Controllo di gestione budget settoriali budget economico Controllo di gestione budget settoriali budget economico TEMA Pianificazione, programmazione e controllo di gestione costituiscono le tre fasi del processo globale attraverso il quale l impresa realizza

Dettagli

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista*

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista* 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 2 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 1 CONTROLLO G E S T I O N E FRANCO CELLINO Economista* I l controllo di gestione rappresenta uno dei momenti, o meglio il

Dettagli

SERRAVALLE SCRIVIA. PROGETTO PRELIMINARE Art. 22 CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA E QUADRO ECONOMICO

SERRAVALLE SCRIVIA. PROGETTO PRELIMINARE Art. 22 CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA E QUADRO ECONOMICO COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROPOSTA DI PROJET FINANCING PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DI UN TEMPIO CREMATORIO CON ANNESSA SALA DEL COMMIATO DA REALIZZARSI NEL CIMITERO COMUNALE REALIZZAZIONE AI SENSI

Dettagli

Metodi di calcolo dei costi di prodotto

Metodi di calcolo dei costi di prodotto Metodi di calcolo dei costi di prodotto Presentazione Ing. Cecilia Fariselli Da 23 anni nel settore dell Information Technology. Da oltre 10 anni gestione manageriale, organizzazione aziendale, operando

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI LEGALI

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI LEGALI CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI LEGALI Studio Candussi & Partners gennaio febbraio 2008 ovvero NUOVI METODI PER LA DETERMINAZIONE DELLE PARCELLE ing. Elio Candussi Studio Candussi &

Dettagli

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria !"#$%&'()* +,,-+,,./001%+,,./+,,.* 2 Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria Il piano economico e finanziario è uno studio previsionale che prende in considerazione le diverse azioni

Dettagli

Processo edilizio e valore di costo

Processo edilizio e valore di costo Estimo d Processo edilizio e valore di costo corso di estimo D a.a. 2007-08 1 il concetto d appalto L art. 1321 del Codice Civile definisce l appalto come l accordo tra due o più parti per costituire,

Dettagli

I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli.

I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli. I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli.it e iscriversi nella home page al servizio Informatemi per ricevere

Dettagli

Contratto di Servizio con il Comune di Venezia in data 06/10/97 n. rep. 16301.

Contratto di Servizio con il Comune di Venezia in data 06/10/97 n. rep. 16301. ALLEGATO I Contratto di Servizio con il Comune di Venezia in data 06/10/97 n. rep. 16301. Legge 139/92 Art. 5 Interventi per la salvaguardia di Venezia e la sua Laguna Interventi di risanamento statico

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

Introduzione al controllo di gestione

Introduzione al controllo di gestione Introduzione al controllo di gestione Cost Accounting e governo strategico dei costi di Giuseppe Sannino 1 Metodologie Contabili Contabilità Semplificata Contabilità per centri di costo Activity based

Dettagli

In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc.

In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc. Le Rimanenze In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc.; in un apposita lezione verranno trattate le rimanenze

Dettagli

SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA. Autore: Dott. Francesco Rhodio

SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA. Autore: Dott. Francesco Rhodio SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA SOGGETTI STATO REGIONI AZIENDE STATO Ruolo: individua la missione del Sistema Sanitario, ne definisce i principi e gli assetti istituzionali,

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva

Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva In base al vecchio regolamento, competevano al direttore dei lavori le funzioni attribuite al coordinatore per l esecuzione

Dettagli

L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico

L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico 03. L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico Franco Cellino - Lessicom srl Abstract La nota vuole fornire alcune linee guida che il dentista imprenditore dovrebbe seguire per valutare la

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

GOVERNANCE E COMUNICAZIONE DI IMPRESA

GOVERNANCE E COMUNICAZIONE DI IMPRESA Corso di laurea Magistrale Management e comunicazione d impresa Insegnamento di: GOVERNANCE E COMUNICAZIONE DI IMPRESA a.a. 2009/2010 MATERIALE DIDATTICO DOCENTE Christian Corsi ARGOMENTO RISCHI NEL PROJECT

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO

TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO AUTORE: LUCA CRIVELLARO TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO 1. Introduzione e Dati di progetto 2. Complessità del progetto e criticità 3. Analisi

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore Tecnico e Unico delle Progettazioni e delle Manutenzioni

PROVINCIA DI MANTOVA Settore Tecnico e Unico delle Progettazioni e delle Manutenzioni PROVINCIA DI MANTOVA Settore Tecnico e Unico delle Progettazioni e delle Manutenzioni SERVIZIO PROGETTAZIONI STRADALI, PONTI, STRUTTURE COMPLESSE, PORTO OGGETTO: 2 LOTTO DELLA TANGENZIALE DI ROVERBELLA

Dettagli

Vi ricordate quello che abbiamo visto nelle prime lezioni? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO. L analisi di sensitività

Vi ricordate quello che abbiamo visto nelle prime lezioni? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO. L analisi di sensitività LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO a cura di Roberto M. Brioli Coll. Arch. Mirko Bisulli LE ANALISI DI SENSIBILITÀ Vi ricordate quello che abbiamo visto nelle prime lezioni? Alcune caratteristiche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di prof.ssa Maria Sole Brioschi CST-E01 Corsi 208422 e 328422 Anno Accademico 2008/2009 Contabilità analitica : elementi di base La contabilità generale ha per oggetto

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

6.4.2 w L impiego di fattori di produzione

6.4.2 w L impiego di fattori di produzione 6.4.2 w L impiego di fattori di produzione Il secondo passaggio nel flusso contabile (Fasi 4, 5, 6 e 7) è relativo alla contabilizzazione dell impiego dei fattori di produzione. Fatte salve le altre scelte

Dettagli

FINALITA e SIGNIFICATO nella GESTIONE delle STRUTTURE SANITARIE

FINALITA e SIGNIFICATO nella GESTIONE delle STRUTTURE SANITARIE FINALITA e SIGNIFICATO nella GESTIONE delle STRUTTURE SANITARIE Lezione n 11-10 Maggio 2013 Alberto Balducci Le tipologie di costo analizzate sono le seguenti: COSTI FISSI COSTI VARIABILI COSTO TOTALE

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA PREVENTIVA E/O A GUASTO DELLA COMPONENTE EDILE DEGLI EDIFICI IN PROPRIETA E/O GESTIONE ALLA PROVINCIA DI TRIESTE

MANUTENZIONE ORDINARIA PREVENTIVA E/O A GUASTO DELLA COMPONENTE EDILE DEGLI EDIFICI IN PROPRIETA E/O GESTIONE ALLA PROVINCIA DI TRIESTE AREA SERVIZI TECNICI U.O. Edilizia MANUTENZIONE ORDINARIA PREVENTIVA E/O A GUASTO DELLA COMPONENTE EDILE DEGLI EDIFICI IN PROPRIETA E/O GESTIONE ALLA PROVINCIA DI TRIESTE RELAZIONE ILLUSTRATIVA CAPITOLATO

Dettagli

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività CONTABILITA GENERALE e CONTABILITA ANALITICA le informazioni derivanti dalla Contabilità Generale (C.G.) si

Dettagli

Impresa ERP è il migliore investimento

Impresa ERP è il migliore investimento Impresa ERP è il migliore investimento ITALSOFT, azienda fondata nel 1986, ha distribuito i suoi prodotti con il marchio IBM fino al 1999, anno in cui ha certificato il suo sistema di qualità ISO 9001

Dettagli

Impianti ERP è il migliore investimento

Impianti ERP è il migliore investimento Impianti ERP è il migliore investimento ITALSOFT, azienda fondata nel 1986, ha distribuito i suoi prodotti con il marchio IBM fino al 1999, anno in cui ha certificato il suo sistema di qualità ISO 9001

Dettagli

N. 4.1. La WBS di un progetto di costruzione di un edificio, utilizzando il metodo di disaggregazione per fasi. WBE Code

N. 4.1. La WBS di un progetto di costruzione di un edificio, utilizzando il metodo di disaggregazione per fasi. WBE Code Le soluzioni proposte degli esercizi presenti nel testo hanno un carattere di mero esempio e non possono essere assunte come WBS da adottare in ogni contesto. Ricordiamo che ogni progetto e quindi ogni

Dettagli

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni.

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE

L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE 1. L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE 1.1. L impresa e l ambiente in cui opera pag. 3 1.2. L impatto dei fattori esterni pag. 5 1.3. Il controllo dei fattori aziendali pag. 8 2. IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE

Dettagli

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. NUOVO NIDO PER L INFANZIA Modello Economico-Finanziario Comune di Bomporto 16/02/2010 Sommario Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. LE IPOTESI DEL MODELLO ECONOMICO E FINANZIARIO... 3 Il progetto

Dettagli

degli investimenti in uno studio odontoiatrico _Abstract Autore_Franco Cellino, Italia

degli investimenti in uno studio odontoiatrico _Abstract Autore_Franco Cellino, Italia L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico Autore_Franco Cellino, Italia _Abstract La nota vuole fornire alcune linee guida che il dentista imprenditore dovrebbe seguire per valutare la fattibilità

Dettagli

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Classificazione delle opere in PPP Progetti dotati di generare reddito Progetti dove il soggetto privato fornisce direttamente servizi alla

Dettagli

In collaborazione con l autore Dott. Marco Rigetti. www.studiorighetti.it

In collaborazione con l autore Dott. Marco Rigetti. www.studiorighetti.it In collaborazione con l autore Dott. Marco Rigetti www.studiorighetti.it INTRODUZIONE Il presente articolo si riferisce a costi, ricavi e rimanenze relativi a tutte le opere edili: costruzione di fabbricati

Dettagli

ambito A Villa Don Bosco Mq. superficie volumetria Superficie territoriale e in cessione al Comune Mq. 69.760,00

ambito A Villa Don Bosco Mq. superficie volumetria Superficie territoriale e in cessione al Comune Mq. 69.760,00 RELAZIONE ECONOMICA 1) Ambito e contenuti dell intervento L intervento proposto riguarda un programma integrato di intervento che prevede la cessione al Comune di Triuggio della villa Don Bosco e del relativo

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI ******* Formazione Unindustria Treviso 29 Novembre 2004 Indice Brevi richiami all attività direzionale e al budget...2 L Attività Direzionale... 2 Il Budget...

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

SIMPLY, è il software per conoscere IN TEMPO REALE l andamento economico e finanziario della tua azienda.

SIMPLY, è il software per conoscere IN TEMPO REALE l andamento economico e finanziario della tua azienda. SIMPLY, è il software per conoscere IN TEMPO REALE l andamento economico e finanziario della tua azienda. Direct Costing o Full Costing MCL (Margine di Contribuzione Lordo) MCN (Margine di Contribuzione

Dettagli

Economia Aziendale. L analisi dei costi

Economia Aziendale. L analisi dei costi Economia Aziendale L analisi dei costi Roma, 03 novembre 2014 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Tematiche La contabilità generale e la contabilità analitica I costi aziendali: i costi fissi e i costi variabili

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE LOMBARDIA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO PREVISIONALE 2004

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE LOMBARDIA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO PREVISIONALE 2004 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE LOMBARDIA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO PREVISIONALE 2004 Delineando una previsione di bilancio per l anno 2004 è doveroso effettuare alcune considerazioni

Dettagli

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto.

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto. Note introduttive Il presente documento fa proprie le indicazioni di cui all Art. 34. Relazione generale del progetto esecutivo del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207: 1. La relazione generale del progetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

Premessa la pianificazione

Premessa la pianificazione Premessa la pianificazione Nell attuale contesto competitivo e finanziario non è più sufficiente saper gestire un operazione di sviluppo immobiliare per trarne un adeguato margine imprenditoriale: il Credit

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA Art. 1 Finalità Il presente regolamento ha come finalità l incentivazione

Dettagli

COMUNE DI ACCADIA PROVINCIA DI FOGGIA PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN MICRONIDO INTERCOMUNALE

COMUNE DI ACCADIA PROVINCIA DI FOGGIA PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN MICRONIDO INTERCOMUNALE COMUNE DI ACCADIA PROVINCIA DI FOGGIA P.O. FESR PUGLIA 2007/2013 ASSE III Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita e l attrattività territoriale Linea d intervento 3.2 - Programma di interventi

Dettagli

Esempio 6 Esempio di mappature 1) Ciclo attivo 2) Ciclo personale

Esempio 6 Esempio di mappature 1) Ciclo attivo 2) Ciclo personale Esempio 6 Esempio di mappature 1) Ciclo attivo 2) Ciclo personale 1 1) Voci di bilancio impattate dal processo CICLO ATTIVO Ricavi e crediti per vendite effettuate 2) Descrizione del ciclo personale rilevato

Dettagli

IL CONCETTO DI COSTO IN EDILIZIA. corso di estimo D prof. Raffaella Lioce a.a. 2005/06 1

IL CONCETTO DI COSTO IN EDILIZIA. corso di estimo D prof. Raffaella Lioce a.a. 2005/06 1 IL CONCETTO DI COSTO IN EDILIZIA 2005/06 1 Obiettivo e struttura Obiettivo della lezione è introdurre il concetto di costo nel settore edile (ingegneria civile in genere) attraverso l analisi di Struttura

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 N. 445

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 N. 445 Bollo NUMERO PROT: APPALTO 11541 IMPORTO IN. 57.103,22 incluso oneri DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 N. 445 Il sottoscritto Nato a Prov.. il In qualità di (carica sociale ) dell

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

Il calcolo economico. Determinazione dei costi di Produzione

Il calcolo economico. Determinazione dei costi di Produzione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI ECONOMIA La trasformazione economica Il calcolo economico. Determinazione dei costi di Produzione Capitolo 5 Chiara Demartini cdemartini@eco.unipv.it 1 2 CALCOLO

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI

IL DIRETTORE DEI LAVORI IL DIRETTORE DEI LAVORI Prima di tutto: il DL opera se esiste un appalto e quindi un cantiere. Il cantiere costituisce di fatto il suo territorio. Oggi la normativa sulla direzione dei lavori e l andamento

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo 21 Capitolo II Il budget 1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo Il budget - e' un programma delle operazioni di gestione da compiere in un anno, finalizzato

Dettagli

Strumenti per l efficienza e l innovazione dell impresa edile

Strumenti per l efficienza e l innovazione dell impresa edile Centro edile andrea palladio Strumenti per l efficienza e l innovazione dell impresa edile Laboratori di formazione settembre_dicembre 2008 Le competenze per la Filiera delle costruzioni. Gli strumenti

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

1 OGGETTO E SCOPO... 2 1.1 Considerazioni generali 2 1.2 Tabella Coeff. K (%) per l individuazione degli oneri diretti (OD) della sicurezza 6

1 OGGETTO E SCOPO... 2 1.1 Considerazioni generali 2 1.2 Tabella Coeff. K (%) per l individuazione degli oneri diretti (OD) della sicurezza 6 INDICE 1 OGGETTO E SCOPO... 2 1.1 Considerazioni generali 2 1.2 Tabella Coeff. K (%) per l individuazione degli oneri diretti (OD) della sicurezza 6 2 VALUTAZIONE DEGLI APPRESTAMENTI ORDINARI (O.D.)...

Dettagli

Elementi di Controllo di Gestione di Commessa

Elementi di Controllo di Gestione di Commessa San Donà di Piave 09 marzo 2006 Elementi di Controllo di Gestione di Commessa dr. Alessandro Bonometti dr. Sandro Orsi dr. Paolo Perissinotto il software italiano per l edilizia L Attuazione di Sistemi

Dettagli

DETERMINAZIONE DEI COSTI STANDARD PER LAVORI PUBBLICI

DETERMINAZIONE DEI COSTI STANDARD PER LAVORI PUBBLICI Direzione Generale Osservatorio dei Contratti Pubblici - Analisi e studio dei mercati DETERMINAZIONE DEI COSTI STANDARD PER LAVORI PUBBLICI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 1. Introduzione Il codice dei contratti

Dettagli

A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi

A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi Provincia di Caserta OGGETTO: Rilievo e studio di fattibilità da porre a base di gara per l'affidamento in project financing della ristrutturazione e gestione

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO IN UNICO LOTTO, DEI SERVIZI DI PULIZIA DI ALCUNI IMMOBILI DELLA S.I.TO S.p.A - CIG N.

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO IN UNICO LOTTO, DEI SERVIZI DI PULIZIA DI ALCUNI IMMOBILI DELLA S.I.TO S.p.A - CIG N. PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO IN UNICO LOTTO, DEI SERVIZI DI PULIZIA DI ALCUNI IMMOBILI DELLA S.I.TO S.p.A - CIG N. 6385255F1A Quesito n. 1) ricevuto in data 15.09.2015 - Protocollato con n. 3227

Dettagli

... 1 PUNTATA parte prima La storia dei costi della sicurezza

... 1 PUNTATA parte prima La storia dei costi della sicurezza Cari colleghi da alcuni di Voi mi giunge, sempre più spesso, la richiesta di aiuto relativamente alla STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA che, indubbiamente, rappresenta uno degli aspetti più controversi e

Dettagli

CORSO BREVE. Le riserve e la definizione bonaria delle controversie

CORSO BREVE. Le riserve e la definizione bonaria delle controversie Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

Il Business Plan. Concetti base

Il Business Plan. Concetti base Il Business Plan Concetti base LA PIANIFICAZIONE E il processo con il quale Si stabiliscono gli obiettivi da raggiungere nel periodo (3-5 anni) Si individuano le risorse (umane e finanziarie) e gli strumenti

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE

PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE COMUNE DI MONTANERA (Provincia di Cuneo) PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1. ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DELLE

Dettagli