LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI DELLA COMMESSA: DAI COSTI DI IMPRESA AL PREZZO DI APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI DELLA COMMESSA: DAI COSTI DI IMPRESA AL PREZZO DI APPALTO"

Transcript

1 LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI DELLA COMMESSA: DAI COSTI DI IMPRESA AL PREZZO DI APPALTO Quando si parla di e analisi dei prezzi in edilizia, occorre definire un linguaggio e dare una struttura di riferimento: questo linguaggio risulta importante per qualsiasi operatore del processo edilizio, sia nel caso si trovi all interno di un impresa, sia in uno studio professionale. Occorre, altresì, non limitarsi alle modalità di calcolo in fase preventiva, ma individuare gli strumenti per il controllo gestionale dei dell impresa durante l esecuzione dei lavori. Le fasi previsionali vanno quindi fin dall inizio finalizzate al loro utilizzo per il controllo della commessa, puntando quindi alla misurazione delle performance in corso d opera e consuntive. Quattro sono i temi fondamentali da controllare nella gestione di una commessa: i tempi, i, la qualità, le risorse; e tutti questi aspetti dovranno essere gestiti in modo da ottimizzarne l uso. Per quanto attiene in particolare l elemento che qui viene affrontato - quattro sono le categorie di costo che devono essere individuate: i diretti, i indiretti operativi, i indiretti legali/finanziari, i generali. I diretti comprendono: manodopera, materiali, mezzi d opera e noli, subappalti e prestazioni da terzi. I indiretti operativi sono tuiti da: impianto di cantiere, gestione del cantiere, sicurezza ordinaria e straordinaria, ripiegamento di cantiere, controlli e collaudi. Nei indiretti legali/finanziari si collocano: assicurazioni, cauzioni/fideiussioni,inflazione, oneri finanziari. I generali sono, come per l impresa di qualsiasi settore merceologico, quelli che si generano nella gestione complessiva dell impresa stessa.

2 Il diagramma ad albero che segue mostra la struttura di aggregazione delle quantità economiche che portano dal consumo di risorse alla formazione del prezzo e tuisce l indice logico di questo articolo. PREZZO (P) Ctotali Rischi (R) Margine (M) Cdir+indir quota parte Cgen Cinidir lf Cop Imp Cindir op Imp Imp Cdir RISORSE -manodopera -materiali -mezzi d'opera e noli -subappalti e prestazioni da terzi Partiamo subito con il definire le principali caratteristiche delle categorie di costo che concorrono alla formazione del prezzo : - COSTI DIRETTI - sono i diretti sulla singola lavorazione: essendo strettamente legati al consumo delle risorse necessarie allo svolgimento della stessa; tali sono proporzionali alla quantità da realizzare (es. più mq di tavolati devono essere realizzati, più risorse - mattoni, manodopera, malta, ecc. saranno necessari per completare il lavoro).

3 - COSTI INDIRETTI - sono i indiretti sulla singola lavorazione ma diretti sul cantiere (se indiretti operativi) o diretti sul contratto (se indiretti legali/finanziari) : questa categoria di non è direttamente proporzionale alle quantità da realizzare ma è proporzionale alla durata del cantiere (più un cantiere dura nel tempo, più mesi di noleggio gru dovrò impegnare e più ore di tecnico di cantiere dovrò assegnare al cantiere). - COSTI GENERALI - sono i generali sui cantieri ma diretti sull impresa; questa categoria di è strettamente legata al tipo di impresa che si considera : più un impresa è strutturata e organizzata per fornire servizi aggiuntivi alla sola costruzione, più i suoi generali sono elevati rispetto al valore dei lavori da eseguire. COSTI DIRETTI (Cdir) I diretti della commessa sono dati dalla somma di tutti i diretti delle singole lavorazioni. Le componenti che vanno a formare i diretti delle lavorazione sono quattro, e rispecchiano le tipologie di risorse che vengono consumate per svolgere la singola lavorazione : -MANODOPERA -MATERIALI -MEZZI D OPERA E NOLI -SUBAPPALTI E PRESTAZIONI DA TERZI Gli strumenti di calcolo dei diretti delle lavorazioni sono l Analisi Prezzi o Analisi Risorse (analisi del consumo di risorse necessario per l esecuzione per una unità di quantità della lavorazione), e il Computo Metrico della commessa. COSTI INDIRETTI OPERATIVI (Cindir op) I indiretti operativi sono i direttamente connessi con il cantiere, ma non attribuibili specificatamente ad una singola lavorazione poiché di servizio a più lavorazioni. A questo proposito assumono fondamentale importanza, soprattutto ai fini dell offerta e del successivo controllo di gestione, le modalità di la corretta attribuzione dei indiretti della commessa sulle lavorazioni che li generano (ad esempio ci sono tecniche come l ACTIVITY BASED MANAGEMENT che partono dallo studio analitico delle attività per arrivare alla precisa distribuzione delle componenti di costo indirette secondo le quantità competenti). Nel processo di calcolo dei, è possibile accada che un costo inizialmente computato come indiretto possa poi risultare in realtà diretto, poiché le risorse che lo generano vengono utilizzate da una sola attività. Categorie di indiretti operativi sono quelli afferenti alle seguenti classi (da definire analiticamente in un computo per ogni intervento) :

4 -IMPIANTO DI CANTIERE RECINZIONI DELL AREA DI INTERVENTOI ALLACCIAMENTI ALLE UTENZE UFFICI E SPOGLIATOI DI CANTIERE -GESTIONE DEL CANTIERE PERSONALE DI DIREZIONE del CANTIERE NOLI E ATTREZZATURE GENERALI DI CANTIERE (es. Gru, Ponteggi, ecc.) CONSUMI ENERGIA E ACQUA -RIPIEGAMENTO DI CANTIERE -CONTROLLI E COLLAUDI Un'altra categoria di costo da inserire nei indiretti operativi del cantiere è sicuramente quello che riguarda la SICUREZZA. Per quanto riguarda la Sicurezza si individuano due specifici campi d indagine che in parte prendono a riferimento le direttive pronunciate in materia dalla Regione Lombardia. Il primo di questi riguarda i cosiddetti oneri direttamente legati all esecuzione delle opere, e che, quindi, riguardano ordinariamente prevedibili dall imprenditore in relazione all esecuzione secondo la norma e le regole dell arte. Il secondo campo, invece, prende in considerazione i cosiddetti oneri specifici della sicurezza riferendosi, in particolare, a tutti quei non ordinariamente prevedibili poiché specificatamente imposti dal Piano di Sicurezza e Coordinamento. Due quindi sono le categorie di costo indiretto operativo legate alla sicurezza : -SICUREZZA ORDINARIA -SICUREZZA STRAORDINARIA COSTI OPERATIVI (Cop) Il costo operativo di un attività è dato dal suo costo diretto sommato alla quota parte dei indiretti operativi di cui è responsabile. Il costo operativo dell intervento è dato dalla somma di tutti i diretti con tutti i indiretti operativi. COSTI INDIRETTI LEGALI/FINANZIARI (Cindir lf) I indiretti legali-finanziari sono i non direttamente attribuibili ad una singola lavorazione ma direttamente legati al cantiere in corso di svolgimento. A differenza dei indiretti operativi, quelli legali-finanziari hanno la loro origine non tanto da operazioni svolte in cantiere, ma bensì da richieste contrattuali e di legge o da operazioni finanziarie (cioè dall utilizzo di un altra risorsa fondamentale, e cioè il denaro) che sono di necessario supporto alle attività di cantiere. La decisione di differenziare le due componenti di costo indiretto è dovuta al fatto che sono diverse le aree aziendali che le elaborano e che quindi ne saranno responsabili durante l esecuzione del cantiere. I indiretti legali-finanziari possono essere divisi nelle seguenti classi (da definire analiticamente per ogni intervento):

5 -ASSICURAZIONI -CAUZIONI/FIDEIUSSIONI -INFLAZIONE 1 -ONERI FINANZIARI Nei indiretti legali-finanziari deve inoltre essere aggiunto il COSTO OFFERTA. I di predisposizione dell offerta e riesame del contratto sono in genere difficilmente isolabili dai globali degli uffici addetti alla loro gestione. E in ogni caso importante per l impresa conoscere l andamento e i consuntivi di costo necessari per formulare le proprie offerte. Questi dati sono facilmente ricavabili nel caso di predisposizione di offerte per importanti commesse quando viene predisposto un programma e un budget di predisposizione dell offerta. Per le offerte per piccole commesse, invece, si useranno dei dati medi tratti da valutazioni su consuntivi. I di offerta, se la gara non sarà vinta, verranno ricaricati sui generali d impresa. COSTI DIRETTI E INDIRETTI (Cdir+indir) Sono dati dalla somma dei diretti coi indiretti (operativi e legalifinanziari). Il significato di questa aggregazione di è quello di prezzo d offerta con zero quota parte generali, zero rischi, zero margine. L aggregazione di queste componenti di costo andrà a tuire, in caso di aggiudicazione della gara, il budget d offerta di riferimento per i successivi studi (project management) antecedenti l inizio lavori che andranno a meglio strutturarlo e formarlo fino a creare il budget operativo di commessa (ripulendo ulteriormente i delle % di imprevisto), riferimento del controllo di gestione. Prima di procedere con le successive componenti del prezzo, alcune osservazioni restano da svolgere per trattare il tema dell assegnazione dei indiretti sui diretti. Per fare questo si riportano di seguito due esempi. esempio 1. Supponiamo che nei indiretti operativi sia stato imputato in prima analisi il costo operativo di impianto e di possesso di una SEGA 1 L imputazione dell inflazione sui è uno dei momenti fondamentali dell analisi finanziaria : si passa dalla stima dei attuali alla stima dei nel tempo. I cantiere edili hanno infatti, nella maggiore parte dei casi, una durata pluriennale, soggetta quindi all incognita variazione nel tempo. Questa stima sarebbe opportuno venisse svolta nel modo più disaggregato possibile, cioè voce per voce e sulla base di un programma dettagliato dell esecuzione delle opere, dei tempi di acquisto e spedizione, dei tempi di montaggio. Quando però le voci sono molte e di difficile disaggregazione, si possono applicare dei criteri compensativi, ipotizzando che l inflazione sia per tutte le voci omogenea e proporzionale nel tempo, andando quindi a calcolare gli importi progressivi di spesa mensile e su questi calcolando un indice di inflazione che traduce i attuali in storicizzati

6 CIRCOLARE (SC1). Da un analisi successiva delle attività che saranno svolte in cantiere potrebbe rilevarsi che tale nolo verrà usato solo dalla lavorazione esecuzione Rivestimento esterno mattone faccia a vista. Tale costo potrà allora essere tolto dal computo dei indiretti (non verrà cioè distribuito su tutti i ) e potrà essere attribuito alla singola lavorazione come componente del costo diretto. esempio 2. Supponiamo che nei indiretti operativi sia stata imputato in prima analisi il costo operativo di impianto e di possesso di una BETONIERA (BET1). Da un analisi successiva delle attività che saranno svolte in cantiere potrebbe rilevarsi che tale nolo verrà usato solo dai cicli di lavorazione che rientrano nella categoria Murature. Tale costo andrà allora tolto dalla lista dei indiretti (non verrà cioè distribuito su tutti i ) e verrà attribuito in parti alle lavorazioni suddette come costo diretto. La quantificazione delle percentuali di assegnazione delle parti del totale costo indiretto alle cinque lavorazioni coinvolte, verrà fatta tenendo conto dell utilizzo che ogni ciclo di lavorazioni farà della macchina (ad esempio dividendo il costo indiretto per la quantità totale di malta da produrre per tutte le lavorazioni, moltiplicando poi il risultato per la quantità di malta prodotta per ogni singolo ciclo di lavorazioni, oppure in modo più rapido in base al peso del costo diretto di ogni attività rispetto alla somma dei diretti di tutte le attività interessate all uso del nolo) COSTI GENERALI (o ESTERNI) (Cgen) I generali sono i che si generano nella gestione complessiva dell impresa di costruzioni ; essi non sono necessariamente riferiti allo specifico cantiere dove la particolare opera edilizia viene eseguita, ma bensì all intera attività imprenditoriale. Questi devono essere ripartiti su ogni singolo cantiere che l impresa ha in un esercizio e quindi una loro quota deve gravare in particolare sul cantiere dove l opera presa in considerazione deve essere eseguita. La decisione di quale è la quota parte di costo generale da attribuire al singolo cantiere oltre che essere legata in prima battuta a fattori proporzionali delle dimensioni dell intervento rispetto al totale cantiere che saranno aperti durante l esercizio, è soprattutto legata a decisioni strategiche della direzione d impresa, che deve decidere sin dalla fase di offerta quanto ogni cantiere deve contribuire nella copertura dei generali d impresa. Tale scelta, come quella della percentuale di margine utile da attribuire, sarà fatta dalla direzione dell impresa a chiusura della fase dell offerta, sulla base di analisi delle possibili alternative fatte in precedenza e dei piani economico-finanziari corrispondenti (grande importanza assumono in questa fase l analisi della concorrenza e dei dati economico-operativi sulla situazione dell impresa in quel momento storico e previsionale futuro). I generali vengono di solito divisi nelle seguenti classi (da definire analiticamente per ogni attività d impresa):

7 - SPESE GENERALI DI PERSONALE - SPESE GENERALI DI UFFICIO - SPESE GENERALI DI MAGAZZINO COSTI TOTALI (Ctot) I totali sono dati dalla somma dei diretti coi indiretti (operativi e legali-finanziari) e la quota parte fissata di generali. Tale costo ha un significato importante di riferimento ed obiettivo per l impresa. Come termine di paragone delle offerte di più imprese è invece più opportuno e obiettivo usare il Costo dir+indir, dato che l attribuzione dei generali è già fattore strategico della singola impresa. IMPREVISTI (I) Ogni categoria di costo ha una quota parte di incertezza dovuta a mancanza di dati o di analisi che va segnalata e compresa nell ammontare totale del costo : tale incertezza viene chiamata Imprevisto. Le classi principali di imprevisto sono: - Imprevisti di indagine o progetto : sono gli imprevisti che si manifestano a seguito della mancanza di dati. Hanno origine esterna o interna all impresa. a. causa esterna : mancanza, incompletezza o inaffidabilità di dati dai documenti progettuali e contrattuali b. causa interna : scelta di non risolvere con studi aggiuntivi le incompletezze rilevate o di non approfondire totalmente le analisi da fare. - Imprevisti di computazione operativo-economica : sono gli imprevisti che nascono a seguito dell imputazione di dati quantitativi ed economici incerti - Imprevisti di programmazione: sono gli imprevisti che nascono a seguito dell imputazione di dati temporali o dell assegnazione di legami logici incerti. La segnalazione di una percentuale di imprevisto sul costo è una segnalazione di mancanza o imprecisione, che può essere costretta o scelta, la cui migliore definizione viene rimandata a momenti successivi. Grande importanza nell attribuzione di queste percentuali assume l esperienza e la capacità di previsione. La percentuale di imprevisto deve rimanere di solo dominio della direzione aziendale, e non deve essere comunicata ai responsabili operativi di commessa, i veri responsabili della fase di generazione e controllo. RISCHI (R) Il rischio è ogni pericolo che può causare un probabile danno finanziario

8 all iniziativa intrapresa. Grande importanza ha allocare gli incrementi sulle categorie di importo corrette : il rischio a differenza degli imprevisti deve essere visto come percentuale non dei (importi interni d impresa) ma del prezzo, data la sua origine (contrattofidocumento esterno = prezzo) e le sue ripercussioni in caso di reale accadimento. MARGINE (M) Il margine è la quantità di utile che l impresa desidera venga riconosciuta, facendosi carico della realizzazione dell intervento, come remunerazione del capitale investito e dei rischi sostenuti. PREZZO (P) Il prezzo è il risultato della somma delle seguenti componenti: P = (Cdir +I) + (Cindir op +I) + (Cindir lf +I) + (qpcgen +I) + R + M P = Cdir + Cindir op + Cindir lf + qpcgen + R + M P = Cop + Cindir lf + qpcgen + R + M P = Cdir+indir + qpcgen + R + M P = Ctot + R + M I range di incidenza delle varie componenti di costo per un intervento residenziale di nuova costruzione può essere riassunta nella tabella di seguito riportata : da a su COSTI INDIRETTI OPERATIVI 6,0% 12,0% diretti COSTI INDIRETTI LEGALI 1,0% 2,0% FINANZIARI diretti COSTI GENERALI 8,0% 12,0% diretti RISCHI 1,0% 3,0% totali MARGINE 6,0% 12,0% totali La modalità di calcolo del prezzo, fatto 100 la somma dei diretti, può essere quindi sintetizzata nella tabella di seguito riportata:

9 ANALISI D.P.R. 554 / 99 COSTI DIRETTI 100,0 100, 0 COSTI INDIRETTI OPERATIVI COSTI INDIRETTI LEGALI FINANZIARI COSTI GENERALI / SPESE GENERALI 9,0% Cdir 1,5% Cdir 10,0% Cdir 9,0 1,5 10,0 15,0% 15,0 COSTI TOTALI 120,5 115, 0 RISCHI 2,0% Ctot MARGINE / UTILE 8,0% Ctot 2,4 9,6 10,0% 11,5 PREZZO 132, E chiaro come al variare della tipologia e dimensione dell appalto da eseguire e del tipo di impresa a cui si affidano i lavori, le percentuali indicate in precedenza possono variare significativamente : ad esempio per un piccolo appalto di ristrutturazione (es. recupero facciate e rifacimento copertura di un edificio esistente) i indiretti operativi possono raggiungere percentuali ben maggiori rispetto a quelle indicate in precedenza, fino in alcuni casi ad arrivare a superare l importo complessivo dei diretti. Ecco allora che nel momento in cui si decide di utilizzare come riferimento un listino prezzi presente sul mercato, bisogna usare l accortezza di verificare la tipologia e dimensione di intervento rispetto al quale questo è stato elaborato, e quindi apporre gli eventuali correttivi relativi all intervento specifico in corso di preventivazione (ad esempio i Listino Prezzi informativi delle Opere Edili in Milano, edito trimestralmente dalla Camera di Commercio di Milano, riporta nelle avvertenze generali di riferirsi ad una costruzione di civile abitazione di m 3 di volumetria complessiva, eseguito in una area piana e sgombera da ostacoli). Tale percentuale di aggiornamento può essere in prima battuta stimata andando a calcolare gli specifici indiretti operativi che l intervento in analisi genererà e quindi adeguando gli importi di listino utilizzando la percentuale di differenza tra indiretti operativi calcolati rispetto ai indiretti operativi ipotizzati rispetto all intervento base del listino. Detto del momento di formazione del prezzo, nel momento in cui si passa al controllo di gestione della commessa, i indiretti in precedenza

10 spalmati sui diretti per la determinazione del prezzo d offerta, divengono essi stessi centri di costo da controllare (cost account), in cui cioè registrare i consuntivi delle risorse via via che queste vengono consumate. categoria di costo DIRETTI OPERATIVI INDIRETTI INDIRETTI LEGALI/FINANZIARI GENERALI Responsabilità controllo RESP. ACQUISTI + RESP. OPERATIVO DI COMMESSA fi DIREZIONE PRODUZIONE + PM RESP. ACQUISTI + RESP. OPERATIVO DI COMMESSA fi DIREZIONE PRODUZIONE + PM RESP. AMMINISTRATIVO - FINANZIARIO fi DIREZIONE AMMINISTRIVA / GENERALE + PM RESP. AMMINISTRATIVO - ACQUISTI fi DIREZIONE AMMINISTRATIVA / GENERALE + PM In funzione della categoria di costo, deve essere individuata un responsabile del suo andamento e degli scostamenti che sicuramente avverranno durante l esecuzione della commessa, affiancato da un Project o Construction Manager (PM o CM) con il compito di far dialogare le varie funzioni e gli specialisti impegnati nella gestione della commessa. Dr. Giuseppe Rigamonti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti 30.X.2013 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui si formula

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale,

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale, ha la funzione di definire

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7/2007 Bandi 2010 e 2011

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7/2007 Bandi 2010 e 2011 potrà UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione

Dettagli

Geom. Francesco Minniti

Geom. Francesco Minniti A N A L I S I C O S T I D E L L A S I C U R E Z Z A P R O G E T T O E S E C U T I V O ai sensi del D.P.R. n.207/2010 e s.m.i. * * * OGGETTO : RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA PER RECUPERO FUNZIONALE IN BIVACCO

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista*

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista* 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 2 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 1 CONTROLLO G E S T I O N E FRANCO CELLINO Economista* I l controllo di gestione rappresenta uno dei momenti, o meglio il

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

GESTIONE COMMESSE IMPIANTI

GESTIONE COMMESSE IMPIANTI GESTIONE COMMESSE IMPIANTI Dedicato ad Aziende di Impianti Elettrici, Idraulici, etc. Lo scopo del progetto è quello di : Migliorare la gestione dei preventivi Rendere più flessibili le analisi dei costi

Dettagli

Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche. Co.Svi.G. S.r.l. Tel/fax 0577 752950. Sede operativa: Via Vincenzo Bellini n.

Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche. Co.Svi.G. S.r.l. Tel/fax 0577 752950. Sede operativa: Via Vincenzo Bellini n. Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche Co.Svi.G. S.r.l. Sede legale: Via Tiberio Gazzei n. 89-53030 RADICONDOLI (Siena) Tel/fax 0577 752950 Sede operativa: Via Vincenzo Bellini n. 58-50144 FIRENZE

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

Gestione modulo Co.An.

Gestione modulo Co.An. Gestione modulo Co.An. I PDC di contabilità analitica (Centri di costo e Voci di Spesa) possono essere creati sfruttando cinque livelli alfanumerici. L elaborazione del pdc sarà guidata dalle esigenze

Dettagli

LA POLITICA DEI PREZZI:

LA POLITICA DEI PREZZI: LA POLITICA DEI PREZZI: I VINCOLI DI MERCATO E LA CORRETTA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL PRODOTTO 1 DETERMINAZIONE DEL PREZZO APPROCCIO CENTRATO SULL AZIENDA APPROCCIO CENTRATO SUL MERCATO 2 APPROCCIO CENTRATO

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione Corso di (Edile) Prof.ssa Maria Sole Brioschi Il (non) controllo dei costi di una commessa

Dettagli

Confronto tra full costing tradizionale e activity based costing

Confronto tra full costing tradizionale e activity based costing Esercitazioni svolte 2012 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 25 Confronto tra full costing tradizionale e activity based costing Emanuele Perucci La produzione della Topolino s.p.a. si articola su una gamma

Dettagli

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA CAPITOO 4 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 55 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 57 Questo capitolo descrive l uso del Q per sviluppare budget e piani di lavoro basati sul

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI

PROVINCIA DI BRINDISI $//(*$72³% DOOD'HWHUPLQD]LRQH'LULJHQ]LDOH1BBBBBGHOBBBBBBBBBBB PROVINCIA DI BRINDISI 9LD'H/HR%5,1',6, CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA (parte meccanica ed

Dettagli

Processo edilizio e valore di costo

Processo edilizio e valore di costo Estimo d Processo edilizio e valore di costo corso di estimo D a.a. 2007-08 1 il concetto d appalto L art. 1321 del Codice Civile definisce l appalto come l accordo tra due o più parti per costituire,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria !"#$%&'()* +,,-+,,./001%+,,./+,,.* 2 Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria Il piano economico e finanziario è uno studio previsionale che prende in considerazione le diverse azioni

Dettagli

CONVENZIONE. tra. il Soggetto gestore EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA della provincia di Lucca (ERP)

CONVENZIONE. tra. il Soggetto gestore EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA della provincia di Lucca (ERP) CONVENZIONE tra il Soggetto gestore EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA della provincia di Lucca (ERP) il COMITATO PARITETICO TERRITORIALE per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro per le

Dettagli

Metodi di calcolo dei costi di prodotto

Metodi di calcolo dei costi di prodotto Metodi di calcolo dei costi di prodotto Presentazione Ing. Cecilia Fariselli Da 23 anni nel settore dell Information Technology. Da oltre 10 anni gestione manageriale, organizzazione aziendale, operando

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

COMUNE DI CASTELLALTO

COMUNE DI CASTELLALTO COMUNE DI CASTELLALTO ACCORDI DI URBANISTICA NEGOZIATA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI TRASFORMAZIONE URBANISTICA - ALLEGATO A (BOZZA DEL 18.04.2013) Ufficio Urbanistica via Madonna degli Angeli,

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI Art. 1: Ambito di applicazione. CAPO 1 Oggetto e soggetti Il presente Regolamento definisce

Dettagli

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Convegno Standard per i musei della Regione Piemonte GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Adriano Da Re Torino, 3 Dicembre 2007 Agenda La Fondazione Torino Musei

Dettagli

ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA

ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. per l affidamento di servizi di sviluppo e manutenzione evolutiva, gestione applicativa, manutenzione correttiva

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei

Dettagli

Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze

Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze documento ad uso interno all istituto a cura di Marta Dalla Vecchia

Dettagli

Controllo di gestione budget settoriali budget economico

Controllo di gestione budget settoriali budget economico Controllo di gestione budget settoriali budget economico TEMA Pianificazione, programmazione e controllo di gestione costituiscono le tre fasi del processo globale attraverso il quale l impresa realizza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI

I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI DINO BOGAZZI Direttore Qualità e Organizzazione Consorzio Cooperative Costruzioni e Vicepresidente Settore Costruzioni AICQ 1. Premessa Il

Dettagli

IL CONCETTO DI COSTO IN EDILIZIA. corso di estimo D prof. Raffaella Lioce a.a. 2005/06 1

IL CONCETTO DI COSTO IN EDILIZIA. corso di estimo D prof. Raffaella Lioce a.a. 2005/06 1 IL CONCETTO DI COSTO IN EDILIZIA 2005/06 1 Obiettivo e struttura Obiettivo della lezione è introdurre il concetto di costo nel settore edile (ingegneria civile in genere) attraverso l analisi di Struttura

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

LA CONTABILITA' LAVORI

LA CONTABILITA' LAVORI LA CONTABILITA' LAVORI Prof. Domenico Natale 1 Finalità Scopo della contabilità lavori è quello di definire: nel momento del progetto l importo preventivo dell opera fase progettuale preventiva a lavoro

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Il sistema informativo aziendale insieme delle attività connesse alla raccolta, analisi e rappresentazione delle informazioni interne ed esterne all'azienda dati indispensabili per poter valutare lo stato

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio Programmazione operativa Programmazione operativa La programmazione operativa è la traduzione della progettazione dei sistemi edilizi, in termini di programma temporale della fase esecutiva dell opera

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

Evoluzione del settore delle costruzioni

Evoluzione del settore delle costruzioni Il Progetto normativo Evoluzione del settore delle costruzioni Nell ultimo ventennio profonde mutazioni della struttura del processo edilizio dovute a: evoluzione del quadro normativo (naz. ed intern.)

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività CONTABILITA GENERALE e CONTABILITA ANALITICA le informazioni derivanti dalla Contabilità Generale (C.G.) si

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE

DOCUMENTI DI CANTIERE DOCUMENTI DI CANTIERE DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI - GIORNALE DEI LAVORI - LIBRETTI DELLE MISURE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE - LISTE SETTIMANALI - REGISTRO DI CONTABILITA - SOMMARIO DEL

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc.

In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc. Le Rimanenze In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc.; in un apposita lezione verranno trattate le rimanenze

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI

FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI 20 MARZO 1 FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI Esame dell agevolazione alla luce anche dei chiarimenti contenuti nella circolare dell Agenzia delle Entrate

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi I costi nelle aziende che lavorano su commessa 1. Cosa significa produrre su commessa? L azienda produce un bene (complesso) solo dopo aver ricevuto un ordine da

Dettagli

COSTI PER LA SICUREZZA

COSTI PER LA SICUREZZA COSTI PER LA SICUREZZA All. XV 4.1-D.Lgs 81/2008 DALL USCITA DELLA 494/96 ESISTE L OBBLIGO DI REDIGERE UN COMPUTO PER LA SICUREZZA CIOE EFFETTUARE UNA VALUTAZIONE DEGLI ONERI PER LA SICUREZZA TALE VALUTAZIONE

Dettagli

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA REP. N.... CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA DIREZIONE LAVORI RELATIVO AI LAVORI DI ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Gestione contabile Scuole di Dottorato. Versione 03

Gestione contabile Scuole di Dottorato. Versione 03 Gestione contabile Scuole di Dottorato Versione 03 Attività Struttura data Elaborazione Divisione Pianificazione Agosto 2009 Approvazione ed emissione il Dirigente della Direzione Pianificazione, Amministrazione

Dettagli

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO SETTORE GESTIONE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Giovanni XXIII, n. 6 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PREMESSA Ai

Dettagli

King Commesse e Cantieri. Gestione Impiantisti

King Commesse e Cantieri. Gestione Impiantisti King Commesse e Cantieri Gestione Impiantisti Gestione Commesse e Cantieri per Impiantisti... 3 Controllo dei Materiali... 4 Movimentazioni di magazzino... 5 Valorizzazioni... 8 Gestione del personale...

Dettagli

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici Appalti Pubblici La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici L articolo analizza nel dettaglio, per gli appalti di lavori pubblici stipulati a corpo, le modalità per la contabilizzazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 117/E

RISOLUZIONE N. 117/E RISOLUZIONE N. 117/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 novembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Opere ultrannuali Costi relativi ai SAL liquidati in via provvisoria al subappaltatore Articoli 93

Dettagli

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7.8.2007, n. 7.

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7.8.2007, n. 7. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei

Dettagli

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE PER LA PROGETTAZIONE NONCHE MODALITA E CRITERI DI ATTRIBUZIONE AL PERSONALE Approvato con delib.

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO

PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO Premessa Il Comune di Castel Maggiore intende concedere gli spazi all interno della ex scuola elementare di Trebbo di Reno del secondo piano per finalità pubbliche o di socializzazione

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

Il Computo Metrico Estimativo

Il Computo Metrico Estimativo Il Computo Metrico Estimativo 03.XII.2013 Progetto esecutivo e CME Il progetto esecutivo prevede la descrizione completa del progetto sotto il profilo Della forma: il progetto deve essere descritto nei

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 PROVINCIA DI MATERA Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente BILANCIO DI PREVISIONE 2014 BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 C.da Rondinelle 75100 Matera (MT) - Cod. Fisc. 93042510771 tel. 0835.268859

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

Lez. 2 Riferimenti normativi [documento 2A]

Lez. 2 Riferimenti normativi [documento 2A] Lez. 2 Riferimenti normativi [documento 2A] Compila il disciplinare d incarico ipotizzando un intervento di manutenzione straordinaria, comprensivo di progetto e direzione lavori e coordinamento della

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 12 CONTROLLO DEI COSTI DI COMMESSA/PROGETTO

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 S OMMAR IO LA FUNZIONE DEI REPORT... 3 TIPOLOGIA DEI REPORT... 3 CRITERI

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

LA DETERMINAZIONE DEI COSTI COMPLESSIVI DI COMMESSA CON IL CRITERIO DELLA LOCALIZZAZIONE DEI COSTI: il caso Sicilyelectronic 2000 S.r.l.

LA DETERMINAZIONE DEI COSTI COMPLESSIVI DI COMMESSA CON IL CRITERIO DELLA LOCALIZZAZIONE DEI COSTI: il caso Sicilyelectronic 2000 S.r.l. LA DETERMINAZIONE DEI COSTI COMPLESSIVI DI COMMESSA CON IL CRITERIO DELLA LOCALIZZAZIONE DEI COSTI: il caso Sicilyelectronic 2000 S.r.l. Corso di Economia Aziendale (esercitazioni) Dott. Sergio Paternostro

Dettagli

CANTIERE 2015/16 COMPUTO METRICO E SCRITTURE CONTABILI DI CANTIERE ANALISI COSTI E PREVENTIVAZIONE LAVORI (BASE)

CANTIERE 2015/16 COMPUTO METRICO E SCRITTURE CONTABILI DI CANTIERE ANALISI COSTI E PREVENTIVAZIONE LAVORI (BASE) 2015/16 CRESCITA PROFESSIONALE Ottobre 2015 - Settembre 2016 Il primo obiettivo di un vero professionista è quello di migliorarsi constantemente e di crescere in linea con l evoluzione del proprio settore.

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale.

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale. ONERE ANNUO A BASE DI GARA. Nelle pagine che seguono viene riportata l analisi economica conseguente alla esecuzione dei servizi, secondo le modalità minime indicate nell allegato Relazione Tecnica e nel

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

RELAZIONE. b) costituire la base per l'aggiornamento dei prezzi secondo la modalità del prezzo chiuso;

RELAZIONE. b) costituire la base per l'aggiornamento dei prezzi secondo la modalità del prezzo chiuso; RELAZIONE Il Cronoprogramma dei lavori citato negli articoli 33, 40, 43, 124 e 137 del D.P.R. n 207/2010 rappresenta, essenzialmente, l andamento nel tempo degli importi dei lavori da eseguire ed è fondamentale

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

28.03.2012 Le spese di manutenzione e riparazione L imputazione a bilancio delle manutenzioni e riparazioni su beni strumentali

28.03.2012 Le spese di manutenzione e riparazione L imputazione a bilancio delle manutenzioni e riparazioni su beni strumentali Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 149 28.03.2012 Le spese di manutenzione e riparazione L imputazione a bilancio delle manutenzioni e riparazioni su beni strumentali Categoria:

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Introduzione al corso Cenni sulla gestione della commessa Pianificazione WBS delle attività Chi siamo fulvio.rececconi@polimi.it Note: - Orario; - Materiale didattico - Obbligo

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

EASY SHARE FINANCE S.r.l.

EASY SHARE FINANCE S.r.l. EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE certificata ISO 9001:2000 Sincert - accreditata dalla Regione Lombardia Il software si compone di tre sezioni: 1) Controllo

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni.

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie

Dettagli

Costi od Oneri della Sicurezza?

Costi od Oneri della Sicurezza? Costi od Oneri della Sicurezza? La distinzione tra Costi della sicurezza e Oneri della sicurezza nasce dalle diverse dizioni letterali che si rinvengono nella normativa italiana, in particolare al punto

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

2.0 Gli archivi. 2.1 Inserire gli archivi. 2.2 Archivio Clienti, Fornitori, Materiali, Noleggi ed Altri Costi. Impresa Edile Guida all uso

2.0 Gli archivi. 2.1 Inserire gli archivi. 2.2 Archivio Clienti, Fornitori, Materiali, Noleggi ed Altri Costi. Impresa Edile Guida all uso 2.0 Gli archivi All interno della sezione archivi sono inserite le anagrafiche. In pratica si stratta di tutti quei dati che ricorreranno costantemente all interno dei documenti. 2.1 Inserire gli archivi

Dettagli

PROGETTO DI MANUTENZIONE

PROGETTO DI MANUTENZIONE PROGETTO DI MANUTENZIONE CRITERI LA PROGETTAZIONE DELLA MANUTENZIONE RICHIEDE DI TROVARE IL GIUSTO EQUILIBRIO NELLE POLITICHE DI MANUTENZIONE, OTTIMIZZANDO EFFICACIA ED EFFICIENZA A FRONTE DI UN CONTENIMENTO

Dettagli