Percorsi Formativi. StudioMattavelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorsi Formativi. StudioMattavelli"

Transcript

1 Percorsi Formativi Contabilità Gestionefiscale Casipratici MicrosoftOfficeExcel Controllodigestione ProjectManagement ComunicazioneeMarketing 2012/10 VolumeUnico StudioMattavelli

2

3 Indice Contabilità La contabilità d impresa.. La contabilità a servizio della vendita: report di vendita e tecniche di budget.. Leggere e capire il bilancio d esercizio. La costruzione del bilancio periodico Indagine sul bilancio... La consuntivazione e la preventivazione finanziaria. Gli indicatori economico-finanziari.... La gestione del magazzino.... Iva base... Gestionefiscale La contabilità per le operazioni con l estero La gestione fiscale d impresa... Black List... Le triangolazioni Iva..... Lo spesometro..... Il redditometro.... I nuovi strumenti di accertamento a carico delle imprese e delle persone fisiche Le nuove forme di soluzione delle controversie: Mediazione Civile e Fiscale.. Icasipratici La costruzione del rendiconto finanziario... Dalla contabilità al Bilancio... Dall utile di Bilancio all imponibile fiscale... Il Bilancio periodico... L analisi comparativa di Bilancio.. Business Plan.... Sistema di misurazione delle performance. MigliorarelaproduttivitàconMicrosoftOfficeExcel Modulo 1: importazione con excel.... Modulo 2: analisi dei dati con excel.. Modulo 3: la sintesi dei dati con excel - le pivot... Modulo 4: la rappresentazione dei dati con excel.. Modulo 5: prevedere il futuro con excel e oltre excel.. Controllodigestione Leggere e capire le vendite

4 Indice La contabilità analitica e industriale..... Ridurre i costi in azienda.... Il budget e l incentivazione. La gestione del rapporto banca-impresa. Il Business Plan e la What If analysis Prevenire le insolvenze: tecniche per ridurre il rischio di perdite su crediti. I metodi di valutazione ed i sistemi premianti. Le strategie per superare la crisi: il piano stragiudiziale attestato di risanamento.. ProjectManagement Il Project Management. Basi di Project Management..... Il Project Management. Forms del Project Management ComunicazioneeMarketing Time management.. Il team e la leadership.. La comunicazione... Comunicazione d impresa... Il web in tempi di crisi.. PNL per la vendita.. Problem Solving Basi di marketing

5 Contabilità 5

6 Contabilità Lacontabilitàd impresa 6 Il corso fornirà le principali procedure per effettuare le scritture contabili in partita doppia. Inoltre, attraverso una serie di esemplificazioni pratiche, saranno analizzate e gestite le principali operazioni aziendali. La contabilità e il metodo della partita doppia Il ciclo attivo: fatture emesse - incassi Il ciclo passivo: fatture ricevute e pagamenti Le liquidazioni Iva 40 ore Le scritture relative ai dipendenti, le scritture di prima nota e le procedure di controllo Le rettifiche di fine periodo (ratei, risconti, fatture da ricevere, ammortamenti) Magazzino Imposte Cenni ai principi di redazione di un bilancio

7 Contabilità Lacontabilitàaserviziodellavendita: reportdivenditaetecnichedibudget Il corso si rivolge a coloro che lavorano nelle aree amministrativa e commerciale interessati ad approfondire e migliorare la costruzione e la lettura degli strumenti da utilizzare per comprendere le tecniche di analisi delle vendite: cosa raccontano o possono raccontare i report di vendita e come leggerli per migliorare la capacità dell impresa di aumentare la propria forza commerciale. 7 In periodi di discontinuità vendere e basta, non basta più. Occorre invece una consapevolezza da parte delle risorse commerciali e amministrative dell andamento della propria prestazione commerciali al fine di compiere cambi di rotte tempestive che consentano una navigazione sempre più rivolta agli obiettivi aziendali. Quali dati procurarsi Le tabelle e i grafici per descrivere Preparare il commento ai dati Esempi di analisi dei dati 8 ore

8 Contabilità Leggereecapireilbilanciod esercizio 8 Il presente corso ha lo scopo di introdurre i partecipanti alla lettura e comprensione del bilancio di esercizio attraverso un analisi dei principi che lo sorreggono e delle principali poste che lo compongono al fine di comprendere, anche senza ricorrere a complicati sistemi di analisi e scoring, le principali dinamiche patrimoniali, economiche e finanziarie. I principi di redazione Lo Stato Patrimoniale Il Conto Economico Le informazioni derivanti dalla Nota Integrativa e la relazione sulla gestione Il bilancio racconta: situazione patrimoniale, finanziaria ed economica 12 ore

9 Contabilità Lacostruzionedelbilancioperiodico Il corso si propone di introdurre i partecipanti alle metodologie e alle tecniche anche informatiche per consentire l estrapolazione dei dati, l esecuzione delle scritture di rettifica, la previsione del carico fiscale, la riclassificazione e l analisi. Al termine del corso ogni partecipante si ritroverà con gli strumenti necessari per poter cominciare a predisporre senza eccessivi sforzi il proprio bilancio periodico. 9 La cassetta degli attrezzi: strumenti per risparmiare tempo L estrapolazione dei dati: come collegarsi alla contabilità generale La riclassificazione di bilancio: come garantire la quadratura dei conti Le scritture di rettifica: costruzione di fogli di lavoro per l automatizzazione La previsione del carico fiscale La riclassificazione di bilancio e gli spunti per l analisi 8 ore

10 Contabilità 10 Indaginesulbilancio Il corso si propone di affrontare il delicato tema del bilancio e della sua redazione in conformità ai principi contabili. Attraverso una vera e propria indagine i partecipanti apprenderanno, oltre ai fondamentali, a riconoscere ed evitare le possibili distorsioni in sede di redazione. Il caso: quando un bilancio viene considerato falso o inattendibile Perché esiste il bilancio falso Le indagini civili e penali Indagini del delitto: analizzare le voci dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico La relazione sulla gestione e il rendiconto finanziario Il verdetto 16 ore

11 Contabilità Laconsuntivazioneelapreventivazionefinanziaria Il corso si propone di introdurre i partecipanti agli strumenti del credit management, dalla consuntivazione e soprattutto della preventivazione della situazione finanziaria aziendale. 11 L esigenza di sviluppo un percorso di questo tipo nasce dalla situazione di crisi economica e finanziaria e dalla stretta creditizia che stiamo vivendo, le quali richiedono una gestione più attenta non solo da un punto di vista economico, ma soprattutto da un punto di vista finanziario e della tesoreria. La consuntivazione finanziaria Punto di pareggio economico e finanziario Le forme e i tipi di rendiconto finanziario La preventivazione finanziaria I metodi per la preventivazione Strumenti per la preventivazione e per la gestione della tesoreria 16 ore

12 Contabilità Gliindicatorieconomico-finanziari 12 Il corso fornirà le principali tecniche di analisi delle performance economiche, patrimoniali e finanziarie delle imprese utilizzando sia le principali teorie aziendalistiche ma avendo altresì cura di offrire ai partecipanti un taglio eminentemente pratico corredando la trattazione di strumenti operativi da poter utilizzare e applicare nelle proprie azienda. Stato di crisi e Stato di salute aziendale: come condurre la diagnosi L analisi di bilancio e la costruzione di un cruscotto aziendale Dalla diagnosi alla guarigione: i piani di sviluppo e il dialogo con gli istituti di credito 24 ore

13 Contabilità Lagestionedelmagazzino Il corso intende fornire le tecniche per una gestione efficiente ed efficace del magazzino con le relative implicazioni finanziarie. 13 Contabilità fiscale di magazzino e differenze inventariali La presunzione di cessione e di acquisto La cause delle differenze inventariali La posizione del fisco sulle differenze inventariali 8 ore

14 Contabilità 14 Ivabase Avere un quadro completo delle operazioni rilevanti ai fini dell imposta sul valore aggiunto, le sue diverse applicazione e gli adempimenti voluti dalla normativa. Analizzare dal punto di vista pratico la disciplina Iva con le sue più frequenti casistiche in continuo aggiornamento. Comprendere il quadro normativo di riferimento e possedere gli strumenti necessari per svolgere tutti gli adempimenti obbligatori di legge in materia di Iva. Principi generali Fattura, documento di trasporto, ricevuta, scontrino fiscale Modalità di applicazione normativa Iva Operazioni con l estero, comunitarie, via internet Aggiornamento e novità Dichiarazione annuale e comunicazione sintetica Rimborsi del credito Iva Quadro sanzionatorio 20 ore

15 Gestionefiscale 15

16 Gestione fiscale Lacontabilitàperleoperazioniconl estero 16 L obiettivo di questo corso è quello di fornire ai partecipanti le nozioni fiscali e contabili per la registrazione delle operazioni relative a beni e servizi con soggetti comunitari ed extracomunitari. Le fonti normative nazionali e comunitarie Il requisito della territorialità Le cessioni comunitarie ed extracomunitarie 8 ore Le triangolazioni Iva Le prestazioni di servizi comunitarie ed extracomunitarie Le triangolazioni con servizi La prova delle esportazioni: quali documenti consegnare in caso di verifica Gli esportatori abituali

17 Gestione fiscale Lagestionefiscaled impresa Il corso si propone di introdurre le principali problematiche che una funzione amministrativa si trova ad affrontare nella gestione day by day e in occasione degli adempimenti periodici. 17 Presentando strumenti operativi e proponendo suggerimenti procedurali, il corso si porrà quale ambizioso obiettivo la semplificazione delle procedure amministrative e l introduzione in maniera semplice e chiara di concetti solitamente riservati agli addetti ai lavori. Le imposte dirette e le ritenute sui redditi Le imposte dirette e il calcolo dell imponibile fiscale 16 ore

18 Gestione fiscale 18 Blacklist Fornire ai partecipanti una guida alla compilazione della Black List anche alla luce dei nuovi adempimenti previsti per i soggetti passivi di imposta. Soffermandosi sui casi particolari e sulle risposte fino ad oggi fornite dall Agenzia delle Entrate. Introduzione e inquadramento normativo Obblighi dichiarativi Comunicazione della Black List 4 ore Ravvedimento della comunicazione Black List Esempio di compilazione in dichiarazione Ultimi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

19 Gestione fiscale LetriangolazioniIva Il corso si propone di esaminare il comportamento da mantenere in merito a fatturazione, obblighi INTRA e conseguimento del plafond quale esportatore abituale, nei casi in cui l azienda si trovi nella situazione di primo cedente e incaricato della spedizione (che verrà indicato negli schemi in alto a sinistra), di primo cessionario e secondo cedente (che verrà indicato in alto a destra) o infine di secondo cessionario (che verrà indicato in basso). 19 Cosa sono le triangolazioni Iva Triangolazioni interne Triangolazioni comunitarie Triangolazioni extracomunitarie Triangolazioni con lavorazione Quadrangolazioni 10 ore

20 Gestione fiscale 20 Lospesometro Il corso permette di comprendere ed adeguare le procedure contabili per espletare gli adempimenti relativi all art. 21 del D.L /05/2010, che ha introdotto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva di importo superiore a il cd spesometro. Si tratta di fatto di un nuovo elenco Clienti/Fornitori. Perché lo spesometro Ambito soggettivo: chi deve comunicare Ambito oggettivo: cosa va comunicato, le esclusione 4 ore Aspetti operativi: come si comunica

21 Gestione fiscale IlRedditometro Il potenziamento del redditometro rappresenta pienamente il nuovo corso seguito dal fisco per svolgere la propria attività di accertamento dei redditi dei contribuenti. Ad una logica di tipo dichiarativo si sovrappone un ottica di tipo presuntivo secondo la quale ad un determinato livello di spessa ovvero ad un particolare tipo di spesa si associa automaticamente un reddito, il corso, attraverso anche la proposta di casi concreti, affronta il funzionamento dello strumento, illustrando i principali strumenti di difesa per il contribuente. 21 Cos è il redditometro Soggetti colpiti dal redditometro Indici di ricchezza Esempi di calcolo del redditometro 4 ore Gli strumenti di difesa

22 22 Gestione fiscale Inuovistrumentidiaccertamentoacaricodelleimprese edellepersonefisiche L introduzione e il potenziamento degli strumenti di accertamento sintetico (redditometro, spesometro, studi di settore) rappresentano il nuovo corso seguito dal fisco per svolgere la propria attività di accertamento dei redditi dei contribuenti. Ad una logica di tipo dichiarativo si sovrappone un ottica di tipo presuntivo secondo la quale ad un determinato livello di spesa ovvero ad un particolare tipo di spesa si associa automaticamente un reddito. Il corso, attraverso anche la proposta di casi concreti, affronta il funzionamento dei vari strumenti illustrando i principali strumenti di difesa per il contribuente. Gli studi di settore: novità e conferme Il redditometro: analisi di casi concreti L accertamento di tipo induttivo: presupposti e conseguenze Gli strumenti di difesa 8 ore

23 Gestione fiscale Lenuoveformedisoluzionedellecontroversie: MediazioneCivileeFiscale In un periodo caratterizzato dalle lentezze della giustizia, dove i costi dei ritardi nelle procedure civili costano alle imprese 2,6 Miliardi di Euro, la nuova possibilità per la risoluzione delle controversie è la Mediazione (Civile o Tributaria), un procedimento che oltre alla certezza dei tempi brevi ha la garanzia di costi contenuti e predeterminati. 23 In certi contesti civilistici e fiscale la mediazione è stata inoltre resa obbligatoria rendendo quanto mai necessaria una maggiore informazione per le imprese in merito allo strumento. Cos è la mediazione Chi è il mediatore Cosa sono gli organismi di mediazione Quando è obbligatorio rivolgersi alla mediazione Come si svolge una mediazione Gli effetti di una mediazione I costi del procedimento di mediazione Casi di mediazione La mediazione fiscale: limiti e opportunità 12 ore Modalità di svolgimento della mediazione fiscale

24

25 Icasipratici 25

26 I casi pratici 26 Lacostruzionedelrendicontofinanziario Turnover is vanity, profit is a sanity but cash is reality si suole dire. Tale principio deve trovare applicazione in azienda rendendo l amministrazione in grado di costruire e leggere l andamento finanziario della propria impresa. Partendo da un bilancio di esercizio il corso ripercorrerà tutti i passaggi per poter redigere e comprendere un rendiconto finanziario nelle sue diverse forme. I partecipanti potranno così ricavare strumenti utili da poter applicare immediatamente in azienda. Le fonti: quali dati occorre procurarsi Il confronto degli stati patrimoniali: fonti e impieghi Il ciclo del circolante: effetti sulla cassa Il ciclo degli investimenti: effetti sulla cassa Il ciclo dei finanziamenti Le forme di rappresentazione del rendiconto finanziario 12 ore Pc personale altamente consigliato

27 I casi pratici DallacontabilitàalBilancio Il corso ha lo scopo di condurre i partecipanti alla redazione del bilancio di esercizio partendo da un bilancio di verifica ed eseguendo tutte le operazioni relative alle scritture di rettifica e formazione del fascicolo definitivo di Bilancio. 27 Il taglio del corso, eminentemente pratico, consentirà ai partecipanti di acquisire familiarità con una serie di strumenti contabili ed extra contabili che potranno trovare immediata integrazione nei processi amministrativi. Le verifiche contabili preliminari: le anomalie contabili Le immobilizzazioni: la gestione del libro cespiti contabile ed extracontabile Ammortamenti, Capitalizzazioni, Plusvalenze e Minusvalenze Perdite su crediti e Fondo svalutazione crediti I ratei dei dipendenti (ferie, 13, tfr, INAIL) e il calcolo del cuneo fiscale 4 ore Le fatture da ricevere e da emettere Ratei e Risconti La rilevazioni dei debiti tributari e previdenziali Pc personale consigliato

28 I casi pratici 28 Dall utiledibilancioall imponibilefiscale Il corso affrontando casi pratici illustra i passaggi dal reddito civilistico a quello fiscale e la conseguente determinazione delle imposte. I contenuti del corso potranno pertanto essere utilizzati sia ai fini di una comprensione delle logiche che sottendono il calcolo delle imposte ottenendo da un lato una pianificazione fiscale efficace dall altro integrando gli strumenti a disposizione dell amministrazione. Le riprese in aumento Le riprese in diminuzione Calcolo dell IRES e IRAP corrente, anticipata e differita 12 ore Pc personale consigliato

29 I casi pratici IlBilancioperiodico Il corso si propone di condurre i partecipanti attraverso l utilizzo di un foglio excel già funzionante alla predisposizione senza eccessivi sforzi del bilancio periodico, per poter poi applicare in azienda le tecniche apprese in aula. 29 Le verifiche preliminari e l importazione del bilancio di verifica L impostazione del piano dei conti Le rettifiche al bilancio periodico: ratei, risconti, ammortamenti, fatture da ricevere e altro Tecniche per automatizzare le rettifiche Il calcolo delle imposte infrannuali La rappresentazione dei bilanci periodici 4 ore Pc personale altamente consigliato

30 I casi pratici 30 L analisicomparativadibilancio L'analisi della concorrenza attraverso il procedimento comparativo, è una delle condizioni necessarie per lo sviluppo coerente della strategia e della gestione operativa aziendale alla luce delle probabili evoluzioni future del quadro concorrenziale. Durante il corso gli imprenditori ed impiegati nelle aree amministrative potranno apprendere ad utilizzare un foglio di lavoro già predisposto dal docente che potrà poi essere adattato per l applicazione in azienda. Introduzione al foglio lavoro La raccolta dei dati e l inserimento nel sistema L analisi patrimoniale 12 ore L analisi economica L analisi finanziaria La rappresentazione grafica

31 I casi pratici BusinessPlan Il corso si propone di fornire ai partecipanti le conoscenze e le indicazioni operative necessarie alla redazione del Business plan ed al suo utilizzo a fini esterni ed interni aziendali. 31 Il Business Plan sarà proposto non solo come utile strumento di riflessione per la gestione del cambiamento e degli eventi straordinari ma soprattutto come guida per l imprenditore per affrontare la sfida dello sviluppo e della gestione day by day. Introduzione al caso aziendale Dati necessari e loro organizzazione Compilazione della parte qualitativa: la descrizione del business 12 ore Compilazione della parte progettuale: l idea e il progetto La rappresentazione dei risultati storici: tabelle e schemi descrittivi La rappresentazione del piano economico e finanziario L analisi di sensibilità e l esplorazione di scenari alternativi

32 I casi pratici 32 Sistemadimisurazionedelleperformance La misurazione delle performance non va vista solo come momento di valutazione delle risorse ma va vista come motore per guidare e spingere il cambiamento aziendale. Il corso è suddiviso in due parti: nella prima parte verranno esplorati alcuni casi aziendali reali che hanno visto la costruzione di un nuovo sistema delle performance quale protagonista del cambiamento, nella seconda parte verrà simulato la costruzione di un sistema di valutazione delle performance per una piccola media industria costruendo un modello che potrà poi trovare applicazione concreta tornati in azienda. I fondamenti del modello Le applicazioni pratiche Esercitazione su un caso simulato 8 ore

33 Migliorarela produttività 33 conmicrosoft OfficeExcel

34 Microsoft Office Excel 34 ImportazioneconExcel Esempi proposti Importazione di un testo e sua pulizia Dal bilancio al Piano dei conti Dividere gli indirizzi dai numeri civici Dividere il numero di conto dal nome del conto INTRODUZIONE: Mouse no grazie Gestione dei riferimenti 8 ore Risparmiare risorse IMPORTAZIONE CON EXCEL: Testo in colonne Odbc-query Copia e incolla: approfondimenti Filtri semplici e avanzati Trova e sostituisci Convalida Elimina duplicati Funzioni di testo: destra (), sinistra (), stringa estrai (), trova (), concatena (), &, identico ()

35 Microsoft Office Excel AnalisideidaticonExcel Esempi proposti La riclassificazione di bilancio L analisi del fatturato 35 Calcolare i giorni lavorativi e i fine mese senza formule Gestire un calendario Calcolo ratei, risconti e ammortamenti Classifica prodotti-clienti L analisi degli scostamenti: effetto quantità, prezzo, mix L analisi di benchmarking LAVORARE CON I NUMERI: CERCA.VERT (), CONFRONTA (), CONTA.SE (), DB.SOMMA (), SOMMA.+.SE (), SCARTO (), INDI- CE (), INDIRETTO (), INDIRIZZO () LAVORARE CON LE DATE: ANNO (), MESE (), ANNO MESE, DATA (), GIOR- NI.LAVORATIVI.TOT (), FINE.MESE () LE FUNZIONI STATISTICHE: GRANDE (), PICCOLO (), RANGO (), PERCENTILE (), VARIANZA () 8 ore

36 Microsoft Office Excel LasintesideidaticonExcel:lepivot Esempi proposti Rielaborazione di alcuni esempi utilizzando le pivot anziché funzioni 36 LE PIVOT: Come preparare i dati e sapere cos è una pivot L autocomposizione (layout classico e nuove caratteristiche) 8 ore Operazioni con le pivot (incidenza, scostamento, totale in) I raggruppamenti I campi calcolati La funzione INFO.DATI.PIVOT () I limiti delle pivot I consigli per risparmiare spazio

37 Microsoft Office Excel Larappresentazionedeidaticonexcel Esempi proposti Grafici per l analisi di bilancio Grafici a cascata 37 Grafici a radar LAVORARE CON I GRAFICI: La formattazione e la formattazione condizionale Wordart Le tabelle Un grafico senza grafico: la funzione RIPETI () I grafici 8 ore

38 Microsoft Office Excel 38 Prevedereilfuturoconexceleoltreexcel Esempi proposti Relazione collegata ad Excel Power point collegato ad Excel Sito web collegato ad Excel PREVEDERE IL FUTURO: La funzione RATA () e le funzioni finanziarie La funzione CRESCITA () e TENDENZA () La ricerca obiettivo e il suo uso per i problemi di ottimizzazione Il risolutore - cenni Gli scenari 8 ore La gestione di scenari multipli con le caselle di controllo OLTRE EXCEL: Le altre caselle di controllo Le macro: il registratore L ambiente di sviluppo - cenni La gestione della protezione Le integrazioni con gli altri strumenti office e con il web

39 39 Controllodi gestione

40 Controllo di gestione 40 Leggereecapirelevendite In periodi di discontinuità vendere e basta non basta più. Occorre invece una consapevolezza da parte delle risorse commerciali e amministrative dell andamento della propria prestazione commerciale al fine di compiere cambi di rotte tempestive che consentano una navigazione sempre più rivolta agli obiettivi aziendali. Il corso si rivolge a imprenditori e impiegati nell area amministrativa e commerciale interessati ad approfondire e migliorare la costruzione e la lettura di strumenti di reportistica sulle performance aziendali. Gli obiettivi dell analisi La scelta dei dati Le analisi dei dati: punto di pareggio, analisi degli scostamenti, ABC e grafici La rappresentazione dei dati: report di vendita Le azioni correttive e le simulazioni di scenari alternativi 16 ore

41 Controllo di gestione Lacontabilitàanaliticaeindustriale Il corso si propone di introdurre i partecipanti alle principali tecniche utilizzabili per l impostazione di un sistema di contabilità analitica, prestando particolare attenzione alle prerogative per poter consentire l introduzione di un sistema di costing efficiente ed efficace. 41 Cos è la contabilità analitica e industriale La classificazione dei costi e i metodi di attribuzione Applicazioni: aziende a ciclo continuo per commesse, lotti, ecc. 16 ore

42 Controllo di gestione 42 Ridurreicostiinazienda Il corso si propone di introdurre i partecipanti alle tecniche di analisi in grado di determinare l utilità dei costi prima ancora di procedere a tagli che, se mal scriminati, possono avere effetti collaterali indesiderati. La suddivisione dei costi per natura La suddivisione dei costi per destinazione Quali analisi sui costi 10 ore Il miglioramento dei costi unitari Il miglioramento dei costi indiretti Le analisi di make or buy

43 Controllo di gestione Ilbudgetel incentivazione Il corso intende fornire gli strumenti per presentare il budget quale progetto per il raggiungimento degli obiettivi aziendali e affiancarlo alle principali tecniche di incentivazione del personale atte a riconoscere la contribuzione delle risorse umane. 43 Gestione d impresa e attività di pianificazione e controllo Il budget delle vendite: i metodi di analisi La costruzione dei budget Il budget del costo del venduto Il budget della produzione Il budget del personale Il budget dei costi indiretti 8 ore Il budget degli investimenti Il budget finanziario La previsione del carico fiscale Il budget di Conto Economico e Stato Patrimoniale Il budget di cassa

44 Controllo di gestione 44 Lagestionedelrapportobanca-impresa Basilea 2, gli effetti della crisi sulla restrizione del credito e l imminente avvento di Basilea 3 hanno stravolto le logiche di comportamento e comunicazione tra la Banca e l impresa. Il corso, con un taglio essenzialmente pratico, cerca di guidare l impresa nella comprensione e apprendimento di questo nuovo linguaggio introducendo i partecipanti all uso di quegli stessi strumenti utilizzati dagli istituti per giudicare le performance aziendali e di conseguenza l affidabilità in termini di credito. Cos è cambiato e cambierà nel rapporto bancaimpresa Come ci vede la Banca: la Centrale Rischi (esercitazione su una CR) L analisi qualitativa e il suo peso nell attribuzione del merito creditizio L analisi quantitativa: nella giungla deli indici di Bilancio Guida all autovalutazione aziendale 10 ore Dal risultato di esercizio al risultato finanziario La previsione dei risultati prospettici Il fascicolo per la richiesta di un finanziamento: elementi critici

45 Controllo di gestione IlBusinessPlanelaWhatifanalysis Il corso si propone di fornire ai partecipanti le conoscenze e le indicazioni operative necessarie alla redazione del Business Plan ed al suo utilizzo a fini esterni ed interni aziendali. Il Business Plan sarà proposto non solo come utile strumento di riflessione per la gestione del cambiamento e degli eventi straordinari ma soprattutto come guida per l imprenditore per affrontare la sfida dello sviluppo e della gestione day by day. 45 Perché e quando occorre redigere un Business Plan Le informazioni qualitative: conoscere l azienda per progettare il futuro Le informazioni quantitative: cosa analizzare e cosa evidenziare Dalle parole ai numeri: il piano prospettico L autocritica necessaria: l autovalutazione del piano Le previsioni alternative: cosa succede se I pacchetti software: analisi critica 24 ore

46 46 Controllo di gestione Prevenireleinsolvenze: tecnicheperridurreilrischiodiperditesucrediti Il corso affronta un argomento quanto mai attuale: il rischio di insolvenza da parte di clienti. Vista la difficoltà del recupero in sede giudiziale si cercherà di illustrare gli accorgimenti in fase di acquisizione e successiva gestione atti a limitare i danni derivanti dal mancato incasso. La prevenzione del rischio Le indagini preliminari Il calcolo dei giorni di incasso medi e il suo monitoraggio Il fido del cliente Procedure per la verifica degli incassi 4 ore

47 Controllo di gestione Imetodidivalutazioneedisistemipremianti I sistemi premianti rappresentano senza dubbio un acceleratore verso gli obiettivi aziendali e si sono rivelati strumenti estremamente potenti in grado di spingere le risorse umane verso il raggiungimento degli obiettivi. 47 Proprio per questo diventa vitale conoscerne le implicazioni (ed eventuali limiti) al fine di ottimizzarne il risultato. Valutazioni ed errori Dalla valutazione all incentivazione Esempi concreti di sistemi premianti 4 ore

48 48 Controllo di gestione Lestrategiepersuperarelacrisi: Ilpianostragiudizialeattestatodirisanamento La vera esigenza delle imprese in difficoltà, siano esse in crisi finanziaria o economica, è quella della tutela e conservazione della continuità aziendale. Tale salvaguardia si scontra con la pericolosità e difficoltà di dimostrare la concreta realizzabilità di un percorso di risanamento e rilancio. Tra le nuove opportunità lo strumento più innovativo è certamente rappresentato dal piano stragiudiziale attestato di risanamento, strumento unilaterale di risoluzione della crisi reversibile che, se approntato per tempo e nel modo giusto, può scongiurare il rischio di insolvenza, ripristinare l equilibrio dell impresa e consentire il rilancio della stessa. Il corso rivolto a dipendenti dell aera amministrativa e a imprenditori ha l obiettivo di illustrare vantaggi e limiti di uno strumento che è fondamentale conoscere sia in veste di potenziali utilizzatori che in veste di potenziali creditori di chi propone il piano. I sintomi della crisi La reversibilità della crisi I piani ex art. 67 L.F. condizioni di ammissione ed effetti per i creditori I piani ex art. 182 bis L.F. condizioni di ammissione ed effetti per i creditori Il contenuto del piano Responsabilità del debitore e degli attestatori 8 ore

49 49 Project Management

50 Project Management 50 IlProjectManagement Tutte le imprese, oltre allo svolgimento delle normali attività di routine, sono sempre più coinvolte nella gestione di specifici progetti, intendendo per progetto un impegno temporaneo teso al raggiungimento di specifici obiettivi e in presenza di vincoli, sempre crescenti, di tempo, costi e qualità; e questo soprattutto in un ottica di cambiamento e di innovazione, considerando i progetti come un insieme di processi di buona pianificazione e controllo di una impresa che permetta ad una organizzazione di realizzare nuovo prodotto/servizio o di produrre valore per i propri utenti/clienti finali. Introduzione: lavorare per progetti Caratteristiche generali e modelli Gli elementi di un progetto 24 ore La gestione economica dei progetti L impostazione del progetto La costruzione di un progetto Il Project Management come metodo di lavoro Gli strumenti per definire l ambiente di riferimento Le simulazioni economiche sui progetti Il budget e il Business Plan secondo la metodologia del PM Microsoft office per il Project Manager Cuviello Cristina di MORE - PMP

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO B2corporate Maurizio Nizzola LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO La lettura e la corretta interpretazione del bilancio d esercizio è di fondamentale importanza per valutare l andamento economico

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le applicazioni amministrative e finanziarie

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le applicazioni amministrative e finanziarie Le applicazioni amministrative e finanziarie 1 LA CONTABILITA AZIENDALE L esatta esposizione degli indici e degli altri elementi che compongono la contabilità è fondamentale per formulare correttamente

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it è disponibile un semplice ed utilissimo software sull analisi di bilancio predisposto dall autore in vendita

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

ELABORAZIENDA LA SOLUZIONE COMPLETA DEL COMMERCIALISTA TELEMATICO PER L ANALISI DI BILANCIO I REPORT PERIODICI LO SCORING IL BUDGET

ELABORAZIENDA LA SOLUZIONE COMPLETA DEL COMMERCIALISTA TELEMATICO PER L ANALISI DI BILANCIO I REPORT PERIODICI LO SCORING IL BUDGET ELABORAZIENDA LA SOLUZIONE COMPLETA DEL COMMERCIALISTA TELEMATICO PER L ANALISI DI BILANCIO I REPORT PERIODICI LO SCORING IL BUDGET Sommario Introduzione: questo non è il solito foglio di Excel per l Analisi

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Di seguito il dettaglio dei moduli in termini di durata e tematiche affrontate (contenuti): Tematiche

Di seguito il dettaglio dei moduli in termini di durata e tematiche affrontate (contenuti): Tematiche MODULI FORMATIVI L'iniziativa coniugherà una formazione per l'acquisizione di competenze teorico - tecniche, finalizzate alla messa in atto di strategie funzionali e all'integrazione di diverse capacit{

Dettagli

Finanza aziendale per non specialisti

Finanza aziendale per non specialisti Corso Formazione Obiettivo Finanza aziendale per non specialisti I fondamenti della finanza aziendale sono indispensabili per completare le competenze di ogni manager con responsabilità aziendali. Il corso

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e p e r i S e r v i z i C o m m e r c i a l i Tu r i s t i c i A l b e r g h i e r i e d e l l a R i s t o r a z i o n e G. M a t t e o t t i 5 6 1 2 4 - P i s a

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13

PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13 PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13 MODULI UNITA ORARIE 1. Il controllo dei risultati attraverso l analisi di bilancio per 98 indici

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM TOMO 1 MODULO 1: LA GESTIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI CAPITOLO 1: Le caratteristiche delle imprese industriali 1. Il sistema produttivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING. Classe: 5. Disciplina: Economia Aziendale. Ultimo anno

Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING. Classe: 5. Disciplina: Economia Aziendale. Ultimo anno Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Classe: 5 Disciplina: Economia Aziendale prof. Competenze disciplinari: Ultimo anno COMPETENZE DESCRITTORI DI ABILITA / PRESTAZIONI 7. Inquadrare l attività

Dettagli

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE In un mondo del lavoro altamente competitivo, nel quale l offerta turistica è molto vasta e i clienti possono scegliere tra

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA PRESIDENZA: BERNALDA (MT) Via Schwartz, s.n. 75012 - Tel./Fax: 0835-549136 FERRANDINA (MT) Via Lanzillotti s.n. - 75013 0835-556009 0835 554832 Programma

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

Bplanning. Manuale d uso. Indice

Bplanning. Manuale d uso. Indice Bplanning Manuale d uso Indice Desk... 2 Assumption... 3 Linee Prodotto... 4 Personale... 4 Investimenti... 5 Ammortamenti... 6 Finanziamenti... 7 Imposte... 7 Conto Economico input... 8 Stato Patrimoniale

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: MERCURIO CLASSE: 5BR DOCENTE: BONOMINI MIRELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture A 1 I CARATTERI DELLE Le caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management Al Polo Lionello Bonfanti corsi di formazione 2006-07 OM Organizzazione e Management OM ORG-MNG 01 Comunicazione aziendale Destinatari Durata ore / giornate Apprendere un modello della comunicazione non

Dettagli

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE TERZA C Serale (ore di lezione svolte 136) 2. Il Turismo e le strutture ricettive

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE TERZA C Serale (ore di lezione svolte 136) 2. Il Turismo e le strutture ricettive ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO TORINO MATERIA: TECNICA DEI SERVIZI TURISTICI (ETAT) - PROGETTO POLIS PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 CLASSI 3-4 - 5 C Serale e 3 H Serale DOCENTE: MAZZA

Dettagli

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE BIENNIO C Serale Disciplina: ECONOMIA AZIENDALE (ore di lezione svolte 118)

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE BIENNIO C Serale Disciplina: ECONOMIA AZIENDALE (ore di lezione svolte 118) ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO TORINO MATERIA: TECNICA DEI SERVIZI TURISTICI (ETAT) - PROGETTO POLIS PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSI Biennio - 4-5 C Serale ed ex 3 M Serale

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

CLASSE QUINTA. Modulo 1 IL BILANCIO D ESERCIZIO. Prerequisiti Contenuti Sussidi e Logistica Metodi Verifiche Obiettivi Minimi. Obiettivi: COMPETENZA

CLASSE QUINTA. Modulo 1 IL BILANCIO D ESERCIZIO. Prerequisiti Contenuti Sussidi e Logistica Metodi Verifiche Obiettivi Minimi. Obiettivi: COMPETENZA CLASSE QUINTA Modulo 1 IL BILANCIO D ESERCIZIO Sapere:La normativa civilistico e le funzioni del Bilancio d Esercizio, il contenuto dei documenti che compongono il Bilancio e dei documenti che lo compongono,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato

Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato Il Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato Verona Il controllo di gestione CORSO BASE E AVANZATO Obiettivi Il controllo di gestione ricopre la funzione di insostituibile strumento gestionale e strategico

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO IIS Algarotti Venezia Anno Scolastico 2014/2015 Risultati di Apprendimento Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza Strumenti di lavoro

Dettagli

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11 1. Le analisi di bilancio: note evolutive ed introduttive 1.1. Introduzione pag. 3 1.2. Le analisi di bilancio nella tradizione degli studi economicoaziendali italiani pag. 3 1.3. Le analisi di bilancio

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti.

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. executive master COURSE www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. EXECUTIVE MASTER COURSE General Management PREMESSA Le figure al timone di un azienda hanno

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Finanza e Controllo di Gestione

Finanza e Controllo di Gestione con il patrocinio di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bari UNAGRACO BARI Unione Commercialisti ed Esperti Contabili di Bari Master Finanza e Controllo di Gestione II edizione

Dettagli

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione area C La gestione delle risorse economiche e finanziarie per lo sviluppo sostenibile dell ente locale L Agenzia per la Formazione, l Orientamento

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno scolastico Materia Classi 2013 / 14 Economia Aziendale 3^- 4^ Lo studio dell'economia Aziendale per il

Dettagli

STUDIO MARNATI. Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net STUDIO MARNATI

STUDIO MARNATI. Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net STUDIO MARNATI Consulenza tributaria, societaria e crisi d impresa Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net 1 Premesse A partire dal 2008 le mutate condizioni economico finanziarie, che hanno prodotto una

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE ISTITUTO TECNICO STATALE P. BRANCHINA ADRANO (CT) Programma Classe Quinta Sez. B IGEA Anno Scolastico 2013 2014 Prof. Angelo Leocata Materia d Insegnamento Economia Aziendale LE CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE

Dettagli

MODULO a LE IMPRESE INDUSTRIALI: ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI Le imprese industriali: concetti introduttivi Aspetti caratteristici della moderna produzione industriale Le principali classificazioni

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali U.D. 2 Il sistema delle rilevazioni aziendali Paragrafo 7 Gli obblighi contabili delle imprese pag. 204 Paragrafo 7.2 Il regime dei contribuenti

Dettagli

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI Siamo ancora in tempo Questo è l anno in cui lo scenario competitivo nel quale si muovono le PMI italiane è difficile come non mai in passato. L affiancamento di un Partner qualificato qual è implica per

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Controllo di Gestione

Controllo di Gestione Pianificazione e controllo del business aziendale Controllo di Gestione In un contesto altamente complesso e competitivo quale quello moderno, il controllo di gestione ricopre un ruolo quanto mai strategico:

Dettagli

bilancio Mettete in bilancio tante certezze in più.

bilancio Mettete in bilancio tante certezze in più. bilancio Software modulare per soluzioni a misura del professionista. Mettete in bilancio tante certezze in più. Redazione Bilancio, Nota Integrativa e Indici di Bilancio secondo la IV Direttiva CEE e

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione)

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) OBIETTIVI E COMPETENZE La finanza aziendale sta diventando sempre di più uno strumento fondamentale per la crescita delle imprese,

Dettagli

Federazione Industria Artigianato per i Servizi Amministrativi

Federazione Industria Artigianato per i Servizi Amministrativi Federazione Industria Artigianato per i Servizi Amministrativi GRUPPO IMPRESE ARTIGIANE - INDUSTRIALI TERZIARIE Nel 1982 l UNIONE PARMENSE DEGLI INDUSTRIALI FIASA e il GRUPPO IMPRESE ARTIGIANE costituiscono

Dettagli

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali Indice Obiettivi Architettura Rendiconto economico e Budget Personale Ammortamenti Break Even Point Cruscotto aziendale χ Budget Vendite χ Costi commerciali

Dettagli

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015 I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Economia Aziendale CLASSE 5 SEZIONE: A Amm.Finanz.Mark. DOCENTE Antonio Barone ORE DI LEZIONE 8 Ore Settimanali STRUMENTI Con noi

Dettagli

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CLASSI PRIME AFM/SIA(tranne sportivo)/ri Calcoli percentuali, riparti semplici e composti diretti Concetto di azienda, soggetto economico e giuridico Caratteri

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Economia aziendale secondo biennio SIA

Economia aziendale secondo biennio SIA Economia aziendale secondo biennio SIA CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA (^) classe terza SIA MODULO DISCPLINARE Modulo 1 IL SISTEMA AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE (**) CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 4^SI DOCENTE : BONOMINI MIRELLA - -Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture Programmazione recupero classe terza

Dettagli

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca C.F. 92056500462 - C.M. LUIS01700T PEC: luis01700t@pec.istruzione.it e- mail: luis01700t@istruzione.it itclucca@itclucca.lu.it itgalucca@itgalucca.it

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA

FORMAZIONE AVANZATA SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA FORMAZIONE AVANZATA SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA INDICE 1. Scenario di riferimento pag. 3 2. Obiettivi pag. 3 3. Destinatari pag. 3 4. Coordinamento

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

# $ % $ & # '() * + #./ * #

# $ % $ & # '() * + #./ * # ! " # $ % $ & #! '() * + '( ) (,--./--0 /1020-- #./ * # MODALITA DI FREQUENZA Il Master in Finanza e Controllo di Gestione verrà attivato ANCONA 22 febbraio 2013 31 maggio 2013 07 giugno 2013 BOLOGNA 25

Dettagli

CONTABILITÀ, BILANCIO E FISCALITÀ D IMPRESA

CONTABILITÀ, BILANCIO E FISCALITÀ D IMPRESA CONTABILITÀ, BILANCIO E FISCALITÀ D IMPRESA 2015 Amministrazione finanza e controllo Z6053 IV Edizione / Formula weekend 8 MAGGIO 19 SETTEMBRE 2015 REFERENTE SCIENTIFICO DELL'INIZIATIVA Giovanni Fiori,

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R 1 CLASSE II R U.D. I credito e i relativi calcoli finanziari - I finanziamenti dell attività economica - Remunerazione del credito: l interesse - Compenso per l anticipata riscossione di un credito: lo

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli PRIMA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla seconda parte dell'intervento... 1 INTRODUZIONE Da un punto di vista ragionieristico lo Stato

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli