Percorsi Formativi. StudioMattavelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorsi Formativi. StudioMattavelli"

Transcript

1 Percorsi Formativi Contabilità Gestionefiscale Casipratici MicrosoftOfficeExcel Controllodigestione ProjectManagement ComunicazioneeMarketing 2012/10 VolumeUnico StudioMattavelli

2

3 Indice Contabilità La contabilità d impresa.. La contabilità a servizio della vendita: report di vendita e tecniche di budget.. Leggere e capire il bilancio d esercizio. La costruzione del bilancio periodico Indagine sul bilancio... La consuntivazione e la preventivazione finanziaria. Gli indicatori economico-finanziari.... La gestione del magazzino.... Iva base... Gestionefiscale La contabilità per le operazioni con l estero La gestione fiscale d impresa... Black List... Le triangolazioni Iva..... Lo spesometro..... Il redditometro.... I nuovi strumenti di accertamento a carico delle imprese e delle persone fisiche Le nuove forme di soluzione delle controversie: Mediazione Civile e Fiscale.. Icasipratici La costruzione del rendiconto finanziario... Dalla contabilità al Bilancio... Dall utile di Bilancio all imponibile fiscale... Il Bilancio periodico... L analisi comparativa di Bilancio.. Business Plan.... Sistema di misurazione delle performance. MigliorarelaproduttivitàconMicrosoftOfficeExcel Modulo 1: importazione con excel.... Modulo 2: analisi dei dati con excel.. Modulo 3: la sintesi dei dati con excel - le pivot... Modulo 4: la rappresentazione dei dati con excel.. Modulo 5: prevedere il futuro con excel e oltre excel.. Controllodigestione Leggere e capire le vendite

4 Indice La contabilità analitica e industriale..... Ridurre i costi in azienda.... Il budget e l incentivazione. La gestione del rapporto banca-impresa. Il Business Plan e la What If analysis Prevenire le insolvenze: tecniche per ridurre il rischio di perdite su crediti. I metodi di valutazione ed i sistemi premianti. Le strategie per superare la crisi: il piano stragiudiziale attestato di risanamento.. ProjectManagement Il Project Management. Basi di Project Management..... Il Project Management. Forms del Project Management ComunicazioneeMarketing Time management.. Il team e la leadership.. La comunicazione... Comunicazione d impresa... Il web in tempi di crisi.. PNL per la vendita.. Problem Solving Basi di marketing

5 Contabilità 5

6 Contabilità Lacontabilitàd impresa 6 Il corso fornirà le principali procedure per effettuare le scritture contabili in partita doppia. Inoltre, attraverso una serie di esemplificazioni pratiche, saranno analizzate e gestite le principali operazioni aziendali. La contabilità e il metodo della partita doppia Il ciclo attivo: fatture emesse - incassi Il ciclo passivo: fatture ricevute e pagamenti Le liquidazioni Iva 40 ore Le scritture relative ai dipendenti, le scritture di prima nota e le procedure di controllo Le rettifiche di fine periodo (ratei, risconti, fatture da ricevere, ammortamenti) Magazzino Imposte Cenni ai principi di redazione di un bilancio

7 Contabilità Lacontabilitàaserviziodellavendita: reportdivenditaetecnichedibudget Il corso si rivolge a coloro che lavorano nelle aree amministrativa e commerciale interessati ad approfondire e migliorare la costruzione e la lettura degli strumenti da utilizzare per comprendere le tecniche di analisi delle vendite: cosa raccontano o possono raccontare i report di vendita e come leggerli per migliorare la capacità dell impresa di aumentare la propria forza commerciale. 7 In periodi di discontinuità vendere e basta, non basta più. Occorre invece una consapevolezza da parte delle risorse commerciali e amministrative dell andamento della propria prestazione commerciali al fine di compiere cambi di rotte tempestive che consentano una navigazione sempre più rivolta agli obiettivi aziendali. Quali dati procurarsi Le tabelle e i grafici per descrivere Preparare il commento ai dati Esempi di analisi dei dati 8 ore

8 Contabilità Leggereecapireilbilanciod esercizio 8 Il presente corso ha lo scopo di introdurre i partecipanti alla lettura e comprensione del bilancio di esercizio attraverso un analisi dei principi che lo sorreggono e delle principali poste che lo compongono al fine di comprendere, anche senza ricorrere a complicati sistemi di analisi e scoring, le principali dinamiche patrimoniali, economiche e finanziarie. I principi di redazione Lo Stato Patrimoniale Il Conto Economico Le informazioni derivanti dalla Nota Integrativa e la relazione sulla gestione Il bilancio racconta: situazione patrimoniale, finanziaria ed economica 12 ore

9 Contabilità Lacostruzionedelbilancioperiodico Il corso si propone di introdurre i partecipanti alle metodologie e alle tecniche anche informatiche per consentire l estrapolazione dei dati, l esecuzione delle scritture di rettifica, la previsione del carico fiscale, la riclassificazione e l analisi. Al termine del corso ogni partecipante si ritroverà con gli strumenti necessari per poter cominciare a predisporre senza eccessivi sforzi il proprio bilancio periodico. 9 La cassetta degli attrezzi: strumenti per risparmiare tempo L estrapolazione dei dati: come collegarsi alla contabilità generale La riclassificazione di bilancio: come garantire la quadratura dei conti Le scritture di rettifica: costruzione di fogli di lavoro per l automatizzazione La previsione del carico fiscale La riclassificazione di bilancio e gli spunti per l analisi 8 ore

10 Contabilità 10 Indaginesulbilancio Il corso si propone di affrontare il delicato tema del bilancio e della sua redazione in conformità ai principi contabili. Attraverso una vera e propria indagine i partecipanti apprenderanno, oltre ai fondamentali, a riconoscere ed evitare le possibili distorsioni in sede di redazione. Il caso: quando un bilancio viene considerato falso o inattendibile Perché esiste il bilancio falso Le indagini civili e penali Indagini del delitto: analizzare le voci dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico La relazione sulla gestione e il rendiconto finanziario Il verdetto 16 ore

11 Contabilità Laconsuntivazioneelapreventivazionefinanziaria Il corso si propone di introdurre i partecipanti agli strumenti del credit management, dalla consuntivazione e soprattutto della preventivazione della situazione finanziaria aziendale. 11 L esigenza di sviluppo un percorso di questo tipo nasce dalla situazione di crisi economica e finanziaria e dalla stretta creditizia che stiamo vivendo, le quali richiedono una gestione più attenta non solo da un punto di vista economico, ma soprattutto da un punto di vista finanziario e della tesoreria. La consuntivazione finanziaria Punto di pareggio economico e finanziario Le forme e i tipi di rendiconto finanziario La preventivazione finanziaria I metodi per la preventivazione Strumenti per la preventivazione e per la gestione della tesoreria 16 ore

12 Contabilità Gliindicatorieconomico-finanziari 12 Il corso fornirà le principali tecniche di analisi delle performance economiche, patrimoniali e finanziarie delle imprese utilizzando sia le principali teorie aziendalistiche ma avendo altresì cura di offrire ai partecipanti un taglio eminentemente pratico corredando la trattazione di strumenti operativi da poter utilizzare e applicare nelle proprie azienda. Stato di crisi e Stato di salute aziendale: come condurre la diagnosi L analisi di bilancio e la costruzione di un cruscotto aziendale Dalla diagnosi alla guarigione: i piani di sviluppo e il dialogo con gli istituti di credito 24 ore

13 Contabilità Lagestionedelmagazzino Il corso intende fornire le tecniche per una gestione efficiente ed efficace del magazzino con le relative implicazioni finanziarie. 13 Contabilità fiscale di magazzino e differenze inventariali La presunzione di cessione e di acquisto La cause delle differenze inventariali La posizione del fisco sulle differenze inventariali 8 ore

14 Contabilità 14 Ivabase Avere un quadro completo delle operazioni rilevanti ai fini dell imposta sul valore aggiunto, le sue diverse applicazione e gli adempimenti voluti dalla normativa. Analizzare dal punto di vista pratico la disciplina Iva con le sue più frequenti casistiche in continuo aggiornamento. Comprendere il quadro normativo di riferimento e possedere gli strumenti necessari per svolgere tutti gli adempimenti obbligatori di legge in materia di Iva. Principi generali Fattura, documento di trasporto, ricevuta, scontrino fiscale Modalità di applicazione normativa Iva Operazioni con l estero, comunitarie, via internet Aggiornamento e novità Dichiarazione annuale e comunicazione sintetica Rimborsi del credito Iva Quadro sanzionatorio 20 ore

15 Gestionefiscale 15

16 Gestione fiscale Lacontabilitàperleoperazioniconl estero 16 L obiettivo di questo corso è quello di fornire ai partecipanti le nozioni fiscali e contabili per la registrazione delle operazioni relative a beni e servizi con soggetti comunitari ed extracomunitari. Le fonti normative nazionali e comunitarie Il requisito della territorialità Le cessioni comunitarie ed extracomunitarie 8 ore Le triangolazioni Iva Le prestazioni di servizi comunitarie ed extracomunitarie Le triangolazioni con servizi La prova delle esportazioni: quali documenti consegnare in caso di verifica Gli esportatori abituali

17 Gestione fiscale Lagestionefiscaled impresa Il corso si propone di introdurre le principali problematiche che una funzione amministrativa si trova ad affrontare nella gestione day by day e in occasione degli adempimenti periodici. 17 Presentando strumenti operativi e proponendo suggerimenti procedurali, il corso si porrà quale ambizioso obiettivo la semplificazione delle procedure amministrative e l introduzione in maniera semplice e chiara di concetti solitamente riservati agli addetti ai lavori. Le imposte dirette e le ritenute sui redditi Le imposte dirette e il calcolo dell imponibile fiscale 16 ore

18 Gestione fiscale 18 Blacklist Fornire ai partecipanti una guida alla compilazione della Black List anche alla luce dei nuovi adempimenti previsti per i soggetti passivi di imposta. Soffermandosi sui casi particolari e sulle risposte fino ad oggi fornite dall Agenzia delle Entrate. Introduzione e inquadramento normativo Obblighi dichiarativi Comunicazione della Black List 4 ore Ravvedimento della comunicazione Black List Esempio di compilazione in dichiarazione Ultimi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

19 Gestione fiscale LetriangolazioniIva Il corso si propone di esaminare il comportamento da mantenere in merito a fatturazione, obblighi INTRA e conseguimento del plafond quale esportatore abituale, nei casi in cui l azienda si trovi nella situazione di primo cedente e incaricato della spedizione (che verrà indicato negli schemi in alto a sinistra), di primo cessionario e secondo cedente (che verrà indicato in alto a destra) o infine di secondo cessionario (che verrà indicato in basso). 19 Cosa sono le triangolazioni Iva Triangolazioni interne Triangolazioni comunitarie Triangolazioni extracomunitarie Triangolazioni con lavorazione Quadrangolazioni 10 ore

20 Gestione fiscale 20 Lospesometro Il corso permette di comprendere ed adeguare le procedure contabili per espletare gli adempimenti relativi all art. 21 del D.L /05/2010, che ha introdotto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva di importo superiore a il cd spesometro. Si tratta di fatto di un nuovo elenco Clienti/Fornitori. Perché lo spesometro Ambito soggettivo: chi deve comunicare Ambito oggettivo: cosa va comunicato, le esclusione 4 ore Aspetti operativi: come si comunica

21 Gestione fiscale IlRedditometro Il potenziamento del redditometro rappresenta pienamente il nuovo corso seguito dal fisco per svolgere la propria attività di accertamento dei redditi dei contribuenti. Ad una logica di tipo dichiarativo si sovrappone un ottica di tipo presuntivo secondo la quale ad un determinato livello di spessa ovvero ad un particolare tipo di spesa si associa automaticamente un reddito, il corso, attraverso anche la proposta di casi concreti, affronta il funzionamento dello strumento, illustrando i principali strumenti di difesa per il contribuente. 21 Cos è il redditometro Soggetti colpiti dal redditometro Indici di ricchezza Esempi di calcolo del redditometro 4 ore Gli strumenti di difesa

22 22 Gestione fiscale Inuovistrumentidiaccertamentoacaricodelleimprese edellepersonefisiche L introduzione e il potenziamento degli strumenti di accertamento sintetico (redditometro, spesometro, studi di settore) rappresentano il nuovo corso seguito dal fisco per svolgere la propria attività di accertamento dei redditi dei contribuenti. Ad una logica di tipo dichiarativo si sovrappone un ottica di tipo presuntivo secondo la quale ad un determinato livello di spesa ovvero ad un particolare tipo di spesa si associa automaticamente un reddito. Il corso, attraverso anche la proposta di casi concreti, affronta il funzionamento dei vari strumenti illustrando i principali strumenti di difesa per il contribuente. Gli studi di settore: novità e conferme Il redditometro: analisi di casi concreti L accertamento di tipo induttivo: presupposti e conseguenze Gli strumenti di difesa 8 ore

23 Gestione fiscale Lenuoveformedisoluzionedellecontroversie: MediazioneCivileeFiscale In un periodo caratterizzato dalle lentezze della giustizia, dove i costi dei ritardi nelle procedure civili costano alle imprese 2,6 Miliardi di Euro, la nuova possibilità per la risoluzione delle controversie è la Mediazione (Civile o Tributaria), un procedimento che oltre alla certezza dei tempi brevi ha la garanzia di costi contenuti e predeterminati. 23 In certi contesti civilistici e fiscale la mediazione è stata inoltre resa obbligatoria rendendo quanto mai necessaria una maggiore informazione per le imprese in merito allo strumento. Cos è la mediazione Chi è il mediatore Cosa sono gli organismi di mediazione Quando è obbligatorio rivolgersi alla mediazione Come si svolge una mediazione Gli effetti di una mediazione I costi del procedimento di mediazione Casi di mediazione La mediazione fiscale: limiti e opportunità 12 ore Modalità di svolgimento della mediazione fiscale

24

25 Icasipratici 25

26 I casi pratici 26 Lacostruzionedelrendicontofinanziario Turnover is vanity, profit is a sanity but cash is reality si suole dire. Tale principio deve trovare applicazione in azienda rendendo l amministrazione in grado di costruire e leggere l andamento finanziario della propria impresa. Partendo da un bilancio di esercizio il corso ripercorrerà tutti i passaggi per poter redigere e comprendere un rendiconto finanziario nelle sue diverse forme. I partecipanti potranno così ricavare strumenti utili da poter applicare immediatamente in azienda. Le fonti: quali dati occorre procurarsi Il confronto degli stati patrimoniali: fonti e impieghi Il ciclo del circolante: effetti sulla cassa Il ciclo degli investimenti: effetti sulla cassa Il ciclo dei finanziamenti Le forme di rappresentazione del rendiconto finanziario 12 ore Pc personale altamente consigliato

27 I casi pratici DallacontabilitàalBilancio Il corso ha lo scopo di condurre i partecipanti alla redazione del bilancio di esercizio partendo da un bilancio di verifica ed eseguendo tutte le operazioni relative alle scritture di rettifica e formazione del fascicolo definitivo di Bilancio. 27 Il taglio del corso, eminentemente pratico, consentirà ai partecipanti di acquisire familiarità con una serie di strumenti contabili ed extra contabili che potranno trovare immediata integrazione nei processi amministrativi. Le verifiche contabili preliminari: le anomalie contabili Le immobilizzazioni: la gestione del libro cespiti contabile ed extracontabile Ammortamenti, Capitalizzazioni, Plusvalenze e Minusvalenze Perdite su crediti e Fondo svalutazione crediti I ratei dei dipendenti (ferie, 13, tfr, INAIL) e il calcolo del cuneo fiscale 4 ore Le fatture da ricevere e da emettere Ratei e Risconti La rilevazioni dei debiti tributari e previdenziali Pc personale consigliato

28 I casi pratici 28 Dall utiledibilancioall imponibilefiscale Il corso affrontando casi pratici illustra i passaggi dal reddito civilistico a quello fiscale e la conseguente determinazione delle imposte. I contenuti del corso potranno pertanto essere utilizzati sia ai fini di una comprensione delle logiche che sottendono il calcolo delle imposte ottenendo da un lato una pianificazione fiscale efficace dall altro integrando gli strumenti a disposizione dell amministrazione. Le riprese in aumento Le riprese in diminuzione Calcolo dell IRES e IRAP corrente, anticipata e differita 12 ore Pc personale consigliato

29 I casi pratici IlBilancioperiodico Il corso si propone di condurre i partecipanti attraverso l utilizzo di un foglio excel già funzionante alla predisposizione senza eccessivi sforzi del bilancio periodico, per poter poi applicare in azienda le tecniche apprese in aula. 29 Le verifiche preliminari e l importazione del bilancio di verifica L impostazione del piano dei conti Le rettifiche al bilancio periodico: ratei, risconti, ammortamenti, fatture da ricevere e altro Tecniche per automatizzare le rettifiche Il calcolo delle imposte infrannuali La rappresentazione dei bilanci periodici 4 ore Pc personale altamente consigliato

30 I casi pratici 30 L analisicomparativadibilancio L'analisi della concorrenza attraverso il procedimento comparativo, è una delle condizioni necessarie per lo sviluppo coerente della strategia e della gestione operativa aziendale alla luce delle probabili evoluzioni future del quadro concorrenziale. Durante il corso gli imprenditori ed impiegati nelle aree amministrative potranno apprendere ad utilizzare un foglio di lavoro già predisposto dal docente che potrà poi essere adattato per l applicazione in azienda. Introduzione al foglio lavoro La raccolta dei dati e l inserimento nel sistema L analisi patrimoniale 12 ore L analisi economica L analisi finanziaria La rappresentazione grafica

31 I casi pratici BusinessPlan Il corso si propone di fornire ai partecipanti le conoscenze e le indicazioni operative necessarie alla redazione del Business plan ed al suo utilizzo a fini esterni ed interni aziendali. 31 Il Business Plan sarà proposto non solo come utile strumento di riflessione per la gestione del cambiamento e degli eventi straordinari ma soprattutto come guida per l imprenditore per affrontare la sfida dello sviluppo e della gestione day by day. Introduzione al caso aziendale Dati necessari e loro organizzazione Compilazione della parte qualitativa: la descrizione del business 12 ore Compilazione della parte progettuale: l idea e il progetto La rappresentazione dei risultati storici: tabelle e schemi descrittivi La rappresentazione del piano economico e finanziario L analisi di sensibilità e l esplorazione di scenari alternativi

32 I casi pratici 32 Sistemadimisurazionedelleperformance La misurazione delle performance non va vista solo come momento di valutazione delle risorse ma va vista come motore per guidare e spingere il cambiamento aziendale. Il corso è suddiviso in due parti: nella prima parte verranno esplorati alcuni casi aziendali reali che hanno visto la costruzione di un nuovo sistema delle performance quale protagonista del cambiamento, nella seconda parte verrà simulato la costruzione di un sistema di valutazione delle performance per una piccola media industria costruendo un modello che potrà poi trovare applicazione concreta tornati in azienda. I fondamenti del modello Le applicazioni pratiche Esercitazione su un caso simulato 8 ore

33 Migliorarela produttività 33 conmicrosoft OfficeExcel

34 Microsoft Office Excel 34 ImportazioneconExcel Esempi proposti Importazione di un testo e sua pulizia Dal bilancio al Piano dei conti Dividere gli indirizzi dai numeri civici Dividere il numero di conto dal nome del conto INTRODUZIONE: Mouse no grazie Gestione dei riferimenti 8 ore Risparmiare risorse IMPORTAZIONE CON EXCEL: Testo in colonne Odbc-query Copia e incolla: approfondimenti Filtri semplici e avanzati Trova e sostituisci Convalida Elimina duplicati Funzioni di testo: destra (), sinistra (), stringa estrai (), trova (), concatena (), &, identico ()

35 Microsoft Office Excel AnalisideidaticonExcel Esempi proposti La riclassificazione di bilancio L analisi del fatturato 35 Calcolare i giorni lavorativi e i fine mese senza formule Gestire un calendario Calcolo ratei, risconti e ammortamenti Classifica prodotti-clienti L analisi degli scostamenti: effetto quantità, prezzo, mix L analisi di benchmarking LAVORARE CON I NUMERI: CERCA.VERT (), CONFRONTA (), CONTA.SE (), DB.SOMMA (), SOMMA.+.SE (), SCARTO (), INDI- CE (), INDIRETTO (), INDIRIZZO () LAVORARE CON LE DATE: ANNO (), MESE (), ANNO MESE, DATA (), GIOR- NI.LAVORATIVI.TOT (), FINE.MESE () LE FUNZIONI STATISTICHE: GRANDE (), PICCOLO (), RANGO (), PERCENTILE (), VARIANZA () 8 ore

36 Microsoft Office Excel LasintesideidaticonExcel:lepivot Esempi proposti Rielaborazione di alcuni esempi utilizzando le pivot anziché funzioni 36 LE PIVOT: Come preparare i dati e sapere cos è una pivot L autocomposizione (layout classico e nuove caratteristiche) 8 ore Operazioni con le pivot (incidenza, scostamento, totale in) I raggruppamenti I campi calcolati La funzione INFO.DATI.PIVOT () I limiti delle pivot I consigli per risparmiare spazio

37 Microsoft Office Excel Larappresentazionedeidaticonexcel Esempi proposti Grafici per l analisi di bilancio Grafici a cascata 37 Grafici a radar LAVORARE CON I GRAFICI: La formattazione e la formattazione condizionale Wordart Le tabelle Un grafico senza grafico: la funzione RIPETI () I grafici 8 ore

38 Microsoft Office Excel 38 Prevedereilfuturoconexceleoltreexcel Esempi proposti Relazione collegata ad Excel Power point collegato ad Excel Sito web collegato ad Excel PREVEDERE IL FUTURO: La funzione RATA () e le funzioni finanziarie La funzione CRESCITA () e TENDENZA () La ricerca obiettivo e il suo uso per i problemi di ottimizzazione Il risolutore - cenni Gli scenari 8 ore La gestione di scenari multipli con le caselle di controllo OLTRE EXCEL: Le altre caselle di controllo Le macro: il registratore L ambiente di sviluppo - cenni La gestione della protezione Le integrazioni con gli altri strumenti office e con il web

39 39 Controllodi gestione

40 Controllo di gestione 40 Leggereecapirelevendite In periodi di discontinuità vendere e basta non basta più. Occorre invece una consapevolezza da parte delle risorse commerciali e amministrative dell andamento della propria prestazione commerciale al fine di compiere cambi di rotte tempestive che consentano una navigazione sempre più rivolta agli obiettivi aziendali. Il corso si rivolge a imprenditori e impiegati nell area amministrativa e commerciale interessati ad approfondire e migliorare la costruzione e la lettura di strumenti di reportistica sulle performance aziendali. Gli obiettivi dell analisi La scelta dei dati Le analisi dei dati: punto di pareggio, analisi degli scostamenti, ABC e grafici La rappresentazione dei dati: report di vendita Le azioni correttive e le simulazioni di scenari alternativi 16 ore

41 Controllo di gestione Lacontabilitàanaliticaeindustriale Il corso si propone di introdurre i partecipanti alle principali tecniche utilizzabili per l impostazione di un sistema di contabilità analitica, prestando particolare attenzione alle prerogative per poter consentire l introduzione di un sistema di costing efficiente ed efficace. 41 Cos è la contabilità analitica e industriale La classificazione dei costi e i metodi di attribuzione Applicazioni: aziende a ciclo continuo per commesse, lotti, ecc. 16 ore

42 Controllo di gestione 42 Ridurreicostiinazienda Il corso si propone di introdurre i partecipanti alle tecniche di analisi in grado di determinare l utilità dei costi prima ancora di procedere a tagli che, se mal scriminati, possono avere effetti collaterali indesiderati. La suddivisione dei costi per natura La suddivisione dei costi per destinazione Quali analisi sui costi 10 ore Il miglioramento dei costi unitari Il miglioramento dei costi indiretti Le analisi di make or buy

43 Controllo di gestione Ilbudgetel incentivazione Il corso intende fornire gli strumenti per presentare il budget quale progetto per il raggiungimento degli obiettivi aziendali e affiancarlo alle principali tecniche di incentivazione del personale atte a riconoscere la contribuzione delle risorse umane. 43 Gestione d impresa e attività di pianificazione e controllo Il budget delle vendite: i metodi di analisi La costruzione dei budget Il budget del costo del venduto Il budget della produzione Il budget del personale Il budget dei costi indiretti 8 ore Il budget degli investimenti Il budget finanziario La previsione del carico fiscale Il budget di Conto Economico e Stato Patrimoniale Il budget di cassa

44 Controllo di gestione 44 Lagestionedelrapportobanca-impresa Basilea 2, gli effetti della crisi sulla restrizione del credito e l imminente avvento di Basilea 3 hanno stravolto le logiche di comportamento e comunicazione tra la Banca e l impresa. Il corso, con un taglio essenzialmente pratico, cerca di guidare l impresa nella comprensione e apprendimento di questo nuovo linguaggio introducendo i partecipanti all uso di quegli stessi strumenti utilizzati dagli istituti per giudicare le performance aziendali e di conseguenza l affidabilità in termini di credito. Cos è cambiato e cambierà nel rapporto bancaimpresa Come ci vede la Banca: la Centrale Rischi (esercitazione su una CR) L analisi qualitativa e il suo peso nell attribuzione del merito creditizio L analisi quantitativa: nella giungla deli indici di Bilancio Guida all autovalutazione aziendale 10 ore Dal risultato di esercizio al risultato finanziario La previsione dei risultati prospettici Il fascicolo per la richiesta di un finanziamento: elementi critici

45 Controllo di gestione IlBusinessPlanelaWhatifanalysis Il corso si propone di fornire ai partecipanti le conoscenze e le indicazioni operative necessarie alla redazione del Business Plan ed al suo utilizzo a fini esterni ed interni aziendali. Il Business Plan sarà proposto non solo come utile strumento di riflessione per la gestione del cambiamento e degli eventi straordinari ma soprattutto come guida per l imprenditore per affrontare la sfida dello sviluppo e della gestione day by day. 45 Perché e quando occorre redigere un Business Plan Le informazioni qualitative: conoscere l azienda per progettare il futuro Le informazioni quantitative: cosa analizzare e cosa evidenziare Dalle parole ai numeri: il piano prospettico L autocritica necessaria: l autovalutazione del piano Le previsioni alternative: cosa succede se I pacchetti software: analisi critica 24 ore

46 46 Controllo di gestione Prevenireleinsolvenze: tecnicheperridurreilrischiodiperditesucrediti Il corso affronta un argomento quanto mai attuale: il rischio di insolvenza da parte di clienti. Vista la difficoltà del recupero in sede giudiziale si cercherà di illustrare gli accorgimenti in fase di acquisizione e successiva gestione atti a limitare i danni derivanti dal mancato incasso. La prevenzione del rischio Le indagini preliminari Il calcolo dei giorni di incasso medi e il suo monitoraggio Il fido del cliente Procedure per la verifica degli incassi 4 ore

47 Controllo di gestione Imetodidivalutazioneedisistemipremianti I sistemi premianti rappresentano senza dubbio un acceleratore verso gli obiettivi aziendali e si sono rivelati strumenti estremamente potenti in grado di spingere le risorse umane verso il raggiungimento degli obiettivi. 47 Proprio per questo diventa vitale conoscerne le implicazioni (ed eventuali limiti) al fine di ottimizzarne il risultato. Valutazioni ed errori Dalla valutazione all incentivazione Esempi concreti di sistemi premianti 4 ore

48 48 Controllo di gestione Lestrategiepersuperarelacrisi: Ilpianostragiudizialeattestatodirisanamento La vera esigenza delle imprese in difficoltà, siano esse in crisi finanziaria o economica, è quella della tutela e conservazione della continuità aziendale. Tale salvaguardia si scontra con la pericolosità e difficoltà di dimostrare la concreta realizzabilità di un percorso di risanamento e rilancio. Tra le nuove opportunità lo strumento più innovativo è certamente rappresentato dal piano stragiudiziale attestato di risanamento, strumento unilaterale di risoluzione della crisi reversibile che, se approntato per tempo e nel modo giusto, può scongiurare il rischio di insolvenza, ripristinare l equilibrio dell impresa e consentire il rilancio della stessa. Il corso rivolto a dipendenti dell aera amministrativa e a imprenditori ha l obiettivo di illustrare vantaggi e limiti di uno strumento che è fondamentale conoscere sia in veste di potenziali utilizzatori che in veste di potenziali creditori di chi propone il piano. I sintomi della crisi La reversibilità della crisi I piani ex art. 67 L.F. condizioni di ammissione ed effetti per i creditori I piani ex art. 182 bis L.F. condizioni di ammissione ed effetti per i creditori Il contenuto del piano Responsabilità del debitore e degli attestatori 8 ore

49 49 Project Management

50 Project Management 50 IlProjectManagement Tutte le imprese, oltre allo svolgimento delle normali attività di routine, sono sempre più coinvolte nella gestione di specifici progetti, intendendo per progetto un impegno temporaneo teso al raggiungimento di specifici obiettivi e in presenza di vincoli, sempre crescenti, di tempo, costi e qualità; e questo soprattutto in un ottica di cambiamento e di innovazione, considerando i progetti come un insieme di processi di buona pianificazione e controllo di una impresa che permetta ad una organizzazione di realizzare nuovo prodotto/servizio o di produrre valore per i propri utenti/clienti finali. Introduzione: lavorare per progetti Caratteristiche generali e modelli Gli elementi di un progetto 24 ore La gestione economica dei progetti L impostazione del progetto La costruzione di un progetto Il Project Management come metodo di lavoro Gli strumenti per definire l ambiente di riferimento Le simulazioni economiche sui progetti Il budget e il Business Plan secondo la metodologia del PM Microsoft office per il Project Manager Cuviello Cristina di MORE - PMP

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

GESTIONE CENTRI DI COSTO

GESTIONE CENTRI DI COSTO GESTIONE CENTRI DI COSTO Basta attribuire un conto economico ad un solo centro di costo fisso, oppure ad un centro di costo generico che, a sua volta, ridistribuisce a percentuale fissa su altri centri

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli